AZIONI GESTIONALI E PIANO DI SVILUPPO DELL ATTIVITA DI VENERICOLTURA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONI GESTIONALI E PIANO DI SVILUPPO DELL ATTIVITA DI VENERICOLTURA"

Transcript

1 CONSORZIO COOPERATIVE PESCATORI DEL POLESINE O.P. Via della Sacca, 11 Scardovari di Porto Tolle (RO) AZIONI GESTIONALI E PIANO DI SVILUPPO DELL ATTIVITA DI VENERICOLTURA Scardovari, marzo 2007 Il presidente Paolo Mancin

2 INDICE 1 Introduzione pag. 2 2 Gestione e programma di massimo sfruttamento delle potenzialità dei siti ora idonei all allevamento pag. 4 3 Gestione e miglioramento dell attività di semina pag. 8 4 Azioni tese all ampliamento delle aree idonee alla venericoltura pag Altre strategie gestionali tese allo sviluppo del settore pag Conclusioni pag. 29 1

3 1 Introduzione Le aree lagunari dove il Consorzio Coop. Pescatori del Polesine O.P. detiene, demandati dalla Provincia di Rovigo, i diritti esclusivi di pesca dei molluschi si sviluppano in un estensione di circa 6000 ettari. Tale area è caratterizzata dall apporto di acque dolci provenienti dai rami del fiume Po: Po di Goro, Po di Gnocca, Po di Tolle, Po di Scirocco, Po di Pila, Po di Tramontana e Po di Maistra. Gli scambi con il mare aperto dipendono esclusivamente dai cicli di marea, e sono fortemente influenzati dagli scanni che separano le varie lagune con il mare stesso. Detti scanni sono in continua evoluzione morfologica dovuta da una parte all erosione marina e dall altra all accrescimento dovuto agli apporti sabbiosi del fiume Po. Nei peculiari ambienti di acque salmastre delle lagune del Delta del Po, così come in vaste aree della laguna Veneta, la specie Tapes philippinarum, immessa agli inizi degli anni 80, ha trovato condizioni estremamente favorevoli sia alla crescita che alla riproduzione e quindi all allevamento. Come sottolineato da Rossi, questa attività ha subito un impulso senza precedenti avendo come risultato lo sviluppo di una economia che localmente si basa, ormai in quota parte rilevante, sullo sfruttamento di questa risorsa. Come accaduto per la vicina Sacca di Goro, nelle lagune in gestione al Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine, è stata quasi da subito abbandonata la semplice pesca e si è ben presto passati alla gestione dei banchi naturali con pratiche di risemina (restocking) e di trasferimento degli individui da zone meno idonee a zone più idonee alla crescita. Nelle lagune in concessione lo sfruttamento della risorsa segue, da oltre un decennio, un programma di allevamento che deve necessariamente essere continuamente migliorato e incentivato. Come descritto da Rossi (2002) nelle lagune del Delta del Po Veneto ed Emiliano- Romagnolo è operante un sistema di gestione della risorsa vongola verace inquadrabile come culture based fishery. Secondo questa metodologia di allevamento sono individuate precise zone lagunari dove, secondo precisi parametri ambientali, si mettono in pratica operazioni di pulizia dei fondali, semina del prodotto sotto taglia recuperato durante la pesca o acquistato da altre marinerie, o ancora eventualmente derivante dallo spostamento dello stesso da zone ritenute meno adatte ad altre più favorevoli. Come è evidente, non tutti i 6000 ettari della superficie lagunare sono ugualmente idonei alla venericoltura. Sulla scorta dei risultati riportati in uno studio promosso dal Consvipo e affidato all Ente Scientifico Istituto Delta, nel 2003 nelle tre lagune la superficie idonea all allevamento è stata stimata in poco più di 300 ettari, ovvero su aree con elevato idrodinamismo, sensibili agli scambi con il mare aperto, quelle dove la tessitura del sedimento 2

4 mostra un equilibrato rapporto e dove i parametri chimico-fisici dell acqua sono favorevoli all allevamento. Sempre l autorevole studio accerta che si è registrata una riduzione di circa il 50% di superficie utile all allevamento rispetto all anno Tale concetto è ribadito anche dagli esperti del Consorzio di Bonifica Delta Po-Adige (che è preposto alla gestione e manutenzione idraulica delle lagune), per i quali le sacche del delta sono aree estremamente instabili, in continuo rimaneggiamento sotto l influenza delle dinamiche ambientali e mutando, mutano anche le potenzialità produttive delle singole zone. Partendo da tali premesse fondamentali, per la gestione della produzione di vongole veraci nelle aree in concessione, viene seguita in modo attento e scrupoloso, la relazione finale, contenente gli indirizzi gestionali, sviluppata ad hoc per la nostra peculiare realtà dal Prof. Rossi dell Università di Ferrara. Occorre anche rilevare come nella nuova Convenzione tra Amministrazione Provinciale e Consorzio Pescatori, all articolo 3, vi è un esplicito impegno da parte della Provincia e del Consorzio di fare proprie ed accettare le indicazioni contenute nel suddetto Studio, considerata la valenza dello stesso e a garanzia della corretta pratica di venericoltura. Nella presente relazione vengono quindi richiamati gli indirizzi gestionali contenuti in tale lavoro scientifico accanto alle iniziative e strategie di sviluppo che lo scrivente ha intrapreso o si accinge a farlo. 3

5 2 Gestione e programma di massimo sfruttamento delle potenzialità dei siti ora idonei all allevamento La gestione delle aree idonee per l allevamento delle vongole parte dalla annuale verifica e ridefinizione dei siti lagunari che vengono individuati come aree destinate ad orti (indirizzo gestionale n 5) ovvero zone lagunari che possiedono caratteristiche adeguate all ingrasso dei molluschi. I criteri per la scelta sono di tipo ambientale ovvero adeguati parametri chimico-fisici dell acqua, corretto idrodinamismo, substrato a tessitura prevalentemente sabbiosa, lontananza da fonti di inquinamento, profondità non elevata, nonché tali siti dovranno permettere le pratiche di guardiania e una relativa facilità di accesso. In queste aree si procederà ad effettuare la semina come descritto oltre, mentre le rimanenti zone meno vocate (come si dirà più avanti) sono oggetto di azioni atte al loro recupero quali pulizia fondali tramite appositi macchinari presenti in natanti opportunamente costruiti, interventi idraulici di ripristino, immissione di sabbia derivante dallo scavo dei canali, di concerto con gli enti preposti. Nella gestione delle aree lagunari si è cercato di instaurare, come indicato dal Professor Rossi dell Università di Ferrara, uno sfruttamento delle aree seminate a rotazione (indirizzo gestionale n 18): si inizia la pesca quando si stima la presenza di almeno uno o due chilogrammi di prodotto vendibile per metro quadrato. Si pratica la politica di gestione tutto pieno tutto vuoto ovvero il prodotto sotto taglia pescato viene immesso in un altro orto mentre i gusci vuoti e lo scarto in genere viene trattenuto ed eliminato contribuendo così al mantenimento della pulizia del fondale all interno dei siti di allevamento. Quando in un vivaio la pesca diviene troppo faticosa (fin quasi all esaurimento del prodotto) si sospende la raccolta spostandola in altre aree di allevamento. Purtroppo come su accennato le zone lagunari da adibire ad orto sono ridotte e il sistema di rotazione trova difficoltà nella sua applicazione per tutto l arco dell anno. Relativamente agli attrezzi utilizzati per la pesca, massima attenzione è sempre stata posta nella valutazione degli impatti che gli stessi hanno sul prodotto e sull ambiente. Sino a tutto il 2003 la raccolta era praticata esclusivamente con la draga manuale localmente chiamata rasca. Essa è costituita essenzialmente da un cestello metallico (in ferro o in acciaio inox) formato da tondini distanziati fra loro di due centimetri, da un asta in legno, di circa due metri da un sacco di rete con maglie di trenta millimetri di apertura circa e da una cinghia. L apertura della rasca va da 50 centimetri a circa 1 metro ed è in genere munita di punte in metallo (diametro 6 millimetri) di 7 centimetri circa ( denti, sporgenti dalla lama) distanziati fra loro 2,5 3,0 centimetri. L azione di pesca si effettua nelle aree con profondità fino a 1,5 metri da pescatori vestiti con salopette stagna. La rasca viene trainata camminando all indietro: una larga cinghia, collegata 4

6 con cime di traino ai lati della rasca, cinge la vita dell operatore che indietreggiando muove ritmicamente il manico del rastrello favorendone la penetrazione nel sedimento. foto n 1: raccolta vongole con rasca a mano L azione dell attrezzo è facilitata dai denti che comunque non penetrano più di centimetri nel fondale. L asta in legno, di circa 2 metri, consente di scuotere l attrezzo e favorire in questo modo il suo avanzamento e la fuoriuscita del sedimento. Questa metodica di pesca determina un basso impatto ambientale sull ecosistema lagunare di granlunga inferiore ad altri strumenti quali le cosiddette rusche, daghe idrauliche o turbosoffianti, rastrelli vibranti. Nel 2004 è stato approvato dall Amministrazione Provinciale, dopo un accurato studio scientifico da parte dei tecnici del CIRSPE, un nuovo tipo di draga manuale dove però vi è la presenza di getti d acqua a bassa pressione che agevolano il pescatore nell affondare e nel trainare l attrezzo nel substrato. Solitamente all interno degli orti da prima viene autorizzata la pesca solo con l attrezzo manuale tradizionale, poi riducendosi il quantitativo pescabile, viene autorizzato l utilizzo della rasca a pompa che favorisce anche la raccolta e l eliminazione del cosiddetto capulerio. 5

7 2 3 foto n 2 e 3: rasca a pompa Più recentemente, nel mese di Novembre 2006, è stata autorizzata dall Amministrazione Provinciale di Rovigo, la cosiddetta rasca a pompa modificata. La principale differenza del nuovo attrezzo rispetto alla rasca a pompa consiste nell essere privato del manico per il governo dello strumento da parte del pescatore sulla barca, e dotato, viceversa, di due slitte laterali che ne rendono possibile il trascinamento: lo strumento viene infatti assicurato alla imbarcazione tramite apposite cime fissate a prua o a poppa e governato dal conducente della barca stessa; e salpato con apposito verricello. La seconda differenza nel nuovo attrezzo è la relativa maggiore profondità della cassa, profondità necessaria per mantenere l equilibrio del nuovo tipo di governo (mediante cime). Tutte le altre caratteristiche tecniche costruttive restano identiche alla rasca a pompa. 4 5 foto n 4: rasca a pompa manico lungo; foto n 5: rasca a pompa modificata In ottemperanza all indirizzo gestionale n 2 è stato chiesto un parere tecnico-scientifico all Università di Ferrara e al responsabile scientifico del CIRSPE, Professor Mario Ferretti, i quali hanno certificato come un impatto della nuova rasca a pompa modificata sia simile all impatto verificato per la rasca a pompa. Un ulteriore elemento a sostegno della utilizzazione del nuovo strumento deriva da considerazioni relative alle misure di sicurezza (si veda un recente report 6

8 dell I.S.P.E.S.L. definizione dei rischi di esposizione e delle misure di sicurezza e tutela della salute nel settore dell acquacoltura, relativamente alle lavorazioni in molluschicoltura e gabbie galleggianti ). Il nuovo attrezzo garantisce maggiore sicurezza agli operatori, riducendo i rischi (cadute fuori bordo) connessi soprattutto alla fase di raccolta del prodotto. Al fine di non immettere sul mercato una eccessiva quantità di prodotto, è stabilita e comunicata (tramite una rete di segreterie telefoniche) giornalmente una quota massima di raccolta fissata per ciascun socio pescatore a seconda sia della domanda del mercato, sia della quantità pescata durante l anno fino a quel momento. In pratica si stabilisce un quantitativo massimo prelevabile annualmente che deve essere tenuto in considerazione e non superato al fine di preservare la risorsa (indirizzo gestionale n 21). È altresì fissato l orario di inizio e fine pesca nonché le zone siti di allevamento dove poter operare la raccolta. È prevista inoltre la identificazione del prodotto: questa avviene attraverso l inserimento di un biglietto all interno del sacco con un codice che viene a specificare il nominativo del pescatore e la pezzatura del prodotto. È regolata anche la consegna dei molluschi che deve avvenire in specifici punti di sbarco dislocati nelle varie lagune. In detti siti si trovano degli incaricati al ricevimento e pesatura che tramite un computer portatile annotano il codice pescatore, il codice cooperativa, il codice prodotto e il quantitativo conferito ed emettono successivamente un buono consegna per il socio. Terminato l orario di pesca delle vongole tutti i mezzi frigo, dai vari punti di sbarco, concentrano interamente il quantitativo raccolto presso l impianto di depurazione di Scardovari. L ufficio vendite provvederà successivamente alla collocazione commerciale del prodotto conferito. 7

9 3 Gestione e miglioramento dell attività di semina L attività e la responsabilità della semina nei siti di allevamento (indirizzo gestionale n 11) è demandata ad un gruppo di persone esperte nominato annualmente dal Consiglio di Amministrazione del Consorzio che è composto da un coordinatore generale alla semina, da dieci esperti pescatori di professione (di solito uno per cooperativa associata), che sono i gestori dei vari siti di allevamento (orti) distribuiti nelle varie lagune e con la consulenza del biologo responsabile sanitario dell impianto di depurazione. Il Presidente del Consorzio rappresenta il coordinatore generale di questo gruppo che fa capo al CdA per le indicazioni strategiche, l approvazione delle scelte operative, la concessione delle risorse finanziarie e la rendicontazione dell operato svolto. Il presidente ha il compito di valutare la disponibilità sul mercato di novellame (prodotto di misura compresa fra 5-25 mm) e di procedere al suo acquisto su indicazione del coordinatore e del gruppo di gestione della produzione. Per far questo ci si serve anche dei dati storici e delle previsioni future (programma di vendita) fatte dal Responsabile Commerciale del Consorzio da un lato; di sopralluoghi e colloqui informali con i pescatori dall altro, per conoscere l eventuale disponibilità di seme naturale nella aree in concessione. Sulla base di queste valutazioni e su indicazioni del biologo, il gruppo elabora annualmente un programma di semina. Tale programma indica le zone da seminare, le quantità da seminare (fino ai 1000 animali per metro quadro), la taglia del seme, il prodotto finale atteso, le giornate di semina ed il personale incaricato (indirizzo gestionale n 8). foto n 6: telemetro, strumento a punteggio laser per la misurazione e delimitazione degli orti L immissione del materiale seminale negli orti viene realizzata da squadre di pescatori organizzate dal gruppo del Consorzio. Si tratta di un attività manuale realizzata con l utilizzo di 8

10 apposite sessole: in particolare, i pescatori distribuiscono le quantità indicate dal gruppo di semina nelle aree da questo delimitate. Almeno un rappresentante del gruppo è presente nel momento della semina e supervisiona lo svolgimento delle attività. Il novellame utilizzato (indirizzo gestionale n 10) per la semina può avere tre distinte origini: 1. spostamento di novellame naturale proveniente dalle lagune in concessione (Scardovari, Canarin, Barbamarco, Basson, ecc ). La pesca del novellame avviene in zone delimitate dal gruppo di semina. I pescatori utilizzano per lo scopo delle rasche con rete fine (6-8 mm). Il novellame viene immesso in sacchi da 20 kg a bordo delle imbarcazioni e da qui caricate su camion per il trasporto nelle lagune di semina (o trasportate direttamente con le imbarcazioni). Oltre a ciò un altra attività che si è particolarmente sostenuta è quella della raccolta della semina di vongola verace dalle stesse aree lagunari ove, per diversi motivi, i molluschi vengono ad essere in grave pericolo di sopravvivenza. Tale prodotto, una volta raccolto, viene reimmesso in aree lagunari preventivamente individuate come idonee ed a densità opportune per il corretto accrescimento. I principali motivi, che talvolta sono contemporaneamente presenti, per i quali la semina viene spostata da una area ad una altra sono: Eccessiva densità di semina di vongole per metro quadrato. In tali situazioni se non si opera una azione di diradamento la concentrazione di seme non consentirebbe una sua crescita accettabile e si potrebbero verificare tassi di mortalità estremamente elevati; Zone lagunari o marine con notevoli quantità di semina che sono esposte all azione di venti e/o correnti. I molluschi di piccole dimensioni vengono ad essere a rischio di moria a seguito di mareggiate per il conseguente accumulo di molluschi e sedimento; Zone lagunari che in particolari periodi dell anno (piene del fiume Po) registrano valori di salinità estremamente bassi e non compatibili (se protratti per più giorni) con la sopravvivenza dei molluschi. 2. Acquisto di novellame naturale proveniente da altre marinerie. I responsabili contattano le altre marinerie per conoscere la disponibilità alla vendita di novellame. In base al prezzo ed alla disponibilità di prodotto decidono se procedere all acquisto. In caso positivo si fa consegnare il primo lotto della fornitura. Viene controllato e se conforme viene siglato l ordine e conferma d acquisto. Su ciascuna consegna viene controllato (su un campione di 3-4 kg prelevati da 10 sacchi diversi ogni 50 quintali) il numero di pezzi al chilo (indicati 9

11 dal fornitore), la vitalità, la pulizia, la presenza di uno scarto inferiore al 5%. Il prodotto che supera il controllo viene destinato alla semina. Va ricordato a tale proposito quanto evidenziato da Rossi, (2004) che afferma che il mercato del seme di vongole è stato fin dall inizio l indecente trionfo del mercato nero. A questa già grave situazione, si è aggiunta per gli operatori del settore al di fuori della laguna veneta, la Determinazione n dell Amministrazione Provinciale di Venezia dell aprile 2001, con la quale si stabilisce che il novellame di vongola non può essere ceduto, trasportato, o immesso al di fuori della laguna di Venezia. La decisione assunta ha gravemente danneggiato tutti gli allevatori polesani ed anche il Consorzio stesso, aumentando le difficoltà di reperimento e acquisto semina. Più volte in questi ultimi due anni si è cercato di ridiscutere questa decisione che ha bloccato la vendita di novellame dall area europea di gran lunga più importante per presenza di semina. Si sono così coinvolte le associazioni di categoria, le amministrazioni provinciali e comunali, ma di fatto non si sono raggiunti risultati positivi e il divieto è tuttora in vigore. 3. Acquisto di novellame prodotto negli schiuditi e nursery (riproduzione artificiale). Il responsabile contatta i fornitori di novellame e ne valuta i preventivi. In base al prezzo ed alla disponibilità di prodotto decide se procedere all acquisto. All arrivo del prodotto preleva un campione di circa 200 individui per verificarne la vitalità. Gli animali vengono osservati allo stereomicroscopio su una petri con acqua salata: se sani e vitali devono filtrare l acqua. Lo scarto (gusci vuoti, non aperti, ecc.) deve essere inferiore al 5%. Se il prodotto supera il controllo il responsabile lo destina alla semina e sigla l ordine: date le ridotte dimensioni del novellame proveniente da schiuditoi (6-8 mm) la semina viene effettuata in zone riparate dai movimenti ondosi che potrebbero seppellire o ammassare gli animali. Ad integrazione di questa attività ed in supporto alla grave crisi di reperimento seme naturale acuitasi negli ultimi anni, a partire dalla fine del 2002 è stato avviato un nuovo centro di svezzamento semina di vongola presso la Val Bonello. foto n 7: sistema di svezzamento in upwelling (progetto finanziato dalla Regione Veneto) 10

12 In tale nursery vengono poste vongole di piccole dimensioni (1 2 mm) acquistate da hatchery straniere, qui, sfruttando la naturale elevata produzione primaria, i molluschi sono svezzati e portati a dimensioni più idonee alla semina in laguna. I cicli di ingrasso durano circa tre mesi e, come detto si sfrutta la presenza naturale di alimento (fitoplancton) da apportare ai piccoli bivalvi. A tale proposito è a disposizione una dettagliata relazione tecnico-scientifica sulle modalità di conduzione e di gestione del centro. 8 9 foto n 8: seme di origine statunitense svezzato nel sistema in upwelling; foto n 9: particolare di contenitore per svezzamento semina Nel dicembre 2004 la Regione Veneto ha approvato un progetto di ricerca innovante proposto dal Consorzio pescatori, relativo allo sviluppo delle tecniche di svezzamento della vongola verace utilizzando metodiche all avanguardia e più precisamente strutture mirate con tecnologia statunitense, le cosiddette FLUPSY, azione questa che verrà intrapresa in collaborazione con i tecnici di Veneto Agricoltura foto n 10: Flupsy, sistema di svezzamento statunitense con piattaforma galleggiante. Foto n 11: particolare dei contenitori per lo svezzamento del seme 11

13 Questo ultimo sistema, operativo dal 2005, sta dando ottimi risultati. È auspicabile quindi un ampliamento della struttura al fine di fronteggiare la grave crisi di reperimento di novellame. Nel corso dell anno 2007 si sta registrando la disponibilità di discrete quantità di seme proveniente da marinerie limitrofe di pezzatura estremamente ridotta (2-3 mm); si pensa di utilizzare tale semina oltre che per l avvio dei preingrassi su descritti, anche per tentare nuove e diverse metodiche di svezzamento. Più in particolare si sta procedendo alla posa di speciali strutture e teli antipredazione in particolari siti lagunari che si ritengono idonei per tale sperimentazione. foto n 12 e 13: moduli di preingrasso seme su fondo lagunare Si predilige comunque lo spostamento di semina naturale proveniente dalle aree lagunari; 12

14 14 15 foto n 14, 15, 16: fasi di trasporto e immissione della semina negli orti di allevamento 16 nel caso di acquisto si valuta il prezzo, la disponibilità del prodotto e la qualità (con particolare attenzione nel caso di novellame di altre marinerie dove il livello qualitativo può essere disomogeneo). Nel caso di acquisto del novellame viene compilato ai sensi del DPR 395/98 apposito documento sanitario di reimmersione ed il previsto registro di carico e scarico. Il gruppo di semina provvede inoltre a delimitare gli orti e le zone di ingrasso (indirizzo gestionale n 6) con appositi pali e li identifica con numerazione e con cartelli di divieto di pesca. Il responsabile avvisa i pescatori (comunicando via fax la zona del divieto di pesca: tali comunicazioni vengono protocollate e conservate a cura dell ufficio amministrativo del Consorzio). Il Responsabile punti di Sbarco e servizio di Vigilanza avvisa il servizio di vigilanza girando lo stesso documento inviato ai pescatori. Il servizio di Vigilanza ha infatti lo scopo di verificare il rispetto di tali divieti. Il gruppo di semina ha il compito di verificare sistematicamente il buono stato del prodotto (indirizzo gestionale n 8). In particolare, con la consulenza del biologo, si eseguono sopralluoghi 13

15 in laguna con una periodicità almeno mensile. Le zone oggetto di verifica sono quelle in cui si sono verificati problemi nel corso degli anni precedenti o quelle che secondo le indicazioni dei pescatori stanno presentando problemi foto 17 e 18: campionamenti effettuati dal biologo del Consorzio per la verifica dell idoneità del novellame foto 19 e 20: misurazioni e verifiche svolte all interno del laboratorio di proprietà del Consorzio La verifica consiste nella pesca di più campioni in proporzione all estensione dell area. Si controlla: - la vitalità del prodotto - densità degli animali - la pezzatura raggiunta - il colore e la forma del guscio (se il colore è brunastro significa che gli animali sono sofferenti perché tendono a venire in superficie anziché restare infossati, mentre se il colore è chiaro significa che gli animali si trovano collocati correttamente nel substrato. Se il guscio è piatto significa che il prodotto è ben infisso, viceversa se bombato e poco allungato il fondale in cui si trovano presenta non ottima tessitura o vi è eccessiva densità di animali). I controlli vengono registrati su apposita modulistica. Il divieto di pesca viene tolto quando il prodotto raggiunge un adeguato accrescimento, normalmente dopo un periodo di 8-12 mesi di ingrasso (partendo da animali di pezzi per chilogrammo che è la taglia ottimale per la semina). 14

16 Un intero capitolo dello studio del Professor Rossi riguarda il reperimento e la gestione del novellame di vongola verace. Si provvede così a censire le aree lagunari dove naturalmente si verifica un elevato reclutamento del seme: sono le così dette aree nursery ove vi è l insediamento costante ed abbondante di novellame che sarà poi raccolto e distribuito in modo corretto nei vivai di allevamento. Quest anno proprio nel mese di marzo è stata promossa, in ottemperanza all indirizzo gestionale n 9 una campagna per la identificazione delle suddette aree nursery: è stata predisposta la mappa delle aree con insediamento naturale di vongola che è stata trasmessa anche all Istituto di Vigilanza per l idonea protezione. A tale proposito si spera di riprendere l importante progetto di ricerca dal titolo mappatura delle aree nursery e studi sulla dinamica di insediamento di Tapes philippinarum nella Sacca di Scardovari, che ha come scopo principale la realizzazione di una mappa georeferenziata delle aree nursery di vongole veraci e capire i meccanismi che governano l insediamento delle larve nonché formulare indicazioni su come gestire la risorsa ed eventualmente favorire l insediamento ed infine contribuire al miglioramento delle conoscenze sull ecologia della specie nell area di studio. Tale progetto, promosso dall Amministrazione Provinciale, è auspicabile venga intrapreso al più presto. Da rilevare che nel corso del 2006 si è verificato un elevato insediamento di novellame di vongola verace presso le foci e i tratti terminali del fiume Po. Di grande estensione e di notevole entità per quantità di semina presente si è rivelato il banco sito in Busa Dritta. Dalle perizie effettuate il novellame selvatico ha colonizzato quasi l intero tratto terminale della foce del Po di Pila (appunto la Busa Dritta) per un estensione stimata complessivamente in ben 60 ettari. Anche la densità, che non si presenta omogenea all interno dell area, ha comunque una media di oltre 300 animali per metro quadrato e il prodotto risulta pulito senza presenza di gusci e altro materiale di scarto. La pesca in tale area è stata ripresa anche in questo mese, poiché probabilmente l area di nursery porta ad un prolungato e continuo nuovo insediamento di molluschi bivalvi. La raccolta di tale semina è gestita (dopo l ottenimento del nulla osta sanitario da parte del Servizio Veterinario, e l autorizzazione alla pesca da parte dell Amministrazione Provinciale di Rovigo) sia utilizzando i due grandi pontoni-natanti denominati Vongola 3 e Vongola 4, progettati e realizzati proprio anche per lo spostamento di grandi quantità di semina naturale e per la pulizia dei fondali lagunari, sia avvalendosi di squadre di pescatori soci che utilizzano, per la raccolta del novellame, la rasca a pompa con manico lungo, la rasca a pompa modificata, entrambe armate con reti a maglia piccola (6-8 mm.). Tali metodi di raccolta seguono scrupolosamente l indirizzo gestionale n

17 foto n 21: imbarcazione Vongola foto n 22 e 23: fasi di raccolta del novellame da area nursery con natante Vongola 4 Sono stati ritrovati banchi di seme selvatico anche nella foce del Po di Gnocca e del Po di Tramontana. Per entrambe le aree (così come per la Busa Dritta) sono state richieste e ottenute, dalle Autorità e Istituzioni competenti, la registrazione sanitaria e la autorizzazione per le pesca e la reimmissione in aree in concessione idonee all allevamento. È stata richiesta e ottenuta la registrazione e autorizzazione alla pesca e alla reimmersione, di un banco naturale di giovanili di vongola verace situato nella zona marino-costiera antistante la laguna del Barbamarco tra le uscite a mare del canale navigabile e del Po di Tramontana. Anche da questa zona il prodotto prelevato sarà immesso in idonei vivai lagunari per il successivo ingrasso. Le aree nursery in Busa Dritta, Po di Tramontana e Po di Gnocca non vengono riconosciute dall Amministrazione Provinciale come zone contemplate nella convenzione con il Consorzio e per 16

18 tale motivo si è proposto un regolamento per la gestione di questi siti sull esperienza similare condotta nella vicina marineria di Goro (indirizzo gestionale n 14). Le esigenze di novellame per la produzione del Consorzio Pescatori sono ingentissime. Annualmente, solo il Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine O.P. commercializza (per uso alimentare) circa mezzo miliardo di individui di vongole adulte ed il fabbisogno di seme per garantire tale produzione può essere stimato in circa un miliardo di esemplari/anno e di questi solo una piccola frazione percentuale (3 4%) deriva da schiuditoi e preingrassi artificiali. Da ciò deriva la necessità del corretto governo delle aree nursery naturali che sono alla base dell intera attività di venericoltura. E pertanto di primaria importanza ed urgenza la predisposizione ed applicazione di piani di gestione di queste zone di attivo reclutamento naturale nonché azioni mirate che possano portare alla conservazione e, se possibile, al miglioramento delle caratteristiche produttive di tale ambienti. E quanto ci si propone di applicare nella maggiore area nursery del Delta Polesano che è collocata in Busa Dritta Il quantitativo di materiale seminale raccolto in tale area durante il 2006 nonché la sua qualità (intesa come pezzatura, assenza di scarto, e sopravvivenza degli animali dopo la reimmersione) si sono rivelati sorprendenti. Da ciò la necessità di attuare azioni di tutela e salvaguardia. foto n 24: fase di scarico del novellame raccolto in area nursery di Busa Dritta 24 L area nursery in Busa Dritta, a differenza di altre aree di reclutamento naturale ubicate in ambiente lagunare, presenta delle caratteristiche assolutamente peculiari andandosi a collocare nel 17

19 tratto terminale di un ramo del fiume Po. Per le sue caratteristiche ambientali e geomorfologiche nonché per il fatto che ricade in una zona che non è sottoposta alla Convenzione tra Provincia di Rovigo e Consorzio Pescatori, l area nursery presenta due principali problematiche: a) l impossibilità di attuare l attività di guardiania da parte delle guardie giurate che operano per il Consorzio e sono numerose le segnalazioni di pesca di frodo con mezzi di raccolta illegali e devastanti sia per gli animali che per l ambiente; b) eventuali persistenti ed eccezionali piene del fiume potrebbero compromettere la sopravvivenza dei giovanili e dei riproduttori essendo il banco collocato proprio all interno dell alveo del fiume. Si auspica per l anno 2007 di arrivare ad attuare la presente modalità di gestione: 1. L ottenimento della concessione della suddetta zona da parte del Consorzio Coop. Pescatori del Polesine O.P. da utilizzarsi come area in concessione finalizzata alla gestione di area nursery per la vongola verace ; 2. Delimitazione dei confini al fine di agevolare la vigilanza e salvaguardare l area mediante servizio di guardiania 24 ore su 24; 3. Definizione di un responsabile o un gruppo ristretto tecnico scientifico che definisca metodi di raccolta, periodi di raccolta, quantità di materiale seminale e dimensioni dei giovanili. Più in dettaglio occorrerà attuare: 3 a) un piano di monitoraggio che descriva con precisione e di continuo la consistenza dello stock per le varie classi di taglia; 3 b) in accordo con la competente U.S.L. locale, mantenere il controllo dell idoneità sanitaria del materiale seminale, rispettare le procedure di tracciabilità del prodotto prelevato con stesura dei D.D.R. sanitari e relativa trascrizione nei registri di carico scarico dei quantitativi reimmessi nei vari ambiti identificati dal settore veterinario; 3 c) definire i sistemi di raccolta che potranno prevedere l utilizzo o dei natanti Vongola 3 o Vongola 4 per profondità da 1 a 4 metri, e l impiego della rasca a pompa modificata per profondità inferiori al metro o superiori a 4 metri. Devono essere vietati tutti gli altri mezzi non autorizzati dall Amministrazione Provinciale di Rovigo (tipo la cassa, la giostra, ostregheri, ecc ); 3 d) È importante stabilire anche il numero di pescatori che potranno effettuare la raccolta non potendo ovviamente inviare contemporaneamente i pescatori associati; 3 f) indicare i periodi di raccolta e reimmersione che saranno stabiliti dal responsabile tecnico scientifico in dipendenza dalla disponibilità effettiva della risorsa; 3 e) La taglia del novellame dovrà essere di almeno 8-10 mm sino ad un massimo di 25 mm. Il prodotto di taglia commerciale dovrà essere reimmesso nel medesimo sito sia al fine di 18

20 salvaguardare i riproduttori, sia per impossibilità di commercializzare il prodotto proveniente da area non classificata. La registrazione sanitaria del banco di giovanili di vongola verace situato alla foce del Po di Pila Busa Dritta è stata ottenuta ed il numero identificativo rilasciato è 19-AI-2006/02 e sono già in possesso del Consorzio i documenti sanitari per la reimmersione al fine di effettuare il trasporto del novellame in zone di produzione adeguatamente identificate situate in aree lagunari in concessione. 19

Sono affrontati e discussi i principali aspetti della gestione dell allevamento di vongola verace filippina nella sacca di Goro.

Sono affrontati e discussi i principali aspetti della gestione dell allevamento di vongola verace filippina nella sacca di Goro. Università degli Studi di Ferrara Diego Viviani 1, Edoardo Turolla 2, Castaldelli Giuseppe 1, Remigio Rossi 1 1. Dipartimento di Biologia Università di Ferrara 2. Istituto Delta Ecologia Applicata La gestione

Dettagli

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Anno accademico 2007-2008 Meccanizzazione

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese? Il Riutilizzo degli Scarti Verdi dei Vivai Paolo Marzialetti - Ce.Spe.Vi. Centro Sperimentale Vivaismo di Pistoia Energie Rinnovabili ed Efficienza Energetica - Un Volano per lo Sviluppo Economico Pistoiese?

Dettagli

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA

SOMMARIO LINEE GUIDA FILIERA CORTA Pagina 1 di 5 SOMMARIO 1. SCOPO... 2 2. VANTAGGI DELLA... 2 3. ORGANIZZAZIONE DELLA... 2 4. BIOLOGICA... 2 5. MATERIALI DI CONFEZIONAMENTO... 3 6. I LUOGHI DELLA... 3 6.1. VENDITA DIRETTA... 3 6.2. MERCATI

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 23 LUGLIO 2007 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 15 giugno 2007 - Deliberazione N. 1006 - Area Generale di Coordinamento N. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - "Istituzione dell'albo delle strutture

Dettagli

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA

2 INQUADRAMENTO DEL SITO E DELL ATTIVITA RAPPORTO AMBIENTALE E DATI SULLA GESTIONE DELL IMPIANTO ANNO 2012 1 INTRODUZIONE La realizzazione del presente Rapporto Ambientale nasce come strumento aziendale per promuovere e diffondere all esterno

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

P.O. 01 Accettazione rifiuti

P.O. 01 Accettazione rifiuti Accettazione dei rifiuti (Piano gestione rifiuti ai sensi della DGR X/2031 del 01/07/2014) ELENCO DELLE REVISIONI REV. N Descrizione Revisioni DATA Preparato RI Verificato RQ Approvato PRE 0 PRIMA EMISSIONE

Dettagli

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara

Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Competitività, sistema produttivo e infrastrutture. Il caso di SIPRO Agenzia per lo sviluppo Ferrara Gabriele Ghetti, Presidente Piacenza, 27 ottobre 2005 Profilo Soci SIPRO è una Società per Azioni, con

Dettagli

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA

NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA NUOVO QUADRO PROGRAMMATICO STATO REGIONI E PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO PER L EDUCAZIONE ALL AMBIENTE E ALLA SOSTENIBILITA Premessa Nel marzo 2007 è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA?

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 Richiesta di consulenza da parte delle aziende

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI

Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ai Direttori degli Uffici periferici LORO SEDI Ufficio II Prot. n. 22280 pos.26 Al Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agroambientali dell Università di Bologna Laboratorio LaRAS Via Fanin, 40 40127 BOLOGNA

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE

LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE LAUREA SPECIALISTICA IN SCIENZE, TECNOLOGIE E GESTIONE DEL SISTEMA AGRO-ALIMENTARE Classe 78/S - Scienze e Tecnologie agroalimentari Coordinatore: prof. Marco Gobbetti Tel. 0805442949; e-mail: gobbetti@ateneo.uniba.it

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati

Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Regolamento per la Valorizzazione dell attività scientifica ed il Trasferimento dei risultati Premessa L Ateneo svolge attività di diffusione e promozione della ricerca scientifica sostenendo la partecipazione

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013

Sintesi per la stampa. Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Sintesi per la stampa Rapporto Analisi dei Settori Industriali* Maggio 2013 Industria: caduta del fatturato nel biennio 2012-13 (-8,3% pari a 56,5 miliardi di euro a prezzi costanti), causata dal previsto

Dettagli

Per un sistema informativo delle cave del Veneto, MASSIMO ROSSI

Per un sistema informativo delle cave del Veneto, MASSIMO ROSSI Ricerche e proposte sulle cave del Veneto Convegno: auditorium di palazzo Bomben, via Cornarotta 7, Treviso; 10 marzo 2006. Esposizione: palazzo Caotorta, via Cornarotta 9, Treviso; dal 10 marzo al 19

Dettagli

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI

VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI VALUTARE, QUALIFICARE E MONITORARE I FORNITORI Rev. Data Causale Redazione Verifica Approvazione 00 Xx/xx/xxxx Prima emissione INDICE SCOPO DELLA PROCEDURA RESPONSABILITÀ CAMPO DI APPLICAZIONE MODALITÀ

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Sintesi del decreto legislativo sulla promozione della cogenerazione ad alto rendimento PIU RISPARMIO ENERGETICO INCENTIVANDO LA COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Il decreto

Dettagli

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011

Area Pianvallico. Linea di Intervento B. Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Studi di Fattibilità PIANVALLICO. Data: Giugno 2011 Progetto S..C..A..L..A..R..E.. Linea di Intervento B Azione B2 Studi di Fattibilità Area Pianvallico Data: Giugno 2011 File rif.:.doc Tecnico: David Giraldi INDICE PREMESSA... 1 1. GESTIONE DEI RIFIUTI

Dettagli

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538

.S.A. SRL. www.sogesasrl.biz. Società Gestione Servizi Ambientali. Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 SR.G.GE.S.A..S.A. SRL Società Gestione Servizi Ambientali www.sogesa.biz Via Campania, 33 74100 Taranto 099.7303538 Il contenuto di questo documento è di proprietà della So.. La riproduzione, la comunicazione

Dettagli

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE

PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Cava Medicea Inferiore e Cava Medicea Superiore PREVENZIONE E GESTIONE EMERGENZE Edizione numero 1 emessa nel mese di settembre 2015 Copia Nr.: CONTROLLATA NON CONTROLLATA Assegnata a Questa Procedura

Dettagli

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE

BROCHURE INFORMATIVA SU EMAS E I SISTEMI DI GESTIONE AMBIENTALE L INNOVAZIONE AL SERVIZIO DELLA CONOSCENZA E DELLA PREVENZIONE Dai sistemi di monitoraggio alla diffusione della cultura ambientale Milano, 24 25 26 Novembre 2003 Teatro Dal Verme - Palazzo delle Stelline

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave:

La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole chiave: 2 3 scheda SEZIONE C: SCHEDA La strategia di sviluppo rurale del Friuli Venezia Giulia 2014-2020 in breve La politica regionale di sviluppo rurale per il periodo 2014-2020 sarà improntata a quattro parole

Dettagli

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia

Gli obiettivi del Piano energetico regionale. Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia Gli obiettivi del Piano energetico regionale Intervento dell Ing. Sebastiano Cacciaguerra Direttore del Servizio Energia 1 Il progetto del PER Il Servizio Energia è attualmente impegnato, attraverso un

Dettagli

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE

STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE Allegato alla Delib.G.R. n. 50/38 del 5.12.2006 STUDIO DEL MODELLO DI GESTIONE DEL SISTEMA IDRICO REGIONALE 0. PREMESSE Come evidenziato nei documenti guida del nuovo periodo di programmazione dei fondi

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati

Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento - Bonifica dei Siti Contaminati Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE Ingegneria Sanitaria - Ambientale Corso di Bonifica dei Siti Contaminati Bonifica dei Siti Contaminati - Legislazione di Riferimento

Dettagli

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio

REGIONE DEL VENETO. Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio REGIONE DEL VENETO PROVINCIA DI VERONA COMUNE DI SAN PIETRO DI MORUBIO Impianto di messa in riserva e recupero di rifiuti speciali non pericolosi presso il Comune di San Pietro di Morubio DITTA A.E.T.

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE

CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE CODICE DI RICERCA, SELEZIONE E INSERIMENTO DI PERSONALE 1 PREMESSA Il presente codice disciplina le procedure di ricerca, selezione ed inserimento di personale, che sono demandate alla Direzione Generale,

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO

ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO ORGANIZZAZIONE DEL PROGETTO L organizzazione di un progetto è la realizzazione del processo di pianificazione. In altre parole, organizzare significa far funzionare le cose. Nello specifico, implica una

Dettagli

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE.

CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. www.systab.it CREPE NEI MURI? CON SYSTAB ELIMINO IL PROBLEMA ALLA BASE CONSOLIDANDO TERRENO E FONDAZIONE. Le crepe nei muri sono un sintomo da non trascurare, spesso legato ad un cedimento del terreno

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA *

SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * SISTEMA INTEGRATO DELLA QUALITA AGROLIMENTARE DEL GAL ALTA TUSCIA * 1. Premessa Fin dalla fase di ideazione e elaborazione del Piano di Azione Locale Alta Tuscia il tema della qualità, intesa non solo

Dettagli

REALIZZAZIONE DI UN DATABASE GEOREFERENZIATO SULL ECOSISTEMA COSTIERO EMILIANO ROMAGNOLO RELATIVO ALLE PRESSIONI ANTROPICHE

REALIZZAZIONE DI UN DATABASE GEOREFERENZIATO SULL ECOSISTEMA COSTIERO EMILIANO ROMAGNOLO RELATIVO ALLE PRESSIONI ANTROPICHE SERVIZIO. AREA Progetto esecutivo REALIZZAZIONE DI UN DATABASE GEOREFERENZIATO SULL ECOSISTEMA COSTIERO EMILIANO ROMAGNOLO RELATIVO ALLE PRESSIONI ANTROPICHE Responsabile di progetto : CROATTI GABRIELE

Dettagli

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini)

Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione (a cura di Paolo Stefanini) Progettare la manutenzione significa determinare il miglior sistema di gestione delle fasi che compongono tale processo, vale a dire trovare il giusto

Dettagli

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone

EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone EMAS ed Ecolabel Integrazione tra i due schemi dott.ssa Giulia Maggiorelli, ing. Marina Masone Introduzione La politica integrata dei prodotti (IPP), secondo quanto riportato nel Libro Verde della Commissione

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA IL MERCATO DEL NOLEGGIO DI MACCHINE E ATTREZZATURE PER LE COSTRUZIONI IN ITALIA Studio generale 2008 a cura di Federico Della Puppa con la collaborazione di Dem.Co Indice Risultati principali, 3 Presentazione,

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Allegato A alla Deliberazione della Giunta Provinciale n. 513 del 19.12.2002 PROTOCOLLO PER L AFFIDAMENTO IN GESTIONE AGLI AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA DELLE ZONE DI RIPOPOLAMENTO E CATTURA DELLA PROVINCIA

Dettagli

Utilizzo degli strumenti informativi per la gestione degli acquisti nello scenario della Regione Friuli Venezia Giulia

Utilizzo degli strumenti informativi per la gestione degli acquisti nello scenario della Regione Friuli Venezia Giulia Utilizzo degli strumenti informativi per la gestione degli acquisti nello scenario della Regione Friuli Venezia Giulia ing. Claudio Giuricin, componente della C.U.D. Direttore del Dipartimento Servizi

Dettagli

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A

Su proposta dell Assessore alle Politiche per la Salute; A voti unanimi e palesi D E L I B E R A Prot. n. (PRC/05/30252) Visti: LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA - il Decreto Legislativo 17 marzo 1995, n. 230 e successive modificazioni e integrazioni, recante Attuazione delle direttive 89/618/EURATOM,

Dettagli

Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA

Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA Allegato A DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE INERENTI LA SICUREZZA DEGLI ALIMENTI E DEI MANGIMI NELLA REGIONE TOSCANA INDICE Premessa CAPO 1: UNITA DI CRISI 1.1 Unità di crisi della Regione Toscana

Dettagli

Alimentazione naturale

Alimentazione naturale B Alimentazione naturale Secondo i dati dell ISMEA (Osservatorio del mercato dei prodotti biologici), in un anno di crisi come il 2010 i consumi di prodotti ortofrutticoli biologici hanno avuto un andamento

Dettagli

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN

DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN DCO 10/10 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI MONITORAGGIO DEI MERCATI DELLA VENDITA AL DETTAGLIO DELL ENERGIA ELETTRICA E DEL GAS NATURALE Osservazioni e proposte ANIGAS Milano, 10 giugno

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento La gestione delle scorte ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA La gestione

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE)

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO (PROVINCIA DI PORDENONE) APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE DEL MERCATO PER LA VENDITA DIRETTA DI PRODOTTI AGRICOLI; MERCATI COSIDETTI A KM 0. (Testo integrale riportate

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ COMPETENZA. ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI

AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ COMPETENZA. ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI COMPETENZA AFFIDABILITÀ SOSTENIBILITÀ...lavoriamo con impegno e passione per un futuro migliore! SERVIZI AMBIENTALI SERVIZI AMBIENTALI 20 1993-2013 Soluzioni Ambientali Integrate ECOTRASPORTI, nata nel

Dettagli

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO

IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO CORERAS IL CIRCUITO DIRETTO DELL AGROALIMENTARE SICILIANO La Sicilia sulle tavole italiane Legge Regionale N 25 del 2011, Art. 10 VETRINE PROMOZIONALI E PUNTI MERCATALI Allarghiamo gli orizzonti, accorciamo

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI DI CONTATTO Approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 309 in data 31/03/2011 SOMMARIO IL CONTESTO... 3 1. AMBITI DI RACCOLTA... 7 1.1 CONTACT

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale LE CARATTERISTICHE DEL PIANO INDUSTRIALE 1.1. Definizione e obiettivi del piano industriale 1.2. Requisiti del piano industriale 1.3. I contenuti del piano industriale 1.3.1. La strategia realizzata e

Dettagli

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA 1 PREMESSA La presente relazione dimensiona e verifica le opere idrauliche relative alle fontane direttamente connesse con la realizzazione delle opere di Completamento dell area adiacente alla Cascina

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE INDICE 1. Premesse...2 2. Manuale d uso delle opere...3 2.1. Descrizione delle opere...3 2.2. Modalità d uso delle opere progettate...4 3. Monitoraggio delle opere...5 4. Manutenzione...6 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE 2 OGGETTO: Approvazione Linee guida per la predisposizione dei Piani triennali di ambito sociale obiettivi 2005-2007 LA VISTO il documento istruttorio, riportato in calce alla presente deliberazione, predisposto

Dettagli

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE

SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Marchio di qualità con indicazione di origine Marchio di qualità Südtirol/Alto Adige DISCIPLINARE per il settore SPEZIE ED ERBE AROMATICHE Decreto del Direttore della Ripartizione Economia n. 833 del 26.11.2014

Dettagli

Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n.

Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n. Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n. 7125 Acronimo: CoVAL Conservazione e valorizzazione di razze avicole

Dettagli

INTERVENTO PER IL CONTROLLO DELLA DIFFUSIONE DELLA VEGETAZIONE ACQUATICA NEL BACINO DEL LAGO DI VIVERONE

INTERVENTO PER IL CONTROLLO DELLA DIFFUSIONE DELLA VEGETAZIONE ACQUATICA NEL BACINO DEL LAGO DI VIVERONE Ufficio Acque reflue INTERVENTO PER IL CONTROLLO DELLA DIFFUSIONE DELLA VEGETAZIONE ACQUATICA NEL BACINO DEL LAGO DI VIVERONE Provincia di Biella: David Tezzon La Provincia di Biella e la Provincia di

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE

POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE POLITICA DELLA FORMAZIONE DEL PERSONALE CIVILE 1. Che cos è la formazione La formazione è il processo attraverso il quale si educano, si migliorano e si indirizzano le risorse umane affinché personale

Dettagli

LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO

LA MANUTENZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO LA TERMOGRAFIA, IL VALORE AGGIUNTO Per garantire una sempre più efficiente attività di manutenzione degli impianti fotovoltaici pur garantendo un basso canone di manutenzione la SIEM si avvarrà di dispositivi

Dettagli

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti

Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il progetto PVTRAIN: obiettivi e risultati raggiunti Il PVTRAIN PhotovoltaicTrain - è un progetto pilota della durata di 3 anni (iniziato il 1 Novembre 2002 e terminato il 31 Ottobre 2005) realizzato dalla

Dettagli

Considerazioni. del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte

Considerazioni. del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte Considerazioni del Gruppo di Lavoro TANDEM finalizzate all adozione di specifiche proposte Premessa Il gruppo di lavoro TANDEM sin dal 2001 opera per la diffusione dei sistemi di gestione ambientale nelle

Dettagli

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi:

Servizi Integrati. Per realizzare una ef cace AAI devono essere svolti i seguenti passi: Analisi di Prodotto Scheda 1/10 Analisi i inizialei i dei processi Aziendali ambientale secondo operativa 15033 Introduzione: L Analisi (AAI) è una dettagliata e metodica indagine dello stato dell Organizzazione

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli

RELAZIONI ART 9 D.Lgs. 257/92

RELAZIONI ART 9 D.Lgs. 257/92 Sezione Prevenzione e Sanità Pubblica RELAZIONI ART 9 D.Lgs. 57/9 Anno fonte: Relazioni inviate dalle ditte che eseguono interventi di bonifica e trasporto amianto riferimento: attività svolte nel territorio

Dettagli

Esperienze. gestione. risorse. * Qualità INVENTARIO. * Produttività. * Controllo di GESTIONE FORNITORE. * Monitoraggio GESTIONE LISTE DI CARICO

Esperienze. gestione. risorse. * Qualità INVENTARIO. * Produttività. * Controllo di GESTIONE FORNITORE. * Monitoraggio GESTIONE LISTE DI CARICO CONTROLLO DI GESTIONE Esperienze GESTIONE STATO APPARATI GESTIONE FORNITORE INVENTARIO GESTIONE LISTE DI CARICO * Qualità * Produttività * Controllo di gestione * Monitoraggio risorse TRACCIABILITA PRODOTTI

Dettagli

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma

La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma La prevenzione della produzione dei rifiuti nella Provincia di Roma Impostazione,nuova Direttiva e misure prioritarie di Edo Ronchi Roma,10 giugno 2010 Un modello insostenibile di crescita Un economia

Dettagli

Progetto Regionale FAS Fitosanitari - Ambiente - Salute

Progetto Regionale FAS Fitosanitari - Ambiente - Salute giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATO _A Dgr n. del pag. 1/7 Progetto Regionale FAS Fitosanitari - Ambiente - Salute Piano Regionale di controllo ufficiale sul commercio e sull impiego dei prodotti

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

IL GRUPPO NOVELLI LA FILIERA OVITO NO-OGM E QUELLA BIO ESPERIENZE SULLA GESTIONE DEGLI OGM

IL GRUPPO NOVELLI LA FILIERA OVITO NO-OGM E QUELLA BIO ESPERIENZE SULLA GESTIONE DEGLI OGM IL GRUPPO NOVELLI LA FILIERA OVITO NO-OGM E QUELLA BIO ESPERIENZE SULLA GESTIONE DEGLI OGM MARCHIO/AZIENDA ATTIVITÀ STABILIMENTI INTERPAN S.p.A. SPIGA Produzione pane fresco Produzione pizze fresche e

Dettagli

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION

PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PROGETTO DI INDAGINE DI CITIZEN SATISFACTION PARLA CON NOI (Approvato con delibera di Giunta Provinciale n. 85 del 16/03/2007) Fernanda Marotti Loredana Milito 2 INDICE 1. PERCHÉ MONITORARE L UTENZA DELL

Dettagli

Dal FEP al FEAMP: quale transizione

Dal FEP al FEAMP: quale transizione L attuazione della Politica Europea per la Pesca: Dal FEP al FEAMP Bologna, 08 ottobre 2014 Regione Emilia Romagna FEP: Misura 5.1 Assistenza tecnica Dal FEP al FEAMP: quale transizione Giulio Malorgio

Dettagli

6 - Interventi e indicatori di risposta

6 - Interventi e indicatori di risposta 6 - Interventi e indicatori di risposta 6.1 Gli adempimenti previsti dalla legislazione Tra le azioni attuate dal Comune di Padova in risposta a precise disposizioni di legge in materia di inquinamento

Dettagli

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO

APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO APPROCCIO ALLA VALUTAZIONE DEI RISCHI NEGLI AMBIENTI DI LAVORO SIGNIFICATO DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI La valutazione dei rischi consiste in un esame di tutti gli aspetti attinenti il lavoro, finalizzato

Dettagli

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili

LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili LA PIANIFICAZIONE FINANZIARIA flussi mensili Non può mancare in una azienda, anche se di piccole dimensioni, una pianificazione finanziaria. La pianificazione finanziaria è indispensabile per tenere sotto

Dettagli

La Rete regionale per la tutela delle tartarughe marine dell'emilia-romagna e il progetto di estensione della rete ad altre Regioni

La Rete regionale per la tutela delle tartarughe marine dell'emilia-romagna e il progetto di estensione della rete ad altre Regioni NetCet Workshop Città e Regioni per la conservazione e gestione di cetacei e tartarughe marine 8 ottobre 2015 - Arsenale Torre di Porta Nuova, Castello, 30122 Venezia La Rete regionale per la tutela delle

Dettagli

Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine. CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe

Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine. CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe Lungomare Scipioni,, 6 Sede dell Universit Università di

Dettagli

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI 5/5 6.9 Pulire l irroratrice al termine del trattamento 6.10 Smaltire le rimanenze e gli imballaggi dei PF File n. 15 di 15 della raccolta Materiale didattico

Dettagli

La consulenza nel campo assicurativo

La consulenza nel campo assicurativo La consulenza nel campo assicurativo inizio Perché i delfini? Perché ci somigliano: intelligenti, abili, veloci, si muovono esperti nel loro vasto blu. Su di loro si può sempre contare. inizio Studi recenti

Dettagli

R e g i o n e L a z i

R e g i o n e L a z i o R e g i o n e L a z i Titolo del Progetto o del programma: E possibile rendere sicure le sostanze pericolose Identificativo della Linea o delle Linee di intervento generale/i : Prevenzione degli eventi

Dettagli

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine

RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine RELAZIONE NON TECNICA M.A.S.A MIGLIORAMENTO AGRICOLO S.R.L. TAPOGLIANO VIA DEI CAMPI n1 Udine Descrizione Generale del Sito L allevamento è situato in zona a destinazione agricola (vedere classificazione

Dettagli

Come costruire il piano commerciale

Come costruire il piano commerciale Come costruire il piano commerciale Definire un piano commerciale per la propria impresa è importante: quando mancano idee chiare e obiettivi, infatti, spesso l azione di vendita viene sviluppata in modo

Dettagli

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO

Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO Come passare dal budget tradizionale al piano d azione annuale: il caso GDO di Massimo Lazzari e Davide Mondaini (*) L evoluzione rapida e irreversibile dei contesti di riferimento in cui le aziende si

Dettagli

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa

Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa Manuale di valutazione del personale non titolare di posizione organizzativa 1 Premessa Il presente manuale è stato redatto al fine di fornire uno strumento, rapido e accessibile, per chiarire i presupposti

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli