Carbone CG Emissione Ottobre 2004 Redatto Verificato Approvato Ragione della emissione Data Revisione TRATTA PREALPINO S. EUFEMIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Carbone CG Emissione Ottobre 2004 Redatto Verificato Approvato Ragione della emissione Data Revisione TRATTA PREALPINO S. EUFEMIA"

Transcript

1 Committente: Progetto: METROBUS BRESCIA METROPOLITANA MILANESE SPA MANDATARIA R.T.I. SERVIZI DI PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT SOCIETÀ MANDATARIA RTI CODICE WBS DI CONTRATTO CODICE PRODOTTO FASE Metropolitana Milanese SpA E 0 Emittente Metropolitana Milanese SpA Codice Emittente Scrosati Rucksthul Scrosati AQ Carbone CG Emissione Ottobre 2004 Redatto Verificato Approvato Ragione della emissione Data Revisione 00 Titolo documento: TRATTA PREALPINO S. EUFEMIA PROCEDURA di PROJECT CONTROL PROG SE AREA PBS ABS TIP OBS E NUMERO Numerazione Progetto: B S Scala 1:1 Formato A4 File: Pagina 1 di 29

2 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Documenti di Riferimento Definizioni, Acronimi e Abbreviazioni 5 2. LE STRUTTURE DI CONTROLLO Generalita La Funzione di Project Control I Requisiti Base per l Impostazione di un Sistema di Controllo Struttura di controllo dei Costi Struttura di controllo Finanziaria Struttura di controllo dei Tempi GLI STRUMENTI CONTRATTUALI IL SISTEMA INFORMATIVO (REPORTING) Il Rapporto di Inizio I Rapporti Mensili I Rapporti Bimestrali I Rapporti Trimestrali I Rapporti Finali Sintesi dello sviluppo del Progetto Rapporto Finale della Costruzione Rapporto Finale del Progetto GLI STRUMENTI OPERATIVI Le Riunioni di Coordinamento del PCM Le Riunioni di Coordinamento specialistiche I Progress Review Meetings ELABORAZIONE E TENUTA DI UN MASTER SCHEDULE 24 Pagina 2 di 29

3 5.1 Obiettivi e Finalita La Struttura del Master Schedule STRUMENTAZIONE HW E SW PER LE ATTIVITA DI PROJECT CONTROL Il Software di Pianificazione La Banca Dati Informativa Gli Strumenti di Analisi 28 Pagina 3 di 29

4 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo del presente documento è identificare i criteri da osservare, le metodologie di lavoro da mettere in atto, le attività di coordinamento nell ambito del Servizio di Project Control relativo al Progetto Metrobus Brescia. 1.1 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO Documenti contrattuali Contratto tra BSM e PCM Regolamento Raggruppamento PCM (stralcio) Capitolato Speciale d Appalto Disciplinare Tecnico Bando di Gara (2001/S ) Lettera d invito (PG/ 1958 del ) Offerta del aggiornata il Norme di riferimento Norma UNI EN ISO 9001: Sistemi di gestione per la Qualità - Requisiti; Legge 109 / Legge Quadro in materia di Lavori Pubblici Legge 415 / Modifiche ed integrazioni alla Legge 109 / 94 Merloni Quater - Testo della legge 109 / 94 coordinato con l LE MODIFICHE INTRODOTTE DAL DDL 2032 APPROVATO IL 17 LUGLIO 2002 D. P. R. 554 / Regolamento di attuazione della Legge Quadro in materia di Lavori Pubblici D. P. R. 34 / Regolamento recante istituzione del sistema di qualificazione per gli esecutori di Opere Pubbliche Pagina 4 di 29

5 1.2 DEFINIZIONI, ACRONIMI E ABBREVIAZIONI Si adottano le seguenti definizioni, sigle ed abbreviazioni: BSM Brescia Mobilità SpA (Committente) RC Rappresentante del Committente PCM Raggruppamento Temporaneo di Imprese formato da: Metropolitana Milanese SpA (mandataria), Systra SA, Cantarelli, Moro & Partners Srl. AMBS Raggruppamento Temporaneo di Imprese formato da: Ansaldo Trasporti Sistemi Ferroviari SpA, Astaldi SpA, Ansaldo Breda SpA e Necso Entrecanales Cubiertas SA, aggiudicatario dell appalto per la realizzazione del Metrobus. Contratto P&CM Contratto stipulato con Brescia Mobilità è il RTI. Contratto Metrobus Contratto stipulato tra Brescia Mobilità e l Appaltatore Metrobus. Primo Lotto Funzionale Lotto Funzionale della linea Metrobus ricompreso tra Prealpino e S. Eufemia. MM Metropolitana Milanese SpA (mandataria) S Systra SA CMP Cantarelli Moro & Partners CD Comitato Direttivo CG Coordinatore Generale RL Responsabile dei Lavori DL Direttore dei Lavori CSE Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione AQ Assicurazione e Controllo Qualità PC Project Control CPE Controllo Progettazione Esecutiva CSAU Controllo Congruità Storico Ambientale e Urbanistica CTM Controllo Conduzione Tecnica e Manutenzione in fase di esercizio PQG Piano Qualità Generale WBS Work Breakdown Structure WBE Work Breakdown Element Pagina 5 di 29

6 2. LE STRUTTURE DI CONTROLLO 2.1 GENERALITA L obiettivo fondamentale del Project Control è quello di disporre di un efficace e dinamico sistema di pilotaggio dell avanzamento di un Progetto e della situazione dei costi che sia in grado di fornire informazioni oggettive sullo stato dello stesso, consentendo di formulare ipotesi attendibili circa il suo sviluppo futuro e di prospettare soluzione adeguate la cui attuazione permetta di mantenere lo sviluppo del Progetto secondo la programmazione prevista in termini di rispetto dei tempi, governo dei costi e qualità della realizzazione. A tale proposito il sistema di Project Control farà riferimento alle indicazioni della norma internazionale ISO Management della Qualità - Linee guida per la qualità del management di Progetto di cui ne è elemento. 2.2 LA FUNZIONE DI PROJECT CONTROL Il PCM, attraverso la funzione di Controllo del Progetto e avvalendosi di un proprio sistema di Project Control, gestisce il complesso delle attività di controllo dei dati quantitativi necessari per verificare costantemente l effettivo stato di avanzamento lavori e formulare previsioni a finire attendibili. Dal confronto tra la situazione corrente e la pianificazione scaturiranno, in caso di identificazione di scostamenti, le soluzioni e/o le proposte finalizzate al raggiungimento degli obiettivi temporali, economici e qualitativi pianificati. Il sistema di Project Control è predisposto in modo da utilizzare le informazioni contenute nei piani e nei programmi elaborati e forniti da AMBS, come previsto dalle relative Pagina 6 di 29

7 Specifiche Tecniche, integrandole con le attività di competenza degli altri soggetti coinvolti nella realizzazione del Progetto. La funzione di Controllo del Progetto verificherà che quanto predisposto da AMBS rispetti le prescrizioni delle Specifiche Tecniche sopra menzionate e del Capitolato Speciale, in particolare circa gli obblighi di AMBS (art. 6) i termini per la realizzazione dell opera (art.31), il controllo dei tempi - cronogramma lavori (art.43), la verifica degli avanzamenti (art.44), i tempi intermedi (art.46). Al fine di garantire il processo di controllo dei costi, dei tempi e della situazione contabile del Progetto saranno utilizzate le procedure di acquisizione e trattamento dei dati quantitativi con particolare attenzione alle scadenze temporali. Il PCM predispone un sistema controllo del Progetto che permette di: a) definire la pianificazione generale del Progetto, dopo aver identificato i possibili scenari; b) assistere i responsabili delle varie funzioni nelle loro decisioni, fornendo loro gli indicatori utili e sufficienti a presentare in modo sintetico lo stato d'attuazione dei lavori del Progetto; c) ipotizzare in anticipo gli slittamenti dei tempi, evidenziando gli scarti rispetto agli obiettivi iniziali. d) proporre, in base a simulazioni ed analisi, le misure correttive o i miglioramenti necessari. Il processo di controllo è parte integrante del sistema di gestione: esso dipende dalla qualità e accuratezza della pianificazione iniziale di AMBS. 2.3 I REQUISITI BASE PER L IMPOSTAZIONE DI UN SISTEMA DI CONTROLLO Per la corretta implementazione di un Sistema di Controllo è necessaria la coerenza e l interfacciabilità delle seguenti strutture di informazioni: Pagina 7 di 29

8 o WBS (Work breakdown Structure) struttura gerarchica e schematica di organizzazione delle attività e delle opere oggetto del contratto; o Tabelle di Salizzazione trattandosi di un contratto a forfait è necessario che la struttura dei costi di contratto sia riferibile, anche in forma disaggregata e coerente con la struttura della WBS; o Cronogramma tutte le attività devono essere identificate dall univoco codice di WBS al fine di permettere la collocazione logica nel tempo delle attività e delle opere oggetto del contratto. E ammissibile la gestione di attività a valore economico nullo ( non previste nelle tabelle di SAL ) definite quali esclusivi elementi logici del reticolo di programmazione. Ogni attività valorizzata nel contratto deve essere prevista e collocata nel tempo attraverso il cronogramma. Le strutture dei dati sono parte integrante dei documenti che regolano l attività del Progetto e sono presenti nei documenti costituenti il Contratto. Dall incrocio delle informazioni si ottengono: o Inizio attività: giorno di calendario nel quale inizia l attività o Fine attività: giorno di calendario nel quale termina l attività; o Durata: durata di una attività espressa in giorni solari consecutivi; o % gg prevista: indica alla data la % di giorni solari trascorso (fatto 100 la somma dei giorni solari di tutte le attività del programma) trascorso qualora l avanzamento di ciascuna attività fosse a programma; o % costi prevista: indica alla data la % di costo (fatto 100 il costo totale assegnato ad una macroattività/attività) previsto (maturato) qualora il relativo avanzamento fosse a programma. Risalendo attraverso i sottoprogetti sino al I livello si ottiene l avanzamento % della produzione previsto alla data dell intero Progetto. La curva ad S (curva logaritmica ) che rappresenta la previsione della produzione nel tempo viene proposta da AMBS, verificata dal PCM ed approvata da BSM. Pagina 8 di 29

9 2.4 STRUTTURA DI CONTROLLO DEI COSTI L impostazione del sistema di controllo delle variabili fisiche ed economiche del Progetto prevede: o la definizione di un architettura di sistema che consenta di recepire la WBS nel sistema di Project Control per quanto riguarda le informazioni relative alla valorizzazione delle voci elementari WBE e dei loro aggregati; o la definizione della struttura di scomposizione dei costi e dei livelli di impegno necessari per la gestione economico-finanziaria del Progetto (CBS Cost Breakdown Structure); La struttura di controllo dei Costi si basa sull aggiornamento ed il confronto con le base lines di Progetto (curve e valori programmati al tempo t=0), attraverso la raccolta e l analisi dei seguenti dati: a) Richieste di Salizzazione formulate su base periodica tramite lettera da parte di AMBS; b) SAL periodico acquisito tramite l utilizzo di un tracciato file derivante dallo strumento di gestione del SAL, brogliaccio in uso presso la Funzione di Direzione Lavori; c) Applicazione del prezzo chiuso o adeguamento monetario; d) Riserve e maggiori oneri formulati da AMBS nell ambito del processo di salizzazione della Direzione Lavori; e) Aggiornamento del prezzo o formulazione di nuovi prezzi derivanti da eventuali Varianti al Progetto contrattualizzato (in aumento o diminuizione); f) Eventuali atti aggiuntivi. Pagina 9 di 29

10 Il Sistema di controllo dei Costi gestirà in forma differenziata le curve ed i relativi aggiornamenti relativi a situazioni contrattuali e costruirà, sulla scorta delle informazioni disponibili, degli scenari alternativi con incluse le previsioni e/o i nuovi prezzi al fine di supportare le altre funzioni del PCM e BSM nell analisi decisionale. La struttura di controllo dei costi dunque permetterà di: o Costruire la Curva ad S maturata alla data dell analisi; o Costruire la Curva ad S delta, quale differenza tra il programmato e l effettivo; o Aggiornare, tramite appositi quadri sinottici, l importo delle Riserve e valutarne il relativo peso percentuale (%) rispetto al SAL maturato alla data. La struttura di controllo dei costi inoltre opererà verso BSM sviluppando una curva ad S complessiva, quale integrale complessivo dei contributi dati dai seguenti elementi: o Curva ad S dei lavori (curva di AMBS); o Adeguamento della stessa tramite applicazione del prezzo chiuso ; o Curva ad S del PCM (andamento del costo del servizio del PCM nel tempo così come definito e normato dal relativo contratto); o Adeguamento monetario del contratto del PCM; o Altri contratti che BSM intenderà attivare e che saranno legati, al pari del PCM, a importi proporzionali all andamento del SAL dei lavori (Commissione ai fini della sicurezza, commissione di collaudo, ecc ) La struttura di controllo dei costi trova quali output la produzione di curve, tabelle ed istogrammi oltre che di apposite relazioni che sono riportate, in analogia alla strategia di reporting, nel Report mensile per quanto riguarda l analisi di stato e le relative criticità, nel Report Trimestrale per quanto riguarda l analisi previsionale e di tendenza. Pagina 10 di 29

11 2.5 STRUTTURA DI CONTROLLO FINANZIARIA L impostazione del sistema di controllo delle variabili finanziarie del Progetto prevede: o la definizione, derivata dall analisi dei contratti in essere, delle logiche e delle tempistiche di pagamento, dell applicazione di trattenute e/o emissioni di fideiussioni e garanzie, dall applicazione di eventuali oneri professionali e del valore dell IVA sui pagamenti; o la definizione della struttura di copertura dei costi di Progetto attraverso la scomposizione delle quote tra contributi Stato, Regione e autofinanziamento BSM oltre che alle relative modalità, logiche e tempistiche di erogazione di tali fondi. La struttura di controllo Finanziario si basa sull aggiornamento ed il confronto con le base lines di Progetto (curve e valori programmati al tempo t=0), attraverso la raccolta e l analisi dei seguenti dati: a) SAL periodico riferito sia ai lavori che agli altri contratti; b) Applicazione della curva di prezzo chiuso o adeguamento monetario; c) Applicazione di eventuali trattenute e/o applicazione di logiche contabili applicabili a lavorazioni e/o attività non conformi; d) Stato di emissione delle eventuali fideiussioni o garanzie per lo svincolo delle trattenute così come definito nei vari contratti; e) Aggiornamento altri importi (riserve, nuovi prezzi, varianti contrattualizzate e non) per la gestione di un fondo riserva. La struttura di controllo Finanziario dunque permetterà di: o Costruire la Curva di Cash Flow maturata alla data dell analisi; Pagina 11 di 29

12 o Costruire la Curva di Cash Flow delta, quale differenza tra il programmato e l effettivo; o Costruire la Curva di Cash Flow stimata a finire, aggiornata alla data di analisi; o Aggiornare il quadro sinottico delle trattenute, delle garanzie e delle fideiussioni; La struttura di controllo Finanziario inoltre opererà verso BSM sviluppando dei quadri di copertura dei bisogni complessivi di finanziamento del Progetto così composti: o Disponibilità nel tempo del finanziamento dello Stato (periodicità mensile della disponibilità ad erogare il finanziamento, tempi medi di pagamento non gestibili da BSM). Il finanziamento viene erogato proporzionalmente al SAL ; o Disponibilità nel tempo del finanziamento della Regione (periodicità trimestrale della disponibilità ad erogare il finanziamento, tempi medi di pagamento non gestibili da BSM). Il finanziamento viene erogato proporzionalmente al cumulate dei tre SAL riferibili al periodo; o Curva di copertura rimanente dell investimento tramite erogazione diretta di BSM (periodicità mensile, tempi di pagamento a 60 giorni data fattura). La copertura include tutti gli oneri non strettamente connessi con i lavori (IVA complessiva ed adeguamento monetario ed eventualmente i soli interessi passivi del ritardo di pagamento sulla quota di BSM); La struttura di controllo Finanziario trova quali output la produzione di curve, tabelle ed istogrammi oltre che di apposite relazioni che sono riportate, in analogia alla strategia di reporting, nel Report mensile per quanto l analisi di stato e le relative criticità, nel Report Trimestrale per quanto riguarda l analisi previsionale e di tendenza. Pagina 12 di 29

13 2.6 STRUTTURA DI CONTROLLO DEI TEMPI L impostazione del sistema di controllo delle variabili fisiche e temporali del Progetto prevede: o L acquisizione ed il controllo della programmazione dei lavori sviluppata ed aggiornata da AMBS con particolare riferimento al rispetto dei termini contrattuali; o La formulazione ad AMBS di requisiti di maggior dettaglio e/o necessità di riprogrammazione qualora si verifichino eventi che lo rendessero necessario o qualora si rilevassero evidenti ritardi sulle attività programmate. La struttura di controllo dei Tempi si basa sull aggiornamento ed il confronto con le base lines di Progetto (curve e valori programmati al tempo t=0), attraverso la raccolta e l analisi dei seguenti dati: a) Programma lavori di contratto di AMBS ed eventuali nuovi aggiornamenti; b) Pianificazione a tre mesi che si concorda essere allegato all emissione del Report mensile di AMBS; c) Pianificazione a tre settimane che si riceve via fax e/o mail e/o posta il Venerdì di ogni settimana; d) Programma prove e collaudi prodotto da AMBS; e) Programma di dettaglio su opere critiche e/o attività sensibili (sub-critiche) da richiedere ad AMBS nell ipotesi di evidenti criticità e/o ritardi rispetto alla base line; f) Programma focus sulla Progettazione Esecutiva. La struttura di controllo dei tempi dunque permetterà di: Pagina 13 di 29

14 o Costruire la Curva ad S maturata alla data dell analisi; o Costruire la Curva ad S delta, quale differenza tra il programmato e l effettivo; o Costruire il sistema di analisi delle performance basato sulla tecnica dell Earned Value semplificata ove sarà possibile misurare i seguenti parametri: EV (Earned Value): valore di avanzamento fisico-economico effettivamente maturato alla data; BEWS (Budget Earnings Works Sheduled): previsioni di avanzamento fisicoeconomico alla data di analisi così come definito nel programma lavori; AEWS (Actual Earnings Works Scheduled): valore di avanzamento fisico maturato calcolato alla data di programma o Costruire il sistema di proiezione dei tempi a finire basato sull applicazione delle analisi delle performance e dall analisi degli eventi principali di Progetto. La struttura di controllo dei tempi inoltre opererà verso BSM sviluppando delle viste dell aggiornamento della pianificazione e delle attività organizzate secondo i seguenti elementi: o Avanzamento della Progettazione rispetto alla curva di programma; o Avanzamento delle cantierizzazione rispetto alla curva programmata; o Avanzamento dei lavori rispetto alla curva programmata; o Avanzamento delle forniture rispetto alla curva programmata; o Avanzamento dei collaudi e dei programmi prove rispetto alla curva programmata; o Quadro di raggiungimento e rispetto delle Milestones di Progetto; Pagina 14 di 29

15 In particolare l analisi di dettaglio verrà organizzata attraverso la definizione di una WBS semplificata (denominata WBS di Reporting) che permette l aggregazione a Livello aggregato delle Opere, analizzandole dunque nell ottica funzionale (vista di insieme di stazioni e tratta) e non semplicemente disciplinare (ad esempio solo il sottosistema elettrico). Da questa aggregazione si ricaveranno tutti i Report che potranno essere usati anche per i non addetti ai lavori ai fini dell attivazione del processo di comunicazione sul Progetto. La struttura di controllo dei Tempi trova quali output la produzione di curve, tabelle ed istogrammi oltre che di apposite relazioni che sono riportate, in analogia alla strategia di reporting, nel Report mensile per quanto l analisi di stato e le relative criticità, nel Report Trimestrale per quanto riguarda l analisi previsionale e di tendenza. 3. GLI STRUMENTI CONTRATTUALI IL SISTEMA INFORMATIVO (REPORTING) 3.1 IL RAPPORTO DI INIZIO Il Rapporto di Inizio ha lo scopo di evidenziare a BSM lo stato di approntamento del personale e delle strutture del Servizio di PCM. Contrattualmente è previsto un solo invio, se ne offre dunque una vista molto specifica di come tale Report viene affrontato. L indice degli argomenti di tale Report, la cui struttura è stata ripresa e sviluppata per la gestione dei Report Bimestrali, è il seguente: Sez. A: Sintesi A1 Quadro sinottico degli impegni (ove si ha cura di evidenziare le principali scadenze ed impegni del PCM con specifico riferimento ai documenti contrattuali che normano il Servizio ed in particolare il Disciplinare di incarico) A2 Evidenze Pagina 15 di 29

16 (ove si ha cura di evidenziare i principali eventi e accadimenti che, seppure riferibili alla vita del Progetto e dunque più coerenti con la reportistica mensile, potevano avere influenze sull organizzazione del servizio) Sez. B: Avanzamento del Contratto PCM B1 Risorse PCM (con riferimento all organigramma di offerta si evidenziano le effettive attivazione dei servizi suddivise per Funzioni, così come è stato strutturato ed organizzato il PCM) B2 Missioni ed incontri (elenco di incontri caratterizzano l avvio delle attività) B3 Problemi affrontati ed azioni correttive (elenco di prime problematiche e relative azioni correttive che vengono codificate e monitorate fino al loro completo superamento) Sez. C: Attività speciali C1 Stato avanzamento sistema informativo (focus sullo stato di avanzamento dell implementazione del Sistema Informativo di Progetto) C2 Avviamento logistico (focus sulle attività di mobilitazione ed organizzazione dei mezzi di supporto per l erogazione del servizio) Sez. D: Allegati (rappresentazione grafica dell impiego delle risorse e rappresentazione di quadri sinottici di incontri sostenuti e previsti) Pagina 16 di 29

17 3.2 I RAPPORTI MENSILI Il Report Mensile è uno strumento sintetico che nasce a commento del Rapporto Mensile di Avanzamento di AMBS e vuole fornire una fotografia rappresentativa dello stato del progetto relativamente al periodo di riferimento. L ottica con cui è redatto tale documento è quella di illustrare, anche ad un utenza non tecnica, l andamento del Progetto. L emissione dei Report Mensili viene programmata di norma il 5 giorno lavorativo successivo alla ricezione del Rapporto Mensile di Avanzamento di AMBS. Con riferimento dunque agli impegni contrattuali di AMBS (entro 7 giorni dalla fine del periodo di riferimento), la consegna del Report del PCM viene al massimo prevista per la metà mese successiva al periodo di riferimento. Questa tempistica peraltro permetterà, nella maggior parte dei casi, di registrare lo stato economico del contratto aggiornato al periodo di riferimento appena concluso. Di seguito si illustra la struttura del Report suddivisa per sezioni, all interno delle quali varieranno i dettagli a seconda degli eventi relativi al periodo di riferimento. Sez. A: Sintesi Quadro generale del Progetto e avanzamento della produzione. Sez. B: Avanzamento tecnico del Contratto Quadro sulle attività di Progettazione, Autorizzazioni, Cantierizzazione, Costruzione, Forniture, Collaudi e sicurezza (per ogni disciplina viene analizzato lo stato di avanzamento riferito alle baseline di programma e vengono evidenziate eventuali criticità con le relative proposte di risoluzione) Sez. C: Avanzamento economico - finanziario del Contratto Pagina 17 di 29

18 Quadro sullo stato economico e finanziario del Progetto, stato dei pagamenti, evoluzione economico-finanziaria, stato dei contratti, non conformità e riserve. (Risulterà importante la gestione ed il controllo dello stato di aggiornamento delle non conformità e delle riserve, elementi di controllo che generano forbici tra le curve di produzione e valore economico della stessa) Sez. D: Allegati (alla presente struttura potrebbe aggiungersi qualche allegato ritenuto significativo per il periodo di riferimento) ALLEGATO A : Report gestione economico finanziaria del Progetto ALLEGATO B : Quadro sinottico del sub-appalto ALLEGATO C : Rapporto fotografico ALLEGATO D : Quadro Sinottico delle Riserve 3.3 I RAPPORTI BIMESTRALI Il Report Bimestrale è un documento descrittivo delle attività del PCM esso si concentra sulle iniziative messe in atto dal PCM per la risoluzione delle problematiche emerse. L emissione dei Rapporti Bimestrali viene programmata di norma il 28 del secondo mese di riferimento (riferimento alla data effettiva di validità del contratto di PCM). Di seguito si illustra la struttura del Report suddivisa per sezioni, all interno delle quali varieranno i dettagli a seconda degli eventi relativi al bimestre di riferimento. Sez. A: Sintesi Quadro generale attività del PCM e messa in evidenza degli aspetti rilevanti Sez. B: Avanzamento del Contratto PCM Pagina 18 di 29

19 Quadro dell Avanzamento Lavori interno al PCM, programmazione attività, individuazione criticità e azioni correttive Sez. C: Attività speciali (questa sezione verrà aggiornata e modificata con i temi che si riterrà di evidenziare poiché impattanti sull attività del PCM) Sez. D: Allegati Allegati di vario tipo atti a supportare le evidenze emerse nel Report 3.4 I RAPPORTI TRIMESTRALI Tale strumento è il più tecnico dei Report, è redatto a servizio di un utenza specifica e contiene un analisi di dettaglio delle attività di programmazione e dell avanzamento lavori, completato da previsioni a finire e da un analisi dei rischi L emissione dei rapporti trimestrali viene programmata di norma il 28 del terzo mese di riferimento (riferimento alla data effettiva di validità del contratto di PCM) a partire dal sesto mese dall avvio del contratto di servizi. Di seguito si illustra la struttura del Report suddivisa per sezioni, all interno delle quali varieranno i dettagli a seconda degli eventi relativi al trimestre di riferimento. Sez. A: Analisi Quadro generale dello Stato dei Lavori per macro aree (Descrizione dello stato di fatto e delle condizioni in cui versa la realizzazione del Metrobus) Sez. B: Sintesi Resa dei Lavori, valutazione ed interpretazione degli indici di controllo. (Valutazione sulla base di rese ed indici di controllo) Pagina 19 di 29

20 Sez. C: Proiezioni Tracciamento Linee di tendenza (estendendo la situazione attuale secondo una presumibile tendenza lineare si descrive l andamento prossimo con uno zoom out coerente con la tempistica del report in questione) ed Evoluzioni a lungo termine (alla luce della nuova prospettiva tracciata dalle linee di tendenza si studia la situazione e se ne delinea un sunto) Sez. D: Rischi Criticità tempi (rilevamento di ritardi incidenti e non sempre relativi al trimestre di riferimento) e criticità costi (rilevamento di maggiori o minori oneri incidenti e non) Sez. E: Allegati Allegati di vario tipo atti a supportare le evidenze emerse nel Report e nel trimestre di riferimento 3.5 I RAPPORTI FINALI SINTESI DELLO SVILUPPO DEL PROGETTO L emissione di questa tipologia di Report contrattualmente viene prevista al completamento di ciascun Sub-Lotto, così come definiti ed identificati nei documenti contrattuali ed in particolare nell addendum al contratto tra BSM ed AMBS. Vista la periodicità mensile dei Report e la sostanziale sovrapposizione di parte dei contenuti richiesti, questo Report verrà integrato, avendo cura di darne evidenza, nell ambito dell emissione del primo Report mensile successivo all avvenuto completamento del relativo sub-lotto che coincide, sul programma lavori, al raggiungimento di una Milestones contrattuale. Pagina 20 di 29

21 La scelta di operare in questo modo è derivata dal fatto che il sub-lotti non sono delle unità fisiche distinte (scomposizione o lottizzazione di dettaglio del Progetto ) ma delle Milestones (tempi parziali di esecuzione). Secondo tale lettura dunque verranno monitorate RAPPORTO FINALE DELLA COSTRUZIONE All emissione del certificato di collaudo provvisorio delle opere (termine delle attività di costruzione), sarà emesso un documento il cui contenuto sarà concordato col Committente e che comunque conterrà almeno l elenco di tutti i documenti inerenti il Progetto ed una relazione del Direttore dei Lavori RAPPORTO FINALE DEL PROGETTO All emissione del certificato di collaudo definitivo (termine delle attività di conduzione tecnica e manutenzione), sarà emesso un documento il cui contenuto sarà concordato col Committente e che comunque conterrà un elenco di tutti i documenti inerenti il Progetto. 4. GLI STRUMENTI OPERATIVI Di seguito vengono indicati gli strumenti operativi previsti da questa funzione al fine di gestire il sistema di Project Control secondo le finalità e le indicazioni previste dalla presente Procedura, aderente alle indicazioni contrattuali. 4.1 LE RIUNIONI DI COORDINAMENTO DEL PCM Sono istituite delle riunioni di coordinamento interne al PCM con frequenza mensile aventi i seguenti obiettivi: Pagina 21 di 29

22 Analizzare e commentare i principali eventi del periodo al fine di segnalare eventuali criticità e proposte di risoluzione nel successivo Report mensile e/o, in caso di particolare urgenza, predisporre specifiche note informative; Coordinare le varie Funzioni secondo la strategia concordata tra Coordinatore generale del PCM e BSM al fine di rendere sinergici gli interventi; Coordinare l attività e semplificare le interfacce informative verso l esterno limitando il numero di interlocutori necessari per ogni riunione. Alle riunioni partecipano: o Il Coordinatore Generale del PCM o I Responsabili di Funzione o I Tecnici di volta in volta convocati in funzione della necessità Per ogni riunione verrà compilato un verbale che diverrà lo strumento vivo di verifica ed aggiornamento dello stato di evoluzione delle discussioni/decisioni. 4.2 LE RIUNIONI DI COORDINAMENTO E RIESAME DELLA PROGRAMMAZIONE Sono istituite delle riunioni di coordinamento specialistiche con frequenza almeno mensile aventi i seguenti obiettivi: Analizzare in dettaglio le informazioni inerenti la programmazione di tempi e costi; Monitorare ed anticipare eventuali ritardi istaurando un costante contraddittorio tra le parti; Sviluppare programmi di dettaglio e/o programmi di recupero; Alle riunioni partecipano: o Il Responsabile del PC del PCM o un suo delegato Pagina 22 di 29

23 o Il Responsabile della pianificazione di AMBS o un suo delegato Alla riunione sono invitati anche i tecnici di BSM qualora fossero interessati agli argomenti oggetto della riunione. Per ogni riunione verrà compilato un verbale che diverrà lo strumento vivo di verifica ed aggiornamento dello stato di evoluzione delle discussioni/decisioni. Il verbale verrà trasmesso dal PCM a BSM ed a AMBS. 4.3 I PROGRESS REVIEW MEETINGS Sono istituite delle riunioni di coordinamento strategico con frequenza almeno mensile aventi i seguenti obiettivi: Identificare e monitorare lo stato di tutte le problematiche del Progetto; Discutere e condividere strategie di Progetto; Semplificare la comunicazione delle Parti; Alle riunioni partecipano: o Il Coordinatore Generale del PCM; o I Responsabili di Funzione del PCM; o Il Responsabile del contratto di BSM; o Il Responsabile del contratto di AMBS. Alla riunione sono invitati anche i tecnici delle parti qualora fossero interessati dagli argomenti oggetto della riunione. Per ogni riunione verrà compilato un verbale che diverrà lo strumento vivo di verifica ed aggiornamento dello stato di evoluzione delle discussioni/decisioni. Pagina 23 di 29

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base)

ISIPM Base. Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) ISIPM Base Project Management epmq: Project Management Fundamentals (ISIPM Base) Gruppo B Conoscenze Tecniche e Metodologiche Syllabus da 2.1.1 a 2.7.1 1 Tema: Gestione Ambito del Progetto e Deliverable

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE

SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE SISTEMA INFORMATIVO INPDAP SERVIZI E PROGETTI PER L'INTEGRAZIONE DEL SISTEMA MODALITÀ DI COLLAUDO DEL SOFTWARE Pag. I INDICE 1. INTRODUZIONE...1 1.1 SCOPO DEL DOCUMENTO...1 1.2 AREA DI APPLICAZIONE...1

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

Il Progetto e il Project Management

Il Progetto e il Project Management Il Progetto e il Project Management Metodologie di Specifica del Software Per contattare il docente Dr. Anna Rita Laurenzi email: annarita.laurenzi@insiel.it cell.+39 3356368206 Agenda Progetto e Project

Dettagli

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA

SPECIFICA DI ASSICURAZIONE QUALITA 1 di 8 1 PRESCRIZIONI PER LA GESTIONE DI SERVIZI DI PROGETTAZIONE SULLA BASE DI DOCUMENTI DI 2 Parte Titolo 3 PARTE I I.1 PREMESSA I.2 SCOPI I.3 PRESCRIZIONI RELATIVE ALL'ORGANIZZAZIONE AZIENDALE DELLA

Dettagli

Piastra Logistica Integrata Porto di Taranto IL CONTROLLO DEL PROGETTO E DELLA REALIZZAZIONE DELLE OPERE - PROGRAMME MANAGEMENT-

Piastra Logistica Integrata Porto di Taranto IL CONTROLLO DEL PROGETTO E DELLA REALIZZAZIONE DELLE OPERE - PROGRAMME MANAGEMENT- Piastra Logistica Integrata Porto di Taranto STRADA DEI MOLI PIATTAFORMA LOGISTICA VASCA DI COLMATA DARSENA OVEST IV SPORGENTE IL CONTROLLO DEL PROGETTO E DELLA REALIZZAZIONE DELLE OPERE - PROGRAMME MANAGEMENT-

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3

IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) LABORATORIO INTEGRATO DI COSTRUZIONE E PRODUZIONE LEZIONE 3 IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE: TECNICHE DI SCOMPOSIZIONE DI UN PROJECT (WBS) IL PROCESSO TECNICO DI PIANIFICAZIONE Un progetto è un insieme complesso di numerose attività finalizzate al raggiungimento

Dettagli

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica

CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica CAP04 Gestione del Processo di Consulenza Tecnica 1 di 7 INDICE 1 Pianificazione della realizzazione del prodotto... 2 2 Processi relativi al cliente... 2 2.1 Analisi dei bisogni, determinazione dei requisiti

Dettagli

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3)

Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management. Work Breakdown Structure (WBS) (2) Work Breakdown Structure (WBS) (3) Work Breakdown Structure (WBS) (1) Strumenti del Project Management Work Breakdown Structure, Organizational Breakdown Structure, GANTT, Pert È una illustrazione (grafica) del progetto che articola il

Dettagli

La gestione manageriale dei progetti

La gestione manageriale dei progetti PROGETTAZIONE Pianificazione, programmazione temporale, gestione delle risorse umane: l organizzazione generale del progetto Dimitri Grigoriadis La gestione manageriale dei progetti Per organizzare il

Dettagli

SERVIZI DI PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT. 2008 Revisione Giugno 2007 02. Revisione Aprile 2005 01

SERVIZI DI PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT. 2008 Revisione Giugno 2007 02. Revisione Aprile 2005 01 Committente: Progetto: METROBUS BRESCIA METROPOLITANA MILANESE SPA MANDATARIA R.T.I. SERVIZI DI PROJECT & CONSTRUCTION MANAGEMENT CODICE WBS DI CONTRATTO CODICE PRODOTTO FASE SOCIETÀ MANDATARIA RTI Metropolitana

Dettagli

Il Project Management

Il Project Management Il Project Management con l ausilio di strumenti informatici A cura di Paolo Tateo Il Project Management Tecnica per la gestione sistemica di un'impresa complessa, unica e di durata determinata, rivolta

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE, AVVIO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ RESE DA ARPA PIEMONTE A TITOLO ONEROSO INDICE Art. 1 - Premessa...2 Titolo I - DISPOSIZIONI GENERALI...2 Art. 2 - Oggetto e ambito

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE TRIENNIO 2015-2017 Il Ciclo di gestione della valutazione dei risultati: le fasi. pag. 2 a) definizione e assegnazione degli obiettivi che si intendono

Dettagli

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico

Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico wwwisipmorg Applicazione delle metodologie di Project Management in ambito pubblico Arch Eugenio Rambaldi Presidente ISIPM Istituto Italiano di Project Management wwwisipmorg Intervento all interno del

Dettagli

Gestione dei Progetti (2005-2006)

Gestione dei Progetti (2005-2006) Gestione dei Progetti (2005-2006) Alessandro Agnetis DII Università di Siena (Alcune delle illustrazioni contenute nella presentazione sono tratte da PMBOK, a guide to the Project Management Body of Knowledge,

Dettagli

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI

GESTIONE ACQUISTI E FORNITORI rev. 02 Data: 30-09-2009 pag. 1 11 SOMMARIO 1. PIANIFICAZIONE... 2 1.1. SCOPO DELLA PROCEDURA GESTIONALE... 2 1.2. OBIETTIVI E STANDARD DEL PROCESSO... 2 1.3. RESPONSABILITÀ E RISORSE COINVOLTE... 2 2.

Dettagli

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice

IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice IL PROJECT MANAGEMENT Project Manager, gestione dei progetti, standard ISO 21500 e best practice CORSO DI ALTA FORMAZIONE 38 ORE IN AULA 8 Moduli Didattici Roma, dal 13 novembre al 5 dicembre 2015 Hotel

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI

LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI LA MISURA DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA AGLI UTENTI Gruppo di monitoraggio INAIL Abstract È illustrata l esperienza INAIL di monitoraggio di contratti di servizi informatici in cui è prevista l assistenza

Dettagli

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali.

Project Management. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Tecnologie dell Informazione applicate ai processi aziendali. Corso Sistemi Informativi Aziendali, Project Management. di Simone Cavalli (simone.cavalli@unibg.it) Bergamo, Maggio 2010 Project Management: definizioni Progetto: Progetto si definisce, di regola, uno

Dettagli

Disciplinare del Controllo di gestione

Disciplinare del Controllo di gestione Disciplinare del Controllo di gestione INDICE CAPO I - PRINCIPI E FINALITA ART. 1 Oggetto del Disciplinare pag. 3 ART. 2 Il controllo di gestione pag. 3 CAPO II - CONTABILITA ANALITICA ART. 3- Organizzazione

Dettagli

SPECIFICA TECNICA INDICE DELLA SPECIFICA. Servizio: Gestione utenze

SPECIFICA TECNICA INDICE DELLA SPECIFICA. Servizio: Gestione utenze Pagina 1 di 5 INDICE DELLA 1 SCOPO 2 APPLICABILITÀ 3 RIFERIMENTI 4 RESPONSABILITÀ 5 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 6 CRITICITA, INDICATORI ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO 7 ALLEGATI REVISIONI Data 14/01/2004 26/07/2005

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO Premessa ALLEGATO A del Capitolato Speciale d Appalto DISCIPLINARE TECNICO L Azienda Sanitaria Provinciale di Catanzaro (di seguito anche ), con la presente procedura intende dotarsi di un Sistema

Dettagli

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da

PROCEDURA PR.07/03. Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE. Verificato da PROCEDURA PR.07/03 Progettazione e sviluppo software STATO DI REVISIONE NUMERO REVISIONE DATA Emesso da DT Fabio 0 15/07/03 Matteucci 1 22/12/03 Fabio Matteucci 2 Verificato da Rappresentante della Direzione

Dettagli

DISCIPLINARE TECNICO

DISCIPLINARE TECNICO DISCIPLINARE TECNICO per l affidamento del servizio di analisi e progettazione del sistema di programmazione, di bilancio e controllo dell I.N.A.F. Pagina 1 di 10 INDICE DEI CONTENUTI ARTICOLI Pag. 1 Premessa...

Dettagli

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt

Scope Management. IT Project Management. Lezione 3 Scope Management. Monitoring del progetto (Earned Value) Creazione diagrammi Pert/CPM/Gantt IT Project Management Lezione 3 Scope Management Federica Spiga A.A. 2009-2010 1 Check list del PM Identificare i requisiti del cliente Monitoring del progetto (Earned Value) Identificare i deliverable

Dettagli

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto

Lesson learned esperienza di attivazione PMO. Il Modello e i Processi a supporto Lesson learned esperienza di attivazione PMO Il Modello e i Processi a supporto Indice Il contesto di riferimento Il modello PMO ISS L integrazione nei processi Aziendali Lessons Learned Contesto di riferimento

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI

ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Allegato 4 ALLEGATO TECNICO PER L ACCREDITAMENTO DEGLI ORGANISMI DI FORMAZIONE CERTIFICATI Il presente Allegato tecnico, rivolto a tutti gli Enti di formazione già certificati secondo la norma internazionale

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2

PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA D INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2 20696 REGIONE PUGLIA. STRUTTURA DI GESTIONE PO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA DI INTERVENTO 1.5 AZIONE 1.5.2 CODICE OPERAZIONE ALLEGATO N.1 AL DISCIPLINARE PROGRAMMA OPERATIVO FESR 2007-2013 ASSE I - LINEA

Dettagli

Agenzia per l Italia Digitale CAPITOLATO TECNICO PER

Agenzia per l Italia Digitale CAPITOLATO TECNICO PER CAPITOLATO TECNICO PER L AFFIDAMENTO DI SERVIZI PROFESSIONALI DI CONSULENZA METODOLOGICA E ORGANIZZATIVA NELL AMBITO DEL PROGETTO Documento Versione Data di rilascio Capitolato tecnico 1.0 4 marzo 2013

Dettagli

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune.

B1 LA PROGETTAZIONE. PROGRAMMA: gruppo di progetti con un obiettivo comune. ATTIVITÀ ORDINARIA : operazione svolta periodicamente con obiettivo implicito e tempi, risorse e costi standard (Es.di Attività Ordinaria: buste paga, pagamento fornitori) PROGETTO : ha un obiettivo esplicito

Dettagli

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE

D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZATIVO, CRITERI E MODALITÀ DI VALUTAZIONE PROCEDURA DI SELEZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA GESTIONE DEL SERVIZIO DEL GIOCO DEL LOTTO AUTOMATIZZATO E DEGLI ALTRI GIOCHI NUMERICI A QUOTA FISSA Allegato D ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE

Dettagli

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT

Il ciclo di progetto focus su. Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT Il ciclo di progetto focus su Fase di Pianificazione o Formulazione Work Breakdown Structure Diagramma di GANTT Diagramma di PERT analisi periodica e finale di: efficienza, efficacia, impatto atteso, sostenibilità

Dettagli

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA

RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA ALLEGATO RICHIESTE INSERITE NELLA SCHEDA DI CONTROLLO CON RIFERIMENTO AL CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA CONTROLLO INTERNO SULL INFORMATIVA FINANZIARIA Premessa. Le risposte alle domande

Dettagli

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico

Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione. ALLEGATO IV Capitolato tecnico Presidenza della Giunta Ufficio Società dell'informazione ALLEGATO IV Capitolato tecnico ISTRUZIONI PER L ATTIVAZIONE A RICHIESTA DEI SERVIZI DI ASSISTENZA SISTEMISTICA FINALIZZATI ALLA PROGETTAZIONE E

Dettagli

Il project management: tecniche e strumenti

Il project management: tecniche e strumenti 122109CFC1209_0982a0987.qxd 30-11-2009 8:47 Pagina 982 pianificazione, finanza Il project management: tecniche e strumenti Le fasi: tre momenti fondamentali Fabrizio Bencini Dottore commercialista, Partner

Dettagli

Offerta tecnica. Allegato III Modelli di documentazione

Offerta tecnica. Allegato III Modelli di documentazione Offerta tecnica Allegato III Modelli di documentazione Gestione, sviluppo e manutenzione dell architettura software di Business Intelligence in uso presso Cestec S.p.A. Redatto da Omnia Service Italia

Dettagli

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE

MANUALE DELLA GESTIONE AMBIENTALE COPERTINA MGA rev. n.01 del 08-11-2007 AMI S.p.A. MANUALE DELLA GESTIONE SECONDO LA NORMA UNI EN ISO 14001 Emesso da: Responsabile gestione ambientale Approvato da: Direzione Generale Cap. 0 - Pag. 1 di

Dettagli

Corso di estimo D 2004/2005

Corso di estimo D 2004/2005 Corso di estimo D 2004/2005 Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente logiche per

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2011 M I P C U P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce

Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Corso di estimo D Prof Raffaella Lioce Cenni di project management - Crono-programma dei lavori PROJECT MANAGEMENT: definizione Il project management è l insieme di metodi e direttive fondamentalmente

Dettagli

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati

Scopo della WBS. La regola del 100% Orientamento ai risultati Le problematiche delle fasi del progetto CONCEZIONE ELABORAZIONE FINANZIAMENTO NEGOZIAZIONE ATTUAZIONE ATTUAZIONE - Definizione della successione delle attività esecutive - Allocare le risorse - Pianificare

Dettagli

Processi di contabilità analitica

Processi di contabilità analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Procedura Amministrativo-Contabile Contabilità Analitica Processi di contabilità analitica Processi di contabilità analitica PROCEDURA AMMINISTRATIVO-CONTABILE

Dettagli

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione :

I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione : Il Project Management nelle Aziende Sanitarie Tipologie di progetti nelle ASL-AOAO I progetti possono essere classificati a partire dalla dimensione di governo e dalla prerogativa sulla variabile programmazione

Dettagli

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI

CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI CONVENZIONE D INCARICO PROFESSIONALE PER LA DIREZIONE LAVORI E COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI DI Manutenzione della rete idrica e fognaria a servizio dell intero territorio

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE

LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE LA PIANIFICAZIONE DELLE ATTIVITA E IL WORK BREAKDOWN STRUCTURE La Work Breakdown Structure La WBS è uno strumento di pianificazione delle attività progettuali che comporta un lavoro di: 1) suddivisione

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ REV. 00 pagina 1/4 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ SOMMARIO A Impegno della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Economia e Organizzazione Aziendale (Edile) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria Gestionale, dell Informazione e della Produzione Corso di (Edile) Prof.ssa Maria Sole Brioschi Il (non) controllo dei costi di una commessa

Dettagli

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS

BtoWeb QS Caratteristiche e funzionalità: BtoWeb QS www.btoweb.it L unione tra il know-how gestionale e organizzativo maturato in oltre 12 anni di consulenza e l esperienza nell ambito dell informatizzazione dei processi ha consentito a Sinergest lo sviluppo

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE OBIETTIVI Master Breve di formazione personalizzata Il Master

Dettagli

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA

MANUALE di GESTIONE per la QUALITA Pagina 1 di 5 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE Scopo della presente sezione del MQ è definire le modalità e i criteri adottati dalla No Problem Parking spa per pianificare ed attuare i processi di misurazione

Dettagli

RSGQ DT DG. Indice. Causa della modifica. Redazione Verifica Autorizzazione Ed. Emissione. Revisione. al documento RG-RI28-IT-A00.

RSGQ DT DG. Indice. Causa della modifica. Redazione Verifica Autorizzazione Ed. Emissione. Revisione. al documento RG-RI28-IT-A00. Regolamento di Certificazione Integrativo per Organizzazioni operanti nel settore EA 28 (imprese di costruzione ed installazione) che richiedano la Certificazione dei Sistemi di Gestione Qualità conformi

Dettagli

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015

Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 Il Direttore DISCIPLINARE DEL PROCESSO DI BUDGET 2015 DEFINIZIONE DI BUDGET Il Budget è lo strumento per attuare la pianificazione operativa che l Istituto intende intraprendere nell anno di esercizio

Dettagli

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1

BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici. ALLEGATO 2 Offerta Tecnica. Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 BANDO ACQUISIZIONI Servizi Informatici ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA La busta B Gara per l affidamento di servizi informatici POR 2000/2006 misura

Dettagli

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*)

Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) a cura di - Coordinatore della Sezione Quadri Project Management e Controllo del Progetto - di Stefano Orlandi (*) L implementazione di un sistema di Project Management all interno della propria organizzazione

Dettagli

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE

24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE 24 Marzo 2010 3. REPORTING ECONOMICO - PATRIMONIALE IL SISTEMA DI REPORTING: DEFINIZIONI Il reporting è il processo sistematico di elaborazione ed analisi dei risultati di gestione (in particolare economici,

Dettagli

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Minimaster in PROJECT MANAGEMENT IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO Giovanni Francesco Salamone Corso Professionale di Project Management secondo la metodologia IPMA (Ipma Competence Baseline)

Dettagli

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO

IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO IV. TEMPI E RISORSE: STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE E CONTROLLO Dopo aver affrontato la prima stesura del POP, si deve passare piano al vaglio del committente per avere il via definitivo. Se OK Si procede

Dettagli

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici

La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici Appalti Pubblici La contabilità dei lavori a corpo negli appalti di lavori pubblici L articolo analizza nel dettaglio, per gli appalti di lavori pubblici stipulati a corpo, le modalità per la contabilizzazione

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO

SPECIFICHE TECNICHE DI SISTEMA TITOLO DOCUMENTO DIREZIONE EMITTENTE CONTROLLO DELLE COPIE Il presente documento, se non preceduto dalla pagina di controllo identificata con il numero della copia, il destinatario, la data e la firma autografa del Responsabile

Dettagli

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE E DEI SERVIZI CONNESSI

ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE E DEI SERVIZI CONNESSI ALLEGATO A CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE E DEI SERVIZI CONNESSI INDICE: 1. DEFINIZIONI... 3 2. OGGETTO DELL APPALTO... 4 3. CONSUMI STIMATI DI GAS NATURALE... 4 4. ATTIVAZIONE DELLA

Dettagli

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4

Indice. 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 LEZIONE LA GESTIONE DEI PROGETTI DOTT. GIUSEPPE IULIANO Indice 1 Evoluzione dell Idea di project management e definizione del progetto ----------------------4 1.1 La prima fase di impostazione ---------------------------------------------------------------------7

Dettagli

LINEE GUIDA DI BUDGET

LINEE GUIDA DI BUDGET Settore Controllo di Gestione LINEE GUIDA DI BUDGET Indice GLI OBIETTIVI DELLE LINEE GUIDA DI BUDGET... 3 IL BUDGET: DEFINIZIONE... 3 IL PROCESSO DI BUDGETING... 4 ASSEGNAZIONE... 4 PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE...

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE

ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITA NELLO STUDIO LEGALE 22 aprile 2015 ore 14:30 / 18:30 Sala della Fondazione Forense Bolognese Via del Cane, 10/a Presiede e modera Avv. Federico Canova Consigliere dell Ordine degli Avvocati di Bologna ANALISI,REVISIONEEIMPLEMENTAZIONEDIUNMODELLO

Dettagli

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Comune di Inverigo Provincia di Como SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE INDICE INTRODUZIONE TITOLO I FINALITA E PRINCIPI Art. 1 - Finalità e oggetto Art. 2 - Principi di riferimento

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006.

CONEGLIANO COMUNE DI. Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 211 del 10.04.2006. Data entrata in vigore: 27 aprile 2006. COMUNE DI Provincia di CONEGLIANO Treviso REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COSTITUZIONE E LA RIPARTIZIONE DELLA SOMMA INCENTIVANTE DI CUI ALL ARTICOLO 18 DELLA LEGGE 11 FEBBRAIO 1994, N. 109 e successive modifiche

Dettagli

BANDO ALLEGATO 2 Offerta Tecnica

BANDO ALLEGATO 2 Offerta Tecnica BANDO ALLEGATO 2 Offerta Tecnica Allegato 2: Offerta Tecnica Pag. 1 ALLEGATO 2 OFFERTA TECNICA PRESCRIZIONI TECNICHE Modalità di esecuzione e descrizione del Servizio Il Servizio integrato oggetto del

Dettagli

CAPITOLATO D ONERI CUP : E47H08000780002 CIG : 5820909E0D

CAPITOLATO D ONERI CUP : E47H08000780002 CIG : 5820909E0D CAPITOLATO D ONERI affidamento del servizio di direzione lavori, misurazione e contabilità, assistenza al collaudo, coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dei lavori di realizzazione del LAVORI

Dettagli

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO

SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO Allegato SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL PROCESSO E DEGLI STRUMENTI DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE NEL COMUNE DI VEDUGGIO CON COLZANO a) Ciclo della performance Il sistema di misurazione e

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione

Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Linee guida alla compilazione del Modello on line C Unione Europea Ministero dell Interno Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione Fondo Europeo per i Rifugiati Fondo Europeo per i Rimpatri

Dettagli

TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO

TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO AUTORE: LUCA CRIVELLARO TITOLO: L ESPERIENZA DEL CANTIERE DI EXPO VILLAGE, PRESSO L AREA DI CASCINA MERLATA MILANO 1. Introduzione e Dati di progetto 2. Complessità del progetto e criticità 3. Analisi

Dettagli

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI

ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DEL LAZIO E DELLA TOSCANA M. ALEANDRI ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTAL ALLEGATO 4 CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO PER ANNI 3 DEL SERVIZIO DI BROKERAGGIO

Dettagli

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT.

SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. Cod. Figure professionali q.tà gg.uu. Riepilogo di Progetto 1.092 SCHEDULAZIONI RIEPILOGATIVE E CONFRONTO DI: - FASI E ATTIVITA' DEL WBS; - PRODOTTI; - COMPITI; - RISORSE PROFESSIONALI; - EFFORT. 001 Comitato

Dettagli

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP

Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica. Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Dipartimento per la Programmazione e il Coordinamento della Politica Economica Monitoraggio degli investimenti pubblici: il Sistema MIP-CUP Gennaio 2010 M I P G17H03000130011 Sistema Monitoraggio Investimenti

Dettagli

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ

PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ AZIENDA SANITARIA LOCALE TO1 - SC MEDICINA LEGALE TO1 - OBITORIO CIVICO PROCEDURA PR03 - Documentazione e Registrazioni del SGQ Edizione 2 Approvata dal Direttore della SC Medicina Legale Emessa dal Referente

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30

Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 Bologna 8, 13 e 15 luglio 2015 ore 14:30 / 18:30 ANALISI, REVISIONE E IMPLEMENTAZIONE DI UN MODELLO ORGANIZZATIVO IN QUALITÀ NELLO STUDIO LEGALE ACEF Associazione Culturale Economia e Finanza è lieta di

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE. Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0. Gestione. Pianificazione e gestione del progetto Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria INGEGNERIA DEL SOFTWARE Paolo Salvaneschi A6_1 V2.0 Gestione Pianificazione e gestione del progetto Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

CORSO PROJECT MANAGEMENT PRIMA PARTE

CORSO PROJECT MANAGEMENT PRIMA PARTE CORSO PROJECT MANAGEMENT PRIMA PARTE METODI E STRUMENTI DI PROJECT MANAGEMENT E DESIGN MANAGEMENT NEGLI APPALTI DI PROGETTAZIONE, DI COSTRUZIONE E IMPIANTISTICI, PUBBLICI E PRIVATI Argomento Contenuti

Dettagli

Allegato 1. Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche

Allegato 1. Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche Allegato 1 Descrizione dei dati da detenere e trasmettere alla Banca Dati delle Amministrazioni Pubbliche INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DATI DA detenere e TRASMETTERE ALLA BANCA DATI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE...

Dettagli

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA

AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER IL COFINANZIAMENTO A PROGETTI STRATEGICI DI R&S IN MATERIA DI ICT E MECCANICA AVANZATA RELAZIONE TECNICA AVVERTENZA AI FINI DELLA COMPILAZIONE: La presente

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM

Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM Work Breakdown Structure Diagramma di Gantt PERT/CPM C. Noè WBS Si tratta di uno strumento di supporto alla scomposizione analitica di un progetto in tutte le sue parti. Ciò facilita l attribuzione di

Dettagli

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013

INTERNAL AUDIT. Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013. Roma, Novembre 2013 INTERNAL AUDIT Rapporto di Audit Conclusivo anni 2012-2013 Roma, Novembre 2013 2 Premesse Il presente documento risponde all esigenza di dare adeguata informazione al vertice aziendale sulle attività svolte

Dettagli

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione

Piccola dimensione Limitata formalizzazione Stili personali e culturali poco favorevoli alla formalizzazione BUDGET Parole chiave Il processo di programmazione e controllo di gestione come strumento di governo delle organizzazioni Il processo di programmazione e controllo di gestione rappresenta quel processo

Dettagli

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03

MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 MANSIONARIO DELL AGENZIA FORMATIVA ALL.03 Pagina 1 di 7 DATA I EMISSIONE: 12/01/2008 Resp. Redazione RGSQ Resp. Verifica RGSQ Resp. Approvazione DIR REVISIONI DATA MODIFICHE RESP. VERIFICA GESTIONE SISTEMA

Dettagli

CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING

CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Azienda Ospedaliera Universitaria Federico II CICLO PLANNING, BUDGET & REPORTING Allegato al Regolamento Procedure di Controllo Interno a cura dell U.O.C. Gestione Affari Generali 1 STRUMENTI DI LAVORO

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

Sistema di gestione per la qualità

Sistema di gestione per la qualità Revisione 04 Pag. 1 di 10 INDICE 1 OBIETTIVO... 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ... 2 3 PRINCIPI E STRUTTURA DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ E PER L ACCREDITAMENTO...

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare:

Determinazione dei requisiti relativi al servizio Lo Studio Legale Scuderi - Motta, per ciascun cliente si premura di determinare: ORIENTAMENTO AL CLIENTE PROCESSI RELATIVI AL CLIENTE Il nostro Studio Legale si impegna ad evadere ogni richiesta formulata dalla propria clientela entro i termini di legge, ovvero come concordati contrattualmente

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA'

AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO DI AMMINISTRAZIONE E CONTABILITA' Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 17.12.2001 1 CAPO I FINALITA E CONTENUTO

Dettagli

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE

CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE CODICE PER LA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI RICERCA, SELEZIONE ED INSERIMENTO DEL PERSONALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Art. 1 Principi generali...3 Art. 2 Regole generali di condotta per le procedure

Dettagli