Documento del Consiglio di classe

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento del Consiglio di classe"

Transcript

1 Documento del Consiglio di classe Classe 5C Servizi Commerciali opzione Promozione Pubblicitaria a.s Dirigente Scolastico Coordinatore di classe Prof.ssa Anna Gennari Prof.ssa Alessandra Maccari

2 INDICE Indice 2 Consiglio di classe 3 Profilo sintetico della classe. 4 Presentazione della classe. 4 Profilo professionale di indirizzo. 6 Obiettivi 7 Contenuti. 8 Metodi. 8 Mezzi 9 Attività di supporto. 9 Attività di orientamento 10 Attività extracurricolari 11 Alternanza scuola-lavoro (stage aziendale) 13 Criteri di attribuzione del credito scolastico e del credito formativo Tabella credito scolastico. 15 Simulazioni Allegati Elaborato ed approvato dal C.d.C. della 5C Servizi Commerciali opzione Promozione Pubblicitaria il 15/05/2015 ai sensi e per gli effetti del DPR n 323.

3 IL CONSIGLIO DI CLASSE Dirigente scolastico Italiano Storia Inglese Matematica Tecniche professionali servizi commerciali (Aziendale) Tecniche professionali servizi commerciali (Grafica) Tecniche professionali servizi commerciali (Grafica) Seconda Lingua straniera Francese Seconda Lingua straniera Spagnolo Storia dell Arte Tecniche di comunicazione Scienze motorie e sportive Religione Sostegno Sostegno Gennari Anna Furlani Mariangela Mazzacchera Isabella Maccari Alessandra Peroni Mara Spendolini Nicoletta La Torre Pasquale Virgulti Donatella Chirico Antonella Rossi Giovanni Isacchi Mauro Sansoni Ottavio Ucci Anna Maria Bartoli Elisa De Marchi Paola supplente Piccardoni Agnese Firma Pag. 3

4 PROFILO SINTETICO DELLA CLASSE La continuità didattica, nel biennio quarta e quinta, si è conservata soltanto per le discipline Italiano, Storia, Tecniche professionali dei servizi commerciali (Grafica), Francese, Spagnolo. Nella classe sono inseriti tre alunni con disabilità: due di essi seguono una programmazione per obiettivi minimi mentre un terzo allievo segue una programmazione per obiettivi minimi per le sole discipline Inglese e Tecniche professionali dei servizi commerciali (Aziendale). Nella classe sono inoltre inseriti tre alunni con DSA di diversa origine e importanza per i quali vengono attuati accorgimenti didattici specifici. In linea generale sono state confermate le caratteristiche della classe già emerse negli anni scolastici precedenti. L atteggiamento degli alunni durante le lezioni è risultato poco disposto all ascolto e scarsamente collaborativo, a volte ai limiti dell indisciplina; pertanto l attività didattica ha avuto sempre uno svolgimento difficoltoso e un carattere quasi impositivo risultando nel complesso piuttosto dispersiva. Particolare apprensione ha anche destato la situazione delle assenze, numerose e diffuse, che ha richiesto un monitoraggio continuo con conseguenti interventi di richiamo e che ha contribuito a rallentare e frammentare lo svolgimento dei programmi. Per quanto riguarda le capacità di analisi e di rielaborazione, nonostante la presenza di alcuni alunni con discrete potenzialità, il livello medio della classe si è rivelato modesto: da questo è derivata una generale mancanza di autonomia che ha reso il processo di apprendimento lento ed eccessivamente guidato. Oltre alle difficoltà interpretative sono emersi limiti considerevoli nell impegno e nell organizzazione dello studio autonomo, pertanto il lavoro di preparazione ha richiesto interventi didattici ripetitivi, con tempi prolungati di esposizione degli argomenti e di preparazione delle verifiche. Nel complesso la qualità generale dell apprendimento appare poco organica e consapevole. Risultati migliori sono stati invece ottenuti nelle discipline dell area professionalizzante in cui molti alunni hanno mostrato una maggior motivazione e capacità di lavoro sia nello sviluppo di progetti individuali o di classe che nella partecipazione a vari concorsi. PRESENTAZIONE DELLA CLASSE La composizione della classe è più volte cambiata nel corso dei cinque anni determinando talora difficoltà e tensioni nel rapporto interpersonale tra gli alunni. Il gruppo classe è composto da 28 alunni: 26 sono provenienti dalla classe quarta del precedente anno scolastico; un alunno ha interrotto due anni fa la frequenza della classe quinta e si è di nuovo iscritto nel corrente anno scolastico; un altro alunno proviene da un diverso Istituto, si è iscritto inizialmente alla classe quinta dell indirizzo Aziendale e si poi trasferito alla quinta dell indirizzo Grafico verso la fine del mese di ottobre. Gli esiti della promozione in quinta sono riassunti nella tabella seguente: Pag. 4

5 MATERIA ESITO PROMOZIONE IN QUINTA Debito formativo Voto finale 6 Voto finale 7 Voto finale 8 Voto finale > 8 Italiano Storia Inglese Matematica TPSC (Aziendale) TPSC (Grafica) Seconda Lingua straniera Francese Seconda Lingua straniera Spagnolo Storia dell Arte Tecniche di comunicazione Scienze motorie e sportive Al termine del primo periodo si è avuta la seguente situazione media generale: VALUTAZIONI MEDIE DEL PRIMO PERIODO MATERIA M < 6 M = 6 6 < M 7 7 < M 8 M > 8 Italiano Storia Inglese Matematica TPSC (Aziendale) TPSC (Grafica) Seconda Lingua straniera Francese Seconda Lingua straniera Spagnolo Storia dell Arte Tecniche di comunicazione Scienze motorie e sportive Pag. 5

6 PROFILO PROFESSIONALE DI INDIRIZZO Nell opzione Promozione Pubblicitaria vengono identificate, acquisite ed approfondite competenze specifiche nell area dei servizi di comunicazione e promozione delle vendite ed in quella progettuale e tecnologica; tali competenze consentono l inserimento in ogni settore operativo della comunicazione visiva e pubblicitaria. Il diplomato sa elaborare progetti relativi alla produzione editoriale ed alla comunicazione pubblicitaria, e sa utilizzarne i mezzi ed i veicoli più idonei tenendo conto degli effetti psicologici e delle esigenze economiche di una realtà in continua trasformazione. Conosce le regole e le strategie della comunicazione pubblicitaria e sa utilizzarle in tutte le sue componenti in modo coerente ed unitario. Conosce le tecnologie tradizionali ed attuali della produzione di immagini e del trattamento dei testi e sa usare il graphic computer ad un livello avanzato. Può quindi inserirsi a vari livelli nella realtà produttiva di studi grafici, agenzie pubblicitarie, imprese industriali e artigianali del settore sia come tecnico del visual che come creativo. Il diplomato, a conclusione del corso, consegue i risultati di apprendimento di seguito specificati in termini di competenze: Individuare le tendenze dei mercati locali, nazionali e internazionali Individuare e comprendere i movimenti artistici locali, nazionali e internazionali Interagire nel sistema azienda, riconoscerne gli elementi fondamentali, i diversi modelli di organizzazione e di funzionamento Interagire nell area della gestione commerciale per le attività relative al mercato, alla ideazione e realizzazione di prodotti coerenti con le strategie del marketing e finalizzate al raggiungimento della customer satisfaction Interagire col sistema informativo aziendale anche attraverso l uso di strumenti informatici e telematici Interagire nei contesti produttivi del settore utilizzando tecniche e strumentazioni adeguate Pag. 6

7 OBIETTIVI Obiettivi formativi e comportamentali Capacità di relazionarsi con gli altri e di effettuare scelte senza condizionamenti (autonomia); Rispetto degli spazi comuni e delle strutture scolastiche; partecipazione costruttiva alle iniziative di Istituto e utilizzo consapevole delle ore autogestite (responsabilità); Corrispondenza di atteggiamenti tra il livello verbale e quello comportamentale; Riconoscimento delle proprie contraddizioni e acquisizione della capacità di superamento delle stesse (coerenza); Potenziamento della capacità di autocontrollo; Miglioramento della capacità di inserirsi positivamente nella classe e nell ambiente scolastico. Obiettivi cognitivi rafforzamento della capacità di ascolto e di memorizzazione; rafforzamento della capacità di lettura, di comprensione e di saper prendere appunti; capacità di contestualizzare; capacità di rielaborare in modo critico e personale i contenuti delle discipline; rafforzamento della proprietà di linguaggio. Obiettivi professionali conoscenza della cultura storica ed artistica di base; conoscenza scritta e parlata della lingua inglese; conoscenze delle tecnologie delle produzioni visive tradizionali e moderne; capacità di coniugare gli aspetti formali della professione con quelli pratici applicativi e comunicazionali; padronanza delle tecniche operative di base dei mezzi espressivi e degli strumenti informatici; capacità di ordinare gli strumenti della comunicazione al fine di produrre i messaggi visivi che la diffondono attraverso conoscenze scientifiche; Pag. 7

8 capacità di leggere e di interpretare autonomamente eventi, problematiche, tendenze del mondo circostante; padronanza dei mezzi espressivi e delle capacità comunicative; flessibilità e disponibilità al cambiamento; comportamento improntato alla tolleranza all autocontrollo e al senso della misura; consapevolezza del proprio ruolo e capacità di impegnarsi a fondo. CONTENUTI I contenuti delle singole discipline sono analiticamente elencati nei programmi effettivamente svolti e allegati al presente documento. METODI Valorizzazione dell alunno nel processo di apprendimento; Tecniche di creazione della motivazione; Strutturazione modulare dei contenuti; Lettura e analisi di documenti per la costruzione di quadri culturali e/o tecnici; Lettura come occasione di dibattito e confronto di ipotesi interpretative; Produzione individuale o collettiva di schemi riassuntivi e mappe concettuali; Ricerca individuale e/o di gruppo; Stesura di testi di varia tipologia; Stesura di relazioni tecniche; Problem solving; Incontri con esperti (ambito culturale, sociale, tecnico); Elaborazioni di progetti disciplinari. Pag. 8

9 MEZZI LIM; Laboratori informatici, linguistici; Internet; Libri di testo; Materiale fotocopiato; Dizionari; Film, prodotti audiovisivi e multimediali; Cd musicali. ATTIVITA DI SUPPORTO Recupero, sostegno e potenziamento Gli interventi di sostegno e di recupero delle insufficienze riportate nel primo periodo sono stati attivati per sostenere gli alunni in difficoltà in relazione agli argomenti programmati. Per le discipline Italiano, Storia e Spagnolo sono stati attivati sportelli didattici, mentre per tutte le altre discipline il recupero è stato realizzato in itinere o utilizzando le due settimane di sospensione didattica programmate nel mese di gennaio. La verifica è stata attuata in concomitanza con le interrogazioni e i compiti in classe al termine delle attività di recupero. Durante il mese di maggio è stato attivato uno sportello ad inviti per la disciplina Tecniche di comunicazione con lo scopo di favorire gli approfondimenti e di fornire assistenza nel lavoro di preparazione all esame. Pag. 9

10 ATTIVITA DI ORIENTAMENTO Sono state effettuate visite presso l Università di Urbino, l Accademia di Belle Arti e l ISIA di Urbino con l obiettivo di presentare agli alunni interessati tutte le informazioni a riguardo di una scelta di percorso di studi di tipo universitario; Visita alle strutture del Centro per l impiego di Fano; Partecipazione a Young International Forum 2015 svolto a Rimini; Incontro con l imprenditrice Emanuela Scavolini, Vice-presidente di Scavolini S.p.a. con l obiettivo di formare alla cultura del lavoro e stimolare la capacità di pianificare e gestire progetti d impresa; Servizio di consulenze orientative (placement scolastico) rispetto alle future scelte lavorative o universitarie attraverso il test ALMAORIENTATI, il software SORPRENDO, la compilazione del curriculum vitae su cliccalavoro.gov.it nell ambito del progetto FIXO. Tutto questo ha costituito un importante esperienza formativa sia per quanto riguarda la comunicazione e le relazioni interpersonali, aspetti fondamentali di qualsiasi attività professionale, sia per l inserimento nel mondo del lavoro. Pag. 10

11 ATTIVITA EXTRACURRICOLARI Progetti Quotidiano in classe a cura della Prof.ssa Furlani; Progetto sulla legalità promosso dalla Camera di Commercio di Pesaro e Urbino con produzione di materiale pubblicitario contro la contraffazione di marchi e prodotti coordinato dalla Prof.ssa Spendolini e nel cui ambito si è svolto anche un incontro con il Comandante del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Fano; Storie Straordinarie coordinato dalla Prof.ssa Spendolini, consistente nella progettazione di marchio-logotipo e manifesto per la 5 a edizione dell evento promosso dalla Mediateca Montanari, in cui realizzare la sintesi visiva dell incontro tra culture diverse combinando i concetti di diversità, integrazione, comunicazione, lettura, racconto, scambio e solidarietà; Le pietre della memoria a cura della Prof.ssa Furlani: progetto promosso da ANMIG dedicato a censire e fotografare monumenti o lapidi che ricordano fatti della 1 a e 2 a guerra mondiale e a raccogliere testimonianze di chi ha vissuto la guerra. Il progetto contempla anche la partecipazione al concorso Esploratori della memoria in cui alcuni alunni si sono particolarmente impegnati curando interviste ai testimoni del tempo di guerra e relativi filmati (5 premio); Incontro di tutte le classi quinte con Gastone Mazzanti, autore del libro A Fan c eren na volta i campanii, sulla vita al tempo della 2 a guerra mondiale; Progetto Sindaco per un giorno : creazione di sei manifesti progettati dagli studenti con la supervisione della Prof.ssa Spendolini per promuovere l iniziativa ideata dal Sindaco di Fano consistente nell affiancare il Sindaco per una intera giornata nello svolgimento del suo incarico; Progetto Concerto di Primavera a cura della Prof.ssa Spendolini: gli alunni hanno realizzato la locandina dell evento promosso dall associazione Fano music story che ha visto il coinvolgimento di vari gruppi musicali. Partecipazione a concorsi Festival del cortometraggio Corto e mangiato, 9a edizione dedicata al Cibo della Legalità ; il corto indispensabile realizzato dalla classe con il coordinamento delle Prof.sse Spendolini e Conti, si è aggiudicato il primo premio per la sezione scuola; Con lo stesso corto indispensabile la classe sta partecipando al concorso indetto da ADOC nazionale per il Progetto Salva famiglie di produzione di video sulla contraffazione. Pag. 11

12 Viaggi di istruzione Vacanza studio a Malta dal 24/9/2014 al 1/10/2014 per la partecipazione ad uno Stage di Lingua Inglese di 20 ore e di livello medio a cui hanno preso parte sette alunni accompagnati dalla Prof.ssa Quaranta. Un alunno ha invece svolto nel mese di settembre una esperienza di tirocinio all estero nella città di Valencia nell ambito del progetto G.R.E.E.N. Programma LLP Leonardo da Vinci. Pag. 12

13 ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO (stage aziendale) Tutti gli alunni hanno effettuato uno Stage presso studi professionali, imprese commerciali e associazioni di categoria presenti sul territorio nell ambito del Progetto Alternanza Scuola-Lavoro patrocinato dall USR Marche. Lo stage si è articolato in due periodi: il primo, al termine del quarto anno, della durata di tre settimane (dal 26 maggio al 14 giugno 2014); il secondo, all inizio del corrente anno scolastico, di altre due settimane (dal 1 settembre al 13 settembre 2014). Lo stage ha avuto una durata di 200 ore ed è stato soggetto a monitoraggio e valutazione. Esso ha permesso agli alunni di sperimentare situazioni di lavoro reale, di confrontarsi con una realtà locale, di misurare le capacità professionali acquisite e di concretizzare l esperienza scolastica nell ambito lavorativo. Gli alunni si sono distinti per frequenza, impegno e attiva partecipazione. L esame delle schede di valutazione compilate dai tutors dei soggetti ospitanti, ha mostrato che la quasi totalità degli allievi ha ottenuto giudizi fra il buono e l ottimo relativamente ai vari parametri di misurazione delle capacità. I dettagli del Progetto sono consultabili in allegato. Pag. 13

14 CRITERI DI ATTRIBUZIONE DEL CREDITO SCOLASTICO E FORMATIVO CREDITO FORMATIVO Il crediti formativo viene attribuito, come previsto dall'art.12 del D.P.R. n. 323/98 per attività svolte al di fuori della scuola, quali: esperienze lavorative estive coerenti con il profilo professionale e regolarmente documentate; attività culturale e corsi di lingua straniera; attività di Volontariato; frequenza scuole specifiche (es. Conservatorio); attività sportiva riconosciuta dal Coni, purché non incida sulla frequenza e sul rendimento scolastico. Tali attività sono state prese in considerazione solo se in linea con i criteri definiti nel POF. CREDITO SCOLASTICO Il credito scolastico viene attribuito in base a: media dei voti (vedi tabella A); assiduità della frequenza scolastica; interesse e impegno nella partecipazione al dialogo educativo; religione cattolica / attività alternativa; attività complementari ed integrative svolte all interno della scuola e previste nel POF; eventuali crediti formativi Pag. 14

15 CREDITO SCOLASTICO TABELLA A Candidati interni (Sostituisce la tabella prevista dall articolo 11, comma 2 del D.P.R. 23 luglio 1998, n. 323, così come modificata dal D.M. n. 99/2009) Media dei voti Credito scolastico (Punti) I anno II anno III anno M = < M < M < M < M N.B. M rappresenta la media dei voti conseguiti in sede di scrutinio finale di ciascun anno scolastico. Il credito scolastico, da attribuire nell'ambito delle bande di oscillazione indicate dalla precedente tabella, va espresso in numero intero. Per la terza classe degli istituti professionali M è rappresentato dal voto conseguito agli esami di qualifica, espresso in decimi (ad esempio al voto di esami di qualifica di 65/centesimi corrisponde M = 6,5) CREDITO SCOLASTICO TABELLA C Candidati esterni Prove preliminari (sostituisce la tabella prevista dall art 11, comma 2 del D.P.R.23 luglio 1998, n. 323, così Come modificata dal D.M. n. 42/2007) Media dei voti delle prove preliminari Credito scolastico (Punti) M = < M < = < M < = < M < = < M < = Nota M rappresenta la media dei voti conseguiti nelle prove preliminari (nessun voto può essere inferiore a sei decimi). Il punteggio, da attribuire nell ambito delle bande di oscillazione indicate nella presente tabella, va moltiplicato per 2 o per 3 in caso di prove preliminari relative, rispettivamente, a 2 o a 3 anni di corso. Esso va espresso in numero intero. Pag. 15

16 SIMULAZIONI Sono state eseguite le seguenti simulazioni con relativa documentazione allegata: Italiano Tecniche professionali dei Servizi Commerciali (Grafica) 09/02/ /12/ /01/ /03/ /04/2015 Le griglie di valutazione sono in allegato alla programmazione di ogni singola disciplina. Per lo sviluppo della Terza Prova il Consiglio di Classe ha deciso di adottare la tipologia B (quesiti a risposta singola), ritenendo che tale tipologia riesca a verificare la capacità di sintesi e di cogliere la centralità di un argomento. Sono state scelte le materie qui di seguito elencate, in modo da coinvolgere nelle prove scritte tutte le discipline e verificare la preparazione degli alunni in tutte le materie, oltre a quelle della prima e della seconda prova scritta. Coerentemente con quanto sopra indicato, la prima simulazione è stata svolta nel corridoio della scuola in orario pomeridiano, mentre la seconda, su richiesta degli alunni e con il consenso del Dirigente Scolastico, si è svolta al mattino. Tempo assegnato Tre ore 30/03/2015 Tre ore 29/04/2015 Materie coinvolte Inglese Tecniche Professionali dei Servizi Commerciali (Aziendale) Tecniche di comunicazione Matematica Inglese Tecniche Professionali dei Servizi Commerciali (Aziendale) Storia dell Arte Scienze motorie e sportive Il testo delle prove e le griglie di valutazione sono in allegato. Pag. 16

17 ALLEGATI A) Programmi finali e relazioni delle singole discipline Italiano Storia Matematica Inglese Tecniche commerciali dei servizi commerciali (Aziendale) Tecniche commerciali dei servizi commerciali (Grafica) Francese Spagnolo Tecniche di comunicazione Storia dell Arte Scienze motorie e sportive Religione B) Testi delle simulazioni della Terza Prova scritta Inglese Tecniche professionali dei servizi commerciali (Aziendale) Tecniche di comunicazione Matematica Storia dell Arte Scienze motorie e sportive C) Criteri e strumenti di misurazione e valutazione D) Piano educativo individualizzato (P.E.I.) E) Piano didattico personalizzato (P.D.P.) F) Progetto Alternanza Scuola Lavoro Fano lì, 15 maggio 2015 Pag. 17

18 ALLEGATO A PROGRAMMI FINALI E RELAZIONI DELLE SINGOLE DISCIPLINE Pag. 18

19 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO A. OLIVETTI - POLO SCOLASTICO 3 - FANO CLASSE V C TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI OPZIONE PROMOZIONE PUBBLICITARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 LETTERATURA ITALIANA : insegnante prof.ssa FURLANI Mariangela PROGRAMMA SVOLTO LETTERATURA DELLA SECONDA METÀ DELL OTTOCENTO Coordinate culturali del Positivismo. Naturalismo e Verismo. Giovanni VERGA: vita, pensiero e opere. Trama dei romanzi I Malavoglia e Mastro don Gesualdo. Letture: Lettera dedicatoria a Salvatore Farina ; Prefazione ai Malavoglia ; La famiglia Toscano e la partenza di Ntoni ; Rosso Malpelo ; La lupa ; La roba. Simbolismo e rinnovamento di forme e temi poetici. Letture: Charles BAUDELAIRE, Corrispondenze ; L Albatro ; Paul VERLAINE, L arte poetica. Principali lineamenti del Decadentismo. Cenni su Giosuè CARDUCCI e la sua importanza nel rinnovamento del panorama letterario italiano. Letture: Alla stazione in una mattina d autunno. Gabriele D ANNUNZIO: vita opere e le diverse fasi artistiche con riferimento alle varie correnti culturali dell epoca. Letture: dal romanzo Il piacere: L attesa dell amante ; L asta. O falce di luna calante ; Consolazione ; La pioggia nel pineto. Giovanni PASCOLI: vita, pensiero e poetica ; tematiche e caratteristiche generali delle principali opere poetiche di Pascoli. Letture: da Myricae: Lavandare ; L assiuolo ; X Agosto ; Temporale ; Il lampo ; Il carrettiere (fuori antologia). Da Poemetti: Italy (p ); Nella nebbia. Da Canti di Castelvecchio: Il gelsomino notturno ; La mia sera ; Nebbia. Da Poemi conviviali: L ultimo viaggio-il vero. Pag. 19

20 PRINCIPALI MOVIMENTI CULTURALI DEGLI INIZI DEL NOVECENTO Coordinate culturali: il crollo delle certezze positiviste (fisica dei quanti e relatività, psicoanalisi e inconscio). Principali caratteristiche del Futurismo. Letture: Filippo Tommaso MARINETTI, Il primo manifesto del Futurismo; fuori antologia Bombardamento. Aldo PALAZZESCHI, E lasciatemi divertire. Luigi PIRANDELLO: vita, pensiero e opere principali. Letture: Il treno ha fischiato ; La signora Frola e il signor Ponza suo genero. Trama del romanzo Il fu Mattia Pascal e lettura La nascita di Adriano Meis ; trama del romanzo Uno, nessuno e centomila e letture Un piccolo difetto ; Un paradossale lieto fine. Italo SVEVO: vita. Il rinnovamento della struttura del romanzo e le sue opere principali. Letture: da La coscienza di Zeno: Prefazione del dottor S. ; L ultima sigaretta ; La salute di Augusta ; L esplosione finale. POETI E TENDENZE LETTERARIE TRA LE DUE GUERRE Giuseppe UNGARETTI: vita, opere e poetica. Letture: I fiumi ; San Martino del Carso ; Veglia ; Fratelli ; Sono una creatura ; Mattina ; Soldati. Salvatore QUASIMODO e l ERMETISMO. Letture: Ed è subito sera ; Alle fronde dei salici. Eugenio MONTALE cenni sulla vita il pensiero e la poetica attraverso la lettura dei seguenti testi: Non chiederci la parola ; Meriggiare pallido e assorto ; Spesso il male di vivere ho incontrato ; Forse un mattino andando ; La casa dei doganieri ; fuori antologia: A Liuba che parte. Fano, 15 maggio 2015 L insegnante prof.ssa Mariangela Furlani Gli alunni della Classe V C Pag. 20

21 ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO A. OLIVETTI - POLO SCOLASTICO 3 - FANO CLASSE V C TECNICO DEI SERVIZI COMMERCIALI OPZIONE PROMOZIONE PUBBLICITARIA ANNO SCOLASTICO 2014/2015 STORIA : insegnante prof.ssa FURLANI Mariangela PROGRAMMA SVOLTO La seconda rivoluzione industriale: innovazioni tecniche, cambiamenti di carattere economico e sociale e la nascita della questione sociale. I problemi dell Italia postunitaria. Crisi economica, colonialismo e imperialismo. La belle époque. L Italia giolittiana e la guerra di Libia. Prima guerra mondiale. Dalla rivoluzione russa alla nascita dell Unione Sovietica Lo scenario del primo dopoguerra e la nascita della Società delle Nazioni. Il dopo guerra in Italia e l affermarsi del fascismo. Il dopo guerra in Germania e l ascesa al potere di Hitler. La seconda guerra mondiale. La nascita della Repubblica Italiana. Il mondo diviso in due: blocco sovietico e blocco americano. Tensioni e problematiche internazionali legate alla guerra fredda (Il muro di Berlino, Cuba, l area medio orientale con particolare riferimento alla nascita dello Stato di Israele). Cenni sulla ripresa economica e il boom degli anni 60 e sul Concilio Vaticano II. Fano, 15 maggio 2015 Gli alunni della Classe V C L insegnante prof.ssa Mariangela Furlani Pag. 21

22 PROGRAMMA DI MATEMATICA classe 5 C anno scolastico 2014/2015 insegnante Alessandra Maccari Unità didattiche Obiettivi Contenuti RICHIAMI SULLE FUNZIONI Conoscenze la definizione di funzione reale di variabile reale la definizione di dominio di una funzione la classificazione delle funzioni Competenze determinare il dominio di una funzione determinare le intersezioni con gli assi e l insieme di positività interpretare il grafico di una funzione funzioni reali di variabile reale funzione esponenziale e funzione logaritmica funzioni composte funzioni crescenti e decrescenti funzioni pari e dispari tipi di funzioni dominio delle funzioni insieme di positività di una funzione LIMITI E FUNZIONI CONTINUE Conoscenze acquisire la nozione di limite di una funzione acquisire il concetto di funzione continua in un punto e in un intervallo Competenze applicare i teoremi per il calcolo di limiti risolvere le forme indeterminate individuare se il grafico di una funzione ha asintoti verticali, orizzontali o obliqui e determinarne l equazione determinare il comportamento di una funzione agli estremi del dominio riconoscere e distinguere semplici casi di discontinuità definizioni di limite finito o infinito per x che tende ad un valore finito o all infinito calcolo dei limiti di funzioni forme indeterminate 0/0, /, - limiti notevoli definizione di funzione continua punti di discontinuità eliminabili, di prima e seconda specie definizioni di asintoto orizzontale, verticale e obliquo le condizioni per l esistenza di un asintoto obliquo e la sua equazione Pag. 22

23 Unità didattiche Obiettivi Contenuti LA DERIVATA DI UNA FUNZIONE Conoscenze la definizione di derivata di una funzione in un punto o in un intervallo la derivata come variazione istantanea di una funzione Competenze calcolare la derivata generica di una funzione e la derivata in un punto applicando la definizione di derivata eseguire le derivate delle funzioni potenza, logaritmo, esponenziale calcolare le derivate di un somma, prodotto e quoziente di funzioni calcolare la derivata di una funzione composta il rapporto incrementale la definizione di derivata la derivata sinistra e la derivata destra le derivate fondamentali la derivata della somma, del prodotto, del quoziente di due funzioni la derivata di una funzione composta le derivate di ordine superiore al primo la regola di de L Hôpital Pag. 23

24 Unità didattiche Obiettivi Contenuti LO STUDIO DELLE FUNZIONI Conoscenze la definizione di punto stazionario le definizioni di massimo e minimo relativo ed assoluto di una funzione le definizioni di concavità e di punto di flesso Competenze distinguere analiticamente tra punti di minimo relativo, punti di massimo relativo e punti di flesso eseguire lo studio completo di una funzione e rappresentarne il grafico nel piano cartesiano i punti stazionari criterio di monotonia per le funzioni derivabili: le funzioni crescenti o decrescenti in un intervallo la definizione di massimi e minimi relativi la ricerca dei massimi e dei minimi relativi i punti di flesso lo studio della concavità di una curva e la ricerca dei punti di flesso lo schema per individuare le principali proprietà di una funzione e del suo diagramma nel piano cartesiano Fano, 15/5/ 2015 Pag. 24

25 LINGUA E LETTERATURA INGLESE PROGRAMMA SVOLTO anno scolastico 2014/2015 Libro di testo in adozione: New In-design, ed. Hoepli, P. Gherardelli & E.W. Harrison Materiale aggiuntivo: fotocopie, presentazioni power point video da Youtube film in lingua originale illustrazioni e riproduzioni da testi di Storia dell Arte siti Internet raccolte di immagini Module 1 IMAGE EDITING AND PHOTO MANILUPATION (research material - photocopy) CONTENUTI Perfect Pictures? What really happens when images get airbrushed COMPETENZE 1. Analysing the relation between photographers and graphic designers PROJECT Module 2 2. Talking about the importance of look and photos of people in magazines 3. Understanding image editing and photoshopping 4. Understanding photo manipulation: retouching, airbrushing, photo montage 5. Understanding the uses and advantages of image editing in journalism and glamour photography 6. Reflecting on ethical issues raised by photo manipulation and on social and psychological consequences Research paper: Compare and contrast before/after airbrushed photos unit 5 PHOTOGRAPHY CONTENUTI The basic functioning of a camera How to create effective images Photography and advertising COMPETENZE 1. Understanding how to operate a camera: main components and basic functioning 2. Understanding how to create an effective image PROJECT 3. Understanding the connection between photography and advertising See Module 3 project Pag. 25

26 Module 3 unit 10 COMPUTER GRAPHIC plus additional research material CONTENUTI The digital camera The social impact of digital cameras and digital photography (photocopy) Skills - Scanning: Digital cameras (page 175) COMPETENZE 1. Listing and explaining the components and use of a digital camera 2. Comparing and contrasting traditional and digital camera 3. Understanding the advantages and disadvantages of a digital camera 4. Reflecting on the social impact of digital cameras and digital photography PROJECT Visual presentation of the features of a conventional camera and a digital camera Module 4 TEENAGE CONFLICTS, SELF IMAGE AND STEREOTYPES CONTENUTI The Breakfast Club (film in original language with subtitles) COMPETENZE 1. Understanding dialogues and following a story 2. Analysing plot, setting (time and place), shooting techniques, soundtrack 3. Reflecting on characters development, themes and message 4. Rating and reviewing a film PROJECT Complete a film analysis worksheet Rate the film and write a review to post online Module 5 unit 7 ADVERTISING plus additional research material CONTENUTI How to persuade an audience and create visual appeal COMPETENZE 1. Understanding the main purpose of advertising and the persuasion techniques 2. Understanding the importance of psychological appeal 3. Understanding the importance of visual appeal 4. Analysing the principles of human perception PROJECT Analyse different forms of promotional material, illustrate their peculiarities and the common features (magazine advertising, packaging, TV and video advertising, etc.). Visual or oral presentation Pag. 26

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N.

FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO. Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2. ULSS n.1 Belluno PERSONALE AZIENDA ULSS N. FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola secondaria 1 grado S.Ricci di Belluno classe 2 ULSS n.1 Belluno Autori: PERSONALE AZIENDA ULSS N. 1 BELLUNO: Dr.ssa Mel Rosanna Dirigente medico SISP (Dipartimento

Dettagli

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo

IIS D ORIA - UFC. PROGRAMMAZIONE DI DIPARTIMENTO INDIRIZZO _professionale promozione commerciale pubblicitaria MATERIA Inglese ANNO DI CORSO Terzo INDICE DELLE UFC N. DENOMINAZIONE 1 Graphics U nits 1-2 2 Graphics U nits 3-4 3 Cultura e società DETTAGLIO UFC N. 1 DENOMINAZIONE GRAPHICS (Units 1-2) ASSE CULTURALE DI RIFERIMENTO LINGUISTICO COMPETENZE

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche:

Per lo sviluppo delle competenze: Proposte didattico-metodologiche: Italiano Lingua Seconda 1 biennio FWI, SGYM, SP raguardi di sviluppo delle competenze al termine dell anno scolastico. L alunno / L alunna sa comprendere gli elementi principali di un discorso chiaro in

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO.

TITOLO VALORE DI RIFERIMENTO. Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2012/2013 Progetto Di Casa nel Mondo - Competenze chiave per una cittadinanza sostenibile Gruppo lavoro Dott. Massetti Scuola Primaria Classi Terze TITOLO: I prodotti

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA

CORSO ECM. Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento. Sede corso: Viale Angelico 20/22- ROMA ISTITUTO «LEONARDA VACCARI» PER LA RIEDUCAZIONE DEI FANCIULLI MINORATI PSICO - FISICI CORSO ECM Ausili informatici e tecnologie per la comunicazione e l apprendimento: dal bisogno all intervento Sede corso:

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09

Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Funzioni Strumentali a.s. 2008/09 Area 1 Gestione P.O.F. Prof.ssa Casertano Brigida Area 1 Monitoraggio e Valutazione del P.O.F. Prof. Spalice Giovanni Area 2 Sostegno alla funzione Docenti Prof. Rocco

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti

Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Il pomeriggio dello studente dislessico alle superiori: il ragazzo, la famiglia, lo studio, i compiti Relatore: Prof.ssa Chiara Frassineti, genitore e insegnante Il rapporto tra genitori e ragazzo (studente)

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani

L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA. I.S.I.S. COSSAR -da VINCI GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani L ESAME DI STATO E GLI ALUNNI CON DISABILITA I.S.I.S. "COSSAR -da VINCI" GORIZIA - prof.ssa Giancarla Giani Esso pertanto, anche per gli alunni con disabilità deve costituire l occasione per un oggettivo

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione.

DIREZIONE DIDATTICA Albert Sabin C.so Vercelli,157 10153 tel. 011\2426534 fax 011\ 2462435 Codice Fiscale 80093750018 e-mail TOEEO5600D@ istruzione. RELAZIONE DEL DIRIGENTE SCOLASTICO AL CONTO CONSUNTIVO 2013 La presente relazione illustra l andamento della gestione dell istituzione scolastica e i risultati conseguiti in relazione agli obiettivi programmati

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per l Umbria SCHEDA PROGETTO (ex art. 9 CCNL 2006-2009) Dati identificativi dell'istituto Nome scuola/tipologia Scuola

Dettagli

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA

Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP. Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Linee guida, note informative e modulistica per la stesura del PDP Piano Didattico Personalizzato per alunni con Diagnosi Specialistica di DSA Indicazioni ai fini della stesura del PDP 1. Informazioni

Dettagli

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri

Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri MPI - USP di Padova Comune di Padova Settore Servizi Scolastici Centro D.A.R.I. Una scuola per tutti Percorso di formazione per docenti Valutare gli apprendimenti degli alunni stranieri I parte a cura

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO

CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO CRITERI DI VALUTAZIONE ITALIANO PRIMO BIENNIO Voti RAGGIUNGIMENTO OBIETTIVI DESCRITTORI Fino a 3 Del tutto insufficiente Assenza di conoscenze. Errori ortografici e morfo-sintattici numerosi e gravi. 4

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica

La nostra scuola è da sempre caratterizzata da un ambiente sereno nel quale si svolge con profitto l attività scolastica SCUOLA MEDIA ANNA FRANK di GRAFFIGNANA Via del Comune 26813 Graffignana (LO) tel. 037188966 Sezione staccata dell ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGHETTO LODIGIANO Via Garibaldi,90 26812 Borghetto Lodigiano

Dettagli

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno

Programmazione Generale. Matematica e Complementi. Classi: 2 Biennio Quarta. Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Istituto Tecnico Tecnologico Basilio Focaccia Salerno Programmazione Generale Matematica e Complementi Classi: 2 Biennio Quarta I Docenti della Disciplina Salerno, lì 12 settembre 2014 Finalità della Disciplina

Dettagli

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Condivisione di pratiche organizzative e didattiche per l inclusione scolastica degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Che cos è il Bisogno Educativo Speciale? Il Bisogno Educativo Speciale rappresenta

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale.

MEMIT. Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture. X Edizione. Università Commerciale. Università Commerciale Luigi Bocconi Graduate School MEMIT Master in Economia e management dei trasporti, della logistica e delle infrastrutture X Edizione 2013-2014 MEMIT Master in Economia e management

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO

LICEO GINNASIO STATALE VIRGILIO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO SIMULAZIONE III PROVA ESAMI DI STATO Classe V F Liceo Internazionale Spagnolo Discipline: Francese/Inglese, Filosofia, Matematica, Scienze, Storia dell'arte Data 12 dicembre 2013 Tipologia A Durata ore

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015

Dalle scatole alle figure piane. Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle scatole alle figure piane Percorso di geometria Classe prima Scuola Primaria Rispescia a.s. 2014-2015 Dalle Indicazioni nazionali per il curricolo Le conoscenze matematiche contribuiscono alla formazione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School.

Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. Avviso 2014C-01 del 30/12/2014 Avviso di selezione per n. 4 contratti di collaborazione a progetto della Fondazione Bologna Business School. La Fondazione Bologna University Business School (d ora in poi

Dettagli

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti

Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Progetto FEI Rete e Cittadinanza 2014-2015 Verifica e valutazione di apprendenti analfabeti Luana Cosenza, Università per Stranieri di Siena Marzo 2015 Piano di lavoro Principi della verifica e della valutazione

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

CORSO ALLIEVO ALLENATORE

CORSO ALLIEVO ALLENATORE CORSO ALLIEVO ALLENATORE GUIDA DIDATTICA 2013 1. Introduzione La presente guida vuole essere uno strumento a disposizione del Formatore del Corso Allievo Allenatore. In particolare fornisce informazioni

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Master in Fundraising e Project Management

Master in Fundraising e Project Management Master in Fundraising e Project Management Il Master in Fundraising e Project Management, in collaborazione con l Università degli Studi di Roma Tor Vergata, è volto a formare esperti di raccolta fondi

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE

DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE DALL INTEGRAZIONE ALL INCLUSIONE IL PASSAGGIO da INTEGRAZIONE a INCLUSIONE NON si basa sulla misurazione della distanza da normalità/standard ma sul processo di piena partecipazione e sul concetto di EQUITA.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

SPC Scuola di Process Counseling

SPC Scuola di Process Counseling SPC Scuola di Process Counseling In uno scenario professionale e sociale in cui la relazione è il vero bisogno di individui e organizzazioni, SPC propone un modello scientifico che unisce l attenzione

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile IL CANOCCHIALE DI GALILEO Sviluppo sostenibile Progetto asse scientifico tecnologico con il coinvolgimento del Consiglio di Classe 2 GLI STUDENTI - a.s. 2012-13 due classi prime: AMBIENTE-ENERGIA - a.s.

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel.

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (BR) Tel. Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca II ISTITUTO COMPRENSIVO Monaco - Fermi Via Cavour - 72024 ORIA (R) Tel. 0831/845057- Fax:0831/846007 bric826002@istruzione.it bric826002@pec.istruzione.it

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

Cà Dotta Le Vie del Fumo

Cà Dotta Le Vie del Fumo Cà Dotta Le Vie del Fumo Laboratorio di didattica multimediale per la Promozione della Salute Esperienze Sensazioni Conoscenze - Emozioni L ULSS n 4 Alto Vicentino, in collaborazione con la Regione Veneto

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI PERCORSI DI INCLUSIONE E DI INTEGRAZIONE PER ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI ALCUNI DATI L Istituto Trento 5 comprende 3 scuole primarie e 2 scuole secondarie di I grado. Il numero totale di alunni

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

Didattiche con la LIM

Didattiche con la LIM Didattiche con la LIM Modelli e prospettive Luca Ferrari Dipartimento di Scienze dell Educazione, Università di Bologna Index 1. Scenario 2. Definizione e caratteristiche 3. Un modello didattico problematico

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina

Come verifico l acquisizione dei contenuti essenziali della mia disciplina Riflessione didattica e valutazione Il questionario è stato somministrato a 187 docenti di italiano e matematica delle classi prime e seconde e docenti di alcuni Consigli di Classe delle 37 scuole che

Dettagli