MODULO INTERNAZIONALIZZAZIONE E ACCESSO A NUOVI MERCATI (LEZIONE 1) Massimo Foletti 10 ottobre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODULO INTERNAZIONALIZZAZIONE E ACCESSO A NUOVI MERCATI (LEZIONE 1) Massimo Foletti 10 ottobre 2012"

Transcript

1 INTERNAZIONALIZZAZIONE MODULO INTERNAZIONALIZZAZIONE E ACCESSO A NUOVI MERCATI (LEZIONE 1) Massimo Foletti 10 ottobre 2012

2 Indice del modulo 1. Internazionalizzazione (10 ott) 2. La situazione italiana (16 ott) 3. Il turismo (18 ott) 4. Case history (26 ott)

3 Indice della lezione odierna 1. Internazionalizzazione e globalizzazione 2. Marketing globale 3. Accesso a nuovi mercati

4 Origini

5 INTERNAZIONALIZZAZIONE E GLOBALIZZAZIONE 1

6 INTERNAZIONALIZZAZIONE definizione e storia F A S E 1 D I I N T E R N A Z I O N A L I Z Z A Z I O N E E G L O B A L I Z Z A Z I O N E

7 Definizione Internazionalizzazione Con questo termine s intende la crescita di imprese sui mercati esteri Da non confendere con la globalizzazione che è una situazione radicalmente nuova rispetto al passato in cui le diverse situazioni e specificità economiche, produttive, sociali e culturali possono entrare in interazione, in comunicazione a scala mondiale e, grazie alla diffusione di conoscenze, tecnologie e informazioni, diventare parti interconnesse di un sistema più ampio.

8 La globalizzazione L internazionalizzazione non va confusa con la globalizzazione che è una situazione radicalmente nuova rispetto al passato in cui le diverse situazioni e specificità economiche, produttive, sociali e culturali possono entrare in interazione, in comunicazione a scala mondiale e, grazie alla diffusione di conoscenze, tecnologie e informazioni, diventare parti interconnesse di un sistema più ampio.

9 Internazionalizzazione e globalizzazione Globalizzazione non significa standardizzazione. Infatti, non sono veri i seguenti assunti Mercato mondiale= prodotto globale In realtà non esiste un vero mercato globale, ma segmenti di mercato che hanno tale scala Prodotto globale=prodotto standardizzato Vero solo se il vantaggio competitivo fosse perseguito solo con economie di scala (e.d.s. sono condizione necessaria ma non sufficiente,la diversificazione riveste ruolo importante) Prodotto globale=bene di consumo In realtà i beni intermedi e industriali hanno alta globalizzazione, differenziandosi fra standardizzati e su misura Esiste omogeneità dei modelli di consumo, ma rimane alta la varietà delle domande in base alle differenze locali

10 Breve storia dell internazionalizzazione Inizio nel periodo con forte aumento degli scambi internazionali (Rafforzamento delle principali potenze europee, colonie) Interruzione per le 2 guerre mondiali Ripresa nel 1960 tramite imprese statunitensi (maggiore tecnologia) Strumento in questa fase IDE (investimenti diretti all estero)

11 Breve storia dell internazionalizzazione : appaiono sul mercato mondiale le imprese europee e giapponesi Modello europeo: simile al modello USA Modello Giapponese: nuovo modello, presenza di jointventure ed accordi, supporto delle banche. Scopo non invadere nuovi mercati ma trovare materie prime 1980:internazionalizzione delle imprese del terzo mondo (Brasile, India)

12 Scenario attuale Globalizzazione dei mercati mondiali Tendenze regionalistiche (es Comunità Europea, NAFTA etc..) che tendono a formare mercati omogenei al loro interno

13 FORME DELLA INTERNAZIONALIZZAZIONE F A S E 2 D I I N T E R N A Z I O N A L I Z Z A Z I O N E E G L O B A L I Z Z A Z I O N E

14 1. Internazionalizzazione mercantile L internazionalizzazione mercantile consiste nella semplice attività di esportazione L oggetto dell internazionalizzazione pertanto non è l impresa bensì, molto più semplicemente, la sua produzione Pertanto gli studiosi anglosassoni tendono a non considerare questa attività come vera e propria internazionalizzazione

15 2. Investimenti diretti esteri (IDE) Gli IDE consistono in creazione di sussidiarie estere attraverso: la costituzione ex novo nel paese di destinazione di filiali commerciali, stabilimenti, laboratori di ricerca o altro l acquisizione di business unit già operanti nel mercatoobiettivo Le sussidiarie possono avere natura: commerciale (uffici vendita) produttiva (stabilimenti) riguardare altre funzioni aziendali (ricerca, progettazione, ecc.) riguardare un mix di funzioni

16 3. Le nuove forme di internazionalizzazione Accordi equity acquisizione o scambio di partecipazioni azionarie joint venture (creazione di una nuova realtà) Accordi non equity licenze di produzione/vendita concessione di sfruttamento di marchi, brevetti accordi (di fornitura, distribuzione, altro) franchising altre forme di collaborazione

17 GLOBALIZZAZIONE F A S E 3 D I I N T E R N A Z I O N A L I Z Z A Z I O N E E G L O B A L I Z Z A Z I O N E

18 Globalizzazione è Il termine globalizzazione è utilizzato in modo molto generico per indicare l elevata interdipendenza che attualmente esiste tra le diverse economie nazionali. In parte la globalizzazione ha a che fare con la crescita del volume delle transazioni internazionali, ma è sbagliato ridurre il fenomeno alla crescita degli scambi. Come notato da molti studiosi, la quota relativa del valore degli scambi commerciali internazionali sul prodotto interno dei diversi paesi attualmente non è particolarmente elevata rispetto al passato. Il commercio internazionale negli anni novanta non è stato molto più grande, come quota del prodotto mondiale, rispetto al secolo precedente. Ad esempio negli USA nel 1993 la spesa per importazioni è stata pari all 11 per cento del reddito lordo interno, contro un valore dell 8% nel 1890.

19 Aziende internazionali Le economie nazionali sono interdipendenti non in virtù dei flussi di commercio internazionale, ma soprattutto in virtù delle strategie delle grandi imprese multinazionali. Agli inizi degli anni ottanta le dinamiche competitive interne a molti settori produttivi portarono ad una elevata concentrazione ed al conseguente bisogno delle imprese di espandere il proprio mercato di riferimento. La ricerca di nuovi mercati da colonizzare, il perseguimento di strategie di vantaggio di costo ottenuto con la delocalizzazione degli impianti in paesi a minor costo della manodopera e con ridotti standard ambientali, il processo di finanziarizzazione teso a sfruttare le opportunità di rendita offerte dalla riconfigurazione dei mercati finanziari su scala internazionale, hanno portato le grandi imprese ad operare, sia in termini di attività di vendita che di investimento e finanziamento, in qualsiasi parte del mondo offrisse loro le migliori opportunità.

20 Libertà di manovra Mano a mano che il raggio di azione delle grandi imprese transnazionali si è diffuso oltre il paese di origine, queste hanno chiesto (e ottenuto) alle istituzioni nazionali e sopranazionali garanzie via via maggiori sulla propria libertà di azione. Il rischio di impresa aumenta con l aumentare delle turbolenze e dell instabilità del quadro di riferimento istituzionale e pertanto le grandi imprese da sempre si sono assicurate posizioni eccellenti come lobby e gruppi di pressione capaci di influire sulle scelte di politica economica e sociale dei governi. In un contesto globale le grandi imprese hanno sostenuto e guidato lo sviluppo di organismi internazionali capaci di stabilizzare il quadro di riferimento istituzionale ed orientarne le regole a favore delle attività dei grandi capitali.

21 Governo sopranazionale In definitiva, aumento degli scambi commerciali, raggio di azione sopranazionale delle grandi imprese, cessione ad una organizzazione sopranazionale della politica commerciale da parte dei singoli stati nazionali, sono i principali elementi che denotano il fenomeno della globalizzazione. A tali tre elementi ne va tuttavia aggiunto un quarto, quello della standardizzazione dei modelli di consumo (e insieme ad essi dei modelli culturali e di organizzazione sociale) indotto dalle strategie produttive e di marketing delle grandi imprese transnazionali.

22 WTO F A S E 4 D I I N T E R N A Z I O N A L I Z Z A Z I O N E E G L O B A L I Z Z A Z I O N E

23 WTO (World Trade Organization) OCM (Organizzazione del Commercio Mondiale) In parte il WTO è il frutto di tali dinamiche e la sua istituzione ha segnato effettivamente il passaggio ad una economia globale largamente intesa, vale a dire dove la dimensione globale (e sopranazionale) domina formalmente e di diritto su quella locale (e nazionale

24 Nascita WTO Nasce nel 1994 con il trattato di Marrakech che costituisce insieme il documento della nascita ufficiale del WTO e l atto finale dell Uruguay Round, l ultima serie di negoziati (iniziata nel 1986) del Gatt. Il Gatt (General Agreement on Tariffs and Trade, o accordo generale sulle tariffe doganali ed il commercio) fu istituito nel 1948 ed ha costituito un tavolo di contrattazione multilaterale permanente per la riduzione progressiva dei diritti doganali sui prodotti di manifattura. In 45 anni i paesi membri ed i loro esperti, riunitisi in occasione di round o cicli successivi di negoziati (Kennedy, Tokyo, Uruguay, ecc.) sono riusciti ad abbassare le tariffe doganali del 40-50%, fino ad una soglia del 4-5%. John Maynard Keynes, l artefice della Banca mondiale e del FMI, aveva preparato prima della sua morte (1946) il terreno per un organizzazione internazionale del commercio (ITO). Gli statuti dell ITO furono effettivamente negoziati e la Carta dell Avana, che li promulgava, fu firmata da 56 paesi in occasione di una conferenza internazionale tenutasi a Cuba nel 1947/48. Gli Stati Uniti tuttavia rifiutarono di ratificarla. Ciò che sopravvisse fu solo il capitolo IV di questa carta, che è il noto GATT (General Agreement on Tariffs and Trade, o accordo generale sulle tariffe doganali ed il commercio).

25 Regolamentazione sovranazionale Il trattato di Marrakech nelle sue oltre seicento pagine definisce statuto e funzionamento della nuova organizzazione per il commercio mondiale e pone in una sola volta, e con rare eccezioni, tutti i campi dell attività umana sotto il condizionamento immediato o programmato della nuova organizzazione. Il WTO segna un passaggio epocale nelle politiche di commercio internazionale, e nella politica internazionale in generale, grazie a due elementi: le norme definite dal WTO sono coercitive per una particolare materia rispetto alle norme nazionali (e il WTO definisce sanzioni e procedure di applicazione delle stesse in caso di defezione); rispetto al GATT, che si occupava delle attività manifatturiere, il WTO estende il suo campo di azione a pressappoco tutte le attività umane. Questi due elementi fanno del WTO una istituzione sopranazionale con ampi diritti di regolamentazione delle economie nazionali.

26 Paesi membri Current 153 members of the WTO (in green)

27 MARKETING GLOBALE 2

28 DEFINIZIONE F A SE 1 D I M A R K E T ING G LOBALE

29 Il Marketing globale Approccio di Marketing posto in essere dall Azienda per : identificare un bisogno del consumatore globale (uguale in tutto il mondo) sviluppare un prodotto ed un piano di Marketing che risponda a tale esigenza in ogni paese Oppure: Scelta strategica dell Azienda che decide di commercializzare lo stesso prodotto in maniera sostanzialmente identica in ogni paese del mondo.

30 Condizioni necessarie al successo del Marketing Globale 1. Consumatore Globale ovvero con lo stesso bisogno 2. Piano di comunicazione Efficace verso un ampia platea di consumatori in maniera ugale 3. Contesto Competitivo Globale, ovvero privo di competitori locali di grande rilievo 4. Organizzazione e Risorse Organizzazione globale e risorse finanziarie adeguate al lancio prodotto in tutto il mondo

31 IMPLICAZIONI ORGANIZZATIVE F A SE 2 D I M A R K E T ING G LOBALE

32 Implicazioni organizzative tra centro e periferia Ruolo Centrale Analizza I bisogni e le esigenze del consumatore Sviluppa Prodotto e Supply Chain Definisce Posizionamento, Prezzo e Pubblicità Definisce obiettivi di profitto e budget di marketing(anche locale) Ruolo Periferico Distribuisce il Prodotto localmente e definisce gli investimenti nella catena distributiva Fornisce input al piano di marketing centrale Esegue il Piano di Marketing centrale e sviluppa piano di marketing operativo Analizza I risultati e fornisce feedback

33 Implicazioni organizzative tra centro e periferia Centralizzazione spinta nel Decision Making Marketing Globale Grande importanza degli input che provengono dal Centro e dalla Perifiera per definire una strategia unica efficace Necessità di lavorare in Team internazionali per facilitare il dialogo tra Perifieria (dove si trova il consumatore e si esegue la Strategia di Marketing) e Centro (dove si definisce la strategia globale) Necessità di avere Talenti internazionali con conoscenza multi culturale

34 Vantaggi e limiti del Marketing Globale Vantaggi 1. Forti economia di scala in tutti I settori 2. Abbattimento costi di - Produzione - Marketing - Comunicazione - Organizzazione Limiti 1. Rischio di inefficacia locale per la standardizzazione di prodotto e comunicazione (distacco aziendaconsumatore) 2. Necessità di ingenti risorse finanziarie per lanciare il prodotto ovunque in 12 mesi 3. Rischio operativo nel caso di esistenza di Brand locali di successo

35 FASI DEL PROCESSO F A SE 3 D I M A R K E T ING G LOBALE

36 Fasi del Processo e attività centrali Phase 1 Phase 2 Phase 3 Funzione e posizionamento Sviluppo, Test e Produzione Comunicazione e Prezzo Phase 4 Potenziale economico MKTG Globale Phase 5 Marketing Operativo e Distribuzione Attività centrali Analisi dei bisogni del consumatore Ricerche di mercato sui paesi rappresentativi Analisi della concorrenza

37 Fasi del Processo e attività centrali Phase 1 Phase 2 Phase 3 Funzione e posizionamento Sviluppo, Test e Produzione Comunicazione e Prezzo Phase 4 Potenziale economico MKTG Globale Phase 5 Marketing Operativo e Distribuzione Attività centrali Sviluppo prodotto Ricerche di prodotto in key countries Variazioni di prodotto per adattamenti a paesi locali Localizzazione di siti produttivi Globali

38 Fasi del Processo e attività centrali Phase 1 Phase 2 Phase 3 Funzione e posizionamento Sviluppo, Test e Produzione Comunicazione e Prezzo Phase 4 Potenziale economico MKTG Globale Phase 5 Marketing Operativo e Distribuzione Attività centrali Sviluppo comunicazione pubblicitaria con agenzia globale Test della comunicazione in key countries Gestione e coerenza globale dell immagine e comunicazione Sviluppo comunicazione multimediale Definizione del prezzo netto Globale (che eviti arbitraggio, consideri il diverso purchasing power, massimizzi il profitto globale non locale)

39 Fasi del Processo e attività centrali Phase 1 Phase 2 Phase 3 Funzione e posizionamento Sviluppo, Test e Produzione Comunicazione e Prezzo Phase 4 Potenziale economico MKTG Globale Phase 5 Marketing Operativo e Distribuzione Attività centrali Test virtuali del progetto Potenziale di mkt share e fatturato Definizione investimenti capex e commerciali Calcolo ROI a 3-5 anni e profittabilità prospettica Prioritizzazione dei paesi per lancio prodotto

40 Fasi del Processo e attività centrali Phase 1 Phase 2 Phase 3 Funzione e posizionamento Sviluppo, Test e Produzione Comunicazione e Prezzo Phase 4 Potenziale economico MKTG Globale Phase 5 Marketing Operativo e Distribuzione Attività centrali Assegnazione obiettivi di fatturato, mkt share e investimento marketing locale (processo centralizzato o condiviso) Attività locali Piano media pubblicitari Promozione al consumo Gestione del canale distributivo

41 ACCESSO A NUOVI MERCATI 3 IL CASO JMAC

42 JMAC International Business Solutions JMAC International Business Solutions è la Business Unit di Jmac Europe nata con la missione di supportare le aziende italiane ed europee nei processi di Internazionalizzazione Servizi: valutazione strategica, disegno, pianificazione, implementazione di progetti di sourcing, delocalizzazione produttiva, sviluppo del mercato/vendita Aree target: Far East (Cina in particolare) Est Europa, attraverso partner locali

43 Il gruppo JMAC nel mondo JMA è un associazione di imprese fondata nel 1942 Raggruppa aziende giapponesi, incluse le più importanti Promuove lo sviluppo delle aziende con attività di consulenza, ricerca, formazione e supporto informativo Conta dipendenti JSTC Japan Society for Technical Communication JIOA Japan Institute of Office Automation JIPM Japan Institute of Plant Maintenance JMA Japan Management Association JMAC (società del Gruppo dedicata alla consulenza direzionale) è componente fondamentale del Gruppo JMA Ha una presenza internazionale in continua espansione 500 professionisti nel mondo 50 professionisti nella sede di Milano Japan Management Association Consultants Inc. Italia Francia Olanda Scandinavia JMAS Japan Management Association Systems Corporation JMAR Japan Management Association Research Institute Inc. JMAM Japan Management Association Management Centre Cina Thailandia Corea Stati Uniti 43

44 La visione L attuale scenario competitivo evidenzia la globalizzazione non come moda contingente, ma come cambiamento strutturale. I rischi della globalizzazione sono di due tipi: Starne fuori, mettendo a rischio la competitività e la crescita della propria azienda Internazionalizzare in modo non corretto sia dal punto di vista strategico che dal punto di vista operativo Le opportunità, viceversa, sono significative: sviluppo di nuovi mercati aumento della competitività attraverso la riduzione dei costi 44

45 Il processo di Internazionalizzazione 1/2 L analisi dei casi di successo e di insuccesso evidenzia come principali fattori critici: lo sbilanciamento verso la fase operativa a scapito della fase valutazione iniziale sul perché, cosa, come e dove internazionalizzare; la difficoltà a trovare partner affidabili nei risultati e nel tempo; la sottovalutazione di attività note nei tessuti industriali evoluti, ma che necessitano competenze locali, esperienza e attento controllo in paesi meno conosciuti. In sintesi i Fattori Chiave di Successo sono: definire con chiarezza gli obiettivi e il percorso di internazionalizzazione necessario; bilanciare l esigenza di velocità con un attenta valutazione dei rischi del progetto; affidarsi a professionisti con profonda conoscenza del paese target e presenza sistematica in loco.

46 Il processo di Internazionalizzazione 2/2 Impegno per l impresa Impegno corretto Impegno tipico Valutazione strategica e Business Plan Master Plan, Budget, ricerca Partner Implementazi one e Start Up Gestione Operatività Fasi del processo di internazionalizzazione Eccellenza di Profitti e Performance operative

47 L approccio proposto JMAC IBS ha la missione di aiutare il tessuto industriale Italiano in questo processo strategico ponendosi come partner concreto, esperto e affidabile per la Media e Piccola azienda Valori distintivi: vocazione internazionale del gruppo JMAC con presenza diretta, oltre che in Giappone e in Italia, in Cina (Shangai, Pechino), Thailandia (Bangkok), Europa (Parigi, Stoccolma), USA capacità di comprendere e supportare i bisogni sia strategici che operativi delle aziende capacità di gestire progetti complessi e quindi di proporsi come integratore e regista competenze sviluppate dai propri professionisti in numerosi progetti di internazionalizzazione Network di specialisti funzionali (project manager, buyer, quality controller, legali, fiscali, etc) italiani o locali, presenti nel paese target

48 L offerta: strategia, organizzazione e gestione dell iniziativa ATTIVITA Definizione della strategia di internazionalizzazione e del business plan Project management Partner e Manager selection Organizzazione e risorse operative CONTENUTI E OUTPUT Comprensione dei bisogni e delle specificità dell azienda Valutazione delle alternative disponibili (rischi e opportunità) e orientamento alla scelta Formulazione del business plan dell iniziativa Organizzazione / accompagnamento alle visite in loco Gestione operativa dell iniziativa (dal Basic design, all implementazione, start-up, messa a regime) Gestione dei rischi dell iniziativa Gestione del team (risorse del committente e soggetti locali) Rapporti con il committente (stati avanzamento progetto, controllo del budget) Rapporti con i soggetti locali (fornitori di prodotti e servizi, pubblica amministrazione) Ricerca e valutazione dell eventuale partner locale Ricerca e selezione dei manager locali/expatriates (direttore Generale, Operativo, Acquisti, Logistica, etc.) Training / coaching per i manager Disegno e Implementazione dell Organizzazione e dei Processi Definizione dei sistemi di Governo e Controllo Definizione delle Competenze e delle Job Description Recruiting e Training

49 L offerta: riduzione dei costi e sviluppo del business PROGETTO Acquisto di materiali, prodotti, servizi a basso costo (sourcing) CONTENUTI E OUTPUT Ricerca e valutazione fornitori, stima dei risparmi ottenibili Organizzazione e presidio della predisposizione campionatura Supporto alla definizione dei contratti Expediting/controllo qualità forniture e supporto ai problemi operativi in loco a rapporto avviato Definizione del network logistico ottimale (anche in funzione di vincoli e regolamentazioni locali) Ricerca e valutazione partner logistici (spedizionieri/sdoganatori/warehouse) Test del partner Supporto ai problemi operativi in loco a rapporto avviato Delocalizzazione / realizzazione di nuovi stabilimenti all estero (newplant) Selezione della localizzazione (Zone Economiche Speciali, altro) e del terreno Progettazione preliminare ed esecutiva del nuovo stabilimento Ricerca e selezione dei fornitori di impiantistica, Supporto alla definizione dei contratti Gestione dei rapporti con la PA locale ed esecuzione delle pratiche amministrative Accompagnamento all ottenimento delle Certificazioni Qualità/Ambiente/Sicurezza obbligatorie Project and Construction Management

50 L offerta: riduzione dei costi e sviluppo del business PROGETTO Miglioramento dei processi produttivi delle aziende con cui già si hanno rapporti di fornitura Sviluppo di nuovi mercati e delle vendite (sales) CONTENUTI E OUTPUT Interventi per il miglioramento della qualità dei materiali/prodotti approvvigionati (definizione delle specifiche di processo, identificazione attrezzature e dispositivi di controllo, affiancamento / training al personale) Interventi di supervisione/controllo delle attività di programmazione e gestione della produzione per il miglioramento dell affidabilità delle forniture (tempi) Supporto operativo per le problematiche tecniche, gestionali e amministrative nei rapporti con i fornitori. Analisi del mercato Progettazione e costruzione della rete di vendita e di distribuzione Ricerca dei partner di vendita e delle risorse Supporto alla definizione dei contratti

51 Il network J-IBS Supporto Legale Supporto Finanziario Relazioni con Enti Locali Location e Real Estate Progettazione (Ingegneristica, Architetturale, Impiantistica) Enti certificatori Executive Search, Human Resources and Recruiting Trainer tecnici in lingua Staff Segretariale Organizzazione Viaggi

52 La Durata del Progetto La durata dell intervento varia in funzione di: ampiezza degli obiettivi strategici ampiezza dell intervento specificità aziendali (Prodotto, Mercato, Tecnologie, Cultura, Organizzazione) nazione / area di destinazione

53 La Durata del Progetto A titolo indicativo possono essere ipotizzate le seguenti tempistiche: FASI Sourcing New-plant Sales Process improvement 1 Strategia di internazionalizzazione e business plan 1-2 mesi 2-4 mesi 2-4 mesi 2 Basic & Detailed Design 1-2 mesi 4-6 mesi 2-4 mesi 3 Implementazione e Start-up 2-4 mesi 6-18 mesi 2-6 mesi 4 Stabilizzazione 2-6 mesi 4-8 mesi 2-8 mesi 5 Level-up, Eccellenza 6-12 mesi 6-12 mesi 6-12 mesi 3-12 mesi

54 Sedi JMAC in Cina Shanghai Office 58 Mao Ming Nan-lu, Shanghai Tel Fax Beijing Office 1612b, E2, Office Tower of Oriental Plaza No.1, East ChangAn Avenue, DongCheng DistrictBeijing Tel Fax Per i contatti in Italia JMAC - International Business Solutions JMAC Europe Milano S.p.A Milano Via Meravigli, 12/14 Tel Fax

55 Allegato: China Business Solution Overview

56 China Business Solution Overview Expansion Restructuring Sales enforcement, Branding Channel development Expansion Business restructuring Etc. Entry assessment Preparation China entry strategy Start-up Growth Stabilization Productivity/Quality improvement Cost reduction, visual management Shorten lead time Factory operation management Etc. Factory set up procedures Staff recruitment & training Lean production Production management, procurement, SCM, International logistics, domestic logistics Scale downmarket exit Scale down & market exit plan M&A market exit procedures Etc. China entry strategy Investment environment analysis Measure for domestic issues Etc.

57 China Business Solution Overview 1/5 Collecting information required for entry assessment Acquiring know-how on strategic market entry Re-evaluation of domestic business Entry assessment Preparation Entry assessment Preparation Identify investment purpose & policy Optimum design for production base in Japan & Asia Sales & marketing strategy formulation Entry mode evaluation Industry trend survey Investment environment survey Alliance partner survey Field survey support Retailer & supplier survey Legal system & tax structure survey Counter measures for environmental infrastructure Restructuring & enhancing core competence in domestic market

58 China Business Solution Overview 2/5 Smooth establishment of factory & office Recruiting expatriate & local staff Putting production system on track at early stage Start-up Start-up Consulting for factory land & office Design & construction of factory & office Advice on registration formality Advice on set-up procedures & documentation Capital payment Bank account Preparation of labor contract & working regulations Local staff recruitment Briefing for staff(director Managerial staff) Pre-posting training IT system development Logistics system development Production system, Lean & JIT system

59 China Business Solution Overview 3/5 Upgrade quality & delivery standard Strengthen cost competency by enhancing procurement, production & logistics functions Operation management of local office Growth Stabilization Growth Stabilization Factory audit, lean production audit Increase local procurement ratio(material, Parts Processed goods) Production process improvement Production cost reduction Improve quality Reduce defect Supplier training (QCD) Stock optimization Factory management(visual management) Logo Intellectual property rights Staff development(practical skill enhancement training) HR management Labor issues Taxation & accounting issues

60 China Business Solution Overview 4/5 Strengthening & upgrading sales structure Expanding business by developing & cultivating local market Restructuring business to response to changes in business environment Expansion Restructuring Expansion Restructuring Branding strategy Developing sales system & structure Expanding procurement & sales channel Developing new business & products Alliance with local counterpart Factory expansion Capacity enhancement Sales strategy restructuring Re-assessment & re-positioning of business direction

61 China Business Solution Overview 5/5 Measures to tackle with local business issues Smooth exit from local market Scale down Market exit Scale down Market exit Disposal of non performing business:m&a Advice on market exit Company liquidation procedures Disposal procedures Labor issues Plan for restructuring, scale down & market exit

62 futuro

63 Ringraziamenti Si ringraziano per gli spunti e i materiali forniti per le tre sezioni: 1. Prof. P. Pergolotti e WTO 2. Ing. J.Malacarne 3. JMAC Europe

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali

Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali 1 Il Progetto People: talent management e succession planning nel Gruppo Generali CRISTIANA D AGOSTINI Milano, 17 maggio 2012 Il Gruppo Generali nel mondo 2 Oltre 60 paesi nel mondo in 5 continenti 65

Dettagli

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management

BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management BOARD in Eisai: crescere con il Performance Management Gli aspetti maggiormente apprezzabili nell utilizzo di BOARD sono la tempestività nel realizzare ambienti di analisi senza nessun tipo di programmazione

Dettagli

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori

Costruire uno Spin-Off di Successo. Non fidarsi mai dei professori Costruire uno Spin-Off di Successo Non fidarsi mai dei professori Spin-Off da Università: Definizione Lo Spin-Off da Università è in generale un processo che, partendo da una tecnologia disruptiva sviluppata

Dettagli

Real Consultant Srl Company Profile

Real Consultant Srl Company Profile Ooooo Real Consultant Srl Company Profile a company Regulated by RICS (The Royal Institution of Chartered Surveyors) Aprile, 2013 Indice REAL CONSULTANT - COMPANY PROFILE REAL CONSULTANT IL NOSTRO PROFILO

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE

STRATEGIE E SVILUPPO COMMERCIALE te eti Vendita eting Strategico As nter Sviluppo Reti Vendita ting Operativo Marketing Strategic ssessment Center Sviluppo Reti Vendita M eti Vendita Marketing Operativo Marketing Strategic Marketing Strategico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

Corso Base ITIL V3 2008

Corso Base ITIL V3 2008 Corso Base ITIL V3 2008 PROXYMA Contrà San Silvestro, 14 36100 Vicenza Tel. 0444 544522 Fax 0444 234400 Email: proxyma@proxyma.it L informazione come risorsa strategica Nelle aziende moderne l informazione

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology

SALARY SURVEY 2015. Technology. Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it. Technology SALARY SURVEY 2015 Specialists in technology recruitment www.michaelpage.it Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2015. Michael

Dettagli

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono

Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Venture Capitalist: chi sono, cosa fanno e a cosa servono Ing. Stefano Molino Investment Manager Innogest SGR SpA Torino, 31 Marzo 2011 Venture Capital: che cos è? L attività di investimento istituzionale

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy

IT Service Management: il Framework ITIL. Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy IT Service Management: il Framework ITIL Dalmine, 20 Gennaio 2012 Deborah Meoli, Senior Consultant Quint Italy Quint Wellington Redwood 2007 Agenda Quint Wellington Redwood Italia IT Service Management

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione

il materiale contenuto nel presente documento non può essere utilizzato o riprodotto senza autorizzazione Reliability Management La gestione del processo di Sviluppo Prodotto Ing. Andrea Calisti www.indcons.eu Chi sono... Andrea CALISTI Ingegnere meccanico dal 1995 al 2009 nel Gruppo Fiat Assistenza Clienti

Dettagli

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS

MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS MASTER IN INNOVATIVE MARKETING, E-MANAGEMENT & CREATIVE SOLUTIONS Eidos Communication Via G. Savonarola, 31 00195 Roma T. 06. 45.55.54.52. F. 06. 45.55.55.44. E. info@eidos.co.it W. www.eidos.co.it INFORMAZIONI

Dettagli

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M

R E A L E S T A T E G R U P P O R I G A M O N T I. C O M REAL ESTATE GRUPPORIGAMONTI.COM 2 Rigamonti Real Estate La scelta giusta è l inizio di un buon risultato Rigamonti Founders Rigamonti REAL ESTATE Società consolidata nel mercato immobiliare, con più di

Dettagli

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd

Fabio Ciarapica Director PRAXI ALLIANCE Ltd Workshop Career Management: essere protagonisti della propria storia professionale Torino, 27 febbraio 2013 L evoluzione del mercato del lavoro L evoluzione del ruolo del CFO e le competenze del futuro

Dettagli

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali

Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Corso di Economia e tecnica degli scambi internazionali Lezione 8 Le strategie dell internazionalizzazione: gli investimenti diretti esteri Che cosa comporta realizzare un IDE? Costituisce di norma la

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting

Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Milano, Settembre 2009 BIOSS Consulting Presentazione della società Agenda Chi siamo 3 Cosa facciamo 4-13 San Donato Milanese, 26 maggio 2008 Come lo facciamo 14-20 Case Studies 21-28 Prodotti utilizzati

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza

SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Grandi Navi Veloci. Utilizzata con concessione dell autore. SAIPEM: Strong Authenticator for SAP Una soluzione CST in grado di garantire il massimo della sicurezza Partner Nome dell azienda SAIPEM Settore

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management L'importanza dell'analisi dei processi nelle grandi e medie realtà italiane Evento Business Strategy 2.0 Firenze 25 settembre 2012 Giovanni Sadun Agenda ITSM: Contesto di riferimento

Dettagli

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi

Il business risk reporting: lo. gestione continua dei rischi 18 ottobre 2012 Il business risk reporting: lo strumento essenziale per la gestione continua dei rischi Stefano Oddone, EPM Sales Consulting Senior Manager di Oracle 1 AGENDA L importanza di misurare Business

Dettagli

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy

Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy Progettare, sviluppare e gestire seguendo la Think it easy philosophy CST Consulting è una azienda di Consulenza IT, System Integration & Technology e Servizi alle Imprese di respiro internazionale. E

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi

IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Il Framework ITIL e gli Standard di PMI : : possibili sinergie Milano, Venerdì, 11 Luglio 2008 IT Service Management, le best practice per la gestione dei servizi Maxime Sottini Slide 1 Agenda Introduzione

Dettagli

Pronti per la Voluntary Disclosure?

Pronti per la Voluntary Disclosure? Best Vision GROUP The Swiss hub in the financial business network Pronti per la Voluntary Disclosure? Hotel de la Paix, 21 aprile 2015, ore 18:00 Hotel Lugano Dante, 22 aprile 2015, ore 17:00 Best Vision

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia

Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia Master of Business Administration Programma MBA Collège des Ingénieurs Italia NetworkNetwor erpreneurship Enterpreneu Network L Enterpreneurship Passion Leadership Istituzione indipendente per la formazione

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB:

MARKETING INTELLIGENCE SUL WEB: Via Durini, 23-20122 Milano (MI) Tel.+39.02.77.88.931 Fax +39.02.76.31.33.84 Piazza Marconi,15-00144 Roma Tel.+39.06.32.80.37.33 Fax +39.06.32.80.36.00 www.valuelab.it valuelab@valuelab.it MARKETING INTELLIGENCE

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto

il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: un opportunità di business garantita da un team esperto il retail: una sfida avvincente Gestire una propria rete di punti vendita monomarca diretti o in franchising, per molte aziende sta diventando

Dettagli

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL

LE NOVITÀ DELL EDIZIONE 2011 DELLO STANDARD ISO/IEC 20000-1 E LE CORRELAZIONI CON IL FRAMEWORK ITIL Care Colleghe, Cari Colleghi, prosegue la nuova serie di Newsletter legata agli Schemi di Certificazione di AICQ SICEV. Questa volta la pillola formativa si riferisce alle novità dell edizione 2011 dello

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55

Legame fra manutenzione e sicurezza. La PAS 55 Gestione della Manutenzione e compliance con gli standard di sicurezza: evoluzione verso l Asset Management secondo le linee guida della PAS 55, introduzione della normativa ISO 55000 Legame fra manutenzione

Dettagli

La gestione dei servizi non core: il Facility Management

La gestione dei servizi non core: il Facility Management La gestione dei servizi non core: il Facility Management ing. Fabio Nonino Università degli studi di Udine Laboratorio di Ingegneria Gestionale Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Gestionale e Meccanica

Dettagli

Sfide strategiche nell Asset Management

Sfide strategiche nell Asset Management Financial Services Banking Sfide strategiche nell Asset Management Enrico Trevisan, Alberto Laratta 1 Introduzione L'attuale crisi finanziaria (ed economica) ha significativamente inciso sui profitti dell'industria

Dettagli

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking

ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking INFORMAZIONE FORMAZIONE E CONSULENZA benchmark ingbenchmark ingbenchmarking benchmarkingbench marking ACQUISTO DI SERVIZI DI TRASPORTO MERCI E DI LOGISTICA DI MAGAZZINO In collaborazione con Acquisto di

Dettagli

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012.

Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. 3 Michael Page Salary Survey 2012 - Banking 4 Gentili clienti, abbiamo il piacere di presentarvi i nuovi studi di retribuzione relativi all anno 2012. Michael Page, quale leader nella ricerca e selezione

Dettagli

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO

CenTer - SCHEDA DOCUMENTO CenTer - SCHEDA DOCUMENTO N 2467 TIPO DI DOCUMENTO: PROGRAMMA CORSO DI FORMAZIONE TIPOLOGIA CORSO: Corso universitario TIPO DI CORSO: Master di 1 Livello TITOLO: Gestione Integrata dei Patrimoni Immobiliari

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano

Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano www.pwc.com/it Evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il mercato italiano giugno 2013 Sommario Il contesto di riferimento 4 Un modello di evoluzione dei servizi di incasso e pagamento per il

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT

Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Corso di Specializzazione IT SERVICE MANAGEMENT Con esame ufficiale di certificazione ITIL V3 Foundation INTRODUZIONE Un numero crescente di organizzazioni appartenenti ai più diversi settori produttivi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali

ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali ATTUAZIONE DEL PROGETTO E IL MANAGEMENT: alcune definizioni e indicazioni generali Cos è un progetto? Un iniziativa temporanea intrapresa per creare un prodotto o un servizio univoco (PMI - Project Management

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro.

ALLAN LAPORTE Staff - Tax Compliance. certified public accountants tax & financial advisors. allan.laporte @funaro.com. www.funaro. certified public accountants tax & financial advisors www.funaro.com certified public accountants tax & financial advisors CHI SIAMO Funaro & Co. è uno studio di Certified Public Accountants e Dottori

Dettagli

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance

SALARY SURVEY 2015. Banking & Insurance. Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it. Banking & Insurance SALARY SURVEY 2015 Banking & Insurance Banking & Insurance Specialists in banking & insurance recruitment www.michaelpage.it Banking & Insurance Salary Survey 2015 Gentili clienti, abbiamo il piacere di

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER

IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER IL RUOLO E LE COMPETENZE DEL SERVICE MANAGER Alessio Cuppari Presidente itsmf Italia itsmf International 6000 Aziende - 40000 Individui itsmf Italia Comunità di Soci Base di conoscenze e di risorse Forum

Dettagli

Configuration Management

Configuration Management Configuration Management Obiettivi Obiettivo del Configuration Management è di fornire un modello logico dell infrastruttura informatica identificando, controllando, mantenendo e verificando le versioni

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management

ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management BEST PRACTICES WHITE PAPER ITIL Versione 3: un contributo all importanza crescente del Business Service Management Sharon Taylor, Presidente di Aspect Group, Chief Architect e Chief Examiner per ITIL Ken

Dettagli

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania)

Le imprese nell economia. esportazioni, multinazionali. Capitolo 8. adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) Capitolo 8 Le imprese nell economia globale: esportazioni, outsourcing e multinazionali [a.a. 2012/13] adattamento italiano di Novella Bottini (ulteriore adattamento di Giovanni Anania) 8-1 Struttura della

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Il Data Quality, un problema di Business!

Il Data Quality, un problema di Business! Knowledge Intelligence: metodologia, modelli gestionali e strumenti tecnologici per la governance e lo sviluppo del business Il Data Quality, un problema di Business! Pietro Berrettoni, IT Manager Acraf

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI

SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling. settembre dicembre 2014 OBIETTIVI Organizzato da Impact Hub Rovereto in collaborazione con TrentunoTre con la supervisione scientifica di ISIPM SHORT MASTER: FROM ZERO TO HERO Dal project management al business modeling settembre dicembre

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT

EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT MASTER Istituto Studi Direzionali Management Academy EXECUTIVE MASTER WEB MARKETING, SOCIAL MEDIA MARKETING & COMMUNITY MANAGEMENT SEDI E CONTATTI Management Academy Sida Group master@sidagroup.com www.mastersida.com

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Bando di ammissione al Master di II livello in BIM-BASED CONSTRUCTION PROJECT MANAGEMENT (VISUAL PM) ANNO ACCADEMICO 2014/2015 Ai sensi del comma 9 dell art. 7 del D.M. 270/99 e del Regolamento d Ateneo

Dettagli

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO

COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO COME CERCARE CLIENTI E VENDERE MEGLIO ALL ESTERO Tutte le aziende ed attività economiche hanno bisogno di nuovi clienti, sia per sviluppare il proprio business sia per integrare tutti quei clienti, che

Dettagli

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi:

COMPANY PROFILE. Particolare attenzione viene riservata ai Servizi: COMPANY PROFILE L Azienda FAR S.p.A. ha i suoi stabilimenti di produzione in Italia e precisamente a CIMADOLMO in provincia di Treviso a pochi chilometri dalla città di VENEZIA. Nata nel 1991 si è inserita

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI DIGITAL MAGICS APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DEL 2013 E IL PIANO INDUSTRIALE 2014-2018 Nel 2013 ingresso in 11 startup, di cui 6 startup innovative, una cessione, una

Dettagli

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE

Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE Quality Evolution Consulting Formazione Manageriale Job Master con Stage DIREZIONE RISORSE UMANE 7 edizione Firenze 23 maggio 2015 Firenze 120 ore al sabato 23 maggio 2015 31 ottobre 2015 Agenzia Formativa

Dettagli

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE

Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento. Esempi e strumenti di attuazione. A. A Beccara I. Pilati Trento RISE Smart Specialisation Strategy della Provincia Autonoma di Trento Esempi e strumenti di attuazione A. A Beccara I. Pilati Trento RISE S3 PAT ICT Micro nano-elett. Qualità della vita Agrifood Nanotech. Fotonica

Dettagli

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità

Completezza funzionale KEY FACTORS Qualità del dato Semplicità d'uso e controllo Tecnologie all avanguardia e stabilità Integrabilità Armundia Group è un azienda specializzata nella progettazione e fornitura di soluzioni software e consulenza specialistica per i settori dell ICT bancario, finanziario ed assicurativo. Presente in Italia

Dettagli

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI

Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI Business Intelligence RENDE STRATEGICHE LE INFORMAZIONI CSC ritiene che la Business Intelligence sia un elemento strategico e fondamentale che, seguendo

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

SILVIO FOSSATO - AMMINISTRATORE DELEGATO

SILVIO FOSSATO - AMMINISTRATORE DELEGATO SILVIO FOSSATO - AMMINISTRATORE DELEGATO Amministratore Delegato di NKW - Net Know Work (Business Network Aggregator). Cultura economico aziendale, per 18 anni ha svolto l attività di Commercialista e

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop.

Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sistemi di Asset Management per la gestione delle Facilities: il caso Ariete Soc. Coop. Sottotitolo : Soluzioni di Asset Management al servizio delle attività di Facility Management Avanzato Ing. Sandro

Dettagli

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict

www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict www.01net.it Il primo portale italiano per i professionisti dell Ict, per il trade e per le piccole e medie imprese utenti di Ict 01NET NETWORK www.01net.it Pag 2 Dati di traffico 01net Network Totale

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone

Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Convegno 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone pag. 1 6 giugno 2013 Federlazio Frosinone Introduzione alla Business Intelligence Un fattore critico per la competitività è trasformare la massa di dati prodotti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA Prova Finale GESTIONE DELLA TRANSIZIONE SECONDO LO STANDARD ITIL ITIL SERVICE TRANSITION

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli