La Web Tv che cambia il mondo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La Web Tv che cambia il mondo"

Transcript

1 La Web Tv che cambia il mondo

2 2 SOMMARIO Introduzione 3 EticMedia la Web Tv che rende il mondo un posto migliore Processi di comunicazione e webtv 4 18 Il valore della comunicazione dei valori La psicologia individuale comparata di Alfred Adler in EticMedia Bridging, uniwebtv 73 Il Tecno-umanesimo e la sfida di una web tv etica amica dei consumatori 75

3 3 INTRODUZIONE La profonda evoluzione che la comunicazione (d impresa, ma non solo) ha vissuto negli ultimi anni ha determinato una profonda riconsiderazione di tutti i paradigmi concettuali, nonché una decisa revisione anche delle strategie e delle tecniche. Da un parte, potremmo fornire un contributo alla discussione dell evoluzione in atto, una transizione che forse non è davvero tale, in quanto l approdo, o gli approdi, sono ancora velati dalle nebbie dell incertezza; dall altra, vogliamo invece farci animare da un spirito molto pragmatico, intravedendo in poche teorie e in molte applicazioni concrete la chiave di lettura di fenomeni in costante mutazione. Oggi, l interdipendenza dei fenomeni che concorrono alla formazione dell uomo determina un interesse particolare verso i diversi aspetti della vita sociale, culturale, politica, economica, ecc., orientando le scienze stesse (tutte le scienze) verso atteggiamenti più aperti. Trasversalità dei saperi: ecco quanto si è cercato di inseguire in tempi recenti. Ovvero: conoscenze opposte ad abilità; nozioni da un parte, e capacità di utilizzo delle tecnologie e dei linguaggi dall altra. Siamo reduci, lo diciamo da tempo, da uno smembramento del tessuto cognitivo. E sembra ancora oggi il panorama della nostra cultura, reso evidente dalla accelerazione ai processi di comunicazione odierni, che si offre allo sguardo dell intellettuale dei nostri tempi. Ma, a correzione di tale tendenza, subentra la mediazione interdisciplinare, chiamata a suggerire una esplicita armonizzazione delle parti, la rimessa in discussione della certezza delle categorie, la riformulazione di paradigmi ormai falsificati. Il mondo post-moderno, di oggi, è un mondo complesso, dove la conoscenza e la sua propagazione è diventata reticolare. Ogni evento può essere sottoposto a diverse letture. Assistiamo ad una frammentarietà sotto tanti punti di vista, ed una complessità crescente. Dello stesso approccio, è la teoria dell ipertesto che mette in discussione le regole della conoscenza tradizionale, introducendo la multilinearità, con la possibilità di immaginare realtà e mondi plurali. Si scopre dunque che le dinamiche conflittuali della globalizzazione non possono essere comprese se non tramite una compresenza di approcci, tra di essi dialoganti. Al complesso, non si può opporre una risposta riduttiva. Ed ecco dunque che il nuovo paradigma di approccio, ora mutuato da una seria ricostruzione delle relazioni tra conoscenze, si impone come soluzione, e con le sue strategie operative. Vediamo dunque qui illustrate le prime risultanze di un progetto che è ancora in attesa di trovare il suo contesto e il suo spazio operativo, ma che muove i passi a partire da queste premesse. Sembra dunque del tutto coerente il richiamo alla psicologia adleriana, così come quello che fa riferimento alle dinamiche della comunicazione, con il suo lessico articolato: società, uomo, identità, cultura.

4 4 Ed infine: etica. Termine ormai sempre di più al centro di una mediazione di significati, di usi e di consumi. Che si pongono sulla linea tracciata tra consumatore ed azienda come su quella tra cittadini e società. Un merito importante di questo nostro lavoro, vogliamo sottolinearlo, è la ricerca di una ricollocazione di questa integrazione tra strumenti entro un confine preciso. L etica della comunicazione rappresenta, nel panorama della filosofia contemporanea, una via isolata rispetto alle tendenze dominanti, di natura scettica o comunque antifondativa. Rintracciando nel pensiero comunicativo l elemento comune ad ogni realtà di vita. Ipotizzando l esistenza di un a priori della comunicazione, come garanzia dell autenticità di qualsiasi espressione comunicativa: senza una potenziale comunità di comunicazione a cui fare riferimento ( gli altri ), il nostro pensiero non avrebbe senso. In questo senso, la pragmatica trascendentale e l etica si intrecciano in modo indissolubile. Alla luce del discorso e la responsabilità morale del singolo uomo. Va da sé che l uso del linguaggio non possa costituire di per se stesso il conseguimento di un consenso razionale universale in merito a norme e principi morali, ma lo rende almeno possibile, in quanto rende possibile regolamentare in maniera vincolante il discorso argomentativo mirante all intesa e alla formazione di un consenso in merito a norme e principi morali. Ciononostante, la partecipazione al linguaggio nella forma dell argomentazione razionale presuppone necessariamente il riconoscimento di norme etiche fondamentali (comprensibilità, verità, veridicità e giustezza normativa), le quali, in quanto regole ideali dell argomentazione, rappresentano le condizioni per la possibilità di una comunità ideale della comunicazione, che chi argomenta nella comunità reale della comunicazione deve sempre necessariamente presupporre come condizione dell argomentare stesso. Tutto ciò fa da prologo ed epilogo di una rimodulazione degli spazi di azione dell intelletto. Un ambito dove viene riaffermata una sorta di negoziabilità disciplinare, seguendo linee modulari di processo. I sistemi di concetto, volti al pragmatismo e non più chiusi, sono oggi in grado di accogliere posizioni differenziate, dettate dalla contaminazione tra materie e mezzi di comunicazione. E di includere, appropriandosene, strumenti, concetti, linguaggi riconducibili ad alterità. Vengono aperte nuove prospettive sulla discussione della legittimazione epistemologica di tali sistemi. Ma oltre al ricercatore, questo approccio va esteso al politico, mediatore di necessità e richieste, e volto al compito pratico delle negoziazioni tra interessi. Tutto questo rappresenta, per noi, il passaggio dal know-that al know-how: una trasmissione di informazioni che, sullo sfondo della globalizzazione e dell interfaccia tra saperi e comunicazioni, tra esperienze soggettive e riflesso dell io nello sterminato mondo della azioni comunicative, tra assetti valoriali e riferimenti etici, possa rappresentare, superandolo, l ambito della ultra-specializzazione, ricostruendo e compattando le categorie metodologiche e concettuali di altre discipline. Marco Eugenio Di Giandomenico

5 5 ETICMEDIA LA WEB TV CHE RENDE IL MONDO UN POSTO MIGLIORE PREMESSA: A partire dagli anni 80, l avvento della CSR Corporate Social Responsibility ha profondamente modificato il modo di fare impresa, riconoscendo il valore aggiunto dell impatto sociale delle attività produttive e sollecitando gli operatori economici a contribuire al benessere e allo sviluppo delle Comunità. Di questo processo virtuoso sono state autrici le forti pressioni esercitate dalle Associazioni dei consumatori. Con la crisi mondiale manifestatasi nel 2008, la società civile ha rafforzato la propria richiesta di un comportamento etico diffuso, spesso rendendola condizione indispensabile per orientare le domande di consumo, come dimostrano da tutte le ricerche di settore, persino per quanto riguarda settori solo sfiorati dalla CSR, come le Media & Advertising Companies. Alcuni concetti sono assurti al rango di dogma: ad esempio, che l informazione è potere e che la comunicazione è un attività di natura persuasiva, in quanto può indirizzare le opinioni, i gusti, i comportamenti e gli orientamenti degli individui. A fronte di ciò, monta la richiesta rivolta, ormai da molti anni, dalla comunità scientifica e dalla società civile verso i media, anche quelli di nuova generazione, affinché abbiano maggiore consapevolezza delle proprie responsabilità sociali, facendosi testimoni attivi dell esigenza di comportamenti etici. L Associazione Physeon, da anni in prima linea sul fronte della Media Social Responsibility, ha colto l opportunità di diventare portavoce delle istanze di chi si aspetta molto di più, sul versante morale, dall industria della Produzione di Cultura del XXI secolo. Mai come in questa epoca la comunicazione assume forme capillari di produzione, trasmissione e diffusione, con ricadute essenziali rispetto alla formazione di una coscienza critica e alla partecipazione dei cittadini alla vita delle Comunità. Il web 2.0 in tutte le sue manifestazioni crossmediali è indiscusso protagonista di questa rivoluzione epocale. Pertanto, l Associazione Physeon, motivata dal desiderio di fornire alla collettività strumenti concreti per un evoluzione positiva e armoniosa della società nelle sue articolazioni, ha realizzato un iniziativa unica nel suo genere: ETICMEDIA, il progetto scientifico-tecnologico della prima piattaforma multimediale web tv etica, propositiva e socialmente responsabile che rende il mondo un posto migliore, che, a quel che ci risulta, sembrerebbe essere un antesignano nel mondo.

6 6 LA MISSION E LA VISION ETICMEDIA: I modelli sociali manifestano sempre più un convulso cambiamento e da quando i media, tra i quali prepotentemente Internet, sono entrati nella vita quotidiana della maggior parte delle persone, il ruolo educativo si è ampliato anche a questa, finora inedita, pluralità di soggetti, che non sempre dimostrano di avere la percezione esatta del peso delle proprie responsabilità. L influenza che i media e i new media dimostrano di avere nell orientare, e persino manipolare idee, costumi, opinioni e coscienze e la stessa qualità dalla vita (reale o percepita) si è dimostrata talmente invasiva da divenire dal 1993 vera e propria disciplina accademica, col nome di Captologia (ovvero, lo studio degli strumenti informatici in quanto tecnologie persuasive, che comprende la progettazione, la ricerca e l analisi dei prodotti informatici interattivi creati allo scopo di modificare comportamenti e attitudini umane). Ciò è avvenuto dapprima presso l Università di Standford e, quindi, nelle più innovative Università del mondo occidentale. Nasce da quest evoluzione della realtà, dunque, il Progetto ETICMEDIA. Miriamo decisamente ad una diffusione virale dei valori di cui ci facciamo portatori: e sono tutti quei valori etici di responsabilità, meritocrazia, impegno, fratellanza, solidarietà, rispetto e condivisione della Conoscenza, della dignità umana, della sostenibilità ambientale, che è percezione diffusa stanno attraversando un momento di eclissi. Il tutto nella logica dell effettivo perseguimento del Bene Comune dell Umanità e della coesione sociale. Inoltre, ci proponiamo di trasferire il know how di tutte le metodologie operative necessarie per realizzare concretamente progetti che migliorano tout court la società nel suo complesso, col sostegno di tutti coloro che si identificano nella nostra visione. ETICMEDIA, LA WEBTV ETICA, SOCIALMENTE RESPONSABILE, CHE RENDE IL MONDO UN POSTO MIGLIORE, ORA C E. In sintonia con il suo imprinting filosofico di base, ETICMEDIA intende trasmettere, attraverso programmi propri e di terzi, valori etici, edificanti e positivi, con l obiettivo di svolgere una funzione educativa di accrescimento umano, morale, sociale e professionale del proprio pubblico. Pertanto, grande attenzione è stata rivolta alla selezione dei membri del Comitato Tecnico-Scientifico e Medico-Scientifico, nonché agli autori e professionisti incaricati di realizzare i contenuti da trasmettere in ogni canale tematico di cui compone la WEB TV.

7 7 Di seguito, ecco la FILOSOFIA VALORIALE ed EDITORIALE di ETICMEDIA, condivisa da tutti i partner quale humus del Progetto: 1 Siamo consapevoli delle responsabilità derivanti dall attività persuasiva che esercitiamo nei confronti della collettività. 2. E nostro interesse finalizzare la nostra attività professionale per alimentare, diffondere, trasferire valori positivi, motivanti, etici ed educativi, contribuendo contestualmente ad aiutare le centrali educative e le famiglie nel processo formativo delle giovani generazioni. 3. Ci impegniamo ad affiancare ai già presenti ed abusati modelli vincenti di una femminilità stereotipata e limitata al punto di vista estetico, alternative altrettanto valide, realistiche, edificanti di donne sicure, affermate, di successo, portatrici di valori etici, meritocratici e qualificanti. 4. Ci impegniamo a creare alternative ai modelli negativi, dannosi, valorizzando l impegno e la responsabilità sociale collettiva ed individuale, con particolare attenzione a promuover stili di vita responsabili dal punto di vista sanitario, della protezione dell ambiente, della sicurezza personale, del rispetto dell identità altrui, alimentando il senso civico e la cultura dei valori. 5. Ci impegniamo sin da subito ad intraprendere azioni positive, riconoscibili ed emulabili. LA GUIDE LINE editoriale di ETICMEDIA è la seguente 1. CONTENUTI, FORMAT, VIDEO mandati in onda hanno sempre una finalità di tipo PROPOSITIVO e POSITIVO (es. non si fanno denunce di situazioni negative se ad esse non segue la soluzione possibile per risolvere il problema) 2. I CONTRIBUTI VIDEO mandati in onda possono essere : a. Ideati dal Laboratorio EC-MEDIA (Consorzio Wylford - Associazione Physeon) e prodotti dai partner aderenti all iniziativa; ciò per quanto attiene i Canali Economy, International, Educational e Social; b. forniti gratuitamente o a pagamento, da partner esterni che partecipano al progetto e che vengono contestualizzati in un Format specifico; c. creati dagli utenti, inviati alla Redazione che, dopo averne vagliato la congruenza con la filosofia editoriale, procedono alla messa in onda nel canale User generated content You Good.

8 8 LA MISSION E LA VISION ETICMEDIA: IL PUBBLICO DI ETICMEDIA A chi si rivolge una webtv Etica, Socialmente Responsabile, che rende il Mondo un posto migliore? Evidentemente, a tutti coloro che si sentano rappresentati da un Media insieme rivoluzionario e costruttivo; che sono consapevoli che il bello ed il buono sono prevalenti nel mondo e che l attuale sistema dell informazione va riequilibrato, ridando il giusto (e marginale) peso all eccezionalità delle situazioni patologiche. La speranza è l arma di evoluzione di massa e dobbiamo imparare a coltivarla ed ad educarci alla fiducia, perché solo così il mondo sarà DAVVERO migliore. Per questo motivo abbiamo identificato i pilastri portanti che costituiscono la società nel suo complesso, ma col valore aggiunto di un azione che si propone di migliorare in quantità e qualità le proposte per ognuno di essi. L imperativo che ci guida nell offerta dei contenuti sta nella costante ricerca di alta qualità in tutti i sensi. L istituzione del Laboratorio EC-Media specificamente dedicato alla creazione dei format e alla pianificazione dei contenuti degli stessi, si pone l obiettivo di assicurare all utente finale la validità scientifica e l autorevolezza dell emittente e delle produzioni. I CANALI TEMATICI DI ETICMEDIA : A CIASCUNO..IL SUO! ETICMEDIA si compone di 6 canali tematici, che hanno una funzione educativa e target di utenza specifici: - I Canali Economy, Educational e International mirano ad indirizzare gli utenti verso l accrescimento della propria professionalità, sia per renderli competitivi nel mondo del lavoro, ormai globalizzato, sia per indirizzarli verso un modus operandi socialmente responsabile, etico e solidale; - I Canali Social, Love, Entertainment hanno una funzione di elevazione spirituale e culturale pensata per l accrescimento della società civile e dell individuo. CANALE ECONOMY Filosofia Editoriale COS E : Canale dedicato alla promozione della HUMAN ECONOMY: sostenibile, socialmente responsabile, solidale, alimentata dalla ricerca e dove Innovazione, Qualità e Merito vengono promossi e valorizzati. A COSA SERVE: Attraverso questo canale Associazioni di categoria, rappresentanze dei consumatori, alleanze di segmenti sociali (ad esempio, associazioni di genitori), Enti pubblici e privati, Amministrazioni locali e operatori economici, Enti fierisitici, Università ed enti di ricerca, editori tradizionali e non, troveranno uno straordinario alleato per promuovere le proprie iniziative ed attività di business, interagendo contestualmente e in vari modi con i propri pubblici di riferimento.

9 9 Ampio spazio è dedicato alla promozione della comunicazione della responsabilità sociale delle imprese, ma anche degli enti, delle Pubbliche Amministrazioni e degli operatori economici in genere impegnati in questo senso, che, però, a tutt oggi hanno visibilità per valorizzare il loro impegno. Per fare tutto ciò, sono stati ideati gli EDUCONOMY FORMAT, al fine di trasferire la conoscenza e la cultura economica in modo scientificamente divulgativo, serio ma non serioso. Attraverso tali format sarà possibile avvicinare gli i webtvnauti interessati a comprendere, ma soprattutto vivere l Economia, in un nuovo modo più partecipe, avveduto, sostenibile e responsabile. Nel canale verrà dato ampio spazio alla valorizzazione del ruolo e dell imprescindibile contributo apportato nell economia dalle Famiglie, dalle Donne e dei Giovani. A CHI SI RIVOLGE: i soggetti sotto i riflettori di questo canale sono plurimi, quali imprenditori, professionisti, operatori economici, Enti, Istituzioni, Associazioni di categorie, Banche, Assicurazioni, Fondazioni, franchisor e soggetti interessati all economia, in una logica orientata alla responsabilità sociale e sostenibilità ambientale ed al mondo del lavoro in tutte le sue sfaccettature. SERVIZI INTERATTIVI GRATUITI : Business Coaching on line & Consulting CANALE INTERNATIONAL Filosofia Editoriale COS E : Globalizzazione sostenibile e responsabile ed economia della conoscenza. E questo un binomio che, nell ultimo quindicennio, ha allargato la gamma delle opportunità di un mondo improntato alla reciproca conoscenza individuale e fra i popoli, all informazione costante e diretta, alla crescita civile, alla partecipazione e alla trasparenza decisionale. La Piazza Virtuale del mondo, che funziona e che costruisce la pace e la coesione, nel rispetto dell altro, si dà appuntamento sul Canale International di ETIC MEDIA. A COSA SERVE: Attraverso questo canale plurilingue, dedicato all internazionalizzazione della cultura, della conoscenza, del business e delle attività degli italiani all estero, i Governi, le Istituzioni ma anche gli operatori economici, le Ambasciate, gli Enti non governativi dei vari Stati, potranno promuoversi e farsi conoscere in modo approfondito. All interno del canale verranno, inoltre, proposti gli EDUINTERNATIONAL-FORMAT volti a far apprendere gli usi, le consuetudini, le abitudini, le mappe culturali e religiose, i galatei di ogni Paese del mondo, con l obiettivo di comprendere i metodi ottimali per instaurare rapporti d affari e interpersonali con culture diverse. Le imprese italiane, come quelle estere e multinazionali, interessate a promuoversi, potranno commissionare video redazionali multilanguage, con il supporto di diversity manager e mediatori culturali, al fine di potenziare l efficacia della comunicazione.

10 10 A CHI SI RIVOLGE: imprenditori, professionisti, operatori economici; ma anche Enti, istituzioni, Associazioni di categoria nazionali ed estere, italiani nel mondo, Ambasciate, soggetti interessati all internazionalizzazione e alla globalizzazione in tutte le sue diverse declinazioni eticamente sostenibili. SERVIZI INTERATTIVI GRATUITI: International Business Coaching on line, Diversity Management Consulting. CANALE EDUCATIONAL Filosofia Editoriale COS E : Il canale mira a promuovere e valorizzare il ruolo delle centrali educative, le Best Practices Internazionali, le Università, le Scuole, gli Enti di Formazione prestigiosi e innovativi, unitamente a tutto ciò che migliora il modo di generare e rendere fruibile la Cultura, l Educazione e la divulgazione scientifica. A COSA SERVE: All interno di questo canale è ospitata la piattaforma e-learning del Fondo Fonarcom ELEARNINGONLINE, attraverso la quale sarà possibile per gli utenti partecipare ai corsi di formazione inseriti nella piattaforma, e web learning, gratuitamente e/o a pagamento e frequentare seminari in webconference, anche in modalità One2One. A CHI SI RIVOLGE: Centrali educative, studenti, imprenditori, professionisti, operatori economici, Enti, istituzioni, Associazioni di categoria, persone di ogni età, interessate ad accrescere la propria formazione umana e professionale SERVIZI INTERATTIVI GRATUTI: Corsi di formazione e counselling on line CANALE SOCIAL Filosofia Editoriale COS E : Canale dedicato all AVANZAMENTO della Società nel suo complesso, con l obiettivo di favorire la PARTECIPAZIONE, la COESIONE SOCIALE, la diffusione e la promozione di tutto ciò che già funziona e che potrebbe essere replicato nella propria comunità attraverso un sano spirito emulativo. A COSA SERVE: Ampio spazio verrà dedicato al mondo della Pubblica Amministrazione che funziona bene, del TERZO SETTORE virtuoso, dell ASSOCIAZIONISMO, del VOLONTARIATO, dei CONSUMATORI e del SINDACATO che potranno avere una propria TELEVISIONE che garantisce, grazie alla propria terzietà il valore etico delle iniziative sostenute - per promuoversi e rendicontare i risultati raggiunti, con l obiettivo di interloquire ed interagire con gli utenti ed i pubblici di riferimento.

11 11 A CHI SI RIVOLGE Target: Tutta la Società Civile nel suo complesso, con particolare attenzione alla Generation A (Altruistic Generation) che costituisce, di fatto, l ossatura della Digital Democracy e rappresenta il Consumatore Evoluto del XXI secolo, Terzo Settore, Associazioni in genere, ONG, banche etiche, Fondazioni. SERVIZI INTERATTIVI GRATUITI: Business Coaching on line per il Terzo Settore CANALE FEELING Filosofia Editoriale COS E : Canale dell Amore inteso in senso universale, come attenzione alla PERSONA ed all evoluzione verso il costante miglioramento di sé e delle relazioni umane in tutte le loro manifestazioni e rappresentazioni. Data la particolare natura di questo canale, la direzione è affidata ad un team di medico scientifico composto da medici, psicologi, psicoterapeuti, formatori coach. A COSA SERVE: Attraverso gli EMOTIFORMAT (Emotional Format) e MOTIVEFORMAT (Motivational Format), realizzati con l ausilio di psicologi, esperti di PNL, coach, educatori di altissimo livello, gli utenti potranno apprendere tecniche di auto-miglioramento personale e le metodologie ottimali per valorizzare non solo se stessi a 360, ma anche le proprie relazioni familiari e sociali. Il canale offrirà programmi su come diventare bravi genitori, figli, nonni, colleghi, datori di lavoro etc, sulla scorta di positive esperienze televisive attualmente molto seguite ed apprezzate, come Adolescenti Istruzioni per l Uso e Sos Tata, Ciccia è Bella Tra le numerose proposte di contenuti per vivere meglio con se stessi e con gli altri anche Format per vincere la depressione, le dipendenze, la timidezza, coltivare l autostima, instaurare buone relazioni con se stessi e con gli altri. E previsto anche un vasto spazio dedicato all accrescimento della CULTURA SPIRITUALE e della RELIGIOSITA in tutte le sue declinazioni. Il canale Feeling ospita la Showbility-tv, del Progetto dedicato ai giovani Showbility, chi non c è è fuori! A CHI SI RIVOLGE: Individui interessati all accrescimento personale, con particolare attenzione a famiglie, genitori, giovani, donne, bambini. SERVIZI INTERATTIVI GRATUTI : Counselling on line: attraverso la video chat, gli utenti potranno interagire ed ottenere consulenze gratuite con esperti, psicologi e formatori altamente qualificati.

12 12 CANALE ENTERTAINMENT Filosofia Editoriale COS E : E Il Canale dedicato all intrattenimento intelligente e di spessore, dove sarà possibile vedere produzioni cinematografiche di qualità e conoscere in modo approfondito le manifestazioni culturali, teatrali, musicali, sportive etc e gli eventi nazionali e regionali. A COSA SERVE: Il canale intende promuovere tutte le iniziative interessanti e costruttive che, pur sviluppando valore & valori, non sono supportate da budget adeguati per la promozione, al fine di contribuire alla diffusione di visioni culturali altrimenti misconosciute. Particolare attenzione sarà dedicata all espressione della cultura giovanile, femminile e multietnica del nostro Paese. A CHI SI RIVOLGE: a tutti coloro che cercano spunti e stimoli per arricchire positivamente il proprio bagaglio emozionale e culturale

13 13 LE COMPONENTI D INNOVAZIONE E DIFFERENZIAZIONE CARATTERIZZANTI DEL PROGETTO SCIENTIFICO TECNOLOGICO ETICMEDIA 1. LA TECNOLOGIA Lo studio, progettazione e realizzazione della piattaforma web tv Eticmedia è stata coordinata da Roberto Filippini, Vice Presidente dell Associazione Physeon e Amministratore di Sunet Srl, società leader nei settori internet e social media. Per garantire il successo del Progetto sono stati ideati e realizzati un sito Internet ed una piattaforma web tv diversi da quelli reperibili sul mercato, adeguando la tecnologia alla realizzazione degli obiettivi del progetto scientifico. La piattaforma web tv di ETIC MEDIA è stata concepita per garantire una molteplice visione e una semplicità intuitiva d uso per ogni tipologia di utente. Sfruttando le moderne tecnologie del web che maggiormente si adattano alla interazione tra soggetti, l Associazione Physeon è riuscita a realizzare una vera televisione interattiva online, in grado di rendere immediata e piacevole la visione dei contenuti video di ogni canale tematico, assicurando un esperienza multimediale e partecipativa affascinante, per tutti gli utenti del web, anche alle prime armi. Utilizzando la tecnologia Adobe Flash, integrata con le recenti innovazioni in internet sono stati realizzati nuovi protocolli interattivi di navigazione per una fruibilità senza precedenti, ad alto coinvolgimento per l utente e con una qualità del servizio ai massimi livelli, paragonabile alla televisione satellitare e digitale terrestre. La piattaforma web tv interattiva, sfruttando la tecnologia di video streaming e media server dedicati alla distribuzione di contenuti video online, permette la visione di video on demand, garantendo la visione contemporanea ad utenti illimitati. Tramite le diverse tipologie di visualizzazione si potrà fruire di un video a schermo intero, fare una ricerca rapida dei video nel canale prescelto, vedere ulteriori informazioni sul video in visione, fare una ricerca avanzata in tutto l archivio video, tramite categorie o parole chiave, andare in videochat, mentre altre, ulteriori funzioni verranno implementate nei prossimi mesi. La piattaforma web tv, collegata ad una piattaforma E-learning, permette agli utenti di frequentare corsi di formazione inerenti alle tematiche di maggior interesse, interagendo con immediatezza con tutor, formatori ed esperti. 2. IL CRITERIO DI VALUTAZIONE DI GRADIMENTO : E.E.R. EMOTIONAL EX- PERIENCE RATING Al fine di verificare l impatto di gradimento degli utenti, è in fase di introduzione un nuovo sistema di votazione dei video; tale sistema, volto a migliorare costantemente il servizio offerto e la qualità dei contenuti, è stato battezzato E.E.R. Emotional Experience Rating. Questa nuova modalità di valutazione del gradimento è stata approntata dal Comitato Medico Scientifico dell Associazione Physeon, diretto dalla Dott.ssa Francesca Molina, e valuta l emozione primaria, quella immediata, epidermica e non condizionata dalle conoscenze o dal target culturale.

14 14 Partendo dal modello della Psicologia Individuale Comparata di Alfred Adler, che evidenzia come qualsiasi soggetto sia unico, indivisibile ed irripetibile, così come lo sono le sue reazioni, pensieri, emozioni, attraverso l E.E.R. potremo acquisire informazioni rilevanti in relazione al video visto dall utente, ad esempio: perché è stato selezionato proprio quel video (scelta casuale? per avere informazioni su argomenti non noti? per avere nuove informazioni su argomenti già noti?); quali emozioni sono state sollecitate? Stupore, piacere, serenità, gioia, fastidio, irritazione, dolore, ecc.? Le informazioni ottenute attraverso l E.E.R. ci permetteranno di effettuare una valutazione del continuum di efficacia del video tra due estremi: EFFICACE e INEFFICACE nel contribuire a rendere il mondo un posto migliore. 3. AUTOREVOLEZZA DEL SOGGETTO EMITTENTE E DELLA QUALITA DEI CONTENUTI. Le alleanze a tutto campo che sono alla base di ETIC MEDIA con soggetti d indiscusso valore aggiunto, fa sì che si venga a creare un tessuto virtuoso per confezionare uno strumento autorevole e che certifica l oggettività e l eticità dei suoi contenuti. 4. UN NUOVO APPROCCIO AL MARKETING RESPONSABILE: IL WELFARETISING Le alleanze a tutto campo che sono alla base di ETIC MEDIA con soggetti d indiscusso valore aggiunto, fa sì che si venga a creare un tessuto virtuoso per confezionare uno strumento autorevole e che certifica l oggettività e l eticità dei suoi contenuti. Il principale fattore critico di successo per la sopravvivenza di ogni organizzazione non profit è costituito dal reperimento di mezzi finanziari idonei al conseguimento degli scopi che si prefigge Le organizzazioni non profit tradizionalmente fanno affidamento su fondi pubblici stanziati a livello nazionale o locale, donazioni di singoli cittadini, contributi europei e, in misura di gran lunga minore, su sponsorizzazioni private. Il tallone d Achille spesso riscontrabile sta nel fatto che troppo spesso non esistono apposite figure interne o strategie convincenti da offrire agli sponsor, che vadano al di là di un mero finanziamento una tantum. Partendo dal presupposto che gli obiettivi del Comitato promotore del progetto Eticmedia consistono: 1. diventare emittente autorevole nel panorama del web, in virtù dell intreccio positivo dell esperienza, della reputazione dello standing professionale dei ricercatori e professionisti che ne fanno parte; 2. offrire al pubblico nuovi format e produzioni sostenibili, firmati da esperti di rango nazionale ed internazionale e caratterizzati da scientificità, prestigio e completezza degli argomenti e delle tematiche trattati;

15 15 3. fornire il più possibile gratuitamente agli utenti, servizi di consulenza e formazione on line, di carattere professionale e di supporto medico- psi cologico, attraverso un network di esperti qualificati; Il dilemma del reperimento dei flussi finanziari necessari diventava prioritario e, soprattutto, ha richiesto un nuovo approccio al marketing ed al fundraising Per affrontare efficacemente questa nuova sfida, vitale per il successo di ETIC MEDIA, abbiamo sviluppato, nel corso degli anni, un approfondita analisi riguardo l evoluzione degli strumenti di marketing, comunicazione ed advertising, evidenziando tutto ciò che, a dispetto della crisi sia economica che valoriale in senso lato, funzionava e prometteva grandi sviluppi: ovvero, Internet come social media partecipativo e nuovo strumento di comunicazione per le imprese ed il marketing e la comunicazione sociale (caused related marketing) quale forma di investimento promozionale etico e socialmente responsabile. Il futuro della comunicazione sta decisamente prendendo le sembianze di Internet, come ampiamente dimostrato dai vari rapporti Nielsen, Iab Italia, Upa, che attestano che la raccolta pubblicitaria sul web è inarrestabilmente cresciuta. Tuttavia, le aziende e le PA sono ancora poco abituate all utilizzo del mezzo pubblicitario on line, pur se sono altresì attratte dalla contrazione del livello di investimento richiesto per questo tipo di promozione. Ciò dipende dal fatto che il mondo della creatività non ha ancora ideato soluzioni appetibili e convincenti per un mercato esigente, nonché ancora diffidente, ed è per questo motivo che l Associazione Physeon ha creato una rivoluzionaria forma di investimento pubblicitario etico e socialmente responsabile, destinato a creare una nuova relazione tra imprese e consumatori, il WELFARETISING, caratterizzato da un paradigma assolutamente nuovo, che modifica completamente l esperienza relazionale tra il produttore e consumatore. Welfaretising : acronimo di welfare + advertising Welfare = Traduzione letterale : Benessere, Assistenza, Prosperità Adversiting = Pubblicità Il welfaretising è il primo modulo comunicativo transdisciplinare, in quanto ripropone in ambito for profit gli indirizzi teleologici di azione del non profit. L azienda che adotta il modulo in questione, persegue la massimizzazione del profitto in quanto strutturalmente votata a creare ricchezza, ma allo stesso tempo adotta una mission sociale che porta avanti in maniera organica e che rappresenta l unica forma di vera comunicazione delle attività aziendali. Dal punto di vista dell impresa il welfaretising è un mix di marketing e comunicazione sociale che gratifica i consumatori, contribuendo contestualmente a sviluppare un circuito virtuoso culturale, di benessere e prosperità. Utilizzando il welfaretising, l impresa si pone l obiettivo di catalizzare la preferenza dei consumatori sui propri prodotti/servizi, sponsorizzando attività, servizi e progetti ad alto valore aggiunto, fruibili gratuitamente dal consumatore stesso, dimostrando di essere socialmente impegnata e grata ai propri clienti per averla selezionata tra le tante opportunità proposte dal mercato.

16 16 Vantaggi per l impresa: - diventa parte attiva nel processo di educazione e di miglioramento della qualità della vita del proprio consumatore, - attesta il proprio impegno sociale nel tempo, si differenzia nettamente dalla concorrenza e si fa amare; - investe il budget in modo più qualitativo e sostenibile, ottimizzando la spesa comunicativa, sia inside che outside; - beneficia dei ritorni d immagine, economici e sociali per un lungo periodo di tempo; contrastando contestualmente i periodi di crisi - fidelizza il consumatore che non solo acquisterà i prodotti/servizi dell impresa, ma, spontaneamente, avrà interesse a informarsi sul sito aziendale, sull evoluzione dei servizi sociali offerti, intercettando, naturalmente, le varie offerte commerciali. Con riferimento all utente-consumatore: è cosciente che acquistare il prodotto di quell azienda favorisce l erogazione di servizi a se stesso ed alla collettività (a titolo gratuito) molto importanti in chiave di sostenibilità l acquisto dei prodotti dell azienda in questione, costituisce, per il consumatore etico, un modo per affermare e riconoscere la propria identità, nonché per l attestazione dei valori in cui crede; - rafforza l intenzione di acquisto della marca e diffonde nella propria rete sociale l esperienza. Facciamo un esempio concreto di welfaretising applicato ad ETICMEDIA: il nostro interesse consiste nel 1- produrre un ciclo di video corsi dedicati ad apprendere la metodologia ottimale per diventare bravi genitori, nel caso in cui il bambino abbia un età compresa tra gli 0 e 6 anni; 2- erogare attraverso la piattaforma di e-learning corsi specifici in modalità fad; 3- fornire assistenza di psicologi e terapeuti in grado di rispondere, attraverso la web chat, in tempo reale ed in diretta, alle domande dei genitori collegati. La tipologia di sponsor che potrebbe essere interessata a sponsorizzare l intero pacchetto (video corso+ corso di formazione+ assistenza psicologica) potrebbe essere un impresa di prodotti/servizi dedicati ai bambini, affiancando il proprio brand al pacchetto in oggetto, evidenziando in modo chiaro ed inequivocabile il suo concreto sostegno al genitore potenziale consumatore dei propri prodotti e/servizi. E altamente probabile che il consumatore in questione, all atto dell acquisto del prodotto che gli serve, tenderà a preferire quello dello sponsor responsabile, piuttosto che quello di un competitor non impegnato, in quanto se può disporre di strumenti efficaci per renderlo un genitori più preparato e sereno nell affrontare il difficile compito lo dovrà grazie ad uno sponsor preciso e riconoscibile, uno sponsor amico.

17 17 SERVIZI OFFERTI AGLI UTENTI Gli utenti di Eticmedia, oltre a poter beneficiare gratuitamente della visione dei programmi, potranno, previa registrazione: 1. FREQUENTARE CORSI DI FORMAZIONE ON LINE 2. RICHIEDERE E RICEVERE CONSULENZE 3. PARTECIPARE A WEB MEETING E WEBCHAT CON ESPERTI E LUMINARI 4. SCARICARE CONTENUTI ED INVIARE PROPRI MATERIALI 5. CONTRIBUIRE ALLA CRESCITA DELLA COMUNITA INVIANDO FORMAT, E CONTENUTI DIGITALI 6. PARTECIPARE AD EVENTI 7. BENEFICIARE DI NUMEROSE CONVENZIONI Sintesi dei vantaggi competitivi di ETICMEDIA Eticmedia offre al pubblico: - un grande ed innovativo progetto scientifico Made in Italy ed a vocazione internazionale; - l opportunità di partecipare alla più grande sfida dei nostri tempi: rendere il Mondo un posto migliore; - uno standing del prodotto di grande spessore scientifico; - un elevato livello qualitativo dei video e dei suoi Format originali; - una pluralità di servizi interattivi e interdisciplinari agli utenti, ai partner e agli sponsor. Maria Moreni

18 18 PROCESSI DI COMUNICAZIONE E WEB TV Concepire la comunicazione come un processo meccanico di trasferimento di informazioni da un soggetto (emittente) a un altro (ricevente) che raggiunge le finalità per il quale è stato attivato se non si frappongono barriere e ostacoli meccanici al loro fluire, significa attribuire un importanza davvero modesta alla comunicazione. La costruzione della realtà è infatti molto più variegata, complicata e complessa. Soprattutto quella che insiste sui livelli di interconnessione tra comunicazione, qui considerata in senso generale, ed organizzazione d impresa. Secondo il sopra citato modello, la comunicazione rappresenterebbe un appendice ben poco rilevante nei processi decisionali organizzativi. Ciò che emerge, in questo contesto, è che le informazioni sono finalizzate ad essere a disposizione dei destinatari, e poco interessa se questi ultimi possono essere in grado, qualora sufficientemente stimolati, di farle proprie. È, possiamo dire, uno schema piuttosto riduttivo della complessità comunicazionale. Si tratta, come è facile intuire, di punto di partenza. Questo nostro contributo infatti mira ad analizzare l impatto sul sistema della comunicazione integrata, per l impresa, di un medium che si pone all incrocio tra due mezzi di comunicazione: la tv e la rete. Ma, a compensare un approccio che potrebbe essere ritenuto troppo limitato, possiamo fare appello ad un altro punto di partenza, caratterizzato da un maggior empirismo. Questo nostro secondo punto di partenza è costituito dalla modernità in cui siamo immersi, e dalla sua manifestazione contingente. Sappiamo che l impresa è oggi chiamata a rinnovarsi a tutti i livelli, nella propria organizzazione interna e nei rapporti con i mercati in cui opera. La globalizzazione dei mercati, esattamente come quella che riguarda la comunicazione, impone delle strategie che non possono essere quelle che venivano ritenute idonee fino a solo qualche anno fa. Il mondo, l impresa e gli ambienti in cui essa opera, il mercato, ma soprattutto le persone, sono sempre più interconnessi. Ciò influenza enormemente la comunicazione, e le sue modalità di espressione. Per ogni azienda, si pone, a livello mondiale, il confronto con la globalizzazione, oggi sempre di più declinata come un concetto multifattoriale, capace di includere anche elementi di matrice culturale. A livello europeo, la nascita di un mercato unico e l apertura della Unione Europea a nuovi partners costituisce, allo stesso tempo, un rischio ed una opportunità, e crea un panorama di opzioni sensibilmente diverse, e che si modellano in base al contesto di riferimento (economico, ma anche sociale, culturale, ecc.). A livello italiano - ma, ovviamente, non solo - lo sviluppo economico del Paese e la congiuntura odierna, impone una ristrutturazione dell attività economica, degli approcci, dei fini e dei mezzi di comunicazione, verso il miglioramento della efficienza e della economicità, e verso una estensione della cultura manageriale ben oltre il mondo produttivo. In questo frastagliato e complicato contesto, vi è certamente un contrasto tra l importanza assunta dalla comunicazione nelle moderne ed evolute società umane cosi come nelle loro forme organizzate, produttive e non: enti, associazioni, fondazioni, società, ecc. ed il livello scientifico in cui si collocano le teorie e gli studi di comunicazione. Soprattutto quelli che riguardano, con maggior specificità, le dinamiche aziendali.

19 19 A questa sorta di fallacia epistemologia si contrappone, ormai da qualche anno, una certa misurabilità delle variabili. Ciononostante, l apparato teorico ed analitico, ad uno sguardo esterno, appare ancora frammentato, inadeguato, sfuggente. A fornire un sostanzioso contributo alla definizione di questo scenario, c è anche la enorme e sempre crescente varietà degli aspetti tecnologici, economici, sociali, giuridici, morali che sono collegabili all attività della comunicazione. La quale, si pone sempre più spesso al centro dell interesse di molteplici ambiti disciplinari (ingegneria, scienze umane, sociologia, diritto, filosofia, ecc., solo per citarne alcune). Ecco, una volta definite queste premesse, possiamo inoltrarci nella trattazione del nostro tema: il livello di incidenza della comunicazione etica per la impresa, sopratutto quella che si pone sotto l egida dell economia umanitaria, il nuovo orientamento che si sta diffondendo tra gli esperti del settore e gli studiosi di materia economica. Ovviamente, questo nostro ragionamento, che si inserisce nella presentazione, sul palcoscenico del villaggio globale, della prima web-tv specificatamente dedicata a veicolare contenuti di carattere etico, si propone anche di individuare un paradigma organizzativo, tale da potere essere considerato come una guida per la comunicazione d impresa e per la comunicazione etica posta in essere dalla medesima, adattando il proprio assetto produttivo alla propria comunicazione e uniformando la propria strategia organizzativa a quella relazionale. Sarà necessario, per questo, svolgere però uno sguardo alle teorie organizzative, al fine di rintracciare il fondamento della introduzione del sistema valoriale di riferimento tra gli strumenti strategici dell impresa. Le imprese, oggi, devono sostenere la sfida della ipercompetizione, oltre a quella delle nuove tecnologie dell informazione e della comunicazione. La scelta più adattiva sembra essere quella che impone lo sfruttamento di sistemi organizzativi reticolari. Questo caso comporta una interessante conseguenza: ciò che emerge è la mutazione endogena del paradigma produttivo. Che da organizzativo diventa comunicativo. Il governo di un sistema reticolare (dove il marketing è virale) è perseguibile solo con le leve della comunicazione. E l adattamento comporta necessariamente una implicazione a livello di organizzazione. Ma non solo. In un ambiente competitivo sempre più caratterizzato da imperfetta ma elevata trasparenza dei numerosi e mutevoli attori, l articolazione dell organizzazione (gerarchie, processi, relazioni) risulta essere identificabile tout court con una macchina comunicativa, ed impone una maggiore coerenza dei messaggi indirizzati da e verso gli interlocutori. In questo caso, e solo ad una prima ricognizione dello scenario, emerge una duplicità di livello. Essendo argomento oggetto di un acceso dibattito scientifico, ma anche di operazione di business che si contestualizzano nel mercato, la comunicazione d impresa è ormai una montagna dal doppio versante. Sul piano teorico, si pone il problema di dare significato e contenuto preciso all obiettivo della gestione strategica di un impresa in un contesto di iper-competizione (ove non sono identificabili stabili vantaggi competitivi).

20 20 Sul piano operativo, l orientamento agli obiettivi, più che agli interlocutori, dell attività di comunicazione pone il delicato problema del coordinamento tra obiettivi tattico-operativi e obiettivi strategici non riconducibili ad uno specifico vantaggio competitivo (ma non solo: la loro differenza non è limitata ad una portata del loro orizzonte temporale, ma anche ai livelli di relationship che si vogliono perseguire). A costituire un tentativo di risoluzione della serie di problematiche qui individuate una soluzione che possa essere in linea con l approccio dell economia umanitaria possiamo suggerire una concezione della comunicazione d impresa, secondo la quale un (qualsiasi) soggetto economico, operante in un ambiente turbolento, sistemico e complesso, interdipendente e imperfettamente trasparente, può perseguire con successo un ottimizzazione della propria posizione strategica, nei confronti dei competitori, attraverso il rafforzamento della propria identità. Ovvero attraverso la sedimentazione interna di quel fattore che esprime il progetto imprenditoriale dell azienda e che è in grado di identificarla come istituzione e organizzazione. Si tratta, in sostanza, di una ri-definizione dei valori distintivi dell azienda, atti a rappresentare la validità economica e sociale del progetto che l impresa stessa propone e vuole realizzare. Per fare ciò, è essenziale la costruzione di una identità specifica ed eticamente fondata nel consenso degli altri che sono chiamati ad co-operare. Identità specifica rappresenta infatti una keyword del nostro ragionamento. Vedremo come tutto ruota attorno al concetto stesso di identità d impresa, ovvero di comunicazione di un sistema valoriale di riferimento. Ma, prima di addentarci nell argomento (da molti punti di vista), dobbiamo forse porci con uno sguardo maggiormente critico verso la dinamiche e le problematiche della comunicazione, soprattutto quella d impresa, utilizzando il filtro delle discipline che si sono occupate di organizzazione. E, in questo sguardo, occorre cercare di fare confluire i differenti approcci che provengono dai diversi portatori di interesse. Una schematizzazione dei processi comunicativi d impresa Da un punto di vista accademico, e limitandoci a trattare un argomento che comprende la comunicazione connessa al variegato concetto di impresa, possiamo individuare tre schemi teorici e operativi in grado di fornirci la chiave di lettura dei processi e delle politiche di comunicazione che vengono poste in essere dalle aziende. Questa brevissima epilogazione, speriamo, potrà costituire una ricognizione dello stato dell arte oggi presente, soprattutto in Italia. All interno delle c.d. teorie dell organizzazione, trova spazio l analisi della complessa interrelazione tra attività di comunicazione, relazioni tra persone e le unità organizzative e relazioni con la struttura organizzativa che collega tutti gli elementi citati. In questi studi, l attenzione è prevalentemente focalizzata su due aspetti: la tipologia del rapporto (secondo una serie di dicotomie quali unidirezionale versus interattivo, ad esempio), e la relazione tra struttura organizzativa ed azioni comunicazionali.

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia

la gestione dei processi comunicazione. i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia i marketing manager si incontrano in Officina- Strategia la gestione dei processi di comunicazione in quale scenario deve identificarsi un progetto di miglioramento, nella gestione dei beni digitali per

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese

Profilo e compiti istituzionali dell insegnante della scuola ticinese Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Profilo e compiti istituzionali Bellinzona, novembre 2014 Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione,

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO

PROTOCOLLO D INTESA PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO PROTOCOLLO D INTESA Comune di Milano Settore Gabinetto del Sindaco Fondazione Cariplo PER LO SVILUPPO DELLA FOOD POLICY DEL COMUNE DI MILANO Milano,.. Giugno 2014 2 Il Comune di Milano, con sede in Milano,

Dettagli

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter

2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE. Main Supporter 2 EDIZIONE Master in Export Management (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI STAGE Main Supporter MASTER IN EXPORT MANAGEMENT (MEM) AGRI FOOD BEVERAGE (II Edizione) 9 MESI: 6 DI AULA E 3 DI

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense

Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Cio che fa bene alle persone, fa bene agli affari. Leo Burnett pubblicitario statunitense Chi siamo Siamo una delle più consolidate realtà di Internet Marketing in Italia: siamo sul mercato dal 1995, e

Dettagli

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE

LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE CAPITOLO V LO SPORT PER TUTTI: BUONE PRATICHE DI BENESSERE PREMESSA Questo capitolo affronta l analisi dello sport come diritto di cittadinanza non solo metaforico, emotivo, ma anche commerciale ed identitario.

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto

LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto. LA PROGETTAZIONE Come fare un progetto LA PROGETTAZIONE 1 LA PROGETTAZIONE Oggi il raggiungimento di un obiettivo passa per la predisposizione di un progetto. Dal mercato al terzo settore passando per lo Stato: aziende, imprese, organizzazioni,

Dettagli

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying

Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying by Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying di Alberto Cattaneo Partner, Cattaneo Zanetto & Co. Il ruolo delle terze parti nelle azioni di lobbying Ormai è diventato un

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione)

(adottata dal Comitato dei Ministri l 11 maggio 2010 alla sua 120 Sessione) Raccomandazione CM/Rec(2010)7 del Comitato dei Ministri agli stati membri sulla Carta del Consiglio d Europa sull educazione per la cittadinanza democratica e l educazione ai diritti umani * (adottata

Dettagli

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO

Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & E-COMMERCE GENNAIO-MARZO Ninja Master Online STRATEGIE DI MARKETING & 2013 GENNAIO-MARZO 9 CORSI: MARKETING STRATEGY BRANDING & VIRAL-DNA CONTENT STRATEGY DESIGN & USABILITY WEB MARKETING CUSTOMER RELATIONSHIP MANAGEMENT SOCIAL

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Policy. Le nostre persone

Policy. Le nostre persone Policy Le nostre persone Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 28 luglio 2010 LE NOSTRE PERSONE 1. L importanza del fattore umano 3 2. La cultura della pluralità 4 3. La valorizzazione

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale

Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale Preambolo La Carta Italiana dei Criteri del Commercio Equo e Solidale è il documento che definisce i valori e i princìpi condivisi da tutte le organizzazioni

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1

NORME GENERALI PRINCIPI ETICI REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 REGOLAMENTO INTERNO 2013 1 NORME GENERALI Art. 1 Validità del regolamento interno Il presente regolamento, derivante dai principi espressi dallo Statuto da cui discende, rappresenta le regole e le concrete

Dettagli

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti

Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Alessandra Cimatti*, Paolo Saibene Marketing Content marketing per acquisire e fi delizzare i clienti Nelle fasi iniziali del processo d acquisto, oggigiorno, i compratori sono dei fai da te e - sempre

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK

RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK RELAZIONE PROGETTO THE ANIMATED E-BOOK Nome scuola: ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE D. ROMANAZZI Indirizzo: VIA C. ULPIANI, 6/A cap. 70126 città: BARI provincia: BA tel.: 080 5425611 fax: 080 5426492 e-mail:

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE DICHIARAZIONE UNIVERSALE DELL'UNESCO SULLA DIVERSITA' CULTURALE Adottata all'unanimità a Parigi durante la 31esima sessione della Conferenza Generale dell'unesco, Parigi, 2 novembre 2001 La Conferenza

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali

Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Newsletter n.1 / presentazione ravenna 2013 / in distribuzione febbraio 2013 Conference Workshop LabMeeting Eventi culturali Info: Web: www.ravenna2013.it Mail: ravenna2013@labelab.it / Telefono: 366.3805000

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

INTRODUZIONE 17. Introduzione

INTRODUZIONE 17. Introduzione INTRODUZIONE 17 Introduzione Questo libro nasce dal desiderio di raccogliere e condividere le idee elaborate dal nostro gruppo di lavoro nel corso della progettazione e realizzazione di progetti inerenti

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale

Aiutare le persone a trovare lavoro. Il Fondo sociale europeo al lavoro. L Europa sociale Il Fondo sociale europeo al lavoro Aiutare le persone a trovare lavoro Il Fondo sociale europeo (FSE) finanzia progetti in tutta l UE per consentire a più persone di trovare posti di lavoro migliori, attraverso

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management

di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management GESTIRE CON SUCCESSO UNA TRATTATIVA COMMERCIALE di Sara Baroni Marketing e Vendite >> Marketing e Management OTTENERE FIDUCIA: I SEI LIVELLI DI RESISTENZA Che cosa comprano i clienti? Un prodotto? Un servizio?

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO

LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO LINEE GUIDA E DI COORDINAMENTO ATTUATIVE DEL REGOLAMENTO PER L AGGIORNAMENTO E SVILUPPO PROFESSIONALE CONTINUO nota tecnica ACCREDITAMENTO DELLE INIZIATIVE DI FORMAZIONE A DISTANZA Sommario 1. Iniziative

Dettagli

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo SOMMARIO Perché i progetti di Welfare falliscono? Falsi miti e azioni concrete per un welfare di successo

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo

C.A.P.A.C. Politecnico del Commercio e del Turismo AVVISO FOR.TE 3/12 OFFERTA FORMATIVA CAPAC POLITECNICO DEL COMMERCIO E DEL TURISMO CF4819_2012 Sicurezza: formazione specifica basso rischio - aggiornamento 4 ore Lavoratori che devono frequentare il modulo

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale

L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale CAPITOLO PRIMO L attività di ricerca e sviluppo nell organizzazione aziendale SOMMARIO * : 1. Il ruolo dell innovazione tecnologica 2. L attività di ricerca e sviluppo: contenuti 3. L area funzionale della

Dettagli

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove

generazioni. Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove Presentazione delle Linee guida per l azione dei club verso le iniziative a favore delle nuove generazioni. Nell aprile 2010 il Consiglio di Legislazione del Rotary International ha stabilito che le Nuove

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

IL PROGETTO MINDSH@RE

IL PROGETTO MINDSH@RE IL PROGETTO MINDSH@RE Gruppo Finmeccanica Attilio Di Giovanni V.P.Technology Innovation & IP Mngt L'innovazione e la Ricerca sono due dei punti di eccellenza di Finmeccanica. Lo scorso anno il Gruppo ha

Dettagli

Prosegue il percorso di riflessione

Prosegue il percorso di riflessione strategie WEB MARKETING. Strategie di Customer Journey per la creazione di valore Il viaggio del consumatore in rete Come le aziende possono calarsi nell esperienza multicanale del cliente per costruire

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI

Comincio da tre! I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA LE MIE ESPERIENZE IL MIO PASSATO COSA VOLEVO FARE DA GRANDE LE MIE RELAZIONI I MIEI AMICI LA MIA FAMIGLIA IL MIO PASSATO LE MIE ESPERIENZE COSA VOLEVO FARE DA GRANDE COME SONO IO? I MIEI DIFETTI LE MIE RELAZIONI LE MIE PASSIONI I SOGNI NEL CASSETTO IL MIO CANE IL MIO GATTO Comincio

Dettagli

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale

Le competenze professionali dell educatore sociale. Piattaforma concettuale International Association of Social Educators Association Internationale des Éducateurs Sociaux Asociación Internacional de Educadores Sociales www.aieji.net Le competenze professionali dell educatore

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 SALES & MARKETING Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE

REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE REGOLAMENTO IMPRESA IN AZIONE Premessa Impresa in azione è il programma didattico dedicato agli studenti degli ultimi anni della Scuola Superiore e pensato per valorizzare la creatività e lo spirito imprenditoriale

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale

Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale Manifesto IFLA Per la Biblioteca Multiculturale La biblioteca multiculturale Porta di accesso a una società di culture diverse in dialogo Tutti viviamo in una società sempre più eterogenea. Nel mondo vi

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende

Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Workshop n. 3 Quando a scuola ci si esercita nel far del gruppo il soggetto che apprende Introducono il tema e coordinano i lavori - Irene Camolese, Confcooperative - Franca Marchesi, Istituto Comprensivo

Dettagli

Allegato A COMUNE DI ALANO DI PIAVE Provincia di Belluno PIANO TRIENNALE DI AZIONI POSITIVE PER LE PARI OPPORTUNITÀ 2015-2017 (ART. 48, COMMA 1, D.LGS. 11/04/2006 N. 198) Il Decreto Legislativo 11 aprile

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002

SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva. Roma, 30 maggio 2002 SOCIAL BRANDING La comunicazione positiva Roma, 30 maggio 2002 Indice Lo scenario italiano 3-10! Come la pensano gli italiani! Le cause sociali di maggiore interesse! Alcuni casi italiani! Il consumatore

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse

Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Essere biblioteca, fare biblioteche Spazi, servizi, risorse Trento 20 maggio 2011 1 Il Consorzio SBCR Atto Costitutivo 31 Luglio 1997 Il Consorzio per il sistema bibliotecario dei Castelli Romani è nato

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli