Il blog va a scuola. di Romolo Pranzetti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il blog va a scuola. di Romolo Pranzetti"

Transcript

1 Il blog va a scuola di Romolo Pranzetti 1

2 IL BLOG VA A SCUOLA...1 DI ROMOLO PRANZETTI...1 INTRODUZIONE...6 L UTENTE COSTRUISCE I NODI DELLA RETE...8 COMUNICAZIONE DI BASE...8 ATTIVITA CONDIVISA (asincrona)...10 CONDIVISIONE CONOSCENZE...11 COORDINAMENTO...12 Il computer diffuso...14 USO INTERATTIVO DELLA RETE...16 INTERNET 1 E LA CULTURA BLOGGER...18 GLI STRUMENTI PIÙ FORMATIVI...22 PIATTAFORME INTERATTIVE...23 IL BLOG COME NODO PERSONALE NELLA RETE...25 IL BLOG: DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE...29 DAL SITO PERSONALE AL BLOG...30 LA CRESCITA E LE CIRCOSTANZE...31 DAL DIARIO AL GIORNALE ONLINE...34 DIARIO ONLINE...35 USO POLITICO...36 STAR E GOSSIP...36 IL GENERE BLOG ED IL GIORNALISMO

3 CONTROINFORMAZIONE...39 LA NOTIZIA E L'ESCLUSIVA...39 CONFLITTI E GELOSIE...40 LA FORMA ED IL CONTENUTO...42 BLOG DI GIORNALISTI: SABELLI FIORETTI E COLLEGHI...43 LA TORRE DI BABELE...45 PIRAMIDI O BACHECHE POPOLARI?...50 TAG, GOOGLE E COLLEGAMENTI...50 APPRENDIMENTO, COMUNITÀ, BLOG...52 Gli strumenti che abbiamo descritto nella prima parte possono essere definiti come interattivi o collaborativi e quasi sempre servono per dar vita ad una community, o comunità online. Attorno al concetto di comunità virtuali, esiste una discussione molto proficua, in quanto il termine si presta ad utilizzazioni differenti ed a varie interpretazioni, come del resto succede al termine apprendimento STRUMENTI COOPERATIVI...52 RETI E CONNETTIVISMO...52 LA METAFORA DELLA RETE...53 CONOSCENZE IN PRESENZA ED A DISTANZA...53 CONOSCENZA E SUA COSTRUZIONE...54 COMUNITÀ DI PRATICA...55 RECUPERO DELLA SCRITTURA...57 AFFERMAZIONE DEI BLOG ED USO FORMATIVO...57 UN SITO PER LA COLLABORAZIONE...58 FACILITÀ D USO...59 BLOG ED I SUOI FRATELLI...61 IMPIEGO DEL BLOG

4 UTILIZZO DEL DOCENTE...62 UTILIZZO DELL ALUNNO...63 VISITARE ALTRI BLOG...63 SPERIMENTARE PRIMA DI PARTIRE...64 IL COPIA-INCOLLA...65 TRE FORME DI BLOG...66 PATRIMONIO PUBBLICO...66 WIKIWIKI, SITO VELOCE E DI GRUPPO...67 TUTTI A CACCIA, IL WEBQUEST...72 UNO SGUARDO ALLA BLOGOSFERA ITALIANA...76 BLOGER...77 EDIDABLOG...84 APRIRE E GESTIRE UN BLOG...86 SERVIZI GRATUITI...87 I servizi di hosting Blogger...87 In Italia, piccoli ma tanti...93 Splinder...94 LiberoBlog...96 ATTENTI AL CONTENITORE...98 COS'È UN CMS...99 RISORSE DI PHP INTERATTIVITÀ E SICUREZZA GARANTITE CRITERI DI SCELTA ED INSTALLAZIONE

5 USO DI QUALCHE PIATTAFORMA QUATTRO SCHEDE LA FRAGOLA SPIP GUPPY WORDPRESS CONCLUSIONI BIBLIOGRAFIA, ECC

6 Introduzione Per molti insegnanti la scoperta dei blog, dei wiki, e dei webquest è avvenuta durante gli ormai famosi corsi di formazione sulle tecnologie educative organizzati dal Ministero della Pubblica Istruzione, che durante l'anno scolastico ha interessato più di insegnanti. In quell occasione, in effetti, le proposte messe a disposizione degli operatori scolastici furono numerose ed interessarono molti ambiti della conoscenza e della comunicazione tecnologica. Gli argomenti affrontati in quelle riunioni furono corredati di materiali disponibili in rete ed anche diffusi con miriadi di CD-ROM e di siti Web. Tali materiali furono usati dai tutor ed a macchia d olio essi diffusero alcune delle esperienze collaborative più significative alle loro classi virtuali, con profitto ed utilità immediata per tutti, in quanto il social software apparve subito come l ambiente più consono alla ricerca ed alla diffusione della conoscenza, fra i tanti sperimentati da studiosi e da pubblicisti. Furono scoperte, provate ed analizzate piattaforme di formazione a distanza, furono valutati software didattici, furono affrontati esempi di utilizzo di materiali tecnologici per accrescere il profitto scolastico e diminuire l'impegno materiale degli insegnanti. I corsisti ebbero occasione di esplorare in maniera più o meno approfondita molteplici argomenti, ma soprattutto i tutor ebbero occasione di sconfinare in regioni più o meno prima inesplorate. Dai tutor, poi, il contagio interattivo ha toccato i corsisti, che hanno colto l'occasione per fornire il proprio gruppo di un blog, oppure di un wiki, di fare esercitazioni sui webquest, e di approfondire qualche strumento di conoscenza in più che non fosse il solito PowerPoint. Il blog si stava imponendo anche alla scuola italiana, dopo che aveva contagiato la scuola degli Stati Uniti, del Canada e della Francia. Dopo due anni, in questo volumetto se ne vogliono cogliere gli aspetti dinamici 6

7 nella raltà scolastica internazionale e anche nel nostro paese, con l avvertenza ovvia, però, che la situazione è in continua evoluzione e ciò che viene scritto oggi, domani può essere superato. Perché la ricerca della killer application, anche nell educazione, continua. Quale proseguimento e ideale aggiornamento online di questo lavoro, si propongono, a cura di Romolo Pranzetti e Stefania Giorello: - il blog Il blog va a scuola di riflessione e di ricerca sul fenomeno e sull impatto nell educazione; - LaBlog Laboratorio blog, sul sito Formazione e comunicazione online quale veloce luogo di scambio di esperienze e di possibili sviluppi. 7

8 L utente costruisce i nodi della rete In un libretto che propone in qualche modo l'utilizzo di un nodo comunicativo, bisogna pur richiamare sia pure sommariamente quali sono gli strumenti di condivisione e di comunicazione che Internet1 consente. Ecco uno schema che ci sembra utile e che per alcuni aspetti rappresenta strumenti vecchi e nuovi, a volte fusi anche tra loro, in piattaforme a ciò dedicate. COMUNICAZIONE DI BASE Mail - asincrona, consente in modo semplice e veloce di comunicare senza costi aggiuntivi con chi ha una casella postale elettronica. Di solito l'indirizzo è il requisito primario per accedere ad ulteriori servizi sulla rete: iscriversi ad un portale, iniziare un corso di formazione online... anche aprire un blog. Figura 1 - Skype: dal filmato dimostrativo2 Chat3: uno degli applicativi a tu per tu, ma anche uno a tanti o tanti Per un confronto sugli strumenti collaborativi, si può utilmente confrontare il rapporto del Centre for Distance Education (CDE) dell Università Athabasca di Alberta, in Canada: che - sebbene in alcuni aspetti non sia completamente aggiornato offre tuttavia una panoramica ampia e dettagliata per la definizione L Internet Relay Chat (IRC) è una forma di comunicazione istantanea su 1 8

9 a tanti, più utilizzati soprattutto dai giovani; è uno strumento per socializzare, per fare amicizia, per prendere decisioni. A scuola viene usata per impratichirsi nelle lingue straniere, di solito è testuale e richiede poche risorse, ma sempre più spesso sono consentite anche chat audio o video (si veda l'esempio di ICQ o di Skype, per tutti)4. Lavagna condivisa: una lavagna condivisa è un sistema che permette di disegnare contenuti che vengono visti e condivisi a distanza5 fra due o più utenti collegati. Videoconferenza: lo strumento mette in contatto più persone relativamente lontane per una discussione, un incontro virtuale fra più membri di un gruppo, una vera e propria conversazione multipla... oppure anche una lezione a distanza, come per esempio fa l'osservatorio Astronomico di Padova6. Instant Messaging: è un applicazione sincrona, che possono utilizzare due o più utenti online contemporaneamente; anzi, una volta registrati ed aver fatto l'accesso alla rete o al protocollo particolare, tramite un piccolo programma si viene avvisati che in linea c'è anche il nostro amico o il nostro gruppo... e può iniziare lo scambio di messaggi. Alcuni programmi supportano diversi protocolli e diversi fornitori di connettività7 Internet che consente, sia la comunicazione reciproca tra utenti che tra gruppi, in "stanze" di discussione chiamate "canali", in 4 ICQ, l acronimo si pronuncia come I Seek You, (ti cerco) è uno storico strumento di conversazione, mentre Skype fornisce anche soluzioni di telefonia a basso costo. 5 Desidero citare l'esperienza di Xspigola, Xspigola consente non solo di produrre disegni, ma anche animazioni on line.mentre il docente produce, a distanza, i suoi studenti vedono quello che si produce in diretta. Possono poi interagire con il loro insegnante tramite il modulo per la CHAT e/o il VOIP. Perché la procedura possa essere attivata occorre:installare xspigola in un server web.il docente che produce i contenuti, per condividere i contenuti,passo per passo 6 l'astronomo in videoconferenza:http://www.pd.astro.it/othersites/stelle/guru/videoc.html 7 oltre ad ICQ e Skype, esistono numerosi client, per qualche esempio, si veda: Per i client multipli citiamo Miranda: 9

10 Figura 2 - Grouper, un nuovo strumento di condivisione online: ATTIVITA CONDIVISA (asincrona) Aste online: come ebay.com8, dove l utente oltre ad acquistare o vendere, crea una sua rete di rispettivi collegamenti ed accreditamenti, o come Amazon.com9, dove le recensioni degli utenti hanno un importante ruolo non solo culturale, ma anche commerciale. Piattaforme di gioco: MUD-MOO: programmi che sfruttano le caratteristiche di un sistema informatico multiutente in rete per realizzare giochi di ruolo che coinvolgono numerosi partecipanti. Sono "mondi artificiali" che favoriscono lo sviluppo di attività cooperative che possono avvenire in modo sincrono ed asincrono. Le attività sincrone implicano l'interazione diretta tra i giocatori10. Piattaforme collaborative: si hanno quando appositi siti offrono applicativi tipo Word o Excel per gestire dati in maniera che possano 10 definizione presa da:

11 accedervi membri di uno stesso gruppo di lavoro; sempre più spesso tali piattaforme sono open source, come i wiki citati, o come applicativi basati su PHP11. Revisione collaborativa: si ha soprattutto per documenti strutturati, anche in lingue straniere o, addirittura, con versioni diverse di uno stesso documento12 Forum: in assoluto forse è lo strumento che più assomiglia al blog, solo che è un luogo pubblico, dove ciascuno degli iscritti ha pari ruolo e dignità e dove eventualmente un potere viene esercitato da una terza figura, quella del moderatore, laddove esista. Condivisione file: il famoso o famigerato peer to peer, cioè scambio di file tra pari, praticato soprattutto dai giovani che si scambiano file musicali in mp3, un formato compresso. Ma come è noto esiste anche l'aspetto legale, gestito attraverso apposite piattaforme a ciò dedicate13 Figura 3 - Un logo ben noto (presenza+distanza) dei docenti: nella la formazione "blended" piattaforma INDIRE, CONDIVISIONE CONOSCENZE Tutte le applicazioni viste precedentemente sono in qualche modo utilizzabili per la condivisione delle conoscenze, ma di frequente vengono creati strumenti Si veda al sito: Virtuele werkruimten Collaborative workspace, disponibile in: ; in italiano si veda la piattaforma Websapiens, disponibile in: 12 Collaborative Office Document Editing and Revision Control, disponibile in ; 13 Un esempio: ma ve ne sono molti altri, come oppure la piattaforma Dspace del MIT, https://dspace.mit.edu/index.jsp 11 11

12 dedicati, con funzioni particolarmente sofisticate. Diamo per conosciute le voci sotto elencate, ci limitiamo a fornirne un elenco di gruppi: Gestione contenuti: i classici CMS o content management system cui facciamo riferimento più avanti. FAQ14: cioè raccolte di domande precedentemente poste, con risposte da consultare prima di fare altre interrogazioni a sproposito. WiKi: pagine web collaborative: possono contenere piccoli progetti o dizionari o addirittura enciclopedie. Mailing list: strumento che serve a mantenere il contatto fra i membri di un gruppo collaborativo o d interesse; ogni membro può inviare una a tutti i membri del gruppo, usando un solo indirizzo. Agende elettroniche condivise: anch esse, in genere, basate su semplici database gestiti tramite script in php15 o equivalenti. Organigrammi e mappe concettuali: cioè espressione grafica di idee realizzabili con appositi programmi sempre più dinamici ed interattivi tesi allo scambio di dati ed informazioni anche multimediali. Biblioteche con e-book (libri elettronici) gratuiti o, comunque, scaricabili a prezzi accessibili. Motori di ricerca: siti che consentono di portare sul nostro computer informazioni su un determinato argomento: ne esistono moltissimi, sia generici, sia specializzati per qualsiasi esigenza sia di studio sia di tempo libero16. P2P: Peer to peer (file sharing o scambio di file, sia abusivo, sia legale): in considerazione che i computer in rete hanno pari funzione, per consentire la condivisione di file, sia generati autonomamente, sia commerciali. COORDINAMENTO Anche questi strumenti sono a volte disponibili nelle suite per la produttività individuale e, spesso, hanno appendici o archivi sul web. Qualche esempio di categorie: acronimo di Frequently Asked Questions. Cfr vedi più avanti. 12

13 Workflows: aiutano a coordinare le attività dei collaboratori. Agende elettroniche o web condivise, per appuntamenti Gestione compiti: organigrammi, mappe concettuali, vedi sopra. In Internet i mezzi sopra elencati formano un parco di strumenti molto variegato, anche perché possono essere usati in combinazione: essi consentono la vita di una comunità, anche se non sarebbero finalizzati alla creazione di vere e proprie comunità di pratica. Molti di questi strumenti hanno il vantaggio, o il peso, della sincronia, cioè della presenza contemporanea dei vari attori, cosa non sempre facilmente raggiungibile;, d'altra parte il forum strumento asincrono - consente un intervento più pacato e riflessivo, non richiedendo una risposta immediata. L' , è un po' una base di partenza per ciascuna delle varie attività di formazione on-line, spesso diventa anche lo strumento di base per registrarsi a molte delle attività formative o di scambio proposte dalla rete. L' è di solito il primo strumento di addestramento per chi voglia iniziare a partecipare ai gruppi di discussione, dalle mailing-list agli stessi blog. La chat si è visto fa interagire attraverso la comunicazione scritta persone lontane fisicamente e vincolate dalla simultaneità dell'intervento. Oggi vi sono anche strumenti per chat vocali, come per esempio il software gratuito Skype, che rende la conversazione particolarmente confortevole per la qualità della voce, per cui si va diffondendo non solo fra privati, ma anche nelle aziende, consentendo un uso sostitutivo sia della telefonia fissa sia cellulare (SkypeOut, con tariffe concorrenziali). Di recente sono stati predisposti anche plugin (programmi aggiuntivi) che rendono possibile le video chat17, che danno ancora di più l'illusione della presenza e, quindi, possono essere sfruttate per prendere decisioni anche importanti evitando riunioni che, volte, richiederebbero spostamenti ed impegni rilevanti. Attraverso una videoconferenza una comunità di pratica può ad esempio: a) favorire la conoscenza dei vari membri; 17 Spontania video4im, 13

