IL MONDO DELLE PIANTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL MONDO DELLE PIANTE"

Transcript

1 PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1

2 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta pag. 9 Le radici e le sue funzioni pag. 11 Il fusto e le sue funzioni pag. 15 Le foglie e le sue funzioni pag. 19 Il fiore pag. 27 Il frutto pag. 33 Esercizi pag. 35 2

3 LA CLASSIFICAZIONE DELLE PIANTE licheni alghe muschi G A I N M G N I O O S S P P felci E E R R M M E E SEMPLICI Non hanno fiori, frutti e semi. Si riproducono attraverso le spore. COMPLESSE Si riproducono attraverso i semi. PIANTE GIMNOSPERME = hanno fiori che si trasformano in frutti che contengono i semi; ANGIOSPERME = il seme è dentro la pigna; 3

4 PIANTE SEMPLICI (SENZA SEMI) Le piante senza semi si riproducono attraverso le spore. ALGHE Vivono nei mari, nei fiumi, nei laghi e negli stagni. Esistono alghe piccolissime, formate da una sola cellula (unicellulari), e alghe più grandi, formate da molte cellule (pluricellulari). Le alghe hanno forme diverse e non hanno radici, fusto e foglie, ma sono formate da cellule che svolgono tutte le funzioni vitali necessarie. Le alghe hanno il compito di produrre ossigeno agli animali acquatici. Le alghe hanno colori diversi, ci sono: alghe brune alghe rosse alghe verdi nell oceano Atlantico nel Mar Rosso vivono in superficie a grande profondità vivono a 150 metri di profondità o attaccati alle rocce 4

5 MUSCHI Vivono sia in ambienti freddi che caldi, ma preferiscono luoghi umidi e in ombra. Hanno parti simili alle radici, al fusto e alle foglie, ma le radici servono solo ad ancorare i muschi al terreno, non ad assorbire l acqua e i sali minerali. Non hanno fiori e semi; per riprodursi utilizzano le spore. FELCI Vivono nei boschi (sottobosco) oppure si usano come piante ornamentali in casa. Hanno le radici, il fusto e le foglie. Il fusto non si vede perché si sviluppa sottoterra; dal terreno partono direttamente le foglie. 5

6 TANTI TIPI DI PIANTE ALBERI ARBUSTI ERBACEE - radici - radici - radici - fusto legnoso - fusto legnoso - fusto non è legnoso - foglie - foglie - foglie si chiama tronco si chiama stelo Sono piante alte; i rami si sviluppano sul tronco lontani dal terreno; Non sono piante alte; i rami partono dal terreno; riso orzo quercia pino mugo ortaggi (pomodori) primula pioppo nocciolo camomilla 6

7 ESERCIZI Osserva, colora e scrivi il nome delle piante al posto giusto. alberi arbusti erbacee Leggi e collega con una freccia ogni termine alla spiegazione appropriata. Il fusto si distingue in: stelo quando è legnoso e i rami partono dal terreno. arbusto tronco quando è tutto legnoso e i rami partono a una certa altezza dal suolo. quando è verde, flessibile e tenero. 7

8 Completa la tabella, scrivendo i nomi dei vegetali dati, nella colonna adatta. STELO ARBUSTO TRONCO viola faggio ciliegio primula noce quercia pesco betulla abete castagno rosa rovo felce noce dalia fragola mughetto margherita biancospino agrifoglio papavero pioppo rododendro vischio 8

9 LE PARTI DELLA PIANTA 9

10 La pianta è formata da RADICE FUSTO FOGLIE La pianta per vivere ha bisogno di tutte le sue parti. In ciascuna pianta, colora: in giallo le radici, in marrone il fusto, in verde le foglie, a piacere i fiori. 10

11 A CHE COSA SERVONO LE RADICI? Le radici si trovano sottoterra e servono ad: assorbire l acqua e i sali minerali ancorare la pianta al terreno Nella zona di assorbimento ci sono i peli radicali servono ad assorbire l acqua La zona di allungamento termina con l apice protetto dalla cuffia serve ad entrare nel terreno La linfa grezza (acqua e sali minerali) entra attraverso i peli radicali e poi, passando per i sottili canali delle radici secondarie, raggiunge la radice principale. Da qui si dirige verso il tronco. 11

12 LE FORME DELLE RADICI La radice a fittone è formata da una radice principale grossa dalla quale partono piccole radici. La radice fascicolata è formata da tante radici simili tra loro. La radice avventizia non entra nel terreno, ma si sviluppa sulla parte aerea della pianta, quindi, la pianta si arrampica. La radice tubercolata si ingrossa diventando organo di riserva per la pianta. 12

13 ESERCIZI Colora solo le frasi che si riferiscono alle funzioni delle radici: Ancorano le piante al terreno. Trasformano l acqua in nutrimento per la pianta. Aiutano la pianta a respirare. Assorbono acqua e sali minerali. Producono ossigeno. Osserva le seguenti figure e descrivi le principali funzioni e l utilità delle radici. Le radici tengono la pianta e impediscono Le radici assorbono Sui pendii delle... le radici legano il... e impediscono le... Alcune volte la pianta deposita nella

14 Completa le spiegazioni, poi collega con una freccia la descrizione della funzione svolta dalle radici delle piante: - Le radici sono parti della pianta specializzati nell assorbire dal terreno l... e i... - Le radici hanno il compito di sostenere... - Le radici fissano la pianta al suolo crescendo ed estendendosi nel terreno impediscono le... - A volte le piante accumulano nelle radici le... che saranno utilizzate successivamente. erosione e smottamento assorbimento deposito sostegno Colora i riquadri che contengono le informazioni esatte: - I vegetali che sono un deposito di sostanze nutritive nelle radici sono... la carota il pomodoro la barbabietola - I vegetali che hanno le radici avventizie, cioè che pendono nell aria, sono... l edera il grano l orchidea - Nei vegetali il compito di assorbire l acqua e i sali minerali del terreno è svolto... dai peli radicali dal fusto dalle foglie 14

15 A CHE COSA SERVE IL FUSTO? Il fusto si trova fuori dal terreno e serve a: sostenere la pianta contenere i vasi che servono per far circolare il nutrimento dalla radice alle foglie e viceversa. TANTI TIPI DI FUSTO TRONCO STELO fusto legnoso, con rami e ricoperto dalla corteccia fusto tenero, sottile e verde fusto debole che ha bisogno di un sostegno per arrampicarsi (edera) fusto grosso, verde e gonfio d acqua (piante grasse) 15

16 fusto cavo all interno e interrotto da nodi (grano) fusto sotterraneo; cresce sottoterra e si ingrossa perché contiene sostanze nutritive di riserva: i rizomi i tuberi i bulbi (mughetto) (patata) (giacinto) si sviluppa in fusto corto; intorno senso orizzontale si sviluppano le foglie. ESERCIZIO Scrivi il nome dei vari tipi di fusto: 16

17 Il tronco è rivestito dalla corteccia; sotto la corteccia si trova il legno; al centro si trova il midollo; protegge l albero; si trovano i canali che trasportano l acqua e i sali minerali; contiene le sostanze nutritive di riserva; I tronchi sviluppano nella parte superiore molti rami; ai rami sono attaccate le foglie. Se tagliamo il tronco in due parti, si notano degli cerchi o anelli. Ogni anello corrisponde a un anno della sua crescita. Contando gli anelli scopri l età della pianta. 17

18 I rami possono trasformarsi. Nella vite alcuni rami si trasformano in organi da presa, chiamati viticci. I viticci si avvolgono intorno a un sostegno, come un palo. In alcune piante, alla base del fusto, si formano dei rami laterali chiamati stoloni. Gli stoloni strisciano sul terreno e fanno crescere radici e germogli. 18

19 A CHE COSA SERVONO LE FOGLIE? La foglia fabbrica il cibo per la pianta utilizzando la linfa grezza ricevuta dalle radici, l anidride carbonica dell aria e la luce del sole. OSSERVIAMO LA FOGLIA. LAMINA= pagina superiore rivolta verso l alto, di colore verde scuro. Pagina inferiore rivolta verso il basso, di un verde più chiaro. NERVATURE= sottili tubicini che servono per trasportare l acqua con i sali minerali o le sostanze nutritive. PICCIOLO= peduncolo con il quale la foglia si attacca al fusto. MARGINE= contorno della foglia. 19

20 LA FORMA DELLE FOGLIE lanceolata ovale aghiforme (salice) (arancio) (pino) rotonda cuoriforme palmata (geranio) (viola) (vite) filiforme (grano) sagittata 20

21 I MARGINI DELLE FOGLIE dentellata lobata intera seghettata roncinata Le foglie possono essere: SEMPLICI COMPOSTE con una foglia con molte foglioline 21

22 Nella pagina inferiore della foglia si trovano gli STOMI, piccole aperture visibili al microscopio, da cui entrano ed escono l ossigeno, l anidride carbonica e vapore acqueo. LA CLOROFILLA La foglia è ricca di una sostanza verde, chiamata clorofilla. La clorofilla si forma grazie alla presenza di sali minerali e dall azione della luce solare. 22

23 IL CIBO DELLE PIANTE FOTOSINTESI CLOROFILLIANA 1) Nel fusto e nei rami ci sono tanti piccoli canali attraverso i quali l acqua e i sali minerali (linfa grezza) assorbiti dalle radici, arrivano alla foglia; 2) La foglia cattura la luce del sole per mezzo della clorofilla e assorbe l anidride carbonica che è presente nell aria, attraverso gli stomi.. 3) L anidride carbonica e l acqua mettendosi insieme formano gli zuccheri. 4) Gli zuccheri uniti ai sali minerali producono le proteine (linfa elaborata). 5) La linfa elaborata viene portata, attraverso dei canaletti, fino alle radici, nutrendo tutte le parti della pianta. 6) Durante questo lavoro la foglia produce (come prodotto di scarto) l ossigeno che viene liberato nell aria. 23

24 LA PIANTA RESPIRA 24

25 La respirazione avviene sia di giorno sia di notte, attraverso gli stomi delle foglie, ma anche attraverso le radici, il fusto, i fiori. di giorno di notte entra anidride carbonica, esce ossigeno entra ossigeno, esce anidride carbonica LA PIANTA TRASPIRA La pianta elimina, sottoforma di vapore acqueo, l acqua che non serve. La pianta assorbe, quindi, con le radici, una grande quantità di acqua; l acqua, però, non viene tutta utilizzata. L acqua in più, viene eliminata attraverso gli stomi delle foglie. 25

26 LE GEMME Si formano sul fusto o sui rami. Le gemme fanno nascere fiori rami foglie gemma da fiore gemme da legno in primavera 26

27 IL FIORE è molto importante perchè produce i semi che daranno vita a nuove piante. Il fiore è sostenuto da un peduncolo verde che ha in cima il calice. Il CALICE è formato da foglioline verdi, unite tra loro, chiamate sepali. La parte del fiore che si vede maggiormente è la COROLLA. La corolla è formata da petali colorati. petalo COROLLA (insieme di petali) sepalo CALICE (insieme di sepali) peduncolo 27

28 28

29 ORGANI FEMMINILI Il pistillo ha la forma di un fiasco. La parte più grossa si chiama ovario e racchiude dentro gli ovuli, cioè le cellule femminili. La parte allungata si chiama stilo. Lo stilo termina in alto con un bottoncino, chiamato stimma, coperto da una sostanza appiccicosa. ORGANI MASCHILI Gli stami sono filamenti che hanno in alto un rigonfiamento, chiamato antera. Le antere contengono una polvere gialla, il polline. Ogni granulo di polline contiene una cellula maschile. 29

30 DAL FIORE AL FRUTTO Quando un granello di polline si unisce con un ovulo fa nascere un seme. La riproduzione per mezzo dei fiori avviene attraverso: IMPOLLINAZIONE Un granello di polline raggiunge lo stimma del pistillo di un fiore. Trattenuto dalla sostanza appiccicosa dello stimma, il granello di polline a poco a poco si spacca. Lascia uscire una cellula maschile che scende lungo lo stilo e raggiunge un ovulo. FECONDAZIONE L unione della cellula maschile con una cellula femminile. Ogni ovulo fecondato fa nascere un seme, mentre le pareti dell ovario ingrossandosi formano il frutto, che fa crescere e protegge il seme. 30

31 L IMPOLLINAZIONE Il seme, per incontrare un fiore della stessa specie, deve spostarsi. Il seme può essere trasportato dal vento. Le piante che si servono del vento per il trasporto del polline sono: 31

32 Il seme può essere trasportato dagli insetti. Attirato dal colore dei fiori, dal profumo, dal nettare che si trova in fondo alla corolla, l insetto entra nel fiore. Entrando nel fiore, l insetto tocca le antere. I granelli di polline si staccano e si appiccicano al dorso dell insetto. Subito dopo, sempre in cerca di fiori, l insetto vola su un altro fiore della stessa specie. Muovendosi nel fiore per succhiare il nettare, l insetto tocca lo stimma e lascia sulla sua sostanza appiccicosa, qualche granello di polline. 32

33 Gli insetti più comuni che volano di fiore in fiore sono: SEMI E FRUTTI Dopo la fecondazione pian piano il fiore appassisce, l ovulo fecondato si trasforma in seme, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in frutto. SEME FRUTTO fa nascere una nuova pianta racchiude e protegge il seme 33

34 Dopo la formazione del seme, avviene la DISSEMINAZIONE Il seme viene trasportato lontano dalla pianta grazie al vento, agli animali, all uomo, all acqua. Quando il seme cade sul terreno inizia la GERMINAZIONE Il seme comincia a germogliare e la nuova piantina inizia a sviluppare radici, fusto e foglia. La germinazione di un fagiolo. 34

35 Il frutto protegge il seme durante la disseminazione. I frutti possono essere carnosi e secchi albicocca piselli anguria pomodori arancia arachidi fagioli 35

36 La pianta fiorisce, cioè sbocciano i fiori. I fiori cadono e nascono i frutti. Il frutto, con dentro il seme, cade sul terreno e germoglia dando vita ad una nuova pianta. 36

37 PRODUTTORI PIANTE OSSIGENO ALGHE CONSUMATORI 37

38 PRODUTTORI ANIDRIDE CARBONICA CONSUMATORI PIANTE ALGHE 38

39 39

40 ESERCIZI Collega con una freccia la figura della pianta al nome esatto. Segna con una crocetta il nome delle piante le cui radici costituiscono un deposito di sostanze nutrienti. 40

41 Collega con una freccia alla foglia i nomi delle sue diverse parti. picciolo margine nervature lamina apice Collega con una freccia ogni foglia alla sua forma. ovale cuoriforme aghiforme lanceolata filiforme sagittata 41

42 Collega con una freccia ogni foglia al proprio margine. intero seghettato lobato Osserva ogni foglia e scrivi le informazioni richieste. 42

43 Metti una crocetta accanto alla risposta esatta. Gli stomi si possono vedere: a occhio nudo al microscopio Le nervature sporgono: sulla pagina superiore sulla pagina inferiore Le nervature servono: per condurre la linfa per abbellire le foglie Leggi e collega con una freccia ogni elemento alla sua provenienza. Le foglie per produrre il proprio nutrimento utilizzano la luce dell aria l anidride carbonica del terreno l acqua e i sali minerali delle foglie la clorofilla del sole 43

44 Completa segnando con una X. La funzione principale delle foglie è: produrre nutrimento per la pianta assorbire anidride carbonica assorbire l acqua La fotosintesi clorofilliana è: l esposizione della foglia al sole la capacità della fogliari assorbire l ossigeno il processo chimico attraverso cui la foglia produce nutrimento La fotosintesi clorofilliana avviene per mezzo: linfa elaborata clorofilla sali minerali Cancella il termine sbagliato. Le piante si nutrono di sali minerali/sabbie che si trovano nel terreno. Le sostanze nutritive che servono alla pianta sono sciolte dalle radici/dall acqua e vengono assorbite attraverso le radici/foglie. L acqua ricca di sali minerali sale attraverso il tronco e arriva sino ai rami/alle foglie. Una pianta può vivere senza terra, ma non senza acqua/concime. Ci sono piante che riescono a vivere con poca acqua: sono le piante grasse/sempreverdi. 44

45 Completa segnando con una X. La radice serve per: far nascere il piante assorbire il nutrimento produrre ossigeno Il tronco serve per: ancorare la pianta al terreno sostenere la pianta assorbire l acqua Il tronco è ricoperto dalla corteccia: solo negli alberi negli alberi e negli arbusti solo nelle piante erbacee Le foglie servono per: fare i fiori produrre ossigeno colorare le piante Il fiore serve per: profumare la pianta produrre il frutto segnalare l arrivo della primavera Il frutto serve per: assorbire l anidride carbonica contenere i semi dare il nutrimento alla pianta Il seme serve per: assorbire l ossigeno la riproduzione della pianta riempire il frutto Rispondi alle domande. - Che cosa assorbono le radici dal terreno?. - Quali sostanze arrivano alle foglie attraverso le nervature?.. - Quali sostanze entrano nelle foglie attraverso gli stomi?.. - Quale sostanza contenuta nella foglia cattura la luce? - Quando c è la luce in che cosa vengono trasformati i sali minerali? - Quale sostanza di scarto si produce attraverso la fotosintesi?. 45

46 Colora solo le parole che indicano ciò di cui hanno bisogno le piante per vivere. acqua sali minerali luce vaso vento ombra sassi calore 46

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

A COSA SERVONO LE FOGLIE?

A COSA SERVONO LE FOGLIE? A COSA SERVONO LE FOGLIE? Le foglie fabbricano il cibo della pianta, trasformando aria e acqua in glucosio (zucchero). Una foglia è formata da: Di solito la foglia è formata LAMINA da una parte appiattita

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

IL SEME ED IL FRUTTO

IL SEME ED IL FRUTTO IL SEME ED IL FRUTTO Semi e frutti sono senza dubbio una importante fonte di cibo per gli esseri umani e gli altri animali. Da un punto di vista biologico, i semi sono ovuli maturi che contengono le nuove

Dettagli

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un

La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un COME FUNZIONA UN ALBERO di Mario Carminati e Massimo Ranghetti La prima cosa che dovremmo ricordarci pensando ad un albero è che si tratta di un essere vivente, proprio come noi. È un fatto scontato, certo,

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

PROVINCIA DI AGRIGENTO

PROVINCIA DI AGRIGENTO PROVINCIA DI AGRIGENTO CEREALI LEGUMINOSE DA GRANELLA OLEAGINOSE FORAGGERE ELENCO COLTURE Rese e prezzi medi (triennio 2009/2011) Prezzo medio /q. Resa media q./ha Prezzo medio ottenuto nell'anno 2012

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo

IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo IL SUOLO AMBIENTE VIVO gli organismi che vivono nel suolo Le forze inorganiche creano sempre solo l inorganico. Mediante una forza superiore che agisce nel corpo vivente, al cui servizio sono le forze

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

GLI ANIMALI SI NUTRONO

GLI ANIMALI SI NUTRONO Azione 1 Italiano come L2 La lingua per studiare DISCIPLINA: SCIENZE Livello : A 2 GLI ANIMALI SI NUTRONO Gruppo 5 Autori: CRETI MARIELLA - GIONTI FRANCA Destinatari: alunni 1 biennio - scuola primaria

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Hawos Pegasus 230 Volt

Hawos Pegasus 230 Volt olt Pagina 2 Pagina 3 Pagina 3 Pagina 4 Pagina 5 Pagina 5 Pagina 6 Pagina 6/7 Pagina 7 Pagina 7 Pagina 8 Introduzione a Pegasus Scegliere le dimensioni della macinatura Iniziare e terminare il processo

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME

IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME - CEREA, VERONA IL CLASSICO NEL PENSIERO E NELLE FORME DALL AGNELLO F.LLI & C. s.n.c. di Dall Agnello Luigi Via Muselle, 377-37050 ISOLA RIZZA (VR) Tel. +39 045 6970644 - +39 045 7135697 - Fax +39 045

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento

Problemi Scarsa areazione, difficoltà di rivoltamento Che cos è il compost Il compost è il terriccio (humus) che si forma dai rifiuti organici (erba, foglie, avanzi di frutta e verdura, ecc) grazie all azione del sole, dell aria e dei microrganismi presenti

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER

EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER EMMENTALER DOP NELL ALBUM DEI RICORDI DI MICHELLE IN COLLABORAZIONE CON CLAUDIO SADLER Da oggi Michelle Hunziker è la nuova testimonial di quello che è considerato il Re dei formaggi svizzeri, l Emmentaler

Dettagli

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane

TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane Agrofarmaco biologico per la prevenzione delle malattie fungine del terreno TELLUS L amore per il proprio raccolto inizia da radici sane NOVITà TELLUS: la nuova risorsa per una crescita vigorosa TELLUS

Dettagli

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa?

1. Quando si devono potare le rose? 2. Come disporre i rami delle rose rampicanti? 3. Qual è il periodo migliore per piantare una rosa? 1. Quando si devono potare le rose? a) I Rosai rampicanti e arbustivi: non si potano in quanto fioriscono sui rami (sarmenti) dell anno precedente; se potiamo, la produzione di fiori viene ridotta a circa

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Appunti della panificazione rurale

Appunti della panificazione rurale Appunti della panificazione rurale MATERIE PRIME Dal grano duro coltivato nell area del Sarcidano con il metodo di produzione Biologica, alla produzione di farine e semole macinate nel mulino di Nurri,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi

5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi 5.3.2.1.6 Sostegno agli investimenti non produttivi Riferimenti normativi Codice di Misura Articolo 36 (a) (vi) e 41 del Reg. (CE) N 1698/2005 e punto 5.3.2.1.6. dell Allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

Gestione delle avversità in agricoltura biologica

Gestione delle avversità in agricoltura biologica Gestione delle avversità in agricoltura biologica Anna La Torre Consiglio per la ricerca in agricoltura e l analisi dell economia agraria Centro di ricerca per la patologia vegetale «Noi ereditiamo la

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Informambiente. via Vlacovich, 4 35126 Padova. Tel. 049 8022488. Fax. 049 8022492 IL PARCO CHE VORREI

Informambiente. via Vlacovich, 4 35126 Padova. Tel. 049 8022488. Fax. 049 8022492 IL PARCO CHE VORREI Informambiente via Vlacovich, 4 35126 Padova Tel. 049 8022488 Fax. 049 8022492 IL PARCO CHE VORREI progetto di coinvolgimento attivo dei bambini nella riqualificazione del verde urbano SCHEDE DEGLI ALBERI

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica

1A ARITMETICA. I numeri naturali e le quattro operazioni. Esercizi supplementari di verifica A ARITMETICA I numeri naturali e le quattro operazioni Esercizi supplementari di verifica Esercizio Rappresenta sulla retta orientata i seguenti numeri naturali. ; ; ; 0;. 0 Esercizio Metti una crocetta

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente

più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente guida al compostaggio più compost, meno rifiuti Vantaggi per te, vantaggi per l ambiente Ho in testa una gran bella idea: Brescia più bella, più sana, più pulita. Un obiettivo possibile, adottando semplicemente

Dettagli

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia

C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia VINCENZO FEDELE E GIOVANNI ANNICCHIARICO C.R.A - Istituto Sperimentale per la Zootecnia Stalla Pascolo DECIDE L ALLEVATORE DECIDE L ANIMALE Scelta alimenti Scelta alimenti (Vegetazione) Quantità (limitata)

Dettagli

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali

Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Utilizzo della vegetazione ripariale in Alto Adige: biomassa presente, produttività ed aspetti ambientali Francesco Comiti, Daniela Campana Libera Università di Bolzano Sustainable use of biomass in South

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

LA SALUTE VIEN MANGIANDO

LA SALUTE VIEN MANGIANDO LA SALUTE VIEN MANGIANDO PERCHÉ MANGIAMO? Il nostro organismo per sopravvivere e stare in buona salute, per crescere, per svolgere attività fisica, per riparare le parti del corpo danneggiate e sostituire

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

L'appetito vien...assaggiando!

L'appetito vien...assaggiando! SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA MAGIC SCHOOL 2 coop. soc. VIA G. MELI, N. 8 90010 FICARAZZI PROGETTO EDUCATIVO A.S. 2014 / 2015 L'appetito vien...assaggiando! INSEGNANTI : Benfante Rosa, Bentivegna Simona,

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

Esercitazione pratica di cucina N 11

Esercitazione pratica di cucina N 11 Esercitazione pratica di cucina N 11 Millefoglie di grana Con funghi porcini trifolati alla nepitella --------------------------------- Timballo di anelletti Siciliani al Ragù ---------------------------------

Dettagli

Settimana dal 6 al 12 aprile 2015

Settimana dal 6 al 12 aprile 2015 np MONITORAGGIO AEROBIOLOGICO DEI POLLINI Stazioni di :,, e Lido di Camaiore IN PRIMO PIANO: prosegue la fioritura delle Urticacee (ortica e parietaria), delle Corylaceae (carpino nero), delle Platanaceae

Dettagli

1. COMPRENSIONE COMPLESSIVA TRAMA

1. COMPRENSIONE COMPLESSIVA TRAMA 1. COMPRENSIONE COMPLESSIVA TRAMA Questo romanzo, ambientato nella seconda metà del Settecento, ha come protagonista il barone Cosimo Piovasco di Rondò, primogenito di una nobile famiglia ligure dell immaginario

Dettagli

I LICHENI. Loro presenza nel giardino della nostra scuola. Scuola secondaria di primo grado di Sedegliano

I LICHENI. Loro presenza nel giardino della nostra scuola. Scuola secondaria di primo grado di Sedegliano I LICHENI Loro presenza nel giardino della nostra scuola Scuola secondaria di primo grado di Sedegliano Anno scolastico 2008/2009 Presentazione I licheni, organismi vegetali risultanti dalla simbiosi tra

Dettagli

Soluzioni per il risanamento da muffe ed alghe Risanamento da muffe, funghi, alghe e muschio dalle pareti interne ed esterne.

Soluzioni per il risanamento da muffe ed alghe Risanamento da muffe, funghi, alghe e muschio dalle pareti interne ed esterne. Sistemi professionali Soluzioni per il risanamento da muffe ed alghe Risanamento da muffe, funghi, alghe e muschio dalle pareti interne ed esterne. Funghi MUFFE ALGHE Muschio Licheni Il degrado biologico

Dettagli

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi)

Tabella invernale asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) 1 settimana MENU D Tabella asilo nido SEMIDIVEZZI (12-18 mesi) petti di pollo al latte piselli e macedonia di al limone e biscotti risotto giallo involtini di tacchino cavolfiore fresca minestrina di piselli

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue :

Le graniglie sono classificabili, secondo il materiale di cui sono composte, come segue : Cos è la graniglia? L utensile della granigliatrice : la graniglia La graniglia è praticamente l utensile della granigliatrice: si presenta come una polvere costituita da un gran numero di particelle aventi

Dettagli

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI

TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI TABELLA DIETETICA ASILO NIDO BAMBINI D ETA' FINO AI 15 MESI PRANZO PRIMA SETTIMANA LUNEDI': MARTEDI': MERCOLEDI': GIOVEDI': VENERDI': PASTA AL

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

Gioco sensoriale stagionale

Gioco sensoriale stagionale Obiettivi Conoscere la frutta e la verdura di stagione grazie all aiuto dei cinque sensi. Allenare l utilizzo isolato dei sensi Età Da 7 anni Luogo In classe Timo Ullmann/WWF Svizzera Il gioco sensoriale

Dettagli

Facciamoci due conti

Facciamoci due conti Facciamoci due conti Ma alla fine quanto si guadagna a coltivare canapa? la domanda sorge spontanea ed è più che legittima, specie considerando il panorama deprimente dell agricoltura in Italia ai giorni

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

La luce è necessaria per far crescere le piante

La luce è necessaria per far crescere le piante La luce è necessaria per far crescere le piante «Labirinto di germogli» Liana Bacchini I.C. Parmigianino Scuola primaria P. Cocconi Classe I b Con questo esperimento, u;lizzando un approccio dida>co IBSE,

Dettagli

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI

SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI SEMINA DIRETTA (SENZA ARATURA) E CONCIMAZIONE ORGANICA LOCALIZZATA ALLA SEMINA DI GRANO TENERO: VANTAGGI AGRONOMICI ED ECONOMICI Anno 2006/2007 A cura dell ufficio Agronomico Italpollina Spa OBIETTIVO

Dettagli

Società Agricola: Emon Agri

Società Agricola: Emon Agri Società Agricola: Emon Agri INTERVISTA AD UN AGRICOLTORE DELLA SOCIETA' AGRICOLA: Sul vostro logo c'è scritto che attuate una coltivazione virtuosa, ci può dire cosa si intende? Ci spiega: Per coltivazione

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli