Il modello binomiale ad un periodo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello binomiale ad un periodo"

Transcript

1 Opzioni Un opzione dà al suo possessore il diritto (ma non l obbligo) di fare qualcosa. Un opzione call (put) europea su un azione che non paga dividendi dà al possessore il diritto di comprare (vendere) l azione sottostante alla scadenza ad un prezzo prefissato K (strike price). Se l opzione è di tipo americano, può essere esercitata in qualsiasi momento. Pay-off a scadenza opzione call europea: max{s T K, 0}. Pay-off a scadenza opzione put europea: max{k S T, 0}.

2 Il modello binomiale ad un periodo Esistono solo due strumenti: un azione e un opzione call il cui sottostante è l azione; inoltre è disponibile un conto corrente il cui rendimento logaritmico (rendimento logaritmico risk-free) è indicato con r rf. Operiamo in tempo discreto, con due soli tempi, 0 e 1. Il sottostante al tempo T = 1 può assumere due soli prezzi, e la sua distribuzione di probabilità è bernoulliana: { us 0 con prob. π S 1 = gs 0 con prob. 1 π. Ipotesi: 0 < g < u, g e r rf u.

3 Il modello binomiale ad un periodo In T = 1 anche l opzione può assumere solo due valori: { C u = max{us 0 K, 0} con prob. π C 1 = C g = max{gs 0 K, 0} con prob. 1 π. Costruiamo, al tempo 0, un portafoglio ottenuto prendendo a prestito β 0 $ in contanti e comprando α 0 azioni del sottostante. Il valore iniziale del portafoglio è dato da V 0 = β 0 + α 0 S 0.

4 Il modello binomiale ad un periodo E ora possibile ricavare il prezzo dell opzione al tempo 0. I due possibili valori del portafoglio al tempo 1 sono: { V u = us 0 α 0 + e r rf β 0 con prob. π V 1 = V g = gs 0 α 0 + e r rf β 0 con prob. 1 π. Scegliamo α 0 e β 0 in modo che le due equazioni seguenti siano simultaneamente soddisfatte: { us 0 α 0 + e r rf β 0 = C u gs 0 α 0 + e r (3) rf β 0 = C g. cioè V u = C u e V g = C g.

5 Il modello binomiale ad un periodo Si ricava facilmente α0 = C u C g def =, β0 (u g)s = uc g gc u 0 (u g)e r rf. (4) Dunque il portafoglio costituito, in t = 0, da quote dell azione e β0 $ ha, con certezza, lo stesso payoff dell opzione; ne segue che l opzione e il portafoglio devono avere lo stesso prezzo al tempo 0: V 0 = C 0. Se così non fosse, sarebbe infatti possibile costruire un arbitraggio, cioè una strategia di trading che fornisce un profitto privo di rischio.

6 Il principio di non-arbitraggio Infatti, si ipotizzi che sia V 0 > C 0 : in questo caso un investitore potrebbe acquistare l opzione e vendere il portafoglio al tempo 0, con un introito pari a V 0 C 0 ; al tempo 1 il riacquisto del portafoglio al prezzo V 1 sarebbe esattamente compensato dalla vendita dell opzione. Principio di non arbitraggio: nel mercato non esistono strategie di trading che forniscono un profitto positivo senza rischio (vale a dire con probabilità 1); nel momento in cui una tale strategia esistesse, le decisioni degli investitori annullerebbero istantaneamente il profitto che ne deriva.

7 Il modello binomiale ad un periodo Svolgendo i calcoli si trova il prezzo al tempo 0: [( ) ( ) ] C 0 = S 0 + β0 = e r rf e r rf g u e r rf C u + C g u g u g = e r rf [π C u + (1 π )C g ] = e r rf E π (C 1 ), (5) dove π = (e r rf g)/(u g). La strategia di copertura al tempo 0: vendo l opzione +C 0 prendo a prestito contanti +β0 acquisto azioni α0 S 0. La strategia di copertura al tempo 1: rimborso l opzione C 1 rimborso il prestito vendo le azioni α0 S 1. β 0 er rf

8 Osservazioni La (5): non dipende dall avversione al rischio degli investitori; non dipende dalla probabilità π; è il valore atteso scontato del payoff dell opzione, dove il valore atteso è calcolato rispetto alla pseudo probabilità π, denominata probabilità risk-neutral. Rispetto a questa misura di probabilità il rendimento del portafoglio di replica è uguale al rendimento risk-free in quanto ha rendimento certo (non dipende dal valore del sottostante al tempo 1).

9 Osservazioni La distribuzione di probabilità determinata da π = (e r rf g)/(u g) nel modello binomiale ad un periodo è definita risk-neutral nel senso seguente. Si verifica che: E π (V 1 V 0 ) = e r rf β 0 + π α 0 us 0 + (1 π )α 0 gs 0 = = e r rf β 0 + er rf α 0 S 0 = r rf V 0. Condizione necessaria affinché π identifichi una misura di probabilità è che g e r rf u. Si può prezzare un derivato scontando il suo payoff rispetto alla probabilità neutrale rispetto al rischio ogni volta che si può costruire un portafoglio di replica che ne riproduca esattamente il payoff e quindi permetta di coprirsi perfettamente rispetto al rischio.

10 La formula di Black & Scholes (B&S) Ricordiamo che il prezzo di un opzione call alla scadenza è dato da C T = max{0, S T K }, dove K è lo strike price. Al tempo t < T, sulla base dei criteri del pricing risk-neutral, il prezzo è dato da C t = e r rf (T t) E π [max{0, S T K }]. (6) Analogamente, il prezzo di una put alla scadenza è C T = max(0, K S T ); al tempo t < T si ottiene: C t = e r rf (T t) E π [max{0, K S T }].

11 La formula di Black & Scholes (B&S) Si dimostra che la (6) si può scrivere nella forma C t = S t Φ(d 1 ) Ke r rf (T t) Φ(d 2 ), dove d 1 e d 2 sono definiti come segue: d 1 = ln(s t/k ) + (r rf + σ 2 /2)(T t) σ T t d 2 = ln(s t/k ) + (r rf σ 2 /2)(T t) σ = d 1 σ T t. T t Si noti che il prezzo C t di un opzione è funzione di S t, r rf, σ: C t = f (S t, r rf, σ). Inoltre dipende, ma in modo deterministico, dal tempo a scadenza T t e da K.

12 La formula di Black & Scholes (B&S) La formula di B&S vale sotto le seguenti ipotesi: (i) il processo che governa l evoluzione del sottostante è un moto browniano geometrico; (ii) il tasso di interesse risk-free e la varianza σ 2 sono costanti; (iii) il mercato è perfetto (cioè le vendite allo scoperto sono ammesse, il mercato è sempre aperto, i costi di transazione sono nulli). La formula non vale per le opzioni americane ed esotiche (eccezione: per un opzione call americana su un azione che non paga dividendi l esercizio anticipato rispetto alla scadenza non è mai conveniente; quindi il suo prezzo è identico a quello della corrispondente opzione europea e può essere ottenuto tramite la formula di B&S).

13 Le Greche Le Greche sono le derivate parziali della funzione C t = f (S t, r rf, σ, T t, K ) rispetto ai suoi argomenti. Il parametro è la derivata parziale rispetto a S della funzione che lega il prezzo di un opzione ai suoi argomenti: = C S. Da un punto di vista computazionale, il parametro ha un grande vantaggio: il di un portafoglio è additivo. Se infatti abbiamo un portafoglio contenente N tipi di opzioni e x i, i = 1,..., N è il numero di opzioni del tipo i-esimo, il del portafoglio è dato da ptf = N x i i. i=1

14 Le Greche Oltre a, i parametri rilevanti sono Gamma, Vega, Rho e Theta, definiti come segue Γ = 2 C S 2 ; ρ = C r rf ; Λ = C σ ; Θ = C t. Il calcolo delle greche è semplice quando sia disponibile una formula che fornisce il prezzo in forma chiusa (è il caso delle opzioni europee, per cui vale la formula di B&S): il per opzioni call e put europee è dato da call = C call S = Φ(d 1), put = C put S = Φ(d 1) 1. Quanto a Γ, è identico per opzioni call e put: Γ call = Γ put = 2 C S 2 = Φ(d 1) Sσ T t.

15 Le Greche Infine, anche il parametro Vega è identico per opzioni call e put: Λ call = Λ put = C σ = SΦ(d 1) T t. Quando il prezzo debba essere determinato numericamente, anche le greche devono essere calcolate tramite metodi numerici. Una posizione corta in un opzione call è estremamente pericolosa, in quanto la perdita è potenzialmente illimitata. E quindi importante coprire (hedge) la posizione.

Elementi di Risk Management Quantitativo

Elementi di Risk Management Quantitativo Elementi di Risk Management Quantitativo (marco.bee@economia.unitn.it) Marzo 2007 Indice 1 Introduzione 2 1.1 Argomenti e testi di riferimento................. 2 2 Nozioni preliminari 3 2.1 Un po di storia..........................

Dettagli

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1

23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari ESERCIZIO 1 23 Giugno 2003 Teoria Matematica del Portafoglio Finanziario e Modelli Matematici per i Mercati Finanziari In uno schema uniperiodale e in un contesto di analisi media-varianza, si consideri un mercato

Dettagli

Valore equo di un derivato. Contingent claim

Valore equo di un derivato. Contingent claim Contingent claim Ci occuperemo ora di determinare il prezzo equo di un prodotto derivato, come le opzioni, e di come coprire il rischio associato a questi contratti. Assumeremo come dinamica dei prezzi

Dettagli

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012

ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA OPZIONI. Matematica finanziaria Dott. Andrea Erdas Anno Accademico 2011/2012 ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI 2 LE OPZIONI Le opzioni sono contratti che forniscono al detentore il diritto di acquistare o vendere una certa quantità del bene sottostante a una certa

Dettagli

Elementi di Risk Management Quantitativo

Elementi di Risk Management Quantitativo Elementi di Risk Management Quantitativo Marco Bee (marco.bee@economia.unitn.it) Marzo 2006 Indice 1 Introduzione 2 2 Nozioni preliminari 2 2.1 Prezzi e rendimenti........................ 2 2.2 Capitalizzazione.........................

Dettagli

Volatilità implicita. P(t) = S(t)Φ(d 1 ) e r(t t) K Φ(d 2 ) con. d 1 = d 2 + σ T t. d 2 =

Volatilità implicita. P(t) = S(t)Φ(d 1 ) e r(t t) K Φ(d 2 ) con. d 1 = d 2 + σ T t. d 2 = Volatilità implicita Abbiamo visto come sia possibile calcolare la volatilità di un titolo attraverso la serie dei log-return. In teoria però la volatilità di un sottostante può essere determinata dal

Dettagli

Introduzione alberi binomiali

Introduzione alberi binomiali Introduzione alberi binomiali introduzione L albero binomiale rappresenta i possibili sentieri seguiti dal prezzo dell azione durante la vita dell opzione Il percorso partirà dal modello a uno stadio per

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

Modelli matematici per la valutazione dei derivati: dalla formula CRR alla formula di Black-Scholes

Modelli matematici per la valutazione dei derivati: dalla formula CRR alla formula di Black-Scholes Capitolo 4 Modelli matematici per la valutazione dei derivati: dalla formula CRR alla formula di Black-Scholes Quanto è ragionevole pagare per entrare in un contratto d opzione? Per affrontare questo problema

Dettagli

Introduzione all Option Pricing

Introduzione all Option Pricing Introduzione all Option Pricing Arturo Leccadito Corso di Matematica Finanziaria 3 Anno Accademico 2008 2009 1 Il Modello Binomiale Si supponga che oggi (epoca 0) sia disponibile un titolo azionario il

Dettagli

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni

Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni Mercati e strumenti derivati (2): Swap e Opzioni A.A. 2008-2009 20 maggio 2009 Agenda I contratti Swap Definizione Gli Interest Rate Swap Il mercato degli Swap Convenienza economica e finalità Le opzioni

Dettagli

Opzioni americane. Opzioni americane

Opzioni americane. Opzioni americane Opzioni americane Le opzioni di tipo americano sono simili a quelle europee con la differenza che possono essere esercitate durante tutto l intervallo [0, T ]. Supponiamo di avere un opzione call americana

Dettagli

Black-Scholes: le Greche

Black-Scholes: le Greche Black-Scholes: le Greche R. Marfé Indice 1 Delta 2 2 Gamma 4 3 Theta 6 4 Vega 7 5 Rho 8 6 Applicazione in VBA 9 1 1 Delta Il delta di un opzione (o di un portafoglio di opzioni) indica la sensibilità del

Dettagli

Il calore nella Finanza

Il calore nella Finanza Il calore nella Finanza Franco Moriconi Università di Perugia Facoltà di Economia Perugia, 12 Novembre 2008 Quotazioni FIAT Serie giornaliera dal 6/11/2007 al 6/11/2008 F. Moriconi, Il calore nella Finanza

Dettagli

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale

FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale FINANZA AZIENDALE Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale 6 parte Prof. Giovanna Lo Nigro # 1 I titoli derivati # 2 Copyright 2003 - The McGraw-Hill Companies, srl Argomenti trattati Tipologie

Dettagli

Metodi Stocastici per la Finanza

Metodi Stocastici per la Finanza Metodi Stocastici per la Finanza Tiziano Vargiolu vargiolu@math.unipd.it 1 1 Università degli Studi di Padova Anno Accademico 2012-2013 Indice 1 Mercati finanziari 2 Arbitraggio 3 Conseguenze del non-arbitraggio

Dettagli

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1

Greche. Fondamenti dei Mercati di Futures e Opzioni, 5 a Edizione, Copyright John C. Hull 2004 15.1 Greche Problema per i trader è di gestire il rischio di posizioni su mercati over the counter e in borsa Ogni greca corrisponde a una misura di rischio Quindi i traders dovranno gestire le greche per gestire

Dettagli

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI

GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI GLI STRUMENTI FINANZIARI DERIVATI ABSTRACT PRINCIPI SULLE OPZIONI!A cura di Mauro Liguori!Seminario del 7 giugno 2003!V. delle Botteghe Oscure, 54 -Roma DEFINIZIONE DI OPZIONE OPZIONE DIRITTO DI ACQUISTARE

Dettagli

OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS)

OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS) ESERCITAZIONE MATEMATICA FINANZIARIA 1 OPZIONI, DURATION E INTEREST RATE SWAP (IRS) Valutazione delle opzioni Esercizio 1 2 ESERCIZIO 1 Il portafoglio di un investitore è composto di 520 azioni della società

Dettagli

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY

studi e analisi finanziarie LA PUT-CALL PARITY LA PUT-CALL PARITY Questa relazione chiarisce se sia possibile effettuare degli arbitraggi e, quindi, guadagnare senza rischi. La put call parity è una relazione che lega tra loro: il prezzo del call,

Dettagli

ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE

ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE ALCUNI ESEMPI DI PROVE SCRITTE Nota: questo file raccoglie alcuni esempi di prove scritte assegnate negli ultimi anni per gli esami di Matematica Finanziaria IIB e. I testi vanno presi come indicativi,

Dettagli

Fronteggiamento dei rischi della gestione

Fronteggiamento dei rischi della gestione Fronteggiamento dei rischi della gestione Prevenzione (rischi specifici) Impedire che un determinato evento si manifesti o limitare le conseguenze negative Assicurazione (rischi specifici) Trasferimento

Dettagli

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti:

Strumenti derivati. Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: Strumenti derivati Strumenti finanziari il cui valore dipende dall andamento del prezzo di un attività sottostante Attività sottostanti: attività finanziarie (tassi d interesse, indici azionari, valute,

Dettagli

Probabilità reali e probabilità neutrali al rischio nella stima del valore futuro degli strumenti derivati

Probabilità reali e probabilità neutrali al rischio nella stima del valore futuro degli strumenti derivati Probabilità reali e probabilità neutrali al rischio nella stima del valore futuro degli strumenti derivati L. Giordano, G. Siciliano 74 agosto 2013 Probabilità reali e probabilità neutrali al rischio

Dettagli

Modelli probabilistici per la finanza

Modelli probabilistici per la finanza Capitolo 5 Modelli probabilistici per la finanza 51 Introduzione In questo capitolo introdurremo un modello probabilistico utile per lo studio di alcuni problemi di finanza matematica, a cui abbiamo già

Dettagli

2) Calcolare il prezzo ad oggi di una Put europea con un albero a 3 periodi.

2) Calcolare il prezzo ad oggi di una Put europea con un albero a 3 periodi. 1) Calcolare il prezzo ad oggi di una Call europea con un albero a 2 periodi. tasso risk free: r =3,00%; Scadenza: 2 anni Step: n=2 Prezzo spot del sottostante: S 0 =100 Strike Price: K=98 u = 1,1 e d

Dettagli

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE

Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Manuale dei Covered Warrant UNRELENTING THINKING LA FORZA DELLE IDEE Sommario I Goldman Sachs 4 II Introduzione 6 Che cosa sono i covered

Dettagli

Gli strumenti derivati: opzioni

Gli strumenti derivati: opzioni Gli strumenti derivati: opzioni Definizione (1) L opzione è un contratto che conferisce al suo sottoscrittore un diritto e non un obbligo, ad acquistare (per una call) o a vendere (per una put) al venditore

Dettagli

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà:

Il piano d ammortamento (francese) prevede un totale di 20 rate semestrali pari a: D 300.000 a 14, 2888 Il debito residuo dopo 10 semestri sarà: Gli esercizi sono suddivisi per argomenti. A) Piani d ammortamento. ) I esonero 003. Un individuo si accorda per restituire un importo di 300 mila euro mediante il versamento di rate costanti semestrali

Dettagli

Opzioni su titoli che pagano dividendi: proprietà e tecniche di valutazione

Opzioni su titoli che pagano dividendi: proprietà e tecniche di valutazione Opzioni su titoli che pagano dividendi: proprietà e tecniche di valutazione Martina Nardon Paolo Pianca ipartimento di Matematica Applicata Università Ca Foscari Venezia

Dettagli

Introduzione alle opzioni

Introduzione alle opzioni PROGRAMMA 1) Nozioni di base di finanza aziendale 2) Opzioni 3) Valutazione delle aziende 4) Finanziamento tramite debiti 5) Risk management Introduzione alle opzioni 6) Temi speciali di finanza aziendale

Dettagli

OPZIONI SU TITOLI CON DIVIDENDI

OPZIONI SU TITOLI CON DIVIDENDI OPZIONI SU IOLI CON DIVIDENDI 1 Proprietà fondamentali Si consideri un opzione call europea c, emessa su un titolo azionario S,con prezzo d esercizio X e con scadenza all epoca ; sia, inoltre, r il tasso

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1

Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre 2007 1 Matematica finanziaria: svolgimento della prova di esame del 4 settembre. Calcolare il montante che si ottiene dopo anni con un investimento di e in regime nominale al tasso annuale del % pagabile due

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria Valutazione opzioni Non posso usare le formule di attualizzazione in quanto non riesco a trovare un accettabile tasso a

Dettagli

Definizione 3 Il rischio di credito è il rischio derivante dal cambiamento di valore associato a cambiamenti inattesi della qualità del credito.

Definizione 3 Il rischio di credito è il rischio derivante dal cambiamento di valore associato a cambiamenti inattesi della qualità del credito. 4 Rischio di credito Definizione 3 Il rischio di credito è il rischio derivante dal cambiamento di valore associato a cambiamenti inattesi della qualità del credito. Obiettivo del credit risk management:

Dettagli

Corso di Risk Management S

Corso di Risk Management S Corso di Risk Management S Marco Bee marco.bee@economia.unitn.it Dipartimento di Economia Università di Trento Anno Accademico 2007-2008 Struttura del corso Il corso può essere suddiviso come segue: 1.

Dettagli

Conoscere gli strumenti derivati

Conoscere gli strumenti derivati Conoscere gli strumenti derivati Una breve guida alle principali caratteristiche e all utilizzo degli strumenti finanziari derivati di Borsa Italiana Alcuni articoli contenuti in questa pubblicazione -

Dettagli

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007

Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 15 maggio 2007 Matematica finanziaria: svolgimento prova di esonero del 5 maggio 2 a. Assumendo che il colore dei capelli negli esseri umani sia determinato da una coppia di alleli, diciamo (B, S), presi a caso con probabilità

Dettagli

MODELLO DI BLACK SCHOLES

MODELLO DI BLACK SCHOLES MODELLO DI BLACK SCHOLES 1 Greche della Put Dalla put-call parity: C P = S Ke P = SN(d 1 ) Ke N(d ) S + Ke P = Ke (1 N(d )) S(1 N(d 1 )) quindi la FORMULA DI BLACK SCHOLES PER LA PUT è P = Ke N( d ) SN(

Dettagli

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004

Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale. c Carmine Trecroci 2004 Note integrative di Moneta e Finanza Internazionale c Carmine Trecroci 2004 1 Tassi di cambio a pronti e a termine transazioni con consegna o regolamento immediati tasso di cambio a pronti (SR, spot exchange

Dettagli

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1

Prefazione. Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Prefazione XV Capitolo 1 Introduzione ai contratti derivati 1 1.1 I derivati 1 Capitolo 2 Il mercato delle opzioni azionarie 11 2.1 Le opzioni sui singoli titoli azionari 11 2.2 Il mercato telematico delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO. Corso di Risk Management UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Corso di Prof. Filippo Stefanini A.A. Corso 60012 Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Edile Opzioni Le opzioni offrono agli investitori la possibilità di creare

Dettagli

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni

1.Compro Azioni. 2.Vendo Azioni 1.Compro Azioni Question #1: Cos' è una Azione (un titolo azionario)? A) E' un Titolo rappresentativo della quota di una società B) E' una ricevuta per investire C) E' una assicurazione Question #2: Perchè

Dettagli

Dispensa delle lezioni Corso di programmazione in GAUSS Parte V. Club di Economia Applicata Dipartimento di Scienze Economiche Università di Verona

Dispensa delle lezioni Corso di programmazione in GAUSS Parte V. Club di Economia Applicata Dipartimento di Scienze Economiche Università di Verona Dispensa delle lezioni Corso di programmazione in GAUSS Parte V Club di Economia Applicata Dipartimento di Scienze Economiche Università di Verona Option Pricing Un opzione call (put) è un titolo che conferisce

Dettagli

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA

Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA anno accademico 2007/2008 modulo n. 1 Lezioni 6 Corso di FINANZA AZIENDALE AVANZATA Teoria delle opzioni e struttura finanziaria LE OPTION Contratto a termine mediante

Dettagli

Strategie Operative mediante Opzioni

Strategie Operative mediante Opzioni Strategie Operative mediante Opzioni Una posizione su: l opzione e il sottostante è detta hedge 2 o più opzioni dello stesso tipo è detta spread una miscela di calls e puts è detta combinazione Posizioni

Dettagli

studi e analisi finanziarie Put ladder

studi e analisi finanziarie Put ladder Put ladder ( guadagniamo con i forti ribassi di mercato ) In questo articolo ci accingiamo ad esporre l analisi di un Put ladder, affronteremo prima la parte teorica poi, in successivo articolo, esporremo

Dettagli

Modello Black-Scholes

Modello Black-Scholes Modello Black-Scholes R. Marfé Indice 1 Il modello Black Scholes 1.1 Formule di valutazione per le opzioni standard......... 3 1. Implementazione in VBA..................... 6 1 1 Il modello Black Scholes

Dettagli

Finanza matematica - Lezione 01

Finanza matematica - Lezione 01 Finanza matematica - Lezione 01 Contratto d opzione Un opzione è un contratto finanziario stipulato al tempo, che permette di eseguire una certa transazione, d acquisto call o di vendita put, ad un tempo

Dettagli

Tecniche di copertura

Tecniche di copertura Tecniche di copertura A tale scopo, il primo parametro da considerare è. Si supponga di possedere un portafoglio Π composto dall opzione e da una quantità pari a del sottostante (dunque, ho venduto l opzione

Dettagli

Anna Maria Arcari, Programmazione e controllo, McGraw-Hill, 2010, ISBN 6169-3

Anna Maria Arcari, Programmazione e controllo, McGraw-Hill, 2010, ISBN 6169-3 9.7. w La valutazione delle opzioni reali Come abbiamo visto i metodi e le regole tradizionali di capital budgeting non riescono a cogliere e misurare la discrezionalità del management e la flessibilità

Dettagli

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put;

- il grafico di payout alla scadenza e alla data odierna per acquisto/vendita di opzioni call e put; GUIDA OPTION PRICER SOMMARIO Che cos è 3 Dati e orari di disponibilità 3 Modalità di accesso al tool 4 Sezione Pricer 5 Cronologia utilizzo sezione Pricer 8 Sezione Strategia 9 Cronologia utilizzo sezione

Dettagli

Derivati: principali vantaggi e utilizzi

Derivati: principali vantaggi e utilizzi Derivati: principali vantaggi e utilizzi Ugo Pomante, Università Commerciale Luigi Bocconi Trading Online Expo Milano 28, Marzo 2003 CONTENUTI In un mondo senza derivati I futures Le opzioni Strategie

Dettagli

Metodi Quantitativi per la Finanza

Metodi Quantitativi per la Finanza Metodi Quantitativi per la Finanza Metodi Quantitativi per la Finanza http://www.economia.unimi.it/finance S.M. Iacus Ricevimento: Gio 9:00-12:00, III Piano DEAS stefano.iacus@unimi.it Programma del corso

Dettagli

Opzioni americane. Capitolo 5. 5.1 Il modello

Opzioni americane. Capitolo 5. 5.1 Il modello Capitolo 5 Opzioni americane 5. Il modello Consideriamo un modello di mercato finanziario così come descritto nel Paragrafo 4.2. Il mercato è quindi formato da d+ titoli di prezzi S 0 n, S n,..., S d n,

Dettagli

Tesi di laurea in Economia. Strategie di copertura statica sui titoli strutturati

Tesi di laurea in Economia. Strategie di copertura statica sui titoli strutturati Tesi di laurea in Economia Strategie di copertura statica sui titoli strutturati Laureando: Loriano Mancini Relatore: Prof. Stefano Herzel Perugia, Luglio 1999 Indice 1 Introduzione 1 2 La relazione di

Dettagli

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio

Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio Le opzioni come strumento di copertura del portafoglio BORSA ITALIANA S.p.A. Derivatives Markets Private Investors Business Development Relatore: Gabriele Villa Disclaimer La pubblicazione del presente

Dettagli

REAL OPTIONS CAPITOLO 2: IL PRICING. Chiara D Alpaos, Michele Moretto e Sergio Vergalli

REAL OPTIONS CAPITOLO 2: IL PRICING. Chiara D Alpaos, Michele Moretto e Sergio Vergalli REAL OPTIONS CAPITOLO 2: IL PRICING Chiara D Alpaos, Michele Moretto e Sergio Vergalli Questa versione Settembre 2008 Indice 1 I TITOLI DERIVATI 2 1.1 Leopzioni... 2 1.2 Altrititoliderivati... 3 2 LE OPZIONI

Dettagli

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it

Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi. Derivati. Derivati. sciangula@ing.uniroma2.it Dipaimento di Ingegneria dell Impresa Corso di Analisi dei Sistemi Finanziari 2 Prof. Nathan Levialdi A cura di: Ing. Fiorella Sciangula sciangula@ing.uniroma2.it 1 Opzioni: variabili Prezzo Spot, o valore

Dettagli

Elementi di teoria delle opzioni e dei contratti derivati

Elementi di teoria delle opzioni e dei contratti derivati Elementi di teoria delle opzioni e dei contratti derivati Claudio Pacati Università degli Studi di Siena Dipartimento di Economia Politica Dispensa del corso di Matematica Finanziaria, a.a. 2000 01 Le

Dettagli

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit.

Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. Slide con esempi di prezzi di Futures e opzioni quotate su Borsa Italiana sulle azioni di Unicredit. http://www.borsaitaliana.it/borsa/azioni/scheda.html?isin=it0004781412&lang=en http://www.borsaitaliana.it/borsa/derivati/idem-stock-futures/lista.html?underlyingid=ucg&lang=en

Dettagli

DARIO CUSATELLI Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari UN MODELLO DI CONTRATTO FINANZIARIO STRUTTURATO

DARIO CUSATELLI Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari UN MODELLO DI CONTRATTO FINANZIARIO STRUTTURATO DARIO CUSATELLI Dipartimento di Scienze Statistiche Carlo Cecchi, Università degli Studi di Bari UN MODELLO DI CONTRATTO FINANZIARIO STRUTTURATO SOMMARIO 1. Introduzione 2. Considerazioni preliminari 3.

Dettagli

Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2

Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2 Il materiale didattico di seguito riportato, disponibile online, sostituisce il paragrafo 23.5.2 Vaalore della call/azione al 15 marzo 2014 Ipotizziamo di aver acquistato 1 azione FIAT al prezzo di 5,5.

Dettagli

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori

Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Marcello Minenna Volatilità Implicita, Covered Warrant e Scelta degli Investitori Orienta Finanza 22 febbraio 2002 Rimini Covered Warrant Volumi Scambiati 62.000 56.000 Controvalori Scambiati (milioni

Dettagli

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni

Domanda 1: Valutazione e Analisi di Obbligazioni Domanda 1: Valutazione e Analisi di (48 punti) Il Sig. Smith è responsabile per gli investimenti obbligazionari presso una società di consulenza finanziaria, e ha analizzato la curva di rendimento delle

Dettagli

ESERCIZI OPZIONI CALCOLO VALORE

ESERCIZI OPZIONI CALCOLO VALORE ESERCIZI OPZIONI CALCOLO VALORE Si consideri un opzione CALL Europea con prezzo di esercizio (strike) pari a X = 170 Euro e scadenza T = 1 trimestre su uno stock di valore iniziale pari a 175 Euro che

Dettagli

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari

Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Corso di Economia degli Intermediari Finanziari Alcuni strumenti finanziari particolari Alcuni strumenti proposti nel panorama internazionale Gli strumenti ai quali faremo riferimento sono: i financial

Dettagli

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE

10 ESEMPIO DI VALUTAZIONE IN BILANCIO DI UN OPZIONE SOMMARIO 1 INTRODUZIONE ALLE OPZIONI 1.1 Teoria delle opzioni 1.2 Specifiche contrattuali delle opzioni su azioni 2 FORMALIZZAZIONI 3 PROPRIETA FONDAMENTALI DELLE OPZIONI SU AZIONI 3.1 Put-Call Parity

Dettagli

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX.

WHS opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX. Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. La guida per iniziare con le opzioni FX WHS opzioni FX Predire il trend dei mercati valutari e coprire le posizioni con le opzioni FX. Affina il tuo stile di trading e la visione dei mercati. Impara ad

Dettagli

Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures

Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures Determinazione dei Prezzi Forward e dei Prezzi Futures Lezione 6 5.1 Beni d Investimento e Beni di Consumo I beni d investimento (ad es., oro, argento) sono beni che vengono posseduti solo per fini d investimento

Dettagli

La struttura dell intervento

La struttura dell intervento Gli strumenti derivati: aspetti economicio c Pierpaolo Ferrari Brescia, 10 ottobre 2008 1 La struttura dell intervento 1) La definizione di strumenti derivati 2) Le tipologie di strumenti derivati 3) Le

Dettagli

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare

Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare Danilo Mascia, PhD Student Università degli Studi di Cagliari Anno Accademico 2012-2013 Economia e tecnica del mercato mobiliare danilo.mascia@gmail.com 1 Gli strumenti finanziari derivati 2 Gli strumenti

Dettagli

I modelli della fisica e la finanza, ovvero perchè i fisici lavorano nelle banche

I modelli della fisica e la finanza, ovvero perchè i fisici lavorano nelle banche I modelli della fisica e la finanza, ovvero perchè i fisici lavorano nelle banche Mediobanca (Milano, 11 luglio 2003) Indice 1. Perché i fisici in finanza? 2. Il problema 3. I modelli della fisica in finanza

Dettagli

call europea viene esercitata, consentendo un guadagno pari a

call europea viene esercitata, consentendo un guadagno pari a INTRODUZIONE Un opzione è un contratto derivato che conferisce al proprio detentore il diritto di disporre del titolo sottostante ad esso. Più precisamente, l acquisto di un opzione call (put) conferisce

Dettagli

Dott. Domenico Dall Olio

Dott. Domenico Dall Olio Responsabile didattico per il progetto QuantOptions Le basi delle opzioni www.quantoptions.it info@quantoptions.it 1 Opzioni: long call definizione e caratteristiche di base Le opzioni sono contratti finanziari

Dettagli

Indice. Notazioni generali

Indice. Notazioni generali Indice Notazioni generali XIII 1 Derivati e arbitraggi 1 1.1 Opzioni 1 1.1.1 Finalità 3 1.1.2 Problemi 4 1.1.3 Leggi di capitalizzazione 4 1.1.4 Arbitraggi e formula di Put-Call Parity 5 1.2 Prezzo neutrale

Dettagli

T I P S T R A P S. La prezzatura di Opzioni Call e Put Europea con il metodo Montecarlo

T I P S T R A P S. La prezzatura di Opzioni Call e Put Europea con il metodo Montecarlo La prezzatura di Opzioni Call e Put Europea con il metodo Montecarlo In un mercato finanziario le opzioni a comprare (Call) o a vendere (Put) un titolo costituiscono il diritto, in un determinato periodo

Dettagli

Principali tipologie di rischio finanziario

Principali tipologie di rischio finanziario Principali tipologie di rischio finanziario Rischio di mercato: dovuto alla variabilità dei prezzi delle attività finanziarie Rischio di credito: dovuto alla possibilità che la controparte venga meno ai

Dettagli

ScienzaOrienta NUMERI E DOLLARI: PROBABILITÀ E FINANZA

ScienzaOrienta NUMERI E DOLLARI: PROBABILITÀ E FINANZA ScienzaOrienta 13 Febbraio 2014 Università Tor Vergata-Roma NUMERI E DOLLARI: PROBABILITÀ E FINANZA Lucia Caramellino Dipartimento di Matematica Università di Roma - Tor Vergata caramell@mat.uniroma2.it

Dettagli

Le opzioni: strumenti derivati per gestire e sfruttare la volatilità

Le opzioni: strumenti derivati per gestire e sfruttare la volatilità Le opzioni: strumenti derivati per gestire e sfruttare la volatilità Andrea Berardi Università di Verona e GRETA Loriana Pelizzon London Business School e GRETA 1. Introduzione Le opzioni hanno una funzione

Dettagli

20160414v01. Manuale Derivati 1

20160414v01. Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 1 Manuale Derivati 2 Indice 1. Introduzione... 3 2. Attivazione servizio... 3 3. Borse... 3 4. Rischi dell operatività in opzioni e futures... 3 4.1 Conoscere è importante...3 4.2 Rischi

Dettagli

Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM

Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM Nuove strategie di trading con le opzioni del mercato IDEM Gabriele VILLA Responsabile Business Development Investitori Privati Stefania FAIELLA Derivatives Markets Products and Indices Borsa Italiana

Dettagli

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40

DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 DERIVATI REGOLAMENTATI OPZIONI E FUTURES ORARIO DI NEGOZIAZIONE : 9,00 17,40 LE OPZIONI - Definizione Le opzioni sono contratti finanziari che danno al compratore il diritto, ma non il dovere, di comprare,

Dettagli

MODELLI DISCRETI PER OPZIONI AMERICANE

MODELLI DISCRETI PER OPZIONI AMERICANE Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Triennale in Matematica MODELLI DISCRETI PER OPZIONI AMERICANE Tesi di Laurea in Matematica

Dettagli

Ambiente di riferimento

Ambiente di riferimento Ambiente di riferimento Cosideriamo un mercato finanziario di una sola azione (investimento a rischio), un titolo obbligazionario (investimento senza rischio) e un contingent claim. La dinamica dei prezzi

Dettagli

I modelli fondati sul mercato dei capitali

I modelli fondati sul mercato dei capitali I modelli fondati sul mercato dei capitali Slides tratte da: Andrea Resti Andrea Sironi Rischio e valore nelle banche Misura, regolamentazione, gestione Egea, 2008 AGENDA L approccio basato sugli spread

Dettagli

Opzioni. Futures, forwards e opzioni

Opzioni. Futures, forwards e opzioni Opzioni Le calls sono opzioni Le puts sono opzioni per acquistare per vendere una certa attività a* una certa attività a* (o entro**) una certa data (o entro**) una certa data ad un certo prezzo ad un

Dettagli

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi;

i tassi di interesse per i prestiti sono gli stessi che per i depositi; Capitolo 3 Prodotti derivati: forward, futures ed opzioni Per poter affrontare lo studio dei prodotti derivati occorre fare delle ipotesi sul mercato finanziario che permettono di semplificare dal punto

Dettagli

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1

Introduzione. Capitolo 1. Opzioni, Futures e Altri Derivati, 6 a Edizione, Copyright John C. Hull 2005 1 Introduzione Capitolo 1 1 La Natura dei Derivati I derivati sono strumenti il cui valore dipende dal valore di altre più fondamentali variabili sottostanti 2 Esempi di Derivati Forwards Futures Swaps Opzioni

Dettagli

OptionCube Educational

OptionCube Educational OptionCube Educational Derivatives & Consulting Srl Via Martiri della Libertà 244 30174 Mestre (VE) Sommario Sommario... 2 La descrizione di OptionCube... 3 OptionCube Educational... 3 OptionCube Educational

Dettagli

Option Pricing con il modello di Heston

Option Pricing con il modello di Heston POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Sistemi Option Pricing con il modello di Heston Relatore: Prof. Carlo Sgarra - Politecnico di Milano Correlatore: Dott. Martino De Prato - Mediobanca Elaborato

Dettagli

Le opzioni reali per la valutazione degli investimenti. Un applicazione al project financing.

Le opzioni reali per la valutazione degli investimenti. Un applicazione al project financing. Corso di Laurea Magistrale (ordinamento ex D.M. 270/2004) in Amministrazione, Finanza e Controllo Tesi di Laurea Le opzioni reali per la valutazione degli investimenti. Un applicazione al project financing.

Dettagli

#.'# 6GEJ4GRQTVU 9DOXWD]LRQHHFRSHUWXUD GHOOHRS]LRQLELQDULHHDEDUULHUD

#.'# 6GEJ4GRQTVU 9DOXWD]LRQHHFRSHUWXUD GHOOHRS]LRQLELQDULHHDEDUULHUD #.'# 6GEJ4GRQTVU 9DOXWD]LRQHHFRSHUWXUD GHOOHRS]LRQLELQDULHHDEDUULHUD )UDQFHVFR6JXHUD 7HFK5HSRUW1U DU]R $OHD&HQWURGLULFHUFDVXLULVFKLILQDQ]LDUL 'LSDUWLPHQWRGLLQIRUPDWLFDHVWXGLD]LHQGDOL 8QLYHUVLWjGL7UHQWR9LD,QDPD7UHQWR

Dettagli

Metodologie innovative per l analisi costi-benefici: ROV - Real Option Valuation

Metodologie innovative per l analisi costi-benefici: ROV - Real Option Valuation Metodologie innovative per l analisi costi-benefici: il metodo delle opzioni reali (ROV - Real Option Valuation) per la valutazione dei progetti di investimento infrastrutturali - Abstract - documento

Dettagli

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20

Finanza Aziendale. Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale. BMAS Capitolo 20 Finanza Aziendale Teoria delle opzioni, metodologie di valutazione e implicazioni per la finanza aziendale BMAS Capitolo 20 1 Le opzioni nei mercati reali e finanziari Si dicono opzioni i contratti finanziari

Dettagli

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI

MinIFIB IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI IDEM MERCATO ITALIANO DEI DERIVATI SOMMARIO i vantaggi offerti 4 l indice mib30 6 come funziona 7 quanto vale 8 la durata del contratto 9 cosa accade alla scadenza 10 il prezzo al quale si può negoziare

Dettagli

La scelta di portafoglio

La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio 1 La scelta di portafoglio La scelta di portafoglio: il modo in cui un individuo decide di allocare la propria ricchezza tra più titoli Il mercato dei titoli è un istituzione che

Dettagli

MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2010 programma a.a. precedenti

MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2010 programma a.a. precedenti MATEMATICA FINANZIARIA Appello dell 8 ottobre 2010 programma a.a. precedenti Cognome e Nome........................................................................... C.d.L....................... Matricola

Dettagli

Metodi Monte Carlo in Finanza

Metodi Monte Carlo in Finanza Metodi Monte Carlo in Finanza Lucia Caramellino Indice 1 Metodi Monte Carlo: generalità Simulazione di un moto Browniano e di un moto Browniano geometrico 3 3 Metodi numerici Monte Carlo per la finanza

Dettagli

ISSN 2281-4299. Modelli di option pricing: l'equazione di Black & Scholes. Giovanni Mattei Francesco Liberati

ISSN 2281-4299. Modelli di option pricing: l'equazione di Black & Scholes. Giovanni Mattei Francesco Liberati ISSN 2281-4299 Modelli di option pricing: l'equazione di Black & Scholes Giovanni Mattei Francesco Liberati Technical Report n. 11, 2013 Modelli di option pricing: l'equazione di Black & Scholes Giovanni

Dettagli