14 b) favorire scambi di opinioni e di pareri su determinati argomenti; c) consentire di prendere decisioni su temi già elaborati attraverso le oppure i forum. In conclusione, la videoconferenza diventa molto economica sia dal punto di vista del tempo, sia dal punto di vista degli spostamenti e può avere l efficacia di un gruppo di lavoro ben guidato. Il computer diffuso18 Gli esperti sogliono collocare intorno al 2003 un'importante evoluzione nell'uso e nella percezione di Internet. Essa - protagonista già del cambiamento dei rapporti fra la gente e i media tradizionali (giornali, cinema, tv), con scorribande promettenti anche nel campo del commercio elettronico e nei mercati azionari, fino allo scoppio della bolla della new economy (con il deprezzamento dei titoli basati sul web, 2001) ridimensionamento dell espansione numerica delle ha poi subito un connessioni, ma ha consentito accessi più veloci e impieghi sempre più interessanti. Ho preferito l aggettivo diffuso a continuous, cui veramente negli articoli di riferimento si parla; si veda un manifesto in questo link:

15 Figura 4 - Lavoro digitale condiviso, da: Grazie anche ad essi, si perfeziona e si moltiplicano le esperienze di trasmissione di contenuti multimediali, ma anche e soprattutto cresce un uso interattivo della rete. Non si tratta ovviamente di una trasformazione immediata, ma della comparsa di sintomi che diventeranno sempre più visibili ed importanti nel corso dei mesi successivi. Da un punto di vista della ferraglia, cioè hardware, occorre fare riferimento alla sempre più massiccia diffusione di quel fenomeno che alcuni studiosi chiamano il computer diffuso, tipico delle aree sviluppate del mondo che hanno a che fare quotidianamente con strumenti digitali come palmari, riproduttori di musica e filmati, smart phones o videofonini sempre più potenti ed orientati al web; con reti senza fili nelle aree di spostamento quotidiano, con un Internet sempre più provvista di strumenti di collaborazione e di comunicazione. Si fa pervasiva la possibilità di accedere a fonti informative anche senza disporre di una scrivania o di un computer tradizionale, e a volte senza rendersi conto che si attingono e si lasciano informazioni in un network sempre più vasto con le nostre azioni quotidiane. Scrive Vade Roush: Visita un qualsiasi aeroporto, spiaggia o parco cittadino e vedrai gente fornita di palmare, di cellulari, e di strumenti come macchine fotografiche e riproduttori musicali, con tanta naturalezza da considerarli parte dell abbigliamento, ed aggiunge che mentre negli anni trascorsi stare al computer significava staccarsi dalla vita reale, nell era del computer diffuso, è proprio con tale strumentazione che si riesce a mantenere vivi contatti multipli, anche con le persone care.19 Inoltre molti studiosi ritengono che tali contatti abbiano ripercussioni importanti anche sui mercati e sulle scelte dei consumatori, che sempre più spesso devono essere considerati utenti 20. W. Roush, Social Machines, in Technology Review, disponibile in e in 20 H. Rheinghold, Smart Mobs: The Next Social Revolution. Sottolinea l importanza dei 19 15

16 Figura 5 Il solo punto dove c è campo, da Uso interattivo della rete Il fenomeno è dovuto ad una capillare diffusione di quel social software21, che già esisteva, e che è gradualmente penetrato nelle abitudini degli utenti: ora esso raccoglie applicazioni di diverso tipo: si va dalla telefonia via Internet alle piattaforme di formazione a distanza, ai siti dinamici, ai blog ed ai wiki-wiki. Saranno tali applicativi le nuove killer application? Il termine è abbastanza noto, e l attesa rimane in parte insoddisfatta: la killer feedback degli acquirenti in ebay, o delle recensioni su Amazon. Y. Benkler sostiene l importanza economica del ruolo del comportamento sociale ( peer production ). Cfr The Power Of Us, in BusinessWeek, giungo 2005, disponibile in dove vi è tra l altro anche una lunga intervista al professore. Molti dei tools operanti in ambiente social software godono della licenza Creative Commons: 21 Christopher Allen, Tracing the Evolution of Social Software, disponibile in ; Mario Sixtus, Das Web sind Wir, in Technology Review, disponibile in 16

17 application è il programma che sconvolgerà il modo di usare l informatica, e non sappiamo bene quale sarà, tanto è vero che un boss di Yahoo! come Tim Sanders ha scritto un libro intitolato L Amore è la killer applicaton 22: alcuni dei suoi principi li richiameremo nelle prossime pagine. Ma per Internet in particolare si sta avverando l altro motto che recita: gli utenti sono la killer application, nel senso che le reti sociali esistono e hanno il ruolo che si va sempre più confermando e potenziando, perché gli utenti prendono il posto della pagina, del contenuto, dei programmi o delle musiche scaricabili nella considerazione di chi crea software e di chi vende spazi sul web. Si sta scoprendo cioè che la gente vuole intervenire nella più grande conversazione che sia mai stata consentita nella storia del mondo. Internet 1 e 2 Quanto alle modalità di fruizione, gli studiosi sostengono che Internet 1 si distingueva per la lettura, mentre invece Internet 2 consente sia la lettura che la scrittura: se nella prima fase tutti i media, Internet compresa, cercavano di impadronirsi dell attenzione degli utenti, nella fase attuale si è ormai compreso che l attenzione è un bene scarso23, e che, quindi, bisogna accontentarsi anche di piccoli brandelli di essa: dopo il browser che ci fa sfogliare le pagine Internet e il client di posta elettronica, il meccanismo che viene più frequentemente usato attualmente è la tecnica RSS (Really Simple Syndication), una distribuzione veramente semplice,24 in qualche modo basata sugli algoritmi dei motori di ricerca più autorevoli e, conseguentemente, sui meccanismi di collegamento che ciascun sito è capace di offrire, come anche sui client che puntano alla lettura di quei siti. Il documento tipico di Internet 1 era la pagina, realizzata da chi aveva interesse a farsi conoscere o a convincere, mentre in Internet 2 tende a prevalere il 22 Tim Sanders, Amore è la Killer App, Sperling & Kupfer Editori, 2002, 18. Sanders è Chief Solutions Officer di Yahoo! 23 Cfr Granieri G., Blog generation, Laterza, Roncaglia G., Blogosfera e feed RSS: una palestra per il Semantic Web?, RSS vuol dire anche RDF Site Summary, oppure Rich Site Summary. Si tratta comunque di flussi informativi basati su XML. 17

18 messaggio, la registrazione, l opinione, inviati dal comune utente, che potrà convincere, divertire, o persuadere soltanto in ragione della bontà del proprio messaggio. Per quanto riguarda la condizione fisica, in Internet 1 prevaleva la staticità, mentre in Internet 2 si ha un rapido incremento della dinamicità. Un solo esempio: sono sempre più i blog anche tradizionali che adottano le tecnologie di Flickr25 sulla propria pagina per presentazioni di diapositive animate o per semplici gallerie fotografiche. Per quanto riguarda la visualizzazione, ricorderemo le famose guerre dei browser, in cui Internet Explorer strappava il predominio a Netscape: oggi battaglie del genere avrebbero qualche motivo in meno motivo di essere, in quanto la tendenza che comincia a delinearsi è di utilizzare altri strumenti oltre al browser per attingere ai contenuti di Internet 2: può essere utile dare un occhiata agli oltre 13 milioni di risposte ad una ricerca su Google con le parole chiave feed reader : un sistema di lettura delle pagine web che somiglia a quello della posta elettronica. Quanto alla progettazione delle pagine web, in Internet 1 il ruolo del webmaster era incontrastato, mentre con Internet 2 diventa reale la possibilità di ciascun utente di realizzare un sito, una pagina, un punto d incontro sul web, grazie al blog o al wiki. Questo perché la carica di tecnologia necessaria per affrontare la prima fase era molto più ricca di quanto non pretenda la fase 2, che ammette alla sua mensa anche i dilettanti interessati26 La cultura blogger Ma è utile Internet pur con tutto il suo bagaglio di strumenti innovativi ed interattivi, pur con l enfasi ai processi comunicativi - alla scuola ed alla classe? Intanto, non è un risultato da poco diventare editori di se medesimi, diventarlo gratis e poter raggiungere tutto il mondo in tempi così veloci Cuene J, 2005, Web 2.0: Is it a Whole New Internet?, disponibile in 18

19 Poi, in tali campi, l apprendimento è davvero collaborativo: sia per il docente che per gli alunni si tratta di apprendere un linguaggio nuovo, un modo di esprimersi basato essenzialmente sulla testualità, ma che può arricchirsi di documenti iconici, intertestuali ed ipertestuali, e anche tipici di altri mezzi, come il cinema e la televisione. Figura 6 - Volantino dell'incontro dei blogger parigini Leggendo i blog francesi, difficilmente può essere sfuggita l indagine lanciata, in seguito ad una intervista a lui fatta, da Loic Le Meur27 a proposito delle caratteristichce della cultura blog. I risultati sono interessanti; e qui di seguito, riportiamo una sintesi delle risposte fornite, fatta da blogger spagnoli 28 : - il desiderio di condividere le proprie esperienze e conoscenze con altri; - l importanza crescente di avere l opinione dei propri lettori sulle proprie idee (tramite i commenti); da quando costruiscono una loro piccola comunità, i blogger sentono spesso il bisogno di chiedere loro un opinione su tutto; - un aiuto mutuo molto importante tra blogger. Essi sono capaci di condivi27 28 Existe t-il une culture blog?, La cultura blog, Bitagoras.org : 19

20 dere insieme dei progetti di collaborazione spesso lunghi o impossibili da condurre bene da soli; - una cultura dell'informazione molto importante, veloce e con numerose fonti (la maggior parte dei blogger leggono decine di blog ogni giorno, alcuni, in qualche caso, centinaia); - i blogger desiderano controllare la notizia che leggono e non la accettano come parola di Dio, come spesso accade nei mezzi d informazione tradizionali; - i blogger si sentono cittadini del mondo : si rivolgono a fonti internazionali e hanno contatti con persone di ogni paese; - i blogger si confrontano con la vita reale: una volta costruita la comunità virtuale, promuovono incontri con cene, feste, conferenze, per conoscersi di persona; - è riconosciuto un codice condiviso, un vocabolario, uno stile di scrittura ed un codice di condotta (citare le fonti, collegarsi alle fonti, ecc.); - i blogger sono così abituati ad interagire nelle pagine degli altri, che le pagine tradizioni danno loro un senso di insoddisfazione; - i blogger passano molto tempo ad aggiornare il proprio sito, sottraendolo ai media tradizionali, al tempo libero ed al sonno; - la cultura della rapidità nei messaggi, nelle risposte, nei commenti; - la necessità di un riconoscimento, per cui agli occhi di un estraneo possono apparire un po esibizionisti ( grandi egocentrici con molto tempo libero qualcuno li ha definiti). Altri punti da ponderare, potrebbero essere quelli che riassumono l atteggiamento di condivisione, proposto da Tim Sanders, già citato: 1) Costruirete un marchio fantastico. Diventare un guru di conoscenza, condividere la vostra rete ed essere un socio comprensivo, vi distinguerà dalla 20

21 massa. Sarete utili, considerati, speciali. 2) Creerete un esperienza. Il profitto non sarà tanto nelle vostre conoscenze, quanto nel padroneggiarle, destreggiandovi nel sovraccarico delle informazioni. Quando metterete a disposizione la conoscenza, le opportunità, l individualità, e la vostra intima personalità, non sarete solo un collega intelligente; sarete divertenti, interessanti e stimati. 3) Avrete l attenzione della gente. La più scarsa risorsa negli affari è l attenzione. Come convincerete la gente a prestare l'attenzione a ciò state dicendo o a darvi il parere di cui avete bisogno? Gente con marchi eccezionali e gente con cui sarete desiderosi di trattare vi rivolgerà un'attenzione intera. Ciò fornirà i risultati. 4) Sfrutterete il potere della presunzione positiva. Progredire significa cambiare. Uno degli ostacoli più grandi ai cambiamenti è nel conquistare la fiducia della gente. I colleghi hanno il potere della costruzione dei rapporti ad un livello profondo di fiducia. I vostri colleghi sentiranno che le vostre discussioni sono adeguate, che le vostre raccomandazioni sono solide e che i vostri riferimenti sono utili. Presumeranno che avete a cuore i loro interessi. Ed è un positivo risultato. 5) Riceverete un ritorno eccezionale. C è un ultima ragione per condividere le vostre conoscenze, imparerete se la vostra conoscenza ha valore. Se siete in grado di offrire la conoscenza alla gente, vi verranno date risposte utili in cambio. Vi diranno quali idee avranno funzionato e quali no. Vi diranno quali contatti saranno stati utili e quali invece superflui. Continueranno a comunicare con voi. E voi continuerete ad imparare da loro. Si formerà un circuito virtuoso. Qualcuno potrà giudicare tali affermazioni condizionate dall entusiasmo di appartenere ad una categoria ristretta, ed in effetti la discussione è aperta, per rendersene conto basta leggere anche solo i commenti al post di Loic Le Meur, tuttavia, mi è sembrato utile riportare questi elenchi, se non altro per offrire a chi non lo condivide, la possibilità di ribattere punto per punto, come è costume fra blogger. 21

22 Gli strumenti più formativi Piattaforme per chattare, piattaforme di educazione degli adulti e di educazione a distanza, ricerca di amici, telefonia via internet, applicativi per deporre-scambiare foto, audio, video, ed interazione fra pari, questi ed altri oggetti possono oggi confluire facilmente anche nel blog. Questi strumenti sono pensati per rendere Internet un luogo dove potersi incontrare e discutere liberalmente, condividendo pensieri, sentimenti, emozioni, riflessioni: questa esigenza viene raccolta dalla cosiddetta Internet Dopo il blog, il più rilevante oggetto sul quale soffermarsi è il wiki30, un sito particolarmente adatto alla redazione di documenti collaborativi o di progetti che implichino gruppi piuttosto affiatati. E su una piattaforma wiki che funziona un esperimento italiano, Porte Aperte sul Web31, che sfrutta ancora una volta anche altri strumenti collaborativi. Sentiamo la viva voce dei protagonisti a proposito dei punti forti del loro progetto, consistente nell ipotizzare un web più accessibile ed usabile: o il clima fortemente collaborativo tra i componenti del gruppo; o l utilizzo quotidiano della Mailing List: chi chiede aiuto riceve risposta in breve tempo; le domande spesso sono occasione di confronto e di crescita per i più, grazie anche alla presenza costante di esperti che offrono spontaneamente il loro supporto; o incontri non solo virtuali, ma anche in presenza in occasione di convegni che consolidano il rapporto tra i partecipanti e smussano attriti nati in ML; o sperimentazione di strumenti comunicativi innovativi Non a caso un commento nel blog Read/Write Web dello scorso giugno 2005, recitava: Always good to read how non techies are using Web 2.0: Teachers need to give Web 2.0 tools "to students and to members of our community, to stop speaking only to other teachers, to stop behaving as an expert class, and to find a way to have a stake in the interests and knowledge of the community 30 Cfr

DEFINIZIONE. Ogni aggiornamento è generalmente inserito in ordine cronologico inverso.

DEFINIZIONE. Ogni aggiornamento è generalmente inserito in ordine cronologico inverso. BLOG DEFINIZIONE In informatica, e più propriamente nel gergo di Internet, un blog è un sito internet, generalmente gestito da una persona o da una struttura, in cui l'autore scrive periodicamente come

Dettagli

Insegnare con il blog. Materiale tratto da:

Insegnare con il blog. Materiale tratto da: Insegnare con il blog Materiale tratto da: Weblog La parola "blog" nasce dalla contrazione del termine anglosassone "weblog" che, letteralmente, significa "traccia nella rete". Il blog infatti rappresenta

Dettagli

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki

L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche. Blog e wiki L istruzione degli utenti e la promozione dei servizi delle biblioteche Blog e wiki Biblioteca 2.0 la biblioteca sta cambiando l impatto del Web 2.0 (Open Acess, Wikis, Google book, blogosfera, Flickr,

Dettagli

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti

GIOVANNI CALABRESE. Sito E-learning Istituto Tridente. Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti GIOVANNI CALABRESE Sito E-learning Istituto Tridente Guida all utilizzo di Moodle per gli studenti Sommario 1. COS È MOODLE... 1 1.1 Requisiti necessari...1 1.2 Configurazione del browser...1 Impostazione

Dettagli

Temi avanzati SEMINARIO

Temi avanzati SEMINARIO Temi avanzati SEMINARIO WEB 2.0: Tecnologie ed opportunità per business Prof. Folgieri, Università dell Insubria aa 2009/2010 WEB 2.0 Un esempio di applicazione: trasformazione di un portale da web 1.0

Dettagli

Figura 1 - Schema di WEBQuest

Figura 1 - Schema di WEBQuest Un WebQuest, così come è definito nel sito webquest.org (una tra le risorse più complete nel Web sul modello di WebQuest) è "un'attività orientata all'indagine nella quale alcune o tutte le informazioni

Dettagli

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo

Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo CAPITOLO 1 Le marche su Internet: una conversazione che ha già luogo Le origini della conversazione Internet ha dato alle persone una possibilità tanto semplice quanto potente. Quella di farsi ascoltare.

Dettagli

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza.

Per questo motivo l'attività online è da considerarsi come parte imprescindibile di quella in presenza. CORSO DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i SocialMedia e gli Ambienti didattici 2.0 Ricordo a tutti quanti che le lezioni in presenza avranno un taglio teorico ma anche operativo dal momento che

Dettagli

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè

Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè Relazione finale del progetto Sito Alunni Segrè 1. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti Il progetto ha previsto la realizzazione da parte degli alunni dell

Dettagli

Introduzione a Wordpress. Corso completo alla conoscenza e all uso del CMS Open Source WP (incontro 1/6)

Introduzione a Wordpress. Corso completo alla conoscenza e all uso del CMS Open Source WP (incontro 1/6) Introduzione a Wordpress Corso completo alla conoscenza e all uso del CMS Open Source WP (incontro 1/6) Indice Rilevazione aspettative e competenze in ingresso Patto formativo Presentazione di WP Premesse

Dettagli

A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof.

A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof. A cura del Team scuola digitale del nostro Istituto (scuola media), Prof. Pino Lipari (animatore digitale), Prof.ssa Anna Pistone e Prof.ssa Gabriella Princiotta (componenti del Team) con la supervisione

Dettagli

Uso dei Blog Aulevirt e Polser per lo studio e il lavoro professionale

Uso dei Blog Aulevirt e Polser per lo studio e il lavoro professionale E stato chiesto da un partecipante al Laboratorio di dedicare uno spazio alle tecniche di creazione e uso dei Blog. Poiché il tema non fa parte esplicitamente parte del nostro percorso didattico ho pensato

Dettagli

Il tuo Blog in 5 mosse (o anche meno )

Il tuo Blog in 5 mosse (o anche meno ) Cos è un blog? E' uno spazio di interazione, un modo per stare (virtualmente) insieme agli altri e per esprimere liberamente la propria creatività, la propria opinione sui più svariati argomenti; è anche

Dettagli

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929

Professor Luca Piergiovanni luca.piergiovanni@libero.it 3387594929 CORSI DI FORMAZIONE Insegnare e apprendere con i Social Network e gli strumenti didattici 2.0 Ricordo ai corsisti questo fatto importante, ovvero che alle lezioni in presenza, le quali avranno un taglio

Dettagli

Glossario 117. Glossario

Glossario 117. Glossario Glossario 117 Glossario Account È lo spazio concesso su un sito a un utente, per accedere ad alcune funzioni. Al momento della registrazione occorre fornire un username e una password, che diventeranno

Dettagli

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento

Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Applicazione pedagogica degli ambienti di apprendimento Materiale pratico della durata di un ora circa Il nuovo ambiente di apprendimento rappresenterà un cambiamento pedagogico radicale o sarà soltanto

Dettagli

Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado, CTP-EdA

Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado, CTP-EdA IC OLGIATE COMASCO Scuola dell Infanzia, Scuola Primaria, Scuola Secondaria di primo grado, CTP-EdA Relazione strumentale: costruzione e gestione del sito web dell Istituto Comprensivo di Olgiate Comasco

Dettagli

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C.

Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Classe G6 Piero Pelosi Relazione finale Esperienza Didattica Avanzata II Anno Moodle in Classe M.I.C. Descrizione di contenuti, tempi, luoghi, fasi, modalità, strumenti e protagonisti http://moodlevarrone.netsons.org/moodle/

Dettagli

Comunicare la scuola sul web

Comunicare la scuola sul web AIART UCIIM 18 marzo 2009 comunicare rendere partecipi, entrare in relazione con gli altri scuola come istituzione, luogo di lavoro, attività di insegnamento, educazione e trasmissione dell insegnamento

Dettagli

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013

MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 MINI GUIDA PER NAVIGARE SICURI NEL WEB CLASSI 5 A 5 B SCUOLA PRIMARIA DI LIBANO ANNO SCOLASTICO 2012-2013 1 CHE COS È INTERNET? INTERNET (connessione di rete) E' la "rete delle reti" perché collega fra

Dettagli

Risorse per la didattica

Risorse per la didattica Risorse per la didattica Presentazione di cd-rom e ipertesti Spunti per la ricerca di materiali e documentazione in rete Amelia Goffi, Luca Gazzola - Febbraio 2008 CD-Rom e Ipertesti I cd-rom allegati

Dettagli

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015

Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato. Firenze, 4 maggio 2015 Come internet e i social media possono diventare strumento prezioso per le associazioni di volontariato Firenze, 4 maggio 2015 Un sito statico è un sito web che non permette l interazione con l utente,

Dettagli

Manuale Piattaforma Didattica

Manuale Piattaforma Didattica Manuale Piattaforma Didattica Ver. 1.2 Sommario Introduzione... 1 Accesso alla piattaforma... 1 Il profilo personale... 3 Struttura dei singoli insegnamenti... 4 I Forum... 5 I Messaggi... 7 I contenuti

Dettagli

Internet e Storia. Internet. INTERNET, uno strumento per la didattica della storia

Internet e Storia. Internet. INTERNET, uno strumento per la didattica della storia INTERNET, uno strumento per la didattica della storia Internet e Storia Internet Internet è come la più grande rete mondiale ed anche detta rete delle reti che collega centinaia di milioni di computer.

Dettagli

TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA

TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA TECNICHE MULTIMEDIALI PER LA DOCUMENTAZIONE E NARRAZIONE DEL PAESAGGIO. ALCUNE OPPORTUNITÀ DEL WEB. A cura di Roberta Di Fabio e Alessandra Carfagna roberta.difabio@hotmail.it alessandra.carfagna@email.it

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 2 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web LE BASI INDEX 3 7 13 16 Come creare e gestire con semplicità un sito web Le fasi da seguire per costruire

Dettagli

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE

QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE QUESTIONARIO RILEVAZIONE RAPPORTO DOCENTE DIGITALE Caro collega, grazie per la tua disponibilità. Compilando questo questionario, che richiederà solo 5 10 minuti, ci aiuterai a calibrare meglio la scelta

Dettagli

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 7. Lezione 3: Altri servizi in rete Netiquette. Anno 2011/2012 Syllabus 5.0

Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 7. Lezione 3: Altri servizi in rete Netiquette. Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 7 Lezione 3: Altri servizi in rete Netiquette Anno 2011/2012 Syllabus 5.0 Con RSS (Really Simple Syndacation) si intende un protocollo per la pubblicazione di

Dettagli

GUIDA PRATICA ALL UTILIZZO DI FACEBOOK

GUIDA PRATICA ALL UTILIZZO DI FACEBOOK GUIDA PRATICA ALL UTILIZZO DI FACEBOOK Chiara Corberi Fabio Magnano sommario 1. profilo privato vs profilo pubblico 2. il profilo privato 2.1. ottimizzare il tuo profilo privato 2.2. personalizza il tuo

Dettagli

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole

ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole ECDL Online Collaboration: il Web 2.0 consapevole Marina Cabrini Membro del gruppo di lavoro ECDL presso la ECDL Foundation Dublin mcabrini@sicef.ch l mondo dell informatica è in perenne movimento ed evoluzione,

Dettagli

HO UN ACCOUNT CON GOOGLE. COSA POSSO FARE?

HO UN ACCOUNT CON GOOGLE. COSA POSSO FARE? HO UN ACCOUNT CON GOOGLE. COSA POSSO FARE? (account=area privata di un sito web in cui sono a disposizione un insieme di funzionalità e di personalizzazioni) Google ti regala una casella di posta elettronica

Dettagli

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it

Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ci becchiamo su Facebook: social network ed educazione, si può fare? Elena Pacetti Università di Bologna elena.pacetti@unibo.it Ciascuno di noi ha oggi a disposizione uno spazio potenzialmente illimitato

Dettagli

NOVITA TECNOLOGICHE? TRANQUILLI C E!

NOVITA TECNOLOGICHE? TRANQUILLI C E! LA SI.RI.DA. GROUP CREA IL NUOVO BLOG SULL HI-TEC E LANCIA LA SFIDA AI RIVALI AL TOP NOVITA TECNOLOGICHE? TRANQUILLI C E! BLOGOSFERA Dal telefonino del futuro All ultimo arrivato in casa Apple, dall accessori

Dettagli

Scheda progetto. Titolo del progetto. Anno scolastico 2011/2012. Abstract Presentazione sintetica del progetto

Scheda progetto. Titolo del progetto. Anno scolastico 2011/2012. Abstract Presentazione sintetica del progetto Scheda progetto Titolo del progetto BLOG Siamo artisti o personaggi artistici? Anno scolastico 2011/2012 Abstract Presentazione sintetica del progetto Il progetto si propone di ampliare la conoscenza delle

Dettagli

Guida all uso di Innovatori PA

Guida all uso di Innovatori PA Guida all uso di Innovatori PA Innovatori PA La rete per l innovazione nella Pubblica Amministrazione Italiana Sommario Sommario... 2 Cos è una comunità di pratica... 3 Creazione della comunità... 3 Gestione

Dettagli

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG

Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Giacomo Bruno I 5 SEGRETI DEI BLOG Report tratto da: Fare Soldi Online con Blog e MiniSiti Puoi distribuire gratuitamente questo ebook a chiunque. Puoi inserire i tuoi link affiliato. I segreti dei Blog

Dettagli

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo)

11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) 11.3 Software didattico (scelta, uso, sviluppo) a cura di Enrico Giliberti, Università di Bologna Quando si parla di software didattico (cioè programmi che servono per facilitare il processo di insegnamento/apprendimento)

Dettagli

Guida di apprendimento degli studenti. Social Networking W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U 1

Guida di apprendimento degli studenti. Social Networking W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U 1 M I O PA S S AT O M I O P R E S E N T E W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U Guida di apprendimento degli studenti Social Networking W W W. M Y P A S T M Y P R E S E N T - I T. E U 1 2 M I O

Dettagli

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO

Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Diploma On Line secondo anno 2006/07 Relazione finale sul Progetto IL CORPO UMANO Corsista: Orazio Rapisarda classe C1 Il progetto scaturisce dall opportunità di lavorare con un gruppo di alunni che avevano

Dettagli

CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini. San Severino Marche

CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini. San Severino Marche CONCORSO MED COMPUTER s.r.l. I.T.I.S. E. Divini San Severino Marche Paciaroni Sara e Zega Michela - 1 - Titolo Some news in Med. Lasciatevi travolgere dalle nuove tecnologie. Abstract Oggi sono molte le

Dettagli

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD)

Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Sezione 1 di 10 Questionario per la rilevazione delle competenze digitali e i bisogni formativi dei docenti dell'istituto COMPRENSIVO DI TRASAGHIS (PNSD) Facciamo il punto della nostra situazione nell'ambito

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Il tuo podcast. Giuliano Gaia - Stefania Boiano

Il tuo podcast. Giuliano Gaia - Stefania Boiano Giuliano Gaia - Stefania Boiano Sommario 1. Che cos è il podcasting... 7 2. Trovare e ascoltare i podcast... 15 3. Creare il primo podcast... 33 4. Podcast di qualità... 65 5. Sperimentare... 99 6. Di

Dettagli

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09

Piattaforma e-learning Moodle. Manuale ad uso dello studente. Vers. 1 Luglio 09 Piattaforma e-learning Moodle Manuale ad uso dello studente Vers. 1 Luglio 09 Sommario 1. Introduzione...2 1.1 L ambiente...2 1.2 Requisiti di sistema...4 2. Come accedere alla piattaforma...4 2.1 Cosa

Dettagli

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO

LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A. S. 2013/14 ATTIVITA EXTRACURRICULARE LABORATORIO INFORMATICO/ PROGETTO GIORNALINO Denominazione del progetto/laboratorio A PORTATA DI MOUSE Responsabile di progetto Analisi

Dettagli

Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti

Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti Piattaforma e-learning Unifi Guida rapida per gli studenti Premessa: La piattaforma utilizzata per le attività a distanza è Moodle, un software per la gestione di corsi online. Dal punto di vista dello

Dettagli

Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro

Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro Un Blog chiuso come strumento di comunicazione interna in un gruppo di lavoro Paolo Ferrario Nelle organizzazioni di servizio si tengono con frequenza incontri di lavoro, seminari di formazione, riunioni

Dettagli

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile.

Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. di Pier Francesco Piccolomini 1 Che cos è, dove si trova, e a cosa serve Internet? Possono sembrare domande banali, ma a pensarci bene la risposta non è tanto facile. Oggi attraverso questa gigantesca

Dettagli

Minisiti: la promozione editoriale on line. Minisiti: il mini Web per le grandi Opere.

Minisiti: la promozione editoriale on line. Minisiti: il mini Web per le grandi Opere. Minisiti 1 Minisiti: la promozione editoriale on line. dudat presenta Minisiti, il sistema prodotto/servizio finalizzato alla promozione editoriale on line, già premiato dal fulminante successo del progetto

Dettagli

3.1 Questionario di autovalutazione per pianificare un applicazione web centrata sull utente

3.1 Questionario di autovalutazione per pianificare un applicazione web centrata sull utente 1. INFORMAZIONI GENERALI Che soggetto/progetto culturale sono? Archivio Biblioteca Museo Istituzione che gestisce il patrimonio diffuso sul territorio Istituzione per la gestione e la tutela Centro per

Dettagli

Guida Ariel Studenti

Guida Ariel Studenti TECNOLOGIE E LA DIDATTICA UNIVERSITARIA MULTIMEDIALE E A DISTANZA Guida Ariel Studenti La logica della piattaforma e i suoi strumenti Anno Accademico 2013/2014 CTU -CENTRO DI SERVIZIO PER LE Struttura

Dettagli

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google

Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Facoltà di Lettere e Filosofia Cdl in Scienze dell Educazione A.A. 2010/2011 Informatica (Laboratorio) Uso del browser, posta elettronica e motori di ricerca Gmail e Google Author Kristian Reale Rev. 2011

Dettagli

Comunicazione e Mass media

Comunicazione e Mass media Comunicazione e Mass media I mass-media La stampa Il cinema La radio La televisione Il telefono Il computer Le reti internet Comunicazione di massa Comprendono le istituzioni e le tecniche grazie alle

Dettagli

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning.

Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Manuale sintetico Moodle è un prodotto open source che realizza una piattaforma software di e-learning. Moodle fornisce un supporto all attività didattica attraverso una serie di strumenti molto ampia

Dettagli

GLI ADOLESCENTI NELLA RETE L uso di Internet, social network e new media

GLI ADOLESCENTI NELLA RETE L uso di Internet, social network e new media SCHEDA PROGETTO DI RICERCA-AZIONE (SPERIMENTAZIONE IN AULA) NOME E COGNOME DOCENTE: Vitaliano Pastori GLI ADOLESCENTI NELLA RETE L uso di Internet, social network e new media SCUOLA/ENTE/ORGANIZZAZIONE:

Dettagli

I Social media sono solo una moda. o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale?

I Social media sono solo una moda. o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale? I Social media sono solo una moda Anni per raggiungere 50 milioni di utenti 38 anni 13 anni 3 anni o l evento più importante dopo la Rivoluzione industriale? Le reti sociali Una delle ultime possibilità

Dettagli

Mariella Proietta. Introduzione

Mariella Proietta. Introduzione Mariella Proietta maripro@yahoo.it Joomla per una scuola secondaria superiore: una piattaforma per integrare l insegnamento della lingua straniera e migliorare la professionalità docente Introduzione L

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo

AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI. Paolo Rigo AGENDA DIGITALE E APPRENDIMENTI Paolo Rigo LA SCUOLA DIGITALE Il progetto di alfabetizzazione digitale della popolazione è ambizioso e la sua realizzazione non può che partire dalla scuola. Occorre potenziare

Dettagli

Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0

Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0 Come cambia l ufficio stampa nell era del web 2.0 Anna Maria Tononi Forum PA 2012 WEB 2.0: USER GENERATED CONTENT Chiunque può creare e distribuire contenuti o "viralizzare quelli di altri Cambia il paradigma

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Informazione ICT, prima di tutto Webnews è il giornale on line che racconta quotidianamente l attualità tecnologica. Originale. Credibile. Puntuale.

Dettagli

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso

FASE di PREVISIONE definire per sé obiettivi prossimali specifici, pianificare strategicamente il percorso FORMAT PROFILO DI COMPETENZA competenza chiave IMPARARE A IMPARARE Specifico formativo della competenza chiave Imparare a imparare designa la capacità di organizzare il proprio apprendimento mediante una

Dettagli

Anna Fata Psicologo Articolo scaricato da www.humantrainer.com IL MONDO DEI BLOG

Anna Fata Psicologo Articolo scaricato da www.humantrainer.com IL MONDO DEI BLOG Pag. 1 di 5 IL MONDO DEI BLOG INDICE: Premessa Internet e Weblog Regole e caratteristiche della blogosfera Conclusioni Bibliografia Sitografia Blog al top Populary index Premessa Da qualche tempo la mia

Dettagli

WEBBOOK MONDO DEL WEB TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL

WEBBOOK MONDO DEL WEB TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL WEBBOOK TUTTO QUELLO CHE UN BUON IMPRENDITORE DEVE SAPERE SUL MONDO DEL WEB Uno Smart Book per imprenditori che non hanno tempo da perdere e vogliono arrivare al sodo! PREMESSA Tutto sta cambiando nel

Dettagli

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE

GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE GUIDA DOCENTE PIATTAFORMA E-LEARNING MOODLE Università degli Studi di Bergamo Centro per le Tecnologie Didattiche e la Comunicazione GUIDA ANALITICA PER ARGOMENTI ACCESSO...2 RISORSE e ATTIVITA - Introduzione...5

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE EUROPA 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2. telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "EUROPA" 48018 FAENZA - Via degli Insorti, 2 telefono (0546) 28394 - fax (0546) 25816 http://www.iceuropa.it - e-mail: raic809002@istruzione.it PEC: raic809002@pec.istruzione.it

Dettagli

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE

IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE IL PROGETTO TUTORING : FARE SCUOLA TRA INTEGRAZIONE E ANTIDISPERSIONE Guiducci Martina, insegnante Scuola Secondaria di Primo Grado Giovanni XXIII, Castellarano (RE) Il Progetto Tutoring, attivo nella

Dettagli

Strumenti E learning. Presentazione tecnica

Strumenti E learning. Presentazione tecnica Strumenti E learning Presentazione tecnica Luglio 2008 Grazie all esperienza del proprio management e alla propria struttura tecnologica, InterAteneo è riuscito a creare un sistema di integrazione, tra

Dettagli

Buone prassi per l inclusione. Prof.Torretta Claudia

Buone prassi per l inclusione. Prof.Torretta Claudia Buone prassi per l inclusione Il progetto che verrà presentato riguarda un processo educativo che è stato realizzato nell a.s.2013-2014 con la classe I B di Maltignano. Esso è stato pensato all interno

Dettagli

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo

Metodologie Informatiche Applicate al Turismo Metodologie Informatiche Applicate al Turismo 13. Il Web 2.0 Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet

système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet système de publication pour l internet Sistema di pubblicazione per internet Non solo un CMS (Content Management System) Gestire i contenuti è un compito che molti software svolgono egregiamente. Gestire

Dettagli

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO

QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO QUATTRO BUONE PRATICHE PER L IMPLEMENTAZIONE DI UNA TECNOLOGIA PER LA DIDATTICA DI SUCCESSO Report globale e suggerimenti Gennaio 2013 Autore: Filigree Consulting Promosso da: SMART Technologies Executive

Dettagli

SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2

SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2 SISTEMA EDITORIALE WEBMAGAZINE V.2.2 1 - Il funzionamento di Web Magazine Web Magazine è un applicativo pensato appositamente per la pubblicazione online di un giornale, una rivista o un periodico. E'

Dettagli

Commercio elettronico e Web 2.0

Commercio elettronico e Web 2.0 Commercio elettronico e Web 2.0 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Caso di studio: Google Google è uno degli

Dettagli

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD

PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD PROFILO DELL ANIMATORE DEL PNSD FORMAZIONE INTERNA: stimolare la formazione interna alla scuola negli ambiti del PNSD, attraverso l organizzazione di laboratori formativi (senza essere necessariamente

Dettagli

Su Internet, oggi, se il vostro sito Web non è dotato di funzionalità ricche o contenuti. I sistemi CMS e un introduzione a Joomla! In questo capitolo

Su Internet, oggi, se il vostro sito Web non è dotato di funzionalità ricche o contenuti. I sistemi CMS e un introduzione a Joomla! In questo capitolo 1 I sistemi CMS e un introduzione a Joomla! In questo capitolo Su Internet, oggi, se il vostro sito Web non è dotato di funzionalità ricche o contenuti aggiornati, è svantaggiato. L idea di potenziare

Dettagli

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi www.aioroma.it Intervista a Maurizio Patitucci A cura di Michelangelo Marino Buongiorno Maurizio, sono ormai diversi anni che insieme

Dettagli

Vantaggi e svantaggi del lavoro online. Idee per un nuovo magazine online

Vantaggi e svantaggi del lavoro online. Idee per un nuovo magazine online Sommario Vantaggi e svantaggi del lavoro online Idee per un nuovo magazine online Il rapporto con la carta stampata Come aumentare il traffico: le strategie di pervasione nei social network, social bookmarking

Dettagli

PROGETTO FIGURE STRUMENTALI PER IL SITO WEB scolastico 2012-2013 Analisi dell esistente e prospettive del sito web di Istituto

PROGETTO FIGURE STRUMENTALI PER IL SITO WEB scolastico 2012-2013 Analisi dell esistente e prospettive del sito web di Istituto PROGETTO FIGURE STRUMENTALI PER IL SITO WEB scolastico 2012-2013 Analisi dell esistente e prospettive del sito web di Istituto AREA 1 - profilo 1 Comunicazione/ SITO WEB dell Istituto, gestire e coordinare

Dettagli

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI

Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Istituto Comprensivo di Chiari Classe 1 A Ragazzi nella Rete 1. ANALISI DEI BISOGNI Definizione del bisogno Parole chiave: Ragazzi nella rete Socialità cognitiva. Descrizione del bisogno: Condividere lo

Dettagli

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety

Manuale per l e-learning del Gruppo ECOSafety p1/21 Introduzione La piattaforma di e-learning è uno strumento didattico, con accesso ed utilizzo interamente web, che permette al docente in totale autonomia di pubblicare e rendere accessibile ai discenti

Dettagli

LAB. L osservatorio web users di SWG. Dai creators ai service users: i web clan. Che cosa fanno in rete gli italiani ESSERE NEL WEB

LAB. L osservatorio web users di SWG. Dai creators ai service users: i web clan. Che cosa fanno in rete gli italiani ESSERE NEL WEB IL TEMA DEL MESE GLI ITALIANI IN RETE ESSERE NEL WEB L osservatorio web users di SWG 2 Dai creators ai service users: i web clan 4 5 Che cosa fanno in rete gli italiani Tutti i diritti riservati. Creators:

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.)

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.) TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE (T.I.C.) PROGRAMMAZIONE INIZIALE ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 INSEGNANTE: Teresa Bruno CLASSE: 2 a sez. A Operatore Elettrico SETTORE: Industria e Artigianato

Dettagli

Guida all uso del portale dello studente

Guida all uso del portale dello studente Guida all uso del portale dello studente www.studente.unicas.it Versione 1.0 del 10/04/2010 Pagina 1 Sommario PREMESSA... 3 PROFILO... 7 AMICI... 9 POSTA... 10 IMPOSTAZIONI... 11 APPUNTI DI STUDIO... 12

Dettagli

PuntoEdu Indire: Formazione online Neoassunti 2008

PuntoEdu Indire: Formazione online Neoassunti 2008 PuntoEdu Indire: Formazione online Neoassunti 2008 PuntoEdu Formazione NeoAssunti 2008 è l ambiente di apprendimento per i docenti neoassunti nell anno scolastico 2007/08 con contratto a tempo indeterminato.

Dettagli

Nonni su Internet. VII edizione - a.s. 2008-2009. Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale. Responsabile

Nonni su Internet. VII edizione - a.s. 2008-2009. Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale. Responsabile VII edizione - a.s. 2008-2009 Progetto ideato e organizzato da Fondazione Mondo Digitale Responsabile Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro r.santoro@ mondodigitale.org Per aderire al progetto contattare:

Dettagli

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La Community MiBAC è un applicazione web che sostituirà l attuale rete intranet del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. 17-20 Maggio 2010 FORUM PA 2 ORIENTATI AL PERSONALE DEL MINISTERO AUMENTARE

Dettagli

Tariffario dettagliato per il web Redazione e architettura dell informazione

Tariffario dettagliato per il web Redazione e architettura dell informazione dr. Francesco Giannelli Tariffario dettagliato per il web Redazione e architettura dell informazione + 39 080 2146 216 t + 39 366 2674 675 m + 39 389 0564 076 m + 39 080 2140 256 f f.giannelli@itrade.it

Dettagli

Moodle al Formez, Imma Citarelli

Moodle al Formez, Imma Citarelli Moodle al Formez Dott.ssa Imma Citarelli Formez - Centro di Formazione e Studi Centro di competenza e-learning e Knowledge management Apprendimento autonomo Libri, riviste, convegni Risorse on line Il

Dettagli

Con molti di voi ci conosciamo già, soprattutto con quelli che negli ultimi anni hanno lavorato o studiato a Roma. Un caro saluto a tutti.

Con molti di voi ci conosciamo già, soprattutto con quelli che negli ultimi anni hanno lavorato o studiato a Roma. Un caro saluto a tutti. Buongiorno, mi presento, sono Filippo Del Grosso, e dal 1997 mi occupo insieme ai miei fratelli Massimiliano e Ivan, della consulenza informatica, dell assistenza tecnica hardware e software e dell amministrazione

Dettagli

Il documento di progetto dovrà prendere in considerazione gli aspetti seguenti:

Il documento di progetto dovrà prendere in considerazione gli aspetti seguenti: TRACCIA N 1 CORSO DI RECUPERO In qualità di esperti di didattica assistita dalle nuove tecnologie avete ricevuto l incarico di progettare la struttura didattica ed organizzativa dei corsi di recupero di

Dettagli

Wordpress corso base. Mario Marino Corso Base Wordpress

Wordpress corso base. Mario Marino Corso Base Wordpress Wordpress corso base Mario Marino Corso Base Wordpress introduzione Cosa sappiamo fare adesso e cosa vorremmo sapere fare alla fine del corso Parole chiave Sito / Blog Database CMS Client / Server Account

Dettagli

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP

EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP EPPELA CREDE NELLE PARTNERSHIP Per Eppela è importante promuovere la cultura del crowdfunding in Italia, inteso come nuovo strumento di raccolta fondi, alternativo al sistema bancario, oggi in forte crisi.

Dettagli

Welcome. log. di Gilda Gutierrez Zegarra

Welcome. log. di Gilda Gutierrez Zegarra Welcome To log di Gilda Gutierrez Zegarra Diario in rete In gergo internet un blog è un sito web generalmente gestito da una persona o da un ente, in cui l'autore (blogger o blogghista) pubblica più o

Dettagli

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD

Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Social Learning E.T.I.CA. PUBBLICA NEL SUD Indice: 1 Social Learning 2 Social Learning per E.T.I.CA. 3 RiusaLO 4 Percorsi integrati 5 Community 6 Best, la Banca dati delle Esperienze Trasferibili 7 Social

Dettagli

I Software di riferimento per stilare un E-Portfolio

I Software di riferimento per stilare un E-Portfolio I Software di riferimento per stilare un E-Portfolio Quali sono attualmente i Software online più utili per stilare un E-Portfolio? Ecco una lista di quelli gratis più diffusi! 1 Introduzione/Obiettivi

Dettagli

VIDEO CONFERENZE NETMEETING

VIDEO CONFERENZE NETMEETING VIDEO CONFERENZE Come prima cosa dobbiamo distinguere che esistono due grande categorie di "canali comunicativi: Non Real Time: che operano in modalità asincrona come la posta elettronica, il web, i newsgroup

Dettagli