Un altra buona annata della Cooperativa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Un altra buona annata della Cooperativa"

Transcript

1 Verde, come il progetto e la speranza per il futuro Bianco, come il foglio per tracciare le rotte e dare conto Rosso, come le buone passioni umane Un altra buona annata della Cooperativa

2 Indice 00. Scrivere e leggere del Bilancio. Perché? Pag Visione d insieme Pag Proposte di Deliberazione alla Assemblea Pag Ricavi Pag Costo del lavoro Pag Costi di produzione Pag Costi diretti Pag Costi finanziari e bancari Pag Costi generali e spese amministrative Pag Costi indiretti Pag Utile netto Pag Andamento delle aree, delle LdP e dei CdC Pag Andamento patrimoniale e finanziario di Koinè Pag.37 Livello di capitalizzazione Patrimonio Liquidità funzionale Debiti a medio lungo termine Impieghi bancari e di cassa Sofferenze Tavole riepilogative assett patrimoniale e finanziario Ratios di Bilancio congruenti con Basilea 2 Pag.43 Approfondimenti : 1. Un idea feconda Pag.46 Approfondimenti : 2. Piste per lo sviluppo Pag.47 Approfondimenti : 3. Lavoro, diritti e tutela dei redditi Pag.54 Approfondimenti : 4. Valutati dagli altri Pag. 59 2

3 00. Scrivere e leggere del Bilancio. Perché? Per 3 differenti ordini di motivi ha senso rappresentare in modo analitico l andamento economico della Cooperativa e, da parte dei soci e degli stakeholders esterni, sforzarsi di capire e conoscere : Per il fatto che l esame dell andamento economico ci permette di capire se disponiamo degli strumenti necessari a conseguire gli obiettivi ( di stabilità e crescita della occupazione, di crescita dei salari, di sviluppo delle attività, di sviluppo della qualità del lavoro etc etc ) che abbiamo assunto. Per il fatto che l impresa è dei soci, in misura uguale ; Per il fatto che l andamento economico della cooperativa e, quindi, la sua capacità di perseguire gli obiettivi che ha assunto, sono condizionati dai comportamenti dei portatori di interesse e, in particolar modo, degli Enti Locali. Il presente documento, come quelli prodotti in tutti gli anni precedenti, è stato elaborato per permettere ai soci ed ai portatori di interesse esterni di capire l andamento economico e le relazioni tra i diversi fattori della gestione della cooperativa nel corso del Come sempre, ci si è sforzati di utilizzare un linguaggio semplice (ed il meno possibile tecnico ) con l obiettivo di rendere comprensibile la complessità senza banalizzarla. Fateci sapere se ci siamo riusciti. 3 Relazione sulla gestione 2009 Prima parte

4 0. Visione d insieme del 2010: Prosegue il processo di rafforzamento Nonostante alcuni fattori di criticità molto pesanti presenti nello scenario esterno l esercizio 2010 chiude con un risultato operativo più che soddisfacente. Come mostra la tavola proposta di seguito, che sintetizza graficamente i principali indici della gestione, l esercizio si chiude con un risultato operativo prima del ristorno, dei dividenti e della tassa fondo mutualità ( 3%) pari al 4,03% e, in valore, a ,52, come mostra la tavola che segue : Ricavi dell'esercizio Totali ,46 Costo del Lavoro ,08 Costi di Produzione ,51 Costi finanziari ,79 Spese generali ,56 Risultato Operativo ,52 4,03% Tale risultato operativo, sensibilmente migliore rispetto a quello del 2008 (3,62 %) ma altrettanto marcatamente peggiore di quello dell esercizio precedente ( nel 2009 il risultato operativo aveva sfiorato la soglia del 5,85% dei ricavi ), consegue per un verso alla generatività dei servizi, per altro verso alla capacità di contenere i costi indiretti ( finanziari e generali ) molto al di sotto dei livelli medi della concorrenza e, infine, per quanto riguarda la comparazione con il 2009, al venire meno di ricavi straordinari, legati agli arretrati connessi al rinnuovo del CCNL ed al finanziamento ECRF, che avevano significativamente inciso nel raggiungimento di un risultato eccellente. Se si osserva la tavola che segue, che correla i dati principali 2009 e 2010, si può constatare come, il risultato operativo sia fortemente condizionato dalla esistenza di ricavi straordinari e dalle stesse modalità con cui essi vengono iscritti : su 2009 Ricavi da ECRF , ,00 Ricavi da arretrato Usl , ,17 Ricavi da RT Girasole , , ,00 Ricavi totali , , ,52 Ricavi senza introiti straordinari , , ,69 Costo del lavoro , , ,98 Costi di produzione , , ,35 Costi generali , , ,23 Costi finanziari , , ,11 Utile Lordo PdM , , ,69 Utile lordo PdM senza int straordinari , , ,48 4

5 La tavola fa rilevare che, per quanto attiene la gestione caratteristica il risultato del 2010 è sensibilmente migliore di quello del 2009, il cui esito ( positivo ) fu significativamente condizionato dall accordo con Usl 8 per il riconoscimento degli arretrati e l adeguamento ai nuovi tabellari dal e dal finanziamento ECRF per l avviamento della Casa di Michele ( ). Il risultato conseguito nel 2010 è tanto più apprezzabile ove si consideri : 1. Che si è confermata la tendenza dei committenti a dilatare ulteriormente i tempi di pagamento delle fatture, con una situazione paradossale che ci vede (nostro malgrado ) chiamati ad esercitare la funzione di finanziatori della finanza locale ; 2. Che lo sviluppo di alcuni servizi innovativi e a mercato,come era prevedibile che fosse, ha generato perdite ; 3. Che in conseguenza della entrata in vigore dal 2007 della normativa sulla previdenza integrativa, si è avuta una ulteriore riduzione della liquidità impiegabile per le attività aziendali di oltre annuali, con una somma globale uscita dal flusso di cassa al superiore ai , il che, fatalmente, ha ridotto la possibilità di incamerare interessi dagli impieghi bancari ; 4. Che nell esercizio hanno avuto luogo alcune iniziative per il quindicennale della Cooperativa che hanno determinato spese promozionali rilevanti ( oltre ) ; 5. Che l ulteriore finanziamento erogatoci da ECRF per Casa di Michele ( ) non è stato iscritto a bilancio essendo pervenuta la comunicazione a febbraio 2011 e si ritroverà, dunque, nel prossimo esercizio Proposte di Deliberazione alla Assemblea I risultati prodotti permettono di confermare, anche per l esercizio 2010, le scelte di erogare ai soci sia la remunerazione e la rivalutazione del capitale sociale versato sui livelli massimi ammessi dalla Legge sia il ristorno, su un valore medio per ora lavorata di. 0,38, in funzione del proteggere, il più possibile, il potere di acquisto delle retribuzioni e dei salari. In particolare, le Deliberazioni che si propongono alla Assemblea e che i soci sono invitati ad approvare sono sinteticamente rappresentabili in : 1. la corresponsione ai soci di un ristorno orario uguale per tutti pari a. 0,38 per ogni ora lavorata nel 2010 oltre ad un ristorno per livello e qualifica da 1 ( A1) a 10 ( F2 ), con un costo complessivo previsto in ,08 circa assunto anche come

6 salario aziendale di II livello, riconoscimento ai soci degli incrementi di produttività e anticipo sui futuri benefici connessi al rinnuovo del CCNL; 2. Il versamento al Fondo di mutualità cooperativa ( Legge 59 ) di una quota pari al 3% dell effettivo utile di gestione, pari a ,00; 3. la remunerazione e la rivalutazione gratuita del capitale sociale effettivamente versato dai soci ai massimi livelli possibili, ovverosia rispettivamente al 7,5% (remunerazione) ed allo 0,7 % (rivalutazione gratuita ), con un costo complessivo di ,93; 4. aumento del capitale sociale da versare in ragione del valore della rivalutazione gratuita del versato, ovverosia per lo 0,9% che porta il valore del capitale sociale da versare ad ,00 con effetto per tutti i soci che diverranno tali dopo la Deliberazione assembleare e per quanti, pur essendo già soci, non hanno ancora versato l intero capitale sociale; 5. l accantonamento ai fondi di Legge ( riserva legale e straordinaria ) dell utile netto dopo la erogazione dei dividendi e delle tasse ( Fondo Legge ) per un importo complessivo pari ad ,90 ; 6 Vediamo, in dettaglio, i contenuti delle Deliberazioni connesse alla approvazione del Bilancio che si propongono alla Assemblea Generale dei Soci : 1.1.Erogazione ai soci di un ristorno lordo di.0,38 orari sulle ore lavorate nel 2010 La prima Deliberazione proposta alla assemblea è quella di erogare ai soci in forza al 30 maggio 2011, un ristorno orario lordo uguale per tutti di. 0,38 orari da rapportare alle ore effettivamente lavorate da ciascuno nel corso dell anno La misura del ristorno ipotizzata è in linea con quella erogata nel 2010 ( con riferimento all esercizio 2009 ) ed è, come sempre, finalizzata a valorizzare l apporto dei soci. La scelta di assicurare un ristorno uguale per tutti per ora lavorata è coerente con quanto si è sempre fatto e con l idea che in termini di assunzione di rischi e di godimento dei benefici tutti i soci ( a prescindere dalla mansione e dai livelli ) sono e debbono essere uguali. Per altro, conseguendo alle indicazioni di Legacoop già applicate dal 2007, al ristorno uguale per tutti da rapportare alle ore lavorate verrà sommata una cifra

7 fissa variabile compresa tra 1 euro e 10 euro annuali complessivi a seconda del livello. La deliberazione predetta produce per la cooperativa un costo aggiuntivo di oltre e per i soci gli effetti esposti nella tabella proposta a seguire : Ristorno per ora lavorata 0,38 Ore prodotte dai soci Valore spesa Esempio ristorno Ore lavorate nell'anno 1.595,00 Ristorno lordo O 0,38 Ristorno lordo annuo 606,10 Il ristorno verrà erogato, dopo la delibera di assemblea, in due tranche di uguale importo con le retribuzioni dei mesi di giugno e di luglio a tutti i soci in forza al Vale annotare che l entità del ristorno corrisponde al 2,90% della massa costo del lavoro soci del 2010 ed è quindi ben più consistente della inflazione rilevata dall indice Istat Foi a fine anno ( 1,9%) : ciò significa che la cooperativa riesce a salvaguardare ed estendere il potere di acquisto della retribuzione dei soci, applicando concretamente e correttamente il principio di mutualità interna. 1.2.Remunerazione rivalutazione del capitale sociale versato Ai sensi del D.M. 6 ottobre 2004 del Ministro dell'economia e delle finanze, la Cassa depositi e prestiti, ha reso noto, l emissione di una nuova serie di buoni fruttiferi postali, indicando anche il tasso massimo da corrispondere sui prestiti sociali e la misura massima dei dividendi da calcolare sulle quote sociali effettivamente versate, a partire dal 1 aprile Detto indice massimo, calcolato al è pari al 7,5% ( 5,5 + 2 ). Per quanto concerne invece la rivalutazione gratuita, l indice massimo applicabile è quello dello 0,7 %, pari all indice Istat sull aumento dei prezzi al consumo per famiglie di operai ed impiegati 2010 su Applicando detti parametri al quadro del capitale sociale effettivamente versato dai soci al , si ha : 7 Rivalutazione Indice di Legge 0,70% Capitale sociale Versato ,73 Valore spesa Riv.ne 4.717,28 Remunerazione Indice di Legge 7,50% Capitale sociale V ,73 Valore spesa Riv.ne ,25 Totale riv + rem ,53

8 Dalla deliberazione predetta, che restituisce un interesse lordo dell 8,20 % al capitale investito nella cooperativa, deriveranno ai soci benefici di entità variabile, direttamente conseguenti alla entità del capitale sociale effettivamente versato. REMUNER RIVALUT TOTALE Capitale sociale versato 2.418,15 Indice di remuner / rivalutaz 5,50% 0,70% 6,20% Maggiorazione di Legge 2,00% - 2,00% Indice di remunerazione 7,50% 0,70% 8,20% Ricavo lordo per il socio 181,36 16,93 198,29 REMUNER RIVALUT TOTALE Capitale sociale versato 2.418, , ,15 Indice di remuner / rivalut 5,50% 0,70% 6,20% Maggiorazione di Legge 2,00% - 2,00% Indice di remunerazione 7,50% 0,70% 8,20% Ricavo lordo per il socio 181,36 16,81 198,17 Tasse sulla remunerazione 12,50% 0,00% Valori totali netti ai soci 158,69 16,81 175,50 Come mostra la precedente tabella esempio, per il socio che avesse versato l intero capitale sociale, il beneficio al netto delle tasse sommerà ad.158,69. La remunerazione del capitale sociale effettivamente versato verrà erogata, in una unica soluzione, al netto delle tasse, con la retribuzione del mese di giugno La rivalutazione gratuita, invece, come è noto, viene erogata ai soci dopo la approvazione del bilancio successivo a quello dell anno di uscita dalla cooperativa, con tutto il capitale sociale effettivamente versato da ciascuno Aumento del capitale sociale da sottoscrivere e versare Questa misura è una diretta conseguenza del principio di uguaglianza dei rischi tra soci che la cooperativa ha assunto e della rivalutazione gratuita del capitale sociale effettivamente versato. In buona sostanza, poiché la rivalutazione gratuita resta a disposizione della cooperativa come capitale di rischio sino alla uscita del socio, se non si rivalutasse anche il valore del capitale da sottoscrivere e versare si avrebbe che chi è socio da molti anni ha un rischio maggiore dei soci con minore anzianità di cooperativa. Nel primo caso, infatti, al valore iniziale si verrebbero a sommare i valori delle rivalutazione gratuite mentre nel caso del socio nuovo o recente il rischio si limiterebbe al valore iniziale. La misura proposta porta il valore del capitale sociale da versare ad ,00 con effetto per tutti i soci che diverranno tali dopo la Deliberazione assembleare e per quanti, pur essendo già soci, non hanno ancora versato l intero capitale sociale.

9 Vale annotare che dall anno 2002, quando fu deliberato dalla Assemblea generale dei soci l aumento del capitale sociale a.2000, si è avuto un incremento gratuito del valore di 440,00, pari al 22% in 9 anni, con un incremento medio annuo del 2,44%. La figura che segue mostra le dinamiche annuali del capitale sociale : Evoluzione del Capitale Sociale 2.000, , , , , , , , , ,00 9 Cs 2001 riv 2002 riv 2003 riv 2004 riv 2005 riv 2006 riv 2007 riv 2008 riv 2009 riv 2010 Serie Benefici per i soci conseguenti alle Deliberazioni 1 e 2 In conseguenza della approvazione delle Deliberazioni 1 e 2 deriverà ai soci un beneficio economico lordo medio di. 804,27 come si può evincere dalla tabella proposta di seguito che è riferita al caso medio di un socio che abbia versato l intero valore del capitale sociale e lavorato, nell anno 2010, ore : Remunerazione CS versato 181,36 Ristorno 606,10 Rivalutazione CS versato 16,81 804,27 Tenendo conto delle difficoltà generali del momento, che segnalano una gravissima difficoltà occupazionale ed una altrettanto marcata difficoltà a preservare il potere di acquisto di salari e stipendi, pensiamo che quanto esposto debba essere considerato in tutto il suo significato e tutt altro che scontato. In particolare, ci preme sottolineare il fatto che i benefici economici di cui si è detto si determinano pur in costanza di un impegno generalizzato della cooperativa ad elevare le tutele per i propri soci andando anche oltre le previsioni contrattuali.

10 L auspicio, in questo senso, è di poter continuare su questa strada anche negli anni a venire, nonostante i tanti problemi cui, purtroppo, si è chiamati a far fronte. Ci fa piacere sottolineare un dato peraltro evidente - e cioè che, nel nostro caso, nel caso specifico di Koiné, l essere socio determina precisi vantaggi di carattere economico. Come tutti sanno, in genere, non è così ed è per questo che vale evidenziare nella tavola proposta a seguire che le misure proposte nelle deliberazioni 1 e 2 danno luogo ad una spesa complessiva di oltre ( maggiore di quella del 2009 per oltre ) come mostra la tavola che segue : Indici misure sociali Bilancio A Ristorno Valore O 0,40 0,38 Ore prodotte dai soci , ,00 Valore spesa , ,08 B Rivalutazione Indice di Legge 0,70% 0,70% Capitale sociale V , ,73 Valore spesa Riv.ne 4.259, ,28 C Remunerazione Indice di Legge 6,50% 7,50% Capitale sociale V , ,73 Valore spesa Riv.ne , ,25 B+C Totale riv + rem , ,53 10 A+B+C Totale distribuito ai soci ( A+B+C) , ,89 Dall esercizio 1997, la cooperativa ha erogato ai soci ristorni e incentivi sul capitale sociale versato superiori ai 2,3 milioni di, con un beneficio medio annuale di oltre 614 medi per socio. Si osservi la tavola proposta di seguito :

11 Ristorni ed incentivi distribuiti ai soci mediante attribuzione di parte dell utile della Cooperativa Ristorno annuale Rivalut - Remuneraz Totale Soci Val Medio , ,30 187,00 140, , ,75 199,00 504, , , ,37 204,00 644, , , ,10 212,00 761, , , ,19 216,00 652, , , ,23 226,00 651, , , ,85 240,00 729, , , ,27 285,00 433, , , ,62 260,00 480, , , ,65 301,00 568, , , ,55 336,00 956, , , ,28 329,00 578, , , ,38 370,00 667, , , ,61 390,00 656,95 Totale , , ,15 268,21 601,84 11

12 1.5.Destinazione utile ai Fondi di Legge ( legale e straordinaria ) Dopo la deliberazione della erogazione del ristorno, il versamento della tassa del 3% al Fondo Mutualistico per lo sviluppo cooperativo, pari ad ,00, la erogazione di remunerazione e rivalutazione del capitale sociale versato, si propone di destinare l utile netto residuo, pari ad ai fondi di Legge ovverosia al fondo di riserva legale ed al fondo di riserva straordinaria. Per concludere questo esame preliminare e schematico del Bilancio 2010, proponiamo, nella tavola seguente, i principali indici di bilancio per l esercizio così come verrebbero a modificarsi a seguito delle Deliberazioni assembleari proposte : Indici di Bilancio 2010 dopo le Deliberazioni Assembleari Ricavi dell'esercizio ,46 Costo del Lavoro ,08 Costi di Produzione ,51 Costi finanziari ,79 Spese generali ,56 Risult Operativo prima del ristorno ,52 Perdite su crediti - Ristorno ,08 Utile Lordo ,44 Fondo Mutualità L ,00 Utile dopo Tasse ,44 Remun + Rivalut ,53 Utile Netto ,90 Utile ai Fondi di Legge ,90 Fondo ris Legale ,97 Fondo Ris Straordinaria ,93 Utile netto 2,07% 12 La destinazione dell utile residuo ai fondi di Legge ( il 51% dell utile prodotto sta in cooperativa, il 49% va ai soci ) permette di dare ulteriore corpo alle azioni per il rafforzamento di Koiné e quindi di guardare alle sfide ( per certi, versi, come vedremo, terribili ) degli anni a venire con determinazione e maggiori mezzi. Per approfondire, vai alle note di approfondimento : 1.Un idea feconda

13 2.Ricavi Nel 2010 la cooperativa ha consolidato il suo percorso di sviluppo ragionato, facendo registrare un incremento del fatturato superiore al 2,47% sull anno precedente (in valori l aumento è pari a oltre ) come mostra la tavola proposta di seguito : TAVOLA N. 1 - SCOMPOSIZIONE RICAVI PER LdP Ldp Valore 2010 Valore 2009 Valore 2008 Rsa , , ,30 Servizi territoriali , , ,67 Handicap , , ,24 Psichiatria , , ,40 Infanzia , , ,89 CdC Ufficio , , ,36 Minori , , ,07 Totale , , ,93 In realtà, come si è già fatto osservare in precedenza a proposito dell utile ( cfr. tavola in pagina 1 ), il risultato 2009 è stato condizionato da rilevanti proventi straordinari che, nel 2010 sono stati sostituiti da ricavi strutturati da servizi. Al netto di questi proventi straordinari, tra il 2009 ed il 2010 il fatturato è cresciuto di oltre , cioè di un valore superiore al 5,7%. Fatturato nel triennio Valore 2010 Valore 2009 Valore , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,07 Rsa Servizi territoriali Handicap Psichiatria Infanzia CdC Ufficio Minori Totale

14 Come si può constatare, l incremento dei volumi di attività è particolarmente marcato nel settore infanzia dove continua il processo di consolidamento e sviluppo ed è invece fisiologico nelle altre linee di prodotto. Peraltro, occorre segnalare il notevole decremento dei ricavi della Ldp Ufficio, che consegue alla drastica riduzione dei bandi e delle opportunità e, per altro verso, alla scelta di imputare al Bilancio 2011 i proventi del finanziamento ECRF per la Casa di Michele. Apporti LdP al fatturato nel triennio Minori 1,16% 1,44% 1,59% CdC Ufficio 4,07% 4,54% 0,84% Infanzia 32,05% 33,91% 34,13% Psichiatria 5,54% 5,16% 5,15% Handicap 6,90% 6,12% 6,59% Servizi territoriali 6,71% 5,97% 7,81% Rsa 43,57% 42,86% 43,89% Osservando il trend dei ricavi per linea di prodotto nel triennio 2008/2010, si può osservare che Koiné si consolida come realtà produttiva di medio grandi dimensioni, raggiungendo, in media, un volume annuo di fatturato superiore agli 12,8 milioni di e, in alcuni ambiti, come l infanzia, volumi di primaria grandezza sulla scala regionale e tra i più importanti anche a livello nazionale. In senso generale, peraltro, il quadro della evoluzione del fatturato nella serie storica, mostra la attenzione della cooperativa ad una crescita ragionata e sostenibile ma significativa :

15 ANNO VALORE VARIAZIONE ,88 100, ,01 132, ,16 140, ,27 154, ,71 175, ,33 196, ,05 225, ,76 213, ,15 219, ,74 247, ,43 305, ,16 317, ,65 366, ,86 403, ,93 441, ,94 508, ,46 520,00 15 Il dato della crescita e della consistenza acquisita è maggiormente apprezzabile ove si consideri che la cooperativa ha continuato a mantenere fede al suo impegno di non agire da appaltificio, limitando la sua attività agli ambiti territoriali ove ha effettivamente radicamento sociale e rinunciando a logiche di mera espansione quantitativa. Come mostra la tavola seguente, pur in costanza della attivazione del

16 Nido di Roma ( che ha assunto un certo rilievo ) l insediamento territoriale di Koiné resta essenzialmente limitato alla Provincia di Arezzo e a due aree zonali ad essa limitrofe : il fatturato prodotto nelle zone dell aretino ( valdarno,43%; aretina 30%; valdichiana 14%; casentino 4%) supera il 91% mentre solo il residuo 9% è prodotto fuori dai contesti d origine ( roma 4%) e in ambiti di tradizionale presenza ( valdichiana senese 4%; valdarno fiorentino 2%). Per quanto concerne la composizione dei ricavi per fonte di provenienza, si conferma la assoluta preponderanza dei ricavi da commessa pubblica ( che si attestano attorno all 8% ) ma è evidente la tendenza all aumento dei ricavi da servizi in tutto a mercato ( 12 % ) e ciò palesa che le spinte della politica alla mercatizzazione dei servizi sociali, che da tempo paventiamo come rischio per il sistema di welfare italiano e, in particolare, le fasce più deboli, stanno producendo effetti anche in noi : l esame dell andamento dei centri di costo, che si propone in calce a questa relazione sulla gestione, pone in evidenza che la mercatizzazione è tutt altro che semplice per la cooperativa ( posto che la domanda, in grandissima parte, non è in grado di sostenere il costo pieno dei servizi ) e pone problemi di coerenza e di visione generale del nostro ruolo. Per finire, vale, in breve, dare conto della consistenza acquisita dal sistema Koiné, cioè dall insieme di soggetti della economia solidale che Koiné ha fatto nascere e che sostiene : complessivamente, come si può osservare dalla figura seguente, il volume complessivo dei ricavi supera i 16,7 milioni di annui (+ 22% dal 2008), che fanno della nostra cooperativa una delle realtà economiche ed occupazionali più importanti del territorio provinciale : Koiné , , ,93 Beta , , ,99 Electra , , ,91 La Valle , , ,12 Educatori Familiari 2.041,80 473, ,92 Controluce 1.128, , ,83 Isola che non c'è , , ,01 " Sistema Koiné " , , ,71 16 Per approfondire, vai alle note di approfondimento : 2.Piste di sviluppo

17 3. Costo del lavoro Nel corso dell esercizio 2010, il costo del lavoro ha subito un aumento consistente e prossimo al 5,1% mentre, dal 2008, l incremento è superiore al 21%, come evidenzia la tavola proposta a seguire : Media Salari e stipendi , , , ,82 Collaborazioni , , , ,78 Oneri Prev.li , , , ,03 Irap , , , ,67 Totale , , , ,29 Come si può osservare dalla figura che segue, nel corso del triennio l incidenza sul totale del costo del lavoro ha subito un incremento molto rilevante, arrivando in somma a raggiungere e superare la soglia dell 83% : 84,00% Incidenza % costo lavoro sui ricavi 83,50% 83,00% 82,50% 83,40% 17 82,00% 81,99% 81,50% 81,00% 80,50% 81,37% 81,21% 80,00% Media Tale aumento ben più consistente dell inflazione - è riconducibile in congrua parte all incremento del costo degli oneri contributivi ( + 46% sul 2008 ) connesso all uscita anticipata dal regime di salario convenzionale, ma è significativo anche l incremento del monte salari e stipendi ( + 16,3 % dal 2008), che è determinato essenzialmente dalla applicazione del nuovo CCNL e dalle misure aziendali di erogazione del ristorno ed è affatto irrilevante anche l aumento dell IRAP ( + 13,6%). Il ristorno, come si è visto nel capitolo introduttivo, determina per la cooperativa un costo lordo di oltre e copre il 37% dell utile lordo prima delle tasse; anche per il 2010, dunque, si conferma una scelta che caratterizza Koiné rispetto ad altre ics, quella di valorizzare la condizione dei soci e di collegare strettamente il raggiungimento degli obiettivi di produttività e di redditività della gestione con il miglioramento delle condizioni retributive dei soci.

18 La figura che segue mostra la serie storica di utili, ristorni e rivalutazione e vale notare che l ultimo indice è stabilito( nelle misure massime ) dalla Legge : ,00 Utili accantonati, ristorni, dividendi , , , , , , , , , , , , UTILE ACCANTONATO RISTORNO DIVIDENDI C.S. 18 Come evidenzia la figura, in Koiné la ricaduta degli aumenti di produttività e redditività della azienda determina benefici diretti e certi per i soci nella dimensione retributiva ed in quella dell incremento miglioramento delle condizioni di lavoro, creando coesione e senso di appartenenza come testimoniano i dati sulla continua crescita dei soci ed il bassissimo tourn over in uscita ( cfr. seconda parte della relazione ). Tornando a considerazioni di ordine specifico, si reputa utile far rilevare tre ulteriori fatti. Il primo, inerente la riduzione complessiva della spesa per contratti atipici, che sul totale del costo del lavoro dà luogo ad una riduzione dell 0,8%, come mostra la tabella seguente : Media Costo lavoro , , , ,29 Costo Atipici , , , ,78 Inc % 4,47% 5,33% 4,70% 4,84% Il secondo, inerente l IRAP, che si conferma assai pesante e tale da mangiare una grande parte del risultato operativo lordo della gestione. Come evidenzia la tabella che segue, tra il 2010 ed il 2008 la spesa per Irap è aumentata di oltre 13,6 punti percentuali ed è giunta a superare i annui : Irap , , ,00

19 Ora, è utile soffermarsi in breve sul tema, noi ribadiamo con forza la convinzione che gli utili di impresa debbano essere tassati ma opiniamo, nel merito, su una tassa che mortifica le imprese che creano lavoro regolare e tipico e che, nel sommarsi alla normativa sulla previdenza integrativa, che come vedremo sottrae ingentissime quote di liquidità alle imprese > 50 dipendenti, rischia di spingere l economia nella direzione opposta a quella che sarebbe utile percorrere, l impegno per creare occupazione tipica e per incrementare le dimensioni delle aziende in modo da renderle più solide, più competitive e più capaci di valorizzare il capitale umano. Ciò che colpisce, in negativo, e che ciò accade per una regola sbagliatissima senza considerare che queste risorse vengono sottratte al miglioramento delle condizioni di lavoro dei soci ed a investimenti per lo sviluppo della rete dei servizi sociali locali, come evidenzia la figura che segue : Dove va l'utile lordo generato dalla gestione? Fondi di Legge aziendali 36% Irap 31% 19 Ristorno soci 25% Dividendi soci 7% Tassa L.59 1% Per approfondire, vai alle note di approfondimento : 3. Lavoro e lavoro Al netto della considerazione della vastità del fenomeno criminale della evasione fiscale, merita riflettere sull iniquità dell ordinamento fiscale italiano che prevede, per la rendita finanziaria, una aliquota fissa del 12%, privilegiando la speculazione rispetto allo sforzo di creare impresa e lavoro e misconoscendo qualsiasi peculiare riconoscimento alle imprese cooperative sociali, che creano servizi di interesse generale.

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto)

2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2. Rendiconto (produzione e distribuzione del valore aggiunto) 2.1. Dati significativi di gestione Nelle pagine che seguono sono rappresentate le principali grandezze economico-patrimoniali, ottenute dalla

Dettagli

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A.

ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. ACQUE DEL BASSO LIVENZA PATRIMONIO S.P.A. Sede ad Annone Veneto (VE), Viale Trieste, n. 11 Capitale sociale: 7.993.843, i.v. Codice fiscale, partita IVA e n. di iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA

ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PROGETTO BROCCA Anno 2000 Tema di: ECONOMIA AZIENDALE Il candidato sta esaminando, con alcuni amici neo-diplomati, la possibilità di iniziare un attività imprenditoriale in

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014

XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli. Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 XVI Congresso AIV, 10-11 Aprile2014, Napoli Relazione allegata al bilancio consuntivo 2013 e note sul bilancio preventivo 2014 Nel bilancio di previsione 2013, il precedente direttivo aveva previsto un

Dettagli

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici

Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir. tire e da indici Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Elaborazione di un bilancio con dati a scelta a partir tire e da indici Olivia Leone Il candidato illustri brevemente quali sono i principali vincoli da

Dettagli

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico

I.2 L analisi economico-finanziaria: redditività conseguita, redditività attesa e creazione di valore economico Introduzione I.1 Premessa Analizzare la situazione economico-finanziaria di un impresa significa poter affrontare alcune questioni critiche della gestione dell azienda e cioè essere in grado di poter rispondere

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Dalle Relazioni, il Valore

Dalle Relazioni, il Valore Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto 80 Schemi e prospetti 82 Le strategie e il Valore 86 Il Valore delle relazioni 88 Indici di Sostenibilità 89 78 79 Calcolo e ripartizione del Valore Aggiunto

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

Note sulla gestione del fondo.

Note sulla gestione del fondo. FONDO PENSIONE DIPENDENTI GIOCHI AMERICANI Sede in Saint Vincent Via Italo Mus - presso Casino de la Vallée Codice fiscale n. 90006620075 RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI IN ACCOMPAGNAMENTO AL BILANCIO DELL'ESERCIZIO

Dettagli

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31/12/2013 VALORI ESPRESSI IN UNITA DI EURO

NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31/12/2013 VALORI ESPRESSI IN UNITA DI EURO 1 GIOVANI E AMICI COOPERATIVA SOCIALE A RL Sede in TERRASSA PADOVANA, VIA NAVEGAURO, 50 Codice Fiscale e Partita Iva: 02269930281 Iscrizione Albo Cooperative n. A122759 Sezione Cooperative Mutualità Prevalente

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi

BILANCIO DI PREVISIONE 2016. Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi BILANCIO DI PREVISIONE 2016 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Antonio Catricalà

Dettagli

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea

Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo Igea tema 14 Controllo di gestione; costi di produzione per commessa. Bilancio con dati a scelta, budget e Nota integrativa. Analisi di bilancio per indici. Esame di Stato Sessione ordinaria 2009 Indirizzo

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2015

BILANCIO DI PREVISIONE 2015 BILANCIO DI PREVISIONE 2015 Organismo per la gestione degli elenchi degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi Il Direttore Generale Federico Luchetti Il Presidente Maurizio Manetti

Dettagli

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo

Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Tracce di temi 2013 Scuola Duemila 1 Traccia n. 1 Bilancio con dati a scelta in presenza di un trend negativo Michele Devastato A fronte di una crisi che ha investito l intero settore, l impresa industriale

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema proposto per la prova di Economia aziendale negli Istituti Tecnici è incentrato sul controllo di gestione ed è articolato in una parte obbligatoria e tre

Dettagli

L ECONOMICITÀ AZIENDALE

L ECONOMICITÀ AZIENDALE L ECONOMICITÀ AZIENDALE IMPRESA tende alla sopravvivenza (autonoma) nel tempo 1 a condizione: Equilibrio economico Risorse consumo (utilizzazione) Collocamento l azienda deve conseguire in volume di ricavi

Dettagli

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012

STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 STATO PATRIMONIALE AL 31/12/2012 31/12/2011 31/12/2012 A ATTIVO Crediti verso soci per versamenti ancora dovuti B Immobilizzazioni 274.850,12 204.984,48 I Immobilizzazioni immateriali II Immobilizzazioni

Dettagli

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento

Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Tracce di temi 2010 Scuola Duemila 1 Traccia n. 5 Il processo di formazione del bilancio: le scritture di assestamento Walter Roverelli Sulla base del seguente bilancio di verifica al 31/12/n, redatto

Dettagli

BULICATA S.r.l. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014

BULICATA S.r.l. RELAZIONE SULLA GESTIONE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2014 BULICATA S.r.l. Sede Via Garigliano, n. 1 50053 EMPOLI Capitale sociale Euro 40.000,00 interamente versato Codice fiscale e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Firenze 06290810487 Iscritta

Dettagli

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti

Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario. anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti Il Bilancio e i Principi Internazionali IAS-IFRS: Il Conto Economico e il Rendiconto finanziario anno accademico 2007-2008 Valentina Lazzarotti 1 Il Conto Economico Il prospetto di CE può essere redatto:

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

Commento al tema di Economia aziendale

Commento al tema di Economia aziendale Commento al tema di Economia aziendale Il tema di Economia aziendale proposto negli Istituti Tecnici è incentrato sulla crisi finanziaria ed è articolato in una parte obbligatoria e tre percorsi alternativi

Dettagli

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni

Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni. Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni 2 Un Concorso di idee per CREARE nuovi intrecci tra GIOVANI e associazioni Un concorso di idee per creare nuovi intrecci tra giovani e associazioni www.volontariatotrentino.it 1 1. Premessa L Associazione

Dettagli

rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv)

rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv) rb vita QUALITY LIFE 2.0 SUPPLEMENTO AI FASCICOLI INFORMATIVI QUALITY LIFE 2.0 (Tariffe 38UR05_RBV e38ur07_rbv) Il presente Supplemento forma parte integrante e necessaria dei Fascicoli informativi QUALITY

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2008. Valori espressi in unità di Euro

NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2008. Valori espressi in unità di Euro NOTE ILLUSTRATIVE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 28 Valori espressi in unità di Euro Premesse Ai sensi degli artt. 1 e 4 dello Statuto l Istituto Italiano della Donazione ( di seguito denominato Istituto

Dettagli

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale

Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Esame di Stato anno scolastico 2011/2012 Svolgimento Tema di Economia aziendale Il tema assegnato per la seconda prova di Economia aziendale nell'indirizzo I.G.E.A. è incentrato sulla differenza tra reddito

Dettagli

RELAZIONE SUL BILANCIO ANNO SOCIALE 1/9/2013-31/8/2014. Stato Patrimoniale

RELAZIONE SUL BILANCIO ANNO SOCIALE 1/9/2013-31/8/2014. Stato Patrimoniale RELAZIONE SUL BILANCIO ANNO SOCIALE 1/9/2013-31/8/2014 L'anno sociale 2013-14 è il terzo dell'attività di Centro Coscienza dopo la fusione del Centro di Cultura Spirituale e di Coscienza - Unione per lo

Dettagli

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA

Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA Allegato B CASH FLOW GENERATO E SOSTENIBILITÀ FINANZIARIA SOMMARIO 1 LA FINANZIABILITÀ DEL PIANO...I 2 I CONTI ECONOMICI DI PREVISIONE...V 3 STATO PATRIMONIALE...VII 4 FLUSSI DI CASSA... VIII 5 UNO SCENARIO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A

COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO DI DESIO E DELLA BRIANZA S.P.A. HA APPROVATO IL BILANCIO CONSOLIDATO E IL PROGETTO DI BILANCIO INDIVIDUALE AL 31 DICEMBRE 2007 DATI DI BILANCIO

Dettagli

rendiconto economico 2

rendiconto economico 2 rendiconto economico 034 rendiconto economico 2 In questa sezione del bilancio sociale Finpiemonte rappresenta, attraverso appositi prospetti, la dimensione economica e monetaria della gestione, secondo

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

Bilancio al 31/12/2014

Bilancio al 31/12/2014 ASSOCIAZIONE ITALIANA GASTROENTEROLOGI & ENDOSCOPISTI DIGESTIVI OSPEDALIERI Sede in VIA N. COLAJANNI 4-00100 ROMA Stato patrimoniale attivo 31/12/2014 31/12/2013 A) Immobilizzazioni I. Immateriali 24.229

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 COMUNICATO STAMPA IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ERGYCAPITAL S.P.A. APPROVA I RISULTATI CONSOLIDATI AL 31 MARZO 2015 1 Valore della produzione pari ad Euro 3,1 milioni in linea rispetto al corrispondente

Dettagli

ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA

ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA ANALISI ECONOMICO - FINANZIARIA BILANCIO DI ESERCIZIO 2011 Indice: Analisi economica Analisi patrimoniale finanziaria Conto economico riclassificato a valore aggiunto (tabella 1) Stato Patrimoniale riclassificato

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

BILANCIO SOCIALE 2009-2010

BILANCIO SOCIALE 2009-2010 BILANCIO SOCIALE 20092010 83 Sobrietà come modo di vivere il rapporto con gli altri e con le cose, rifiutando nell acquistare, nel mangiare e bere, nel consumare quel possesso e quell arbitrio chiusi in

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011

Agosto 2012. Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Agosto 2012 Osservatorio Cerved Group sui bilanci 2011 Aumentano le imprese con Ebitda insufficiente per sostenere oneri e debiti finanziari Alla ricerca della marginalità perduta Sintesi dei risultati

Dettagli

Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010

Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010 Relazione del Magnifico Rettore Professor Angelo Riccaboni accompagnatoria al Bilancio di consuntivo per l esercizio finanziario 2010 Signori consiglieri, i risultati del bilancio consuntivo 2010 evidenziano

Dettagli

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING

IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING IL LEASING FINANZIARIO E GLI ALTRI FINANZIAMENTI: CONFRONTO AI FINI DELLA RAPPRESENTAZIONE IN BILANCIO E DEI RISVOLTI SUL RATING 1. Introduzione L imprenditore intenzionato ad acquisire un nuovo bene per

Dettagli

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA

40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40 - PREVIDENZA COMPLEMENTARE E INTEGRATIVA 40.1 NOZIONI GENERALI I numerosi interventi legislativi in materia di previdenza e le varie fusioni aziendali, hanno reso necessaria una continua contrattazione

Dettagli

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato:

In merito ai punti all ordine del giorno della parte Ordinaria, l Assemblea ha deliberato: ASSEMBLEA ORDINARIA E STRAORDINARIA VENETO BANCA I Soci hanno approvato il bilancio al 31 dicembre 2014 e nominato quattro Consiglieri di Amministrazione. Si è svolta oggi a Villa Spineda, a Venegazzù

Dettagli

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE

BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE Tema d esame BILANCIO DELLE IMPRESE BANCARIE E INDUSTRIALI di Lucia BARALE ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE AZIENDALI (classe 5 a ITC) Il tema proposto è articolato in tre parti, di cui l ultima con tre alternative

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009

ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 ANALISI PER INDICI BILANCIO CONSOLIDATO CDC ESERCIZI ANNI 2010 E 2009 1. PREMESSA: ANALISI DEGLI SCHEMI Il gruppo CDC redige il proprio bilancio consolidato, in migliaia di euro, in conformità agli IAS/IFRS

Dettagli

Fiscal News N. 103. La rilevazione del finanziamento soci. La circolare di aggiornamento professionale 24.03.2015. Premessa

Fiscal News N. 103. La rilevazione del finanziamento soci. La circolare di aggiornamento professionale 24.03.2015. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 103 24.03.2015 La rilevazione del finanziamento soci Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Sotto il profilo giuridico l ordinamento

Dettagli

FARMAVALDARNO S.p.A. RELAZIONE SULLA GESTIONE

FARMAVALDARNO S.p.A. RELAZIONE SULLA GESTIONE FARMAVALDARNO S.p.A. Via C. Pisacane 33/37 - Figline e Incisa Valdarno Iscritta al Registro imprese di Firenze al n. 05374530482 Capitale sociale 636.000,00 i.v. RELAZIONE SULLA GESTIONE Signori azionisti,

Dettagli

Analisi di Bilancio per flussi

Analisi di Bilancio per flussi Analisi di Bilancio per flussi Premessa L analisi della situazione economica, patrimoniale e finanziaria dell azienda attraverso il bilancio si conclude con l analisi dei movimenti di risorse finanziarie

Dettagli

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988

SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 SCUOLA MATERNA ING. E. VALVERTI FONDAZIONE Sede in VIA MADRE COCCHETTI 6 25043 BRENO (BS) C.F. 81004810172 - P.1. 00723850988 Nota integrativa al bilancio al 31/12/2012 Premessa Il bilancio dell'esercizio

Dettagli

Principali scelte di gestione Il costo e la dinamica del personale

Principali scelte di gestione Il costo e la dinamica del personale Principali scelte di gestione Il costo e la dinamica del personale Ogni ente locale fornisce alla collettività servita un ventaglio di prestazioni: si tratta, generalmente, dell'erogazione di servizi e

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15

Codice fiscale 97219890155. Bilancio 2014. Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 Bilancio 2014 Bilancio di esercizio al 31/12/2014 Pagina 1 di 15 AITR ASSOCIAZIONE ITALIANA TURISMO RESPONSABILE Codice fiscale 97219890155 Partita iva 08693820964 VIA TOMMASO DA CAZZANIGA SNC - 20144

Dettagli

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico:

Milano, 24 marzo 2015. Approvato il rendiconto di gestione al 31 dicembre 2014 del Fondo immobiliare Investietico: AEDES BPM Real Estate SGR S.p.A. Sede in Milano, Bastioni di Porta Nuova n. 21, capitale sociale Euro 5.500.000,00 sottoscritto e versato, R.E.A. Milano n. 239479, Numero Registro delle Imprese di Milano

Dettagli

Risultati ed andamento della gestione

Risultati ed andamento della gestione Risultati ed andamento della gestione L esercizio 2011 si chiude con un risultato economico positivo, in quanto la distribuzione dei dividendi di Equitalia Nord ha consentito - insieme ai benefici fiscali

Dettagli

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro

Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009. Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro comunicato stampa Bologna, 29 marzo 2010 Il Consiglio d'amministrazione approva i risultati al 31 dicembre 2009 Risultati industriali in crescita e dividendo confermato a 8 centesimi di Euro Ricavi a 4.204,2

Dettagli

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi

STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi STATO PATRIMONIALE Riclassificazione Impieghi IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Impianti e Macchinari 3.043 Attrezzature industriali 1.500 Automezzi 2.900 Fabbricati Industriali Mobili e Arredi 12.900 2.000 22.343

Dettagli

G.U.S. Gruppo Umana Solidarietà G. Puletti Onlus ONG Sede legale: via Pace, 5 62100 Macerata Codice fiscale 92004380439

G.U.S. Gruppo Umana Solidarietà G. Puletti Onlus ONG Sede legale: via Pace, 5 62100 Macerata Codice fiscale 92004380439 G.U.S. Gruppo Umana Solidarietà G. Puletti Onlus ONG Sede legale: via Pace, 5 62100 Macerata Codice fiscale 92004380439 RENDICONTO AL 31 DICEMBRE 2013 NOTA INTEGRATIVA CONTENUTO E FORMA DEL RENDICONTO

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Approvati dal Consiglio i risultati 2014: il bilancio consolidato 2014 conferma sostanzialmente i risultati già riportati nel resoconto intermedio

Dettagli

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001

ESERCIZIO N.1. Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 ESERCIZIO N.1 Sia dato il seguente Stato Patrimoniale della società Fraxa alla chiusura dell esercizio 2001 Stato Patrimoniale al 31.12.2001 B) IMMOBILIZZAZIONI A) PATRIMONIO NETTO I Immobilizzazioni immateriali

Dettagli

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative.

Il Roe è il migliore indicatore di performance? Il Roe è il migliore indicatore di performance? Le alternative al reddito sono molto significative. Il Roe è il migliore indicatore di performance? Gli schemi di analisi si basano sull assunto che il Roe sia un valido indicatore sintetico della performance. In realtà, il Roe è solamente uno degli indicatori

Dettagli

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione

Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione 74 ESERCIZIO 6 INDIRIZZO Igea Mercurio Classe 5ª Autofinanziamento e aspetto finanziario della gestione di GIULIANO PAGANIN L attività aziendale può essere sostenuta attraverso le fonti, generatrici di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi

SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione speciale dei prezzi Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO

MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO MULTIFOND Cassa Interaziendale di Previdenza per Prestatori di Lavoro Subordinato - Fondo Pensione RELAZIONE SULLA GESTIONE E BILANCIO chiuso alla data del 31 dicembre 2010 COMPOSIZIONE DEGLI ORGANI STATUTARI

Dettagli

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%)

APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013. Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) COMUNICATO STAMPA APPROVATA LA RELAZIONE SEMESTRALE AL 30 GIUGNO 2013 Dati Consolidati: Margine d Interesse 119,3 mln di euro (+6,7%) Commissioni nette 41,1 mln di euro (-5,6%1*) Margine di intermediazione

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO

GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO GAS PLUS S.p.A. DOCUMENTO INFORMATIVO redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 come successivamente modificato e integrato Rimborso del Finanziamento Soci a favore

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale

2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale 2.1 Sostenibilità economica, finanziaria e patrimoniale La sostenibilità economica La sostenibilità economica che caratterizza l Azienda Ospedaliero - Universitaria di Bologna viene rappresentata attraverso

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

COMUNICATO STAMPA. ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 COMUNICATO STAMPA Scarperia (FI), 30 marzo 2015 ROSSS: il CdA approva bilancio consolidato e il progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Dati relativi al bilancio consolidato al 31 dicembre 2014 Ricavi

Dettagli

CAT S.P.A. Relazione sulla Gestione al 31/12/2010

CAT S.P.A. Relazione sulla Gestione al 31/12/2010 CAT S.P.A. Codice fiscale 00060890456 Partita iva 00060890456 VIA G. PIETRO, 2 AVENZA CARRARA - 54033 CARRARA MS Numero R.E.A 98613 Registro Imprese di MASSA CARRARA n. 00060890456 Capitale Sociale 3.683.656,00

Dettagli

Bilancio 2014 Car Server S.p.A.

Bilancio 2014 Car Server S.p.A. Car Server S.p.A. Sede legale 42124 Reggio Emilia, Via G. B. Vico, 10/c Capitale sociale: Euro 11.249.859 P. IVA e numero di Iscrizione Registro Imprese RE N 01610670356 Il presente bilancio è stato approvato

Dettagli

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea

13.10.2003 IT Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 261/31 35. Informazioni sui valori contabili contenuti in differenti classificazioni di rimanenze e l ammontare delle variazioni in queste voci di attività è utile per gli utilizzatori del bilancio.

Dettagli

Milano, 30 marzo 2004

Milano, 30 marzo 2004 Milano, 30 marzo 2004 Gruppo TOD S: crescita del fatturato (+8.1% a cambi costanti). Continua la politica di forte sviluppo degli investimenti. 24 nuovi punti vendita nel 2003. TOD S Il Consiglio di Amministrazione

Dettagli

L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA

L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA Contributi L ATTIVITÀ D INVESTIMENTO E IL RENDIMENTO NELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE: NOTE SUL CASO COMETA di Gianni Ferrante ** Premessa Come già facemmo nel n.7 (ottobre 2002) di questa pubblicazione

Dettagli

riamo News Rendimenti dei compari di Priamo nel primo semestre del 2014 5,57% 2,00% 0,85% BILANCIO PRUDENTE

riamo News Rendimenti dei compari di Priamo nel primo semestre del 2014 5,57% 2,00% 0,85% BILANCIO PRUDENTE Mi è convenuto aderire a Priamo? Guardando ai rendimenti che Priamo ha ottenuto negli ultimi anni, la risposta è sicuramente sì. I risultati dei rendimenti conseguiti nel 2013 dai gestori finanziari selezionati

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NOLA RELAZIONE DEL RENDICONTO FINANZIARIO AL 31/12/2014 Per l esame del conto finanziario è opportuno precisare, al fine di agevolare la lettura e l interpretazione

Dettagli

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale

Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Ciclo di formazione per PMI Contabilità aziendale Desiderate aggiornarvi sul mondo delle PMI? Ulteriori dettagli sui cicli di formazione PMI e sui Business Tools sono disponibili su www.bancacoop.ch/business

Dettagli

COMUNE DI CASTENASO. ISTITUZIONE COMUNALE SISTeR SERVIZIO INTEGRATO SCUOLA, TRASPORTO E REFEZIONE RELAZIONE DEL REVISORE UNICO

COMUNE DI CASTENASO. ISTITUZIONE COMUNALE SISTeR SERVIZIO INTEGRATO SCUOLA, TRASPORTO E REFEZIONE RELAZIONE DEL REVISORE UNICO COMUNE DI CASTENASO ISTITUZIONE COMUNALE SISTeR SERVIZIO INTEGRATO SCUOLA, TRASPORTO E REFEZIONE Verbale n. 3 del 2 aprile 2013 RELAZIONE DEL REVISORE UNICO SUL BILANCIO D ESERCIZIO AL 31.12.2012 Il Revisore

Dettagli

PRINT CUP. Scheda sintetica di Sprint cup Prodotto finanziario di capitalizzazione

PRINT CUP. Scheda sintetica di Sprint cup Prodotto finanziario di capitalizzazione PRINT CUP Scheda sintetica di Sprint cup Prodotto finanziario di capitalizzazione SCHEDA SINTETICA INFORMAZIONI GENERALI La parte Informazioni generali da consegnare obbligatoriamente all investitore-contraente

Dettagli

Le analisi di bilancio per indici

Le analisi di bilancio per indici Riclassificazione e interpretazione Le analisi di bilancio per indici di Silvia Tommaso - Università della Calabria Obiettivo delle analisi di bilancio è quello di ottenere informazioni adeguate a prendere

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

FLUSSO GENERATO DALLA GESTIONE REDDITUALE: ricavi monetari costi monetari o reddito d es. + costi non monetari ricavi non monetari

FLUSSO GENERATO DALLA GESTIONE REDDITUALE: ricavi monetari costi monetari o reddito d es. + costi non monetari ricavi non monetari 1. I FLUSSI FINANZIARI E I FLUSSI ECONOMICI 2. Un flusso è la variazione in aumento o in diminuzione intervenuta in un fondo di valori in un determinato periodo di tempo. - FLUSSI ECONOMICI: variazioni

Dettagli

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5

L analisi dei flussi finanziari. 1. I flussi finanziari 1/5 focus modulo 4 lezione 50 La gestione finanziaria La correlazione tra investimenti e finanziamenti L analisi dei flussi finanziari 1. I flussi finanziari I flussi finanziari che hanno origine dall attività

Dettagli

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance

Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance www.adapt.it, 10 marzo 2011 Strumenti di incentivazione della produttività e valutazione della performance di Dimitri Giardino In uno scenario economico sempre più globalizzato e concorrenziale, in cui

Dettagli

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q

I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS. α Quantità prodotte. CUS = cus * q I COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA TOTALI CUS 0 α Quantità prodotte CUS = cus * q Esempi di COSTI DI UTILIZZO STRUTTURA costo dei prodotti:materie prime, semi-lavorati; costo delle lavorazioni esterne; costo

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano

Adelante Dolmen società cooperativa sociale. Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21. Registro delle Imprese di Milano Adelante Dolmen società cooperativa sociale Sede legale in Milano - Via Boltraffio, 21 Registro delle Imprese di Milano Codice fiscale e numero di iscrizione 12237260158 Numero di iscrizione all Albo delle

Dettagli

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO

RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO DEL PATRIMONIO Lo schema del conto del patrimonio previsto dal D.P.R n. 194/96 è strutturato a sezioni divise e contrapposte e presenta un impostazione in cui le attività sono

Dettagli

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013:

I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: I risultati economici del Gruppo nel 1 semestre del 2014 rispetto al 1 semestre 2013: Nei primi sei mesi dell anno, la gestione economica del Gruppo ha generato un risultato della gestione operativa in

Dettagli

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI

8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8 ASPETTI PATRIMONIALI ED ECONOMICO-REDDITUALI 8.1 IL PROSPETTO DI CONCILIAZIONE Il prospetto di conciliazione dimostra l avvenuta trasposizione delle rilevazioni di sintesi della contabilità finanziaria

Dettagli

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015

SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 SECONDO AGGIORNAMENTO DEL PREVENTIVO ECONOMICO PER L ESERCIZIO 2015 Il Preventivo Economico 2015, approvato dal Consiglio con delibera n.13 del 16/12/2014, è stato redatto secondo le indicazioni dettate

Dettagli