$#&$"%-7&#$##*%$?" name="description"> $#&$"%-7&#$##*%$?">

Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende Capitolo 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende Capitolo 2"

Transcript

1 !

2 "#$%&"'$(&)*++,%#,"'"(&("##&-"!"! #!"$!" &)#$.&(&$'"/,%"0&,1$$%$#&(& -,.*1&-"0&,1$! : "%(9"%$,4#9"%$! &)#$.&,+$%"#&;&+$%.&-%,$'"/,%"#,%& <,4#9"%$"++'&-"#&;, = '"))&4&-"0&,1$($2'&$'"/,%"#,%& > $#&$"%-7&#$##*%$? %-7&#$##*%$(&%$#$"'&;$',&1#%"0&$1("'$$ 1#$%1$#!,.."%&, Obiettivo del presente capitolo è illustrare le principali caratteristiche dei sistemi di elaborazione utilizzati in ambito aziendale. Ampio spazio è dedicato alla descrizione dei Personal Computer (PC o anche microcomputer), della loro architettura e del crescente ruolo che vanno assumendo tanto nelle famiglie quanto nelle aziende. Nel Paragrafo 2.3 sono descritte le altre categorie di elaboratori comunemente utilizzati nell ambito dei sistemi informativi aziendali, mentre nel Paragrafo 2.4 vengono introdotti alcuni concetti relativi alle reti di comunicazione. Alla fine del capitolo sono inoltre delineate le principali soluzioni di integrazione intra- e interaziendali, ponendo particolare attenzione alle architetture Intranet, Extranet e al mondo di Internet e alle nuove potenzialità delle tecnologie del mondo mobile. 2/28

3 #!"%!&! '!&!#*#&&-,.+,1$1#&#"12&/&'&(&*1 $'"/,%"#,%$ L hardware è, senza dubbio, elemento essenziale di qualsiasi sistema informativo automatizzato, sebbene talvolta appaia persino eccessivo il rilievo attribuito a questo elemento nell ambito dei sistemi informativi aziendali, a scapito degli aspetti organizzativi e del software. ()(!.$.,%&"-$1#%"'$ ()$% A $#(#")#&$%".,*)$$-- A #($#(.,1&#,%)#".+"1#$$-- A $#(*#($#(.$.,%&$(&."))".,($. )-7$($(&%$#$$-- < : "%(9"%$!+!(!,(,,!!,,,-($$(&-")$ (+-$!$($! ($, Spesso nelle grandi aziende si trovano ancora postazioni composte solo da monitor e tastiera (senza case). Si tratta di terminali detti dumb terminal (terminali stupidi), perché non hanno capacità elaborative proprie ma si appoggiano, con un collegamento via cavo, a un unico mainframe centrale. Un caso analogo è quello dei Network computer che, sebbene grado di elaborare i dati autonomamente, non possiedono dischi propri. = : "%(9"%$ $#"! (!+!( %,-$)), A 1)$%&.$1#, A '"/,%"0&,1$ A %$)$1#"0&,1$($&%&)*'#"#& A $.,%&00"0&,1$ > : "%(9"%$ 3/28

4 (#((#!#()(! Sottolineare la differenza fra CPU (processore) e UC (unità centrale). Evidenziare solo le macro-componenti e le rispettive funzioni a grandi linee. I dettagli verranno descritti in seguito.? 1&#B$1#%"'$$A $(! 1&#B$1#%"'$$A :: ALU (Arithmetic Logic Unit), esegue operazioni logico/aritmetiche CU (Control Unit), controlla flusso di dati da/verso ALU. Registri, particolari unità di memoria che contengono temporaneamente dati. Sono solitamente di dimensioni molto limitate, e rappresentano la memoria più veloce cui il microprocessore possa accedere. I registri sono utilizzati principalmente per accogliere i risultati intermedi delle operazioni evitando quindi che gli stessi vengano trasferiti nella memoria centrale. Generalmente i registri dei processori più diffusi utilizzano una rappresentazione dei dati a 64 bit, così da adattarsi perfettamente alla dimensione del BUS.,#!$,(!"! C&)*%"($'1*.$%,(&&)#%*0&,1& $)$2*&#$+$%)$-,1(,D '("C&)*%"($'"4%$E*$10"(&%&+$#&0&,1$ ($&-&-'&($'+%,-$)),%$D F7$%#0 7$%#0G In genere si parla di MIPS quando si ha a che fare con sistemi di mediograndi dimensioni. Nel caso dei PC le performance si misurano solitamente in Mhertz. Evidenziare come la potenza di un processore non è determinata soltanto dalla sua frequenza, ma anche da altri fattori, quali l architettura del processore, il livello di integrazione dei circuiti e le caratteristiche dei programmi da eseguire. La velocità di elaborazione di un computer dipende in gran parte anche dalla velocità di comunicazione tra ALU e unità di controllo, nonché tra processore e memoria centrale. H 1&#B$1#%"'$$A :: 4/28

5 #, #,"" #,( Nell architettura di un elaboratore è possibile distinguere tra linee di comunicazione interne ed esterne: le prime consentono il flusso di dati all interno della UC (per esempio tra processore e memoria centrale), mentre le altre vengono utilizzate per il trasferimento dei dati verso/tra le varie periferiche #,!( : 1&#B$1#%"'$$A :: 1$))";$12,1,-,1)$%;"#&&("#&&1-,%),(& $'"/,%"0&,1$$'$&)#%*0&,1&($'+%,2%".."&1 $)$-*0&,1$ ($##"($#""1-7$.$.,%&"! ")*"-"+"-&#B)&.&)*%"&1C$2"6#$D È costituita da circuiti integrati Simm o Dimm, separati in celle indirizzabili direttamente. SIMM (Single In-line Memory Module); DIMM (Dual In-line Memory Module). La capacità della RAM e la velocità del microprocessore sono i due parametri che influiscono maggiormente sulle prestazioni della macchina. La RAM è detta memoria volatile, poiché, in caso di interruzione nell alimentazione di corrente elettrica si ha la perdita dei suoi dati. Sottolineare che i programmi in esecuzione e i dati ai quali quest ultimi accedono, devono transitare necessariamente dalla RAM prima di poter essere elaborati dal processore. :: 1&#B-$1#%"'$.$.,%&"-$1#%"'$A :!.(#!,%0&,1$(&*1".$.,%&"(&."))" $',-&00"&'+%,-$)),(&$'"/,%"0&,1$'&/$%"1(, )+"0&,&1.$.,%&"-$1#%"'$ '#%")4$%&.$1#,("".$.,%&";&%#*"'$ ;&$1$($##,,&!$ La memoria volatile contiene i blocchi di dati e di programmi più spesso richiamati in memoria centrale, ma che non sono effettivamente in fase di esecuzione La memorizzazione e la riallocazione da disco magnetico a memoria centrale e viceversa vengono denominate anche paging o paginazione, dal momento che programmi e memoria centrale consistono in un insieme di pagine (page) delle stesse dimensioni. Riallocazione e ricaricamento delle pagine sono eseguiti automaticamente dal sistema operativo. : 1&#B-$1#%"'$.$.,%&"-$1#%"'$A : 5/28

6 !% / $.,%&"(&'";,%,.,'#,;$',-$$(& (&.$1)&,1&-,1#$1*#$C=: I/6#$1$2'&"#*"'& D "1#&$1$-,+&"C/*4$%&12D($2'&*'#&.&("#& *#&'&00"#&("'" J*"1(,'"%&-7&$($*1("#,$)),;&$1$ -$%-"#,+%&."1$&%$2&)#%&($'"+,&1$'" -"-7$.$.,%6E*&1(&1$'".$.,%&"-$1#%"'$ $&14&1$1$'".$.,%&";&%#*"'$ Poiché i programmi tendono a insistere (in un breve intervallo di tempo) sull uso di uno stesso gruppo di istruzioni e dati, l impiego di questa gerarchia di memorie risulta particolarmente efficace, permettendo che un congruo numero di richieste della CPU venga soddisfatto direttamente e velocemente dalla cache. Prima della sua introduzione i dati elaborati velocemente dalla CPU non potevano essere trasportati dai bus per defluire verso le periferiche di uscita, creando degli stati di attesa (wait-state), durante i quali la CPU si fermava ad aspettare che i dati elaborati fossero portati alle periferiche prima di cominciare l elaborazione di quelli nuovi. :! 1&#B-$1#%"'$.$.,%&"-$1#%"'$A :.$.,%&"(&),'"'$##*%",1#&$1$+"%#&$))$10&"'&($'),4#9"%$(& )&)#$."E*"'&&'C")&-1+*#5*#+*# 6)#$.D "%#&-,'"%&#&+,',2&$(&),1, A :< 1&#B-$1#%"'$.$.,%&"-$1#%"'$A : All accensione del computer il BIOS viene letto dal processore nella memoria ROM e permette di eseguire una serie di routine diagnostiche dette POST (Power On Self Test) per controllare la corretta installazione dei vari componenti hardware e prima di caricare in RAM il Sistema Operativo. Questa operazione preliminare prende il nome di bootstrap (dal modo di dire lifting yourself up by your bootstrap ). Tutti i parametri di configurazione e setup necessari al funzionamento del BIOS e del computer, sono registrati su una memoria chiamata RAM CMOS, costantemente alimentata. PROM, Programmable Read Only Memory; EPROM, Erasable Programmable Read Only Memory; EEPROM, Electrical Erasable Programmable Read Only Memory; FLASH, somiglia in tutto e per tutto alla EEPROM, (/( $'$.$1#,.&1&.,(&.$.,%&"-7$+*K -"./&"%$)#"#,C-,1#$1$%$&14,%."0&,1$D -"%"##$%$C'$#$%"1*.$%,,)&./,', #&+,2%"4&-,D!+! := 1&#B-$1#%"'$.$.,%&"-$1#%"'$A : Il funzionamento dei computer si basa sulla presenza/assenza di segnale elettrico, e ciò determina l alfabeto che questi dispositivi sono in grado di utilizzare. Dal momento che ogni Bit può assumere due soli stati (0 e 1), un Byte può assumere valori nell intervallo , per un totale di 256 diverse possibili combinazioni (2^8). Queste furono giudicate sufficienti per la rappresentazione delle lettere dell alfabeto maiuscole e minuscole, delle cifre, dei simboli speciali. I multipli del Byte sono utilizzati come misure di memoria (Kbyte, Mbyte, Gbyte, Tbyte, ). La tabella ASCII (American Standard Code for Information Interchange) fu disegnata dall ANSI (American National Standards Institute) per il funzionamento delle telescriventi. Ciò spiega la presenza dei cosiddetti nonprinting symbol (i primi 32 ad es.). Oggi permette la transcodifica dall alfabeto binario a quello naturale,nei sistemi UNIX e DOS. Il passaggio dall alfabeto binario a quello naturale avviene in due passi: - Gli otto bit vengono separati in due gruppi di 4 (digit). Ogni digit rappresenta un simbolo dell alfabeto esadecimale (da 0 a F). - La combinazione di due simboli esadecimali identifica un simbolo dell alfabeto naturale. (Es > 6A -> j). I recenti Windows utilizzano l evoluzione UNICODE, i mainframe IBM la tabella EBCDIC. 6/28

7 (!"!! (! $'*1&#B-$1#%"'$'$&)#%*0&,1&&..$))$ ("'*#$1#$;$12,1,#%"##"#$-,.$*1" )$E*$10"(&-"./&".$1#&(&)#"#,($'".$.,%&"-$1#%"'$ 1";,'#"-"%&-"#,'&1#$%,+%,2%".."1$'".$.,%&"-$1#%"'$'*1&#B(&-,1#%,',+%$1($&1 -,1)&($%"0&,1$&'+%&.,-,."1(,',&1#$%+%$#" $,%(&1""'*1&#B"%&#.$#&-,',2&-"(&$)$2*&%', '+%,-$)),%$%$2&)#%"E*&1(&&'%&)*'#"#,($'" +%&."$'"/,%"0&,1$1$'".$.,%&"-$1#%"'$$ +%$1($&1$)".$&'-,."1(,)*--$))&;, In definitiva, il processore interpreta il tipo di operazione da svolgere, ricava gli operandi dalla memoria centrale ed esegue l operazione, modificando infine lo stato della memoria. :> 1&#B-$1#%"'$.$.,%&"-$1#%"'$A :, $! Gli elaboratori con le caratteristiche hardware elencate e che operano in base al processo descritto, prendono il nome di macchine di von Neumann in onore del matematico ed esperto di cibernetica John von Neumann, che, alla metà degli anni 40, ha ideato un architettura di memoria come quella rappresentata nella Figura 2.2. :? 1&#B-$1#%"'$.$.,%&"-$1#%"'$A : #$$($1( $%;,1,"-,1)$%;"%$+$%."1$1#$.$1#$ 2%"1(&E*"1#&#B(&14,%."0&,1& La memoria di massa è strutturata per poter conservare e rendere immediatamente trasferibili grandi quantità di informazioni in modo permanente. &)-7&."21$#&-& ',++6(&)I ")#%&."21$#&-&,)#%$".$% &)-7&,##&-&."%#-"%( $.,%&"(&."))"A :! 7/28

8 ,!( :H $.,%&"(&."))"A :! La registrazione dei dati avviene su tracce (o piste) concentriche che, a loro volta, sono suddivise in più settori. I dati vengono memorizzati in forma di catene di bit. La magnetizzazione rimane inalterata e il disco può essere letto più volte senza essere cancellato fino a che non venga sottoposto a un ulteriore fase di scrittura. Una memoria a dischi magnetici può essere costituita da più dischi posti uno sull altro (pila). Questi piatti ruotano su se stessi a velocità costante. L accesso ai dati avviene mediante una serie testine di scrittura/lettura, che vanno a posizionarsi radialmente sulla traccia desiderata, in attesa che transiti il settore contenente i dati da elaborare. Vantaggi dei dischi: elevate capacità di memoria, accesso relativamente veloce, riutilizzo del supporto in quanto i dati possono essere sovrascritti, livelli di sicurezza relativamente elevati. I dischi magnetici per PC in commercio possiedono una capacità di memorizzazione variabile da 15 a 60 gigabyte (1 GB = 230 byte, pari a circa 1000 MB). Negli elaboratori di grandi dimensioni si raggiungono capacità di più terabyte. $$/,- "++%$)$1#"1,#*##,%"*1)*++,%#,(&.$.,%&"(&4*),1$&.&-%,$'"/,%"#,%&,1,(&)-7&."21$#&00"/&'&$4'$))&/&'&+%,#$##& ("*1%&;$)#&.$1#,(&+'")#&-",%."#,!=+,'&-& '',%,4*10&,1".$1#,L)&.&'$"E*$', &'*)#%"#,+$%&(&)-7&."21$#&-&C"--$)), )$.&(&%$##,D."7"11,-"+"-&#B(&.$.,%&" %&(, #"C:<<D Oltre ai floppy, in seguito ai progressi tecnici degli ultimi anni si è diffusa un ampia gamma di supporti di memoria trasportabili, simili ai floppy disk nella forma e nel funzionamento, ma in grado di raggiungere, grazie a velocità di rotazione più elevate e a formati particolari, capacità da 120 MB a 2 GB con tempi di accesso inferiori (esempi di questi dispositivi sono Zipdrive, dischetti LS o Jaz-drive). $.,%&"(&."))"A :!!,(!(,(! A causa del tipo di accesso (solo sequenziale), vengono utilizzati soprattutto per effettuare copie di backup.,1,-,)#&#*&#&("*1"+$'&-,'"(&+'")#&-"."21$#&00"#"";;,'#"&1/,/&1$ (! +$%&.&-%,$'"/,%"#,%& "11,$'$;"#"-"+"-&#B(&.$.,%&"C"1-7$ ($',%(&1$(&(&;$%)&2&2"/6#$D --$)),(&#&+,)$E*$10&"'$ : $.,%&"(&."))"A :! 8/28

9 ,%(( 2 C,.+"-#&)I$"(1'6$.,%6D 2 C%$2&)#%"/&'&D$23 C %&)-%&;&/&'&D C"21$#,+#&-"'D$3 C%&#$1-$ $"("16D 4 C&2&#"'$%)"#&'$&)I,)+$)),"1-7$ &2&#"'&($,&)ID 42 C $-,%("/'$D42! $42 3 %&)+$##&;".$1#$+$%'")-%&#*%"*1&-"$ +$%'"%&)-%&##*%" I CD-ROM hanno capacità di memoria che di circa 700 MB (pari a 80 ore di sonoro). Grazie al basso costo di lettori e supporti, si sono affermati come principali strumenti di diffusione del software applicativo. La capacità di memoria dei Worm varia dai 600 MB ai 3 GB. La loro diffusione è inferiore rispetto a quella dei CD, dato che sinora nessuno standard per la scrittura di tali supporti di memorizzazione si è affermato. I DVD, concepito per applicazioni audiovisive particolarmente complesse, grazie alla possibilità di scrittura su entrambe le facce del disco e all utilizzo per la lettura scrittura di laser a breve lunghezza d onda, possono fornire capacità di memoria che variano dai 4,7 GB ai 17 GB. $.,%&"(&."))"A :! /!,,! $(!!(!! $.,%&"(&."))"A :! Hanno la forma e le dimensioni di una carta di credito e comprendono un microprocessore incorporato con relativa memoria, il cui contenuto può essere modificabile. Richiedono l utilizzo di appositi dispositivi di lettura/scrittura. Memory Card: memorizzano dati storici o relativi a transazioni per esempio come carta elettronica (tessera sanitaria, assicurativa); Processor Card: dispongono di un microprocessore e di un sistema operativo apposito per la memorizzazione e l elaborazione dei dati (per esempio carta telefonica); Encryption Card: hanno un processore aggiuntivo (coprocessore) per la decodifica dei dati. (!!$(!$!!!,'$2".$1#,#%"*1"),%2$1#$(&&14,%."0&,1& $*1"($)#&1"0&,1$&1-*&&'4'*)),(&("#& ";;&$1$&1+"%"'$',C+&M/&#+$%;,'#"D $+,%#$+"%"'$'$;$12,1,&1(&-"#$-,1'")&2'" :$--$*#&'&00"#$+%$;"'$1#$.$1#$ +$%'"-,11$))&,1$(&)#".+"1#&$)-"11$% < $%&4$%&-7$(&&1+*#$(&,*#+*#A :< 9/28

10 (!!$(!,!,'$2".$1#,#%"*1"),%2$1#$(&&14,%."0&,1& $*1"($)#&1"0&,1$&1-*&&'4'*)),(&("#& ";;&$1$&1)$E*$10"C*1/&#+$%;,'#"D 4%,1,*1"-,11$))&,1$+&M)&-*%"%&)+$#, "'$+,%#$+"%"'$'$ $+,%#$+"%"'$'$;$12,1,&1(&-"#$-,1'")&2'" :$--$*#&'&00"#$&1+%$;"'$10" +$%'"-,11$))&,1$(&.,($. Segnalare inoltre le porte PS/2 per il collegamento del mouse e della tastiera e le nuove porte USB (Universal Serial Bus) per connettere al computer qualunque tipo di dispositivo compatibile. La tecnologia USB consente di creare catene di dispositivi collegati tutti su un unica porta (fino a 127) e permette, inoltre, il collegamento a caldo (cioè a computer acceso). = $%&4$%&-7$(&&1+*#$(&,*#+*#A :< ( 5 %!!! *$#$-1,',2&$ A C"#7,(&-"6*/$D A,(!6# "%"##$%&)#&-7$ A, A,#" A 6#"!!! ( > $%&4$%&-7$(&&1+*#$(&,*#+*#A :< Il livello di definizione delle immagini dipende dal numero di punti (pixel, picture element) usati per rappresentare le immagini. Per il loro corretto funzionamento è necessaria una scheda grafica che, oltre alla risoluzione è in grado di gestire anche il numero dei colori rappresentabili. Caratteristiche dei monitor: Dimensione, si misura in pollici (inches), rispetto alla diagonale dello schermo. Le più comuni sono 15, 17, 21. Risoluzione espressa in numero di pixel per altezza e larghezza dello schermo. Solitamente in rapporto 4:3 (800x600, 1024x768, ecc.). Frequenza di aggiornamento (refresh). Indica quante volte al secondo l immagine viene aggiornata. Si misura in hertz e varia da 60 Hz a!00 Hz. (! $!(!%!, ((%,(? $%&4$%&-7$(&&1+*#$(&,*#+*#A :< Ad aghi: ormai obsolete perché sono rumorose, molto lente e producono stampe di bassissima qualità. Laser: usano una tecnologia simile a quella delle fotocopiatrici, sono veloci, silenziose e offrono la migliore qualità di stampa. A getto d inchiostro: producono stampe di qualità leggermente inferiore rispetto alle stampanti laser, sono generalmente più lente, ma anche più economiche e di dimensioni più contenute. Ricordare che esistono poi stampanti per usi professionali o tipografici, come le stampanti a sublimazione e thermal-wax per riproduzioni di altissima qualità. Inoltre vi sono i plotter che usano dei pennini a inchiostro per disegnare su fogli di grande formato. Servono per il disegno tecnico e sono usati perciò negli studi professionali e nei centri di progettazione tecnica, ma sono molto impiegati anche in pubblicità per la stampa dei manifesti. 10/28

11 !,(! L interpretazione dei codici inviati dalla tastiera avviene sulla base del codice ASCII e del tipo di tastiera utilizzata (italiana, inglese ecc.). *##$'$#")#&$%$+$%,22&&1-,..$%-&, ),1,($'#&+,$)#$),+%,;;&)#,(&: :#")#& "+%$))&,1$(&*1#")#,2$1$%"*1-,(&-$ )+$-&4&-,-7$;&$1$'$##,("'.$(&"1#$*1 $%&4$%&-7$(&&1+*#$(&,*#+*#A :< #, *1,)#%*.$1#,(&+*1#".$1#,&1#%,(,##,-,1 &)&)#$.&,+$%"#&;&"&1#$%4"--&"2%"4&-" C"-&1#,)7&1(,9)$--D+$%)$.+'&4&-"%$ '&1;&,($&-,."1(&"'"."--7&1" $)#&)-$*1-*%),%$C1,%."'.$1#$ %"++%$)$1#"#,("*1"+&--,'"4%$--&"D-7$)&.*,;$)*',)-7$%.,$+$%.$##$(&&.+"%#&%$,%(&1&(&"##&;"0&,1$+%$.$1(,&#")#&(&-*&L (,#"#, 21&.,*)$L(,#"#,(&(*$(&)+,)&#&;&*1,+$% '")$'$0&,1$C#")#&D$*1,+$%&'.,;&.$1#,($' -*%),%$C+"'&1",#$-1,',2&", #&-"D H $%&4$%&-7$(&&1+*#$(&,*#+*#A :< (,$,(.#($#( -"11$%-,1)$1#$(&"-E*&)&%$#$)#&$ &.."2&1&)#".+"#$)*-"%#"#%")4,%."1(,'&&1 4,%."#,(&2&#"'$ &($,54,#,-".$%$*#&'&00"#$+$%-"##*%"%$ 4&'."#&,&.."2&1&("$'"/,%"%$,(" #%").$##$%$ $/-".*)"#$+$%#%").$##$%$&1(&%$##" %&+%$)$;&($,"##%";$%),'"%$#$"E*"'&#BL +&*##,)#,/"))"+$%-7N-&K-,1)$1#$(&%&(*%%$ "'.&1&.,&'4'*)),(&("#&! $%&4$%&-7$(&&1+*#$(&,*#+*#A :< 11/28

12 !,,!",(&! Il software rappresenta l elemento indispensabile al funzionamento di un elaboratore in quanto il semplice assemblaggio delle componenti hardware non è sufficiente a rendere l elaboratore capace di interagire con l utente. Un computer necessita quindi tanto di programmi (software), quanto di dati da elaborare. In base al criterio di prossimità all hardware, o di prossimità all utente, possiamo distinguere rispettivamente, tra software di sistema o di base e software applicativo.!: '),4#9"%$A,(!$!(. 1)&$.$(&+%,2%"..&-7$+$%.$#,1,&' 2,;$%1,(&*1$'"/,%"#,%$ %&1-&+"'&-,.+&#& $)#&,1$($&4&'$ $)#&,1$($'$-,.+,1$1#&7"%(9"%$ C+%,-$)),%$.$.,%&"-$1#%"'$.$.,%&"(&."))"+$%&4$%&-7$(&&1+*#$(&,*#+*#D..&1&)#%"0&,1$($'$&)#%*0&,1&&.+"%#&#$ ("'*#$1#$$.,1&#,%"22&,($',);,'2&.$1#, ($&+%,2%"..&O $)#&,1$($'&1#$%4"--&"*#$1#$5)&)#$." Al software di sistema appartengono, oltre al sistema operativo, anche i traduttori relativi ai diversi linguaggi di programmazione e i programmi di utilità (utility), applicazioni capaci di svolgere quelle specifiche funzioni che più frequentemente vengono richieste nel corso del processo elaborativo.! '),4#9"%$A!!((,(% #!,,( $!(.$!+!( $)#&,1$2$%"%-7&-"($&4&'$C" D 1#$%4"--&"*#$1#$(&#&+,2%"4&-,C %"+7&-"')$%1#$%4"-$D,))&/&'&#B(&$'"/,%"0&,1$+!(%$( $'"/,%"0&,1$(!((.! #((!,- #((%! #(#, Multitasking, l elaboratore è in grado di eseguire più programmi contemporaneamente (es. Word e Excel). Multithreading: il sistema operativo è in grado di eseguire in parallelo più processi di un singolo programma (per esempio calcolo e stampa di un foglio elettronico). Multiusing: a un elaboratore centrale sono collegati diverse postazioni di lavoro, permettendo a una molteplicità di utenti di lavorare contemporaneamente sulla stessa piattaforma.!! &)#$.&,+$%"#&;&+$%.&-%,$'"/,%"#,%&A! 12/28

13 !( 21&)&12,',,22$##,"%-7&;&"#,&1.$.,%&"(&."))";&$1$($4&1&#, 14&'$+*K$))$%$*1+%,2%".."$)$2*&/&'$ *1(,-*.$1#,(&#$)#,*1&.."2&1$*1 4&'."#,*1"+"2&1"$/$--,'#&)&)#$.&,+$%"#&;&+$%.$#,1,(&,%2"1&00"%$&4&'$-%$"1(,($&-,1#$1&#,%& ($##&!(C D-7$-,1)$1#,1,(& %"22%*++"%$',2&-".$1#$4&'$,.,2$1$& )$2*$1(,*1,%(&1$2$%"%-7&-,!< &)#$.&,+$%"#&;&+$%.&-%,$'"/,%"#,%&A!!""!"!%! (/ Richiamare il concetto di file, di cartella o directory e di file system. Molti sistemi operativi includono nei nomi dei file anche una sigla aggiuntiva detta estensione che contraddistingue il tipo di file (es..exe,.doc,.xls, ecc.). Ogni disco contiene l indice di tutti i file, generato e aggiornato automaticamente dal sistema operativo. L indice memorizza per ogni file il nome, la posizione fisica nel disco, le dimensioni in byte, la data di creazione o modifica, la cartella in cui è contenuto e altre informazioni.!= &)#$.&,+$%"#&;&+$%.&-%,$'"/,%"#,%&A!, $,,( $!(. $&1(,9) &1(,9)P),1,#*##$$;,'*0&,1&($')&)#$.",+$%"#&;,-,)&(($##,"'&1$$(&-,."1(, (&&-%,),4# 5(& 1&QC*1&$.$1)GD &1*QC+$1),*%-$D "-PC++'$D!> &)#$.&,+$%"#&;&+$%.&-%,$'"/,%"#,%&A! 13/28

14 #!$!!" #! $!(.7$#!8 #!,((.$!!" #!(!(!," #!!((!? %,2%".."0&,1$A!: #! $!(. ")"#&)**1")$%&$(&&)#%*0&,1&")#%*##*%" )$E*$10&"'$ #!$#!),1,*1"),##,-'"))$ -7$-,1)$1#$'"-,(&4&-"(&*1+%,/'$."&1*1" 4,%."($%&;"#"("''&12*"22&,)+$-&"'&)#&-, %,2%".."0&,1$A!: #!,((. $!!",1,+$%',+&M'&12*"22&(&&1#$%%,2"0&,1$+$% &)&)#$.&(&("#"/")$ &1#"))&(&4"-&'$"++%$1(&.$1#, *#$1#$1,1($;$&1(&-"%$($;$))$%$ %&),'#,*1+%,/'$."."($;$),'#"1#, )+$-&4&-"%$;*,'$, #$1$%$ )9!H %,2%".."0&,1$A!: 14/28

15 #!(!(!," "11,&.+,%#"10"1$'"./&#,($'&1#$'&2$10" "%#&4&-&"'$ $+%,-$(*%$"*#,."#&00"#$;$12,1,($)-%&#$ &1#$%.&1&(&%$2,'$',2&-7$ 1"%$2,'"',2&-"($#$%.&1"*1%"++,%#,(& -"*)"$4$##,#%"*1"-,1(&0&,1$C-,.+'$))"D$ *1"-,1-'*)&,1$ Esempio di regola codificata: se il committente non è noto e la sua solvibilità non è assicurata, allora la merce viene inviata solamente previo pagamento. < %,2%".."0&,1$A!:!!"!(( 78,22$##,L'$'$.$1#,-,)#&#*#&;,$))$10&"'$(& #"'$"++%,--&,($)-%&#,("& $("'$ +%,-$(*%$C D"$)),"++'&-"/&'& 21&,22$##,"++"%#&$1$"(*1" C #($'"-'"))$D-7$1$)+$-&4&-" -"%"##$%&)#&-7$$4*10&,1".$1#,,)),1,$))$%$($4&1&#&1*,;&,22$##&-7$ $%$(&#"1,+%,+%&$#B(&-'"))&$)&)#$1#& )!(!-:: <: %,2%".."0&,1$A!: ;!.! JVM è un componente software incluso in tutti browser per la navigazione su Internet di ultima generazione. &12*"22&,(&+%,2%".."0&,1$*1&;$%)"'$+$% '$"++'&-"0&,1&1#$%1$#$1#%"1$#)* '-,(&-$),%2$1#$;&$1$#%"(, #,("*1 -,.+&'"#,%$&1*1-,(&-$&1#$%.$(&,C D-,1-$+&#,+$%$))$%$#%").$)),&1%$#$ &1.,(,$4&-&$1#$$)&-*%, '/6#$-,($LE*&1(&#%").$)),"##%";$%),'" %$#$"2'&$'"/,%"#,%&%$.,#&(,;$;&$1$ &1#$%+%$#"#,$($)$2*&#,("'"$!% & CRD < %,2%".."0&,1$A!: 15/28

16 #!$!!" $!! <! %,2%".."0&,1$A!: $!( %"(*-,1,'&1#$%,+%,2%".."),%2$1#$ "##%";$%),*1*1&-"$'"/,%"0&,1$2$1$%"1(,&' -,)&(($##,-,(&-$$)$2*&/&'$C D 1(&;&(*"1,2'&$;$1#*"'&$%%,%&(&)&1#"))& #%".&#$',+$%"0&,1$+%$'&.&1"%$(& '+%,2%"..";&$1$+,&&1#$2%"#,+$%.$00,(& *1-"+"%#&-,'"%&4*10&,1&(&*#&'&#B "%-7&;&"#$&1'&/%$%&$ Il codice sorgente che i programmatori e gli utenti finali scrivono per essere compreso dall elaboratore, deve essere trasformato, prima dell esecuzione, in linguaggio macchina da un programma traduttore. Le principali tipologie di programmi traduttore sono i compilatori e gli interpreti. << %,2%"..&#%"(*#,%&A! ($(,12$1$%"1,"'-*1-,(&-$,22$##, "%-7&;&"/&'$ 21&'&1$"(&-,(&-$;&$1$&1#$%+%$#"#"$( $)$2*&#")&12,'"%.$1#$#*#$'$;,'#$-7$&' +%,2%"..";&$1$'"1-&"#, $%.$##,1,'$)$-*0&,1$(&)&12,'$&)#%*0&,1& 1,1"++$1"E*$)#$;$12,1,#$)#"#$$ &1#$%+%$#"#$ <= %,2%"..&#%"(*#,%&A! Vantaggi e svantaggi. I programmi eseguibili generati dai compilatori girano più velocemente delle linee di codice interpretate. È possibile inoltre effettuare una compilazione ripartita di parti di programma a se stanti (moduli), appartenenti a una stessa applicazione, in modo da semplificare sensibilmente la fase di test del codice stesso. I moduli compilati possono infine essere ricomposti in un unico programma eseguibile. Uno svantaggio nell uso dei compilatori, consiste nel fatto che, in caso di correzioni di errori o di modifiche anche di una sola linea di codice, programma e eventuali moduli collegati devono essere nuovamente compilati. 16/28

17 !,." %,2%"..&(&*#&'&#B+$%'$)$-*0&,1$(&(!,- C-,.+&#&D,%&$1#"#&"'"2$)#&,1$($')&)#$." 1,1"))&.&'"/&'&";$%$$+%,+%&$4*10&,1& "++'&-"#&;$ %&1-&+"'&#&+,',2&$ A ( A $!,( A "'#%&+%,2%"..&(&*#&'&#BC/"-I*+D Alcuni programmi di servizio vengono forniti con il sistema operativo mentre altri costituiscono prodotti venduti a parte, singolarmente (Partition Magic) o in suite (Norton Utilities). <> %,2%"..&(&)$%;&0&,A!! (&!!(,(&!,(!! '),4#9"%$($(&-"#,);&'*++"#,&14*10&,1$ ($'$%&-7&$)#$(&*1,)+$-&4&-,*#$1#$ C"0&$1("D$(&1,%."1,1+*K$))$%$"(,##"#, &1"'#%&%$+"%#&,%$"'#B"0&$1("'&)$1,1" )$2*&#,(&.,(&4&-7$),)#"10&"'&,4#9"%$)#"1("%("++'&-"0&,1&%$"'&00"#$+$% *1".,'#$+'&-&#B$#$%,2$1$"(&*#$1#&$)+$)), +$%(&;$%)$-'"))&(&)&)#$.&7"%(9"%$$ ),4#9"%$ Il sw standard è diffuso soprattutto nel mondo PC. Le sue principali funzioni: Elaborazione dei testi (word processing) Grafica gestionale Fogli elettronici (electronic spreadsheet) Gestione dei database Portare come esempio per ogni categoria, un prodotto e descriverne a grandi linee le funzionalità principali. <?,4#9"%$"++'&-"0#&;, A <, $!. Sottolineare che questo tipo di applicazioni non viene sfruttato soltanto per eseguire generici processi di calcolo di ogni tipo, ma trova anche ampio impiego specifico in diverse aree aziendali, dove viene utilizzato per elaborare previsioni di bilancio o finanziarie, nel processo di gestione del personale, e talvolta come strumento di supporto alle decisioni. <: 17/28

18 (&!,(!!,$ "--7$##&),4#9"%$,%&$1#"#&"')*++,%#,(& )+$-&4&-7$"#&;&#B"0&$1("'&C$)2$)#&,1$ ;$1(&#$+%,(*0&,1$."2"00&1,+"27$$ )#&+$1(&$--D 1&-,("#"/")$-,1(&;&), %2"1&00"0&,1$&1.,(*'&,.+"#&/&'&#B-,1"'#%$"++'&-"0&,1&"0&$1("'& 1(&+$1($10"("'$+&"##"4,%.$ 1#$%4"--&""("##"/&'$C ## D,1#$(&I1,97,9 Il più noto pacchetto di software aziendale in commercio è R/3 della SAP seguito sul mercato dai prodotti di Baan, JDEdwards e altri. Esistono anche programmi standard specifici per PC, per esempio i pacchetti per la gestione della contabilità o per la gestione del personale nelle piccole aziende. Tuttavia a livello di personal computer non si è ancora affermato un prodotto leader, perlomeno non nella misura in cui SAP si è imposto a livello di mainframe e di elaboratori di medie dimensioni. <H,4#9"%$)#"1("%()+$-&4&-,A < (&!,(!!,(( #*(&"#,$-%$"#,"++,)&#".$1#$+$%'$+&--,'$ $.$(&$&.+%$)$+$%),((&)4"%$'$$)&2$10$(& )+$-&4&-&)$##,%& &#%"##"+$%',+&M(&),4#9"%$+$% ) =,4#9"%$)#"1("%((&)$#,%$$),4#9"%$($(&-"#,A <! (&!!( ;&'*++"#,"'&1#$%1,($'"0&$1(", -,..&))&,1"#,"#$%0&E*"1(, A 1,1$)&)#$"'-*1),4#9"%$)#"1("%(+$%'"%&),'*0&,1$ (&($#$%.&1"#$+%,/'$."#&-7$O A '$-,1(&0&,1&2$1$%"'&$)-'*(,1,'*#&'&00,(&),4#9"%$ )#"1("%(C$)+$%-7N'"+&"#"4,%."7"%(9"%$1,1L -,.+"#&/&'$-,1&),4#9"%$)#"1("%($)&)#$1#&D Lo sviluppo di un applicazione nell ambito di una realtà aziendale può essere gestito sia dall area sistemi informativi sia direttamente dagli utenti finali: soprattutto in questo secondo caso di norma vengono utilizzati linguaggi di programmazione descrittivi. Attualmente, a causa degli elevati costi derivanti dallo sviluppo e dalla manutenzione del software dedicato, si rileva sempre più spesso, anche nelle grandi imprese, la tendenza ad acquistare moduli di software standard per adattarli successivamente alle particolari esigenze aziendali. =:,4#9"%$)#"1("%((&)$#,%$$),4#9"%$($(&-"#,A <! 18/28

19 !,,!+!( '"/,%"#,%&(&2%,))$(&.$1)&,1&C!!,%,(D &)#$.&(&.$(&$(&.$1)&,1&$9,%I)#"#&,1 C!2,/,(,!+!(D &-%,$'"/,%"#,%&C$D #$2 $#( A $#($(C D (&- $#( = '"))&4&-"0&,1$($2'&$'"/,%"#,%&A =!+!(,,, '$;"#";$',-&#B(&$'"/,%"0&,1$&1 $ &,'$2"#&"+,#$1#&*1&#B(&-,1#%,',, #$%.&1"'&4%,1#$1(,(&-$1#%"'&(&,'$2"#&&1%$#$+$%."))&.&00"%$+%$)#"0&,1& $"4&("/&'&#BC$)"%-7&#$##*%" & (&D,( $$(! &," =! "&14%".$A =: L elaboratore centrale, di solito, è installato in un centro di elaborazione situato in particolari locali dotati di climatizzazione e protetti da specifiche misure di sicurezza. Hanno prezzi che oscillano tra centomila e oltre cinquecentomila euro. Il downsizing consiste nel ridurre l impiego di architetture applicative basate su elaboratori di grandi dimensioni per passare a sistemi di dimensioni inferiori. Cause: maggiore usabilità delle interfacce grafiche dei pc; incompatibilità dei sistemi e del software; software per pc più economico e dotato di più funzionalità. Citare l esempio del processo di migrazione di molte aziende dal software standard aziendale SAP R/2, che gira soltanto su mainframe, verso il SAP R/3 ideato tanto per sistemi UNIX quanto per Windows NT.,(! #&'&00"#&-,.$!+!($!( (! C+&--,'&$'"/,%"#,%&-$1#%"'&"'&;$',(&)&12,'$ (&;&)&,1&,(&.$(&$&.+%$)$D,++*%$-,.$ &-,(!(C$'"/,%"#,%&"("'#$+%$)#"0&,1& *#&'&00"#&(")&12,'&*#$1#&-,.$+,)#"0&,1&(& '";,%,D $%4,%."1-$$)+%$))$&1)+$)), )*+$%"1,E*$'$($2'&& +$)),-,14&2*%"#$-,1&')&)#$.",+$%"#&;, P$*#&'&00"#$+$%)*++,%#"%$-,.+'$))& +%,-$))&(&-"'-,',&1"./&#,#$-1&-,)-&$1#&4&-, Salvo rare eccezioni, i minielaboratori possono essere installati in normali uffici. I costi per l acquisto di un elaboratore dipartimentale si aggirano tra i venticinquemila e i cinquantamila euro, mentre quelli per l acquisto di una workstation si aggirano tra i cinquemila e i cinquantamila euro. =< &)#$.&(&.$(&$(&.$1)&,1&A = 19/28

20 +((.( $#(,1(&;&)&,1$($&-"%&-7&$($'$+%$)#"0&,1&,1(&;&)&,1$($&("#&,1(&;&)&,1$($'),4#9"%$,1(&;&)&,1$($&(&)+,)&#&;&(&-,1#%,',$(& )&-*%$00" Sottolineare l aspetto organizzativo della connessione in rete, attraverso il quale si punta a collegare più entità decisionali, siano queste persone o macchine, in un comune processo di distribuzione delle informazioni e pianificazione delle attività. Tra gli esempi di forme di integrazione interaziendale si possono citare le grandi case produttrici di automobili che, anche grazie alla tecnologie delle reti, controllano direttamente il piano di produzione dei propri fornitori, o sfruttano l accesso a database esterni per raccogliere informazioni su brevetti o nuove norme giuridico-amministrative che riguardano l azienda. == $#&$"%-7&#$#*%$A > (! (! $'"/,%"#,%$)#$)),-,.+%$)&&(&)+,)&#&;& 4&)&-&(&%$#$C)-7$("(&%$#$,.,($.D$&' ),4#9"%$(&%$#$1$-$))"%&,+$%2$)#&%'& &1$$(&-,.*1&-"0&,1$ %,#,-,'& Un protocollo definisce le convenzioni che regolano la trasmissione dati tra due o più elaboratori. Tali regole si riferiscono, per esempio, all instaurazione, alla gestione e alla chiusura delle connessioni, al formato dei dati adottato, e così via. $1$%"'.$1#$&'),4#9"%$+$%'"2$)#&,1$($'$ -,.*1&-"0&,1&&1%$#$4"+"%#$($')&)#$.",+$%"#&;,C$) $# ($'"&-%,),4#D,+*K $))$%$&1)#"'"#,&1)$2*&#,C$) $#"%$($'",;$'D =>,.+,1$1#&($'$%$#&(&-,.*1&-"0&,1$A >: $ ""(!,,,.,++&1,&1%".$ ";&-,"))&"'& &/%$,##&-7$ "#$'&#& &%$'$)) =?,.+,1$1#&($'$%$#&(&-,.*1&-"0&,1$A >: Il doppino in rame è il mezzo di trasporto dei dati di gran lunga più diffuso (per esempio su di esso è basata la rete telefonica italiana): è semplice da installare, ma è sensibile ai disturbi elettrici e alle intercettazioni. La fibra ottica, un cavo costituito da una sottile fibra di vetro o silicio, si differenzia dagli altri mezzi di trasmissione poiché consente di trasferire le informazioni digitali attraverso la propagazione di impulsi luminosi. Questa qualità conferisce alla fibra ottica immunità dalle interferenze elettromagnetiche e migliori prestazioni in termini di affidabilità. I satelliti per le telecomunicazioni digitali possono essere sfruttati usando parte della larghezza di banda di cui dispongono, anche per la ricezione di dati digitali da parte di un PC. Tale soluzione può offrire grandi vantaggi soprattutto in quelle zone, lontane dai grandi centri urbani, in cui non esistono collegamenti veloci e risulterebbe troppo costoso portare altri tipi di connettività a larga banda. 20/28

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Componenti di base di un computer

Componenti di base di un computer Componenti di base di un computer Architettura Von Neumann, 1952 Unità di INPUT UNITA CENTRALE DI ELABORAZIONE (CPU) MEMORIA CENTRALE Unità di OUTPUT MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT/OUTPUT (I/O)

Dettagli

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale

MODULO 1. 1.1 Il personal computer. ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale MODULO 1 1.1 Il personal computer ISIS STRINGHER Corso Serale Anno scolastico 2010/11 Classe 1 Commerciale 1.1 Il personal computer Il PC Hardware e software Classificazioni del software Relazione tra

Dettagli

6. Quale è l unità che esegue le singole istruzioni e governa le varie parti del computer? % ALU % CPU % LAN % WAN

6. Quale è l unità che esegue le singole istruzioni e governa le varie parti del computer? % ALU % CPU % LAN % WAN MODULO 1 Testo 1.03 1. In una istruzione, un operando è: % Il dato su cui operare % L indirizzo di memoria di un dato su cui operare % Il tipo di operazione da eseguire % Il risultato di una istruzione

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 2 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it LE MEMORIE - 1 MEMORIA CENTRALE (O PRINCIPALE) Da questa memoria l unità centrale estrae i dati che servono per eseguire i programmi

Dettagli

Componenti del Sistema di Elaborazione

Componenti del Sistema di Elaborazione Componenti del Sistema di Elaborazione Il Sistema di Elaborazione Monitor Tastiera Processore Memoria Centrale (Programmi + Dati) Memorie di massa Altre periferiche Rete Rete a.a. 2002-03 L. Borrelli 2

Dettagli

APPUNTI CONCETTI DI BASE

APPUNTI CONCETTI DI BASE www.informarsi.net APPUNTI CONCETTI DI BASE Struttura di un elaboratore Un computer è paragonabile a una grande scatola in cui sono immessi dei dati, i quali, una volta immagazzinati, elaborati e processati,

Dettagli

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen

5. Quale tra le seguenti unità di input ha la stessa funzione del mouse? Scanner Plotter Trackball Touch screen Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte 1. Quale delle seguenti affermazioni è corretta? Nella trasmissione a commutazione di pacchetto: Sulla stessa linea

Dettagli

1. Convertire il seguente numero decimale nella sua rappresentazione binaria, scrivendo i passaggi: 299 10

1. Convertire il seguente numero decimale nella sua rappresentazione binaria, scrivendo i passaggi: 299 10 Corso di Informatica Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Lauree triennali Esempi di domande Ogni domanda a risposta multipla ha una e una sola risposta corretta. Tutti gli esercizi devono essere

Dettagli

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati

Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Architettura di un sistema di elaborazione dei dati Questo modelio è stato proposto nei tardi anni 40 dall Institute for Advanced Study di Princeton e prende il nome di modello Von Neumann. E` costituito

Dettagli

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it.

Conoscere il computer ed il software di base. Concetti base dell ICT TIPI DI COMPUTER. Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it. Concetti base dell ICT Conoscere il computer ed il software di base Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Fase 1 Information technology Computer Tecnologia utilizzata per la realizzazione

Dettagli

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante

1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante CONOSCENZE DI INFORMATICA 1) Una periferica di input è: A) il mouse B) il monitor C) la stampante 2) Una memoria in sola lettura con la particolarità di essere cancellata in particolari condizioni è detta:

Dettagli

Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo

Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo Esercitazione per esame Ecdl - 1 modulo Nome:... Cognome... Telefono... 1. Il millennium bug è: % Un problema hardware di tutti i computer al cambio del millennio % Un problema del software di tutti i

Dettagli

Corso di Informatica Generale Esempi di domande.

Corso di Informatica Generale Esempi di domande. Il materiale contenuto in questo documento è utilizzabile unicamente per la preparazione dell esame di Informatica. Non ne può essere fatto altro uso. Corso di Informatica Generale Esempi di domande. 1.

Dettagli

SISTEMI DI ELABORAZIONE E RETI DI COMUNICAZIONE 11 2/001.0

SISTEMI DI ELABORAZIONE E RETI DI COMUNICAZIONE 11 2/001.0 SISTEMI DI ELABORAZIONE E RETI DI COMUNICAZIONE 11 2/001.0 HARDWARE TUTTI I COMPONENTI TANGIBILI DI UN ELABORATORE UNITÀ CENTRALE MEMORIE DI MASSA PERIFERICHE DI INPUT PERIFERICHE DI OUTPUT (Processore

Dettagli

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer

MONIA MONTANARI. Appunti di Trattamento Testi. Capitolo 1 Il Computer MONIA MONTANARI Appunti di Trattamento Testi Capitolo 1 Il Computer 1. Introduzione La parola informatica indica la scienza che rileva ed elabora l informazione, infatti : Informatica Informazione Automatica

Dettagli

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014

Corso: Informatica+ Andrea Cremonini. Lezione del 20/10/2014 Corso: Informatica+ Andrea Cremonini Lezione del 20/10/2014 1 Cosa è un computer? Un elaboratore di dati e immagini Uno smartphone Il decoder di Sky Una console di gioco siamo circondati! andrea.cremon

Dettagli

Architettura di un computer

Architettura di un computer Architettura di un computer Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Architettura A.A. 2012-2013 1 / 36 La tecnologia Cerchiamo di capire alcuni concetti su

Dettagli

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica

Programmazione. Dipartimento di Matematica. Ing. Cristiano Gregnanin. 25 febbraio 2015. Corso di laurea in Matematica Programmazione Dipartimento di Matematica Ing. Cristiano Gregnanin Corso di laurea in Matematica 25 febbraio 2015 1 / 42 INFORMATICA Varie definizioni: Scienza degli elaboratori elettronici (Computer Science)

Dettagli

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.)

Reti di calcolatori. Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Riferimenti: Curtin cap. 9 Console cap. 6 (vecchia ed.) o cap. 8 (nuova ed.) Reti di calcolatori Inizialmente, con l avvento dei PC, il mondo dell elaborazione dati era diviso in due

Dettagli

C. P. U. MEMORIA CENTRALE

C. P. U. MEMORIA CENTRALE C. P. U. INGRESSO MEMORIA CENTRALE USCITA UNITA DI MEMORIA DI MASSA La macchina di Von Neumann Negli anni 40 lo scienziato ungherese Von Neumann realizzò il primo calcolatore digitale con programma memorizzato

Dettagli

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web

Reti di computer- Internet- Web. Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Reti di computer- Internet- Web Concetti principali sulle Reti Internet Il Web Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti n n n Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello timesharing,

Dettagli

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012

Modello del Computer. Componenti del Computer. Architettura di Von Neumann. Prof.ssa E. Gentile. a.a. 2011-2012 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Informazione Editoriale, Pubblica e Sociale Modello del Computer Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Componenti del Computer Unità centrale di elaborazione Memoria

Dettagli

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2)

Modulo 1. Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Modulo 1 Concetti di base della Tecnologia dell Informazione ( Parte 1.2) Prof. Valerio Vaglio Gallipoli Rielaborazione: prof. Claudio Pellegrini - Sondrio LA CPU Central Processing Unit Detto anche processore,,

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona

ECDL MODULO 1 Le Memorie. Prof. Michele Barcellona ECDL MODULO 1 Le Memorie Prof. Michele Barcellona Le memorie servono a memorizzare dati e programmi Memoria Memorie CPU Centrale di massa Periferiche I/O Bus Memoria Centrale E una memoria a semiconduttore

Dettagli

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012

CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 CAD B condotto da Daniela Sidari 05.11.2012 COS È L INFORMATICA? Il termine informatica proviene dalla lingua francese, esattamente da INFORmation electronique ou automatique ; tale termine intende che

Dettagli

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA

CAPITOLO 1 - INTRODUZIONE ALL INFORMATICA Da sempre l uomo ha bisogno di rappresentare, trasmettere ed elaborare informazioni di varia natura, ad esempio numeri, frasi, immagini, suoni, concetti o addirittura sensazioni. Tutte le nostre attività

Dettagli

Unità Periferiche. Rete Di Controllo

Unità Periferiche. Rete Di Controllo MODELLO LOGICO-FUNZIONALE DI UN ELABORATORE Centrale di canale Periferiche CPU Memoria centrale ALU CU Memoria Locale ALU = Aritmetic Logic Unit CU = Registri CU ISTRUZIONE Decodificatore Rete Di Controllo

Dettagli

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione:

Modulo 1 Le memorie. Si possono raggruppare i sistemi di elaborazione nelle seguenti categorie in base alle possibilità di utilizzazione: Modulo 1 Le memorie Le Memorie 4 ETA Capitolo 1 Struttura di un elaboratore Un elaboratore elettronico è un sistema capace di elaborare dei dati in ingresso seguendo opportune istruzioni e li elabora fornendo

Dettagli

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer

Ferrante Patrizia Ghezzi Nuccia Pagano Salvatore Previtali Ferruccio Russo Francesco. Computer Computer Il computer, o elaboratore elettronico, è la macchina per la gestione automatica delle informazioni Componenti: Hardware (la parte fisica del computer) Software (la parte intangibile, insieme

Dettagli

Le infrastrutture Hardware: architettura

Le infrastrutture Hardware: architettura Le infrastrutture Hardware: architettura Corso di Informatica CdL: Chimica Claudia d'amato claudia.damato@di.uniba.it Il calcolatore: modello concettuale 1. Elaborazione 2. Memorizzazione Interconnessione

Dettagli

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria

SOMMARIO. La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione Le periferiche di Input/Output. a Montagn Maria Parte 4: HARDWARE SOMMARIO La CPU I dispositivi iti i di memorizzazione i Le periferiche di Input/Output na a Montagn Maria LA CPU CPU: Central Processing Unit. L unità centrale di processo si occupa dell

Dettagli

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu

03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 03 L architettura del computer e la CPU (parte 2) Dott.ssa Ramona Congiu 1 Anatomia del computer Dott.ssa Ramona Congiu 2 L Unità centrale 3 Anatomia del computer 4 La scheda madre All interno del computer

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Il sistema di elaborazione Hardware e software

Il sistema di elaborazione Hardware e software Il sistema di elaborazione Hardware e software A. Lorenzi M. Govoni TECNOLOGIE INFORMATICHE. Release 2.0 Atlas Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche

Dettagli

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it

INFORMATION TECNOLOGY. a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it INFORMATION TECNOLOGY 1 a cura di Alessandro Padovani padoale@email.it 1 IT, HARDWARE E SOFTWARE Information Tecnology (o Informazione automatica): tecnologia hadware e software utilizzata per la progettazione

Dettagli

Università degli studi di Napoli Federico II

Università degli studi di Napoli Federico II Università degli studi di Napoli Federico II Facoltà di Sociologia Corso di Laurea in culture digitali e della comunicazione Corso di Elementi di informatica e web Test ingresso per il bilancio delle competenze

Dettagli

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore

Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Corso di Laurea Ingegneria Civile Fondamenti di Informatica Dispensa 01 Anatomia e fisiologia del computer: l architettura del calcolatore Marzo 2009 L architettura del calcolatore 1 Nota bene Alcune parti

Dettagli

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo O mentre ci sono più risposte corrette per le domande con il simbolo

Dettagli

Cosa è l informatica

Cosa è l informatica Cosa è l informatica Informazione + automatica Scienza del trattamento automatico delle informazioni Insieme dei processi e delle tecnologie che rendono possibile Elaborare (trasformare) l informazione

Dettagli

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta

Quiz ecdl primo modulo. Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta Quiz ecdl primo modulo Riflettere prima di decidere la risposta ritenuta esatta 1 Che cosa è il Bit? British Information Target Binary Digit La misura dell'informazione DIA 2 DI 67 Che differenza c'è tra

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Hardware e software Hardware e software Un sistema di elaborazione è formato da: parti hardware: componenti fisiche parti software: componenti logiche i dati da trattare le correlazioni

Dettagli

Informatica. Ing. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia

Informatica. Ing. Pierpaolo Vittorini pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it. Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia pierpaolo.vittorini@cc.univaq.it Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Medicina e Chirurgia 2 ottobre 2007 L architettura del calcolatore Concetti iniziali L architettura del calcolatore Con il

Dettagli

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea

Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Test di verifica 1.2 per il Modulo 1 della Patente Europea Esiste una sola risposta corretta per le domande che riportano il simbolo per le scelte, mentre ci sono più risposte corrette per le domande con

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

i nodi i concentratori le dorsali

i nodi i concentratori le dorsali RETI LOCALI Reti di computer collegati direttamente tra di loro in un ufficio, un azienda etc. sono dette LAN (Local Area Network). Gli utenti di una LAN possono condividere fra di loro le risorse quali

Dettagli

Il computer: primi elementi

Il computer: primi elementi Il computer: primi elementi Tommaso Motta T. Motta Il computer: primi elementi 1 Informazioni Computer = mezzo per memorizzare, elaborare, comunicare e trasmettere le informazioni Tutte le informazioni

Dettagli

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C.

Modulo 1 Test di verifica. Concetti teorici di base delle T.I.C. Modulo 1 Test di verifica Concetti teorici di base delle T.I.C. Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono memorie di massa? CDROM Hard disk RAM Floppy disk Cache Test n. 1 Quali tra le seguenti non sono

Dettagli

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni

Reti di computer. Tecnologie ed applicazioni Reti di computer Tecnologie ed applicazioni Da I.T a I.C.T Con I.T (Information Tecnology) si intende il trattamento delle informazioni attraverso il computer e le nuove apparecchiature tecnologiche ad

Dettagli

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche

Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Concetti di base della Tecnologia dell Informazione Uso del computer e gestione dei file Elaborazione testi Fogli di Calcolo Reti informatiche Laboratorio di Informatica - CLEF 7 Ci sono due modi per non

Dettagli

INFORMATICA. By CONVERTINI Francesco

INFORMATICA. By CONVERTINI Francesco INFORMATICA By CONVERTINI Francesco Informatica = informazione automatica È una scienza preesistente all elaboratore e consiste nella ricerca di METODI per elaborare automaticamente le informazioni ed

Dettagli

Francia dalla contrazione delle parole INFORmazione e automatica. Elaborazione e trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA

Francia dalla contrazione delle parole INFORmazione e automatica. Elaborazione e trattamento automatico delle informazioni INFORMATICA INFORMATICA La parola INFORMATICA indica l insieme delle discipline e delle tecniche che permettono la trattazione automatica delle informazioni che sono alla base delle nostre conoscenze e delle loro

Dettagli

Lez. 2 L elaborazione

Lez. 2 L elaborazione Lez. 2 L elaborazione Prof. Giovanni Mettivier 1 Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it

Dettagli

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI

Architettura del Personal Computer AUGUSTO GROSSI Il CASE o CABINET è il contenitore in cui vengono montati la scheda scheda madre, uno o più dischi rigidi, la scheda video, la scheda audio e tutti gli altri dispositivi hardware necessari per il funzionamento.

Dettagli

Lavorare in Rete Esercitazione

Lavorare in Rete Esercitazione Alfonso Miola Lavorare in Rete Esercitazione Dispensa C-01-02-E Settembre 2005 1 2 Contenuti Reti di calcolatori I vantaggi della comunicazione lavorare in rete con Windows Internet indirizzi IP client/server

Dettagli

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio

COMPUTER ESSENTIAL 1.1. Esperto Emilia Desiderio COMPUTER ESSENTIAL 1.1 Esperto Emilia Desiderio INFORMATICA Definizione: disciplinain continua evoluzione che cerca di riprodurre le capacità del cervello umano. lostudio sistemico di algoritmi che descrivono

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web

CORSO EDA Informatica di base. Introduzione alle reti informatiche Internet e Web CORSO EDA Informatica di base Introduzione alle reti informatiche Internet e Web Rete di computer Una rete informatica è un insieme di computer e dispositivi periferici collegati tra di loro. Il collegamento

Dettagli

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono.

Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Lezione 3 Hardware Hardware Per definizione l hardware di un computer è l insieme dei pezzi materiali che lo compongono. Esistono vari tipi di computer: Notebook: sono i computer portatili. Mainframe:

Dettagli

MODULO 01. Come è fatto un computer

MODULO 01. Come è fatto un computer MODULO 01 Come è fatto un computer MODULO 01 Unità didattica 02 Guardiamo dentro alla scatola: l hardware In questa lezione impareremo: a conoscere le parti che permettono a un computer di elaborare e

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto ARCHITETTURA DEI CALCOLATORI

Dettagli

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C.

Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Il termine informatica deriva dall unione di due parole: informazione e automatica. Il P.C. Hardware: parte fisica, cioè l insieme di tutte le componenti fisiche, meccaniche, elettriche e ottiche, necessarie

Dettagli

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012

Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 Liceo Scientifico G. Galilei Trebisacce Anno Scolastico 2011-2012 INFORMATICA: Hardware e Software Alunno: Classe: 1 C 08 novembre 2011 prof. Mimmo Corrado Effettua i seguenti calcoli nel sistema binario:

Dettagli

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di:

Il Computer. Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: Il Computer Cos'è il computer? Per capire che cosa è il computer, occorre partire dal concetto di: INFORMATICA = INFORmazione automatica E' la scienza che si occupa del trattamento automatico delle informazioni.

Dettagli

Organizzazione della memoria

Organizzazione della memoria Memorizzazione dati La fase di codifica permette di esprimere qualsiasi informazione (numeri, testo, immagini, ecc) come stringhe di bit: Es: di immagine 00001001100110010010001100110010011001010010100010

Dettagli

Le reti di calcolatori

Le reti di calcolatori Le reti di calcolatori 1 La storia Computer grandi e costosi Gli utenti potevano accerdervi tramite telescriventi per i telex o i telegrammi usando le normali linee telefoniche Successivamente le macchine

Dettagli

Architettura dei calcolatori

Architettura dei calcolatori Università degli Studi di Palermo Dipartimento di Ingegneria Informatica C.I. 3 Modulo Informatica 2 c.f.u. Anno Accademico 2009/2010 Docente: ing. Salvatore Sorce Architettura dei calcolatori II parte

Dettagli

Termini che è necessario capire:

Termini che è necessario capire: Per iniziare 1........................................ Termini che è necessario capire: Hardware Software Information Technology (IT) Mainframe Laptop computer Unità centrale di elaborazione (CPU) Hard

Dettagli

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input

Input Elaborazione Output. Output. Componenti di elaborazione. Periferiche di. Periferiche di Input Hardware e Software Hardware: : Tutti i componenti fisici del sistema di elaborazione (tutto ciò che si può toccare) Software: : Tutti i programmi installati nel nostro sistema di elaborazione Fasi di

Dettagli

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori

Programma del corso. Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Programma del corso Introduzione Rappresentazione delle Informazioni Calcolo proposizionale Architettura del calcolatore Reti di calcolatori Architettura di Von Neumann Memorie secondarie Dette anche Memoria

Dettagli

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima

Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima Concetti fondamentali della Tecnologia Dell informazione Parte prima 1 Concetti di base della tecnologia dell Informazione Nel corso degli ultimi anni la diffusione dell Information and Communication Technology

Dettagli

Esame di INFORMATICA

Esame di INFORMATICA Università di L Aquila Facoltà di Biotecnologie Esame di INFORMATICA Lezione 4 MACCHINA DI VON NEUMANN Anni 40 i dati e i programmi che descrivono come elaborare i dati possono essere codificati nello

Dettagli

Il sistema di elaborazione

Il sistema di elaborazione Il sistema di elaborazione Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il sistema di elaborazione 1 / 37 Informatica Il termine informatica deriva dalle parole informazione e automatica Stefano

Dettagli

Concetti di base delle tecnologie ICT

Concetti di base delle tecnologie ICT Concetti di base delle tecnologie ICT Parte 2 Reti Informatiche Servono a collegare in modo remoto, i terminali ai sistemi di elaborazione e alle banche dati Per dialogare fra loro (terminali e sistemi)

Dettagli

IL COMPUTER. INTRODUZIONE - un po di storia CPU

IL COMPUTER. INTRODUZIONE - un po di storia CPU IL COMPUTER INTRODUZIONE - un po di storia Il computer è una macchina, uno strumento diventato ormai indispensabile nella vita di tutti i giorni per la maggior parte delle persone dei Paesi sviluppati.

Dettagli

PROGRAMMA di INFORMATICA E LABORATORIO Classi prime Servizi Commerciali (Grafica)

PROGRAMMA di INFORMATICA E LABORATORIO Classi prime Servizi Commerciali (Grafica) Istituto Kandinsky Anno Scolastico 2011-2012 PROGRAMMA di INFORMATICA E LABORATORIO Classi prime Servizi Commerciali (Grafica) INFORMAZIONE, DATI E LORO CODIFICA o Definizione di Informatica o Differenza

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet

Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale. Reti di Calcolatori e Internet Tecnologie per il web e lo sviluppo multimediale Reti di Calcolatori e Internet Luca Pulina Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Sassari A.A. 2015/2016 Luca Pulina (UNISS)

Dettagli

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano

IL COMPUTER APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano IL COMPUTER LA MACCHINA DELLA 3 RIVOLUZIONE INDUSTRIALE APPUNTI PER LEZIONI NELLE 3 CLASSI A CURA DEL Prof. Giuseppe Capuano LA TRASMISSIONE IN BINARIO I computer hanno un loro modo di rappresentare i

Dettagli

Linguaggio e Architettura

Linguaggio e Architettura Parte 1 Linguaggio e Architettura IL LINGUAGGIO DELL INFORMATICA 1.1 1 Importante imparare il linguaggio dell informatica L uso Lusodella terminologia giusta è basilare per imparare una nuova disciplina

Dettagli

Registro dell'insegnamento

Registro dell'insegnamento Registro dell'insegnamento Anno accademico 2015/2016 Prof. ALESSANDRO MARTINELLI Settore inquadramento null - null Scuola Scienze della Salute Umana Dipartimento NEUROSCIENZE, AREA DEL FARMACO E SALUTE

Dettagli

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Le Memorie. Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Le Memorie Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Memorie Memoria Principale (centrale) Si accede direttamente dalla CPU non permanente Memoria Secondaria (di massa) Si accede tramite il sottosistema di input/output

Dettagli

Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti

Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti Informatica di base: esame scritto del 2 febbraio 2004 Docente: Prof. Viviana Patti 22 domande, 7 pagine Cognome e nome Matricola Turno di Laboratorio Domande con risposta multipla 1 Quanti byte occupa

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com

A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti. e.visciotti@gmail.com A cura di: Dott. Ing. Elisabetta Visciotti e.visciotti@gmail.com Il termine generico rete (network) definisce un insieme di entità (oggetti, persone, ecc.) interconnesse le une alle altre. Una rete permette

Dettagli

CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere!

CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere! CONCETTI BASE dell'informatica Cose che non si possono non sapere! Pablo Genova I. I. S. Angelo Omodeo Mortara A. S. 2015 2016 COS'E' UN COMPUTER? È una macchina elettronica programmabile costituita da

Dettagli

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido.

Informatica. Nozioni di hardware. Componenti essenziali della struttura interna di un PC. docente: Ilaria Venturini. Disco rigido. Informatica II Nozioni di hardware docente: Ilaria Venturini Componenti essenziali della struttura interna di un PC Porte Disco rigido CPU scheda video memorie scheda audio bus 1 Struttura hardware dell

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC

TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC TEST DI INGRESSO Corso Saper Utilizzare il PC Pagina 1 1. Che cos'è il Case? A Unità di Peso dei Computer. B Microprocessore. C Scatola metallica che racchiude tutte le componenti fisiche di un computer

Dettagli

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP

Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Reti basate sulla stack di protocolli TCP/IP Classe V sez. E ITC Pacioli Catanzaro lido 1 Stack TCP/IP Modello TCP/IP e modello OSI Il livello internet corrisponde al livello rete del modello OSI, il suo

Dettagli

HARDWARE. Relazione di Informatica

HARDWARE. Relazione di Informatica Michele Venditti 2 D 05/12/11 Relazione di Informatica HARDWARE Con Hardware s intende l insieme delle parti solide o ( materiali ) del computer, per esempio : monitor, tastiera, mouse, scheda madre. -

Dettagli

Gerarchia delle memorie

Gerarchia delle memorie Memorie Gerarchia delle memorie Cache CPU Centrale Massa Distanza Capacità Tempi di accesso Costo 2 1 Le memorie centrali Nella macchina di Von Neumann, le istruzioni e i dati sono contenute in una memoria

Dettagli

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE

Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU MEMORIE Lezione 3 ARCHITETTURA: JOHN VON NEUMANN (1946) INPUT OUTPUT MEMORIA CPU Bus MEMORIE RAM (Random Access Memory). Memoria Centrale, Memoria di Lavoro, Memoria principale. Consiste in una matrice di celle

Dettagli

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa.

Per essere inviato il dato deve essere opportunamente codificato in modo da poter essere trasformato in SEGNALE, elettrico oppure onda luminosa. La trasmissione dell informazione N.R2 La comunicazione tra due calcolatori si realizza tramite lo scambio di dati su un canale di comunicazione, esiste quindi un TRASMETTITORE che invia dei dati e un

Dettagli

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori

Informatica per l Ingegneria Industriale. Introduzione ai calcolatori Informatica per l Ingegneria Industriale Introduzione ai calcolatori Gualtiero Volpe gualtiero.volpe@unige.it 1. Struttura del calcolatore 1 Che cosa è un computer? A prescindere dalle dimensioni e dal

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Lezione 3: Architettura del calcolatore

Lezione 3: Architettura del calcolatore Lezione 3: Architettura del calcolatore Architettura di Von Neumann BUS, CPU e Memoria centrale Ciclo di esecuzione delle istruzioni Architettura del calcolatore Il calcolatore è: uno strumento programmabile

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI

CLASSIFICAZIONE DELLE RETI CLASSIFICAZIONE DELLE RETI A seconda dei ruoli dei computer le reti si classificano in: Reti Client Server in cui sono presenti computer con ruoli diversi, alcuni funzionano da client e uno o più da server

Dettagli