Il nucleare per l economia, l ambiente e lo sviluppo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il nucleare per l economia, l ambiente e lo sviluppo"

Transcript

1 Il nucleare per l economia, l ambiente e lo sviluppo

2

3 Il nucleare per l economia, l ambiente e lo sviluppo

4 Ringraziamenti La presente Ricerca è stata realizzata da The European House-Ambrosetti per Enel ed EDF. La Ricerca si è avvalsa di un Comitato Guida composto da: Fatih Birol, Capo Economista, Agenzia Internazionale per l Energia Gianluca Comin, Direttore Relazioni Esterne, Enel Bruno D Onghia, EDF, Responsabile per l Italia Sergio Garribba, Consigliere per le Politiche dell Energia, Ministero dello Sviluppo Economico Maurizio Lupi, Vicepresidente, Camera dei Deputati Carlo Rossella, Presidente, Medusa Film Nicola Rossi, Professore Ordinario di Economia Politica, Università di Roma Tor Vergata Umberto Veronesi, Direttore Scientifico, Istituto Europeo di Oncologia Gruppo di lavoro The European House- Ambrosetti: Paolo Borzatta, Senior Partner Lorenzo Tavazzi, Capo Progetto Gabriele Bolzoni, Coordinatore del Progetto Elena Antiga Mattia Beda Sara Lelli Pio Parma Carlotta Pizzi Hanno collaborato allo sviluppo delle analisi: Emanuele Borgonovo, Direttore, Centro di Ricerca ELEUSI 1 -Università Bocconi Andrea Caretta, Coordinatore, Osservatorio Pavia Media Research Arturo Lorenzoni, IEFE-Bocconi2, Professore di Economia Applicata-Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Università degli Studi di Padova Mauro Mancini, Professore di Project Management-Dipartimento Ingegneria Gestionale, Politecnico di Milano Antonio Nizzoli, Direttore, Osservatorio Pavia Media Research Vittorio Emanuele Parsi, Professore di Relazioni Internazionali, Università Cattolica del Sacro Cuore Clara Poletti, Direttore Centro di Ricerca IEFE-Università Bocconi Marco Ricotti, Professore di Reattori Nucleari, Politecnico di Milano Lanfranco Senn, Direttore Centro di Ricerca CERTeT 3 -Università Bocconi, Professore di Economia Regionale e Urbana, Università Bocconi Angela Airoldi, CERTeT-Università Bocconi; Fabio Disconzi, Università degli Studi di Padova; Ignacio Fernando Lara, Università Cattolica del Sacro Cuore; Alessandro Galli, Politecnico di Milano; Giorgio Locatelli, Politecnico di Milano; Andrea Martignano, CERTeT-Università Bocconi; Paolo Montenegro, Osservatorio Pavia Media Research; Dario Musolino, CERTeT-Università Bocconi; Paolo Nardi, CERTeT-Università Bocconi; Elisa Pezzutti, Osservatorio Pavia Media Research; Matteo Preda, Osservatorio Pavia Media Research; Enrico Quaini, CERTeT-Università Bocconi; Fabio Tonoli, Centro di Ricerca ELEUSI-Università Bocconi. 1 Centro per l elaborazione logica e l utilizzazione sistematica dell informazione. 2 Centro per le ricerche economiche e le politiche sull energia e l ambiente. 3 Centro di economia regionale, dei trasporti e del turismo.

5 Si ringraziano per i contributi e i suggerimenti: Angelo Bonelli (Presidente, Federazione dei Verdi), Guido Bortoni (Capo Dipartimento Energia, Ministero Sviluppo Economico), Lester R. Brown (Presidente, Earth Policy Institute); Stefano Ciafani (Responsabile Scientifico, Legambiente), Vittorio Cogliati Dezza (Presidente, Legambiente); Giuseppe Colella (Responsabile Settore Energia, Federconsumatori), Agostino Conte (Direttore Relazioni Internazionali e Istituzionali, Duferco Italia); Ferruccio De Bortoli (Direttore, Corriere della Sera); Piero De Simone (Direttore Generale, Confindustria Energia), Pasquale De Vita (Presidente, Confindustria Energia); Francesco Ferrante (Responsabile Politiche Cambiamenti Climatici ed Energia e Senatore Partito Democratico), Sergio Ferraris (Giornalista, Quale Energia); Francesco Gullì (Docente Economia Applicata- Dipartimento Analisi Istituzionale e Management Pubblico, Università Bocconi), Roberto Gulli (Dirigente Servizio Rischi Industriali, Energetico, Nucleare e dei Trasporti, Protezione Civile Nazionale); Paolo Landi (Segretario Generale con delega sull energia, ADICONSUM); Giovanni Lelli (Direttore, ENEA); Mauro Libè (Segretario Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici e Deputato Unione di Centro); Jim Mahaffey (Scienziato e scrittore); Emma Marcegaglia (Presidente, Confindustria); Renato Raffaele Martino (Cardinale e Presidente Emerito Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace); Lamberto Matteocci (Responsabile Servizio Controllo Attività Nucleari, ISPRA-Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale); Roberto Mezzanotte (già Direttore Dipartimento Nucleare, Rischio Tecnologico e Industriale, ISPRA-Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale); Ivan Novelli (Presidente, Greenpeace Italia); Giuseppe Onufrio (Direttore Esecutivo, Greenpeace Italia); Bruno Panella (Direttore Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino); Adriano Piglia (Direttore, Centro Studi SAFE); Roberto Potì (Direzione Internazionale e Progetti Speciali, EDISON); Gianni Riotta (Direttore; Il Sole 24 Ore); Paolo Salvini (Direttore, Civiltà Cattolica); Francis Sorin (Direttore Comunicazione, SFEN- Società Francese di Energia Nucleare); Chicco Testa (Managing Director, Rotschild); Federico Testa (Deputato, Partito Democratico); Marco Tarquinio (Direttore, Avvenire); Francesco Tedesco (Consulente ed esperto di fonti Rinnovabili, Greenpeace); Rosario Trefiletti (Presidente, Federconsumatori); Giuseppe Zampini (Amministratore Delegato, Ansaldo Energia). I contenuti del presente rapporto di Ricerca sono di esclusiva responsabilità di The European House-Ambrosetti e possono non coincidere con le opinioni e i punti di vista delle persone intervistate. Enel, EDF e The European House-Ambrosetti

6 Indice La ricerca in sintesi La ricerca in 10 punti... 7 Executive Summary...12 PARTE PRIMA Perché all Italia serve il nucleare Introduzione...35 Capitolo 1 La sostenibilità della generazione elettrica nel futuro in Italia Come abbiamo studiato possibili alternative per la generazione elettrica al Gli scenari energetici al 2030 e le ipotesi assunte I benefici per il Paese derivanti dallo scenario di integrazione nucleare...44 Capitolo 2 Perché il nucleare è una fonte sicura La sicurezza nelle centrali nucleari: una visione d insieme Le centrali nucleari e gli impianti per la salute umana Le centrali nucleari e gli impatti sull ambiente Le centrali nucleari e il decommissioning Le centrali nucleari e i rifiuti radioattivi Le centrali nucleari e la sicurezza da calamità naturali Le centrali nucleari e la sicurezza da rischio terroristico...74 Capitolo 3 I benefici del nucleare per l industria italiana La filiera del nucleare e le opportunità per l Italia: una visione d insieme Le opportunità per l industria italiana in fase di costruzione Le opportunità per l industria italiana in fase di esercizio Le opportunità per l industria italiana in fase di decommissioning Le opportunità per le imprese italiane nel mercato nucleare mondiale...91 Capitolo 4 I benefici del nucleare per la competitività dell Italia L impatto del nucleare sulla competitività del Paese: le dimensioni in gioco L impatto del nucleare sull economia italiana Gli altri effetti del ritorno al nucleare sulla competitività Capitolo 5 I benefici del nucleare per il posizionamento geopolitico dell Italia Il mondo che cambia: le principali linee di tendenza al L energia (anche nucleare) come leva strategica geopolitica L Italia nel nuovo scenario globale: come assicurare il peso geopolitico Cinque possibili benefici geopolitici per l Italia nucleare

7 PARTE SECONDA Come si discute di nucleare in Italia Introduzione Capitolo 1 La comunicazione sul nucleare in Italia: un tema controverso Il nucleare in televisione: poco tempo, pochi temi e tante opinioni Il nucleare nella stampa: un informazione limitata, ma bilanciata Capitolo 2 Comunicare il nucleare in Italia (e in Europa) Comunicare il nucleare in Italia Comunicare il nucleare: i casi di riferimento in Europa PARTE TERZA Cos è (realmente) il nucleare Introduzione Capitolo 1 La tecnologia nucleare e le nuove frontiere della ricerca Come funzionano e come si stanno evolvendo le centrali nucleari Lo stoccaggio dei rifiuti: realtà e prospettive Il decommissioning: una realtà sperimentata Il combustibile Capitolo 2 Il ritorno al nucleare nel mondo La generazione elettrica da fonte nucleare oggi e domani I principali piani di sviluppo nucleare extraeuropei Le prospettive per lo sviluppo del settore nucleare in Europa Capitolo 3 Il nucleare in Italia: ieri e oggi Il nucleare in Italia prima di Chernobyl: gli anni d oro Il referendum del 1987: il disimpegno italiano dal nucleare La rinascita del nucleare in Italia Databook Bibliografia e webgrafia

8

9 7 La ricerca in 10 punti MESSAGGI CHIAVE DElla ricerca 1. L energia è la sfida chiave per il prossimo futuro e un fattore di competizione globale e trasversale alle alleanze tradizionali. 2. Il nucleare è una fonte integrativa per garantire sicurezza ambientale e energetica: sempre più Paesi la stanno scegliendo. 3. L Italia deve fronteggiare problemi di sostenibilità energetica; in particolare, il mix elettrico presenta peculiarità negative che lo penalizzano. 4. Nei consumi elettrici del Paese, il mix con il nucleare genera minori emissioni di CO 2 ed è anche meno costoso rispetto agli altri mix possibili. 5. Il nucleare è una tecnologia sicura: con le norme e gli standard attuali, incidenti come quello avvenuto a Chernobyl non possono più ripetersi. 6. Il ritorno al nucleare dell Italia può avere importanti ricadute economiche e occupazionali per l industria nazionale. 7. Il programma nucleare può essere un moltiplicatore tecnologico e un significativo volano per la competitività del Paese. 8. Il ritorno al nucleare può contribuire a rafforzare il peso geopolitico dell Italia. 9. Il nucleare rappresenta una opportunità per l Italia, ma deve essere sostenuta come scelta Paese. 10. Occorre iniziare a parlare di nucleare al di là dei pregiudizi (non come è stato fatto in passato).

10 8 Il nucleare per l economia, l ambiente e lo sviluppo 1. L energia è la sfida chiave per il prossimo futuro e un fattore di competizione globale e trasversale alle alleanze tradizionali. L energia è il motore della vita economica, politica e sociale globale. Essa infatti è un fattore di produzione fondamentale e plasmatore di cultura e stili di vita. Per sostenere la crescita globale occorrerà sempre più energia. Secondo l Agenzia Internazionale dell Energia (AIE) nel 2030 si avrà 1 : +70% di domanda mondiale di energia primaria (rispetto al 2000); consumi crescenti nella generazione elettrica e nei trasporti (con oltre il 90% di incremento a carico dei Paesi non OCSE); fabbisogno mondiale coperto da petrolio e gas naturale per il 51% e carbone per il 29%. Queste dinamiche si manifesteranno in un mondo multipolare, con nuovi attori rilevanti e con una governance a geometria variabile a seconda dei temi strategici. L energia sarà uno dei fattori di massima competizione tra Paesi e influenzerà le future alleanze e strategie geopolitiche globali. 2. Il nucleare è una fonte integrativa per garantire sicurezza ambientale ed energetica: sempre più Paesi la stanno scegliendo. Le grandi sfide energetiche del futuro saranno la sicurezza degli approvvigionamenti, l economicità e la sostenibilità ambientale. Per raggiungere questi obiettivi nel medio periodo, occorrerà una transizione verso sistemi energetici meno basati sulle fonti fossili. Allo stato dell arte delle tecnologie e dei mercati internazionali, la generazione nucleare grazie alle emissioni trascurabili e ai costi competitivi è una efficace soluzione integrativa per la generazione di base (base load). Numerosi Paesi nel mondo (industrializzati ed emergenti) hanno deciso di investire in questa tecnologia, prolungando la vita utile delle centrali esistenti o realizzandone di nuove (61 cantieri a fine giugno 2010). 3. L Italia deve fronteggiare problemi di sostenibilità energetica; in particolare il mix elettrico presenta peculiarità negative che la penalizzano. L Italia in tema di energia: dipende dall estero per circa l 86% del fabbisogno di energia primaria (primo Paese al mondo per importazione di energia); dipende dai combustibili fossili per circa il 75% (quota tra le più alte al mondo); nel biennio non ha rispettato i vincoli di Kyoto e il protrarsi di questa situazione potrebbe costare in futuro centinaia di milioni di euro l anno. Per quanto riguarda la generazione elettrica il Paese: ha oltre il 66% (contro una media del 27% nell UE-27) dell elettricità prodotta da gas, petrolio e derivati, fonti che alterano il clima e sono costose e volatili; è il maggiore importatore al mondo di elettricità (14% dei consumi annui): aggregando l importazione di combustibili fossili, l Italia dipende dall estero per oltre 7/8 del fabbisogno; 1 Fonte: World Energy Outlook 2009, Reference Scenario.

11 9 è l unico al mondo con produzione elettrica superiore ai 250 TWh l anno a non avere generazione da fonte nucleare; ha un prezzo dell energia elettrica per imprese e cittadini superiore del 25-35% alla media praticata degli altri Paesi dell Unione Europea. 4. Nei consumi elettrici del Paese, il mix con il nucleare genera minori emissioni di CO 2 ed è anche meno costoso degli altri mix possibili. La domanda elettrica del Paese nei prossimi anni crescerà anche in ipotesi di efficienza energetica in linea con le tendenze storiche e internazionali; al 2030 questa sarà di circa 439 TWh (in ipotesi conservative). Oltre a garantire che il Paese abbia l energia necessaria, occorrerà rispettare i vincoli ambientali europei e internazionale per la lotta al cambiamento climatico. L introduzione di una quota del 25% di nucleare nel mix di generazione elettrico sia sullo scenario tendenziale che su uno teorico alternativo può permettere di ridurre sensibilmente le emissioni di CO 2, oltre che a diminuire e stabilizzare il costo di generazione. In 10 anni ( ) si potranno avere: minori emissioni per 236/381 milioni di tonnellate di CO2; minori costi di generazione in senso stretto per 32/57 miliardi di euro; minori costi di generazione complessivi (considerando anche il costo della CO2) per 43/69 miliardi di euro. 5. Il nucleare è una tecnologia sicura: con le norme e gli standard attuali, incidenti come quello avvenuto a Chernobyl non possono più ripetersi. L attuale tecnologia nucleare ha un elevato grado di sicurezza. Oggi, nel mondo, in più di anni-reattore di funzionamento, vi sono stati solo due incidenti con danni di vasta portata: Chernobyl e Three Mile Island (che non comportò vittime). Gli standard attuali rendono di fatto impossibile il ripetersi di situazioni simili. L industria nucleare è tra le più controllate al mondo: dal 1969 al 2000 l incidentalità è stata di 0,01 vittime per GW anno, contro una media del settore energia di 0,78. L evoluzione della tecnologie permette di gestire le scorie a bassa e media attività in piena sicurezza; per quelle ad alta attività sono in fase di studio avanzata soluzioni per lo stoccaggio definitivo di lunghissimo periodo. In Italia, in 60 anni di produzione elettrica da impianti nucleari si genereranno m 3 di rifiuti a bassa e media radioattività e m 3 di rifiuti ad alta radioattività. Questi incideranno per lo 0,000003% sul totale dei rifiuti speciali pericolosi prodotti annualmente nel Paese (10 milioni di tonnellate/anno, di cui il 30% contengono metalli pesanti e scorie della chimica che non decadono). 6. Il ritorno al nucleare dell Italia può avere importanti ricadute economiche e occupazionali per l industria nazionale. Lo sviluppo di un programma nucleare è una opportunità per l industria: tanto più questa è pronta (know-how, qualificazione, ecc.), tanto più aumenta il lavoro assegnabile ad aziende e consorzi nazionali per la realizzazione e gestione degli impianti.

12 10 Il nucleare per l economia, l ambiente e lo sviluppo Con le competenze attuali l industria italiana può potenzialmente realizzare il 55-60% del valore di una centrale (pari a 2-3 miliardi di euro); queste percentuali potrebbero salire al 75-80% con adeguati investimenti per acquisire nuove competenze e adeguare gli impianti produttivi. I benefici occupazionali potenziali sono altrettanto rilevanti; un impianto tipo di terza generazione operativo in Europa può attivare: posti di lavoro in fase di costruzione (3.000 diretti e indiretti e indotti); da a in fase di esercizio (circa in sito e presso i fornitori diretti e circa indiretti e indotti); circa 150 diretti in fase di decommissioning. Il programma nucleare dell Italia è anche se sfruttato un trampolino di lancio per l industria nazionale per entrare nella catena di fornitura mondiale di un settore in espansione nel mondo: da 400 a 500 miliardi di euro valore stimato per i soli reattori già pianificati. 7. Il programma nucleare può essere un moltiplicatore tecnologico e un significativo volano per la competitività del Paese. L energia è un elemento chiave per un Paese. Le sue ricadute dirette e indotte impattano su molteplici elementi rilevanti per la competitività. La riattivazione della generazione nucleare in Italia può avere benefici per il Paese a diversi livelli: riduzione e stabilizzazione dei costi e prezzi dell energia elettrica; miglioramento e integrazione della filiera energetica nazionale, con impatti diretti e indotti sugli utilizzatori di energia (famiglie e imprese); aumento e qualificazione delle competenze e del capitale umano del Paese; aumento della produzione, valore aggiunto e occupazione (collegato ai punti precedenti). A livello macro-economico complessivo, l introduzione del nucleare (25%) nel mix di generazione elettrica, può portare all Italia: da 4,5 a 11 miliardi di euro/anno di produzione aggiuntiva2; da 38 a 81mila anni-uomo di occupazione. 8. Il ritorno al nucleare può contribuire a rafforzare il peso geopolitico dell Italia. Nel mondo che cambia de-occidentalizzato, multipolare, interdipendente, complesso la leadership monoculturale (uno o pochi settori in cui si è leader) non è più una strategia vincente. L Italia media potenza occidentale rischia di essere fuori scala per mantenere il peso specifico necessario ad affermare i propri interessi nei tanti e diversi tavoli decisionali. Occorre trovare più settori trasversali e geopoliticamente rilevanti in cui avere peso. L energia è tra questi perché sarà un settore trasversale a tutti i Paesi e probabilmente anche alle alleanze tradizionali. 2 Le forbici sono funzione delle ipotesi sottostanti di destinazione (maggiore produzione o maggiore remunerazione dei fattori produttivi) del risparmio sul costo di generazione elettrica.

13 11 Il ritorno al nucleare può rafforzare il peso internazionale dell Italia attraverso: riduzione del rischio politico legato alla dipendenza energetica; possibilità di maggiore partecipazione alla governance mondiale del prossimo futuro; possibilità di rafforzamento della cooperazione internazionale, in particolare con la sponda sud del Mediterraneo; possibilità di partecipare attivamente ai meccanismi di controllo sulla proliferazione nucleare militare. 9. Il nucleare è una opportunità per l Italia, ma deve essere sostenuta come scelta Paese. Il nucleare è soprattutto una scelta strategica, oltre che industriale ed energetica. Affinché possa essere una reale opportunità, anche di modernizzazione del Paese, occorre una certezza nel medio-lungo periodo e un sostegno trasversale. Come ogni grande progetto richiede quindi che ci siano le necessarie condizioni di contorno: istituzioni efficienti e credibili; quadro normativo e autorizzativo chiaro e certo; industria nazionale pronta; sinergie tra gli attori rilevanti (ricerca, industria, finanza, politica); consenso e condivisione dell opinione pubblica. 10. Occorre iniziare a parlare di nucleare al di là dei pregiudizi (non come è stato fatto in passato). Ogni scelta, specie quelle importanti, richiede la consapevolezza. Sul nucleare in Italia si ha una diffusa ignoranza informativa. Dopo il referendum del 1987 il nucleare civile salvo sporadici casi non è stato trattato dai media. Da gennaio 2005 a giugno 2010 ha avuto spazio per: 0,04% del prime time dei telegiornali 3 ; meno di un articolo al giorno sulla stampa4. Le informazioni riportano in genere opinioni e posizioni personali (spesso ideologizzate) e alcuni temi fondamentali (ricadute per l economia, inquinamento e ambiente, diversificazione e sicurezza degli approvvigionamenti, prezzi e costi dell energia) non vengono di fatto trattati. Tutto questo non favorisce la costruzione di un giudizio informato, rafforza le convinzioni (e i pregiudizi) esistenti al di lá dei fatti oggettivi e rende molto difficoltoso un confronto aperto sul che fare. 3 Telegiornali RAI e Mediaset. 4 Corriere della Sera, La Repubblica e Il Sole 24 Ore.

14 12 Il nucleare per l economia, l ambiente e lo sviluppo Executive Summary 1 Una visione complessiva di questa ricerca 1.1 Contesto di riferimento e obiettivi 1. La generazione elettrica da fonte nucleare è oggi un tema caldo nel Paese. Le condizioni dei mercati energetici internazionali, le sfide della sicurezza degli approvvigionamenti e della sostenibilità economica e ambientale hanno infatti ridato centralità al tema dopo oltre un ventennio di oblio. 2. In Italia questa tecnologia ha vissuto vicende fortemente alterne. Il Paese negli anni d oro del nucleare ( ), grazie all iniziativa congiunta di importanti realtà industriali nazionali e del Governo, era il terzo produttore al mondo di energia elettrica di origine nucleare con competenze e know-how molto avanzati, in ambito industriale e tecnico-scientifico. In seguito, una concomitanza di eventi interni 1 ed esterni, di cui il più eclatante è stato l incidente di Chernobyl (1986), hanno portato al referendum del e al successivo disimpegno dell Italia da tutte le attività nucleari ( ). 3. Il Governo, con la Legge Sviluppo del 2009, ha annunciato la decisione di ritornare al nucleare, avviando entro il 2013 la costruzione di nuove centrali per arrivare entro il 2030 al 25% di elettricità di origine nucleare. Questa decisione ha aperto un acceso dibattito nel Paese che vede contrapposte posizioni estreme e radicate tra i sostenitori di tale scelta e i contrari. 4. Obiettivo di questa ricerca è di fare il punto della situazione, secondo una prospettiva strategica e indipendente, sulle implicazioni possibili per il Paese dell integrazione del nucleare nel mix di generazione elettrica nazionale, attraverso la: definizione di un quadro interpretativo e conoscitivo di sintesi sulla realtà del nucleare per l Italia; valutazione delle implicazioni ai vari livelli rilevanti: industriali, economici, geopolitici, di competitività; quantificazione delle ricadute per il Paese su tutte queste dimensioni. 5. La volontà è fornire ai decisori del Paese e all opinione pubblica una base informativa completa e imparziale che possa essere di supporto per un confronto informato e consapevole, al fine di prendere le migliori decisioni strategiche per il Paese. 1 Tra cui: problemi di adeguamento del sistema di trasmissione elettrica, proteste in seguito a incidenti a impianti nel mondo, gestione del dibattito pubblico anche a seguito del caso Ippolito. 2 Nessun quesito chiedeva l abolizione o la chiusura delle centrali nucleari.

15 Attori e metodologia 6. Per la ricerca, ci siamo avvalsi di un Comitato Guida 3 che ha riunito autorevoli personalità nazionali e internazionali. I suoi componenti hanno fornito indirizzi e contributi originali per lo sviluppo di questo lavoro. 7. Sono state attivate collaborazioni con istituzioni indipendenti per approfondire alcuni temi specifici: gli scenari elettrici al 2030 (ipotesi di studio); la sicurezza della generazione nucleare; le ricadute per l industria italiana; gli impatti per la competitività del Paese; le implicazioni geopolitiche; la comunicazione in tema di nucleare in Italia. 8. Il Gruppo di lavoro 4 The European House-Ambrosetti ha gestito il progetto nel suo complesso e sviluppato i contenuti così come presentati in questo rapporto. 9. Nella elaborazione dei contenuti sono state considerate le fonti più qualificate e super partes, al fine di privilegiare al massimo la neutralità e l oggettività delle posizioni. 10. Le attività del progetto sono state: incontri periodici del Comitato Guida; interviste in Italia e all estero a politici, opinion leader, capi azienda e rappresentanti di istituzioni o associazioni per approfondire aspetti dei temi di riferimento; analisi e confronti internazionali per valutare le pratiche eccellenti e captare soluzioni di interesse per l Italia, tendenze e orientamenti; collazione e sintesi dei contributi sul tema (documentazione, pubblicazioni, ricerche, ecc.) maggiormente significativi, di organizzazioni e istituti nazionali e internazionali autorevoli. 1.3 Struttura del rapporto Il rapporto è composto da tre parti. Parte PRIMA. Illustra i risultati della ricerca in tema di: possibili scenari di generazione elettrica al in ipotesi di assenza e presenza del nucleare; ne sono valutati gli effetti in termini di emissioni di CO 2 e costi di generazione complessivi; sicurezza della generazione elettrica da nucleare per le persone e l ambiente; una attenzione specifica è dedicata ai temi del decommissioning e della gestione delle scorie; benefici associati al ritorno del nucleare per l industria italiana, la competitività del Sistema Paese e il posizionamento geopolitico. 3 La Ricerca si è avvalsa di un Comitato Guida composto da: Fatih Birol (Capo Economista, Agenzia Internazionale per l Energia), Gianluca Comin (Direttore Relazioni Esterne, Enel), Bruno D Onghia (Responsabile per l Italia, EDF), Sergio Garribba (Consigliere per le Politiche dell Energia, Ministero dello Sviluppo Economico), Maurizio Lupi (Vicepresidente, Camera dei Deputati), Carlo Rossella (Presidente, Medusa Film), Nicola Rossi (Professore Ordinario di Economia Politica, Università di Roma Tor Vergata) e Umberto Veronesi (Direttore Scientifico, Istituto Europeo di Oncologia). 4 Il Gruppo di lavoro The European House-Ambrosetti è composto da: Paolo Borzatta (Senior Partner), Lorenzo Tavazzi (Capo Progetto), Gabriele Bolzoni (Coordinatore del Progetto), Elena Antiga, Mattia Beda, Sara Lelli, Pio Parma e Carlotta Pizzi. 5 Si tratta di scenari di studio, e non previsionali, che valutano linee di tendenza e ordini di grandezza in gioco, per supportare le decisioni strategiche.

16 14 Il nucleare per l economia, l ambiente e lo sviluppo Parte Seconda. È dedicata alla comunicazione sul tema del nucleare in Italia, per capirne i contenuti e le modalità di divulgazione. Abbiamo analizzato: le edizioni del prime time di Tg1, Tg2, Tg3, Tg4, Tg5 e Studio Aperto; le pagine nazionali di La Repubblica, Corriere della Sera e Il Sole-24 Ore (periodo gennaio 2005-giugno 2010); i programmi di approfondimento Porta a Porta, Matrix, Ballarò, Report e Annozero (periodo gennaio 2009-marzo ). Parte TERZA. Offre una visione d insieme su: tecnologia nucleare e sue evoluzioni, con particolare attenzione alle aree di possibile breaktrough tecnologico; tendenze della generazione elettrica da fonte nucleare nel mondo, oggi e nel prossimo futuro; situazione dell Italia in campo nucleare prima del referendum del 1987 e stato dell arte delle competenze attuali. Ciascuna Parte è preceduta da una introduzione di sintesi che riassume i principali punti rilevanti e le implicazioni strategiche di questi. 2 Le condizioni per il ritorno al nucleare: considerazioni 11. Il nucleare è una scelta strategica del Paese, oltre che industriale, energetica e ambientale. Come tale richiede: adeguate condizioni di contesto; scelte di sistema con obiettivi chiari e realistici; coerenti misure di accompagnamento; a più livelli distinte, ma interrelate. 12. A livello politico, è necessario che il programma nucleare trovi una condivisione bipartisan (nazionale e locale), perché il suo orizzonte di riferimento è un multiplo dei mandati dei singoli Governi e amministrazioni. Occorre quindi sganciare il nucleare dalle ideologie e valutarlo sulla base dei fatti oggettivi. 13. A livello istituzionale-amministrativo-autorizzativo, occorre un quadro di riferimento chiaro (anche per competenze e attribuzioni), certo (in particolare sui tempi 7 ), trasparente e stabile (anche per gli strumenti normativi di mitigazione dei rischi 8 ), per garantire che: l interesse nazionale sia salvaguardato dai particolarismi; siano effettuati gli investimenti necessari; siano minimizzati i rischi di ritardi, regolatori, finanziari e commerciali (collegato al punto precedente). Il nucleare è un investimento rilevante, strategico e di lungo periodo 9 che non può essere soggetto ad alee. 6 Prima non vi sono stati interventi significativi sul tema in oggetto. 7 La certezza dei tempi di realizzazione è una variabile critica perché ritardi nella costruzione degli impianti determinano un aumento significativo dei costi, dovuto alla maturazione di interessi sui prestiti necessari per finanziare i lavori. 8 Il ritorno degli investimenti si concretizza nei decenni successivi alla costruzione delle centrali: affinché il mercato richieda tassi di interesse sostenibili sulle somme finanziate occorrono strumenti normativi per mitigare i rischi (cfr. Capitolo 3 Parte Terza e Focus in Databook). 9 Per installare la capacità nucleare annunciata dal Governo (circa MW) si stima un investimento da parte degli operatori di circa miliardi di euro su progetti di lunga durata (vita media degli impianti di nuova generazione di circa 60 anni).

17 A livello industriale-produttivo, occorre che gli operatori interessati siano pronti per competenze, capacità e qualificazioni. Solo così l opzione nucleare può essere una reale opportunità per l industria nazionale, sia sul mercato domestico sia su quello internazionale. 15. A livello scientifico e di ricerca, occorre che il mondo accademico-universitario sia altrettanto pronto e in grado di fare sinergie con l industria. Il nucleare è infatti tra i campi più avanzati e in grado di essere un moltiplicatore tecnologico con ricadute rilevanti per molti altri settori strategici. 16. A livello sociale, è indispensabile un alto livello di consenso. Il nucleare non può essere la scelta di un Governo; deve essere la scelta del Paese. In alternativa, il rischio è il rigetto del progetto. 17. Tra gli elementi necessari per la realizzazione del programma nucleare vi sono: l implementazione dei provvedimenti attuativi per la localizzazione degli impianti, i sistemi di stoccaggio dei rifiuti radioattivi e del materiale nucleare, le misure compensative e i requisiti per lo svolgimento delle attività di costruzione; l Agenzia per la Sicurezza Nucleare con personale, competenze e risorse adeguate; il Deposito Unico Nazionale per il combustibile nucleare irraggiato e i rifiuti radioattivi a bassa e media radioattività, per chiudere l eredità nucleare del Paese e dare certezza ai nuovi progetti; un piano di sviluppo accelerato della formazione, a partire dagli Istituti tecnici e Università (aumentando i corsi dedicati al nucleare) fino al mondo della ricerca; il lancio di una campagna di comunicazione-ascolto nazionale della popolazione, con forme e strumenti adeguati, per informare e creare un processo partecipativo e informato. 3 I risultati della Ricerca 3.1 La sostenibilità della generazione elettrica nel futuro in Italia 18. Nel mondo i principali Governi hanno inserito ai primi posti delle proprie agende i provvedimenti necessari a definire le strategie energetiche per accompagnare lo sviluppo economico e industriale, focalizzando l attenzione su tre variabili-chiave: la sicurezza degli approvvigionamenti, l economicità e la sostenibilità socio-ambientale. 19. Anche l Italia, nell affrontare la sfida energetica, deve confrontarsi con una situazione di fragilità su alcuni nodi strategici. Questa fragilità deriva dalla carenza di una strategia e di un piano organico di lungo periodo per il settore che ha portato a: crescente dipendenza energetica; sbilanciamento del mix di generazione elettrica rispetto agli altri Paesi europei; forte dipendenza dalle importazioni di elettricità; prezzo dell energia elettrica in crescita e superiore agli altri Paesi europei; inadeguatezza delle infrastrutture per l energia. 20. Il ritorno al nucleare dell Italia rappresenta un progetto di ampio respiro per il Paese che può dunque apportare importanti benefici alla qualità del sistema energetico nazionale:

18 16 Il nucleare per l economia, l ambiente e lo sviluppo economici (minori costi di generazione elettrica) e ambientali (minori emissioni di anidride carbonica e relativi costi). Abbiamo quindi formulato alcuni scenari puramente ipotetici e di studio (non di previsione) per comprendere tramite il loro confronto gli impatti attesi derivanti dalla costruzione e dalla conseguente messa in esercizio di nuove centrali nucleari nel nostro Paese, come previsto dal Governo attraverso la Legge Sviluppo del Figura 1 Gli scenari energetici ipotizzati al 2030 Fonte: elaborazione The European House-Ambrosetti, 2010 SCENARI 2030 Senza nucleare Con nucleare 1. Scenario 2. Scenario 3. di riferimento alternativo Scenario di integrazione Politiche attuali + PAN* e Pacchetto Clima ed Energia EU 2020 Rinnovabili al massimo del potenziale raggiungibile** al 2030 Nucleare fonte integrativa da piano del Governo (*) Piano di Azione Nazionale per le rinnovabili del Governo italiano (agosto 2010). (**) Stima sulla base dell evoluzione tecnologica attesa e prevedibile. Gli scenari di studio ipotizzati al 2030, con e senza nucleare, sono tre: scenario di riferimento, in cui il mix di generazione ipotizzato al 2030 recepisce una prosecuzione delle politiche attuali nel rispetto del raggiungimento degli obiettivi previsti dal Pacchetto Clima ed Energia dell Unione Europea 10 al 2020 unitamente a quelli fissati nel Piano di Azione Nazionale per le Rinnovabili (PAN) 11, di generare 98,8 TWh di elettricità da fonte rinnovabile entro il 2020; scenario alternativo, in cui il contributo della generazione da fonti rinnovabili è molto più marcato (38%) rispetto allo scenario tendenziale (superamento degli obiettivi del PAN sino al massimo del potenziale raggiungibile al 2030 in base all evoluzione tecnologica attesa) 12 ; scenario di integrazione, in cui viene introdotta in linea con l attuale piano del Governo la generazione da fonte nucleare, a copertura del 25% della generazione elettrica entro il Alla base di ciascuno scenario abbiamo considerato ipotesi relative all andamento della 10 Il Pacchetto Clima ed Energia dell Unione, approvato dal Parlamento Europeo nel dicembre del 2008, è volto a conseguire gli obiettivi energetici e ambientali a livello europeo fissati per il 2020: ridurre del 20% le emissioni di gas a effetto serra, portare al 20% il risparmio energetico e aumentare del 20% il consumo di fonti rinnovabili. 11 Il Piano di Azione Nazionale per le Rinnovabili (PAN) del Ministero dello Sviluppo Economico dell agosto 2010 stabilisce un quadro comune per la promozione dell energia da fonti rinnovabili e fissa obiettivi nazionali obbligatori per la quota complessiva di energia da fonti rinnovabili sul consumo finale lordo di energia e per la quota di energia da fonti rinnovabili nei trasporti. 12 In questo scenario la crescita della generazione da fonti rinnovabili nel periodo è più spinta e aumenta fino a un potenziale previsto di155 TWh nel 2030 (+45 TWh rispetto ai 110 TWh degli altri due scenari). Alcuni osservatori sollevano dubbi sulla reale possibilità tecnica ed economica di questa forte crescita.

19 17 domanda e della produzione di energia elettrica, dei costi di generazione e delle emissioni di CO 2, coerenti con i valori di riferimento citati in letteratura e con le principali esperienze di generazione nucleare in Europa e nel mondo. Figura 2 Confronto tra la composizione del mix di generazione elettrica secondo gli scenari al 2030 Fonte: elaborazione The European House-Ambrosetti, % 110 TWh 38% 155 TWh 25% 100 TWh 27% 110 TWh 73% 297 TWh 62% 252 TWh 48% 197 TWh Scenario di riferimento Scenario alternativo Scenario di integrazione Nucleare Rinnovabili Fossili 21. Nel periodo lo scenario di integrazione mostra il minor costo di generazione rispetto agli altri due scenari considerati, determinando un risparmio pari a: 32 miliardi di euro rispetto allo scenario di riferimento; 57 miliardi di euro rispetto allo scenario alternativo. Figura 3 Costo di generazione in Italia nei tre scenari energetici considerati nel periodo (miliardi di euro) Fonte: elaborazione The European House-Ambrosetti, 2010 Miliardi di euro Scenario di riferimento Scenario alternativo Scenario di integrazione Significativi sono anche i risparmi che l introduzione della generazione elettrica da nucleare può consentire sul fronte delle emissioni di anidride carbonica rispetto agli scenari senza nucleare: 381 milioni di tonnellate rispetto allo scenario di riferimento; 236 milioni di tonnellate rispetto allo scenario alternativo.

20 18 Il nucleare per l economia, l ambiente e lo sviluppo Tabella 1 Emissioni di CO 2 in Italia nei tre scenari energetici considerati nel periodo : differenza dello scenario di integrazione rispetto allo scenario di riferimento e alternativo (milioni di tonnellate) Fonte: elaborazione The European House-Ambrosetti, 2010 Anno Differenza su scenario di riferimento Differenza su scenario alternativo ,8-3, ,0-1, ,8-8, ,9-17, ,7-24, ,2-34, ,9-34, ,4-33, ,3-29, ,2-25, ,2-24,4 TOTALE ,4-236,4 Il risparmio cumulato nel periodo legato al costo della CO 2 è compreso all interno di un intervallo tra 7 e 11 miliardi di euro, nel caso del valore minore del costo della CO 2, e tra 12 e 19 miliardi di euro, nel caso del valore maggiore del costo della CO Tabella 2 Valore cumulato del costo delle emissioni di CO 2 in Italia nei tre scenari energetici considerati nel periodo : confronto tra scenari (miliardi di euro) Fonte: elaborazione The European House-Ambrosetti, 2010 Costo delle emissioni di CO 2 (Commissione UE) Differenza su scenario di integrazione Costo delle emissioni di CO 2 (IEA) Differenza su scenario di integrazione Scenario di riferimento 46,7 10,9 81,9 19,1 Scenario alternativo 42,5 6,7 74,6 11,8 Scenario di integrazione 35,8-62,8-22. In sintesi, i costi complessivi dimostrano la maggiore convenienza economica e ambientale dell adozione di un mix di generazione elettrica comprendente la tecnologia nucleare: il Paese potrebbe così risparmiare tra il 2020 e il 2030, nelle due differenti valorizzazioni del costo della CO 2 : da 43 a 51 miliardi di euro rispetto allo scenario di riferimento; da 64 a 69 miliardi di euro rispetto allo scenario alternativo. 13 Per il costo della CO 2, con riferimento al mercato europeo, sono state adottate due ipotesi: una stima elaborata sulla base di recenti linee di indirizzo della Commissione Europea per il periodo , e la previsione dell Agenzia Internazionale dell Energia che prevede valori superiori in considerazione dell impegno dei Paesi dell OCSE per una forte riduzione delle emissioni di anidride carbonica.

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi

RADIAZIONI IONIZZANTI: origine, prevenzione dai rischi e impieghi 1 Irraggiamento derrate alimentari Somministrazione di radiazioni a prodotti alimentari (dosi minori rispetto alla sterilizzazione dei presidi medici) Inibisce la germinazione e ritarda il processo di

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

La sicurezza delle centrali nuclear

La sicurezza delle centrali nuclear La sicurezza delle centrali nuclear Milano, 5 maggio 2011 Giuseppe Bolla, Senior Advisor Fondazione EnergyLab EnergyLab - Laboratorio dell Energia Il sistema integrato di gestione in campo nu La sicurezza

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico

Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico Autorità per l energia elettrica il gas e il sistema idrico COMUNICATO Energia: da aprile ancora in calo la bolletta elettricità, -1,1%, e forte riduzione per il gas -4,0% sull anno risparmi per 75 euro

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO

IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO La ricerca europea in azione IL SETTIMO PROGRAMMA QUADRO (7º PQ) Portare la ricerca europea in primo piano Per alzare il livello della ricerca europea Il Settimo programma quadro per la ricerca e lo sviluppo

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA

Maggior Supporto. Enel Produzione SpA Enel Produzione SpA Concorso nazionale Le buone pratiche sulla manutnzione sicura Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2010-2011 Napoli, 27 Ottobre 2011 Villa Colonna Bandini Stefano Di Pietro Responsabile

Dettagli

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI

ENERGIA PER L ITALIA. A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI ENERGIA PER L ITALIA A cura di Giovanni Caprara SAGGI BOMPIANI 2014 Bompiani / RCS Libri S.p.A. Via Angelo Rizzoli, 8 20132 Milano ISBN 978-88-452-7688-0 Prima edizione Bompiani ottobre 2014 Introduzione

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

Innovative Procurement Process. Consulting

Innovative Procurement Process. Consulting Creare un rapporto di partnership contribuendo al raggiungimento degli obiettivi delle Case di cura nella gestione dei DM attraverso soluzione a valore aggiunto Innovative Procurement Process Consulting

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 26.6.2002 COM(2002) 321 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Relazione finale sul Libro verde "Verso una strategia

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Provincia di Belluno Attività in materia energetica

Provincia di Belluno Attività in materia energetica Provincia di Belluno Attività in materia energetica - Piano Energetico Ambientale Provinciale - Contributo Energia su PAT/PATI - Progetti europei arch. Paola Agostini Servizio pianificazione e gestione

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA

10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA 10 VERITÀ SULLA COMPETITIVITÀ ITALIANA L Italia è in crisi, una crisi profonda nonostante i timidi segnali di ripresa del Pil. Ma non è un paese senza futuro. Dobbiamo

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10)

NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN. Costruire il futuro. Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) NUOVA DIRETTIVA ECODESIGN Costruire il futuro Per climatizzatori per uso domestico fino a 12kW (Lotto 10) 1 indice Obiettivi dell Unione Europea 04 La direttiva nel contesto della certificazione CE 05

Dettagli

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012.

Le parti si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas ad effetto serra di almeno il 5% rispetto ai livelli del 1990 nel periodo 2008-2012. Il testo del protocollo di Kyoto (Protocollo Nazioni Unite in vigore dal 16.2.2005) Il protocollo di Kyoto è stato ratificato dall'italia con la legge 120 del 2002. Il protocollo entra in vigore il 16

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane

Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane Titolo: La Sicurezza dei Cittadini nelle Aree Metropolitane L esperienza di ATM Il Sistema di Sicurezza nell ambito del Trasporto Pubblico Locale Claudio Pantaleo Direttore Sistemi e Tecnologie Protezione

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO

LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO + DIREZIONE GENERALE PER LA COOPERAZIONE ALLO SVILUPPO Coordinamento Cooperazione Universitaria LA CONOSCENZA PER LO SVILUPPO Criteri di orientamento e linee prioritarie per la cooperazione allo sviluppo

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis

VALUTAZIONE DI RISULTATO E DI IMPATTO del progetto Diesis Obiettivo Competitività Regionale e Occupazione Programma Operativo Nazionale Azioni di Sistema (FSE) 2007-2013 [IT052PO017] Obiettivo Convergenza Programma Operativo Nazionale Governance e Azioni di Sistema

Dettagli

Eccellenza nel Credito alle famiglie

Eccellenza nel Credito alle famiglie Credito al Credito Eccellenza nel Credito alle famiglie Innovazione e cambiamento per la ripresa del Sistema Paese Premessa La complessità del mercato e le sfide di forte cambiamento del Paese pongono

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA

USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA CAPITOLO 11 USO DELLE RISORSE E FLUSSI DI MATERIA Introduzione La conoscenza delle quantità di risorse utilizzate in un dato sistema socio-economico e più in generale di quelle necessarie al suo funzionamento

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE

LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE LA CARTA ITALIANA DEI CRITERI DEL COMMERCIO EQUO E SOLIDALE 1. Definizione del Commercio Equo e Solidale Il Commercio Equo e Solidale e' un approccio alternativo al commercio convenzionale; esso promuove

Dettagli

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana

In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana In Consiglio regionale della Toscana i buoni consigli di ITIL Consiglio Regione Toscana Equivale a livello regionale al Parlamento nazionale E composto da 65 consiglieri Svolge il compito di valutare /

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA

CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA CREARE VALORE CONDIVISO PER FAR CRESCERE L'ITALIA IL RUOLO STRATEGICO DELLE AZIENDE COME ACCELERATORI DEL SISTEMA ECONOMICO E DELL OCCUPAZIONE: IL CASO " LA CREAZIONE DI VALORE CONDIVISO SI FOCALIZZA SULL

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

V A D E M E C U M Energia dal legno

V A D E M E C U M Energia dal legno V A D E M E C U M Energia dal legno Ordinazioni: Energia legno Svizzera 6670 Avegno Tel. 091 796 36 03 Fax 091 796 36 04 info@energia-legno.ch www.energia-legno.ch Holzenergie Schweiz Neugasse 6, 8005

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli