Costruiamo il benessere della nostra comunità nel vivere quotidiano: quali bisogni e quali azioni possibili?

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Costruiamo il benessere della nostra comunità nel vivere quotidiano: quali bisogni e quali azioni possibili?"

Transcript

1 OPEN SPACE TECHNOLOGY Spazio Aperto di Discussione Costruiamo il benessere della nostra comunità nel vivere quotidiano: quali bisogni e quali azioni possibili? Instant report Pedrengo (BG), 26 marzo 2011 CONSULENZA:

2 INDICE UNO SPAZIO APERTO DI DISCUSSIONE PER PROMUOVERE LA COSTRUZIONE DEL BENESSERE DELLA NOSTRA COMUNITÀ ATTRAVERSO L AGIRE QUOTIDIANO DELLE PERSONE PERCHÉ UNO SPAZIO APERTO DI DISCUSSIONE CON LA COMUNITÀ LOCALE LA METODOLOGIA DELLO SPAZIO APERTO DI DISCUSSIONE PRIMA SESSIONE GRUPPO A - GRUPPO B - GRUPPO D - GRUPPO E - GRUPPO F - GRUPPO G - GRUPPO H - GRUPPO I - GRUPPO L - GRUPPO M - SECONDA SESSIONE I PARTECIPANTI CREDITI GRUPPO A - GRUPPO B+C- GRUPPO E+D - GRUPPO G - GRUPPO H+F - GRUPPO J - ABITARE E FRAGILITÀ SOSTENIBILITÀ DEI BISOGNI E DEI DESIDERI NEL LAVORO E NEL QUOTIDIANO COLLABORAZIONE CON LE FAMIGLIE NELLA PREPARAZIONE DEI PROGETTI E SINERGIE CON LE VARIE AGENZIE DEL TERRITORIO? SOSTENERE LA GENITORIALITÀ BISOGNI ESPRESSI - BISOGNI NORMATIVI FAR CRESCERE E FORMARE UNA CULTURA DI APPARTENENZA ALLA COMUNITÀ PER FACILITARE E CREARE INSIEME UNA MIGLIORE RETE DI COMUNICAZIONE E COOPERAZIONE NELLA RICERCA DELLE RISPOSTE AI BISOGNI BENE COMUNE: DESIDERIO/DESIDERI, DOVERE/DOVERI IMMIGRAZIONE: SECONDA GENERAZIONE. SCUOLA, FAMIGLIA E LAVORO L INTELLETTO CERCA MA È SEMPRE IL CUORE CHE TROVA SOSTEGNO ALLE POLITICHE GIOVANILI, ALLA SOCIALIZZAZIONE, DIRITTO DI ACCESSO ALLA CULTURA DISABILITÀ E ADOLESCENZA ECONOMIA IN CRISI: EGOISMI E SOLITUDINI. COMUNITÀ ACCOGLIENTE VERA RICCHEZZA + RAPPORTO FAMIGLIE/COMUNI: QUALI REGOLAMENTI CHE SIANO UGUALI PER TUTTI QUALI SPAZI/EVENTI REALI PER FAVORIRE L INCONTRO DELLE PERSONE APPARTENENTI ALLA COMUNITÀ + LO SCAMBIO E IL SUPPORTO TRA FAMIGLIE. QUANTE RISORSE? QUALE È OGGI LA PROFESSIONALITÀ PER EDUCATORI E OPERATORI SOCIALI ABITARE: IL BENESSERE DELLA COMUNITÀ INIZIA DENTRO LE NOSTRE CASE. COME ESSERE FAMIGLIE APERTE E ACCOGLIENTI + LE NUOVE FORME DELL ABITARE TRA DIRITTO ALLA SALUTE E ACCETTAZIONE DEI LIMITI

3 Matteo Sana Presidente Cooperativa Sociale Namasté PERCHÉ UNO SPAZIO APERTO DI DISCUSSIONE CON LA COMUNITÀ LOCALE La Cooperativa sociale Namasté nasce nel A dieci anni dalla sua nascita i soci hanno sentito la necessità di rileggere e ridefinire le proprie strategie di intervento alla luce dei cambiamenti che la hanno caratterizzata (in termini di dimensioni e di volti che l'hanno abitata e la abitano oggi) e del cambiamento del contesto socio-economico e culturale (crisi economica, crisi esistenziale, la dimensione della fragilità come condizione esistenziale di ciascuno, società multiculturale ormai consolidata) in cui viviamo rispetto a dieci anni fa. La Cooperativa Namasté sente oggi l'esigenza di incontrare ed ascoltare la comunità in cui opera, in tutte le sue rappresentatività, al fine di provare a costruire un quadro condiviso dei bisogni e delle potenzialità che essa esprime: un momento di apertura per provare a leggere e descrivere a più mani i bisogni e le aspettative future della nostra comunità. La giornata di oggi ha come scopo quello di provare a tracciare insieme quali bisogni, soprattutto inespressi e/o futuri, caratterizzano il quotidiano della vita di ciascuno di noi. Proprio a partire dal fatto che ciascuno di noi è portatore di una fragilità è necessario provare a ripensare i luoghi del nostro vivere quotidiano come luoghi di cura. Cosa significa costruire benessere in merito: al tema della casa e dell'abitare al tema del lavoro al tema della scuola al tema della salute al tema del consumo e dell'economia e a cosa generano le nostre relazioni al tema della cura del territorio alla cura degli spazi pubblici in genere, che oggi percepiamo come privi di un senso collettivo. Mi piace pensare che quella di oggi sia una sorta di piazza virtuale dove grazie alla presenza di ciascuno di noi si possa provare a costruire un senso collettivo, partendo dall'ascolto e dall'accoglienza dell'altro. Oggi siamo qui anche per provare a leggere bisogni nuovi e/o inespressi. Faccio un invito a tutti noi: che oltre ai bisogni siamo capaci di mettere in comune anche i nostri desideri. Recentemente il sociologo De Rita, fondatore e Presidente del Censis, individuava nella capacità di tornare a desiderare la virtù necessaria per riattivare la dinamica di una società troppo appagata e appiattita. In un bambino il desiderio è il primo impulso per conoscere e capire. Vorrei aprire quindi con una frase di Giorgio Gaber: Il desiderio è il vero stimolo interiore, è già un futuro che in silenzio stai sognando, è l'unico motore che muove il mondo.

4 Serenella Paci Facilitatrice Poliste Srl LA METODOLOGIA DELLO SPAZIO APERTO DI DISCUSSIONE Negli ultimi anni sono sempre più frequenti le occasioni in cui si rende necessaria l interazione costruttiva di grandi gruppi; capita spesso di riunire qualche decina o qualche centinaio di persone e di dover far sì che esse discutano costruttivamente e giungano a qualche conclusione in tempi ragionevoli. A tal fine si sono sviluppate, a livello internazionale, numerose metodologie di facilitazione dei gruppi di lavoro. Passione e responsabilità, due caratteristiche fondamentali dei processi di cambiamento, sono alla base della metodologia dello Spazio Aperto di Discussione, dell Open Space Technology (OST), una tecnica di gestione di workshop ampiamente utilizzata da aziende private e pubbliche amministrazioni in oltre 100 paesi del mondo. La metodologia, che si basa sull autorganizzazione, nasce nella metà degli anni 80 e permette di far lavorare insieme, su un tema complesso, gruppi da 5 a 2000 persone senza un programma predefinito. Open Space si basa su un intuizione di Harrison Owen, esperto americano di scienza delle organizzazioni, che notava al termine di un convegno come spesso il momento più interessante fosse il coffee break perché ognuno ha la possibilità di decidere con chi parlare, di che cosa e per quanto tempo! Su questi semplici principi Owen ha basato la sua metodologia e un coffee break permanente è presente nello spazio dove si svolgono i lavori. OST è una metodologia molto semplice in cui il ruolo del facilitatore è quello di attivare un processo di empowerment: creare le condizioni, lo spazio aperto per differenti idee e modi di pensare, dove ognuno ha la possibilità di essere se stesso e dove ognuno è responsabile della propria esperienza (Legge dei due piedi); mantenere lo spazio aperto alle diverse esperienze perché la diversità è ricchezza! Nell OST gli unici responsabili di un evento noioso o poco stimolante sono quindi i suoi stessi partecipanti, e questa consapevolezza, inspiegabilmente, rende i lavori più intensi, appassionati e produttivi. Nessuno ha totalmente il controllo di ciò che sta succedendo, ma il risultato è sempre di straordinaria creatività e responsabilizzazione. Per saperne di più: Per trovare i facilitatori OST:

5 PRIMA SESSIONE GRUPPO A - ABITARE E FRAGILITÀ GRUPPO B - SOSTENIBILITÀ DEI BISOGNI E DEI DESIDERI NEL LAVORO E NEL QUOTIDIANO GRUPPO D - COLLABORAZIONE CON LE FAMIGLIE NELLA PREPARAZIONE DEI PROGETTI E SINERGIE CON LE VARIE AGENZIE DEL TERRITORIO? GRUPPO E - SOSTENERE LA GENITORIALITÀ GRUPPO F - BISOGNI ESPRESSI - BISOGNI NORMATIVI GRUPPO G - FAR CRESCERE E FORMARE UNA CULTURA DI APPARTENENZA ALLA COMUNITÀ PER FACILITARE E CREARE INSIEME UNA MIGLIORE RETE DI COMUNICAZIONE E COOPERAZIONE NELLA RICERCA DELLE RISPOSTE AI BISOGNI GRUPPO H - BENE COMUNE: DESIDERIO/DESIDERI, DOVERE/DOVERI GRUPPO I - IMMIGRAZIONE: SECONDA GENERAZIONE. SCUOLA, FAMIGLIA E LAVORO GRUPPO L - L INTELLETTO CERCA MA È SEMPRE IL CUORE CHE TROVA GRUPPO M - SOSTEGNO ALLE POLITICHE GIOVANILI, ALLA SOCIALIZZAZIONE, DIRITTO DI ACCESSO ALLA CULTURA

6 Sessione Prima Gruppo A Chi ha proposto il tema Gianmarco ABITARE E FRAGILITÀ Presentazione casi individuali: fratello, figlio in Comunità in Umbria, figlia, figlio piccolo, figlio deceduto ancor piccolo. Quali sono i luoghi all interno della comunità che si possono abitare per discutere e che permettono di ospitare le fragilità? É possibile occuparsi dei figli con particolare fragilità durante la fase evolutiva e come: c è bisogno di una regia che pensi al problema; creare servizi che si occupano di sviluppare autonomie anche fuori da casa; dopo la scuola dell obbligo cosa è possibile attivare, perché c è il vuoto ; vi sono luoghi aggregativi che non sviluppano concretamente ospitalità; Chi ha partecipato al gruppo Davide Andrea Simona Chiara Monica Carolina Adriano Giovanna Cristina Cristiano Simona nella realtà cittadina questo bisogno non viene accolto e ci si sente soli. Il tema della fragilità: Ci sono esperienze concrete dove si accoglie il vicino a cena (Comune di Ponteranica). Difficoltà ad affrontare le fragilità dei bambini/ragazzi all interno della scuola, per impostare un discorso di inserimento comunitario reale. Strumenti, luoghi, contesti: dove è possibile con gli interlocutori istituzionali e non affrontare il problema. Creare contesti di vicinato che possano affrontare bisogni di tutti, dai più banali ai più complessi. É difficile trattare il tema nell attualità se non si hanno soluzioni per il dopo. I genitori sono i soli interessati realmente ai problemi legati alle fragilità dei figli. Le preoccupazioni del DOPO DI NOI, nascono nel genitore e nel figlio anche in età scolare. Cosa c è bisogno di fare affinché il genitore possa serenamente affidare le cure del proprio figlio ad altri? Manca la voglia delle istituzioni di mettersi in gioco. Essere operatori sociali significa prendersi cura di un disabile come se fosse il proprio figlio. La fragilità dell educatore: l educatore non può sostituire il genitore. Il DURANTE NOI : Bisogna costruire una rete di relazioni. Il costruire una rete di confronto tra genitori è difficile. Le parrocchie sono in confusione. Le istituzioni devono essere responsabili. Gli operatori devono essere tenuti in gioco come professionisti.

7 CHI É LA REGIA DI QUESTA COMUNITÀ? Cercare di unire i diversi piccoli attori. Il COMUNICARE è importante, non bisogna arrivare all urgenza. Dal punto di vista delle istituzioni pubbliche c è una crescita dei servizi, un aumento di risorse economiche e dell attenzione rivolte dalle problematiche della disabilità. Bisogna costruire progetti sulle situazioni dove incasellare i vari bisogni. Sprazzi di idee: progetti di comunità educante; appartamenti protetti. Sono percorsi di autonomia, che richiedono fiducia, e che deve fare anche il genitore. E quando il percorso non c è? La solitudine e i dubbi. Bisogna creare un percorso ed evitare l istituto. La centralità della famiglia bisogna partire da lì, dai suoi bisogni. La famiglia deve esprimerli. Richiesta da parte della famiglia di un aiuto morale, tutela, empatia e, a volte, di umanità. Creazione e costituzione di un associazione che si occupi del durante e del dopo di noi.

8 Sessione Prima Gruppo B Chi ha proposto il tema Roberto Ranghetti (Ciaki) Chi ha partecipato al gruppo Cristina Albani Simone Breno Roberto Ranghetti (Ciaki) Davide Chisci SOSTENIBILITÀ DEI BISOGNI E DEI DESIDERI NEL LAVORO E NEL QUOTIDIANO La sostenibilità ha bisogno di essere condivisa tra più persone; è un primo passo per evitare il conflitto tra bisogni e desideri. Non è facile distinguere tra bisogni e desideri: è il desiderio che è il motore del bisogno, o è il bisogno che dà la spinta a realizzare un desiderio? Se riusciamo a rispondere a questa domanda forse riusciamo a pensare a cosa è la sostenibilità. Il bisogno è imprescindibile dal benessere della persona? La precarietà del nostro lavoro non aiuta a capire facilmente se è sostenibile la nostra condizione. Abbiamo tutti paura di non guadagnare abbastanza? Le ditte? Le persone? La passione nel lavoro è supportata dalla struttura dell'azienda: quale è il punto di incontro tra domanda e offerta, tra dipendente e azienda, tra desiderio e bisogno? Attualmente ci sono distanze tra questi poli. Stiamo vedendo servizi e molte cose che non sono sostenibili. Se il sistema non sta in piedi, se questi servizi se non sono sostenibili con vecchi sistemi, come è possibile trovare nuovi sistemi per sostenerli? Quale è il confine vero tra bisogni e desideri? Il bisogno ha necessità di essere oggettivato e condiviso. Abbiamo necessità di tenere collegati bisogni e desideri per sostenerci o essere sostenibili. Vorremmo celebrare il funerale di una fase che è conclusa; un funerale che diventa un momento per arrestarsi, riflettere e ripensare a come ricalibrare le vecchie idee o fa far nascere nuove idee che coniugano bisogni e desideri in un modo socialmente ed economicamente sostenibile. La rigidità di vecchi sistemi ti fa spendere di più rispetto a necessità o bisogni. Le risorse potrebbero essere utilizzate diversamente e per rispondere a più bisogni. Per questo c'è bisogno di fermarsi; per ricostruire i bisogni bisogna sentirli, e ai desideri che hai devi crederci, solo così puoi costruire azioni sostenibili.

9 Sessione Prima Gruppo D Chi ha proposto il tema Manuela COLLABORAZIONE CON LE FAMIGLIE NELLA PREPARAZIONE DEI PROGETTI E SINERGIE CON LE VARIE AGENZIE DEL TERRITORIO? L approccio alla co-costruzione dei progetti di vita ed educativi dei soggetti disabili è quello più usato come metodo di lavoro in quasi tutti i territori. L individuo al centro come portatore di bisogni taciti o espressi, con la richiesta di conoscere i propri diritti e svilupparli all interno della società dove abita. Fondamentale è la costruzione del processo insieme, dove agenzie educative territoriali e istituzioni si confrontano per trovare obiettivi comuni che favoriscono la crescita dell individuo e il suo inserimento nella comunità cittadina. Non è sicuramente possibile soddisfare tutti i bisogni, ma è fondamentale discuterne insieme per conoscerli e affrontarli. Ascolto, idee e azioni stanno alla base del progetto, e si devono inserire concretamente nella realtà. Spesso la difficoltà maggiori sta nell accogliere alcuni bisogni perché non fanno parte di molti. La comunità non è pronta a soddisfarli pienamente per cui bisogna creare i presupposti per fare in modo che si realizzano.

10 Sessione Prima Gruppo E Chi ha proposto il tema Valerio Ghilardi Chi ha partecipato al gruppo Valerio Ghilardi Silvia Cavalleri Enrico Parigi Roberta Naclerio Laura Brignoli Daniela Antonini Daniele Masini Monica Maffi Elena Coltella Sara Caccia Laura Lazzari Vanda Vanenti Sara Carissimi Marilisa Rizzi Alessio Depaoli Paola Mussinelli Clara Allieri Eleonora Poma SOSTENERE LA GENITORIALITÀ Ci sono progetti legati alla maternità, mentre c è un vuoto rispetto alla paternità, sia prima che dopo la nascita. Problema come genitore rispetto alla scuola che chiede partecipazione ai genitori, ma in modo preconfezionato ; c è poco spazio per il contributo attivo dei genitori: quali spazi di collaborazione? E su cosa? (solo sulla raccolta soldi, gite e lavoretti?) È possibile una collaborazione attraverso una progettazione condivisa? C è una chiusura della scuola rispetto alla partecipazione attiva del Comitato Genitori, una fatica a vederlo non solo in veste di collaboratore gestionale. C è un conflitto aperto tra scuola e genitori sul di chi è la colpa? Come evitare di arrivare alle superiori con questa domanda attraverso una condivisione degli obiettivi educativi della scuola e dei genitori sul bambino, visto che entrambi hanno a cuore la sua educazione? Serve un accompagnamento alle famiglie perché la responsabilità torni anche a loro come educatori. In alcuni casi i genitori delegano in toto alla scuola alcuni compiti educativi (es. educare all affettività, alla sessualità). Ci sono delle barriere reciproche di chiusura e di difesa tra scuola e genitori. Come genitore sarebbe importante poter conoscere gli obiettivi della scuola con più trasparenza non per avere potere decisionale, ma per poter conoscere e avere uno spazio di confronto, di incontro vero, di stimolo e arricchimento. Importante anche per il genitore conoscere gli statuti, i regolamenti, gli organi decisionali della scuola, per capire quali sono gli spazi giusti per far sentire la propria voce. Il tema del sostegno alla genitorialità, non riguarda solo la scuola, ma ha a che fare anche con la cultura generale della società rispetto a questo tema. Sarebbe importante creare con la scuola dei laboratori di visione sul bambino e sull educare. Quali opportunità di confronto per i genitori e supporto nella fase dell adolescenza quando il contenitore scuola sparisce? Quali opportunità di confronto per i genitori di adolescenti? Gli incontri di formazione sono una risposta sufficiente a soddisfare questo bisogno? In questo periodo di crisi economica e sociale, come operatori sociali, il ruolo importante è probabilmente più quello di facilitare e creare legami, elicitando le risposte dei diretti interessati, muovendo la solidarietà reciproca di famiglie che vivono lo stesso problema. C è un problema di mancanza di fiducia tra le famiglie stesse, un incapacità a mostrare i propri problemi, esprimere i propri bisogni forse per mostrarsi indipendenti e autosufficienti. Questo rende più difficile la solidarietà e l aiuto tra famiglie. Allo stesso tempo si aprono, in alcuni casi, situazioni di solidarietà straordinaria tra le famiglie. Come facilitare questi processi? Come facilitare la richiesta di aiuto da parte delle famiglie? Come far sì che la solidarietà nasca non solo attorno a un problema grave, eclatante, ma faccia più parte della quotidianità? Sembra che tutte queste riflessioni facciano riferimento a un cambio culturale. Come favorire questo cambio culturale? Attraverso cosa? Ricreare dei cortili virtuali come spazio di confronto sulle difficoltà quotidiane. Tornare ai cortili di una volta attraverso forme nuove (dibattiti, ludoteche, parchi, ecc.).

11 Sarebbe interessante pensare a spazi narrativi, di narrazione delle nostre realtà. La narrazione consente di mettere insieme elementi positivi e negativi delle cose, di conservare la memoria storica vedendo i processi di cambiamento del nostro modo di vivere. Non è sufficiente mettere insieme le persone negli spazi per generare cambiamenti, forse è necessario porre degli interrogativi, generare riflessioni sull educare, proporre interrogativi. Abbiamo probabilmente perso la capacità di mettere in comunione noi stessi con gli altri, se non in momenti estremi come la nascita e la morte, momenti nei quali le barriere sembrano cadere e sembra così facile metterci in comunione. Per imparare di nuovo questa capacità occorre creare spazi dedicati. Uscire dal confronto con gli altri, ci toglie la possibilità di vedere attraverso l altro i nostri limiti, ci creiamo una falsa illusione di indipendenza e onnipotenza. Quale soggetto può potrebbe promuovere spazi di incontro di questo genere? All interno dei servizi sarebbe importante avere una visione più ampia, meno settoriale e specifica, per poter trasformare il servizio in luogo d incontro, supportando forme spontanee di aggregazione e rafforzandole, al di là del ruolo specifico su cui il servizio lavora. I corsi di formazione per genitori spesso sono incentrati solo sul bambino, raramente sono pensati come luogo di incontro e spazio di confronto libero per i genitori e le coppie. Anche la scuola potrebbe essere uno dei luoghi in cui si propongono spazi di confronto: ci sono esperienze di riunioni di intersezione tra genitori e professori che si sono confrontati su cosa si potesse fare insieme per affrontare alcuni problemi emersi, con esito positivo. É necessario pensare a un luogo? Una volta pensato un luogo questo necessariamente porta dei limiti insiti nella sua natura, a volte si creano luoghi e rimangono vuoti. Il luogo può essere il punto di arrivo, la conseguenza di un cambio di prospettiva del singolo, del modo in cui mi pongo, la nascita. La solidarietà tra famiglie può nascere da famiglie più sensibili verso la fragilità che prendono iniziativa cercando di sensibilizzare altre famiglie a questo: caso di una scuola materna con un ammanco di bilancio a causa di dieci famiglie con difficoltà economiche che non pagavano la retta. Alcune famiglie hanno deciso di promuovere una specie di adozione a distanza, chiedendo ad altre famiglie di versare una piccola quota per coprire le rette di bambini che il Comune non era in grado di aiutare. Queste iniziative possono creare circoli virtuosi di solidarietà. Questo cambio di prospettiva nel senso di favorire legami e comunione può partire da parte di tutti gli attori della rete: il singolo servizio, la scuola, l operatore stesso. Anche come genitori è importante iniziare a mostrare la propria fragilità, a pensare che il dare e il ricevere sono la stessa cosa e che uno dà o riceve nel momento in cui ha la possibilità di fare l una e/o l altra cosa. L architettura edilizia stessa non favorisce più l incontro delle famiglie attraverso spazi condivisi. Esempio di flessibilità di un servizio educativo per la prima infanzia svizzero che avendo spazi giochi vuoti, ha mandato i propri educatori a lavorare presso i baby parking dei supermercato, creando nel tempo un servizio frequentato e di riferimento per i genitori. All interno dei servizi, a fine anno, quando si fa la verifica, chiedersi cosa si è messo in atto rispetto al sostengo della genitorialità, cosa è cambiato, cosa si è fatto e quali sono stati gli effetti di queste azioni. Sarebbe bello che anche le cooperative che si occupano di servizi diversi tra loro si mettessero in relazione, riconoscendo anch esse le fragilità reciproche e non lavorando in un ottica di competitività o di chiusura in se stessi.

12 Un altro tema interessante, che richiama alla reciprocità, è pensare a come un servizio possa diventare una risorsa per un altra associazione, per altre fragilità e viceversa queste fragilità possano essere esse stesse risorsa per il servizio. Il processo della discussione di gruppo è stato interessante: siamo partiti evidenziando criticità e problemi, con l idea che pensare ai bisogni fosse pensare soltanto alle cose che non vanno. Via via, il gruppo ha cominciato a raccontare esperienze di successo, di momenti in cui la comunione, la condivisione e la solidarietà sono stati possibili e hanno generato possibilità e cambiamento. Queste narrazioni ci hanno permesso di riaprire uno scenario di possibilità e di ri-alimentare il desiderio, allo stesso tempo siamo diventati capaci di trovare e pensare soluzioni. É importante che le iniziative positive divengano patrimonio condiviso, si conoscano e si diffondano perché questo ci restituisce la capacità di desiderare e di riappropriarci della speranza.

13 Sessione Prima Gruppo F Chi ha proposto il tema Daniela R. Chi ha partecipato al gruppo Silvana Adriana Cristiano Monica Michy Mary Sara A. Davide Marisa Emilio F. Rinaldo Paolo Davide BISOGNI ESPRESSI - BISOGNI NORMATIVI Nelle azioni di supporto, un fattore determinante per il successo è il coordinamento delle finalità tra i vari attori. Lo Stato esiste per rispondere a bisogni, dovrebbe avere già un 'idea informata dei bisogni, così non è. Questo determina che il diritto ad avere una risposta ai bisogni fondamentali dipende dalla sensibilità delle singole amministrazioni locali. Lo Stato impone il patto di stabilità e nello stesso tempo chiede che le amministrazioni debbano rispondere entro un quadro di rigidi limiti economici che mettono fortemente a rischio questa possibilità. L'idea di progettazione partecipata come strumento politico-metodologico difficile da tradurre nel contesto di riferimento. L'idea dei portatori d'interesse. Ci sono bisogni che non vengono espressi. Il significato di espressione dei bisogni non solo come esplicitazione verbale ma anche come comportamenti, stati, condizioni che testimoniano la presenta di un bisogno. I bisogni emergono nell'incontro con le altre persone. La vita attuale mette a rischio la soddisfazione di alcuni bisogni comuni, in modo particolare il bisogno di collettività, relazione... Ci sono aree di bisogno comuni a tutti gli esseri umani e ci sono bisogni molto specifici legati a condizioni particolari. Certi bisogni emergono (anche come emergenza) soprattutto quando la comunità non è attenta e solidale. L'ambivalenza dell'incontro motivato dalla risposta a un bisogno. L'esempio del volontario che fa la sua azione a beneficio delle persone, ma anche a suo beneficio. La risposta ai bisogni può essere quindi un'azione complementare. Si registra una perdita dell'idea e delle pratiche connesse alla comunità solidale. Uno dei grossi mali della nostra contemporaneità. la misura dell'anima : disuguaglianze sociale che generano problematiche scio-sanitarie che riguardano tutta la collettività. La rete delle istituzioni, molto pubblicizzata ma poco praticata. L'esempio della spesa per la residenzialità di un minore che finisce per pesare esclusivamente sul singolo comune. La rete come strumento di utilizzo efficace delle risorse e anche di elaborazione di nuove risposte che tengano conto dei nuovi fenomeni emergenti tra cui la mancanza attuale di risorse economiche. Estendere il principio a più soggetti, non solo tra istituzioni comunali. Serve sensibilità, ma anche competenza. Il tema della divisione sociale. É possibile che i vari attori sociali e istituzionali diano risposta ai bisogni secondo una logica di comunità, senza funzionare loro stessi come comunità? L'individualismo e la competizione esasperati. Al volontariato si chiede competenza, ma questo è incoerente rispetto alla mission del volontariato, inoltre il rischio è di delegare a questo ambito le azioni che potrebbe e dovrebbero essere promosse dalle istituzioni. Il tema della lungimiranza. Siamo più presi dall'emergenza/contingenza e poi non porta voti. É decisivo che si torni all'idea che i singoli cittadini le piccole collettività non stiano solo in attesa che avvenga qualcosa ma che sollecitino le istituzioni sui temi che riguardano tutti. La gente non s'indigna più.

14 Azioni utili alla lettura degli effettivi bisogni. Riconoscere la figura della persona soggetto del bisogno come autentico esperto del bisogno. La conversazione con gli interessati come opportunità e strumento professionale di individuazione e comprensione dei bisogni. La mappa dei poteri e dei compiti nella progettazione della risposta a un bisogno. Uscire dagli schemi prestabiliti, che una formazione specifica suggerisce. Riconoscere quanto di mio gioca nella definizione del bisogno (es. bisogni definiti sulla base delle risorse esistenti/inesistenti). La tecnologia del sociale. Riconoscere la complessità dei bisogni. Valutare il peso della sofferenza nella capacità di individuare ed esprimere il bisogno. Studiare la società. Sviluppare l'idea di bene comune.

15 Sessione Prima Gruppo G FAR CRESCERE E FORMARE UNA CULTURA DI APPARTENENZA ALLA COMUNITÀ PER FACILITARE E CREARE INSIEME UNA MIGLIORE RETE DI COMUNICAZIONE E COOPERAZIONE NELLA RICERCA DELLE RISPOSTE AI BISOGNI Chi ha proposto il tema Nadia Fenici Chi ha partecipato al gruppo Nadia Fenici Diego Bergamelli Manuela Crespolini Michela Vavassori Monica Migliorati Elena Manenti Sauro Plebani Stefano Zenoni Gianluigi Campana Claudia Rinaldi Si registra la propensione ad una dimensione intimistica del soggetto e della famiglia che si traduce in un atteggiamento egoistico nei confronti della collettività, sostanzialmente privata di una rete relazionale attiva e pro-attiva, propedeutica ad iniziative solidali spontanee e/o strutturate. Aleggia la coscienza non tanto della perdita di quel patrimonio relazionale, quanto piuttosto di una aumentata condizione di fragilità, personale e familiare che, ulteriormente, induce alla introversione. In un passato ormai lontano, una generalizzata condizione di bisogno favoriva le relazioni; la solidarietà aveva una dimensione spontanea e naturale. La successiva condizione di agiatezza, pur relativa, ha favorito una maggiore autonomia di soggetti e nuclei familiari, rispetto al contesto. Al presente, l'emergenza delle nuove fragilità è connotata da un vissuto di vergogna, che ostacola relazioni di aiuto e relazioni in senso lato. In carenza di una solidarietà istintiva, si devono ricercare e strutturare iniziative di solidarietà. Vinta la ritrosia, ci si rende, tuttavia, conto che la dimensione di gruppo, piuttosto che collettiva è di conforto e di aiuto al superamento di criticità intercorrenti, nonché di fragilità in senso lato. Due i volti di ogni ricetta di solidarietà: offrire aiuto, lasciarsi aiutare. Le due facce si possono vedere mediante un gioco di specchi, altrettanto necessario ai fini del buon esito di ogni iniziativa di solidarietà. La fragilità talora sotto forma di criticità - è, molto spesso, l'innesco della dimensione solidale, che emerge solo se provocata. Risvegliato dallo scandalo della provocazione, il sentimento di solidarietà del soggetto cresce e si consolida nella dimensione collettiva. Il riverbero di quel sentimento nell'ambito di un gruppo consente di superare le fragilità di ciascuno, con meccanismo di contagio persistente. È necessario che la dimensione della fragilità nella forma specifica della disabilità diventi precocemente occasione di esperienza per i bambini (scuola), così da suscitare, nella sua fisiologica spontaneità, il sentimento della solidarietà. Al contrario, il più moderno mito della indipendenza, considerata un plusvalore, rischia di condannare, di fatto, alla solitudine, quando sottende la presunzione di bastare a se stessi.

16 Un tempo la rete relazionale generata da una diffusa condizione di bisogno costituiva l'ordinario tramite della solidarietà. Ora, invece, sono i canali della solidarietà che aiutano alla ricostruzione di una struttura relazionale tra i membri di una collettività. Pubblicizzare il patrimonio generato in ciascuno dall'esperienza della solidarietà potrebbe favorire il reclutamento del volontariato. Bisogna sapersi lasciar provocare! É necessario che ciascuno sia disposto a fare la propria parte per smuovere il senso di comunità, non delegare gli altri ma prendersi le proprie responsabilità. METTENDO IN GIOCO E IN RETE OGNUNO LE PROPRIE CAPACITÀ SI PUÒ ARRIVARE A COSTRUIRE MEGLIO UNA RISPOSTA AI BISOGNI.

17 Sessione Prima Gruppo H Chi ha proposto il tema Flavio Valli Chi ha partecipato al gruppo Flavio Valli Massimo Gusmeroli Manos Spiliotis Giovanni Savoldi Domenica Rovelli BENE COMUNE: DESIDERIO/DESIDERI, DOVERE/DOVERI BENE COMUNE = dicotomia tra pubblico e privato. Pubblico: terra di nessuno. Privato: è roba mia e di nessun altro. Il passaggio è un processo formativo in itinere. Curare ciò che è pubblico come se fosse cosa propria a cui voler bene. Rispetto come rispecchiarsi: conoscere, riconoscere, accettare e condividere. Diritti e doveri: nel diritto mi aspetto qualcosa dagli altri passivamente, nel dovere metto e devo qualcosa all'altro. Il diritto acquisito serve per costruire le premesse per il dovere collettivo. Il BENE non come sto be. Ma il bene come: insieme di condizioni di vita di una società che favoriscono il benessere e il progresso umano di tutti i cittadini, riprendendo il Cardinal Martini. Risorse = SOLDI? BENE COMUNE = luogo confortevole, dove non mi espongo. Comune: Tra chi? Meno responsabilità? Cosa mi tocca? Cosa mi provoca e come mi realizzo? La pluralità come più della somma delle persone con una coscienza di sé. Le persone che si riconoscono in un senso comune come condividono e traducono i significati. Come la formazione personale si intreccia e sviluppa la formazione collettiva del bene comune. Il bene comune è rivolto anche al bisogno di autorealizzazione (sto bene se stanno bene anche gli altri). Bene comune non come sommatoria di categorie, ma si realizza solo nella pluralità delle differenze che creano valore aggiunto. Quali responsabilità abbiamo rispetto alle generazioni future: la testimonianza, i modelli, la relazione, la costruzione di punti di riferimento concreti, la traduzione del senso comune nell'agire intenzionale e finalizzato alla costruzione di legami. L'attesa è che ognuno faccia proprio questa corresponsabilità. Il nutrimento.

18 Sessione Prima Gruppo I IMMIGRAZIONE: SECONDA GENERAZIONE. SCUOLA, FAMIGLIA E LAVORO Scenari: generalmente il PRE-GIUDIZIO nei confronti dell IMMIGRAZIONE è diffuso. Negli anni passati c era più fermento e più interesse;è frustante vedere oggi che nella situazione di crisi, si perde ciò che è stato costruito in questi anni. Non è diventato un SISTEMA quanto fatto precedentemente. Chi ha proposto il tema Eleonora Bonetti Chi ha partecipato al gruppo Eugenio Torrese Maria Vulpoi Elisabetta Mascheroni Lorenzo Milesi Arlene Paparella Nada Charara Sonia Bhatti Vanessa Ghislanzoni Valentina Pesenti Eleonora Bonetti Danilo Bertocchi Sara Alborghetti Chiarire la differenza tra le situazioni di disabilità nei ragazzi e le difficoltà/differenze culturali che altri ragazzi migranti (l errore più grosso è confondere la disabilità con le difficoltà legate ad un viaggio migratorio che un minore vive). Difficoltà di integrazione dei ragazzi immigrati. Tema della seconda generazione: i ragazzi immigrati sono e possono essere una RISORSA. La seconda generazione è fortemente legata alla prima generazione (mamme che non parlano italiano, tradizioni di un altro paese, difficoltà di inserimento sociale); la seconda può essere un aiuto per la prima generazione. SCUOLA: luogo dell integrazione. Lo è? C è molta fatica da parte della scuola, per diverse ragioni: risorse che mancano; le iniziative si fanno ma sempre in orari altri (pomeriggio); come favorire l integrazione dei ragazzi stranieri? Ragazzi che escono dalla scuola dell obbligo: quale futuro? tema dell orientamento scolastico; la responsabilità della crescita di un minore è di tutti. Quali politiche generali: non c è una politica strategica di accoglienza dell immigrazione; oggi con i tagli delle risorse si attuano poche pratiche di accoglienza nei confronti dei ragazzi migranti neo arrivati. LAVORO: non ci sono strutture, risorse, progetti per aiutare i ragazzi ad essere orientati al mondo del lavoro; come evitare il fallimento scolastico e offrire altre occasioni per apprendimento di pratiche lavorative. Tema dell IDENTITÀ per i ragazzi: frammentazione tra essere legati alla tradizioni del proprio paese di origine e la quotidianità del vive in un paese diverso dal proprio. Integrazione non è più una scelta eticamente corretta ma è una necessità. Quale è la soglia di accettabilità? Ci vogliono dei tempi lunghi per l interiorizzazione dell accettazione. Bergamo: 10 anni di lavoro in cui migliaia di persone (associazioni, terzo settore, volontari ) si sono mosse sul tema immigrazione; terza città della regione con il più alto numero di stranieri. Oggi c è un evidente separazione tra NOI (ITALIANI) LORO (IMMIGRATI); si ragiona con una logica separatista: POPOLAZIONE A, quella degli italiani, e POPOLOZIONE B, quella degli immigrati

19 Necessità di avere uno sguardo lungo lungo nella naturale commistione che avverrà negli anni (coppie miste, terza generazione, studenti laureati migranti che porteranno nuovi saperi) ci sarà la possibilità di un miglioramento SPERANZA di un CAMBIAMENTO!!!

20 Sessione Prima Gruppo L Chi ha proposto il tema Annamaria Chi ha partecipato al gruppo Annamaria Laura S. Sara G. Mari Lorena Ma. Franco Ma. Danilo Lorena Me. L INTELLETTO CERCA MA È SEMPRE IL CUORE CHE TROVA All inizio di ogni pensiero la fatica è trovare l incontro tra mente e cuore alcuni dicono che la mente mente... Fatica ad ascoltare il cuore, debolezza nel porsi davanti alle situazioni. Istinto è sempre quello che vince impatto che ti fa scegliere è solo il cuore, l intelletto entra dopo qualsiasi strada che tu scegli va bene purché ci sia il cuore Forza e debolezza recuperare pezzo del cuore fondamentale per fare ogni scelta. Maschile Vs femminile società maschile spinta su intelletto e calcolo poco femminile, poco cuore, per assurdo donne al comando poi invece entrano nella stessa mentalità del maschile, dell intelletto e non portano il loro vero contributo. Come parlare di questo tema senza scadere nella letterina dei giornaletti e riviste rosa o testi di canzone di Sanremo??? Con ruoli di tipo decisionale c è molto sbilanciamento verso intelletto, più devi decidere e più intelletto ci devi mettere Differenza tra decisioni private o pubbliche/lavorative decisioni più in fretta, soprattutto se alta la responsabilità organizzativa, compromessi? Cambiare i modelli sulle piccole cose, sul quotidiano: mi prendo del tempo per ascoltare e sentire chi lavora con me, perché non posso decidere subito e da solo! L intelletto ti costruisce le difese che il cuore non ti dà! Lotta continua tra intelletto e cuore/pancia! Ma se uso troppo il cuore? Le regole che fatica! Buona mediazione tra l uno e l altro, come? Ragionare con il cuore non significa essere deboli. Serve comunque essere determinati. Cuore è apertura dell anima che fa fare fatica!!!!!!! Muoverci in maniera diversa che ci permetta di avere risultati equivalenti senza usare solo intelletto il valore sociale aggiunto che ottengo mi compensa dei risultati economici/politici/lavorativi non ottenuti. Solidarietà sociale cuore, valore aggiunto personale, non intelletto. Ma la scelta più giusta può venire dal connubio tra pancia e razionale? Ci credo e ci spendo tempo e risorse, altrimenti non lo faresti! È la base del lavoro nel sociale. Concederci delle cose che ci permettono di aprirci agli altri contaminazione, gli incontri si basano sullo scambio, conosci una persona per il pezzo di lei che scambia con te, bello o brutto che sia. Non è giusto o scontato doverci mettere di più invece In qualunque tipo di lavoro non solo nel sociale ci devi mettere il pezzo del cuore

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE:

L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: L INTERVISIONE COME STRUMENTO E SOSTEGNO PER IL FACILITATORE: CARATTERISTICHE, SIGNIFICATO E POTENZIALITA' Villa d Almè, ottobre-novembre 2015 Maria Coelli 1 La supervisione e l'intervisione -Per supervisione

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it

Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali. Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Conflittualità relazionali fra impegni familiari e impegni professionali Rosa Maria Nicotera www.consorziomediana.it Gli interventi a sostegno dei legami familiari e alla conciliazione positiva dei conflitti

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI

GRUPPI DI INCONTRO per GENITORI Nell ambito delle attività previste dal servizio di Counseling Filosofico e di sostegno alla genitorialità organizzate dal nostro Istituto, si propone l avvio di un nuovo progetto per l organizzazione

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015

ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 ASILO NIDO NAVAROLI PIANO DI OFFERTA FORMATIVA (P.O.F.) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 INDICE Il Piano dell Offerta Formativa 1 Presentazione del Asilo Nido Navaroli 1-2 La nostra idea di bambino 3 Partecipazione

Dettagli

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018

Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Tavoli TemaTiCi 2015 Programma di sviluppo della partecipazione comunitaria alla definizione del PlUS 2016/2018 Comunità solidale, welfare di tutti: costruiamo insieme il piano dei servizi alla persona

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA

CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA CONTRATTO FORMATIVO SCUOLA DELL INFANZIA Le nostre scuole dell'infanzia, in continuità con le scelte già espresse nel POF, hanno definito, attraverso una riflessione avvenuta in più incontri tra genitori

Dettagli

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3

Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione. Scuola dell infanzia - Anni 3 Curricolo verticale di Cittadinanza e Costituzione Scuola dell infanzia - Anni 3 A Identità e appartenenza. A1 Percepire e riconoscere se stesso. A1Mi conosco attraverso giochi motori sul corpo. A2 Saper

Dettagli

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto

(Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013. Presentazione del progetto (Legge regionale n. 1/08, Capo II) BANDI 2012-2013 Presentazione del progetto LA CURA DELL INCONTRARSI: lo stare insieme di bambini e famiglie a Moglia e a Pegognaga per superare l ombra della calamità

Dettagli

La nostra idea di bambino...

La nostra idea di bambino... Conservare lo spirito dell infanzia Dentro di sé per tutta la vita Vuol dire conservare la curiosità di conoscere Il piacere di capire La voglia di comunicare (Bruno Munari) CITTÀ DI VERCELLI Settore Politiche

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE

PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE PARTIAMO DA ALCUNE DOMANDE Esiste l immagine del disabile intellettivo come persona adulta nella mia mente? Quali sono i maggiori ostacoli che i famigliari/ operatori incontrano nella costruzione di un

Dettagli

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza

A cura di Roberta Ferdenzi, componente del Coordinamento pedagogico provinciale di Piacenza Provincia di Piacenza Settore Sistema Scolastico e servizi alla persona e alla comunità RIFLESSIONI SUL LAVORO DEL COORDINATORE CHE OPERA PER FACILITARE, SUPPORTARE, SVILUPPARE LA CRESCITA PROFESSIONALE

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE

COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE 1 COS E IL MICRONIDO PICCOLI PASSI E COSA OFFRE La Scuola dell Infanzia Silvio Moretti offre il servizio di Micro-nido ai bambini residenti e non, in età compresa dai 18 ai 36 mesi. Il nido nasce per far

Dettagli

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI

AZIENDA SPECIALE CONSORTILE. Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI AZIENDA SPECIALE CONSORTILE Isola Bergamasca - Bassa Val San Martino territoriale per i servizi alla persona SCUOLA DI VITA ADULTA AUTONOMA ESPERIENZE DI WEEK END IN AUTONOMIA. OTTOBRE DICEMBRE 2009 COOPERATIVA

Dettagli

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI

TRE ANNI TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI TRE ANNI S.A. 1 S.A. 2 S.A. 3 S.A. 4 S.A. 5 TRAGUARDI per lo sviluppo delle competenze OBIETTIVI di apprendimento CONTENUTI IL BAMBINO GIOCA IN MODO COSTRUTTIVO E CREATIVO CON GLI ALTRI, SA ARGOMENTARE,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona

P.A.U. Education / Col.legi Miró, Barcelona 3 È possibile ricreare dei rapporti intergenerazionali reali attraverso attività in cui bambini e anziani, in uno stesso spazio, imparino gli uni dagli altri in uno scambio di esperienze. Un incontro di

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo

Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo Dal progetto educativo alla creazione di reti relazionali Elena Mignani Casa di Riposo S. Giuseppe -Casnigo La forza autentica della scoperta e dell incontro con l altro può essere solamente la fede in

Dettagli

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO

LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO ANNO SCOLASTICO 2014 2015 LA CONTINUITA EDUCATIVA E L ORIENTAMENTO Un ponte per unire: in viaggio con Ulisse SCUOLA DELL INFANZIA - SCUOLA PRIMARIA- SCUOLA PRIMARIA - SCUOLA SECONDARIA DI I GRADO Venite

Dettagli

Accogliere Una Mamma. Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini.

Accogliere Una Mamma. Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini. Casa Letizia Accogliere Una Mamma Casa Letizia è nata nel 1988, 26 anni fa, come casa per accogliere mamme in difficoltà con i loro bambini. Casa Letizia ha accolto finora più di 70 mamme e 121 bambini.

Dettagli

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA

Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA Corsi sulle: TECNICHE DI VENDITA 1. programmazione e strutturazione dell intervista: gli argomenti da scegliere per ciascun cliente 2. la presa di contato con il cliente: tecniche di aggancio o di approccio

Dettagli

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni

Milano, 9 novembre 2013. Vincenzo Saturni Milano, 9 novembre 2013 Vincenzo Saturni 1 La carta etica: perché e per chi? Avis opera da 86 anni per diffondere una cultura solidale tra i cittadini su tutto il territorio nazionale. E sin dal momento

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale

ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale ASSISTENZA DOMICILIARE GARANZIA DI UN AMBIENTE DI SOSTEGNO: il ruolo del servizio sociale territoriale INTRODUZIONE L'orientamento progettuale della domiciliarità: 1. diversificazione di interventi e servizi

Dettagli

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica

Progetto. Educazione alla salute e psicologia scolastica Progetto Educazione alla salute e psicologia scolastica Il progetto di psicologia scolastica denominato Lo sportello delle domande viene attuato nella nostra scuola da sei anni. L educazione è certamente

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero

delle persone si riferiva alle persone Down chiamandole mongoloidi e l idea più diffusa era quella di persone ritardate mentalmente che sarebbero DIVENTARE GRANDI: LA CONQUISTA DELL AUTONOMIA Anna Contardi annacontardi@aipd.it Associazione Italiana Persone Down Viale delle Milizie 106-00192- Roma - Italy In Italia 1 bambino ogni 1200 nasce con la

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA

Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Proposta di intervento rieducativo con donne operate al seno attraverso il sistema BIODANZA Tornare a «danzare la vita» dopo un intervento al seno Micaela Bianco I passaggi Coinvolgimento medici e fisioterapiste

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene

Ciao, avevo bisogno di una mano per stare bene Cooperativa Sociale Mission. Promuovere e perseguire lo sviluppo d autonomie di persone con svantaggi psicofisici, favorendo l integrazione e la cultura dell accoglienza nella comunità locale, attraverso

Dettagli

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro

Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro Alternanza scuola e lavoro al Vittorio Veneto un ponte verso il futuro 1 Laboratorio della conoscenza: scuola e lavoro due culture a confronto per la formazione 14 Novembre 2015 Alternanza scuola e lavoro

Dettagli

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia

Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola /Famiglia Istituto Comprensivo - Monte Urano Via Vittorio Alfieri 1 - Monte Urano - prov. Ascoli Piceno - cap.63015 telefono 0734/840605 Fax 0734/840880 Per costruire e migliorare il rapporto di collaborazione Scuola

Dettagli

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi.

centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. centro servizi per la famiglia Mediazione Familiare e Laboratori Espressivi. PERCHÈ LA MEDIAZIONE FAMILIARE Nella storia della coppia la separazione, anche se non prevista, qualche volta è inevitabile.

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO

SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO SPORTELLI D ASCOLTO PSICOLOGICO Il Centro di Psicoterapia e Psicologia Clinica è un Associazione Professionale di psicoterapeuti di formazione psicoanalitica e di psicologi clinici che opera nell ambito

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM

Sex: The Teen App! IL NOSTRO TEAM Sex: the Teen App! IL NOSTRO TEAM Sono una psicologa di 33 anni, lavoro nel campo della formazione sia con adulti che con minori. Mi interesso inoltre di benessere sessuale, lavorando in questo ambito

Dettagli

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola

Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Competizione? No, Collaborazione! Come educatori e insegnanti possono rispondere, insieme, alla complessità del sistema Scuola Obiettivi del workshop Fornire stimoli di riflessione e suscitare domande

Dettagli

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA

REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA REGOLAMENTO SOSTEGNO A DISTANZA Principi, obiettivi e istruzioni IL SOSTEGNO A DISTANZA che cos è Con il termine Sostegno a Distanza si vuole convenzionalmente indicare una forma di solidarietà, oggi molto

Dettagli

Mario Basile. I Veri valori della vita

Mario Basile. I Veri valori della vita I Veri valori della vita Caro lettore, l intento di questo breve articolo non è quello di portare un insegnamento, ma semplicemente di far riflettere su qualcosa che noi tutti ben sappiamo ma che spesso

Dettagli

e ilgioco com inciò..

e ilgioco com inciò.. e ilgioco com inciò.. PROGETTO EDUCATIVO 1.1 PRESENTAZIONE GENERALE Il progetto CRD si rivolge a bambini/e e ragazzi/e della scuola primaria e secondaria di primo grado del paese con attività diurne presso

Dettagli

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe

PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Allegato DGC 110/2015 PROGETTO di ACCOMPAGNAMENTO EDUCATIVO POMERIDIANO Fuori Classe Premessa Negli ultimi anni si sta registrando una presenza di alunni che manifestano, all ingresso della scuola primaria

Dettagli

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300

Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA. Via Besenghi, 27. 34143 Trieste. Tel - Fax 040 300300 L'ARCA - CONSORZIO SERVIZI PER L'INFANZIA ASSOCIAZIONE FORMAZIONE EDUCATORI Via della Guardia 18 34100 Trieste Tel. 040 3478485/3499020 Fax. 040 3485453 IL NOSTRO SISTEMA il guscio cooperativa sociale

Dettagli

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia)

IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) IL NOSTRO PERCORSO OPERATIVO (8 comuni del Veneto gruppi di nidi e scuole del infanzia) modalità e mezzi per organizzare il lavoro didattico sull intercultura e sulla fiaba con i bambini, i genitori e

Dettagli

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia

Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Società Italiana di Psiconcologia Sezione Toscana Giornata Studio Medicina Narrativa In Oncologia Rappresentazione di sé e evento malattia Dr.ssa Valentina Panella Psicologa - Psicoterapeuta Firenze, 6

Dettagli

EDUCARE AL VOLONTARIATO

EDUCARE AL VOLONTARIATO EDUCARE AL VOLONTARIATO ASSOCIAZIONI E FAMIGLIE IN RETE MEETING EDUCAZIONE SCOGLITTI - SICILIA 7-9 DICEMBRE 2012 PER EDUCATORI VOLONTARI UN ALLEANZA VINCENTE A PARTIRE DAL RICONOSCIMENTO RECIPROCO Le agenzie

Dettagli

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno

Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Un alleanza per i diritti dei bambini e degli adolescenti del Mezzogiorno Crescere al Sud rappresenta un luogo d incontro tra realtà diverse, nazionali e locali, che hanno deciso di mettere in comune le

Dettagli

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE

Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE Progetto regionale Cittadini sempre SCHEDA INTERVENTO LOCALE DENOMINAZIONE INTERVENTO Cittadini sempre Modena Formare cittadinanza accogliente. Formazione congiunta per coprogettare percorsi di accoglienza

Dettagli

POLO EDUCATIVO CITTADINO Analisi degli ostacoli AREA RELAZIONE (problem setting)

POLO EDUCATIVO CITTADINO Analisi degli ostacoli AREA RELAZIONE (problem setting) POLO EDUCATIVO CITTADINO Analisi degli ostacoli AREA RELAZIONE (problem setting) 1 Quali sono le dimensioni rilevanti di questo ostacolo: LA RELAZIONE EDUCATIVA è SALTATA? 1. Unico preside con molti insegnanti

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA

COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA COMITATO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA ASSOCIAZIONI CHE PARTECIPANO ALLA GESTIONE IN RETE DEL PROGETTO. UISP Comitato regionale ER (capofila) Arci Comitato regionale Emilia Romagna CSI Comitato regionale Emilia

Dettagli

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e

A.S. 2015/2016. RAPPRESENTANZA, RESPONSABILITA, PARTECIPAZIONE (punti di forza e SEMINARIO RESIDENZIALE Percorso di formazione per i rappresentanti in Consulta Provinciale degli Studenti Centro Don Chiavacci Crespano del Grappa 3-4 novembre 2015 A.S. 2015/2016 Premessa A conclusione

Dettagli

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540

FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI. Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 FONDAZIONE SCUOLA MATERNA FRANCESCO GALLICCIOLLI Via A.Locatelli,25 Rovetta (BG) Tel.0346/72027 - Fax 0346/76540 e-mail: scuolamaternarovetta@virgilio.it Sito: www.asilogallicciolli.191.it Il PROGETTO

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi

Diana Dimonte. L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo. Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi L affido: dall infanzia all adolescenza, un percorso alternativo Un aiuto per capire, crescere, ritrovarsi In occasione del Convegno sull affido Genitori di scorta si nasce o si diventa? - Strade e percorsi

Dettagli

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA

REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA REGIONANDO 2000 REGIONE VENETO AZIENDA ULSS 18 ROVIGO SOSTEGNO ALLA RELAZIONE MADRE - BAMBINO NEL 1 ANNO DI VITA La nascita di un figlio rappresenta per il sistema familiare l ingresso in una nuova fase

Dettagli

YouLove Educazione sessuale 2.0

YouLove Educazione sessuale 2.0 YouLove Educazione sessuale 2.0 IL NOSTRO TEAM Siamo quattro ragazze giovani e motivate con diverse tipologie di specializzazione, due psicologhe, una dottoressa in Servizi Sociali e una dottoressa in

Dettagli

Donna Ì : un milione di no

Donna Ì : un milione di no Ì : un milione di no IL NOSTRO TEAM Siamo un trio ma siamo anche una coppia di fidanzati, due fratelli, due amici che da qualche anno convive e condivide esperienze di vita ma anche interessi sociali e

Dettagli

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA

PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA PROMEMORIA PER MAMMA E PAPA Anno scolastico 2014 2015 1 Lettera aperta ai genitori Cari genitori, data la necessità di realizzare insieme a voi le condizioni migliori per favorire un buon inserimento del

Dettagli

A cura di Maria Alessandra

A cura di Maria Alessandra PROGETTO GENITORI: - CORSO DI FORMAZIONE ED. AFFETTIVO-RELAZIONALE - CINEFORUM A cura di Maria Alessandra PREMESSA L'ipotesi di questo progetto nasce da una visione più ampia e integrativa dell'educazione

Dettagli

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011

Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 Diventare affidatari DOCUMENTO DEL COORDINAMENTO NAZIONALE SERVIZI AFFIDI n.8 / 2011 1 PREMESSA Il CNSA riconosce e valorizza le specificità di ciascun Ente Locale, delle singole professionalità e delle

Dettagli

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria

Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria Affidi al servizio sociale, inserimenti in comunità, coinvolgimento autorità giudiziaria 2008 2009 2010 Decreti Affidi servizio sociale 172 210 195 Inserimenti in comunità 49 (+15 madri) 33 (+12 madri)

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono:

Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: Le FINALITA del percorso curricolare all interno della Scuola dell Infanzia sono: 1. CONSOLIDAMENTO DELL IDENTITA : Imparare a sentirsi bene e a sentirsi sicuri nell affrontare nuove esperienze in un ambiente

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale

Le caratteristiche dell adolescenza. Problematiche tipiche del contesto attuale Le caratteristiche dell adolescenza Problematiche tipiche del contesto attuale Le mete da raggiungere L obiettivo è la maturità: Fisica (corpo e capacità di generare) Mentale (generalizzazione e astrazione)

Dettagli

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE

Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno Assessorato alle Politiche Sociali Sintesi del PROGETTO FAMILIARMENTE Comune di Codogno - Centro Servizi Sociali Pag. 1 di 5 La Responsabile del Servizio e del Procedimento: A.S. Tassi

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI

PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI PARROCCHIA DELLA B.V. DEL CARMINE UDINE AVVENTO 2015 ANIMAZIONE DELLE MESSE DA PARTE DEI BAMBINI DELLE ELEMENTARI Quarta Domenica di Avvento 20 dicembre 2015 Accensione della Candela della Corona dell

Dettagli

Le Donne: il motore della vita

Le Donne: il motore della vita Le Donne: il motore della vita Il team di questo progetto è composto da me stessa. Sono una giovane laureata in Giurisprudenza e praticante avvocato, molto sensibile e attenta al tema riguardante la violenza

Dettagli

Questionario di fine modulo Accoglienza

Questionario di fine modulo Accoglienza Questionario di fine modulo Accoglienza Si propongono di seguito n. 18 di domande chiuse con 4 possibili risposte. Solo una risposta è corretta. Le domande sono state divise in 4 sezioni (A, B, C, D).

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca MOTIVAZIONI Educativa Metodologica Esistenziale Sociale Ambientale Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale C. CARMINATI Scuola Primaria e Scuola Secondaria di 1 grado Via Dante 4 21015 - LONATE POZZOLO (VA) Tel 0331/66.81.62

Dettagli

Comunità della Paganella

Comunità della Paganella COMUNITÀ della PAGANELLA PROGETTO Sportello Donna Comunità della Paganella Gennaio 2013 PREMESSE Nel 2011 la Comunità della Paganella ha elaborato il progetto intitolato La conoscenza delle donne, nell

Dettagli

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO

UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO UNA VISIONE DELL ADOZIONE E DELL AFFIDAMENTO Benedetta Baquè Psicologa - Psicoterapeuta I BISOGNI DEI BAMBINI E DEI RAGAZZI Ogni bambino ha diritto a crescere in una famiglia, la propria o se questa non

Dettagli

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile

Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Manifesto TIDE per un Educazione allo Sviluppo accessibile Pagina 2 Contenuto Il progetto TIDE...4 Il manifesto TIDE...6 La nostra Dichiarazione...8 Conclusioni...12 Pagina 3 Il progetto TIDE Verso un

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli