Neuroscienze in azione! come usare meglio il proprio cervello, in ogni circostanza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Neuroscienze in azione! come usare meglio il proprio cervello, in ogni circostanza"

Transcript

1 La prima rivista italiana dedicata alla formazione Anno 1 Numero 1 Aprile 2011 Neuroscienze in azione! come usare meglio il proprio cervello, in ogni circostanza Sei regole d oro per lanciare prodotti di successo La bussola che vi permetterà di mantenere sempre la giusta rotta! Trappole per investitori! Riconoscerle ed evitare di farsi male Ansia da public speaking? Si può vincere!

2

3 Editoriale Cari lettori, benvenuti al primo numero del nostro mensile interamente dedicato alla formazione innovativa! Proprio per restare in tema d innovazione, questo mese abbiamo dedicato la nostra cover story al tema delle neuroscienze in azione ; argomento più che mai attuale nelle organizzazioni, in cui diventa sempre più importante essere al passo ed avere la capacità non solo di essere aggiornati con le ultime scoperte scientifiche ma, soprattutto, di creare sulla base di esse, nuove abilità PRATICHE, spendibili nella vita quotidiana, professionale e personale. Nell articolo abbiamo illustrato, a grandi linee, in che modo le ultime neuroscoperte possano apportare vantaggi, quali applicazioni pratiche oggi siano state già collaudate, con l intento di fornire un reale valore aggiunto, immediatamente spendibile, per implementare i risultati e le performance. Vi invitiamo dunque a prendere il tempo necessario per iniziare il viaggio (non può che essere l inizio, il primo passo di un potenziale illimitato) nel futuro degli studi sul cervello, in modo da aggiungere conoscenze che arricchiscano la vostra cassetta per gli attrezzi. Upgrade your mind! Stefano Santori Sommario 01 Canale Formazione Magazine (rivista in corso di registrazione) è proprietà intellettuale (tutti i diritti riservati) di Wikicom Srl Via U. de Carolis, Roma P.I./C.F Si ringrazia il team, senza il quale questa rivista non sarebbe mai arrivata alla luce: Mario Bellisario, Patrizio Bonini, Giacomo Bruno, Amadeo Furlan, Raffaele Galasso, Eleonora Geria, Salvatore Gaziano, Federica Marucci, Stefano Santori, Irene Villa Santa Neuroscienze in azione! Come usare meglio il proprio cervello, in ogni circostanza di Stefano Santori Management Leader si diventa a cura di Irene Villa Santa Soldi e finanza Trappole per investitori! di Salvatore Gaziano Comunicazione Ansia da Public Speaking? di Raffaele Galasso La capacità negoziale di Amadeo Furlan marketing Sei regole d oro per il successo di nuovi prodotti a cura di Irene Villa Santa sviluppo personale PNL segreta di Giacomo Bruno La mappa non è il territorio di Federica Marucci Impresa Premiate le 32 aziende Top Employers 2011 di Eleonora Geria Guida alla lettura Fuoriclasse a cura di Eleonora Geria Eventi Calendario corsi

4 cover story NEUROSCIENZE IN AZIONE! come usare meglio il proprio cervello, in ogni circostanza autore: StefanoSANTORI Consulente e formatore aziendale e NLP trainer con licenza USA, autore di libri, audiocorsi e video corsi, CEO di Enoxi società di consulenza, specializzata nel settore del management e delle vendite (Marketing & Sales), fondatore di Canaleformazione Per rendersi conto della rivoluzione scientifica in atto da anni in tutti gli ambiti in cui si studiano le persone ed i loro comportamenti, è sufficiente guardare le copertine delle riviste di economia, marketing, scienza e psicologia degli ultimi due anni: con una frequenza sempre maggiore il protagonista è infatti il cervello umano, o meglio le ultime scoperte su di esso, condotte attraverso macchinari sempre più sofisticati e precisi, in grado di fare ciò che fino a pochi anni fa si riteneva fantascienza pura; ovvero visualizzare il cervello umano senza aprirne la scatola cranica. Naturalmente, non è poi cosi recente l attenzione verso l organo più complesso, meraviglioso e misterioso che abbiamo: ciò che è invece più nuovo è l approccio misto e pragmatico, che unisce le scoperte della neurologia e delle discipline ad essa collegate, con l obiettivo di comprendere meglio i comportamenti concreti, quotidiani degli esseri umani, dai bambini di 5 anni ai bambini più cresciuti, di 95 anni... e oltre. Ed è qui che sta avvenendo la principale rivoluzione: la possibilità di dare una vera sbirciatina nella stanza dei bottoni ha permesso agli scienziati di spiegare meglio i misteri di molti comportamenti individuali e sociali ed ha allo stesso tempo reso obsolete molte teorie astratte quasi mistiche e ben poco oggettive che traevano nutrimento più da intuizioni dubbie di psicologi, psicanalisti e psico-addetti-ai-lavori che da vere e proprie sperimentazioni scientifiche, condotte con strumenti di analisi oggettiva e quantitativa. La prima rivista italiana dedicata alla formazione 4

5 01 cover story Immaginate infatti, di poter monitorare tutte le aree del cervello di una persona, mentre la sottoponete a diversi stimoli, per coglierne ovviamente le reazioni nella stanza dei bottoni : potreste capire in quale area del cervello si registrano le maggiori attività in risposta allo stimolo, capendo così i perché del comportamento finale, che spesso vede la persona del tutto ignara di ciò che a livello più profondo è effettivamente accaduto. Se al vostro amico investitore per esempio, si dovesse accendere l area dell amigdala (preposta a funzioni di disgusto, paura, rifiuto, ecc.), in seguito alla vostra proposta di investire nei titoli da voi suggeriti, significherebbe che, aldilà di qualsiasi risposta verbale, la sua neuroassociazione emotiva allo stimolo sta generando più reazioni di tipo fuga che di tipo avvicinamento! Immaginate la stessa cosa nelle vendite! A chi non piacerebbe sapere cosa sta effettivamente accadendo nel cervello del potenziale cliente, mentre gli si parla del fantastico prodotto da vendergli??! Martin Lindstrom ed il suo neuromarketing, di cui vi parlerò meglio più avanti, hanno già dimostrato che questo desiderio è meno fantascientifico di quanto si possa immaginare! 5

6 cover story Quanti modelli di macchina fotografica per il cervello umano! Quali sono e quali sono state le principali metodologie (ed hardware) utilizzabili per ottenere immagini reali del cervello? Negli ultimi 20 anni la ricerca scientifica ha prodotto numerose tecniche, che hanno consentito di esplorare l organizzazione funzionale del cervello: di vedere cioè come le diverse strutture cerebrali possiedano un organizzazione funzionale e di capire come le vie ed i centri nervosi formino sistemi diversificati e preposti a specifiche funzioni. Tali tecniche dette di Brain Imaging consentono infatti di analizzare l attività celebrale in maniera totalmente o parzialmente non invasiva e possono essere perciò messe in azione mentre il soggetto sperimentale è sveglio. Tali strumenti rimandano infatti immagini dell attività celebrale di un soggetto, mentre esegue un compito cognitivo, motorio o immaginativo, rappresentandola attraverso falsi colori, su immagini reali della struttura celebrale. In questo modo, diventa possibile visualizzare le aree del cervello che vengono attivate durante uno specifico compito, permettendo dunque di fare delle inferenze sul loro presiedere ad attività e compiti specifici. In sostanza cioè, le tecniche di Brain Imaging consentono di vedere il funzionamento del cervello in azione, mentre pensa, ricorda o prova delle emozioni, perché rilevano le funzioni cerebrali in vivo, permettendoci così di osservare cosa accade nel cervello quando siamo impegnati in una qualche azione, o sottoposti a stimoli percettivi. Le tecniche di visualizzazione funzionale servono dunque ad investigare quali aree celebrali svolgano una determinata funzione, a conoscere la sequenza di attivazione delle aree coinvolte in un compito ed a rilevare l effetto su queste aree di eventuali patologie neurologiche e patologiche; eccovi un rapido excursus. Tomografia ad emissione di positroni (PET) La PET viene usata dagli anni 70 ed è una tecnica che permette di misurare l attività metabolica del cervello umano. La prima rivista italiana dedicata alla formazione 6

7 a chi non piacerebbe sapere cosa sta effettivamente accadendo nel cervello del potenziale cliente 01 cover story Questa tecnica ha buona risoluzione temporale e attraverso le immagini permette di rilevare sia i processi fisiologici che biochimici del metabolismo cerebrale. Ha costi molto elevati e anche se presenta significativi risultati in termini di precisione e di ricchezza di informazioni, non si può usare in larga scala, ma per ora solo nella ricerca scientifica avanzata. Oltre a ciò, risulta invasiva. Risonanza magnetica funzionale (fmri) La RMF (o fmri) non misura direttamente l attività celebrale, ma le risposte emodinamiche quali il volume sanguigno, il flusso sanguigno celebrale, l ossigenazione dei tessuti che accompagnano l aumento di attività neuronale. Le immagini cerebrali ottenute dalla risonanza magnetica funzionale riflettono infatti i cambiamenti dell ossigenazione del sangue, provocati da stimoli esterni (emoglobina ossigenata o ridotta). I vantaggi sono rappresentati dal fatto che è poco invasiva (soprattutto rispetto alla PET), che ha una buona risoluzione spaziale e che rende possibili gli studi su un singolo soggetto. Gli svantaggi derivano però dal fatto che: non misura direttamente l attività neuronale (ma il flusso ematico nella zona attiva), non ha un ottima risoluzione temporale, è sensibile a numerosi artefatti (per esempio dovuti a movimenti della testa), mostra tutte le aree che partecipano ad un compito e non solo quelle critiche o necessarie ed ha costi elevati. Tomografia computerizzata ad emissione di fotoni singoli (SPECT) Questa tecnica è una tomografia computerizzata, che ricostruisce l immagine tomografica in diversi piani: frontale, sagittale e trasversale; cioè simile ad una TAC. Grazie alla potente elaborazione delle immagini in 3D, si possono facilmente sottrarre alcune strutture, in modo da avere la sezione o l organo da studiare perfettamente isolati dal contesto, ottenendo anche un immagine roteabile su sé stessa, in modo da renderla perfettamente studiabile. Rispetto alla Tomografia ad emissione di positroni (PET), fornisce tuttavia immagini meno nitide. < 7

8 cover story Come giustamente criticato da molti, nemmeno le tecniche di Brain Imaging possono rispondere in modo esaustivo a tutte le domande che gli scienziati da anni si pongono, ma è di certo un passo fondamentale per mettere basi oggettive a supporto di qualsiasi teoria sul cervello e sulla mente. A proposito di mente, nell ultimo numero di Le Scienze, la cover story è proprio dedicata non solo alle scoperte neuroscientifiche più recenti, ma ad una in particolare, da cui si potrebbe iniziare a mappare il funzionamento dei cento trilioni di connessioni neuronali che in perfetta efficienza e all unisono ci danno il miracolo che chiamiamo mente. Per avere un idea della complessità del nostro cervello e delle sue connessioni, pensate a questo particolare: 302 neuroni uniti permettono ad un semplicissimo e quasi simpatico verme (il caenorhabditis elegans) di poter vantare un vero e proprio sistema nervoso, in grado di ricevere ed elaborare stimoli dall ambiente, di reagire, di inviare comandi al corpo e di prendere quelle che noi chiameremmo decisioni. Tutto ciò con le connessioni permesse da 302 neuroni. Cosa può fare allora un cervello che ha solamente 100 miliardi di neuroni? Le neuroscienze incontrano il marketing e l economia Di tutto ciò che i 100 miliardi di neuroni possono fare, discipline come il neuromarketing e la neuroeconomia studiano con maggiore se non esclusiva attenzione le attività connesse con i processi di acquisto di prodotti e servizi (dietro stimoli di marketing) e con il più ampio processo di decisione che ci porta, giorno dopo giorno, a stabilire cosa è meglio per noi, in presenza di scelte e di corrette informazioni (criterio che è alla base dell economia). Testo di approfondimento: Neuromarketing, di Martin Lindstrom, Apogeo Nel suo affascinante libro, Martin Lindstrom, ritenuto uno degli uomini più influenti nel marketing al mondo, spiega come, attraverso numerosi, complessi e completi esperimenti, sia riuscito, non solo a spiegare alcuni apparenti contraddizioni nel comportamento dei consumatori volontari, ma anche a stabilire le dinamiche di alcuni processi decisionali, il tutto con una precisione tale da poterne fare un uso predittivo! Cosa vuol dire questo? Semplice ed inquietante. Vuol dire, come accennato poc anzi, che studiando le reazioni delle varie aree del cervello di fronte a determinati stimoli di marketing, si è in grado di predire il comportamento La prima rivista italiana dedicata alla formazione 8

9 01 cover story concreto di un gruppo di consumatori potenziali! Vi ricorda un pò il mito della telepatia? Il sogno di poter leggere la mente dei vostri clienti per poter intuire cosa gli piacerà comprare e cosa non gli interesserà affatto? Avete ragione. È molto vicino a ciò, benché non gli si debba riconoscere un potere assoluto o un infallibilità accertata, visto che c è ancora moltissimo da fare in tal senso. Certamente però, il livello di accuratezza è ben più alto di quello offerto da batterie di domande (razionali e consapevoli) o dall analisi dei gusti e delle preferenze di un focus group: quello che razionalmente elaborano le persone infatti, non rappresenta necessariamente ciò che desiderano o desidereranno in concreto al momento della verità. è come se mentissero, ma in buona fede (sembra un ossimoro ma è un paradosso effettivo e scientificamente accettato col nome meno romantico di distonia tra like, desiderio, e want, volizione consapevole). Alla base di ogni decisione d acquisto c è sempre da considerare il fatto che, pur chiamandolo al singolare, il nostro cervello è di fatto il frutto della collaborazione tra differenti cervelli, che lavorano più o meno in squadra. Come già da me descritto nel libro Neuroeconomia in Azione edito da Bruno Editore (www.brunoeditore.it), per comprendere appieno, infatti, dobbiamo rimettere a fuoco la missione e la storia dei cervelli che compongono, dopo qualche migliaio di anni di evoluzione, ciò che noi semplicisticamente chiamiamo cervello, al singolare. Testo di riferimento: Neuroeconomia in Azione, di Stefano Santori, Bruno Editore Da qui infatti la prima inesattezza: dovremmo piuttosto parlare, a livello neurofisiologico, non di UN cervello solo, ma di ben tre cervelli, che integrandosi (con esiti a volte imprevedibili), permettono alla nostra mente complessiva di funzionare: il cervello recente (la corteccia), il cervello intermedio ed il cervello antico. Questi ultimi due si occupano di cose essenziali, come gestire fame, sete, desiderio, paura, rabbia; si danno da fare per associare emozioni a fatti, oggetti, eventi e persone; si focalizzano sul qui e ora e prendono decisioni vitali. Dall altro lato, invece, il cervello recente si occupa di coordinare, ma soprattutto di elaborare informazioni, di apprendere, di riconoscere oggetti, persone e forme, di imparare tanto le lingue quanto gli sport, di leggere le parole che sono scritte proprio qui, dando loro un significato sensato. 9

10 cover story Nel cervello sono presenti tre aree ben distinte: il cervello rettile, o antico, che influenza le decisioni in modo rilevante; il cervello intermedio, che svolge le funzioni emotive; il cervello recente, corticale, che svolge funzioni razionali. Testo di approfondimento: Neuroshopping, di G. Lugli, Apogeo I vantaggi dei nuovi approcci neuroscientifici I latini solevano dire cui prodest? A chi darà benefici tutto questo fluire di scoperte di tipo neuroscientifico? Quali sono e/o saranno i campi di effettiva applicazione in cui i modelli scientifici ed accademici s incontreranno o scontreranno con quelli meno romantici e puri, del marketing, delle vendite, della persuasione, della propaganda? Al momento l elenco è ancora breve (anche per amore di sintesi in realtà), ma sarà destinato ad aumentare: 1. Neuroshopping (si veda l ottimo testo Neuroshopping di G. Lugli, ed. Apogeo): una sua applicazione, sottostante al più ampio concetto di marketing, deriverà senz altro dal mettere a punto tutta una serie di strumenti pratici, in grado di rendere più seduttivo e neurosincronizzato il processo di offerta del prodotto, con i complessi meccanismi di acquisto insiti nella mente dei consumatori. Che si tratti di esporre in un certo modo nelle vetrine o di disporre la merce in un altro modo sugli scaffali dei supermercati, le applicazioni sono innumerevoli e lo scopo finale è sempre quello di migliorare il punto vendita (innalzando lo scontrino medio magari, come si dice in gergo ). 2. Neuromarketing: ne ho già dato cenni e naturalmente non è difficile intuire che fa la parte del Leone. Sapere cosa succede nella testa del consumatore è sempre stato il sogno di ogni uomo di marketing. Ora sembra essere in procinto di realizzarsi! 3. Neuroeconomia: come vi dicevo, in questo caso, le applicazioni saranno più ampie, ma meno verticalizzate. Non si tratta infatti di capire come l Italiano medio acquisti l auto, ma piuttosto di capire, ad un livello più alto, come il suo cervello elabori le informazioni per giungere poi alla decisione operativa: se acquistare o meno, con tutte le conclusioni del caso. 4. Neurovendita: più difficile in questo caso, ma più potente in quanto a personalizzazione delle tecniche, sarà l applicazione per i venditori. E sarà proprio questo il punto di forza, ma anche quello debole: in questo caso i venditori dovranno apprendere ad indossare nuovi modelli di pensiero commerciale, sapendo che il rapporto altamente personalizzato con ogni singolo cliente renderà difficile, se non impossibile, l applicazione di un metodo standard. Sarebbe la negazione della forza del modello stesso. 5. Neurodifesa personale: voglio chiudere proprio spezzando una lancia in favore dei destinatari della maggior parte La prima rivista italiana dedicata alla formazione 10

11 nel cervello sono presenti tre aree ben distinte 01 cover story delle applicazioni di cui sopra. Lo studio dei bug della mente e delle dinamiche interiori permetterà, a chi vorrà cimentarsi in questo viaggio, di capire meglio i propri meccanismi di funzionamento, creando dunque un più alto livello di difesa ed impermeabilità ai neuromessaggi, confezionati magari proprio per sfruttare, a vantaggio dell emittente, i bug di cui sopra! In poche parole ed in conclusione, possiamo affermare che quello di cui vi ho appena dato cenni NON rappresenta una vera parte di ciò che sta per succedere, ma ne simboleggia forse, metaforicamente solo il titolo d inizio. < 11

12 Management Leader si diventa Quali sono le caratteristiche a cura di: IreneVILLA SANTA Consulente aziendale, Coach, Progettista e Trainer in Outdoor, Assessor, Psicologa e Psicoterapeuta ANCORA OGGI C è chi crede che la Leadership sia una dote innata: se ce l hai sei un Leader naturale; se non ce l hai, sei uno dei tanti che non potranno mai diventarlo. Tutto questo non corrisponde a realtà. La Leadership si può sviluppare. Come? Attraverso tre step: 1. Imparando a conoscere le caratteristiche di un Leader. 2. Prendendo coscienza di quali di queste caratteristiche si posseggono già e di quali restano da migliorare. 3. Mettendo in pratica tali caratteristiche e allenandole finché non faranno parte del vostro modo di essere! Che cos è la Leadership? Prima di esplorare le componenti della Leadership facciamo un passo indietro e definiamola. La Leadership è quella caratteristica in base alla quale una persona possiede autorevolezza, qualcosa che le viene riconosciuta dagli altri per il suo comportamento. Molti invece pensano erroneamente che la Leadership corrisponda all autorità, cioè al grado che una persona occupa nell ambito lavorativo. Testo di riferimento: Leader si diventa, di Chiarissimo Colacci, Bruno Editore STEP 1 4 La leadership: quali caratteristiche la compongono? La Leadership è una competenza complessa, costituita da una serie di skills che se presenti tutte insieme permettono di essere un Leader di successo. Andiamo ad esplorarle una per una, fornendo anche delle brevi definizioni. La prima rivista italiana dedicata alla formazione 12

13 01 management 1. Senso di responsabilità Questa skill rappresenta la capacità del Leader di riconoscere la responsabilità delle azioni, proprie e dei propri collaboratori. In sostanza è quella capacità di sentirsi parte dell operato, senza che la colpa sia sempre e soltanto dei collaboratori che sbagliano o che il merito sia solo del capo, quando si tratta di un successo. 2. Capacità di entusiasmare Questa skill rappresenta la capacità del Leader di suscitare emozione negli altri. Possedere questa capacità vuol dire infatti, saper trasmettere entusiasmo nel comunicare gli obiettivi da raggiungere, permettendo agli altri di sentirsi in grado di dare un contributo essenziale nella squadra. Il messaggio che il Leader passa è che è lui il primo ad essere entusiasta, poiché crede nel progetto che vuole realizzare, crede nelle capacità della sua squadra e lo vede già realizzato, trasmettendo fiducia e dando la carica. Infatti, come dice Ralph Waldo Emerson senza l entusiasmo non si è mai compiuto niente di grande! 3. Capacità di fornire uno scopo comune alla squadra Questa skill rappresenta la capacità del Leader di fornire una meta da raggiungere. Essa darà infatti significato agli sforzi da mettere in campo e rappresenterà una guida chiara per tutte le attività lavorative, questo in modo che tutti possano avere lo stesso obiettivo. Lo scopo comune non viene però come si suol dire dal cielo : bisogna crearlo, tenendo presenti due elementi fondamentali da trasferire alla squadra: A. La mission: il traguardo al quale tutti insieme concorreranno. B. L immagine di come sarà il futuro della squadra: le caratteristiche che deve avere il team di lavoro per raggiungere il traguardo prefissato. 4. Convinzione nelle proprie idee Un idea è la più grande forza che una persona possa avere. È fondamentale dunque avere una fotografia chiara di quello che si intende realizzare, per fare ciò è utile concedersi del tempo per fermarsi a raccogliere le proprie idee, dando sfogo all immaginazione e stando attenti a non 13

14 Management farsi frenare da pensieri negativi. Una volta fatto questo, sarà più semplice visualizzare anche le azioni da mettere in campo per realizzare quello che si desidera. Un idea deve infatti comunicare voglia di fare e il Leader che ha piena padronanza delle proprie idee, trasferirà immediatamente negli altri lo stimolo all azione. Come dice infatti un anonimo saggio Quando ti muovi nella direzione dei tuoi obiettivi, niente ti può fermare. 5. Credibilità Un Leader è credibile quando dimostra di conoscere gli argomenti di cui parla. Questo significa che diventa fondamentale conoscere le aree in cui ci si sente impreparati per dedicare tempo alla propria formazione. Non a caso si dice che la morte della Leadership inizia quando si comincia a pensare di non avere più bisogno di imparare. 6. Capacità di ascoltare Per avere questa skill, è fondamentale tenere presente la differenza tra sentire e ascoltare. Ascoltare i propri collaboratori significa infatti qualcosa di più e cioè farli sentire liberi di esprimersi, essendo per loro un interlocutore attento a cogliere i diversi punti di vista. Sentirsi visti aiuterà i collaboratori a cercare di migliorare le proprie performance e aiuterà il Leader a conoscere sempre di più le attitudini ed il contributo da poter richiedere ad ognuna delle sue Risorse, anche quando sarà necessario stringere i denti per raggiungere il traguardo. 7. Capacità di responsabilizzare i collaboratori Responsabilizzare significa mettere le persone in condizione di poter utilizzare tutto il loro bagaglio di conoscenze, esperienze ed attitudini personali, nell agire o nel prendere decisioni finalizzate al raggiungimento dei risultati attesi. Spesso si ha paura della responsabilizzazione, perché la si confonde con una perdita di controllo, come se ciò significasse dare improvvisamente carta bianca ai propri collaboratori, in realtà la responsabilizzazione implica una maggiore proattività, per cui i collaboratori non aspettano un input del capo per mettersi in moto, ma sanno di dover agire in autonomia per trovare solu- La prima rivista italiana dedicata alla formazione 14

15 un Leader è credibile quando dimostra di conoscere gli argomenti di cui parla 01 management zioni da presentare al capo, contribuendo così in maniera più efficace ed efficiente al raggiungimento degli obiettivi prefissati. 8. Capacità di adeguare la propria Leadeship alla situazione Questa skill rappresenta la capacità del Leader di relazionarsi con le diverse persone in funzione delle loro caratteristiche. Si dice infatti che tutti possono dare il massimo, bisogna solo capire chi sono e andare loro incontro. A un neoassunto verranno così impartite direttive, al collaboratore competente, ma con scarsa motivazione, verrà fornito un aiuto che lo sostenga nel suo percorso, mentre al collaboratore esperto e capace verrà data maggiore delega nel suo agire. L obiettivo è quello di adeguare la Leadership man mano che le persone crescono: quando esse si dimostreranno competenti e in grado di essere autonome, lo stile diventerà delegante e il controllo sarà sempre più periodico. 9. Capacità di decidere Senza l azione l insuccesso è sicuro. È importante che il Leader individui il momento in cui le decisioni vanno prese, essendo in grado di scegliere tra le diverse alternative con ponderatezza, lucidità, tempestività e responsabilità, anche in condizioni di incertezza, complessità e carenza di informazioni. In questi momenti, come si dice spesso, il Leader è solo, davanti al bivio ed è fondamentale che egli sappia che spetta a lui scegliere la strada, in quell istante. 10. Capacità di creare una cultura aziendale in cui riconoscersi La cultura aziendale è fondamentale perché orienta il comportamento delle persone verso gli obiettivi attesi. Essa comprende: - gli artefatti: l ambiente fisico e sociale, la tecnologia impiegata, i processi, il linguaggio scritto e parlato e i comportamenti manifesti; - i valori dichiarati: sono convinzioni basilari ed esplicite su ciò che è preferibile ed auspicabile. Divengono credenze alle quali si fa riferimento in maniera automatica nell agire quotidiano; 15

16 Management STEP 2 4 STEP gli assunti taciti condivisi: sono convinzioni non dichiarate che però vengono inconsciamente recepite nell orientare il comportamento. È dunque fondamentale che il Leader conosca la cultura nella quale si muove, questo per monitorarne costantemente il senso di appartenenza dei propri collaboratori. QUALI SONO LE MIE SKILLS? Nel primo step abbiamo esplorato le skills che identificano un Leader, ora puoi procedere al passo successivo, quello in cui potrai fare un bilancio personale di quali skills già possiedi e di quali sono ancora da migliorare. Per aiutarti in questo percorso, ti forniamo una scheda di auto ed etero valutazione. Come funziona? Stampa diverse copie della scheda e compila una di esse con il punteggio (da 1 a 5) che senti di possedere per ogni skill. Distribuisci la stessa scheda ad altre persone e chiedi loro di fare la stessa cosa, in modo che inseriscano la percezione che hanno di te sulle stesse capacità. Dalla tua auto valutazione scaturirà un punteggio, che potrai confrontare con la media delle valutazioni che avrai raccolto dalle altre persone. In questo modo potrai vedere chiaramente i tuoi punti di forza e le aree sulle quali allenarti come Leader! 4 1. Senso di responsabilità [1-5] 4 2. Capacità di entusiasmare [1-5] 4 3. Capacità di fornire uno scopo comune alla squadra [1-5] 4 4. Convinzione nelle proprie idee [1-5] 4 5. Credibilità [1-5] 4 6. Capacità di ascoltare [1-5] 4 7. Capacità di responsabilizzare i collaboratori [1-5] 4 8. Capacità di adeguare la propria Leadership alla situazione [1-5] 4 9. Capacità di decidere [1-5] Capacità di creare una cultura aziendale in cui riconoscersi [1-5] L ALLENAMENTO Ora che conosci i tuoi punti di forza e le aree da sviluppare non ti resta che metterti in gioco e allenarti sul campo! < La prima rivista italiana dedicata alla formazione 16

17 ESCI DAI TUOI SCHEMI Scopri come con la PNL Videocorso completo di PNL (in 5 DVD) L Opera della PNL, PNL in Azione riesce nell impresa di portare direttamente sui vostri schermi le più moderne tecniche di Programmazione Neurolinguistica, allo Stato dell Arte, spiegate da Stefano Santori. L intera Opera si compone di 5 Volumi che, trattando argomenti specifici, possono essere acquistati e seguiti anche separatamente: 1. Gli strumenti di base della PNL; 2. Visivo, Uditivo o Cinestesico? Il Ricalco e la Guida; 3. La Magia del linguaggio; 4. La scoperta dei filtri mentali; 5. Il linguaggio del cambiamento. per informazioni:

18 Soldi e finanza Trappole per investitori! Riconoscerle ed evitare di farsi male autore: SalvatoreGaziano Direttore di OneMinuteClub.it, Giornalista professionista, autore di libri e direttore di MoneyReport.it, Direttore investimenti e amministratore di BorsaExpert.it Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi diceva Albert Einstein e questa considerazione dovrebbe far parte del bagaglio di ciascun investitore. Ripetere sempre gli stessi errori o cadere nelle stesse trappole può avere, infatti, conseguenze distruttive per il proprio patrimonio (oltre che per la propria serenità psicologica). Eliminare le trappole o pensare di non commettere errori sarebbe un illusione ma cercare di limitare i rischi, evitando le buche più grosse è qualcosa, tutto sommato, alla portata di tutti i risparmiatori disposti a usare un po di sano buon senso e qualche minima nozione di conoscenza dei mercati finanziari. Nel campo degli investimenti, poi, non è peraltro necessario avere sempre ragione o avere un tasso di successo del 100%. Persino chiudere in perdita oltre il 50% delle operazioni non significa attuare una strategia fallimentare, poiché l utile si misura nel tempo dalla differenza fra i guadagni e le perdite. Persino lo stesso Warren Buffett, colui che è considerato il più grande investitore di tutti i tempi, è incorso in operazioni sbagliate. Si pensi alla recente sua uscita dal capitale di Bank of America, un istituto in cui il saggio di Omaha era entrato come azionista 3 anni e mezzo fa, acquistando un corposo pacchetto. Dall esame dei dati dell ultimo trimestre del bilancio della Berkshire Hathaway è emerso che ne è uscito, liquidando tutte le azioni che quotano attualmente circa il 66% in meno di quando era entrato. La prima rivista italiana dedicata alla formazione 18

19 01 soldi e finanza Una perdita secca di circa 1500 milioni di dollari che non hanno impedito alla sua holding di generare profitti in questi anni, poiché Warren Buffett sa che non esistono operazioni solo vincenti. Fortunatamente per lui (e i suoi azionisti), questa partecipazione per quanto importante aveva, infatti, un peso tutto sommato limitato nel portafoglio investimenti e la perdita è stata compensata da altre operazioni vincenti. Perdere si può (e fa parte del gioco), l importante è non stra-perdere, limitando il rischio. Evitando di andarsi a cacciare in situazioni dove non si ha poi la possibilità di uscirne finanziariamente vivi Secondo Warren Buffett non è, infatti, avere un quoziente intellettivo sopra la media, che determina speciali abilità all investimento. Anzi. Quello che più conta secondo lui è il temperamento: Controllare le proprie emozioni, avere un pensiero indipendente e una profonda comprensione sia del comportamento umano che istituzionale è vitale per il successo degli investimenti a lungo termine. Ho visto un sacco di persone molto intelligenti cui sono mancate queste virtù. Vicende come quelle di Parmalat e Cirio certo ricordano a tutti gli investitori (nessuno escluso) che le trappole, quando si investe, sono sempre in agguato e cercare di limitare alcuni errori (evitarli non è sempre così facile) è altamente consigliabile per non vedere il proprio patrimonio nel tempo ridotto a un colabrodo. Conoscenza, attenzione ai dettagli e un sano senso di scetticismo sono una difesa tripla per combattere la frode negli investimenti. Quanto più si sono preparati, migliore sarà la possibilità di eludere una trappola che può lasciare in un buco finanziario per molti anni afferma Denise Voigt Crawford, presidente della North American Securities Administrators Association (Nasaa). Quali gli errori più importanti o le trappole da evitare? Abbiamo provato a farne un elenco (non certo esaustivo) valido per tutti gli investitori. Noi compresi naturalmente, perché nessuno è al di sopra di errori e trappole quando si parla di investimenti. Sono molti i fattori che determinano l abilità o meno di essere dei bravi investitori ma sicuramente la disciplina unita alla conoscenza sono fra i fattori chiave. Chi sa meno, paga di più per i servizi finanziari, dal mutuo al conto corrente e cade più facilmente vittima delle truffe non si stanca di ripetere Annamaria Lusardi, Professoressa di Economia al Dartmouth College e direttore del Financial Literacy Center. 19

20 Soldi e finanza 1. Investire senza strategia, seguendo soprattutto le mode è la trappola sempre in agguato e la più frequente. Al di fuori di ogni strategia si tendono ad assumere più rischi quando i mercati sono al rialzo e in prossimità dei massimi e viceversa a minimizzarli quando si è in prossimità dei minimi, facendosi condizionare dall istinto del gregge o da quanto viene amplificato dai giornali. Il risultato è far decollare le perdite. Sarebbe invece opportuno definire in anticipo quali sono le basi su cui fondare le proprie decisioni di acquisto e di vendita e farvi costante riferimento. E anche se si affida in gestione o sotto consulenza il proprio patrimonio occorrerebbe condividere con il vostro strategist i criteri alla base delle sue mosse. Fidarsi solo dei rendimenti passati non è una strategia, poiché le condizioni dei mercati cambiano continuamente e spesso drasticamente. E affidarsi al lungo periodo come strategia d investimento può rivelarsi un illusione a vedere l andamento dei mercati degli ultimi 10 anni. Un buon consulente d investimento può aiutarvi a individuare i pro e (soprattutto) i contro di ciascuna strategia e aiutarvi a scegliere quella più adatta al vostro profilo di rischio. 2. Darsi al trading esasperato Vi è una convinzione ancora diffusa che movimentare molto il portafoglio con un trading esasperato possa aiutare a realizzare maggiori profitti. Comprare e vendere continuamente significa invece con certezza avere solo maggiori costi d intermediazione e tutti gli studi sul campo dimostrano che solo una percentuale molto limitata di day trader nel tempo ne esce vincente. Oltre il 90% di coloro che fanno trading esasperato (più operazioni al giorno) finiscono con il perdere tutto il loro denaro. 3. Fidarsi delle voci e delle dritte è sempre sorprendente scoprire quante persone si fidino ancora delle dritte. Purtroppo le voci sono una variabile imprevedibile e molto insicura, anzi nella maggior parte dei casi si tratta di una trappola congegnata ad arte per incastrare i pesci piccoli. La prima rivista italiana dedicata alla formazione 20

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento

Ogni piccolo miglioramento è un grande miglioramento Nei rapporti con le persone che ami, nell essere genitore, nella comunicazione, nel lavoro, nel business e nella vendita devi avere comportamenti eccezionali, saperti distinguere e usare una comunicazione

Dettagli

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo.

Programmazione neurolinguistica. La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. Programmazione neurolinguistica La PNL non è un insieme di tecniche. È, piuttosto, lo studio e il modellamento delle strategie di successo. OBIETTIVI della PNL Obiettivi: - individuare nella struttura

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE

IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE IMPARA A GESTIRE UN TEAM VINCENTE di Claudio Belotti Self Help. Allenamenti mentali da leggere in 60 minuti Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-407-9 Introduzione... 5 COME TRASFORMARE UN GRUPPO

Dettagli

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente

LE PAROLE CHE PESANO. Hotel Remilia 20/05/2014. Ciclo Magramente LE PAROLE CHE PESANO Hotel Remilia 20/05/2014 Ciclo Magramente Pag. 01 IL LINGUAGGIO CHE PESA Hai mai pensato che il linguaggio che usi possa influenzare la tua autostima e il tuo peso? Rifletti un secondo:

Dettagli

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario

Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Le 5 regole per capire DAVVERO come guadagnare da un investimento finanziario Scopri come i grandi investitori hanno posto le basi per il loro successo. Tutto quello che devi assolutamente conoscere prima

Dettagli

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI

RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI RIACCENDI LA TUA PASSIONE PER LA FISIOTERAPIA IN 5 PASSI WWW.FISIOPROGRAM-INTENSIVE.COM Come accendere e coltivare la tua passione per la Fisioterapia: Nell articolo precedente FISIOTERAPISTI MOTIVATI

Dettagli

LE VENDITE COMPLESSE

LE VENDITE COMPLESSE LE VENDITE COMPLESSE 1 LE VENDITE COMPLESSE - PRINCIPI GENERALI Le vendite complesse differiscono da quelle semplici per molti importanti aspetti. Per avere successo è essenziale comprendere la psicologia

Dettagli

METTIAMO IN PRATICA CIO CHE IMMAGINIAMO IMMAGINIAMO IL MEGLIO PER NOI. (Stephen Covey)

METTIAMO IN PRATICA CIO CHE IMMAGINIAMO IMMAGINIAMO IL MEGLIO PER NOI. (Stephen Covey) METTIAMO IN PRATICA CIO CHE IMMAGINIAMO IMMAGINIAMO IL MEGLIO PER NOI (Stephen Covey) 1 Qualunque buon viaggio inizia con un analisi della situazione attuale (stato presente), economica, lavorativa, personale

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49

SOMMARIO. I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7. I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 SOMMARIO CAPITOLO 1 I vari tipi di bugie e i motivi per cui si mente 7 CAPITOLO 2 Il volto è la maschera rivelatrice 21 CAPITOLO 3 I gesti spontanei che tradiscono chi sta mentendo 49 CAPITOLO 4 Le parole

Dettagli

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale

Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Oggi si parla di Autostima Sviluppare l efficacia personale Firenze, 11 dicembre 2013 Nessuno può farvi sentire inferiore senza il vostro consenso. Eleanor Roosevelt Inversione di paradigma da persone

Dettagli

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook

Polo didattico per la formazione PNL e Coaching Divisione Ebook 1 Tra il dire e il fare PNL e Coaching 2 Titolo Tra il dire e il fare Editore PNL e Coaching edizioni Sito internet www.pnlecoaching.it ATTENZIONE: Tutti i diritti sono riservati a norma di legge. Nessuna

Dettagli

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti?

Cosa Vedrai, Udrai, Sentirai, Percepirai quando li avrai Raggiunti? - Fermati un Momento a Riflettere sulla Direzione in cui stai Procedendo e Chiediti se proprio in quella Vuoi Andare. Se la tua Risposta è Negativa, Ti Propongo di Cambiare. - Se Fossi Sicuro di non poter

Dettagli

La PNL nel settore assicurativo

La PNL nel settore assicurativo La PNL nel settore assicurativo I Principi della Programmazione Neuro Linguistica pagina 1 Cosa è la Programmazione Neuro Linguistica (PNL) La programmazione neuro linguistica è una metodologia formativa

Dettagli

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins

Crea la Mappa per la tua autorealizzazione. di Anthony Robbins di Anthony Robbins Ti sei mai accorto che nella vita esistono cose che, non appena diventano rilevanti per noi, iniziano ad apparirci sempre più spesso? Pensa, ad esempio, all ultima volta che hai desiderato

Dettagli

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti

10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi. Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti 10 Le Nuove Strategie Fondamentali per Crescere nel Mercato di oggi Report riservato a Manager, Imprenditori e Professionisti Nel 2013 hanno chiuso in Italia oltre 50.000 aziende, con un aumento di oltre

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE

INTERNAZIONALIZZAZIONE 1) 10 FEBBRAIO 2015 9:00 14:00 INTERNAZIONALIZZAZIONE Come aumentare il fatturato della Tua Azienda attraverso un approccio strategico ai mercati esteri Un metodo solido, strutturato, basato su una visione

Dettagli

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti

Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori. 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti Educare alle emozioni: il Ruolo dei genitori 21 Novembre 2014 Comune di Villa Guardia Dott.ssa Valerie Moretti In passato non era necessario che i padri e le madri favorissero lo sviluppo emotivo dei bimbi.

Dettagli

VINCENZO IAVAZZO FOREX TRADING SYSTEM

VINCENZO IAVAZZO FOREX TRADING SYSTEM VINCENZO IAVAZZO FOREX TRADING SYSTEM Come Realizzare un Sistema Automatico per Guadagnare Denaro in Borsa 2 Titolo FOREX TRADING SYSTEM Autore Vincenzo Iavazzo Editore Bruno Editore Sito internet www.brunoeditore.it

Dettagli

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE?

CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? CHE RENDIMENTI È POSSIBILE OTTENERE? Se metti in soldi in banca che tasso di interesse ti danno? Il 2% forse. Se compri obbligazioni quale rendimento ti puoi aspettare? Quelle buone e non troppo rischiose

Dettagli

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013

corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 corso comunicazione efficace 9 Dicembre 2013 AGENDA La comunicazione Le barriere e i rimedi OBIETTIVO DEL CORSO UNA PERSONA PIU EFFICACE NEL LAVORO E NELLA VITA PERCHE CONTROLLA MEGLIO LA PROPRIA COMUNICAZIONE

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE

COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE 11 November 2014 COME AGGIORNARE IL PROPRIO SISTEMA DI CREDENZE Articolo a cura di Nicola Doro - Responsabile Commerciale Ad Hoc Ti sei mai chiesto perché alcune persone falliscono in tutto quello che

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.

Judgment. Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement. Judgment Ogni giorno prendiamo migliaia di decisoni, dalle più banali alle più importanti. Ma quante di queste sono giuste? hoganjudgement.com 2014 Hogan Assessment Systems PERSONALITÀ E DECISIONI I problemi

Dettagli

Rendite da 32.400 al mese!

Rendite da 32.400 al mese! Giacomo Bruno Rendite da 32.400 al mese! NOTA: puoi ripubblicare gratis questo ebook sul tuo sito o blog, a patto di non modificare il testo, nè l'autore. Mandalo gratis ai tuoi amici. Puoi modificare

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13

INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 INDICE INTRODUZIONE 7 PREMESSE 13 PRIMA PARTE - La comunicazione tra uomini e donne Capitolo 1 - Pensiero lineare e pensiero intrecciato 19 Capitolo 2 - Messaggi diretti e segnali sottintesi 23 Capitolo

Dettagli

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM )

MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) MEMORIA EPISODICA (Estratti da recenti Newsletter RDI TM ) Ci sono almeno 18 studi che dimostrano che le persone con disturbi dello spettro autistico (ASD) presentano uno specifico deficit di memoria nella

Dettagli

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16

Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 Stefano Sirri, Psico-Pratika N 16 Offerte lavoro psicologi: consigli per trovare lavoro in psicologia Pag. 1 di 5 OFFERTE LAVORO PSICOLOGI: Consigli per trovare lavoro in psicologia Trovare lavoro come psicologi non è sempre semplice.

Dettagli

1 Chi siamo? Learning School è composto da professionisti con anni di esperienza dedicati alla risoluzione di problemi connessi con la gestione delle risorse umane in azienda 2 Chi siamo? Ognuno con le

Dettagli

TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni

TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni TRADING, EMOZIONI E DECISIONI Come migliorare la performance ed evitare gli errori più comuni Introduzione Parte 1 Antonio Lengua IL TRADING CONSAPEVOLE CAPITOLO 1 LA NASCITA DI UNA NUOVA PROFESSIONE 1.1

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Scuola per Coach Aziendale

Scuola per Coach Aziendale 1 Chi è il Coach Il Coach aiuta i propri clienti a costruire il futuro che desiderano, attivando le risorse necessarie affinché quel futuro diventi realtà. Coloro che richiedono il suo supporto, vengono

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE

L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE L ARTE DELLA CREAZIONE CONSAPEVOLE GUIDA PRATICA IN 5 PASSI Sabrina Quattrini www.seichicrei.it Attenzione! Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale.

Dettagli

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali

IL CERVELLO CREATIVO. Il cervello creativo. I due emisferi cerebrali IL CERVELLO CREATIVO Conoscere come funziona la nostra mente significa farne un uso migliore, sviluppare attività metacognitive Il nostro cervello è: visivo concreto legato alla motricità L intelligenza

Dettagli

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti

Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti Come aiutare i bambini DOPO LA PERDITA DI UNA PERSONA CARA Linee guida per gli insegnanti La perdita di una persona cara è un esperienza emotiva tra le più dolorose per gli esseri umani e diventa ancora

Dettagli

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO

IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO 1 IL CERVELLO QUESTO SCONOSCIUTO Nonostante il progresso della conoscenza e delle tecnologie sappiamo ancora molto poco sul funzionamento del nostro cervello e sulle sue possibilità tanto che, fra gli

Dettagli

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video)

TNT IV. Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) TNT IV Il Diavolo è meno brutto di come ce lo dipingono!!! (Guarda il video) Al fine di aiutare la comprensione delle principali tecniche di Joe, soprattutto quelle spiegate nelle appendici del libro che

Dettagli

Perché diventare un professionista in programmazione neuro linguistica

Perché diventare un professionista in programmazione neuro linguistica LA PNL VIENE INSEGNATA PER CONSENTIRE UNA MIGLIORE E PIÙ ECOLOGICA COMUNICAZIONE TRA INDIVIDUI E CON SE STESSI, PIUTTOSTO CHE COME UN ARMA DI VENDITA E PERSUASIONE Perché diventare un professionista in

Dettagli

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader.

LA TRADER'S TRICK. Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. LA TRADER'S TRICK Lo scopo della entrata Trader s Trick (TTE) è di permetterci di iniziare un trade prima dell entrata di altri trader. Siamo realistici. Il trading è un business in cui chi ha più conoscenza

Dettagli

! INTRODUZIONE ALLE DINAMICHE A SPIRALE

! INTRODUZIONE ALLE DINAMICHE A SPIRALE INTRODUZIONE ALLE DINAMICHE A SPIRALE di Claudio Belotti Una teoria straordinaria per capire meglio le persone e il mondo che ci circonda Copyright 2012 Good Mood ISBN 978-88-6277-674-5 Introduzione...

Dettagli

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva

Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva Una nuova dimensione della leadership: la leadership emotiva di Anna Maria Megna in Persone e lavoro. Rivista di cultura delle risorse umane, n. 511, anno XLV, n. 3, giugno 2009 La leadership emotiva fa

Dettagli

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso)

MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) MOTIVARE UN TEAM DISPENSA (dispensa Start Up - la presente dispensa rappresenta un estratto di quella abitualmente utilizzata nel corso) A CURA DI VINCENZO FANELLI 1 IL SIGNIFICATO DI LEADERSHIP La leadership

Dettagli

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande

Modulo 1. La Mia Storia/ Le Mie Domande Modulo 1 La Mia Storia/ Le Mie Domande FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di stimolare gli studenti a ricostruire la propria storia formativa, individuandone gli aspetti più salienti e a riflettere

Dettagli

COMUNICARE A COLORI: IN PUBBLICO E IN AZIENDA. Milano 10 e 11 dicembre 2009 USARE LA VOCE PER CREARE CLIMA, RAFFORZARE IL TEAM, FIDELIZZARE

COMUNICARE A COLORI: IN PUBBLICO E IN AZIENDA. Milano 10 e 11 dicembre 2009 USARE LA VOCE PER CREARE CLIMA, RAFFORZARE IL TEAM, FIDELIZZARE USARE LA VOCE PER CREARE CLIMA, RAFFORZARE IL TEAM, FIDELIZZARE I CLIENTI E PARLARE IN PUBBLICO CON IL METODO FOURVOICECOLORS Milano 10 e 11 dicembre 2009 Rev. 04 2009 Focus La nostra Mission è: Generare

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it

COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it COMUNICAZIONE EFFICACE NEL BUSINESS (Power Business Communication) DR. CRISTIAN BISCUOLA PER PAROLESCELTE.IT info@parolesclete.it 1 «La necessità di sviluppare una capacità comunicativa più efficace è

Dettagli

PSICOLOGIA DEL DENARO

PSICOLOGIA DEL DENARO PSICOLOGIA DEL DENARO PREMESSA Chiunque vede con chiarezza l importanza che il denaro ricopre nella vita di ognuno, ma pochi si rendono conto che diventare ricchi è possibile e spesso per farlo è sufficiente

Dettagli

Team Coaching. Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze. Lapo Baglini - Stefania Ciani

Team Coaching. Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze. Lapo Baglini - Stefania Ciani Introduzione al Coaching e alla Comunicazione efficace per migliorare il lavoro in team Firenze, 6 novembre 2012 Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Firenze Lapo Baglini - Stefania Ciani

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica.

Professionalità, metodo ed esperienza sono alla base della loro preparazione specifica. Premessa Giuseppe Nappi e Vittorio del Re sono tra i massimi esponenti Italiani nel panorama della consulenza alle reti sia dirette che Franchising. Negli ultimi dieci anni hanno sviluppato molte catene

Dettagli

Consulenza e Formazione 2012

Consulenza e Formazione 2012 Consulenza e Formazione 2012 Settore: Hair Beauty - Wellness One day Seminar LA COMUNICAZIONE VERBALE, PARAVERBALE, NON VERBALE (T/C) Il buon comunicatore è quello che ottiene dalla propria comunicazione

Dettagli

Acquisire una metodologia strutturata ed efficace nello sviluppo della capacità comunicativa e commerciale nel ruolo di consulente commerciale

Acquisire una metodologia strutturata ed efficace nello sviluppo della capacità comunicativa e commerciale nel ruolo di consulente commerciale La gestione creativa dei conflitti L ARTE STRATEGICA DI GESTIRE I CONFLITTI (L autodifesa conversazionale) Potenziare la capacità di gestione delle dinamiche conflittuali e di trarre occasioni di crescita

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace

Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace Benvenuti al percorso di Comunicazione e Vendita efficace La comunicazione carismatica CARISMATICI SI NASCE O SI DIVENTA? Cos è il Carisma? IMPRESSIONE SPECIFICA E PERSONALE CHE LASCIAMO ALLE PERSONE CHE

Dettagli

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero?

«Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? «Sono delle teste dure!» ma è proprio vero? Consigli per motivare al comportamento sicuro sul lavoro Forse vi è già capitato di trovarvi nei panni di questo allenatore di hockey e di pensare che i vostri

Dettagli

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO

CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO CAPITOLO CINQUE MANTENERE UNO STILE DI VITA SANO Sommario Questo capitolo l aiuterà a pensare al suo futuro. Ora che è maggiormente consapevole dei suoi comportamenti di gioco e dell impatto che l azzardo

Dettagli

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA

L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA L EMPATIA E LA RELAZIONE EMPATICA (a cura di Sandra Camuffo) MODULO I: COACHING ESSENTIALS Roma, 7-8 Marzo, 5 Aprile 2014 DEFINIRE L EMPATIA Le definizioni dell empatia coniate dagli studiosi e dai ricercatori

Dettagli

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE

Operazione W.O.M.E.N. Rif. PA 2011-1326/RE Progetto 1: Gestire il tempo Durata complessiva: 28 di cui 16 di aula (4 incontri da 4 ore), 6 di e-learning e 6 di project work Numero partecipanti previsto: 14 Quota iscrizione 30 Modulo 1 La gestione

Dettagli

Trading con il Prezzo di Chiusura

Trading con il Prezzo di Chiusura Trading con il Prezzo di Chiusura Come guadagnare con il Prezzo di chiusura di ogni Time Frame su Titoli, Indici, Valute e Commodities 2 Titolo Trading con il Prezzo di Chiusura Autore www.proiezionidiborsa.com

Dettagli

Experiential Training Activity

Experiential Training Activity Experiential Training Activity L EXPERIENTIAL TRAINING ACTIVITY È un modo di fare formazione che va da semplici tecniche all'aperto fino a progetti molto complessi. L Experiential Training Activity è una

Dettagli

Il manuale è concentrato su questi articoli:

Il manuale è concentrato su questi articoli: Questo manuale è stato creato per aiutare i team leader e gli assistenti nel loro lavoro, dandoli una dritta specifica su alcuni dei loro doveri principali nel dirigere i propri gruppi di lavoro. La dirigenza

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

PUOI AVERE TUTTI I DATI E LE CIFRE, TUTTE LE PROVE, TUTTI GLI APPOGGI CHE VUOI, MA SE NON PADRONEGGI LA FIDUCIA NON ANDRAI DA NESSUNA PARTE.

PUOI AVERE TUTTI I DATI E LE CIFRE, TUTTE LE PROVE, TUTTI GLI APPOGGI CHE VUOI, MA SE NON PADRONEGGI LA FIDUCIA NON ANDRAI DA NESSUNA PARTE. FIDUCIA IN AZIONE Se tratti un uomo quale egli è, rimarrà così com è. Ma se lo tratti come se fosse quello che potrebbe essere, egli diverrà ciò che potrebbe essere. J. W. Goethe PUOI AVERE TUTTI I DATI

Dettagli

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani

Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman. Recensione a cura di Anna Lisa Pani Lavorare con intelligenza emotiva. Come inventare un nuovo rapporto con il lavoro di Daniel Goleman Recensione a cura di Anna Lisa Pani Daniel Goleman, ha sviluppato il lavoro avviato nel libro Intelligenza

Dettagli

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento

Chi Siamo motivazione partecipazione attiva prove esperienziali verificando l apprendimento Chi Siamo ADM Advanced Development of Mind svolge la sua attività nell ambito del Miglioramento Personale, della Formazione Aziendale, della Consulenza e del Coaching. Fondata nel 1997 da Andrea Di Martino,

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE

DANTON INVESTMENT SA. Equilibrium. Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE Equilibrium Il futuro non si prevede SI COSTRUISCE 2 Gestioni Patrimoniali Computerizzate Grazie ai notevoli investimenti realizzati negli anni, la DANTON INVESTMENT SA può oggi vantare di possedere uno

Dettagli

Formazione Manageriale e Comportamentale

Formazione Manageriale e Comportamentale Formazione Manageriale e Comportamentale La proposta formativa IAMA Consulting si suddivide in differenti aree: Formazione Manageriale e Comportamentale 1 Formazione Manageriale e Comportamentale IAMA

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

SOMMARIO. Parte prima INTRODUZIONE AL TRADING

SOMMARIO. Parte prima INTRODUZIONE AL TRADING SOMMARIO Parte prima INTRODUZIONE AL TRADING 1. LA SCOPERTA DEL TRADING Lo scopo di questo libro...13 Nuovi mondi e nuovi orizzonti...15 Tecniche di trading a breve termine...18 Tipi di trading...19 Perché

Dettagli

Di cosa di occuperemo?

Di cosa di occuperemo? Un contributo per interpretare e gestire i flussi di comunicazione nel processo di ispezione Di cosa di occuperemo? aspetti di comunicazione e relazionali nelle visite ispettive e nel processo di certificazione

Dettagli

Grafico del livello di attività per 90 giorni

Grafico del livello di attività per 90 giorni Grafico del livello di attività per giorni "Gli agenti immobiliari di Successo fanno quello che gli agenti immobiliari normali non amano fare." Salvatore Coddetta. Il lavoro di agente immobiliare è quello

Dettagli

il tuo sviluppo concreto

il tuo sviluppo concreto BROCHURE 2015 Navigare necesse est, vivere non necesse il tuo sviluppo concreto 01 Coerenza: Siamo prima di tutto imprenditori che applicano le tecniche che forniamo 02 Responsabilità: ci sentiamo e comportiamo

Dettagli

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009

COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 COMPETENZE DI BASE ICF Aggiornamento 2009 Le 11 competenze di base del coaching sono state sviluppate per permettere una migliore comprensione delle competenze e degli approcci utilizzati nell ambito della

Dettagli

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza

La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza La Scuola di Formazione del Gruppo Galgano è attiva dal 1962 con formatori di notevole esperienza Percorso per Responsabili di Unità Organizzative. Da capo a leader: imparare a valorizzare e sviluppare

Dettagli

Avete mai sentito parlare della corsa del topo?

Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete mai sentito parlare della corsa del topo? Avete presente il criceto che corre nella ruota fino allo sfinimento tutti i giorni? Beh, forse non ne avete piena consapevolezza ma anche voi, anche noi

Dettagli

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza

VOLARE E PERICOLOSO? LA RISPOSTA E DENTRO NOI STESSI. volare diventa MOLTO PERICOLOSO se si riducono i margini di sicurezza VOLARE E PERICOLOSO? È certamente una domanda legittima, che molti piloti, più o meno consciamente, presto o tardi si pongono. Sorprendentemente, la risposta è a portata di mano: LA RISPOSTA E DENTRO NOI

Dettagli

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL

Dr. Siria Rizzi 2013 - NLP Trainer ABNLP DEFINIZIONE DI PNL DEFINIZIONE DI PNL Programmazione: Neuro: L abilità di scoprire e utilizzare i programmi che facciamo funzionare (la comunicazione con noi e con gli altri) nel nostro sistema neurologico per ottenere obiettivi

Dettagli

Modulo 3. Stili a confronto

Modulo 3. Stili a confronto Modulo 3 Stili a confronto FINALITÀ Il ciclo di attività si propone di incrementare nei ragazzi la conoscenza di sé attraverso l auto-consapevolezza dei propri stili di apprendimento e di lavoro, e di

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli

ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli ESSERE PERSONA, ESSERE GENITORE Il meraviglioso viaggio dell'educare i propri figli Ci sono due cose durature che possiamo lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali - W. Hodding Carter II

Dettagli

Corso di Public Speaking

Corso di Public Speaking Corso di Public Speaking IL CORSO Parlare in Pubblico rappresenta una delle paure più diffuse per quelle persone che, operando in ruoli a contatto con gruppi o grandi masse, pensano di non essere all altezza

Dettagli

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software.

Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. PREFAZIONE Ormai sono passati quasi 20 anni da quando, terminate le scuole superiori, ho fondato la prima società di software. Ho costituito, oltre 29 aziende in Italia e all estero, ed ormai ho una certa

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE

ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE ECCO PERCHÈ LA PACE INIZIA PROPRIO DA TE - di Deepak Chopra Sette esercizi spirituali per portare la pace all interno delle tua vita e nel mondo che ti circonda. L approccio alla trasformazione personale

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE

LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE LA COMUNICAZIONE INTERPERSONALE Dr.ssa Paola Ferreli Psicoterapeuta paolaferreli@yahoo.it adolescentiog@gmail.it SECONDA GIORNATA prima parte ALLENAMENTO EMOTIVO Premessa Un po di storia Differenza fra

Dettagli

I WORKSHOPS PER APPRENDERLA

I WORKSHOPS PER APPRENDERLA LA NUOVA FRONTIERA DELLA VENDITA DEI PRODOTTI BANCARI E ASSICURATIVI I WORKSHOPS PER APPRENDERLA WORKSHOP CRUCIALITY APPROACH (UNA GIORNATA) WORKSHOP SOLVENCY MANAGEMENT della FAMIGLIA (UNA GIORNATA) WORKSHOP

Dettagli

Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa.

Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa. 1. Il confine tra dilettanti e professionisti Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa. Le ricerche di mercato,

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO

ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO ANALISI DATI DEL QUESTIONARIO 1- Presso il Servizio in cui operi e previsto un progetto analogo? La maggior parte dei partecipanti ha risposto in maniera negativa. Al momento, solo presso il nostro Servizio

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni?

Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Sei padrone della tua vita? Hai realizzato i tuoi sogni? Qualunque sia la tua risposta, Voglio una vita straordinaria è la strada giusta per trovare nuove energie e urlare: Voglio essere io il regista

Dettagli

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE

ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE ELENCO DEI CORSI LA COMUNICAZIONE ASSERTIVA O PERSUASIVA: COME SVILUPPARE LA CAPACITÀ DI TRATTARE CON LE PERSONE Avviamento, sviluppo e potenziamento della competenza comunicativa, la chiave di volta del

Dettagli

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA

ALFIO BARDOLLA E-BOOK. i 7 ERRORI. che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA E-BOOK i 7 ERRORI che commetti nella gestione del denaro ALFIO BARDOLLA INDICE 2 Se non sei ricco è perché nessuno te l ha ancora insegnato. C Libertà Finanziaria: non dover più lavorare per vivere perché

Dettagli