Andrea Rubboli, Giuseppe Di Pasquale. Unità Operativa Complessa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Andrea Rubboli, Giuseppe Di Pasquale. Unità Operativa Complessa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna"

Transcript

1 IL TRATTAMENTO ANTITROMBOTICO DOPO STENTING CORONARICO NEI PAZIENTI CON INDICAZIONE AD ANTICOAGULAZIONE CRONICA: EVIDENZE SCIENTIFICHE E PRATICA CLINICA CORRENTE Andrea Rubboli, Giuseppe Di Pasquale Unità Operativa Complessa di Cardiologia, Ospedale Maggiore, Bologna Introduzione La Terapia Anticoagulante Orale (TAO), in associazione con aspirina (ed altri antiaggreganti piastrinici), costituiva il trattamento antitrombotico inizialmente impiegato dopo angioplastica coronarica con impianto di stent (PCI-S). Tale strategia, tuttavia, era risultata solo parzialmente efficace e gravata da rilevanti complicanze emorragiche e vascolari, motivando di conseguenza i successivi studi, condotti nella seconda metà degli anni 90, nei quali l associazione di TAO e aspirina è stata messa a confronto con la duplice antiaggregazione piastrinica con aspirina e tienopiridina (1-4). Nello studio monocentrico ISAR (1), 517 pazienti sono stati randomizzati dopo PCI-S efficace a trattamento antitrombotico con ticlopidina 500 mg e aspirina 200 mg oppure TAO (INR target 3,5-4,5) e aspirina 200 mg. L incidenza a 30 giorni dell end-point primario cardiaco, rappresentato da morte, infarto (IMA) non fatale o ripetuta rivascolarizzazione, è risultata significativamente inferiore nel gruppo trattato con duplice antiaggregazione (1,6% vs 6,2%; p=0,01), come pure l incidenza di complicanze emorragiche (0% vs 6,5%; p<0,001) e vascolari in corrispondenza dell accesso arterioso (0,8% vs 6,2%; p=0,001), che facevano parte dell end-point primario non-cardiaco (morte, evento cerebrovascolare, emorragico o vascolare periferico), a sua volta risultato significativamente ridotto (1,2% vs 12,3%; p<0,001). Sempre nel gruppo trattato con duplice antiaggregazione, inoltre, si è osservata un incidenza significativamente minore a 30 giorni di trombosi dello stent (0% vs 5%; p<0,001), che costituiva uno degli end-point secondari. Nello studio multicentrico STARS (2), che prevedeva peraltro un ulteriore gruppo trattato con sola aspirina 325 mg, pazienti sottoposti efficacemente a PCI-S sono stati randomizzati a trattamento antitrombotico con ticlopidina 500 mg e aspirina 325 mg oppure TAO (INR target 2,0-2,5) e aspirina 325 mg. L end-point primario rappresentato dall incidenza a 30 giorni di morte, ripetuta rivascolarizzazione, trombosi dello stent o IMA non fatale è stato raggiunto significativamente meno nel gruppo trattato con duplice antiaggregazione (0,5% vs 2,7%; p=0,001), a differenza delle complicanze emorragiche (5,5% vs 6,2%) e vascolari periferiche (2% vs 2%) risultate non significativamente diverse nei due gruppi. Nello studio multicentrico MATTIS (3) sono stati arruolati 350 pazienti ad alto rischio (per impianto di stent in bailout, risultato postprocedurale subottimale, uso di stent lungo o di stent multipli o piccolo diametro del vaso trattato), randomizzati a trattamento antitrombotico con ticlopidina 500 mg e aspirina 250 mg oppure TAO (INR target 2,5-3,0) e aspirina 250 mg. L incidenza a 30 giorni dell end-point primario, rappresentato da morte cardiaca, IMA non fatale o ripetuta rivascolarizzazione, è risultata inferiore, seppur non significativamente, nel gruppo trattato con ticlopidina e aspirina (5,6% vs 11%; p=0,07). Nello stesso gruppo, peraltro, è risultata significativamente minore l incidenza di eventi emorragici e vascolari periferici (1,7% vs 6,9%; p=0,02), costituenti l end-point secondario dello studio. Infine, nello studio multicentrico FANTASTIC (4), 485 pazienti sono stati randomizzati prima di PCI-S a trattamento antitrombotico con ticlopidina 500 mg e aspirina mg 7

2 IL GIORNALE ITALIANO DI CARDIOLOGIA INVASIVA N oppure TAO (INR target 2,5-3,0) e aspirina mg. L end-point primario, rappresentato in questo caso dall incidenza a 6 settimane di complicanze emorragiche, è risultato significativamente inferiore nel gruppo trattato con duplice antiaggregazione (6,6% vs 16,5%; p=0,006), mentre tra gli end-point secondari (trombosi di stent, morte, IMA non fatale), solo l incidenza di trombosi di stent è risultata diversa nei due gruppi: maggiore nel gruppo trattato con duplice antiaggregazione entro le prime 24 ore (2,4% vs 0,4%; p=0,06) e significativamente minore in questo stesso gruppo (0,4% vs 3,5%; p=0,01) successivamente. La superiorità della duplice antiaggregazione piastrinica è stata confermata dalla metanalisi degli studi precedenti condotta da Cosmi et al. (5) per conto della Cochrane Collaboration, nella quale il trattamento con ticlopidina e aspirina ha determinato una riduzione significativa del 59% del rischio relativo a 30 giorni di morte cardiaca, IMA non fatale o ripetuta rivascolarizzazione rispetto all associazione di TAO e aspirina. Tale effetto è risultato sostanzialmente dovuto alla significativa riduzione del 50% e del 71% rispettivamente, del rischio relativo di IMA non fatale e ripetuta rivascolarizzazione, in assenza di effetti significativi sulla mortalità. Analogamente, quando valutate negli studi di elevata qualità metodologica o con valutazione in cieco degli end-point, il trattamento con duplice antiaggregazione ha determinato una significativa riduzione del 76% e dell 86%, rispettivamente, del rischio relativo di complicanze emorragiche maggiori e di trombosi dello stent all angiografia. Sulla base di tali evidenze, pertanto, il trattamento antitrombotico attualmente raccomandato nei pazienti sottoposti a PCI-S è rappresentato dall associazione di aspirina e ticlopidina (o clopidogrel), da proseguire per 1-6 mesi, o finanche a 12 mesi, in relazione al tipo di stent (bare metal o drug eluting) impiantato ed al profilo di rischio cardiovascolare del singolo paziente (6). Nella pratica clinica corrente, tuttavia, è divenuto relativamente comune, in relazione all estensione alle fasce di età più avanzate delle procedure invasive ed alla progressiva riduzione delle controindicazioni a queste, imbattersi in pazienti da sottoporre a PCI-S con indicazione a TAO cronica (ad es. per fibrillazione atriale permanente, pregresso evento cerebrovascolare tromboembolico, presenza di protesi valvolare meccanica, recente tromboembolia venosa ecc.). Questo sottogruppo di pazienti però non è stato finora specificamente indagato e pertanto dati evidence-based o linee-guida che possano assistere i cardiologi nella loro gestione non sono attualmente disponibili. Pratica clinica corrente Al fine di esaminare quali strategie antitrombotiche vengono attualmente adottate nei pazienti con indicazione a TAO sottoposti a PCI-S, Rubboli et al. (7) hanno condotto un inchiesta internazionale inviando un questionario a Centri stranieri di grande rilevanza. Fra i 40 Centri intervistati, il 60%, rappresentato da 24 Centri distribuiti in Europa (67%), Nord America (25%) e Sud America (8%), ha risposto al questionario. Il trattamento antitrombotico è risultato condotto secondo un protocollo standardizzato nel 54% dei Centri, mentre nei restanti esso viene lasciato alla discrezione del singolo medico (Tab. I). La sostituzione della TAO con la duplice antiaggregazione non viene mai effettuata sistematicamente, ma solo in casi selezionati (a basso rischio tromboembolico, quale ad es. fibrillazione atriale isolata) nel 54% dei Centri; nel restante 46% invece, tale strategia non viene mai adottata (Tab. I). L associazione di TAO e singola antiaggregazione piastrinica (aspirina o ticlopidina/clopidogrel) è risultata scarsamente impiegata, a differenza del triplice trattamento con TAO e duplice antiaggregazione che viene invece utilizzato, sistematicamente (62%) od in casi selezionati (ad elevato rischio tromboembolico, quale ad es. protesi valvolare meccanica in posizione mitralica) (21%), nella maggior parte dei Centri (Tab. I). Nei Centri che adottano l associazione di TAO e singola o duplice antiaggregazione, l intensità dell anticoagulazione viene ridotta (cioè INR target minore) nel 33% dei casi sistematicamente, e nel 29% selettivamente (per elevato rischio emorragico, quale ad es. pregresse emorragie significative), mentre nel rimanente 38% essa non viene mai modificata (Tab. I). Al termine del periodo di trattamento antitrombotico multiplo dopo PCI-S, il 41% dei Centri che avevano associato la TAO alla singola o duplice antiaggregazione sospendono sistematicamente gli antiaggreganti e proseguono indefinitamente la sola TAO, mentre tra quelli 8

3 IL TRATTAMENTO ANTITROMBOTICO DOPO STENTING CORONARICO... TABELLA I Risultati del questionario sulle strategie antitrombotiche adottate in 24 Centri stranieri nei pazienti con indicazione a TAO sottoposti a PCI-S (7) N Centri % 1. Le strategie antitrombotiche sono adottate: secondo protocollo codificato 13 (54%) a discrezione del medico 11 (46%) 2. La sostituzione della TAO con duplice antiaggregazione viene effettuata in: tutti i casi -- (0%) casi selezionati 13 (54%) nessun caso 11 (46%) 3. Quando la TAO viene proseguita, a. solo aspirina viene associata in: tutti i casi 1 (4%) casi selezionati 5 (21%) nessun caso 18* (75%) b. solo tienopiridina viene associata in: tutti i casi 2 (8%) casi selezionati 1 (4%) nessun caso 21* (88%) c. duplice antiaggregazione viene associata in: tutti i casi 15 (62%) casi selezionati 5* (21%) nessun caso 4 (17%) 4. Quando la TAO viene proseguita in associazione con aspirina o tienopiridina o duplice antiaggregazione, l INR target viene ridotto in: tutti i casi 8* (33%) casi selezionati 7 (29%) nessun caso 9 (38%) 5. Quando la TAO viene proseguita in associazione con aspirina o tienopiridina o duplice antiaggregazione, gli antiaggreganti vengono sospesi da 1 a 3-6 mesi più tardi in: tutti i casi 10 (41%) casi selezionati 5 (21%) nessun caso 9 (38%) 6. Quando la TAO viene sostituita dalla duplice antiaggregazione, a. eparina a basso peso molecolare a bassa dose viene aggiunta in: tutti i casi -- (0%) casi selezionati 3 (23%) nessun caso 10 (67%) b. eparina a basso peso molecolare a dose piena viene aggiunta in: tutti i casi -- (0%) casi selezionati 5 (38%) nessun caso 8 (62%) 7. Quando la TAO viene sostituita dalla duplice antiaggregazione, da 1 a 3-6 mesi più tardi la TAO viene ripristinata in: tutti i casi 9 (69%) casi selezionati 3 (23%) nessun caso 1 (8%) TAO = Terapia Anticoagulante Orale *In un Centro l anticoagulazione viene ottenuta con eparina a basso peso molecolare anziché TAO. che avevano sostituito (in casi selezionati) la TAO con la doppia antiaggregazione piastrinica il 69% riprende il trattamento originario (Tab. I). Un trattamento multiplo con TAO e singola o duplice antiaggregazione viene invece, sistematicamente o selettivamente, confermato a lungo termine nel 59% dei Centri che aveva adottato 9

4 IL GIORNALE ITALIANO DI CARDIOLOGIA INVASIVA N tale strategia, mentre solo l 8% dei Centri che aveva sostituito (in casi selezionati) la TAO con la duplice antiaggregazione non riprende il trattamento originario (Tab. I). Infine, l uso adiuvante dell eparina a basso peso molecolare, a bassa o piena dose, in associazione alla duplice antiaggregazione viene riservato a casi selezionati (ad elevato rischio tromboembolico) in una minoranza dei Centri che sostituiscono selettivamente la TAO con la duplice antiaggregazione (Tab. I). Ulteriori dati sulla pratica clinica corrente vengono forniti da un analisi retrospettiva condotta da Rubboli et al. (8) sulla popolazione sottoposta a PCI-S nel periodo Gennaio 2002-Aprile 2004 presso l Ospedale Maggiore di Bologna. Tale indagine ha permesso di identificare 27 pazienti, corrispondenti al 3% della popolazione globale sottoposta a PCI-S, con indicazione a TAO per fibrillazione atriale permanente/persistente in circa la metà dei casi (51%) e per cardiopatia dilatativa post-ima, trombosi ventricolare sinistra, protesi valvolare meccanica mitralica o aortica, pregressa tromboembolia cerebrale o trombosi arteriosa periferica nella restante metà (Tab. II). Le indicazioni a PCI-S erano rappresentate essenzialmente da TABELLA II Caratteristiche cliniche e procedurali della popolazione con indicazione a TAO sottoposta a PCI-S nel periodo Gennaio 2002-Aprile 2004 presso l Ospedale Maggiore di Bologna (8) N. pazienti Maschi (78%) Età (anni) ,9±10,6 Indicazioni a TAO Fibrillazione atriale permanente (44%) Cardiopatia dilatativa post-ima (15%) Trombosi VS (15%) Fibrillazione atriale persistente (7%) Pregresso evento CV (7%) Protesi valvolare mitralica (4%) Protesi valvolare aortica (4%) Trombosi arteria periferica (4%) Indicazioni a PCI-S IMA 10 (37%) Angina stabile (34%) Angina instabile (11%) Recente IMA non Q (11%) Recente IMA Q (7%) Patologie associate Gastrite cronica (7%) Ulcera peptica (4%) Diabete (4%) Caratteristiche procedurali Vasi trattati ,15±0,36 Stent impiantati ,33±0,68 1 stent (74%) (1 SES) 2 stent (22%) >2 stent (4%) Approccio femorale (100%) Diametro introduttore 6 F (89%) 7 F (11%) Uso di dispositivi emostatici (100%) Uso di inibitori GP IIb/IIIa (30%) TAO = Terapia Anticoagulante Orale; IMA = Infarto Miocardico Acuto; VS = Ventricolo Sinistro; CV = Cerebrovascolare; SES = Sirolimus Eluting Stent; GP = Glicoproteina. 10

5 IL TRATTAMENTO ANTITROMBOTICO DOPO STENTING CORONARICO... IMA (37%) ed angina stabile (34%), mentre le caratteristiche procedurali di nota includevano l impianto medio per ogni procedura di 1,33±0,68 stent, l approccio femorale e l uso di dispositivi emostatici nella totalità dei casi e l impiego di inibitori della glicoproteina pistrinica IIb/IIIa in circa il 30% delle procedure (Tab. II). Le strategie antitrombotiche, che nel Centro esaminato erano lasciate alla discrezione del singolo medico, comprendevano la triplice terapia con TAO (o eparina a basso peso molecolare), aspirina e ticlopidina/clopidogrel nella maggioranza dei casi (59%), con un impiego pressoché sovrapponibile della duplice antiaggregazione (22%) e dell associazione di TAO e singola antiaggregazione con aspirina (19%) nei rimanenti (Fig. 1). L impiego dei vari regimi antitrombotici, inoltre, risultava assai variabile anche nell ambito di medesime classi di indicazione a TAO (Fig. 2): a. triplice terapia con TAO, aspirina e tienopiridina nel 43%, duplice antiaggregazione nel 36% ed associazio- Figura 1. Trattamenti antitrombotici adottati dopo angioplastica con impianto di stent nella popolazione di Rubboli et al. (8). ASA = aspirina; Clop = Clopidogrel; Ticlo = Ticlopidina; Warf = Warfarin; EBPM = Eparina a Basso Peso Molecolare. Figura 2. Trattamenti antitrombotici adottati nei vari sottogruppi con diversa indicazione a terapia anticoagulante orale nella popolazione di Rubboli et al. (8). ASA = Aspirina; Clop = Clopidogrel; Ticlo = Ticlopidina; Warf = Warfarin; EBPM = Eparina a Basso Peso Molecolare; F.A. = Fibrillazione Atriale; CMPD = Cardiopatia Dilatativa; IMA = Infarto Miocardico Acuto; VS = Ventricolo Sinistro. 11

6 IL GIORNALE ITALIANO DI CARDIOLOGIA INVASIVA N ne di TAO e singola antiaggregazione nel 21% dei casi con fibrillazione atriale permanente/persistente (14 pazienti); b. triplice terapia con TAO, aspirina e tienopiridina nel 50%, duplice antiaggregazione nel 25% ed associazione di TAO e singola antiaggregazione nel 25% dei casi con cardiopatia dilatativa post-ima (4 pazienti); c. triplice terapia con TAO, aspirina e tienopiridina nel 100% dei casi con trombosi ventricolare sinistra (4 pazienti); d. associazione di TAO e singola antiaggregazione con aspirina nel 100% dei casi con protesi valvolare meccanica mitralica (un paziente); e. triplice terapia con TAO, aspirina e tienopiridina nel 100% dei casi con protesi valvolare meccanica aortica (un paziente); f. triplice terapia con eparina a basso peso molecolare a dose piena, aspirina e tienopiridina nel 100% dei casi con trombosi arteriosa periferica (un paziente); g. triplice terapia con TAO, aspirina e tienopiridina nel 100% dei casi con pregresso evento cerebrovascolare (2 pazienti). Sicurezza ed efficacia dei trattamenti L analisi di Rubboli et al. (8) ha anche esplorato la sicurezza e l efficacia dei vari regimi antitrombotici adottati dopo PCI-S, esaminando l incidenza di complicanze emorragiche/vascolari o trombo(emboliche) a 30 giorni dalla procedura. Nella popolazione di 27 pazienti con indicazione a TAO sottoposti a PCI-S presso l Ospedale Maggiore di Bologna nel periodo Gennaio 2002-Aprile 2004, l incidenza di complicanze emorragiche/vascolari o trombotiche è risultata pari al 18% (5 pazienti). In 2 pazienti (7%), entrambi in triplice terapia con TAO/eparina a basso peso molecolare, aspirina e tienopiridina, si sono verificate emorragie maggiori richiedenti emotrasfusione e consistenti in: a. una progressiva riduzione dei livelli di emoglobina in assenza di evidente fonte di sanguinamento in un maschio di 77 anni con cardiopatia dilatativa post-ima; b. una macroematuria con anemizzazione severa secondaria a rimozione di catetere vescicale in una donna di 64 anni con trombosi arteriosa femorale. In altri 2 pazienti (7%), in terapia rispettivamente con TAO, aspirina e tienopiridina e duplice antiaggregazione, si sono verificate complicanze emorragiche minori, rappresentate da un ecchimosi e da un ematoma in corrispondenza dell accesso arterioso femorale, entrambe gestite ambulatoriamente. Infine, in un paziente (4%) maschio di 69 anni in terapia con TAO e singola antiaggregazione con aspirina per fibrillazione atriale permanente e precedente evento cerebrovascolare, si è verificata trombosi subacuta dello stent che ha richiesto reintervento in emergenza. I valori di INR al momento dell evento trombotico (ed il giorno precedente) erano a livello subterapeutico nel paziente in terapia con TAO e aspirina, mentre erano al limite superiore del range terapeutico al momento dell evento emorragico nel paziente in triplice terapia con TAO, aspirina e tienopiridina. Pur con le limitazioni dovute all esiguità della casistica, i dati sopra riportati suggeriscono una subottimale sicurezza ed efficacia dei vari regimi antitrombotici, data l incidenza di eventi emorragici pari a 18,8% con la triplice terapia con TAO/eparina a basso peso molecolare, aspirina e tienopiridina e 16,7% con la duplice antiaggregazione, e quella di eventi trombotici pari a 20% con l associazione di TAO e singola antiaggregazione. La sicurezza della triplice terapia con TAO, aspirina e clopidogrel è risultata subottimale anche nell analisi di Orford et al. (9) che hanno esaminato retrospettivamente la popolazione di pazienti dimessi con tale terapia dopo essere stati sottoposti a PCI-S presso la Mayo Clinic, Rochester, MN, USA nel periodo Gennaio 2000-Agosto In 6 su 65 pazienti identificati (9,2%) sono state osservate complicanze emorragiche, risultate maggiori e trattate con emotrasfusione in 2 di essi (3,1%). Entrambe le complicanze maggiori erano consistite in melena verificatasi in: a. una donna di 77 anni con pregressi eventi tromboembolici cerebrali; b. in un maschio di 62 anni con fibrillazione atriale permanente. In entrambi i pazienti, tuttavia, il valore di INR al momento dell evento era al di sopra del range terapeutico (12,4 e 3,7, rispettivamente) e lesioni organiche del tubo digerente (poliposi del colon e ulcera duodenale, rispettivamente) sono state successivamente individuate quali substrato del sanguinamento digestivo. Le emorra- 12

7 IL TRATTAMENTO ANTITROMBOTICO DOPO STENTING CORONARICO... gie minori erano invece consistite in un ematoma della coscia, una rinorragia ed un otorragia a risoluzione spontanea ed una macroematuria, tutte gestite conservativamente con la sospensione temporanea di uno o più degli agenti antitrombotici. In nessuno dei pazienti sono stati invece osservati eventi compatibili con trombosi dello stent né eventi cardiaci avversi maggiori, quali morte, IMA non fatale o ripetuta rivascolarizzazione, durante i 30 giorni di triplice trattamento con TAO, aspirina e clopidogrel successivamente a PCI-S. Commento Il problema del trattamento antritrombotico da adottare dopo PCI-S nei pazienti con indicazione a TAO a lungo termine non è stato finora adeguatamente affrontato e, conseguentemente, è a tutt oggi irrisolto. Il progressivo incremento numerico di PCI-S che continua a manifestarsi negli anni (10) e l estensione delle procedure di rivascolarizzazione percutanea con impianto di stent anche in distretti extra-coronarici (ad es. carotideo), conferiscono a questa problematica grande attualità e rendono necessaria l individuazione e la standardizzazione delle strategie terapeutiche ottimali. E se nella casistica di Rubboli et al. (8), relativa ad un Centro a medio volume di attività, la percentuale di pazienti con indicazione a TAO sottoposta a PCI-S si aggira intorno al 4% della popolazione globale, è verosimile che nei prossimi anni (o anche già oggi nei Centri ad alto volume) essa possa rappresentare fino al 10% del caseload annuo. Come emerge dall inchiesta internazionale (7) e dalla casistica di Rubboli at al. (8), le strategie antitrombotiche attualmente adottate dopo PCI-S nei pazienti con indicazione a TAO sono assai variabili e generalmente non supportate da adeguati dati evidence-based. Mentre la sostituzione della TAO con la duplice antiaggregazione piastrinica è accettabile in condizioni a basso rischio tromboembolico (quale ad es. fibrillazione atriale isolata) (11), e l associazione di TAO e aspirina è utilizzabile in virtù della sua dimostrata efficacia (seppure inferiore a quella della duplice antiaggregazione) dopo PCI-S (1-5), l impiego dell associazione di TAO e tienopiridina o della triplice terapia con TAO, aspirina e tienopiridina non è sostenuta da alcuna significativa evidenza. Il razionale dell associazione di TAO e ticlopidina/clopidogrel, utilizzata nel 12% dei Centri stranieri intervistati (7) e nel 22% dei pazienti dell Ospedale Maggiore di Bologna (8), risiede probabilmente nel tentativo di massimizzare l efficacia antitrombotica osservata nei trial storici con l associazione di TAO e aspirina (1-4), sostituendo quest ultima con un agente di superiore efficacia clinica (12). L utilizzo invece della triplice terapia con TAO, aspirina e tienopiridina, adottato sistematicamente nel 62% dei Centri stranieri intervistati (7) e nel 59% della casistica dell Ospedale Maggiore di Bologna (8), si fonda verosimilmente sull esigenza di fornire la copertura antitrombotica ottimale per ciascuna delle due condizioni concomitanti: stent coronarico, da trattare con duplice antiaggregazione, e patologie quali fibrillazione atriale, protesi valvolare meccanica, pregresso evento tromboembolico cerebrale ecc., da trattare con anticoagulazione sistemica. E se l efficacia di questo trattamento è con tutta probabilità fuori discussione, la sua sicurezza va senz altro meglio definita: sulla base infatti delle due casistiche disponibili di Rubboli et al. (8) e Orford et al. (9), peraltro di dimensioni assai limitate, l incidenza globale di complicanze emorragiche a 30 giorni con l associazione di TAO/eparina a basso peso molecolare, aspirina e tienopiridina è mediamente stimabile intorno al 14%, con 7,8% di eventi maggiori richiedenti emotrasfusione. A questo proposito tuttavia, va sottolineato come in tutti i casi di rilevante sanguinamento fosse identificabile una condizione favorente o scatenante, quale la presenza di lesioni emorragipare, l effettuazione di manovre traumatiche o l eccessiva anticoagulazione (7,8). E del resto dimostrato che l intensità dell anticoagulazione, piuttosto che la concomitante somministrazione di antiaggreganti, condiziona l incidenza di complicanze emorragiche in corso di TAO (13,14), tanto che l ottimale conduzione di questa risulta essenziale per la sicurezza del trattamento antitrombotico. La casistica di Rubboli et al. (8) suggerisce peraltro come un adeguata qualità della TAO, durante la quale si osservano abitualmente ampie oscillazioni, anche al di fuori del range terapeutico, dei valori di INR (15,16), risulti determinante anche per la prevenzione delle complicanze trombotiche dopo PCI-S (analogamente a quanto dimostrato in altri contesti clinici) (17,18), specialmente quando venga associato un solo antiaggregante. 13

8 IL GIORNALE ITALIANO DI CARDIOLOGIA INVASIVA N Le difficoltà che si incontrano, soprattutto nella fase iniziale di trattamento, nell ottenere stabili livelli di anticoagulazione con la TAO, potrebbero essere ovviate con l impiego delle eparine a basso peso molecolare, in virtù della loro più stabile e predicibile relazione dose-risposta. In effetti, tale strategia risulta essere impiegata sistematicamente in uno (5%) dei 20 Centri che nell inchiesta di Rubboli et al. (7) riferiscono di proseguire (in maniera sistematica o selettiva) l anticoagulazione dopo PCI-S (Tab. I), oltre ad essere suggerita quale terapia bridge perioperatoria/periprocedurale (19-21) o in corso di gravidanza (22), nei pazienti con indicazione a TAO. L evidenza scientifica disponibile nel contesto di PCI-S tuttavia, è al momento limitata ad una segnalazione di aumentato rischio emorragico, essenzialmente minore, quando enoxaparina, anziché placebo, viene aggiunta ad aspirina e clopidogrel (23) e di superiore efficacia sull incidenza di trombosi ed eventi ischemici dell associazione di enoxaparina, aspirina e ticlopidina rispetto alla terapia antitrombotica convenzionale con warfarin (24). Accanto alle incertezze sulla sicurezza ed efficacia delle eparine a basso peso molecolare in luogo della TAO nelle condizioni in cui quest ultima viene comunemente impiegata, non va neppure trascurata la loro scarsa praticità al di fuori dell ambito periprocedurale data la necessità di una somministrazione bigiornaliera e per via sottocutanea. Le indicazioni alla TAO, infatti, sono in genere permanenti, tanto che anche nell inchiesta internazionale di Rubboli et al. (7) il 92% dei Centri che riporta di sostituire (in casi a basso rischio tromboembolico) la TAO con la duplice antiaggregazione dopo PCI-S, reintroduce la terapia originaria al termine di 1-6 mesi di trattamento antitrombotico multiplo (Tab. I). Un ulteriore aspetto non codificato, e conseguentemente assai variabile nella pratica corrente, è rappresentato dalla strategia da adottare dopo 1-6 mesi di trattamento antitrombotico multiplo. Tra i Centri intervistati da Rubboli et al. (7), infatti, il 41% riferisce di proseguire sistematicamente la sola TAO mentre il 38% associa in tutti i casi almeno un antiaggregante (Tab. I). Le evidenze scientifiche disponibili, peraltro provenienti da trial di prevenzione secondaria della cardiopatia ischemica, suggeriscono effettivamente di ricorrere: a. alla sola TAO ad elevata intensità (INR range 3-4) oppure b. all associazione di TAO a moderata intensità (INR range 2-3) e aspirina, data la dimostrata non inferiorità di entrambi i regimi rispetto alla sola aspirina (25,26). Il monitoraggio frequente ed accurato dell INR è tuttavia raccomandato per limitare l incidenza di complicanze emorragiche che risulta aumentata rispetto alla sola aspirina con entrambe le modalità di trattamento (25,26). Conclusioni Il trattamento antitrombotico da adottare dopo PCI-S nei pazienti con indicazione a TAO non è attualmente codificato data l assenza di dati evidence-based. L ampia variabilità osservata nella pratica clinica corrente (7,8) e la subottimale sicurezza ed efficacia documentata finora in casistiche di piccole dimensioni (8,9) rendono necessaria la conduzione di studi clinici e registri su larga scala, al fine di identificare le strategie ottimali nei vari sottogruppi a diverso rischio trombo(embolico) e determinare la sicurezza ed efficacia della triplice terapia con TAO, aspirina e tienopiridina che rappresenta teoricamente il trattamento d elezione (27). A tal proposito, il «Registro italiano su trattamento antitrombotico dopo impianto di stent coronarico in pazienti cronicamente anticoagulati», patrocinato da ANMCO e GISE ed ormai prossimo al lancio, si propone, mediante il coinvolgimento di tutti i Laboratori di Emodinamica Interventistica nazionali, di esaminare le strategie antitrombotiche adottate in Italia nei pazienti con indicazione a TAO sottoposti a PCI-S e di determinarne la relativa sicurezza ed efficacia, in modo da creare uno statement ufficiale che, sulla base dei dati ottenuti, indirizzi la gestione ottimale di questi pazienti. 14

9 IL TRATTAMENTO ANTITROMBOTICO DOPO STENTING CORONARICO... Bibliografia 1. Schoemig A, Neumann FJ, Kastrati A, et al. A randomized comparison of antiplatelet and anticoagulant therapy after the placement of coronary-artery stents. N Engl J Med 1996;334: Leon MB, Baim DS, Popma JJ, et al. A clinical trial comparing three antithrombotic-drug regimens after coronary-artery stenting. N Engl J Med 1998;339: Urban P, Macaya C, Rupprecht HJ, et al. Randomized evaluation of anticoagulation versus antiplatelet therapy after coronary stent implantation in high-risk patients. The Multicenter Aspirin and Ticlopidine Trial after Intracoronary Stenting (MATTIS). Circulation 1998;98: Bertrand ME, Legrand V, Boland J, et al. Randomized multicenter comparison of conventional anticoagulation versus antiplatelet therapy in unplanned and elective coronary stenting. The Full Anticoagulation Versus Aspirin and Ticlopidine (FANTASTIC) Study. Circulation 1996;98: Cosmi B, Rubboli, A, Castelvetri, Milandri M. Ticlopidine versus oral anticoagulation after coronary stenting (Cochrane Review). In: The Cochrane Library, Issue 4, Oxford: Update Software. 6. Popma JJ, Berger P, Ohman EM, Harrington RA, Grines C, Weitz JI. Antithrombotic therapy during percutaneous coronary intervention. The Seventh ACCP Conference on Antithrombotic and Thrombolytic Therapy. Chest 2004;126:576S-599S. 7. Rubboli A, Colletta M, Sangiorgio P, Di Pasquale G. Antithrombotic treatment after coronary artery stenting in patients on chronic oral anticoagulation: an international survey of current clinical practice. Ital Heart J 2004;5: Rubboli A, Colletta M, Sangiorgio P, Di Pasquale G. Antithrombotic strategies in patients with an indication for long-term anticoagulation undergoing coronary artery stenting: safety and efficacy data from a single center. Ital Heart J 2004;5: Orford JL, Fasseas P, Melby S, et al. Safety and efficacy of aspirin, clopidogrel, and warfarin after coronary stent placement in patients with an indication for anticoagulation. Am Heart J 2004;147: Bolognese L. Attività del laboratori di emodinamica italiani nel Gior Ital Cardiologia Invasiva 2004;1(suppl): Singer DE, Albers GW, Dalen JE, Go AS, Halperin JL, Manning WJ. Antithrombotic therapy in atrial fibrillation. The 7Th ACCP conference on antithrombotic and thrombolytic therapy. Chest 2004; 126:429S-456S. 12. Sharis PJ, Cannon CP, Loscalzo J. The antiplatelet effect of ticlopidine and clopidogrel. Ann Intern Med 1998;129: Brouwer MA, Verheugt FWA. Oral anticoagulation for acute coronary syndromes. Circulation 2002;105: Anand SS, Yusuf S. Oral anticoagulants in patients with coronary artery disease. J Am Coll Cardiol 2003;41:62S-69S. 15. van den Besselaar AM, van der Meer FJ, Gerrits-Drabbe CW. Therapeutic control of oral anticoagulant treatment in the Netherlands. Am J Clin Pathol 1988;90: Gadisseur APA, Breukink-Engbers WGM, van der Meer FJM, van den Besselaar AMH, Sturk A, Rosendaal FR. Comparison of the quality of oral anticoagulant therapy through patient self-management and management by specialized anticoagulation clinics in the Netherlands. Arch Intern Med 2003;163: Torn M, van der Meer FJM, Rosendaal FR. Lowering the intensity of oral anticoagulant therapy. Effects on the risk of hemorrhage and thromboembolism. Arch Intern Med 2004;164: Edmunds LH. Thrombotic and bleeding complications of prosthetic heart valves. Ann Thorac Surg 1987;44: Jafri SM. Periprocedural thromboprophylaxis in patients receiving chronic anticoagulation therapy. Am Heart J 2004;147: Douketis JD, Johnson JA, Turpie AG. Low-molecular-weight heparin as bridging anticoagulation during interruption of warfarin. Assessment of a standardized periprocedural anticoagulation regimen. Arch Intern Med 2004;164: Kovacs MJ, Kearon C, Rodger M, et al. Single-arm study of bridging therapy with low-molecular-weight heparin for patients at risk of arterial embolism who require temporary interruption of warfarin. Circulation 2004;110: Bates SM, Greer IA, Hirsh J, Ginsberg JS. Use of antithrombotic agents during pregnancy. The 7Th ACCP conference on antithrombotic and thrombolytic therapy. Chest 2004;126:627S-644S. 23. Batchelor WB, Mahaffey KW, Berger PB, et al. A randomized, placebo-controlled trial of enoxaparin after high-risk coronary stenting: the ATLAST trial. J Am Coll Cardiol 2001;38: Zidar J. Low-molecular-weight heparin in coronary stenting (the ENTICES trial). Enoxaparin and TIClopidine after Elective Stenting. Am J Cardiol 1998;82:29L-32L. 25. Brouwer MA, Verheugt FWA. Oral anticoagulation for acute coronary syndromes. Circulation 2002;105: Anand SS, Yusuf S. Oral anticoagulants in patients with coronary artery disease. J Am Coll Cardiol 2003;41:62S-69S. 27. Rubboli A, Colletta M, Di Pasquale G. About antithrombotic treatment after coronary stenting in patients on chronic oral anticoagulation. Am Heart J 2005;149:e.l. Indirizzo per la corrispondenza: Dott. Andrea Rubboli Laboratorio di Emodinamica - Unità Operativa di Cardiologia, Ospedale Maggiore - Largo Nigrisoli Bologna Tel Fax

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico PREMESSA La chirurgia dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali è un problema

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica?

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO) con complicanza emorragica gastrointestinale presenta aspetti problematici

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma:

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: !"# Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: $ % &'( ')*! " # $% & % '!!!"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: "!"# Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO TROMBOEMBOLISMO VENOSO 343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO tromboembolismo venoso Il Tromboembolismo Venoso (TEV) rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità ospedaliera, anche se la sua incidenza

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE

CARDIOPATIA CRONICA. edizione 1 DELLA ISCHEMICA. STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare. corso di aggiornamento GESTIONE corso di aggiornamento GESTIONE DELLA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA STABILE 10 cose da fare 10 cose da non fare Direttore scientifico: 18 aprile 2015 Sala Rosangelo Mazzarino (CL) edizione 1 PROGRAMMA

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Area Valutazione del farmaco I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI nella fibrillazione atriale non valvolare L impiego delle terapie anticoagulanti è molto diffuso: dai dati

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA Periodico quadrimestrale - N. 59 - agosto 2005 - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/2/04 n.46) art. 1 comma 2 DCB Milano TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA I nfarto, Ictus, Embolia,

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini

Cefalea e donna. Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari. 13 marzo 2010. Maria Clara Tonini 13 marzo 2010 Cefalea e donna Emicrania e Malattie Cerebro-cardiovascolari Maria Clara Tonini Responsabile Centro Diagnosi e Cura delle Cefalee UO Neurologia Ospedale di Garbagnate M. Classificazione secondo

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA

CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA CODE-STAT 9.0 SOFTWARE PER REVISIONE DATI BROCHURE ILLUSTRATIVA La più potente analisi retrospettiva dei dati relativi a un evento cardiaco. Prestazioni migliorate. Livello di assistenza più elevato. 1

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI

MAL AT T IE C ARDIOV AS C OL ARI Corsi di Laurea delle Professioni sanitarie C o rs o d i L a u re a in In fe rm ie ris tic a Università degli Studi di Torino Facoltà di Medicina e Chirurgia PROG E T T O DI AP P RE N DIME N T O IN AMB

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 1 Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA PROGRAMMAZIONE E DELL ORDINAMENTO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA Ufficio III ex DG.PROG. Manuale di formazione

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE

USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE USO DI STAT IN PAZIENTI AFFETTI DA CARCINOMA DELLA PROSTATA: CORRELAZIONE CON FATTORI DI RISCHIO ED ANALISI DI RESIDUI DI COORTE S. Morlino, T. Ranca/,C. Fiorino, V. Carillo, C. Cozzarini, G. Fellin, V.

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA

GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA GUIDA PER LA PREPARAZIONE DELL UTENTE ALLA COLONSCOPIA LA COLONSCOPIA: CHE COS È E PERCHÉ VIENE ESEGUITA La colonscopia è un esame che permette di visualizzare l intestino ed individuare o escludere la

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

ASPETTI DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE NELL ANZIANO

ASPETTI DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE NELL ANZIANO ASPETTI DI PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE NELL ANZIANO MESSAGGI CHIAVE Dott. Alessandro Battaggia SIMG Area Critical Appraisal 10 gennaio 2011 La dimensione epidemiologica della prevenzione cardiovascolare

Dettagli

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco

Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco Consensus Conference Il percorso assistenziale del paziente con scompenso cardiaco (G Ital Cardiol 2006; 7 (6): 387-432) 2006 CEPI Srl Per la corrispondenza: Dr. Andrea Di Lenarda S.C. di Cardiologia Università

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE

IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE I.P. FABRIZIO MONTAGNA IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO DEL PAZIENTE CON PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE ASSOCIAZIONE NAZIONALE DENTISTI ITALIANI Edizioni Promoass FABRIZIO MONTAGNA IL TRATTAMENTO ODONTOIATRICO

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli