La diagnostica strutturale a supporto della prevenzione sismica: l intervento dimostratore del progetto RESIS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La diagnostica strutturale a supporto della prevenzione sismica: l intervento dimostratore del progetto RESIS"

Transcript

1 La diagnostica strutturale a supporto della prevenzione sismica: l intervento dimostratore del progetto RESIS SOMMARIO Massimo Acanfora 1, Giovanni Fabbrocino 2, Gianluca Vultaggio La problematica della sicurezza delle strutture esistenti in Italia riveste un importanza particolare per la qualità delle costruzioni che, specie quelle realizzate negli ultimi cinquant anni, è di basso livello rispetto a quelle coeve di altre Nazioni europee. Questa situazione è dovuta, in primo luogo, all abusivismo edilizio che ha prodotto costruzioni realizzate con criteri progettuali insufficienti e materiali scadenti, e alla speculazione edilizia che, insieme, hanno generato la cosiddetta edilizia spontanea, e in secondo luogo alla scarsa diffusione della cultura della qualità che pervade il mondo italiano delle costruzioni. La valutazione dei diversi livelli prestazionali delle costruzioni esistenti richiede un opportuno studio di conoscenza dei manufatti da prendere in considerazione; spesso, proprio per i motivi detti prima, per le costruzioni esistenti la documentazione, specie quella strutturale, è inesistente, o quello che esiste riporta uno stato di fatto difforme dalla realtà. Il primo passo da muovere, in uno scenario di questo genere, è quindi quello della conoscenza appropriata del manufatto da esaminare, che si traduce in rilievi e indagini dettagliate e molto mirate che consentono successivamente di effettuare delle valutazioni della sicurezza delle strutture più raffinate ed aderenti alla realtà. Ecco quindi che la fase di conoscenza risulta estremamente legata a quella del progetto dell intervento, tanto che l intero processo è stato finalmente codificato nella O.P.C.M. 274 e successive modificazioni, la quale dedica un intero capitolo agli edifici esistenti valorizzando il ruolo della diagnostica come una della fase della progettazione. 1 Consorzio TRE Tecnologie per il Recupero Edilizio c/o Giustino Costruzioni Via Privata D. Giustino /a Loc. Montespina Agnano, Napoli 2 Dipartimento S.A.V.A. Università del Molise Via de Sanctis, Campobasso . STRAGO s.r.l. BIC Città della Scienza Via Coroglio, Napoli

2 1. Introduzione Recenti eventi sismici in Italia (Umbria-Marche, 1997), Turchia (Kocaeli, 1999) e Grecia (Atene, 1999) hanno contribuito allo svilupparsi di una consapevolezza del rischio sismico da parte di enti governativi e legislativi in Europa. D altro canto, le notevoli perdite economiche causate dagli eventi sismici che a metà degli anni novanta hanno colpito sia gli Stati Uniti (Northridge, 1994) che il Giappone (Kobe, 1995) hanno reso evidente la necessità di sviluppare e impiegare su larga scala strumenti di valutazione della vulnerabilità del territorio e del costruito non solo con finalità di protezione civile, ma anche di gestione dei rischi naturali da parte delle compagnie assicurative per le quali ha grande rilevanza non solo la distribuzione e l entità del danno strutturale, ma anche le conseguenze ad esso connesse in particolare dal punto di vista economico e finanziario. Ciò ha condotto allo sviluppo ed ad un crescente interesse in nuove metodologie per la valutazione della vulnerabilità di singoli edifici e di aree urbane. La ragione di quest interesse può evidenziarsi in seguito ad un attenta analisi del territorio nazionale. La sismicità del territorio Italiano è una tra le più elevate sia a livello europeo che mondiale. Confrontando i danni provocati da eventi sismici verificatisi in Italia, con quelli verificatisi in seguito ad eventi accaduti in California ed in Giappone, si è evidenziato che il danno avutosi in Italia, ad esempio in Umbria e Marche 1997, è confrontabile con quello causato da eventi ai quali è associata un energia 0 volte superiore, come quelli del 1989 in California. Il motivo di tale fenomeno è da ricercare nell elevato livello di vulnerabilità del patrimonio edilizio italiano. Il 7% dei comuni, il 45% del territorio ed il 40% della popolazione sono inclusi nella classificazione sismica. Tuttavia solo il 5% delle abitazioni, situate nei comuni classificati come zona sismica, è stata costruita dopo la classificazione, mentre la gran parte degli edifici situati in zona sismica è stata progettata prescindendo da specifiche prescrizioni antisismiche. Le metodologie per la valutazione del danno potenziale in seguito ad un evento sismico possono raggrupparsi in due categorie: Metodi qualitativi: valutazioni in campo sono richieste per la definizione della vulnerabilità mediante parametri caratteristici, cui si riconduce il comportamento sismico delle strutture analizzate (Benedetti e Petrini, 1984; CNR-GNDT, 1994). Metodi quantitativi: basati su parametri derivanti da analisi strutturale, per la valutazione della capacità strutturale utile per la definizione della vulnerabilità mediante un confronto tra la capacità stessa e la richiesta (Cornell, 1968; McGuire, 1995). In quest ultimo caso, emerge la necessità di effettuare campagne di rilievo e di identificazione dell esistente che consentano un buon livello di definizione delle caratteristiche strutturali degli edifici oggetto d analisi, con la conseguente esigenza di strumenti efficaci e sostenibili per la valutazione dello stato attuale del patrimonio edilizio su larga scala, sia in relazione alle deficienze intrinseche, che alla sua collocazione sul territorio. E appena necessario osservare che il ricorso a soluzioni tecnologiche all avanguardia, ma soprattutto l intervento di specialisti provenienti da differenti settori caratterizzano, tra l altro, una valenza multidisciplinare della diagnostica. Nel presente lavoro si fornisce un quadro sintetico delle attività svolte nell ambito di un interessante progetto di ricerca sviluppato in questo settore. Dopo una breve descrizione del progetto di ricerca RESIS nel suo complesso e sulle problematiche connesse alla scalabilità del processo diagnostico (dalla scala urbana al singolo edificio) si propongono alcune riflessioni connesse alla gestione del processo di caratterizzazione della struttura portante di un singolo fabbricato impiegato come caso studio nel corso delle attività.

3 2. Il progetto RESIS Il progetto si inquadra nell ambito delle iniziative promosse dall Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, all'interno di PRO.S.I.S. - programma operativo di ricerca per la sismologia e l'ingegneria sismica - per l'individuazione di metodi e strumenti finalizzati alla riduzione del rischio sismico nel nostro Paese. Il programma operativo è ripartito in due progetti, interconnessi tra loro: CE.S.I.S. - centro per la sismologia e l'ingegneria sismica - che riguarda la realizzazione di un Centro di studi e ricerche nel campo della sismologia e dell'ingegneria sismica per l'integrazione dell'attuale rete sismica nazionale attraverso l'installazione di stazioni sismometriche dotate di strumentazione tecnologicamente avanzata; RE.S.I.S - ricerca e sviluppo per la sismologia e l'ingegneria sismica - che riguarda la realizzazione di attività di ricerca nel settore della riduzione del rischio sismico attraverso lo studio di metodi e strumenti per la valutazione della vulnerabilità sismica a più livelli (infrastrutture, edilizia, territorio) e per la gestione e programmazione degli interventi di messa in sicurezza o adeguamento strutturale. Il Progetto R.E.S.I.S. nel riconoscimento dell importanza strategica delle attività di prevenzione, ha come obiettivo primario l elaborazione di prodotti e metodologie per la riduzione del rischio sismico; in particolare nello svolgimento del Progetto sono elaborate una serie di indicazioni utili alla gestione del patrimonio urbano, attraverso la conoscenza del livello dello stato di degrado e del probabile danno alle strutture derivanti da eventi sismici. Le linee di sviluppo del progetto perseguono i seguenti scopi: a) definire sistemi innovativi per la riduzione della vulnerabilità e l adeguamento strutturale dei sistemi di reti e degli edifici per effetto dell'evento sismico e per rispondere all esigenza di contenimento di effetti vibrazionali; b) realizzare interventi pilota con metodologie e materiali innovativi; c) realizzare un sistema informativo territoriale, in grado di supportare il processo di comprensione dei fenomeni sismici negli ambienti urbani; d) sviluppare tecniche di diagnostica e monitoraggio strutturale di edifici con approccio multiscala modulato in relazione alla finalità e alle esigenze di analisi; e) individuare tecnologie e metodologie d intervento per l adeguamento strutturale, con tecniche basate sull utilizzo di materiali compositi in FRP.. La diagnostica strutturale per la valutazione del patrimonio edilizio esistente La valutazione della sicurezza delle strutture esistenti su scala estesa richiede strumenti di analisi sicuramente più snelli rispetto al caso del singolo manufatto, che consentano di sintetizzare i parametri di interesse in maniera speditiva, di elaborarli e di fornire infine un giudizio sullo stato di fatto della struttura considerata. In questo modo si riesce ad avere una mappatura del territorio con valori sulla sicurezza delle strutture avente sicuramente un carattere comparativo di un certo interesse, capace di indirizzare la gestione delle risorse e degli interventi sul territorio. Uno degli oggetti di studio del progetto RESIS riguarda proprio la realizzazione di un sistema di supporto all indagine diagnostica ai fini della sicurezza, in grado di definire procedure per la caratterizzazione e l individuazione dello stato di fatto di strutture attraverso rilievi visivi, metodologie e tecnologie strumentali, finalizzato ad ottimizzare e a rendere sistematica l indagine diagnostica. Sono state messe a punto, a tal fine, delle schede di acquisizione su supporto informatizzato dei parametri di sintesi che caratterizzano le strutture; esse consentono di rilevare in campo le informazioni significative per un primo giudizio sullo stato di sicurezza del manufatto, in base al quale formulare un protocollo diagnostico che in

4 maniera oggettiva fornisca dei risultati comparativi sulle tipologie di indagini da effettuare in relazione agli approfondimenti che le diverse costruzioni possono richiedere. Questo può essere di sicuro supporto alla valutazione della vulnerabilità sismica delle costruzioni esistenti perché consente, con il dispiego di risorse limitate rispetto all obiettivo prefissato, di definire con giusto grado di approssimazione la propensione delle strutture a subire danni sotto l effetto delle azioni sismiche. Le schermate seguenti forniscono un esempio dei parametri sintetici che vengono acquisiti in campo con il supporto di computer palmari e/o tablet pc. I dati rilevati sono dipendenti dalla finalità dell analisi e consentono di identificare e caratterizzare non solo eventuali irregolarità planimetriche e o altimetriche della costruzione, ma anche le dimensioni ricorrenti degli elementi strutturali e delle maglie impiegate nelle strutture intelaiate. L approccio è pienamente scalabile e connesso al livello di accessibilità della struttura e consente di coprire anche esigenze connesse ad analisi di dettaglio. Figura 1 Il sistema informativo territoriale e le schede di acquisizione dati (http://resis.consorziotre.it) Uno strumento di questo genere può costituire un utile riferimento per la classificazione delle priorità degli interventi delle costruzioni ricadenti in una certa area, oppure di una selezionata categoria di edifici di un Comune e così via, rilevandosi di supporto per la mitigazione del rischio sismico dell ambiente costruito. 4. Le procedure di diagnostica strutturale nell ambito del rinforzo sismico La diagnostica strutturale ha un ruolo centrale nell impostazione di un progetto di adeguamento strutturale in zona sismica. Nel seguito si intende presentare un esperienza di ricerca che è stata finalizzata alla valorizzazione della diagnostica attraverso una puntuale programmazione. Quest ultima non va intesa solamente come mero elenco di prove da eseguire per ottenere le informazioni richieste, ma come procedura di verifica delle sole informazioni strettamente necessarie, stimate preventivamente attraverso una simulazione della struttura. In questo senso, la programmazione delle indagini non risulta un punto di partenza ma quasi un punto di arrivo che offre anche dei risvolti economici di sicuro interesse. Le attività svolte, seppure antecedenti all ordinanza 274 e successive modificazioni, sono con essa sostanzialmente in linea, avendone in comune i contenuti principali; tra questi si può evidenziare in particolare il fatto che la fase della conoscenza rientra in un processo più complesso che investe direttamente la progettazione in senso generale. Tale circostanza è confermata dal diagramma di flusso riportato in Figura 2 che sintetizza il processo logico seguito nell ambito del progetto dimostratore.

5 DATA DI COSTRUZIONE DOCUMENTAZIONE STORICO-TECNICA INDAGINE VISIVA REPERIMENTO GEOMETRIA COMPLETA DELLA STRUTTURA RIPROGETTAZIONE PER DEFINIZIONE PROBABILI DETTAGLI DI ARMATURA -PROGETTO SIMULATO- CONFRONTO RISULTATI INDAGINI STIMA DELLE PRESTAZONI DEL SISTEMA E INDIVIDUAZIONE DEI PUNTI CRITICI DEFINIZIONE PROGRAMMA DIAGNOSTICO ED ESECUZIONE INDAGINI ESITO NEGATIVO ESITO POSITIVO Figura 2 Flow chart per la conoscenza di una struttura esistente VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DELLA STRUTTURA/INTERVENTO Le attività sono state svolte a Sant Angelo Dei Lombardi (AV), grazie all amministrazione comunale e alla sua struttura tecnica che hanno messo a disposizione l ex palazzo di giustizia, scelto come sito dimostratore del progetto RESIS. Il livello di conoscenza raggiunto per il caso in esame può essere ricondotto ad un livello LC conoscenza accurata. Per il raggiungimento di tale obiettivo attraverso le procedure di ottimizzazione e programmazione delle indagini si è tenuto conto di tutte le circostanze e le omogeneità presenti nell ambito della costruzione. Con riferimento al lavoro svolto sul sito sperimentatore in esame, la procedura illustrata si può estrinsecare, fase per fase, nel seguente modo: Definizione data di costruzione e documentazione storica in genere del manufatto considerato: ha consentito di calarsi nel ruolo del progettista dell epoca, pensando a quelle che erano le allora conoscenze e tecniche di esecuzione, ottenendo dei segnali su ciò che ci si poteva attendere dalle prove da eseguire. Nel caso specifico si sono reperite, attraverso delle indagini di archivio, solo dei grafici architettonici e impiantistici, anche sulla base dei quali è stato possibile stabilire che la costruzione risale ai primi anni settanta del secolo scorso, epoca in cui le strutture già venivano analizzate con modelli di calcolo a telaio piano. Reperimento della geometria completa della struttura: è il passo indispensabile che deve necessariamente anticipare tutte le fasi successive; senza un rilievo strutturale dettagliato, infatti, coerentemente con la procedura in esame, non è possibile redigere un programma di indagini. Nel caso specifico si è provveduto ad un rilievo strutturale completo che ha consentito di restituire la geometria esatta della costruzione: trattasi di una struttura in conglomerato cementizio armato gettato in opera con peculiari caratteristiche strutturali legate alla forte irregolarità tanto altimetrica quanto planimetrica; Progetto Simulato: sulla base dei punti precedenti, seguendo le norme che all epoca hanno influenzato le scelte del progettista in termini di carichi, schemi di calcolo, prescrizioni sui materiali, dettagli esecutivi etc., si è redatto un progetto che consente, riproducendo le stesse condizioni al contorno, di stabilire presumibilmente i dettagli di armatura che ci si può aspettare di trovare. La norma di riferimento per il caso in esame

6 è il DM 0 maggio 1972 che copre storicamente un vuoto legislativo avutosi fino ad allora, dal 199; è stato quindi effettuato il calcolo dei telai piani su cui scaricano i solai assumendo come caratteristiche dei materiali dei valori intermedi tra quelli previsti dalla norma (che per la prima volta, tra l altro, introduce il concetto di resistenza caratteristica). Sono stati considerati calcestruzzi di resistenza caratteristica conforme alle informazioni di progetto disponibili e sono state ricavate le aree di armatura longitudinale e trasversale corrispondenti alle sollecitazioni stimate. Sono stati presi in considerazione acciai tipo ad aderenza migliorata, introdotti già verso la metà degli anni sessanta, di qualità intermedia (tipo FeB8K). La traduzione delle aree di armatura in numero di barre ha tenuto conto oltre di tutte le regole e dettagli esecutivi riportati nel DM 0 maggio 1972, in termini di copriferri, interferri, passi delle staffe, percentuali di armature etc., anche della realtà locale, ovvero della pratica esecutiva degli anni settanta nell area in esame; questo è stato possibile anche attraverso lo studio di progetti strutturali di edifici in c.a. risalenti alla stessa epoca di costruzione e nella medesima area geografica. Figura Carpenteria del secondo impalcato della struttura Valutazione delle prestazioni della struttura: ricavata la struttura in tutti i sui dettagli principali secondo le regole, norme, conoscenze di allora, si è eseguita un analisi di massima delle prestazioni della struttura secondo gli attuali codici normativi nel rispetto del target di riferimento; da un analisi di massima della struttura per forze orizzontali si sono potuti individuare dei punti della struttura di maggiore attenzione. Essi sono individuabili principalmente nella zona a ridosso delle scale per la presenza di travi a ginocchio e quindi di pilastri tozzi, come evidenziato nella carpenteria di Figura. Redazione del programma di indagini: il programma di indagini (Figura 8) si è concentrato ovviamente sui punti in cui preliminarmente sono state individuate delle deficienze strutturali evitando di indagare inutilmente, ovvero oltremodo, zone o elementi che effettivamente poco partecipano alla definizione della capacità sismica

7 2 2 della struttura, disperdendo risorse, anche di carattere economico. Accanto a queste informazioni di carattere locale che discendono dai punti precedenti, si è proceduto ad una serie di indagini che naturalmente hanno mirato a verificare le ipotesi che stanno alla base di tutto il ragionamento, ispirato alle norme e alle conoscenza di allora, soprattutto sui materiali. 4.1 Indagini in campo In seguito si riportano sinteticamente le principali indagini eseguite comprensive dei risultati raggiunti. Per la caratterizzazione del calcestruzzo sono state eseguite indagini sclerometriche, ultrasoniche e combinate tipo sonreb, oltre che prove di schiacciamento di carote direttamente estratte dalle membrature in c.a.. I risultati delle prove di schiacciamento delle carote forniscono valori abbastanza diversi tra i vari piani come limitatamente verificato con le indagini ad ultrasuoni, dalle quali è però emersa una omogeneità piuttosto rilevante della parte interna delle varie membrature in c.a.. Il trattamento con fenolftaleina delle carote estratte ha indicato un livello di carbonatazione moderato, circostanza peraltro confermata dall esame delle prove sclerometriche condotte in parallelo. Per la caratterizzazione delle barre metalliche, tanto tipologica che meccanica, sono state eseguite delle locali rimozioni di copriferro e delle estrazioni di barre d armatura, cui sono seguite degli opportuni ripristini, poi sottoposte a prova di trazione con restituzione del legame costitutivo. Per l individuazione geometrica delle barre di armatura sia longitudinali che trasversali sono state eseguite prove pacometriche guidate da locali asportazioni di intonaco Ø8 ad aderenza Ø16 ad aderenza migliorata massicciata cementizia pavimentazione piano di calpestio soletta in cls armato Ø6 lisci Ø8 ad aderenza Ø16 ad aderenza migliorata massicciata cementizia pavimentazione piano di calpestio soletta in cls armato Ø6 lisci intonaco laterizi forati Ø4 N.B.: le misure sono espresse in cm travetti prefabbricati N.B.: le misure sono espresse in cm intonaco Ø4 Figura 4 Le sezioni trasversali dei solai del primo (sinistra) e secondo (destra) piano. laterizi forati travetti prefabbricati TRAVE DI FONDAZIONE Figura 5 Saggi in fondazione Sono state eseguite delle indagini sui solai (Figura 4) per definirne le prestazioni rispetto ai carichi verticali e alle azioni orizzontali, in termini di resistenza e rigidezza. Esse sono state eseguite su tutti gli impalcati in quanto dalla fase di rilievo era emersa una altezza diversa da piano a piano. Si è riconosciuta sulla struttura la presenza di differenti spessori di solaio: 22 cm, relativa al I impalcato; 24cm relativa al II impalcato e infine 16 cm relativa al III impalcato; in tutti i casi sono stati impiegati travetti precompressi e soletta superiore di 4 cm armata con barre trasversali di ripartizione Φ6/0 cm. Anche la definizione della tipologia di fondazione ha richiesto delle indagini in campo

8 (Figura 5); l esecuzione di scavi mirati in punti opportuni e preventivamente studiati a tavolino, ha consentito di stabilire che le fondazioni, di tipo superficiale, sono delle travi rovesce con sezioni a T lungo il perimetro e lungo i telai principali, con sezioni rettangolari per le rimanenti, aventi sostanzialmente una funzione di collegamento. 4.2 Prova dinamica Per completare la caratterizzazione della struttura, è stata eseguita la prova dinamica con vibrodina. Lo scopo è quello di definire le principali caratteristiche dinamiche della struttura, rappresentate dai modi di vibrazione principali e dalle corrispondenti frequenze. 1 Pos.1 Pos.2 2 Figura 6 Prova dinamica: sistemi di eccitazione e strumentazione. La conoscenza di tali parametri consente, attraverso delle opportune elaborazioni numeriche, di stabilire la risposta dinamica della struttura sotto l effetto di una qualsiasi azione eccitante. Operativamente tale prova consiste nel mettere in vibrazione l edificio attraverso un sistema di eccitazione registrando in opportuni punti della struttura gli effetti prodotti sottoforma di accelerazione nel tempo o di altre grandezze ad essa riconducibile. Nel caso specifico il sistema di eccitazione impiegato è di tipo meccanico, vibrodina. La complessità della prova necessita di uno studio preventivo dettagliato che consenta di stabilire il livello di eccitazione che si vuole ottenere per un adeguata lettura dei segnali acquisiti nei punti di registrazione; la programmazione della prova ha anche lo scopo importante di stabilire sia la posizione e direzione della forzante (vibrodina), sia quella del sistema di acquisizione rappresentata dagli accelerometri, al fine di ottimizzare tutto il processo in termini sia di strumentazione da adoperare (numero di accelerometri) sia in termini di risorse finanziare e di invasività della prova. Per l acquisizione della risposta dinamica dell edificio sono stati utilizzati 15 sensori accelerometrici monodirezionali Episensor Kinemetrics e un sistema di acquisizione costituito da un sistema della National Instruments, modello PXI 1042, costituito da due schede di acquisizione NI 4472 ad architettura parallela e ad otto canali, con la risoluzione di 24 bit e frequenza di campionamento massima dell ordine di Ksamples/sec. Il software di gestione del sistema di acquisizione e la memorizzazione del segnale è stato completamente sviluppato in linguaggio Labview dai tecnici Strago s.r.l.. I risultati ottenuti hanno consentito di affinare il modello analitico per la valutazione/adeguamento del manufatto (tecnica

9 model updating ). Di seguito (Figura 7) si riporta il confronto tra le simulazioni numeriche e i dati sperimentali per i primi tre modi di vibrazione della struttura, sulla base dei quali si è poi affinato il modello di calcolo strutturale. Numerico Sperimentale Frequenza Periodo Frequenza Periodo 2.9 Hz 0.45 s 2.6 Hz 0.85 s.2 Hz 0.12 s 2.9 Hz 0.45 s.8 Hz 0.26 s. Hz 0.0 s Correlazione numerico sperimentale Figura 7 Risultati prova dinamica 5. Considerazioni conclusive Il problema della caratterizzazione della struttura portante degli edifici esistenti è al centro di molte iniziative di ricerca e di studio, anche in relazione alla recente emanazione di una norma tecnica per la valutazione delle costruzioni esistenti moderna e in linea con quanto prescritto dagli Eurocodici in materia. Col presente lavoro si è inteso portare un contributo in termini di esperienza operativa svolta nell ambito di un progetto dimostratore del progetto RESIS, Ricerca E Sviluppo per la Sismologia e l'ingegneria Sismica. E stato evidenziato in particolare il ruolo della programmazione della diagnostica strutturale, che da parte sua dovrebbe tendere alla verifica di alcune informazioni strettamente necessarie ai fini della vulnerabilità sismica della struttura. Tali informazioni, anche in assenza di specifica documentazione di progetto, possono essere ricavate attraverso una progettazione simulata che da un lato porta alla definizione della più probabile struttura, dall altro rappresenta uno strumento di validazione dei risultati ottenuti. Per le comuni applicazioni, è necessario andare alla ricerca di un punto di equilibrio tra esigenze di carattere tecnico, oggi disciplinate dal recente codice normativo cui ci si è accennato, e problematiche di carattere economico. L ottimizzazione del complesso processo di analisi benefici/costi deve tenere conto del fatto che spesso più si conosce, meno si interviene, considerando che talvolta il costo generalizzato per ottenere livelli di conoscenza adeguati può incidere in maniera non necessariamente trascurabile sui costi di adeguamento. 6. Bibliografia 1. Cornell C.A., Engineering Seismic Risk Analysis, Bull. Seism. Soc. Am., 58, pp McGuire, R. K., Probabilistic Seismic Hazard Analysis and Design Earthquakes: Closing the Loop. BSSA, Vol. 85, No. 5.. Benedetti D., Petrini V., On Seismic Vulnerability of Masonry Buildings: Proposal of an evalua-tion Procedure, L'industria delle costruzioni, Milano. 4. CNR-GNDT (1994) - Rischio sismico di edifici pubblici - Parte I: Aspetti metodologici, Tipografia Moderna, Bologna. 5. CENSIS, Rapporto sulla situazione sociale del paese 1999, Territorio e Reti. CENSIS Centro Studi Investimenti Sociali, pp , Ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri 20 marzo 200, n. 274, Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per le costruzioni in zona sismica, G.U. n. 105 del 8 maggio S.O. n Ordinanza del Presidente del Consiglio dei ministri maggio 2005, n. 41, Norme Tecniche per il progetto, la valutazione e l adeguamento sismico degli edifici, G.U. n. 107 del 10/05/ S.O. n.85.

10 Figura 8 Programma di indagini

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA

FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA FEDERAZIONE REGIONALE ORDINI INGEGNERI DELLA TOSCANA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI LUCCA Strutture esistenti in c.a. e c.a.p., livelli di conoscenza, prove distruttive e non distruttive, progetto

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI

RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI Comune di San Demetrio Ne Vestini Provincia dell Aquila RELAZIONE SULLA FORMAZIONE DEL CATASTO DEGLI AGGREGATI EDILIZI 1. INTRODUZIONE La sottoscritta arch. Tiziana Del Roio, iscritta all Ordine degli

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO TAVOLO TECNICO DI COORDINAMENTO delle Provincie della Regione Abruzzo (L.R. n. 28/2011, art. 2, comma 4) c/o Direzione Protezione Civile e Ambiente via Salaria Antica Est 27 67100 L Aquila fax 0862.364615

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013

COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013 Ordine degli Ingegneri della Provincia di Trapani SEMINARIO COLLAUDO STATICO DELLE STRUTURE Trapani, 15 novembre 2013 Relatore: Ing. Santo Mineo Amministratore unico CIMENTO S.r.l. Laboratorio di diagnostica

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

2.2.8 Spettri di progetto

2.2.8 Spettri di progetto 2.2.8 Spettri di progetto Passando alla fase progettuale si dà per scontato che per gli Stati Limite Ultimi (SLV e SLC) la struttura vada largamente in campo plastico. Si devono quindi utilizzare metodi

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

ANALISI, MONITORAGGIO

ANALISI, MONITORAGGIO Università degli Studi di Genova DISEG - Dipartimento di Ingegneria Strutturale e Geotecnica Laboratorio Ufficiale dei Materiali da Costruzione Ordine degli Architetti della Provincia di Genova ANALISI,

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI

DEMOLIZIONE EDIFICI RAFFORZAMENTI E PUNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OPERE ADIACENTI DEMOLIZIONE EDIFICI 1. DEMOLIZIONI MANUALI E1 DEMOLIZIONI STRUTTURE RAFFORZAMENTI E UNTELLAMENTI (RISANAMENTI) DISTACCO OERE ADIACENTI DEMOLIZIONE VOLTE; DEMOLIZIONE SOLAI IN LEGNO; DEMOLIZIONE SOLAI LATERO-

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici » Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Sezione Prima Adunanza del 14 dicembre 2010 Protocollo 155/2010 OGGETTO: DPR 380/2001 e DM 14/01/2008. Richiesta di pareri. FIRENZE LA SEZIONE VISTE la nota n.

Dettagli

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici

Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici Allegato 1 Interventi privi di rilevanza per la pubblica incolumità ai fini sismici 1. Premessa 1.1 Ambito di applicazione ed efficacia. Ai sensi dell art. 9, comma 3, della legge regionale n. 19 del 2008,

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI COSTRUZIONI ESISTENTI: LIVELLI DI CONOSCENZA E INDAGINI DIAGNOSTICHE STRUTTURALI ING. ROCCO TOLVE MATERA 05 OTTOBRE 2011 Costruzioni esistenti : livelli di conoscenza

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Buone prassi di conservazione del patrimonio. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Buone prassi di conservazione del patrimonio BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando con scadenza 9 aprile 2015 Buone prassi di conservazione del

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale

Edizione Agosto 2006. Il grande cerchio per una protezione naturale Edizione Agosto 2006 Il grande cerchio per una protezione naturale FERRONDO -Innovazione astuto dinamico di valore Con un unico profilo FERRONDO GRANDE combina protezione dai rumori e Design. La sua forma

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

LINEE GUIDA PER MODALITÀ DI INDAGINE SULLE STRUTTURE E SUI TERRENI PER I PROGETTI DI RIPARAZIONE, MIGLIORAMENTO E RICOSTRUZIONE DI EDIFICI INAGIBILI

LINEE GUIDA PER MODALITÀ DI INDAGINE SULLE STRUTTURE E SUI TERRENI PER I PROGETTI DI RIPARAZIONE, MIGLIORAMENTO E RICOSTRUZIONE DI EDIFICI INAGIBILI Dipartimento Protezione Civile ReLUIS AGI ALGI ALIG LINEE GUIDA PER MODALITÀ DI INDAGINE SULLE STRUTTURE E SUI TERRENI PER I PROGETTI DI RIPARAZIONE, MIGLIORAMENTO E RICOSTRUZIONE DI EDIFICI INAGIBILI

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

AMIANTO PIANO DI LAVORO

AMIANTO PIANO DI LAVORO AMIANTO PIANO DI LAVORO Piano di lavoro [art. 256 D. Lgs. 81/2008] I lavori di demolizione o rimozione dei materiali contenenti amianto possono essere effettuati solo da imprese iscritte all Albo nazionale

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Strutture in muratura e a telaio

Strutture in muratura e a telaio Strutture in muratura e a telaio Inroduzione alla teoria delle strutture Nel campo delle costruzioni il termine struttura è spesso usato per indicare qualcosa di più specifico di un sistema di relazioni.

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO

Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente. U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO Dipartimento Ambiente e Sviluppo Servizio Ambiente U.O. C. Sviluppo Sostenibile, Agenda XXI, Comunicazione SINTESI PROGETTO ATTUAZIONE DEL PROGETTO REBIR Risparmio Energetico, Bioedilizia, Riuso Data 29.01.2009

Dettagli

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello

SISMO. Storia sismica di sito di ManOppello SISMO Storia sismica di sito di ManOppello Rapporto tecnico per conto del: Dr. Luciano D Alfonso, Sindaco Comune di Pescara (PE) Eseguito da: Umberto Fracassi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Dettagli

Eurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica Parte 1: Regole generali, azioni sismiche e regole per gli edifici

Eurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica Parte 1: Regole generali, azioni sismiche e regole per gli edifici NORMA EUROPEA Eurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica Parte 1: Regole generali, azioni sismiche e regole per gli edifici UNI EN 1998-1 MARZO 2005 Eurocode 8 Design of structures

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione

Ogni volta che un evento naturale come un terremoto, un eruzione Ci si può difendere dai terremoti? Sebbene si sappia da molto tempo che l Italia è un paese sismico la storia della classificazione sismica e quindi anche della normativa che avrebbe potuto ridurre i danni

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli