Università Politecnica delle Marche Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università Politecnica delle Marche Facoltà di Medicina e Chirurgia"

Transcript

1 Università Politecnica delle Marche Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di 1 livello per Infermiere di Area Critica Mild therapeutic hypothermia (MTH) in out-of hospital cardiac arrest (OHCA): a literature review Relatore: Masterizzando: Dott. Andrea Toccaceli Dott.ssa Di Lella Primiana Anno Accademico 2011/2012 1

2 Il riposo a voi sia, non letargo, ma preparazione di nuove forze e pensieri. Niccolò Tommaseo

3 INDICE Introduzione...pag 4 Metodi...pag 8 Risultati...pag 13 Refereces...pag 41 Ringraziamenti...pag 50 3

4 INTRODUZIONE 4

5 Ipotermia terapeutica: un po' di storia L incidenza dell arresto cardiaco extra-ospedaliero (out-of-hospital cardiac arrest, OHCA) è stimata in un report della World Health Organization (WHO) tra i 36 ed i 128 casi per individui per anno. In questa popolazione i tentativi di rianimazione cardiopolmonare compiuti si aggirano attorno all 86% ed una ripresa di circolo spontaneo (return of spontaneus circulation, ROSC) può essere raggiunta in un range compreso tra il 17% ed il 49%. Tra i pazienti inizialmente rianimati con successo, il danno anossico cerebrale è la principale causa di morbidità e mortalità. Almeno l 80% dei pazienti che inizialmente sopravvive ad una arresto cardiaco rimane in coma post-anossico per periodi più o meno prolungati, circa il 40% entra in uno stato vegetativo persistente e la mortalità ad una anno è pari all 80%(2). Nonostante il costante aggiornamento delle linee guida internazionali sulla rianimazione cardiopolmonare e sull advanced cardiac life support (ACLS) il tasso di sopravvivenza per gli arresti cardiaci extra-ospedalieri non è comunque migliorato nell ultima decade. Le linee guida infatti si focalizzano principalmente sul trattamento fino al ROSC, vista la scarsità di studi relativi all immediato periodo post-rianimatorio. Il completo recupero delle funzioni cerebrali è purtroppo ancora un evento raro. Anche in pazienti selezionati con evento testimoniato ed un intervallo tra arresto cardiaco e inizio delle manovre di ACLS inferiore a 15 minuti, la mortalità a 6 mesi è compresa tra 5

6 il 40 ed il 55% (6). Una volta ottenuto un ritorno di circolo spontaneo a seguito di una efficace rianimazione cardiopolmonare si verificano a livello cerebrale complessi meccanismi che portano ad un danno secondario da riperfusione con ulteriore perdita neuronale ed un conseguente peggioramento dell outcome cerebrale (6). L'utilità dell'ipotermia in medicina è stata riconosciuta fin dall'antichità. Ippocrate, primo medico moderno, avvolgeva nella neve e nel ghiaccio i soldati feriti. Evidenze storiche degli ultimi secoli, sostengono che il noto chirurgo di Napoleone, Barron Larrey osservò che i feriti lasciati al caldo avevano meno possibilità di sopravvivenza rispetto a chi veniva lasciato al freddo (22). Il primo articolo pubblicato sull'ipotermia risale al 1945 e trattava degli effetti dell'ipotermia sui pazienti colpiti da grave trauma cranico. Con gli anni, l'impiego dell'ipotermia terapeutica divenne sempre maggiore negli interventi di neurochirurgia, focalizzandosi su un abbassamento della temperatura corporea (TC) a Queste temperature provocano gravi effetti collaterali tali da rendere inapplicabile l'ipotermia terapeutica. Nel 1950 Rosonoff ha dimostrato come una lieve ipotermia terapeutica dia benefici in caso di ischemia cerebrale sugli animali. Solo dopo il 2000, l'ipotermia terapeutica è stata utilizzata come terapia negli arresti cardiaci extraospedalieri con un buon esito nurologico. Uno studio osservazionale del 2012 della Resuscitation ha dimostrato che i pazienti con OHCA che ricevono ipotermia terapeutica hanno una Cerebral performance score (CPC) più 6

7 elevata rispetto a chi non riceve ipotermia terapeutica. Lo studio osserva 172 pazienti di età media di 63,6 anni di cui il 74,4% maschi con inizio di TH in media dopo 94,4 minuti e raggiungimento della temperatura dopo 309 minuti con probabilità di ritardo neurologico ogni 5 minuti di ritardo dall'inizio di TH e trasferimento in ICU(6). 7

8 METODI 8

9 Cos'è l'ipotermia terapeutica L'ipotermia terapeutica è quella condizione che si verifica quando la temperatura interna del corpo (TCI) scende al di sotto di quella necessaria per il normale metabolismo e funzionamento del corpo. L'ipotermia terapeutica viene utilizzata nell' ACC dove tutto il corpo umano subisce una ischemiariperfusione completa, durante l'abbassamento della TCI il metabolismo rallenta del 5-7% e questo permette al corpo di ridurre il ritmo metabolico e di consumare meno energia oltre ad avere una neuroprotezione. L'applicazione dell' Ipotermia a fini protettivi e di miglioramento prognostico, ha dato le migliori evidenze soprattutto nei trial clinici relativi ad una categoria di pazienti con danno neurologico: quelli affetti da encefalopatia post-anossica secondaria a recupero di un circolo spontaneo (ROSC) stabile dopo ACR dovuto a ritmi defibrillabili e non defibrillabili. E stata effettuata una revisione della letteraria che si è interrogata sugli effetti dell'utilizzo dell'ipotermia terapeutica nell'arresto-cardiocircolatorio extraospedaliero. Gli articoli sono stati selezionati dai motori di ricerca PUBMED, Cochrane, Embase, American Heart Association, Science Direct. Le parole chiave utilizzate sono state: therapeutic hypothermia (TH), out-of-hospital cardiac arrest (OHCA), cerebral performance category scale (CPC). Sono stati individuati 134 articoli completi, sono stati esclusi dalla ricerca 3 articoli riguardanti TH nei neonati e bambini e 92 articoli che non hanno 9

10 oggetto in comune con l'argomento trattato per la literure review. Sono stati recuperati 39 studi full text ritenuti validi. Gli articoli selezionati vanno dal 2005 (30) al Gli studi sono stati quindi suddivisi in (tabella 1): 1. studi osservazionali: 18 articoli full text; 2. case report: 7 articoli full text; 3. review: 12 atricoli full text; 4. randomized control trial (RCT): 2 articoli full text Studi Osservazionali Case report Review RCT Sultan (1) Zushi (24) Arulkumaran (14) Janata (36) Dragancea (2) Schwartz (25) Huyunh (15) Wang (37) Mo Cho (3) Kurisu (26) Torgesen (16) Reinikainen (4) Tinley (27) Bernard (17) Kori (5) Sunde (28) Chen-lu (18) Sendelbach (6) Kämäräinen (29) Boyce (19) Tewelde (7) Nielsen (30) Imanasu (20) Mooney (8) Stub (21) Cronier (9) Nicolaou (22) Gaieski (10) Algaza (23) Belliard (11) Lopez-de-Sa (34) Majersik (12) Kim (35) Maze (13) Cariou (31) Stub (32) Joo Kim (33) Testori (38) Dumas (39) Tabella 1: testi selezionati per lo studio. 10

11 Tutti gli articoli sono stati suddivisi per autore, titolo, parole chiave, PICOM. Sono stati estrapolati i risultati principali e le prospettive future. Su questa base sono stati suddivisi gli articoli in 8 gruppi principali (tabella 2): Esami ematici e utilizzo dei farmaci durante TH (1); (3); (31); (16); (15); (24) Mortalità durante TH Neurologic score (2); (4) (6); (28); (20) Tabella 2: suddivisione studi. Metodi di induzione TH (5), (12), (14); (29); (33) Protocolli TH (7); (8); (10); (11); (12); (17); (19); (21); (34); (37); (18) TH associata a PCI (9); (13); (39); (22); (25); (30); (32) TH associata a ritmi non defibrillabili (38); (26); (35) Quando viene utilizzata l'ipotermia terapeutica Questa review valuta l'utilizzo dell'ipotermia terapeutica in OHCA con ROSC da ritmi defibrillabili e non defibrillabili (38),(26)(35). Undici articoli descrivono un protocollo riguardo l'mth che vanno dai tempi di inizio ottimali della MTH alla valutazione neurologica dopo il risveglio. 11

12 OHCA RITMI DEFIBRILLABILI E NON R C P RO SC TRASFERIMEN TO IN ICU INIZIO MTH PCI PRIMA RIA SE ECG POSITIVO PER IMA UTILIZZO DI INFUSIONI E PRESIDI RAFFREDDANTI RAGGIUNGI MENTO TCI MANTENI_ MENTO MTH PER H INIZIO RISCALDA MENTO: MAX 0,5 /h VALUTAZIONE NEUROLOGIC A SOSPEN SIONE SEDATIVI Figura 1: flow chart MTH 12

13 RISULTATI 13

14 Protocollo MTH l'applicazione della MTH a fini protettivi e di miglioramento prognostico, ha dato le migliori evidenze soprattutto in trial clinici relativi ad una catagoria di pazienti con danno neurologico: quelli affetti da encefalopatia (coma) postanossico secondaria a recupero di un circolo spontaneo (ROSC) stabile dopo ACR dovuto a ritmi defibrillabili e non. Uno degli interventi effettuati e raccomandati nel paziente acuto che si presenta in dipartimento di emergenza, è la prevenzione dell'ipotermia e il riscaldamento attivo del paziente, soprattutto se politraumatizzato (raccomandazioni ATLS). L'utilizzo dell'ipotermia è controversa nei pazienti traumatizzati per gli effetti di quest'ultima sulla coagulazione, l'interrogativo è quindi se salvare il cervello (con il freddo ) o salvare il corpo (dal rischio emorragico). Nessuno dei trial clinici sull'ipotermia nei pazienti con trauma cranico, Esa, ictus, ha evidenziato un aumento del sanguinamento intracranico associato con il raffreddamento. Gli studi che analizzano l'ipotermia come fattore indipendente, evidenzierebbero come quest'ultima sia più un marker della gravità clinica che la causa. Ma allora qual è il giusto intervento, riscaldare o raffreddare i pazienti acuti? La risposta non è univoca ma è data dal tipo di patologia, dalla presenza o meno di un danno neurologico, dal grado di ipotermia e dalla conoscenza degli effetti collaterali dell'ipotermia stessa. L'ipotermia accidentale non controllata è deleteria, è da evitare nei pazienti acuti con emorragia in atto (es. stato di shock); l'ipotermia moderata (33-35 ) 14

15 può essere utile nei pazienti acuti con danno neurologico se non presentano diatesi emorragica in corso. La migliore evidenza disponibile ha dimostrato che se si ha un arresto cardiaco extraospedaliero da tachicardia ventricolare senza polso e fibrillazione ventricolare, se non ci sono controindicazioni assolute, l'ipotermia terapeutica dovrebbe essere indotta in pazienti con ROSC in stato comatoso anche se risulta efficace sia su asistolia che PEA. L' AHA definisce stato di coma un pz con GCS inferiore a 8 o che non risponda ai comandi. L'ipotermia terapeutica si può dividere in tre fasi: Induzione, Mantenimento e Riscaldamento. Il sopravvissuto da OHCA deve iniziaze MTH nel più breve tempo possibile, gli studi indicano che si possa iniziare durante il soccorso sul territorio. Prima dell'arrivo del paziente in ICU, l'itero team si prepara all' inizio della MTH attraverso la preparazione del materiale utile per abbassare la TCI: vengono raffreddati NaCl 0,9% a 4, viene preparata acqua fredda per infusione tramite sondino naso gastrico (SNG), vengono preparati i presidi di raffreddamento come materassi termici e si preparano sonde per la misurazione della TCI attraverso sonde rettali ed esofagee (5). Il paziente che arriva in ICU viene sedato farmacologicamente con midazolam e fentanyl (5), e inizia il raffreddamento attraverso tutti i presidi precedentemente preparati. Una sistematic review ha dimostrato che si possono utilizzare cristalloidi 15

16 freddi e che questi ultimi risultino essere rapidi nell'induzione della MTH e anche semplici nel suo utilizzo (22). Tra gli studi selezionati, si evidenzia come MTH potrebbe essere indotta sul territorio (29) attraverso l'infusione di liquidi freddi e l'utilizzo di una sonda per temperatura. L'induzione comporta un raffreddamento rapido del paziente entro le prime 8 ore dopo ROSC ad una temperatura target compresa tra Un accurato monitoraggio della temperatura interna MTH è fondamentale, i metodi convenzionali di controllo della temperatura in questi casi risultano inutili. Abbassata la temperatura corporea si possono verificare brividi che contrastano con l'obiettivo di ridurre la TCI, in questi casi si utilizzano sedativi e analgesici come propofol e fentanyl. Se il brivido dovesse persistere, si potrebbe ricorrere ad un bloccante neuromuscolare come i curari. Termoregolazione Il corpo umano può essere sommariamente diviso in due compartimenti termici: un compartimento centrale o core comprendente il tronco e la testa esclusa la cute ed un compartimento periferico, comprendente le estremità e la cute. Normalmente la temperatura corporea del core è strettamente regolata attorno ad un setpoint ipotalamico di 36.60±0.38 C (19). Questo valore preimpostato subisce lievi variazioni nel corso della giornata con il picco massimo di temperatura intorno alle ore 18:00. La temperatura del compartimento periferico è di solito meno strettamente regolata ed è 16

17 abitualmente di 2-4 C inferiore a quella del core. Questa differenza aumenta in maniera consistente in ambienti freddi mentre diminuisce in ambienti caldi. La temperatura del core è regolata variando il trasferimento di calore verso la periferia attraverso vasodilatazione e vasocostrizione. In altre parole la perdita di calore dal compartimento periferico è regolata attraverso variazioni della perfusione del tessuto cutaneo, tramite vasodilatazione e vasocostrizione, e con l aumento o la diminuzione della produzione di sudore. Il sangue circolante dal core alla periferia cede calore ai tessuti circostanti ed ai tessuti più freddi a livello cutaneo. Il grado di conduzione dai vasi sanguigni periferici all esterno dipende dal coefficiente di diffusione, determinato dalle caratteristiche del tessuto. Ad esempio il tessuto grasso isola in misura tre volte maggiore rispetto al tessuto muscolare per cui i soggetti obesi tendono a disperdere calore molto più lentamente dei soggetti magri. Riguardo al tessuto muscolare esistono ulteriori differenze tra vari gruppi muscolari ad esempio nell intensità e nel tempo d insorgenza del brivido: i muscoli del tronco infatti presentano un insorgenza precoce ed un intensità maggiore del brivido rispetto ai muscoli degli arti. Oltre che attraverso la produzione di sudore (evaporazione), la perdita di calore avviene tramite la convezione, la conduzione e l irraggiamento. La quantità di perdita di calore dipende dal gradiente di temperatura, dalla superficie esposta e dalla conduttività termica. A riposo ed in circostanze normali il 50-70% della perdita di calore nei pazienti svegli avviene tramite irraggiamento. In pazienti sedati in ICU, la 17

18 maggior parte della perdita di calore avviene tramite irraggiamento e convezione. Quando si vuole raffreddare attivamente un paziente di solito si tende a facilitare la convezione e/o la conduzione così come si tende a facilitare il passaggio di calore dal core al compartimento periferico (21) (34) (37). Effetti fisiologici dell'ipotermia terapeutica. Neurologici Le lesioni neurologiche sono causate da diverse cascate biochimiche ritenute molto sensibili alle variazioni di temperatura. Si ritiene che l'abbassamento della temperatura possa ridurre l'edema cerebrale che si forma durante l'arresto cardiaco, dato che l'ipotermia diminuisca la pressione intracranica. Apparato respiratorio Tutti i pazienti rianimati dopo ACC che rimangono in uno stato comatoso, necessitano di intubazione orotracheale per la protezione delle vie aeree e ventilazione controllata con 100% di O2 e un volume tidiale di 10 ml/kg con 8-10 atti respiratori per garantire una normocapnea. Quando la TCI scende a 33 si possono abbassare gli atti respiratori a 6-8 al minuto e regolare i gas ematici attraverso l'ega. Uno studio pubblicato su Circulation del 2012 (21) afferma che la somministrazione di O2 al 100% potrebbe essere tossica e consiglia di evitare un' iperossia e un'ipossia nel post-arresto. Le complicanze 18

19 polmonari dopo RCP includono aspirazione, lesione della parete toracica per il prolungato massaggio cardiaco esterno, e polmoniti causate da infezioni nosocomiali. Potrebbe essere necessaria in questi casi una radiografia del torace per escludere complicazioni come polmoniti o edema polmonare (17). Sistema cardiovascolare ed emodinamico Le cause di OHCA possono essere evidenti sulla base della storia clinica del paziente e sull'ecg. L'angiografia coronarica può rivelare inaspettate lesioni che sono suscettibili di terapia. La disfunzione del miocardio dopo RCP è molto comune e una terapia inotropa può essere utile per migliorare la perfusione cerebrale (8). L'ecografia precoce può fornire informazioni immediate sul grado di disfunzione del miocardio e indicare il trattamento da seguire. Gli obiettivi emodinamici ottimali da raggiungere durante ipotermia non sono molto chiari, ma gli studi affermano che un avvio precoce di MTH e un mantenimento relativamente alto della pressione arteriosa media tra 80 e 100 mmhg, l'utilizzo di un catetere in arteria polmonare per la prevenzione dello shock cardiogeno e una determinazione della frazione di eiezione, ha diminuito del 28% la mortalità e migliorato gli outcome neurologici (21). Se la stabilità circolatoria adeguata non è realizzabile con la somministrazione di farmaci inotropi, si potrebbe prendere in considerazione l'utilizzo di un contropulsatore aortico. L ipotermia è inizialmente associata ad una tachicardia sinusale ma inseguito si sviluppa una bradicardia in parte a causa 19

20 del diminuito metabolismo in parte per un effetto diretto sul miocardio. Variazioni dell ECG sono comuni, ma il rischio di aritmie è davvero basso almeno fin quando la temperatura non scende al di sotto dei 30 C. Abitualmente la prima forma di aritmia che compare è una fibrillazione atriale che può essere seguita da flutter o fibrillazione ventricolare (< 28 C). Le aritmie inoltre sono difficilmente trattabili nel paziente ipotermico dato che il miocardio diviene meno responsivo alla defibrillazione e ai farmaci antiaritmici. E pertanto necessario evitare durante il trattamento che la temperatura scenda al di sotto dei 30 C visto che sotto questa soglia il rischio di aritmie aumenta in maniera esponenziale. Inizialmente l induzione dell ipotermia causa un aumento del consumo di ossigeno al livello miocardico probabilmente a causa dell incremento ipotermia-indotto delle concentrazioni plasmatiche di adrenalina e noradrenalina la cui conseguenza è quella di aumentare la gittata cardiaca e la domanda di ossigeno. Continuando il raffreddamento la diminuzione della frequenza cardiaca associata alla marcata riduzione del metabolismo comporta una diminuzione del postcarico e della richiesta di ossigeno. Il risultato finale è una diminuzione del 25% della gittata cardiaca, un aumento delle resistenze vascolari sistemiche e polmonari ed un aumento della pressione venosa centrale. In soggetti sani è riportato un aumento della perfusione coronarica indotto da una leggera ipotermia (35.5 C) tuttavia un altro studio svolto su pazienti con coronaropatia preesistente ha riportato 20

21 episodi di vasocostrizione coronarica durante ipotermia probabilmente in rapporto alla disfunzione endoteliale causata dall aterosclerosi. Tutto ciò implica che potrebbero esserci teoricamente dei rischi di danno miocardico durante il trattamento con ipotermia terapeutica in pazienti con patologie cardiovascolari, specialmente nella fase iniziale di induzione quando è dimostrato un aumento della frequenza cardiaca e di conseguenza un aumento del consumo d ossigeno. Sistema renale/elettroliti Durante le prime 24 h post ACC si ha un aumento della creatinina, ma raramente vi è la necessità di una terapia renale sostituiva. Accede però che il livelli di potassio diminuiscano radicalmente e che sia necessari o un controllo ogni 1-2 ore, così come diminuisce il livello ematico di magnesio e potrebbe essere necessario una integrazione (17). Uno studio ha analizzato la diminuzione di K durante MTH (1). Secondo questo studio, durante ipotermia i livelli di K si abbassano notevolmente sviluppando tachicardia ventricolare polimorfa. C'è, quindi, concomitanza tra ipopotassiemia e tachicardia ventricolare polimorfa mantenendo i valori ematici di potassio a 3 mm/ol -¹. Un altro studio di The American journal of emergency medicine del 2012 (3) afferma che il livello di ammonio nel sangue potrebbe essere un biomarker predittivo dello stato neurologico al risveglio del pz dopo ipotermia terapeutica. Lo studio ha messo a confronto due gruppi di pazienti con esito neurologico CPC 1-2 e CPC 3-5. Di questi 2 gruppi sono stati confrontati gli 21

22 esami ematici prendendo in considerazione i livelli di emoglobina, ph, PaO2, PCO2, eccesso di basi, albumina, glucosio, potassio, cloro, bilirubina, fosforo e ammonio. I risultati indicano una differenza sostanziale di livelli di ammonio nei pazienti che hanno un CPC 3-5. Sistema ematico (1); (3); (31); (16); (15); (24) La diminuzione della temperatura ha un effetto limitato sui tempi della coagulazione e sul conteggio delle piastrine quando i tempi di ipotermia si prolungano. In ogni caso, molti pazienti riceveranno una terapia antiaggregante e anticoagulante per sospetta sindrome coronarica acuta. Gli studi clinici su MTH hanno dimostrato che non vi è alcune rischio aggiunto di sanguinamento tra pazienti ipotermici e normotermici (21). Durante MTH il sistema metabolico subisce variazioni, si ha una riduzione del metabolismo cellulare, del consumo di O2 e della produzione di CO2. Maggiore stabilità delle membrane (riduzione della permeabilità della BEE e dei vasi, quindi riduzione dell'edema). Sistema gastrointestinale Durante ipotermia terapeutica si ha un aumento della glicemia a seguito della diminuzione di insulina prodotta dal pancreas. E' anche noto che l'iperglicemia è associata ad un danno anossico. Uno stretto controllo glicemico potrebbe risultare utile durante ipotermia. Infezioni 22

23 Sono molte le evidenze cliniche e di laboratorio che dimostrano come l ipotermia sia in grado di alterare la risposta immunitaria. Tuttavia l inibizione della risposta infiammatoria potrebbe essere uno dei vari meccanismi coinvolti nell effetto neuro protettivo: l ipotermia inibisce il rilascio di citochine ad azione proinfammatoria, la migrazione chemiotattica dei leucociti e la fagocitosi. Oltre a questo la diminuita sintesi di insulina e la relativa insulinoresistenza che si viene a creare potrebbero ulteriormente incrementare il rischio di infezione. Vari studi hanno dimostrato un aumento del numero di infezioni in soggetti sottoposti ad ipotermia per periodi '48-72h (1),(3),(31) dato non riportato da studi analoghi condotti su pazienti con TBI probabilmente in ragione dell antibioticoprofilassi oppure dell utilizzo della decontaminazione selettiva del tratto digerente (Selective Decontamination of the Digestive tract, SDD) utilizzata in alcuni di questi studi (19),(21), (34). Altri studi hanno riportato il maggior rischio di infezioni della ferita in parte interpretabile come risultato dell immunosoppressione, della vasocostrizione e dell ipoperfusione tissutale che si viene a creare col raffreddamento (39),(22). (25). Questa nota potrebbe essere un importante riferimento in quei pazienti sottoposti ad ipotermia che necessitino un intervento chirurgico. Inoltre anche altre lesioni quali le ulcere da pressione ed i punti di inserzione dei cateteri probabilmente dimostrano un certo grado di progressione o un diminuito tasso 23

24 di guarigione durante il raffreddamento. Complessivamente il rischio di infezioni non sembrerebbe aumentare per trattamenti della durata 24h mentre il rischio di contrarre infezioni delle vie aeree appare aumentato quando i pazienti sono raffreddati per periodi prolungati (48h). Farmaci Un aspetto parzialmente trascurato ma di importanza fondamentale è l effetto dell ipotermia sul metabolismo e la farmacocinetica dei farmaci. Gli enzimi che metabolizzano molti farmaci infatti sono altamente temperatura-sensibili e questo vuol dire in poche parole che il metabolismo dei farmaci è particolarmente influenzato dall ipotermia. La clearance di molti farmaci è ridotta in corso di ipotermia e perciò le loro dosi dovrebbero essere proporzionalmente ridotte. Sono pochi gli studi in merito ma dai pochi condotti si evince un aumento in generale dei livelli plasmatici e un aumento della durata di azione. Ad esempio i livelli plasmatici di propofol risultano aumentati del 30% e quelli del fentanyl del 15% consoli 3 C di ipotermia. Recentemente Tortorici et al. in un lavoro pubblicato su Critical Care Medicine hanno documentato una riduzione importante dell attività dei sistemi enzimatici basti sul citocromo P450 ed hanno analizzato gli effetti su vari farmaci estesamente utilizzati in ICU. L ipotermia terapeutica lievemoderata diminuisce del 7-22% la clearance sistemica dei farmaci metabolizzati dal citocromo P450 per ogni grado Celsius al di sotto dei 37 C. 24

25 La potenza e l efficacia di alcuni farmaci risulta inoltre diminuita. Farmaco Midazolam Fentanyl Remifentanil Pentobarbital Fenobarbital Propofol Veruconio Rocuronio Atracurio Fenitoina Effetti Concentrazioni sieriche 5 volte maggiori ( 35 C) Diminuzione nella clearance di 100 volte ( 35 C) Concentrazioni sieriche 2 volte maggiori ( C) Diminuzione della clearance di 3,7 volte ( 35 C) Alte concentrazioni possono produrre attività epilettogena all'eeg e danno neurologico in pazienti predisposti Dimunuzione della clearance del 6,375 per ogni grado 37 C Ridurre la dose del 30% ogni 5 C 37 C Dimunuito metabolismo del 50% a 30 C Concentrazioni sieriche 30% maggiori ( 35 C) Durata d'azione 3 volte maggiore in soggetti ipotermici Diminuzione della clearance di 11% per ogni grado 37 C Non ci sono variazioni significative nella potenza e nell'efficacia Diminuzione della clearance di 2 volte ( 35 C) Aumento della durata di 1,5 volte (34 C) Diminuzione della clearance del 50% ( 35 C) Diminuzione della produzione dei metaboliti Controllo stretto dei dosaggi plasmatici Tabella 4: farmacocinetica dei vari farmaci usati comunemente in ICU Aspetti pratici Monitoraggio della temperatura Il sito dove la temperatura viene misurata assume notevole importanza per la gestione del paziente da trattare con ipotermia in quanto ogni singolo sito di misura possiede le proprie caratteristiche, i vantaggi e gli svantaggi dei quali vanno conosciuti ed i risultati vanno a loro volta interpretati per non indurre il clinico in errate valutazioni che possano condurlo a sovra-sottostimare situazioni dannose per il paziente. Tutto ciò poichè è necessario mantenere la 25

26 temperatura del paziente nel range terapeutico e contemporaneamente porre attenzione a non sconfinare al di sotto di un certo grado di ipotermia per non incorrere in gravi effetti collaterali (6). Attualmente la temperatura viene monitorizzata a livello del sangue in arteria polmonare con opportuno catetere, in esofago, nella vescica, nel retto e a livello timpanico sfruttando sistemi ad infrarossi. 26

27 Sito Accuratezza Vantaggi Svantaggi Catetere in arteria polmonare Alta Riflette accuratamente e velocemente le variazioni della temperatura cerebrale. Basso rischio di errori di misura e di dislocamento Esofago Alta Facile posizionamento della sonda. Riflette abbastanza velocemente le variazioni di temperatura Vescica Intermedia Facile posizionamento della ssonda. Retto Intermedia Facile posizionamento della sonda, non interferisce con altri sondini. Lag inferiore rispetto alla vescica Membrana timpanica Bassa Temperatura ascellare Completament e inaffidabile Facile da usare, sito accessibile Facile da usare, non necessita di inserimento di sonde. Tabella 3 : sistemi per il monitoraggio della temperatura corporea. Rischi e complicanze connessi alla procedura di posizionamento. Da rimuovere dopo h Rischio di dislocamento (stomaco) e conseguenti erronee misurazioni della temperatura. Interferenza con i sondini da nutrizione enterale, disconfort del paziante. Lag di minuti con rischio di errori (overshoot). La misura può essere inficiata se la produzione di urina è scarsa. Lag di min con rischio di errori (overshoot). Alto rischio di dislocazione, inaffidabile in caso di diarrea. Misure spesso non affidabili durante ipotermia. Misura non in continuo. Misure inaffidabili per gradiente di temperatura tra core e periferia (vasocostrizione cutanea). Da non utilizzare in corso di ipotermia. 27

28 Tecniche di raffreddamento Esistono numerose strategie di raffreddamento, basate sui 4 meccanismi di perdita di calore: convezione, conduzione, evaporazione, irraggiamento. La produzione endogena di calore può essere inoltre arginata mediante l utilizzo di agenti antipiretici. Questi farmaci sono tuttavia inefficaci nei pazienti con rialzo termico causato da alterazioni della termoregolazione quali le febbri centrali oppure nel colpo di calore. Varie tecniche di raffreddamento sono state utilizzate sia in vitro che in studi clinici per l induzione dell ipotermia quali termocoperte con acqua fredda circolante, borse del ghiaccio, materassi ad aria, cateteri specifici, infusione endovenosa di liquidi freddi a 4 C, reinfusione di sangue raffreddato tramite circuiti extracorporei attraverso l arteria carotide, caschi refrigerati con liquidi freddi o con sostanze con capacità di raffreddamento, lavaggio nasale con acqua ghiacciata, lavaggio peritoneale freddo, bypass cardiopolmonare. Complessivamente le metodiche di raffreddamento possono essere divise in due grandi gruppi: metodi invasivi e non invasivi. I metodi maggiormente utilizzati nei grandi trials clinici pubblicati sono stati il raffreddamento ad acqua e le termocoperte ad aria, quest ultime spesso usate anche nei reparti di medicina generale per riscaldare anche pazienti svegli. Il tempo di induzione dell ipotermia sembrerebbe essere determinante in alcuni studi ed il tempo impiegato per raggiungere il target prestabilito variava nei vari studi da 2h ad 8h. Il tempo di induzione è 28

29 correlato a fattori paziente-dipendenti (natura della patologia sottostante, età, sesso, BMI), alle misure di prevenzione del brivido e della produzione di calore endogena, agli aspetti tecnici (superficie raffreddata, temperatura delle coperte o dell aria, capacità di raffreddamento, etc). Lo scambio di calore tra il core e la periferia e in definitiva l entità del raffreddamento può essere facilitato dall utilizzo di agenti vasodilatatori. Recentemente Bernard et al. hanno descritto un metodo rapido per indurre l ipotermia mediante la somministrazione per via endovenosa di 30 ml/kg di soluzione di Ringer Lattato a 4 C. In questo studio la temperatura è stata portata da 35.5 C a 33.8 C entro 30 minuti senza effetti collaterali risultando perciò un metodo rapido, sicuro ed efficace per induzione dell ipotermia. Kliegel et al. in un recente studio hanno ottenuto risultati analoghi somministrando liquidi freddi endovena confermando quanto detto in precedenza ma precisando che sebbene questo trattamento sia ottimale per l induzione dell ipotermia non risulti tuttavia sufficiente nella fase di mantenimento (5), (12), (14), (23). Oltre ai metodi sopracitati le tecnologie biomediche hanno messo a disposizione dei clinici speciali cateteri endovascolari dotati di due o tre palloncini riempiti di soluzione fisiologica a temperatura regolabile da posizionare in vena succlavia, in cava superiore o nella vena femorale. I vari studi condotti con tali devices hanno dimostrato una buona efficacia ed una relativa velocità di induzione dell ipotermia. Si sono inoltre rivelati metodi meno laboriosi rispetto ai metodi convenzionali di management 29

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce

Croce Rossa Italiana Comitato Locale di Novara. La defibrillazione precoce La defibrillazione precoce L'American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

www.areu.lombardia.it

www.areu.lombardia.it www.areu.lombardia.it OPERATORE LAICO INDICE PREMESSA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE DI BASE -BASIC LIFE SUPPORT and DEFIBRILLATION - CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA SEQUENZA DEL DEFIBRILLAZIONE PRECOCE ALGORITMO

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche

Advanced Cardiac Life Support Parte III: Le Emergenze Bradiaritmiche Università degli Studi di Palermo Facoltà di Medicina e Chirurgia Scuola di Specializzazione in Malattie dell Apparato Cardiovascolare Direttore: Prof. Pasquale Assennato Advanced Cardiac Life Support

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche

dell'american Heart Association Sindromi coronariche acute 17 Supporto di base delle funzioni vitali pediatriche Si nt e si d e l l e l i n e e g u i da de l 2010 dell'american Heart Association pe r R C P e d E C C Sommario Problemi principali comuni a tutti i soccorritori 1 Soccorritore non professionista RCP negli

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

IPOTERMIA NEL POLITRAUMATIZZATO: UNA SFIDA ALLA ASSISTENZA INFERMIERISTICA

IPOTERMIA NEL POLITRAUMATIZZATO: UNA SFIDA ALLA ASSISTENZA INFERMIERISTICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Corso di Perfezionamento in Assistenza infermieristica nelle cure intensive generali IPOTERMIA NEL POLITRAUMATIZZATO: UNA SFIDA ALLA ASSISTENZA

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Se si ferma il Cuore...

Se si ferma il Cuore... Giuliano Altamura in collaborazione con Alessandro Totteri e Francesco Lo Bianco Se si ferma il Cuore...... defibrillazione precoce e la vita continua La perdita di coscienza L arresto cardiaco Il dolore

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli