Università degli Studi di BARI CdL Spec. della Riabilitazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di BARI CdL Spec. della Riabilitazione"

Transcript

1 PROVA DI AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA DELLE SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE Anno Accademico 2006/2007 Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria 1. Nella posizione di Fowler, la persona: A) è seduta con inclinazione del tronco sul piano del letto tra B) è seduta con inclinazione del tronco sul piano del letto tra C) è seduta con inclinazione del tronco sul piano del letto di 90 D) è distesa su un piano E) giace sul fianco destro o sinistro 2. Le vertebre lombari in un uomo sono: A) 5 B) 7 C) 3 D) 8 E) La respirazione di Biot si caratterizza per: A) numerosi atti respiratori brevi e irregolari, seguiti da periodi di apnea B) atti respiratori profondi e regolari C) atti respiratori superficiali che aumentano di profondità, raggiungono un picco e quindi declinano, seguiti da un periodo di apnea D) atti respiratori molto lenti con inspirazione prolungata E) atti respiratori superficiali continui e frequenti 4. Quale alternativa riporta i tre livelli dello sviluppo morale secondo Lawrence Kohlberg? A) Preconvenzionale, convenzionale, postconvenzionale B) Premorale, convenzionale, soggettivo C) Premoralità, realismo morale, soggettivismo morale D) Obbedienza, adesione, universalità E) Amore, potere, comprensione 5. L'afasia espressiva è caratterizzata da: A) linguaggio limitato, articolazione rallentata e grammatica ridotta B) linguaggio grammaticalmente corretto ma difficoltà riguardo l'uso di nomi per particolari oggetti C) linguaggio fluente, ben articolato e contenuti disorganizzati D) disturbo del linguaggio risultante da debolezza del controllo motorio, paralisi e scoordinazione E) incapacità totale sia nel linguaggio verbale sia in quello scritto 1

2 6. Un piano che passa perpendicolarmente all'asse lungo del corpo, dividendolo in una parte superiore e una inferiore, è detto sezione: A) trasversa B) dorsale C) frontale D) coronale E) sagittale 7. Il movimento attraverso il quale si ruota la pianta del piede verso l'esterno è definito: A) eversione B) protrazione C) inversione D) abduzione E) dorsiflessione 8. L'articolazione della spalla è un esempio di: A) sferartrosi B) artroide C) pedartrosi D) ginglimo angolare E) condilartrosi 9. Un danno delle cellule piramidali comporta difficoltà: A) nelle attività motorie B) nella capacità visiva C) nella percezione del dolore D) nella capacità digestiva E) nella capacità linguistica 10. La scarsa capacità di accomodazione dell'occhio nella visione di immagini lontane o vicine è definita come: A) ambliopia B) astigmatismo C) ipermetropia D) miopia E) cataratta 11. Tutte le seguenti sono patologie delle palpebre tranne una: quale? A) Pterigio B) Orzaiolo C) Blefarite D) Dacriocistite E) Xantelasma 12. Un individuo alza gli occhi verso il soffitto. Quale muscolo utilizza nel compiere tale gesto? A) Retto superiore B) Ciliare C) Retto mediale D) Obliquo superiore E) Elevatore della palpebra 2

3 13. Secondo la classificazione stabilita dal Bureau International d'audiophonologie la soglia che definisce una sordità come media è: A) 40/70 db B) 90/110 db C) 20/40 db D) 79/90 db E) nessuna delle altre risposte è corretta 14. Le vie nervose afferenti sono: A) sensitive B) miste C) motorie D) solo simpatiche E) autonome 15. Si definisce capacità inspiratoria : A) la somma fra il volume corrente e il volume di riserva inspiratoria B) la somma fra il volume corrente e la capacità vitale C) la somma fra il volume di riserva espiratoria e il volume residuo D) il volume presente nei polmoni dopo l inspirazione massimale E) la somma fra il volume corrente, il volume di riserva inspiratoria e il volume di riserva espiratoria 16. Quale tra i seguenti termini definisce le caratteristiche della voce parlata relative ad accento, tono, intonazione e quantità? A) Prosodia B) Shimmer C) Enodia D) Tachilalia E) Fonema 17. La deambulazione con stampelle utilizzando la tecnica dell andatura oscillante a livello prevede: A) l appoggio di tre punti sul pavimento, e cioè due stampelle ed entrambi i piedi insieme B) che le stampelle vengano fatte avanzare alternativamente C) l appoggio di due punti sul pavimento, e cioè una stampella e un piede alternativamente D) l appoggio di tre punti sul pavimento, e cioè due stampelle e un piede E) che sia utilizzata da soggetti con alterazioni monolaterali 18. Se una persona giace supina con i piedi più bassi della testa di circa 30, sta assumendo la posizione: A) anti-trendelemburg B) di Fowler C) di Trendelemburg D) semi-fowler E) di sicurezza 3

4 19. Quale fra le seguenti non è una tecnica fisioterapica? A) L'aerosol B) La tecnica di espirazione forzata C) La PEP mask D) L'espirazione a glottide aperta E) Elpr (expiration lente prolongée) 20. Quale dei seguenti termini non rappresenta un elemento fondamentale del processo comunicativo? A) Obiettivo B) Canale C) Emittente D) Contenuto E) Ricevente 21. Nella ICF (International Classification of Functioning, disability and health) una perdita o anomalia delle funzioni mentali è considerata: A) una menomazione B) un'alterazione della struttura corporea C) un handicap D) un deficit cognitivo E) una restrizione alla partecipazione 22. Quale tra i seguenti termini non indica un disturbo di interesse logopedico? A) Dismutismo B) Disodia C) Dislalia D) Disfemia E) Disfonia 23. Il recupero della propriocettività tibio-tarsica in seguito a distorsione è favorito dall'uso di: A) tavolette di Freeman B) idrokinesiterapia C) elettrostimolazione D) step E) cyclette 24. Nella sindrome del tunnel carpale viene interessato il nervo: A) mediano B) ulnare C) femorale D) radiale E) sciatico 25. I monconi degli arti hanno tendenza spontanea alla: A) flessione B) estensione C) abduzione D) postura indifferente E) intrarotazione 4

5 26. Nel trattamento di quale delle seguenti patologie sono indicate le manipolazioni vertebrali? A) Disturbo intervertebrale minore B) Ernia del disco C) Segni di deficit dell'ela D) Spondilolistesi E) Nessuna delle altre risposte è corretta 27. Il cosiddetto piede piatto è di origine: A) congenita B) iatrogena C) acquisita D) esorecettiva E) endorecettiva 28. La tumefazione locale NON è indice di: A) sciatalgia B) borsite acuta C) distorsione acuta D) artrite acuta E) contusione dei tessuti molli 29. Relativamente al documento dell'oms International classification of Functioning, Disability and Health (ICF) si può affermare che: A) è applicabile a qualsiasi individuo B) classifica le disabilità a prescindere dalle condizioni di salute C) è applicabile solo a persone colpite in misura più o meno grave da menomazioni, disabilità o handicap D) classifica gli handicap a prescindere dal funzionamento E) classifica le cause degli handicap 30. Le persone che subiscono gravi danni al lobo frontale del cervello raramente riacquistano la loro abilità di: A) pianificare ed eseguire progetti B) processare informazioni uditive C) riconoscere stimoli visivi D) processare informazioni olfattive E) parlare 31. L'esercizio respiratorio PEEP (Positive end-expiratory pressure): A) favorisce la pervietà delle vie bronchiali più sottili B) si può eseguire solo se il paziente è portatore di tracheotomia C) ha lo scopo di rinforzare la muscolatura inspiratoria D) è sufficiente a mantenere fluide le secrezioni bronchiali E) è molto indicato in presenza di bolle di enfisema 32. Il termine allodinia definisce: A) una sensazione dolorosa dovuta a uno stimolo che normalmente non provoca dolore B) un dolore primitivo causato da una lesione primaria o da una disfunzione del SNC C) un'aumentata risposta a uno stimolo doloroso D) una mancata risposta a uno stimolo normalmente doloroso E) una sensazione di piacere in risposta a uno stimolo normalmente doloroso 5

6 Test di Logica e Cultura Generale 33. Se la qualità della dieta è importante, non meno importante è la quantità: qualsiasi eccesso di calorie assunte o è compensato da un maggior dispendio energetico (attività fisica) o fatalmente si tradurrà in un aumento di peso, principale fattore di rischio per molte malattie, in particolare quelle cardiocircolatorie. Quale delle seguenti conclusioni NON può essere dedotta dalla precedente affermazione? A) Chi ha avuto un infarto ha mangiato troppo oppure male B) Il peso di una persona è direttamente proporzionale alla quantità di calorie assunte e inversamente proporzionale all attività fisica che svolge C) Chi mangia sempre troppo oppure male corre un rischio maggiore di avere una malattia cardiocircolatoria D) Le persone obese hanno una probabilità maggiore di essere soggette a malattie cardiocircolatorie rispetto alle persone in perfetta forma fisica E) La quantità di calorie assunte è almeno tanto importante quanto la qualità della dieta per la prevenzione delle malattie cardiocircolatorie 34. È assurdo contestare che è sbagliato non riconoscere che la mostra dei quadri di Picasso è stata visitata da molte persone. Basandosi sulla precedente affermazione, individuare quale delle seguenti alternative è esatta: A) molte persone hanno visitato la mostra dei quadri di Picasso B) la mostra dei quadri di Picasso non è stata visitata da molte persone C) non è possibile stabilire se la mostra dei quadri di Picasso sia stata visitata da molte o poche persone D) la mostra dei quadri di Picasso è stata contestata da molte persone E) non si può evitare di negare che non è corretto non affermare che la mostra dei quadri di Picasso è stata visitata da molte persone 35. Quale dei seguenti Stati nati dalla dissoluzione dell'urss si affaccia sul Mar Caspio? A) Kazakistan B) Bielorussia C) Ucraina D) Georgia E) Estonia 36. Il clima caratterizzato da inverni miti ed estati secche è definito clima: A) mediterraneo B) oceanico C) monsonico D) continentale E) balcanico 37. La cacciata degli Austriaci da Venezia, unitamente alla proclamazione della Repubblica Veneta, si inquadra nella: A) Prima guerra di indipendenza B) Terza guerra di indipendenza C) Prima guerra mondiale D) Seconda guerra di indipendenza E) Restaurazione post-napoleonica 6

7 38. Tutti i milanesi usano l auto; Max è un milanese; tutti i milanesi amano andare in bicicletta. Quale delle seguenti conclusioni NON può essere vera, se sono vere le precedenti affermazioni? A) Max non utilizza l auto, ma solo la bicicletta B) È possibile che anche chi non usa l auto ami andare in bicicletta C) Max usa l auto D) È possibile che tutti coloro che usano l auto amino andare in bicicletta E) È possibile che chi ama andare in bicicletta possa non usare l auto 39. Quali Stati firmarono la pace di Brest-Litovsk, il 3 marzo 1918? A) Germania e Russia B) Polonia e Germania C) Austria e Francia D) Ungheria e Polonia E) Germania e Francia 40. In quante zone di occupazione venne divisa Berlino alla fine della seconda guerra mondiale? A) 4 B) 5 C) 2 D) 3 E) Non fu divisa in zone alla fine della seconda guerra mondiale, ma solo nel 1961, con la costruzione del Muro 41. Quale dei seguenti comuni NON si trova nel Lazio? A) Todi B) Orte C) Civitavecchia D) Rieti E) Bolsena 42. Il professore dice a Marcello: Se vai in vacanza, a meno che ci sia brutto tempo, non studiare nulla se non il libro di grammatica. In quale dei seguenti casi Marcello disobbedisce al professore? A) Marcello va in vacanza e, poiché il tempo è sempre bello, non studia alcun libro B) Marcello va in vacanza e, poiché il tempo è sempre bello, studia solo il libro di grammatica C) Marcello non va in vacanza e studia il libro di grammatica e quello di fisica D) Marcello va in vacanza e, quando il tempo è brutto, studia il libro di fisica e quello di grammatica E) Marcello va in vacanza e, poiché il tempo è brutto, studia solo il libro di grammatica 43. Quali tra i termini proposti completano correttamente la seguente proporzione? Tachimetro : velocità = X : Y A) X = termometro; Y = temperatura B) X = igrometro; Y = calore C) X = pressione; Y = barometro D) X = tempo; Y = sole E) X = pressione arteriosa; Y = sfigmomanometro 7

8 44. Quali tra i termini proposti completano correttamente la seguente proporzione? X : Napoleone = Zama : Y A) X = Lipsia; Y = Annibale B) X = Nelson; Y = Cartagine C) X = Waterloo; Y = Giulio Cesare D) X = S. Elena; Y = Napoleone III E) X = Rivoluzione Francese; Y = Guerre puniche 45. Chi non si lava i capelli tutti i giorni diventa calvo prima dei trent anni. In base alla precedente affermazione, è necessariamente vero che: A) chi non diventa calvo prima dei trent anni si è lavato i capelli tutti i giorni B) chi diventa calvo prima dei trent anni non si è lavato i capelli tutti i giorni C) chi si lava i capelli tutti i giorni non diventa calvo prima dei trent anni D) per non diventare calvo prima dei trent anni è necessario lavarsi i capelli tutti i giorni E) chi è calvo non si è lavato i capelli tutti i giorni prima dei trent anni 46. L illuminazione di un giardino prevede, lungo il suo perimetro, la posa di lampioni a distanza di 2 metri l uno dall altro. Quanti lampioni in più sono necessari per illuminare un giardino quadrato di area quadrupla rispetto a un altro giardino quadrato che ha il perimetro pari a 60 metri? A) 30 B) 90 C) 60 D) 45 E) Un solo pasticciere prepara 5 torte in 2 ore e mezza. Quanti pasticcieri dovrebbero lavorare, allo stesso ritmo, per preparare 12 torte in un'ora e mezza? A) 4 B) 3 C) 12 D) 5 E) Dove è stato trasportato il relitto del DC-9 Itavia precipitato nel mare di Ustica il 27 giugno 1980? A) A Bologna B) A Napoli C) A Roma D) A Milano E) A Ustica 49. Nel 2006 ricorre l'anniversario della scoperta dell'aids, quanti anni sono passati? A) 25 B) 35 C) 50 D) 20 E) 75 8

9 50. Di chi ha preso il posto Tarcisio Bertone come Segretario di Stato Vaticano? A) Angelo Sodano B) Michele Giordano C) Carlo Maria Martini D) Severino Poletto E) Camillo Ruini Test di Regolamentazione dell'esercizio delle professioni sanitarie e legislazione sanitaria 51. La determinazione della Classe 1 delle lauree delle professioni sanitarie infermieristiche e della professione sanitaria ostetrica è definita: A) dal Decreto Interministeriale 2 aprile 2001 B) dalla Legge 10 agosto 2000, n. 251 C) dal Decreto Ministeriale 27 luglio 2000 D) dal D.P.R. 5 aprile 1950, n. 221 E) dal Decreto Ministeriale 3 novembre 1999, n La normativa che ha istituito la dirigenza infermieristica e ostetrica è: A) la Legge 10 agosto 2000 n. 251 B) il D.M. 14 settembre 1994 n. 739 C) il R.D. del 1934 n D) la Legge 26 febbraio 1999 n. 42 E) il D.Lgs. 30 dicembre 1992 n Secondo la Costituzione italiana la salute: A) è tutelata dalla Repubblica come diritto dell individuo e della collettività B) è riconosciuta dallo Stato come bene collettivo C) è auspicata dalla Repubblica come diritto inalienabile dell uomo D) è dovere del cittadino E) è diritto del cittadino 54. Rivelare e utilizzare segreti di ufficio è: A) sempre perseguibile d'ufficio B) perseguibile d'ufficio in caso di dolo C) perseguibile solo a querela di parte D) perseguibile a querela di parte in caso di colpa E) nessuna delle altre risposte è corretta 55. Secondo il codice penale un comportamento colposo deriva da tutti e soli i seguenti atti: A) imprudenza, imperizia, negligenza, inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline B) imprudenza, imperizia, negligenza, inosservanza di leggi e regolamenti C) imperizia, negligenza, inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline D) inosservanza di leggi, regolamenti, ordini o discipline E) imprudenza, imperizia, negligenza 56. Il decreto 14 settembre 1994, n. 743 definisce il profilo di quale figura professionale? A) Ortottista B) Logopedista C) Podologo D) Terapista occupazionale E) Fisioterapista 9

10 57. Il trattamento sanitario obbligatorio (TSO) per malattia mentale: A) necessita della convalida del giudice tutelare B) è un provvedimento che può essere richiesto solo da un medico psichiatra C) è un provvedimento emanato dal prefetto D) dura di norma 10 giorni E) non può essere prorogato 58. Le professioni sanitarie riabilitative individuate dal Decreto 29 marzo 2001 sono tutte le seguenti tranne una; quale? A) Igienista dentale B) Terapista della neuromotricità e psicomotricità dell'età evolutiva C) Podologo D) Ortottista E) Educatore professionale 59. Le lesioni personali sono normate dagli articoli: A) 582 e 583 del Codice Penale B) 365 e 384 del Codice Penale C) 580 e seguenti del Codice Civile D) 201 e seguenti del Codice di Procedura Penale E) nessuna delle altre risposte è corretta 60. Il profilo professionale del logopedista è stato emanato con: A) Decreto Ministeriale 14 settembre 1994, n. 742 B) Decreto Ministeriale 14 settembre 1994, n. 743 C) Decreto Ministeriale 14 settembre 1994, n. 741 D) Decreto Ministeriale 17 gennaio 1997, n. 56 E) nessuna delle altre risposte è corretta Test di Cultura scientifico-matematica, statistica, informatica e inglese 61. Dovendo acquistare una scrivania, Giorgio misura la lunghezza di quattro modelli che gli interessano. La prima misura 150 cm, la seconda 120 cm, la terza 112 cm e la quarta 100 cm. Qual è la mediana di tali valori? A) 116 cm B) 112 cm C) 120,5 cm D) 120 cm E) 125 cm 62. Si lancino due dadi, si consideri il valore ottenuto sommando i punteggi delle due facce. Indicata con P(x) la probabilità di ottenere il punteggio x, quale fra le seguenti affermazioni è corretta? A) P(4) = P(10) B) P(4) = P(5) C) P(4) = P(3) D) P(4) = P(8) E) P(4) = P(9) 10

11 63. Con il programma di videoscrittura Microsoft Word, utilizzando il comando Paragrafo dal menu Formato NON è possibile: A) ingrandire il corpo del testo di un intero paragrafo B) diminuire l'interlinea C) far rientrare il margine sinistro del testo D) giustificare il testo E) cancellare le tabulazioni esistenti 64. Il correttore ortografico per la lingua italiana del programma di videoscrittura Microsoft Word esaminando la frase la spatola di cioccolatini : A) non segnalerà nulla B) segnalerà come errata la parola spatola proponendo la sostituzione con scatola C) segnalerà come errata l'intera frase D) segnalerà come errata la parola cioccolatini perché non ha senso riferita a spatola E) segnalerà come errata la parola spatola senza proporre alcuna parola in sostituzione 65. La legge di Mendel regola: A) la trasmissione dei caratteri ereditari B) le variazioni del tasso di interesse in funzione dell'andamento del costo del danaro C) i cambiamenti fonetici che avvengono spontaneamente in una lingua nel corso del tempo D) la differenziazione cellulare nel corso del periodo embrionale E) il raggruppamento dei metalli nella tavola periodica degli elementi 66. Quando in televisione si cambia canale: A) si sintonizza l'apparecchio su una differente frequenza di emissione B) si cambia il codice digitale con il quale è criptata l'emissione C) si varia l'intensità del segnale emesso dalla trasmittente D) il segnale si trasforma da digitale ad analogico E) ci si connette a un diverso trasmettitore 67. Se una persona cammina con i tacchi a spillo su un tappeto può rovinarlo. Il fattore critico per determinare il rischio di danno è: A) il rapporto fra il peso della persona e la superficie del tacco B) il peso della persona C) il rapporto fra l'altezza e la superficie del tacco D) la superficie del tacco E) il materiale che ricopre la superficie del tacco 68. Choose the word which best completes the following sentence. I will receive the documents the end of the month. A) by B) in C) within D) until E) to 11

12 69. Choose the group of words which best completes the following sentence. This time tomorrow.. the exam and will be having dinner together. A) we will have taken B) we will take C) we will be taking D) we are taking E) we are going to take 70. Choose the word or group of words which best completes the following sentence. They.. not forget Henry s birthday gift. A) had better B) would better C) had rather D) are E) have Test di Scienze Umane e Sociali 71. A quale filosofo greco si può attribuire il pensiero: È necessario adattare l educazione dei giovani a ciascuna costituzione? A) Aristotele B) Epicuro C) Pitagora D) Socrate E) Pirrone 72. Per etnocentrismo si intende: A) l'atteggiamento di chi assume come termini esclusivi di riferimento i modelli culturali del gruppo di appartenenza ritenuti naturali, universali, veri B) la concezione di chi ritiene che l'etnia sia l'origine delle differenze culturali C) la concezione che reputa la terra il centro dell'universo D) la concezione che attribuisce all'uomo in particolare, e agli animali predatori in generale, un ruolo centrale all'interno della catena alimentare E) la branca della scienza che studia l evoluzione dei comportamenti sociali in riferimento ad ogni singola etnia 73. Nella Repubblica di Platone la responsabilità di governo è attribuita: A) ai filosofi B) a un re C) a un'assemblea popolare D) ai sacerdoti E) all'oligarchia del censo 74. Un codice è: A) un sistema di regole e di segni B) un alfabeto C) un vocabolario cifrato D) una normativa comportamentale E) una crittografia 12

13 75. I soci volontari, ove previsti dallo statuto delle cooperative sociali, sono soci: A) che prestano la loro opera gratuitamente, ai quali può essere corrisposto soltanto il rimborso delle spese effettivamente sostenute e documentate B) legalmente autorizzati ad agire in nome e per conto della cooperativa cui appartengono, che possono essere ammessi senza limitazione di numero C) ai quali sono affidati unicamente ruoli direttivi D) ai quali si applicano i contratti collettivi e le norme di legge in materia di lavoro subordinato e autonomo E) il cui numero non può superare un quarto del numero complessivo di soci 76. A Thomas Robert Malthus si deve un'importante teoria nel campo della: A) demografia B) matematica C) astronomia D) psichiatria E) storia 77. Il termine brainstorming si riferisce a: A) una tecnica di analisi in gruppo per ricercare soluzioni a un dato problema che permette di conseguire contemporaneamente obiettivi cognitivi e di socializzazione B) una tecnica di analisi individuale nella ricerca di risoluzioni a problemi di carattere cognitivo C) una tecnica di analisi in gruppo che garantisce di trovare la soluzione ottimale a un problema D) una tecnica di analisi in gruppo per ricercare soluzioni a un dato problema che permette di conseguire obiettivi cognitivi ma non di socializzazione E) una tecnica di memorizzazione 78. In antropologia, con il termine acculturazione ci si riferisce: A) ai processi con i quali un individuo acquisisce la cultura o alcuni tratti di essa da un altro gruppo sociale rispetto a quello a cui appartiene B) ai processi con i quali l alunno acquisisce le conoscenze previste dai programmi scolastici C) ai processi con i quali un individuo acquisisce la cultura del proprio gruppo sociale D) ai comportamenti prescritti all interno di un dato gruppo sociale E) all alfabetizzazione di un gruppo etnico 79. Che cosa si intende con il termine psicoterapia? A) La cura del disturbo comportamentale attraverso colloqui con uno psicologo B) La diagnosi sintomatica della malattia mentale C) Il trattamento farmacologico della malattia mentale D) Il complesso degli esami clinici necessari per accertare le cause del disturbo psichico E) La cura e la prevenzione del disturbo psichico 80. Quale, tra le seguenti discipline, studia stereotipi e pregiudizi? A) La psicologia sociale B) La psicologia differenziale C) La psicoanalisi D) La pedagogia E) La filosofia del linguaggio SOLUZIONI Tutte le domande hanno come risposta esatta quella alla lettera A) 13

14

Università degli Studi di BARI Laurea spec. Scienze delle Professioni sanitarie tecniche assistenziali

Università degli Studi di BARI Laurea spec. Scienze delle Professioni sanitarie tecniche assistenziali PROVA DI AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA DELLE SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN TECNICHE ASSISTENZIALI Anno Accademico 2006/2007 Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria

Dettagli

Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria

Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria Università degli Studi di Bari Prova di ammissione al corso di laurea Specialistica/Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Anno Accademico 2006/2007 Test di Teoria/pratica pertinente alla

Dettagli

Università degli Studi di BARI Laurea spec. Scienze delle Professioni sanitarie tecniche diagnostiche

Università degli Studi di BARI Laurea spec. Scienze delle Professioni sanitarie tecniche diagnostiche PROVA DI AMMISSIONE AL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA DELLE SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE IN TECNICHE DIAGNOSTICHE Anno Accademico 2006/2007 Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria

Dettagli

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA DECRETO 15 luglio 2014 Modalita' e contenuti della prova di ammissione ai corsi di laurea magistrale delle professioni sanitarie, per l'anno

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA SCIENTIFICA E TECNOLOGICA Testo aggiornato al 21 novembre 2005 Decreto ministeriale 9 luglio 2004 Gazzetta Ufficiale 20 luglio 2004, n. 168 Definizione delle modalità e contenuti della prova di ammissione ai corsi di laurea specialistica

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05

CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 CORSO DI FORMAZIONE PuntoEDA ATA art.7 del CCNL 7.12.2005 per il secondo biennio economico 2004/05 INTERVENTO SEMINARIALE I.T.I.S. A. D Aosta L Aquila 29 Maggio 2007 Accoglienza e assistenza agli alunni

Dettagli

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ISIS Città di Luino-Carlo Volontè LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PREMESSA Gli alunni in difficoltà costituiscono da sempre un problema educativo di grande

Dettagli

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze

SISTEMA NERVOSO. Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Comitato locale CRI Firenze SISTEMA NERVOSO Struttura CENTRALE: Encefalo (cervello, cervelletto, tronco) Midollo spinale NB: non confondere Il midollo spinale con il midollo osseo!!! PERIFERICO:

Dettagli

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo

Corso di Laurea in Fisioterapia. Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016. Esame obiettivo Corso di Laurea in Fisioterapia Corso integrato di INTRODUZIONE ALLA MEDICINA RIABILITATIVA aa 2015-2016 prof.ssa Laura Perucca IRCCS Istituto Auxologico Italiano UO Riabilitazione Neuromotoria Milano

Dettagli

Riflessione sulla norm ativa. Prof.ssa Olmo Serafina

Riflessione sulla norm ativa. Prof.ssa Olmo Serafina Riflessione sulla norm ativa Prof.ssa Olmo Serafina Direttiva del 27/12/12 STRUMENTI D INTERVENTO PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E ORGANIZZAZIONE TERRITORIALE PER L INCLUSIONE SCOLASTICA C.M.

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA

EDUCAZIONE ALLA DISABILITA EDUCAZIONE ALLA DISABILITA PROGETTI DI SENSIBILIZZAZIONE ALL HANDICAP PER LE ISTITUZIONI SCOLASTICHE La Fondazione Placido Puliatti onlus promuove, sostiene e svolge attività per la prevenzione, la cura,

Dettagli

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri

B.E.S. Anno 2014. Fortunata Daniela Vetri. Daniela Vetri B.E.S. Anno 2014 Fortunata La didattica inclusiva per il I DESTINATARI ALUNNI CON B. E. S. BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI E più facile rompere un atomo che un pregiudizio A. Einstein Gli studenti con B. E.

Dettagli

L. Bressan. luciana.bressan@unimi.it LA COSTRUZIONE DEL LINGUAGGIO E I SUOI IMPEDIMENTI

L. Bressan. luciana.bressan@unimi.it LA COSTRUZIONE DEL LINGUAGGIO E I SUOI IMPEDIMENTI L. Bressan luciana.bressan@unimi.it LA COSTRUZIONE DEL LINGUAGGIO E I SUOI IMPEDIMENTI 1 Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) www.who.int CIM / ICD 10 Classificazione Internazionale delle Malattie

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione Limite di peso da sollevare da soli Maschi adulti 25 Kg femmine adulte 20 Kg maschi adolescenti 20 Kg femmine adolescenti

Dettagli

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi

L acqua strumento di salute di daniela codeluppi L acqua strumento di salute di daniela codeluppi RIABILITAZIONE e NUOTO CORPO UMANO ACQUA MOVIMENTO VASCA NUOTO VASCA RIABILITATIVA VASCA TERMALE VASCA POLIFUNZIONALE LEGISLAZIONE: www.aifi.it + www.unc.it

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI POLITICHE SUI BES/SEN IN INGHILTERRA THE EDUCATION ACT, 1944 11 CATEGORIE DI DISABILITÀ WARNOCK REPORT, 1978 INTRODUCE IL TERMINE SPECIAL EDUCATIONAL NEEDS (SEN) ANNI 2000

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON DSA DIREZIONE DIDATTICA STATALE EMPOLI 3 CIRCOLO Via Ponzano 43 50053 Empoli (FI) Tel. 0571/922337 Fax. 0571/960135 e-mail fiee22000t@istruzione.it Cod. Fiscale 82008030486 www.empoliterzocircolo.it PIANO

Dettagli

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO)

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) 1. PREMESSA Il Manuale non è esaustivo di ciò che è necessario sapere sul trattamento didattico dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), ma raccoglie

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico

Data del DM di approvazione del ordinamento 07/11/2001 didattico. Data del DR di emanazione del ordinamento 20/01/2003 didattico Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA Terapia della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva (abilitante alla professione sanitaria di Terapista della neuro

Dettagli

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte D.S.A. COSA SONO I D.S.A.? Si parla di D.S.A.quando un bambino mostra delle difficoltàcircoscrittenella lettura, nella scrittura o nel calcolo, in una situazione in cui lo sviluppo intellettivo ènella

Dettagli

Magnifico Rettore UNIBO. "Scuola di Medicina e Chirurgia" Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO Anno Accademico 2014/15

Magnifico Rettore UNIBO. Scuola di Medicina e Chirurgia Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO Anno Accademico 2014/15 Magnifico Rettore UNIBO Prof. Ivano Dionigi "Scuola di Medicina e Chirurgia" Presidente Prof. Luigi Bolondi Coordinatore del Corso Prof. Paolo Pillastrini Studenti Il corso di Laurea in Fisioterapia UNIBO

Dettagli

PUNTI CRITICI NELL INTERPRETAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA DISABILITA UDITIVA

PUNTI CRITICI NELL INTERPRETAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA DISABILITA UDITIVA ASSOCIAZIONE FAMIGLIE AUDIOLESI CANTU CONVEGNO «LO STATO DELLA RICERCA SULLA SORDITA» CANTU 24 MAGGIO 2014 PUNTI CRITICI NELL INTERPRETAZIONE DELLA NORMATIVA SULLA DISABILITA UDITIVA UMBERTO AMBROSETTI

Dettagli

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004

L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Sistema Informativo per l Assistenza Riabilitativa L attività riabilitativa estensiva e di mantenimento nel Lazio Progetti avviati nel 2004 Roma, 15 luglio 2005 La Classificazione Internazionale del Funzionamento,

Dettagli

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA

L alunno disabile chi è, com è, cosa fare DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA L alunno disabile chi è, com è, cosa fare 21 novembre 2013 DALLA PERDITA DELLA FUNZIONE ALL AUTONOMIA FT Dott. Andrea Menon Ass. La Nostra Famiglia _ Padova Definizione di funzione: Soluzione operativa

Dettagli

IL PROCESSO DI NURSING O PROCESSO DI ASSISTENZA

IL PROCESSO DI NURSING O PROCESSO DI ASSISTENZA Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea in Infermieristica - Polo didattico AORN S.G.Moscati Anno Accademico 2012 2013 Metodologia infermieristica Docente

Dettagli

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva

Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Le indicazioni della regione Emilia Romagna per la certificazione della disabilità intellettiva in età evolutiva Bologna 13 dicembre 2014 Definizione del concetto di disabilità cognitiva La normativa relativa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD)

ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) ISTITUTO COMPRENSIVO AUTONOMO CASAPESENNA PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON DISTURBI DA DEFICIT DELL ATTENZIONE (ADHD) Art.5 D.M. n. 5669/2011; Linee guida per diritto studenti con DSA

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES BES -Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA

Dettagli

I disturbi specifici di apprendimento

I disturbi specifici di apprendimento I disturbi specifici di apprendimento Strumenti metodologico-didattici compensativi ic 01 borgo milano SETTEMBRE 2010 ROBERTO GRISON da: G.Stella La diagnosi è basata sul criterio della discrepanza fra

Dettagli

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1

HANDICAP FISICI. Sotto argomento 2.1 HANDICAP FISICI Sotto argomento 2.1 Le principali disabilità fisiche riguardano: A. Il movimento delle persone B. Gli occhi devono avere occhiali o usare il Braille C. Orecchie A. Handicap motorio Le persone

Dettagli

LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON

LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON LA RIABILITAZIONE DELLA MALATTIA DI PARKINSON Emanuela Bartolomucci terapista occupazionale Angela Parlapiano logopedista Isabella Valenza fisioterapista Alberto Busetto fisioterapista RIABILITAZIONE Processo

Dettagli

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE Con il termine fascite s intende l infiammazione di una fascia anatomica, nel caso specifico della fascite plantare si fa riferimento ad un processo infiammatorio

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO IRCCS OASI MARIA SS CONVEGNO I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO E I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: SCREENING, DIAGNOSI E INTERVENTO D.ssa Giuseppa Cifalà, Pedagogista clinico Direttore ANPEC Prov. Enna

Dettagli

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE

CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE CLASSIFICAZIONI E DIAGNOSI IN NEUROPSICHIATRIA INFANTILE Dott.ssa Luisa Calliari Rovereto, 9 ottobre 2008 1 REGOLAMENTO PER FAVORIRE L INTEGRAZIONE E L INCLUSIONE DEGLI STUDENTI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A

LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LO STRABISMO I A P B I T A L I A O N L U S P E R A M O R E D E L L A V I S T A LO STRABISMO Campagna informativa per la prevenzione delle malattie oculari che possono compromettere la visione sino a provocare

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS

ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS ANCHE IL LINFEDEMA SECONDARI O E MALATTIA DISABILITAN TE: UN INDICE DA PROPORRE ALL INPS Dott. Maurizio Ricci U. O. Medicina Riabilitativa Azienda Ospedaliero- Universitaria Ospedali Riuniti di Ancona

Dettagli

Corso di Laurea in Infermieristica

Corso di Laurea in Infermieristica Corso di Laurea in Infermieristica Sede Formativa di Cesena INSEGNAMENTO: SCIENZE INFERMIERISTICHE DELLA COMUNITA MODULO: INFERMIERISTICA CLINICA E RIABILITATIVA NELLA CRONICITA n. 2 CFU / n. ore 24 Docente:

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI

LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA PARAMORFISMI LICEO SCIENTIFICO GALILEO GALILEI CATANIA Dipartimento di Scienze Motorie PARAMORFISMI Si tratta di deformità in genere transitorie, correggibili volontariamente, non sostenute da alterazioni anatomiche

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I.C. di MEDIGLIA Elena Colombo

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I.C. di MEDIGLIA Elena Colombo DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO D.S.A significa: DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Essi fanno parte di quei disordini evolutivi (= dello sviluppo) che possono manifestarsi nell acquisizione

Dettagli

LA SORDITA. Gabriele Di Mario

LA SORDITA. Gabriele Di Mario LA SORDITA Gabriele Di Mario 1 PREGIUDIZI 2 Malato Sordomuto Ritardato Protesi riporta udito La pantomima Il sordo fa tutto quello che fa l udente tranne sentire La sordità comporta un modo diverso di

Dettagli

Decreto Ministeriale 21 maggio 2010

Decreto Ministeriale 21 maggio 2010 Decreto Ministeriale 21 maggio 2010 D.M. definizione modalità e contenuti prove di ammissione ai corsi di laurea Specialistica/Magistrale delle Professioni sanitarie anno accademico 2010/2011 VISTA la

Dettagli

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico

Capitolo 14 - Sostegno Scolastico Capitolo 14 - Sostegno Scolastico 14.1 Il diritto all istruzione Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa nazionale vigente, attraverso l integrazione scolastica,

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Siamo a cavallo!!!

DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Siamo a cavallo!!! DENOMINAZIONE DEL PROGETTO Siamo a cavallo!!! PREMESSA E FINALITA Il progetto, tecnicamente definito, Ippo Attività sportiva assistita trae origine dalla necessità di stimolare, in tutti i soggetti in

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno Scolastico 2015 2016

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno Scolastico 2015 2016 via dei Castagni, 10-19020 Bolano (SP) tel. 0187933789 - e-mail : spic80400g@istruzione.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON D.S.A. (Disturbi Specifici di Apprendimento) Scuola Primaria Anno

Dettagli

Il ruolo della fisioterapia nel morbo di Ollier e nell esostosi multipla ereditaria

Il ruolo della fisioterapia nel morbo di Ollier e nell esostosi multipla ereditaria Il ruolo della fisioterapia nel morbo di Ollier e nell esostosi multipla ereditaria Leonardo Pellicciari Fisioterapista Scuola di Dottorato in Advanced Sciences and Technologies in Rehabilitation Medicine

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE

L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA International Classification of Functioning, Disability and Health L APPLICAZIONE DELL ICF NEGLI STRUMENTI DI DOCUMENTAZIONE Dott.ssa Monica Pradal Pedagogista,, IRCCS

Dettagli

VISTA la legge 2 agosto 1999, n.264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari ed, in particolare, l articolo 4, comma 1;

VISTA la legge 2 agosto 1999, n.264 recante norme in materia di accessi ai corsi universitari ed, in particolare, l articolo 4, comma 1; Decreto Ministeriale 9 luglio 2004 Modalità e contenuti prova di ammissione ai corsi di laurea specialistica delle professioni sanitarie per l'anno accademico 2004/05 VISTO il decreto legislativo 30 luglio

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi. Istituto Comprensivo Castellani. Docenti referenti : R.Bartoletti P.Saletti

Istituto Comprensivo Gandhi. Istituto Comprensivo Castellani. Docenti referenti : R.Bartoletti P.Saletti Istituto Comprensivo Gandhi Istituto Comprensivo Castellani Docenti referenti : R.Bartoletti P.Saletti DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA E DISCALCULIA COSA SONO? COME SI MANIFESTANO CONSEGUENZE INTERVENTI

Dettagli

DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO LETTURA DISLESSIA SCRITTURA DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA CALCOLO DISCACULIA COMORBILITA Presenza di più di questi disturbi nella

Dettagli

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati

Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS. Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Breve panoramica sulle categorie diagnostiche attuali dei DPS Definizione e descrizione dei criteri diagnostici maggiormente applicati Sistemi Internazionali di classificazione dei disturbi mentali Il

Dettagli

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA

CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA CLINICA DELLE DIFFICOLTÀ E DEI DISTURBI DI APPRENDIMENTO IN ETÀ EVOLUTIVA E ADULTA Interpretazione dei DSA: dai documenti di consenso al DSM-5 Dott.ssa Rosalba Carnevale Clinica delle difficoltà e dei

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Istituto Comprensivo A. Gramsci di Campalto PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA E DI INTEGRAZIONE DI ALUNNI DISABILI Si tenga conto che il Protocollo è un documento che propone delle linee guida generali per gli

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate Vedi l'articolo completo sui consigli per la protesi d'anca su www.chirurgiarticolare.it Link diretto cliccando qui... APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto

Dettagli

Dipartimento S.E.U. www.ens.it

Dipartimento S.E.U. www.ens.it Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per L Abruzzo Centro Servizi Amministrativi per la Provincia di L Aquila GLIP Gruppo di lavoro Interistituzionale

Dettagli

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini

MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI. A cura di: Danilo Monarca e Massimo Cecchini CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI E VIDEOTERMINALI A cura di:

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI

EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI EVOLUZIONE STORICA E TENDENZE DEI PROFESSIONALISMI SANITARI LUCA BENCI FIRENZE http:// Il sistema di abilitazione all esercizio professionale Per i medici: non esistono di fatto norme di carattere generale

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166

De g e n z a. Dott. Claudio Tedeschi - Direttore. Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Medicina Fisica e Riabilitativa De g e n z a Dott. Claudio Tedeschi - Direttore Coordinatore Infermieristico Daniela Sassi 0522 296169-296166 Segreteria Maria Rosaria Amelio - Maria Flavia Malavenda Federica

Dettagli

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO

AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO APPROCCIO FISIOTERAPICO AL PAZIENTE LARINGECTOMIZZATO RIEDUCAZIONE MOTORIA RIEDUCAZIONE RESPIRATORIA Il trattamento riabilitativo motorio e respiratorio va iniziato precocemente a distanza di pochi giorni

Dettagli

MAJORANA. www.majoranasanlazzaro.it A.S. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Triennio

MAJORANA. www.majoranasanlazzaro.it A.S. PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Triennio Istituto di Istruzione Superiore Ettore Majorana Via Caselle 26 40068 San Lazzaro di Savena (BO) C.F. 92039600371 MAJORANA www.majoranasanlazzaro.it Tel. 051-6277811 Fax 051-454153 bois026003@pec.istruzione.it

Dettagli

SNT_SPEC/2 - Classe delle lauree specialistiche nelle scienze delle professioni sanitarie della riabilitazione

SNT_SPEC/2 - Classe delle lauree specialistiche nelle scienze delle professioni sanitarie della riabilitazione Scheda informativa Università Classe Nome del corso Universita' degli Studi di PADOVA SNT_SPEC/2 - Classe delle lauree specialistiche nelle scienze delle professioni sanitarie della Data del DM di approvazione

Dettagli

APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO (Novak, J.)

APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO (Novak, J.) Studio di PsicologiaAmaltea Dr.ssa Dr.ssa Veronica Melucci chiara.dellabetta@studioamaltea.it www.studioamaltea.it METODO DI STUDIO E STRUMENTI COMPENSATIVI 1 APPRENDIMENTO SIGNIFICATIVO (Novak, J.) Processo

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PDP* Anno scolastico 2014-2015

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PDP* Anno scolastico 2014-2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA TOSCANA ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA SAN PIERO A SIEVE SCUOLA DELL'INFANZIA - PRIMARIA E SECONDARIA DI 1^

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AGGIORNAMENTO: OLTRE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione per docenti Scuole Cattoliche Scuole Primarie e Secondarie di I grado Dott.ssa Michela Rampinini

Dettagli

PROGETTO CINQUE PETALI

PROGETTO CINQUE PETALI PROGETTO CINQUE PETALI RESPONSABILE DIRETTORE DSMDP-UONPIA DR. GIULIANO LIMONTA Dott.ssa R. Baroni, Dott. L. Brambatti, Dr. M. Rossetti Piacenza, 1 ottobre 2014 I cinque petali Famiglia UONPIA - AUSL Scuola

Dettagli

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1

Il team riabilitativo. www.ilfisiatra.it 1 Il team riabilitativo www.ilfisiatra.it 1 TEAM Riabilitativo Fisiatra Fisioterapista Altri medici Infermiere Bioingegnere Psicologo Paziente Terapista occupazionale Logopedista Assistente sociale Educatore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

MASTER DI I LIVELLO Funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie

MASTER DI I LIVELLO Funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie http://www.lumsa.it/ http://www.istitutoempateia.it/ APERTE LE ISCRIZIONI AL MASTER DI I LIVELLO Funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie Anno Accademico 2011-2012 UNIVERSITA` LUMSA I Edizione

Dettagli

CENTRO STUDI DELACATO Sede legale: via degli Aranci, 145 Sorrento(NA) centrostudidelacato@libero.it www.delacato.it

CENTRO STUDI DELACATO Sede legale: via degli Aranci, 145 Sorrento(NA) centrostudidelacato@libero.it www.delacato.it Il Centro Studi Delacato è dedicato al dott. Carl H. Delacato, psicologo e pedagogista americano di origini abruzzesi, conosciuto nel mondo scientifico internazionale per i suoi studi sui disturbi dell

Dettagli

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!»

COPIA. Neuropatia diabetica. «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» Neuropatia diabetica «Il diabete può danneggiare il sistema nervoso!» www.associazionedeldiabete.ch Per donazioni: PC 80-9730-7 Associazione Svizzera per il Diabete Association Suisse du Diabète Schweizerische

Dettagli

Evento formativo: Corso Bobath Livello base Sala Meeting Centro Le Querciole - Ghezzano, Pisa gennaio aprile 2014

Evento formativo: Corso Bobath Livello base Sala Meeting Centro Le Querciole - Ghezzano, Pisa gennaio aprile 2014 Responsabile Scientifico/ Docente: Dott.ssa Claudia Biricolti Fisioterapista Codice Fiscale BRC CLD 69P55 D612 W Razionale Scientifico / Finalità del Corso Evento formativo: Corso Bobath Livello base Sala

Dettagli

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel

Relatore: Giuseppina D Intino Dirigente Medico Direzione Provinciale INPS Pescara. 68 CONGRESSO NAZIONALE 4-9 novembre 2013 Roma - Ergife Palace Hotel La tecnologia nello studio medico del Medico di Famiglia: coniugare approccio olistico e high-tech La legge 104/92: diritti, integrazione sociale e assistenza della persona handicappata: dal sostegno socio-assistenziale

Dettagli

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA

EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA EFFICACIA DI STRATEGIE DI INTERVENTO BASATE SULL ATTIVITA MOTORIA IN SOGGETTI AFFETTI DA MAL DI SCHIENA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio

Dettagli

Progetto Comes, sostegno all handicap

Progetto Comes, sostegno all handicap TITOLO Progetto Comes, sostegno all handicap TEMPI ANNO SCOLASTICO 2010/2011 Destinatari Minori disabili (fascia d età 3/14 anni) frequentanti la scuola dell obbligo, affetti da patologie varie: ipoacusia,

Dettagli

Piano didattico personalizzato DSA

Piano didattico personalizzato DSA Piano didattico personalizzato DSA Anno Scolastico 2014/2015 Indirizzo di studio Classe Sezione Dati dello studente Cognome e nome Data e luogo di nascita Diagnosi specialistica 1 Redatta da Sintesi diagnostica

Dettagli

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA

PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA PROGRAMMA DI ATTIVITA FISICA ADATTATA PER LA PALESTRA N esercizio Descrizione esercizio obbligatorio 1 Camminata sul posto o in circolo o movimento analogo per la bassa funzione 2 Camminata sul posto o

Dettagli

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE

CON IL PATROCINIO MORALE PROGETTO DI FORMAZIONE AUTISMO: CONOSCERE, INCONTRARE, COMUNICARE 1 Associazione Nazionale Aperta/MENTE IL MONDO INTERNO Onlus ASSOCIAZIONE ITALIANA MAESTRI CATTOLICI Provincia di Napoli Soggetto qualificato per la formazione dal M.I.U.R. con D.M. del 10 luglio 2000

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI DSA Decreto n. 5669 del 12 luglio 2011, attuativo della legge 170 dell 8 ottobre 2010 ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE «GUGLIELMO MARCONI» FORLÌ Viale della Libertà, 14-Tel. 0543-28620 -Fax 0543-26363 - -DISTRETTO 42 e mail itisfo@itisforli.it SITO www.itisforli.it PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO Gruppo di lavoro Dott. Piergiorgio Miottello, Neuropsichiatra infantile - Direttore Sanitario Dott. Michela Bontorin, Psicologa - Psicoterapeuta Dott. Renzo

Dettagli

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso)

Dati identificativi del familiare richiedente (se diverso) Domanda per il contributo alle famiglie di persone con disabilità o al singolo soggetto disabile per l acquisto di strumenti tecnologicamente avanzati L.R. 23/99 - ANNO 2011 (Decreto n. 9815 del 25.10.2011)

Dettagli

DSA E ALTRI BES: ELEMENTI UTILI ALLA DIDATTICA NELLA LETTURA DELLE DIAGNOSI

DSA E ALTRI BES: ELEMENTI UTILI ALLA DIDATTICA NELLA LETTURA DELLE DIAGNOSI DSA E ALTRI BES: ELEMENTI UTILI ALLA DIDATTICA NELLA LETTURA DELLE DIAGNOSI IL PORTALE DEL MIUR SUI BES LA FORMAZIONE ONLINE BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI Il Bisogno Educativo Speciale (Special Educational

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Parte integrante del Bando di attivazione dei Master universitari a.a. 2009/2010.

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Parte integrante del Bando di attivazione dei Master universitari a.a. 2009/2010. UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI TRIESTE SCHEDA DI PRESENTAZIONE Parte integrante del Bando di attivazione dei Master universitari a.a. 2009/2010 Master universitario di I livello in STUDI MULTIDISCIPLINARI

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 BOLOGNA Via Giulio Verne, 19-40128 Bologna tel. 051-320558 - Fax 051-320960 boic81500c@istruzione.it http//www.ic4bologna.gov.it PEC: boic81500c@pec.istruzione.it PIANO DIDATTICO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI Laurea Specialistica in Medicina e Chirurgia Corso di MEDICINA DEL LAVORO MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Definizione Azioni od operazioni comprendenti, non solo quelle

Dettagli

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI

DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI 58 DAI CURRICOLI DISCIPLINARI AI PERCORSI DI APPRENDIMENTO TRASVERSALI Elaborazione della figura strumentale per il curricolo e la valutazione ins. Dott. Sabini Maria Rosaria 59 Indicatore Disciplinare

Dettagli

Istituto Albert di Lanzo

Istituto Albert di Lanzo Istituto Albert di Lanzo Profilo Quadro orario Prospettive di studio e occupazionali www.istituto-albert.it Profilo del Gli studenti, a conclusione del percorso di studio, dovranno: aver acquisito le conoscenze

Dettagli

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3.

2. forza-potenza, con lo scopo di ottenere un incremento della forza e della potenza sviluppata dai maggiori gruppi muscolari; 3. SOMMARIO Il presente lavoro, nato dalla collaborazione tra il Dipartimento di Bioingegneria del Politecnico di Milano e la Polisportiva Milanese, ha come obiettivo la valutazione di possibili benefici

Dettagli

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5.

Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico. Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5. I disturbi pervasivi dello sviluppo si caratterizzano per la presenza di disabilità almeno

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TORINO FACOLTA DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELL EDUCAZIONE TESI DI LAUREA SCI DI FONDO: SPORT E SOCIALIZZAZIONE PER NON VEDENTI Candidato : DELLA MEA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO

ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO Criteri per le prove scritte degli esami finali secondaria I per alunni con DSA e BES anno scolastico 2014-2015 A CURA DELLA COMMISSIONE DSA Norme generali Esame finale

Dettagli

Valutazione delle condizioni dell infortunato

Valutazione delle condizioni dell infortunato Definizione Definizione di valutazione Valutazione delle condizioni dell infortunato Raccolta delle informazioni e insieme delle manovre atte a stabilire il tipo di assistenza necessaria per non fare aggravare

Dettagli