Un altra buona annata della Cooperativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un altra buona annata della Cooperativa"

Transcript

1 Verde, come il progetto e la speranza per il futuro Bianco, come il foglio per tracciare le rotte e dare conto Rosso, come le buone passioni umane Un altra buona annata della Cooperativa

2 Indice 00. Scrivere e leggere del Bilancio. Perché? Pag Visione d insieme Pag Proposte di Deliberazione alla Assemblea Pag Ricavi Pag Costo del lavoro Pag Costi di produzione Pag Costi diretti Pag Costi finanziari e bancari Pag Costi generali e spese amministrative Pag Costi indiretti Pag Utile netto Pag Andamento delle aree, delle LdP e dei CdC Pag Andamento patrimoniale e finanziario di Koinè Pag.37 Livello di capitalizzazione Patrimonio Liquidità funzionale Debiti a medio lungo termine Impieghi bancari e di cassa Sofferenze Tavole riepilogative assett patrimoniale e finanziario Ratios di Bilancio congruenti con Basilea 2 Pag.43 Approfondimenti : 1. Un idea feconda Pag.46 Approfondimenti : 2. Piste per lo sviluppo Pag.47 Approfondimenti : 3. Lavoro, diritti e tutela dei redditi Pag.54 Approfondimenti : 4. Valutati dagli altri Pag. 59 2

3 00. Scrivere e leggere del Bilancio. Perché? Per 3 differenti ordini di motivi ha senso rappresentare in modo analitico l andamento economico della Cooperativa e, da parte dei soci e degli stakeholders esterni, sforzarsi di capire e conoscere : Per il fatto che l esame dell andamento economico ci permette di capire se disponiamo degli strumenti necessari a conseguire gli obiettivi ( di stabilità e crescita della occupazione, di crescita dei salari, di sviluppo delle attività, di sviluppo della qualità del lavoro etc etc ) che abbiamo assunto. Per il fatto che l impresa è dei soci, in misura uguale ; Per il fatto che l andamento economico della cooperativa e, quindi, la sua capacità di perseguire gli obiettivi che ha assunto, sono condizionati dai comportamenti dei portatori di interesse e, in particolar modo, degli Enti Locali. Il presente documento, come quelli prodotti in tutti gli anni precedenti, è stato elaborato per permettere ai soci ed ai portatori di interesse esterni di capire l andamento economico e le relazioni tra i diversi fattori della gestione della cooperativa nel corso del Come sempre, ci si è sforzati di utilizzare un linguaggio semplice (ed il meno possibile tecnico ) con l obiettivo di rendere comprensibile la complessità senza banalizzarla. Fateci sapere se ci siamo riusciti. 3 Relazione sulla gestione 2009 Prima parte

4 0. Visione d insieme del 2010: Prosegue il processo di rafforzamento Nonostante alcuni fattori di criticità molto pesanti presenti nello scenario esterno l esercizio 2010 chiude con un risultato operativo più che soddisfacente. Come mostra la tavola proposta di seguito, che sintetizza graficamente i principali indici della gestione, l esercizio si chiude con un risultato operativo prima del ristorno, dei dividenti e della tassa fondo mutualità ( 3%) pari al 4,03% e, in valore, a ,52, come mostra la tavola che segue : Ricavi dell'esercizio Totali ,46 Costo del Lavoro ,08 Costi di Produzione ,51 Costi finanziari ,79 Spese generali ,56 Risultato Operativo ,52 4,03% Tale risultato operativo, sensibilmente migliore rispetto a quello del 2008 (3,62 %) ma altrettanto marcatamente peggiore di quello dell esercizio precedente ( nel 2009 il risultato operativo aveva sfiorato la soglia del 5,85% dei ricavi ), consegue per un verso alla generatività dei servizi, per altro verso alla capacità di contenere i costi indiretti ( finanziari e generali ) molto al di sotto dei livelli medi della concorrenza e, infine, per quanto riguarda la comparazione con il 2009, al venire meno di ricavi straordinari, legati agli arretrati connessi al rinnuovo del CCNL ed al finanziamento ECRF, che avevano significativamente inciso nel raggiungimento di un risultato eccellente. Se si osserva la tavola che segue, che correla i dati principali 2009 e 2010, si può constatare come, il risultato operativo sia fortemente condizionato dalla esistenza di ricavi straordinari e dalle stesse modalità con cui essi vengono iscritti : su 2009 Ricavi da ECRF , ,00 Ricavi da arretrato Usl , ,17 Ricavi da RT Girasole , , ,00 Ricavi totali , , ,52 Ricavi senza introiti straordinari , , ,69 Costo del lavoro , , ,98 Costi di produzione , , ,35 Costi generali , , ,23 Costi finanziari , , ,11 Utile Lordo PdM , , ,69 Utile lordo PdM senza int straordinari , , ,48 4

5 La tavola fa rilevare che, per quanto attiene la gestione caratteristica il risultato del 2010 è sensibilmente migliore di quello del 2009, il cui esito ( positivo ) fu significativamente condizionato dall accordo con Usl 8 per il riconoscimento degli arretrati e l adeguamento ai nuovi tabellari dal e dal finanziamento ECRF per l avviamento della Casa di Michele ( ). Il risultato conseguito nel 2010 è tanto più apprezzabile ove si consideri : 1. Che si è confermata la tendenza dei committenti a dilatare ulteriormente i tempi di pagamento delle fatture, con una situazione paradossale che ci vede (nostro malgrado ) chiamati ad esercitare la funzione di finanziatori della finanza locale ; 2. Che lo sviluppo di alcuni servizi innovativi e a mercato,come era prevedibile che fosse, ha generato perdite ; 3. Che in conseguenza della entrata in vigore dal 2007 della normativa sulla previdenza integrativa, si è avuta una ulteriore riduzione della liquidità impiegabile per le attività aziendali di oltre annuali, con una somma globale uscita dal flusso di cassa al superiore ai , il che, fatalmente, ha ridotto la possibilità di incamerare interessi dagli impieghi bancari ; 4. Che nell esercizio hanno avuto luogo alcune iniziative per il quindicennale della Cooperativa che hanno determinato spese promozionali rilevanti ( oltre ) ; 5. Che l ulteriore finanziamento erogatoci da ECRF per Casa di Michele ( ) non è stato iscritto a bilancio essendo pervenuta la comunicazione a febbraio 2011 e si ritroverà, dunque, nel prossimo esercizio Proposte di Deliberazione alla Assemblea I risultati prodotti permettono di confermare, anche per l esercizio 2010, le scelte di erogare ai soci sia la remunerazione e la rivalutazione del capitale sociale versato sui livelli massimi ammessi dalla Legge sia il ristorno, su un valore medio per ora lavorata di. 0,38, in funzione del proteggere, il più possibile, il potere di acquisto delle retribuzioni e dei salari. In particolare, le Deliberazioni che si propongono alla Assemblea e che i soci sono invitati ad approvare sono sinteticamente rappresentabili in : 1. la corresponsione ai soci di un ristorno orario uguale per tutti pari a. 0,38 per ogni ora lavorata nel 2010 oltre ad un ristorno per livello e qualifica da 1 ( A1) a 10 ( F2 ), con un costo complessivo previsto in ,08 circa assunto anche come

6 salario aziendale di II livello, riconoscimento ai soci degli incrementi di produttività e anticipo sui futuri benefici connessi al rinnuovo del CCNL; 2. Il versamento al Fondo di mutualità cooperativa ( Legge 59 ) di una quota pari al 3% dell effettivo utile di gestione, pari a ,00; 3. la remunerazione e la rivalutazione gratuita del capitale sociale effettivamente versato dai soci ai massimi livelli possibili, ovverosia rispettivamente al 7,5% (remunerazione) ed allo 0,7 % (rivalutazione gratuita ), con un costo complessivo di ,93; 4. aumento del capitale sociale da versare in ragione del valore della rivalutazione gratuita del versato, ovverosia per lo 0,9% che porta il valore del capitale sociale da versare ad ,00 con effetto per tutti i soci che diverranno tali dopo la Deliberazione assembleare e per quanti, pur essendo già soci, non hanno ancora versato l intero capitale sociale; 5. l accantonamento ai fondi di Legge ( riserva legale e straordinaria ) dell utile netto dopo la erogazione dei dividendi e delle tasse ( Fondo Legge ) per un importo complessivo pari ad ,90 ; 6 Vediamo, in dettaglio, i contenuti delle Deliberazioni connesse alla approvazione del Bilancio che si propongono alla Assemblea Generale dei Soci : 1.1.Erogazione ai soci di un ristorno lordo di.0,38 orari sulle ore lavorate nel 2010 La prima Deliberazione proposta alla assemblea è quella di erogare ai soci in forza al 30 maggio 2011, un ristorno orario lordo uguale per tutti di. 0,38 orari da rapportare alle ore effettivamente lavorate da ciascuno nel corso dell anno La misura del ristorno ipotizzata è in linea con quella erogata nel 2010 ( con riferimento all esercizio 2009 ) ed è, come sempre, finalizzata a valorizzare l apporto dei soci. La scelta di assicurare un ristorno uguale per tutti per ora lavorata è coerente con quanto si è sempre fatto e con l idea che in termini di assunzione di rischi e di godimento dei benefici tutti i soci ( a prescindere dalla mansione e dai livelli ) sono e debbono essere uguali. Per altro, conseguendo alle indicazioni di Legacoop già applicate dal 2007, al ristorno uguale per tutti da rapportare alle ore lavorate verrà sommata una cifra

7 fissa variabile compresa tra 1 euro e 10 euro annuali complessivi a seconda del livello. La deliberazione predetta produce per la cooperativa un costo aggiuntivo di oltre e per i soci gli effetti esposti nella tabella proposta a seguire : Ristorno per ora lavorata 0,38 Ore prodotte dai soci Valore spesa Esempio ristorno Ore lavorate nell'anno 1.595,00 Ristorno lordo O 0,38 Ristorno lordo annuo 606,10 Il ristorno verrà erogato, dopo la delibera di assemblea, in due tranche di uguale importo con le retribuzioni dei mesi di giugno e di luglio a tutti i soci in forza al Vale annotare che l entità del ristorno corrisponde al 2,90% della massa costo del lavoro soci del 2010 ed è quindi ben più consistente della inflazione rilevata dall indice Istat Foi a fine anno ( 1,9%) : ciò significa che la cooperativa riesce a salvaguardare ed estendere il potere di acquisto della retribuzione dei soci, applicando concretamente e correttamente il principio di mutualità interna. 1.2.Remunerazione rivalutazione del capitale sociale versato Ai sensi del D.M. 6 ottobre 2004 del Ministro dell'economia e delle finanze, la Cassa depositi e prestiti, ha reso noto, l emissione di una nuova serie di buoni fruttiferi postali, indicando anche il tasso massimo da corrispondere sui prestiti sociali e la misura massima dei dividendi da calcolare sulle quote sociali effettivamente versate, a partire dal 1 aprile Detto indice massimo, calcolato al è pari al 7,5% ( 5,5 + 2 ). Per quanto concerne invece la rivalutazione gratuita, l indice massimo applicabile è quello dello 0,7 %, pari all indice Istat sull aumento dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati 2010 su Applicando detti parametri al quadro del capitale sociale effettivamente versato dai soci al , si ha : 7 Rivalutazione Indice di Legge 0,70% Capitale sociale Versato ,73 Valore spesa Riv.ne 4.717,28 Remunerazione Indice di Legge 7,50% Capitale sociale V ,73 Valore spesa Riv.ne ,25 Totale riv + rem ,53

8 Dalla deliberazione predetta, che restituisce un interesse lordo dell 8,20 % al capitale investito nella cooperativa, deriveranno ai soci benefici di entità variabile, direttamente conseguenti alla entità del capitale sociale effettivamente versato. REMUNER RIVALUT TOTALE Capitale sociale versato 2.418,15 Indice di remuner / rivalutaz 5,50% 0,70% 6,20% Maggiorazione di Legge 2,00% - 2,00% Indice di remunerazione 7,50% 0,70% 8,20% Ricavo lordo per il socio 181,36 16,93 198,29 REMUNER RIVALUT TOTALE Capitale sociale versato 2.418, , ,15 Indice di remuner / rivalut 5,50% 0,70% 6,20% Maggiorazione di Legge 2,00% - 2,00% Indice di remunerazione 7,50% 0,70% 8,20% Ricavo lordo per il socio 181,36 16,81 198,17 Tasse sulla remunerazione 12,50% 0,00% Valori totali netti ai soci 158,69 16,81 175,50 Come mostra la precedente tabella esempio, per il socio che avesse versato l intero capitale sociale, il beneficio al netto delle tasse sommerà ad.158,69. La remunerazione del capitale sociale effettivamente versato verrà erogata, in una unica soluzione, al netto delle tasse, con la retribuzione del mese di giugno La rivalutazione gratuita, invece, come è noto, viene erogata ai soci dopo la approvazione del bilancio successivo a quello dell anno di uscita dalla cooperativa, con tutto il capitale sociale effettivamente versato da ciascuno Aumento del capitale sociale da sottoscrivere e versare Questa misura è una diretta conseguenza del principio di uguaglianza dei rischi tra soci che la cooperativa ha assunto e della rivalutazione gratuita del capitale sociale effettivamente versato. In buona sostanza, poiché la rivalutazione gratuita resta a disposizione della cooperativa come capitale di rischio sino alla uscita del socio, se non si rivalutasse anche il valore del capitale da sottoscrivere e versare si avrebbe che chi è socio da molti anni ha un rischio maggiore dei soci con minore anzianità di cooperativa. Nel primo caso, infatti, al valore iniziale si verrebbero a sommare i valori delle rivalutazione gratuite mentre nel caso del socio nuovo o recente il rischio si limiterebbe al valore iniziale. La misura proposta porta il valore del capitale sociale da versare ad ,00 con effetto per tutti i soci che diverranno tali dopo la Deliberazione assembleare e per quanti, pur essendo già soci, non hanno ancora versato l intero capitale sociale.

9 Vale annotare che dall anno 2002, quando fu deliberato dalla Assemblea generale dei soci l aumento del capitale sociale a.2000, si è avuto un incremento gratuito del valore di 440,00, pari al 22% in 9 anni, con un incremento medio annuo del 2,44%. La figura che segue mostra le dinamiche annuali del capitale sociale : Evoluzione del Capitale Sociale 2.000, , , , , , , , , ,00 9 Cs 2001 riv 2002 riv 2003 riv 2004 riv 2005 riv 2006 riv 2007 riv 2008 riv 2009 riv 2010 Serie Benefici per i soci conseguenti alle Deliberazioni 1 e 2 In conseguenza della approvazione delle Deliberazioni 1 e 2 deriverà ai soci un beneficio economico lordo medio di. 804,27 come si può evincere dalla tabella proposta di seguito che è riferita al caso medio di un socio che abbia versato l intero valore del capitale sociale e lavorato, nell anno 2010, ore : Remunerazione CS versato 181,36 Ristorno 606,10 Rivalutazione CS versato 16,81 804,27 Tenendo conto delle difficoltà generali del momento, che segnalano una gravissima difficoltà occupazionale ed una altrettanto marcata difficoltà a preservare il potere di acquisto di salari e stipendi, pensiamo che quanto esposto debba essere considerato in tutto il suo significato e tutt altro che scontato. In particolare, ci preme sottolineare il fatto che i benefici economici di cui si è detto si determinano pur in costanza di un impegno generalizzato della cooperativa ad elevare le tutele per i propri soci andando anche oltre le previsioni contrattuali.

10 L auspicio, in questo senso, è di poter continuare su questa strada anche negli anni a venire, nonostante i tanti problemi cui, purtroppo, si è chiamati a far fronte. Ci fa piacere sottolineare un dato peraltro evidente - e cioè che, nel nostro caso, nel caso specifico di Koiné, l essere socio determina precisi vantaggi di carattere economico. Come tutti sanno, in genere, non è così ed è per questo che vale evidenziare nella tavola proposta a seguire che le misure proposte nelle deliberazioni 1 e 2 danno luogo ad una spesa complessiva di oltre ( maggiore di quella del 2009 per oltre ) come mostra la tavola che segue : Indici misure sociali Bilancio A Ristorno Valore O 0,40 0,38 Ore prodotte dai soci , ,00 Valore spesa , ,08 B Rivalutazione Indice di Legge 0,70% 0,70% Capitale sociale V , ,73 Valore spesa Riv.ne 4.259, ,28 C Remunerazione Indice di Legge 6,50% 7,50% Capitale sociale V , ,73 Valore spesa Riv.ne , ,25 B+C Totale riv + rem , ,53 10 A+B+C Totale distribuito ai soci ( A+B+C) , ,89 Dall esercizio 1997, la cooperativa ha erogato ai soci ristorni e incentivi sul capitale sociale versato superiori ai 2,3 milioni di, con un beneficio medio annuale di oltre 614 medi per socio. Si osservi la tavola proposta di seguito :

11 Ristorni ed incentivi distribuiti ai soci mediante attribuzione di parte dell utile della Cooperativa Ristorno annuale Rivalut - Remuneraz Totale Soci Val Medio , ,30 187,00 140, , ,75 199,00 504, , , ,37 204,00 644, , , ,10 212,00 761, , , ,19 216,00 652, , , ,23 226,00 651, , , ,85 240,00 729, , , ,27 285,00 433, , , ,62 260,00 480, , , ,65 301,00 568, , , ,55 336,00 956, , , ,28 329,00 578, , , ,38 370,00 667, , , ,61 390,00 656,95 Totale , , ,15 268,21 601,84 11

12 1.5.Destinazione utile ai Fondi di Legge ( legale e straordinaria ) Dopo la deliberazione della erogazione del ristorno, il versamento della tassa del 3% al Fondo Mutualistico per lo sviluppo cooperativo, pari ad ,00, la erogazione di remunerazione e rivalutazione del capitale sociale versato, si propone di destinare l utile netto residuo, pari ad ai fondi di Legge ovverosia al fondo di riserva legale ed al fondo di riserva straordinaria. Per concludere questo esame preliminare e schematico del Bilancio 2010, proponiamo, nella tavola seguente, i principali indici di bilancio per l esercizio così come verrebbero a modificarsi a seguito delle Deliberazioni assembleari proposte : Indici di Bilancio 2010 dopo le Deliberazioni Assembleari Ricavi dell'esercizio ,46 Costo del Lavoro ,08 Costi di Produzione ,51 Costi finanziari ,79 Spese generali ,56 Risult Operativo prima del ristorno ,52 Perdite su crediti - Ristorno ,08 Utile Lordo ,44 Fondo Mutualità L ,00 Utile dopo Tasse ,44 Remun + Rivalut ,53 Utile Netto ,90 Utile ai Fondi di Legge ,90 Fondo ris Legale ,97 Fondo Ris Straordinaria ,93 Utile netto 2,07% 12 La destinazione dell utile residuo ai fondi di Legge ( il 51% dell utile prodotto sta in cooperativa, il 49% va ai soci ) permette di dare ulteriore corpo alle azioni per il rafforzamento di Koiné e quindi di guardare alle sfide ( per certi, versi, come vedremo, terribili ) degli anni a venire con determinazione e maggiori mezzi. Per approfondire, vai alle note di approfondimento : 1.Un idea feconda

13 2.Ricavi Nel 2010 la cooperativa ha consolidato il suo percorso di sviluppo ragionato, facendo registrare un incremento del fatturato superiore al 2,47% sull anno precedente (in valori l aumento è pari a oltre ) come mostra la tavola proposta di seguito : TAVOLA N. 1 - SCOMPOSIZIONE RICAVI PER LdP Ldp Valore 2010 Valore 2009 Valore 2008 Rsa , , ,30 Servizi territoriali , , ,67 Handicap , , ,24 Psichiatria , , ,40 Infanzia , , ,89 CdC Ufficio , , ,36 Minori , , ,07 Totale , , ,93 In realtà, come si è già fatto osservare in precedenza a proposito dell utile ( cfr. tavola in pagina 1 ), il risultato 2009 è stato condizionato da rilevanti proventi straordinari che, nel 2010 sono stati sostituiti da ricavi strutturati da servizi. Al netto di questi proventi straordinari, tra il 2009 ed il 2010 il fatturato è cresciuto di oltre , cioè di un valore superiore al 5,7%. Fatturato nel triennio Valore 2010 Valore 2009 Valore , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,07 Rsa Servizi territoriali Handicap Psichiatria Infanzia CdC Ufficio Minori Totale

14 Come si può constatare, l incremento dei volumi di attività è particolarmente marcato nel settore infanzia dove continua il processo di consolidamento e sviluppo ed è invece fisiologico nelle altre linee di prodotto. Peraltro, occorre segnalare il notevole decremento dei ricavi della Ldp Ufficio, che consegue alla drastica riduzione dei bandi e delle opportunità e, per altro verso, alla scelta di imputare al Bilancio 2011 i proventi del finanziamento ECRF per la Casa di Michele. Apporti LdP al fatturato nel triennio Minori 1,16% 1,44% 1,59% CdC Ufficio 4,07% 4,54% 0,84% Infanzia 32,05% 33,91% 34,13% Psichiatria 5,54% 5,16% 5,15% Handicap 6,90% 6,12% 6,59% Servizi territoriali 6,71% 5,97% 7,81% Rsa 43,57% 42,86% 43,89% Osservando il trend dei ricavi per linea di prodotto nel triennio 2008/2010, si può osservare che Koiné si consolida come realtà produttiva di medio grandi dimensioni, raggiungendo, in media, un volume annuo di fatturato superiore agli 12,8 milioni di e, in alcuni ambiti, come l infanzia, volumi di primaria grandezza sulla scala regionale e tra i più importanti anche a livello nazionale. In senso generale, peraltro, il quadro della evoluzione del fatturato nella serie storica, mostra la attenzione della cooperativa ad una crescita ragionata e sostenibile ma significativa :

15 ANNO VALORE VARIAZIONE ,88 100, ,01 132, ,16 140, ,27 154, ,71 175, ,33 196, ,05 225, ,76 213, ,15 219, ,74 247, ,43 305, ,16 317, ,65 366, ,86 403, ,93 441, ,94 508, ,46 520,00 15 Il dato della crescita e della consistenza acquisita è maggiormente apprezzabile ove si consideri che la cooperativa ha continuato a mantenere fede al suo impegno di non agire da appaltificio, limitando la sua attività agli ambiti territoriali ove ha effettivamente radicamento sociale e rinunciando a logiche di mera espansione quantitativa. Come mostra la tavola seguente, pur in costanza della attivazione del

16 Nido di Roma ( che ha assunto un certo rilievo ) l insediamento territoriale di Koiné resta essenzialmente limitato alla Provincia di Arezzo e a due aree zonali ad essa limitrofe : il fatturato prodotto nelle zone dell aretino ( valdarno,43%; aretina 30%; valdichiana 14%; casentino 4%) supera il 91% mentre solo il residuo 9% è prodotto fuori dai contesti d origine ( roma 4%) e in ambiti di tradizionale presenza ( valdichiana senese 4%; valdarno fiorentino 2%). Per quanto concerne la composizione dei ricavi per fonte di provenienza, si conferma la assoluta preponderanza dei ricavi da commessa pubblica ( che si attestano attorno all 8% ) ma è evidente la tendenza all aumento dei ricavi da servizi in tutto a mercato ( 12 % ) e ciò palesa che le spinte della politica alla mercatizzazione dei servizi sociali, che da tempo paventiamo come rischio per il sistema di welfare italiano e, in particolare, le fasce più deboli, stanno producendo effetti anche in noi : l esame dell andamento dei centri di costo, che si propone in calce a questa relazione sulla gestione, pone in evidenza che la mercatizzazione è tutt altro che semplice per la cooperativa ( posto che la domanda, in grandissima parte, non è in grado di sostenere il costo pieno dei servizi ) e pone problemi di coerenza e di visione generale del nostro ruolo. Per finire, vale, in breve, dare conto della consistenza acquisita dal sistema Koiné, cioè dall insieme di soggetti della economia solidale che Koiné ha fatto nascere e che sostiene : complessivamente, come si può osservare dalla figura seguente, il volume complessivo dei ricavi supera i 16,7 milioni di annui (+ 22% dal 2008), che fanno della nostra cooperativa una delle realtà economiche ed occupazionali più importanti del territorio provinciale : Koiné , , ,93 Beta , , ,99 Electra , , ,91 La Valle , , ,12 Educatori Familiari 2.041,80 473, ,92 Controluce 1.128, , ,83 Isola che non c'è , , ,01 " Sistema Koiné " , , ,71 16 Per approfondire, vai alle note di approfondimento : 2.Piste di sviluppo

17 3. Costo del lavoro Nel corso dell esercizio 2010, il costo del lavoro ha subito un aumento consistente e prossimo al 5,1% mentre, dal 2008, l incremento è superiore al 21%, come evidenzia la tavola proposta a seguire : Media Salari e stipendi , , , ,82 Collaborazioni , , , ,78 Oneri Prev.li , , , ,03 Irap , , , ,67 Totale , , , ,29 Come si può osservare dalla figura che segue, nel corso del triennio l incidenza sul totale del costo del lavoro ha subito un incremento molto rilevante, arrivando in somma a raggiungere e superare la soglia dell 83% : 84,00% Incidenza % costo lavoro sui ricavi 83,50% 83,00% 82,50% 83,40% 17 82,00% 81,99% 81,50% 81,00% 80,50% 81,37% 81,21% 80,00% Media Tale aumento ben più consistente dell inflazione - è riconducibile in congrua parte all incremento del costo degli oneri contributivi ( + 46% sul 2008 ) connesso all uscita anticipata dal regime di salario convenzionale, ma è significativo anche l incremento del monte salari e stipendi ( + 16,3 % dal 2008), che è determinato essenzialmente dalla applicazione del nuovo CCNL e dalle misure aziendali di erogazione del ristorno ed è affatto irrilevante anche l aumento dell IRAP ( + 13,6%). Il ristorno, come si è visto nel capitolo introduttivo, determina per la cooperativa un costo lordo di oltre e copre il 37% dell utile lordo prima delle tasse; anche per il 2010, dunque, si conferma una scelta che caratterizza Koiné rispetto ad altre ics, quella di valorizzare la condizione dei soci e di collegare strettamente il raggiungimento degli obiettivi di produttività e di redditività della gestione con il miglioramento delle condizioni retributive dei soci.

18 La figura che segue mostra la serie storica di utili, ristorni e rivalutazione e vale notare che l ultimo indice è stabilito( nelle misure massime ) dalla Legge : ,00 Utili accantonati, ristorni, dividendi , , , , , , , , , , , , UTILE ACCANTONATO RISTORNO DIVIDENDI C.S. 18 Come evidenzia la figura, in Koiné la ricaduta degli aumenti di produttività e redditività della azienda determina benefici diretti e certi per i soci nella dimensione retributiva ed in quella dell incremento miglioramento delle condizioni di lavoro, creando coesione e senso di appartenenza come testimoniano i dati sulla continua crescita dei soci ed il bassissimo tourn over in uscita ( cfr. seconda parte della relazione ). Tornando a considerazioni di ordine specifico, si reputa utile far rilevare tre ulteriori fatti. Il primo, inerente la riduzione complessiva della spesa per contratti atipici, che sul totale del costo del lavoro dà luogo ad una riduzione dell 0,8%, come mostra la tabella seguente : Media Costo lavoro , , , ,29 Costo Atipici , , , ,78 Inc % 4,47% 5,33% 4,70% 4,84% Il secondo, inerente l IRAP, che si conferma assai pesante e tale da mangiare una grande parte del risultato operativo lordo della gestione. Come evidenzia la tabella che segue, tra il 2010 ed il 2008 la spesa per Irap è aumentata di oltre 13,6 punti percentuali ed è giunta a superare i annui : Irap , , ,00

19 Ora, è utile soffermarsi in breve sul tema, noi ribadiamo con forza la convinzione che gli utili di impresa debbano essere tassati ma opiniamo, nel merito, su una tassa che mortifica le imprese che creano lavoro regolare e tipico e che, nel sommarsi alla normativa sulla previdenza integrativa, che come vedremo sottrae ingentissime quote di liquidità alle imprese > 50 dipendenti, rischia di spingere l economia nella direzione opposta a quella che sarebbe utile percorrere, l impegno per creare occupazione tipica e per incrementare le dimensioni delle aziende in modo da renderle più solide, più competitive e più capaci di valorizzare il capitale umano. Ciò che colpisce, in negativo, e che ciò accade per una regola sbagliatissima senza considerare che queste risorse vengono sottratte al miglioramento delle condizioni di lavoro dei soci ed a investimenti per lo sviluppo della rete dei servizi sociali locali, come evidenzia la figura che segue : Dove va l'utile lordo generato dalla gestione? Fondi di Legge aziendali 36% Irap 31% 19 Ristorno soci 25% Dividendi soci 7% Tassa L.59 1% Per approfondire, vai alle note di approfondimento : 3. Lavoro e lavoro Al netto della considerazione della vastità del fenomeno criminale della evasione fiscale, merita riflettere sull iniquità dell ordinamento fiscale italiano che prevede, per la rendita finanziaria, una aliquota fissa del 12%, privilegiando la speculazione rispetto allo sforzo di creare impresa e lavoro e misconoscendo qualsiasi peculiare riconoscimento alle imprese cooperative sociali, che creano servizi di interesse generale.

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

riduzioni di disagio L Associazione

riduzioni di disagio L Associazione ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LAA PREVIDENZA E ASSISTENZAA COMPLEMENTARE Studio per un PROGETTO di WELFARE integrato - Primi risultati Ipotesi di intervento tramite un fondoo pensione per fronteggiare eventuali

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Copertura delle perdite

Copertura delle perdite Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 107 09.04.2014 Copertura delle perdite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Le assemblee delle società di capitali che, nelle

Dettagli

LA PENSIONE DI VECCHIAIA

LA PENSIONE DI VECCHIAIA Le pensioni di vecchiaia e di invalidità specifica per i lavoratori dello spettacolo (Categorie elencate nei numeri da 1 a 14 dell art. 3 del Dlgs CPS n.708/1947) Questa scheda vuole essere un primo contributo

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

Analisi di Bilancio per indici

Analisi di Bilancio per indici Analisi di Bilancio per indici L analisi di bilancio è una attività complessa svolta con utilizzazione di tecniche prevalentemente quantitative di elaborazione dei dati, con cui si effettuano indagini

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina

Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica L origine della norma e l evoluzione della disciplina APPROCCIO PER COMPONENTI E SEPARAZIONE TERRENO- FABBRICATI NEI BILANCI REDATTI CON LE NORME CODICISTICHE ALLA LUCE DEI NUOVI PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI di Matteo Pozzoli Inquadramento della problematica

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE

IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE IL SISTEMA TRIBUTARIO INTRODUZIONE Sistema tributario Insieme di tributi intesi come prestazioni di denaro obbligatorie (art. 53 Costituzione) L obbligatorietà vs. la contribuzione volontaria dovrebbe

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE)

QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) QUESITI BANDO RISERVATO ALLE P.M.I. TEMATICA 2 (SECONDA TORNATA DI INVIO DI DOMANDE E RISPOSTE) Sono pervenuti in merito al Bando riservato alle P.M.I. pubblicato sul sito dell ASI in data 11 agosto 2010

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari

Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari Circ.-CFB 98/2 Commerciante di valori mobiliari Pagina 1 Circolare della Commissione federale delle banche: Precisazioni sulla nozione di commerciante di valori mobiliari (Commerciante di valori mobiliari)

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli