GESTIONE POSTAZIONI Emergenza Intra Ospedaliera Valigetta E.I.O. RM - standard adulto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GESTIONE POSTAZIONI Emergenza Intra Ospedaliera Valigetta E.I.O. RM - standard adulto"

Transcript

1 Pagina 1 di 13

2 Pagina 2 di INDICE 1. INDICE pag SCOPO pag CAMPO DI APPLICAZIONE pag TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI pag RESPONSABILITÀ pag DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ pag REGISTRAZIONI pag RIFERIMENTI / BIBLIOGRAFIA pag ALLEGATI pag APPARECCHIATURE pag RIESAME APPROVAZIONE E REVISIONE pag CRITERI DI ACCETTAZIONE pag IDENTIFICAZIONE DELLE MODIFICHE pag SCOPO Lo scopo delle procedure per la gestione della postazione per l Emergenza Intraospedaliera (EIO) è quello di affrontare una situazione clinica critica emergente con i presidi ed i farmaci necessari con velocità ed efficienza. Il conseguimento di tale obiettivo, che ruota intorno al concetto di catena della sopravvivenza intraospedaliera, implica un adeguata preparazione ed organizzazione di personale, presidi e risorse, le quali vengono raggiunte attraverso i seguenti punti essenziali: Formazione continua del personale sanitario intraospedaliero nel corretto utilizzo della Postazione EIO Informazione, sensibilizzazione di tutto il personale ospedaliero al concetto ed alle corrette procedure EIO Presenza e dislocazione razionale delle postazioni EIO nelle varie UOA e nei punti sensibili dell'ospedale Standardizzazione, Controllo e Revisione di Presidi e Farmaci delle postazioni EIO Identificazione del personale sanitario intraospedaliero da coinvolgere nella gestione della Postazione EIO

3 Pagina 3 di CAMPO DI APPLICAZIONE La corretta gestione della postazione EIO trova il suo campo di applicazione nell ottimizzazione dell intervento in tutte le situazioni di criticità clinica emergenti nelle diverse UOA dei Presidi Ospedalieri della ULSS 5 La possibilità che un evento clinico emergente, imprevedibile e grave accada in Ospedale è infatti possibile e più frequente di quel che si possa credere, si stima infatti che il 30% degli arresti cardiaci totali avvenga all interno delle strutture ospedaliere e la corretta gestione dell emergenza intraospedaliera porterà ad una risposta rapida ed efficace al problema. L ospedale è una zona a rischio per l'arresto cardiaco ed altre emergenze cliniche, sia per la presenza di malati con un quadro clinico compromesso, sia per l elevato numero di persone (operatori e visitatori) ogni giorno presenti nell'area ospedaliera. Le postazioni EIO, distribuite nelle varie UOA, sono il punto focale della rapida ed efficace soluzione alla criticità clinica emergente.

4 Pagina 4 di TERMINOLOGIA E ABBREVIAZIONI La terminologia tecnica o peculiare di un settore specifico, gli acronimi, le abbreviazioni e le sigle che incontriamo nella lettura di queste procedure, degli allegati e della bibliografia vengono elencati ed esplicati di seguito in modo da facilitare la comprensione del testo. AHA: American Heart Association ALS: Advanced Life Support ( Supporto Avanzato Funzioni Vitali ) BLS - D: Basic Life Support - Early Defibrillation ( Supporto Base Funzioni Vitali - Defibrillazione precoce ) C: Operatore corresponsabile di una procedura EIO (nello schema/griglia Responsabilità) CE: Controllo estemporaneo postazione EIO CP: Controllo periodico postazione EIO CUOA: Coordinatore Unità Operativa Autonoma DD: Direttore di Dipartimento DUOA: Direttore Unità Operativa Autonoma EIO: Emergenza Intra Ospedaliera ERC: European Resuscitation Council (Consulta Europea Rianimazione Cardiopolmonare) IP: Infermiere Professionale IRC: Italian Resuscitation Council (Consulta Italiana Rianimazione Cardiopolmonare) NAS: Nucleo Anti Sofisticazione PALS: Pediatric Advanced Life Support (Supporto Avanzato Funzioni Vitali) PBLS - D: Pediatric Basic Life Support Early Defibrillation (Supporto Base Funzioni Vitali - Defibrillazione) R: Operatore responsabile di una procedura EIO RDM: Responsabile Direzione Medica RFO: Responsabile Farmacia Ospedaliera RM: Risonanza Magnetica RSE: Responsabile Struttura EIO RPE: Responsabile Postazione EIO dell UOA con Postazione EIO n x RU: Responsabile dell UOA con Postazione EIO n x UOA: Unità Operativa Autonoma (Reparti, Divisioni, Servizi ospedalieri)

5 Pagina 5 di RESPONSABILITÀ Le responsabilità delle procedure sono decisionali iniziando con un progetto voluto dai vertici aziendali e direzionali della ULSS ma in seguito divengono operative, coinvolgendo, nel loro sviluppo pratico, varie figure professionali all interno della struttura ospedaliera. Gli interventi delle varie figure professionali dell ULSS nelle procedure di gestione dell emergenza intra ospedaliera dalla decisione di stesura delle stesse, sino alla diffusione e successiva periodica revisione sono schematizzate nella griglia sottostante. Schema responsabilita / funzioni nella procedura RESPONSABILITA decisionali operative Elaborazione revisione verifica approvazione autorizzazione diffusione attuazione formazione consulenza Direttore Sanitario o o o Direttore Dipartimento o o o Direttore U.O.A. o o o o o Referente o o Accreditamento Responsabile struttura o o o o o o o EIO Dirigenti medici o o o Coordinatore UOA o o o o Responsabile o o Postazione Infermieri Professionali o o o o Operatori correspnsabili o Direttore UOS Formazione o

6 Pagina 6 di DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ La nostra organizzazione per l EIO prevede la presenza circa quaranta Postazioni, inserite all interno o nelle immediate vicinanze, delle varie U.O.A. dei nosocomi di ARZIGNANO, LONIGO, MONTECCHIO MAGGIORE e VALDAGNO. Tali postazioni sono costituite da carrelli dedicati, standardizzati ed autonomi nella struttura, nei presidi di terapia e monitoraggio, nei farmaci in dotazione. L'organizzazione dell' Emergenza Intra Ospedaliera permette l'operatività, 24 ore su 24, delle postazioni EIO all'interno delle varie UOA di ogni Presidio ospedaliero della ULSS 5, in modo da poter gestire la criticità clinica interna, velocemente, iniziando le manovre di rianimazione direttamente sul luogo dell'emergenza, spesso allo stesso letto del paziente. La base per la corretta gestione dell'emergenza interna da parte del personale ospedaliero è ovviamente la presenza e la collocazione corretta del carrello EIO oppure, in caso di una Postazione Supporto, la presenza e la collocazione corretta della Valigetta EIO. Il carrello EIO, per poter svolgere sempre ed efficacemente la propria funzione dovrà essere soggetto a procedure rigorose di controllo e gestione che vengono di seguito descritte e che fanno parte integrante delle prestazioni erogate dalla struttura EIO. Tali procedure sono: Il controllo pratico periodico di farmaci e presidi Il controllo pratico estemporaneo di farmaci e presidi Il rilievo di criticità estemporanee nella gestione della postazione EIO La supervisione ed il ricontrollo periodico della postazione EIO La revisione periodica dell elenco farmaci e presidi e della modulistica di supporto alla postazione EIO La revisione periodica delle procedure di gestione della postazione EIO L utilizzo di indicatori mirati all analisi ed al miglioramento gestione postazione EIO Il controllo pratico, periodico dei farmaci e dei presidi della postazione EIO viene attuato, con cadenza mensile, dal personale infermieristico interno, identificato dal responsabile della Postazione EIO di quella UOA o di quel Servizio. Il controllo periodico mensile si estende anche alle apparecchiature elettromedicali ed a tutti gli elementi che compongono od integrano la postazione. Il controllo e le opportune soluzioni di manutenzione, revisione, approvvigionamento, possono essere ridotte o aumentate nei tempi se previsto da normative particolare o da istruzioni in tal senso delle aziende fornitrici di materiali utilizzati nella postazione. Il riferimento per le apparecchiature elettromedicali è il Servizio di Ingegneria Clinica della nostra Ulss. Il controllo pratico, estemporaneo dei farmaci e dei presidi, con integrazione di quelli utilizzati avviene dopo ogni utilizzo del carrello per qualsiasi esigenza clinica emergente.

7 Pagina 7 di 13 I controlli periodici ed estemporanei sono eseguiti facendo riferimento all elenco standardizzato dei farmaci e dei presidi (Allegato 4-a RM). Nota importante: l Allegato 4-a RM, Elenco Standardizzato dei Farmaci e dei Presidi, sempre pubblicato nella sua versione più recente sul sito informatico ufficiale della ulss 5 (ulss5.it), nella sezione dedicata ai moduli interni, a motivo della necessaria rapidità di aggiornamento, è svincolato dalla revisione di questa procedura gestionale, va scaricato ad ogni controllo della postazione e viene qui riportato solo a titolo esplicativo! I controlli periodici od estemporanei della postazione, previsti dalle procedure di gestione, sono sempre a cura del personale sanitario interno ad UOA. Esiste un Responsabile del carrello per ogni Postazione EIO, identificato fra il personale infermieristico dal Coordinatore o dal Dirigente Medico di II livello di quella UOA, la cui nomina o sostituzione andrà sempre comunicata alla Direzione Medica Ospedaliera ed al Responsabile della Struttura Semplice della Emergenza Intra Ospedaliera. I controlli straordinari possono essere attuati della Direzione Medica, del Responsabile della Farmacia Ospedaliera o da Organi Istituzionali. Tutti i controlli periodici, estemporanei, straordinari e le supervisioni devono essere registrati sull apposito foglio del Registro dei controlli della Postazione EIO (Allegato 1). Il rilievo di criticità estemporanee nella gestione della postazione EIO sarà a cura di tutto il personale che ha contatti con la postazione EIO, nella routine o nell emergenza. L invio della segnalazione sarà messa in atto, al più presto dal Coordinatore o del Dirigente Medico di II livello di quella UOA attraverso Modulo per il rilievo di Criticità nella Postazione EIO (Allegato 2 new). La supervisione, con controllo periodico, delle varie postazioni EIO, nella ULSS 5, sarà a cura del Responsabile della. Tale supervisione avrà cadenza annuale ma potrà essere ridotta per necessità contingenti e potrà essere delegata al coordinatore del Coordinatore dell UOA di Anestesia e Rianimazione del Presidio Ospedaliero dove la postazione EIO è allocata. Tale controllo dovrà essere riportato sul Registro dei controlli della Postazione EIO (Allegato 1)

8 Pagina 8 di 13 CALENDARIO CONTROLLI E REVISIONI OGNI GIORNO Verifica delle apparecchiature poste sotto carica (spie di connessione e di ricarica accese) Controllo del defibrillatore, secondo le istruzioni di manutenzione fornite dalla azienda costruttrice Verifica funzionamento aspiratore Controllo di tenuta delle valvole del pallone Ambu OGNI MESE e dopo OGNI UTILIZZO o CONTROLLO ESTEMPORANEO o STRAORDINARIO Controllo dell elenco standardizzato sulle dotazioni di farmaci, presidi ed elettromedicali Reintegro delle scorte previste per ciascuna voce Apposizione dell apposito sigillo a fine controllo Verifica livello pressione bombola di O2 e sostituzione se inferiore a 50 ATA Firma di verifica sull apposito foglio di registrazione controlli OGNI ANNO Supervisione Postazioni EIO OGNI DUE ANNI Verifica della postazione EIO, mediande redazione aggiornata ed invio degli indicatori e la loro successiva analisi, con correzione delle imperfezioni Revisione e diffusione delle procedure di gestione della Postazione EIO

9 Pagina 9 di REGISTRAZIONI La documentazione di supporto alla gestione pratica delle procedure EIO è integrata alla postazione, in apposito raccoglitore per il formato cartaceo, per un facile utilizzo o controllo ed in formato digitale nella sezione modulistica del sito ulss 5.it. Di tale documentazione elemento fondamentale è il foglio per la registrazione dei controlli periodici od estemporanei ( Allegato 1) e la registrazione delle criticità rilevate ( Allegato 2 ) : o Registro dei controlli della Postazione EIO ( Allegato 1 ) o Modulo per il rilievo di Criticità nella Postazione EIO ( Allegato 2 new ) 8. RIFERIMENTI / BIBLIOGRAFIA Agarwal DA et al. Ventricular fibrillation in Rochester, Minnesota: experience over 18 years. Resuscitation. 2009;80: Bobrow BJ et al. Gasping during cardiac arrest in humans is frequent and associated with improved survival. Circulation. 2008;118: Chan PS et al. Delayed time to defibrillation after in-hospital cardiac arrest. N Engl J Med. 2008; 358:9 17 Chan PS et al. Hospital variation in time to defibrillation after in-hospital cardiac arrest. Arch Intern Med. 2009;169: Chan PS et al. Rapid response teams: a systematic review and meta-analysis. Arch Intern Med. 2010; 170:18 26Conti S et al. Postazioni per l emergenza intraospedaliera e loro accessori: le nostre soluzioni. L Emergenza Intraospedaliera, SAVONA, 3-5 Ottobre2002 ERC European resuscitation council. Summary of the main changes in the Resuscitation Guidelines European resuscitation council; ERC Guidelines 2010, Published by: European Resuscitation Council Secretariat vzw, Drie Eikenstraat BE 2650 Edegem Belgium 2010;122:S640-S656 Ferro S. et al. Strategie di contenimento della mortalità intra-ospedaliera. Il progetto MIER in Emilia- Romagna. Agenzia sanitaria e sociale regionale dell Emilia-Romagna n. 45, settembre 2009 Field JM et al, The 2010 AHA Guidelines: The 4 Cs of Cardiac Arrest Care; Circulation. De Vita et al. Findings of the First Consensus Conference on Medical Emergency Teams. Critical Care Med 2006 Vol. 34, n. 9 Jacobs I. Cardiac arrest and cardiopulmonary resuscitation outcome reports: update and simplification of the Utstein templates for resuscitation registries: a statement for healthcare professionals from a task force of the International Liaison Committee on Resuscitation (American Heart Association, European Resuscitation Council, Australian Resuscitation Council, New Zealand Resuscitation Council, Heart and Stroke Foundation of Canada, Inter American Heart Foundation, Resuscitation Councils of Southern Africa). Circulation. 2004;110: Jones-Crawford JL et al. Resuscitation in the hospital: circadian variation of cardiopulmonary arrest.

10 Pagina 10 di 13 Am J Med. 2007;120: Hauff SR et al. Factors impeding dispatcher-assisted telephone cardiopulmonary resuscitation. Ann Emerg Med. 2003;42: Hodgetts T J el al, The identification of risk factors for cardiac arrest and formulation of activation criteria to alert a medical emergency team. Resuscitation 54 (2002) IRC. Linee guida 2010 sulla rianimazione cardiopolmonare (RCP) Sintesi operativa a cura di Italian Resuscitation Council, 2010 Kause J et al, A comparison of antecedents to cardiac arrests, deaths and emergency intensive care admissions in Australia and New Zealand, and the United Kingdom the ACADEMIA study. Resuscitation 2004;62: Kramer-Johansen J et al. Uniform reporting of measured quality of cardiopulmonary resuscitation (CPR). Resuscitation. 2007;74: Lesmo A Organizzazione e risultati della gestione delle emergenze intraospedaliere nella A.O. Ospedale San Carlo Borromeo di Milano; ACTA ANAESTH. ITALICA 58, 23-34, 2007, pag 7-22 Meaney PA et al. Rhythms and outcomes of adult in-hospital cardiac arrest. Crit Care Med. 2010;38: Menichella M. Il concetto di accreditamento. N&A mensile italiano del soccorso-anno 20 - Vol. 227 Settembre 2011 Mottironi P et al. Adeguamento delle linee guida di Advanced Cardiac Life Support in ambiente ospedaliero; RASSEGNE CARDIOLOGY SCIENCE; pag 26-31, VOL 4 GENNAIO-FEBBRAIO 2006 Nadkarni VM. First documented rhythm and clinical outcome from in-hospital cardiac arrest among children and adults. JAMA. 2006;295:50-57 Peberdy MA. Cardiopulmonary resuscitation of adults in the hospital: A report of cardiac arrests from the National Registry of Cardiopulmonary Resuscitation. Resuscitation 58 (2003) Peberdy MA et al, Research Recommended guidelines for monitoring, reporting, and conducting research on medical emergency team, outreach, and rapid response systems: An Utstein-style scientific statement, Resuscitation 75 (2007), Radeschi G, Emergenza Intraospedaliera: un progetto regionale di miglioramento del percorso clinico organizzativo pag 8-32 Quaderni scientifici ARESS n. 2 / 2009 Rea TD et al. Predicting survival after out-of-hospital cardiac arrest: role of the Utstein data elements. Ann Emerg Med. 2010; 55: Regione Piemonte. Linee guida per l organizzazione dei sistemi di risposta alle emergenze intraospedaliere. DGR n del 27/10/2008 Sernesi P et al. Azienda Ospedaliero-Universitaria Policlinico di Modena, PROGETTO DI FORMAZIONE ED EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA, DATI PRELIMINARI SULL OUTCOME DOPO ARRESTO CARDIOCIRCOLATORIO, 26 Congresso Nazionale Aniarti, Rimini, ottobre 2007 SIAARTI-IRC Working Group: Recommendations for organizing responses to In-Hospital emergencies. Minerva Anestesiol 2007 ; 73: Weisfeldt M et al. Resuscitation after cardiac arrest: a 3-phase time-sensitive model. JAMA. 2002;288:

11 Pagina 11 di 13 Sitografia Azienda Ospedaliera di PADOVA, Regione Veneto, Direzione Sanitaria, IL CARRELLO PER L EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA, Cardiac Arrest Registry to Enhance Survival (CARES): an out of hospital CPR registry. Accessed 5 May Agosto 2010 infermierionline.net National Insitute for Health and Clinical Excellence: NICE clinical guideline 50: Acutely ill patients in hospital recognition of and response to acute illness in adults in hospital. National Registry of CPR (NRCPR). Accessed 5 May ULSS 5, Regione Veneto; Ospedale; Arzignano, Lonigo, Montecchio Maggiore, Valdagno, EMERGENZA INTRAOSPEDALIERA, Sezione Pubblicazioni. ulss5.it The Joint Commission on the Accreditation of Healthcare Organizations (JCAHO) 9. ALLEGATI Gli allegati descritti in queste Procedure sono inseriti in stampato integrale alla fine di questo elaborato ed elencati di seguito in sintesi in questa sezione: Allegato 1: Registro dei controlli della Postazione EIO Allegato 2 new: Modulo per il rilievo di Criticità nella Postazione EIO Allegato 3a-RM: Elenco elementi costituenti la Postazione EIO RM Allegato 4a-RM: Elenco Standardizzato Farmaci e Presidi Valigetta EIO RM Allegato 6 new: Scheda di Follow-up dotazione Postazione EIO Nota importante: l Allegato 4a-RM, Elenco Standardizzato dei Farmaci e dei Presidi, sempre pubblicato nella sua versione più recente sul sito informatico ufficiale della Ulss 5 (ulss5.it), nella sezione dedicata ai moduli interni, a motivo della necessaria rapidità di aggiornamento, è svincolato dalla revisione di questa procedura gestionale e viene qui riportato solo a titolo esplicativo. 10. APPARECCHIATURE Le postazioni EIO RM sono costituite dalle sottodescritte apparecchiature: 1. Valigetta, Borsa o Zainetto Caratteristiche base - tipologia gradita, non importante uno standard - facilità di accesso agli spazi contenitori interni - dimensioni ridotte o comunque adatte ad attività e spazi di lavoro - segnaletica di identificazione della postazione

12 Pagina 12 di Dispositivi integranti la Valigetta Emergenza - Fonte d Ossigeno centralizzata - Attacco dedicato a parete (già presente in RM) - Flussimetro per O2 dedicato a parete (già presente in RM) - Raccordi, Prolunghe per circuiti di erogazione o ventilazione O2 - Dispositivo d aspirazione centralizzata - Attacco dedicato per aspirarazione a parete (già presente in RM) - Vaso secreti, accessori, tubi di racccordo e sondini - Pulsossimetro transcutaneo (dedicato ad ambiente RM) - materiale di consumo dedicato - Defibrillatore semiautomatico bifasico** - Placche monouso di ricambio - Pasta conduttrice - Raccoglitore con documentazione integrativa 1. Elenco degli elementi costituenti la Postazione EIO-RM 2. Elenco Standardizzato Valigetta EIO-RM 3. Istruzioni e Procedure di controllo presidi elettromedicali 4. Modulo per il rilievo di Criticità nella Postazione EIO 5. Registro dei controlli della Postazione EIO 6. Schema delle ultime Linee Guida per BLS-D e ALS-D **NOTA IMPORTANTE: Al momento attuale le ricerche presso le aziende di mercato non vedono defibrillatori compatibili con l esposizione diretta all alto campo magnetico nella sala RM. Pertanto lo strumento è collocato nella postazione di emergenza, all interno del sito, fuori dalla sala magnete. La procedura per le gestione delle emergenze in RM prevede l estrazione del lettino amovibile trasportando il paziente nella zona emergenza. Eventuali revisioni di postazioni EIO non standard o richieste di creazione di una nuova postazione nella propria UOA possono essere sottese dallo schema contenuto nell Allegato 3-a RM, Elenco elementi costituenti la Postazione EIO. 11. RIESAME APPROVAZIONE E REVISIONE La revisione periodica dell Elenco Farmaci e Presidi e della modulistica di supporto alla postazione viene messa in atto dal Responsabile della (EIO) periodicamente, con cadenza biennale, ma anche in funzione di modifiche nella farmacopea o nello stato dell arte dei presidi elettromedicali o per esigenze emerse dagli indicatori forniti dai responsabili delle singole Postazioni EIO. Le modifiche all Elenco Farmaci e Presidi ( Allegato 4-a RM ) sono svincolate dalla revisione di questa procedura gestionale, sono messe in atto con la pubblicazione nella sezione MODULI, del sito della Ulss 5, nella loro versione piu recente.

13 Pagina 13 di 13 L aggiornamento periodico delle Procedure di gestione della postazione EIO viene messo in atto dal Responsabile della (EIO), con scadenza biennale od, estemporaneamente, in qualsiasi momento si identificasse l utilità o la necessità di modifica delle stesse, per evoluzione dello stato dell arte nella materia o per consiglio e necessità delle varie UOA utilizzatrici. Come strumento per valutare appropriatezza ed efficacia delle procedure di gestione dell EIO e come analizzatore di esigenze future per una sempre più adeguata risposta all emergenza intra ospedaliera viene utilizzato, con periodicità biennale, la Scheda di Follow-up (Allegato 5 new). Tale strumento viene periodicamente inviato all attenzione dei Coordinatori di tutte le UOA della Ulss 5, con scadenza biennale, (corrispondente, circa, al tempo di revisione degli standard internazionali relativi alle procedure di rianimazione cardioventilatoria, riviste dalla istituzioni deputate. 12. CRITERI di ACCETTAZIONE ( Indicatori ) Come indicatore di criticità immediato, ma utilizzabile, come dato prospettico viene utilizzata il Modulo Rilievo Criticità (Allegato 2 new). Come indicatore di qualità e, trasversale o longitudinale nel tempo, viene inviata, aggiornata, a scadenza biennale, una la Scheda di Follow-up (Allegato 5 new), dedicata ad una periodica raccolta dati dalle singole Postazioni EIO. Questi indicatori vengono analizzati ed utilizzati per migliorare la funzionalità delle postazioni EIO o, eventualmente, creare nuove postazioni o nuovi punti di supporto a quelle già esistenti, soddisfacendo necessità emerse in relazione a nuovi assetti logistici od organizzativi dei presidi sanitari da noi monitorate. 13. IDENTIFICAZIONE DELLE MODIFICHE I report relativi alle problematiche d emergenza intra ospedaliera e la rivalutazione delle problematiche organizzative, e di dotazione strumentale, emersi dagli indicatori e le conseguenti revisioni nelle procedure di gestione sono di competenza della Struttura semplice di Emergenza Intraospedaliera, afferente alla struttura complessa di Anestesia e Rianimazione ed al Dipartimento di Anestesia e Rianimazione e Cure Intensive. Le modifiche apportate durante le successive revisioni della procedura saranno effettuate in carattere Tw Cen MT n. 10.

14 Registro Controlli Postazione EIO N Foglio N Inserire i dati relativi negli spazi sottostanti dedicati (vedi legenda): Data; Ora; Tipo di Controllo: Periodico (CP), Estemporaneo (CE); Cognome, Nome Operatore del controllo; Qualifica: Coordinatore UOA (CUOA), Infermiere Professionale (IP), Responsabile Accreditamento (RA); Responsabile Postazione EIO (RPE), Responsabile UOA (RU), Responsabile Struttura EIO (RSE), Responsabile Farmacia (RF), Responsabile Direzione Medica (RDM), Nucleo Anti Sofisticazione (NAS); Firma; Codice Sigillo. Data / Ora / Tipo / Cognome Nome / Qualifica / Firma / Codice Sigillo Documento aggiornato 31/12/2013 Allegato 1

15 Modulo Rilievo Criticità in Postazione EIO N PRESIDIO di UOA o SERVIZIO di Responsabile Carrello EIO per l UOA di In data / / ; ore, durante un controllo della Postazione EIO, periodico[ ] estemporaneo[ ] casuale[ ] si rilevava il seguente problema si mettevano in atto le seguenti azione correttiva immediata[ ] provvisoria[ ] successiva[ ] definitiva[ ] note aggiuntive: Cognome, Nome Qualifica Luogo Data / / Firma Allegato 2 new Documento aggiornato 31/12/2013

16 Elementi costituenti la Postazione Emergenza per il BLS-D medicalizzato (EIO-RM) 1. Valigetta, Borsa o Zainetto Caratteristiche base tipologia gradita, non importante uno standard facilità di accesso agli spazi contenitori interni dimensioni ridotte o comunque adatte ad attività e spazi di lavoro segnaletica di identificazione della postazione 2. Dispositivi integranti la Valigetta Emergenza - Fonte d Ossigeno centralizzata - Attacco dedicato a parete (già presente in RM) - Flussimetro per O2 dedicato a parete (già presente in RM) - Raccordi, Prolunghe per circuiti di erogazione o ventilazione O2 - Dispositivo d aspirazione centralizzata - Attacco dedicato per aspirarazione a parete (già presente in RM) - Vaso secreti, accessori, tubi di racccordo e sondini - Pulsossimetro transcutaneo (dedicato ad ambiente RM) - materiale di consumo dedicato - Defibrillatore semiautomatico bifasico (non compatibile con ambiente RM) ** - Placche monouso di ricambio - Pasta conduttrice - Raccoglitore con documentazione integrativa 1. Elenco degli elementi costituenti la Postazione EIO-RM 2. Elenco Standardizzato Valigetta EIO-RM 3. Istruzioni e Procedure di controllo presidi elettromedicali 4. Modulo per il rilievo di Criticità nella Postazione EIO 5. Registro dei controlli della Postazione EIO 6. Schema delle ultime Linee Guida per BLS-D e ALS-D NOTA IMPORTANTE: ** Al momento attuale le ricerche presso le aziende di mercato non vedono defibrillatori compatibili con l esposizione diretta all alto campo magnetico nella sala RM. Allegato 3 a RM Documento aggiornato 31/12/2013

17 Elenco Valigetta EIO per BLS medicalizzato Farmaci Principio attivo / nome commerciale / quantità e forma: f (fiale); fl ( flaconi); cp (capsule) Adrenalina Cloridrato, 1mg / 1 ml / 2 f Atropina Solfato, 1 mg / 1 ml / 3 f Betametasone, 4.0 mg / 2 f Midazolam 5 mg / 2 f Etilefrina 10 mg / 2 f Furosemide 20 mg / 3 f Nifedipina 10 mg cp / 1 blister Propofol 1%, 100 mg, 2 f da 20 ml Soluzione Clorurata al 0,9 % / 1 fl da 500 ml Soluzione Bilanciata R / 1 fl da 500 ml Soluzioni infusionali Disinfettanti/Varie Ipoclorito di sodio 0,57 g in 200 ml / Amuchina / 1 fl da 200 ml Polivinilpirrolidone-Iodio al 10% / 1 fl da 250 ml Presidi Ago ipodermico monouso, G19-21 / 4 pezzi per numero Ago cannula, G / 4 pezzi per numero Cannule di Guedel o Mayo, N 3-4 / 1 pezzo per numero Catetere di Mount / 1 pezzo Cerotti medicati / 10 pezzi Cerotto seta / 1 pezzo Cerotto anallergico / 1 pezzo Deflussore standard per infusioni / 2 pezzi Filtro circuito ventilatorio / 1 pezzo Fonendoscopio / 1 pezzo Garze sterili / 10 pezzi Laccio emostatico / 2 pezzi Maschera facciale, N / 1 pezzo per numero Maschera laringea monouso, N / 1 pezzo per numero Maschera per ossigeno con venturi per % O2 / 2 pezzi Pallone di rianimazione ventilatoria autogonfiabile con reservoire Ossigeno (tipo AMBU) / 1 pezzo Sacchetto urina / 1 pezzo Schizzettone monouso/ 1 pezzo Sfignomanometro / 1 pezzo Siringa monouso / ml / 2 pezzi per numero Sonda aspirazione (completa di raccordi) Ch / 1 pezzo per numero Sonda duodenale, tipo Levin, Fr 16 / 1 pezzi Rubinetto con prolunga 10cm (Connecta) / 2 pezzi Aggiunte peculiari a cura degli utilizzatori Documento aggiornato 31/12/2013 Allegato 4-a RM

18 Scheda di follow-up Postazione EIO N OSPEDALE di UOA di Numero dei Posti Letto della UOA Numero dei pazienti assistiti nell anno Numero dei pazienti presenti, nel giornata Avete una Postazione EIO vicina e come ne giudicate l accessibilità? Che procedura adottate adesso in risposta all emergenza? Chi e con mezzo, viene da voi attivato in risposta all emergenza? Potreste quantificare i tempi di messa in atto delle manovre di ACLS (Supporto Avanzato alle Funzioni Vitali) in una emergenza, dopo la vostra chiamata? Avete o ritenete utile avere una procedura standardizzata e scritta per la risposta all EIO? Avete o ritenete utile avere una registrazione standardizzata e scritta dell intervento EIO? Quanto e quale del vostro personale è addestrato nel BSLD o nell ASLD ed utilizzerebbe il defibrillatore semiautomatico? N. B. Si prega di restituire, dopo la compilazione, per E.mail o posta interna a Dott. Sergio Conti, U.O.A. d Anestesia e Rianimazione Ulss5, Presidio di Arzignano Documento aggiornato al 31/12/2013 Allegato 6 new

GESTIONE POSTAZIONI Emergenza Intra Ospedaliera Carrello E.I.O. standard adulto

GESTIONE POSTAZIONI Emergenza Intra Ospedaliera Carrello E.I.O. standard adulto Pagina 1 di 14 Evidenziati con asterisco *: documenti dedicati a procedura di accreditamento Ulss - 5 Maggio 2012 ELABORAZIONE n 0 APPROVAZIONE * Responsabile Struttura Semplice Dott. Sergio Conti Direttore

Dettagli

GESTIONE POSTAZIONI Emergenza Intra Ospedaliera Carrello E.I.O. standard adulto

GESTIONE POSTAZIONI Emergenza Intra Ospedaliera Carrello E.I.O. standard adulto Pagina 1 di 14 Evidenziati con asterisco *: documenti dedicati a procedura di accreditamento Ulss - 5 Pagina 2 di 14 1. INDICE 1. INDICE pag 2 2. SCOPO pag 2 3. CAMPO DI APPLICAZIONE pag 3 4. TERMINOLOGIA

Dettagli

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE

Modello di Accreditamento della Regione Emilia Romagna. Procedura di attivazione del Team Medico d Eemergenza INDICE Sez. 8 Pag. 1 di 6 INDICE MODIFICHE... 2 OGGETTO... 2 SCOPO... 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 DEFINIZIONI... 3 CONTENUTO... 3 RESPONSABILITÀ OPERATIVE... 3 CRITERI DI ATTIVAZIONE

Dettagli

Regione Marche - Azienda Sanitaria Unica Regionale ZONA TERRITORIALE n 9 - MACERATA MACROSTRUTTURA TERRITORIO Procedura Generale

Regione Marche - Azienda Sanitaria Unica Regionale ZONA TERRITORIALE n 9 - MACERATA MACROSTRUTTURA TERRITORIO Procedura Generale TAssA03 Data 3/2/2007 Rev. Pagina di 5 INDICE. SCOPO 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI. 2 4. DIAGRAMMA DI FLUSSO... 2 5. RESPONSABILITÀ 3 6. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ.. 3 6.

Dettagli

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO

IL RUOLO DEL PS NELLA CATENA DEL SOCCORSO ARRESTO CARDIACO: IL RUOLO DEL PRONTO SOCCORSO Dr.ssa Rita Previati U.O. Medicina Emergenza-Urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Ferrara Società Medico Chirurgica Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.)

REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI. Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE N. CREDITI 8,8 PBLSD-IRC PEDIATRIC BASIC LIFE SUPPORT

Dettagli

Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi. BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario

Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi. BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario ALLEGATO ALLA DELIBERA N. 1014 DEL 30 MAGGIO 2014 PREMESSA Linee guida regionali per l accreditamento dei soggetti erogatori dei corsi BASIC LIFE SUPPORT DEFIBRILLATION (BLSD) a personale non sanitario

Dettagli

Emergenza Urgenza Soccorso

Emergenza Urgenza Soccorso Emergenza Urgenza Soccorso I corsi di formazione...poche ore della tua vita possono salvare una vita... Premessa Una serie di anelli può formare una catena, dove la forza della catena è costituita dalla

Dettagli

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale

Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale Le Raccomandazioni ministeriali per la prevenzione dei rischi in chirurgia: linee di indirizzo regionali di implementazione a livello aziendale PREMESSA Il Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche

Dettagli

Tortona, 6 Ottobre 2012. Assistere il neonato: Organizzazione e Qualità. Désirée Enrietti Tin Neonatologia Università di Torino Ospedale S.

Tortona, 6 Ottobre 2012. Assistere il neonato: Organizzazione e Qualità. Désirée Enrietti Tin Neonatologia Università di Torino Ospedale S. Assistere il neonato: Organizzazione e Qualità Tortona, 6 Ottobre 2012 L'Organizzazione della Sala Parto Désirée Enrietti Tin Neonatologia Università di Torino Ospedale S.Anna Valeria Salandrini Centro

Dettagli

Progetto Sport Sicuro

Progetto Sport Sicuro Allegato A) Progetto Sport Sicuro Prevenzione dell arresto cardiaco durante l attività sportiva agonistica, non agonistica e ludico-motoria INTRODUZIONE ARRESTO CARDIACO E MORTE IMPROVVISA DURANTE SPORT

Dettagli

ATTREZZATURE TECNICHE E MATERIALE SANITARIO IN DOTAZIONE ALLE AMBULANZE

ATTREZZATURE TECNICHE E MATERIALE SANITARIO IN DOTAZIONE ALLE AMBULANZE 1 TABELLA 2 ATTREZZATURE TECNICHE E MATERIALE SANITARIO IN DOTAZIONE ALLE AMBULANZE Ambulanza Tipo A e Tipo A 1 Materiale in dotazione Punto 1 fumogeni e torce a vento; forbici tipo Robin; faro estraibile;

Dettagli

PROCEDURE - GENERALITA

PROCEDURE - GENERALITA PROCEDURE - GENERALITA Le PROCEDURE sono regole scritte, utili strumenti di buona qualità organizzativa, con le quali lo svolgimento delle attività viene reso il più possibile oggettivo, sistematico, verificabile,

Dettagli

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD

Le urgenze in età pediatrica. Introduzione al PBLSD Le urgenze in età pediatrica Roma - 24 gennaio 2015 Introduzione al PBLSD Fabio Carlucci Pietro Gallegra BLS-D / PBLS-D ILCOR EPILS / EPLS P-ALS PTC / ETC BLS / PBLS AHA ILS PEARS ERC International Liaison

Dettagli

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida

La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Azienda Ospedaliera di Verona Pronto Soccorso Policlinico G.B. Rossi Primario: Dott. C. Pistorelli La rianimazione cardiopolmonare: consensi e dissensi nelle linee guida Dott. Adriano Valerio Centro Nazionale

Dettagli

Dott.ssa Rita Imeneo 1

Dott.ssa Rita Imeneo 1 Dott.ssa Rita Imeneo 1 INDAGINI 2007 Regione Piemonte Questionario Emergenze Ospedaliere Progetto GCA: indagine delle Direzioni Sanitarie dei Presidi Ospedalieri pemontesi (escluse le aree critiche) Variabile

Dettagli

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza

PILLOLE D EMERGENZA/26 22 GENNAIO 2011. Pillole d Emergenza Joint Policy Statement Guidelines for Care of Children in the Emergency Department Dichiarazione politica comune - Linee guida per l assi- stenza pediatrica nei dipartimenti di emergenza American Academy

Dettagli

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI

REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI REGOLAMENTO dei DIPARTIMENTI dell AZIENDA OSPEDALIERA della PROVINCIA di LODI GENERALITA I Dipartimenti costituiscono una modalità di organizzazione di più strutture complesse e semplici di particolare

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail FABRIZIO ZORZAN Nazionalità ITALIANA Data di nascita 28/05/1973 ESPERIENZA

Dettagli

BLS (Basic Life support)

BLS (Basic Life support) BLS (Basic Life support) BLS-D (Basic Life support and Defibrillation) Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI SAPERE BLS Basic Life Support OBIETTIVI BLS e BLS-D La catena della sopravvivenza SAPER FARE

Dettagli

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA

AZIENDA USL 1 DI MASSA E CARRARA REV 00 Del Pagina 1 di INDICE 1. SCOPO 2. CAMPO DI APPLICAZIONE 3. AVVIO DELLE PROCEDURE DI EMERGENZA ALL INTERNO DELL ISTITUTO 4. ATTIVAZIONE DEL SERVIZIO DI EMERGENZA TERRITORIALE 5. RICEZIONE AL PRONTO

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.)

CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) Progetto formativo: CORSO Basic Life Support con l aggiunta della procedura di defibrillazione (B.L.S. - D.) in conformità alla Legge 03 aprile 2001, n. 120 e s.m. HSA ITALIA Handicapped Scuba Association

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta

Dalla rianimazione al domicilio. SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio SERVIZIO ANESTESIA RIANIMAZIONE MEDICINA IPERBARICA P.O. MARINO Paolo Castaldi Fabiana Matta Dalla rianimazione al domicilio Problema Bisogni Risposta Piano personalizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL DIPARTIMENTO DI EMERGENZA ED ACCETTAZIONE PREMESSA Il presente Regolamento disciplina le modalità di funzionamento del Dipartimento di Emergenza ed Accettazione come previsto

Dettagli

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47

Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Indicazioni per un aggiornamento della documentazione ai sensi della Direttiva 2007/47 Modifiche alla fascicolazione tecnica: Come noto la fascicolazione tecnica di un dispositivo medico su misura, che

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO

LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO NELLE AZIENDE SANITARIE Le presenti linee di indirizzo regionali per la gestione del rischio clinico nelle Aziende Ospedaliere e nelle Aziende Unità

Dettagli

Scopo principale del progetto è coinvolgere su base volontaria il maggior numero di dentisti ANDI, per formarli, insieme allo staff dello studio,

Scopo principale del progetto è coinvolgere su base volontaria il maggior numero di dentisti ANDI, per formarli, insieme allo staff dello studio, Scopo principale del progetto è coinvolgere su base volontaria il maggior numero di dentisti ANDI, per formarli, insieme allo staff dello studio, come operatori certificati di manovre BLS-D, PBLS-D e disostruzione

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione

PROCEDURA AZIENDALE. PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013. Certificato N 9122 AOLS. Data applicazione Redazione Verifica Approvazione PA SQ - 32 Rev. 0 del 02/04/2013 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 02/04/2013 Dr.ssa G. Saporetti Sig.ra Pallone Dr.ssa G. Saporetti Dr.ssa L. Di Palo Dr. M. Agnello

Dettagli

ESPERIENZA LAVORATIVA

ESPERIENZA LAVORATIVA GALASSO ROSANNA Nato a : Montevarchi (AR), il 20 febbraio 1977 Residente a : Terranuova Bracciolini Prov. Arezzo (solo città) Professione : Infermiera Sede lavorativa: Rianimazione Pediatrica, AOU Meyer

Dettagli

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council

BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian Resuscitation Council REGIONE PUGLIA AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA CONSORZIALE POLICLINICO DI BARI Educazione Continua in Medicina (E.C.M.) PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE BLSD IRC BASIC LIFE SUPPORT -DEFIBRILLATION Italian

Dettagli

Premessa. e con. UOS Formazione Via Portuense 332, 00149 Roma Tel 06.55115456/457/467/468 - Fax 06.55115456 E-mail: accreditamento.blsd@ares118.

Premessa. e con. UOS Formazione Via Portuense 332, 00149 Roma Tel 06.55115456/457/467/468 - Fax 06.55115456 E-mail: accreditamento.blsd@ares118. UOS Formazione Via Portuense 332, 00149 Roma Tel 06.55115456/457/467/468 - Fax 06.55115456 E-mail: accreditamento.blsd@ares118.it REQUISITI PER GLI ENTI FORMATORI EROGATORI DI CORSI BLSD RIVOLTI A SOGGETTI

Dettagli

PIANO ATTUATIVO LOCALE

PIANO ATTUATIVO LOCALE REGIONE LAZIO AZIENDA UNITÀ SANITARIA LOCALE RIETI PIANO ATTUATIVO LOCALE Allegato n 2 Ambulatorio infermieristico Servizio Aziendale Professioni Sanitarie dr.ssa Agnese Barsacchi ASL RIETI AMBULATORIO

Dettagli

DIVENTA ISTRUTTORE CERTIFICATO AMERICAN HEART

DIVENTA ISTRUTTORE CERTIFICATO AMERICAN HEART DIVENTA ISTRUTTORE CERTIFICATO AMERICAN HEART CHE COS E UN DEFIBRILLATORE? Il defibrillatore semiautomatico (spesso abbreviato con DAE, defibrillatore automatico esterno, o AED, Automated External Defibrillator)

Dettagli

DAE e PROGETTI PAD. Enrico Baldi. Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore

DAE e PROGETTI PAD. Enrico Baldi. Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore DAE e PROGETTI PAD Enrico Baldi Pavia nel Cuore Robbio nel Cuore Uso dei DAE I DAE sono sicuri ed efficaci quando usati da laici con minima formazione o senza formazione Yeung et al., Resuscitation 2011:

Dettagli

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon

A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon A.G.C. 20 - Assistenza Sanitaria - Deliberazione n. 424 del 25 marzo 2010 Istituzione del Trauma Center Pediatrico presso l'ao Santobono - Pausilipon PREMESSO che: - Le esperienze condotte principalmente

Dettagli

GESTIONE POSTAZIONI Emergenza Intra Ospedaliera Carrello EION assistenza neonatale

GESTIONE POSTAZIONI Emergenza Intra Ospedaliera Carrello EION assistenza neonatale pag 1 di 17 pag 2 di 17 INDICE 1. INDICE pag. 2 2. SCOPO pag. 3 3. CAMPO DI APPLICAZIONE pag. 3 4. TERMINOLOGIA ED ABBREVIAZIONI pag. 4 5. RESPONSABILITA pag. 5 6. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA pag. 6 7. REGISTRAZIONI

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

GESTIONE CARTA DEI SERVIZI

GESTIONE CARTA DEI SERVIZI PAGINA 1 DI 7 GESTIONE CARTA DEI SERVIZI 1 SCOPO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3 RIFERIMENTI... 2 4 RESPONSABILITA... 3 5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI... 3 6 MODALITÀ DI GESTIONE... 3 6.1 NUCLEO PERMANENTE

Dettagli

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio

RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl ed altre soluzioni concentrate contenenti Potassio AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA RACCOMANDAZIONI sul corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Cloruro di Potassio KCl Preparato da Verificato da Verifica per validazione Approvato da Data

Dettagli

Reporting and Learnig System R.L.S

Reporting and Learnig System R.L.S Pag. 1 di 5 N. Revisione Data Motivo della revisione Redatto Verificato Approvato Rev 0 12.10.2 012 Integrazione contenuti nel campo di approvazione responsabilità Sez. Clinical Auditing AF. Progr. Valut

Dettagli

P. Alarm: un sistema di riconoscimento del peggioramento clinico pediatrico

P. Alarm: un sistema di riconoscimento del peggioramento clinico pediatrico Il bambino al centro delle cure P. Alarm: un sistema di riconoscimento del peggioramento clinico pediatrico V. Frigato a, L. Vagliano b, M.C. Rossi c a AO Città della Salute e della Scienza di Torino -

Dettagli

DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO

DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO Pagina 1 di 10 DIREZIONE AMMINISTRATIVA AZIENDALE SOMMARIO Sommario...1 1.Scopo/Obiettivo... 2 1.1.Scopo...2 1.2.Obiettivo...2 2.Campo di applicazione...2 3.Modifiche alle revisioni precedenti...2 4.Definizioni...

Dettagli

QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO

QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO QUESTI I CASI PIU NOTI MA GLI ALTRI MENO IMPATTANTI DA UN PUNTO DI VISTA MEDIATICO IMPIANTO SPORTIVO Piano Sanitario Responsabilità precise Personale professionista (Medici e Infermieri E/U) Soccorritori

Dettagli

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma

Azienda sanitaria Provinciale Enna PROCESSO DI GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITUMORALE IN UFA ONCOLOGIA - EMATOLOGIA SMALTIMENTO. Nome/Funzione Data Firma Pagina 1 di 6 SMALTIMENTO Nome/Funzione Data Firma Redazione Verifica Approvazione Adozione Dott.ssa Giuseppa Cinzia Di Martino Responsabile UFA Dott.ssa Maria Teresa Perricone Direttore U.O.C. Farmacia

Dettagli

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE...

A.O. MELLINO MELLINI CHIARI (BS) GESTIONE DELLE RISORSE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 3. INFRASTRUTTURE... Pagina 1 di 6 INDICE 1. MESSA A DISPOSIZIONE DELLE RISORSE...2 2. RISORSE UMANE...2 2.1. GENERALITÀ... 2 2.2. COMPETENZA, CONSAPEVOLEZZA E ADDESTRAMENTO... 2 3. INFRASTRUTTURE...3 4. AMBIENTE DI LAVORO...6

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ACCIARDI MARIA GRAZIA Data di nascita 24/01/1957 Qualifica DIRIGENTE MEDICO FASCIA D LIVELLO 3

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. ACCIARDI MARIA GRAZIA Data di nascita 24/01/1957 Qualifica DIRIGENTE MEDICO FASCIA D LIVELLO 3 INFORMAZIONI PERSONALI Nome ACCIARDI MARIA GRAZIA Data di nascita 24/01/1957 Qualifica DIRIGENTE MEDICO FASCIA D LIVELLO 3 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale Staff - EMERGENZA 118 Numero telefonico

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO

PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO PROGETTO CASOLE D ELSA COMUNE CARDIOPROTETTO 1. Il razionale del Progetto 2. Progetto di Cardioprotezione sul Territorio 3. I Partners 4. Fasi del Progetto: 4a 4b 4c Formazione dei laici Installazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO.

VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto VERSO UN SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO DELLA SICUREZZA PER LA SANITA DEL VENETO. dott. Antonio Compostella Direttore ARSS del Veneto Verona, 15.12.2008 Contesto

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Giannoccaro Fabiola Data di nascita 06/07/1964

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Giannoccaro Fabiola Data di nascita 06/07/1964 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Giannoccaro Fabiola Data di nascita 06/07/1964 Qualifica Amministrazione I Fascia ASL DI TARANTO - TA Incarico attuale Dirigente ASL I fascia - Struttura Complessa CO 118 Numero

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità

PROCEDURA AZIENDALE. Gestione delle Non Conformità Pag. 1 Data di applicazione 07/04/2008 Redazione Verifica Data Funzione Nome Data Funzione Nome 21/03/08 Dirigente QA Dirigente QA Dott.ssa A.M. Priori Dott.ssa M. Medri 31/03/08 Direttore QA Dott. E.

Dettagli

Rianimazione ottimizzata. Ideen bewegen mehr

Rianimazione ottimizzata. Ideen bewegen mehr Rianimazione ottimizzata Massaggio cardiaco e insuflazione www.aat-online.de Ideen bewegen mehr In caso di arresto cardiaco una rianimazione veloce ed efficiente rappresenta l elemento decisivo per la

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA DI PRONTO SOCCORSO

STRUTTURA COMPLESSA DI PRONTO SOCCORSO Servizio Qualità e Formazione STRUTTURA COMPLESSA DI PROGETTO FORMATIVO AZIENDALE TITOLO DEL CORSO Basic Life Support Defibrillation tipo B Retraining a) Corso di addestramento 1. TIPOLOGIA DI CORSO 2.

Dettagli

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO

PROCEDURA IDENTIFICAZIONE DEL NEONATO 17.01.2013 1 di 5 LISTA DI DISTRIBUZIONE Direttori Presidi Ospedalieri Direttori di Dipartimento Servizio Infermieristico Direttori UU.OO. Coordinatori Infermieristici UU.OO. Rev. Data Causale Redazione

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata

EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA. Afd Moreno Saccon Coordinatore Infermieristico Direzione Medica. Copia in distribuzione controllata Pag 1 di 6 TRASPORTO DEL PAZIENTE per l esecuzione di esami / visite specialistiche / trasferimenti / esami radiologici all interno. EMISSIONE PREPARATA VERIFICATA APPROVATA FUNZIONE Afd Paolo Scattolin

Dettagli

SIMEUP 2014 PEARS AHA

SIMEUP 2014 PEARS AHA SIMEUP Società Italiana di Medicina Emergenza Urgenza Pediatrica Piano Formativo nazionale SIMEUP 2014 PEARS AHA (PEDIATRIC EMERGENCY ASSESSMENT RECOGNITION AND STABILIZATION) Direttore del corso: Riccardo

Dettagli

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE.

DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 61-7119 DEL 15.10.2007 OGGETTO: SISTEMA REGIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA IN SANITA ED ISTITUZIONE DEL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO ECM REGIONALE. DGR 62-7503 DEL 19.11.2007 OGGETTO: MODIFICA ED INTEGRAZIONE

Dettagli

Guida ai Servizi. Servizio di Ingegneria Medica. Redazione RSGQ/SIM. Approvazione RSP/SIM. Validazione UATP-URP. Emissione RSGQ/SIM

Guida ai Servizi. Servizio di Ingegneria Medica. Redazione RSGQ/SIM. Approvazione RSP/SIM. Validazione UATP-URP. Emissione RSGQ/SIM Servizio di Ingegneria Medica Guida ai Servizi Causale preparazione / modifica documento: Varie Modifiche Redazione RSGQ/SIM Approvazione RSP/SIM Validazione UATP-URP Emissione RSGQ/SIM Prof. N. Rosato

Dettagli

Presentazione del servizio Fabry@Home. Aprile 2011

Presentazione del servizio Fabry@Home. Aprile 2011 Presentazione del servizio Fabry@Home Aprile 2011 Agenda incontro Servizio Fabry@Home: caratteristiche e vantaggi Presentazione del provider: Caregiving Italia Modalità di attivazione del Servizio Fabry@Home

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione del rischio amministrativo-contabile

SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione del rischio amministrativo-contabile Allegato al Decreto n. 465 del 30/07/2013 Piano 2013-2015 e programma 2013 Piano 2013-2015 e programma 2013 per lo sviluppo del SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO per la gestione ***** pagina 1/12 1. Linee guida

Dettagli

Azienda Sanitaria di Nuoro. Barbagie Baronie Mandrolisai Marghine. COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10

Azienda Sanitaria di Nuoro. Barbagie Baronie Mandrolisai Marghine. COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10 COD. 002 VERSIONE 001 DATA 26.05.09 Pagina 1 di 10 INDICE INDICE...1 1. SCOPO...2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. DIAGRAMMA DI FLUSSO...3...3 4.RESPONSABILITÀ...4 5. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ...5 6.RIFERIMENTI...10

Dettagli

volontari VS sanitari

volontari VS sanitari volontari VS sanitari assistenza del VDS al medico e/o infermiere in emergenza quale approccio utilizzare seguendo linee guida condivise? bio-diversità tra: - il soccorritore occasionale - il VDS - il

Dettagli

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Gestione delle non conformità GESTIONE DELLE NON CONFORMITA

PROCEDURA GESTIONALE RISTORAZIONE COLLETTIVA. Titolo : Gestione delle non conformità GESTIONE DELLE NON CONFORMITA Pag. 1 di 6 GESTIONE DELLE NON CONFORMITA INDICE: 1 - Campo di applicazione 2 - Scopo 3 - Documenti di riferimento 4 - Definizioni e abbreviazioni 5 Responsabilità 6 - Modalità Operative 7 Archiviazione

Dettagli

Pediatric Alarm. Intercettamento precoce del peggioramento clinico. C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino

Pediatric Alarm. Intercettamento precoce del peggioramento clinico. C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino Pediatric Alarm Intercettamento precoce del peggioramento clinico C. Bondone, I. Bergese, M.C. Rossi, A. F. Urbino Centro di Riferimento SIMEUP Torino, Ospedale Infantile Regina Margherita REGIONE PIEMONTE

Dettagli

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI

CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI CONVENZIONE FIPAV PER ACQUISTO DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI ESTERNI Convenzione FIPAV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA DI PALLAVOLO, sono riservate particolari

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE

DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Legge regionale 19 marzo 2009, n. 7 (BUR n. 25/2009) DISPOSIZIONI PER GARANTIRE CURE PALLIATIVE AI MALATI IN STATO DI INGUARIBILITÀ AVANZATA O A FINE VITA E PER SOSTENERE LA LOTTA AL DOLORE Art. 1 - Finalità.

Dettagli

REGOLAMENTO SITO INTERNET

REGOLAMENTO SITO INTERNET INDICE 1. Introduzione pag. 2 2. Responsabilità pag. 3 2.1 Amministratore del sito internet e Responsabile dell accessibilità pag. 3 2.2 Referente per la validazione pag. 4 2.3 Referente di Unità Operativa

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

DIRETTORE GENERALE. Visto lo Statuto Aziendale;

DIRETTORE GENERALE. Visto lo Statuto Aziendale; DIRETTORE GENERALE Richiamato il Decreto del Presidente della Giunta Regionale n. 100 del 31 maggio 2013 "Azienda Ospedaliero- Universitaria Careggi. Nomina del Direttore Generale"; Ricordato che con provvedimento

Dettagli

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali

Docente. Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali Docente Dott. Maurizio Crippa Università degli Studi di Milano Bicocca, Dipartimento di Scienze dei Materiali PARTE QUINTA SOLUZIONI PER LA GESTIONE OPERATIVA DEI GAS MEDICINALI IL RUOLO DEL FARMACISTA

Dettagli

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo

PROGETTO GIPSE. Presentazione e Piano Esecutivo PROGETTO GIPSE Presentazione e Piano Esecutivo Prima emissione: Aprile 1999 I N D I C E 1. PRESENTAZIONE GENERALE DEL PROGETTO GIPSE...2 1.1 Obiettivi... 2 1.2 Partner... 2 1.3 Il ruolo dei partner...

Dettagli

L esperienza della. Giulio Radeschi AOU S. Luigi Gonzaga - Orbassano

L esperienza della. Giulio Radeschi AOU S. Luigi Gonzaga - Orbassano L esperienza della Regione Piemonte Giulio Radeschi AOU S. Luigi Gonzaga - Orbassano Progetto Emergenza Intraospedaliera Programma di miglioramento della qualità e della sicurezza negli ospedali del Piemonte

Dettagli

Principi etici Linee Guida 2015. Giuseppe Gristina

Principi etici Linee Guida 2015. Giuseppe Gristina Principi etici Linee Guida 2015 Giuseppe Gristina European Resuscitation Council Guidelines for Resuscitation 2015 Section 11. The ethics of resuscitation and end-of-life decisions cura centrata sul paziente

Dettagli

PG03.GTP GESTIONE DEI DOCUMENTI DI LAVORO

PG03.GTP GESTIONE DEI DOCUMENTI DI LAVORO Pagina n. 1 di 7 APAT L.93/01 - progetto a gestione diretta di APAT : circuiti di interconfronto per l individuazione di un gruppo tecnico permanente regionale o multi regionale (GTP) per il monitoraggio

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

PROFESSIONALE IN CHIRURGIA E AREA CRITICA

PROFESSIONALE IN CHIRURGIA E AREA CRITICA CENTRO DI FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE IN CHIRURGIA E AREA CRITICA Centro di Simulazione Avanzata La formazione professionale e l aggiornamento in chirurgia e area critica, con lo scopo di

Dettagli

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI

UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI UNITA OPERATIVA DI PRONTO SOCCORSO PROCEDURA N. 27 FONTE: DOTT. CASAGRANDE TRASPORTO SANITARIO SECONDARIO TRASPORTI SANITARI TRASPORTO SANITARIO Trasporto primario: trasferimento di un paziente dal luogo

Dettagli

Esperienze Professionali

Esperienze Professionali M ODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome RAFFAELI Massimo Data di nascita 19/05/54 Qualifica Dirigente Medico Amministrazione Azienda Opedaliera Ospedale S. Carlo Borromeo Incarico

Dettagli

Oggetto : ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI (DAE): PROGETTO DEFIBRILLATORE AMICO PREMESSA

Oggetto : ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO DI DEFIBRILLATORI SEMIAUTOMATICI (DAE): PROGETTO DEFIBRILLATORE AMICO PREMESSA DIREZIONE SANITARIA Prot. n. 4172 Napoli 31/07/2013 SADS Posizione Risposta al Fl n. del Allegati ALLEGATO ALLA NOTA PROT. 12431 DEL 28/08/2013 Oggetto : ISTRUZIONI OPERATIVE PER LA GESTIONE E L UTILIZZO

Dettagli

SIMT-POS 038 GESTIONE STRUMENTI

SIMT-POS 038 GESTIONE STRUMENTI 1 Prima Stesura Redattori: Gasbarri, De Angelis, Rizzo Data: 15-02-/2014 SIMT-POS 038 GESTIONE STRUMENTI Indice 1 SCOPO... 2 2 CAMPO D APPLICAZIONE... 2 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO... 2 4 DESCRIZIONE ATTIVITÀ...

Dettagli

DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE

DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE Azienda USL Pescara Direttore Generale Dott. C. D Amario U.O.S. Risk Management Responsabile Dr.ssa Annamaria Ambrosi Rev. 0 2015 PROCEDURA OPERATIVA GESTIONE DELLE PROTESI MOBILI DENTARIE e/o ACUSTICHE.

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi

A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A3_1 V2.2 Analisi dei Requisiti e Specifica Significato, motivazioni e processi Il contenuto del documento è liberamente

Dettagli

LAUREA MEDICINA E CHIRURGIA Sede Università degli Studi di Perugia Voto 110/110 Data 25/10/1983

<Emilia Filicetti> LAUREA MEDICINA E CHIRURGIA Sede Università degli Studi di Perugia Voto 110/110 Data 25/10/1983 INFORMAZIONI PERSONALI Nome FILICETTI EMILIA CF FLC MLE 57B55I896I Indirizzo Via Roma 191/D, 87058 Spezzano Sila- Cosenza Telefono 0984 435940 340 6884568 e-mail emiliafilicetti@tiscali.it Nazionalità

Dettagli

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA

LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA Esercitazione del 11.11.2005 Dott.ssa Michela Ferri LA NORMA UNI EN ISO 9001:2000 E IL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITA 4. SISTEMA

Dettagli

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio

PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8. Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio PROCEDURA AZIENDALE REV. 0 Pag. 1 / 8 Stato delle Modifiche Rev. Data Causale Approvazione 0 Agosto 2011 Prima emissione Comitato per il Rischio 1 SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Lo scopo della presente

Dettagli

I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione

I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione I rifiuti derivanti dalle attività didattiche, sperimentali e di ricerca Università degli Studi

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE Procedura Operativa APPROVVIGIONAMENTO E GESTIONE MAGAZZINO REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 00 OTTOBRE 2015 INDICE Farmacista Specializzando Dott. Cataldo Procacci

Dettagli

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica

L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale. Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica L insegnamento del primo soccorso per il personale delle scuole di Roma Capitale Società Italiana di Medicina di Emergenza Urgenza Pediatrica Con il nuovo corso PBLS SIMEUP redatto secondo le nuove linee

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome BANDUCCI RICCARDO QUALIFICHE PROFESSIONALI Medico Chirurgo. Iscritto all Albo dei Medici Chirurghi della

Dettagli

CUSTOMER SATISFACTION

CUSTOMER SATISFACTION PAGINA 1 DI 5 1 SCOPO 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 RIFERIMENTI... 2 4 RESPONSABILITA... 3 5 DEFINIZIONI E ABBREVIAZIONI.. 3 6 MODALITÀ DI GESTIONE.. 3 6.1 STRUMENTO PER LA RILEVAZIONE DEL GRADO DI SODDISFAZIONE.

Dettagli

Guida all elaborazione della Tesi

Guida all elaborazione della Tesi Università degli Studi di Torino Scuola di Medicina Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche Corso di Laurea in Infermieristica Sedi Torino (Città della Salute, TO2, TO4) Guida all elaborazione

Dettagli

4.5 CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI

4.5 CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI Unione Industriale 35 di 94 4.5 CONTROLLO DEI DOCUMENTI E DEI DATI 4.5.1 Generalità La documentazione, per una filatura conto terzi che opera nell ambito di un Sistema qualità, rappresenta l evidenza oggettiva

Dettagli

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta)

D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) Lettera progressiva A Data di entrata in vigore: 1 Luglio 2010 Revisione n : 1 Data revisione programmata: 1 Lugl io 2011 Pagina 1 di 5 D1: ORGANIZZAZIONE DEI CR (Centri Raccolta) DISCIPLINARE DEI REQUISITI

Dettagli

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series

Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV - AMI ITALIA Defibrillatori Saver One Series Convenzione FIV, ai tesserati e alle società sportive affiliate alla FEDERAZIONE ITALIANA VELA, sono riservate particolari condizioni commerciali

Dettagli