Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale"

Transcript

1 Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIV, N 2 Novembre 204 A cura dei componenti dei TEAM MULTIDISCIPLINARI NAO AZIENDA ULSS 6, AZIENDA A OSPEDALIERA E IOV I nuovi anticoagulanti orali (NAO) nella fibrillazione atriale non valvolare (FANV): Domande & Risposte Sommario: Epidemiologia della FA Valutazione del rischio tromboembolico Valutazione del rischio emorragico Caratteristiche dei NAO 3 Il Time in Therapeutic Range (TTR) NAO e pazienti naive 5 NAO e pazienti già in trattamento con AVK Passaggio da AVK a NAO 6 Valutazioni iniziali 6 Valutazioni periodiche 6 NAO e insufficienza renale cronica Gestione pratica dei NAO 7 Controlli di laboratorio 8 Effetti indesiderati 8 NAO e interazioni tra farmaci Sospensione dei NAO 9 Gestione degli eventi emorragici Prescrivibilità dei NAO Bibliografia 2 Il presente documento, nato dalla collaborazione tra gli specialisti dei gruppi di lavoro dell Azienda ULSS 6, dell Azienda Ospedaliera di Padova e dell Istituto Oncologico Veneto, sintetizza in un formato di Domanda e Risposta quanto presentato nel corso dei precedenti sei incontri formativi sul tema rivolti ai MMG e agli specialisti. Il testo fa riferimento anche alle Linee di indirizzo per l impiego dei NAO nella Regione Veneto, approvate con Decreto n. 75/203 []. L obiettivo principale è quello di ottimizzare il trattamento con farmaci anticoagulanti nel territorio dell ULSS 6 in base a principi di appropriatezza prescrittiva e di equità di accesso alle cure. Q Q2 Qual è l epidemiologia della FA e quali i rischi associati? La fibrillazione atriale (FA) rappresenta la forma di aritmia cardiaca più comune che nell 85-90% dei casi si presenta nella forma di fibrillazione atriale non valvolare (FANV). Nel Veneto, la prevalenza della FA nella popolazione generale è stimata essere compresa tra l -2% e un incidenza di circa 3 casi per 000 anni/persona [2]. È doveroso precisare che la prevalenza della FA aumenta con l età, arrivando intorno all - 8% nei soggetti con più di 80 anni. Studi epidemiologici indicano che la FA rappresenta un fattore che aumenta di 5 volte il rischio di manifestare uno stroke ischemico ed è responsabile del 5% circa di tutti gli ictus e del 30% degli ictus nelle persone ultraottantenni. Tale complicanza, si verifica in proporzione diversa nei diversi sottogruppi di pazienti sulla base di una serie di fattori di rischio. Come valutare il rischio tromboembolico individuale? Il rischio tromboembolico varia con l età, il sesso e la presenza di co-morbidità. La Regione Veneto raccomanda l impiego del punteggio CHA 2 DS 2 -VASc (Tabella ) in quanto, rispetto alla più nota scala CHADS2, permette una classificazione più sicura ed accurata dei pazienti a rischio tromboembolico più basso [3]. Il rischio di eventi/anno stimato, sulla base della somma individuale del punteggio ottenuto applicando il CHA2DS 2 -VASc, varia dal 2% (score ) al 23,6% (score 9) [4].

2 Pagina 2 Tabella. Score CHA 2 DS 2 -VASc per la valutazione del rischio cardioembolico [3] C H Fattore di rischio tromboembolico Congestive heart failure: insufficienza cardiaca congestizia (frazione d eiezione del ventricolo sinistro 40%) Hypertension: ipertensione arteriosa sistemica (valori costanti al di sopra di 40/90 mmhg o ipertensione trattata) Punti A Age: età 75 anni 2 D Diabetes mellitus: diabete mellito S 2 Prior Stroke or TIA: precedente ictus/attacco ischemico transitorio (TIA)/tromboembolismo 2 Vascular disease: malattia cardiovascolare V (precedente IMA o malattia arteriosa periferica o placca aortica) A Age: età anni Sc Sex: sesso femminile Punteggio CHA 2 DS 2 -VASc totale: 0 = rischio tromboembolie/anno basso (0,78%) = rischio tromboembolie/anno moderato/intermedio (2,0%) 2 = rischio tromboembolie- /anno alto (> 3,7%) Q3 Come valutare il rischio emorragico individuale? Tutte le terapie anticoagulanti orali (TAO), benché efficaci nel ridurre il rischio embolico, sono gravate da un rischio non trascurabile di emorragie maggiori e di emorragie intracraniche (BOX ). Pertanto, per ogni paziente candidabile a TAO, si dovrebbe valutare anche il rischio di sanguinamento. A tal fine è stato elaborato il punteggio HAS-BLED (Tabella 2) che consente di valutare il rischio individuale di sanguinamento prima di iniziare una TAO [5]. BOX - TAO: bilancio tra rischio tromboembolico e rischio emorragico Il punteggio HAS-BLED può essere d aiuto nel processo decisionale in merito alla TAO, in quanto permette di individuare i fattori emorragici correggibili (es. pressione arteriosa non controllata, impiego concomitante di altri farmaci che causano sanguinamento, abuso di alcool) e incentivare la sorveglianza clinica. Nei casi in cui il rapporto rischio-beneficio non è chiaramente evidente, il ruolo clinico maggiore dovrebbe essere svolto dallo score tromboembolico ottenuto con il CHA 2 DS 2 -VASc (un ictus ha di norma conseguenze più gravi di un emorragia gastrointestinale). Tabella 2. Score HAS-BLED per la valutazione del rischio emorragico [5] H A S B L Fattore di rischio emorragico si- Hypertension:ipertensione stolica 60 mmhg Abnormal liver/renal function: Funzione epatica e renale anormali quali cirrosi, alterazioni parametri epatici (es. bilirubina > 2 volte e/o enzimi epatici > 3 volte), dialisi, creatinina 200 mmol/l) Stroke history: Pregresso ictus o TIA Bleeding: Anamnesi di emorragia o tendenza emorragica Labile INRs: INR labile con tempo medio trascorso nel range terapeutico <60% Punti o 2* E Age: età > 65 anni D Drugs: farmaci e alcool (assunzione di antipiastrinici o FANS e/o abuso di alcool) o 2* * punto se presente un fattore di rischio, 2 punti se presenti entrambi i fattori di rischio Punteggio HAS-BLED totale: 0-2 = rischio emorragie maggiori/anno basso (,3% -,88%) 3 = rischio emorragie maggiori/anno alto (> 3,74%)

3 Pagina 3 Q4 Quali sono le principali differenze tra i NAO e il warfarin? Per decenni i derivati cumarinici o anti vitamina K - AVK (warfarin e acenocumarolo) hanno rappresentato la terapia di elezione per la prevenzione di eventi tromboembolici associati alla FA. Questi farmaci, benché di comprovata efficacia, presentano una finestra terapeutica piuttosto ristretta tra benefici (azione anticoagulante) e rischi (eventi emorragici) rendendo così obbligatoria una costante e frequente attività di monitoraggio per verificare il mantenimento dei valori di INR entro l intervallo terapeutico raccomandato (2,0-3,0). La ricerca farmacologica si e proposta pertanto di ovviare agli inconvenienti degli AVK, cercando di sviluppare farmaci orali con caratteristiche di sicurezza almeno sovrapponibili e con un meccanismo d azione che ne renda più semplice la gestione del dosaggio e ne riduca le interazioni farmacologiche. Al momento attuale sono registrati in Italia nuovi anticoagulanti orali che agiscono come inibitori diretti del fattore II (dabigatran) o del fattore Xa (rivaroxaban e apixaban) le cui caratteristiche farmacologiche, confrontate con il warfarin, sono riportate nella Tabella 3. In generale si può affermare che tutti i NAO hanno in comune la caratteristica di avere una rapida comparsa e scomparsa dell effetto anticoagulante. Inoltre, questi farmaci presentano un effetto dose-risposta prevedibile e, pertanto, non necessitano di monitoraggio dell'anticoagulazione. In particolare il loro effetto anticoagulante, entro certi limiti, risulta essere proporzionale alla loro concentrazione plasmatica. Studi clinici randomizzati di ampie dimensioni e di buona qualità metodologica (come validità interna) ne hanno dimostrato l'efficacia e la sicurezza in studi della durata media di 2 anni, rispetto al warfarin, candidandoli a diventare un trattamento vantaggioso per una quota di pazienti affetti da FANV (Tabella 4). Tabella 3. Caratteristiche dei NAO e del warfarin Dabigatran (Pradaxa ) Rivaroxaban (Xarelto ) Apixaban (Eliquis ) Warfarin (Coumadin ) Meccanismo d azione Inibitore diretto e reversibile della trombina (fattore II) Inibitore selettivo diretto del fattore Xa Inibitore selettivo diretto del fattore Xa Riduzione sintesi Fattori coagul. vit. K dipendenti Posologia 50 mg b.i.d. 20 mg o.d. 5 mg b.i.d. Posologia nell IRC (ClCr ml/min) 50-0 mg b.i.d. (v. Tabella 7) 5 mg o.d. 2,5 mg b.i.d. dose o.d. (INR dipendente) dose o.d. (INR dipendente) Biodisponibilità 3-7% (sensibile al ph) 60-80% (a digiuno) 00% (coi pasti) 50-60% >95% Effetto sull assorbimento da parte del cibo Nessuno Aumentato (assumere coi pasti) Nessuno Forte Tempo di comparsa dell - effetto anticoagulante Breve (3 h) Breve (3 h) Breve (3 h) Lungo (3-6 giorni) Emivita (t /2 ) 2-7 h 5-3 h 9-4 h h Tempo di scomparsa dell effetto anticoagulante Breve (24 h) Breve (24 h) Breve (24 h) Lungo (4-5 giorni) Metabolismo No CYP P-glicoproteina Parziale (CYP3A4 e CYP2J2) P-glicoproteina Parziale (CYP3A4 e CYP2J2) P-glicoproteina CYP2C9 Via di eliminazione Renale (80%) Renale (33%); fecale (66%) Renale (25%), fecale (75%) Renale (92%) Necessità di terapia ponte con eparine Non necessaria Non necessaria Non necessaria Necessaria Monitoraggio Funz. renale (v. Q) Funz. renale (v. Q) Funz. renale (v. Q) INR Specifico antidoto Non disponibile Non disponibile Non disponibile Disponibile

4 Pagina 4 Tabella 4. Disegno, tipologie di pazienti e principali risultati degli studi registrativi dei NAO Dabigatran (RE-LY) [6] Rivaroxaban (ROCKET-AF) [7] Apixaban (ARISTOTLE) [8] Disegno dello studio Tipo di studio randomizzato (in aperto) di non inferiorità rispetto a warfarin randomizzato (doppio cieco) di non inferiorità rispetto a warfarin randomizzato (doppio cieco) di non inferiorità rispetto a warfarin N. pazienti arruolati Esito primario efficacia ictus + embolie sistemiche ictus + embolie sistemiche ictus + embolie sistemiche Esito primario sicurezza sanguinamenti maggiori sanguinamenti maggiori sanguinamenti maggiori Durata dello studio 2,0 anni,9 anni,8 anni Schema di trattamento warfarin vs dabigatran (0-50 mg b.i.d.) warfarin vs rivaroxaban (20 mg o.d.) warfarin vs apixaban (5-2,5 mg b.i.d.) Caratteristiche dei pazienti Età (anni) 7,5 ± 8,7 [media] 73 (65-78) [mediana (IQR)] 70 (63-76) [mediana (IQR)] % pazienti 75 anni 39% 43% 3% % donne arruolate 37% 40% 36% TTR (braccio warfarin) 64% 55% 62% CHADS2 score (media) 2, 3,5 2, Principali esiti (% eventi/anno - NAO vs warfarin) Esito primario efficacia: ictus + embolie sistemiche Esito primario sicurezza: sanguinamenti maggiori,53% (0 mg) vs,69% ( ),% (50 mg) vs,69% (*) 2,7% (0 mg) vs 3,36% (*) 3,% (50 mg) vs 3,36% ( ) 2,2% vs 2,42% ( ),27% vs,60% (*) 3,60% vs 3,45% ( ) 2,3% vs 3,09% (*) IQR = interquartile range; TTR = Time in Therapeutic Range (v. Q5) ( ) = non inferiorità raggiunta (NAO e warfarin ugualmente efficaci/sicuri) (*) = differenza statisticamente significativa vs warfarin (p<0,05) Q5 Che cosa è il Time in Therapeutic Range (TTR)? Il TTR rappresenta un indice di qualità del trattamento anticoagulante, calcolato attraverso opportuni software su un tempo di terapia di almeno 6 mesi. Recenti studi hanno dimostrato che l efficacia clinica degli AVK, per la prevenzione dell ictus nei pazienti con FA, è ottimale per valori di TTR >70% e accettabile per valori di TTR fra 6 e 70%. Inoltre, è stato osservato che i pazienti con TTR < 60% presentano una maggiore mortalità annuale (4,2% vs,7%) e un numero più elevato di emorragie maggiori (3,9% vs,6%), ictus ed embolie periferiche (2,% vs,%) rispetto ai pazienti con TTR > 70% [9]. Infine, è noto come un aumento del 0% del tempo al di fuori del range terapeutico comporti un aumento della mortalità pari al 29%, di ictus del 2% e una maggiore frequenza di ospedalizzazione [0].

5 Pagina 5 Q6 Quale farmaco scegliere nei pazienti con nuova diagnosi di FANV (naive)? L'indicazione alla TAO deve essere ovviamente valutata sulla base della stratificazione del rischio tromboembolico ed emorragico del singolo paziente, facendo riferimento alle scale di rischio descritte in precedenza (v.q2 e Q3). Le linee di indirizzo regionali evidenziano che per i pazienti naive candidabili ad un trattamento anticoagulante non esistono preclusioni ad intraprendere una terapia con AVK per un periodo di 6-2 mesi, dopo il quale può essere valutato l eventuale passaggio ai NAO qualora la qualità della terapia dovesse risultare insoddisfacente. Diversa valutazione dovrebbe essere considerata nel caso di pazienti naive, che si trovano nelle seguenti situazioni: soggetti in condizioni cliniche particolari che rendono non attuabile, per difficoltà oggettive, la periodica esecuzione dei controlli INR. A questo proposito è opportuno precisare che tale evenienza deve rappresentare un eccezionalità dal momento che, nella Regione Veneto, l organizzazione delle reti territoriali assicura un alto grado di accessibilità all esecuzione del prelievo; soggetti con pregressa emorragia intracranica o situazioni cliniche associate ad elevato rischio di sanguinamento intracranico. A questo proposito si precisa che i NAO hanno dimostrato una superiorità rispetto a warfarin sulla riduzione delle complicanze emorragiche cerebrali (BOX 2); pazienti colpiti da TIA o ictus attribuibili a FA che non erano in trattamento anticoagulante prima dell evento (lo studio RE-LY ha dimostrato una superiorità di dabigatran rispetto a warfarin, al dosaggio di 50 mg b.i.d., nella riduzione degli ictus ischemici); pazienti ad alto rischio di interazioni farmacologiche con anticoagulanti cumarinici. In tali pazienti il trattamento con i NAO è ritenuto preferibile. BOX 2 - NAO e riduzione delle emorragie intracraniche La riduzione delle emorragie intracraniche osservata con i NAO è stata enfatizzata nella stampa medica in termini di una riduzione del rischio relativo (riduzione del rischio relativo di circa il 50%). Recenti indagini evidenziano che tale evento, pur temibile, non risulta essere particolarmente frequente n e i p a z i e nt i t r at t at i c o n anticoagulanti orali. In particolare una metanalisi, recentemente pubblicata su Lancet, ha osservato un incidenza dello 0,7% di eventi emorragici intracranici nel gruppo di pazienti trattati con NAO rispetto all,45% dei soggetti trattati con warfarin (riduzione del rischio assoluta molto piccola, pari allo 0,75%) []. Q7 Quale farmaco scegliere nei pazienti già in terapia con AVK?. Pazienti per i quali si raccomanda di proseguire il trattamento con AVK: a. pazienti con INR stabile (TTR > 65%) con un basso rischio emorragico; b. soggetti con grave insufficienza renale (clearance della creatinina <30 ml/min) o insufficienza epatica; c. Pazienti che preferiscono continuare con AVK nonostante sia stato ben informato sui NAO; d. soggetti con età > 80 anni e INR stabile (BOX 3). BOX 3 - NAO e anziani fragili I soggetti anziani fragili costituiscono una popolazione di particolare complessità per un aumentato rischio di morbidità e mortalità, nonché da grande difficoltà gestionale per il contemporaneo aumento del rischio emorragico e trombotico [2]. Questa popolazione non è sufficientemente rappresentata negli studi registrativi dei NAO (v. Tabella 4) e, pertanto, esistono dubbi sulla trasferibilità dei risultati in questa particolare categoria di pazienti. Tali dubbi sono confermati dai dati delle metanalisi che segnalano un non trascurabile aumento del rischio emorragico con i NAO nei pochi pazienti ultraottantenni studiati [3].

6 Pagina 6 2. Pazienti per i quali è raccomandato il passaggio da un AVK ad un NAO: a. soggetti con un controllo insoddisfacente della terapia (pazienti con TTR<65%); b. pazienti con controindicazioni specifiche all impiego di AVK; c. pazienti colpiti da TIA o ictus attribuibili a fibrillazione atriale. Q8 Come deve avvenire il passaggio da un AVK ad un NAO? Il passaggio da un AVK ad un NAO deve avvenire come segue: da AVK a dabigatran o apixaban sospendere l AVK e iniziare il trattamento con dabigatran o apixaban non appena l INR è <2; da AVK a rivaroxaban sospendere l AVK e iniziare il trattamento con rivaroxaban non appena l INR è <3. Q9 Quali sono le valutazioni iniziali che il MMG deve fare? Prima di proporre una terapia con un NAO è indispensabile:. effettuare una corretta valutazione delle indicazioni al trattamento con AVK o NAO (v. Q6 e Q7); 2. escludere le controindicazioni assolute ad un trattamento anticoagulante (es. trauma/intervento chirurgico maggiore recente, gravidanza, emorragia pericolosa per la vita nel mese precedente, diatesi emorragica congenita, grave trombocitopenia); 3. effettuare un accurata anamnesi farmacologica per valutare la presenza di possibili interazioni farmacologiche (es. assunzione cronica di FANS e/o di altri antiaggreganti). Se si ritiene utile prevedere l invio del paziente allo specialista per intraprendere un eventuale terapia con NAO, il MMG deve allegare una documentazione accompagnatoria (sul fac-simile della lettera allegata) che riporti le informazioni riportate nella Tabella 5, necessarie per la corretta valutazione da parte dello specialista dell eleggibilità del paziente secondo il registro AIFA. Tabella 5. Informazioni necessarie per l invio di un paziente allo specialista (v. facsimile lettera allegata) anamnesi di vascolopatia; punteggi CHA 2 DS 2 -VASc e HAS-BLED (v. Q2 e Q3); emocromo, PT, PTT, creatininemia (e funzionalità renale calcolata con la formula di Cockroft-Gault), transaminasi; se il paziente è già in terapia con AVK, riportare possibilmente per gli ultimi 6 mesi i seguenti dati: valore del TTR (v. Q5) n di test con INR <2 n di test con INR >4 Q0 Quali sono le valutazioni periodiche che il MMG deve fare? Come riportato in Q4 i NAO, al contrario degli AVK, non richiedono un controllo di laboratorio routinario per il monitoraggio della loro attività anticoagulante. Tuttavia, questo non significa che il paziente non necessiti di una rivalutazione periodica. A questo proposito, gli esperti propongono un primo controllo ad mese dall inizio della terapia e, successivamente, ogni 3-6 mesi in base alle condizioni cliniche del singolo assistito in relazione al grado di funzionalità renale e alla presenza di polipatologie [4]. Le principali informazioni da raccogliere sono riportate nella Tabella 6. Tabella 6. Periodiche informazioni da raccogliere in corso di terapia con NAO verifica del grado di adesione alla terapia; valutazione della comparsa di eventi trombotici o emorragici; valutazione della funzionalità renale (v. Q); anamnesi farmacologica recente per valutare eventuali nuove interazioni con farmaci assunti dal paziente (v. Q5).

7 Pagina 7 Q Come comportarsi con i pazienti affetti da IRC? Il monitoraggio della funzionalità renale è un elemento di importante valutazione perché, in caso di una sua significativa diminuzione, si rende necessaria la riduzione del dosaggio del NAO o una sua sospensione (Tabella 7). A questo proposito è importante ricordare che la funzionalità renale, soprattutto nel soggetto anziano, può essere compromessa anche con valori di creatinina sierica ancora nei limiti della norma e, nei soggetti in politerapia sono di frequente riscontro variazioni nella funzionalità renale anche di notevole entità sia per condizioni intercorrenti (febbre, disidratazione) sia per gli effetti di trattamenti concomitanti (es. ACEinibitori, sartani, diuretici, FANS, ecc.). Diverse evidenze associano un incremento del rischio di sanguinamento da NAO in soggetti con grave insufficienza renale (v. BOX 4). BOX 4 - NAO, insufficienza renale e rischio di sanguinamento I pazienti ad elevato rischio, quali gli anziani con ridotta funzionalità renale (spesso in politerapia), rappresentano un gruppo particolarmente vulnerabile agli eventi emorragici [4]. Questi sono anche i soggetti che maggiormente necessitano di terapia anticoagulante. Va sottolineato che tale sottopopolazione è la meno rappresentata negli studi registrativi ed è quindi difficile poter prevedere il beneficio/rischio dei NAO in tali pazienti nella pratica clinica. Inoltre, le evidenze attualmente disponibili indicano come vi sia un aumento di rischio di sanguinamento con dabigatran anche a basse dosi nei pazienti con insufficienza renale, anziani e con basso peso corporeo [5]. Tabella 7. Posologia dei NAO in caso di insufficienza renale (da scheda tecnica) Escrezione renale (%) ClCr < 5 ml/min ClCr < 30 ml/min ClCr ml/min ClCr ml/min Dabigatran 80% controindicato controindicato 50-0 b.i.d.* 50-0 b.i.d.* Rivaroxaban 33% controindicato 5 mg o.d. 5 mg o.d. 20 mg o.d. Apixaban 25% controindicato 2,5 mg b.i.d. 5 b.i.d. 5 b.i.d. * raccomandato il passaggio a dabigatran 0 mg b.i.d. nei soggetti con età >80 anni e/o in terapia concomitante con verapamil. Nei pazienti con insufficienza renale moderata e/o età anni e/o aumentato rischio di sanguinamento, considerare il passaggio a dabigatran 0 mg b.i.d. Q2 Che cosa fare quando? è stata dimenticata una dose? La dose dimenticata può essere assunta fino a 6 ore dopo per i farmaci che si assumono ogni 2 ore (dabigatran, apixaban) e fino a 2 ore dopo per i farmaci che si assumono ogni 24 ore (rivaroxaban). Dopo tali orari la dose non deve essere assunta. è stata assunta una dose doppia? Per i farmaci che si assumono ogni 2 ore, saltare la dose successiva; per i farmaci che si assumono ogni 24 ore, continuare la terapia senza effettuare modifiche alla posologia. vi è incertezza sull assunzione della dose assunta? Per i farmaci che si assumono ogni 2 ore, nessuna dose aggiuntiva; per i farmaci che si assumono ogni 24 ore, assumere una dose aggiuntiva. si sospetta un overdose? è consigliabile un periodo di osservazione in ospedale se si sospetta l assunzione di dosi elevate, oppure un accumulo del farmaco per un improvvisa modificazione della funzionalità renale.

8 Pagina 8 Q3 Quali controlli sono indicati per verificare l effetto anticoagulante? I NAO possono essere somministrati a dosi fisse giornaliere con effetto anticoagulante prevedibile, non richiedendo quindi un monitoraggio routinario del livello di anticoagulazione. Nella pratica clinica, tuttavia, esistono alcune situazioni nelle quali potrebbe essere utile conoscere la loro concentrazione plasmatica (es. sospette interazioni farmacologiche, complicanze emorragiche o trombotiche, funzione renale deteriorata, ecc.) La misura dell attività anticoagulante dei NAO presenta, tuttavia, dei limiti dovuti alla standardizzazione dei test di laboratorio. Allo stato attuale si può sottolineare quanto riportato: per i NAO la valutazione dell INR non è di alcuna utilità in quanto tale test è stato calibrato esclusivamente per il monitoraggio degli AVK; i test coagulativi di routine (PT, PTT o TT) consentono di avere delle informazioni poco precise sull effettiva concentrazione di farmaco; come riportato nella Tabella 8, per dabigatran, inibitore diretto della trombina, la misurazione dell ECT (tempo di ecarina) o il dtt (tempo di trombina diluito) sono stati dimostrati essere dei parametri calibrati per la determinazione della concentrazione plasmatica del farmaco. Per rivaroxaban e apixaban, inibitori del fattore Xa, risulta invece appropriato la misurazione del fattore anti-xa (prossimamente disponibile presso i laboratori ospedalieri). Tabella 8. Valori dei test coagulativi che possono indicare un incremento di sanguinamento da NAO ECT dtt anti-xa Dabigatran valori 3 rispetto a quelli normali indicano un aumento del rischio valori > 200 ng/ml oppure valori > 65 sec indicano un aumento del rischio non utile Rivaroxaban non utile non utile utile (in corso di standardizzazione) Apixaban non utile non utile utile (in corso di standardizza- ECT = tempo di ecarina; dtt = tempo di trombina diluito; anti-xa = saggio cromogenico per il fattore anti-xa Q4 Quali sono i principali effetti indesiderati dei NAO? Oltre all aumento del rischio di sanguinamento (v. BOX 5), gli altri effetti collaterali di più frequente riscontro in corso di terapia dei NAO sono riportati nella Tabella 9. Tabella 9. Principali effetti indesiderati (da scheda tecnica) Dabigatran Rivaroxaban Apixaban Comuni dispepsia, diarrea, dolore addominale cefalea, prurito, aumento transaminasi Non comuni vomito, disfagia, trombocitopenia, reazioni di ipersensibilità reazioni di ipersensibilità, tachicardia, secchezza delle fauci - reazioni di ipersensibilità BOX 5 - NAO e rischio di emorragie Una recente DDL (Dear Doctor Letter) di AIFA riporta una importante informativa sui rischi di sanguinamento da NAO [6]. Il documento sottolinea l importanza di monitorare la comparsa di emorragie dal momento che negli studi clinici, e nell esperienza post-marketing, è stato dimostrato che le emorragie maggiori (talora fatali), non sono limitate agli AVK e alle eparine ma anche ai NAO.

9 Pagina 9 Q5 Quali sono le principali interazioni farmacologiche dei NAO? Nonostante le differenze di metabolismo (tramite citocromo CYP3A4 per rivaroxaban e apixaban) e di assorbimento- /escrezione (soprattutto tramite glicoproteina P - P-gp, dabigatran), le interazioni farmacologiche importanti sono simili per i tre NAO. Per rivaroxaban e apixaban, solo i farmaci che simultaneamente inibiscono sia CYP3A4 che la P-gp (forti inibitori quindi di entrambe le vie), danno luogo ad interazioni clinicamente significative, mentre con cautela vanno usati i forti induttori di P-gp. Per dabigatran, invece, sia i forti inibitori che i forti induttori di P-gp danno luogo ad interazioni clinicamente significative (Tabella 0). Tabella 0. Potenziali interazioni attualmente conosciute dei NAO [7] Dabigatran Rivaroxaban Apixaban Inibitori della glicoproteina-p: amiodarone, fenotiazine (es. promazina, clorpromazina, ecc) antifungini azolici (es. fluconazolo.itraconazolo, ecc.), tioxanteni (es. zuclopentixolo), verapamile, antimalarici e ciclosporina SI SI Induttori della glicoproteina-p: desametasone, rifampicina, erba di S. Giovanni (iperico) Inibitori del citocromo CYP3A4: fenotiazine (es. promazina, clorpromazina, ecc), antifungini azolici (es. fluconazolo.itraconazolo, ecc.), verapamile, eritromicina, telitromicina, nefazodone, antimalarici, ciclosporina, tioxanteni (es. zuclopentixolo) Induttori del citocromo CYP3A4: carbamazepina, efavirenz, nevirapina, fenitoina, rifabutina, rifampicina, erba di S. Giovanni (iperico), eucaliptolo SI NO NO SI SI SI FANS: aspirina, naprossene, diclofenac, ecc. SI SI Antiaggreganti piastrinici: clopidogrel, prasugrel SI SI Q6 Quando e come sospendere i NAO in caso di procedure/interventi chirurgici? Le procedure da adottare per una sospensione e ripresa dei NAO in caso di procedure diagnostiche invasive e/o interventi chirurgici dipende dal rischio emorragico correlato alla procedura stessa (Tabella ), dalla funzionalità renale del paziente e dell anticoagulante in uso (Tabella 2) Tabella. Esempi di interventi/procedure classificati in base al rischio emorragico Rischio Basso - Estrazione dentaria (fino a 3 denti), chirurgia parodontale, impianti odontoiatrici* - Interventi per cataratta o glaucoma* - Chirurgia cutanea minore* - Endoscopie con o senza biopsia - Biopsie prostatiche o vescicali - Studi elettrofisiologici, ablazione con radiofrequenze, angiografie - Impianto di pacemaker * in questi casi il rischio è considerato molto basso, se possibile una buona emostasi locale Rischio Elevato - Anestesia/puntura lombare, epidurale - Legatura varici esofagee - Polipectomia endoscopica - Chirurgia toracica, addominale, ortopedica maggiore - Biopsie epatiche o renali - Resezione prostatica trans-uretrale

10 Pagina 0 Per endoscopie senza biopsia e interventi a basso rischio in cui è possibile una buona emostasi locale (v. Tabella 3), gli esperti dell EHRA suggeriscono di non sospendere il NAO sfruttando per l intervento la fase temporale di minima azione del farmaco (2 h dopo l ultima dose di dabigatran o apixaban, 24 h dopo l ultima dose di rivaroxaban). Tale comportamento è prassi corrente nei soggetti trattati con eparine a basso peso molecolare o fondaparinux. Tabella 2. Esempi di interventi/procedure classificati in base al rischio emorragico Dabigatran (Pradaxa) Clearance renale (ml/min) Emivita (ore) Sospensione Rischio emorragico elevato Rischio emorragico basso giorni prima 24 ore 50 - < giorni prima -2 giorni prima 30 - < giorni prima 2-3 giorni prima Rivaroxaban (Xarelto), Apixaban (Eliquis) Clearance renale (ml/min) Emivita (ore) Sospensione Rischio emorragico elevato Rischio emorragico basso 80 8,3 2 giorni prima giorno prima 50 - <80 9,0 2 giorni prima giorno prima 5 - <49 9,5 2 giorni prima,5 giorni prima Q7 Come gestire gli eventi traumatici ed emorragici? Tabella 3. Tipologia di emorragie maggiori Emorragie intracraniche spontanee (stroke emorragico) o post traumatiche (esa, e- morragie intraparenchimali, ematomi sotto o extradurali) Emorragie addominali e toraciche (ematemesi, melena, enterorragia, rettorragia, emottisi, emorragie intraparenchimali, intrasierose) Emorragie retroperitoneali Ematomi spinali Emorragie endooculari Emorragie intrarticolari Shock emorragico da qualunque causa tutte le emorragie con perdita di almeno 2 gr/dl di Hb L evento emorragico nel paziente anticoagulato e un evento critico, che richiede rapida capacità di inquadramento diagnostico e decisionale terapeutico in quanto potenzialmente fatale. Bisogna distinguere tra emorragie maggiori ed emorragie minori: - per le emorragie maggiori (Tabella 3) l atteggiamento terapeutico deve essere aggressivo e la correzione dell - anticoagulazione rapida, in modo tale da consentire un tempestivo ripristino dell assetto coagulativo del paziente ed un miglior controllo dell emorragia. Ne deriva la necessità di ricoverare i pazienti presso Centri ospedalieri adeguatamente attrezzati; - per le emorragie minori (tutte quelle non ricomprese nella Tabella 2) o di traumi senza evidenza di sanguinamento in atto, si possono attuare atteggiamenti di vigile attesa o di sola modifica della dose di anticoagulante assunta.

11 Pagina Q8 Dove rivolgersi per la prescrizione dei NAO? In base alle regole previste dall Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA), la prescrizione dei NAO nella fibrillazione atriale non valvolare, a carico del SSN, è soggetta alla compilazione di un Piano Terapeutico AIFA (PT-AIFA) informatizzato. Il PT- AIFA, che può essere redatto solamente dai Centri autorizzati dalla Regione Veneto (Tabella 4), consentirà: - la prescrizione del farmaco anche da parte del MMG; - l erogazione a carico del SSN del medicinale tramite distribuzione diretta da parte delle strutture pubbliche o Distibuzione Per Conto (DPC) attraverso le farmacie convenzionate. Tabella 4. Centri autorizzati alla prescrizione di NAO per la prevenzione dell ictus e dell - embolia sistemica in pazienti adulti con fibrillazione atriale non valvolare AULSS/AOP/IRCSS Struttura autorizzata Azienda ULSS 6 UO Cardiologia - Ospedale di Piove di Sacco UO Geriatria - Ospedale di Piove di Sacco UO Medicina (internisti) - Ospedale di Piove di Sacco UO Neurologia - Ospedale di Piove di Sacco UO Geriatria - Ospedale S. Antonio UO Clinica Geriatrica c/o Azienda Ospedaliera UO Medicina (internisti) - Ospedale S. Antonio UO Neurologia - Ospedale S. Antonio Azienda Ospedaliera di Padova UO Pronto Soccorso: degenza breve-semintensiva (internisti e cardiologi) - Ospedale S. Antonio UO Medicina con annessa cardiologia (specialista internista e cardiologo) - Casa di Cura di Abano Terme UO Clinica Cardiologica (presso cui è ricompreso il Servizio Prevenzione e Terapia della Trombosi) UO Medicina Interna (, 2, 3, 4 e 5) UO Medicina Generale UO Neurologia (Stroke Unit) Istituto Oncologico Veneto UO Cardiologia

12 Pagina 2 Bibliografia. Decreto n. 75 del 25/07/203. Approvazione del documento avente ad oggetto Linee di indirizzo per l impiego dei Nuovi Anticoagulanti Orali (NAO) nella Regione Veneto e individuazione dei Centri Regionali autorizzati alla prescrizione. 2. Bollettino Informativo del Sistema Epidemiologico Regionale del Veneto 2009; 4: Olesen JB et al. The value of the CHA2DS2-VASc score for refining stroke risk stratification in patients with atrial fibrillation with a CHADS2 score 0-: a nationwide cohort study. Thromb Haemost 202: 07(6): Olesen JB, Lyp GY, Hansen ML et al. Validation of risk stratification schemes for predicting stroke and thromboembolism in patients with atrial fibrillation: nationwide cohort study. BMJ 20; Jan 3- ;342:d24. doi: 0.36/bmj.d Pisters RI et al. A novel user-friendly score (HAS- BLED) to assess -year risk of major bleeding in patients with atrial fibrillation: the Euro Heart Survey. Chest 200; 38(5): RE-LY Steering Committee and Investigators. Dabigatran versus warfarin in patients with atrial fibrillation. N Engl J Med 2009; 0.056/NEJMoa ROCKET-AF Steering Committee and Investigators. Rivaroxaban versus warfarin in nonvalvular atrial fibrillation. N Engl J Med 20; 365: ARISTOTLE Steering Committee and Investigators. Apixaban versus warfarin in patients with atrial fibrillation. N Engl J Med 20; 0.056/NEJMoa White HD et al. Comparison of outcomes among patients randomized to warfarin therapy according to anticoagulant control: results from SPORTIF III and V. Arch Internal Med 2007; 67: Jones M et al. Evaluation of the pattern of treatment, level of anticoagulation control and outcome of treatment with warfarin in patients with non-valvular atrial fibrillation: a record linkage study in a large British population. Heart 2005, 9: Ruff CT et al. Comparison of the efficacy and safety of new anticoagulants with warfarin with atrial fibrillation: a meta-analysis of randomized trials. Lancet 203; 383: Stollberger C et al. Concerns about the use of NOA for stroke prevention in elderly patients with atrial fibrillation. Drugs Aging 203; 30: Adam SS et al. Comparative effectiveness of warfarin and new oral anticoagulants for the management of atrial fibrillation and venous thromboembolism: a systematic review. Ann Intern Med 202; 4;57(): Camm AJ et al. An update of the 200 ESC Guidelines for the management of atrial fibrillation. Developed with the special contribution of the European Heart Rhythm Association. Eur Heart J 202; 33: Agenzia Italiana del Farmaco. Nota informativa importante: Importanza di valutare la funzionalità renale nei pazienti in trattamento con Pradaxa (dabigatran). Disponibile al sito: su-pradaxa% C2%AEdabigatran-etexilato (accesso del ). 6. Agenzia Italiana del Farmaco. Nota informativa importante sui nuovi anticoagulanti orali Eliquis, Pradaxa e Xarelto. Disponibile al sito: (accesso del ). 7. Pengo V et al. Questions and answers on the use of dabigatran and perpectives on the use of other new oral anticoagulants in patients with atrial fibrillation. A consensus document of the Italian Federation of Thrombosis Centres (FCSA). Thromb Haemost 20; 06: Heidbuchel H et al. EHRA Pratical Guide on the use of new oral anticoagulants in patients with non-valvular atrial fibrillation. Europace 203: executive summary; 5: Il presente notiziario e i precedenti numeri sono consultabili al sito nella sezione servizi sovradistrettuali assistenza Farmaceutica Territoriale

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare Referente dr. Alessandro Filippi Nuovi Anticoagulanti orali per la prevenzione di ictus ed embolia sistemica nella fibrillazione atriale

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO)

I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO) I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO) Dabigatran (Pradaxa, Apixaban (Eliquis e Rivaroxaban (Xaralta ) sono stati approvati dall'ema (Agenzia Europea dei Medicinali) per la prevenzione dell'ictus e del tromboembolismo

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

Appunti di appropriatezza prescrittiva

Appunti di appropriatezza prescrittiva S.C. Farmaceutica Territoriale Appunti di appropriatezza prescrittiva Focus su: Nuovi Anticoagulanti Orali La fibrillazione atriale è la più comune causa di aritmia cardiaca cronica e predispone, i pazienti

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione Anna Maria Marata Area Valutazione del Farmaco ASSR Regione Emilia Romagna 9 Dicembre 2013 October

Dettagli

I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI NELLA PRATICA DELLA MEDICINA GENERALE (Apixaban (Eliquis ), Dabigatran (Pradaxa ), Rivaroxaban (Xarelto ))

I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI NELLA PRATICA DELLA MEDICINA GENERALE (Apixaban (Eliquis ), Dabigatran (Pradaxa ), Rivaroxaban (Xarelto )) 2014 I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI NELLA PRATICA DELLA MEDICINA GENERALE (Apixaban (Eliquis ), Dabigatran (Pradaxa ), Rivaroxaban (Xarelto )) G. Dal Cortivo 1, L. Bozzini 2, R Facchinetti 3 1. MMG, Verona;

Dettagli

Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale

Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale 2º Conferenza nazionale sulle cure domiciliari Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale Relatore: Dott.ssa Luana Azara Scuola di Specializzazione

Dettagli

Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare. dr. Moreno Marri

Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare. dr. Moreno Marri Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare Dr. Moreno Marri 05/07/13 Fibrillazione atriale e ictus La FA è associata a un aumento di 5 volte

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

strumenti - gennaio 2014

strumenti - gennaio 2014 strumenti - gennaio 2014 Terapia NAO Documento di indirizzo per la gestione del paziente con fibrillazione atriale non valvolare da avviare alla terapia con i nuovi anticoagulanti orali Direzione centrale

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up

Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller, 1 06081 -

Dettagli

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali Documento ANMCO su prevenzione del tromboembolismo nella FA e ruolo dei nuovi anticoagulanti orali Paolo Colonna, MD FESC FANMCO Cardiology Hospital, Policlinico of Bari 1. Fisiopatologia del tromboembolismo

Dettagli

NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI: STUDI CLINICI E QUESTIONI PRATICHE

NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI: STUDI CLINICI E QUESTIONI PRATICHE NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI: STUDI CLINICI E QUESTIONI PRATICHE TECLA MARCHESE Geriatria e Malattie metaboliche - Clinical Co-Investigator Diabetologia ASLTO5 ANTONIO FERRERO SC Cardiologia ASLTO5 - CdL

Dettagli

PRINCIPIO ATTIVO NON SOGGETTO A NOTE AIFA PRESCRIVIBILE CON PIANO TERAPEUTICO

PRINCIPIO ATTIVO NON SOGGETTO A NOTE AIFA PRESCRIVIBILE CON PIANO TERAPEUTICO PRINCIPI ATTIV NN SGGTT A NT AIFA PRSCRIVIBIL CN PIAN TRAPUTIC Principio attivo Apixaban (B01AF02) (per le seguenti indicazioni terapeutiche: Prevenzione dell'ictus e dell'embolia sistemica nei pazienti

Dettagli

ELIQUIS (apixaban) Guida pratica all uso

ELIQUIS (apixaban) Guida pratica all uso ELIQUIS (apixaban) Guida pratica all uso Per la prevenzione dell ictus nella FA non valvolare 1 * Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Agli operatori sanitari è richiesto di segnalare qualsiasi

Dettagli

Tabella 1. Giorni di sospensione richiesti per la chirurgia elettiva. Funzione renale (CrCL ml/min)

Tabella 1. Giorni di sospensione richiesti per la chirurgia elettiva. Funzione renale (CrCL ml/min) Indicazioni operative per la terapia con NAO Integrazione del documento regionale Linee Guida di indirizzo per l impiego dei NAO nella Regione Veneto di cui al Decreto n. 75 del 25 luglio 2013 Follow-up

Dettagli

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO

Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Varese 19 Dicembre Manovre Invasive e Complicanze Emorragiche con i NAO Francesco Dentali, Dipartimento di Medicina Clinica Università dell Insubria Varese Manovre Invasive/Interventi Chirurgici Manovre

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

STRUMENTI DI SOSTENIBILITA : L ESEMPIO DEL DISEASE MANAGEMENT OPTIMIZATION NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE NAPOLI, 2.10.2015

STRUMENTI DI SOSTENIBILITA : L ESEMPIO DEL DISEASE MANAGEMENT OPTIMIZATION NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE NAPOLI, 2.10.2015 STRUMENTI DI SOSTENIBILITA : L ESEMPIO DEL DISEASE MANAGEMENT OPTIMIZATION NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE NAPOLI, 2.10.2015 Il Disease Management Optimization PDTA della Regione Veneto Relatore: Lamberto

Dettagli

Percorso Organizzativo Prescrizione/Monitoraggio Anticoagulanti orali (NAO)

Percorso Organizzativo Prescrizione/Monitoraggio Anticoagulanti orali (NAO) Prescrizione/Monitoraggio Anticoagulanti orali Sommario 1. PREMESSA... 3 Si è stabilito che non dovrebbe essere usata aspirina a qualsiasi dosaggio (AVERROES Lip G. NEJM 2012; Olesen JB Thromb Haemost

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Problemi con ACO tipo AVK Vantaggi dei nuovi ACO Nuovi anticoagulanti orali Dabigatran (Pradaxa ) Rivaroxaban (Xarelto ) Apixaban (Eliquis ) Nuovi

Dettagli

L educazione al paziente anticoagulato tra presente e futuro Patrizia Paladin

L educazione al paziente anticoagulato tra presente e futuro Patrizia Paladin L educazione al paziente anticoagulato tra presente e futuro Patrizia Paladin Attività Diurna Area Medica ULSS 9 - Treviso Mestre, 25 Ottobre 2013 Informare vs Educare INFORMARE processo passivo incentrato

Dettagli

CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014

CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014 CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014 Rivaroxaban nella fibrillazione atriale e oltre RIVAROXABAN, DALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE ALL IMPIEGO PRATICO NELLA FA Pasquale Perrone Filardi Università

Dettagli

NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI IN ATTESA DELLE DECISIONI DELL AIFA

NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI IN ATTESA DELLE DECISIONI DELL AIFA NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI IN ATTESA DELLE DECISIONI DELL AIFA La lunga e contorta strada che porta alla definitiva introduzione dei nuovi anticoagulanti orali (NAO) nel nostro sistema sanitario nazionale

Dettagli

Porta alla lisi successiva del coagulo

Porta alla lisi successiva del coagulo Nuovi anticoagulanti orali Mauro Miselli Il processo emostatico Risposta dell organismo ad una offesa interruzione di continuità dell endotelio Uno dei più efficaci meccanismi di auto- regolazione dell

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti Orali

Nuovi Anticoagulanti Orali Nuovi Anticoagulanti Orali DABIGATRAN RIVAROXABAN APIXABAN (PRADAXA) (XARELTO) (EQUILIS) Meccanismo d azione Inibitore diretto Inibitore diretto Inibitore diretto F II (trombina) F Xa F Xa Via di somministrazione

Dettagli

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

I Nuovi Anticoagulanti Orali (NAO) InfoFarma. Monografie 2014. I nuovi anticoagulanti orali nella pratica della medicina generale

I Nuovi Anticoagulanti Orali (NAO) InfoFarma. Monografie 2014. I nuovi anticoagulanti orali nella pratica della medicina generale Monografie 2014 I nuovi anticoagulanti orali nella pratica della medicina generale Problemi relativi alla sicurezza dei nuovi anticoagulanti orali Vivere in terapia con un nuovo anticoagulante orale (NAO)

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 4 vembre 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

AIFA CONCEPT PAPER 26/09/2012

AIFA CONCEPT PAPER 26/09/2012 1 26/09/2012 2 AIFA CONCEPT PAPER 3 4 I nuovi anticoagulanti orali nella prevenzione di ictus e tromboembolismo sistemico in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare. Preparazione del Draft 10.08.2012

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. LA GIUNTA REGIONALE

O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. LA GIUNTA REGIONALE O GG E TTO : Individuazione Centri idonei alla prescrizione del medicinale Xarelto. N. 1210 IN 04/10/2013 VISTI: LA GIUNTA REGIONALE del REGISTRO ATTI DELLA GIUNTA la legge 24 dicembre 1993 n. 537 concernente

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali: quando usarli e per quale tipologia di paziente?

I nuovi anticoagulanti orali: quando usarli e per quale tipologia di paziente? Parte 3a.: osservazioni I nuovi anticoagulanti orali: quando usarli e per quale tipologia di paziente? Fiumicino, 24 ottobre 2015 www.cos.it/mediter NOACs e insufficienza renale I NOACs vanno evitati in

Dettagli

Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti

Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia Savigliano - ASL CN 1 L INFERMIERE: CHI E E DI COSA SI OCCUPA ALL INFERMIERE

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese.

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. Dr. Gianluigi Devoto Direttore Laboratorio Analisi ASL 4 Chiavarese Introduzione Con l introduzione nella pratica

Dettagli

La rivoluzione dei nuovi anticoagulanti orali. Antonio Di Chiara Cardiologia ASS n 3 Alto Friuli

La rivoluzione dei nuovi anticoagulanti orali. Antonio Di Chiara Cardiologia ASS n 3 Alto Friuli La rivoluzione dei nuovi anticoagulanti orali Antonio Di Chiara Cardiologia ASS n 3 Alto Friuli Contenuti della relazione L efficacia delle linee guida sulla profilassi cardio embolica con VKA La Consensus

Dettagli

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Furio Colivicchi Dipartimento Cardiovascolare ACO S.Filippo Neri Roma Dicumarolici e Prevenzione dello Stroke nella FA non valvolare Per oltre 60 anni gli

Dettagli

PERCHE I NAO. Dr. Botoni Marco Ottobre 2015

PERCHE I NAO. Dr. Botoni Marco Ottobre 2015 PERCHE I NAO Dr. Botoni Marco Ottobre 2015 FA e mortalità La FA è associata a un rischio aumentato di Ø mortalità per eventi ischemici cerebrovascolari Ø eventi cardiovascolari Ø scompenso cardiaco Studio

Dettagli

Fibrillazione atriale: farmaci d aiuto nella riduzione del rischio di ictus quali sono le opzioni disponibili?

Fibrillazione atriale: farmaci d aiuto nella riduzione del rischio di ictus quali sono le opzioni disponibili? Aiuto alla decisione per il paziente Fibrillazione atriale: farmaci d aiuto nella riduzione del rischio di ictus quali sono le opzioni disponibili? http://guidance.nice.org.uk/cg180/patientdecisionaid/pdf/english

Dettagli

Terapia anticoagulante orale: vecchi e nuovi farmaci a confronto nei grandi trial

Terapia anticoagulante orale: vecchi e nuovi farmaci a confronto nei grandi trial FIBRILLAZIONE ATRIALE ED ICTUS CARDIOEMBOLICO PROSPETTIVE TERAPEUTICHE E SOSTENIBILITÀ ECONOMICA Martedì, 26 novembre 2013 ore 8.30 14.00 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Colonne Via Poli,

Dettagli

Farmaci anticoagulanti

Farmaci anticoagulanti Farmaci anticoagulanti vecchi e nuovi Direct oral anticoagulant drugs Direct selective inhibitors of Factor Xa Rivaroxaban Apixaban Edoxaban Betrixaban Direct selective inhibitors of Factor IIa Dabigatran

Dettagli

Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo

Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo Contro fibrillazione atriale, ictus e Tromboembolismo venoso (TEV), in Italia arriva edoxaban, il nuovo anticoagulante orale Il 52 % dei pazienti

Dettagli

1 Congresso Nazionale. Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova

1 Congresso Nazionale. Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova 1 Congresso Nazionale Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova Anticoagulants John W. Eikelboom, Circulation. 2010;121:1523 1532. Advantages using New Anticoagulants Rapid onset of action

Dettagli

L utilizzo dei database amministrativi nelle attività di Horizon Scanning

L utilizzo dei database amministrativi nelle attività di Horizon Scanning L utilizzo dei database amministrativi nelle attività di Horizon Scanning Luca Demattè, Elisa Rossi, Elisa Cinconze Verona, 25 Ottobre 2014 1 Sommario 1. Health Technology Assessment e Real World Evidence

Dettagli

Terapia Anticoagulante Orale nella prevenzione di ictus e embolia sistemica in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare FANV

Terapia Anticoagulante Orale nella prevenzione di ictus e embolia sistemica in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare FANV Terapia Anticoagulante Orale nella prevenzione di ictus e embolia sistemica in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare FANV Documento di orientamento alla scelta dei nuovi anticoagulanti orali

Dettagli

Nota 66 La prescrizione dei farmaci antinfiammatori non steroidei a carico del SSN è limitata alle seguenti condizioni patologiche:

Nota 66 La prescrizione dei farmaci antinfiammatori non steroidei a carico del SSN è limitata alle seguenti condizioni patologiche: ALLEGATO 1 Nota66 LaprescrizionedeifarmaciantinfiammatorinonsteroideiacaricodelSSNèlimitataalleseguenti condizionipatologiche: ClasseA: limitatamentealleseguentiindicazioni Limitatamenteaiseguentiprincipiattivi

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CARLO POMA Dipartimento di Medicina di Laboratorio Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Primario: Dott. Massimo Franchini Il Centro TAO di Mantova

Dettagli

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca TVP: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Valter Camesasca SOSPETTO di TVP EDEMA A RAPIDA INSORGENZA DOLORE IMPOTENZA FUNZIONALE Incidenza annua: 1-2 ogni 1000 abitanti DIAGNOSI TVP Score di Wells EcoColordoppler

Dettagli

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO. Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEL PAZIENTE ANZIANO Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche Ridotte funzionalità

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA)

PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA) PERCORSO DIAGNOSTICO TERAPEUTICO ASSISTENZIALE (PDTA) GUIDA PRATICA E INDICAZIONI DI UTILIZZO PDTA - 11 Rev. 0 del 06/12/2014 Certificato N 9122 AOLS Data applicazione Redazione Verifica Approvazione 01.01.2015

Dettagli

CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali

CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali H. Matisse - La danza BARI, 6 MARZO 2015 Sala Convegni Ospedale San Paolo Razionale Scientifico Numerosi farmaci utilizzati

Dettagli

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE

COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE COME GESTIRE L INTERRUZIONE DEL TRATTAMENTO ANTICOAGULANTE IN VISTA DI MANOVRE INVASIVE E INTERVENTI DI CHIRURGIA MAGGIORE SOPHIE TESTA Centro Emostasi E Trombosi Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche E

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV

Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV Antonietta Ledda Cardiologia P.O. Cervello - Palermo 2 ottobre 2015 Tavola Rotonda NAO E CARDIOPATIA

Dettagli

CHI scoagulare? QUANDO scoagulare? I N.A.O. cambiano qualcosa? Dott. Favaro Andrea, Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Treviso anfavaro@ulss.tv.

CHI scoagulare? QUANDO scoagulare? I N.A.O. cambiano qualcosa? Dott. Favaro Andrea, Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Treviso anfavaro@ulss.tv. CHI scoagulare? QUANDO scoagulare? I N.A.O. cambiano qualcosa? Dott. Favaro Andrea, Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Treviso anfavaro@ulss.tv.it CHI (perché) scoagulare? + 5 volte rischio di stroke

Dettagli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli I NUOVI FARMACI ANTICOAGULANTI Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli Verbania NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI FIBRILLAZIONE

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Area Valutazione del farmaco I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI nella fibrillazione atriale non valvolare L impiego delle terapie anticoagulanti è molto diffuso: dai dati

Dettagli

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLE COMPLICANZE DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE NELL AREA DI BOLOGNA.

STUDIO OSSERVAZIONALE SULLE COMPLICANZE DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE NELL AREA DI BOLOGNA. Alma Mater Studiorum Università di Bologna DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE MEDICHE SPECIALISTICHE Ciclo XXVI Settore Concorsuale di afferenza: 06/D1 Settore Scientifico disciplinare: MED/11 STUDIO OSSERVAZIONALE

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE OSPEDALE A. AJELLO DI MAZARA DEL VALLO SERVIZIO DI PATOLOGIA CLINICA F.C.S.A. N 72 LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE MANUALE PER IL PAZIENTE A cura di Dr. Rosa Rubino Dr. Carla Lombardo P.O. Mazara del Vallo

Dettagli

LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITROMBOTICA

LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITROMBOTICA LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITROMBOTICA Il software per la gestione della terapia antitrombotica L utilizzo di nuove terapie farmacologiche come i DOA (Direct Oral Anticoagulant) e i farmaci antiaggreganti

Dettagli

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL

NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL NOTA INFORMATIVA IMPORTANTE CONCORDATA CON L Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) Febbraio 2010 IMPORTANTI INFORMAZIONI DI SICUREZZA BUFLOMEDIL Nuove informazioni di sicurezza relative ai medicinali contenenti

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

Q4QTI2013. >>juop. Catanzaro, lì /SIAR. Prot. n.

Q4QTI2013. >>juop. Catanzaro, lì /SIAR. Prot. n. Catanzaro, lì Q4QTI2013 REGIONE CALABRIA Dipartimento Tutela della Salute e Politiche Sanitarie Settore 3 "Area L.E.A. " Servizio 8 "Politica del Farmaco " Referente per quanto comunicato Rosa Maria Rizzo

Dettagli

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE

Red Alert for Women s Heart. Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Red Alert for Women s Heart Compendio LE DONNE E LA RICERCA CARDIOVASCOLARE Molti sono gli allarmi rossi legati al genere e alle malattie cardiovascolari. Di seguito sono descritti i risultati più importanti

Dettagli

Nuove prospettive nelle terapie anticoagulanti

Nuove prospettive nelle terapie anticoagulanti Seminari del Venerdì Nuovi aspetti di clinica geriatrica Brescia, 22 Novembre 2013 Nuove prospettive nelle terapie anticoagulanti Angela Cassinadri Unità di Cure Subacute Dipartimento Medicina e Geriatria

Dettagli

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico Rischio Emorragico 6 5 4 3 2 1 International Normalized Ratio farma memo scritto è meglio! Rischio Trombotico Campagne regionali per la sicurezza del paziente: La prevenzione degli errori di terapia Un

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali: appropriatezza d'uso e considerazioni pratiche

I nuovi anticoagulanti orali: appropriatezza d'uso e considerazioni pratiche I nuovi anticoagulanti orali: appropriatezza d'uso e considerazioni pratiche Perché sono stati sviluppati i nuovi anticoagulanti orali?...2 Qual è il meccanismo d azione dei nuovi anticoagulanti orali?...3

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Francesco Di Pede Dipartimento Cardiologico ULSS 10 Portogruaro-San Donà di Piave CIRCA IL 20% DEI PAZIENTI IN FIBRILLAZIONE

Dettagli

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Dott.ssa Antonella Cocorocchio CPSI UOC PS-BO AO S. Giovanni Addolorata Roma Coordinatore Area Nursing Simeu Lazio Definizione Il care

Dettagli

Fibrillazione atriale: un piano di aggiornamento integrato per i medici di medicina generale

Fibrillazione atriale: un piano di aggiornamento integrato per i medici di medicina generale Doriano Battigelli, Ovidio Brignoli, Giuliano Ermini, Alessandro Filippi, Bruno Guillaro, Saffi Ettore Giustini Gruppo di lavoro Medicina Generale : un piano di aggiornamento integrato per i medici di

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti Orali (NAO)

Nuovi Anticoagulanti Orali (NAO) LG Nuovi Anticoagulanti Orali (NAO) Note pratiche di utilizzo in ambito ospedaliero Linee Guida Aziendali Gruppo Evidence Based Medicine Versione ottobre 2014 INDICE Componenti del Gruppo di lavoro...2

Dettagli

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA

MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA 1/9 MINI SCHEDA HTA RIVAROXABAN (XARELTO ) INDICAZIONE TROMBOSI VENOSA PROFONDA Nome Commerciale XARELTO Principio Attivo Rivaroxaban Ditta Produttrice Bayer S.p.a. ATC B01AF01 Formulazione Compresse rivestite

Dettagli

Davide Imberti - Piacenza

Davide Imberti - Piacenza RIVAROXABAN E TERAPIA DEL TEV Davide Imberti - Piacenza ABSTRACT Gli anticoagulanti tradizionali, come l eparina a basso peso molecolare e gli antagonisti della vitamina K, sono stati il caposaldo del

Dettagli

Assumo la TAO: cosa devo sapere?

Assumo la TAO: cosa devo sapere? Assumo la TAO: cosa devo sapere? Milano, 15 novembre 2014 Maddalena Loredana Zighetti Servizio Trasfusionale Azienda Ospedaliera San Paolo Polo Universitario Trombosi Problema importante, complesso e diffusissimo

Dettagli

Dilemmi nell utilizzo dei DOA

Dilemmi nell utilizzo dei DOA Dilemmi nell utilizzo dei DOA Televoto e discussione interattiva Dott. Stefano Bardari Ospedale Civile Gorizia Azienda per l Assistenza Sanitaria n.2 Bassa Friulana-Isontina Dott. Massimo Zecchin Ospedale

Dettagli

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia

POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI. Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia POLITERAPIE NEI PAZIENTI ANZIANI Bettina Marconi Dipartimento Farmaceutico Azienda USL di Reggio Emilia PAZIENTI ANZIANI Maggiori utilizzatori di farmaci per la presenza di polipatologie spesso croniche

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

Dalle LINEE GUIDA alla PRATICA CLINICA

Dalle LINEE GUIDA alla PRATICA CLINICA FIBRILLAZIONE ATRIALE Dalle LINEE GUIDA alla PRATICA CLINICA Centro TAO Unità Operativa di Cardiologia Ospedale di Tradate Cristina Gualtierotti 21 marzo 2013 Fondazione Scuola di Medicina Carnaghi A.

Dettagli

PROGETTO TAO SORESINA E COOP

PROGETTO TAO SORESINA E COOP PROGETTO TAO SORESINA E COOP Sophie Testa Direttore U.O. Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Microbiologiche Centro Emostasi e Trombosi Istituti Ospitalieri Cremona TAO: TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Pradaxa 75 mg capsule rigide 2. COMPOSIZIONE QUALITATIVA E QUANTITATIVA Ogni capsula rigida contiene 75 mg di dabigatran

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Nuove idee per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale (FA): prospettive europee e canadesi

Nuove idee per la prevenzione dello stroke nella fibrillazione atriale (FA): prospettive europee e canadesi Profilo dei nuovi anticoagulanti orali nella prevenzione dello stroke nella FA: chi, cosa, perché e quando? Entro la fine del 2012, tre nuovi anticoagulanti orali (NOAC), dabigatran, rivaroxaban e apixaban,

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA)

Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA) Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA) Informazioni sul dispositivo medico La fibrillazione atriale (FA) in sé non è una patologia potenzialmente

Dettagli

Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti

Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti Aspetti pratici della gestione perioperatoria degli anticoagulanti Marco Donadini Degenza Breve Internistica e Centro Trombosi Ospedale di Circolo - Varese Perchè è importante nella pratica clinica? La

Dettagli

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È

LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È LA FIBRILLAZIONE ATRIALE: COS È La fibrillazione atriale è l aritmia più comune nella popolazione. Durante la il ritmo del cuore non è più controllato dalla normale centralina (il nodo del seno), ma da

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO: LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO)

OPUSCOLO INFORMATIVO: LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO) Questa persona sta assumendo una terapia anticoagulante orale (TAO) Nome e cognome.. Nome del farmaco Indicazioni del trattamento.. Range terapeutico INR. Trattamento iniziato il. Durata del trattamento...

Dettagli