CNA: IL PATTO DI STABILITA E PEGGIORE DELLA CRISI E STRANGOLA LE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CNA: IL PATTO DI STABILITA E PEGGIORE DELLA CRISI E STRANGOLA LE IMPRESE"

Transcript

1 CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA VITA ARTIGIANA PERIODICO DELLA CONFEDERAZIONE NAZIONALE DELL ARTIGIANATO E DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA CNA PRATO CNA: IL PATTO DI STABILITA E PEGGIORE DELLA CRISI E STRANGOLA LE IMPRESE PRATO - Il patto di stabilità si sta rivelando peggiore della crisi. Gli enti pubblici hanno soldi in cassa ma non possono pagare le ditte fornitrici. Per i vincoli di questo patto i lavori già fatti e rendicontati restano surgelati nei cassetti degli enti - virtuosi o meno - e nel frattempo le imprese hanno due alternative: o morire di crediti, oppure far causa agli enti locali per ritardato pagamento. Così non è più possibile andare avanti. Giuseppe Marzano, nuovo membro di Presidenza della Cna, alza gli scudi contro il patto di stabilità che definisce un escamotage iniquo che sta mettendo in ginocchio moltissimi imprenditori, costretti, per problemi di liquidità dovuti alle insolvenze, a chiedere anticipi alle banche sui quali si ritrovano a pagare interessi da far tremare i polsi. La Cna ha lanciato l allarme da tempo e le conferme di una situazione al limite del collasso sono piovute in questi giorni dalle dichiarazioni dell assessore al bilancio della provincia di Prato e del sindaco di Livorno e presidente Anci regionale, Alessandro Cosimi. INDAGINE CNA Parla con noi di Comunicazione Partecipa all indagine!! Compila e rinvia il modulo a pag. 3 La Cna, prosegue infatti Marzano, sta facendo uno sforzo straordinario sul fronte del credito per sostenere le pmi, già strangolate da crisi globale, burocrazia, assenza di liquidità, dalla cattiva prassi delle insolvenze tra privati e dal black out dei pagamenti da parte delle istituzioni. Come se non bastasse poi, nella finanziaria 2010 sono programmati ulteriori tagli agli enti locali che andranno sicuramente a peggiorare sia l erogazione dei servizi a cittadini e imprese sia i pagamenti dovuti ai fornitori. Non intendiamo continuare a tollerare questo stato di cose. Sosterremo qualsiasi iniziativa venga presa per sbloccare la situazione e rafforzeremo l azione di sensibilizzazione che abbiamo avviato verso istituzioni, parlamentari e forze politiche, perché dobbiamo impedire che il black out dei pagamenti travolga centinaia di imprese mettendo a rischio posti di lavoro e sviluppo. In questo clima arroventato assume toni poco confortanti anche l ultima buona notizia giunta dall Europa dove è stata varata la direttiva contro i ritardi dei pagamenti nella p.a. che prevede tempi massimi di 60 giorni, trascorsi i quali scatterà una penale dell 8% per gli enti debitori. Bene - dice il vicepresidente - peccato però che il voto definitivo sia previsto solo ad ottobre e gli Stati membri avranno altri due anni di tempo per recepire la direttiva. Tempi biblici e difficili da reggere per le piccole imprese già in crisi liquidità sulle quali, malgrado la moratoria dei debiti bancari che abbiamo ottenuto insieme alle altre associazioni, continuano a pesare negativamente anche i criteri di Basilea 2, pensati per grandi imprese e per un modello economico che niente ha a che vedere con l ossatura economica del nostro paese, vale a dire le pmi sulle quali, non dimentichiamolo mai, si reggono ben due terzi dell occupazione nazionale. INCONTRI CON IL PRESIDENTE Il Presidente della CNA Artigianato, Anselmo Potenza, per incontrare gli associati è a disposizione ogni lunedì dalle ore alle ore nella sede centrale di via Zarini 350/c, previo appuntamento obbligatorio con la Segreteria CNA (Tel ) e specificando le motivazioni della richiesta Informazioni, Consulenze e Servizi su Commenta ogni notizia sul Blog CNA Scopri le novità e parla con noi su CNA n. 7/2010 di Vita Artigiana Periodico Mensile della Poste Italiane s.p.a. - Sped.abb.post. D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46), art. 1 comma 1, DCB Prato

2 Vita Artigiana Artigiani disoccupati: entro fine anno scatteranno gli aiuti Gli aiuti di sostegno al reddito per gli ex imprenditori artigiani rimasti senza lavoro potrebbero arrivare entro dicembre. Dopo l impegno messo in campo dalle associazioni - a cui è corrisposto l annuncio dato dalla Provincia in occasione del tavolo di distretto in agosto - ieri si è tenuta la prima riunione politico/operativa per mettere a punto i dettagli dell operazione a cui hanno partecipato Lamberto Gestri (presidente della Provincia), Ambra Giorgi (vicepresidente), Anselmo Potenza (Presidente Cna), Fabio Mazzanti (Direttore Cna) ed esponenti di Confartigianato. Nell incontro si è innanzitutto concordato che il provvedimento si rivolgerà a tutti gli ex lavoratori autonomi artigiani, a prescindere dal settore produttivo. Inoltre, le linee proposte dalla CNA si articolano su 4 fronti: accompagnamento alla pensione, sostegno al reddito, percorsi di riconversione professionale per favorire l occupazione e azioni di sostegno alla creazione di nuove imprese Resta aperta ad approfondimento la possibilità di prevedere un incentivo economico a quelle imprese che assumeranno ex artigiani, emulando un po il principio esistente con le liste di mobilità per i lavoratori dipendenti. La conferma del vicepresidente provinciale Ambra Giorgi sull intervento di sostegno al reddito e formazione sono a dimostrazione dell intesa trovata tra le parti. Come dichiarato dal Presidente Potenza: se vogliamo supportare questi artigiani è fondamentale muoversi su questi 4 punti strategici: un percorso importante sul quale Prato sta facendo da laboratorio e che potrebbe diventare persino un esperienza pilota a livello nazionale. Adesso il lavoro consiste nel mettere in pratica le indicazioni, soprattutto traducendo le necessarie agibilità tecniche agli strumenti a disposizione della Provincia. Per fare questo un gruppo tecnico misto tra funzionari delle associazioni e della Provincia, entro il mese di ottobre, predisporrà uno studio analitico sul possibile numero degli artigiani interessati e modalità per aprire un bando. Se tutto andrà come auspichiamo - conclude Potenza - questa volta entro l anno il lavoro delle associazioni e della Provincia potrebbe trasformarsi in risposte concrete per gli artigiani costretti ad uscire dal mercato per la crisi. GRANDE SUCCESSO DE Il Parco dell Artigianato Imprese protagoniste delle mostre mercato, anche a ottobre, novembre e dicembre Con il pubblico e gli acquirenti che hanno affollato anche il secondo appuntamento al centro commerciale Parco Prato dal 10 al 12 settembre, si conferma il successo dell iniziativa Parco dell Artigianato, la rassegna espositiva organizzata dalla Cna nella piazza centrale del centro commerciale in concomitanza con i week-end di apertura programmati da Unicoop. Queste le aziende di artigianato di eccellenza che hanno partecipato a questa seconda tappa: Vema di Vezzani Massimo / Falegnameria Senape / Confezione L.A. / Nuova Futurdivani / Confetteria Pistoiese / Termoidraulica Benini / La Bottega del Mosaico / Pelletteria / Sorridiamoci / Montaione Tartufi / Via dei Colli Le mostre-mercato delle imprese artigiane che operano nell artigianato artistico e tradizionale, accessori moda, articoli di sartoria, artigianato alimentare, articoli per la casa, articoli da regalo, cosmesi e articoli biologici torneranno protagoniste del Parco Prato in altre tre occasioni: 8-10 ottobre novembre dicembre Per informazioni o adesioni contatta l Ufficio Promozione CNA: Tel. 0574/ o invia una mail a Aut. Trib. Prato n 172 del 18/2/91 Dir. resp.: Mazzanti Fabio - Red. e Amm.: Via Zarini 350/C capo redattore: Alessandra Piersantini Stampa: Centro Stampa PO 2

3 Vita Artigiana INDAGINE CNA Parla con noi di Comunicazione La comunicazione CNA fa un altro passo verso il futuro multimediale e la grande alleanza tra la tradizionale informazione cartacea e il mondo del web produce una tappa epocale nel percorso di realizzazione del Centro di Comunicazione Integrata della CNA. Un Centro che si propone di spalancare a tutti gli imprenditori associati - di qualsiasi tipologia - un universo multimediale di notizie, aggiornamenti, informazioni e servizi sempre più specialistici e capillari per la gestione e lo sviluppo delle loro aziende. L altalena dei mercati e l evoluzione dell economia, del resto, non solo hanno accelerato enormemente il passo, i tempi e le necessità delle imprese, ma hanno fatto della comunicazione innovativa e integrata, ancor prima che un esigenza, un nuovo e fondamentale elemento di competitività, un valore aggiunto che impone la scelta e la sicurezza di essere costantemente aggiornati su qualsiasi novità tecnica, operativa, gestionale, creditizia, promozionale o di servizio, dovunque siamo. In linea con le previsioni di piano strategico sviluppate proprio dal gruppo di lavoro sulla comunicazione, il Centro di Comunicazione integrata CNA intende dunque ampliare, integrare e migliorare gli strumenti di messaggistica multimediale già sperimentati - mail, sms, sito internet Newsletters, Blog CNA, Facebook CNA, circuito Tv Conser - ed offrire agli associati finestre informative accessibili in tempo reale, con un semplice clik o sul cellulare, garantendo così il naturale completamento dei servizi CNA con la diffusione pertinente di notizie chiare, comprensibili e selezionate per accompagnare gli associati in ogni momento della loro realtà aziendale. Non solo. Una delle caratteristiche di questi strumenti è quella di non destinare agli utenti un ruolo passivo di semplici ricettori dei messaggi ma di renderli sempre più interattivi, conferendogli la possibilità di dialogare quotidianamente con la loro associazione e con la comunità CNA. In quest ottica, anche l obiettivo di superare la tradizionale comunicazione cartacea (con i tempi dilatati per la stampa e la non sempre efficace distribuzione postale) per approdare a un informazione moderna fatta soprattutto di partecipazione e di un interscambio costante e costruttivo tra l associazione e gli imprenditori, diventa una sfida che deve essere raccolta; una scelta innovativa a tutto vantaggio delle imprese associate. In questo percorso sono quindi determinanti le esigenze e le necessità informative dei diretti interessati, gli imprenditori, che possono aiutarci fin d ora nel non facile percorso di selezione delle informazioni e delle notizie che desiderano ricevere. Per questo vi sottoponiamo un semplice questionario che vi preghiamo di restituirci, compilato, via fax al numero o via mail ai seguenti indirizzi: oppure Questionario COMUNICAZIONE Segnalaci le tue Aree di Interesse Ragione sociale (facoltativo) Settore di attività Tel Mail Fax Sono interessato a ricevere notizie, aggiornamenti e comunicazioni su (segnala con un X le aree preferite): SERVIZI CNA (Servizi di gestione aziendale) UNIONI DI MESTIERE FINANZIAMENTI e CONTRIBUTI CONVENZIONI E ACCORDI CON LE BANCHE CONSULENZA FINANZIARIA E BUSINESS PLAN PROMOZIONE E VENDITA PRODOTTI INTERNAZIONALIZZAZIONE (Indagini di mercato e selezione operatori) AMBIENTE ENERGIA MEDICINA DEL LAVORO NUOVE IMPRESE SERVIZI CNA PERSONE PATRONATO EPASA / CNA SPORTELLO MIGRANET (Servizi per imprese extracomunitarie) CONVENZIONI NAZIONALI E PROVINCIALI CONSULENZA DEL LAVORO E CONTRATTUALISTICA CONSULENZA FISCALE E TRIBUTARIA CONSULENZA LEGALE E IMMOBILIARE ALTRO.. Compila il modulo entro il 20 ottobre e invialo al FAX 0574/ o via mail a: - Il modulo è scaricabile anche sul sito

4 Vita Artigiana POTENZA: CON LE RISORSE PUBBLICHE, SOSTEGNO DIRETTO ALLE IMPRESE PRATO - In questa crisi, con le scarse risorse pubbliche disponibili, sostenete, in primis, le aziende; non enti o soggetti intermedi che potrebbero anche non dare risultati diretti sui progetti di sviluppo delle imprese. Suona chiaro l appello che Anselmo Potenza lancia agli enti pubblici, prendendo spunto dal complesso degli interventi finanziari dalla Regione con fondi di provenienza europea. Si tratta di una serie di bandi per oltre 40 milioni di euro: risorse sulle quali il presidente della Cna non nasconde la preoccupazione che, per un motivo o per l altro, possano davvero concretizzarsi nei bilanci delle imprese per sostenere i programmi di sviluppo. Preoccupazione che si moltiplica se poi parliamo di piccole e micro imprese, che sono l asse portante del sistema toscano. Sul piatto ci sono 6 m.ni di euro del Fondo sociale europeo (il bando scade il 29 ottobre) destinati alla formazione di lavoratori e imprenditori in vari settori: manifatturiero, energia e ambiente, green economy, antichi mestieri, spettacolo e nautica. Su questi la Regione punta per rilanciare l economia ma soprattutto per stabilizzare e incrementare l occupazione. Scelta condivisibile - dice Potenza - Ma le caratteristiche fissate per l accesso alle risorse rischiano di lasciare fuori quasi tutte le imprese. Non sarebbe male aggiustare il tiro, perché in un momento di crisi come questo non è pensabile rischiare di escludere dai fondi proprio quelle imprese che di recente sono state costrette a licenziare o a ricorrere al lavoro temporaneo. Una seconda riflessione va poi fatta su altri 20 m.ni di euro per l innovazione tecnologica (il bando scade a novembre). Anche qui, dice Potenza le risorse sono destinate a imprecisate macrostrutture provinciali in grado di fornire servizi tecnologici alle imprese. Al contrario, sarebbe preferibile sostenere direttamente le imprese nei percorsi innovativi che sceglieranno, magari coadiuvate da esperti e sfruttando al meglio le strutture esistenti. Detto questo, resta invece positiva e importante la copertura finanziaria garantita attraverso i bandi Por.Creo: dai fondi di rotazione a sostegno degli investimenti delle aziende (14 m.ni di rifinanziamento fino al 2013) alle garanzie Fidi (10 m.ni di euro a sostegno della liquidità delle imprese) e alle consulenza sui servizi qualificati in ogni settore, compreso turismo e commercio. Si tratta di buoni interventi sui quali anche le associazioni svolgono opera di orientamento alle imprese e altrettanto positiva è anche la scelta di promuovere bandi integrati fra i diversi fondi disponibili, ipotesi sulla quale la Regione sta lavorando. Analizzando i vari provvedimenti, insomma, Potenza mette in guardia da quelle procedure e da quei vincoli che, come già accaduto, potrebbero rischiare di rendere inutilizzabili le già risicate risorse pubbliche. Incassato il sostegno al reddito dei lavoratori, del resto, questi sono, ad oggi, gli unici fondi messi a disposizione delle imprese - conclude Potenza - Con questi potremo iniziare le politiche attive su sviluppo, innovazione e formazione: tre temi chiave attorno ai quali si costruiscono le opportunità di crescita per dare futuro al distretto, alle aziende - tessili e non - che con fatica restano sul mercato producendo occupazione, e soprattutto alle imprese create e capitanate da giovani imprenditori sui quali si scommette il destino della nostra economia. CNASERVIZIPIU : CON EUROSHELL CARD, SCONTI ANCHE SUL GPL L emissione della euroshell Card è totalmente gratuita: zero costi per il rilascio delle carte, zero commissioni sulle transazioni, zero spese amministrative scegliendo la fatturazione elettronica. Con EuroShell Card ottieni: SCONTO sui rifornimenti GPL, diesel e benzina di 2 _ cent al litro* su SERVITO, SELF SERVICE e FAI DA TE. Inoltre: - Credito fino a 35 giorni, in media 27 giorni;< br />- Semplifica la contabilità - Puoi richiederla anche se hai 1 SOLO VEICOLO aziendale ed utilizzarla, inoltre, su mezzi a noleggio - Accettata in oltre distributori Shell, API, IP, TAMOIL, ESSO abilitati euroshell Card in Italia e all&r squo;estero - GRATUITA per un anno Questa opportunità è aperta a tutte le Imprese Associate CNA titolari di Partita IVA e iscritte da almeno un anno alla Camera di Commercio o a un Albo Professionale Per ottenere la EuroShell Card rivolgiti al numero CNA 0574/

5 Vita Artigiana NEWS PER LE IMPRESE CNA Federmoda e CNA Produzione incontrano l Assessore Simoncini I primi giorni di settembre una nutrita rappresentanza pratese insieme ai presidenti di Cna Federmoda, di Cna Produzione e del Presidente Cna Toscana Valter Tamburini, ha incontrato l Assessore Regionale alle Attività Produttive, Gianfranco Simoncini. Nel corso dell incontro è stato consegnato all Assessore un documento elaborato e condiviso dalle due Unioni che rappresentano la quasi totalità delle imprese manifatturiere di Cna. Nel documento, si è ribadito il ruolo centrale e strategico che le piccole imprese manifatturiere hanno all interno dell economia regionale mettendo al centro del dibattito il tema delle politiche di tutela del settore, anche attraverso gli ammortizzatori sociali, e di sostegno allo sviluppo, all internazionalizzazione, all innovazione e all etica delle imprese. Per avere un idea dell entità del manifatturiero in Toscana basti pensare che rappresenta oltre imprese di cui circa sono artigiane (fonte: ufficio statistico Regione Toscana), un vero esercito di aziende che garantisce lavoro a migliaia di persone ma che ha bisogno di una politica economica ad hoc per uscire dalla crisi. Nel documento consegnato all Assessore regionale sono stati elencati tutti i provvedimenti necessari al rilancio del manifatturiero toscano e dal canto suo Simoncini ha confermato l intenzione della Regione di intervenire a difesa e rilancio del settore, illustrando i progetti previsti per i prossimi mesi pur evidenziando la limitatezza delle risorse anche a seguito della recente manovra finanziaria del Governo che ha tagliato circa 320 milioni di euro alla Regione Toscana. Per consultare tutto il documento integrale vai sul sito CNA: APPALTI E SUBAPPALTI: ENTRATA IN VIGORE LA NUOVA NORMATIVA ANTIMAFIA E entrata in vigore il 7 settembre scorso la Legge Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia (L. n. 136 del 13 agosto 2010 pubblicata sulla GU n. 196 del 23 agosto 2010). Ecco le novità con immediato impatto sulle imprese che partecipano ad appalti e subappalti: - apertura di conti correnti (bancari o postali) dedicati, anche non in via esclusiva, alle commesse pubbliche; con tali conti devono essere pagati stipendi, contributi e tributi. Tutti i movimenti finanziari devono essere effettuati tramite bonifico bancario o postale, ad eccezione dei pagamenti ad enti previdenziali, assicurativi e istituzionali, quelli in favore di gestori e fornitori di pubblici servizi e quelli riguardanti tributi; per questi ultimi occorre però documentare la spesa. Per le spese giornaliere di importo inferiore o uguale a 500 euro possono essere utilizzati strumenti diversi dal bonifico, fermo restando il divieto di utilizzo del contante e l obbligo di documentare le spese. Entro 7 giorni dall accensione dei conti correnti occorre informare la stazione appaltante (art. 3); - la bolla di consegna del materiale deve indicare il numero di targa e il nominativo del proprietario dell automezzo che trasporta i materiali per l attività nei cantieri (art. 4); - sul tesserino di riconoscimento occorre riportare dei dati integrativi (art. 5): per i dipendenti, oltre alle generalità del lavoratore e al nominativo del datore di lavoro, occorre indicare la data di assunzione e, in caso di subappalto, l autorizzazione ad effettuarlo; per gli autonomi, oltre alle generalità del lavoratore, occorre indicare il nominativo del committente IMPRESE FEMMINILI: PROGETTI PER L INCREMENTO E LA QUALIFICAZIONE Il Comitato Nazionale di parità e pari opportunità nel lavoro ha formulato per il 2010 il Programma-obiettivo per l incremento e la qualificazione dell occupazione femminile (v. Il Programma prevede la possibilità di presentare progetti, dal 1 ottobre al 30 novembre, con tetto massimo di 200mila _ ciascuno, per promuovere l occupazione femminile, per il superamento delle disparità salariali e nei percorsi di carriera, per la creazione, lo sviluppo e il consolidamento di imprese femminili e per la creazione di progetti integrati di rete. Per le modalità di presentazione dei progetti si rimanda, oltre che al Programma-Obiettivo 2010, al DM 15/03/ 01 Disciplina delle modalità di presentazione, valutazione e finanziamento dei progetti di azioni positive per la parità uomo-donna nel lavoro di cui alla legge 10 aprile 1991, n. 125, come modificato dal decreto interministeriale 22/09/ 05 (GU 296 del 21/12/ 05). PER INFORMAZIONI E PER INOLTRARE DOMANDE RIVOLGITI IN OGNI SEDE CNA LEGNO E SERRAMENTI: CONTROLLI ASL DI PRATO La Asl n 4 di Prato ha avviato una ricognizione dei sistemi di captazione e delle lavorazioni del comparto legno e serramenti in legno. Il progetto prevede: 1) Settembre 2010: invio questionari alle aziende del settore legno 2) Ottobre 2010: disponibilità per incontri informativi presso le aziende che ne faranno esplicita richiesta 3) 30 Novembre 2010: termine ultimo per la consegna dei questionari 4) Dicembre 2010: esame della documentazione e prime valutazioni 5) Da Gennaio 2011: programmazione degli interventi di vigilanza presso le aziende. Gli interventi di vigilanza e le conseguenti azioni di controllo saranno indirizzate dall ASL verso le aziende inadempienti alla restituzione del questionario compilato. Gli uffici della CNA sono a disposizione per la compilazione del questionario e per il controllo della documentazione dell azienda in materia di Salute e Sicurezza sul Lavoro. CNA raccomanda l importanza di una manutenzione e pulizia periodica del sistema di aspirazione delle polveri di legno. Per informazioni ed appuntamenti: Ufficio Ambiente - Tel Lavoro e Medicina srl - Tel mail o SOSTEGNO AL REDDITO PER APPRENDISTI LICENZIATI: SIGLATO L ACCORDO Il 6 settembre scorso la Regione Toscana e le Parti Sociali regionali hanno sottoscritto l Accordo Quadro, attraverso il quale si individua una forma di sostegno al reddito nei confronti degli apprendisti licenziati e privi di ammortizzatori sociali. La misura di cui all oggetto viene riconosciuta agli apprendisti licenziati nel corso del 2010, purché siano stati assunti con tale qualifica dopo il 29/11/2008 (non devono, infatti, essere beneficiari dei trattamenti di cui all art. 19, comma 1, lettera c), 1-bis, 1-ter, Legge 2/2009) e abbiano maturato presso il datore di lavoro che effettua il licenziamento un anzianità aziendale di almeno 12 mesi, di cui 6 di lavoro effettivamente prestato. Per la presentazione della domanda si dovrà attendere l emanazione della relativa delibera regionale e la definizione, in accordo con l Inps, dell apposita modulistica. Ulteriori informazioni possono essere richieste agli Uffici Paghe CNA. Seminario Tecnico CNA INSTALLAZIONI CNA Installazioni Toscana, insieme a CNA Installazioni Prato, Firenze e Pistoia organizzano il Seminario Tecnico su: Il deposito presso lo sportello unico per l edilizia del progetto e della dichiarazione di conformità previsti dal Decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 22 gennaio 2008 n.37 Venerdì 8 ottobre ore Calenzano (Fi) Hotel Delta Florence L evento è organizzato in collaborazione con Regione Toscana, Direzione Generale diritto alla salute e politiche di solidarietà Settore ricerca, sviluppo e tutela del lavoro. 5

6 PROGRAMMA FORMATIVO PER LE PMI Le aziende sono invitate a prenotarsi subito PRATO - Dopo il via libera ai contributi europei per la formazione di dipendenti, titolari, soci o collaboratori di aziende, CNA insieme ad altre associazioni ha messo a punto - attraverso l agenzia formativa Sophia, accreditata presso la Regione Toscana - un programma di formazione specifico per le piccole e medie imprese, chiamate a prenotare la propria partecipazione urgentemente. La celerità non è di poco conto, visto che le modalità di accesso alle varie tipologie di finanziamento e alle risorse disponibili sono particolarmente complesse e difficoltose. In questo caso infatti, la prenotazione delle aziende è necessaria per accedere a colloqui preliminari con gli esperti che hanno l incarico di costruire i percorsi formativi dopo aver valutato le reali esigenze di ogni singola impresa interessata. Scendendo nel dettaglio, il programma formativo per le pmi prevede pacchetti differenziati di percorsi formativi e consulenziali - che si svolgeranno a partire dal 2011 suddivisi tra teoria e pratica in azienda - studiati appositamente per rafforzare la competitività delle imprese ma anche per valorizzare le competenze e promuovere l innovazione sia nella fase di gestione sia nell organizzazione aziendale. I percorsi formativi che sono stati interamente finanziati saranno suddivisi in tre macro settori: area fiscale e gestione d impresa (strumenti e tecniche per gestire un azienda, efficienza organizzativa e fiscalità d impresa); area commercializzazione, marketing e comunicazione (dalle tecniche di vendita e commercializzazione alla costruzione di reti di vendita, dall internazionalizzazione di impresa alla gestione del rapporto con i clienti) e, infine, area aggiornamenti tecnici e specializzazioni. Per informazioni è possibile telefonare fin d ora allo 0574/ o inviare una mail all indirizzo RIPARTONO I CORSI AMATORIALI DI TAGLIO E CUCITO Quanto costa fare un orlo a pantaloni e gonne, o sostituire una cerniera ai jeans, o applicare sui propri abiti decorazioni personalizzate? Fermo restando che non è facile trovare chi si dedica a queste attività, in tempi di crisi anche il costo per i piccoli lavori di cucito potrebbe risultare una spesa da tenere sotto controllo. E allora, perché non imparare a modificare con le proprie mani i capi di vestiario di tutta la famiglia? Da questa considerazione e da alcune richieste di interesse è nata l idea di Sophia. agenzia formativa della Cna, di organizzare corsi di taglio e cucito per aspiranti sarti amatoriali. Il primo dei quattro percorsi è dedicato al Corso Base di riparazione capi d abbigliamento con cui ci si propone di far riscoprire la tradizionale arte delle riparazioni, per abbellire e perfezionare il proprio guardaroba. I partecipanti impareranno a fare un orlo (gonna, pantalone, maniche), attaccare una cerniera (invisibile, jeans, fischio) fare un occhiello a mano ed a macchina, attaccare bottoni, e stringere o allargare i propri capi di abbigliamento. I percorsi successivi prevedono poi altri tre proposte: corso gonna pantalone, corso gonna, corso pantalone che puntano a far acquisire ai partecipanti le conoscenze necessarie a creare semplici modelli e a confezionare capi d abbigliamento personalizzati. Per iscriversi è sufficiente telefonare allo 0574 / Il corso di base si terrà il 7, 12, 14 e 18 ottobre nella sede di via Zarini 350/c. NUOVO CORSO FORMATIVO PER WEDDING PLANNER Pianificare e gestire in maniera impeccabile l organizzazione di un matrimonio, ed essere retribuiti per curare la regia di un evento dove le emozioni e l atmosfera magica si fondono con mille problemi pratici da risolvere: dalle scenografie alle location, dai decori floreali al catering, dalle acconciature all abbigliamento, dalla colonna sonora al servizio fotografico. Il tutto, rispettando, in primis, preferenze, gusti e capricci dei committenti. E questo il lavoro - tutt altro che facile - del wedding planner, una figura professionale sempre più richiesta non solo dalle giovani coppie ma anche dalle imprese specializzate in questo settore. Proprio per aprire nuove opportunità occupazionali a coloro che aspirano a trasformarsi in wedding planner, Sophia, l agenzia formativa della Cna taglia il nastro del nuovo corso formativo dedicato sia agli operatori del settore matrimoni ed affini, sia a coloro che vogliono avviare un attività di organizzazione eventi e matrimoni o a coloro che vogliono trasformare la propria capacità organizzativa in professione. A partire da settembre e con 18 ore di teoria e 6 di pratica - che verranno effettuate al Faculty Club Aliante di Sesto Fiorentino e allo stand di Crea srl fiera Tutto Sposi a Firenze - i partecipanti potranno ottenere l attestato imparando tutti i segreti di questa nuova professione: dal marketing alle modalità del servizio, dai budget planner alle tempistiche, dalle modalità per fronteggiare gli imprevisti a come costruire progetti di nozze a tema, dagli incontri con la coppia alla contrattualistica, dall organizzazione dei banchetti al bon ton. In questo caso tra l altro, le imprese interessate al corso - con sede in provincia di Prato - potranno richiedere alla C.c.i.a.a. un contributo a fondo perduto pari al 50% del costo dei costi. Per iscrizioni è possibile telefonare allo o inviare una mail a 6

7 UN MONDO DI SCONTI PENSATI PER TE CON IL CATALOGO CNA SOCIO PER SOCIO!! RITIRA LE CARTOLINE IN OGNI SEDE CNA e QUANDO ACQUISTI PRODOTTI O SERVIZI RICHIEDI IL TIMBRO SULLE CARTOLINE!! CONQUISTERAI ALTRI VANTAGGI E BUONI ACQUISTO!!! Gentile Associato, come saprai, è in distribuzione la Nuova Edizione del Catalogo Socio per Socio : per te CENTINAIA di OFFERTE vantaggiose e scontate in ogni categoria merceologica * In più, quest anno, ad ogni acquisto che effettuerai, RICORDA DI FAR TIMBRARE le CARTOLINE PUBBLICITARIE della campagna promozionale Anche noi utilizziamo SOCIO PER SOCIO. CNA una Comunità di opportunità. Potrai ottenere altri BUONI SPESA da 30 _ per il tuo shopping a: Decathlon Prato, Tenuta La Borriana, Pasticceria Caffè Leonardo, Forno e Pasticceria Sans Gluten L offerta è riservata a tutti coloro che, ogni 3 mesi, consegneranno nella sede CNA di Via Zarini, 350/c, 3 cartoline timbrate dagli inserzionisti del Catalogo Socio per Socio che attesteranno gli acquisti effettuati. I buoni spesa potranno essere utilizzati entri 3 mesi dalla consegna. (*) Gli sconti sono riservati agli Associati CNA, Pensionati CNA, e Amici della CNA. Per ottenerli è sufficiente esibire la tessera al momento dell acquisto. La Campagna promozionale è stata realizzata con la collaborazione del Gruppo Giovani Imprenditori CNA

8 Veicoli Commerciali Opel. Se cercavi un occasione per ripartire, l hai trovata. Mentre gli altri pensano ancora alle ferie, Combo, Vivaro e il nuovo Movano pensano già a te. Scegli fino a 22 m 3 di carico, nuovi motori anche euro 5 e con F.AP, tutti a condizioni davvero irripetibili. A settembre, riparti col piede giusto. Parti coi Veicoli Commerciali Opel. SOLO A SETTEMBRE Fino a e di ecoincentivi Opel

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ

CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD: MANUALE/FAQ A) ASPETTI GENERALI SU CONFCOMMERCIO MEMBERSHIP CARD na Carta di Credito TOP senza uguali sul mercato. Per gli Associati che non vorranno o non potranno avere

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore!

Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! Come trovare clienti e ottenere contatti profilati e ordini in 24 ore! oppure La Pubblicità su Google Come funziona? Sergio Minozzi Imprenditore di informatica da più di 20 anni. Per 12 anni ha lavorato

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

Soluzioni di risparmio

Soluzioni di risparmio Soluzioni di risparmio Alla ricerca delle spese nascoste Visibile Gestita totalmente Aereo Treno Gestita tradizionalmente Servizi generalmente prenotati in anticipo e approvati dal line manager Meno potenziale

Dettagli

Resellers Kit 2003/01

Resellers Kit 2003/01 Resellers Kit 2003/01 Copyright 2002 2003 Mother Technologies Mother Technologies Via Manzoni, 18 95123 Catania 095 25000.24 p. 1 Perché SMS Kit? Sebbene la maggior parte degli utenti siano convinti che

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA

Il MERCATO. del LAVORO in LOMBARDIA Il MERCATO Dipartimento Mercato del Lavoro del LAVORO in LOMBARDIA Legge Regionale 22 approvata il 19 settembre 2006 dal Consiglio Regionale Lombardo ll nuovo testo è migliore rispetto al precedente su

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI

PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI ASSOCIAZIONE ROS ACCOGLIENZA ONLUS Piazza del Popolo, 22 Castagneto Carducci (LI) Tel. 0565 765244 FAX 0586 766091 PROGETTO ACCOGLIENZA RIFUGIATI SOMALI Target I beneficiari del progetto saranno circa

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI

L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI L IDEA PER FAR CONOSCERE A TUTTI IL VOSTRO LAVORO E LA VOSTRA PASSIONE I VOSTRI CAVALLI La nostra iniziativa vuole essere un aiuto agli allevatori per raggiungere ogni potenziale cliente e trasformarlo

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM

La Guida di. La banca multicanale. In collaborazione con: ADICONSUM La Guida di & La banca multicanale ADICONSUM In collaborazione con: 33% Diffusione internet 84% Paesi Bassi Grecia Italia 38% Spagna Svezia Francia 80% Germania Gran Bretagna 52% 72% 72% 63% 77% Diffusione

Dettagli

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12

Entrate... 11 Uscite... 11 Trasferimento... 11 Movimenti ricorrenti... 11 Movimenti suddivisi... 12 Data ultima revisione del presente documento: domenica 8 maggio 2011 Indice Sommario Descrizione prodotto.... 3 Licenza e assunzione di responsabilità utente finale:... 4 Prerequisiti:... 5 Sistema Operativo:...

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso.

Deutsche Bank Easy. db contocarta. Guida all uso. Deutsche Bank Easy. Guida all uso. . Le caratteristiche. è il prodotto di Deutsche Bank che si adatta al tuo stile di vita: ti permette di accedere con facilità all operatività tipica di un conto, con

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet

Lavoro Occasionale Accessorio. Manuale Utente Internet Lavoro Occasionale Accessorio Internet 1. Introduzione... 3 1.1 Obiettivo del documento... 3 1.2 Normativa... 3 1.3 Attori del Processo... 4 1.4 Accesso Internet... 5 1.4.1 Accesso Internet da Informazioni...

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi

Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi Il fenomeno della globalizzazione nell era di internet: molti i vantaggi ma anche gli svantaggi La globalizzazione indica un fenomeno di progressivo allargamento della sfera delle relazioni sociali sino

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi,

Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, Nella Vostra Azienda c è una flotta di autoveicoli indispensabile per la Vostra attività? Vorreste ottimizzarne l utilizzo, generare dei risparmi, incrementarne la resa ma pensate che sia necessario un

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche

Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... 12 disegni per sorridere e riflettere su come sarebbe il mondo senza le banche Se la Banca non ci fosse... Come accade per tutte quelle aziende che servono in ogni momento

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA

LA guida DI CHI è ALLA GUIDA la guida DI CHI è alla guida SERVIZIO CLIENTI Per tutte le tue domande risponde un solo numero Servizio Clienti Contatta lo 06 65 67 12 35 da lunedì a venerdì, dalle 8.30 alle 18.00 o manda un e-mail a

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015. CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CONTRIBUTI A CARICO DELLE SOCIETÀ NON PROFESSIONISTICHE E CENTRI MINIBASKET Consiglio federale n. 6 del 10 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE N. 1097 del 10 maggio 2014 Indice

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA

MARCA DA BOLLO REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO 17, 00144 ROMA MOD. Art/A 1-07-2002 15:17 Pagina 1 Numero ALBO MARCA DA BOLLO Mod. ART/A ISCRIZIONE DI DITTA INDIVIDUALE REGIONE LAZIO COMMISSIONE PROVINCIALE PER L ARTIGIANATO DI ROMA C/O C.C.I.A.A. - VIA OCEANO INDIANO

Dettagli

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI

IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI IL PROGRAMMA NAZIONALE DI PREVENZIONE DEI RIFIUTI Con decreto direttoriale del 7 ottobre 2013, il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ha adottato il Programma Nazionale di

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE

CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE Formiche.net 9 settembre 2013 CONCILIAZIONE VITA/LAVORO: È TEMPO DI SCEGLIERE di Alessandra Servidori Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali Enrico Giovannini e il Vice ministro Cecilia Guerra

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità

Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Garanzia Giovani a un anno dall'avvio: dalle voci dei giovani emergono tante criticità Affidati al monitoraggio di ADAPT e Repubblica degli Stagisti ben 3mila racconti: il problema principale sono i lunghi

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020

Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 DATA: 29/8/2013 N. PROT: 475 A tutte le aziende/enti interessati Seminario Europrogettazione - I nuovi programmi comunitari a gestione diretta per il periodo 2014-2020 Roma, 15-16 ottobre 2013 Bruxelles,

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli