LOUIS DE BERNIÈRES L IMPOSSIBILE VOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LOUIS DE BERNIÈRES L IMPOSSIBILE VOLO"

Transcript

1 LOUIS DE BERNIÈRES Un invito alla lettura In anteprima alcune pagine del romanzo L IMPOSSIBILE VOLO UGO GUANDA EDITORE IN PARMA

2 1 Prologo di Iskander il Vasaio Coloro che sono rimasti si domandano spesso come mai Ibrahim sia impazzito. Io sono l unico a saperlo, ma ho sempre mantenuto il silenzio poiché egli mi chiese di rispettare il suo dolore, o, come disse anche, di avere pietà della sua colpa. Ora che lui è impazzito, che da molto tempo il sole ha asciugato la pioggia venuta a lavare le rocce insanguinate e che quasi più nessuno serba ricordo dell incantevole Philothei, credo di non tradire alcuno rendendo infine nota la verità. Tanto è il sangue scorso tra noi, da apparire a posteriori addirittura impossibile, e non potrà fare molta differenza se narrerò l ultima disgrazia di Philothei, dolce, cristiana, vanitosa e bella. Arriva un momento nella vita in cui chi sopravvive comincia a sentirsi un fantasma che ha dimenticato di morire a tempo debito, e molti di noi in gioventù erano certo più allegri. A quanto pare l età ripiega il cuore su se stesso. Alcuni di noi procedono assenti, continuando a sognare il passato, altri comprendono di aver perso la capacità di tirare avanti. Per molti il pensiero del futuro è cagione di stizza, anziché di ottimismo, come se delle novità ne avessimo ormai abbastanza e desiderassimo solo il lungo sonno che smussa i contorni della nostra esistenza. È una stanchezza che provo anch io. 2

3 A ogni modo siamo gente austera, qui. All epoca in cui i cristiani erano ancora tra noi la vita era più lieta, non ultimo perché ogni giorno per loro era la festa di qualche santo. Forse si lavorava poco, ma almeno quell allegria era contagiosa. La nostra religione ci rende gravi e pensosi, solenni e malinconici, mentre la loro non imponeva tanta disciplina. Forse era per via del vino. Per loro quella bevanda era sacra e preziosa, poiché la credevano affine al sangue di Dio, mentre per noi è un piacere da sempre guastato dalla proibizione del Profeta. La pace sia con lui, ma spesso ho rimpianto che non avesse deciso altrimenti. Anche noi beviamo, ma ci disprezziamo per questo. Certe volte bevevamo insieme ai nostri cristiani, e la loro euforia ci prendeva come la malaria in una notte d aria fresca; ma ora che siamo rimasti tra noi, dalle pietre di questa cittadina semideserta emana solo una particolare tristezza. Da giovane Ibrahim il Folle era uno dei nostri ragazzi più divertenti. Dicevano fosse nato col sorriso sulle labbra, e sin da bambino si rivelò un esperto di esclamazioni inappropriate. Per essere precisi, mise a punto un repertorio di belati che imitavano alla perfezione gli sciocchi commenti di una capra nei suoi più vari stati mentali: una capra sorpresa, una capra che cerca il suo capretto, una capra che protesta, una capra affamata, una capra perplessa, una capra in calore. Ma il suo belato più riuscito era quello di una capra che non ha niente da dire. Un belato che era una parodia perfetta dell ebetaggine, della vacuità, della stoltezza e dell innocuità. Se volete scoprire com era spingetevi oltre le antiche tombe, fino alla cava di calcare, dove tra la sterpaglia Ibrahim il Folle 3

4 bada ancora alle capre, sebbene abbia perduto la ragione. Però fate attenzione al cane. È una bestia grossa e intelligente, capace ogni sera di riportare le capre al padrone senza che Ibrahim debba muovere un dito, ma pronta a mostrare i denti e a fiutare subito un forestiero. Se non lo trovate lì, allorametteteviin ascolto del suo kaval e seguitene il suono. Ibrahim ne trae note così tristi da paralizzarvi e immalinconirvi sino al pianto. Ormai ha smesso di belare, ma a- scolta sempre le capre mentre vagano tra gli arbusti, e anche voi riconoscerete il verso di quella che non ha niente da dire. Lo faceva all improvviso, nel bel mezzo di una conversazione o nel momento solenne di qualche cerimonia, e per questo da piccolo le prendeva da suo padre. Un giorno osò persino interrompere l imam, Abdulhamid Hodja, possa egli riposare in Paradiso, impegnato come d abitudine in un interminabile dissertazione sulla legge. Accadde sotto i platani della meydan, dove siedono i vecchi. Ibrahim aveva circa otto anni arrivò di soppiatto fin dietro un albero e, mentre tutti ascoltavano tranquilli e rispettosi, emise d improvviso il suo belato. Calò allora un silenzio attonito, Ibrahim ridacchiò e fuggì di corsa. Gli uomini si scambiarono un occhiata e il padre di Ibrahim balzò in piedi, il volto paonazzo di rabbia e di vergogna. Ma Abdulhamid, che era di indole buona e aveva sufficiente dignità innata da non temere attentati al suo onore, gli posò una mano sul braccio. «Non picchiarlo» disse. «In fondo anch io stavo belando; era giusto che qualcun altro prendesse la parola.» Il padre di Ibrahim era soprannominato Ali Naso-rotto. 4

5 Gli uomini rimasero disorientati dalla tolleranza dell imam nei confronti di una simile mancanza di rispetto, ma presto corse voce che egli vedesse qualcosa di provvidenziale nell irriverenza del ragazzo, e da quel momento le sue sortite furono accettate come normali incidenti di percorso. A quel tempo Ibrahim era amico di mio figlio Karatavuk, e posso in tutta sincerità affermare che non era assolutamente folle, ma solo plasmato da Dio in modo un po comico. Se volete vedere com è adesso, ora che ci penso, non avete nemmeno da salire fino alle tombe. Aspettate invece che ritorni con le capre, e che il cane le scorti all ovile per la notte. Ibrahim il Folle le conosce per nome una per una, ma a parte questo la sua zucca è vuota come una casa abbandonata. Dicono che per i matti ogni giorno sia festa, ma anche che la pazzia abbia settanta cancelli. Vero è che molti sono felici, come gli scemi di questa cittadina che vedete seduti sui muretti a sorridere e pisciarsi addosso, ma io so che il cancello varcato da Ibrahim è il cancello della sofferenza indomabile, e che la sua mente resta una cateratta di dolore. Credo che in quei giorni molti di noi avessero la mente ottenebrata dall odio per via della guerra coi greci, e in tutta onestà io ero tra questi, ma Ibrahim era l unico impazzito per amore. Si diede la colpa, e fossi stato uno dei fratelli o dei parenti di lei sarei tornato dall esilio per ucciderlo. La cosa assurda, invece, è che nulla sarebbe accaduto a Philothei se altre cose non fossero accadute nel vasto mondo. Sono dunque persuaso che la colpa sia stata di molti, non solo di Ibrahim ma di tutti noi che 5

6 vivevamo in questo posto, così come di coloro che in altri luoghi erano assetati di sangue e ambizione. In quei giorni sentimmo parlare per la prima volta di paesi che mai erano entrati nella nostra vita. Fu un corso accelerato, e molti di noi ne sono tuttora confusi. Sapevamo che i nostri cristiani venivano talvolta chiamati «greci», anche se per noi erano più «cani» o «infedeli», ingiurie che pronunciavamo come semplici formalità, o col sorriso sulle labbra, proprio come quelle che loro lanciavano contro di noi. Per insultarci ci davano dei «turchi», in un tempo in cui noi ci chiamavamo «ottomani» oppure «osmanli». In seguito saltò fuori che eravamo davvero «turchi», e ne fummo orgogliosi come si può esserlo di un paio di stivali nuovi, all inizio un po scomodi ma che presto si adattano al piede facendo un figurone. Sia come sia, un giorno scoprimmo che esisteva realmente un paese chiamato «Grecia», che voleva impadronirsi di questo posto, liberarsi di noi e rubarci la terra. I russi li conoscevamo già, per via di altre guerre, ma questi italiani chi erano? Chi erano questi altri cristiani? Di colpo sentimmo parlare di «tedeschi» e di «francesi», e di una certa «Gran Bretagna» che aveva dominato mezzo mondo senza che noi ne sapessimo nulla, ma nessuno ci spiegò mai per quale ragione avevano scelto di venire qui a seminare tribolazioni e fame, a spargere sangue e lamenti, perché stessero giocando con noi e martoriando la nostra pace. Io accuso questi popoli franchi, e accuso potentati e pascià di cui probabilmente non saprò mai i nomi, e accuso gli uomini di Dio di entrambe le religioni, accuso tutti coloro che permisero ai soldati di comportarsi come lupi e dissero loro che era nobile e 6

7 necessario. A causa di ciò che involontariamente feci a mio figlio Karatavuk, nel mio piccolo anch io mi comportai come un lupo, e la vergogna oggi mi consuma. Nei lunghi anni di guerra troppi impararono, qui, a lasciarsi infiammare il cuore dall odio, a tradire i propri vicini, a violare le donne, a rubare ed espropriare, a invocare il nome di Dio commettendo l opera del Diavolo, a coltivare la rabbia e l amarezza, ad accanirsi persino sui bambini. Gran parte delle atrocità fu compiuta a vendetta di atrocità identiche, ma io vi dico oggi che anche se la terra fosse sepolta dalla neve e la colpa fosse un mantello di zibellino, preferirei congelare piuttosto che portarlo sulle spalle. Tuttavia non accuso solo me stesso, i potenti, i miei compatrioti d Anatolia, o i greci sanguinari. La colpa è anche della sfortuna. Il destino accarezza i pochi e tormenta i molti, e alla fine l agnello pende per la zampa dal gancio del macellaio, e il chicco di grano, ovunque sia cresciuto, approda al mulino. È strano, ma se mi chiederete di raccontare per quale caso una giovane cristiana morì in un posto anonimo come questo, dovrete ascoltare anche la storia di grandi uomini, come Mustafa Kemal, e di piccoli uomini, come me, e il resoconto di guerre e tumulti. Un innata perversità sembra insita nella natura del destino, così come in noi. A volte mi chiedo se in certi momenti Dio non dorma o non distolga il Suo sguardo, o se non esista addirittura una perversità divina. Chi sa per quale motivo un giorno, guadando un fiume in cui si è aperta una buca profonda, un uomo debba affogare là dove per secoli altri sono transitati indenni e non vi sono mai state buche? 7

8 Parlando da egoista, vi dirò che quanto mi è rimasto, e mi tormenta, dopo aver accantonato il ricordo di crudeltà e follie, è il dolore di aver storpiato il mio figlio prediletto, Karatavuk. Le circostanze dell incidente continueranno a perseguitarmi, poiché fui io a causarlo per mia stessa irruenza, e questo dopo otto anni di guerra da cui era uscito incolume! È stupefacente che io non sia impazzito come Ibrahim. Penso in continuazione a mio figlio, alla sua natura retta, alla sua grande lealtà e al suo umore sempre eccellente, e ora che non potrà seguire le mie orme di vasaio sono fiero che abbia trovato un modo dignitoso di guadagnarsi da vivere. Molti qui dicono che senza i cristiani stiamo meglio, ma la vecchia vita di questa città mi manca, e mi mancano anche loro. Senza i cristiani la vita è meno varia, e stiamo disimparando a vedere noi stessi guardando gli altri. E da quando hanno portato via la loro icona di Maria Madre di Gesù, qualcuno pensa che la nostra fortuna sia diminuita ancora. Io faccio il vasaio, ma ho una certa fama anche come inventore di proverbi. Mi sono accorto che quando i cristiani erano qui mi venivano proverbi allegri, e che da quando se ne sono andati me ne vengono solo di malinconici. Da quell epoca turbinosa il mondo ha scoperto e riscoperto che le ferite degli avi fanno sanguinare i nipoti, e non so se qualcuno verrà mai perdonato, o il male compiuto annullato. Ma ora basta, comincia la storia, e chi da solo si schiaffeggia risparmi il pianto. 8

9 2 Iskander il Vasaio ricorda la nascita di Philothei L imam rese omaggio a Philothei il giorno in cui nacque, all inizio dell estate del milleduecentosettantottesimo anno dall arrivo del Profeta a Medina, che se ben calcolo nel calendario cristiano dovrebbe corrispondere al Philothei era la più bella della città, e questo nell arco della sua breve esistenza le procurò più dispiaceri che gioie. A volte mi è capitato di pensare che Dio dona grande bellezza proprio a coloro cui riserva maggior sfortuna. Il parto si svolse, suppongo, in modo abbastanza consueto. La madre aveva bevuto da una ciotola con sopra incisi alcuni versi del Corano, e in cui altri erano stati immersi a maggior garanzia, e per almeno una settimana aveva dormito con una croce sul ventre. Inoltre, una donna era andata a chiamare Mihrimah Efendim con largo anticipo. In quei giorni Mihrimah Efendim era la nostra levatrice, e nessuno più di lei era versato nelle arti del parto. Alta e grassa, aveva una certa età, come si suol dire, e una discreta peluria sul labbro superiore, e sua madre e le sue nonne erano state le nostre levatrici fin dalla notte dei tempi. Tutti noi eravamo arrivati qui sani e salvi grazie a loro. Quando Mihrimah Efendim, la sua assistente e le 9

10 sue due aiutanti comparivano in strada con la sedia del parto, sapevamo subito che stava per nascere qualcuno. Io stesso sono nato su quella sedia, e così i miei figli, e oserei dire che molti altri vi nasceranno per mille anni ancora, a Dio piacendo. Fatta in noce, legno propizio, aveva un bordo solido lucidato da centinaia di cosce di donne, e molti uomini facevano battute oscene su ciò che quel sedile aveva visto. I braccioli erano robusti, perché nei dolori del parto una donna diventa forte come un uomo e rivela una sorprendente conoscenza d improperi. Philothei venne al mondo una notte in cui il vento del sud portava dall Arabia insonnia e pensieri lascivi. Lo ricordo perché neanch io riuscivo a dormire, in parte a causa dell irrequietezza di mia moglie e dei miei figli, coricati su pavimenti e divani, e in parte perché fuori i cani ululavano all unisono con la madre di Philothei. In cortile, avvolto nel mantello, giacevo insonne a guardar le stelle, così alla fine decisi di fare quattro passi. Era una notte in cui l agitazione sembrava recar scompiglio fin negli angoli più tranquilli. Avvertivo nell aria una presenza maligna, come se uno spirito sbucato dalla Geenna si aggirasse per la città. In questo posto molti muoiono senza aver assolto ai loro obblighi, e continuano a vagare senza pace come ombre. Non riuscii a trattenermi dal seguire i richiami sonori del parto, e così passai davanti alla finestra del maestro di scuola, il cristiano Leonidas Efendi, che a ritmo forsennato scriveva alla grama luce di uno stoppino galleggiante in una ciotola d olio d oliva. Questo maestro era un brutto soggetto, un piantagra- 10

11 ne. A quei tempi tutti parlavamo turco, ma chi sapeva scrivere lo faceva in greco. Leonidas invece era tra quelli che si agitavano e prendevano la cosa molto sul serio, convinto che i cristiani dovessero parlare greco, non turco. Costringeva i bambini a studiare una lingua per loro dura come sassi, e fomentava l astio raccontando in che modo noi osmanli avevamo strappato la terra ai greci, a cui apparteneva di diritto. Ho sentito dire che un tempo questo luogo era del popolo dei lici, e che i greci l avevano strappato a loro, dunque perché il maestro non spiegava ai bambini che in origine ogni terra è rubata? Perché non diceva: «Andiamo a cercare i lici, e ridiamogliela?». All epoca, come il maestro ce n erano fin troppi, tutta gente capace di gettare acqua su una padella d olio fumante e di ustionare, oltre a se stessa, anche gli altri. Mi sovviene la storiella di Nasreddin Hodja, che possedeva un bufalo dalle corna enormi. Aveva sempre sognato di sedersi tra quelle corna, convinto che fossero una specie di trono, ma si era sempre trattenuto dal farlo. Fino al giorno in cui, mentre la bestia riposava in mezzo all erba, lui non resistette oltre alla tentazione e convinse la moglie ad aiutarlo nell impresa. Il bufalo allora si alzò e lo proiettò in aria, e lui piombò di peso sulla moglie sventurata, così che entrambi si fecero male. Al che Nasreddin le disse: «A volte, moglie, dobbiamo soffrire entrambi per i miei desideri». Oltre che un piantagrane, il maestro di scuola era un tipo segaligno, veniva da Smirne e dunque non era dei nostri, portava gli occhiali, si dava delle arie e non si sposò mai. Ma torniamo a Philothei. Quando le grida cessa- 11

12 rono e il parto si concluse, accadde dunque che mi trovassi davanti alla casa dei suoi genitori insieme a molti altri curiosi. Udimmo la gioia e il sollievo nella voce di Mihrimah Efendim che tagliava il cordone ombelicale e in tono profondo esclamava: «Dio è grande, Dio è grande, Dio è grande». Era nostra usanza dare a ogni bambina come primo nome quello della compagna di Adamo in Paradiso, così quando Mihrimah annunciò che la creatura si chiamava «Havva» capimmo tutti che si trattava di una femmina, «una mano in più per zappare», come dicevano alcuni. Nell istante preciso in cui la levatrice diede il suo annuncio, giuro, la notte subì una trasformazione. I cani smisero di ululare, la luna sbucò da dietro le nuvole, nell aria si sparse un aroma d incenso e zafferano, e un bulbul prese a cantare sul platano centrale della meydan, dove di giorno siedono i vecchi. Fui felice che quella nuova vita fosse cominciata tanto bene, ma, lo confesso, allo stesso tempo non potei fare a meno di riflettere che quanto nasce è destinato a morire. Me ne stavo dunque lì a chiedermi quanto a lungo sarebbe vissuta, e come sarebbe morta, quando il padre, che di nome faceva Charitos, uscì di casa a ristorarsi con una boccata d aria. Gli andai incontro, gli diedi una pacca sulla spalla e gli offrii una sigaretta che in verità avevo appena rollato per me. «Salaam aleikum» dissi porgendogli l acciarino. «La pace sia con te» rispose lui, per poi aggiungere in tono quasi preoccupato: «È la creatura più bella che abbia mai visto». «Allora saranno guai» replicai io. «Le donne stanno appendendo ovunque Bibbie e 12

13 Corani, e perle azzurre e teste d aglio» continuò Charitos, con un sorriso ironico, «ma io credo che saranno guai lo stesso. Nazar deymesin.» «Che il Signore ci protegga dal malocchio» ricambiai. Più tardi, dopo che all alba il muezzin ebbe intonato l azan e tutti ebbero recitato le preghiere, dalla casa dei genitori di Philothei cominciò a diffondersi una voce, come il cerchio di un sasso gettato nell acqua, e ben presto una nuova folla di curiosi si radunò per vederla, per recare doni e augurare alla madre una felice ripresa, ma anche per accertare la decantata bellezza della bimba. Era una di quelle cittadine dove tutti si fanno gli affari di tutti, dove le donne si ritrovano a spettegolare al pozzo e nelle cucine, e lo stesso fanno gli uomini nei caffè. La famiglia di Philothei era cristiana, ma a quel tempo stavamo tutti insieme e, a parte le farneticazioni sul Diavolo di qualche testa calda che si riempiva la pancia di rachi, la nostra era una convivenza piuttosto armoniosa. Non c era quindi da stupirsi che gente d ogni sorta si presentasse alla porta di quella casa con piccoli doni di caffè, lokum, calicanto e tabacco, nella speranza di intravedere la bimba che, prima ancora di aprire gli occhi, stava già diventando leggenda. Che non era stato un parto dei più facili l avevamo capito tutti dai lamenti della madre, e ciononostante un letto sontuoso era già stato allestito nel selamlik, e la madre, Polyxeni, sedeva con la schiena sostenuta da cuscini e sorrideva, col mignolo infilato in bocca alla piccola per consolarla della temporanea mancanza del seno. 13

14 Avevo indossato il mio abito migliore, avevo portato una moneta d oro e del tè al bergamotto che mia moglie aveva aromatizzato con le sue mani. Studiai con attenzione la neonata, bevvi il mio sherbet e scambiai ulteriori convenevoli con Charitos, il padre, che dopo quella terribile notte d ansia era ormai stanco morto. «Che il Signore benedica il latte della madre» dissi, e ancora una volta mi chiesi come potesse una donna attraversare un simile inferno e poi esserne soddisfatta. «La chiameremo Philothei» m informò Charitos. «Che significa?» «Èun nome greco» rispose lui. «Credo significhi Amata da Dio o Amante di Dio, o qualcosa del genere. Comunque sia è un bel nome, e l ho scelto in memoria di mia madre. Anche lei lo portava.» «Dovresti chiedere a Leonidas Efendi, il maestro, lui ha sempre tanta voglia di parlar greco» suggerii. «Ti dirà cosa vuol dire.» «No, chiederò al prete» dichiarò Charitos. Anche lui, come me, mal tollerava i sapientoni dogmatici dalle spalle curve che non sapevano nemmeno cogliere una mela su un albero. Poi, guardandomi con gli occhi stanchi, mi chiese in tono serissimo: «Iskander Efendi, me lo fai un favore? Vai ad appendere un fazzoletto al pino rosso?». «Vuoi che esprima un desiderio per te?» «Sì. Questa figlia...» Indicò con un cenno del capo la bambina. «Quando hai detto che con la sua bellezza saranno guai, hai detto una brutta cosa. Spero che Satana non ti abbia sentito e non si sia messo strane idee in testa, anche se devo confessarti che io 14

15 stesso nutrivo brutti presentimenti. Dunque fammi questo piacere e aiutami a trovare pace: vai a legare un fazzoletto al pino rosso e augura a mia figlia una vita facile.» «Lo farò, Charitos Efendi. Anzi, ne legherò due e raddoppierò l augurio. Ma prima fammi guardare ancora la creatura.» Polyxeni scostò lo scialle e scoprì la neonata Philothei. «È davvero bellissima» confermai. Devo dire tuttavia che, secondo me, questa faccenda dei neonati belli o brutti, o che assomigliano tanto al padre o alla zia, non è che una fastidiosa invenzione di menti illuse. I bambini sono tutti uguali e, nella fattispecie, quella mi parve una bambina molto bambina. Anch io ho avuto dei figli, e non ricordo affatto che aspetto avessero nell istante in cui videro la luce per la prima volta, tranne che tutti erano neonati e non somigliavano a un bel niente e a nessuno. Fu proprio allora, mentre mi sforzavo di essere onesto sulla bellezza di quella bambina così bambina, che l imam entrò in casa. All epoca il nostro imam era nel pieno della vita. Aveva suppergiù quarantacinque anni, era forte e scattante, con una barba lunga, brizzolata e accuratamente pettinata, e gli occhi neri e acuti da uccello che si accompagnavano al naso adunco, da arabo. Aveva ancora quasi tutti i denti e la bocca sottile, col labbro inferiore più sporgente di quello superiore. Aveva compiuto l haj due volte, perciò era doppiamente hodja, e aveva studiato a Stambul, dove si era specializzato in tradizione sunnita. Era capace di recitare tutto il Corano a memoria, dunque non era solo un hodja, ma anche un hafiz. Come se non bastasse, 15

16 aveva ricevuto l iniziazione di ben quattro confraternite sufi, ragion per cui era ampiamente titolato al ritorno e al ricongiungimento con Dio. Nel complesso era un uomo straordinariamente erudito, che conosceva più parole in arabo e in persiano di tutti gli arabi e i persiani messi insieme. A volte toccava rassegnarsi e capire ben poco di quel che diceva, perché era in grado di parlare ininterrottamente per cinque minuti, infarcendo le frasi di «ciononostante», «imperocché», «quantunque» e «per converso», senza lasciarti intendere dove stesse andando a parare fino all ultimissima parola del discorso. Sono i vantaggi di una buona educazione. Per quale motivo l imam avesse scelto di essere un semplice imam quando avrebbe potuto diventare qadi in un tribunale, nessuno di noi lo seppe mai. Girava il sospetto che potesse aver fatto proprie le idee sgradite agli inflessibili anziani delle scuole, ma io credo che avesse deciso di essere soltanto la guida delle nostre preghiere perché desiderava trascorrere la maggior parte del tempo con le mani affondate nella terra. Il nostro imam era un appassionato coltivatore di ortaggi. Si chiamava Abdulhamid Hodja, e le due grandi gioie della sua vita erano la moglie e una giovane cavalla, benché fosse difficile dire quale venisse per prima. Riguardo a sua moglie, gli piaceva citare l ennesima storiella di Nasreddin Hodja, che alla domanda su quando sarebbe arrivata la fine del mondo aveva risposto: «Il mondo finirà due volte: una, quando morirà mia moglie, l altra quando morirò io». Non posso dire di aver mai conosciuto la moglie del nostro imam. Non era di qui, e in quei giorni l usanza proi- 16

17 biva anche solo di informarsi circa la salute della consorte di un altro, o delle sue parenti di sesso femminile, cosicché spesso non se ne sapeva nulla, a meno di non ricevere notizie spontanee. Oggi tutto è cambiato, e non sempre per il meglio. Ora che le donne non si coprono più il volto col çars af, un uomo con una brutta moglie non è più libero di vantarsi della sua bellezza nei caffè. Naturalmente le donne cristiane girano da sempre a volto scoperto, perciò i loro mariti non hanno mai avuto questa possibilità, e molte di loro non si sono mai sposate. Quanto alla cavalla, invece, era una creatura argentea straordinariamente amabile e leggiadra, che l imam, devotissimo, aveva chiamato «Nilufer» e fornito di un piastrone decorato con versi del Corano che lui stesso provvedeva a lucidare. Intrecciava la criniera della sua puledra con nastri verdi alle cui estremità erano appesi minuscoli campanelli d ottone, e aveva una sella alta e pregiata acquistata da certi nomadi yörük in viaggio sui monti Bey. Lavava e spazzolava la sua bestia, la ungeva di profumi per allontanare gli insetti e spesso lo si scorgeva intento a sussurrarle parole affettuose, con un braccio intorno al collo e la mano che le accarezzava il naso vellutato. La cavalla si comportava di conseguenza con la capricciosità e la mancanza di umiltà di un amante circassa, ma vedere l imam cavalcare al piccolo galoppo, con il turbante bianco avvolto intorno al fez e la tunica verde che gli sventolava alle spalle, era sempre una gioia per il cuore. Abdulhamid Hodja era un cavallerizzo degno dei nostri antenati giunti da Oriente, e dicono che un uomo sia veramente tale solo quando monta la moglie o il cavallo. 17

18 Come stavo dicendo, egli comparve improvvisamente sulla porta, lasciò le scarpe accanto a quelle degli altri ed entrò nella stanza col suo solito incedere distinto e vigoroso. «Salaam aleikum» ci salutò, e noi di rimando, senza pensarci un istante: «Aleikum salaam». Naturalmente era venuto per lo stesso motivo per cui eravamo venuti noi, portare un dono, ed era curioso di vedere la bella bambina. Si chinò e prese la neonata, la sollevò in aria e ne scrutò i lineamenti quasi a divinarne qualcosa. Emise infine un sospiro soddisfatto e recitò i primi versi del Corano, che io riconobbi perché, nonostante la mia ignoranza della lingua araba, un tempo li avevo studiati. Quindi rimise giù Philothei, si chinò di nuovo, si portò la manina alle labbra e gliela baciò. In seguito la madre trovò sulla mano destra della bimba una piccola macchia rossa, che credette di riconoscere come il punto esatto in cui l imam aveva posato le labbra. Persino i cristiani, come vedete, lo consideravano un santo. Di sicuro ne aveva tutta la pazienza, e non c era volta in cui reagisse alle oscenità e alla strafottenza di certi cristiani stolti e maleducati, che gli tiravano bucce di limone in segno di disprezzo e poi correvano a nascondersi per non essere riconosciuti. Avrebbe potuto farli impiccare, invece li puniva ignorandoli. Nella sua saggezza, aveva capito che il castigo peggiore è passare inosservati. Prima di andarsene disse a Charitos: «Ti auguro grande felicità con questa figlia», quindi uscì, montò in sella all argentea puledra e partì con i nastri vivaci che ondeggiavano dalla sella e i campanelli d ottone che tintinnavano sulle briglie. 18

19 «Chissà cos ha visto» commentò Charitos, e io mi strinsi nelle spalle. Probabilmente aveva reagito come me, e pensato che ogni nascita contiene in sé una morte. Ora la stanza era molto affollata e gli ospiti cominciavano a soffiare dense nuvole di fumo dai loro narghilè e a fare un tremendo baccano per tener lontani gli spiriti maligni. Avendo sempre detestato quel fumo e quel chiasso, porsi a Charitos le mie scuse: «Il lavoro mi aspetta» gli urlai all orecchio, «ho un mucchio d argilla da impastare, quindi forse è meglio che vada. Voglio regalarti una bella caraffa per l acqua». Poi ricordai. «Ma prima andrò a legare due fazzoletti al pino rosso.» A quell ora la città si era risvegliata di colpo e io dovetti farmi strada su per viuzze ripide e acciottolate, larghe a malapena per far passare un asino. Sembravano concepite prima dell invenzione dei carretti, dunque quanto tempo prima? A ogni buon conto mi feci largo tra donne con orci d acqua sulla testa, cani che se la dormivano incuranti del viavai, venditori ambulanti, bottegai, mendicanti e artigiani, scavalcando le gambe degli accattoni il cui unico scopo in questa vita era rendere migliore l anima di chi li sfamava con le elemosine necessarie a perpetuare la loro inattività. Questi tendevano la mano a occhi bassi, giacché è meglio per tutti noi che certi doni restino anonimi. Andai dunque in bottega, dove presi uno degli stracci che usavo per lavare la ruota del tornio alla fine di ogni giornata di lavoro. Ametàdel pendio che portava alla cima della scogliera, nei pressi del punto in cui estraevano la pietra per fabbricare la calce, cresceva una macchia 19

20 di pini rossi. Erano alberi bellissimi, dalla corteccia robusta, con rami che si aprivano a ventaglio come ansiosi di regalare ombra a chi stava sotto. Di tanto in tanto mi piace inventare proverbi, e quel giorno, mentre sollevavo lo sguardo ai rami, me ne venne uno che diceva: «All ombra del pino rosso ti caga in testa il colombo grigio». Ce n erano sempre almeno dieci o dodici, piccoli e con l anello nero intorno al collo, molto graziosi ma anche generosi di rifiuti corporali. Le cose belle, nella vita, hanno sempre un risvolto negativo. I rami più bassi erano abbondantemente ricoperti di stracci e fazzoletti, anni di desideri di un intera città, e trovare un po di spazio per legarne un altro era ogni volta una sfida. Capitava che, avveratosi un desiderio, colui che l aveva espresso venisse a riprendersi il fazzoletto, così da riutilizzarlo per uno nuovo. A mio parere ciò dimostra una certa meschinità di spirito, perché trovare un brandello di tessuto non è poi tanto difficile. In quei giorni ero ancora abbastanza giovane per arrampicarmi con agilità, così salii fino in cima al più alto dei pini, dove legai il mio straccio per farlo sventolare come il gagliardetto di una nave. Il sole splendeva già forte e luminoso, e cardava dalla corteccia un profumo di resina. Avevo i palmi ricoperti della pellicola nera e polverosa che, tenace e appiccicaticcia, si deposita sulle mani quando si scala uno di quegli alberi. Era fastidiosa, ma poi pensai che con il lavoro al tornio sarebbe sparita in un baleno. Si sollevò un po di vento, e mi calcai meglio il turbante in testa. Vidi dei bambini che giocavano nelle pozze del tem- 20

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore

Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Traccia: Obbiettivo dell incontro: accompagnare i bambini verso la comprensione che per credere in Gesù dobbiamo amarlo e non dubitare mai del suo Amore Per la preghiera: vedi in allegato. Sviluppo dell

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE

FAVOLA LA STORIA DI ERRORE FAVOLA LA STORIA DI ERRORE C era una volta una bella famiglia che abitava in una bella città e viveva in una bella casa. Avevano tre figli, tutti belli, avevano belle auto e un bel giardino, ben curato,

Dettagli

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3

NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 Zeta 1 1 2 NATALINA INSERRA FABIO, UNA VITA SPEZZATA quando l errore medico cambia l esistenza Bonfirraro Editore 3 2010 by Bonfirraro Editore Viale Ritrovato, 5-94012 Barrafranca - Enna Tel. 0934.464646-0934.519716

Dettagli

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA.

IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. IL 23 FEBBRAIO SIAMO ANDATI ALLA SCUOLA CARMINATI PER PARLARE CON I RAGAZZI DI 2B DELL ARTICOLO 3 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA. COME AL SOLITO CI SIAMO MESSI IN CERCHIO ABBIAMO ASCOLTATO LA FIABA DEI Mille

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Traduzione di. Claudia Manzolelli

Traduzione di. Claudia Manzolelli Traduzione di Claudia Manzolelli Ai miei genitori, George e Elizabeth Introduzione...1 1. L inizio della fine...9 2. Ritorno all ovile...21 3. Il consulente geriatrico...37 4. Galapagos...43 5. La caduta...51

Dettagli

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ

L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ CAPITOLO XV L OSTE SI ACCOSTÒ A RENZO PER CONVINCERLO AD ANDARE A DORMIRE. IL GIOVANE PROVÒ AD ALZARSI E DOPO IL TERZO TENTATIVO SI SOLLEVÒ, SORRETTO DALL UOMO CHE LO PORTÒ NELLA CAMERA. VEDENDO IL LETTO,

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY

www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY www.caosfera.it creativitoria 100% MADE IN ITALY Tensioni Max Pedretti NEL NOME DEL MALE copyright 2010, caosfera www.caosfera.it soluzioni grafiche e realizzazione Max Pedretti NEL NOME DEL MALE PROLOGO

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose

Sean e le na Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose Sean e le Una Storia per la Buona Notte Scarpe Luccicose da Drynites Sean e le Scarpe Luccicose Sean era così timido che quando arrivava il postino a consegnargli una lettera, era troppo timido per salutare.

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

La vita di Madre Teresa Gabrieli

La vita di Madre Teresa Gabrieli La vita di Madre Teresa Gabrieli 2 Centro Studi Suore delle Poverelle Testo di Romina Guercio 2007 La vita di Madre Teresa Gabrieli Note per l animatrice Teresa Gabrieli è nata a Bergamo il 13 settembre

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri.

Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso nei suoi pensieri. Testi di Joanna Bellati, Anna Lucatello, Annachiara Moretti Illustazioni di Alice Dittura, Giorgia Rizzo Elia aveva quattordici anni. Era alto, gli occhi azzurri ed era un tipo che si perdeva molto spesso

Dettagli

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE

Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE Urlo d amore Maria Antonietta Bafile URLO D AMORE racconti brevi www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Maria Antonietta Bafile Tutti i diritti riservati A tutti gli innamorati... A tutti gli amori assurdi

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO

LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Elisa Fabemoli LA VERA STORIA DI OCCHIO PIDOCCHIO Ovvero come sensibilizzare genitori, insegnanti, educatori e bambini su un problema che tormenta i pensieri dentro e sopra le nostre teste 1 In una scuola

Dettagli

Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE

Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE L amore nell amore Vincenzo Rimola L AMORE NELL AMORE poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo Rimola Tutti i diritti riservati L amore è: passione, possessione, ossessione, liberazione

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Candela bianca. Silvia Angeli

Candela bianca. Silvia Angeli Candela bianca È successo ancora. Il buio della stanza mi chiama alla realtà. Abbandono riluttante le coperte calde, rifugio sicuro e accendo una candela bianca, con la sua fiamma dorata. È successo di

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

L inizio della tristezza dell Uomo

L inizio della tristezza dell Uomo Bibbia per bambini presenta L inizio della tristezza dell Uomo Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: M. Maillot; Tammy S. Tradotta da: Lorena Circiello Prodotta da:

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

La Sagrada Famiglia 2015

La Sagrada Famiglia 2015 La Sagrada Famiglia 2015 La forza che ti danno i figli è senza limite e per fortuna loro non sanno mai fino in fondo quanto sono gli artefici di tutto questo. Sono tiranni per il loro ruolo di bambini,

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

IL MIO CARO AMICO ROBERTO

IL MIO CARO AMICO ROBERTO IL MIO CARO AMICO ROBERTO Roberto è un mio caro amico, lo conosco da circa 16 anni, è un ragazzo sempre allegro, vive la vita alla giornata e anche ora che ha 25 anni il suo carattere non tende a cambiare,

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il

Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il Bartolomea e il basilisco del Duomo C'era una volta, intorno al 1600, dentro le mura di Modena, una bambina di nome Bartolomea, a cui era morto il padre. La bambina viveva con sua madre, Maria, in via

Dettagli

Parco naturale La Mandria

Parco naturale La Mandria Parco naturale La Mandria La favola di Rosa Ciao bambini io sono Turcet, il topolino che vive qui al Castello! Quando ero piccolo mio Nonno Topone mi raccontò la storia del Re Vittorio Emanuele e della

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE

IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE IL MIRACOLO DELLA TREGUA DI NATALE CENTENARIO DELLE TREGUE DI NATALE Venerdì 25 dicembre 1914, Belgio, settore settentrionale del fronte occidentale, trincee delle Fiandre, sud di Ypres: è il primo Natale

Dettagli

Auguri mamma! Festa della mamma 2014

Auguri mamma! Festa della mamma 2014 Festa della mamma 2014 Quest anno dedichiamo alla mamma un intero libro. Si tratta de L abbraccio di David Grossman, splendido nell edizione Mondadori illustrata da Michal Rovner. Il nostro libro si presenterà

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia

Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I COLORI Poesia segnalata al premio Silvano Ceccherelli della Banca di Credito Cooperativo di Cascia I colori sono tanti almeno cento: marrone come il legno, bianco come la nebbia, rosso come il sangue,

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Neretta e Bertola suonarono

Neretta e Bertola suonarono Neretta e Bertola suonarono il campanello di via dei Mirtilli n 15, alle ore 17. Era il primo venerdì del mese e loro erano puntualissime, come sempre. Aprì loro una vecchina piccola, piccola che con un

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry

Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry I NONNI Obiettivo: riconoscere il sentimento che ci lega ai nonni. Attività: ascolto e comprensione di racconti, conversazioni guidate. Le scarpe nuove di Kathryn Jackson e Richard Scarry Quando Roberto

Dettagli

Il gabbiano Jonathan Livingston

Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston Il gabbiano Jonathan Livingston è un gabbiano fuori dal comune: non segue mai lo stormo e va ad esercitarsi da solo per migliorare la tecnica del volo ad alta quota. Questo

Dettagli

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA!

CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! CULTO DELLA SCUOLA DOMENICALE: FACCIAMO FESTA! PREPARATIVI - Preparare un grande cerchio di cartoncino marrone (la torta ) e tanti spicchi di diversi colori vivaci (le fette ), in modo che ci sia uno spicchio

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi

Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi 6-8 anni Sussidio realizzato dall Azione Cattolica Ragazzi Diocesi di Ferrara-Comacchio Hanno collaborato: Debora Curulli, Manuela Pisa, Ottavia Persanti, Elena Sambo, don Enrico Garbuio Finito di stampare:

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

Un uomo mandato da Dio

Un uomo mandato da Dio Bibbia per bambini presenta Un uomo mandato da Dio Scritta da: Edward Hughes Illustrata da: Byron Unger; Lazarus Adattata da: E. Frischbutter; Sarah S. Tradotta da: Eliseo Guadagno Prodotta da: Bible for

Dettagli

un tubicino che gli entrava nell'ombelico.

un tubicino che gli entrava nell'ombelico. Un altro Miracolo Quel bimbo non aveva un nome né sapeva se era un maschietto o una femminuccia. Inoltre non riusciva a vedere, non poteva parlare, non poteva camminare né giocare. Riusciva a muoversi

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

Enzo l incontro con Gesù

Enzo l incontro con Gesù Enzo l incontro con Gesù Enzo Casagni ENZO L INCONTRO CON GESÙ Autobiografia www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Enzo Casagni Tutti i diritti riservati A Gesù che mi ha sempre seguito fin dal seno

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Illustrazioni di Silvia Provantini. Rizzoli

Illustrazioni di Silvia Provantini. Rizzoli Illustrazioni di Silvia Provantini Rizzoli A Nonno Elio, che fece innamorare una fata Yoro, il solitario «C he la riunione straordinaria abbia inizio.» Antea, l antica Fata dell Acqua dolce, sbatté solennemente

Dettagli

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana

Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Individuare le proprie competenze Questionario sulle situazioni della vita quotidiana Cognome : Nome : Data : Istruzioni Non si tratta di una valutazione. Si tratta di individuare le proprie competenze

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE

IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE IL COLORE ROSSO DELLE GINESTRE Rappresentazione teatrale degli Alunni dell'ic di San Cipirello Esplorazione della Memoria Alle radici del Primo Maggio A.S. 2014 / 15 Narratore È il primo maggio. Un'anziana

Dettagli

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo

La Combriccola della Mezza Luna. pae e di e nd r e. illustrato da Ottavia Rizzo La Combriccola della Mezza Luna pae e di e nd r e illustrato da Ottavia Rizzo www.lacombriccoladellamezzaluna.it A quelli che sanno sognare, perché non debbano mai smettere. A quelli che non sanno sognare,

Dettagli

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre

UN LIBRO CHE ANNUNCIA.. LA GIOIA DEL NATALE ... VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA. Parole chiave. Novembre-dicembre UN LIBRO Novembre-dicembre CHE ANNUNCIA..... LA GIOIA DEL NATALE VANGELO NASCITA NATALE GESU GIOIA FESTA Parole chiave SEGNI E SIMBOLI DELLA FESTA DI NATALE nella borsina ci sono due scatole che contengono

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli