Tavolo 1 - L ESPERIENZA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tavolo 1 - L ESPERIENZA"

Transcript

1 Tavolo 1 - L ESPERIENZA

2

3 Tavolo 1 - L ESPERIENZA Comprendere, capire, acquisire e conservare nel tempo l esperienza della visita per l accrescimento della conoscenza Coordinatore: Erminia Sciacchitano Rapporteur: Simona Bodo In una società dove il rumore e gli slogan sottraggono luce ed ossigeno alla riflessione e all approfondimento, i luoghi della cultura si interrogano su come trasformare l incontro con il visitatore, magari attirato da una notte bianca, da un icona vista su un autobus, o da un concerto jazz, in una vera e propria esperienza culturale, un momento di crescita personale, da raccontare e ricordare nel tempo. Una sfida per i musei di oggi, che davanti alla prospettiva di un ampliamento di platea si trovano a dover far passare messaggi complessi attraverso la cruna di un ago troppo fine, correndo il rischio di banalizzare e appiattire ciò che è il risultato di una stratificazione di saperi, del dialogo fra diverse culture, del rapporto con il territorio. Per rispondere a questa sfida alcuni musei si mettono in gioco e avviano interessanti sperimentazioni su testi e apparati comunicativi. Un processo raffinato, che cesella testi ricchi e suggestivi introducendo un a capo per tirare il fiato, un grassetto perché un eco del testo si ancori al pensiero, un inciso per spiegare una parola insolita, un paragrafo perche il genitore possa cogliere rapidamente un concetto e trasmetterlo con orgoglio al suo bambino, un riferimento temporale per chi proviene da un altra cultura. Nuovi allestimenti, che incuriosiscono con racconti e storie, mettono a disposizione mappe e guide per orientarsi ed esplorare in libertà, servizi e assistenza perché la mente, dopo una pausa di ristoro, possa concentrarsi sui nuovi stimoli. Innovazioni prodotte anche grazie alla collaborazione fra mediatori, sociologi, antropologi, educatori, curatori e conservatori. Quaderni della valorizzazione

4 Nel frattempo la teoria della coda lunga 1 ci insegna che in una dimensione globale non solo c è spazio per le informazioni altamente specializzate, ma che è possibile accendere la scintilla dell esperienza anche grazie al contributo della comunità degli utenti, che attraverso le piattaforme partecipative condivide affinità, relazioni, interessi. Lo sviluppo di internet e dei social network, i nuovi modelli di produzione e distribuzione resi possibili dalla tecnologia digitale stanno, infatti, modificando gli attuali equilibri verso una maggiore democratizzazione politica, sociale e tecnologica della cultura 2 dove la frontiera fra creatori e consumatori si fa sempre più sottile. Un energia creativa testimoniata dal fiorire di applicazioni per smartphone, siti web, itinerari, visite virtuali. Trasformazioni che stanno cambiando la modalità di interazione fra amministrazione pubblica e cittadini, anche nel settore culturale, e che suscitano un ampio dibattito in Europa sul ruolo dei pubblici poteri e del settore privato nella cultura, il modo di funzionamento delle istituzioni culturali, il tipo e la scala dei sostegni agli artisti, le nuove forme di partenariato e di approccio a livello paneuropeo, europeo, nazionale, regionale e locale. Lo sguardo su questo orizzonte è incorniciato dai principi contenuti nella Convenzione Quadro del Consiglio d Europa sul valore dell eredità culturale per la società, firmata a Faro nel 2005, che traccia il quadro di diritti e responsabilità dei cittadini nella partecipazione al patrimonio culturale, muovendo dal diritto dell individuo a prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità e di godere delle arti definito nell art. 27 della Dichiarazione universale dei diritti dell uomo. Una Convenzione che mette in valore le dimensioni etico, culturali, ecologiche, economiche, sociali e politiche del patrimonio culturale per lo sviluppo dell essere umano e della società, intrecciando la fruizione dei luoghi della cultura con le politiche per l inclusione sociale e lo sviluppo sostenibile. Un impostazione che si ritrova nel Codice dei beni culturali e del paesaggio, che all art. 2 sancisce che i beni di appartenenza pubblica sono destinati alla fruizione della collettività e che all art. 6 definisce la valorizzazione come l esercizio delle funzioni e la disciplina delle attività dirette a promuovere la conoscenza del patrimonio culturale e ad assicurare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica del patrimonio stesso, anche da parte delle persone diversamente abili, al fine di promuovere lo sviluppo della cultura. Definizione che traccia una strada per una fruizione consapevole del patrimonio culturale, che stimoli il pubblico a prendere coscienza dei suoi valori civici, del suo essere risorsa per lo sviluppo personale e collettivo, un valore da preservare e trasmettere alle generazioni future. Questo allargamento di sguardo verso orizzonti più ampi impone di fare i conti con le diverse specificità umane, per implementare buone pratiche basate sulla conoscenza dei bisogni e delle aspettative culturali del pubblico, sia reale che potenziale. Comprendere che ognuno di 1 La teoria della Coda Lunga, elaborata da Chris Anderson, si basa sul presupposto che il mercato dell industria culturale si stia via via allontanando dalla propensione a concentrarsi su un insieme relativamente piccolo di beni di successo per muoversi verso un grande numero di beni di nicchia, dove il consumatore trova maggiore correlazione ai propri interessi personali. Anderson C. (2007). La coda lunga. Da un mercato di massa a una massa di mercati 2 Un recente studio della Commissione europea sulla dimensione imprenditoriale delle industrie creative rivela che il 58% delle imprese e composto da 1-3 addetti. 46 Primo colloquio sulla valorizzazione

5 noi è portatore allo stesso tempo di interessi comuni ai più, e di interessi specifici, legati alla nostra unicità, radici, cultura e formazione. Accettare che il processo di conoscenza non è monodirezionale, ma che chi fruisce è portatore di un sapere con il quale è necessario interagire. Riconoscere che la matrice della ricchezza del patrimonio culturale italiano affonda le sue radici non solo nel rapporto con il territorio, ma in una storia impregnata di diversità culturale, in quella che Renzo Piano, in una recente intervista ha definito la forza del meticciato. Una diversità che oggi risuona in ogni visitatore, diverso per sapere, corpo, credenze, esigenze. Un pubblico che apprende, crea, racconta la propria esperienza di visita e scopre la natura multipla e dinamica della propria identità grazie alla relazione con altre culture. Unica e speciale. Un esperienza da raccontare. Quaderni della valorizzazione

6

7 Erminia Sciacchitano Responsabile Ricerca e Sperimentazione Servizio I DGVAL MiBAC Introduzione al tavolo Desidero innanzitutto ringraziarvi per essere intervenuti a questo incontro. La vostra partecipazione, così numerosa ma soprattutto così qualificata, per noi è motivo di grande soddisfazione, perche ci segnala che il tema che affrontiamo oggi è attuale e che necessita di momenti di riflessione comune. Sarà molto interessante per noi presentarvi gli esiti delle ricerche in corso ma soprattutto ascoltare le vostre reazioni e i vostri preziosi commenti. La mia introduzione, che mira a dare un inquadramento generale rispetto alle tematiche che verranno affrontate dai nostri relatori, riflette il punto di vista di un tecnico interno all amministrazione, ma apre lo sguardo oltre i confini nazionali. In particolare vi invito ad indossare le lenti del Consiglio d Europa, che vede nella fruizione del patrimonio culturale sancita dal nostro Codice una declinazione del diritto dell individuo a partecipare liberamente alla vita culturale della comunità e di godere delle arti definito nell art. 27 della Dichiarazione universale dei diritti dell uomo. Quando verso la fine del 2009 abbiamo avviato le nostre attività, la Direzione generale si è trovata in mano un concetto di valorizzazione dai molteplici significati, un vero e proprio nodo gordiano. Come accade spesso quando ci si trova di fronte alla complessità, abbiamo dovuto resistere alla tentazione di tagliare drasticamente il nodo per arrivare rapidamente al nocciolo. Abbiamo deciso, al contrario, di seguire una strada più onerosa: scegliere alcuni dei fili che compongono il nodo e provare a scioglierli minuziosamente, ma senza perdere la loro componente armonica e creativa, come vedete rappresentato nella grafica del manifesto. Quaderni della valorizzazione

8 L incontro di oggi, per proseguire nella metafora, vi mostra quello che abbiamo dipanato finora di tre dei fili che erano intrecciati nel nodo, e questo tavolo, in particolare, snoda il filo dell esperienza del visitatore rispetto alla sua partecipazione al patrimonio culturale, un concetto che va oltre a quello di fruizione. Se vogliamo davvero perseguire gli obiettivi che ci assegna l art. 6 del Codice, la promozione della conoscenza del patrimonio culturale, non possiamo limitarci migliorare il comfort fisico, o i servizi complementari alla visita, dobbiamo ingenerare un affezione profonda, che non nasca dalla passione o dall accaloramento, perché le passioni si bruciano, i fuochi si spengono, ma che maturi a partire dalla consapevolezza, e che resista nel tempo. La piena consapevolezza del valore del patrimonio culturale, oggi è un bagaglio di pochi. La percentuale dei cittadini che partecipa al patrimonio culturale non rappresenta la maggioranza della popolazione. Basta guardare i dati Istat per constatare che la maggioranza dei visitatori dei nostri musei è in possesso di un titolo di studi superiore, una persona laureata 3. Probabilmente questo accade perché quando progettiamo gli apparati di comunicazione, ragioniamo in maniera astratta, senza conoscere davvero chi viene a visitare i nostri siti. Di conseguenza finiamo per parlarci allo specchio, ad un riflesso di noi stessi, che ha la nostra stessa formazione, la nostra stessa visione, oppure costruiamo un identikit totalmente ideale: un supereroe laureato e iper-specializzato, forte e instancabile, capace di superare qualunque barriera di accesso fisico, che non ha bambini, non manovra passeggini o carrozzine e legge perfettamente testi scritti con caratteri piccoli, anche in condizione di penombra e da qualunque distanza. Per ampliare la platea del pubblico dei luoghi della cultura dobbiamo quindi guardare oltre lo specchio e aprirci al confronto con le diverse specificità delle persone, che sono praticamente infinite. Ma allo stesso tempo prendere atto che il nostro visitatore non è un supereroe ma un essere terreno, che ci somiglia molto, ma per quelle esigenze e necessità che condividiamo con tutto il genere umano. Oltre alla stanchezza fisica, che non ci permette di concentrarci nella lettura e ci fa velocizzare il passo, alla fame, alle necessità fisiologiche, condividiamo, infatti, il senso di smarrimento che ci assale se perdiamo l orientamento, la confusione di quando non riusciamo a collocare un oggetto nel suo contesto originario, il senso di inadeguatezza generato dal non riuscire ad afferrare un concetto, e quindi di non riuscire a spiegarlo a chi ci accompagna, il sovraccarico da eccesso di informazioni, la sensazione di dover tornare per vedere tutto, velata dal senso di colpa per non aver adempiuto ad un dovere. Questi aspetti non devono essere trascurati, in quanto sono componenti psicologiche fondamentali nella visita e giocano un ruolo fondamentale nel momento in cui il visitatore decide o meno di tornare a trovarci, perché nessuno gradisce ripetere un esperienza negativa. Le indagini ci confermano che gli individui si recano nelle sale dei musei innanzi tutto per un esigenza di conoscenza e comprensione, quindi per una motivazione legata alla crescita personale, uno dei più grandi motori dell essere umano. La piramide, (FIGURA 1) tratta dalle Linee guida sulla comunicazione che stiamo elaborando, di cui vi parlerà Cristina Da Milano, mostra il percorso verso la realizzazione dell individuo, che parte da una base di soddisfazione di 3 La ricerca Il Museo in ascolto, oggetto dell intervento di L. Solima in questa stessa giornata, ha registrato un forte incremento dei laureati (fra gli italiani) ed una diminuzione di tutti gli altri titoli di studio medio-bassi (licenza elementare, media e diploma). Considerando tutti i visitatori, l incidenza dei laureati raggiunge circa il 64%. 50 Primo colloquio sulla valorizzazione

9 bisogni fisici, di sicurezza, di bisogni sociali, fino a giungere al momento della realizzazione di sé. L esperienza di visita coinvolge, quindi, la sfera personale, la sfera fisica, la sfera sociale, tre aspetti fra loro inscindibili per la soddisfazione del visitatore. Gli strumenti della comunicazione museale, necessari per veicolare il contenuto informativo, sono fondamentali, a nostro parere, per creare o ricreare il legame fra visitatori e patrimonio culturale. Ovviamente non pretendiamo di affidare esclusivamente al miglioramento degli apparati comunicativi il difficile compito di incrementare la fruizione del patrimonio culturale da parte del cosiddetto non pubblico. Le barriere non sono solamente culturali, ma anche fisiche, economiche, hanno origine nello scarso coordinamento fra i soggetti nel territorio, nella difficoltà di adeguare gli edifici storici per chi ha esigenze di mobilità specifiche e così via, temi che si affrontano negli altri tavoli. Il tema era già stato ben delineato dell Atto di indirizzo 4 del 2001, dove nell Ambito VII- Rapporti con il pubblico e relativi servizi si fa riferimento esplicito al fatto che i musei affiancano al dovere della conservazione del proprio patrimonio la missione, rivolta a varie e diversificate fasce di utenti, di renderne possibile la fruizione a scopo educativo, culturale, ricreativo e altro ancora. L Atto di indirizzo aveva fornito alcune prime linee guida operative, in particolare in un primo documento che allora fu allegato Che cosa è un manuale di base della comunicazione, che costituisce il nostro punto di partenza. Oggi abbiamo però bisogno di introdurre nuove aperture e ulteriori slanci in questa visione e allargare lo sguardo alla dimensione del dibattito globale. Se è vero che non dobbiamo partire da zero, ma saggiamente procedere dalla revisione e dall aggiornamento di questi fondamentali documenti, anche alla luce della successiva entrata in vigore del Codice dei beni culturali e del paesaggio, è anche vero che dobbiamo comprendere che dal 2001 ad oggi si sono modificati gli equilibri geopolitici, sono accaduti eventi che dobbiamo prendere in considerazione se vogliamo proporre modelli e soluzioni efficaci per i prossimi anni. Ad esempio, da un analisi dei visitatori che abbiamo condotto presso il Museo archeologico di Firenze, di cui vi parleremo fra poco, è emerso un alto numero di visitatori brasiliani, secon- 4 Atto di indirizzo sui criteri tecnico- scientifici e sugli standard di funzionamento e sviluppo dei musei Quaderni della valorizzazione

10 do solo ad americani e francesi, maggiore dei visitatori tedeschi. Anche in questo caso, per comprendere le cause di questo fenomeno dobbiamo distogliere gli occhi dall identikit del visitatore ideale, che nel nostro immaginario, quando è straniero, è tedesco, inglese, americano, francese o al massimo giapponese, e guardare alle dinamiche di crescita dei Paesi BRICS, (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica), dove sta crescendo la domanda di consumo culturale, oltre che la disponibilità economica ad affrontare un viaggio, e di conseguenza a visitare le città d arte, in primis il nostro Paese. Un fenomeno importante considerato che il blocco di questi paesi rappresenta un terzo della popolazione mondiale. Altro aspetto importante riguarda il dibattito sulle convenzioni internazionali sul patrimonio culturale, che dal 2000 non sono più incentrate sulle misure per la conservazione. Questo cambiamento di approccio è il frutto di una presa di coscienza collettiva a seguito della guerra nei Balcani, una guerra molto vicina a noi, al di là di un mare comune. Il Ponte di Mostar, distrutto in quel conflitto, non era un obiettivo militare, era un obiettivo culturale, perché era stato costruito dalle comunità musulmane e cristiane che vivevano sui due diversi lati, ed era quindi rappresentativo di un dialogo fra culture che si intendeva troncare. Questo episodio ha reso evidente che uno dei fattori di rischio più importanti per il patrimonio culturale è il fattore antropico. Le cause di distruzione del patrimonio culturale sono, infatti, raramente dovute a fattori esogeni, come i terremoti, ma sono più spesso causati dall uomo: inquinamento, speculazione immobiliare, guerra ecc. Il Ponte di Mostar 52 Primo colloquio sulla valorizzazione

11 A partire da quell episodio matura quindi la consapevolezza che la causa prima della distruzione del patrimonio culturale risiede nella mancanza di consapevolezza dei valori in esso racchiusi, per questo motivo le convenzioni del XXI secolo s incentrano sull uomo, sul soggetto, non più sull oggetto della tutela. Come esempio vi porto la Convenzione europea del paesaggio del Consiglio d Europa 5 la Convenzione UNESCO per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale 6 e la Convenzione UNESCO sulla protezione e la promozione della diversità delle espressioni culturali 7. L ultima Convenzione, la meno conosciuta in Italia, la Convenzione quadro sul valore dell eredità culturale per la società 8, che ci auguriamo che l Italia firmi presto, è la più avanzata in questo senso: traccia il quadro di diritti e responsabilità dei cittadini nei confronti del patrimonio culturale e declina le diverse accezioni del valore del patrimonio culturale per la società, aggiungendo alla tradizionale domanda Quale patrimonio culturale tutelare e in che modo?, quella Perché e per chi valorizzarlo?. Questa consapevolezza, maturata sul piano del dibattito internazionale, ha portato l attenzione sulla valorizzazione, intesa come operazione tesa a fare maturare la consapevolezza da parte del cittadino dei valori incarnati nel patrimonio culturale, non solo del valore economico ma del valore sociale, valori da trasmettere alle generazioni future. Una consapevolezza che contribuisce alla tutela del patrimonio culturale, perché incide alla radice sulle cause del suo degrado e distruzione. Altro passaggio fondamentale: nel 2001 si è compreso che, al pari della biodiversità, al pari delle risorse energetiche e ambientali, la diversità culturale è un valore che dobbiamo preservare e trasmettere alle generazioni future. Si dà per assodato nel nostro dibattito che la ricchezza del patrimonio culturale italiano affondi le radici nel rapporto col territorio, tema che viene inserito come ambito VIII nell Atto di indirizzo già citato proprio per la sua specificità tutta italiana, ma non si sottolinea con altrettanta forza che la sua matrice è nella diversità culturale che ha caratterizzato la storia della nostra penisola. Porto come esempio per tutti la Zisa di Palermo, prodotto dall incontro fra un re normanno e le maestranze arabe. In una recente intervista Renzo Piano ha dichiarato che lo straordinario patrimonio culturale italiano trae origine dalla forza del meticciato. Bisogna prenderne atto, introdurre con maggiore consapevolezza questo tema nel nostro dibattito, trasformarlo in una nuova linfa, in particolare quando riflettiamo sulle strategie da adottare per aprire i nostri musei ai nuovi cittadini, alle comunità migranti, 5 (Firenze 2000), 6 (Parigi 2003) 7 (Parigi 2005) 8 (Faro, Portogallo, 2005) Quaderni della valorizzazione

12 a chi semplicemente viene a visitarci ma appartiene ad una cultura distante ed ha quindi bisogno di elementi di mediazione per comprenderne la storia e la portata culturale. Ormai siamo giunti alla consapevolezza che le politiche sul patrimonio culturale sono politiche transettoriali poiché incidono su diverse politiche settoriali. Ad esempio, il recupero di un centro storico, se ben fatto, può avere effetti sul benessere e sulla qualità della vita, sull occupazione, sull integrazione, sulla sicurezza, sul turismo, sul senso civico, sull orgoglio della cittadinanza, come accade nel processo di candidatura a capitale europea della cultura. La valorizzazione del patrimonio culturale, se è intesa come operazione che ne rivela i valori sociali intrinseci: la matrice interculturale, il senso comune di appartenenza ad un luogo, i valori civici, ha quindi un ruolo sia nella costruzione di una società democratica e pacifica che nei processi di sviluppo sostenibile. Molti musei si sono già attivati in questa direzione, varando strategie per l accesso, l inclusione sociale e la diversità culturale nell ambito delle loro politiche di apertura al pubblico più ampio. Abbiamo un felice esempio anche italiano, con il progetto A Brera anch io, che non è l unico. Il Victoria and Albert Museum ha addirittura inserito il tema della rappresentatività delle altre culture nella sua strategia,e riflette questa attenzione nel numero di lingue in cui viene tradotto il suo sito. Un altro grande dibattito a livello internazionale riguarda il coinvolgimento delle comunità, anche a seguito dell entrata in vigore della Convenzione di Faro. Il tema è affrontato nel tavolo sulla partecipazione, ma anche qui va sottolineato che le comu- 54 Primo colloquio sulla valorizzazione

13 nità stanno assumendo sempre più un ruolo di soggetti attivi, che partecipano alle varie fasi del processo di valorizzazione, dall identificazione di quel patrimonio culturale che ne incarna i valori rappresentativi all adozione di iniziative indipendenti di sensibilizzazione. Sono frontiere per noi lontane, ma è certo che se un cittadino è chiamato in primo luogo ad identificare un luogo che rappresenta valori in cui si riconosce, è chiaro che sarà più facile per questo stesso cittadino essere coinvolto nelle attività necessarie per la sua salvaguardia e conservazione. Altro aspetto in profondo mutamento, è l affermazione di nuovi modelli di produzione democratica della cultura. Uno studio della Commissione europea sulla dimensione imprenditoriale delle imprese creative in Europa ci dice che il 58% è composta da uno a tre addetti. Questo sta cambiando il nostro panorama di azione, ha effetti sul nostro stesso ruolo nella società, e incide fortemente sulle politiche culturali. Fino a poco tempo fa ci confrontavamo con i grandi soggetti, i grandi musei, le grandi orchestre, i grandi teatri, adesso iniziamo a confrontarci con cittadini che non sono solo fruitori ma produttori di cultura. Quindi non siamo più solo noi a fornire cultura, ma oggi dobbiamo anche ascoltare ciò che viene prodotto da questa straordinaria energia creativa. L esempio più evidente è Wikipedia, dove addirittura uno dei temi che per noi è sacro, l autorevolezza dei contenuti, viene gestito democraticamente sulla base di un controllo che la comunità fa sulla qualità e pertinenza dei contenuti. Quando si parla di apertura ad un pubblico più ampio si manifesta un fantasma che tutti temiamo: banalizzare, abbassare la qualità, semplificare. In realtà la comunicazione dei contenuti culturali ad un pubblico più ampio è il risultato di un operazione raffinata e addirittura forse più complessa della comunicazione ad un pubblico specializzato. Si tratta quindi di una gran bella sfida. Se ci confrontiamo con quanto sta accadendo in altri settori, leggiamo Quaderni della valorizzazione

14 segnali che ci dicono che quando ci si apre alla dimensione culturale globale, in realtà si crea maggiore spazio per le informazioni altamente specializzate e di altissimo livello qualitativo. L esempio classico è Amazon, che attraverso un modello di distribuzione globale su internet, e grazie all uso di filtri molto sofisticati, riesce a consigliare agli utenti, libri particolari, anche molto specializzati, che soddisfano le esigenze più particolari degli utenti. La quota di mercato delle pubblicazioni altamente specializzate, introvabili, rare, sta quindi diventando più ampia delle hit, dei grandi successi. Probabilmente, il nostro timore della banalizzazione è legato ad un vecchio modello di mercato, che associa all apertura al pubblico ampio la necessità di cogliere interessi molto generali e comuni al più ampio numero di persone. Invece ognuno di noi, come ha scritto in un bell articolo Alessandro Bollo 9, è un miscuglio di interessi generici e interessi specifici e quindi ognuno dei nostri visitatori dei nostri musei, delle nostre aree archeologiche, dei nostri archivi e biblioteche, è attratto sicuramente dalle particolarità. La comunicazione efficace è quindi uno strumento perché la comunità possa riconoscere i valori fondamentali del patrimonio. L art. 1 del Codice, meno citato dell art. 6, ci dice che La tutela e la valorizzazione del patrimonio culturale concorrono a preservare la memoria della comunità nazionale e del suo territorio 10. In questo momento storico ciò che è più preoccupante è la crisi dei valori, più di quella economica. Abbiamo ancora un ruolo molto importante da svolgere, perché ogni giorno incontriamo tanta parte della popolazione, e se riusciremo a ritrovare nuovi modi per comunicare ai cittadini quale siano i valori del patrimonio culturale, a permettere loro di riconnettersi a questo sistema di valori, sicuramente possiamo incidere su una dimensione molto importante. Se ci ricordiamo ogni giorno di questo nostro ruolo, forse alcune delle difficoltà che troviamo nel nostro lavoro possono essere sorrette da una motivazione alta, più forte, che ci aiuta a superare le mille difficoltà che, non vi nascondo, condividiamo anche noi quotidianamente. Con gli altri colleghi della Direzione generale condividiamo con voi in questa giornata una concezione di valorizzazione che definiamo multi dimensionale, perché mette in valore le dimensioni etico, culturali, ecologiche, economiche, sociali e politiche del patrimonio culturale. Il filo della nostra giornata si dipana a partire da qui, l assassino lo sveliamo alla fine. 9 Alessandro Bollo Nuovi scenari e vecchie liturgie del consumo culturale in: 10 D.Lvo 2004, n. 42 Art. 1 c2. 56 Primo colloquio sulla valorizzazione

15 Sara Parca Esperta ricercatrice per la PA Il Sistema informativo sul pubblico dei luoghi della cultura statali Contesto, obiettivi, strumento d indagine La Direzione Generale per la Valorizzazione del patrimonio culturale (Servizio I Valorizzazione del patrimonio culturale, programmazione e bilancio), nell ambito delle attività istituzionali volte ad acquisire un quadro conoscitivo per quanto concerne la situazione dei luoghi della cultura di proprietà statale, ha avviato un indagine per ricostruire lo stato di fatto della documentazione relativa alla conoscenza dei visitatori e dei non visitatori di musei, monumenti e aree archeologiche. Oggi sono stata invitata a presentare lo stato di avanzamento di questa ricerca, tutt ora in corso, che consiste sostanzialmente in una ricognizione sulle modalità dei rilevamenti effettuati per la conoscenza dei pubblici, al fine di far emergere anche eventuali informazioni su studi realizzati da soggetti esterni al Ministero per i beni e le attività culturali, non pubblicate o comunque di non facile reperimento. L obiettivo è quello di creare una banca dati in cui verranno elaborati e organizzati i risultati dell indagine, utilizzabile per orientare le politiche di settore, per promuovere progetti di sviluppo e incentivazione alla diffusione ordinaria e sistematica delle indagini sul pubblico utili a supportare le azioni volte ad innalzare la qualità della visita, migliorando la comunicazione dei contenuti e dei servizi, tenendo conto delle linee guida e degli standard già definiti dal Decreto ministeriale del 10 maggio 2001 (Atto di indirizzo sui Criteri tecnico-scientifici e standard di funzionamento e di sviluppo dei musei). La rilevazione è stata organizzata d intesa con le Direzioni Regionali, gli Istituti Centrali, Na- Quaderni della valorizzazione

16 zionali e Speciali, ai quali è stato chiesto di collaborare alla raccolta dei dati che viene effettuata attraverso l autocompilazione da parte dei singoli istituti di una scheda che riporta elementi sintetici di informazione sulle indagini commissionate o autorizzate nei luoghi della cultura statali negli ultimi quindi anni, secondo le seguenti voci: - Titolo dell indagine - Committente - Istituto/soggetti coinvolti - Con il contributo di - Partners - Tipologia della ricerca (es.: indagini sul pubblico; studi sulla dimensione sociale del museo; studi sui visitatori; studio sul non pubblico; studi sullo sviluppo di nuovi pubblici ) - Periodo di svolgimento - Metodologia (es.: indagine tramite questionario; indagine tramite interviste; focus group; indagine tramite interviste realizzate con supporto tecnologico; analisi qualitativa tramite osservazione diretta in situ o con utilizzo di sotware dedicato ) - Note La richiesta e il censimento di dati essenziali come il titolo dell indagine, la tipologia e la metodologia della ricerca, il committente e i soggetti coinvolti permettono di ricostruire un profilo di indicazioni basilari, ossia un primo livello di conoscenza, che in una seconda fase potrà essere approfondito con la richiesta di ulteriori dettagli, come il recupero dei materiali e l elaborazione dei dati, attraverso il contatto diretto con gli istituti coinvolti nella rilevazione. Scelta dei luoghi della cultura statali oggetto dell indagine. Data la complessa realtà dei luoghi della cultura statali che consta di strutture di varia natura (musei, monumenti, parchi e aree archeologiche, biblioteche e archivi) e di una molteplicità di situazioni come ad esempio l esistenza di circuiti museali (insiemi di musei, gallerie, monumenti e/o aree archeologiche accessibili con un unico biglietto) o di luoghi caratterizzati dalla compresenza di più beni culturali, nella prima fase di realizzazione del progetto si è reso necessario procedere a una definizione dell area d indagine, ossia all identificazione degli istituti da includere nella rilevazione, per i quali abbia un senso chiedere se svolgono indagini sul pubblico. La selezione dell ambito da indagare al momento vede esclusi gli archivi e le biblioteche le cui peculiarità, distinte da quelle di musei e aree archeologiche, esigono una considerazione a parte e specifici strumenti di valutazione. La scelta, dunque, si sta basando sulla ricognizione, l acquisizione, l integrazione e il riordino delle informazioni e dei dati relativi ai luoghi della cultura statali disponibili presso le seguenti fonti informative istituzionali: - sito web dell Ufficio di statistica del MiBAC (http://www.statistica.beniculturali.it), database contenente l elenco dei Musei, Monumenti e Aree Archeologiche Statali; - sito web istituzionale del MiBAC (www.beniculturali.it), database contenuto nella sezione di ricerca dei luoghi della cultura: (http://www.beniculturali.it/mibac/opencms/mibac/sito-

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI

INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI INFO FINAX S.p.A. Spunti di riflessione per il Convegno Banche e Sicurezza ABI Giuseppe Ricciuti. Roma, 10 giugno 2010 Lo Scenario: La recente crisi economico finanziaria che ha colpito l Italia, ha prodotto

Dettagli

Tavolo 1 - L ESPERIENZA.

Tavolo 1 - L ESPERIENZA. Tavolo 1 - L ESPERIENZA. Comprendere, capire, acquisire e conservare nel tempo l esperienza della visita per l accrescimento della conoscenza In una società dove le grida e gli slogan sottraggono luce

Dettagli

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO

ELABORAZIONE DI UN PROGETTO giuseppe dal ferro ELABORAZIONE DI UN PROGETTO Gli anni dal 2002 al 2015 della Federazione tra le Università della terza età (Federuni) hanno elaborato, con il contributo di studio di docenti universitari,

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

Report finale sportello Ricomincio da qui

Report finale sportello Ricomincio da qui Report finale sportello Ricomincio da qui Contesto generale del progetto Ricomincio da qui Lo sportello Ricomincio da qui offre supporto e sostegno a tutti coloro che sono residenti a Spinea e cercano

Dettagli

ASSE STORICO SOCIALE

ASSE STORICO SOCIALE ASSE STORICO SOCIALE 1 ASSE STORICO SOCIALE competenze attese d asse indicatori descrittori Competenze di asse Indicatori Descrittori 1. Comprendere il cambiamento e la diversità dei tempi storici in una

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Pag. 1/6 Sessione ordinaria 2015 Il candidato svolga la prima parte della prova e risponda a due tra i quesiti proposti nella seconda parte. PRIMA PARTE IL TURISMO, RISORSA PER LO SVILUPPO DELL ITALIA

Dettagli

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola

VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola Premessa VALeS Valutazione e Sviluppo Scuola progetto sperimentale per individuare criteri, strumenti e metodologie per la valutazione delle scuole e dei dirigenti scolastici Le precedenti sperimentazioni

Dettagli

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo

Ridurre i divari tra il Nord e il Sud del mondo Ridurre i divari Il problema Fino alla fine degli anni sessanta, la cooperazione allo sviluppo si identificava esclusivamente con la cooperazione economica o con l aiuto umanitario di emergenza. Questa

Dettagli

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini

Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e lavoro: dall Università al mondo. I giovani nelle aziende senza confini Giovani e mondo del lavoro: le ricerche ISTUD Dopo la laurea. Rapporto sul lavoro giovanile ad alta qualificazione (2002)

Dettagli

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte

La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte Osservatorio sulla Comunicazione Politica, Dipartimento di Culture Politica e Società La comunicazione della cooperazione internazionale per lo sviluppo in Piemonte ricerca condotta da Sara Minucci (Osservatorio

Dettagli

Comunicare una consultazione online

Comunicare una consultazione online Comunicare una consultazione online Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica,

Dettagli

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE

PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE COMPETENZE CHIAVE EUROPEE e COMPETENZE SPECIFICHE 1 PERCORSO FORMATIVO ISTITUTO TECNICO: SETTORE ECONOMICO, INDIRIZZO AMMINISTRA- ZIONE FINANZA E MARKETING, ARTICOLAZIONE GENERALE PROFILO Il Diplomato

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari- Settore Attività Socio-Culturali. Telefono 070/675.2420 070/675.2111 Fax 070/675.2998 E-mail acabras@amm.unica.

Università degli Studi di Cagliari- Settore Attività Socio-Culturali. Telefono 070/675.2420 070/675.2111 Fax 070/675.2998 E-mail acabras@amm.unica. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE AFFARI LEGALI SETTORE ATTIVITA SOCIO-CULTURALI Funzionario Responsabile: Angela Maria Cabras Tel 070 675.2420 Fax 070 675.2998 Ragione Sociale Università degli

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE

INDICATORI, ABILITA /CAPACITA, CONOSCENZE BIENNIO BIENNIO 5 ANNO Competenza storico-sociale n. Comprendere il cambiamento e la diversita dei tempi storici in una dimensione diacronica attraverso il confronto fra epoche e in una dimensione sincronica

Dettagli

CARTA DEI DIRITTI DELL'UTENTE DEL MUSEO DI STORIA NATURALE ED ARCHEOLOGIA DI MONTEBELLUNA

CARTA DEI DIRITTI DELL'UTENTE DEL MUSEO DI STORIA NATURALE ED ARCHEOLOGIA DI MONTEBELLUNA CARTA DEI DIRITTI DELL'UTENTE DEL MUSEO DI STORIA NATURALE ED ARCHEOLOGIA DI MONTEBELLUNA Il fruitore di servizi del museo ha diritto A) A ricevere in modo chiaro ed efficace tutte le informazioni sul

Dettagli

Comprendere e vivere il patrimonio in chiave interculturale, da eredità ricevuta a risorsa condivisa

Comprendere e vivere il patrimonio in chiave interculturale, da eredità ricevuta a risorsa condivisa Comprendere e vivere il patrimonio in chiave interculturale, da eredità ricevuta a risorsa condivisa Simona Bodo Convegno Il patrimonio risorsa per l educazione interculturale. La scuola, il museo, il

Dettagli

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE

I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE I NUOVI INDIRIZZI DELLA VAS PROPOSTI DALLA ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIETALE Ing Giuseppe Magro Presidente Nazionale IAIA 1 Italia 2 La Valutazione Ambientale Strategica

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione.

Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione. Il patrimonio culturale MiBAC: attrattività dei siti e strategie di comunicazione. 1 Il Patrimonio culturale statale Alcuni dati di riferimento delle dimensioni del Patrimonio culturale del MiBac¹. 37.355.538

Dettagli

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane

La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane a cura di Andrea Cori 3 settembre 2014 La Direttiva 2000/60/CE nei siti internet istituzionali delle regioni italiane Introduzione

Dettagli

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA

LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE E GLI ASSI STRATEGICI DELLA LOGOSPA LA MISSIONE LogosPA è una fondazione di partecipazione che: o si pone come uno strumento di raccordo e supporto tra la Pubblica Amministrazione e la collettività

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi

Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Cittadinanza e Costituzione Le parole, gli strumenti, i percorsi Un orizzonte di senso Ripensare il curricolo alla luce di Cittadinanza e Costituzione Maria Teresa Ingicco ingiccomt@libero.it Torino 2

Dettagli

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO

I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI QUELLI REGISTRATI: SEGNALE POSITIVO DAI SERVIZI PER L IMPIEGO Roma, 19 Giugno 2015 I giovani Neet registrati al Programma Garanzia Giovani sono 629.496, quasi 12 mila in più rispetto alla scorsa settimana I GIOVANI PRESI IN CARICO CRESCONO CON LO STESSO RITMO DI

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE

RUOLO E FINALITA DELLE ASSOCIAZIONI FEMMINILI IN UNA SOCIETA IN RAPIDA E CONTINUA EVOLUZIONE Carissime amiche, nel ringraziare ancora per avermi eletta nel ruolo di vice Presidente del Distretto Sud Est, vi saluto augurandovi un Anno Sociale all insegna dell impegno e dell amicizia vera. Il mio

Dettagli

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online

Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Organizzare spazi e contenuti di una consultazione online Autore: Laura Manconi Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA

Dettagli

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili

Meeting nazionale sulle Politiche giovanili Meeting nazionale sulle Politiche giovanili PATTO APERTO PER LA GIOVENTU Oltre la Strategia di Lisbona: la dimensione culturale nello sviluppo sostenibile Urbino 13-14-15-16 Luglio 2005 Investire nella

Dettagli

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale

ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale ISTRUZIONE PROFESSIONALE Pecup comune Profilo culturale, educativo e professionale (PECUP) comune a tutti i percorsi dell Istruzione professionale A conclusione dei percorsi degli istituti professionali,

Dettagli

Architettura Pianificazione Design

Architettura Pianificazione Design POLITECNICO DI TORINO 31 gennaio - 1 febbraio 2014 Castello del Valentino, Viale Mattioli 39, Torino ingresso libero Architettura Pianificazione Design Per riferimenti: tel. 011 090 6254 orienta@polito.it

Dettagli

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo)

L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) C E F O L ANIMATORE SOCIO - CULTURALE (a cura della Dr.ssa Susanna Gallo) L animatore socio culturale è un professionista che, attraverso attività ludico-espressive, stimola la partecipazione attiva degli

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO

AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO AZIONI DEL SUCCESSO FORMATIVO Premessa La scuola,oggi, trova la sua ragione di essere nell assicurare ad ogni alunno il successo formativo, inteso come piena formazione della persona umana nel rispetto

Dettagli

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97

ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 ATTIVITA DI DOCUMENTAZIONE L.285/97 1) Banca dati dei progetti annualità 2012 2) Analisi dei piani di zona delle città riservatarie e dei piani regionali socio-sanitari 2012 STATO d IMPLEMENTAZIONE della

Dettagli

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità:

ALLEGATO B. Nel corso degli anni il monitoraggio ha previsto nelle diverse annualità: ALLEGATO B Il modello di monitoraggio Il gruppo di Progetto di PQM, nell anno scolastico 2010-2011 ha costituito un gruppo di lavoro tecnico composto dal gruppo di progetto stesso e dai ricercatori dei

Dettagli

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale

Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale Il welfare provinciale e il ruolo della cooperazione sociale In questa periodo sono un fase di sottoscrizione gli Accordi di Programma nei diversi ambiti territoriali nella Provincia di Cuneo. La ricerca

Dettagli

Il REPORT. I giovani Neet registrati

Il REPORT. I giovani Neet registrati Roma, 7 Novembre 2014 L adesione al programma da parte dei giovani continua. Al 6 novembre 2014 1 si sono registrati a Garanzia Giovani 283.317 giovani, di questi il 52% (146.983 giovani) lo ha fatto attraverso

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti»

SPERIMENTAZIONI. LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale. Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» Materiali Didattici «La gestione integrata dei rifiuti» SPERIMENTAZIONI LABORATORIO: un azione di ricerca nel contesto locale GREEN JOBS Formazione e Orientamento L idea Si tratta di un esperienza di ricerca

Dettagli

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto

Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto LAVORO SOCIALE IN TASCA COLLANA DIRETTA DA M.L. RAINERI Valentina Calcaterra Attivare e facilitare i gruppi di auto/mutuo aiuto Indice Introduzione 9 1. Cos è un gruppo di auto/mutuo aiuto 11 I fondamenti

Dettagli

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014

Prot.n.8095/C12 Tarcento, 17 ottobre 2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO DI TARCENTO Viale G. Matteotti, 56 33017 Tarcento (UD) Cod. fisc. 94071050309 - Tel. 0432/785254 Fax 0432/794056 segreteria@ictarcento.com

Dettagli

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015

Famiglie e welfare comunitario. Stefania Mazza 11 febbraio 2015 Famiglie e welfare comunitario Stefania Mazza 11 febbraio 2015 LE COMPETENZE A) Analizzare I bisogni B) Creare C) Progettare D) Realizzare E) Valutare IL FARE QUALE SENSO DELLA PROGETTAZIONE Che cosa ci

Dettagli

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA

COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Emilia Gangemi COMITATO TECNICO SCUOLA E UNIVERSITA Linee di indirizzo 12 dicembre 2012 Il quadro disegnato dai dati più recenti, tra cui le indagini ISTAT, in merito al mercato del lavoro nel Lazio non

Dettagli

Benevento, 3 e 4 marzo 2011

Benevento, 3 e 4 marzo 2011 Benevento, 3 e 4 marzo 2011 1 La funzione educativa è uno dei compiti caratterizzanti il museo, come dichiarato negli Statuti dell International Council of Museums (ICOM), riconosciuti da tutte le istituzioni

Dettagli

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005

Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 Intervento al convegno Future Job - Follonica 21 maggio 2005 slide 1 Introduzione Lo scopo di questo intervento è di presentare un iniziativa che sta muovendo i primi passi in queste settimane e che mira

Dettagli

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO

EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO EMPOWERMENT OF MIGRANT ASSOCIATIONS FOR CO-DEVELOPMENT Corso di formazione gratuito: ASSOCIAZIONI DI IMMIGRATI PER IL CO-SVILUPPO Il corso di formazione, promosso dall Organizzazione Internazionale per

Dettagli

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità

4 Implenia Development SA. 6 Implenia Impresa Generale SA. 10 Reuss Engineering SA. 12 Sostenibilità Implenia Real Estate In qualità di fornitore globale di servizi, vi affianchiamo durante l intero ciclo di vita del vostro bene immobiliare. Con costanza e vicinanza al cliente. 2 4 Implenia Development

Dettagli

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab.

Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Dalla Conformità al Sistema di Gestione Tab. Il Sistema Qualità come modello organizzativo per valorizzare e gestire le Risorse Umane Gli elementi che caratterizzano il Sistema Qualità e promuovono ed influenzano le politiche di gestione delle risorse

Dettagli

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2

BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 BOZZA DEL CURRICULO VERTICALE DI EDUCAZIONE DELLA LETTURA: BIENNIO SC. SEC. DI 2 Abilità alunni Attività insegnante Attività alunno A. LEGGERE AD ALTA VOCE 1. Riattivare le competenze acquisite di lettura

Dettagli

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado

OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015. Scuola secondaria primo e secondo grado OFFERTA SERVIZI DI ORIENTAMENTO 2014-2015 Scuola secondaria primo e secondo grado ORIENTARE è Porre l individuo in grado di prendere coscienza di sé e progredire con i suoi studi e la sua professione,

Dettagli

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che:

ADOZIONE DELLA CONVENZIONE ONU SUI DIRITTI DELLE PERSONE CON DISABILITA. PREMESSO che: Sindaco Paolo Mascaro paolo.mascaro@comune.lamezia-terme.cz.it Presidente del consiglio comunale Francesco De Sarro francesco.desarro@comune.lamezia-terme.cz.it Oggetto: mozione ex art. 18 regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in

UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Master in UNIVERSITÀ DI GENOVA CENTRO DI ATENEO PER LA RICERCA EDUCATIVA E DIDATTICA (C.A.R.E.D.) Genova, 16 marzo 2006 Via Balbi, 1a - 16126 GENOVA Tel. 010/2095962 Fax 010/2095961 e-mail: cared@unige.it Master

Dettagli

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009

newsletter Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno N 2 - Dicembre 2009 newsletter N 2 - Dicembre 2009 Il Label europeo delle lingue 2009 Un viaggio lungo un anno Come ogni anno, nel mese di dicembre, ha luogo a Roma la Cerimonia di Premiazione dei progetti vincitori del Label

Dettagli

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile

Accogliere e trattenere i volontari in associazione. Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accogliere e trattenere i volontari in associazione Daniela Caretto Lecce, 27-28 aprile Accoglienza Ogni volontario dovrebbe fin dal primo incontro con l associazione, potersi sentire accolto e a proprio

Dettagli

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE

INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A. LAVORO E ACCOGLIENZA a cura di S. Campisi INCONTRI DI INFORMAZIONE E SENSIBILIZZAZIONE INDICAZIONI EMERSE PROGETTO L.e.A.

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014

Agenzia ICE. Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Agenzia ICE Monitoraggio di primo livello di avvio del ciclo della performance per l anno 2014 Allegati: 1 Scheda standard di monitoraggio 2 Informazioni di sintesi 1 Allegato 1: Scheda standard di monitoraggio

Dettagli

La governance. dei sistemi di welfare regionali

La governance. dei sistemi di welfare regionali Università Ca Foscari Venezia Università Cattolica Milano La governance I punti focali dell analisi sulla governance delle regioni aderenti al: dei sistemi di welfare regionali Progetto sperimentale di

Dettagli

Un mestiere difficile

Un mestiere difficile Un mestiere difficile.forse troppo? a cura di Beatrice Chirivì INTRODUZIONE Sono in media 1.300 all anno le persone che inviano il proprio curriculum al COSV. In gran parte si tratta di candidature di

Dettagli

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000

Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Principi per la conservazione ed il restauro del patrimonio costruito Carta di Cracovia 2000 Ringraziando le persone e le istituzioni che, durante tre anni, hanno partecipato alla preparazione della Conferenza

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni

1. Premesse metodologiche Raccomandazioni Il Gruppo di Lavoro Italiano per la definizione dei Criteri di Qualità dei Siti Web della Cultura nella prima riunione tenutasi a Roma l 11 novembre 2002, ha fissato il proprio programma di lavoro come

Dettagli

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi

Orientamento. La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi Orientamento La scelta dell Istituto Tecnico Economico e i suoi tre indirizzi A cura del Prof. Graziano Galassi (Componente della Commissione Orientamento) IDENTITA DEGLI ISTITUTI TECNICI Solida base culturale

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

C O S A B O L L E I N P E N T O L A?

C O S A B O L L E I N P E N T O L A? C O S A B O L L E I N P E N T O L A? I m p a r a r e m a n g i a n d o Progetto di educazione alimentare ISTITUTO COMPRENSIVO DI FAEDIS Scuola dell Infanzia di Attimis Anno scolastico 2007/08 NARRAZIONE

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Ene webquest Conoscere l Europa INTRODUZIONE

Ene webquest Conoscere l Europa INTRODUZIONE Ene webquest Conoscere l Europa INTRODUZIONE COMPITI RISORSE PROCESSI VALUTAZIONE - CONCLUSIONE INTRODUZIONE Il percorso che ti viene qui proposto intende condurti verso una nuova consapevolezza della

Dettagli

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE

CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE CATALOGO INTERREGIONALE ALTA FORMAZIONE IN RETE ANNUALITA 2011/2012 Master e Corsi di Specializzazione per Laureati finanziati dalla Regione Campania attraverso Voucher Formativi individuali www.altaformazioneinrete.it

Dettagli

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE

I sondaggi consentono la realizzazione di strategie di marketing, promozione e PR, consapevoli e mirate. LORENZA MIGLIORATO - CONSULENTE La comunicazione efficace - cioè quella qualità nella comunicazione che produce il risultato desiderato nell interlocutore prescelto - è il prodotto di un perfetto ed equilibrato mix di scientificità,

Dettagli

Analisi dei fabbisogni formativi dei professionisti che. operano nella valorizzazione dei Beni Culturali nella. Provincia di Pisa

Analisi dei fabbisogni formativi dei professionisti che. operano nella valorizzazione dei Beni Culturali nella. Provincia di Pisa Analisi dei fabbisogni formativi dei professionisti che operano nella valorizzazione dei Beni Culturali nella Provincia di Pisa A cura di Katia Orlandi Il territorio della Provincia di Pisa si caratterizza

Dettagli

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO

IL PROGRAMMA INCORAGGIA L APPRENDISTATO FINALIZZATO ALLA FORMAZIONE E ALL INSERIMENTO DEI GIOVANI NEL MONDO DEL LAVORO Roma, 10 Luglio 2015 I giovani presi in carico sono 380 mila. A oltre 128 mila è stata proposta almeno una misura I GIOVANI REGISTRATI AL PROGRAMMA SUPERANO LE 666 MILA UNITÀ, 13 MILA IN PIÙ RISPETTO ALLA

Dettagli

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

2. IL CONCETTO DELLA QUALITÀ NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Segreteria Generale Ufficio Programmazione e Controllo di gestione anno 2014 1. NOZIONI INTRODUTTIVE Ai sensi del decreto-legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, dalla legge 7 dicembre

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere

PROGETTO DONNE & SCIENZA. progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere PROGETTO DONNE & SCIENZA progettazione e realizzazione di moduli didattici sulle differenze di genere Contesto Normativo Nascita 1989 Comitato pari opportunità presso il Ministero della Pubblica Istruzione

Dettagli

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE

QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE QUESTIONARIO DI AUTOANALISI PROFESSIONALE Il presente questionario autovalutativo si pone come strumento per consentire ai docenti della scuola primaria e secondaria di primo grado una rilettura critica

Dettagli

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO

RELAZIONE SUL PROCESSO DI AUTOANALISI E AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO ISTITUTO OMNICOMPRENSIVO SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO E LICEO SCIENTIFICO Via Cupello n.2-86047 Santa Croce di Magliano (CB) Tel 0874728014 Fax 0874729822 C.F. 91040770702 E-mail

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE

SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE 1 SERVIZI EDUCATIVI MUSEALI E DOMANDA DELLE SCUOLE Come i musei si aprono alla società: l organizzazione dei servizi educativi I Servizi educativi dei Musei si collocano nel progetto di valorizzazione

Dettagli

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere

PROGETTO CONTINUITÀ. Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini. Una scuola da scoprire e da vivere PROGETTO CONTINUITÀ Istituto Compresivo Rita Levi-Montalcini [Plesso di Arbostella, Plesso di Fuorni, Plesso di Mariconda, Plesso di Mercatello] Una scuola da scoprire e da vivere icritalevimontalcini.gov.it

Dettagli

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007)

Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr MIUR 22 agosto 2007) ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI COMMERCIALI, TURISTICI, GRAFICI, ALBERGHIERI E SOCIALI L. EINAUDI Istruzioni, indicatori e strumenti di valutazione per i consigli di classe (Allegato 2 Decr

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova

FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova FORMAZIONE in ingresso per i neoassunti docenti 2014/2015: sperimentare un modello innovativo per l anno di prova Ing. Davide D Amico MIUR- DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE SCOLASTICO Dirigente Ufficio

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

Un progetto di indagine sulle Città del libro. Guido Guerzoni Università Luigi Bocconi Le città del libro Roma, 9 Gennaio 2014 -

Un progetto di indagine sulle Città del libro. Guido Guerzoni Università Luigi Bocconi Le città del libro Roma, 9 Gennaio 2014 - Un progetto di indagine sulle Città del libro Guido Guerzoni Università Luigi Bocconi Le città del libro Roma, 9 Gennaio 2014 - I precedenti internazionali In Europa, a dispetto del loro crescente successo,

Dettagli

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA

PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Comune di Casalecchio di Reno ASILO NIDO R. VIGHI PROGETTO DIDATTICO LAVORARE IN CONTINUITA Per un progetto di territorio: uno spazio e un tempo per l incontro Anno educativo 2007/2008 A cura del Collettivo

Dettagli

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini

COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini COMUNE DI RICCIONE Provincia di Rimini Sistema di valutazione della performance individuale del personale dipendente Allegato 2 1 di 9 Oggetto della valutazione Il sistema di valutazione della performance

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Rapporto nazionale sull utilizzo

Dettagli