NOTIZIE SULLE ATTIVITA DELL ACI E SUI FLUSSI FINANZIARI GESTITI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTIZIE SULLE ATTIVITA DELL ACI E SUI FLUSSI FINANZIARI GESTITI"

Transcript

1 ALLEGATO 1 NOTIZIE SULLE ATTIVITA DELL ACI E SUI FLUSSI FINANZIARI GESTITI L'Automobile Club d'italia è un ente pubblico non economico senza scopo di lucro, che raggruppa in una Federazione gli Automobile Club (AA.CC.), anch essi enti pubblici aventi sede in ciascun capoluogo di provincia, con lo scopo istituzionale di rappresentare e tutelare gli interessi generali dell'automobilismo italiano, attraverso la diffusione di una nuova cultura della mobilità e con il sostegno della compagine sociale costituita dai soci ACI. Il sistema ACI è così strutturato: L Automobile Club d Italia (Ente pubblico federante), avente la sede centrale a Roma in Via Marsala 8, gestisce direttamente e coordina tutte le attività del gruppo ed è dislocato sul territorio mediante gli Uffici periferici, suddivisi in Uffici Provinciali (in tutto 107 uno per ogni capoluogo di provincia) e Direzioni Regionali (18 DD.RR.); in particolare, gli Uffici Provinciali (UU.PP.) costituiscono il front office diretto di ACI con i cittadini per l erogazione dei servizi pubblici. Gli Automobile Club locali (Enti pubblici federati), che in totale sono 106, sono dotati di propria autonomia giuridica ed appartengono alla Federazione; gli AA.CC. locali, mediante le proprie Delegazioni dirette ed indirette, erogano i servizi della Federazione nei confronti di soci e cittadini, promuovono l attività di ACI sul territorio di rispettiva competenza, tutelano gli interessi dell automobilismo italiano ed in generale quelli della mobilità nonché di sicurezza ed educazione stradale. Le Delegazioni ACI (oltre 1.500) consistono in aziende private che, essendo in possesso dei requisiti previsti dalla legge 264 del , necessari per poter svolgere attività di consulenza in materia di pratiche automobilistiche, nonché delle relative autorizzazioni regionali, hanno aderito alla rete ACI mediante un apposito contratto con l A.C. locale; in virtù di tale accordo le Delegazioni promuovono i servizi della Federazione e li offrono a soci e cittadini nell ambito del territorio di competenza dell Automobile Club locale, a cui fanno riferimento per tutta la loro attività, che svolgono utilizzando il marchio ACI. Le Società controllate facenti parte del gruppo ACI, operanti in vari settori, svolgono attività strumentali rispetto alla promozione ed allo sviluppo degli obiettivi della Federazione (settore assicurativo e finanziario, gestione immobiliare, assistenza tecnica ai veicoli e soccorso stradale, gestione di autodromi e centri di guida sicura, editoria, informatica, telecomunicazioni e sviluppo di software, infomobilità, studi e ricerche, promozione dell attività sportiva, turismo etc.). In particolare, le principali società partecipate del gruppo ACI sono: ACI Informatica, ACI consult, ALA Assicurazioni, SARA Assicurazioni, ACI Global, ACI Mondadori, ACI Progei, ACI Sport, ACI Vallelunga, Guida Sicura, Targasys, Radio Traffic, Ventura. Ulteriori notizie sulle attività dell ACI sono ritraibili sul sito web * * * * 1

2 Allo scopo di perseguire le proprie finalità, ACI è impegnato nella realizzazione di una vasta gamma di prodotti e servizi per gli automobilisti e per la Pubblica Amministrazione, che si possono classificare in due categorie principali: Servizi Istituzionali Servizi Delegati SERVIZI ISTITUZIONALI Sono tutti i servizi rivolti a promuovere gli interessi dei propri soci e dei cittadini italiani in generale nel campo della mobilità, dell educazione e sicurezza stradale, dell attività sportiva automobilistica e del turismo; rientrano tra questi i servizi offerti da ACI tramite la rete degli Automobile Club locali e le società collegate, facenti parte del gruppo ACI. SERVIZI DELEGATI Sono i servizi pubblici che ACI offre ai cittadini direttamente attraverso i propri Uffici Provinciali o mediante la rete degli Automobile Club locali e delle loro delegazioni, per conto dello Stato e degli Enti Pubblici territoriali (Regioni e Province). I servizi pubblici delegati gestiti da ACI sono: La gestione del Pubblico Registro Automobilistico (P.R.A.), affidata ad ACI dallo Stato, viene svolta per mezzo degli Uffici Provinciali ACI (UU.PP.), presenti sul territorio nazionale in ciascun capoluogo di Provincia (tale servizio è più ampiamente descritto in seguito). Nell ambito del PRA, tutte le Province italiane hanno affidato ad ACI la riscossione, la contabilizzazione e il riversamento dell Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT); l ACI è inoltre sostituto d imposta per conto dello Stato relativamente alla riscossione dell imposta di bollo. La gestione delle Tasse Automobilistiche, è affidata ad ACI dalle Regioni che hanno sottoscritto la relativa convenzione con l Ente; la riscossione delle tasse viene svolta su tutto il territorio nazionale mediante la rete degli Automobile Club locali e delle loro delegazioni, i quali curano direttamente la riscossione ed il riversamento delle tasse alle Regioni di competenza. L attività di esazione e riversamento delle Tasse automobilistiche è più ampiamente descritta nell apposito capitolo che segue. Nei paragrafi successivi sono specificate le attività di ACI per ciascuna delle quali sono indicati i riferimenti quantitativi in termini di volumi e controvalore. 2

3 GLI UFFICI PERIFERICI DELL AUTOMOBILE CLUB D ITALIA 1. LA STRUTTURA PERIFERICA DELL AUTOMOBILE CLUB D ITALIA Gli Uffici Periferici propri dell Automobile Club d Italia sono: i 107 Uffici Provinciali (UU.PP.), situati in ciascun capoluogo di provincia, ai quali è affidata la gestione dei servizi all utenza, relativamente al Pubblico Registro Automobilistico (PRA), nonché la consulenza e l assistenza in materia di Tasse Automobilistiche; tali Uffici (UU.PP.) operano mediante sportelli aperti al pubblico, dove è possibile presentare le richieste di consultazione, iscrizione, trascrizione e cancellazione di autoveicoli e motoveicoli nel PRA. Per la descrizione più dettagliata di tale servizio ed in particolare dello Sportello Telematico, che dal 2000 ha semplificato le operazioni attinenti alle iscrizioni nel PRA, si rinvia all apposita sezione. le 18 Direzioni Regionali (DD.RR.), aventi un ruolo di coordinamento e monitoraggio a livello regionale sulle attività degli Uffici Provinciali ACI e dagli Automobile Club locali. 2. I FLUSSI FINANZIARI RIFERITI AGLI UFFICI PERIFERICI ACI I flussi finanziari in entrata degli Uffici Provinciali sono quelli legati alla riscossione delle somme relative alla gestione del Pubblico Registro Automobilistico, corrisposte dalle agenzie di pratiche auto e dall utenza privata; tali somme sono costituite dall Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT), dall Imposta di Bollo e dai diritti ACI relativamente alle attività del P.R.A. I flussi finanziari in uscita degli UU.PP. sono quelli per il riversamento di dette somme agli Enti percettori (Sede Centrale dell ACI, Stato e Province) nonché per il sostenimento delle spese di funzionamento dell Ufficio Provinciale. I In particolare, IPT ed imposta di bollo costituiscono almeno l 80% dei flussi finanziari in entrata ed in uscita che ACI gestisce per le attività P.R.A., facenti capo agli UU.PP. Con l avvio dello Sportello Telematico (descritto ampiamente più avanti) oltre l 80% delle operazioni PRA viene incassata con RID e bonifico bancario; recentemente è stata introdotta la possibilità per gli utenti di effettuare pagamenti in moneta elettronica agli sportelli PRA attraverso appositi POS fisici. Come detto successivamente, gli incassi effettuati tramite procedura RID vengono accreditati giornalmente sul conto bancario principale acceso presso lo sportello di Roma mentre tutti gli incassi in contanti vengono versati giornalmente dagli Uffici Periferici dell ACI in appositi conti bancari aperti sugli sportelli dell istituto cassiere in ciascun capoluogo di provincia; tali ultimi conti periferici lavorano in modalità di cash pooling giornaliero riversando automaticamente il saldo sul conto centrale dell Ente. Analogamente anche per l Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT), il riversamento alle 107 Amministrazioni Provinciali è gestito centralmente dalla Direzione Amministrazione e Finanza dell ACI, che ogni giorno ordina al proprio istituto cassiere l esecuzione di un mandato collettivo, consistente in 107 bonifici da effettuare a ciascuna Provincia beneficiaria. 3

4 Per il sostenimento delle spese di funzionamento degli Uffici Provinciali e delle Direzioni Regionali, sono stati accesi appositi conti bancari sugli sportelli dell istituto cassiere in ciascun capoluogo di provincia; il personale degli Uffici Periferici abilitato ai prelevamenti bancari, attinge la liquidità da tali conti in relazione alle necessità dell Ufficio, fino ad un massimo di giornalieri; anche questi conti lavorano in modalità cash pooling, in quanto i loro saldi vengono girati giornalmente sul conto centrale ACI. I conti transitori aperti e gestiti dagli Uffici Periferici ACI per la gestione di entrate e spese in modalità cash pooling sono in totale 232; in particolare, 107 conti per la gestione degli incassi periferici degli UU.PP., 125 per il prelevamento della liquidità necessaria a sostenere le spese di funzionamento degli Uffici Provinciali e delle Direzioni Regionali. Nei paragrafi successivi sono descritti più ampiamente i servizi delegati svolti da ACI. 4

5 IL SERVIZIO DELEGATO DEL PUBBLICO REGISTRO AUTOMOBILISTICO E LO SPORTELLO TELEMATICO Per descrivere l attività delegata svolta dall Automobile Club d Italia per la gestione del Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e le modalità con cui l Ente riscuote le somme relative a tale servizio, sono di seguito trattati i seguenti argomenti: 1. il ruolo degli Uffici Provinciali ACI (UU.PP.) e la presentazione delle formalità mediante lo Sportello Telematico dell Automobilista (c.d. STA ); 2. il sistema di riscossione adottato da ACI per la gestione del PRA; 3. gli attuali strumenti telematici per l incasso delle formalità STA: il RID interbancario; 4. gli strumenti d incasso da sviluppare: il bonifico ad iniziativa del beneficiario. 1. LA PRESENTAZIONE DELLE FORMALITA AGLI UFFICI PROVINCIALI ACI E LO SPORTELLO TELEMATICO DELL AUTOMOBILISTA Gli Uffici Provinciali sono sedi periferiche dell ACI situate in tutti i capoluoghi di provincia del territorio nazionale; ad essi è affidata la gestione dell archivio attestante la situazione giuridica, sia storica che presente, dei veicoli per i quali la legge prescrive l iscrizione, l annotazione e la trascrizione nell apposito registro pubblico (c.d. P.R.A.) di tutte le vicende giuridiche relative alla loro proprietà. Le richieste di registrazione nel Pubblico Registro Automobilistico delle suddette vicende sono presentate dall utenza e definite formalità e possono essere di vario tipo; l utente può presentare le richieste di espletamento delle formalità direttamente ad ACI o per il tramite di un intermediario. Relativamente agli Uffici Provinciali ACI le richieste delle formalità possono essere presentate nei seguenti modi: direttamente dall utente, che si reca agli sportelli degli UU.PP.; tramite un intermediario, il quale figura come richiedente della formalità, presentata per conto dell utente; gli intermediari sono le agenzie di pratiche auto, le Delegazioni ACI, gli Automobile Club Provinciali, nonché gli Uffici Provinciali del Dipartimento Trasporti Terrestri della Motorizzazione Civile (DTT); in particolare, questi ultimi possono presentare ad ACI le sole formalità rientranti nello Sportello Telematico dell Automobilista (STA). Lo STA è un sistema innovativo (previsto e disciplinato dal DPR 358/2000) di gestione delle pratiche automobilistiche in via telematica, che prevede la contestuale presentazione delle formalità di competenza ACI e del DTT ed il contestuale rilascio dei certificati di entrambi gli Enti, per il tramite di un qualsiasi soggetto abilitato STA del territorio nazionale. Con lo STA le formalità vengono eseguite telematicamente e contestualmente alla presentazione della richiesta, in modo che il soggetto abilitato STA sia in grado di produrre in tempo reale i rispettivi documenti da rilasciare all utente che attestano l avvenuta esecuzione da parte di ACI (Certificato di Proprietà) e del DTT (Carta di Circolazione) degli adempimenti di propria 5

6 competenza; il primo documento attesta l avvenuta registrazione della proprietà del veicolo, il secondo la riconosciuta idoneità di quest ultimo alla circolazione. In particolare, poiché la presentazione della richiesta deve avvenire senza vincolo di competenza territoriale (ovvero svincolata dalla Provincia di residenza dell intestatario della formalità), l utente può recarsi indifferentemente in uno dei seguenti punti abilitati STA del territorio nazionale: 1. sportelli STA attivi presso tutti i 107 Uffici Provinciali ACI (UU.PP.); 2. sportelli STA attivi presso tutti i 107 Automobile Club (AA.CC.); 3. sportelli STA attivi presso gli 88 Uffici Provinciali della Motorizzazione Civile (DTT); 4. sportelli STA attivi presso gli intermediari abilitati STA (c.d. Punti di Servizio STA), ovvero le Imprese private (Agenzie, Studi di consulenza auto che richiedono le formalità per conto dell utente) e le Delegazioni ACI i quali complessivamente costituiscono oltre soggetti. I soggetti STA ricevono la richiesta di formalità dall utenza, la inoltrano in via telematica ai due Enti competenti (ACI e Motorizzazione), incassano le relative somme e rilasciano in tempo reale i documenti che attestano l esecuzione da parte di ACI e DTT, versando a questi ultimi le somme di rispettiva competenza. La normativa STA prevede che la presentazione delle formalità telematiche sia accompagnata dal contestuale pagamento delle somme dovute dall utente ed seguita dalla consegna della documentazione cartacea che ne attesta l avvenuta esecuzione da parte degli Enti competenti. Le somme sulle formalità di competenza ACI comprendono l Imposta Provinciale di Trascrizione c.d. IPT, l imposta di bollo, gli emolumenti ACI; queste ultime vengono acquisite sul Registro Progressivo dell Ufficio Provinciale competente, che costituisce il documento ufficiale attestante le iscrizioni e le vicende giuridiche dei veicoli nel P.R.A. e che rappresenta un archivio pubblico, consultabile da chiunque dietro specifica richiesta. Per ciascuna formalità presentata dall utenza o dagli intermediari, ACI effettua il controllo sulla congruità degli importi dichiarati nella richiesta (autocertificazione), ne verifica la conformità alla normativa vigente, rilascia il certificato di proprietà (CDP) ed effettua il riversamento degli importi spettanti agli altri Enti percettori (alla Provincia l IPT, all Agenzia delle Entrate l imposta di bollo); inoltre, sulle formalità presentate e pagate direttamente agli sportelli degli UU.PP. ACI oltre alle proprie somme, riscuote e riversa anche quelle di competenza DTT. Per quanto concerne l Imposta Provinciale di Trascrizione (IPT), le modalità di gestione del tributo sono disciplinate in un apposita convenzione, sottoscritta da ACI con le varie Amministrazioni Provinciali, per la delega all espletamento di tutte le attività riguardanti l imposta. Il riversamento dell IPT alle 107 Province viene effettuato da ACI ogni giorno ed in via centralizzata, in base agli importi dovuti a ciascuna Provincia risultanti dal Registro Progressivo dei Uffici Provinciali ACI; l IPT rappresenta oltre il 70% delle somme riscosse da ACI relativamente alle formalità PRA. Anche i riversamenti e la presentazione della dichiarazione annuale dell imposta di bollo sono effettuati centralmente da ACI, sulla base di quanto stabilito dalla vigente normativa in materia. Il riversamento delle somme di spettanza del Dipartimento dei Trasporti Terrestri della Motorizzazione Civile (DTT), riscosse sulle formalità STA, avviene ad opera degli UU.PP. 6

7 2. IL SISTEMA DI RISCOSSIONE ADOTTATO DA ACI SULLE FORMALITA DI PROPRIA COMPETENZA In relazione alla presentazione delle formalità ed alla riscossione delle relative somme, ACI ha adottato un sistema di multicanalità. Le somme relative alle formalità di competenza ACI affluiscono all Ente con diverse modalità, a seconda di come è avvenuta la presentazione; il sistema di multicanalità degli strumenti di pagamento a disposizione dell utenza e degli operatori STA, adottato da ACI, prevede: pagamento in contanti o carte di debito del circuito pagobancomat, per le formalità presentate dagli utenti direttamente agli sportelli dei 107 Uffici Provinciali ACI; versamento con bollettino di conto corrente postale, per le formalità presentate ad ACI tramite gli sportelli STA presso gli Uffici della Motorizzazione Civile; versamento mediante gli strumenti telematici del sistema interbancario (RID o bonifico) o postale (canale postale on line, attivo dal 2007), per le formalità presentate ad ACI dagli intermediari abilitati allo STA (Agenzie, AA.CC. e Delegazioni), tenuti a riversare ad ACI le somme riscosse per suo conto. In particolare, le somme di competenza ACI sulle formalità telematiche presentate dai suddetti intermediari, vengono riscosse prevalentemente attraverso lo strumento del RID interbancario commerciale di tipo standard oppure veloce ; tali incassi oggi rappresentano oltre l 80% delle somme percepite da ACI sulla presentazione delle formalità PRA. Il residuo 20% delle somme relative alle formalità affluisce ad ACI mediante versamento in conto corrente postale (nel caso in cui gli utenti presentino le formalità ACI alle postazioni STA presso gli Uffici del DTT), bonifico bancario (quando è temporaneamente inattivo il RID), versamento diretto agli sportelli ACI aperti al pubblico (contanti, bancomat o assegni circolari) e canale postale (versamento on line su conto postale da parte degli intermediari che preferiscono quest ultimo anziché il RID); il canale postale è una modalità alternativa istituita di recente e poco utilizzata dalle Agenzie mentre il POS è attivo dai primi mesi del Nella tabella 1 che segue sono evidenziati gli importi e le percentuali di incassi sulle formalità, in funzione delle diverse modalità di riscossione negli anni 2005, 2006 e Nei paragrafi successivi sono descritte le singole modalità di riscossione utilizzate da ACI. 7

8 Tabella 1: Incassi delle formalità mediante gli strumenti di pagamento adottati da ACI ANNO di RIFERIMENTO 2005 TOTALI TOTALI MODALITA INCASSO VALORE INCASSATO (euro) NUMERO DI FORMALITA % valore su INCASSO TOTALE Sportello PRA ,51 (contanti) % RID standard , % RID veloce Bollettino postale , % ,84 oltre 12 milioni 100% Sportello PRA (contanti) , % RID standard , % RID veloce , % Bollettino postale , % ,59 oltre 13 milioni 100% Sportello PRA (contanti) Circa 200 milioni % RID standard , % RID veloce ,57 18% Bonifico bancario Oltre 70 milioni Oltre % Bollettino postale Oltre 20 milioni Oltre 110 mila 1,7% Canale postale Circa 2 milioni <100 mila 0,1% TOTALI 2007 Circa 2 miliardi di euro nel 2007 di cui per 83% incassati a mezzo RID oltre 14 milioni 100% 3. IL PRINCIPALE STRUMENTO DI INCASSO DELLE FORMALITA TELEMATICHE ACI: IL RID INTERBANCARIO Dall avvio dello Sportello Telematico (attivo da novembre 2000 e a pieno regime da novembre 2002) il principale strumento di riscossione delle formalità telematiche di competenza ACI è il RID interbancario. Tale strumento viene gestito direttamente da ACI che raccoglie i contratti autorizzativi sottoscritti dai Punti di Servizio abilitati allo STA (Agenzie, etc. c.d. PdS) e li invia telematicamente alla banca passiva (mediante la procedura di allineamento archivi ). In seguito, ricevuta la conferma dell attivazione della delega da parte della suddetta banca, per ogni giornata di presentazione delle formalità telematiche da parte dei PdS STA, ACI invia i relativi flussi di addebito RID al sistema bancario, affinché le somme giornalmente dovute dai PdS che hanno effettuato la presentazione in STA (circa PdS al giorno) siano addebitate sul loro conto corrente ed accreditate su quello intestato ad ACI. 8

9 Le disposizioni RID richieste da ACI per lo STA hanno tutte le seguenti caratteristiche: sono di tipo commerciale e vengono emesse in formato standard o veloce a favore del rispettivo conto corrente bancario ACI, dedicato esclusivamente a tali tipologie di incassi (STA); sono scadute alla data di presentazione telematica della formalità; infatti, l invio del RID avviene successivamente alla presentazione STA ma con valuta di addebito pari alla scadenza; l addebito RID viene richiesto da ACI alla banca domiciliataria del PdS, via home banking, mediante l applicativo fornito dall istituto cassiere; gli addebiti RID richiesti da ACI sono associati alle somme giornalmente dovute da ciascun PdS già al momento dell emissione dei RID; pertanto, con la restituzione degli esiti da parte delle banche domiciliatarie, ACI è in grado di riconciliare automaticamente le somme attese da ciascun PdS con gli incassi percepiti e con gli insoluti per ogni giornata di lavorazione STA; le distinte di addebito sono giornaliere (ognuna è costituita da oltre disposizioni RID) per un valore complessivo superiore a 7 milioni di euro per ciascuna distinta; l accredito delle distinte RID sul conto corrente ACI avviene con clausola salvo buon fine ; con la ricezione degli esiti relativi al mancato buon fine di alcune disposizioni, le somme non incassate, precedentemente accreditate salvo buon fine sul conto ACI, vengono addebitate all Ente con pari valuta su apposito conto, dedicato soltanto agli insoluti RID STA; l addebito del RID a carico del PdS avviene senza diritto di storno della disposizione nei 5 giorni successivi alla richiesta di prelevamento, inviata da ACI; sia gli importi accreditati salvo buon fine che quelli addebitati a causa di insoluti vengono girati con modalità di cash pooling giornaliero sul conto centrale dell Ente, al quale sono associati gli ordinativi di incasso e di pagamento, eseguiti dall Istituto Cassiere ACI; per lo STA sono istituiti altri quattro conti bancari di transito dedicati a: l addebito delle commissioni RID, l addebito degli insoluti RID, l accredito dei bonifici richiesti da ACI alle PdS a copertura degli insoluti, nonché l accredito dei bonifici pagati in luogo del RID, nei soli casi di temporaneo disallineamento con la banca domiciliataria; i suindicati 4 conti lavorano tutti in modalità cash pooling giornaliero con il conto centrale dell Ente, su cui vengono girati i movimenti positivi e negativi aventi pari data valuta. La predisposizione delle richieste di addebito RID avviene immediatamente dopo la chiusura di ciascuna giornata in cui i PdS del territorio nazionale hanno presentato le formalità telematiche a ciascun Ufficio Provinciale ACI; a fine giornata il sistema informatico ACI calcola l importo dovuto da ciascun PdS per la giornata di lavorazione STA appena conclusa e successivamente predispone un file in formato CBI contenente i flussi di addebito; il giorno lavorativo successivo il suddetto file viene inviato alle banche debitrici come RID scaduto, con valuta di addebito pari al giorno precedente, mediante la procedura home banking fornita ad ACI dalla banca di appoggio. Dall anno 2006 sulle presentazioni STA di valore più consistente ACI richiede l addebito mediante RID veloce anziché standard, in modo da avere notizia degli eventuali insoluti in tempi più rapidi e contenere il rischio di insolvenza insito nello strumento bancario RID. Nella Tabella 2 di seguito riportata sono evidenziati i dati relativi agli incassi RID delle formalità STA negli ultimi quattro anni. 9

