ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE SANTARCANGELO DI ROMAGNA ESAME DI STATO. a.s. 2014/2015 DOCUMENTO FINALE DEL CONSIGLIO AFM CLASSE QUINTA SEZ.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE SANTARCANGELO DI ROMAGNA ESAME DI STATO. a.s. 2014/2015 DOCUMENTO FINALE DEL CONSIGLIO AFM CLASSE QUINTA SEZ."

Transcript

1 ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE SANTARCANGELO DI ROMAGNA ESAME DI STATO a.s. 2014/2015 DOCUMENTO FINALE DEL CONSIGLIO AFM CLASSE QUINTA SEZ.A

2 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 2 INDICE PRESENTAZIONE E PROFILO DELLA CLASSE...Pag.3 CONTINUITA DIDATTICA DEL TRIENNIO...Pag.4 METODO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE...Pag.7 OBIETTIVI GENERALI E TRASVERSALI...Pag.7 SIMULAZIONI TERZE PROVE...Pag.12 PROGETTI ED ATTIVITA SVOLTE NEL TRIENNIO... Pag.16 RELAZIONI FINALI E PROGRAMMI...Pag.17 RELIGIONE CATTOLICA...Pag.18 ITALIANO...Pag.20 STORIA...Pag.26 MATEMATICA...Pag.29 LINGUA INGLESE...Pag.32 LINGUA FRANCESE...Pag.36 DIRITTO ED ECONOMIA POLITICA...Pag.40 ECONOMIA AZIENDALE...Pag.48 EDUCAZIONE FISICA...Pag.53 PROPOSTE CRITERI DI VALUTAZIONE PRIMA PROVA SCRITTA...Pag.56 PROPOSTE CRITERI DI VALUTAZIONE SECONDA PROVA SCRITTA...Pag.59 PROPOSTE CRITERI DI VALUTAZIONE TERZA PROVA...Pag.61 PROPOSTE CRITERI DI VALUTAZIONE COLLOQUIO...Pag.62 ELENCO ARGOMENTI TESINE INTERDISCIPLINARI DEGLI ALUNNI...Pag.63 FIRME DEL CONSIGLIO DI CLASSE E RAPPRESENTANTI DI CLASSE...Pag.64

3 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 3 PROFILO DELLA CLASSE EVOLUZIONE GENERALE La classe è composta da 23 ragazzi 10 maschi e 13 femmine, provenienti da un bacino di utenza che va da Santarcangelo di Romagna fino a San Marino, comprendendo Savignano, Bellaria e zone limitrofe; gli stessi alunni provengono da sezioni biennali diverse. Il percorso della classe, dal punto di vista della composizione alunni, è stato lineare in quanto al termine della terza e della quarta non ci sono stati studenti non ammessi. L'unica variazione è consistita nell'inserimento lo scorso anno di un ragazzo proveniente dalla sezione D ed il ritiro da parte di un altro. Il problema storico che ha caratterizzato il percorso della classe all interno del triennio dal punto di vista educativo è stato in parte quello della disciplina, migliorata nel corso del corrente anno scolastico ed in parte quello della disomogeneità dell attenzione e dell impegno. Tenuto conto di ciò, il Consiglio di Classe è intervenuto in primis per ribadire il rispetto delle regole della classe e del rispetto dell opinione altrui ottenendo un buon miglioramento, frutto della pazienza dei docenti stessi, della preziosa collaborazione delle famiglie e degli interventi dei ragazzi più maturi che hanno svolto continuamente una funzione moderatrice, contribuendo a ricomporre l'equilibrio e a risolvere situazioni di dissidio. Nel complesso, comunque,. un percorso formativo è stato effettuato da tutti gli alunni, sebbene il grado di maturazione e responsabilizzazione si presenti. piuttosto diversificato. A fronte di una parte della classe che si è impegnata seriamente con continuità cercando di costruire anche una visione critica globale dei contenuti culturali e professionali, raggiungendo un discreto grado di autonomia e maturità personale, alcuni alunni, maggiormente interessati al raggiungimento del voto da conseguire durante le verifiche, piuttosto che ad una visione logica di quanto appreso durante gli anni scolastici, hanno seguito i percorsi didattici in maniera settoriale, scegliendo cio che interessava loro maggiormente senza avere uno sguardo generale sull intero percorso scolastico come valore assoluto per la loro crescita personale di maturazione. La non omogeneità di interessi e di approccio allo studio, oltre che di capacità personali, ha condizionato la possibilità di effettuare dialoghi di classe su tematiche legate all attualità soprattutto da parte di discenti ancora legati ad una visione scolastica delle lezioni. Per quanto riguarda le abilità e le conoscenze acquisite al termine del triennio, si può asserire che alcuni alunni possiedono un livello di preparazione ottimo, e sono in grado di effettuare confronti. critici significativi ed approfonditi. Altri si sono dimostrati studiosi, ma ancora un po' scolastici, comunque costanti nell'impegno, segue poi un gruppo che non è riuscito a maturare pienamente le abilità richieste causa lo scarso studio presentando incertezze e difficoltà di base, non del tutto superate, pur avendo preso parte ai corsi di recupero. La classe ha partecipato con vivo interesse alle attività integrative.

4 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 4 La composizione della classe nel corso degli ultimi 5 A. S. è stata la seguente: CONTINUITÀ DIDATTICA NEL TRIENNIO CLASSE 5ªA anno classe SCRUTINATI AMMESSI NON AMMESSI DEBITI FORMA- TIVI M F TOT M F TOT M F TOT M F TOT 2012/13 3ª /14 4ª /15 5ª PIANO DI STUDIO DELLA CLASSE ORARIO SETTIMANALE DEL CORSO C L A S S I Amministrazione finanza marketing Biennio Triennio Materie d insegnamento I a II a III a IV a V a Religione Italiano Storia Prima lingua straniera Inglese Seconda lingua straniera Francese Diritto Economia Geografia 3 3 Matematica (+ informatica biennio) Scienze della terra 2 2 Biologia Laboratorio Fisica Chimica Fisica Chimica 2 2 Economia Aziendale e laboratorio Informatica Educazione fisica TOTALE ore

5 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 5 SITUAZIONE DELLA CLASSE PERMANENZA DEL CORPO DOCENTE Nel corso del triennio hanno operato stabilmente gli insegnanti di Educazione fisica, Italiano-Storia, Francese, Ec.Aziendale, Matematica, Diritto e Scienza delle Finanze. CONTINUITÀ DIDATTICA NEL TRIENNIO Materie d insegnamento 3ªA 2012/13 4ªA 2013/14 5ªA 2014/15 Religione Mosconi Giuliano Cristina Casadei Cristina Casadei Lingua e letteratura italiana Elena Ciammitti Elena Ciammitti Alessandra Procucci Storia Elena Ciammitti Elena Ciammitti Alessandra Procucci Prima lingua straniera inglese Romina Gentilini Annamaria Ursi Claudia D Agostino Seconda lingua straniera francese Costantina Cavalli Costantina Cavalli Costantina Cavalli Matematica applicata e laboratorio Elena Raffoni Elena Raffoni Elena Raffoni Economia aziendale e Suppl. Federico Floriana Montebelli laboratorio Fidelibus Floriana Montebelli Diritto Mario Carletti Mario Carletti Mario Carletti Scienza delle finanze Mario Carletti Mario Carletti Mario Carletti Educazione fisica Fabbri Paola Fabbri Paola Fabbri Paola

6 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 6

7 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 7 METODO DI LAVORO DEL CONSIGLIO DI CLASSE Il Consiglio di classe, in parte stabile per continuità didattica, ha sempre lavorato con serenità e affiatamento.- Tale collaborazione ha consentito di raggiungere un pieno accordo nella definizione degli obiettivi didattici ed educativi e nel loro perseguimento. I docenti hanno avuto costanti relazioni con studenti e genitori, i quali hanno sempre partecipato ai Consigli di Classe, condiviso le scelte e assunto le principali responsabilità, soprattutto per la realizzazione dei progetti. L acquisizione di un metodo di studio efficace è stato un obiettivo fondamentale che il C.d.C. si è proposto di perseguire sia attraverso le singole discipline nelle ore curriculari sia attraverso la partecipazione a convegni, conferenze, uscite didattiche. In classe si è cercato di sviluppare negli alunni abilità operative per permettere di esprimere capacità di analisi, sintesi, elaborazioni autonome critiche e creative, unite a sicure competenze per effettuare i personali collegamenti all interno delle tematiche culturali affrontate in diversi ambiti disciplinari.. OBIETTIVI GENERALI Acquisire capacità di relazione, attraverso lo star bene con gli altri e con se stessi (libera espressione delle proprie idee nel rispetto di quelle altrui; educazione alla parola e all ascolto; rispetto delle regole della socializzazione nei diversi spazi delle attività curricolari - aula, laboratori, palestra; rispetto degli altri, di se stessi e delle cose); Acquisire un abitudine alla lettura critica personale, che vada oltre l ambito del lavoro scolastico; Sviluppare capacità di riflessione e di critica, volte alla autonoma problematizzazione non solo degli argomenti di studio, ma anche della realtà contemporanea; Acquisire un metodo di lavoro, che consenta di proseguire gli studi con strumenti adeguati e/o inserirsi proficuamente nel mondo del lavoro; Apprendere i linguaggi specifici delle singole discipline; sviluppare le abilità inerenti alle singole discipline; Acquisire competenze linguistiche per formare uno strumento comunicativo corretto ed efficace; Acquisire conoscenze e competenze, che, unite alle capacità personali, promuovano la crescita della persona.

8 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 8 METODI E STRUMENTI Il Consiglio di Classe sottolinea di aver privilegiato, sia nell'apprendimento che nella rielaborazione, la qualità rispetto alla quantità e di aver abituato gli studenti, durante il corso dell'anno, ad un processo di autovalutazione. Fra gli strumenti sono indicati: Lezioni frontali Esercizi di rielaborazione e consolidamento dei contenuti, da svolgere a casa Partecipazione a incontri su temi di attualità. Laboratorio linguistico. PERCORSO INTERDISCIPLINARE ALTERNATIVO AL CLIL Constatata l assenza di docenti accreditati all insegnamento DNL, in possesso delle necessarie competenze linguistiche e metodologiche all interno dell organico dell Istituzione Scolastica, il Consiglio di Classe ha individuato una tematica oggetto di trattazione interdisciplinare ( Diritto / Inglese) riguardante le istituzioni politiche dell ordinamento italiano e dell ordinamento inglese.. ATTIVITA DI RECUPERO E APPROFONDIMENTO Durante il corso dell'anno sono stati attivati momenti di recupero e ripasso ove necessario, durante le ore mattutine tramite: rallentamento del programma, ripresa degli argomenti affrontati con linguaggi diversi, esercizi guida e lavori a gruppi di auto-aiuto, corsi di preparazione alle certificazioni linguistica?????????? corsi di preparazione alla certificazione informatica partecipazione a spettacoli teatrali in lingua straniera VERIFICA E VALUTAZIONE A) STRUMENTI: durante il corso dell'anno il Consiglio di Classe ha utilizzato come strumenti di verifica: interrogazioni, questionari, compiti scritti. prove di comprensione e analisi testuale, discussioni critiche, risoluzione di problemi. B) CRITERI: fra i criteri per la valutazione, si sono ritenuti essenziali i seguenti elementi: Correttezza espositiva Padronanza dei linguaggi specifici, propri di ciascuna disciplina Pertinenza a quanto richiesto

9 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 9 Capacità di collegamento e di rielaborazione personale Capacità di analisi e di sintesi Progressione nelle conoscenze Costanza e continuità nel percorso scolastico Partecipazione attiva al lavoro di classe Eventuale capacità di collegamenti pluridisciplinari e/o apporti personali. Relativamente alla definizione del voto, il Consiglio di Classe attribuisce la massima importanza al patrimonio di conoscenze possedute dallo studente, unito alla qualità delle sue competenze, che siano tuttavia inserite in un quadro di impegno, di partecipazione e di progresso rispetto ai livelli di partenza. RAPPORTI CON LE FAMIGLIE I rapporti con le famiglie, improntati alla massima trasparenza, cordialità e rispetto, sono avvenuti soprattutto, ma non solo, in occasione degli incontri pomeridiani scuolafamiglia, la partecipazione ai quali è risultata assidua, proficua e collaborativa. OBIETTIVI TRASVERSALI RAGGIUNTI OBIETTIVI COGNITIVI CONOSCENZE Gli alunni hanno acquisito conoscenze coerenti con gli obiettivi indicati nelle relazioni dei singoli docenti. COMPETENZE Gli alunni sanno usare in modo corretto la terminologia specifica relativa alle singole discipline. Quasi tutti gli alunni sanno esporre in forma orale e in forma scritta, con discreto ordine logico, i contenuti disciplinari. Per la maggior parte, gli alunni sanno elaborare schemi lineari di sintesi e mappe concettuali. CAPACITA In buona parte, gli alunni sono in grado di riflettere in modo autonomo, di compiere collegamenti e di esercitare un senso critico rispetto alle specifiche conoscenze disciplinari. Alcuni alunni sono in grado di compiere una riflessione interdisciplinare rispetto a tematiche complesse. OBIETTIVI SOCIO AFFETTIVI Gli alunni hanno sviluppato buone capacità di comunicazione, migliorando la relazionalità interpersonale.

10 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 10 Gli alunni sono in grado di discutere e di confrontarsi nel rispetto reciproco e nell autoconsapevolezza dei limiti personali. METODOLOGIA E STRUMENTI Nell ambito delle proposte didattico formative i docenti hanno fatto ricorso a: Lezioni frontali Lezioni dialogiche Lavori di gruppo Lettura di testi e documenti seguiti da dialoghi e discussioni Visione di film e documentari Attività in laboratorio Sussidi didattici e multimediali VERIFICHE Le verifiche sono state effettuate non solo per accertare i livelli di conseguimento degli obiettivi disciplinari, ma anche per attivare interventi differenziati, negli obiettivi e nelle modalità, al fine di sostenere e valorizzare le potenzialità di ciascuno. Per tale motivo, accanto alle prove tradizionali, sono state utilizzate verifiche di tipologia varia (utilizzando anche prove scritte per le discipline orali ), sì da consentire periodici e rapidi accertamenti del livello raggiunto dai singoli e dalla classe, in ordine a determinati traguardi formativi generali e specifici. Le prove concordate dal consiglio di classe sono state le seguenti: SCRITTE Tipologie di scrittura A, B, C, D come previsto dal Ministero relativamente alla prima prova. Quesiti a risposta multipla Questionari strutturati Questionari semi-strutturati Questionari a risposta aperta Produzione di elaborati tematici Produzione di brevi testi a seguito di domande aperte ORALI Interrogazioni frontali Relazioni individuali e di gruppo, su lavori individuali e di gruppo

11 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 11 VALUTAZIONE Il processo valutativo è stato effettuato sotto il segno della trasparenza, coinvolgendo gli studenti nella linearità e fondatezza dei criteri di valutazione, non solo per chiarire ad essi tali criteri ed informarli dei voti conseguiti nelle varie prestazioni, ma anche per stimolarne la responsabilizzazione e la capacità di autovalutazione. Nel determinare il giudizio valutativo finale degli alunni hanno concorso i seguenti elementi: l esito delle verifiche sull andamento didattico; il progressivo sviluppo della personalità e delle competenze acquisite rispetto ai livelli di partenza; gli indicatori qualitativi del comportamento scolastico. Il Consiglio di Classe adotta i criteri di valutazione stabiliti dal Collegio docenti conoscenza e comprensione dei contenuti, organizzazione logica delle conoscenze, competenze e capacità raggiunte, qualità espositiva, eventuali progressi rispetto alla situazione iniziale, grado di interesse e di partecipazione. Si allega la relativa griglia: 1-4 non conosce gli argomenti proposti; commette gravi errori; non ha conseguito le abilità richieste. 4-5 conoscenza frammentaria e superficiale; commette errori; ha conseguito alcune abilità ma non è in grado di utilizzarle in modo autonomo, anche in compiti semplici. 6 livello minimo in termini di conoscenze e di abilità conosce gli argomenti fondamentali, ma non li ha approfonditi; non commette errori nell'esecuzione di compiti semplici, ma non è in grado di applicare le conoscenze acquisite in compiti complessi. 7-8 conosce, comprende in modo analitico e sa applicare i contenuti e le procedure proposte; non commette errori ma soltanto imprecisioni conosce e padroneggia tutti gli argomenti proposti e non commette errori nè imprecisioni; sa organizzare autonomamente le conoscenze in situazione nuova (sintesi) e sa valutare criticamente contenuti e procedure (valutazione).

12 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 12 SIMULAZIONI III a PROVA 1ª SIMULAZIONE (18 marzo 2015) TIPOLOGIA: QUESITI A RISPOSTA SINGOLA DISCIPLINE: Diritto, Inglese, Francese, Matematica. TESTO Diritto Utilizzare per ciascuna risposta non più di otto righe 1) Analizza il sistema elettorale proporzionale individuandone pregi e difetti ed eventuali correttivi. 2) Individua e classifica i regolamenti emanati dal Governo. 3) Individua le caratteristiche della Corte di Cassazione. Inglese Answer the following two questions using ten lines 1) Describe the main office operations and illustrate some of the advantages you can obtain by integrating your back office systems 2) What does Supply Chain refer to? Explain the meaning of the word incoterms and illustrate the difference between EXW (ex works) and DDP (delivered duty paid). Francese Répondez aux questions suivantes (environ 20 lignes au total) 1) Dans les transactions commerciales les marchandises circulent accompagnées de plusieurs documents, pourriez-vous les indiquer et en préciser quelques-uns?

13 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 13 2) Est-ce que vous pourriez définir les différents documents qui sont la preuve du contrat de transport? Matematica 1) Studiare e rappresentare la funzione ( ) 2 2) Enunciare il teorema di Weierstrass (max 10 righe) y = 2x x 2 sul foglio protocollo consegnato 3) Dopo aver definito il punto di massimo e di minimo relativo di una funzione, descrivere il procedimento per determinarli (max 10 righe)

14 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 14 2ª SIMULAZIONE (28 aprile 2015) TIPOLOGIA: QUESITI A RISPOSTA SINGOLA DISCIPLINE: Diritto, Inglese, Francese, Matematica. TESTO Diritto Utilizzare per ciascuna risposta non più di otto righe 1) Definisci la riserva di legge e distingui la riserva di legge assoluta dalla riserva di legge relativa 2) Descrivi, rispettivamente, la mozione di sfiducia e la questione di fiducia 3) Individua le sentenze della Corte Costituzionale Inglese Answer the following two questions using ten lines 1) Illustrate the function of the government, describing its main activities. 2) Describe the main differences between the House of Commons and the House of Lords. Francese Répondez aux questions suivantes (environ 20 lignes au total) 1) UE, tracez le parcours historique de la construction de l UE, à travers les principaux traités de sa formation 2) Pourriez-vous définir quelques-uns des effets positifs qui se sont produits sur le plan économique et social suite à la réalisation de la communauté européenne? Matematica L istituzione di organismi sopranazionali ha reso il mercato economico mondiale sempre più un mercato globale e in competizione, costringendo le aziende a compiere scelte razionali partendo dall analisi della situazione reale. 1) Per acquistare un macchinario del valore di 72000, una ditta ha a disposizione le seguenti possibilità: a) stipulare un contratto di leasing con pagamento iniziale di 7200, 24 canoni mensili posticipati di 2700, valore di riscatto di 3600 b) contrarre un mutuo che prevede il pagamento di 8 rate trimestrali anticipate al tasso del 4,5%.

15 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 15 Determinare la modalità più conveniente in base al tasso del 4% annuo. 2) Presentare brevemente i problemi di scelta con effetti differiti ed i relativi criteri che permettono di scegliere l alternativa ottimale. 3) Supposto che la rappresentazione grafica della funzione che esprime il costo complessivo del magazzino di una ditta commerciale sia quella sotto riportata, completa la tabella Capacità massima del magazzino Lotto economico 1300

16 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 16 ATTIVITA INTEGRATIVE Nel corso del triennio gli allievi hanno partecipato ai seguenti incontri: PARTECIPAZIONE ALLA GIORNATA EUROPEA DELLA GIUSTIZIA CON SIMULAZIONE DI UN PROCESSO PENALE E DI UN PROCESSO CIVILE. PARTECIPAZIONE ALL EXPO DI MILANO. VIAGGIO DI ISTRUZIONE A VIENNA- MAUTHAUSEN - PRAGA. PARTECIPAZIONE AL PROGETTO SBANKIAMO VISITA AL PLANETARIO DI RAVENNA PARTECIPAZIONE AL CORSO DI RIANIMAZIONE CARDIO-POLMONARE INCONTRO IN VIDEO CONFERENZA CON ALTRE SCUOLE PER IL PROGETTO DIVER- SAMENTE SOCIAL INCONTRO CON L UNIVERSITÀ DI BOLOGNA SEDE DI RIMINI E SEDE DI RAVENNA PER L ORIENTAMENTO. INCONTRO CON LA CONFARTIGIANATO PER L ORIENTAMENTO LAVORATIVO. PARTECIPAZIONE ALL INCONTRO CON IL GIORNALISTA GIGI RIVA E CON IL GIOR- NALISTA MARCO TARQUINIO. VISITA ALLA CASA NATALE DI GIOVANNI PASCOLI A SAN MAURO PASCOLI. INCONTRO CON AGENTI DI POLIZIA FACENTI CAPO AL PROCESSO DELLA UNO BIANCA IN PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO, 2 INCONTRI CON IL GIORNALISTA GIUSEP- PE ERRANI SU LEZIONI RELATIVE ALLA STESURA DEL SAGGIO BREVE O ARTICOLO DI GIORNALE

17 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 17 RELAZIONI FINALI

18 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 18 RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014/2015 DOCENTE: Prof. re CASADEI CRISTINA CLASSE 5 A OBIETTIVI FORMATIVI E SPECIFICI DI APPRENDIMENTO. Le scelte tematiche dell iter didattico proposto alla classe durante questo anno sono state orientate principalmente al fine di far maturare nei ragazzi una capacità di lettura del mondo contemporaneo e delle scelte etiche che sempre più ci interpellano. Il profilo delle lezioni ha sempre avuto l intento dichiarato di presentare in primo luogo la prospettiva cristianapersonalista nelle questioni antropologiche, etiche e bioetiche che si sono prese in considerazione, mirando ad una riflessione degli alunni sulla propria identità nei confronti del messaggio cristiano e allo sviluppo di un maturo senso critico e di un personale progetto di vita. Per tutto ciò si è fatto riferimento ai seguenti obiettivi specifici e di apprendimento: 1. Saper analizzare nei vari aspetti un problema di carattere sociale. 2. Saper individuare le valenze etiche dei rapporti sociali e politici. 3. Saper cogliere l apporto cristiano-cattolico all etica della vita sociale, politica e saperla applicare a casi concreti. 4. Saper individuare lo sviluppo storico del cattolicesimo in relazione alla cultura contemporanea, alla vita sociale, civile e politica. 5. Saper affrontare il problema del rapporto religione-cultura contemporanea. CONTENUTI. 1. LA PERSONA La creazione dell uomo in Genesi 1 2 L identità dell individuo come essere relazionale Concetto di immagine e somiglianza Concetto di dignità della persona 2. BIOETICA 2.1 Bioetica generale Definizione di Bioetica, cause della nascita e caratteristiche 2.2 Bioetica speciale - La questione morale della procreazione assistita: - Distinzione fra fecondazione assistita e inseminazione artificiale - Distinzione fra fecondazione inseminazione omologa /eterologa (Legge 40/2004) - Visione del film Starbuck, 533 figli e non saperlo, di Ken Scott (2011) allo scopo di promuovere un dibattito critico sulle conseguenze psicologiche che la paternità/maternità anonima può avere sui figli. - La questione morale dell eutanasia: - nella storia :T4 Aktion - definizione e casi clinici: Luana Englaro e Piergiorgio Welby come distinzione tra eutanasia e accanimento terapeutico. - La morte e la sofferenza : Libro di Giobbe a confronto con la poesia A Silvia di G. Leopardi. - La pena di morte nel mondo: analisi della situazione internazionale e risvolti etici Lungo il corso dell anno, il programma si è aperto a digressioni, dovute ad argomenti collegati alla disciplina e all iter delle lezioni, che l attualità ha proposto. In particolare, si è affrontato: - in merito al giorno della memoria, riflessioni sui totalitarismi, attraverso brani tratti da La nascita del Totalitarismo di Hannah Arendt.

19 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 19 - In occasione della visita didattica alla Casa Pascoli a San Mauro Pascoli, riflessione sulla ricerca di religiosità del poeta: analisi della poesia Il libro aperto di G. Pascoli. - La questione dell Isis, attraverso articoli di giornali, come nuova forma di terrorismo 2.0. SVOLGIMENTO DEL PROGRAMMA. Lo svolgimento del programma, in particolare per quanto riguarda l etica della vita economica e sociale è passato attraverso l analisi di problemi particolari sui quali ci si è documentati con la lettura di articoli di giornali, riviste, studi sociologici e di apposite commissioni. Poi si è cercato di fornire una visione d insieme del problema, attraverso sintesi dell insegnante, quindi, attraverso il dibattito e il confronto si sono studiate le conseguenze e le implicazioni dei fenomeni presi in esame. Si è cercato di porre in evidenza legami e collegamenti con altre discipline: in particolare con Lettere e Storia per la parte relativa alla riflessione dell uomo e la religione; con le discipline economiche e giuridiche per quanto riguarda la regolarizzazione delle questioni bioetica in Italia. Il programma è stato svolto seguendo una linea di approfondimento culturale cercando di unire indagine dei contenuti e rigore metodologico evitando riduzioni ideologiche, pregiudiziali o soggettive. METODOLOGIE, STRUMENTI, CRITERI DI VALUTAZIONE. Le metodologie utilizzate sono state: lezioni frontali partecipate, dialogo e dibattito in classe guidato, lettura e analisi di articoli, documenti, power-point dell insegnante, visione di filmati. Gli strumenti utilizzati sono stati: fotocopie di articoli, testi, documenti, power-point dell insegnante, testi filosofici, film. La valutazione ha tenuto conto della partecipazione, dell impegno, degli interventi e delle forme di collaborazione, delle conoscenze e delle abilità acquisite ed evidenziate. RISULTATI CONSEGUITI. La classe, un po passiva, si è però sempre dimostrata collaborativa ed ha sempre accolto con disponibilità e partecipazione i temi proposti. Anche se non tutti i ragazzi hanno saputo dimostrare di poter creare e sostenere un dibattito critico, tra loro e/o con l insegnante, dando prova di capacità di giudizio autonomo e di apertura e comprensione verso eventuali posizioni contrarie, in generale, però, i risultati possono essere considerati tutto sommato positivi. Le lezioni sono state occasioni per tutti per ampliare le proprie conoscenze, per operare collegamenti con le altre discipline, per riflettere su aspetti fondamentali della condizione umana e della società, per confrontarsi con approcci e soluzioni diverse.

20 A.S. 2014/2015 Documento di programmazione del Consiglio di Classe della 5ª A amf 20 Prof.ssa Alessandra Procucci RELAZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO Testo in adozione: Il rosso e il blu volume 3A/3B Autori: A. Roncoroni M.M. Cappellini A. Dendi E. Sada O. Tribulato Editrice C. Signorelli Scuola RELAZIONE INTRODUTTIVA Profilo della classe L'insegnante ha seguito i ragazzi solamente a partire dal corrente anno scolastico; la frequenza è sempre stata regolare e il comportamento diligente, educato e rispettoso. Il primo periodo dell'anno scolastico è servito all'insegnante per conoscere i livelli raggiunti dai ragazzi e impostare al meglio le strategie didattiche opportune. Fin da subito ci si è resi conto che la classe, adeguatamente stimolata, era disponibile al dialogo e capace di interagire con l'insegnante su alcune tematiche generali. Non tutti, però, dimostravano disponibilità a condividere il proprio pensiero; perciò l'insegnante ha cominciato un percorso basato su modalità di lezioni alternative facilitando anche i più timidi a partecipare alle attività. Durante le ore di italiano/studio della letteratura i ragazzi si sono dimostrati nel complesso capaci di seguire le poetiche e le riflessioni degli scrittori analizzati; partendo da un primo approccio alla materia hanno cercato di conoscere il periodo storico, fino alla padronanza di correnti letterarie ed autori. Si è, quindi, proceduto con l'insegnamento di tale disciplina non esclusivamente in maniera tradizionale, ma con spunti e lezioni interattive, permettendo alla classe di relazionarsi con il docente e manifestando, soprattutto da parte di un piccolo gruppo, interesse verso quanto studiato. Le lezioni sono state improntate su modalità differenti oltre alla lezione tradizionale, quali domande stimolo, lavori di riflessione su testi, schematizzazioni individuali o di classe, agganci con l'attualità o analisi di fonti, ricerche individuali e realizzazioni di semplici presentazioni multimediali, cercando di proporre autori e correnti letterarie non solo come concetti da interiorizzare, ma come strumenti per la propria formazione personale e come confronto con il mondo circostante. Tutte le attività proposte al di fuori della normale lezione frontale li hanno visti pienamente coinvolti e motivati. L insegnamento della letteratura, quindi, è servito sviluppare, laddove necessario, tematiche affini al sentire degli alunni. Col passare del tempo si è cercato di proporre testi dai quali attingere per la propria personale conoscenza sia scolastica che personale; in alcuni casi i ragionamenti proposti hanno portato ad affinare un discreto senso critico in un gruppo di scolari. Talvolta, però, non per tutti i ragazzi è seguita una riflessione individuale a casa, per meglio consolidare attraverso un metodo di studio adeguato quanto appreso nella mattinata. Premurosi del loro andamento scolastico hanno cercato di rielaborare ed esporre bene durante le interrogazioni i concetti, anche se ciò non si è verificato in tutte le occasioni, forse per mancanza di una certa autonomia da parte di alcuni alunni; infatti qualche soggetto, pur dedicando tempo allo studio, non è riuscito ad ottenere i risultati sperati.

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno

Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015. Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Liceo statale James Joyce (Linguistico e delle Scienze umane) Ariccia (Roma) Colloqui fiorentini 26 28 febbraio 2015 Indagine di autovalutazione svolta fra gli studenti partecipanti al convegno Questionari

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009

RICERCA-AZIONE. l insegnamento riflessivo. Caterina Bortolani-2009 RICERCA-AZIONE ovvero l insegnamento riflessivo Gli insegnanti sono progettisti.. riflettono sul contesto nel quale devono lavorare sugli obiettivi che vogliono raggiungere decidono quali contenuti trattare

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

VIAGGIANDO CON LA NATURA

VIAGGIANDO CON LA NATURA VIAGGIANDO CON LA NATURA Il progetto intende, attraverso l esplorazione del mondo naturale (terra, acqua, aria e fuoco) sistematizzare le conoscenze per comprendere l organizzazione dell ecosistema naturale.

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Istituto Comprensivo E. De Filippo

Istituto Comprensivo E. De Filippo Istituto Comprensivo E. De Filippo Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di primo grado Via degli Italici, 33 - tel. 0824-956054 fax 0824-957003 Morcone Bn (seconda annualità) Il tempo per leggere,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali

Classe di abilitazione - A076 Trattamento Testi, Calcolo, Contabilità elettronica ed applicazioni industriali Classe di abilitazione - A076 Trattamento elettronica ed applicazioni industriali Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015,

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione

Rapporto di Autovalutazione. GUIDA all autovalutazione Rapporto di Autovalutazione GUIDA all autovalutazione Novembre 2014 INDICE Indicazioni per la compilazione del Rapporto di Autovalutazione... 3 Format del Rapporto di Autovalutazione... 5 Dati della scuola...

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu

La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento. F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu La lingua seconda per lo studio: aula, laboratorio, autoapprendimento F ernanda Minuz fminuz@ jhu.edu Studiare in una L2 È un'attività cognitivamente complessa: apprendere (comprendere, elaborare, inquadrare,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

Esempi di utilizzazione dell ADVP

Esempi di utilizzazione dell ADVP Esempi di utilizzazione dell ADVP G. Cappuccio Ipssar P. Borsellino ESERCIZIO DI REALIZZAZIONE IL VIAGGIO Guida per l insegnante Questo esercizio è un modo pratico per coinvolgere l alunno nel progetto

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti»

1) Un Liceo classico. 2) Il Liceo «Franchetti» Studenti-LRF-2013 Utenti che hanno svolto il test: 262 Famiglie-LRF-2012/2013 Utenti che hanno svolto il test: 173 1) Un Liceo classico Risp. 1) È ancora una scelta valida (Utenti: 140 Perc.: 53.44%) Risp.

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP

GRUPPO DI LAVORO PER L INCLUSIONE DSA/BES/HANDICAP SCUOLA PRIMARIA PARITARIA SCUOLA PRIMARIA PARITARIA via Camillo de Lellis, 4 35128 Padova tel. 049/8021667 fax 049/850617 e-mail: primaria@donboscopadova.it website: www.donboscopadova.it GRUPPO DI LAVORO

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012

CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 CURRICOLO SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO con riferimento alle competenze chiave europee e alle Indicazioni Nazionali 2012 Pagina 1 di 73 DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: LINGUA ITALIANA DISCIPLINE

Dettagli

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI

COSCIENZA COSMICA. FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto Comprensivo Statale PETRITOLI COSCIENZA COSMICA FIRMAMENTO: Quant è grande un milione? Dati identificativi ANNO SCOLASTICO periodo SCUOLA DOCENTI COINVOLTI ORDINE SCUOLA DESTINATARI FORMATRICI 2012/13 novembre-dicembre 2012 Istituto

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO

GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO GRIGLIE DI VALUTAZIONE ESAMI DI STATO a cura di Salvatore Madaghiele SCHEDA DI VALUTAZIONE DELLA PRIMA PROVA SCRITTA: ITALIANO N. Candidato Classe Sesso: M F Data di nascita: Tema scelto: A B1 n. B2 n.

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA

ATTIVITA' DIDATTICA PER LE SCUOLE DELL'INFANZIA P9.07.1 attività didattica scuoleinfanzia.doc P9.07.1 Comune di Rimini p.za Cavour, 27 47921 Rimini http://qualità.comune.rimini.it Direzione e di Protezione Sociale via Ducale, 7 47900 Rimini tel. 0541/

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA E DIDATTICA - SITUAZIONE DI PAR ARTENZA TENZA: L analisi della situazione di partenza ha mirato a rilevare il possesso di prerequisiti considerati fondamentali per l individuazione

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La ricerca empirica: una definizione

La ricerca empirica: una definizione Lucido 35/51 La ricerca empirica: una definizione La ricerca empirica si distingue da altri tipi di ricerca per tre aspetti (Ricolfi, 23): 1. produce asserti o stabilisce nessi tra asserti ipotesi teorie,

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C110 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli