AZIONI GESTIONALI E PIANO DI SVILUPPO DELL ATTIVITA DI VENERICOLTURA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AZIONI GESTIONALI E PIANO DI SVILUPPO DELL ATTIVITA DI VENERICOLTURA"

Transcript

1 CONSORZIO COOPERATIVE PESCATORI DEL POLESINE O.P. Via della Sacca, 11 Scardovari di Porto Tolle (RO) AZIONI GESTIONALI E PIANO DI SVILUPPO DELL ATTIVITA DI VENERICOLTURA Scardovari, marzo 2007 Il presidente Paolo Mancin

2 INDICE 1 Introduzione pag. 2 2 Gestione e programma di massimo sfruttamento delle potenzialità dei siti ora idonei all allevamento pag. 4 3 Gestione e miglioramento dell attività di semina pag. 8 4 Azioni tese all ampliamento delle aree idonee alla venericoltura pag Altre strategie gestionali tese allo sviluppo del settore pag Conclusioni pag. 29 1

3 1 Introduzione Le aree lagunari dove il Consorzio Coop. Pescatori del Polesine O.P. detiene, demandati dalla Provincia di Rovigo, i diritti esclusivi di pesca dei molluschi si sviluppano in un estensione di circa 6000 ettari. Tale area è caratterizzata dall apporto di acque dolci provenienti dai rami del fiume Po: Po di Goro, Po di Gnocca, Po di Tolle, Po di Scirocco, Po di Pila, Po di Tramontana e Po di Maistra. Gli scambi con il mare aperto dipendono esclusivamente dai cicli di marea, e sono fortemente influenzati dagli scanni che separano le varie lagune con il mare stesso. Detti scanni sono in continua evoluzione morfologica dovuta da una parte all erosione marina e dall altra all accrescimento dovuto agli apporti sabbiosi del fiume Po. Nei peculiari ambienti di acque salmastre delle lagune del Delta del Po, così come in vaste aree della laguna Veneta, la specie Tapes philippinarum, immessa agli inizi degli anni 80, ha trovato condizioni estremamente favorevoli sia alla crescita che alla riproduzione e quindi all allevamento. Come sottolineato da Rossi, questa attività ha subito un impulso senza precedenti avendo come risultato lo sviluppo di una economia che localmente si basa, ormai in quota parte rilevante, sullo sfruttamento di questa risorsa. Come accaduto per la vicina Sacca di Goro, nelle lagune in gestione al Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine, è stata quasi da subito abbandonata la semplice pesca e si è ben presto passati alla gestione dei banchi naturali con pratiche di risemina (restocking) e di trasferimento degli individui da zone meno idonee a zone più idonee alla crescita. Nelle lagune in concessione lo sfruttamento della risorsa segue, da oltre un decennio, un programma di allevamento che deve necessariamente essere continuamente migliorato e incentivato. Come descritto da Rossi (2002) nelle lagune del Delta del Po Veneto ed Emiliano- Romagnolo è operante un sistema di gestione della risorsa vongola verace inquadrabile come culture based fishery. Secondo questa metodologia di allevamento sono individuate precise zone lagunari dove, secondo precisi parametri ambientali, si mettono in pratica operazioni di pulizia dei fondali, semina del prodotto sotto taglia recuperato durante la pesca o acquistato da altre marinerie, o ancora eventualmente derivante dallo spostamento dello stesso da zone ritenute meno adatte ad altre più favorevoli. Come è evidente, non tutti i 6000 ettari della superficie lagunare sono ugualmente idonei alla venericoltura. Sulla scorta dei risultati riportati in uno studio promosso dal Consvipo e affidato all Ente Scientifico Istituto Delta, nel 2003 nelle tre lagune la superficie idonea all allevamento è stata stimata in poco più di 300 ettari, ovvero su aree con elevato idrodinamismo, sensibili agli scambi con il mare aperto, quelle dove la tessitura del sedimento 2

4 mostra un equilibrato rapporto e dove i parametri chimico-fisici dell acqua sono favorevoli all allevamento. Sempre l autorevole studio accerta che si è registrata una riduzione di circa il 50% di superficie utile all allevamento rispetto all anno Tale concetto è ribadito anche dagli esperti del Consorzio di Bonifica Delta Po-Adige (che è preposto alla gestione e manutenzione idraulica delle lagune), per i quali le sacche del delta sono aree estremamente instabili, in continuo rimaneggiamento sotto l influenza delle dinamiche ambientali e mutando, mutano anche le potenzialità produttive delle singole zone. Partendo da tali premesse fondamentali, per la gestione della produzione di vongole veraci nelle aree in concessione, viene seguita in modo attento e scrupoloso, la relazione finale, contenente gli indirizzi gestionali, sviluppata ad hoc per la nostra peculiare realtà dal Prof. Rossi dell Università di Ferrara. Occorre anche rilevare come nella nuova Convenzione tra Amministrazione Provinciale e Consorzio Pescatori, all articolo 3, vi è un esplicito impegno da parte della Provincia e del Consorzio di fare proprie ed accettare le indicazioni contenute nel suddetto Studio, considerata la valenza dello stesso e a garanzia della corretta pratica di venericoltura. Nella presente relazione vengono quindi richiamati gli indirizzi gestionali contenuti in tale lavoro scientifico accanto alle iniziative e strategie di sviluppo che lo scrivente ha intrapreso o si accinge a farlo. 3

5 2 Gestione e programma di massimo sfruttamento delle potenzialità dei siti ora idonei all allevamento La gestione delle aree idonee per l allevamento delle vongole parte dalla annuale verifica e ridefinizione dei siti lagunari che vengono individuati come aree destinate ad orti (indirizzo gestionale n 5) ovvero zone lagunari che possiedono caratteristiche adeguate all ingrasso dei molluschi. I criteri per la scelta sono di tipo ambientale ovvero adeguati parametri chimico-fisici dell acqua, corretto idrodinamismo, substrato a tessitura prevalentemente sabbiosa, lontananza da fonti di inquinamento, profondità non elevata, nonché tali siti dovranno permettere le pratiche di guardiania e una relativa facilità di accesso. In queste aree si procederà ad effettuare la semina come descritto oltre, mentre le rimanenti zone meno vocate (come si dirà più avanti) sono oggetto di azioni atte al loro recupero quali pulizia fondali tramite appositi macchinari presenti in natanti opportunamente costruiti, interventi idraulici di ripristino, immissione di sabbia derivante dallo scavo dei canali, di concerto con gli enti preposti. Nella gestione delle aree lagunari si è cercato di instaurare, come indicato dal Professor Rossi dell Università di Ferrara, uno sfruttamento delle aree seminate a rotazione (indirizzo gestionale n 18): si inizia la pesca quando si stima la presenza di almeno uno o due chilogrammi di prodotto vendibile per metro quadrato. Si pratica la politica di gestione tutto pieno tutto vuoto ovvero il prodotto sotto taglia pescato viene immesso in un altro orto mentre i gusci vuoti e lo scarto in genere viene trattenuto ed eliminato contribuendo così al mantenimento della pulizia del fondale all interno dei siti di allevamento. Quando in un vivaio la pesca diviene troppo faticosa (fin quasi all esaurimento del prodotto) si sospende la raccolta spostandola in altre aree di allevamento. Purtroppo come su accennato le zone lagunari da adibire ad orto sono ridotte e il sistema di rotazione trova difficoltà nella sua applicazione per tutto l arco dell anno. Relativamente agli attrezzi utilizzati per la pesca, massima attenzione è sempre stata posta nella valutazione degli impatti che gli stessi hanno sul prodotto e sull ambiente. Sino a tutto il 2003 la raccolta era praticata esclusivamente con la draga manuale localmente chiamata rasca. Essa è costituita essenzialmente da un cestello metallico (in ferro o in acciaio inox) formato da tondini distanziati fra loro di due centimetri, da un asta in legno, di circa due metri da un sacco di rete con maglie di trenta millimetri di apertura circa e da una cinghia. L apertura della rasca va da 50 centimetri a circa 1 metro ed è in genere munita di punte in metallo (diametro 6 millimetri) di 7 centimetri circa ( denti, sporgenti dalla lama) distanziati fra loro 2,5 3,0 centimetri. L azione di pesca si effettua nelle aree con profondità fino a 1,5 metri da pescatori vestiti con salopette stagna. La rasca viene trainata camminando all indietro: una larga cinghia, collegata 4

6 con cime di traino ai lati della rasca, cinge la vita dell operatore che indietreggiando muove ritmicamente il manico del rastrello favorendone la penetrazione nel sedimento. foto n 1: raccolta vongole con rasca a mano L azione dell attrezzo è facilitata dai denti che comunque non penetrano più di centimetri nel fondale. L asta in legno, di circa 2 metri, consente di scuotere l attrezzo e favorire in questo modo il suo avanzamento e la fuoriuscita del sedimento. Questa metodica di pesca determina un basso impatto ambientale sull ecosistema lagunare di granlunga inferiore ad altri strumenti quali le cosiddette rusche, daghe idrauliche o turbosoffianti, rastrelli vibranti. Nel 2004 è stato approvato dall Amministrazione Provinciale, dopo un accurato studio scientifico da parte dei tecnici del CIRSPE, un nuovo tipo di draga manuale dove però vi è la presenza di getti d acqua a bassa pressione che agevolano il pescatore nell affondare e nel trainare l attrezzo nel substrato. Solitamente all interno degli orti da prima viene autorizzata la pesca solo con l attrezzo manuale tradizionale, poi riducendosi il quantitativo pescabile, viene autorizzato l utilizzo della rasca a pompa che favorisce anche la raccolta e l eliminazione del cosiddetto capulerio. 5

7 2 3 foto n 2 e 3: rasca a pompa Più recentemente, nel mese di Novembre 2006, è stata autorizzata dall Amministrazione Provinciale di Rovigo, la cosiddetta rasca a pompa modificata. La principale differenza del nuovo attrezzo rispetto alla rasca a pompa consiste nell essere privato del manico per il governo dello strumento da parte del pescatore sulla barca, e dotato, viceversa, di due slitte laterali che ne rendono possibile il trascinamento: lo strumento viene infatti assicurato alla imbarcazione tramite apposite cime fissate a prua o a poppa e governato dal conducente della barca stessa; e salpato con apposito verricello. La seconda differenza nel nuovo attrezzo è la relativa maggiore profondità della cassa, profondità necessaria per mantenere l equilibrio del nuovo tipo di governo (mediante cime). Tutte le altre caratteristiche tecniche costruttive restano identiche alla rasca a pompa. 4 5 foto n 4: rasca a pompa manico lungo; foto n 5: rasca a pompa modificata In ottemperanza all indirizzo gestionale n 2 è stato chiesto un parere tecnico-scientifico all Università di Ferrara e al responsabile scientifico del CIRSPE, Professor Mario Ferretti, i quali hanno certificato come un impatto della nuova rasca a pompa modificata sia simile all impatto verificato per la rasca a pompa. Un ulteriore elemento a sostegno della utilizzazione del nuovo strumento deriva da considerazioni relative alle misure di sicurezza (si veda un recente report 6

8 dell I.S.P.E.S.L. definizione dei rischi di esposizione e delle misure di sicurezza e tutela della salute nel settore dell acquacoltura, relativamente alle lavorazioni in molluschicoltura e gabbie galleggianti ). Il nuovo attrezzo garantisce maggiore sicurezza agli operatori, riducendo i rischi (cadute fuori bordo) connessi soprattutto alla fase di raccolta del prodotto. Al fine di non immettere sul mercato una eccessiva quantità di prodotto, è stabilita e comunicata (tramite una rete di segreterie telefoniche) giornalmente una quota massima di raccolta fissata per ciascun socio pescatore a seconda sia della domanda del mercato, sia della quantità pescata durante l anno fino a quel momento. In pratica si stabilisce un quantitativo massimo prelevabile annualmente che deve essere tenuto in considerazione e non superato al fine di preservare la risorsa (indirizzo gestionale n 21). È altresì fissato l orario di inizio e fine pesca nonché le zone siti di allevamento dove poter operare la raccolta. È prevista inoltre la identificazione del prodotto: questa avviene attraverso l inserimento di un biglietto all interno del sacco con un codice che viene a specificare il nominativo del pescatore e la pezzatura del prodotto. È regolata anche la consegna dei molluschi che deve avvenire in specifici punti di sbarco dislocati nelle varie lagune. In detti siti si trovano degli incaricati al ricevimento e pesatura che tramite un computer portatile annotano il codice pescatore, il codice cooperativa, il codice prodotto e il quantitativo conferito ed emettono successivamente un buono consegna per il socio. Terminato l orario di pesca delle vongole tutti i mezzi frigo, dai vari punti di sbarco, concentrano interamente il quantitativo raccolto presso l impianto di depurazione di Scardovari. L ufficio vendite provvederà successivamente alla collocazione commerciale del prodotto conferito. 7

9 3 Gestione e miglioramento dell attività di semina L attività e la responsabilità della semina nei siti di allevamento (indirizzo gestionale n 11) è demandata ad un gruppo di persone esperte nominato annualmente dal Consiglio di Amministrazione del Consorzio che è composto da un coordinatore generale alla semina, da dieci esperti pescatori di professione (di solito uno per cooperativa associata), che sono i gestori dei vari siti di allevamento (orti) distribuiti nelle varie lagune e con la consulenza del biologo responsabile sanitario dell impianto di depurazione. Il Presidente del Consorzio rappresenta il coordinatore generale di questo gruppo che fa capo al CdA per le indicazioni strategiche, l approvazione delle scelte operative, la concessione delle risorse finanziarie e la rendicontazione dell operato svolto. Il presidente ha il compito di valutare la disponibilità sul mercato di novellame (prodotto di misura compresa fra 5-25 mm) e di procedere al suo acquisto su indicazione del coordinatore e del gruppo di gestione della produzione. Per far questo ci si serve anche dei dati storici e delle previsioni future (programma di vendita) fatte dal Responsabile Commerciale del Consorzio da un lato; di sopralluoghi e colloqui informali con i pescatori dall altro, per conoscere l eventuale disponibilità di seme naturale nella aree in concessione. Sulla base di queste valutazioni e su indicazioni del biologo, il gruppo elabora annualmente un programma di semina. Tale programma indica le zone da seminare, le quantità da seminare (fino ai 1000 animali per metro quadro), la taglia del seme, il prodotto finale atteso, le giornate di semina ed il personale incaricato (indirizzo gestionale n 8). foto n 6: telemetro, strumento a punteggio laser per la misurazione e delimitazione degli orti L immissione del materiale seminale negli orti viene realizzata da squadre di pescatori organizzate dal gruppo del Consorzio. Si tratta di un attività manuale realizzata con l utilizzo di 8

10 apposite sessole: in particolare, i pescatori distribuiscono le quantità indicate dal gruppo di semina nelle aree da questo delimitate. Almeno un rappresentante del gruppo è presente nel momento della semina e supervisiona lo svolgimento delle attività. Il novellame utilizzato (indirizzo gestionale n 10) per la semina può avere tre distinte origini: 1. spostamento di novellame naturale proveniente dalle lagune in concessione (Scardovari, Canarin, Barbamarco, Basson, ecc ). La pesca del novellame avviene in zone delimitate dal gruppo di semina. I pescatori utilizzano per lo scopo delle rasche con rete fine (6-8 mm). Il novellame viene immesso in sacchi da 20 kg a bordo delle imbarcazioni e da qui caricate su camion per il trasporto nelle lagune di semina (o trasportate direttamente con le imbarcazioni). Oltre a ciò un altra attività che si è particolarmente sostenuta è quella della raccolta della semina di vongola verace dalle stesse aree lagunari ove, per diversi motivi, i molluschi vengono ad essere in grave pericolo di sopravvivenza. Tale prodotto, una volta raccolto, viene reimmesso in aree lagunari preventivamente individuate come idonee ed a densità opportune per il corretto accrescimento. I principali motivi, che talvolta sono contemporaneamente presenti, per i quali la semina viene spostata da una area ad una altra sono: Eccessiva densità di semina di vongole per metro quadrato. In tali situazioni se non si opera una azione di diradamento la concentrazione di seme non consentirebbe una sua crescita accettabile e si potrebbero verificare tassi di mortalità estremamente elevati; Zone lagunari o marine con notevoli quantità di semina che sono esposte all azione di venti e/o correnti. I molluschi di piccole dimensioni vengono ad essere a rischio di moria a seguito di mareggiate per il conseguente accumulo di molluschi e sedimento; Zone lagunari che in particolari periodi dell anno (piene del fiume Po) registrano valori di salinità estremamente bassi e non compatibili (se protratti per più giorni) con la sopravvivenza dei molluschi. 2. Acquisto di novellame naturale proveniente da altre marinerie. I responsabili contattano le altre marinerie per conoscere la disponibilità alla vendita di novellame. In base al prezzo ed alla disponibilità di prodotto decidono se procedere all acquisto. In caso positivo si fa consegnare il primo lotto della fornitura. Viene controllato e se conforme viene siglato l ordine e conferma d acquisto. Su ciascuna consegna viene controllato (su un campione di 3-4 kg prelevati da 10 sacchi diversi ogni 50 quintali) il numero di pezzi al chilo (indicati 9

11 dal fornitore), la vitalità, la pulizia, la presenza di uno scarto inferiore al 5%. Il prodotto che supera il controllo viene destinato alla semina. Va ricordato a tale proposito quanto evidenziato da Rossi, (2004) che afferma che il mercato del seme di vongole è stato fin dall inizio l indecente trionfo del mercato nero. A questa già grave situazione, si è aggiunta per gli operatori del settore al di fuori della laguna veneta, la Determinazione n dell Amministrazione Provinciale di Venezia dell aprile 2001, con la quale si stabilisce che il novellame di vongola non può essere ceduto, trasportato, o immesso al di fuori della laguna di Venezia. La decisione assunta ha gravemente danneggiato tutti gli allevatori polesani ed anche il Consorzio stesso, aumentando le difficoltà di reperimento e acquisto semina. Più volte in questi ultimi due anni si è cercato di ridiscutere questa decisione che ha bloccato la vendita di novellame dall area europea di gran lunga più importante per presenza di semina. Si sono così coinvolte le associazioni di categoria, le amministrazioni provinciali e comunali, ma di fatto non si sono raggiunti risultati positivi e il divieto è tuttora in vigore. 3. Acquisto di novellame prodotto negli schiuditi e nursery (riproduzione artificiale). Il responsabile contatta i fornitori di novellame e ne valuta i preventivi. In base al prezzo ed alla disponibilità di prodotto decide se procedere all acquisto. All arrivo del prodotto preleva un campione di circa 200 individui per verificarne la vitalità. Gli animali vengono osservati allo stereomicroscopio su una petri con acqua salata: se sani e vitali devono filtrare l acqua. Lo scarto (gusci vuoti, non aperti, ecc.) deve essere inferiore al 5%. Se il prodotto supera il controllo il responsabile lo destina alla semina e sigla l ordine: date le ridotte dimensioni del novellame proveniente da schiuditoi (6-8 mm) la semina viene effettuata in zone riparate dai movimenti ondosi che potrebbero seppellire o ammassare gli animali. Ad integrazione di questa attività ed in supporto alla grave crisi di reperimento seme naturale acuitasi negli ultimi anni, a partire dalla fine del 2002 è stato avviato un nuovo centro di svezzamento semina di vongola presso la Val Bonello. foto n 7: sistema di svezzamento in upwelling (progetto finanziato dalla Regione Veneto) 10

12 In tale nursery vengono poste vongole di piccole dimensioni (1 2 mm) acquistate da hatchery straniere, qui, sfruttando la naturale elevata produzione primaria, i molluschi sono svezzati e portati a dimensioni più idonee alla semina in laguna. I cicli di ingrasso durano circa tre mesi e, come detto si sfrutta la presenza naturale di alimento (fitoplancton) da apportare ai piccoli bivalvi. A tale proposito è a disposizione una dettagliata relazione tecnico-scientifica sulle modalità di conduzione e di gestione del centro. 8 9 foto n 8: seme di origine statunitense svezzato nel sistema in upwelling; foto n 9: particolare di contenitore per svezzamento semina Nel dicembre 2004 la Regione Veneto ha approvato un progetto di ricerca innovante proposto dal Consorzio pescatori, relativo allo sviluppo delle tecniche di svezzamento della vongola verace utilizzando metodiche all avanguardia e più precisamente strutture mirate con tecnologia statunitense, le cosiddette FLUPSY, azione questa che verrà intrapresa in collaborazione con i tecnici di Veneto Agricoltura foto n 10: Flupsy, sistema di svezzamento statunitense con piattaforma galleggiante. Foto n 11: particolare dei contenitori per lo svezzamento del seme 11

13 Questo ultimo sistema, operativo dal 2005, sta dando ottimi risultati. È auspicabile quindi un ampliamento della struttura al fine di fronteggiare la grave crisi di reperimento di novellame. Nel corso dell anno 2007 si sta registrando la disponibilità di discrete quantità di seme proveniente da marinerie limitrofe di pezzatura estremamente ridotta (2-3 mm); si pensa di utilizzare tale semina oltre che per l avvio dei preingrassi su descritti, anche per tentare nuove e diverse metodiche di svezzamento. Più in particolare si sta procedendo alla posa di speciali strutture e teli antipredazione in particolari siti lagunari che si ritengono idonei per tale sperimentazione. foto n 12 e 13: moduli di preingrasso seme su fondo lagunare Si predilige comunque lo spostamento di semina naturale proveniente dalle aree lagunari; 12

14 14 15 foto n 14, 15, 16: fasi di trasporto e immissione della semina negli orti di allevamento 16 nel caso di acquisto si valuta il prezzo, la disponibilità del prodotto e la qualità (con particolare attenzione nel caso di novellame di altre marinerie dove il livello qualitativo può essere disomogeneo). Nel caso di acquisto del novellame viene compilato ai sensi del DPR 395/98 apposito documento sanitario di reimmersione ed il previsto registro di carico e scarico. Il gruppo di semina provvede inoltre a delimitare gli orti e le zone di ingrasso (indirizzo gestionale n 6) con appositi pali e li identifica con numerazione e con cartelli di divieto di pesca. Il responsabile avvisa i pescatori (comunicando via fax la zona del divieto di pesca: tali comunicazioni vengono protocollate e conservate a cura dell ufficio amministrativo del Consorzio). Il Responsabile punti di Sbarco e servizio di Vigilanza avvisa il servizio di vigilanza girando lo stesso documento inviato ai pescatori. Il servizio di Vigilanza ha infatti lo scopo di verificare il rispetto di tali divieti. Il gruppo di semina ha il compito di verificare sistematicamente il buono stato del prodotto (indirizzo gestionale n 8). In particolare, con la consulenza del biologo, si eseguono sopralluoghi 13

15 in laguna con una periodicità almeno mensile. Le zone oggetto di verifica sono quelle in cui si sono verificati problemi nel corso degli anni precedenti o quelle che secondo le indicazioni dei pescatori stanno presentando problemi foto 17 e 18: campionamenti effettuati dal biologo del Consorzio per la verifica dell idoneità del novellame foto 19 e 20: misurazioni e verifiche svolte all interno del laboratorio di proprietà del Consorzio La verifica consiste nella pesca di più campioni in proporzione all estensione dell area. Si controlla: - la vitalità del prodotto - densità degli animali - la pezzatura raggiunta - il colore e la forma del guscio (se il colore è brunastro significa che gli animali sono sofferenti perché tendono a venire in superficie anziché restare infossati, mentre se il colore è chiaro significa che gli animali si trovano collocati correttamente nel substrato. Se il guscio è piatto significa che il prodotto è ben infisso, viceversa se bombato e poco allungato il fondale in cui si trovano presenta non ottima tessitura o vi è eccessiva densità di animali). I controlli vengono registrati su apposita modulistica. Il divieto di pesca viene tolto quando il prodotto raggiunge un adeguato accrescimento, normalmente dopo un periodo di 8-12 mesi di ingrasso (partendo da animali di pezzi per chilogrammo che è la taglia ottimale per la semina). 14

16 Un intero capitolo dello studio del Professor Rossi riguarda il reperimento e la gestione del novellame di vongola verace. Si provvede così a censire le aree lagunari dove naturalmente si verifica un elevato reclutamento del seme: sono le così dette aree nursery ove vi è l insediamento costante ed abbondante di novellame che sarà poi raccolto e distribuito in modo corretto nei vivai di allevamento. Quest anno proprio nel mese di marzo è stata promossa, in ottemperanza all indirizzo gestionale n 9 una campagna per la identificazione delle suddette aree nursery: è stata predisposta la mappa delle aree con insediamento naturale di vongola che è stata trasmessa anche all Istituto di Vigilanza per l idonea protezione. A tale proposito si spera di riprendere l importante progetto di ricerca dal titolo mappatura delle aree nursery e studi sulla dinamica di insediamento di Tapes philippinarum nella Sacca di Scardovari, che ha come scopo principale la realizzazione di una mappa georeferenziata delle aree nursery di vongole veraci e capire i meccanismi che governano l insediamento delle larve nonché formulare indicazioni su come gestire la risorsa ed eventualmente favorire l insediamento ed infine contribuire al miglioramento delle conoscenze sull ecologia della specie nell area di studio. Tale progetto, promosso dall Amministrazione Provinciale, è auspicabile venga intrapreso al più presto. Da rilevare che nel corso del 2006 si è verificato un elevato insediamento di novellame di vongola verace presso le foci e i tratti terminali del fiume Po. Di grande estensione e di notevole entità per quantità di semina presente si è rivelato il banco sito in Busa Dritta. Dalle perizie effettuate il novellame selvatico ha colonizzato quasi l intero tratto terminale della foce del Po di Pila (appunto la Busa Dritta) per un estensione stimata complessivamente in ben 60 ettari. Anche la densità, che non si presenta omogenea all interno dell area, ha comunque una media di oltre 300 animali per metro quadrato e il prodotto risulta pulito senza presenza di gusci e altro materiale di scarto. La pesca in tale area è stata ripresa anche in questo mese, poiché probabilmente l area di nursery porta ad un prolungato e continuo nuovo insediamento di molluschi bivalvi. La raccolta di tale semina è gestita (dopo l ottenimento del nulla osta sanitario da parte del Servizio Veterinario, e l autorizzazione alla pesca da parte dell Amministrazione Provinciale di Rovigo) sia utilizzando i due grandi pontoni-natanti denominati Vongola 3 e Vongola 4, progettati e realizzati proprio anche per lo spostamento di grandi quantità di semina naturale e per la pulizia dei fondali lagunari, sia avvalendosi di squadre di pescatori soci che utilizzano, per la raccolta del novellame, la rasca a pompa con manico lungo, la rasca a pompa modificata, entrambe armate con reti a maglia piccola (6-8 mm.). Tali metodi di raccolta seguono scrupolosamente l indirizzo gestionale n

17 foto n 21: imbarcazione Vongola foto n 22 e 23: fasi di raccolta del novellame da area nursery con natante Vongola 4 Sono stati ritrovati banchi di seme selvatico anche nella foce del Po di Gnocca e del Po di Tramontana. Per entrambe le aree (così come per la Busa Dritta) sono state richieste e ottenute, dalle Autorità e Istituzioni competenti, la registrazione sanitaria e la autorizzazione per le pesca e la reimmissione in aree in concessione idonee all allevamento. È stata richiesta e ottenuta la registrazione e autorizzazione alla pesca e alla reimmersione, di un banco naturale di giovanili di vongola verace situato nella zona marino-costiera antistante la laguna del Barbamarco tra le uscite a mare del canale navigabile e del Po di Tramontana. Anche da questa zona il prodotto prelevato sarà immesso in idonei vivai lagunari per il successivo ingrasso. Le aree nursery in Busa Dritta, Po di Tramontana e Po di Gnocca non vengono riconosciute dall Amministrazione Provinciale come zone contemplate nella convenzione con il Consorzio e per 16

18 tale motivo si è proposto un regolamento per la gestione di questi siti sull esperienza similare condotta nella vicina marineria di Goro (indirizzo gestionale n 14). Le esigenze di novellame per la produzione del Consorzio Pescatori sono ingentissime. Annualmente, solo il Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine O.P. commercializza (per uso alimentare) circa mezzo miliardo di individui di vongole adulte ed il fabbisogno di seme per garantire tale produzione può essere stimato in circa un miliardo di esemplari/anno e di questi solo una piccola frazione percentuale (3 4%) deriva da schiuditoi e preingrassi artificiali. Da ciò deriva la necessità del corretto governo delle aree nursery naturali che sono alla base dell intera attività di venericoltura. E pertanto di primaria importanza ed urgenza la predisposizione ed applicazione di piani di gestione di queste zone di attivo reclutamento naturale nonché azioni mirate che possano portare alla conservazione e, se possibile, al miglioramento delle caratteristiche produttive di tale ambienti. E quanto ci si propone di applicare nella maggiore area nursery del Delta Polesano che è collocata in Busa Dritta Il quantitativo di materiale seminale raccolto in tale area durante il 2006 nonché la sua qualità (intesa come pezzatura, assenza di scarto, e sopravvivenza degli animali dopo la reimmersione) si sono rivelati sorprendenti. Da ciò la necessità di attuare azioni di tutela e salvaguardia. foto n 24: fase di scarico del novellame raccolto in area nursery di Busa Dritta 24 L area nursery in Busa Dritta, a differenza di altre aree di reclutamento naturale ubicate in ambiente lagunare, presenta delle caratteristiche assolutamente peculiari andandosi a collocare nel 17

19 tratto terminale di un ramo del fiume Po. Per le sue caratteristiche ambientali e geomorfologiche nonché per il fatto che ricade in una zona che non è sottoposta alla Convenzione tra Provincia di Rovigo e Consorzio Pescatori, l area nursery presenta due principali problematiche: a) l impossibilità di attuare l attività di guardiania da parte delle guardie giurate che operano per il Consorzio e sono numerose le segnalazioni di pesca di frodo con mezzi di raccolta illegali e devastanti sia per gli animali che per l ambiente; b) eventuali persistenti ed eccezionali piene del fiume potrebbero compromettere la sopravvivenza dei giovanili e dei riproduttori essendo il banco collocato proprio all interno dell alveo del fiume. Si auspica per l anno 2007 di arrivare ad attuare la presente modalità di gestione: 1. L ottenimento della concessione della suddetta zona da parte del Consorzio Coop. Pescatori del Polesine O.P. da utilizzarsi come area in concessione finalizzata alla gestione di area nursery per la vongola verace ; 2. Delimitazione dei confini al fine di agevolare la vigilanza e salvaguardare l area mediante servizio di guardiania 24 ore su 24; 3. Definizione di un responsabile o un gruppo ristretto tecnico scientifico che definisca metodi di raccolta, periodi di raccolta, quantità di materiale seminale e dimensioni dei giovanili. Più in dettaglio occorrerà attuare: 3 a) un piano di monitoraggio che descriva con precisione e di continuo la consistenza dello stock per le varie classi di taglia; 3 b) in accordo con la competente U.S.L. locale, mantenere il controllo dell idoneità sanitaria del materiale seminale, rispettare le procedure di tracciabilità del prodotto prelevato con stesura dei D.D.R. sanitari e relativa trascrizione nei registri di carico scarico dei quantitativi reimmessi nei vari ambiti identificati dal settore veterinario; 3 c) definire i sistemi di raccolta che potranno prevedere l utilizzo o dei natanti Vongola 3 o Vongola 4 per profondità da 1 a 4 metri, e l impiego della rasca a pompa modificata per profondità inferiori al metro o superiori a 4 metri. Devono essere vietati tutti gli altri mezzi non autorizzati dall Amministrazione Provinciale di Rovigo (tipo la cassa, la giostra, ostregheri, ecc ); 3 d) È importante stabilire anche il numero di pescatori che potranno effettuare la raccolta non potendo ovviamente inviare contemporaneamente i pescatori associati; 3 f) indicare i periodi di raccolta e reimmersione che saranno stabiliti dal responsabile tecnico scientifico in dipendenza dalla disponibilità effettiva della risorsa; 3 e) La taglia del novellame dovrà essere di almeno 8-10 mm sino ad un massimo di 25 mm. Il prodotto di taglia commerciale dovrà essere reimmesso nel medesimo sito sia al fine di 18

20 salvaguardare i riproduttori, sia per impossibilità di commercializzare il prodotto proveniente da area non classificata. La registrazione sanitaria del banco di giovanili di vongola verace situato alla foce del Po di Pila Busa Dritta è stata ottenuta ed il numero identificativo rilasciato è 19-AI-2006/02 e sono già in possesso del Consorzio i documenti sanitari per la reimmersione al fine di effettuare il trasporto del novellame in zone di produzione adeguatamente identificate situate in aree lagunari in concessione. 19

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA

TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA Scuola di specializzazione in: Allevamento, igiene, patologia delle specie acquatiche e controllo dei prodotti derivati TECNOLOGIE PER L ACQUACOLTURA PROF. MASSIMO LAZZARI Anno accademico 2007-2008 Meccanizzazione

Dettagli

Sono affrontati e discussi i principali aspetti della gestione dell allevamento di vongola verace filippina nella sacca di Goro.

Sono affrontati e discussi i principali aspetti della gestione dell allevamento di vongola verace filippina nella sacca di Goro. Università degli Studi di Ferrara Diego Viviani 1, Edoardo Turolla 2, Castaldelli Giuseppe 1, Remigio Rossi 1 1. Dipartimento di Biologia Università di Ferrara 2. Istituto Delta Ecologia Applicata La gestione

Dettagli

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI

CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI CAPITOLO 6 GESTIONE DEI PRODOTTI FITOSANITARI 5/5 6.9 Pulire l irroratrice al termine del trattamento 6.10 Smaltire le rimanenze e gli imballaggi dei PF File n. 15 di 15 della raccolta Materiale didattico

Dettagli

LA SICUREZZA ALIMENTARE

LA SICUREZZA ALIMENTARE LA SICUREZZA ALIMENTARE PERCHÉ UNA NUOVA LEGISLAZIONE IN MATERIA PRODOTTI ALIMENTARI? Le 14 Direttive e testi relativi che dal 1964 sono state emanate in tempi successivi in tema garantito la protezione

Dettagli

ADEGUAMENTO VIA ACQUEA DI ACCESSO ALLA STAZIONE MARITTIMA DI VENEZIA E RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE LIMITROFE AL CANALE CONTORTA S.

ADEGUAMENTO VIA ACQUEA DI ACCESSO ALLA STAZIONE MARITTIMA DI VENEZIA E RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE LIMITROFE AL CANALE CONTORTA S. ADEGUAMENTO VIA ACQUEA DI ACCESSO ALLA STAZIONE MARITTIMA DI VENEZIA E RIQUALIFICAZIONE DELLE AREE LIMITROFE AL CANALE CONTORTA S.ANGELO Ing. Nicola Torricella Direttore Tecnico Venezia, 30/4/2015 ADEGUAMENTO

Dettagli

MITILICOLTURA. Allestimenti imbarcazioni per la pesca delle vongole

MITILICOLTURA. Allestimenti imbarcazioni per la pesca delle vongole Allestimenti imbarcazioni per la pesca delle vongole Campana inox su misura per verricello, parabordo in acciaio. braccetto per il sollevamento dell attrezzo da pesca, palo per la saccata, piastre per

Dettagli

Sezione anagrafica. Denominazione Distretto del settore ittico della Provincia di Rovigo

Sezione anagrafica. Denominazione Distretto del settore ittico della Provincia di Rovigo Sezione anagrafica Denominazione Distretto del settore ittico della Provincia di Rovigo Sede del Distretto Il distretto Ittico è collocato prevalentemente nell area del Basso Polesine ma in questa nuova

Dettagli

Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine. CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe

Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine. CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe Strumenti di coordinamento per la salvaguardia delle tartarughe marine CONVEGNO NAZIONALE BIODIVERSITA MARINA. Adriatico, un mare di tartarughe Lungomare Scipioni,, 6 Sede dell Universit Università di

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali VISTO il D.P.R. 2 ottobre 1968, n. 1639, recante il Regolamento per l'esecuzione della legge 14 luglio 1965, n. 963, concernente la disciplina della pesca marittima ; VISTO il Decreto del Ministero delle

Dettagli

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA. Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450 ASSOCIAZIONE GENERALE COOPERATIVE ITALIANE A.G.C.I. PESCA Via A. Bargoni n. 78 00153 ROMA Tel. 0658328.1 CONFEDERAZIONE COOPERATIVE ITALIANE FEDERCOOPESCA Via de Gigli d Oro n. 21 00186 ROMA Tel. 066893450

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Direttive

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata Regionale Palude del Conte e duna costiera 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione della Riserva Naturale Orientata

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette

Capitolo 3 Caratterizzazione delle aree protette Piano di gestione dei bacini idrografici delle Alpi Orientali Bacino del fiume Lemene Capitolo 3 Bacino del fiume Lemene INDICE 3. CARATTERIZZAZIONE DELLE AREE PROTETTE... 1 3.1. AREE PER L ESTRAZIONE

Dettagli

Capo I Disposizioni generali

Capo I Disposizioni generali Legge regionale Sardegna 14 aprile 2006, n. 3 Disposizioni in materia di pesca. Capo I Disposizioni generali Art. 1 Finalità 1.Le presenti norme disciplinano, ad integrazione di quanto disposto dalla legge

Dettagli

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI

Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI PRIMA STESURA Proposta di istituzione della SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE E TECNOLOGIE AGRARIE E FORESTALI Approvato con Decreto Commissariale n. 127/C del 20.07.2011 INDICE 1. Finalità ed obiettivi 2.

Dettagli

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE

RECUPERO AMBIENTALE E SALVAGUARDIA DEL LITORALE INDICE INDICE 1. Premesse...2 2. Manuale d uso delle opere...3 2.1. Descrizione delle opere...3 2.2. Modalità d uso delle opere progettate...4 3. Monitoraggio delle opere...5 4. Manutenzione...6 PROGETTO DEFINITIVO

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO DI OLBIA ORDINANZA N. 75/2013 Disciplina del prelievo del riccio di mare (Paracentrotus lividus) nell'area Marina Protetta

CAPITANERIA DI PORTO DI OLBIA ORDINANZA N. 75/2013 Disciplina del prelievo del riccio di mare (Paracentrotus lividus) nell'area Marina Protetta CAPITANERIA DI PORTO DI OLBIA ORDINANZA N. 75/2013 Disciplina del prelievo del riccio di mare (Paracentrotus lividus) nell'area Marina Protetta "Tavolara - Punta Coda Cavallo" II sottoscritto Capitano

Dettagli

Linee guida regionali per l applicazione al settore della piscicoltura del decreto del Ministero della Salute 3 agosto 2011

Linee guida regionali per l applicazione al settore della piscicoltura del decreto del Ministero della Salute 3 agosto 2011 giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1525 del 31 luglio 2012 pag. 1/6 Linee guida regionali per l applicazione al settore della piscicoltura del decreto del Ministero della Salute 3 agosto

Dettagli

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia

Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia La valutazione economica delle aree marine protette: aspetti di costo e di beneficio di Rosalba Rombaldoni CONVEGNO GESTIONE DELLA PESCA E

Dettagli

INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEL MAGISTRATO ALLE ACQUE ing. Maria Giovanna PIVA

INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEL MAGISTRATO ALLE ACQUE ing. Maria Giovanna PIVA INTERVENTO DEL PRESIDENTE DEL MAGISTRATO ALLE ACQUE ing. Maria Giovanna PIVA Andare a vedere delle opere in corso senza avere una visione dell insieme è abbastanza riduttivo quindi pensavo di fare con

Dettagli

Proposte per il settore olivicolo

Proposte per il settore olivicolo Proposte per il settore olivicolo Il settore olivicolo italiano sta attraversando una fase di grave instabilità per quanto riguarda la produzione che, nell attuale campagna 2014/2015, ha subito una riduzione

Dettagli

2.3 Risorse ittiche marine

2.3 Risorse ittiche marine 2.3 Risorse ittiche marine La politica per la pesca dell Unione Europea richiede di assicurare uno sfruttamento delle risorse acquatiche viventi realizzato in modo tale da garantire condizioni di sostenibilità

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE DI SVILUPPO ECONOMICO E RURALE DIREZIONE GENERALE PER LO SVILUPPO AGROALIMENTARE, QUALITÀ E TUTELA DEL CONSUMATORE

Dettagli

SISTEMI DI ALLEVAMENTO

SISTEMI DI ALLEVAMENTO SISTEMI DI ALLEVAMENTO IMPIANTI A TERRA (IN-SHORE) principalmente diffuso nei paesi del Mediterraneo: bacini stagni vasche IMPIANTI A MARE (OFF-SHORE) Più diffuso nel nord Europa ma in grande espansione

Dettagli

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA?

COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? COME VIENE REALIZZATA UNA CONSULENZA GESTIONALE PER L AZIENDA AGRICOLA? Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 Richiesta di consulenza da parte delle aziende

Dettagli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli

- Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli - Incontro tra il Ministro Corrado Passera e le Associazioni dei Giovani Imprenditori - PROPOSTA Associazione Giovani Imprenditori Agricoli Roma 04 Dicembre 2012 1 Signor Ministro Passera, a nome mio e

Dettagli

FONDAZIONI SUPERFICIALI E PROFONDE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI

FONDAZIONI SUPERFICIALI E PROFONDE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI FONDAZIONI SUPERFICIALI E PROFONDE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI Pagina 1 di 23 introduzione La scelta della tipologia di fondazione da impiegare nell ambito della realizzazione di un impianto fotovoltaico

Dettagli

ALIMENTA. Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it

ALIMENTA. Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it Il carrello utilizzato per la raccolta dei prodotti alimentari per cani e gatti. ALIMENTA Informazioni ufficiostampa@lombardia.coop.it daniele.deluca@comune.milano.it La salvaguardia dell ambiente, la

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. La mitilicoltura off shore in Veneto

Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico. La mitilicoltura off shore in Veneto Osservatorio Socio Economico della Pesca dell'alto Adriatico La mitilicoltura off shore in Veneto Ottobre 2008 1. Introduzione e obiettivi dell indagine. La rilevanza della mitilicoltura veneta e lo sviluppo

Dettagli

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F)

1 *( Reg.Ce 1750/99 rececepito con D.M.19.04.99 / Indicazioni della Dir. Reg. Agricoltura PSR ABRUZZO 2000-2006 Misure E e F) REGOLAMENTO PER L INDENNIZZO DEI DANNI RICONDUCIBILI A FAUNA SELVATICA CINGHIALE (Sus scrofa L.); CAPRIOLO (Capreolus capreolus L);CERVO (Cervus elaphus L). ARRECATI AL PATRIMONIO AGRICOLO NEL TERRITORIO

Dettagli

I PIANI DI PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE

I PIANI DI PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE ITALIANA PRODUTTORI ITTICI Associazione Nazionale di Organizzazioni di Produttori del Settore Ittico RICONOSCIUTA CON DM 21.12.2010 Via G.A. Guattani 9 00161 Roma I PIANI DI PRODUZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE

Dettagli

L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco

L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco L applicazione dei principi dell autocontrollo nell allevamento della vacca da latte G. Varisco Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell Emilia Romagna Direttore Generale Prof. Ezio

Dettagli

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO :

PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA DI RICICLAGGIO, RECUPERO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI INERTI NELLA REGIONE LAZIO : Workshop TERRE, ROCCE DA SCAVO E MATERIALI RICICLATI. QUANDO END OF WASTE? 14 GIUGNO 2012 SALA CONGRESSI DELLA PROVINCIA DI MILANO VIA CORRIDONI, 16 MILANO PRIME LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA FILIERA

Dettagli

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI

REGIONE PUGLIA ASSESSORATO ALL ECOLOGIA UFFICIO PARCHI E RISERVE NATURALI AMB/SDL/2005/000 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio e Palude del Capitano 1 SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE Istituzione del Parco Naturale Regionale Porto Selvaggio

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4314 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore CALLEGARO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 3 NOVEMBRE 1999 Disposizioni per

Dettagli

ACQUE DI BALNEAZIONE

ACQUE DI BALNEAZIONE ACQUE DI BALNEAZIONE SCHEDA INFORMATIVA PUNTO DI CAMPIONAMENTO N. 82 1.1 Dati identificativi 1 Denominazione acqua di balneazione* BARRICATA SUD 2 Id acqua di balneazione* IT005029039006 3 Id gruppo* 4

Dettagli

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI

LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI LE PAROLE DEL PIANO ALLUVIONI: UN GLOSSARIO PER CAPIRSI Ing. Irma Bonetto, Geol. Fabio Giuriato, Dott. Matteo Bisaglia Livenza, Piave, Brenta- Bacchiglione Ing. Nicola Gaspardo Regione del Veneto Alluvione

Dettagli

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv

Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi. exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv Corrette modalità di trasporto, di stoccaggio dei prodotti fitosanitari e smaltimento degli imballaggi exätàéüx WÜA TzÜA WÉÇtàÉ YxÜÜâvv D.Lvo 150/2012 art. 17 MANIPOLAZIONE E STOCCAGGIO Fatte salve le

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali D.M. 58/2014 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE, DELLA QUALITA AGROALIMENTARE, IPPICHE E DELLA PESCA DIREZIONE GENERALE DELLA PESCA MARITTIMA

Dettagli

Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto con il mondo agricolo

Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto con il mondo agricolo 2 Convegno Italiano sulla Riqualificazione Fluviale Bolzano, 5 8 novembre 2012 Individuazione, sperimentazione e divulgazione di modalità di gestione più sostenibile dei corsi d acqua in stretto rapporto

Dettagli

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio

Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Fase 4 - Azione 3 Azione pilota di raccolta e smaltimento rifiuti in collaborazione con le marinerie pescherecci e soggetti gestori del servizio Realizzato per Regione Liguria da Osservatorio Ligure Pesca

Dettagli

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI

LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI LA NORMA ISO 14001 APPLICATA AI COMUNI 1. ASPETTI GENERALI Negli ultimi anni, in gran parte dei Paesi europei, si assiste a un crescente interesse verso l attuazione di una pianificazione locale del territorio

Dettagli

Con l Uomo, per l Ambiente

Con l Uomo, per l Ambiente Con l Uomo, per l Ambiente Disostruzione fognature Pulizia fosse biologiche Spurgo pozzi neri L AZIENDA Trasporto e stoccaggio rifiuti Bonifica ambientale Manutenzione impianti fognari Ecotecnica: dall

Dettagli

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione

OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI. Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione OBBLIGHI ED ADEMPIMENTI DEI PRODUTTORI PRIMARI Dott.ssa Viviana Pisano S.C. Igiene Alimenti e Nutrizione PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO Regolamento (CE) n. 178/2002 Regolamento (CE) n. 852/2004 Regolamento

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA con il contributo di: PROTOCOLLO DI INTESA per l attivazione ed attuazione del Contratto di Foce Delta del Po finalizzato alla definizione di una strategia condivisa di sviluppo locale basata sulla gestione

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Disciplinare Aziendale Attività di acquacoltura

Disciplinare Aziendale Attività di acquacoltura EMBLEMA Prodotti di Qualità Parco Delta del Po Emilia Romagna Disciplinare Aziendale Attività di acquacoltura La validità del presente disciplinare è subordinata al rispetto di quanto previsto dal Regolamento

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 220 del 01 marzo 2011 pag. 1/5 Relazione illustrativa La presente relazione è relativa alla proposta di individuazione di due Siti di Importanza Comunitaria

Dettagli

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione

TITOLO 1 - NORME GENERALI. ART. 1 Ambito di applicazione DISCIPLINARE PER L INDENNIZZO DEI DANNI PROVOCATI DALLA FAUNA SELVATICA NEL PARCO NAZIONALE DEI MONTI SIBILLINI Approvato con DCD 49/02 e s.m.i. (ultima modifica con D.C.D. n. 37 del 03/07/2015) TITOLO

Dettagli

Sistemi Ecocompatibili per la Gestione di Allevamenti Sperimentali in Gambericoltura

Sistemi Ecocompatibili per la Gestione di Allevamenti Sperimentali in Gambericoltura REGIONE SICILIA PROGRAMMA OPERATIVO REGIONALE 2000-2006 MISURA 3.14 PROMOZIONE E SOSTEGNO AL SISTEMA REGIONALE PER LA RICERCA E L INNOVAZIONE Sistemi Ecocompatibili per la Gestione di Allevamenti Sperimentali

Dettagli

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della

Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per. la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della Protocollo d intesa tra Regione Liguria e Autorità Portuali per la gestione degli aspetti ambientali e la promozione della sostenibilità nel settore delle attività portuali PREMESSO CHE Il Documento di

Dettagli

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale

15 Frazione organica. 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo. 15.2 Dati e valutazioni sull andamento del settore a livello nazionale 15.1 Dati e valutazioni relative al contesto europeo La Direttiva discariche n. 31/1999 ha richiesto agli Stati membri della Comunità europea una riduzione progressiva del quantitativo di rifiuti urbani

Dettagli

TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG

TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG TRATTAMENTO DEGLI SCARTI LEGNOSI SECCHI CON TECNICA HAZEMAG Premessa Il trattamento degli scarti di legno ha assunto una maggiore importanza come risultato del cambiamento di atteggiamento verso l ambiente.

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle scienze di base Corso di Laurea Triennale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile ed

Dettagli

Helios srl Processing and Recycling waste

Helios srl Processing and Recycling waste Helios srl Processing and Recycling waste Attività dell impianto Le attività di recupero e trattamento dei rifiuti previste presso l impianto possono essere essenzialmente ricondotte alle seguenti tipologie:

Dettagli

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007

La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 La proposta legislativa COM (2014) 180 Riforma del Reg.UE 834/2007 Anabio e la Cia ritengono fondamentale approvare al più presto la Proposta di regolamento per la produzione e l etichettatura dei prodotti

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

Provincia di Bergamo

Provincia di Bergamo COMUNE DI MORENGO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA INDICE Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Compiti del Comune Art. 3 Compiti del gestore Art. 4 Compiti degli

Dettagli

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Studio di Ingegneria e Consulenza 01P. Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Studio di Ingegneria e Consulenza 01P COMUNE DI SONDRIO PROVINCIA DI SONDRIO Piazza Campello, 1-23100 Sondrio RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA SOMMARIO PREMESSA... 3 IRRIGAZIONE DI SUPERFICI SPORTIVE...

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO 66 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA URBANISTICO/TERRITORIALE E LA MINIMIZZAZIONE DELL ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI NELLA LOCALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE E IMPIANTI RADIOELETTRICI,

Dettagli

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA

ORDINE REGIONALE DEI GEOLOGI DI SICILIA Ns. Rif. 202/14 Palermo, 21/01/2014 Egr. Presidente della Regione Siciliana dott. Rosario Crocetta Egr. Assessore al Territorio ed all Ambiente dott.ssa Maria Lo Bello Egr. Presidente IV Commissione Ambiente

Dettagli

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI

[ ] G D GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI Gestione del prodotto biologico nelle imprese della filiera [ ] GESTIONE DEL PRODOTTO BIOLOGICO NELLE IMPRESE DELLA FILIERA G D COSA DEVONO FARE GLI OPERATORI In una stessa azienda agricola, azienda di

Dettagli

Tuttavia tale pregio comporta anche la capacità di rilasciare fibre che, suddividendosi, possono essere potenzialmente inalabili.

Tuttavia tale pregio comporta anche la capacità di rilasciare fibre che, suddividendosi, possono essere potenzialmente inalabili. AMIANTO La caratteristica principale che ha visto l asbesto o, come più spesso viene chiamato, l amianto utilizzato in numerosissime produzioni è quella della sua consistenza fibrosa. Tuttavia tale pregio

Dettagli

Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO

Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO Disciplinare Ecologico per ESERCIZIO CONSIGLIATO DEL PARCO Copia assegnata a: NOTA: Il presente disciplinare è di proprietà dell Ente Parco Regionale della Maremma ed è assegnato agli aderenti al progetto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile IL SERVIZIO NAZIONALE DELLA PROTEZIONE CIVILE Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione Civile Protezione Civile Con protezione civile si intende il complesso di attività messe

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO COMUNE DI ROVERETO REPORT SULL INDAGINE GEOGNOSTICA DEI TERRENI A SUPPORTO DELLA PROGETTAZIONE DI APPRONTAMENTO A FINI LUDICO-SPORTIVI DELL AREA IDENTIFICATA CATASTALMENTE

Dettagli

Progetto pilota Lotta alla zanzare, attuato nella Provincia di Rovigo.

Progetto pilota Lotta alla zanzare, attuato nella Provincia di Rovigo. Progetto Pilota PLZ Progetto pilota Lotta alla zanzare, attuato nella Provincia di Rovigo. 1. INFORMAZIONI PRELIMINARI In data 03.04.2009 prot. n. 11792 i Presidenti, delle CONFERENZE dei Sindaci Azienda

Dettagli

Il progetto Marimed: avvicinare la Pesca al Turismo

Il progetto Marimed: avvicinare la Pesca al Turismo R MA MA IMED L a P e s c a come fattore di sviluppo del Turismo sostenibile Introduzione R A M M I D E La gioia dei gabbiani all arrivo in porto di un peschereccio al termine di una battuta di pesca rende

Dettagli

COMUNE DI CASORATE PRIMO

COMUNE DI CASORATE PRIMO COMUNE DI CASORATE PRIMO Provincia di Pavia ************************************ PIATTAFORMA ECOLOGICA DI VIA MARCO BIAGI ************************************ REGOLAMENTO Approvato con Deliberazione di

Dettagli

SARTORELLO ESCAVAZIONI S.R.L.

SARTORELLO ESCAVAZIONI S.R.L. Centro Analliisii Chiimiiche S.r.ll. Analisi chimiche, microbiologiche e ambientali Via Avogadro, 23 35030 RUBANO (PADOVA) ITALY - Tel. 049 631746 Fax 049 8975477 E-mail: info@centroanalisichimiche.it

Dettagli

Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014

Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014 Piano Triennale Prevenzione Corruzione Relazione I semestre 2014 Introduzione La presente relazione sintetizza il quadro di iniziative messe in atto nell arco temporale ricompreso tra il 1 gennaio ed il

Dettagli

100% del totale della spesa ammessa. Max. 150.000,00 per singolo progetto. Il contributo può essere liquidato secondo le seguenti modalità:

100% del totale della spesa ammessa. Max. 150.000,00 per singolo progetto. Il contributo può essere liquidato secondo le seguenti modalità: REGIONE SICILIA ASSESSORATO DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI ****************************************************** Programma operativo FEP 2007/2013 DECRETO 01 del 27 gennaio 2010. Bando relativo ai

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA

EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA U N I V E R S I T À D E G L I S T U D I D I C A T A N I A F A C O L T À D I I N G E G N E R I A C o r s o d i I D R A U L I C A M A R I T T I M A EVOLUZIONE DELLA LINEA DI COSTA Prof. Ing. Enrico FOTI&

Dettagli

Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca

Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca Pacchetto UE per contrastare la crisi del carburante nel settore della pesca La Commissione Europea oggi ha trovato un accordo sul principio e sui contenuti del pacchetto di misure d emergenza per contrastare

Dettagli

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello

6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello 6 Derivazioni superficiali dal fiume Adige e bilancio di primo livello Le derivazioni dai fiume Adige e dai suoi principali affluenti rappresentano, nel bilancio idrico superficiale di bacino, il principale

Dettagli

Il controllo funzionale delle macchine irroratrici, nell ambito del Piano di Azione Nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari

Il controllo funzionale delle macchine irroratrici, nell ambito del Piano di Azione Nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari 24 Il controllo funzionale delle macchine irroratrici, nell ambito del Piano di Azione Nazionale per l uso sostenibile dei prodotti fitosanitari Nicola Zucchiatti Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali

Dettagli

AIUTI ALLA FILIERA CORTA

AIUTI ALLA FILIERA CORTA ALLEGATO ASSESSORATO AGRICOLTURA DIREZIONE AGRICOLTURA AIUTI ALLA FILIERA CORTA BANDO PER IMPRENDITORI AGRICOLI ASSOCIATI PER LA VENDITA DIRETTA MEDIANTE CONSEGNA A DOMICILIO INDICE. 1. Premessa 2. Disposizioni

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

Il Gesso: dalla polvere alla polvere

Il Gesso: dalla polvere alla polvere Knauf Recycling 01 / 2013 Il Gesso: dalla polvere alla polvere Ritiro e recupero delle lastre in gesso rivestito Il Gesso: dalla polvere alla polvere Ritiro e recupero delle lastre in gesso rivestito -

Dettagli

INTERVENTO PER IL CONTROLLO DELLA DIFFUSIONE DELLA VEGETAZIONE ACQUATICA NEL BACINO DEL LAGO DI VIVERONE

INTERVENTO PER IL CONTROLLO DELLA DIFFUSIONE DELLA VEGETAZIONE ACQUATICA NEL BACINO DEL LAGO DI VIVERONE Ufficio Acque reflue INTERVENTO PER IL CONTROLLO DELLA DIFFUSIONE DELLA VEGETAZIONE ACQUATICA NEL BACINO DEL LAGO DI VIVERONE Provincia di Biella: David Tezzon La Provincia di Biella e la Provincia di

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE

CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUCENTI DI VEICOLI STRADALI CHE TRASPORTANO ANIMALI VERTEBRATI VIVI Alessandria, 2-3 dicembre 2011 I PARTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE - S.O.C. SERVIZIO VETERINARIO AREA C Dr.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL MERCATO AGRICOLO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL MERCATO AGRICOLO COMUNE DI BASALUZZO Provincia di ALESSANDRIA MERCATO CONTADINO DELLE TERRE DI BIS LUCUS REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL MERCATO AGRICOLO Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del 09 marzo

Dettagli

A proposito di. Acque di Transizione. A proposito di... Acque di Transizione. Area Tecnico-Scientifica. Dipartimento Provinciale di Rovigo

A proposito di. Acque di Transizione. A proposito di... Acque di Transizione. Area Tecnico-Scientifica. Dipartimento Provinciale di Rovigo A proposito di Acque di Transizione A proposito di... Acque di Transizione a cura di: Arpav Area Tecnico-Scientifica presso Tel. +39 0425 365504 Fax +39 0425 362882 e-mail: orat@arpa.veneto.it ARPAV Agenzia

Dettagli

MACCHINA PULISCISPIAGGIA. Asporta i detriti. non la sabbia

MACCHINA PULISCISPIAGGIA. Asporta i detriti. non la sabbia B A R B E R MACCHINA PULISCISPIAGGIA Asporta i detriti non la sabbia S U R F R A K E LINEA LINEACOMPLETA COMPLETADEDELIMPIADORA LIMPIADORADEDEPLAYA PLAYABARBER BARBERSURF SURFRAKE RAKE LA LA GAMMA GAMMA

Dettagli

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti

FAQ aggiornate al 20/08/2008. Definizione e Classificazione dei rifiuti FAQ aggiornate al 20/08/2008 Definizione e Classificazione dei rifiuti Le terre e rocce da scavo sono rifiuti? L art. 186 del D.Lgs 152/2006 nella nuova versione modificata dal D.Lgs. n.4 del gennaio 2008,

Dettagli

Intervento ipotizzato per i quantitativi stimati in circa 80.125 ton delle Province di NUORO, ORISTANO e OGLIASTRA

Intervento ipotizzato per i quantitativi stimati in circa 80.125 ton delle Province di NUORO, ORISTANO e OGLIASTRA PROPOSTA PER LA GESTIONE INTEGRATA DELLE FRAZIONI SECCHE DEI RIFIUTI DA RACCOLTA DIFFERENZIATA costituite da IMBALLAGGI e FRAZIONE SECCA RESIDUA FINALIZZATO ALLA PRODUZIONE DI MATERIE PRIME SECONDE Intervento

Dettagli

ARPAV AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO

ARPAV AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE DEL VENETO INIZIATIVE PER LA PREVENZIONE DAL RADON NEGLI AMBIENTI DI VITA IN VENETO Relazione Parte tecnica PREMESSA: Il radon è un gas nobile radioattivo, presente naturalmente nel suolo, nelle rocce, nelle falde

Dettagli

Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n.

Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n. Regione Lombardia - Programma di ricerca in campo agricolo 2010-2012 Progetto di ricerca n. 1723 finanziato con decreto 29.07.2011 n. 7125 Acronimo: CoVAL Conservazione e valorizzazione di razze avicole

Dettagli

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

NORMATIVA DI RIFERIMENTO IL RUOLO DELLE CAPITANERIE DI PORTO NELLA FILIERA ITTICA Torino, 17 Giugno 2013 C.V. (CP) Enrico MORETTI NORMATIVA DI RIFERIMENTO REGOLAMENTO (CE) N. 1224/2009 che istituisce un regime di controllo comunitario

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Il progetto prevede la realizzazione di una cassa di laminazione in derivazione in sx idraulica al Fiume Pecora, ubicata in loc. Scopaione - Comune di Scarlino (GR) ed

Dettagli

Il recupero dello storione cobice in Italia

Il recupero dello storione cobice in Italia PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI PIACENZA Il recupero dello storione cobice in Italia PROVINCIA DI VERONA PROVINCIA DI CREMONA PROVINCIA DI VENEZIA PROGETTO LIFE 04NAT/IT/000126 PROVINCIA DI FERRARA Conservation

Dettagli

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE

POLITICA DI APPROVVIGIONAMENTO SOSTENIBILE 2015-2018 LE NOSTRE CONVINZIONI La nostra politica di approvvigionamento sostenibile si ispira ai principi del Codice di Condotta per la Pesca Responsabile della FAO Dipartimento Pesca. In particolare,

Dettagli

PROVINCIA DI FOGGIA. Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale

PROVINCIA DI FOGGIA. Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale PROVINCIA DI FOGGIA Gruppo Consiliare PARTITO DEMOCRATICO Foggia, 16 novembre 2009 Superare la crisi e costruire un agricoltura competitiva Le proposte dei gruppi del centrosinistra in Consiglio provinciale

Dettagli

COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA

COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA COMUNE di MALAGNINO PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA PIAZZOLA ECOLOGICA ATTREZZATA NORME DI ACCESSO E FUNZIONAMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I

INDICE. Bacino del fiume Tagliamento I Bacino del fiume Tagliamento I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE ACQUE SOTTERRANEE E

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali L approccio sistemico dell Amministrazione per l applicazione degli strumenti innovativi introdotti dal Reg. (CE) 1224/2009 Maria Severina Liberati

Dettagli