10 Tabella 2: Incassi delle formalità mediante gli strumenti di pagamento adottati da ACI ANNO di RIFERIMENTO NUMERO RID STA EMESSI VALORE INCASSATO (euro) NUMERO DI INSOLUTI NUMERO PUNTI DI SERVIZIO , , , , , NB: Nel 2006 ACI ha emesso n.ro disposizioni RID STA di tipo veloce, per un valore complessivo pari a ,95; nel 2007 i RID veloci sono stati pari a n.ro per un valore complessivo di ,57. Occorre considerare che ACI utilizza lo strumento del RID anche per la riscossione di fatture relative a servizi commerciali; nell anno 2007 sono state emesse circa fatture riscuotibili tramite RID per un controvalore di 37,2 milioni di euro. 4. I NUOVI STRUMENTI DI INCASSO: IL CANALE POSTALE E LA MONETA ELETTRONICA (POS) Dal 2007 ACI ha avviato ulteriori strumenti di incasso telematico delle formalità STA, al fine di realizzare un sistema integrato di multicanalità delle modalità di pagamento per i clienti; tali strumenti sono il canale postale e la riscossione in moneta elettronica a mezzo POS fisico e virtuale. E intenzione di ACI ampliare e migliorare l utilizzo degli strumenti di riscossione attuali ed avvalersi di ulteriori soluzioni, da mettere a disposizione dell utenza privata, dei clienti e della rete di Punti di Servizio, abilitati allo STA; tra i possibili strumenti che l Ente intende adottare prossimamente, si evidenzia il bonifico ad iniziativa del beneficiario, descritto più avanti. In dettaglio i nuovi strumenti di incasso sono: 4.1. IL CANALE POSTALE (per le Agenzie di pratiche auto) Per consentire l attivazione di tale strumento sin dai primi mesi del 2007, ACI ha sottoscritto nel 2006 un apposita convenzione con Poste Italiane SpA. 10

11 I PdS che si avvalgono del canale postale, a fine giornata eseguono il pagamento delle formalità STA presentate ad ACI mediante l addebito on line di un conto corrente postale di tipo BPIOL (Banco Posta Impresa On Line); l operazione viene eseguita in tempo reale solo se trova la corrispondente copertura sul conto postale scelto dal PdS per il pagamento. Per eseguire la transazione il Punto di Servizio deve solo convalidare l importo da pagare, che a fine giornata gli viene proposto direttamente dal sistema informatico, connettersi al proprio conto corrente postale on line per confermare il corrispondente addebito e confermare il pagamento; il sistema informatico fornito da Poste associa a ciascuna transazione i corrispondenti bollettini postali telematici. Se la transazione va a buon fine, il corrispondente importo viene accreditato su un conto corrente postale ACI dedicato esclusivamente a tali incassi, che poi saranno trasferiti sul conto di Tesoreria Centrale mediante girofondo postale. Il sistema homebanking di Poste evidenzia ad ACI l importo delle transazioni eseguite e di quelle non andate a buon fine, tutte associate ai rispettivi Punti di Servizio ed a ciascuna giornata di lavorazione; in questo modo ACI può automaticamente riconciliare le somme attese con quelle incassate e procedere al recupero dei crediti in caso di mancato pagamento. Nel 2007 le formalità incassate da ACI a mezzo canale postale sono state in numero inferiore al 1% di quelle complessivamente presentate in STA dai Punti di Servizio esterni IL POS fisico (per l utenza di sportello) Gli incassi attualmente percepiti in contanti presso gli sportelli aperti al pubblico presenti nei 107 Uffici Provinciali ACI rappresentano circa il 18% degli incassi complessivi PRA; tra questi più del 10% è rappresentato dalle formalità STA richieste allo sportello telematico presso gli UUPP ACI. Il residuo 8% è rappresentato dagli incassi in contanti per formalità non rientranti nello STA oppure per il rilascio di certificazioni, duplicati del Certificato di Proprietà, visure ed estratti cronologici su quanto registrato nell archivio PRA. L utenza che presenta le richieste agli sportelli ACI è costituita principalmente da privati, da operatori professionali non abilitati allo Sportello Telematico e da altri soggetti che richiedono formalità e servizi PRA solo occasionalmente, recandosi direttamente agli Uffici Provinciali ACI (demolitori, concessionari auto, curatori fallimentari, liberi professionisti, P.A. etc.). Per l utenza di sportello ACI ha recentemente avviato (in via sperimentale da fine 2007 ed a regime da aprile 2008) la possibilità di pagare in moneta elettronica mediante carte di debito del circuito PagoBancomat, utilizzabili sui POS fisici installati agli sportelli di tutti gli Uffici Provinciali. Dal 2005 al 2007 il numero di formalità riscosse in contanti agli sportelli degli UU.PP. per ciascun anno è stato pari a oltre 2 milioni di operazioni all anno, per un controvalore di oltre 200 milioni di euro; tale importo rappresenta il riferimento potenziale massimo delle transazioni POS agli sportelli ACI, nell ipotesi di pagamenti effettuati solo con bancomat. Dai dati di effettivo utilizzo del POS, rilevati nel primo semestre 2008, risulta quanto segue: 11

12 Tabella 3: Volume e valore degli incassi POS da fisico agli UU.PP. Valore e dato di riferimento Rilevazione effettiva fino al Stima valori a regime (valori annui con 380 POS attivi) Numero transazioni POS all anno Valore delle transazioni ,79 euro 9 Ml/euro all anno Q.tà media transazioni al mese (*) Valore medio transazioni al mese ,89 euro (*) Oltre euro Numero di POS attivi Numero di POS installati Valore medio di una transazione 202 euro 150 euro Q.tà transazioni stimate al (per difetto) Controvalore stimato al (per difetto) ,68 (*) I valori calcolati al sono per difetto in quanto basati sulla proiezione a 12 mesi della media dei valori effettivi rilevati a maggio e giugno 2008; i dati annuali stimati a regime sono stati calcolati presupponendo l utilizzo di tutte le postazioni POS attualmente installate e l attuale propensione dell utenza ad utilizzare la moneta elettronica. Per assorbire l intera domanda dell utenza in funzione dei volumi potenziali di pagamenti, sono necessari almeno 400 POS nei 107 Uffici Provinciali; attualmente ne sono già stati installati 380. I terminali POS (del tipo stand alone ) sono collegati al conto di transito di ciascun Ufficio Provinciale, in modo che ogni UU.PP. possa riscontrare sul proprio conto gli incassi percepiti ed i relativi storni, nonché riconciliare tali operazioni con gli scontrini POS prodotti agli sportelli; a fine giornata le movimentazioni POS vengono trasferite con netting sul conto principale ACI, per la relativa contabilizzazione da centro. Le commissioni sulle transazioni da POS fisico, effettuate presso gli UU.PP., devono essere addebitate su un unico conto centralizzato, monitorato dalla Direzione Centrale Amministrazione e Finanza, attraverso il quale quest ultima riconcilia automaticamente le transazioni POS con la contabilità, nonché le commissioni attese (calcolate sulla base del numero di transazioni registrate da ciascun terminale) con quelle effettivamente addebitate dalla banca. La banca deve mettere a disposizione dell ACI tutti gli strumenti e le procedure informatiche occorrenti per la riconciliazione dei movimenti POS con la contabilità dell ACI secondo le specifiche che verranno comunicate da ACI. I POS installati negli UUPP sono abilitati a leggere le sole carte di debito del circuito PagoBancomat, comunemente utilizzate presso gli esercizi commerciali; non è consentito l utilizzo delle carte di credito. * * * * * Un ulteriore strumento che ACI ha sviluppato per la riscossione delle somme derivanti dalla fatturazione dei clienti (non anche per le somme STA) è: 12

13 4.3. IL POS virtuale (per il pagamento delle fatture commerciali emesse dall ACI) Da Settembre 2008 tutti i clienti ACI avranno a disposizione l ulteriore modalità di pagamento con carta di credito (POS virtuale) utilizzabile on line per il pagamento delle fatture inviate da ACI nell ambito dell applicazione Fatturazione Web, attiva dal 2007 con la rete delle delegazioni e dei rispettivi Automobile Club. Si tratta di un utenza di circa clienti ai quali verrà tuttavia permesso di pagare tramite carta di credito esclusivamente le fatture non riscuotibili tramite RID; si stima, a regime, un numero di transazioni annue pari a per un controvalore di euro. Per il pagamento delle fatture web mezzo POS virtuale i canali attivati sono quelli delle carte di credito dei circuiti VISA, Mastercard e Maestro con possibile estensione anche a American Express, Diner s Club International e JCB. Le commissioni bancarie relative a tale servizio devono essere addebitate mensilmente dalla banca sul conto centrale ACI STRUMENTI DA SVILUPPARE: IL BONIFICO A INIZIATIVA DEL BENEFICIARIO Nell intento di ampliare il sistema di multicanalità delle modalità di pagamento per i clienti, ACI ha individuato nel bonifico ad iniziativa del beneficiario un ulteriore strumento bancario on line, da mettere a disposizione dei PdS STA per il riversamento delle somme dovute da questi ultimi sulle formalità telematiche ACI. Giornalmente, ACI predisporrà un flusso telematico, creato sulla base dei crediti maturati verso ciascun PdS; quest ultimo potrà visualizzare il contenuto della disposizione di bonifico predisposta da ACI e confrontare tale importo con il valore delle formalità PRA telematiche, presentate ad ACI nella medesima giornata di riferimento. Effettuato il suddetto riscontro, il PdS dovrà convalidare il bonifico on line per il relativo addebito sul proprio conto; in tale modo la disposizione di addebito verrà automaticamente inoltrata, tramite l istituto cassiere dell ACI, alla banca del PdS per il trasferimento della somma a favore di ACI. La disposizione confermata dal debitore dovrà essere eseguita dalla banca ricevente come un normale bonifico bancario on line, con la restituzione della relativa conferma ed i dati identificativi dell operazione (codice CRO, etc.); i tempi e la valuta di accredito delle somme a favore di ACI dovranno essere gli stessi previsti dal sistema bancario per i bonifici ordinari. L operazione dovrà avere buon fine solo sin caso di integrale capienza e disponibilità di valuta sul conto da addebitare; l accredito a favore di ACI dovrà avvenire con clausola al dopo incasso. Il sistema dovrà garantire il requisito della contestualità tra presentazione della richiesta ad ACI (data di invio delle formalità) e pagamento (valuta di addebito); in particolare, nella predisposizione del flusso ACI deve poter fissare la valuta di addebito per il PdS o quella di accredito per ACI. Ciascun bonifico dovrà essere associato al credito di ACI verso il singolo Punto di Servizio per una stessa giornata di lavorazione; ogni operazione dovrà fornire il relativo esito che dovrà pervenire ad ACI in via telematica, per poter effettuare automaticamente la riconciliazione tra le somme attese e 13

14 quelle effettivamente riscosse o inevase; ciò al fine di contabilizzare correttamente gli incassi e procedere tempestivamente al recupero dei crediti. Come per il RID e per il canale postale anche in questo caso è fondamentale che gli esiti relativi ai suddetti bonifici pervengano ad ACI in tempi brevissimi, al fine di contenere il più possibile il rischio di insolvenza sulle riscossioni in via telematica. Le operazioni relative all invio del bonifico al debitore, la conferma da parte di quest ultimo, la restituzione dell esito da parte della banca nonché la riconciliazione delle somme attese con quelle incassate e con gli insoluti, devono poter avvenire esclusivamente mediante procedure informatiche e telematiche. Il bonifico ad iniziativa del beneficiario è uno strumento che potenzialmente potrebbe essere utilizzato dall utenza RID, in sostituzione o in alternativa a quest ultimo. LA GESTIONE DELLE TASSE AUTOMOBILISTICHE Le tasse automobilistiche regionali vengono riscosse sul territorio nazionale dalla rete degli Automobile Club, delle loro delegazioni nonché da altri operatori professionali estranei alla rete ACI (tabaccai, agenzie di consulenza automobilistica ed altri soggetti abilitati ex Legge 264/91). I soggetti incaricati della riscossione provvedono direttamente al riversamento delle tasse sui conti di Tesoreria delle Amministrazioni Regionali competenti. Per le Regioni convenzionate con ACI, gli Uffici dell Ente effettuano il monitoraggio sull attività di esazione e riversamento delle somme e gestiscono la contabilità, l attività di precontenzioso nonché l aggiornamento delle relative banche dati informatiche. I volumi degli incassi delle Tasse Automobilistiche transitati per la rete delle Delegazioni ACI nel triennio sono i seguenti: TIPOLOGIA di INCASSO (importi netti in migliaia di euro) Riscossioni Tasse automobilistiche Regioni convenzionate 1,5 Mld/euro 1,6 Mld/euro 1,8 Mld/euro Riscossioni Tasse automobilistiche Regioni non convenzionate 490 Ml/euro 541 Ml/euro 753 Ml/euro Le potenzialità delle nuove tecnologie hanno permesso ad ACI l apertura di sportelli virtuali per poter effettuare il pagamento delle Tasse Automobilistiche; detti sportelli sono disponibili 24 ore su 24 per 365 giorni all anno e sono utilizzabili tramite telefonia fissa (servizi di Telebollo e BolloIVR), via Internet (servizio Bollonet) o con telefonia mobile (servizi BolloSMS e BolloWAP). Recentemente sono stati attivati per l utenza servizi sperimentali di pagamento del tributo automobilistico attraverso ATM bancari nelle Province autonome di Bolzano e Trento. 14

15 ALCUNI DATI SIGNIFICATIVI RELATIVI ALL ANNO 2007 I movimenti della complessiva gestione finanziaria dell ACI per l esercizio 2007 si possono riassumere nei seguenti numeri: Tipologia di operazioni Quantità Valore ( ) Reversali di incasso ,91 Mandati di pagamento Fatture attive emesse ,69 - di cui incassate con RID ,86 Ulteriori notizie economiche e finanziarie sono ritraibili dai bilanci dell Ente consultabili presso la sede di Via Marsala Roma. 15

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14

INDICE. 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3. 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10. 3. Come acquistare on line Pag. 14 INDICE Carte Prepagate istruzioni per l uso 1. Cos è la carta prepagata Pag. 3 2. Sito carteprepagate.cc Pag. 10 3. Come acquistare on line Pag. 14 4. Come creare il 3D security Pag. 16 5. Collegamento

Dettagli

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard.

Di seguito due profili carta realizzabili combinando le diverse modalità di addebito, esemplificativi della versatilità che caratterizza YouCard. YouCard, la prima carta in Italia che consente di personalizzare il codice PIN, è anche l unica carta al mondo che unisce la sicurezza delle carte prepagate, la semplicità delle carte di debito e la flessibilità

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE

SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Pag. 1 / 6 SERVIZIO P.O.S. POINT OF SALE Foglio Informativo INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A. Piazza Salimbeni 3-53100 - Siena Numero verde. 800.41.41.41 (e-mail info@banca.mps.it

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma

ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo. Sede legale e amministrativa Via Lucrezia Romana, 41/47 00178 Roma PRODOTTO BASE UTENTE INFORMAZIONI SULL EMITTENTE ICCREA BANCA Spa - Istituto Centrale del Credito Cooperativo Sede legale e amministrativa Numero telefonico: 800.991.341 Numero fax: 06.87.41.74.25 E-mail

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*)

0,00 EUR Canone mensile. 0,00 EUR Canone/forfait/spese trimestrali. 0,00 EUR Spese annue per conteggio interessi e competenze (*) CONTO CORRENTE WEBANK L offerta commerciale della Banca contempla prodotti, servizi e attività differenti che si contraddistinguono per specifiche caratteristiche (es. i prodotti contraddistinti dal marchio

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza

Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza X-Pay Il pos virtuale di CartaSi per le vendite a distanza Agenda CartaSi e l e-commerce Chi è CartaSi CartaSi nel mercato Card Not Present I vantaggi I vantaggi offerti da X-Pay I vantaggi offerti da

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI SPESE FISSE SPESE VARIABILI INTERESSI SOMME DEPOSITATE FIDI E SCONFINAMENTI CAPITALIZZAZIONE DISPONIBILITA'SOMME VERSATE (*)

DOCUMENTO DI SINTESI SPESE FISSE SPESE VARIABILI INTERESSI SOMME DEPOSITATE FIDI E SCONFINAMENTI CAPITALIZZAZIONE DISPONIBILITA'SOMME VERSATE (*) CONDIZIONI ECONOMICHE CONTO WEBANK BUSINESS Le condizioni presenti in questo documento sono quelle standard del conto. Ogni eventuale deroga migliorativa è indicata nella documentazione contrattuale da

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ex articolo 5, comma 4 del decreto legislativo 7 marzo 2005. n. 82 e

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio N. 165 del 6 Novembre 2013 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi POS obbligatorio per esercenti di attività di vendita di prodotti e servizi, anche professionali (Articolo 15 commi

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

293,10 Non previsto. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto Questo conto è particolarmente adatto per chi al momento dell apertura del conto pensa di svolgere un numero bassissimo di operazioni o non può stabilire, nemmeno orientativamente, il tipo o il numero

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE

FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO DOPO INCASSO EFF/RIBA/RID INFORMAZIONI SULLA BANCA CARATTERISTICHE E RISCHI TIPICI DEL SERVIZIO CONDIZIONI ECONOMICHE INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA ALTO VICENTINO CREDITO COOPERATIVO SCPA - SCHIO Sede Legale, Amministrativa e Direzione Generale Via Pista dei Veneti, 14 36015 Schio (VI) Tel.: 0445/674000 - Fax: 0445/674500

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO

PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO PROMOZIONI SU TASSI E CONDIZIONI APPLICATE AI SERVIZI BANCARI E D INVESTIMENTO Edizione n. 26 del 03.07.2015 A. TASSO CREDITORE ANNUO NOMINALE GIACENZE FRUTTIFERE CONTO CORRENTE FREEDOM PIU... 1 B. TASSO

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale;

CIRCOLARE N. 1276. a) istituiti per soddisfare specificatamente esigenze di interesse generale, aventi carattere non industriale o commerciale; CIRCOLARE N. 1276 Condizioni generali per l accesso al credito della gestione separata della Cassa depositi e prestiti società per azioni (CDP), ai sensi dell art. 5 comma 7 lettera a), primo periodo,

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari)

Ordini di pagamento a favore di terzi Italia (Bonifici Assegni di traenza Assegni circolari) FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Informazioni sulla Banca Ordini di

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura.

Dicembre 2010. Conto 3. Guida pratica alla Fattura. Dicembre 200 Conto 3. Guida pratica alla Fattura. La guida pratica alla lettura della fattura contiene informazioni utili sulle principali voci presenti sul conto telefonico. Gentile Cliente, nel ringraziarla

Dettagli

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015

Internet Banking Aggiornato al 13.01.2015 Foglio informativo INTERNET BANKING INFORMAZIONI SULLA BANCA Credito Cooperativo Mediocrati Società Cooperativa per Azioni Sede legale ed amministrativa: Via Alfieri 87036 Rende (CS) Tel. 0984.841811 Fax

Dettagli

Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni

Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni Visualizzatore Pagamenti F24 per RC AUTO - istruzioni Il programma consente di visualizzare il contenuto dei files scaricabili da SIATEL 2.0 (PUNTOFISCO), relativi ai versamenti, eseguiti tramite modello

Dettagli

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT

QUIPAGO - MODALITÀ PAYMENT E-Commerce Qui Pago è l offerta di Key Client per il Commercio Elettronico: un Pos virtuale altamente affidabile ed efficiente che prevede diverse modalità d utilizzo: Payment (integrazione col sito del

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N.

FOGLIO INFORMATIVO N. 38/006 Relativo a: Operazioni di pagamento non rientranti in un contratto quadro ai sensi del D.LGS. N. INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di BUCCINO Società Cooperativa fondata nel 1982 Sede legale in Buccino, Piazza Mercato Loc. Borgo, cap. 84021 Tel.: 0828-752200 Fax: 0828-952377 [e-mail

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE

l agenzia in f orma GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE 6 l agenzia in f orma 2006 GUIDA OPERATIVA AL MODELLO F24 ON LINE INDICE INTRODUZIONE 2 1. I VERSAMENTI TELEMATICI 3 I vantaggi dei versamenti on line 3 Come si effettuano 3 Il conto su cui addebitare

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TESORERIA DELLO STATO TITOLO I ORDINAMENTO E FUNZIONI

INDICE PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TESORERIA DELLO STATO TITOLO I ORDINAMENTO E FUNZIONI INDICE Glossario PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TESORERIA DELLO STATO TITOLO I ORDINAMENTO E FUNZIONI Art. 1 - Articolazione del servizio di tesoreria dello Stato 16 Art. 2 - Vigilanza sul servizio di tesoreria

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

SERVIZIO P.O.S. Sezione I: Informazioni sulla banca. Sezione II: Caratteristiche e rischi tipici

SERVIZIO P.O.S. Sezione I: Informazioni sulla banca. Sezione II: Caratteristiche e rischi tipici FOGLIO INFORMATIVO SERVIZIO P.O.S. Sezione I: Informazioni sulla banca Denominazione e forma giuridica: Banca Centro Emilia-Credito Cooperativo Società Cooperativa Sede legale e amministrativa: Via Statale.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti

CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II. 1.Modalità pagamento pasti CAPITOLATO GESTIONALE PARTE II 1.Modalità pagamento pasti Pagina Introduzione 2 Pre-pagato con tessera scalare 3 1.1 Componenti del sistema 4 1.2 Come funziona 5 1.3 Fasi del servizio 6 - L iscrizione

Dettagli

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio

Deutsche Bank. db Corporate Banking Web Guida al servizio Deutsche Bank db Corporate Banking Web Guida al servizio INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. SPECIFICHE DI SISTEMA... 4 3 MODALITÀ DI ATTIVAZIONE E DI PRIMO COLLEGAMENTO... 4 3. SICUREZZA... 5 4. AUTORIZZAZIONE

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla?

3- Dove e come posso richiederla ed attivarla? FAQ ITALO PIU 1- Cos è la Carta Italo Più? 2- Cosa puoi fare con Italo Più? 3- Dove e come posso acquistarla? 4- Quanto costa? 5- Come posso ricaricare la carta? 6- Dove posso controllare il saldo ed i

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express

Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express Regolamento Generale Carte di Pagamento American Express Testo aggiornato a febbraio 2015 FOGLIO INFORMATIVO E DOCUMENTO DI SINTESI 10INFCHG0215 PER LE SEGUENTI CARTE DI PAGAMENTO EMESSE DA AMERICAN EXPRESS

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo. Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento

La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo. Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento La Direttiva Europea sui servizi di pagamento (PSD) e il Credito Cooperativo Compendio sulle nuove regole dei Servizi di Pagamento Versione 1.0, 16 febbraio 2010 Indice 1 Premessa... 7 1.1 Contenuti di

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

Servizio POS - contratto esercenti

Servizio POS - contratto esercenti 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Servizio POS - contratto

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO

ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO ALLEGATO N. 2 STANDARD TECNICI DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 1 INDICE 1) ASPETTI GENERALI 2) CONTENUTO DELL ARCHIVIO UNICO INFORMATICO 2.1) OPERAZIONI 2.2) RAPPORTI 2.3) LEGAMI TRA SOGGETTI 3) CRITERI

Dettagli

DIRETTIVE. Istruzioni d uso per l elaborazione dei pagamenti con carte

DIRETTIVE. Istruzioni d uso per l elaborazione dei pagamenti con carte DIRETTIVE Istruzioni d uso per l elaborazione dei pagamenti con carte Version: 3.0, 10. Dezember 2013 INDICE INDICE 1 Carte di debito: Maestro e VPAY 3-6 1.1 Segni distintivi di sicurezza 3-4 1.1.1 Maestro

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

CONTO CORRENTE ORDINARIO - NON CONSUMATORE

CONTO CORRENTE ORDINARIO - NON CONSUMATORE INFORMAZIONI SULLA BANCA: CONTO CORRENTE ORDINARIO - NON CONSUMATORE DENOMINAZIONE e FORMA GIURIDICA Banca delle Marche S.p.A., in Amministrazione Straordinaria SEDE LEGALE SEDE AMMINISTRATIVA Via Menicucci,

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

CAPITOLO PRIMO LA TRASCRIZIONE COME STRUMENTO LEGALE DI PUBBLICITA AL PUBBLICO REGISTRO AUTOMOBILISTICO (P.R.A.)

CAPITOLO PRIMO LA TRASCRIZIONE COME STRUMENTO LEGALE DI PUBBLICITA AL PUBBLICO REGISTRO AUTOMOBILISTICO (P.R.A.) CAPITOLO PRIMO LA TRASCRIZIONE COME STRUMENTO LEGALE DI PUBBLICITA AL PUBBLICO REGISTRO AUTOMOBILISTICO (P.R.A.) 1- LE FONTI L'istituto della trascrizione è disciplinato nel titolo primo del libro VI del

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA

PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA PAGAMENTO ELETTRONICO DELLA MARCA DA BOLLO DIGITALE Allineato alla versione 1.7 delle Specifiche Attuative del Nodo dei Pagamenti-SPC Versione 1.0 - febbraio 2015 STATO DEL DOCUMENTO revisione data note

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli