IL NUOVO LAZIO. IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NUOVO LAZIO. IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z"

Transcript

1

2 IL NUOVO LAZIO dalla A IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z alla Z

3 INDICE Premessa...4 Un territorio in crescita...5 Ambiente...7 Agricoltura e pesca...8 Audiovisivo...9 Casa, Chiese e Scuole...10 Costi della politica e dell Amministrazione...11 Cultura e sport...12 Distretti...14 Energie...14 Formazione e Diritto allo Studio...15 Infrastrutture e Mobilità...17 Occupazione e Sicurezza sul lavoro...19 Partecipazione e Trasparenza...20 Piccola e Media Impresa (PMI)...21 Ricerca, Innovazione e Sviluppo...22 Rifiuti...23 Sanità...24 Sicurezza, Prevenzione e legalità...26 Turismo...27 Urbanistica...28 Welfare...29 IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z

4 Premessa La tentazione di molti, più o meno in buona fede, è quella di seppellire il lavoro di cinque anni di Governo della Regione sotto la vicenda privata che ha portato alle dimissioni del presidente Marrazzo. Non è giusto né corretto, nei confronti di coloro che in questi anni hanno lavorato, a ogni livello, con abnegazione e impegno dentro l amministrazione regionale. E non è giusto soprattutto nei confronti dei cittadini, che hanno diritto di sapere come si è trasformato il Lazio durante questa legislatura e in che direzione sta andando. Che regione è oggi il Lazio? Un territorio vivo, capace di esprimere eccellenze, in particolare con enormi potenzialità nella ricerca e nell innovazione. Una regione dinamica, dove la vitalità del territorio e delle imprese comincia a essere accompagnata da amministrazioni che sostengono, incoraggiano e fissano regole, come accade nei grandi territori europei protagonisti della crescita. Una regione che si sta dotando finalmente di una rete infrastrutturale adeguata alle esigenze delle sue imprese e dei suoi cittadini. Una regione e questo è davvero il fatto nuovo che non lascia sole le persone in difficoltà. A dimostrare la solidità del Lazio c è l andamento del Pil, che dopo una crescita sensibilmente maggiore rispetto alla media nazionale negli anni passati, anche nella crisi sta mostrando una grande capacità di resistenza: nel 2009 il Pil regionale è sceso del 3% contro una media nazionale del 5%. Ma ancora più vale ciò che racconta uno studio promosso da Unioncamere Lazio e Camera di Commercio di Roma che analizza il Piq (Prodotto interno di qualità), ossia la produzione di ricchezza durevole e sostenibile, come quella legata alle energie rinnovabili. Ebbene, il Piq della Regione Lazio è pari al 50,33%, un valore economico di circa milioni di euro. Siamo di fronte a cifre nettamente superiori a quelli nazionali (44,3). La nostra amministrazione ha avuto un ruolo nella formazione di questa Regione di qualità? Direi senza dubbio di sì. Oggi possiamo raccontare storie di buona amministrazione che mostrano la strada che abbiamo fatto insieme ai cittadini e alle imprese del Lazio in questi anni, e guardare agli obbiettivi che abbiamo ancora davanti. La via e la meta. Il Vicepresidente della Regione Lazio Esterino Montino 4

5 IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z UN TERRITORIO IN CRESCITA Il Lazio conta su un espansione demografica costante che negli ultimi 5 si attesta a un ritmo di crescita doppio rispetto a quello nazionale (+8,1% tra il 2003 e il 2008 a fronte del +4% in Italia), confermando una forte capacità attrattiva sui flussi migratori provenienti sia dall estero sia dai territori del Sud Italia. Sono quasi 460mila le imprese attive nella nostra Regione, con un peso sul totale nazionale che dal 2005 è anch esso in costante aumento. In termini di Pil pro capite, indicatore della ricchezza media dei cittadini, il Lazio ha registrato nel 2008 un valore di euro, molto superiore alla media nazionale ( euro). È da almeno un quinquennio che l economia del Lazio registra andamenti del prodotto significativamente migliori della media nazionale. Secondo i dati Istat, aggiornati con le stime dell Ufficio studi di Sviluppo Lazio, e facendo base al 2005, a fine 2009 il guadagno di prodotto nei confronti del resto d Italia sarà di 3,5 punti percentuali. Il risultato deriva dalla sintesi tra una maggiore crescita nella fase di espansione (otto decimi di punto nel triennio ) e una minore perdita nella fase della recessione globale (2,5 punti in meno che nel resto d Italia). Una specificità del nostro territorio è rinvenibile nel fatto che le buone performance dell economia regionale hanno avuto come protagonista l intero sistema produttivo: negli ultimi cinque anni la crescita è stata infatti in tutti i settori superiore a quella nazionale, confermando una importante capacità competitiva dei sistemi territoriali della Regione: i dati dell Istituto Tagliacarne segnalano tra il 2003 e il 2007 un tasso di crescita nel terziario pari al 21,1% a fronte del 19,9% in Italia; nello stesso periodo la crescita del valore aggiunto prodotto dalle costruzioni è stata del 45% nel Lazio e del 33,4% in Italia, quella dell industria del 18% (+13,5% in Italia) e quella dell agricoltura del 4,7%, a fronte di un decremento del 5,2% su base nazionale. Le esportazioni sono aumentate tra il 2006 e il 2008 del 18,6%, oltre dieci punti in più della media nazionale. Nella 2008 la quota delle esportazioni laziali sul totale nazionale ha superato per la prima volta il 4%, per salire ancora nella prima metà del 2009 (4,4%); questa quota era pari al 3,8% nel La vivacità imprenditoriale del Lazio si misura anche se si considerano le imprese rosa. Nel 2008 sono nate quasi nuove attività guidate da donne; 5

6 la percentuale di imprese femminili è pari nella nostra Regione all 1,74%, il valore più elevato su scala nazionale. Il Lazio ha avviato una vera e propria corsa per la qualità della propria economia. Studi commissionati da Unioncamere Lazio e dalla Camera di Commercio di Roma misurano al 50,33% la quota del Pil di qualità del Lazio (ossia la porzione di prodotto generata da scelte di accumulazione capaci di avere effetti duraturi nel tempo, come le energie rinnovabili), mentre la media nazionale è del 44,3%. Dati che confermano il Lazio come Regione proiettata nel futuro, libera dalle zavorre del passato. Uno studio realizzato presso l Università di Bari fa ricorso a un indicatore di libertà economica come misuratore del benessere. L indicatore raccoglie cinque dimensioni di libertà individuale (libertà politiche, infrastrutture economiche, occasioni sociali, garanzie di trasparenza, sicurezza protettive) tutte riconducibili all azione pubblica e in grado quindi di cogliere l impulso fornito dalle politiche economiche allo sviluppo sociale. Lo studio indica nel Lazio la Regione dove più forte è stata la crescita dell indicatore di libertà economica. In rapporto al resto d Italia sono state guadagnate 3 posizioni: solo il Friuli ha registrato un progresso analogo. Quattro fattori di vantaggio competitivo del Lazio, al termine della legislatura: - un tasso di scolarizzazione dell 83%, superiore tanto alla media italiana (75%) che alla media europea (78%); - la più alta percentuale di spesa in ricerca e sviluppo sul territorio nazionale (1,9% del Pil regionale), con quasi un quinto degli addetti al terziario che opera in questo comparto; - il più elevato valore nazionale dell indicatore europeo che misura la propensione innovativa dei territori (0,57 su un massimo di 1); - una produttività del lavoro fra la più alte sul territorio italiano e la più alta in assoluto se riferita al solo settore industriale. 6

7 IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z AMBIENTE Investimenti complessivi 1,2 miliardi di euro investiti dal 2005 per la tutela dell ambiente dei quali 450 per le acque, 250 per la difesa del suolo, 139 per la tutela dei Parchi e 269 per le energie rinnovabili. Acque 450 milioni di euro in 7 anni ( ) per il Piano regionale di tutela delle acque da fondi europei, regionali e dalle tariffe (misure di risparmio idrico, riutilizzo acque reflue, depuratori), di cui 350 dal piano cofinanziato per il Fondo per il Piano straordinario di risanamento delle risorse idriche ( ), ai quali l assestamento di Bilancio 2009 e una delibera del novembre successivo aggiungono 70 milioni di euro fino al 2011 per compensare la somma equivalente prima promessa e poi revocata dal ministero. Difesa del suolo Per la salvaguardia dai rischi di frana e di alluvione la Regione ha avviato numerosi programmi di intervento per un totale di oltre 133 milioni di euro, di cui circa 50 di cofinanziamento regionale. 250 milioni di euro spesi per la difesa dal suolo a partire dal Erosione coste La Giunta ha approvato nel 2007 l Accordo integrativo di programma quadro per la difesa del suolo e della costa laziale: 50 milioni di euro e un programma straordinario per le coste e gli arenili che per il ha stanziato altri 24 milioni di euro di fondi regionali. Oggi il 96% delle coste è balneabile. Aree protette Il sistema dei parchi del Lazio si è notevolmente ampliato con l istituzione di 10 nuove aree protette (tra cui Parco monti Ausoni e lago di Fondi, Riserva naturale valle dell Arcionello, ampliamento Riserva naturale lago di Vico, Monumento naturale bosco Faito). Sono stati approvati i piani di assetto delle riserve naturali Insugherata, Monte Mario, Tenuta dei Massimi e, nelle prossime settimane, quelli delle Riserve naturali Nazzano Tevere-Farfa, e Valle dei casali. Approvato il Programma pluriennale di promozione economica e sociale del Parco naturale monti Aurunci. Complessivamente sono stati stanziati in cinque anni 139 milioni per i Parchi della nostra Regione. 7

8 Qualità dell aria La qualità dell aria è una priorità assoluta poiché riguarda direttamente la salute dei cittadini e dell ambiente: la Regione ha stanziato 36 milioni di euro. Abbiamo approvato il Piano per la qualità dell aria che fissa le misure necessarie per migliorare l ambiente e aumentare la qualità dell atmosfera, specialmente nei grandi centri cittadini. Inoltre è stata rafforzata la rete di monitoraggio della qualità dell aria nelle aree metropolitane ed è in via di completamento l inventario delle emissioni inquinanti, che è lo strumento indispensabile per avviare il risanamento dell aria. Sul fronte dell inquinamento acustico è stata conclusa la zonizzazione del territorio ed è stato monitorato, attraverso il progetto Cristal, l aeroporto di Ciampino, il cui traffico sarà drasticamente ridotto per eliminare in maniera definitiva il disagio dei cittadini. Educazione ambientale Sono stati investiti 15 milioni per le attività di Educazione ambientale, che hanno permesso la realizzazione di centinaia di progetti proposti da associazioni, comitati e Comuni, e 1,6 milioni per i progetti europei, con particolare attenzione ai temi dell erosione costiera e delle energie rinnovabili. Cooperazione tra i popoli 12,5 milioni sono stati riservati alla Cooperazione tra i popoli, attraverso interventi mirati e bandi pubblici che hanno consentito la realizzazione di progetti di altissimo valore sociale e sanitario in alcune aree fortemente disagiate del pianeta. AGRICOLTURA E PESCA Piano di sviluppo rurale - Psr Il Psr stanzia complessivamente 655 milioni di euro. Questi finanziamenti muoveranno in tutto un miliardo e mezzo di euro di investimenti, grazie anche ai Progetti integrati territoriali e di filiera. È stato creato un apposito pacchetto di investimenti per i giovani e le donne con circa 180 milioni di euro per far nascere nuove aziende agricole nei prossimi 5 anni. Le stime a nostra disposizione dicono che oltre nuove imprese che potranno divenire solide, concrete e competitive. Leggi Dal 2006 a oggi sono state approvate ben 8 leggi di settore che hanno riscritto le regole e lo sviluppo del settore agricolo regionale. Tra queste spiccano quelle sui Distretti rurali e agroalimentari di qualità, i Farmer s market, la contrattazione di filiera, i Parchi agricoli, gli Ogm, la pesca, gli agriturismo 8

9 IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z e il turismo rurale. Grazie anche a quest ultima legge, le attività agrituristiche regionali sono aumentate del 140% in 3 anni, e oggi sono più di 650. Distretti rurali e agroalimentari di qualità Sono stati istituiti 5 Distretti rurali e agroalimentari di qualità che mettono a sistema le risorse dell agricoltura con quelle di tutto il territorio, facendo della produzione agricola un volano per l intera economia territoriale. I Distretti coinvolgono tutte le province del Lazio: dalla Montagna reatina ai Monti Cimini, dall Ortofrutta di Latina al patrimonio enologico dei Castelli romani e prenestini fino alla Valle dei Latini, primo distretto agroenergetico d Italia tra le province di Roma e Frosinone. AUDIOVISIVO L audiovisivo nel Lazio è un vero settore industriale. A fronte della crisi generale e di competitività, la Regione Lazio ha operato per salvaguardare le imprese e i lavoratori del settore, il patrimonio più importante del territorio. Gli investimenti POR per la produzione radio-cine-televisiva e la formazione nell audiovisivo sono di 60 milioni di euro. La Giunta ha poi stanziato nel milioni di euro nelle produzioni cinematografiche, e sono Complessivamente 4 i bandi finanziati, con circa 34 milioni di fondi europei, a sostegno del comparto audiovisivo del Lazio. Cofinanziamento alle produzioni Grazie all estensione della L.R. 32/85 al settore dell audiovisivo, la Regione Lazio ha cofinanziato 37 opere cinematografiche attraverso interventi in capitale di rischio per un valore di oltre 7,5 milioni di euro. Di recente si è attivato un fondo per il sostegno allo sviluppo dei progetti cinematografici di oltre 1 milione di euro a fondo perduto. Festival della Fiction Grande successo di pubblico per il RomaFictionFest, promosso dalla Regione Lazio dal 2007, da cui poi è nata Fondazione Roberto Rossellini per l audiovisivo (con uno stanziamento di 7 milioni di euro). Il Festival internazionale del film di Roma La Regione Lazio è socio fondatore del festival del film di Roma. Contribuisce anche così a fare della Capitale una piazza per sviluppare il mercato e l industria cinematografica, far incontrare autori e produttori, attirare i produttori a girare nel Lazio, promuovere le produzioni di qualità. 9

10 Film Commission di Roma e del Lazio È stato firmato all inizio di febbraio 2007 l atto costitutivo della Fondazione "Film Commission di Roma e del Lazio che nei primi due anni e mezzo di attività ha assistito oltre 300 progetti cinematografici e audiovisivi, promosso il Lazio quale terra di cinema nei principali Festival internazionali, e stipulato 5 progetti di coproduzione nel CASA, CHIESE E SCUOLE Piano Casa Approvata ad agosto 2009 la nuova normativa sulla politica della casa, caratterizzata da un forte impianto urbanistico e che si concentra sostanzialmente su 4 direttrici: rilancio dell economia di settore secondo l applicazione dell accordo Stato-Regioni su ampliamenti e demolizioni, ma evitando deregolazioni e garantendo la salvaguardia delle aree pregiate; riqualificazione urbanistica e del territorio (con attenzione particolare al risparmio energetico e alla bioedilizia); radicale snellimento delle procedure urbanistiche; rilancio dell edilizia residenziale pubblica, housing sociale e case a riscatto. Emergenza abitativa 550 milioni di euro nel 2009 per l emergenza abitativa, tra i quali 350 milioni di euro in tre anni per l edilizia agevolata e altri 100 per quella sovvenzionata. 1,5 miliardi investiti nell edilizia agevolata e sovvenzionata dal 2005 a Nuove case Approvati tra il 2008 e il 2009 oltre 300 milioni di euro per la realizzazione di nuove case di edilizia residenziale pubblica agevolata nel Comune di Roma (che deve individuare le aree) in locazione permanente e circa alloggi in proprietà nel resto del Lazio. Mutui Nel pacchetto anticrisi approvato con la Finanziaria 2009 e con delibera del febbraio 2009 è stato istituito il Fondo solidarietà mutui (30 milioni fino al 2011) per famiglie con reddito Isee fino 25mila euro, con disoccupati o con altre difficoltà, che acquistano, costruiscono o recuperano una prima casa. Utile anche per le Coop che hanno utilizzato lo strumento dell autorecupero su immobili pubblici. Sostegno all affitto e Buoni casa Ad aprile 2008 varati dalla Giunta i buoni casa, del valore massimo di circa 10

11 IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z euro l uno. Quasi 46 milioni di euro in 1 anno distribuiti in 105 Comuni. Edilizia scolastica Oltre 436 milioni di euro complessivi dal 2005 al 2011 con interventi finanziati per un programma di adeguamento e messa in sicurezza delle sedi scolastiche e dei edifici rilevati dall anagrafe che ha completato la Regione. Chiese, Municipi e palazzi pubblici Circa 467 milioni di euro dal 2005 al 2011 con oltre 500 interventi attivati, per sedi comunali, edifici di interesse storico e artistico e edifici di culto. COSTI DELLA POLITICA E DELL AMMINISTRAZIONE Comunità montane Approvata a novembre 2008 la Legge regionale per il contenimento dei costi e la riorganizzazione delle Comunità montane del Lazio. A luglio 2009 passa la delibera per ridurle da 22 a 14 con accorpamenti e fusioni, per un risparmio di 2 milioni di euro. Agenzie e società regionali Approvata nel gennaio 2008 la legge sulla riduzione degli enti e delle agenzie regionali. Superati 7 enti autonomi (gli altri vengono riorganizzati e razionalizzati). Società partecipate ridotte da 25 a 12, con annessi consigli di amministrazione e indennità. Riordino Ipab Nel corso della legislatura, le Ipab del Lazio sono state dimezzate: dalle 108 del 2005 alle 54 attuali. Personale Piano di riorganizzazione delle strutture dirigenziali e del Personale: i dirigenti sono passati dagli oltre 500 del 2005 ai 280 attuali, dopo l internalizzazione di quelli delle ex agenzie regionali. Risparmiati di 16 milioni nel Precari La Giunta regionale ha iniziato e concluso nel 2007 il percorso di stabilizzazione per gli oltre precari di Lazio Service, la società che forniva servizi alla Regione. 11

12 CULTURA E SPORT I beni culturali, la scelta delle eccellenze La Giunta regionale ha individuato i cinque Grandi Attrattori Culturali (Gac), ossia i luoghi di eccellenza di riconosciuto rilievo nazionale e internazionale, archeologico, architettonico o paesistico: Tivoli, Vulci, Fossanova, Mura Poligonali del frusinate, via del Sale nel reatino. Su di essi sono stati investiti tra fondi europei, nazionali e regionali destinati alla valorizzazione 115 milioni di euro. Nuovi spazi per lo spettacolo La Regione ha investito per i teatri del Lazio 42 milioni di euro di fondi europei Fas, grazie ai quali verranno restaurati, tra pubblici e privati, circa 65 teatri, e ne verranno realizzati alcuni nuovi, compresi il restauro dei teatri di Rieti, Latina e Viterbo e la costruzione del primo teatro pubblico della storia di Frosinone. Via Francigena La Regione sta rendendo percorribili i quattro itinerari regionali della via Francigena, con un investimento 20 milioni di euro, affiancando un complessa azione di promozione, coinvolgendo gli oltre 80 enti locali interessati, associazioni ed operatori culturali e turistici, fino ad attivare un vero e proprio gemellaggio col Cammino di Santiago da gennaio I servizi culturali: biblioteche, musei e archivi La Regione ha Investito in questi anni 43 milioni di euro per le biblioteche pubbliche e per i musei: una rete di 133 musei regionali, 244 biblioteche e archivi comunali. Sostegno al prodotto culturale In questa legislatura, si è riconosciuto finalmente il ruolo e la specificità delle imprese della cultura. Per la prima volta, la Regione Lazio ha esteso le convenzioni di accesso al credito stipulate con Unionfidi ad aziende operanti nel teatro, del cinema, nell editoria: erogati dalla Giunta circa 4 milioni e mezzo di euro per offrire nuove garanzie fideiussorie, che possono sviluppare garanzie per almeno 50 milioni di euro. Il Lazio è la prima regione ad aver varato una legge regionale a sostegno della lettura e della piccola e media editoria: un intervento per sostenere la diffusione del libro, abbattendo le barriere di accesso e facilitando la circolazione già dal 2009, con un piano da 1,2 milioni di euro. 12

13 IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z Cinema per tutti Investimenti con circa 6 milioni di euro per favorire la fruizione delle opere cinematografiche, la circuitazione di opere prime di qualità, la conoscenza dei nuovi linguaggi, La Regione ha realizzato un complesso di interventi sul territorio. Importante il progetto Voglia di cinema, che consente l ingresso nelle sale delle province a 2,50 euro. E con il sostegno a oltre 90 Festival cinematografici nel Lazio si promuove la valorizzazione di opere innovative, di giovani talenti nonché di conoscenza del linguaggio cinematografico. Lo spettacolo per tutti La Regione ha investito 30 milioni di euro in cinque anni per accrescere le opportunità di fruire dello spettacolo per tutti i cittadini, anche quelli lontani dai grandi centri urbani e dalle grandi istituzioni culturali, promuovendo attività di promozione del teatro, della musica, della danza e delle arti visive. Attraverso l associazione dei Teatri dei Comuni del Lazio sono stati realizzati spettacoli dal vivo, circa 400 iniziative con i giovani in 137 diversi comuni. La Regione ha delegato dal 2007 alle Province risorse per la cultura. 4,5 milioni di euro l anno in favore della crescita sul territorio dell offerta e della fruizione. Con le Officine culturali la Regione ha promosso un animazione culturale stabile sul territorio. Hanno messo a disposizione dei cittadini del Lazio 197 laboratori artistici, hanno realizzato 816 eventi dal vivo cui hanno assistito 125mila spettatori, riuscendo a coinvolgere circa addetti ai lavori - tra artisti, organizzatori e operatori culturali. Con le Officine sociali, abbiamo sostenuto le attività di spettacolo, come strumento di integrazione e riabilitazione negli istituti di pena della Capitale. Oggi il Lazio ha tre nuovi festival, manifestazioni di spettacolo dal vivo di livello internazionale, contributo rilevante alla valorizzazione di importanti beni culturali: i festival internazionali di Villa Adriana, di Vulci e di Fossanova. Infine, per la prima volta un bando regionale ha finanziato 33 produzioni inedite di spettacolo dal vivo. Nuovi spazi per lo Sport per tutti La Regione Lazio ha investito 44 milioni di euro per 120 interventi su impianti sportivi dei Comuni, 69 finanziamenti per la messa in sicurezza di impianti pubblici del Lazio, previsti dalla Legge Sicurezza nello Sport approvata a marzo 2009 e per 6 grandi complessi sportivi nelle province del Lazio. 13

14 DISTRETTI Distretti industriali Stanziati per il triennio 2006/ milioni di euro per bandi destinati ai distretti industriali del Lazio: - il Distretto della carta nasce nel 2007 e interessa oltre 90 imprese, quasi 2mila addetti e 16 comuni. A giugno 2009 aperto bando da 7 milioni di euro. - Il Distretto della nautica, istituito nel 2007, pone la Regione all avanguardia e coinvolge 500 imprese, 2mila lavoratori e 22 comuni. A giugno 2009 bando da 10 milioni di euro. - il Distretto della ceramica, a cui è stato destinato nel 2009 bando da 11 milioni. - il Distretto industriale dell elettronica concentra aziende operanti prevalentemente nell Ict, Information and communication tecnology, e nei servizi informatici. Raggruppa circa 400 imprese con oltre 8mila unità occupate, quasi il 20% del totale italiano, e presenta una crescita costante. Distretti tecnologici Il Distretto aerospaziale italiano a dimensione regionale, concentrato nella cosiddetta Tiburtina Valley, fattura 5 miliardi di euro l anno con oltre 30mila addetti, 250 tra aziende nazionali e internazionali, 10 centri di ricerca e 5 università. Per il settore la Regione ha stanziato oltre 60 milioni di euro di cui 30 della Regione e 30 del Miur ( ). Il Distretto tecnologico delle bioscienze è stato istituito nell aprile Oltre 77 milioni di euro disponibili per i prossimi anni (30 di fondi nazionali e 47 di provenienza regionale). Il Distretto sulle tecnologie per i beni culturali: una realtà cofinanziata da Regione e dai ministeri dell Università e della Ricerca e da quello dello Sviluppo per 61 milioni di euro dal 2008 al 2010 (dei quali 34 regionali) per la ricerca e la tecnologia applicata al mondo della cultura. Nel bandi da 13,4 milioni di euro e nella prima metà del 2010 se ne attendono altri per un totale di circa 25 milioni di euro. ENERGIE Rinnovabili La Regione ha autorizzato 277 MW di produzione di energia da rinnovabili (38 collegati alla rete, che diventeranno 64 entro il 2009) e 845 in attesa di autorizzazione. Nel 2005 era stato finanziato 1 solo MW. A oggi realizzati (dalla struttura della direzione ambiente) circa 230 impianti fotovoltaici, di cui circa 145 sulle scuole pubbliche. 14

15 IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z Durante questa legislatura indirizzate alle energie rinnovabili un quarto delle risorse finanziarie dedicate all Ambiente: 269 milioni di euro, 60 previsti dal 2009 al Piano energetico regionale Approvato a luglio 2008 in Giunta il nuovo Piano energetico regionale (Per). Il Piano ha tre priorità: investimenti sulle nuove tecnologie, risparmio energetico, sviluppo e diffusione delle fonti alternative. Obiettivo: quota 20% per le rinnovabili, ma anche nuova occupazione con 18mila addetti previsti nel FORMAZIONE E DIRITTO ALLO STUDIO Diritto allo studio universitario In questi anni aumentati fondi diritto allo studio universitario scolastico (20mila borse nel 2008). Da erogare entro il 2009 il fondo per le borse di studio di oltre 60 milioni di euro (25/30 milioni di euro dalle tasse universitarie, 31 milioni di euro dal riparto nazionale 2009 del Ministero e oltre 2,6 milioni regionali). Per il terzo anno consecutivo la Regione Lazio ha assegnato le borse di studio a tutti gli aventi diritto. Approvata il 4 giugno 2008, la nuova Legge per il Diritto allo Studio per un sistema integrato di interventi, servizi e prestazioni a favore degli universitari che prevede la trasformazione dell ex agenzia Laziodisu in ente pubblico dipendente dalla Regione. Residenze e posti alloggio In 5 anni la Regione ha realizzato 650 posti alloggio sugli oltre (più 300 per la mobilità internazionale) disponibili oggi, e per la prima volta nel Lazio tutti gli aventi diritto hanno un posto letto. 800 posti verranno inaugurati a febbraio 2009 e altri 450 sono già stati finanziati (16 milioni dallo Stato e 16 milioni regionali che dovrebbero arrivare dal Bilancio 2010). Un impegno finanziario dal 2004 a oggi di quasi 200 milioni di euro tra fondi nazionali e regionali (98 regionali). Si prevede di raggiungere i 4mila posti letto complessivi entro il 2010, dismettendo tutti quelli in affitto da strutture esterne. Nel 2007 varata l Agenzia degli affitti di Roma (protocollo Regione, Comune Roma, associazioni e proprietari) per affitti calmierati e contratti trasparenti. L Agenzia è attiva e molto efficiente e la gestione è passata dal Consorzio Pegaso a Laziodisu. Diritto allo studio scolastico Circa 86 milioni di euro disponibili nel 2009 per il diritto allo studio scolastico. Tra questi sono compresi: 15

16 - a giugno e ad agosto 2009 (poi in commissione a luglio) il Piano annuale di interventi per il diritto allo studio da circa 23 milioni di euro. 17 milioni di euro alle Province per le funzioni delegate e oltre 1,3 milioni per il diritto allo studio in genere, 1,8 milioni ai Comuni per l acquisto di scuolabus ecologici e altri fondi per disabilità. Oltre 2 milioni di euro a sostegno delle sezioni primavera (1 milione dalla Finanziaria e un altro dall assestamento 2009) per i bambini tra i 2 e i 3 anni. Negli scorsi due anni ne sono state aperte 133 in 59 Comuni per bambini; - ad agosto milioni di euro per borse studio, dei quali 4 per un assegno da 500 euro al mese per studenti meritevoli e a basso reddito che si iscrivono o si reiscrivono alle scuole superiori e 3 milioni assegnati ai Comuni per il comodato d uso dei libri. L assestamento di Bilancio 2009 ha stanziato 2,5 milioni di euro per prestito d onore e borse di studio; - a luglio 2009 la Giunta ha stanziato 56 milioni di euro per i percorsi triennali di istruzione e formazione professionale contro l abbandono scolastico (14-18 anni), 30 milioni di euro dalla Regione, 20 dal Fondo sociale europeo e 6 milioni nell assestamento di Bilancio 2009 (in 4 anni recuperati 8mila studenti). Legge regionale per la formazione in apprendistato La legge regionale 9/2006 prevede la possibilità per i giovani dai 18 ai 29 anni di sottoscrivere un contratto di apprendistato professionalizzante con l impresa per un piano formativo individuale (28 milioni di euro per circa 30mila giovani). Altre risorse per la Formazione Dopo gli anni di blocco europeo dei fondi Por per il cattivo utilizzo da parte della precedente Giunta, grazie al sensibile miglioramento dell azione di trasparenza e di controllo intrapresa, a partire dall inizio del 2009 vengono gradualmente sbloccati 103 milioni di euro dei quali abbiamo un livello di spesa impegnata quasi del 100%. Circa 15 milioni di euro spesi per la formazione con fini di inclusione sociale (immigrati, ex tossicodipendenti, rom, disabili). Oltre 16 milioni di euro per favorire le pari opportunità di genere nell accesso alla formazione (assistenti familiari e materne, imprenditoria femminile in vari settori, donne vittime di violenza). Piano triennale territoriale per la formazione ed istruzione tecnica superiore del Lazio. 16 milioni (10 milioni regionali più 6 del Fse) per la sperimentazione di istituti tecnici superiori (Its previsti dal Governo Prodi) nelle 5 province (13 poli formativi con 33 corsi Ifts con 16 bandi con quasi 10 milioni di euro investiti). Saranno strutture che richiederanno 2 anni di frequenza. 16

17 IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z INFRASTRUTTURE E MOBILITÀ Sistema aeroportuale Il Lazio diventa Regione del volo. Stop a Ciampino. Il secondo scalo del Lazio sorgerà a Viterbo (812 milioni di euro, 550 dallo Stato soprattutto per la viabilità e la funzionalità 254 per la costruzione e la gestione da parte di Adr); il terzo scalo a Frosinone ha visto il progetto di fattibilità approvato ad aprile 2009 dalla Giunta regionale. Attesa la VIA. Pendolarismo e Mobilità Per il nuovo piano regionale della Mobilità (linee guida passata in Giunta nel 2007) previsti 590 milioni di euro tra fondi europei (Por-Fesr Lazio e Par-Fas Lazio ) e fondi regionali investiti per il pendolarismo e il miglioramento della qualità e l efficienza del trasporto pubblico locale. Fr7-Fr8 Roma-Campoleone-Formia-Nettuno Per il raddoppio del binario tra le stazioni di Campoleone ed Aprilia sulla Fr7 e la Fr8, 32 milioni di euro Fesr-Fas-Regionali. Nuovi convogli e realizzazione del nuovo sottopasso ferroviario di Aprilia per consentire l adeguamento del terzo binario per i treni da e per Roma con 2,7 milioni di euro. Nuovi autobus ecologici Nuovi autobus per il servizio urbano ed extraurbano. 49 milioni di euro da fondi Fesr-Fas e regionali per l acquisto di circa 350 bus a basso/zero impatto ambientale. Programma parcheggi e nodi di scambio Con i fondi strutturali (Fesr e Fas) e regionali, pari a oltre 33 milioni di euro, saranno realizzati 26 nodi di scambio per circa 4mila posti auto in tutte le province. Primi cantieri da gennaio Ferrovia Roma-Civita Castellana-Viterbo Investimenti importanti per il raddoppio della linea ex concessa gestita da Met.Ro, Roma-Civita Castellana-Viterbo. 500 milioni di euro per il raddoppio della tratta Riano-S.Oreste-Pian Paradiso e per il tratto da Montebello a Riano e ancora per l eliminazione dei passaggi a livello e la riqualificazione di stazioni e acquisto convogli. Attesi da accordo con il Governo 600 milioni per il raddoppio della tratta da Bagnaia a Viterbo. Biglietti gratis ai giovani A marzo 2009 approvata la delibera sui trasporti gratis per studenti sotto i 17

18 25 anni con reddito Isee sotto i 20mila euro. 12 milioni di euro l anno per tre anni. Interessati circa 337mila giovani (42% del totale). Nel 2009 sono stati 35mila gli abbonamenti. Partita a novembre 2009 la campagna per il Ferrovia Roma Lido di Ostia Sulla Roma Lido sono già finanziati e previsti: potenziamento del sistema di segnalamento (4 codici) sulla tratta San Paolo Colombo; l avvio dell installazione di barriere antirumore; la realizzazione di un nuovo impianto terratreno e di informazione al pubblico; la realizzazione di una dorsale telefonica e telematica; la realizzazione della nuova fermata Acilia Sud (Dragona); la realizzazione dei muri fonoassorbenti nelle tratte di vicinanza dei fabbricati; il revamping di 19 treni provenienti da Metro A e rifacimento della Stazione di Tor di Valle. Il finanziamento, previsto dall accordo di programma quadro sottoscritto tra il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la Regione Lazio ammonta a 53 milioni di euro. La Littorina La Regione è impegnata nella riattivazione della linea ferroviaria Formia- Gaeta (9 km), nota come Littorina, soprattutto a fini commerciali. 26 milioni di euro che garantiranno collegamenti rapidi tra le due città del Golfo di Gaeta. Infomobilità Il Lazio è la prima Regione italiana a dotarsi di un Piano dell Infomobilità che consente l applicazione degli Its (Intelligent transport system). Attraverso la raccolta, la comunicazione, l elaborazione e la distribuzione di informazioni, è possibile migliorare l efficienza, la produttività, la sicurezza dei trasporti e la mobilità dei cittadini. Nel febbraio 2008 il Piano è stato approvato con delibera di Giunta. Tra le prime applicazioni nel settore del trasporto pubblico locale il Centro rilevazioni reclami Sms - Un sms per viaggiare meglio, il servizio sms gratuito dell Aremol, al numero 48310, per la segnalazione dei disservizi. La Giunta regionale ha dato il via libera all accordo siglato dalla Direzione regionale Trasporti con l Automobile Club d Italia per incrementare la sicurezza a bordo dei mezzi e nelle stazioni e diffondere la cultura della mobilità responsabile. Strade Il Lazio ha speso in questi anni 1,2 miliardi di euro in infrastrutture, erogando direttamente 150 milioni di euro e distribuendo il resto a livello locale, ma con l Accordo integrativo con il Governo si sbloccano investimenti per circa 3 miliardi di euro. Solo Anas, a novembre 2009, aveva in piedi 8,7 miliardi di euro di investimenti (opere in corso, di prossimo avvio e programmate). 18

19 IL NUOVO LAZIO, dalla A alla Z Sbloccati i cantieri per un arteria strategica come la Civitavecchia-Orte (100 milioni di euro dalla Regione) e saranno sbloccati entro il 2009 i cantieri anche per la Roma-Latina e la Cisterna Valmontone qualora arrivasse il parere dei Ministeri dopo la sospensione dell iter del progetto voluta dal Campidoglio. 60 milioni di euro per l adeguamento della Salaria da Passo Corese a Rieti e 14 milioni per il tratto tra Settebagni e Monterotondo. 50 milioni di euro per le complanari alla A24. Entro la fine della legislatura, dovrebbero essere consegnate la Sora-Frosinone-Ferentino e la Statale 156 dei Monti Lepini, il Nodo Squarciarelli e la variante dell Appia ai Castelli romani. Manutenzione stradale La Regione ha stanziato circa 200 milioni di euro per la manutenzione straordinaria dei km di viabilità regionale e ha concesso contributi a Comuni e Province per circa 260 milioni di euro. Astral ha in piedi finanziamenti per 320 milioni di euro, 41 per interventi ultimati, 147 in esecuzione e 132 per progetti pronti. OCCUPAZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO Piano per l Occupazione ( Oltre la crisi ) Per sostenere lo sviluppo dell occupazione, la crescita dell economia e contrastare la crisi, sono stati stanziati 50 milioni di euro destinati a tirocini, soggetti in condizione di svantaggio e lavoratori precari. 4,8 milioni di euro per ricollocazione lavoratori espulsi, 13 milioni di euro per piano tirocini, 14 milioni per i lavoratori precari e 3,5 milioni di euro per il reinserimento di persone sopra i 45 anni. Piano per l Occupazione femminile e giovanile Per interventi integrati per l occupazione femminile e per la conciliazione stanziati 35 milioni di euro nel Altri 9 milioni di euro per favorire occupazione e imprenditoria giovanile. Lavoratori socialmente utili Per la stabilizzazione e l utilizzazione degli Lsu (1.700 sui 6mila ereditati) stanziati 28 milioni di euro nel biennio Sicurezza sul lavoro Al Piano straordinario prevenzione degli infortuni sono stati destinati 15 milioni di euro nella delibera di ottobre 2009 (seguito ad eguale finanziamento investito nel triennio precedente). Istituiti L Ufficio speciale per la 19

20 sicurezza e l Osservatorio regionale sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro presso l Asp e il Comitato regionale di coordinamento, attività e vigilanza. 10 milioni di euro di fondi Docup sono stati resi disponibili a marzo 2009 per le Pmi commerciali che investono sulla sicurezza passiva nei posti di lavoro. Ad aprile 2009 attivato il Fondo regionale di solidarietà in favore delle famiglie che hanno avuto vittime sul lavoro: 10mila euro destinati a famiglie di persone decedute dopo il I gennaio Si parte con 1 milione di euro. Emersione del lavoro sommerso Approvata nel 2007 la Legge sulla tutela del lavoro e lotta al lavoro nero. Reddito minimo garantito Istituito nel 2009 il Reddito minimo garantito o minimo sociale garantito per disoccupati e precari tra i 30 e i 44 anni. 7mila euro l anno di sostegno, 580 euro mensili. 135 milioni di euro nel triennio PARTECIPAZIONE E TRASPARENZA Bilancio partecipato Il 20 giugno 2006 viene adottato il Regolamento regionale sulla partecipazione. Oltre 100 comuni realizzano ordinariamente il bilancio partecipato. Il bilancio regionale è stato votato nel 2009 da persone con il voto elettronico. Molti bandi sviluppo locale e opere pubbliche in primis prevedono l obbligo della partecipazione. Bilancio sociale e di genere La Regione dal 2007 approva anche il bilancio sociale e di genere al fine di accertare l impatto sociale e su donne e uomini delle proprie politiche economiche e finanziarie. Legge regionale sull Altra Economia Approvata per la prima volta in Italia una legge per sostenere e promuovere un equa distribuzione delle risorse, il rispetto dell ambiente e dei diritti umani, il commercio equo e solidale, l agricoltura biologica, il software libero, il turismo responsabile e le energie rinnovabili. Microcredito Istituito un fondo per il sostegno al Microcredito che viene finanziato con 21 milioni di euro dal 2008 al Il microcredito è una forma di sostegno a chi non ha accesso al credito bancario. È una vera innovativa misura di welfare. 20

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto

COORDINAMENTO Regione VENETO. LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto COORDINAMENTO Regione VENETO LA REGIONE CHE VOGLIAMO Le proposte dei manager per il Veneto 1 1) CONTESTO ISTITUZIONALE, RIFORME E ORGANIZZAZIONE AMMINISTRATIVA La governabilità del sistema Paese, la sua

Dettagli

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO

MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO MINISTERO DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI E DEL TURISMO PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE CULTURA e SVILUPPO FESR 2014-2020 Sintesi DICEMBRE 2014 1. Inquadramento e motivazioni Il Ministero dei Beni, delle

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013

L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 L.R. 13 Agosto 2011, n. 12 Disposizioni collegate alla legge di assestamento del bilancio 2011-2013 SOMMARIO Art. 1, comma 1 Modifiche all articolo 13 della legge regionale 14 luglio 2008, n. 10 (Disposizioni

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI

SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA DELL AMMINISTRAZIONE QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI SCHEDA 1: PROGRAMMA TRIENNALE DELLE OPERE PUBBLICHE AAAA/AAAA QUADRO DELLE RISORSE DISPONIBILI TIPOLOGIE RISORSE Entrate aventi destinazione vincolata per legge Entrate acquisite mediante contrazione di

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003

Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 Allegato 2 Rilevazioni dei dati quantitativi relativi alle leggi per il rapporto sullo stato della legislazione della Camera dei Deputati 2000-2003 progr. Anno legge Titolo della legge articoli commi

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore

Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Linee guida per una Riforma del Terzo Settore Esiste un Italia generosa e laboriosa che tutti i giorni opera silenziosamente per migliorare la qualità della vita delle persone. E l Italia del volontariato,

Dettagli

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL

Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di TPL REGIONE LAZIO Assessorato alle Politiche della Mobilità e del Trasporto Pubblico Locale LAZIOSERVICE S.p.A. Progetto Trasporti Controllo e monitoraggio della qualità erogata dalle aziende di Obiettivi

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t LEGGE REGIONALE 20 MAGGIO 2014, N. 26 Disposizioni per favorire l accesso dei giovani all agricoltura e contrastare l abbandono e il consumo dei suoli agricoli 2 LEGGE REGIONALE Disposizioni per favorire

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE. Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO. relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 5.7.2005 COM(2005) 304 definitivo 2005/0129 (CNS) Proposta di DECISIONE DEL CONSIGLIO relativa ad orientamenti strategici comunitari per lo sviluppo rurale

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università

Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università COS'È TORNO SUBITO Torno Subito è un'iniziativa della Regione Lazio Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola e Università finanziata con fondi POR FSE Lazio 2007-2013 Asse II Occupabilità; Asse V Transnazionalità

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

Al servizio del lavoro

Al servizio del lavoro www.lavoro.regione.lombardia.it Al servizio del lavoro Guida alle politiche di Regione Lombardia a sostegno dell occupazione. Opportunità e iniziative: per chi è disoccupato per i lavoratori colpiti dalla

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE

BOLLETTINO UFFICIALE Supplemento ordinario n. 160 al Bollettino Ufficiale n. 32 del 27 agosto 2011 Poste Italiane S.p.A. - Spediz. in abb. postale 70% - DCR Roma REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi:

I costi della crisi. Licia Mattioli. In Italia, dall inizio della crisi: I costi della crisi In Italia, dall inizio della crisi: Licia Mattioli abbiamo perso 9 punti di PIL abbiamo perso il 25% della produzione industriale il reddito disponibile è calato dell 11% in termini

Dettagli

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE

RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE RILEVAZIONE STATISTICA DEI PERMESSI DI COSTRUIRE, DIA,EDILIZIA PUBBLICA (DPR 380/2001, art. 7) SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO ISTAT/PDC/NRE

Dettagli

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09

Indice degli elaborati del PdG PIANO DI GESTIONE. Ambito territoriale dei Monti di Trapani. versione conforme al DDG ARTA n 588 del 25/06/09 Unione Europea Regione Siciliana Dipartimento Regionale Azienda Foreste Demaniali Codice POR: 1999.IT.16.1.PO.011/1.11/11.2.9/0334 Ambito territoriale dei Monti di Trapani PIANO DI GESTIONE versione conforme

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli