ANAAO TOSCANA Sabato, 11 aprile 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANAAO TOSCANA Sabato, 11 aprile 2015"

Transcript

1 ANAAO TOSCANA Sabato, 11 aprile 2015

2 ANAAO TOSCANA Sabato, 11 aprile /04/2015 Il Tirreno (ed. Massa Carrara) Pagina 19 Ospedale, arriva nuovo primario 1 11/04/2015 Il Tirreno (ed. Pisa) Pagina 21 Officina trasfusionale Cisanello si conferma leader nell' area vasta 2 11/04/2015 Il Tirreno (ed. Pisa) Pagina 21 Carcinoma renale, Pisa leader nella ricerca 4 11/04/2015 Il Tirreno (ed. Pistoia Montecatini) Pagina 11 Il Consiglio di Stato boccia la Lombardia 5 11/04/2015 Il Tirreno (ed. Viareggio) Pagina 21 A Massa un primario pietrasantino 6 11/04/2015 Il Tirreno (ed. Viareggio) Pagina 21 Scontro Versilia Lucca sui rimborsi per i pazienti 7 11/04/2015 La Nazione (ed. Grosseto) Pagina 3 Servizi d' eccellenza e niente centrale 118Cosa cambia nella galassia dei /04/2015 La Nazione (ed. Livorno) Pagina 4 «Troppi incarichi, non ce la facciamo» 10 11/04/2015 La Nazione (ed. Livorno) Pagina 7 I medici del Lions a disposizione dei cittadini 11 11/04/2015 La Nazione (ed. Pistoia Montecatini) Pagina 17 Medico condannato a risarcire l' Asl di 50mila euro 12 11/04/2015 La Nazione (ed. Prato) Pagina 12 SARA BESSI Pronto soccorso più sicuro Porte ad apertura controllata 13 11/04/2015 La Nazione (ed. Viareggio) Pagina 9 «Inaccettabile il tettodi 15 giorni nei ricoveri» 14

3 Pagina 19 Il Tirreno (ed. Massa Carrara) la nomina. Ospedale, arriva nuovo primario Alessandro Pampana guiderà la Medicina verso il reparto unico. MASSA Il nuovo ospedale in viale Mattei, quello che aprirà i battenti a novembre (questi gli impegni della direzione), ha ora il suo primario di medicina. Il compito di unire il reparto massese e quello carrarese in un' unica struttura complessa di medicina generale è nelle mani di Alessandro Pampana che lascia la guida del reparto di medicina di Cecina. Classe 1955 a Livorno, ha vissuto in Versilia, a Pietrasanta e si è laureato in medicina all' Università di Firenze nel Per poi conseguire tre specializzazioni: in medicina interna, in malattie dell' apparato digerente ed in ematologia. Dopo un' esperienza come medico all' ospedale militare di Firenze, ha lavorato nel reparto di medicina degli ospedali di Piombino, di Pietrasanta e di Viareggio per poi approdare nel '97 al reparto di medicina dell' ospedale Santa Chiara di Pisa. Dal 2009 fino ad oggi ha diretto il reparto Medicina dell' ospedale di Cecina e dal 2011 ha collaborato alla riorganizzazione, con il sistema dell' intensità di cure, del presidio di Cecina. Esperienza che nel nuovo ruolo sarà fondamentale: dal prossimo 16 aprile, infatti, dopo aver vinto il concorso bandito dall' Estav (l' ente di area vasta), sarà alla guida dei due reparti apuani per guidarli verso l' unità all' interno del nuovo ospedale e verso, appunto, l' intensità di cure. Alessandro Pampana è membro di molte associazioni tra le quali la Società italiana di ematologia, la Società italiana sullo studio del fegato ed è fondatore del gruppo di epatologi toscani. 1

4 Pagina 21 Il Tirreno (ed. Pisa) Officina trasfusionale Cisanello si conferma leader nell' area vasta I centri toscani ridotti da 27 a 3, a Pisa investiti euro Marroni: «Si tratta di un punto a favore dell' eccellenza» di Doady Giugliano wpisa Il sangue che i donatori toscani, generosamente donano quotidianamente attraverso le varie associazioni di volontariato, sarà adesso ancor più in buone mani. Un capitolo nuovo, che non pensiona certamente i vari centri trasfusionali sparsi per la regione, si apre con l' inaugurazione, avvenuta ieri all' Ospedale di Cisanello, della prima " Officina trasfusionale" toscana, attivata per rispondere 24 ore no stop per tutti i giorni dell' anno alle varie richieste ed esigenze, delle strutture pubbliche sanitarie presenti sull' area vasta nord occidentale. L' attività che si svolge all' interno di questo centro, inizia con la raccolta del sangue proveniente dalle strutture affiliate, e la successiva lavorazione dello stesso, per ottenere attraverso sofisticati e rigorosi processi produttivi, le varie sostanze emoderivate indispensabili per intervenire nelle diverse patologie in cui trovano applicazione. Un punto in più a favore dell' eccellenza del servizio sanitario regionale che, come ha afferma Luigi Marroni, assessore regionale alla Sanità «è un risultato ottenuto con un lavoro avviato da due anni attraverso il progetto di razionalizzazione del sistema dei servizi che prevedeva anche quello della filiera del sangue. Oggi lavorare il sangue è un processo sempre più complesso, e soprattutto regolamentato. È come lavorare un farmaco. Da qui la decisione di fare, da circa 27 "centraline", 3 grandi centrali. Si tratta di un grosso lavoro progettuale, dietro c' è stato un investimento di circa 6 700mila euro, per cui ringrazio ancora una volta tutti e soprattutto i donatori, perché lavoriamo un prodotto non nostro, che ogni giorno ci viene donato grazie alla loro generosità». Due gli obiettivi primari del centro: la gestione ottimale per garantire il raggiungimento di standard europei nella produzione degli emocomponenti e del plasma da conferire all' industria, per la preparazione di emoderivati; lo sviluppo di un nuovo sistema di distribuzione delle unità di emoderivati ai servizi trasfusionali degli ospedali, basato su una «emoteca informatica al fine di prevenire le criticità delle scorte, favorendo la disponibilità equilibrata di sacche dei diversi gruppi sanguigni. Il direttore della "Officina", dott. Domenico Russo, ha relazionato sull' attività, che si basa sull' immunoematologia per la quale si effettuano oltre 1000 esami il giorno. Il personale a regime sarà di 12 tecnici di laboratorio, un biologo e due medici. Continua > 2

5 Pagina 21 < Segue Il Tirreno (ed. Pisa) «Cercheremo di venire incontro a tutte le esigenze dei colleghi dice Russo ma le premesse ci sono tutte perché sia un centro di eccellenza». Gli ultimi dati forniti, riportano un flusso dall' area vasta di circa 95mila unità di sangue l' anno, (circa 350 sacche al giorno) ma che a breve si assesteranno attorno alle 500 sacche giornaliere. RIPRODUZIONE RISERVATA. 3

6 Pagina 21 Il Tirreno (ed. Pisa) Carcinoma renale, Pisa leader nella ricerca Dalla ricerca nuove speranze di cura per il carcinoma renale. Sulla rivista internazionale Science Translational Medicine sono stati appena pubblicati i risultati di uno studio condotto presso il sunnybrook research institute dell'università di Toronto e la divisione di farmacologia del dipartimento di medicina clinica e sperimentale dell'università di Pisa che per la prima volta prospettano una terapia efficace per il tumore renale resistente al trattamento. Il carcinoma renale è infatti un cancro normalmente considerato resistente alle chemioterapia tradizionale ed è attualmente trattato con terapie biologiche mirate, sebbene purtroppo anche l'efficacia di queste molecole sia limitata da una resistenza intrinseca e acquisita da parte delle cellule tumorali. «I risultati preclinici di questo studio condotto in parte anche nel nostro laboratorio ha spiegato Guido Bocci dell'ateneo pisano che ha lavorato insieme a Teresa di Desidero, assegnista dell'università di Pisa e co primo autore dell'articolo hanno dimostrato che la combinazione di topotecano metronomico (un chemioterapico classico somministrato a basse dosi giornaliere e dunque con minore tossicità per i pazienti) e di pazopanib (una terapia biologica che inibisce la vascolarizzazione delle cellule cancerose) sia molto efficace per contrastare sia il tumore primitivo sia la malattia metastatica, in particolare come terapia adiuvante postchirurgica, a fronte invece di una assenza di effetto del pazopanib o del topotecano somministrati singolarmente. Abbiamo potuto dunque verificare che i due agenti combinati hanno determinato un significativo blocco della malattia metastatica, mentre dopo la sospensione del trattamento si è verificata la progressione del tumore» 4

7 Pagina 11 Il Tirreno (ed. Pistoia Montecatini) Il Consiglio di Stato boccia la Lombardia No all' eterologa a pagamento. No alla eterologa a pagamento: il Consiglio di Stato ha sospeso in via cautelare la delibera della Lombardia che ha stabilito che i cittadini debbano pagare interamente il trattamento di fecondazione eterologa. Una decisione che secondo i giudici crea una disparità tra i cittadini. Ma la Regione non ci sta: difenderemo le nostre scelte, anche con un ricorso al Tar. A presentare i ricorsi sono stati l' associazione "Sos Infertilità", una società di medici milanese che lavora nella sanità privata e la onlus "Medicina democratica". La Lombardia è stata l' unica Regione a prevedere il pagamento intero per il ricorso alle tecniche di fecondazione assistita eterologa, cioè utilizzando il materiale genetico esterno alla coppia. I costi variano tra i ed i 4mila euro. «Non mi stupisce» ha commentato il ministro della Salute, Lorenzin «Ricordiamo che l' eterologa è stata introdotta in Italia dalla Corte costituzionale che sollevava la discriminazione e disparità economica tra le coppie che potevano sostenerla all' estero piuttosto che in Italia. Non a caso ho inserito l' eterologa nei livelli essenziali di assistenza, a pari livello della fecondazione omologa». «Il Consiglio di Stato ha emesso l' unica sentenza possibile grazie al lavoro delle associazioni di pazienti e dei colleghi con cui in questi anni abbiamo lavorato per la tutela dei diritti delle persone che vorrebbero avere una famiglia con dei bambini ha detto l' avvocato Filomena Gallo, segretario della Luca Coscioni e già la legge 40 ha per anni discriminato le coppie rispetto all' accesso alle tecniche. Perché il consiglio regionale avrebbe voluto continuare sulla stessa strada prevedendo disparità di trattamento?». 5

8 Pagina 21 Il Tirreno (ed. Viareggio) direttore della nuova medicina. A Massa un primario pietrasantino VIAREGGIO Il nuovo ospedale di Massa, quello che aprirà i battenti a novembre (questi gli impegni della direzione), avrà un primario di medicina originario di Pietrasanta. Il compito di unire il reparto massese e quello carrarese in un' unica struttura complessa di medicina generale è nelle mani di Alessandro Pampana, che lascia la guida del reparto di medicina di Cecina. Classe 1955, nato a Livorno, ha vissuto in Versilia, a Pietrasanta e si è laureato in medicina all' Università di Firenze nel Per poi conseguire tre specializzazioni: in medicina interna, in malattie dell' apparato digerente ed in ematologia. Dopo un' esperienza come medico all' ospedale militare di Firenze, ha lavorato nel reparto di medicina degli ospedali di Piombino, di Pietrasanta e di Viareggio per poi approdare nel '97 al reparto di medicina dell' ospedale Santa Chiara di Pisa. Dal 2009 fino ad oggi ha diretto il reparto Medicina dell' ospedale di Cecina e dal 2011 ha collaborato alla riorganizzazione, con il sistema dell' intensità di cure, del presidio di Cecina. Esperienza che nel nuovo ruolo sarà fondamentale: dal prossimo 16 aprile, infatti, dopo aver vinto il concorso bandito dall' Estav (l' ente di area vasta), sarà alla guida dei due reparti apuani per guidarli verso l' unità all' interno del nuovo ospedale e verso, appunto, l' intensità di cure. Alessandro Pampana è membro di molte associazioni tra le quali la Società italiana di ematologia, la Società italiana sullo studio del fegato ed è fondatore del gruppo di epatologi toscani. RIPRODUZIONE RISERVATA. 6

9 Pagina 21 Il Tirreno (ed. Viareggio) Scontro Versilia Lucca sui rimborsi per i pazienti Le terapie svolte all' ospedale Campo di Marte sui malati di tumore versiliesi provocano un contenzioso da euro tra le Asl. Con conseguenze rischiose di Matteo Tuccin VIAREGGIO Le prestazioni sanitarie (soprattutto radioterapie) svolte all' ospedale Campo di Marte di Lucca sui malati di tumore versiliesi fanno nascere un contenzioso da euro tra le due Asl interessate. Con tanto di reinvio della questione alla Regione, che dovrà pronunciarsi sull' argomento. Le ripercussioni del parere di Firenze potrebbero essere molto pesanti: l' Asl che si vedrà dare torto avrà problemi seri. Non per il bilancio in sé, visto che si parla di poche centinaia di migliaia di euro su contabilità generali che sono di 200 e passa milioni. Quanto per aver messo a credito (o a debito) delle cifre che poi non sono state riconosciute tali. Si rischia, insomma, una contestazione di irregolarità di bilancio che può avere conseguenze severe. Il nocciolo della questione sta nei rimborsi che l' Asl di provenienza del paziente deve riconoscere alla "sorella" dove viene eseguita la prestazione sanitaria. È previsto, infatti, che per un versiliese che va a curarsi a Lucca ovviamente tramite la sanità pubblica la sua Asl debba restituire il costo della visita o dell' esame che lei ha di fatto "appaltato" all' altra azienda sanitaria. Per i conti generali della sanità toscana è un' operazione cosiddetta a saldo zero, nel senso che i rimborsi transitano da un ente pubblico all' altro, quindi senza nessuna differenza per la casse della Regione, cioè nostre. Ma è chiaro che, per la singola Asl, la quantificazione è importante perché va a toccare il proprio bilancio. E sappiamo benissimo quanto i conti delle Aziende sanitarie siano finiti all' attenzione generale, con continue sforbiciate per i tagli sempre più imponenti alla sanità. I rimborsi per le prestazioni vengono stabiliti da tabelle predefinite dalla Regione, che però cambiano anche in base a nuovi costi o a novità terapeutiche. Ed è su questi cambiamenti che, con ogni probabilità, si è creato l' inghippo. Fatto sta che per una serie di prestazioni svolte nel 2012 da pazienti oncologici versiliesi a Lucca come detto si tratta soprattutto di radioterapie l' azienda sanitaria lucchese ha chiesto una cifra ritenuta non congrua da quella versiliese. Cifra che è stata contestata anche da un punto di vista formale. Della questione, fanno sapere da Firenze, è stata informata anche la Regione. Ora si attende il pronunciamento su una vicenda che, come detto, rischia di rappresentare un nodo difficilmente districabile. Soprattutto per chi si vedrà dar torto. RIPRODUZIONE RISERVATA. 7

10 Pagina 3 La Nazione (ed. Grosseto) Servizi d' eccellenza e niente centrale 118Cosa cambia nella galassia dei reparti La partita della robotica e dei posti letto: gli scenari della riforma. IL PRIMO SEGNALE, per nulla incoraggiante, è arrivato nei giorni scorsi. La centrale del 118 è passata, armi e bagagli, a Siena. Il tempo di riorganizzarsi e da ottobre nascerà nella città del Palio, il «polo del soccorso pubblico», primo in Toscana e secondo in Italia dopo Venezia. Una centrale che smisterà gli interventi per circa mezzo milione di abitanti, in un territorio vastissimo di oltre 8300 chilometri quadrati. Il sindacato Nursing Up non ha fatto mancare osservazioni critiche: «Applicare il modello senese alla nostra realtà, molto più grande e scarsamente popolata della loro, comporterà difficoltà agli operatori senesi che non conoscono il territorio. E sbagliare, o solo ritardare, interventi in emergenza potrebbe avere conseguenze disastrose». Oltre alle ripercussioni sui posti di lavoro che inevitabilmente aumenteranno a Siena e diminuiranno a Grosseto. MA NON C' È SOLO la partita (già persa) della centrale 118 tra quelle che la sanità maremmana dovrà giocare nella nuova macroarea con Arezzo e Siena. Ci sono i frequenti sovraffollamenti del pronto soccorso degli ospedali maremmani. Nei momenti di picco delle malattie di stagione, come nel febbraio scorso, incontrano grandi difficoltà a distribuire i pazienti più gravi nelle aree di degenza. Ancor più delicato il tema dei posti letto nonostante i cinque ospedali disseminati per la provincia (oltre a Grosseto, Orbetello, Massa Marittima, Pitigliano e Castel del Piano). Il tasso dei posti letto ogni mille abitanti è ben al di sotto della media. Qui sono appena 2,4 mentre nel resto della regione sono 3,2, in Italia 3,5 e in Europa addirittura 5,5. C' è poi la cosiddetta medicina territoriale che sembra un cantiere aperto. Organizzare al meglio le cure primarie e intermedie è una condizione per contenere le degenze in ospedale. La Cgil di recente ha ricordato che «i nuovi letti di cure intermedie sono solo 10 sui 56 previsti ed è stata aperta solo una Casa della salute delle 9 programmate». Per ultimo ma non ultimo, il fiore all' occhiello della sanità grossetana: la robotica. Nel reparto, punto di riferimento a livello mondiale, si portano a termine circa 500 interventi all' anno. C' è poi la Scuola internazionale in cui negli anni si sono formati oltre 800 chirurghi. A Grosseto si sono alternati alla guida della chirurgia generale nomi di prestigio internazionale, a partire dal professor Pier Cristoforo Giulianotti. Almeno su questa straordinaria risorsa sanitaria Grosseto dovrebbe dormire sonni tranquilli. f.d' a. Continua > 8

11 Pagina 3 < Segue La Nazione (ed. Grosseto) 9

12 Pagina 4 La Nazione (ed. Livorno) ASSISTENTI SOCIALI DIMINUISCE IL PERSONALE E AUMENTA IL SERVIZIO. «Troppi incarichi, non ce la facciamo» La denuncia dei sindacati: «E le assunzioni sono in ritardo» LIVORNO SI È SVOLTA ieri mattina un' assemblea con sindacati e lavoratori per chiedere chiarezza sulla situazione degli assistenti sociali livornesi. Tra tagli, pensionamenti e conclusione di contratti a tempo determinato, intorno al settore dell' assistenza sociale si è creata una grande confusione, che non fa altro che aggravare le, già difficili, situazioni di disagio di molti cittadini. «Stiamo vivendo una situazione di grave difficoltà spiega Francesco Redini della Cisl a causa della mancata sostituzione dei lavoratori dopo la cessazione dei loro impieghi. E questo avrà delle ricadute sia sui dipendenti, che al momento devono sobbarcarsi il doppio del lavoro, sia sui servizi dei cittadini. Diminuendo il personale, infatti, aumentano gli incarichi e diminuisce il livello del servizio offerto. Siamo preoccupati per i ritardi nei processi assuntivi ed è per questo che abbiamo indetto questa assemblea. Vogliamo parlare al più presto con le istituzioni competenti, ovvero col Comune di Livorno, di Collesalvetti e di Capraia, e con l' Usl 6. Spetta a loro dirci come hanno intenzione di andare avanti e come vogliono spendere i circa 25 milioni che hanno a disposizione per sanità e sociale». SONO TRE i problemi principali. Il primo riguarda il ritardo nelle assunzioni. Dopo il pensionamento e i due contratti a tempo scaduti lo scorso marzo, ancora non c' è stato «turn over». «Una soluzione continua Fiorella Dal Canto, Cgil poteva essere la proroga dei due contratti fino all' assunzione di altri due assistenti sociali. Ma a Livorno, almeno in questo settore, manca tutto. Non c' è un' idea, non c' è una programmazione, non c' è un progetto. Oggi i lavoratori si sentono isolati e gli assistenti sociali vivono alla gioantata». Un altro problema riguarda la Società della Salute. «Questo progetto continua la Dal Canto non è mai partito veramente. È rimasto sempre in forse'' e non si è mai concretizzato. Perciò a febbraio il Comune ha deciso di scioglierla, ma al suo posto non è nato niente di alternativo, cosa che invece sarebbe prevista una legge regionale». L' ULTIMA questione riguarda Collesalvetti. «L' Usl conclude Letizia Carmignani, della Cgil non ha sostituito gli assistenti sociali che hanno cessato il loro contratto e perciò i casi'' sono stati spalmati sugli altri lavoratori della zona. Per questo motivo, per un' ora e mezzo ogni 15 giorni un assistente sociale di Livorno deve uscire dalla propria zona di competenza per andare al Punto Insieme di Collesalvetti. Può sembrare una banalità, ma oltre a servire a poco dal punto di vista del sostegno, è un' operazione che ha delle gravi carenze soprattutto sotto il profilo della sicurezza». Nicolò Cecioni. 10

13 Pagina 7 La Nazione (ed. Livorno) SANITÀ, LA PREVENZIONE DOMENICA ALLA ROTONDA D' ARDENZA. I medici del Lions a disposizione dei cittadini DOMENICA alla Rotonda di Ardenza l' iniziativa Lions Club Prevenzione, è tempo di «Medici in piazza» patrocinata dall' Asl e dal Comune. «Durante la giornata dalle 10 alle 17 spiega Gianluca Giovannini, presidente del Lions Club Livorno Host alcuni medici soci della nostra associazione hanno dato la disponibilità per rispondere alle domande dei cittadini. Ci saranno cardiologi, oculisti, ortopedici, urologi, ginecologi e molti altri che gratuitamente saranno impegnati in prevenzione e sensibilizzazione». Alla presentazione hanno partecipato anche Gino Baldi, Past president del Lions Club Livorno Host e Ina Dhimgjini, Assessore al Sociale e Sanità del Comune di Livorno. 11

14 Pagina 17 La Nazione (ed. Pistoia Montecatini) CORTE DEI CONTI. Medico condannato a risarcire l' Asl di 50mila euro CONDANNATA a risarcire parte del danno subito dall' Asl in seguito a un intervento sanitario già giudicato errato. E' la sentenza emessa dalla Corte dei Conti nei confronti di Sabrina Magli, nata a Pescia e residente a Bagni di Lucca, all' epoca dei fatti medico del 118. Il 19 agosto 2009 un rumeno di 24 anni, fermato in stato di ubriachezza, fu condotto in caserma dai carabinieri di Montecatini. Visto lo stato di forte agitazione e gli atti di autolesionismo, fu chiamato il 118. Il medico gli praticò un' iniezione di un farmaco. Qualche ora dopo i carabinieri andati a controllare lo stato di salute dell' uomo, rilevarono una situazione di forte malessere, chiedendo un altro intervento del 118. A seguito di arresto cardiocircolatorio il rumeno morì, nonostante le manovre di rianimazione. La magistratura di Pistoia avviò un procedimento penale contro il medico per omicidio colposo, sostenendo la sua negligenza e imperizia. Il processo penale si concluse con sentenza del 20 maggio 2011, definitiva il 16 luglio 2011, che ha l' ha condannata a sei mesi di reclusione, sostituita con la pena pecuniaria di 45mila euro. L' Asl di Pistoia ha poi raggiunto un accordo transattivo con la ma madre della vittima, versandole 230mila euro. Adesso la Corte dei Conti, sezione giurisdizionale del Toscana, ha condannato Magli a pagare all' Asl 50mila euro. 12

15 Pagina 12 La Nazione (ed. Prato) L' ACCORDO. Pronto soccorso più sicuro Porte ad apertura controllata LAVORI in corso da lunedì 13 aprile e fino a mercoledì nella sala d'attesa del pronto soccorso del «Santo Stefano». A meno di due anni dall'inaugurazione del nuovo presidio ospedaliero, si sono resi necessari degli interventi per rendere più funzionali gli accessi per gli utenti ai locali del pronto soccorso stesso, come specifica in una nota la direzione dell'asl 4. Un intervento che era stato sollecitato soprattutto dopo alcuni episodi che hanno mostrato «falle» per la sicurezza di chi, medici e infermieri, presta servizio al pronto soccorso con aggressioni da parte di utenti ai danni degli stessi professionisti (ricordiamo quella del 7 febbraio scorso ai danni due operatori con un ferito con prognosi di 30 giorni). Addirittura il Nursind, il sindacato delle professioni infermieristiche, ha presentato nei mesi scorsi un esposto agli organi preposti per l'istituzione di un posto di polizia fisso al pronto soccorso. Infatti, da quanto è stato effettuato il trasferimento dell'ospedale dal «Misericordia e Dolce» al nuovo presidio di Galciana, la sicurezza è garantita dal passaggio delle guardie della Securitas Metronotte, che si trovano all'ingresso del «Santo Stefano» e da quello delle forze dell'ordine. Due giorni di lavori per risistemare gli accessi ai locali interni del pronto soccorso, che d'ora in poi non saranno più disponibili a chiunque, ma solo su apertura controllata. Fino ad oggi chiunque, anche persone sbandate, hanno avuto libero accesso alle stanze del triage e di lavoro grazie ai maniglioni antipanico ovviamente non bloccati. Saranno riattivati i meccanismi di chiusura automatica per controllare meglio gli accessi del personale non addetto. A differenza di altri pronto soccorso, però, al «Santo Stefano», tutti i pazienti senza distinzione possono essere accompagnati all'interno da un familiare. Questa operazione è il primo dei tasselli di quell'accordo che è stato siglato ad inizio anno fra l'asl 4 e le organizzazioni sindacali Cgil, Cisl e Uil della sanità. In futuro, l'accordo prevederebbe, anche l'installazione di una telecamera con visione dal bancone interno per verificare le presenze dei pazienti che si affacciano alla porta d'ingresso. Il tutto nel rispetto della privacy e con accordo fra azienda e sindacati. Sara Bessi SARA BESSI 13

16 Pagina 9 La Nazione (ed. Viareggio) SANITA' PARENTE DI UNA MALATA MEDITA UN ESPOSTO. «Inaccettabile il tettodi 15 giorni nei ricoveri» «POSSIBILE che la sanità toscana permetta il ricovero convenzionato in strutture private per soli 15 giorni?». A manifestare la propria perplessità è Rolando Balugani di Modena che è venuto a visitare una parente in fin di vita «che però fra alcuni giorni sarà dimessa». «Ciò accade racconta poiché i pazienti in quella struttura non possono essere trattenuti più 15 giorni a prescindere dalle loro condizioni. Nell' apprendere tale notizia, che mi ha fatto rabbrividire, mi sono chiesto: è questa la tanto efficiente sanità toscana? Se quella paziente non sarà adeguatamene assistita e curata, proporrò al figlio di presentare un esposto denuncia alla procura della Repubblica di Lucca per mancata assistenza». Balugani solleva anche il problema dell' assenza di adeguata segnaletica per indirizzare chi esce dall' autostrada fino alla clinica. «Non era indicata in nessun cartello sostiene e mi sono visto costretto a chiedere più volte informazioni. Alla fine un uomo mi ha fatto capire che non ero il primo che si fermava perchè si era perso». 14

ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014

ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014 ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014 ANAAO TOSCANA Lunedì, 03 novembre 2014 03/11/2014 Il Tirreno (ed. Grosseto) Pagina 15 La soddisfazione dell' Anaao 1 03/11/2014 Il Tirreno (ed. Lucca) Pagina 18 CORSO

Dettagli

Istituto Tumori Toscano ITT

Istituto Tumori Toscano ITT Istituto Tumori Toscano ITT Il percorso normativo Azione Progr. per l oncologia 1998 P.S.R. Istituzione Coordinamento Rete Oncologica 2001 P.S.R. 2002 Istituto Toscano Tumori Istituzione delle UU.OO. di

Dettagli

ADISCO IN TOSCANA BANCHE IN TOSCANA

ADISCO IN TOSCANA BANCHE IN TOSCANA ADISCO IN TOSCANA BANCHE IN TOSCANA Sezione Regionale Toscana O.N.L.U.S. Via del Lazzeretto 168/15 59100 Prato (PO) C.P. 340 Tel. e fax 0574.540002 - Cell. 335.1341929 e-mail: segreteria@ adiscotoscana.it

Dettagli

Focus on: neoplasie genito-urinarie, novità terapeutiche e gestione multidisciplinare

Focus on: neoplasie genito-urinarie, novità terapeutiche e gestione multidisciplinare Evento formativo Focus on: neoplasie genito-urinarie, novità terapeutiche e gestione multidisciplinare UNA HOTEL Versilia, Lido di Camaiore (LU) 3 ottobre 2012 Razionale Scientifico Il Convegno Focus on:

Dettagli

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7

Dir. Resp.: Alessandro Cassinis. 13-APR-2015 da pag. 7 Tiratura 01/2015: 68.758 Diffusione 01/2015: 50.722 Lettori III 2014: 376.000 Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Dir. Resp.: Alessandro Cassinis 13-APR-2015 da pag. 7 13-04-2015

Dettagli

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore.

2. La struttura trasfusionale pubblica competente deve garantire le prestazioni trasfusionali nell arco delle 24 ore. Decreto ministero Sanità, 1 settembre 1995 Gazzetta Ufficiale 13 ottobre 1995, n. 240 Disciplina dei rapporti tra le strutture pubbliche provviste di servizi trasfusionali e quelle pubbliche e private,

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 13 Novembre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 13 Novembre 2015 IL CITTADINO Lodi Pronto soccorso radiologico all ospedale Domani mattina si inaugurerà il Pulmino alao per gli ammalati Faremo gli esami Dna ai pazienti

Dettagli

ESITO CHIAMATE NUMERO VERDE AVIS TOSCANA. Anni 2001-2002

ESITO CHIAMATE NUMERO VERDE AVIS TOSCANA. Anni 2001-2002 CONVENZIONE TIROCINIO FORMATIVO E DI ORIENTAMENTO CON L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE - FACOLTA DI LETTERE ESITO CHIAMATE NUMERO VERDE AVIS TOSCANA Anni 2001-2002 Firenze, Marzo 2004 Elaborazione Dati:

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 5 Novembre 2014. Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. Data 5 Novembre 2014. Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana Pagina 1 di 7 rassegna stampa Data 5 Novembre 2014 IL CITTADINO Lodi Le contraddizioni della sanità pubblica lodigiana Lettere & opinioni Rossi proprio come Renzi non si confronta con il sindacato Codogno

Dettagli

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE

SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE SC ONCOLOGIA CHE COSA È UTILE SAPERE DOVE ANDARE PER cominciare un percorso oncologico, prenotare una visita CENTRO ACCOGLIENZA E SERVIZI (CAS): Ospedale U. Parini, blocco D, piano -1 È la struttura dedicata

Dettagli

01-07-10 MANOVRA: MALATI AIDS E MALATI CANCRO CHIEDONO CERTEZZE SU FARMACI

01-07-10 MANOVRA: MALATI AIDS E MALATI CANCRO CHIEDONO CERTEZZE SU FARMACI ASCA 01-07-10 MANOVRA: MALATI AIDS E MALATI CANCRO CHIEDONO CERTEZZE SU FARMACI (ASCA) - Roma, 1 lug - Le associazioni dei pazienti di Aids e oncologici ''richiamano Governo e AIFA a vigilare affinche'

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE: L ESPERIENZA DELL ARS TOSCANA

ASSISTENZA DOMICILIARE: L ESPERIENZA DELL ARS TOSCANA DOTT. GIOVANNI BARBAGLI Presidente ARS Toscana ASSISTENZA DOMICILIARE: L ESPERIENZA DELL ARS TOSCANA Dai valori e dai principi generali del Piano sanitario regionale toscano all organizzazione dell offerta

Dettagli

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna

A cura del Laboratorio Management e Sanità. Responsabile scientifico del progetto: Prof.ssa Sabina Nuti. Referente: Francesca Sanna Sistema di Valutazione della Performance della Sanità Toscana Indagine di clima Interno Ausl 6 Livorno Questionario Dipendenti Anno 2012 A cura del Laboratorio Management e Sanità Responsabile scientifico

Dettagli

La terapia del carcinoma mammario metastatico: ruolo delle antracicline

La terapia del carcinoma mammario metastatico: ruolo delle antracicline La terapia del carcinoma mammario metastatico: ruolo delle antracicline Hotel AC, 8 ottobre 2014 Razionale Il carcinoma della mammella rappresenta uno dei settori dell oncologia nel quale maggiori sono

Dettagli

Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa

Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa Legge 40, il no della Consulta al divieto di eterologa aggiornamento di mercoledì 9 aprile Il divieto di fecondazione eterologa è incostituzionale. Lo ha stabilito la Corte Costituzionale che ha dichiarato

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Domenica, 14.09.2014. Il Secolo XIX - Ed. Levante. La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni

RASSEGNA STAMPA. Domenica, 14.09.2014. Il Secolo XIX - Ed. Levante. La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni RASSEGNA STAMPA Domenica, 14.09.2014 Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Regioni, il piano: l esenzione ticket scatterà a 67 anni La Repubblica 1 La giungla dell eterologa dai ticket ai limiti d età le Regioni

Dettagli

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 3 STAFF DIREZIONE AZIENDALE UFFICIO STAMPA. Rassegna stampa

REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 3 STAFF DIREZIONE AZIENDALE UFFICIO STAMPA. Rassegna stampa REGIONE TOSCANA AZIENDA USL 3 STAFF DIREZIONE AZIENDALE UFFICIO STAMPA Rassegna stampa 9 agosto 2015 Rassegna del 09/08/2015 09/08/15 Tirreno Pistoia- Montecatini-Prato SANITA' PISTOIA E PROVINCIA 8 «Sulla

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO TURNI DI GUARDIA E PRONTA DISPONIBILITÀ QUESITO (posto in data 4 gennaio 2014) Lavoro in una struttura complessa di Cardiologia con unità di terapia intensiva coronarica in un'azienda Ospedaliera

Dettagli

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14

Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228. Dir. Resp.: Roberto Napoletano. 25-OTT-2014 da pag. 14 Lettori: 951.000 Diffusione: 267.228 Dir. Resp.: Roberto Napoletano 25-OTT-2014 da pag. 14 Stabilità. Boschi: "Il taglio al fondo per i malati di Sla può essere rivisto in Parlamento" http://www.quotidianosanita.it/stampa_articolo.php?articolo_id=24002

Dettagli

I bisogni del paziente oncologico

I bisogni del paziente oncologico I bisogni del paziente oncologico F Manzin, G Fabbroni, P Silli, MG Todisco, V de Pangher Manzini Unità Operativa di Oncologia Ospedali di Gorizia e di Monfalcone ASS n. 2 Isontina Lavoro condotto con

Dettagli

Sistema Trasfusionale Toscano PROGRAMMAZIONE ATTIVITA TRASFUSIONALI Anno 2012

Sistema Trasfusionale Toscano PROGRAMMAZIONE ATTIVITA TRASFUSIONALI Anno 2012 Allegato A Sistema Trasfusionale Toscano PROGRAMMAZIONE ATTIVITA TRASFUSIONALI Anno 2012 Il Sistema Trasfusionale Toscano è un sistema complesso che costituisce un efficiente modello di rete i cui nodi

Dettagli

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3

Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia. Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale-territorio in Pronto Soccorso: una esperienza nella Azienda USL 3 Pistoia Dott.ssa Turco Lucia Direttore Sanitario Azienda USL 3 Continuità Ospedale -Territorio in Pronto Soccorso Obiettivo

Dettagli

Nota stampa Roma, 13 novembre 2015

Nota stampa Roma, 13 novembre 2015 Nota stampa Roma, 13 novembre 2015 Liste di attesa e spesa privata: i cittadini pagano le inefficienze di un SSN sempre meno accessibile. Necessaria politica nazionale per l accesso ai servizi. Presentato

Dettagli

Lungodegenza Castel San Pietro 1 piano Otorinolaringoiatria. Lungodegenza post-acuti Castel San Pietro 4 piano Chirurgia

Lungodegenza Castel San Pietro 1 piano Otorinolaringoiatria. Lungodegenza post-acuti Castel San Pietro 4 piano Chirurgia Il questionario serve a raccogliere il giudizio dei cittadini che hanno ricevuto cure per sé o per i propri familiari negli ospedali della Ausl di Imola. Lo scopo è individuare quali aspetti del servizio

Dettagli

Per ulteriori informazioni accedere al sito web all indirizzo www.uilfpl.net selezionando la voce Assicurazioni

Per ulteriori informazioni accedere al sito web all indirizzo www.uilfpl.net selezionando la voce Assicurazioni LA UIL FPL HA MESSO IN ATTO UNA TUTELA ASSICURATIVA COMPLESSIVA PER I PROPRI ISCRITTI Questa soluzione è stata realizzata per far fronte alle crescenti sollecitazioni, in particolar modo dalle Aziende

Dettagli

Ai sensi e per gli effetti degli art. 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 445/2000 la sottoscritta Simona Carli dichiara quanto segue:

Ai sensi e per gli effetti degli art. 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 445/2000 la sottoscritta Simona Carli dichiara quanto segue: C U R R I C U L U M V I T A E Ai sensi e per gli effetti degli art. 46 e 47 del Decreto del Presidente della Repubblica 445/2000 la sottoscritta Simona Carli dichiara quanto segue: INFORMAZIONI PERSONALI

Dettagli

Allegato B_3/e. Formato europeo per il curriculum vitae. Informazioni personali

Allegato B_3/e. Formato europeo per il curriculum vitae. Informazioni personali Formato europeo per il curriculum vitae Informazioni personali Nome Vivaldi Sergio Indirizzo Quartiere Gobetti 1-54011 Aulla (MS) Telefono 0187/406413 Fax 0187/406419 E-mail s.vivaldi@usl1.toscana.it Istruzione

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. Venerdì 06 marzo 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati

RASSEGNA STAMPA. Venerdì 06 marzo 2015. Sommario: Rassegna Associativa. Rassegna Sangue e Emoderivati RASSEGNA STAMPA Venerdì 06 marzo 2015 Sommario: Rassegna Associativa 2 Rassegna Sangue e Emoderivati 6 Rassegna Medico-scientifica, politica sanitaria e terzo settore 10 Prime Pagine Rassegna associativa

Dettagli

Partita IVA Codice fiscale Importo Tipol ogia debit o corr ente o capit ale

Partita IVA Codice fiscale Importo Tipol ogia debit o corr ente o capit ale PROSPETTO 2: Piano dei pagamenti dei debiti certi liquidi ed esigibili ai sensi del DLgs 35/2013 convertito in legge il 6 giugno 2013 n. 64 - Per classi di debito. Azienda Numero fattura Data fattura Data

Dettagli

La responsabilità professionale del medico

La responsabilità professionale del medico La responsabilità professionale del medico «Cosa succede quando avviene un sinistro?» I giornata ANAAO GIOVANI Bari, 19 giugno 2013 «nella Borsa del diritto il titolo responsabilità del medico è segnalato

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012

TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 TRATTATIVA AZIENDALE 20.09.2012 Odg Fondi contrattuali, varie ed eventuali. Per l'azienda sono presenti: dott.ssa Valori, dott.ssa Biancheri, dott.ssa Battistoni, dott.ssa Pellegrini, dott. Orlando Valori

Dettagli

Dipartimento Medico Internistico 1

Dipartimento Medico Internistico 1 Dipartimento Medico Internistico 1 Direttore: Dott. G.F. Stefanini Dipartimento Medico Internistico 1 Guida ai Servizi Dipartimento Medico Internistico 1 Direttore: Dott. G.F. Stefanini Dipartimento Medico

Dettagli

LA RESPONSABILITA MEDICA

LA RESPONSABILITA MEDICA 10 luglio 2014 LA RESPONSABILITA MEDICA ONEGLOBAL srl Consulenze Aziendali Integrate DIVISIONE SANITARIA 10 luglio 2014 Fattispecie di Responsabilità Medica A - Responsabilità Penale Omicidio Lesioni ONEGLOBAL

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Cognome e Nome. Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZE LAVORATIVE, ISTRUZIONE E FORMAZIONE. Cognome e Nome. Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961 INFORMAZIONI PERSONALI Cognome e Nome Pegoraro Chiara Data di nascita 28/07/1961 Qualifica Amministrazione Incarico attuale In servizio presso l Unità Operativa/Unità Organizzativa Numero telefonico dell

Dettagli

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia

Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia Direzione Regionale Sanità e Servizi Sociali Centro di Riferimento Oncologico Regionale Conferenza Programmatica Regionale per l Oncologia L esperienza del CRO e il programma di una Rete Oncologica Regionale

Dettagli

ORGANI DI VIGILANZA E SANZIONI

ORGANI DI VIGILANZA E SANZIONI ORGANI DI VIGILANZA E SANZIONI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Gli organi di vigilanza e controllo Aziende U.S.L. Vigili del Fuoco Ispettorato del lavoro Carabinieri Il ruolo delle Aziende

Dettagli

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA

Qualità percepita dagli utenti dell Azienda Ospedaliera Guido Salvini nell anno 2013 AREA DEGENZA AZIENDA OSPEDALIERA GUIDO SALVINI GARBAGNATE MILANESE Direzione Generale Ufficio Marketing e Comunicazione Relazioni con il Pubblico Tel. 2/994326 Fax 2/9943278 E-mail: marketing@aogarbagnate.lombardia.it

Dettagli

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Santa Margherita Ligure DOVE SIAMO. Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI MEDICINA INTERNA Ospedale di Santa Margherita Ligure Responsabile: Prof. Roberto FRANCESCHINI Capo Sala : Sig.ra Giulia PARETI DOVE SIAMO La struttura è situata al TERZO piano dell Ospedale di Santa Margherita

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome DEL REGNO SIMONE Indirizzo Telefono cell. az. 3284206123 Fax Lavoro 055 5662559 E-mail s.delregno@meyer.it

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITURIVA DI ATTO NOTORIO (D.P.R. 445/2000 ART. 47)

DICHIARAZIONE SOSTITURIVA DI ATTO NOTORIO (D.P.R. 445/2000 ART. 47) DICHIARAZIONE SOSTITURIVA DI ATTO NOTORIO (D.P.R. 445/2000 ART. 47) Il sottoscritto Bocchi Emanuele Franco, consapevole delle responsabilità penali cui può andare incontro in caso di dichiarazioni mendaci,

Dettagli

A.O. POLO UNIVERSITARIO LUIGI SACCO

A.O. POLO UNIVERSITARIO LUIGI SACCO A.O. POLO UNIVERSITARIO LUIGI SACCO MILANO: Via G.B. Grassi, 74 20157 Milano Collocazione geografica : zona cittadina considerata ad alto livello di attenzione sociale A.O. SACCO Problema: SICUREZZA NEL

Dettagli

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013

Rassegna Stampa. Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa Sabato 23 febbraio 2013 Rassegna Stampa realizzata da SIFA Srl Servizi Integrati Finalizzati alle Aziende 20129 Milano Via Mameli, 11 Tel. 0243990431 Fax 0245409587 Rassegna del 23 febbraio

Dettagli

Pubblicazione a fini di trasparenza

Pubblicazione a fini di trasparenza INFORMAZIONI PERSONALI XXXXXXXXXXXXXXXXXXXX l.cei@usl6.toscana.it Sesso Data di nascita Nazionalità POSIZIONE PER LA QUALE SI CONCORRE POSIZIONE RICOPERTA OCCUPAZIONE DESIDERATA TITOLO DI STUDIO PER LA

Dettagli

Elaborazione dati: Simone Becciolini Si ringraziano per la collaborazione Coordinamento: Donata Marangio Claudia Martelli e Maurizio Ferrini

Elaborazione dati: Simone Becciolini Si ringraziano per la collaborazione Coordinamento: Donata Marangio Claudia Martelli e Maurizio Ferrini QUESTIONARIO VALUTAZIONE SODDISFAZIONE Elaborazione dati: Simone Becciolini Si ringraziano per la collaborazione Coordinamento: Donata Marangio Claudia Martelli e Maurizio Ferrini MAM 03 - Maggio 2007

Dettagli

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni

Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni Responsabilità sanitaria e assicurazioni: alcune criticità e possibili soluzioni Roberto Manzato Convegno «La responsabilità medica» Milano 20 novembre 2012 Roberto Manzato 1 MESSAGGI CHIAVE Molti paesi

Dettagli

Procedimenti ad istanza di parte

Procedimenti ad istanza di parte richiesta cartella clinica dichiarazione di nascita certificazione di ricovero esenzione dal contributo di digitalizzazione Accesso civico Autocertificazione per la determinazione del ticket per prestazioni

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

Governo e Parlamento

Governo e Parlamento RASSEGNA WEB QUOTIDIANOSANITA.IT Data pubblicazione: 14/07/2015 Redazione Pubblicità Contatti HiQPdf Evaluation 07/14/2015 Governo e Parlamento Quotidiano on line di informazione sanitaria Martedì 14 LUGLIO

Dettagli

Area Vasta e Estav nella Regione Toscana. Il modello MAV dell Estav Nord Ovest. Le collaborazioni e le partnerhip

Area Vasta e Estav nella Regione Toscana. Il modello MAV dell Estav Nord Ovest. Le collaborazioni e le partnerhip Marcello Pani Area Vasta e Estav nella Regione Toscana Il modello MAV dell Estav Nord Ovest Il ruolo del Farmacista Le collaborazioni e le partnerhip Area Vasta e Estav nella Regione Toscana Il modello

Dettagli

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare

AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare FORUM P.A. SANITA' 2001 AZIENDA U.S.L. 5 PIS DISTRETTO DI PISA Assistenza Domiciliare Parte 1: Anagrafica Titolo del Progetto: Assistenza Domiciliare Amministrazione proponente: AZIENDA U.S.L. 5 PISA Unità

Dettagli

14 AGOSTO 2004 - ORA Casa di Cura Villa Salus di A. Barresi e C. s.a.s. Viale Regina Margherita, 15/b - 98121 - Messina

14 AGOSTO 2004 - ORA Casa di Cura Villa Salus di A. Barresi e C. s.a.s. Viale Regina Margherita, 15/b - 98121 - Messina F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SPADARO PIETRO Indirizzo VIA LA FARINA, 141 MESSINA E-mail drspadaropietro@yahoo.it Nazionalità Italiana Data di nascita 26/ 04/1955

Dettagli

SEBASTIANO ALVARES. Dirigente Medico IPEQ a valenza Aziendale 0586/614513

SEBASTIANO ALVARES. Dirigente Medico IPEQ a valenza Aziendale 0586/614513 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 22/07/1956 Qualifica Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio SEBASTIANO ALVARES Dirigente Medico IPEQ a valenza Aziendale 0586/614513 Fax dell ufficio

Dettagli

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino

Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Il Consenso Informato dalla parte del Cittadino Tribunale per i diritti del malato Cittadinanzattiva Francesca Moccia Benevento, 20 ottobre 2006 Cittadinanzattiva - Movimento di partecipazione civica che

Dettagli

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA

Progetto co-finanziato da MINISTERO DELL INTERNO UNIONE EUROPEA. Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi L OSPEDALE IN TASCA Progetto co-finanziato da UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL INTERNO Fondo europeo per l integrazione di cittadini di paesi terzi H L OSPEDALE IN TASCA 1 INDICE Il Pronto Soccorso Il ricovero in ospedale Le

Dettagli

Tessera di donatore di organi

Tessera di donatore di organi Tessera di donatore di organi Dichiarazione di volontà a favore o contro il prelievo di organi, tessuti e cellule destinati al trapianto Tessera da compilare sul retro. La donazione di organi salva vite.

Dettagli

Il Sindacato degli Infermieri Italiani Via Carlo Conti Rossini, 26 00147 Roma IL PRESIDENTE

Il Sindacato degli Infermieri Italiani Via Carlo Conti Rossini, 26 00147 Roma IL PRESIDENTE Il Sindacato degli Infermieri Italiani Via Carlo Conti Rossini, 26 00147 Roma IL PRESIDENTE Roma, 30 dicembre 2010 AI DIRIGENTI SINDACALI DEL NURSING UP A TUTTI GLI ASSOCIATI LORO SEDI E UFFICIALE!!! COPERTURE

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato FUCCI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 262 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato FUCCI Disposizioni in materia di responsabilità professionale del personale sanitario Presentata

Dettagli

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative.

ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. ASSISTENZA CONTINUATIVA INTEGRATA PER PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI CEREBRALI Dall ospedale all assistenza domiciliare alle cure palliative. Il modello di cure domiciliari integrate in sperimentazione all

Dettagli

Unità Operativa di Chirurgia

Unità Operativa di Chirurgia Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Chirurgia Guida ai Servizi Presidio Ospedaliero di Faenza Dipartimento Chirurgico Unità Operativa di Chirurgia Guida ai Servizi

Dettagli

CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica

CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica CARDIOLOGIA Centro Regionale di Riabilitazione Cardiologica Ospedale di Sestri Levante Responsabile Dott. Guido GIGLI Capo Sala: I.P. Marisa PAGLIARI DOVE SIAMO Il reparto è situato al QUINTO piano dell

Dettagli

ANAAO TOSCANA Lunedì, 25 maggio 2015

ANAAO TOSCANA Lunedì, 25 maggio 2015 ANAAO TOSCANA Lunedì, 25 maggio 2015 ANAAO TOSCANA Lunedì, 25 maggio 2015 25/05/2015 Il Tirreno (ed. Lucca) Pagina 16 In due mesi 220 cittadini diventano donatori di organi 1 25/05/2015 Il Tirreno (ed.

Dettagli

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro

Premessa. Il Presidente della Federazione Nazionale ALICE Dr. Giuseppe D Alessandro Premessa L Ictus Cerebrale, pur essendo in Italia la prima causa di invalidità, la seconda di demenza e la terza di morte, non ha ricevuto finora, a differenza di altre malattie altrettanto gravi per l

Dettagli

Fecondazione: ginecologi, subito nuove linee guida eterologa

Fecondazione: ginecologi, subito nuove linee guida eterologa Lettori: 495.000 Fecondazione: ginecologi, subito nuove linee guida eterologa Fecondazione: ginecologi, subito nuove linee guida eterologa 'Pronti a collaborare ministero. Sentenza Consulta apre domande'

Dettagli

Per ripartire la sanità ha bisogno di noi infermieri

Per ripartire la sanità ha bisogno di noi infermieri Newsletter Quindicinale 22 Giugno 2013 12 Per ripartire la sanità ha bisogno di noi infermieri La partecipazione di due ospiti di eccezione al nostro convegno inaugurale di Sanit è stato un motivo di grande

Dettagli

I principali obiettivi del progetto dedicato alla salute maschile sono:

I principali obiettivi del progetto dedicato alla salute maschile sono: salute al maschile, L IMPEGNO DI FONDAZIONE UMBERTO VERONESI PER gli uomini Nel 2015 la Fondazione Umberto Veronesi s impegna in un progetto specificatamente dedicato alla salute maschile per rispondere

Dettagli

Ferrara 13/03/2003 Prot. Varie 72/03. A Persone in indirizzo Agli Organi di stampa locali Al Referente unico USL per la legge 210/92

Ferrara 13/03/2003 Prot. Varie 72/03. A Persone in indirizzo Agli Organi di stampa locali Al Referente unico USL per la legge 210/92 Ferrara 13/03/2003 Prot. Varie 72/03 e p.c. A Persone in indirizzo Agli Organi di stampa locali Al Referente unico USL per la legge 210/92 Oggetto: Legge 210/92 Abolizione dei termini per la presentazione

Dettagli

RASSEGNA STAMPA Giovedì, 04.09.2014

RASSEGNA STAMPA Giovedì, 04.09.2014 RASSEGNA STAMPA Giovedì, 04.09.2014 Il Sole 24 Ore 1 Per gli stipendi pubblici blocco anche nel 2015 La Repubblica 1 Eterologa lo strappo dei governatori Il Secolo XIX - Ed. Levante 1 Eterologa al via

Dettagli

La gestione del rischio al triage

La gestione del rischio al triage Azienda Sanitaria Matera U.O. Pronto Soccorso e Osservazione Breve Responsabile dott. Carmine Sinno Coordinatore Franco Riccardi La gestione del rischio al triage di Bruna Montemurro Secondo corso di triage

Dettagli

Come va la nostra Sanità?

Come va la nostra Sanità? Come va la nostra Sanità? Dopo un lungo periodo di commissariamento imposto dai governi centrali per correggere gli sprechi di molte regioni,quasi sempre meridionali, la Campania, per bocca del suo governatore,

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014

rassegna stampa RASSEGNA STAMPA Cod.: PGA.GR.1-IO.2.M1 Rev. 1 Data: 02-01-2014 Ufficio Relazioni con il Pubblico Pagina 1 di 5 Data 12 Novembre 2014 Pagina 1 di 5 rassegna stampa Data 12 Novembre 2014 IL CITTADINO Lodi Codogno Dopo il rifiuto di Rossi, non si placa la polemica Casale Sant Angelo Lodigiano L Asl dice addio a Villa Cortese: gli uffici

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it

RASSEGNA STAMPA. A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it RASSEGNA STAMPA A cura di Gian Piero Di Folco uff.stampa.difolco@farmacap.it Sommario Rassegna Stampa Pagina Testata Data Titolo Rubrica Primo Piano 41 Il Messaggero - Cronaca di Roma 11/06/2015 "MI HANNO

Dettagli

ANAAO TOSCANA Venerdì, 06 febbraio 2015

ANAAO TOSCANA Venerdì, 06 febbraio 2015 ANAAO TOSCANA Venerdì, 06 febbraio 2015 ANAAO TOSCANA Venerdì, 06 febbraio 2015 06/02/2015 Corriere Fiorentino Pagina 1 SE MANCANO LE DONATRICI 1 06/02/2015 Corriere Fiorentino Pagina 13 Carta sanitaria

Dettagli

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome.

La speranza di vita alla nascita passerà da 51,5 a 47,1 anni nel 2010. Sarebbe invece salita a 61,4 anni in assenza della sindrome. Realizzazione di un Laboratorio di Diagnostica avanzata nella città di Nampula in Mozambico nel quadro di un Programma di prevenzione e lotta all AIDS PROGETTO - NOTIZIE - COME ADERIRE E RIFERIMENTI PER

Dettagli

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova?

Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? L A.I.L. - Sezione di Padova ONLUS e la Clinica di Oncoematologia Pediatrica di Padova dal 1975 INSIEME per la VITA Sai cosa fa l AIL per il reparto di Oncoematologia Pediatrica di Padova? Passato, presente,

Dettagli

Dirigente medico I livello

Dirigente medico I livello INFORMAZIONI PERSONALI Nome [ACETO GIANCARLO) Data di nascita [ 06/08/1951 ] Qualifica Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente medico I livello 3963 Fax dell ufficio 3961 E-mail istituzionale

Dettagli

DICHIARAZIONE ETEROLOGA. da parte di. Società Scientifiche su PMA Eterologa

DICHIARAZIONE ETEROLOGA. da parte di. Società Scientifiche su PMA Eterologa DICHIARAZIONE ETEROLOGA da parte di Società Scientifiche su PMA Eterologa "La sentenza della Corte costituzionale del 9 aprile 2014 sulla legge 40 del 2004 ha dichiarato l'illegittimita' del divieto della

Dettagli

professionisti della sanità

professionisti della sanità WEB CONFERENCE Le responsabilità dei professionisti della sanità e le peculiarità delle soluzioni ASSIMEDICI Martedì 15 Giugno 2010, ore 08.40/13.00 Le responsabilità dei professionisti della sanità e

Dettagli

Il dipendente Ospedaliero e la copertura assicurativa della colpa grave

Il dipendente Ospedaliero e la copertura assicurativa della colpa grave CORSO DI FORMAZIONE PER INTERMEDIARI ASSICURATIVI RISK MANAGER E INSURANCE MANAGER LE RESPONSABILITÀ DEI PROFESSIONISTI DELLA SANITÀ LA COPERTURA ASSICURATIVA DELLA RESPONSABILITA SANITARIA E DELLA TUTELA

Dettagli

Questionario conoscitivo ALSO

Questionario conoscitivo ALSO Questionario conoscitivo ALSO Nello scorso mese di giugno è stata costituita a Gravedona un organizzazione di volontariato denominata : ASSOCIAZIONE LARIANA SOSTEGNO ONCOLOGICO (ALSO) camminiamo insieme.

Dettagli

Dirigente ASL I fascia - Rapporti con Estav e approvvigionamento aziendale

Dirigente ASL I fascia - Rapporti con Estav e approvvigionamento aziendale INFORMAZIONI PERSONALI Nome MILICIA FERDINANDO Data di nascita 02/03/1958 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia ASL DI PRATO Dirigente ASL I fascia - Rapporti

Dettagli

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. Guida al ricovero

O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte. Guida al ricovero Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a Guida al ricovero Gentile Signore/a, Il personale sanitario, medico ed infermieristico del Reparto desidera assicurarle

Dettagli

Autore: Anna Messia Milano Finanza

Autore: Anna Messia Milano Finanza Autore: Anna Messia Milano Finanza Compagnie in perdita e medici che hanno il terrore di operare per non pagare di tasca propria eventuali indennizzi. Intanto scoppia il caso di AmTrust, che ha assicurato

Dettagli

Curriculum vitae. Via V. Alfieri, n. 19 50121 Firenze Tel. 055.2345733 2478446 Fax 055.2340485 giallongo@studiogiallongo.it

Curriculum vitae. Via V. Alfieri, n. 19 50121 Firenze Tel. 055.2345733 2478446 Fax 055.2340485 giallongo@studiogiallongo.it Curriculum vitae Dopo aver conseguito la laurea presso la Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Firenze, sono stato assegnatario di una borsa di studio ministeriale di addestramento

Dettagli

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S.

L'avete fatto a me. Cooperazione e Sviluppo per la salute nei P.V.S. L'avete fatto a me medici, infermieri, psicologi, fisioterapisti, educatori e amministrativi volontari per la Formazione del personale locale a Sud del Mondo. Anno 9, n. 2 Newsletter marzo-aprile 2012

Dettagli

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA

REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA Direzione Medica di Presidio ARCISPEDALE SANT'ANNA AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA Servizio Sanitario Nazionale Regione Emilia-Romagna REGOLAMENTO EMERGENZA MEDICA INTRAOSPEDALIERA A cura

Dettagli

Art. 100 istituzione e natura giuridica

Art. 100 istituzione e natura giuridica Art. 100 istituzione e natura giuridica 1. Per l esercizio delle funzioni tecniche, amministrative e di supporto delle aziende sanitarie sono istituiti gli Enti per i servizi tecnico-amministrativi di

Dettagli

Malattie croniche e qualità della vita.

Malattie croniche e qualità della vita. Servizio Sanitario della Toscana Malattie croniche e qualità della vita. Modelli e innovazioni SIENA 12-13 Ottobre 2007 S. Maria della Scala - P.zza Duomo, 2 Dal predisponendo Piano Sanitario Regionale

Dettagli

Sanità Grosseto e Provincia

Sanità Grosseto e Provincia INDICE RASSEGNA STAMPA Sanità Grosseto e Provincia Corriere Maremma 17/03/2012 p. 5 La chirurgia robotica grossetana conquista Londra 1 Nazione Grosseto 17/03/2012 p. 7 Coratti e la robotica fanno scuola

Dettagli

Fecondazione eterologa: risposta facile al desiderio di un figlio?

Fecondazione eterologa: risposta facile al desiderio di un figlio? SALUTE 09.09.2014 Fecondazione eterologa: risposta facile al desiderio di un figlio? La fecondazione assistita non cura, anzi, comporta rischi che spesso non conosciamo spesso inconsapevoli. Fecondazione

Dettagli

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Sestri Levante. Responsabile Dott. Marco SCUDELETTI DOVE SIAMO. Capo Sala: Sig.ra Marina PERI

MEDICINA INTERNA. Ospedale di Sestri Levante. Responsabile Dott. Marco SCUDELETTI DOVE SIAMO. Capo Sala: Sig.ra Marina PERI MEDICINA INTERNA Ospedale di Sestri Levante Responsabile Marco SCUDELETTI Capo Sala: Sig.ra Marina PERI DOVE SIAMO Il reparto è situato al QUARTO piano dell Ospedale di Sestri Levante. LE NOSTRE ATTIVITA

Dettagli

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma

L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA. Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA Paolo Marchetti Facoltà di Medicina e Psicologia Azienda Ospedaliera Sant Andrea Sapienza Università di Roma 1 L INTEGRAZIONE ASSISTENZA - RICERCA I Cittadini debbono

Dettagli

LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA. La riforma sanitaria e socio-sanitaria

LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA. La riforma sanitaria e socio-sanitaria LA NUOVA CITTA METROPOLITANA PER UNA NUOVA SANITA IN LOMBARDIA La riforma sanitaria e socio-sanitaria Per iniziare a parlare di riforma sanitaria, socio-sanitaria e sociale nel nostro territorio dobbiamo

Dettagli

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi

Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale. Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Il rischio clinico nei Dipartimenti di Salute Mentale Spunti e riflessioni dalla presentazione di casi Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali Intesa Stato Regioni - 20 marzo 2008

Dettagli

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO

4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO 12949_09 Disparità nell accesso dei malati oncologici ai trattamenti terapeutici e assistenziali 4. IL PUNTO DI VISTA DEL VOLONTARIATO ONCOLOGICO: ASSISTENZA DOMICILIARE, SOSTEGNO PSICOLOGICO E INFORMAZIONE

Dettagli

della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino

della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 Padiglione Giovanni Rama dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino stati generali della sanità 29, 30 e 31 GENNAIO 2015 dell Ospedale dell Angelo Via Paccagnella, 11 30174 Venezia Zelarino Razionale lunedì 14 scientifico ottobre stati generali della sanità ORE 10:00 SALONE

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 4/5/6/7 Aprile 2015 Pagina 1 di 6 rassegna stampa 4/5/6/7 Aprile 2015 IL CITTADINO Lodi In ospedale cantieri avanti tutta (04/04/2015) Foroni respinge il matrimonio con pavia: «lodi autonoma» (04/04/2015) Lettere & opinioni

Dettagli

SANITA': E-R; SINDACATI, 500 POSTI IN MENO NEL

SANITA': E-R; SINDACATI, 500 POSTI IN MENO NEL Ansa SANITA': E-R; SINDACATI, 500 POSTI IN MENO NEL 2012 'EFFETTO BLOCCO DEL TURN-OVER, TAGLIO DEI COSTI PER 25 MILIONI' BOLOGNA, 28 GIU - A fine 2012, come effetto del blocco del turn-over, il sistema

Dettagli