Università Politecnica delle Marche Facoltà di Medicina e Chirurgia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università Politecnica delle Marche Facoltà di Medicina e Chirurgia"

Transcript

1 Università Politecnica delle Marche Facoltà di Medicina e Chirurgia Master di 1 livello per Infermiere di Area Critica Mild therapeutic hypothermia (MTH) in out-of hospital cardiac arrest (OHCA): a literature review Relatore: Masterizzando: Dott. Andrea Toccaceli Dott.ssa Di Lella Primiana Anno Accademico 2011/2012 1

2 Il riposo a voi sia, non letargo, ma preparazione di nuove forze e pensieri. Niccolò Tommaseo

3 INDICE Introduzione...pag 4 Metodi...pag 8 Risultati...pag 13 Refereces...pag 41 Ringraziamenti...pag 50 3

4 INTRODUZIONE 4

5 Ipotermia terapeutica: un po' di storia L incidenza dell arresto cardiaco extra-ospedaliero (out-of-hospital cardiac arrest, OHCA) è stimata in un report della World Health Organization (WHO) tra i 36 ed i 128 casi per individui per anno. In questa popolazione i tentativi di rianimazione cardiopolmonare compiuti si aggirano attorno all 86% ed una ripresa di circolo spontaneo (return of spontaneus circulation, ROSC) può essere raggiunta in un range compreso tra il 17% ed il 49%. Tra i pazienti inizialmente rianimati con successo, il danno anossico cerebrale è la principale causa di morbidità e mortalità. Almeno l 80% dei pazienti che inizialmente sopravvive ad una arresto cardiaco rimane in coma post-anossico per periodi più o meno prolungati, circa il 40% entra in uno stato vegetativo persistente e la mortalità ad una anno è pari all 80%(2). Nonostante il costante aggiornamento delle linee guida internazionali sulla rianimazione cardiopolmonare e sull advanced cardiac life support (ACLS) il tasso di sopravvivenza per gli arresti cardiaci extra-ospedalieri non è comunque migliorato nell ultima decade. Le linee guida infatti si focalizzano principalmente sul trattamento fino al ROSC, vista la scarsità di studi relativi all immediato periodo post-rianimatorio. Il completo recupero delle funzioni cerebrali è purtroppo ancora un evento raro. Anche in pazienti selezionati con evento testimoniato ed un intervallo tra arresto cardiaco e inizio delle manovre di ACLS inferiore a 15 minuti, la mortalità a 6 mesi è compresa tra 5

6 il 40 ed il 55% (6). Una volta ottenuto un ritorno di circolo spontaneo a seguito di una efficace rianimazione cardiopolmonare si verificano a livello cerebrale complessi meccanismi che portano ad un danno secondario da riperfusione con ulteriore perdita neuronale ed un conseguente peggioramento dell outcome cerebrale (6). L'utilità dell'ipotermia in medicina è stata riconosciuta fin dall'antichità. Ippocrate, primo medico moderno, avvolgeva nella neve e nel ghiaccio i soldati feriti. Evidenze storiche degli ultimi secoli, sostengono che il noto chirurgo di Napoleone, Barron Larrey osservò che i feriti lasciati al caldo avevano meno possibilità di sopravvivenza rispetto a chi veniva lasciato al freddo (22). Il primo articolo pubblicato sull'ipotermia risale al 1945 e trattava degli effetti dell'ipotermia sui pazienti colpiti da grave trauma cranico. Con gli anni, l'impiego dell'ipotermia terapeutica divenne sempre maggiore negli interventi di neurochirurgia, focalizzandosi su un abbassamento della temperatura corporea (TC) a Queste temperature provocano gravi effetti collaterali tali da rendere inapplicabile l'ipotermia terapeutica. Nel 1950 Rosonoff ha dimostrato come una lieve ipotermia terapeutica dia benefici in caso di ischemia cerebrale sugli animali. Solo dopo il 2000, l'ipotermia terapeutica è stata utilizzata come terapia negli arresti cardiaci extraospedalieri con un buon esito nurologico. Uno studio osservazionale del 2012 della Resuscitation ha dimostrato che i pazienti con OHCA che ricevono ipotermia terapeutica hanno una Cerebral performance score (CPC) più 6

7 elevata rispetto a chi non riceve ipotermia terapeutica. Lo studio osserva 172 pazienti di età media di 63,6 anni di cui il 74,4% maschi con inizio di TH in media dopo 94,4 minuti e raggiungimento della temperatura dopo 309 minuti con probabilità di ritardo neurologico ogni 5 minuti di ritardo dall'inizio di TH e trasferimento in ICU(6). 7

8 METODI 8

9 Cos'è l'ipotermia terapeutica L'ipotermia terapeutica è quella condizione che si verifica quando la temperatura interna del corpo (TCI) scende al di sotto di quella necessaria per il normale metabolismo e funzionamento del corpo. L'ipotermia terapeutica viene utilizzata nell' ACC dove tutto il corpo umano subisce una ischemiariperfusione completa, durante l'abbassamento della TCI il metabolismo rallenta del 5-7% e questo permette al corpo di ridurre il ritmo metabolico e di consumare meno energia oltre ad avere una neuroprotezione. L'applicazione dell' Ipotermia a fini protettivi e di miglioramento prognostico, ha dato le migliori evidenze soprattutto nei trial clinici relativi ad una categoria di pazienti con danno neurologico: quelli affetti da encefalopatia post-anossica secondaria a recupero di un circolo spontaneo (ROSC) stabile dopo ACR dovuto a ritmi defibrillabili e non defibrillabili. E stata effettuata una revisione della letteraria che si è interrogata sugli effetti dell'utilizzo dell'ipotermia terapeutica nell'arresto-cardiocircolatorio extraospedaliero. Gli articoli sono stati selezionati dai motori di ricerca PUBMED, Cochrane, Embase, American Heart Association, Science Direct. Le parole chiave utilizzate sono state: therapeutic hypothermia (TH), out-of-hospital cardiac arrest (OHCA), cerebral performance category scale (CPC). Sono stati individuati 134 articoli completi, sono stati esclusi dalla ricerca 3 articoli riguardanti TH nei neonati e bambini e 92 articoli che non hanno 9

10 oggetto in comune con l'argomento trattato per la literure review. Sono stati recuperati 39 studi full text ritenuti validi. Gli articoli selezionati vanno dal 2005 (30) al Gli studi sono stati quindi suddivisi in (tabella 1): 1. studi osservazionali: 18 articoli full text; 2. case report: 7 articoli full text; 3. review: 12 atricoli full text; 4. randomized control trial (RCT): 2 articoli full text Studi Osservazionali Case report Review RCT Sultan (1) Zushi (24) Arulkumaran (14) Janata (36) Dragancea (2) Schwartz (25) Huyunh (15) Wang (37) Mo Cho (3) Kurisu (26) Torgesen (16) Reinikainen (4) Tinley (27) Bernard (17) Kori (5) Sunde (28) Chen-lu (18) Sendelbach (6) Kämäräinen (29) Boyce (19) Tewelde (7) Nielsen (30) Imanasu (20) Mooney (8) Stub (21) Cronier (9) Nicolaou (22) Gaieski (10) Algaza (23) Belliard (11) Lopez-de-Sa (34) Majersik (12) Kim (35) Maze (13) Cariou (31) Stub (32) Joo Kim (33) Testori (38) Dumas (39) Tabella 1: testi selezionati per lo studio. 10

11 Tutti gli articoli sono stati suddivisi per autore, titolo, parole chiave, PICOM. Sono stati estrapolati i risultati principali e le prospettive future. Su questa base sono stati suddivisi gli articoli in 8 gruppi principali (tabella 2): Esami ematici e utilizzo dei farmaci durante TH (1); (3); (31); (16); (15); (24) Mortalità durante TH Neurologic score (2); (4) (6); (28); (20) Tabella 2: suddivisione studi. Metodi di induzione TH (5), (12), (14); (29); (33) Protocolli TH (7); (8); (10); (11); (12); (17); (19); (21); (34); (37); (18) TH associata a PCI (9); (13); (39); (22); (25); (30); (32) TH associata a ritmi non defibrillabili (38); (26); (35) Quando viene utilizzata l'ipotermia terapeutica Questa review valuta l'utilizzo dell'ipotermia terapeutica in OHCA con ROSC da ritmi defibrillabili e non defibrillabili (38),(26)(35). Undici articoli descrivono un protocollo riguardo l'mth che vanno dai tempi di inizio ottimali della MTH alla valutazione neurologica dopo il risveglio. 11

12 OHCA RITMI DEFIBRILLABILI E NON R C P RO SC TRASFERIMEN TO IN ICU INIZIO MTH PCI PRIMA RIA SE ECG POSITIVO PER IMA UTILIZZO DI INFUSIONI E PRESIDI RAFFREDDANTI RAGGIUNGI MENTO TCI MANTENI_ MENTO MTH PER H INIZIO RISCALDA MENTO: MAX 0,5 /h VALUTAZIONE NEUROLOGIC A SOSPEN SIONE SEDATIVI Figura 1: flow chart MTH 12

13 RISULTATI 13

14 Protocollo MTH l'applicazione della MTH a fini protettivi e di miglioramento prognostico, ha dato le migliori evidenze soprattutto in trial clinici relativi ad una catagoria di pazienti con danno neurologico: quelli affetti da encefalopatia (coma) postanossico secondaria a recupero di un circolo spontaneo (ROSC) stabile dopo ACR dovuto a ritmi defibrillabili e non. Uno degli interventi effettuati e raccomandati nel paziente acuto che si presenta in dipartimento di emergenza, è la prevenzione dell'ipotermia e il riscaldamento attivo del paziente, soprattutto se politraumatizzato (raccomandazioni ATLS). L'utilizzo dell'ipotermia è controversa nei pazienti traumatizzati per gli effetti di quest'ultima sulla coagulazione, l'interrogativo è quindi se salvare il cervello (con il freddo ) o salvare il corpo (dal rischio emorragico). Nessuno dei trial clinici sull'ipotermia nei pazienti con trauma cranico, Esa, ictus, ha evidenziato un aumento del sanguinamento intracranico associato con il raffreddamento. Gli studi che analizzano l'ipotermia come fattore indipendente, evidenzierebbero come quest'ultima sia più un marker della gravità clinica che la causa. Ma allora qual è il giusto intervento, riscaldare o raffreddare i pazienti acuti? La risposta non è univoca ma è data dal tipo di patologia, dalla presenza o meno di un danno neurologico, dal grado di ipotermia e dalla conoscenza degli effetti collaterali dell'ipotermia stessa. L'ipotermia accidentale non controllata è deleteria, è da evitare nei pazienti acuti con emorragia in atto (es. stato di shock); l'ipotermia moderata (33-35 ) 14

15 può essere utile nei pazienti acuti con danno neurologico se non presentano diatesi emorragica in corso. La migliore evidenza disponibile ha dimostrato che se si ha un arresto cardiaco extraospedaliero da tachicardia ventricolare senza polso e fibrillazione ventricolare, se non ci sono controindicazioni assolute, l'ipotermia terapeutica dovrebbe essere indotta in pazienti con ROSC in stato comatoso anche se risulta efficace sia su asistolia che PEA. L' AHA definisce stato di coma un pz con GCS inferiore a 8 o che non risponda ai comandi. L'ipotermia terapeutica si può dividere in tre fasi: Induzione, Mantenimento e Riscaldamento. Il sopravvissuto da OHCA deve iniziaze MTH nel più breve tempo possibile, gli studi indicano che si possa iniziare durante il soccorso sul territorio. Prima dell'arrivo del paziente in ICU, l'itero team si prepara all' inizio della MTH attraverso la preparazione del materiale utile per abbassare la TCI: vengono raffreddati NaCl 0,9% a 4, viene preparata acqua fredda per infusione tramite sondino naso gastrico (SNG), vengono preparati i presidi di raffreddamento come materassi termici e si preparano sonde per la misurazione della TCI attraverso sonde rettali ed esofagee (5). Il paziente che arriva in ICU viene sedato farmacologicamente con midazolam e fentanyl (5), e inizia il raffreddamento attraverso tutti i presidi precedentemente preparati. Una sistematic review ha dimostrato che si possono utilizzare cristalloidi 15

16 freddi e che questi ultimi risultino essere rapidi nell'induzione della MTH e anche semplici nel suo utilizzo (22). Tra gli studi selezionati, si evidenzia come MTH potrebbe essere indotta sul territorio (29) attraverso l'infusione di liquidi freddi e l'utilizzo di una sonda per temperatura. L'induzione comporta un raffreddamento rapido del paziente entro le prime 8 ore dopo ROSC ad una temperatura target compresa tra Un accurato monitoraggio della temperatura interna MTH è fondamentale, i metodi convenzionali di controllo della temperatura in questi casi risultano inutili. Abbassata la temperatura corporea si possono verificare brividi che contrastano con l'obiettivo di ridurre la TCI, in questi casi si utilizzano sedativi e analgesici come propofol e fentanyl. Se il brivido dovesse persistere, si potrebbe ricorrere ad un bloccante neuromuscolare come i curari. Termoregolazione Il corpo umano può essere sommariamente diviso in due compartimenti termici: un compartimento centrale o core comprendente il tronco e la testa esclusa la cute ed un compartimento periferico, comprendente le estremità e la cute. Normalmente la temperatura corporea del core è strettamente regolata attorno ad un setpoint ipotalamico di 36.60±0.38 C (19). Questo valore preimpostato subisce lievi variazioni nel corso della giornata con il picco massimo di temperatura intorno alle ore 18:00. La temperatura del compartimento periferico è di solito meno strettamente regolata ed è 16

17 abitualmente di 2-4 C inferiore a quella del core. Questa differenza aumenta in maniera consistente in ambienti freddi mentre diminuisce in ambienti caldi. La temperatura del core è regolata variando il trasferimento di calore verso la periferia attraverso vasodilatazione e vasocostrizione. In altre parole la perdita di calore dal compartimento periferico è regolata attraverso variazioni della perfusione del tessuto cutaneo, tramite vasodilatazione e vasocostrizione, e con l aumento o la diminuzione della produzione di sudore. Il sangue circolante dal core alla periferia cede calore ai tessuti circostanti ed ai tessuti più freddi a livello cutaneo. Il grado di conduzione dai vasi sanguigni periferici all esterno dipende dal coefficiente di diffusione, determinato dalle caratteristiche del tessuto. Ad esempio il tessuto grasso isola in misura tre volte maggiore rispetto al tessuto muscolare per cui i soggetti obesi tendono a disperdere calore molto più lentamente dei soggetti magri. Riguardo al tessuto muscolare esistono ulteriori differenze tra vari gruppi muscolari ad esempio nell intensità e nel tempo d insorgenza del brivido: i muscoli del tronco infatti presentano un insorgenza precoce ed un intensità maggiore del brivido rispetto ai muscoli degli arti. Oltre che attraverso la produzione di sudore (evaporazione), la perdita di calore avviene tramite la convezione, la conduzione e l irraggiamento. La quantità di perdita di calore dipende dal gradiente di temperatura, dalla superficie esposta e dalla conduttività termica. A riposo ed in circostanze normali il 50-70% della perdita di calore nei pazienti svegli avviene tramite irraggiamento. In pazienti sedati in ICU, la 17

18 maggior parte della perdita di calore avviene tramite irraggiamento e convezione. Quando si vuole raffreddare attivamente un paziente di solito si tende a facilitare la convezione e/o la conduzione così come si tende a facilitare il passaggio di calore dal core al compartimento periferico (21) (34) (37). Effetti fisiologici dell'ipotermia terapeutica. Neurologici Le lesioni neurologiche sono causate da diverse cascate biochimiche ritenute molto sensibili alle variazioni di temperatura. Si ritiene che l'abbassamento della temperatura possa ridurre l'edema cerebrale che si forma durante l'arresto cardiaco, dato che l'ipotermia diminuisca la pressione intracranica. Apparato respiratorio Tutti i pazienti rianimati dopo ACC che rimangono in uno stato comatoso, necessitano di intubazione orotracheale per la protezione delle vie aeree e ventilazione controllata con 100% di O2 e un volume tidiale di 10 ml/kg con 8-10 atti respiratori per garantire una normocapnea. Quando la TCI scende a 33 si possono abbassare gli atti respiratori a 6-8 al minuto e regolare i gas ematici attraverso l'ega. Uno studio pubblicato su Circulation del 2012 (21) afferma che la somministrazione di O2 al 100% potrebbe essere tossica e consiglia di evitare un' iperossia e un'ipossia nel post-arresto. Le complicanze 18

19 polmonari dopo RCP includono aspirazione, lesione della parete toracica per il prolungato massaggio cardiaco esterno, e polmoniti causate da infezioni nosocomiali. Potrebbe essere necessaria in questi casi una radiografia del torace per escludere complicazioni come polmoniti o edema polmonare (17). Sistema cardiovascolare ed emodinamico Le cause di OHCA possono essere evidenti sulla base della storia clinica del paziente e sull'ecg. L'angiografia coronarica può rivelare inaspettate lesioni che sono suscettibili di terapia. La disfunzione del miocardio dopo RCP è molto comune e una terapia inotropa può essere utile per migliorare la perfusione cerebrale (8). L'ecografia precoce può fornire informazioni immediate sul grado di disfunzione del miocardio e indicare il trattamento da seguire. Gli obiettivi emodinamici ottimali da raggiungere durante ipotermia non sono molto chiari, ma gli studi affermano che un avvio precoce di MTH e un mantenimento relativamente alto della pressione arteriosa media tra 80 e 100 mmhg, l'utilizzo di un catetere in arteria polmonare per la prevenzione dello shock cardiogeno e una determinazione della frazione di eiezione, ha diminuito del 28% la mortalità e migliorato gli outcome neurologici (21). Se la stabilità circolatoria adeguata non è realizzabile con la somministrazione di farmaci inotropi, si potrebbe prendere in considerazione l'utilizzo di un contropulsatore aortico. L ipotermia è inizialmente associata ad una tachicardia sinusale ma inseguito si sviluppa una bradicardia in parte a causa 19

20 del diminuito metabolismo in parte per un effetto diretto sul miocardio. Variazioni dell ECG sono comuni, ma il rischio di aritmie è davvero basso almeno fin quando la temperatura non scende al di sotto dei 30 C. Abitualmente la prima forma di aritmia che compare è una fibrillazione atriale che può essere seguita da flutter o fibrillazione ventricolare (< 28 C). Le aritmie inoltre sono difficilmente trattabili nel paziente ipotermico dato che il miocardio diviene meno responsivo alla defibrillazione e ai farmaci antiaritmici. E pertanto necessario evitare durante il trattamento che la temperatura scenda al di sotto dei 30 C visto che sotto questa soglia il rischio di aritmie aumenta in maniera esponenziale. Inizialmente l induzione dell ipotermia causa un aumento del consumo di ossigeno al livello miocardico probabilmente a causa dell incremento ipotermia-indotto delle concentrazioni plasmatiche di adrenalina e noradrenalina la cui conseguenza è quella di aumentare la gittata cardiaca e la domanda di ossigeno. Continuando il raffreddamento la diminuzione della frequenza cardiaca associata alla marcata riduzione del metabolismo comporta una diminuzione del postcarico e della richiesta di ossigeno. Il risultato finale è una diminuzione del 25% della gittata cardiaca, un aumento delle resistenze vascolari sistemiche e polmonari ed un aumento della pressione venosa centrale. In soggetti sani è riportato un aumento della perfusione coronarica indotto da una leggera ipotermia (35.5 C) tuttavia un altro studio svolto su pazienti con coronaropatia preesistente ha riportato 20

21 episodi di vasocostrizione coronarica durante ipotermia probabilmente in rapporto alla disfunzione endoteliale causata dall aterosclerosi. Tutto ciò implica che potrebbero esserci teoricamente dei rischi di danno miocardico durante il trattamento con ipotermia terapeutica in pazienti con patologie cardiovascolari, specialmente nella fase iniziale di induzione quando è dimostrato un aumento della frequenza cardiaca e di conseguenza un aumento del consumo d ossigeno. Sistema renale/elettroliti Durante le prime 24 h post ACC si ha un aumento della creatinina, ma raramente vi è la necessità di una terapia renale sostituiva. Accede però che il livelli di potassio diminuiscano radicalmente e che sia necessari o un controllo ogni 1-2 ore, così come diminuisce il livello ematico di magnesio e potrebbe essere necessario una integrazione (17). Uno studio ha analizzato la diminuzione di K durante MTH (1). Secondo questo studio, durante ipotermia i livelli di K si abbassano notevolmente sviluppando tachicardia ventricolare polimorfa. C'è, quindi, concomitanza tra ipopotassiemia e tachicardia ventricolare polimorfa mantenendo i valori ematici di potassio a 3 mm/ol -¹. Un altro studio di The American journal of emergency medicine del 2012 (3) afferma che il livello di ammonio nel sangue potrebbe essere un biomarker predittivo dello stato neurologico al risveglio del pz dopo ipotermia terapeutica. Lo studio ha messo a confronto due gruppi di pazienti con esito neurologico CPC 1-2 e CPC 3-5. Di questi 2 gruppi sono stati confrontati gli 21

22 esami ematici prendendo in considerazione i livelli di emoglobina, ph, PaO2, PCO2, eccesso di basi, albumina, glucosio, potassio, cloro, bilirubina, fosforo e ammonio. I risultati indicano una differenza sostanziale di livelli di ammonio nei pazienti che hanno un CPC 3-5. Sistema ematico (1); (3); (31); (16); (15); (24) La diminuzione della temperatura ha un effetto limitato sui tempi della coagulazione e sul conteggio delle piastrine quando i tempi di ipotermia si prolungano. In ogni caso, molti pazienti riceveranno una terapia antiaggregante e anticoagulante per sospetta sindrome coronarica acuta. Gli studi clinici su MTH hanno dimostrato che non vi è alcune rischio aggiunto di sanguinamento tra pazienti ipotermici e normotermici (21). Durante MTH il sistema metabolico subisce variazioni, si ha una riduzione del metabolismo cellulare, del consumo di O2 e della produzione di CO2. Maggiore stabilità delle membrane (riduzione della permeabilità della BEE e dei vasi, quindi riduzione dell'edema). Sistema gastrointestinale Durante ipotermia terapeutica si ha un aumento della glicemia a seguito della diminuzione di insulina prodotta dal pancreas. E' anche noto che l'iperglicemia è associata ad un danno anossico. Uno stretto controllo glicemico potrebbe risultare utile durante ipotermia. Infezioni 22

23 Sono molte le evidenze cliniche e di laboratorio che dimostrano come l ipotermia sia in grado di alterare la risposta immunitaria. Tuttavia l inibizione della risposta infiammatoria potrebbe essere uno dei vari meccanismi coinvolti nell effetto neuro protettivo: l ipotermia inibisce il rilascio di citochine ad azione proinfammatoria, la migrazione chemiotattica dei leucociti e la fagocitosi. Oltre a questo la diminuita sintesi di insulina e la relativa insulinoresistenza che si viene a creare potrebbero ulteriormente incrementare il rischio di infezione. Vari studi hanno dimostrato un aumento del numero di infezioni in soggetti sottoposti ad ipotermia per periodi '48-72h (1),(3),(31) dato non riportato da studi analoghi condotti su pazienti con TBI probabilmente in ragione dell antibioticoprofilassi oppure dell utilizzo della decontaminazione selettiva del tratto digerente (Selective Decontamination of the Digestive tract, SDD) utilizzata in alcuni di questi studi (19),(21), (34). Altri studi hanno riportato il maggior rischio di infezioni della ferita in parte interpretabile come risultato dell immunosoppressione, della vasocostrizione e dell ipoperfusione tissutale che si viene a creare col raffreddamento (39),(22). (25). Questa nota potrebbe essere un importante riferimento in quei pazienti sottoposti ad ipotermia che necessitino un intervento chirurgico. Inoltre anche altre lesioni quali le ulcere da pressione ed i punti di inserzione dei cateteri probabilmente dimostrano un certo grado di progressione o un diminuito tasso 23

24 di guarigione durante il raffreddamento. Complessivamente il rischio di infezioni non sembrerebbe aumentare per trattamenti della durata 24h mentre il rischio di contrarre infezioni delle vie aeree appare aumentato quando i pazienti sono raffreddati per periodi prolungati (48h). Farmaci Un aspetto parzialmente trascurato ma di importanza fondamentale è l effetto dell ipotermia sul metabolismo e la farmacocinetica dei farmaci. Gli enzimi che metabolizzano molti farmaci infatti sono altamente temperatura-sensibili e questo vuol dire in poche parole che il metabolismo dei farmaci è particolarmente influenzato dall ipotermia. La clearance di molti farmaci è ridotta in corso di ipotermia e perciò le loro dosi dovrebbero essere proporzionalmente ridotte. Sono pochi gli studi in merito ma dai pochi condotti si evince un aumento in generale dei livelli plasmatici e un aumento della durata di azione. Ad esempio i livelli plasmatici di propofol risultano aumentati del 30% e quelli del fentanyl del 15% consoli 3 C di ipotermia. Recentemente Tortorici et al. in un lavoro pubblicato su Critical Care Medicine hanno documentato una riduzione importante dell attività dei sistemi enzimatici basti sul citocromo P450 ed hanno analizzato gli effetti su vari farmaci estesamente utilizzati in ICU. L ipotermia terapeutica lievemoderata diminuisce del 7-22% la clearance sistemica dei farmaci metabolizzati dal citocromo P450 per ogni grado Celsius al di sotto dei 37 C. 24

25 La potenza e l efficacia di alcuni farmaci risulta inoltre diminuita. Farmaco Midazolam Fentanyl Remifentanil Pentobarbital Fenobarbital Propofol Veruconio Rocuronio Atracurio Fenitoina Effetti Concentrazioni sieriche 5 volte maggiori ( 35 C) Diminuzione nella clearance di 100 volte ( 35 C) Concentrazioni sieriche 2 volte maggiori ( C) Diminuzione della clearance di 3,7 volte ( 35 C) Alte concentrazioni possono produrre attività epilettogena all'eeg e danno neurologico in pazienti predisposti Dimunuzione della clearance del 6,375 per ogni grado 37 C Ridurre la dose del 30% ogni 5 C 37 C Dimunuito metabolismo del 50% a 30 C Concentrazioni sieriche 30% maggiori ( 35 C) Durata d'azione 3 volte maggiore in soggetti ipotermici Diminuzione della clearance di 11% per ogni grado 37 C Non ci sono variazioni significative nella potenza e nell'efficacia Diminuzione della clearance di 2 volte ( 35 C) Aumento della durata di 1,5 volte (34 C) Diminuzione della clearance del 50% ( 35 C) Diminuzione della produzione dei metaboliti Controllo stretto dei dosaggi plasmatici Tabella 4: farmacocinetica dei vari farmaci usati comunemente in ICU Aspetti pratici Monitoraggio della temperatura Il sito dove la temperatura viene misurata assume notevole importanza per la gestione del paziente da trattare con ipotermia in quanto ogni singolo sito di misura possiede le proprie caratteristiche, i vantaggi e gli svantaggi dei quali vanno conosciuti ed i risultati vanno a loro volta interpretati per non indurre il clinico in errate valutazioni che possano condurlo a sovra-sottostimare situazioni dannose per il paziente. Tutto ciò poichè è necessario mantenere la 25

26 temperatura del paziente nel range terapeutico e contemporaneamente porre attenzione a non sconfinare al di sotto di un certo grado di ipotermia per non incorrere in gravi effetti collaterali (6). Attualmente la temperatura viene monitorizzata a livello del sangue in arteria polmonare con opportuno catetere, in esofago, nella vescica, nel retto e a livello timpanico sfruttando sistemi ad infrarossi. 26

27 Sito Accuratezza Vantaggi Svantaggi Catetere in arteria polmonare Alta Riflette accuratamente e velocemente le variazioni della temperatura cerebrale. Basso rischio di errori di misura e di dislocamento Esofago Alta Facile posizionamento della sonda. Riflette abbastanza velocemente le variazioni di temperatura Vescica Intermedia Facile posizionamento della ssonda. Retto Intermedia Facile posizionamento della sonda, non interferisce con altri sondini. Lag inferiore rispetto alla vescica Membrana timpanica Bassa Temperatura ascellare Completament e inaffidabile Facile da usare, sito accessibile Facile da usare, non necessita di inserimento di sonde. Tabella 3 : sistemi per il monitoraggio della temperatura corporea. Rischi e complicanze connessi alla procedura di posizionamento. Da rimuovere dopo h Rischio di dislocamento (stomaco) e conseguenti erronee misurazioni della temperatura. Interferenza con i sondini da nutrizione enterale, disconfort del paziante. Lag di minuti con rischio di errori (overshoot). La misura può essere inficiata se la produzione di urina è scarsa. Lag di min con rischio di errori (overshoot). Alto rischio di dislocazione, inaffidabile in caso di diarrea. Misure spesso non affidabili durante ipotermia. Misura non in continuo. Misure inaffidabili per gradiente di temperatura tra core e periferia (vasocostrizione cutanea). Da non utilizzare in corso di ipotermia. 27

28 Tecniche di raffreddamento Esistono numerose strategie di raffreddamento, basate sui 4 meccanismi di perdita di calore: convezione, conduzione, evaporazione, irraggiamento. La produzione endogena di calore può essere inoltre arginata mediante l utilizzo di agenti antipiretici. Questi farmaci sono tuttavia inefficaci nei pazienti con rialzo termico causato da alterazioni della termoregolazione quali le febbri centrali oppure nel colpo di calore. Varie tecniche di raffreddamento sono state utilizzate sia in vitro che in studi clinici per l induzione dell ipotermia quali termocoperte con acqua fredda circolante, borse del ghiaccio, materassi ad aria, cateteri specifici, infusione endovenosa di liquidi freddi a 4 C, reinfusione di sangue raffreddato tramite circuiti extracorporei attraverso l arteria carotide, caschi refrigerati con liquidi freddi o con sostanze con capacità di raffreddamento, lavaggio nasale con acqua ghiacciata, lavaggio peritoneale freddo, bypass cardiopolmonare. Complessivamente le metodiche di raffreddamento possono essere divise in due grandi gruppi: metodi invasivi e non invasivi. I metodi maggiormente utilizzati nei grandi trials clinici pubblicati sono stati il raffreddamento ad acqua e le termocoperte ad aria, quest ultime spesso usate anche nei reparti di medicina generale per riscaldare anche pazienti svegli. Il tempo di induzione dell ipotermia sembrerebbe essere determinante in alcuni studi ed il tempo impiegato per raggiungere il target prestabilito variava nei vari studi da 2h ad 8h. Il tempo di induzione è 28

29 correlato a fattori paziente-dipendenti (natura della patologia sottostante, età, sesso, BMI), alle misure di prevenzione del brivido e della produzione di calore endogena, agli aspetti tecnici (superficie raffreddata, temperatura delle coperte o dell aria, capacità di raffreddamento, etc). Lo scambio di calore tra il core e la periferia e in definitiva l entità del raffreddamento può essere facilitato dall utilizzo di agenti vasodilatatori. Recentemente Bernard et al. hanno descritto un metodo rapido per indurre l ipotermia mediante la somministrazione per via endovenosa di 30 ml/kg di soluzione di Ringer Lattato a 4 C. In questo studio la temperatura è stata portata da 35.5 C a 33.8 C entro 30 minuti senza effetti collaterali risultando perciò un metodo rapido, sicuro ed efficace per induzione dell ipotermia. Kliegel et al. in un recente studio hanno ottenuto risultati analoghi somministrando liquidi freddi endovena confermando quanto detto in precedenza ma precisando che sebbene questo trattamento sia ottimale per l induzione dell ipotermia non risulti tuttavia sufficiente nella fase di mantenimento (5), (12), (14), (23). Oltre ai metodi sopracitati le tecnologie biomediche hanno messo a disposizione dei clinici speciali cateteri endovascolari dotati di due o tre palloncini riempiti di soluzione fisiologica a temperatura regolabile da posizionare in vena succlavia, in cava superiore o nella vena femorale. I vari studi condotti con tali devices hanno dimostrato una buona efficacia ed una relativa velocità di induzione dell ipotermia. Si sono inoltre rivelati metodi meno laboriosi rispetto ai metodi convenzionali di management 29

Assistenza al neonato in ipotermia

Assistenza al neonato in ipotermia Assistenza al neonato in ipotermia Laura Brombin Sabrina Gibin NEONATO CON ENCEFALOPATIA IPOSSICO ISCHEMICA AFISSIA PERINATALE è un evento raro ( 3-5 neonati / 1.000 nati vivi ) Conseguenze su vari organi

Dettagli

IPOTERMIA TERAPEUTICA NEL COMA POST-ANOSSICO

IPOTERMIA TERAPEUTICA NEL COMA POST-ANOSSICO CARDIOLUCCA 2013 IPOTERMIA TERAPEUTICA NEL COMA POST-ANOSSICO Dott. Cristiano Lisi UO Cardiologia Ospedale Campo di Marte Lucca Lucca 28/11/2013 LUCCA CARDIOLOGIA Epidemiologia dell arresto cardiaco Circa

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Azienda Ospedaliera di Verona Pronto Soccorso Policlinico G.B. Rossi Primario: Dott. C. Pistorelli La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Dott. Adriano Valerio Centro Nazionale

Dettagli

Defibrillazione Precoce

Defibrillazione Precoce Capitolo 3 Defibrillazione Precoce RegioneLombardia 2006 Obiettivi Sapere - Saper Fare - Saper Essere utilizzando il DAE Struttura del Corso Regionale ILCOR 2000-2005 (ERC ed AHA) 5 ore verifica manovre

Dettagli

UPDATE IN PREHOSPITAL

UPDATE IN PREHOSPITAL EDIZIONE N 11 FEBBRAIO 2011 UPDATE IN PREHOSPITAL BACHECA VIRTUALE DELL EMERGENZA TERRITORIALE [Inserire un breve sunto del contenuto del documento.] SOMMARIO: - - Novità operative (A. Orlandini)...pag

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation BLS-D Basic Life Support Defibrillation Università degli Studi di Sassari U.O. di Anestesia e Rianimazione Obiettivi e Struttura del corso Obiettivi: Acquisire conoscenze teorico pratiche in tema di Rianimazione

Dettagli

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118

a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 a cura di : Alessandro Trevisan Croce Rossa Italiana Ambulanza ALS CRI-118 Importanza dell identificazione precoce del paziente critico Cause dell arresto cardiorespiratorio nell adulto Identificare e

Dettagli

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica

DEFINIZIONE. L annegamento è una sindrome asfittica SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA ANNEGAMENTO PROF.SSA A. SCAFURO DEFINIZIONE L annegamento è una sindrome asfittica caratterizzata t dall alterazione lt degli scambi

Dettagli

SIS 2009 PERUGIA RAIMONDI MAURIZIO. I.R.C.C.S. Fondazione Policlinico S.Matteo, PAVIA

SIS 2009 PERUGIA RAIMONDI MAURIZIO. I.R.C.C.S. Fondazione Policlinico S.Matteo, PAVIA RCP MECCANICA MEDIANTE AUTOPULSE : 4 ANNI DI ESPERIENZA RAIMONDI MAURIZIO AREU L b di AAT 118 PAVIA AREU Lombardia, AAT 118 PAVIA, I.R.C.C.S. Fondazione Policlinico S.Matteo, PAVIA ILCOR 2005 GRANDE ENFASI

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE

ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE ANTIARITMICI CLASSE I A CHINIDINA, PROCAINAMIDE, DISOPIRAMIDE Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze B. B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa

Dettagli

E ADESSO CHE FACCIO?

E ADESSO CHE FACCIO? La gestione del paziente critico in ambito extraospedaliero: principi generali e condotta da parte di personale infermieristico non esperto in area critica Emergenze cardiologiche: Shock ed arresto cardiaco

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

Università degli Studi Verona Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche A.A.

Università degli Studi Verona Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche A.A. Università degli Studi Verona Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche A.A. 2011/12 L ipotermia terapeutica nel post arresto cardiaco è una pratica

Dettagli

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche

LO SHOCK. Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche LO SHOCK Corso di supporto alle funzioni vitali per il bambino in condizioni critiche Obiettivi Identificare un bambino in stato di shock Differenziare lo shock compensato da quello scompensato Saper porre

Dettagli

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese.

A.M. Maresca. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi dell Insubria, Varese. L urgenza medica tra pronto soccorso e reparto Varese 25 ottobre 2014 Quando e come trattare l ipertensione arteriosa nell urgenza? Ictus Sindrome coronarica acuta/edema polmonare acuto A.M. Maresca Dipartimento

Dettagli

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere

Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza. Il ruolo dell infermiere Donazione organi e tessuti: attualità e sicurezza Il ruolo dell infermiere L infermiere di terapia intensiva con l anestesista, è responsabile dell assistenza del potenziale donatore, fino alla comunicazione

Dettagli

Ictus acuto: fase preospedaliera

Ictus acuto: fase preospedaliera Corso di Aggiornamento Obbligatorio per Medici di Medicina Generale Ictus Ruolo del Medico di Medicina Generale nell ambito del programma regionale ed aziendale sulla STROKE CARE Arezzo, Ordine dei Medici,

Dettagli

Scaricato da www.sunhope.it 1

Scaricato da www.sunhope.it 1 SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA LESIONI DA ELETTRICITA PROF.SSA A. SCAFURO Le lesioni dovute all elettricità sono eventi relativamente rari, ma le manifestazioni

Dettagli

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative

HTA Short Report. ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba. Introduzione. Tecnologia e procedure alternative 1 HTA Short Report Appropriatezza della Scintigrafia Miocardica Perfusionale ARNAS- CDB Il Documentalista HTA Dott. Giuseppe Carruba Indice Introduzione Tecnologia e procedure alternative Obiettivi del

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO

FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO SETTORE SALVAMENTO FISIOPATOLOGIA DELL ANNEGAMENTO La membrana cellulare e l osmosi Tutti gli organismi viventi sono composti da cellule. La cellula è la più piccola unità dell

Dettagli

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone

Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone Progetto BLSD-CRI Comitato Locale di Fossombrone IL BLSD BLSD E' LA SIGLA (BASIC LIFE SUPPORT - DEFIBRILLATION) DELLE MANOVRE DA COMPIERE PER INTERVENIRE IN CASO DI ARRESTO CARDIACO. L'arresto cardiaco

Dettagli

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana

SHOCK SHOCK. Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI. Corso formativo PSTI per i Volontari della Croce Rossa Italiana Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI OBIETTIVI Definire il SIGNIFICATO di Classificare i vari TIPI di RICONOSCERE precocemente l instaurarsi dello stato di Saper TRATTARE lo DEFINIZIONE Lo è un GRAVE

Dettagli

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE Sez. 8 Pag. 1 di 6 INDICE MODIFICHE... 2 OGGETTO... 2 SCOPO... 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 DEFINIZIONI... 3 CONTENUTO... 3 RESPONSABILITÀ OPERATIVE... 3 CRITERI DI ATTIVAZIONE

Dettagli

La diagnosi di morte: la morte encefalica. Dr. Maurizio Cecconi A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012

La diagnosi di morte: la morte encefalica. Dr. Maurizio Cecconi A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012 La diagnosi di morte: la morte encefalica Dr. A.O. San Giovanni Addolorata Roma, 12 Ottobre 2012 Premessa indispensabile per poter parlare di prelievi d organo a scopo di trapianto è il concetto di morte

Dettagli

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono:

LO SHOCK. I fattori che determinano la pressione sanguigna sono: CROCE ROSSA ITALIANA Corso TSSA LO STATO DI SHOCK LO STATO DI SHOCK Lo stato di shock o IPOPERFUSIONE è determinato dalla incapacità dell apparato cardio- circolatorio di irrorare in modo adeguato i tessuti.

Dettagli

COLPO DI SOLE IL DISTURBO CHE SI MANIFESTA PER UNA PROTRATTA ESPOSIZIONE AL SOLE.

COLPO DI SOLE IL DISTURBO CHE SI MANIFESTA PER UNA PROTRATTA ESPOSIZIONE AL SOLE. COLPO DI SOLE IL DISTURBO CHE SI MANIFESTA PER UNA PROTRATTA ESPOSIZIONE AL SOLE. COLPO DI SOLE CAUSE LA CAUSA DETERMINANTE E L ECCESSIVA ESPOSIZIONE A L AZIONE DEI RAGGI SOLARI, RADIAZIONE INFRAROSSE

Dettagli

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN

MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN I Facoltà di Medicina e Chirurgia MASTER IN AREA CRITICA Assistenza infermieristica in TIN DOTT.SSA Francesca Plaja Unità di degenza del neonato Lettino Culla termica Isola neonatale Culla termica Isola

Dettagli

Trieste 15 Novembre 2012

Trieste 15 Novembre 2012 Creazione, implementazione e sperimentazione del critical pathway della persona affetta da scompenso cardiaco acuto sinistro all interno dell U.O. U.T.I.C. della A.O. Spedali Civili di Brescia. Trieste

Dettagli

Premessa. Le basi dello shock

Premessa. Le basi dello shock SHOCK Premessa Lo shock è una condizione patologica pericolosa per la vita del paziente, ad insorgenza più o meno rapida, che si sviluppa come conseguenza di diverse malattie o lesioni. Nel 1852 un chirurgo

Dettagli

BLS-D. La defibrillazione precoce

BLS-D. La defibrillazione precoce BLS-D La defibrillazione precoce Defibrillazione precoce DEFIBRILLABILI FV TV senza polso RITMI NON DEFIBRILLABILI PEA ASISTOLIA RCP DEFIBRILLAZIONE Tachiaritmie maligne Tachicardia ventricolare (TV):

Dettagli

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi

La VENTILAZIONE meccanica domiciliare dalla «A» alla «Z» Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini. Aspetti tecnici, pratici, organizzativi MAN.VENTILAZ. 11-07-2000 10:23 Pagina 1 Il punto più importante è di capire e credere che anche se le condizioni di vita sono Michele Vitacca, Roberto Porta, Enrico Clini modificate questo non può e non

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione

Venerabile Arciconfraternita della Misericordia di Firenze. A cura del Gruppo Formazione 3 2 1 disostruiamoci A cura del Gruppo Formazione Prima di tutto valutare la sicurezza della scena dove dobbiamo intervenire PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente

Dettagli

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA

VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL DEL MEDICO DI FAMIGLIA VALUTAZIONE E STRATIFICAZIONE DEL PROFILO DI RISCHIO DEL PAZIENTE IPERTESO NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA Traduzione Pratica Ho idea del livello di rischio cardiovascolare del paziente iperteso che

Dettagli

Argomenti della lezione

Argomenti della lezione TERMOREGOLAZIONE 1 Argomenti della lezione 1) Meccanismi di termoregolazione corporea 2) Risposte fisiologiche all esercizio fisico svolto al caldo 3) Risposte fisiologiche all esercizio fisico svolto

Dettagli

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica.

La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. MEDICINA DELLO SPORT LEZIONE 4 CARDIOPATIA ISCHEMICA E DILATATIVA La principale causa di patologia cardiovascolare è la cardiopatia ischemica. ISCHEMIA È un processo generale che può interessare qualsiasi

Dettagli

Pressione Positiva Continua CPAP

Pressione Positiva Continua CPAP FADOI ANIMO Bologna, 17 maggio 2010 La ventilazione non invasiva Pressione Positiva Continua CPAP Dott. G. Bonardi Pneumologia e Fisiopatologia Respiratoria Medicina Generale Az.Ospedaliera Ospedale Civile

Dettagli

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO

IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO IL SUPPORTO VITALE PEDIATRICO PREMESSA Il paziente pediatrico può essere suddiviso in medicina d urgenza schematicamente in: Lattante 0 1 anno Bambino 1 fino alla pubertà OBIETTIVO DEL P-BLS Prevenire

Dettagli

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO?

L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? L INFERMIERA E L OSSIGENO: E TUTTO SCONTATO? TORINO 27-29 Marzo 2014 Martina Ronzoni Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma 2 OSSERVAZIONE BREVE INTENSIVA 3 SEGNI CLINICI DI IPOSSIA Ipossia Segni Respiratori

Dettagli

Ipotermia. Conosce i rischi legati alla balneazione in acque fredde. Differenziare i diversi gradi dell ipotermia.

Ipotermia. Conosce i rischi legati alla balneazione in acque fredde. Differenziare i diversi gradi dell ipotermia. Modulo Laghi Obiettivi. Conosce i rischi legati alla balneazione in acque fredde. Differenziare i diversi gradi dell ipotermia. Valutare il paziente secondo lo schema CABD. Applicare le misure di primo

Dettagli

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA

EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA EMERGENZA CARDIO RESPIRATORIA Nel 1969 la World Federation of Societies of Anaesthesia, basandosi sui lavori di Safar e collaboratori, diffuse, per la prima volta, una metodologia d'approccio agli stati

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana

B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana B.L.S. Basic Life Support Supporto Vitale di Base Secondo le linee guida 2007 della Regione Toscana 1 LA MORTE CARDIACA IMPROVVISA Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono

Dettagli

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005

Italian Resuscitation Council BLS. Basic Life Support BLS IRC 2005. Rianimazione Cardiopolmonare Precoce. Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Italian Resuscitation Council BLS Basic Life Support Rianimazione Cardiopolmonare Precoce Secondo linee guida ERC/IRC 2005 Corso BLS OBIETTIVO E STRUTTURA OBIETTIVO DEL CORSO È ACQUISIRE Conoscenze teoriche

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA

SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA SOMMINISTRAZIONE DI TERAPIA ENDOVENOSA A cura di: Dott.ssa R. Fiorentini Dott.ssa E. Palma QUANTITA E COMPOSIZIONE DEI LIQUIDI CORPOREI IL 60% del peso corporeo di un adulto è costituito da liquidi. I

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT

INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA WWW.SLIDETUBE.IT INFERMIERISTICA IN CARDIOLOGIA Scompenso cardiaco Sindrome in cui non c è adeguata risposta cardiaca alla richiesta tissutale Sintomi e segni tipici ed evidenza obiettiva di una disfunzione miocardica

Dettagli

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI

Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Corso di formazione per soccorritori VALUTAZIONE PARAMETRI VITALI Quali sono i Parametri Vitali? ATTIVITA RESPIRATORIA ATTIVITA CIRCOLATORIA - RILEVAZIONE DEL POLSO - RILEVAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Dettagli

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio

Traumi pediatrici. Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Gestione del trauma sul territorio Traumi pediatrici Incidenti stradali Annegamento Incidenti domestici Caratteristiche dei traumi pediatrici Tipo di trauma Traumi associati Differenze

Dettagli

attività aritmica ventricolare.

attività aritmica ventricolare. La valutazione dell attivit attività aritmica ventricolare. P. CARVALHO S. BURZACCA Le aritmie ventricolari Extrasitoli ventricolari (polimorfe, a coppie, triplette) Tachicardia ventricolare Fibrillazione

Dettagli

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È La fibrillazione atriale è l aritmia più comune nella popolazione. Durante la il ritmo del cuore non è più controllato dalla normale centralina (il nodo del seno), ma da

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

La defibrillazione precoce

La defibrillazione precoce L American Heart Association ha stimato che più di una persona ogni mille, in particolare tra i 45 e i 65 anni muore di morte improvvisa. La Morte Cardiaca Improvvisa (MCI) è l effetto di un circolo vizioso

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK

FISIOPATOLOGIA. dello SHOCK FISIOPATOLOGIA dello SHOCK SHOCK O COLLASSO CARDIOCIRCOLATORIO insufficienza acuta del circolo periferico, causata da uno squilibrio tra massa liquida circolante e capacità del letto vascolare Si verificano:

Dettagli

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO

LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE CRITICO IN PRONTO SOCCORSO Federica Sturaro SSD Pronto Soccorso Cittiglio GAVIRATE, 25 OTTOBRE 2014 Persona in cui: è assente almeno una delle tre funzioni vitali:

Dettagli

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex

lavoro cardiaco senza compromettere la perfusione coronarica (Harkin) Anni 60: spostamento di volume intravascolare con palloni di latex CONTROPULSATORE AORTICO Anni 50: la perfusione coronarica avviene prevalentemente durante la diastole Anni 60: l aspirazione di sangue arterioso durante la sistole con reinfusione durante la diastole riduce

Dettagli

TERMOTERAPIA: CALDO E FREDDO

TERMOTERAPIA: CALDO E FREDDO TERMOTERAPIA: CALDO E FREDDO L energia termica è la più facile da applicare in fisioterapia e consente di ottenere molteplici benefici grazie agli effetti fisiologici del caldo e del freddo. IL FREDDO.

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario

Croce Rossa Italiana BLSD. Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce. Corso Esecutori per personale sanitario Croce Rossa Italiana BLSD Rianimazione Cardiopolmonare di base e Defibrillazione precoce Corso Esecutori per personale sanitario (linee-guida scientifiche ERC-ILCOR 2010) A cura del Gruppo Formatori..

Dettagli

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia

I traumi addominali sono la terza causa di morte per trauma nei paesi industrializzati Vengono suddivisi in traumi chiusi e traumi aperti L anatomia Trauma addominale: ruolo dell infermiere nel Trauma Team Dott.ssa Maria Lombardi Coordinatrice attività infermieristiche Dipartimento Area Critica A.O.U. S. Govanni di Dio E Ruggi d Aragona SALERNO 1 Note

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118

PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118 ALLEGATO 1 di cui alla Determinazione n. 867 del 31/08/2006 PROGRAMMA REGIONALE DI FORMAZIONE PER IL SERVIZIO DI ELISOCCORSO 118 Il Corso di Formazione è indirizzato al personale sanitario che risulterà

Dettagli

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. "essenziale" "secondaria".

uno dei maggiori problemi clinici del nostro secolo. essenziale secondaria. L ipertensione arteriosa, una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati, si riscontra nel 20 percento della popolazione adulta ed è considerata uno dei maggiori problemi clinici del nostro

Dettagli

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia

Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Corso Base Patologie Cardiocircolatorie Relatore:Squicciarini Grazia Cardiopatia ischemica Definisce un quadro di malattie a diversa eziologia che interessano l integrita del cuore nelle quali il fattore

Dettagli

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto

ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA. Teresa Giusto ANALGESIA ED ANESTESIA OSTETRICA Teresa Giusto La scelta dell anestesia loco-regionale nel taglio cesareo è influenzata da diversi fattori: poiché non esercita un azione depressiva sul nascituro rende

Dettagli

Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea

Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea Termoregolazione 2. Il controllo della temperatura corporea Prof Carlo Capelli Fisiologia Generale e dell Esercizio Facoltà di Scienze Motorie, Università degli Studi di Verona Obiettivi Trasporto e distribuzione

Dettagli

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE

L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE L uso degli antibiotici nella UO di Geriatria - NOCSAE Roberto Scotto Medico in formazione specialistica II anno L Italia è al quarto posto in Europa per consumo di antibiotici dopo Francia, Grecia e Cipro.

Dettagli

Constatazioni RCP RCP - ACR da eziologia non cardiaca RCP - ACR da eziologia cardiache

Constatazioni RCP RCP - ACR da eziologia non cardiaca RCP - ACR da eziologia cardiache Consueto appuntamento con i dati delle RCP effettuate nel corso del 2011. Come già detto nei report degli anni precedenti i dati riguardano gli interventi effettuati dalle auto mediche di Bologna che coprono

Dettagli

L angiografia digitale cerebrale (DSA) nella diagnosi di morte cerebrale.

L angiografia digitale cerebrale (DSA) nella diagnosi di morte cerebrale. Università degli Studi di Messina Dipartimento di Diagnostica per Immagini U.O.S di Neuroradiologia L angiografia digitale cerebrale (DSA) nella diagnosi di morte cerebrale. Vinci S. Pitrone A. Farago

Dettagli

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus

TRIAGE. Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo. Associazione Volontari Protezione Civile Noicàttaro onlus TRIAGE Docente: infermiere prof. Palumbo Filippo DEFINIZIONE Parola di origine francese che significa semplicemente "selezionare". Il TRIAGE è la metodica di selezione dei pazienti, cioè il riconoscimento

Dettagli

Dott.ssa Rita Imeneo 1

Dott.ssa Rita Imeneo 1 Dott.ssa Rita Imeneo 1 INDAGINI 2007 Regione Piemonte Questionario Emergenze Ospedaliere Progetto GCA: indagine delle Direzioni Sanitarie dei Presidi Ospedalieri pemontesi (escluse le aree critiche) Variabile

Dettagli

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE

GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE GESTIONE DEI PAZIENTI CON INFLUENZA DA VIRUS A/H1N1 RICOVERATI CON SINDROMI GRAVI E COMPLICATE (aggiornamento del 9 ottobre 2009) PREMESSA La Circolare ministeriale del 1 ottobre 2009 definisce la gestione

Dettagli

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO

Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Capitolo 18 MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO Luca Dutto, Marco Ricca Il massaggio cardiaco esterno (MCE) rappresenta il cardine della rianimazione cardio-polmonare (RCP), facendo parte dell insieme di procedure

Dettagli

CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia. AOU Novara

CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia. AOU Novara NURSING DEL PAZIENTE CONTROPULSATO CPS infermiera AIROLDI BARBARA CPS infermiera ZANI MONICA Cardiochirurgia terapia intensiva AOU Novara NURSING DEL PAZIENTE CONTROPULSATO Il rapporto tra infermiere e

Dettagli

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione

Corso BLSD per Laici. Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione Corso BLSD per Laici Dott. Claudio Pagliara European Resuscitation Council Corso BLSD per Laici Basic Life Support Defibrillation Supporto Vitale di Base e Defibrillazione ARRESTO CARDIORESPIRATORIO Negli

Dettagli

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m.

CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE. Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CUORE E MONTAGNA ALTITUDINE Bassa quota fino a 1800 m. Media quota tra 1800 e 3000 m. Alta quota tra 3000 e 5500 m. Altissima quota sopra i 5500 m. CARATTERISTICHE FISICHE DELL AMBIENTE DI MONTAGNA riduzione

Dettagli

Elettrodi Multifunzione per defibrillatori

Elettrodi Multifunzione per defibrillatori Elettrodi Multifunzione per defibrillatori PRAZZOLI Roberto ** TEGONI Daniela ** BORRI Michele * MONTANARI Carlo * BOSCHI Diego *** L art. 1 della legge 15 marzo 2004 prevede che è consentito l uso del

Dettagli

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina

SHOCK. DOTT. Nicola Menestrina SHOCK DOTT. Nicola Menestrina DEFINIZIONE SINDROME CARATTERIZZATA DA UNA IPOPERFUSIONE TISSUTALE SISTEMICA ACUTA CHE CONDUCE AD UNA IPOSSIA DEI TESSUTI E ALLA DISFUNZIONE DEGLI ORGANI VITALI SHOCK SETTICO

Dettagli

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara

TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA. Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara TRATTAMENTO INTENSIVO PRE-ENDOSCOPICO NEL PAZIENTE CON EMORRAGIA DIGESTIVA Dott. Gianni Bozzolani Medicina di Emergenza Urgenza AOU di Ferrara Valutazione iniziale del paziente con emorragia digestiva

Dettagli

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione

Conferenza Regionale Misericordie. Ufficio Formazione Ufficio Formazione B L S Basic Life Support La corsa contro il tempo 1 La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3

Dettagli

RESPONSABILITA DELL INFERMIERE NELLA DEFIBRILLAZIONE CARDIACA PRECOCE

RESPONSABILITA DELL INFERMIERE NELLA DEFIBRILLAZIONE CARDIACA PRECOCE RESPONSABILITA DELL INFERMIERE NELLA DEFIBRILLAZIONE CARDIACA PRECOCE La defibrillazione è una pratica terapeutica che utilizza una scarica controllata di corrente elettrica allo scopo di correggere anomalie

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale?

1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale, se devo comunque essere sottoposta all anestesia generale? ANESTESIA LOCALE (LOCOREGIONALE) PER LA CHIRURGIA DEL SENO: DOMANDE FREQUENTI Dott. med. A. Saporito, Capoclinica Servizio Anestesia ORBV 1) Perché devo subire due anestesie, cioè anche un anestesia regionale,

Dettagli

Teofillina: meccanismo d azione 1

Teofillina: meccanismo d azione 1 Teofillinici Università degli studi di Cagliari Facoltà di Medicina e Chirurgia Dipartimento di Neuroscienze Bernard B. Brodie Sezione Farmacologia Clinica Prof.ssa Maria Del Zompo 1 Teofillina 3 HC N

Dettagli

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI

CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI CAPITOLO 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Il digiuno Prima di affrontare il capitolo dedicato alla malnutrizione calorico-proteica è bene focalizzare l attenzione sul digiuno e sul suo ruolo nel condizionare la

Dettagli

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison)

Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) Ipoadrenocorticismo (Malattia di Addison) L ipoadrenocorticismo è una malattia endocrina causata dalla ridotta produzione di mineralcorticoidi (aldosterone) e glucocorticoidi (cortisolo) da parte delle

Dettagli

"#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0!

#$%&!&''(#)$'$**+!%,''(-./!0! "#$%''(#)$'$**+%,''(-./0 "#$%'()#*'+,))#+,--,.#--'/0#+'0"0*'))#*01,(0),*0$2'2,$#'3$#4#5%'--#+0 )*,3'))'*'-'#+060$2'('-)*,)),'()#+'--7,**'3)#$,*+0,$#,04*#6'330#(03)0+'-3#$$#*3# ('-.,()#(80$0(#9 "#$%%"#%'$()*"'.#'34'$060$,)#('--,*,$$#-),:;">?

Dettagli

Franco Patrone DIMI, Università di Genova

Franco Patrone DIMI, Università di Genova PRINCIPI DI ONCOLOGIA GERIATRICA Franco Patrone DIMI, Università di Genova Genova, 16 Ottobre 2010 I Tumori nell Anziano: Dimensioni del Problema Più del 50 % dei tumori si manifestano tra i 65 e i 95

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

CORSO AVANZATO IN MEDICINA

CORSO AVANZATO IN MEDICINA www.gruppoemergenzecardiologiche.it CORSO AVANZATO IN MEDICINA TRATTAMENTO DELLE EMERGENZE CARDIOLOGICHE E RESPIRATORIE PROMOSSO DALLA SOCIETA SCIENTIFICA GIEC AFFILIATA ALLA FISM (Federazione Italiana

Dettagli

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010)

LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) LINEE GUIDA AHA (I.L.C.O.R.2010) OSTRUZIONE DELLE VIE AEREE VALUTAZIONE DELLA SEVERITA Ostruzione severa (tosse inefficace) Ostruzione moderata (tosse efficace) incosciente cosciente incoraggia a tossire

Dettagli