il punt distributiva dei carburanti report on fuel distribuition network in piemont

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "il punt distributiva dei carburanti report on fuel distribuition network in piemont"

Transcript

1 il punt sulla rete distributiva dei carburanti report on fuel distribuition network in piemont

2

3 IL PUNTO Il Punto sulla rete distributiva dei carburanti è il frutto di un analisi approfondita e dettagliata sul servizio di distribuzione radicato sull intero territorio regionale, con particolare attenzione alle problematiche congiunturali e strutturali della rete distributiva; un analisi che contiene, anche, confronti con realtà diverse da quella piemontese. Giuseppina DE SANTIS Assessore regionale alle attività produttive (industria, commercio, artigianato, imprese cooperative, attivita estrattive), energia, ennovazione, ricerca e connessi rapporti con atenei e centri di ricerca pubblici e privati, rapporti con società a partecipazione regionale. In un momento nel quale gli utenti chiedono una rete capillare ed efficiente, con attenzione al prezzo del prodotto, l indagine di contesto offerta da il punto, oltre a rappresentare un possibile supporto per tutti coloro che operano, a diverso titolo,nel settore carburanti, è quindi uno strumento tecnico di appoggio dell azione regionale di settore; un azione indirizzata ad affrontare le tematiche imposte dall attuale situazione economica ma con una particolare attenzione all approccio ambientale. I dati raccolti testimoniano di una costante tendenza, a partire dal 2006, ad un calo generale dei consumi, in particolare dei carburanti tradizionali benzina e gasolio, mentre è continua la crescita della domanda dei carburanti a minore impatto ambientale quali gpl e metano, anche per le proposte economicamente più vantaggiose che offrono all automobilista; scelte, quelle degli utenti motorizzati che premiano la politica regionale tesa a favorire una mobilità verde nella consapevolezza dei vantaggi che ne possono derivare in termini di ambiente e di salute. La strategia regionale è indirizzata anche ad una ulteriore riqualificazione della rete distributiva favorendo interventi quali l autosufficienza energetica dei punti di rifornimento ed alla promozione della trazione elettrica, soprattutto per il soddisfacimento delle esigenze di mobilità metropolitana e del trasporto pubblico locale..

4

5 INDICE 1 LA RETE SUL TERRITORIO PIEMONTESE 6 2 IMPIANTI AUTOSTRADALI 16 3 LE VENDITE NEGLI ANNI E PER PRODOTTO 20 4 PRESENZA DEGLI OPERATORI SULLA RETE 24 5 SERVIZI NON OIL 30 6 CONFRONTI 40 7 PREZZI 48 8 CARBURANTI ALTERNATIVI 52 9 DECRETO MINISTERIALE 31 MARZO

6 Il carburante erogato e il numero di impianti sulla rete stradale piemontese: trend e distribuzione territoriale.

7 La rete sul territorio piemontese 1

8 8 La rete sul territorio piemontese 1.1 CARBURANTI EROGATI IN PIEMONTE: IMPIANTI AD USO PUBBLICO E PRIVATO (anno 2013) dati espressi in litri dati espressi in mc PROVINCIA BENZINA GASOLIO GPL METANO ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VCO VERCELLI PIEMONTE Erogato Fonte: Agenzia delle Dogane. *Fonte Metano: Fondo Gestione Bombole Metano. 1.2 CARBURANTI EROGATI IN PIEMONTE: IMPIANTI AD USO PUBBLICO (ANNO 2013) dati espressi in litri dati espressi in mc PROVINCIA BENZINA GASOLIO GPL METANO ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VCO VERCELLI PIEMONTE Erogato Fonte: Agenzia delle Dogane. *Fonte Metano: Fondo Gestione Bombole Metano.

9 La rete sul territorio piemontese CARBURANTI EROGATI IN PIEMONTE: IMPIANTI AD USO PRIVATO (anno 2013) dati espressi in litri PROVINCIA BENZINA GASOLIO GPL ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VCO VERCELLI PIEMONTE Agenzia delle Dogane 1.4 EROGATO MEDIO ANNUO PER IMPIANTO NEI COMUNI CAPOLUOGO DI PROVINCIA ( ) Comune Quantità Numero Impianti Erogato Medio ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VERBANIA VERCELLI TOTALE

10 10 La rete sul territorio piemontese 1.5 COMUNI SPROVVISTI DI IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI ( ) PROVINCIA NUMERO COMUNI NUMERO COMUNI SPROVVISTI % COMUNI SPROVVISTI ALESSANDRIA ,95 ASTI ,86 BIELLA ,76 CUNEO ,80 NOVARA ,73 TORINO ,63 V.C.O ,83 VERCELLI ,47 TOTALE , TOTALE IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI ( ) PROVINCIA IMPIANTI % ALESSANDRIA ASTI BIELLA 94 5 CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI 85 5 PIEMONTE: 1.794

11 La rete sul territorio piemontese IMPIANTI SUDDIVISI PER ZONA ALTIMETRICA ( ) Provincia PIANURA Alt. < 300 mt COLLINA Alt mt M0NTAGNA Alt. > 600 mt TOTALE ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE TREND DEL NUMERO DI IMPIANTI ( )

12 12 La rete sul territorio piemontese 1.9 EROGATO MEDIO SUDDIVISO PER ZONA ALTIMETRICA ( ) ZONA ALTIMETRICA QUANTITA NUMERO IMPIANTI EROGATO MEDIO COLLINA MONTAGNA PIANURA RAPPORTO ABITANTI/IMPIANTI ( ) PROVINCIA IMPIANTI ABITANTI* ABITANTI PER IMPIANTO ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE *Dati ISTAT aggiornati Gennaio 2014.

13 La rete sul territorio piemontese POPOLAZIONE, AUTOVETTURE E VEICOLI (nelle principali città, anno 2013) REGIONE POPOLAZIONE* AUTOVETTURE VEICOLI POPOLAZIONE/ AUTOVETTURE VEICOLI/ POPOLAZ. (X1000) TORINO MILANO GENOVA BOLOGNA FIRENZE ROMA NAPOLI PALERMO ITALIA POPOLAZIONE, AUTOVETTURE E VEICOLI (nelle regioni, anno 2013) REGIONE POPOLAZIONE* AUTOVETTURE VEICOLI POPOLAZIONE/ AUTOVETTURE VEICOLI/ POPOLAZ. (X1000) PIEMONTE VALLE D AOSTA LOMBARDIA TRENTINO A.A VENETO FRIULI V.G LIGURIA EMILIA ROMAGNA TOSCANA UMBRIA MARCHE LAZIO ABRUZZO MOLISE CAMPANIA PUGLIA BASILICATA CALABRIA SICILIA SARDEGNA ITALIA *Dati ISTAT - Bollettino mensile - ACI statistiche automobilistiche.

14 14 La rete sul territorio piemontese 1.13 TREND EROGATO METANO ( ) ANNO METANO Fonte metano: Unione Petrolifera su dati Federmetano 1.14 IMPIANTI CON SELF SERVICE POST-PAGAMENTO ( ) PROVINCIA IMPIANTI CON SELF POST-PAY % ALESSANDRIA ,40 ASTI ,42 BIELLA ,15 CUNEO ,56 NOVARA ,12 TORINO ,55 V.C.O ,88 VERCELLI ,18 PIEMONTE ,15

15 La rete sul territorio piemontese IMPIANTI PER TIPO DI CARBURANTE EROGATO ( ) PROVINCIA IMPIANTI SOLO BENZINA BENZINA GASOLIO SOLO GPL BENZINA GASOLIO GPL SOLO METANO BENZINA GASOLIO METANO BENZINA GASOLIO METANO GPL ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE

16 I consumi di carburante a confronto sulle autostrade piemontesi.

17 Impianti autostradali 2

18 18 Impianti autostradali 2.1 EROGATO MEDIO PER TIPO DI CARBURANTE SU RETE AUTOSTRADALE (anno 2013) BENZINA VERDE GASOLIO GPL METANO TOTALE PROVINCIA % E.MED % E.MED % E.MED % E.MED EROGATO E.MED ALESSANDRIA 17, , , ASTI 13, , , CUNEO 17, , , NOVARA 16, , , TORINO 16, , , , VERCELLI 18, , , dati espressi in mc 2.2 EROGATO COMPLESSIVO PER TIPO DI CARBURANTE SU RETE AUTOSTRADALE (anno 2013) dati espressi in mc PROVINCIA BENZINA VERDE GASOLIO GPL METANO TOTALE ALESSANDRIA ASTI CUNEO NOVARA TORINO VERCELLI

19 Impianti autostradali TREND DELL EROGATO PER TIPO DI CARBURANTE SU RETE AUTOSTRADALE (anno 2013) ANNO BENZINA VERDE % GASOLIO % GPL % METANO % % 73.60% 5.53% % 73.24% 7.95% % 72.70% 8.92% % 71.67% 11.15% 0.12% % 70.72% 11.23% 1.41% 2.4 TREND DELL EROGATO PER TIPO DI CARBURANTE SU RETE AUTOSTRADALE (anno 2013) PROVINCIA ALESSANDRIA ASTI CUNEO NOVARA TORINO VERCELLI PIEMONTE

20 L evoluzione delle vendite di carburante per tipo di prodotto e per provincia

21 Le vendite negli anni e per prodotto

22 22 Le vendite negli anni e per prodotto 3.1 INCIDENZA PERCENTUALE DELL EROGATO PER TIPO DI PRODOTTO (anno 2013) PROVINCIA BENZINA VERDE % GASOLIO % GPL % METANO % ALESSANDRIA 27,17 63,71 7,93 1,19 ASTI 30,49 61,82 6,73 0,96 BIELLA 41,26 54,57 3,12 1,05 CUNEO 30,34 62,41 6,96 0,30 NOVARA 32,77 59,00 7,08 1,14 TORINO 33,05 54,50 10,53 1,92 V.C.O. 40,32 53,70 5,25 0,74 VERCELLI 31,82 59,39 8,35 0, TREND DELL EROGATO PER TIPO DI CARBURANTE SU RETE STRADALE (anno 2013) ANNO BENZINA VERDE % GASOLIO % GPL % METANO % ,23 50,15 2, ,46 52,50 3, ,01 54,09 3, ,71 55,52 4, ,69 55,97 6, ,21 56,23 6, ,79 56,18 7,39 1, ,43 56,40 8,39 1,78

23 Le vendite negli anni e per prodotto TREND DELL EROGATO MEDIO PER IMPIANTO SULLA RETE STRADALE (anno 2013) PROVINCIA ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE RIPARTIZIONE PERCENTUALE DEGLI IMPIANTI PER VOLUME DI VENDITA (anno 2013) FASCE EROGATO IN MC % < 100 7, , , , , , , , ,37 > ,38 > < 100

24 I dati sull erogato medio e sul numero di impianti: confronto tra società petrolifere e retisti

25 Presenza degli operatori sulla rete 4

26 26 Presenza degli operatori sulla rete 4.1 NUMERO E PROPRIETA DEGLI IMPIANTI ( ) AL AT BI CN NO TO V.C.O. VC PIEMONTE API AUTOGAS NORD BRIXIA FINANZIARIA CENTRO CALOR C.P.P DIS-CAR ENI EREDI CAMPIDONICO ESSO ITALIANA EUROPAM KUWAIT PETROLEUM LUDOIL RE SPA MUSSO CARLO & C PIES RETE SACOM S.A.L.C.A KRI SOCOGAS RETE TAMOIL TOTALERG

27 Presenza degli operatori sulla rete SUDDIVISIONE IMPIANTI TRA SOCIETA PETROLIFERE E RETISTI: trend PERCENTUALE DEL NUMERO DI IMPIANTI E DI EROGATO TRA SOCIETA PETROLIFERE E I RETISTI dati 2012 dati 2013

28 28 Presenza degli operatori sulla rete 4.4 ANDAMENTO PERCENTUALE DELL EROGATO TRA SOCIETA PETROLIFERE E RETISTI 4.5 EROGATO MEDIO PER IMPIANTO STRADALE DELLE SOCIETA PETROLIFERE E DEI MAGGIORI RETISTI (anno 2013) dati espressi in mc. EROGATO MEDIO API 724 AUTOGAS NORD CENTRO CALOR C.P.P. 691 ENI EREDI CAMPIDONICO 787 ESSO ITALIANA KUWAIT PETROLEUM ITALIA PETROLGAS 885 RETE SACOM SHELL ITALIA SOCOGAS RETE TAMOIL ITALIA 936 TOTALERG 1.077

29 Presenza degli operatori sulla rete DISTRIBUZIONE PERCENTUALE EROGATO DELLE SOCIETA PETROLIFERE (anno 2013) AL AT BI CN NO TO V.C.O. VC PIEMONTE API 0,74 1,22 2,05 1,31 1,69 3,86 3,54 3,16 2,69 AUTOGAS NORD 2,04 1, ,20 0, ,68 CENTRO CALOR 4, ,18 1,99 1, ,39 C.P.P. - 2,77-4,96 0,35 0,97-5,39 1,58 DIS-CAR 0, ,86-1, ,69 ENI 18,27 13,66 13,91 15,88 19,40 18,15 24,56 13,90 17,64 EREDI CAMPIDONICO 0,26 2,08 4,57 0,51-0, ,74 ESSO ITALIANA 8,87 4,70 13,94 4,87 6,56 10,44 8,38 5,91 8,63 EUROPAM 0,60 0,96 4,29 2,59 0,71 0,63 1,78 2,71 1,18 KUWAIT PETROLEUM 6,72 11,21 6,19 0,08 11,43 7,99 11,06 7,62 7,25 MUSSO CARLO & C. S.N.C. 1,01 1,90-0,58 0, ,30 PARUSSA TERESA , ,46 RETE ,45 3,50 2,48-2,23 SACOM , ,87 S.A.L.C.A , ,97 SHELL ITALIA 10,70 14,01 8,44 6,79 7,31 6,62 10,05 9,01 7,83 SOCOGAS RETE - - 0,18 0,55-3, ,85 TAMOIL ITALIA. 4,73 8,88 6,88 1,54 6,14 6,25 11,34 6,69 5,75 TOTALERG 7,55 5,42 18,16 5,86 12,28 8,90 13,36 7,86 8,88 (In evidenza le compagnie petrolifere con una percentuale di erogato superiore a 5).

30 I numeri dei servizi non oil presenti sugli impianti piemontesi: shop, bar, vendita giornali, servizi accessori, telefono, autolavaggio,servizio cambio olio, officina, ecc.

31 Servizi non oil 5

32 32 Servizi non oil 5.1 IMPIANTI CON SHOP ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO SHOP NON RILEVATO SI SHOP ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE IMPIANTI CON BAR ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO BAR NON RILEVATO SI BAR ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE

33 Servizi non oil IMPIANTI CON VENDITA DI GIORNALI ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO NON RILEVATO SI ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE IMPIANTI CON SERVIZI IGIENICI UTENTI ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO NON RILEVATO SI ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE

34 34 Servizi non oil 5.5 IMPIANTI CON SERVIZI IGIENICI PER DISABILI ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO NON RILEVATO SI ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE IMPIANTI CON TELEFONO PUBBLICO ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO NON RILEVATO SI ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE

35 Servizi non oil IMPIANTI CON AUTOLAVAGGIO ( ) PROVINCIA IMPIANTI CAR WASH MANUALE NO NON RILEVATO SELF SERVICE ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE TIPOLOGIA DI PAGAMENTO ( ) PROVINCIA IMPIANTI BANCOMAT CARTA DI CREDITO FIDELITY CARD NON RILEVATO ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE

36 36 Servizi non oil 5.9 IMPIANTI CON SERVIZIO CAMBIO OLIO ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO NON RILEVATO SI ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE IMPIANTI CON OFFICINA ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO NON RILEVATO SI ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE

37 Servizi non oil IMPIANTI CON TABELLE ALIMENTARI ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO NON RILEVATO SI ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE PERSONALE ADDETTO E DIPENDENTI ( ) PROVINCIA IMPIANTI ADDETTI N. MEDIO ADDETTI DIPENDENTI N. MEDIO DIPENDENTI ALESSANDRIA , ,64 ASTI , ,38 BIELLA , ,22 CUNEO , ,33 NOVARA , ,27 TORINO , ,49 V.C.O , ,33 VERCELLI , ,14 PIEMONTE , ,42

38 38 Servizi non oil 5.13 IMPIANTI CON RIVENDITA DI TABACCHI ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO NON RILEVATO SI ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE IMPIANTI CON VIDEOSORVEGLIANZA ( ) PROVINCIA IMPIANTI NO NON RILEVATO SI ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO V.C.O VERCELLI PIEMONTE

39

40 I dati della rete italiana a confronto con quelli degli altri paesi dell UE

41 Confronti 6

42 42 Confronti 6.1 VARIAZIONI CONGIUNTURALI PER LA BENZINA SENZA PIOMBO (anno 2008/2014) Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico D.G.E.R.M.Statistiche dell Energia 6.2 VARIAZIONI CONGIUNTURALI PER IL GASOLIO (anno 2008/2012) Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico D.G.E.R.M.Statistiche dell Energia

43 Confronti PREZZI AL CONSUMO DELLA BENZINA NEI PAESI UE28 (settembre 2014) dati espressi in euro/litro tasse comprese POLONIA 1,267 ESTONIA 1,278 LETTONIA 1,279 BULGARIA 1,304 LUSSEMBURGO 1,318 UNGHERIA 1,326 REP. CECA 1,329 LITUANIA 1,342 AUSTRIA 1,362 CROAZIA 1,398 ROMANIA 1,398 SPAGNA 1,413 CIPRO 1,421 MALTA 1,440 SLOVENIA 1,443 SLOVACCHIA 1,467 FRANCIA 1,499 PORTOGALLO 1,544 IRLANDA 1,547 UE 28 1,559 GERMANIA 1,580 SVEZIA 1,584 BELGIO 1,593 REGNO UNITO 1,620 FINLANDIA 1,620 DANIMARCA 1,667 GRECIA 1,668 OLANDA 1,721 ITALIA (*) 1,739 paesi che non aderiscono all UME paesi che aderiscono all UME Fonte: Direzione Generale Energy Commissione Europea

44 44 Confronti 6.4 PREZZI AL CONSUMO DEL GASOLIO NEI PAESI UE28 (settembre 2014) dati espressi in euro/litro tasse comprese LUSSEMBURGO 1,187 POLONIA 1,237 LETTONIA 1,255 ESTONIA 1,263 LITUANIA 1,275 FRANCIA 1,299 AUSTRIA 1,300 PORTOGALLO 1,310 REP. CECA 1,324 SPAGNA 1,325 BULGARIA 1,329 CROAZIA 1,330 SLOVACCHIA 1,343 UNGHERIA 1,349 GRECIA 1,357 MALTA 1,360 SLOVENIA 1,360 GERMANIA 1,386 BELGIO 1,403 UE 28 1,411 OLANDA 1,424 ROMANIA 1,426 CIPRO 1,431 FINLANDIA 1,457 DANIMARCA 1,467 IRLANDA 1,468 SVEZIA 1,540 ITALIA 1,617 REGNO UNITO 1,680 paesi che non aderiscono all UME paesi che aderiscono all UME Fonte: Direzione Generale Energy Commissione Europea

45 Confronti STRUTTURA DEL PREZZO MEDIO NAZIONALE DEI PRODOTTI PETROLIFERI (settimana: ) prezzo in euro/litro PRODOTTO PREZZO AL CONSUMO ACCISA I.V.A. 22% TOTALE IMPOSTE PREZZO AL NETTO DELLE IMPOSTE DIFFERENZE +/- CON SETTIMANA PRECEDENTE BENZINA S. PIOMBO 1,723 0,731 0,311 1,042 0, GASOLIO AUTO 1,606 0,620 0,290 0,909 0,697-0,001 GPL AUTO 0,754 0,147 0,136 0,284 0,470 0,001 GASOLIO DA RISCALDAMENTO 0,367 0,403 0,247 0,650 0,717-0,017 Fonte: Ministero dello Sviluppo Economico D.G.E.R.M.Statistiche dell Energia 6.6 PRODUZIONE MONDIALE DI GREGGIO milioni di tonnellate ANNO PAESI OPEC % PAESI OCSE % ALTRI PAESI % totale % Fonte: Bp Statistical Review

46 46 Confronti 6.7 ITALIA: CONSUMI ENERGETICI PER SETTORI DI UTILIZZO (anno 2013) milioni di tep SETTORE QUANTITA' % QUANTITA' % AGRICOLTURA 2,8 1,5 2,7 1,6 INDUSTRIA 30,2 17,1 28,3 16,5 TRASPORTI 38,5 21,9 38,2 22,4 USI CIVILI 46,9 26,6 46,6 27,2 USI NON ENERGETICI 6,5 3,7 5,5 3,2 BUNKERAGGI 3,0 1,7 2,4 1,4 TOTALI IMPIEGHI FINALE 127,9 72,5 123,7 72,3 CONSUMI E PERDITE NEL SETTORE ENERGETICO 6,5 3,7 5,7 3,4 TOTALE CONSUMI 134,4 76,2 129,4 75,7 Fonte: Unione Petrolifera su dati del Ministero dello Sviluppo Economico 6.8 ITALIA: CONSUMI DI ENERGIA (anno 2013) milioni di tep 2012 % 2013 % COMBUSTIBILI SOLIDI 16,6 9,4 14,6 8,5 GAS NATURALE 61,4 34,8 57,4 33,6 PETROLIO 62,2 35,3 59,0 34,5 ENERGIA ELETTRICA 9,5 5,4 9,2 5,4 FONTI RINNOVABILI 26,6 15,1 30,8 18,0 TOTALE 176,3 100,0 171,0 100,0 Fonte: Bp Statistical Review (uguale anno precendente)

47 Confronti EUROPA: ACCISE IN VIGORE (settembre 2014) NAZIONE BENZINA GASOLIO AUTO AUSTRIA 493,36 409,64 BELGIO 613,57 427,69 BULGARIA 363,02 329,79 CIPRO 489,70 460,70 CROAZIA 480,72 375,65 DANIMARCA 602,47 412,24 ESTONIA 422,77 392,92 FINLANDIA 623,70 462,80 FRANCIA 613,30 440,90 GERMANIA 654,50 470,40 GRECIA 683,36 342,87 IRLANDA 607,72 499,00 ITALIA 730,80 619,80 LETTONIA 423,20 346,03 LITUANIA 434,43 330,17 LUSSEMBURGO 462,09 335,00 MALTA 509,38 422,40 OLANDA 767,24 485,76 POLONIA 396,65 346,59 PORTOGALLO 585,95 369,41 REGNO UNITO 733,32 733,32 REP. CECA 462,91 394,76 ROMANIA 463,01 431,55 SLOVACCHIA 570,17 406,05 SLOVENIA 547,25 454,32 SPAGNA 465,00 370,98 SVEZIA 612,48 527,29 UNGHERIA 392,37 361,35 Fonte: Direzione generale Energia della Commissione Ue. Euro/1000 litri 6.10 EUROPA: LA RETE DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI (settembre 2014) NAZIONE PUNTI VENDITA % PUNTI VENDITA SELF SERVICE EROGATO MEDIO COMPLESSIVO BENZINA E GASOLIO (000/mc) AUSTRIA BELGIO N.D DANIMARCA FINLANDIA FRANCIA N.D GERMANIA N.D GRECIA IRLANDA N.D ITALIA LUSSEMBURGO OLANDA NORVEGIA POLONIA PORTOGALLO REGNO UNITO REP. CECA SPAGNA SVEZIA SVIZZERA UNGHERIA N.D. N.D. TURCHIA N.D Fonte: Dati raccolti da Unione Petrolifera presso le varie Associazioni Europee del settore o da altre fonti nazionali.

48 L evoluzione dei prezzi e delle imposte sui carburanti in rapporto all andamento delle quotazioni internazionali

49 Prezzi 7

50 50 Prezzi 7.1 PREZZI ALLA POMPA E IMPOSTE SULLA BENZINA NEI PAESI UE28 Incidenza della fiscalità sui prezzi della benzina (1 maggio 2014) Prezzi in Euro/litro NAZIONE PREZZO ALLA POMPA TASSE INCIDENZA FISCALE % AUSTRIA 1,368 0,721 52,7 BELGIO 1,624 0,895 55,1 BULGARIA 1,288 0,578 44,8 CIPRO 1,434 0,719 50,1 CROAZIA 1,435 0,769 53,6 DANIMARCA 1,667 0,935 56,1 ESTONIA 1,302 0,604 49,1 FINLANDIA 1,622 0,938 57,8 FRANCIA 1,528 0,868 56,8 GERMANIA 1,563 0,904 57,8 GRECIA 1,685 0,999 59,3 IRLANDA 1,529 0,894 58,5 ITALIA (*) 1,739 1,044 60,1 LETTONIA 1,326 0,664 50,1 LITUANIA 1,339 0,667 49,8 LUSSEMBURGO 1,339 0,637 47,6 MALTA 1,440 0,729 50,6 OLANDA 1,735 1,068 61,6 POLONIA 1,279 0,636 49,7 PORTOGALLO 1,581 0,882 55,8 REGNO UNITO 1,571 0,966 61,5 REP. CECA 1,316 0,696 52,9 ROMANIA 1,397 0,729 52,2 SLOVACCHIA 1,476 0,816 55,3 SLOVENIA 1,495 0,833 55,7 SPAGNA 1,428 0,713 49,9 SVEZIA 1,609 0,941 58,5 UNGHERIA 1,366 0,691 50,6 Fonte: Direzione generale Energia della Commissione Ue.

51 Prezzi PREZZI ALLA POMPA E IMPOSTE SUL GASOLIO AUTO NEI PAESI UE28 Incidenza della fiscalità sui prezzi del gasolio auto (1 maggio 2014) NAZIONE PREZZO ALLA POMPA TASSE Prezzi in Euro/litro INCIDENZA DELLA FISCALITA % AUSTRIA 1,313 0,628 47,9 BELGIO 1,414 0,673 47,6 BULGARIA 1,309 0,548 41,9 CIPRO 1,429 0,689 48,2 CROAZIA 1,333 0,643 48,2 DANIMARCA 1,458 0,703 48,2 ESTONIA 1,282 0,607 47,3 FINLANDIA 1,512 0,755 50,0 FRANCIA 1,312 0,660 50,3 GERMANIA 1,368 0,689 50,4 GRECIA 1,364 0,598 43,8 IRLANDA 1,472 0,774 52,6 ITALIA 1,634 0,914 56,0 LETTONIA 1,285 0,574 44,7 LITUANIA 1,298 0,555 42,8 LUSSEMBURGO 1,179 0,489 41,5 MALTA 1,360 0,630 46,3 OLANDA 1,425 0,733 51,4 POLONIA 1,266 0,583 46,1 PORTOGALLO 1,339 0,620 46,3 REGNO UNITO 1,655 0,980 59,2 REP. CECA 1,321 0,628 47,6 ROMANIA 1,407 0,699 49,7 SLOVACCHIA 1,330 0,628 47,2 SLOVENIA 1,378 0,711 51,6 SPAGNA 1,327 0,601 45,3 SVEZIA 1,552 0,844 54,4 UNGHERIA 1,380 0,662 48,0 Fonte: Direzione generale Energia della Commissione Ue.

52 I dati sulla distribuzione di metano e GPL

53 Carburanti alternativi 8

54 54 Carburanti alternativi 8.1 RETE DISTRIBUTIVA DI METANO E GPL IN ITALIA ( ) REGIONE IMPIANTI METANO IMPIANTI GPL Dati riferiti agli impianti in esercizio sulla rete stradale e autostradale. Fonte Metano: Unione Petrolifera su dati Federmetano Fonte GPL: Eco Motori *Fonte: Regione Piemonte Settore Programmazione del Settore Terziario Commerciale METANO GPL VALLE D'AOSTA 1 5 PIEMONTE LIGURIA 7 33 LOMBARDIA TRENTINO ALTO ADIGE FRIULI VENEZIA GIULIA 4 78 VENETO EMILIA ROMAGNA TOSCANA MARCHE UMBRIA LAZIO ABRUZZO MOLISE 3 31 CAMPANIA PUGLIA BASILICATA 9 44 CALABRIA SARDEGNA 0 77 SICILIA ITALIA

55 Carburanti alternativi EVOLUZIONE DELLA RETE DISTRIBUTIVA DEL METANO ( ) REGIONI VALLE D'AOSTA PIEMONTE * 71 LIGURIA LOMBARDIA TRENTINO ALTO ADIGE FRIULI VENEZIA GIULIA VENETO EMILIA ROMAGNA MARCHE TOSCANA UMBRIA LAZIO ABRUZZO MOLISE PUGLIA CAMPANIA BASILICATA CALABRIA SARDEGNA NON È SERVITA DALLA RETE DEL METANO SICILIA ITALIA Fonte: Unione Petrolifera su dati Federmetano. * 8.3 IMPIANTI GPL IN PIEMONTE ( ) PROVINCIA N IMPIANTI STRADALI CON GPL AUTOSTRADALI CON GPL ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VCO VERCELLI PIEMONTE

56 56 Carburanti alternativi 8.4 IMPIANTI DI DISTRIBUZIONE DEL METANO ( ) PROVINCIA DI ALESSANDRIA ACQUI TERME - Loc Sottargine Circonvallazione ALESSANDRIA - Lungo Tanaro Magenta CASALE MONFERRATO - S.S. 31, Km CASALE MONFERRATO - S.P. N. 457, Km CASALE MONFERRATO - C/O Ipercoop NOVI LIGURE - S.P. Cassano Spinola, Km OCCIMIANO - S.S. 31, Km POMARO MONFERRATO - S.P. Casale Valenza, Km TORTONA - S.S. 10, Km TORTONA - Strada Provinciale Villaromagnano, Km TORTONA - Via Postumia PROVINCIA DI ASTI ASTI - Corso Torino 475 CANELLI - Viale Italia 36 CASTELLO DI ANNONE - S.S. 10, Km VILLANOVA D ASTI - S.S.10, Km PROVINCIA DI BIELLA BIELLA - S.S. 230, Km BIELLA - Viale Daolio Augusto (nuovo impianto) PONDERANO - S.P. 402 del MaghettoPonderano, Km SANDIGLIANO - Via Gramsci Antonio 143 PROVINCIA DI CUNEO ALBA - Via Ognissanti 13 CARRU - S.P. 59 Strada per Clavesana 3 CHERASCO - Via Fondovalle 122 CUNEO - Loc.Madonna Olmo - S.S. 589 MONDOVI - S.S. 28, Km VILLAFALLETTO - Via Circonvallazione 18 PROVINCIA DI NOVARA BELLINZAGO NOVARESE - S.S. 32, Km GATTICO - S.P. 142, Km lato sx MOMO - S.S. 229, Km (nuovo impianto) NOVARA - Corso Milano 145 NOVARA - Via Pietro Generali 25 TRECATE - Via Romentino 68 COLLEGNO - Via Sacco e Vanzetti DRUENTO - Via Galileo Ferraris 2 FELETTO - S.S. 460, Km GRUGLIASCO - Strada del Gerbido 25 MONTALTO DORA - S.S. 26, Km ORBASSANO - CirconvallazioneTorino/Piossasco OZEGNA - S.P. Chivasso/Ozegna, Km PINEROLO - Corso Torino 171 POIRINO - S.S. 29, Km RIVALTA DI TORINO - Via Giaveno 134 RIVALTA DI TORINO - Via S. Luigi - S.P. N. 174, Km RIVOLI - Strada Fornas (nuovo impianto) ROBASSOMERO - Strada Provinciale Lanzo 61 SAN BENIGNO CANAVESE - S.P. 40, Km SETTIMO TORINESE - S.S.11, Km (nuovo impianto) TORINO - Via Gorini Paolo 30/b TORINO - Via Botticelli Sandro 71 TORINO - Strada del Drosso 101/a TORINO - Strada Courgnè 102 TORINO - Via Sansovino Andrea 44 TORINO - Via Cigna Francesco 18 VEROLENGO - S.R.11 Frazione Casabianca VIGONE - S.P. N. 139, Km VILLASTELLONE - Via Santena 2 PROVINCIA DI VERBANI - CUSIO - OSSOLA PIEDIMULERA - S.S. 549 Macugnaga VERBANIA - Strada Statale 34, Km PROVINCIA DI VERCELLI CRESCENTINO - S.S. 31 bis, Km SERRAVALLE SESIA - Corso XXV Aprile 8 AUTOSTRADALE ENI S.p.A. DIVISIONE REFINING & MARKETING - A4 Torino/ Milano/Settimo Torinese Sud ENI S.p.A. DIVISIONE REFINING & MARKETING - Nichelino Sud ENI S.p.A. DIVISIONE REFINING & MARKETING - Nichelino Nord PROVINCIA DI TORINO BORGARO TORINESE - S.P. N.11 del Villaretto, Km BORGONE SUSA - Via Moncenisio, Km 38 CALUSO - Via Piave 122 CARMAGNOLA - S.S. 20, Km CASTELLAMONTE - S.P. 222 di Castellamonte (nuovo impianto) CHIERI - S.P. Poirino/Chieri, Km CHIVASSO - Stradale Torino Km CIRIE - Corso Generale Carlo Alberto dalla Chiesa 75

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

I mercatini dell antiquariato in Piemonte

I mercatini dell antiquariato in Piemonte I mercatini dell antiquariato in Piemonte BIELLESE Mercatino dell antiquariato minore Biella (ultima domenica di marzo, giugno e settembre) Mercatino dell antiquariato Cossato (primo sabato del mese) CANAVESE

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria

Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria Potenzialità e benefici dall impiego dei Combustibili Solidi Secondari (CSS) nell industria A cura di NE Nomisma Energia Srl Responsabile di Ricerca: Davide Tabarelli (Presidente), Carlo Bevilacqua Ariosti

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30 LUGLIO 2013 NORME PER LA QUALIFICAZIONE E L'AMMODERNAMENTO DEL SISTEMA DISTRIBUTIVO DEI CARBURANTI IL CONSIGLIO REGIONALE

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30 LUGLIO 2013 NORME PER LA QUALIFICAZIONE E L'AMMODERNAMENTO DEL SISTEMA DISTRIBUTIVO DEI CARBURANTI IL CONSIGLIO REGIONALE LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 30 LUGLIO 2013 NORME PER LA QUALIFICAZIONE E L'AMMODERNAMENTO DEL SISTEMA DISTRIBUTIVO DEI CARBURANTI IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in

Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Epidemiologia delle infezioni da Trichinella negli animali e nell uomo in Europa ed in Italia e patologia nell'uomo Trichinella Trichinella spp. vermi cilindrici (nematodi) Edoardo Pozio Laboratorio di

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE

ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE ESENZIONE 048:LE PRINCIPALI CRITICITA PER LA SUA APPLICAZIONE Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema I CAS DELLE AZIENDE OSPEDALIERE DOTT. A. CAPALDI I.R.C.C.s Candiolo Regione

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico-

Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- Caratteristiche fisiche e modalità di gestione delle Tessere Sanitarie Carta nazionale dei servizi (TS-CNS) -documento tecnico- PREMESSA... 3 1. CARATTERISTICHE FISICHE DELLE TS-CNS... 3 1.1. Fronte TS-CNS

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia

La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia Območna zbornica za severno Primorsko E.I.N.E. La Green Economy e le fonti rinnovabili in Italia A CURA DI INFORMEST Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 - IL RUOLO DELLE FONTI RINNOVABILI: IL CONTESTO NAZIONALE

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione

per la partecipazione a Master di I e II livello Corsi universitari di perfezionamento Corsi universitari di specializzazione BANDO DI CONCORSO per l erogazione di borse di studio in favore dei figli e degli orfani dei dipendenti iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali (art.1,c.245 della legge 662/96)

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

Istruzioni per la compilazione

Istruzioni per la compilazione ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL RICORSO - RISOLUZIONE STRAGIUDIZIALE DELLE CONTROVERSIE RICORSO ALL ARBITRO BANCARIO FINANZIARIO Istruzioni per la compilazione ATTENZIONE:

Dettagli

Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230

Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230 Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230 Catalogo PDE2542TCIT-ca ATTENZIONE LA SCELTA OPPURE L UTILIZZO ERRATI DEI PRODOTTI E/O SISTEMI IVI DESCRITTI OPPURE DEGLI ARTICOLI CORRELATI POSSONO

Dettagli

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04.

BANCO DI SARDEGNA S.p.A. - FOGLIO INFORMATIVO (D. LGS. 385/93 ART. 116) Sezione 1.130.10 P.O.S. (POINT OF SALE) - AGGIORNAMENTO AL 23.04. P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCO DI SARDEGNA S.p.A. Società per Azioni con sede legale in Cagliari, viale Bonaria, 33 Sede Amministrativa, Domicilio Fiscale e Direzione Generale in

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504.

Esenzione dall IMU, prevista per i terreni agricoli, ai sensi dell articolo 7, comma 1, lettera h), del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 504. Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 284 del 6 dicembre 2014 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 20/03/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 20/03/2015 Circolare n. 63 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover

Imprese, Progettisti e Rivenditori. I servizi Isover Imprese, Progettisti e Rivenditori I servizi Isover 70 persone sul territorio per rispondere ad ogni esigenza specifica dei Clienti I servizi Isover per Imprese, Progettisti e Rivenditori Questa brochure

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA

SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA SETTORE ARIA E AGENTI FISICI U.O. Modellistica STIMA DEI CONSUMI DI LEGNA DA ARDERE PER RISCALDAMENTO ED USO DOMESTICO IN ITALIA Il presente studio è stato predisposto per l Agenzia Nazionale per la Protezione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI

RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI RAPPORTI ECONOMICI E COMMERCIALI TRA L ITALIA E I PAESI DEL NORD AFRICA MAROCCO TUNISIA ALGERIA LIBIA EGITTO L Italia, grazie anche alla prossimità geografica ed a storici rapporti politici e culturali,

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

P.O.S. (POINT OF SALE)

P.O.S. (POINT OF SALE) P.O.S. (POINT OF SALE) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena Telefono 059/2021111 (centralino)

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it

ISPRA - Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale Via Vitaliano Brancati, 48 00144 Roma www.isprambiente.gov.it Informazioni legali L istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA) e le persone che agiscono per conto dell Istituto non sono responsabili per l uso che può essere fatto delle informazioni

Dettagli

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE

IL MINISTRO DELL'AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE DECRETO 24 gennaio 2011, n. 20: Regolamento recante l'individuazione della misura delle sostanze assorbenti e neutralizzanti di cui devono dotarsi gli impianti destinati allo stoccaggio, ricarica, manutenzione,

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 74/ 24 febbraio 2014 GLI INDICI DEI PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI L Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione, con cadenza mensile, delle nuove serie degli indici dei prezzi

Dettagli