La gestione del paziente con problematiche sistemiche in odontoiatria: il paziente in terapia anticoagulante o antiaggregante

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La gestione del paziente con problematiche sistemiche in odontoiatria: il paziente in terapia anticoagulante o antiaggregante"

Transcript

1 La gestione del paziente con problematiche sistemiche in odontoiatria: il paziente in terapia anticoagulante o antiaggregante Autore: Dott. Giovanni B. Ferrieri, Consulente Medico Reparto DH e Diagnosi Orale, Responsabile dell ambulatorio di Prevenzione e Terapia dell Osteonecrosi da bifosfonati in pazienti oncologici, DMCO Az. Osp. S.Paolo, Università degli Studi di Milano, Milano Negli ultimi decenni, anche a seguito dello sviluppo delle risorse mediche, si è potuto osservare un sensibile incremento dell età media dei pazienti. Ulteriore rilievo è quello correlabile alla tipologia di patologie che si rilevano nella popolazione anziana; è infatti cambiato il quadro delle cause di mortalità per patologie della popolazione. Le malattie di natura infettiva hanno lasciato il posto a quelle cronico-degenerative (i tumori e le malattie cardiovascolari costituiscono oggi oltre il 70% della mortalità complessiva). Dai dati epidemiologici risulta che le malattie cardiovascolari continuano a rappresentare la prima causa di morte nel nostro paese, essendo responsabili del 39% di tutti i decessi. Particolare interesse, per il frequente riscontro della patologia e per la particolare attenzione che richiedono, rivestono i pazienti affetti da disturbi cardiovascolari, nei confronti dei quali i trattamenti odontoiatrici vanno, necessariamente, pianificati in maniera adeguata. Nel trattare tali pazienti bisogna considerare con particolare attenzione anche la terapia farmacologica cui questi sono sottoposti. Ciò risulta essere vero anche per quanto riguarda le procedure di chirurgia orale ambulatoriale. In particolare, la cardiopatia ischemica è la prima causa di morte in Italia, rendendo conto del 14% di tutte le morti, mentre gli accidenti cerebrovascolari costituiscono il 12%. (Fig.1) Confrontando i tassi degli eventi coronarici e cerebrovascolari, emerge che negli uomini prevalgono gli eventi coronarici, nelle donne quelli cerebrovascolari. Le malattie cardiovascolari includono malattie coronariche, malattie cerebrovascolari, ipertensione, cardiopatie reumatiche, insufficienza cardiaca, malattie dei vasi periferici e cardiopatie congenite. terapia anticoagulante o antiaggregante 1

2 Cardiopatia ischemica Il termine cardiopatia ischemica definisce uno spettro di malattie a diversa eziologia, in cui il fattore fisiopatologico unificante è rappresentato da uno squilibrio tra la richiesta metabolica e l apporto di ossigeno al miocardio. La cardiopatia può manifestarsi clinicamente con: arresto cardiaco primario angina pectoris infarto del miocardio scompenso cardiaco Vasculopatie cerebrali Le lesioni cerebrali a patogenesi vascolare acuta realizzano un quadro clinico caratterizzato dall insorgenza improvvisa e dalla gravità della sintomatologia, noto con il nome di ictus (colpo apoplettico, stroke ). Il terapia anticoagulante o antiaggregante 2

3 quadro clinico è contrassegnato da una prima fase in cui prevalgono i segni di compromissione globale delle funzioni nervose (con aspetti simili sia che si tratti di un episodio tromboembolico sia di una emorragia intraparenchimale) e da una fase successiva in cui si evidenziano i segni focali indicatori dell area cerebrale lesa. L evento che più frequentemente determina ischemia cerebrale è l occlusione o la stenosi serrata del lume arterioso. Le obliterazioni arteriose sono prevalentemente su base arteriosclerotica e si realizzano essenzialmente con le modalità delle trombosi e dell embolia. Il processo arteriosclerotico, oltre ai vasi intracranici, colpisce con particolare frequenza i vasi extracranici, in particolare la carotide interna alla sua origine, dove la lesione può frequentemente assumere l aspetto della placca ulcerata che diviene sede di trombi murali e fonte di emboli di fibrina, piastrine e colesterolo. L occlusione di un ramo arteriolare ha come conseguenza immediata la caduta della pressione di perfusione nell area nervosa corrispondente con grave ipossia parenchimale che porta alla necrosi del tessuto (detto anche rammollimento). Attacco ischemico transitorio - TIA Gli attacchi ischemici transitori (Transient Ischemic Attack, TIA) sono definiti come episodi di deficit neurologico focale a insorgenza acuta con regressione completa della sintomatologia entro 24 ore dall insorgenza. Ictus cerebrale - rammollimento L'ictus cerebrale è caratterizzato da un rapido sviluppo di sintomi e segni di alterazioni focali o globali delle funzioni cerebrali, che possono durare più di 24 ore e portare a morte o determinare gravi esiti motori. L ictus ischemico è definito come un evento acuto causato da insufficienza vascolare (come la tromboembolia cerebrovascolare) piuttosto che da emorragia. Circa l 80% di tutti gli ictus cerebrali acuti sono causati da infarto cerebrale, solitamente dovuto a occlusione trombotica o embolica di un arteria cerebrale. I restanti casi sono originati da emorragia intracerebrale o sub aracnoidea. Aritmie Col termine aritmia si intende ogni condizione in cui viene a mancare la normale frequenza o regolarità del battito cardiaco ovvero un alterazione della normale sequenza di attivazione atrioventricolare. Qualsiasi fattore in grado di modificare l automatismo, l eccitabilità e la conduttività delle cellule miocardiche può essere la causa scatenante di un aritmia. terapia anticoagulante o antiaggregante 3

4 Fattori fisiologici che causano un aumento della stimolazione simpatica favorita da sforzi fisici, processi digestivi, assunzione o abuso di sostanze eccitanti quali caffè, tè e tabacco possono causare un iperattività delle cellule del miocardio e portare conseguentemente ad aritmie. Queste possono coinvolgere sia il cuore sano (aritmie funzionali), ma più frequentemente il cuore malato, affetto da patologie cardiache primarie (cardiopatia ischemica, cardiopatie valvolari, miocarditi) o secondarie a malattie che coinvolgono altri organi (tireotossicosi, feocromocitoma) o a seguito di squilibri elettrolitici di cui il più comune è l ipopotassiemia. Le aritmie possono essere distinte in due grandi gruppi: aritmie ipercinetiche: in cui a livello degli atri o dei ventricoli si ha un numero di impulsi aumentato rispetto alla norma; aritmie ipocinetiche: in cui si ha un minor numero di impulsi a livello atriale e/o ventricolare. Trombosi Sono condizioni morbose caratterizzate dalla formazione all interno dei vasi sanguigni, sia venosi sia arteriosi, di coaguli ematici. Tali coaguli, detti trombi, facilmente rilasciano degli emboli che, percorrendo il circolo ematico, possono portare all occlusione di vasi sanguigni di diametro minore rispetto a quello di origine, causando una drastica riduzione dell apporto ematico al distretto di competenza dei vasi coinvolti. Valvulopatie I vizi valvolari sono anomalie di funzione delle valvole cardiache conseguenti ad alterazioni anatomiche dell apparato valvolare nel suo complesso. I vizi valvolari possono essere classificati in base alla: - natura Stenosi: l ostio valvolare è ristretto e ostacola il passaggio del sangue in senso anterogrado. Insufficienza: la valvola non è continente e consente al sangue il rigurgito in senso retrogrado. Steno-insufficienza: si verifica sia un ostacolo al flusso anterogrado che un rigurgito in senso retrogrado. - sede Stenosi, insufficienza e steno-insufficienza possono verificarsi in ciascuna valvola o essere presenti in più valvole contemporaneamente. Nell adulto sono più frequenti i vizi che colpiscono la valvola mitralica e aortica; in caso di eziologia reumatica, invece, è comune l associazione di vizi mitroaortici. Il coinvolgimento delle valvole della parte destra del cuore è spesso secondario a un vizio valvolare sinistro. terapia anticoagulante o antiaggregante 4

5 - eziologia del vizio Nonostante sia in costante declino, l endocardite reumatica rimane la causa più comune di valvulopatia. Altre cause possono essere: anomalie congenite, endocarditi infettive e la cardiopatia ischemica. Farmaci con azione antitrombotica I farmaci con azione antitrombotica si suddividono in due diverse categorie a seconda del meccanismo d azione. Antiaggreganti Acido acetilsalicilico Ticlopidina cloridrato Clopidogrel Anticoagulanti Warfarina Acenocumarolo Eparine ed eparinoidi Dipiridamolo Inibitori del recettore piastrinico per il fibrinogeno Farmaci antiaggreganti Gli antiaggreganti piastrinici sono impiegati nella prevenzione primaria e secondaria delle trombosi arteriose, le quali riconoscono come momento patogenetico principale l evoluzione di placche aterosclerotiche verso l ulcerazione o la rottura con conseguente aggregazione piastrinica sulla struttura endoteliale danneggiata. Gli antiaggreganti piastrinici possono essere oggi distinti in tre gruppi principali. - Inibitori della sintesi del trombassano A2 (TXA 2 ) Il principale rappresentante del gruppo è l acido acetilsalicilico (ASA), un estere salicilato dell acido acetico. Questo composto sintetizzato da Hoffman è stato introdotto in medicina nel Il suo utilizzo è indicato per la profilassi e il trattamento di patologie cardio e cerebrovascolari, febbre, dolore da lieve a moderato, dolore e flogosi nelle malattie reumatologiche e muscolo scheletriche. L effetto antiaggregante è già presente al dosaggio ridotto di 0,5-1 mg/kg mentre quello analgesico ed antipiretico necessitano di dosi più elevate. L ASA possiede un radicale acetico labile che si lega covalentemente alle ciclossigenasi inattivandole per acetilazione in maniera irreversibile. Per il ripristino dell attività, l enzima deve quindi essere nuovamente sintetizzato dalla cellula, il che non può avvenire essendo le piastrine cellule sprovviste di nucleo. terapia anticoagulante o antiaggregante 5

6 Di conseguenza si ha un incapacità da parte delle piastrine di sintetizzare TXA 2 e quindi di aggregarsi per il resto della loro vita (7-10 giorni). La normalizzazione della coagulazione dopo somministrazione di ASA richiede quindi mediamente una settimana, tempo necessario per avere una quantità di piastrine aggregabili. - Antagonisti del recettore piastrinico per l ADP A questa classe di farmaci appartengono la ticlopidina e il clopidogrel il cui effetto antiaggregante viene ottenuto attraverso l inibizione dell attivazione ADP-dipendente dei recettori piastrinici GPIIb/IIIa per il fibrinogeno. La ticlopidina è indicata per la profilassi degli eventi ischemici maggiori in pazienti con storia di ictus ischemico, deficit neurologici ischemici reversibili o attacco ischemico transitorio e in pazienti con claudicatio intermittens. La ticlopidina può dar luogo a diversi effetti collaterali quali nausea, dispepsia, diarrea, emorragia, porpora trombocitopenica e in circa 1% dei pazienti leucopenia-agrunolictosi. Per questo il trattamento richiede controllo periodico dell assetto ematologico dei pazienti. Il clopidogrel, pur condividendo lo stesso meccanismo d azione dalla ticlopidina, è meglio tollerato; non causa, infatti, leucopenia e ha una minor incidenza di porpora trombocitopenica. È considerato un potente farmaco antiaggregante e antitrombotico, recentemente lanciato sul mercato in seguito ai buoni risultati clinici ottenuti (Feliste et al., 1987) e alla dimostrazione della maggior efficacia rispetto all ASA, nella prevenzione degli eventi aterotrombotici in pazienti ad alto rischio (CAPRIE Steering Committee, 1996). Il clopidogrel è inattivo in vitro; per esprimere la sua piena attività antiaggregante, necessita di una biotrasformazione a livello epatico ad opera di enzimi del citocromo p450. Metabolita attivo del clopidogrel Il metabolita attivo ha un emivita di 8 ore e agisce formando un ponte disolfuro con il recettore ADP delle piastrine, che vengono inibite irreversibilmente. terapia anticoagulante o antiaggregante 6

7 L inibizione dell aggregazione piastrinica è dose dipendente e si può osservare 2 ore dopo l assunzione di una singola dose da 75 mg di clopidogrel. Il tempo di sanguinamento e l aggregazione piastrinica ritornano gradualmente a valori normali in 5 giorni dalla sospensione della terapia. Il clopidogrel viene impiegato entro 35 giorni da un infarto miocardico o entro 6 mesi da un ictus ischemico. Viene prescritto per la prevenzione delle complicanze aterotrombotiche nelle arteriopatie o in seguito all inserimento di stant coronarici. È inoltre utilizzato in associazione con ASA per la prevenzione di eventi aterotrombotici nella sindrome coronarica acuta senza sovraslivellamento del tratto ST (terapia di mantenimento per massimo 12 mesi) e nell infarto miocardico acuto con sovraslivellamento del tratto ST (per minimo 2 settimane dopo l episodio). L utilizzo combinato di acido acetilsalicilico e clopidogrel ha però mostrato avere un maggior rischio emorragico. - Dipiridamolo Il dipiridamolo interferisce con la funzione piastrinica facendo aumentare la concentrazione cellulare dell adenosina 3 I,5 I -monofosfato ciclico (AMP ciclico). Ha una effetto vasodilatatore che, in associazione con warfarina, inibisce la trasformazione in emboli dei coaguli formati dalle valvole cardiache artificiali e in associazione con l acido acetilsalicidico riduce la trombosi nei pazienti con malattie trombotiche. - Inibitori del recettore piastrinico per il fibrinogeno (Farmaci anti-integrine piastriniche) Questi farmaci rappresentano l approccio più recente nel campo degli antiaggreganti. Attualmente sono disponibili tre molecole: abciximab, eptifibatide e tirofiban. Sono dei bloccanti specifici dei recettori GPIIb/IIIa per il fibrinogeno. Farmaci anticoagulanti Sono farmaci che ostacolano il processo della coagulazione del sangue; possono essere divisi in due gruppi: dicumarolici: somministrati per via orale eparine (iniettabili). terapia anticoagulante o antiaggregante 7

8 - Eparina Nel 1906 Mclean, mentre studiava estratti di tromboplastina provenienti da tessuti diversi, scoprì accidentalmente che alcuni dei cosiddetti apatofosfatidi avevano attività anticoagulante. Due anni più tardi, lo stesso laboratorio descriveva le caratteristiche di questo nuovo anticoagulante chiamandolo eparina perché si riteneva che fosse particolarmente abbondante nel fegato. L eparina non è una sostanza singola ma una famiglia di glicosaminoglicani solfati (mucopolisaccaridi). La cosiddetta eparina macromolecolare è una catena semplice costituita da unità disaccaridiche ripetute. Nei tessuti è localizzata nei mastociti è presente anche nel plasma e nelle cellule endoteliali dei vasi sanguigni. Nel corso degli anni, tramite frazionamento della macromolecola di eparina, sono state ottenute eparine a basso peso molecolare con attività anticoagulanti leggermente diverse dalla molecola progenitrice. Queste eparine non solo si sono confermate valide e sicure alternative all eparina standard, ma addirittura più efficaci e presentano inoltre l indubbio vantaggio di poter essere somministrate per via sottocutanea. Il meccanismo d azione delle eparine è estremamente complesso e in parte ancora sconosciuto. L effetto principale si esplica sulla formazione della fibrina ma essa è in grado di modificare l aggregazione piastrinica. L azione anticoagulante viene prodotta attraverso il legame con la proteina plasmatica antitrombina III, che è l inibitore naturale delle proteasi nella cascata della coagulazione ed è efficace in modo particolare sulla trombina e sul fattore Xa ma anche sull IXa, XIa e XIIa. L antitrombina III inibisce l azione della trombina legandosi ai siti attivi dell enzima. L eparina modifica questa interazione legandosi all antitrombina III, cambiando la sua conformazione e accelerando la sua velocità di reazione. Le eparine a basso peso molecolare aumentano l azione dell antitrombina III sul fattore Xa ma non su quello della trombina, poiché quest ultima richiede necessariamente il suo legame all enzima e all inibitore, e le piccole dimensioni della molecola dell eparina non consentono la formazione del legame. L eparina non viene assorbita dal tratto gastrointestinale a causa della carica presente sulla molecola e delle sue grosse dimensioni; la sua somministrazione deve essere fatta per via endovenosa o sottocutanea mentre le iniezioni intramuscolari sono da evitare perché possono rivelarsi causa della formazione di ematomi. L eparina viene usata spesso per episodi tromboembolici acuti, per protocolli ospedalieri che includono procedure chirurgiche importanti e per via sottocutanea per prevenire l embolia polmonare e la trombosi venosa profonda. L effetto anticoagulante dell eparina è rapidamente reversibile con la somministrazione di solfato di protamina. Questa è un antagonista dell eparina. La dose necessaria per la neutralizzazione dell eparina è di circa 1 mg/100 unità, equivalente approssimativamente a 1.6 mg di protamina per milligrammo di eparina. Viene somministrata attraverso una iniezione intravenosa lenta. - Dicumarolici La bis-idrossicumarina è una sostanza chimica dotata di attività anticoagulante isolata nel 1939 da Carl Paul Link. Negli anni successivi sono stati sviluppati per uso clinico composti affini alla bis-idrossicumarina tra questi il più importante è la warfarina. Esistono solo due anticoagulanti orali disponibili in Italia: l acenocumarolo e la warfarina sodica. terapia anticoagulante o antiaggregante 8

9 I dicumarolici bloccano la γ-carbossilazione dei residui di glutammato della protrombina e dei pro-fattori VII, IX, X e delle proteine C e S; in questo modo il tempo di protrombina (PT) e il tempo di tromboplastina parziale attivata (APTT) vengono prolungati. La reazione di carbossilazione è accoppiata all ossidazione della vitamina K che passa dalla forma idrochinonica a quella epossidica. Un enzima, l epossido-reduttasi, è responsabile della riduzione della vitamina K che la rende di nuovo utilizzabile come cofattore della reazione di carbossilazione. I cumarinici si comportano come antagonisti competitivi dell epossido-reduttasi, rendendo impossibile la riduzione della vitamina K e quindi la sua attività fisiologica. In base a questo meccanismo questi farmaci hanno un tempo di latenza superiore alle 12 ore e sono necessari 3-5 giorni di terapia per raggiungere il picco dell attività anticoagulante (vedi Tabella 2). Gli anticoagulanti cumarinici presentano un alto legame con le proteine plasmatiche (>99%), sono metabolizzati dal sistema enzimatico P450 e sono soggetti ad interazioni con diversi farmaci a causa di interazioni farmacocinetiche (dovute a spiazzamento dell anticoagulante dal legame alle proteine plasmatiche o a fenomeni di induzione e inibizione farmaco metabolica) o interazioni farmacodinamiche (dovute a fenomeni di sinergismo con sostanze agenti su altre tappe dell emostasi). Ad esempio, gli antinfiammatori non steroidei (FANS) spiazzano i cumarinici dal legame con le proteine plasmatiche e ne inibiscono il metabolismo epatico e possono interferire con la funzione piastrinica, essendo dotati di azione antiaggregante, e causare emorragie. Gli antimicrobici, invece, riducono la sintesi della vitamina K e inibiscono l attività piastrinica. Tabella 2 - Range terapeutico raccomandato per la terapia con anticoagulanti orali Indicazioni Range terapeutico dell INR Profilassi/trattamento delle trombosi venose Trattamento di embolie polmonari Prevenzione di embolie sistemiche Embolie sistemiche ricorrenti Infarto miocardico acuto Malattia valvolare cardiaca Sostituzione valvolare con tessuto? Fibrillazione atriale Protesi valvolare cardiaca(alto rischio) terapia anticoagulante o antiaggregante 9

10 Cenni di fisiologia dell emostasi L emostasi dipende dall interazione di proteine plasmatiche specifiche, cellule endoteliali, piastrine, e componenti dei tessuti vascolari. In condizioni normali, l emostasi è controllata dall equilibrio tra i processi emocoagulativi e quelli anticoagulanti. Processi emocoagulativi Sono avviati a seguito di una lesione della parete vasale. Il primo evento è la vasocostrizione transitoria e indotta da mediatori locali a cui seguono una serie di eventi. Prima fase: l insulto della parete vascolare danneggia le cellule endoteliali ed espone il collagene sottostante, determinando il legame dei fattori di Von Willembrand (vwf) alla matrice di collagene esposta. Ciò consente l adesione delle piastrine, per interazione dei fattori vwf con specifici recettori piastrinici, tra cui GPIb-IX e integrinie glicoproteiche di membrana. Le piastrine attivate cambiano forma, sviluppando lunghi psuedopodi e rilasciano numerosi mediatori ad azione aggregante e/o vasocostrittrice come trombassano (TAX2), ADP, fattore attivante le piastrine (PAF). Seconda fase: le sostanze rilasciate attivano altre piastrine, reclutandole nell aggregato nascente. Inoltre i mediatori rilasciati attivano specifiche integrine piastriniche GPIIb-IIIa, che legano il fibrinogeno innescando cosi l aggregazione piastrinica e la formazione del tappo piastrinico. Terza fase: in questa fase avviene la trasformazione del fibrinogeno legato alle piastrine in fibrina che stabilizza e consolida il tappo piastrinico. terapia anticoagulante o antiaggregante 10

11 Il processo è noto come cascata della coagulazione che implica cofattori e ioni calcio. La cascata della coagulazione è distinta in due vie: la via estrinseca o extravascolare e la via intrinseca o intravascolare. La via estrinseca è la più importante per l innesco della coagulazione ed ha inizio nella sede della lesione vascolare, dove il fattore VII circolante si lega al fattore tissutale (FT) espresso dall endotelio. Questo complesso attiva il fattore X che a sua volta attiva la protrombina (fattore II) in trombina (fattore IIa) che scinde poi il fibrinogeno per produrre fibrina. La trombina attiva anche un fattore stabilizzante (fattore XIII) che polimerizza la fibrina solubile in insolubile. La via intrinseca agisce invece da amplificatore della cascata e ha inizio quando il fattore XII viene a contatto con la superficie vasale lesa diventando un enzima attivo XIIa. Il fattore XIIa attiva il fattore XI che a sua volta attiva il IX. Quest ultimo viene in parte attivato anche dalla via estrinseca attraverso il complesso fattore tissutale-fattore VIIa. Il fattore IXa in presenza della superficie fosfolipidica, fattore VIIIa e calcio, attiva il fattore X realizzandosi così la convergenza nella via comune con conseguente amplificazione del processo coagulativo già avviato dalla via estrinseca. Processi anticoagulativi L endotelio normale previene l innesco dei processi emostatici costituendo una barriera fisica e rilasciando composti come la prostaciclina e l ossido nitrico che inibiscono l aggregazione piastrinica. Inoltre l endotelio mantiene attivamente la fluidità del sangue rilasciando inibitori specifici dei fattori attivanti ed esprimendo sulla membrana plasmatica recettori come trombomodulina che lega la trombina inattivandola. Attraverso questi meccanismi viene impedito che il processo di coagulazione necessario a riparare un area danneggiata possa diffondersi in aree circostanti. Esistono poi inibitori specifici della coagulazione, in prevalenza prodotti da fegato e dalle cellule endoteliali come: - TFPI (tissue factor pathway inhibitor, inibitore della via del fattore tissutale): inibisce l attività del complesso fattore tissutale fattore VIIa; - Antitrombina III (ATIII): una globulina prodotta dal fegato che neutralizza la trombina e inibisce tutte le proteasi della cascata della coagulazione (il cui effetto è potenziato dall eparina). - Proteina C: prodotta dal fegato che inibisce direttamente i fattori V e VIII e stimola la fibrinolisi. La fibrinolisi La fibrinolisi comprende una serie di reazioni che hanno come evento terminale la dissoluzione in vivo del coagulo fibrinico; il processo avviene a opera del sistema fibrinolitico costituito da numerosi fattori che promuovono o inibiscono la conversione di un enzima precursore, il plasminogeno, in un enzima attivo, la terapia anticoagulante o antiaggregante 11

12 plasmina. Questa proteasi serinica con ampia specificità simil-tripsinica è capace di digerire un gran numero di proteine, incluse la fibrina, il fibrinogeno, i fattori V e VIII, la caseina e vari peptidi, portando quindi a dissoluzione del coagulo. L attivazione del plasminogeno è il principale processo di regolazione del sistema fibrinolitico; si distinguono tre differenti vie di attivazione, di cui la più importante è quella catalizzata dall attivatore del plasminogeno di tipo tissutale (t-pa) secreto in circolo dalle cellule endoteliali. Tale attivazione necessita della presenza di fibrina per cui ha luogo solo nella sede del coagulo. Controllo dell emostasi Il sanguinamento del campo operatorio è sempre presente durante un intervento chirurgico e quando l emorragia diventa significativa questo può comportare: Diminuzione della visibilità del campo operatorio Emorragia post-operatoria prolungata Formazione di ematomi che possono rappresentare un ottimo substrato per lo sviluppo di infezioni batteriche. Esistono differenti tecniche intraoperatorie e postoperatorie per il controllo del sanguinamento. Compressione Rappresenta il sistema più semplice. Va eseguita con garza sterile imbevuta di soluzione fisiologica. Bisogna evitare l utilizzo di una garza asciutta che assorbirebbe il sangue e rimuoverebbe il coagulo. Sutura La sutura chirurgica consente di avvicinare stabilmente i bordi di una ferita favorendone la guarigione per prima intenzione nel caso in cui i lembi si trovino giustapposti senza tensione o la stabilizzazione della ferita nel caso di guarigione per seconda intenzione. Le principali tecniche di sutura utilizzate in chirurgia orale sono: Sutura a punti staccati Sutura a U Sutura a materassaio Sutura continua terapia anticoagulante o antiaggregante 12

13 Materiali emostatici Il tamponamento mediante spugna di fibrina o la cellulosa ossidata può essere utile in caso il semplice tamponamento si rilevi inefficace. Questi materiali si rivelano particolarmente utili per l emostasi di vasi intraossei (ad esempio un sanguinamento dai rami dell arteria alveolare inferiore) dove la diatermocoagulazione o la legatura sono sconsigliabili o non eseguibili. Cellulosa ossidata: agisce meccanicamente formando un coagulo artificiale. Colla di fibrina: è costituita da componenti che innescano la fase finale della coagulazione, quali fattore XIII e trombina liofilizzata. Solfato ferrico: determina coagulazione delle proteine come avviene con il calore. Spugne a base di gelatina o di collagene: stimolano il processo dell emostasi, sono insolubili in acqua e riassorbibili. Diatermocagulazione Sono disponibili due sistemi: Coagulazione monopolare: si avvale di un elettrodo che trasmette una corrente elettrica in grado di creare un forte aumento di temperatura locale con azione coagulante. L elettrodo non dove essere usato direttamente ma appoggiato su una pinza emostatica che blocca l emorragia meccanicamente ed agisce contemporaneamente da conduttore. Coagulazione bipolare: si avvale di pinze le cui estremità agiscono da poli elettrici. Si viene a creare un arco voltaico tra le due punte; i tessuti compressi in questo spazio vengono attraversati dalla corrente e coagulati. Legatura del vaso La legatura di un vaso è indicata in caso di emorragie a partenza da vasi di ampio calibro e in particolare arteriosi (ad esempio l arteria facciale e i suoi rami o l arteria palatina maggiore). Il vaso sanguinante deve essere innanzitutto individuato, clampato a 2-3 mm di distanza dall interruzione e suturato subito dietro la pinza emostatica, coinvolgendo la minor quantità possibile di tessuto circostante. terapia anticoagulante o antiaggregante 13

14 Farmaci antiemorragici Vitamina K: è indispensabile per la sintesi epatica della protrombina (fattore II), della proconvertina (fattore VII), del fattore di Christmas (IX), del fattore di Stuart (fattore X) e infine delle proteine C e S. La vitamina K interviene come cofattore nella conversione dell acido glutammico in γ-carbossiglutammato senza il quale i fattori pro-coagulativi sono incapaci di legarsi al calcio e ai fosfolipidi piastrinici con conseguenti alterazioni della cascata della coaugulazione. Concentrati del fattore VIII e IX Desmopressina: aumenta transitoriamente i valori del fattore VIII e di von Willembrand Antifibrinolitici: l acido ε-aminocaproico e l acido tranexamico hanno un elevata attività antifibrinolitica nell uomo. Entrambi i farmaci si legano reversibilmente al plasminogeno e quindi bloccano il legame del plasminogeno stesso alla fibrina e la sua attivazione a plasmina. Gestione del paziente Protocollo preoperatorio - Valutazione medica e piano di trattamento Durante la prima visita, per i pazienti in terapia anticoagulante o antiaggregante è di fondamentale importanza la raccolta di una accurata anamnesi medica generale ed odontoiatrica specifica. In seguito all esame obiettivo del cavo orale e alla valutazione degli esami radiografici è utile stabilire un piano di trattamento in relazione all invasività degli interventi e alle condizioni di salute del paziente. Gli interventi stabiliti è bene che siano preceduti da una seduta d igiene orale (ABT e scaling e root planing) qualche giorno prima, per ridurre al minimo il rischio di dover gestire tessuti con un processo infiammatorio in corso. È consigliabile eseguire interventi anche lievemente invasivi su pazienti che presentino una pressione sistolica < 180 mmhg e diastolica < 100 mmhg e con glicemia compresa tra 60 mg/dl e 160mg/dl. Il giorno dell intervento i pazienti in terapia con anticoagulanti orali saranno trattati chirurgicamente solo se in possesso di un valore di INR inferiore a 3.5 e non antecedente alle 24 ore. Nei pazienti con indicazione alla profilassi antibiotica saranno somministrati 2 g di amoxicillina cpr o 500 mg di claritromicina cpr nei pazienti allergici alle penicilline, un ora prima dell intervento. Protocollo operatorio Pochi minuti prima dell intervento, ogni paziente dovrebbe eseguire uno sciacquo di 60 secondi con circa 10 ml di prodotto puro a base di clorexidina 0,2%. Ciò al fine di ridurre la carica batterica del sito trattato, condizione favorente la guarigione della ferita chirurgica. terapia anticoagulante o antiaggregante 14

15 L anestesia loco-regionale è ottenibile con l inoculazione di mepivacaina 2% con vasocostrittore o articaina 1: L impiego del vasocostrittore non è una controindicazione. Riteniamo che l utilizzo dell anestesia tronculare sia da utilizzare solo se tecniche alternative non dimostrino una efficacia adeguata, questo al fine di evitare di ledere vasi presenti nei tessuti attraversati dall ago È opportuno adottare una tecnica chirurgica specifica non traumatica, preservando il più possibile il tessuto osseo e quello muco-gengivale con eventuale scollamento di lembi mucoperiostei. È consigliabile eseguire lavaggi con soluzione fisiologica e curettage alveolari dei siti post chirurgici al fine di eliminare tutto il tessuto di granulazione ed evitare così l alterazione da parte dello stesso della formazione di un coagulo competente nell immediato post chirurgico. È opportuna una adeguata sutura ove vi fosse la necessità di ottenere una guarigione per prima intenzione o per necessità di accollare le papille gengivali al di sopra degli alveoli post estrattivi. In base all invasività dell intervento e a discrezione dell operatore, è importante che al di sopra del sito chirurgico vengano applicate delle garze imbevute di acido tranexamico o soluzione fisiologica. Protocollo post-operatorio Nelle 2 ore successive l intervento i pazienti saranno controllati periodicamente ogni minuti, ove necessario si eseguirà una rimedicazione, ponendo particolare attenzione a descrivere come effettuare una efficace compressione sul sito post-estrattivo e sottolineando l importanza che questa azione riveste nel raggiungere una buona emostasi. Ogni paziente deve inoltre essere informato della necessità di seguire una dieta fredda e morbida, di non eseguire sciacqui energici o lavaggi con acqua ed astenersi da manovre di igiene orale meccanica nell area interessata dall atto chirurgico nelle ore successive l intervento. I pazienti portatori di protesi mobili che potrebbero potenzialmente traumatizzare il sito post-chirurgico vanno invitati a non utilizzare la protesi per i successivi 7 giorni. È consigliabile la prescrizione di un collutorio a base di clorexidina 0.2% 10ml bis/die per 14 giorni a partire dal secondo giorno dopo l intervento; ove indicata è associata una terapia antibiotica a base di amoxicillina 2 g/die per 6 giorni o claritromicina 500mg/die per 6 giorni; la terapia analgesica è con paracetamolo 500 mg x 2/die per 3 giorni. I pazienti sono dimissibili al raggiungimento di un coagulo stabile e apparentemente competente. Discussione Come abbiamo già evidenziato, nel ventesimo secolo abbiamo assistito a un processo di invecchiamento della popolazione, alla riduzione della mortalità causata da malattie cardiovascolari, oncologiche e respiratorie ma allo stesso tempo abbiamo avuto un aumento del numero di persone affette cronicamente da tali patologie. terapia anticoagulante o antiaggregante 15

16 Questo ha inevitabilmente portato l odontoiatra a confrontarsi con un sempre maggior numero di pazienti in terapia con farmaci antitrombotici che, se da un lato portano alla riduzione del rischio di complicanze tromboemboliche, dall altro determinano una tendenza ad aumentato sanguinamento in seguito ad un evento traumatico. Possiamo affermare che a oggi sono più gli autori che ritengono inutile e dannosa la sospensione o la sostituzione della terapia anticoagulante o antiaggregante rispetto a quelli che sostengono questo tipo di gestione. In accordo con Beirne, Ferrieri, Scully e coll., riteniamo che un adeguata preparazione pre-operatoria del paziente, attraverso l eliminazione di tutti i fattori con azione irritativa-infiammatoria, possa svolgere un ruolo importante nella prevenzione di complicanze intra e post-operatorie. Questa fase passa attraverso la rimozione dei fattori irritativi come placca e tartaro, attraverso manovre di scaling e root-planing eseguite una settimana prima dell intervento. L applicazione di un protocollo standardizzato intra-operatorio il meno traumatico possibile, sia per i tessuti molli sia per quelli ossei, garantisce un abbassamento del rischio di sanguinamento post-chirurgico. Si ritiene di fondamentale importanza l eliminazione dai siti post chirurgici del tessuto di granulazione il quale porterebbe all attivazione di mediatori dell infiammazione come il fibrinogeno con conseguente attivazione di un processo di fibrinolisi. Questo condizionerebbe infatti una corretta organizzazione del coagulo aumentando il rischio di sanguinamento in seguito all intervento. Il protocollo di gestione chirurgica del paziente in terapia con farmaci antitrombotici deve inoltre prevedere una particolare attenzione da parte del clinico nel motivare il soggetto a rispettare le indicazione postchirurgiche. Una corretta dieta liquida e fredda, l astensione ad eseguire vortici con liquidi o semplicemente saliva, preserva il coagulo da un processo di fibrinolisi. Educare il paziente a eseguire una eventuale corretta medicazione del sito operato attraverso manovre compressive permette di gestire e risolvere gran parte degli episodi emorragici. Riteniamo opportuno, analizzata la curva farmacocinetica dei derivati cumarinici e l evidente difficoltà da parte dell ematologo a far raggiungere al paziente un appropriato range terapeutico, che sia sufficiente trattare il paziente con un protocollo di gestione standardizzato piuttosto che modificare o sospendere la terapia in corso, rendendo quindi difficoltoso il ritorno a un corretto indice terapeutico. Questo eviterebbe al paziente e al clinico specialista continui controlli ed aggiustamenti della terapia nel post-operatorio. Viene inoltre riportato da diversi Autori un effetto rebound ; tale situazione si verificherebbe contestualmente al ripristino della abituale terapia anticoagulante orale, manifestandosi con una maggiore tendenza da parte del paziente a presentare valori di INR ben superiori ai valori terapeutici utili. Riteniamo infine, di particolare importanza, sottolineare come la semplice terapia antiaggregante non sia di per sé stessa da considerarsi come un fattore di rischio per eventuali complicanze emorragiche in seguito a terapie chirurgiche-orali routinarie. terapia anticoagulante o antiaggregante 16

17 Bibliografia essenziale Scully, Wolff, Oral surgery in patients on anticoagulant therapy, Oral Surg Oral Med Oral Pathol, vol. 94. n.1 Beirne R., Evidence to continue oral anticoagulant therapy for ambulatory oral surgery, Journal of Oral and Maxillofacial Surgery, 63: , 2005 Wahl M.J., Dental surgery in anticoagulated patients, Arch Internal Med, 158:1610, 1998 Blinder D., Manor Y., Martinowitz U., et al, Dental extractions in patients maintained on oral anticoagulant therapy: Comparison of INR value with occurrence of postoperative bleeding, Journal of Oral and Maxillofacial Surgery, 30:518, 2001 Arthur H., Jeske et al, Lack of a scientific basis for routine discontinuation of oral anticoagulation therapy before dental treatment, J and Dent Assoc, 134 (11): , 2003 Ferrieri G., et al, Oral surgery in patients on anticoagulant treatment without teraphy interruption, Journal of Oral and Maxillofacial Surgery, vol. 65, 6: , 2007 Morimoto, Niwa, and Minematsu. Tooth Extraction on Antithrombotic Therapy. J Oral Maxillofac Surg 66:51-57,2008. terapia anticoagulante o antiaggregante 17

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

all utilizzo dei farmaci antitrombotici

all utilizzo dei farmaci antitrombotici Guida illustrata all utilizzo dei farmaci antitrombotici Guida illustrata all utilizzo dei farmaci antitrombotici A cura di Cristina Baré 1 INDICE Cosa succede all interno dei nostri vasi sanguigni e perché

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE

USO CONCOMITANTE DI INIBITORI DI POMPA E TERAPIE ANTITROMBOTICHE Italian Council of Cardiology Practice Varese, 20-21-22 giugno 2014 «CUORE E OLTRE NUOVE PROPOSTE DI DIAGNOSI E TERAPIA» Congresso Regionale e Nazionale Collegio Federativo di Cardiologia USO CONCOMITANTE

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO

CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI. - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO CORSO DI PRIMO SOCCORSO PER LA FORMAZIONE DI NUOVI VOLONTARI - sessione teorica - IL CORPO UMANO : L APPARATO CARDIO-CIRCOLATORIO IL SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO L'apparato cardiocircolatorio è costituito

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

Canali del Calcio L-Type

Canali del Calcio L-Type Canali del Calcio L-Type Complessi etero-oligomerici in cui la subunità α 1 forma il poro ionico e lega agonisti e antagonisti 9 subunità α 1 (S,A,B,C,D,E,G,H,I) Subunità α 1 C e D formano il canale L;

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

trombosi antitrombotici

trombosi antitrombotici trombosi e antitrombotici La medicina è una scienza sociale e la politica non è altro che medicina su larga scala 4000 la lista della spesa 3500 3000 2500 2000 1500 1000 500 0 a b c d e f g h i j k

Dettagli

Foglio informativo per il paziente

Foglio informativo per il paziente DIPARTIMENTO CARDIO-TORACO-VASCOLARE E DI AREA CRITICA STRUTTURA COMPLESSA DI CHIRURGIA VASCOLARE DOTT. ENRICO VECCHIATI - DIRETTORE ANGIOPLASTICA STENTING DELLE CAROTIDI Foglio informativo per il paziente

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

VALVULOPATIE ANATOMIA VALVOLARE Le valvole cardiache sono le strutture che separano fra di loro le camere cardiache (atri e ventricoli) e queste ultime dai grandi vasi (aorta ed arteria polmonare). Le

Dettagli

TROMBO. Massa solida che si forma nelle cavità cardiache e nei vasi arteriosi e venosi durante la vita a partire dai normali costituenti del sangue.

TROMBO. Massa solida che si forma nelle cavità cardiache e nei vasi arteriosi e venosi durante la vita a partire dai normali costituenti del sangue. TROMBO Massa solida che si forma nelle cavità cardiache e nei vasi arteriosi e venosi durante la vita a partire dai normali costituenti del sangue. - Aderisce alla parete del vaso - Friabile - Superficie

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO MALATTIE DELL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Sintomi e segni legati all apparato cardiocircolatorio: - dispnea, tachipnea - dolore precordiale (=in regione del cuore) - dolore toracico, dolore alla spalla

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Funzioni delle proteine del sangue:

Funzioni delle proteine del sangue: PROTEINE DEL SANGUE Funzioni delle proteine del sangue: 1. Funzioni nutrizionali 2. Regolazione dell equilibrio acido base 3. Ripartizione dell acqua nei vari distretti 4. Funzione di trasporto 5. Coagulazione

Dettagli

Dalla: Guida alla terapia con anticoagulanti orali della Federazione Centri Sorveglianza Anticoagulati (FCSA) III Edizione 2004

Dalla: Guida alla terapia con anticoagulanti orali della Federazione Centri Sorveglianza Anticoagulati (FCSA) III Edizione 2004 ALCUNE RACCOMANDAZIONI UTILI NELLA GESTIONE AMBULATORIALE DEI PAZIENTI CHE NECESSITANO DI TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO) Dalla: Guida alla terapia con anticoagulanti orali della Federazione Centri

Dettagli

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati

L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati ANTIPERTENSIVI (1) L ipertensione arteriosa è una tra le malattie più diffuse nei paesi industrializzati E uno dei maggiori problemi clinici dei tempi moderni. 1. Molte volte chi è iperteso lo scopre occasionalmente

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CARDIOCIRCOLATORIO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO TURBE del SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Storti Chiara Francesca Istruttore PSTI APP. CARDIOCIRCOLATORIO OBIETTIVI Cenni di ANATOMIA e FISIOLOGIA dell APP. CARDICIRCOLATORIO il

Dettagli

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA

SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA SOSTITUZIONE VALVOLARE AORTICA CHE COS E LA VALVOLA AORTICA La valvola aortica e' posta tra il ventricolo sinistro e l'arteria aorta. Il ventricolo sinistro e' la parte del cuore che ha il compito di pompare

Dettagli

1. FARMACI ANTITROMBOTICI: ANTICOAGULANTI E ANTIAGGREGANTI

1. FARMACI ANTITROMBOTICI: ANTICOAGULANTI E ANTIAGGREGANTI 1. FARMACI ANTITROMBOTICI: ANTICOAGULANTI E ANTIAGGREGANTI Anticoagulanti o antiaggreganti: sono uguali? NO. Gli anticoagulanti bloccano i fattori della coagulazione, di solito vengono utilizzati per curare

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

SORDITA IMPROVVISE EZIOLOGIA

SORDITA IMPROVVISE EZIOLOGIA SORDITA IMPROVVISE Il termine sordità improvvisa indica una perdita uditiva ad insorgenza rapida e brusca, in un periodo non superiore alle 12 ore, a carico dell orecchio interno, uni- (85%) o bilaterale.

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz Microangiopatia Trombotica Definizione Condizione patologica caratterizzata da: anemia emolitica, microangiopatia trombotica, trombocitopenia, manifestazioni polidistrettuali 1) Sindrome emolitico-uremica

Dettagli

Il dr. Alessandro Rizzi dichiara di NON aver ricevuto negli ultimi due anni compensi o finanziamenti da Aziende Farmaceutiche e/o Diagnostiche

Il dr. Alessandro Rizzi dichiara di NON aver ricevuto negli ultimi due anni compensi o finanziamenti da Aziende Farmaceutiche e/o Diagnostiche Il dr. Alessandro Rizzi dichiara di NON aver ricevuto negli ultimi due anni compensi o finanziamenti da Aziende Farmaceutiche e/o Diagnostiche CINETICA DEL TROMBOSSANO E ALTRI ASPETTI DELLA FUNZIONALITA

Dettagli

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono

Cos è la stenosi carotidea. Perchè succede. Quali rischi si corrono Cos è la stenosi carotidea La stenosi carotidea è il restringimento del lume dell arteria carotide uno dei vasi principali che porta il sangue al cervello dovuto alla presenza di una placca ateromasica.

Dettagli

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo

Allegato III. Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo Allegato III Modifiche attinenti i paragrafi del riassunto delle caratteristiche del prodotto e del foglio illustrativo 39 RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 40 Paragrafo 4.1. Indicazioni terapeutiche

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE

Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE PROF. FRANCESCO MONTORSI PROFESSORE ORDINARIO DI UROLOGIA UNIVERSITA VITA SALUTE SAN RAFFAELE MILANO Guida per il paziente candidato a ricovero per intervento di VARICOCELECTOMIA per la cura del VARICOCELE

Dettagli

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello

La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello La terapia medica per la DE è sicura? Francesco Varvello vietati ai cardiopatici inducono dipendenza pericolosi per il cuore sostanze dopanti sono stati segnalati gravi eventi cardiovascolari, inclusi

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI

COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Lega Friulana per il Cuore COSA FARE DOPO IL RISCONTRO DI ATEROSCLEROSI ASINTOMATICA DELLE CAROTIDI Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del

Dettagli

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica

Valvulopatie. Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Valvulopatie Stenosi Mitralica Insufficienza Mitralica Stenosi Mitralica:Eziologia Patologia ormai rara nei paesi sviluppati:nella quasi totalità dei casi è di origine reumatica. Predilige il sesso femminile

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI

TECAR E ONDE D URTO COME TERAPIE ALTERNATIVE NEL TRATTAMENTO DI UN CASO DI ARTROSINOVITE COMPLICATA DA FORMAZIONI OSTEOPERIOSTALI INTRODUZIONE ARTROSINOVITE SETTICA: processo infettivo delle articolazioni spesso determinante una rapida distruzione e proliferazione della capsula e delle cartilagini articolari. Le vie,attraverso le

Dettagli

APPARATO CIRCOLATORIO

APPARATO CIRCOLATORIO APPARATO CIRCOLATORIO 1 FUNZIONI F. respiratoria e nutritiva F. depuratrice F. di difesa (trasporto di O 2, principi alimentari...) (trasporto di CO 2 e altre sostanze di scarto) (nei confronti dei batteri

Dettagli

La circolazione e la respirazione

La circolazione e la respirazione www.matematicamente.it Circolazione e respirazione (medicina) 1 La circolazione e la respirazione Domande tratte dai test di ammissione a medicina, odontoiatria e veterinaria 1. L ossigeno diffonde liberamente

Dettagli

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme

Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme Monitore Primo Soccorso Chiara Parola CRI Casciana Terme OBIETTIVI: Anatomia del cuore Fisiologia del cuore Patologie dell apparato cardiaco Sangue e vasi sanguigni Come funziona la circolazione del sangue

Dettagli

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa Red Alert for Women s Heart Compendio DONNE E RICERCA CARDIOVASCOLARE Le malattie cardiovascolari (MCV) sono la principale causa di morte nelle donne, responsabili del 54% dei decessi femminili in Europa

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

PATOLOGIE VASCOLARI NEL DIABETE Dott. Maurizio Merlo S.C.D.O. Chirurgia Vascolare 1 AOCP DEFINIZIONE Sindrome clinica ad andamento cronico dovuta alla riduzione della portata t ematica distrettuale tt

Dettagli

GC Ingresso letto arterioso

GC Ingresso letto arterioso Ritorno venoso GC Ingresso letto arterioso Eiezione CUORE Riempimento Patr Ra RV Ingresso cuore Rv Il flusso di sangue che torna al cuore (RV) = flusso immesso nel letto arterioso (GC). GC e RV sono separati

Dettagli

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE

PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE PROPOSTE DI LINEE GUIDA SULLE MEDICAZIONI AVANZATE NELLE LESIONI ULCEROSE D Alicandro G, Infascelli R M, Aprea G, Silvestro M, Iuliano P SC di Anestesia, Rianimazione e Terapia Iperbarica A.O. Santobono-Pausilipon

Dettagli

Appunti di appropriatezza prescrittiva

Appunti di appropriatezza prescrittiva S.C. Farmaceutica Territoriale Appunti di appropriatezza prescrittiva Focus su: Nuovi Anticoagulanti Orali La fibrillazione atriale è la più comune causa di aritmia cardiaca cronica e predispone, i pazienti

Dettagli

I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO)

I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO) I NUOVI ANTICOAGULANTI (NAO) Dabigatran (Pradaxa, Apixaban (Eliquis e Rivaroxaban (Xaralta ) sono stati approvati dall'ema (Agenzia Europea dei Medicinali) per la prevenzione dell'ictus e del tromboembolismo

Dettagli

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE

CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE CARDIOLOGIA INTERVENTISTICA DELLE CARDIOPATIE CONGENITE DEL CANE www.clinicaveterinariagransasso.it www.veterinaryechocardiography.eu TRATTAMENTO DEL DOTTO ARTERIOSO PERVIO (PDA) Patent Ductus Arteriosus

Dettagli

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1

L apparato circolatorio. l attività sportiva. Scuola Media Piancavallo 1 L apparato circolatorio e l attività sportiva a.s. 2004/2005 1 L apparato cardiocircolatorio Se riempiamo una vetta contenente del sangue e la mettiamo in una centrifuga, possiamo osservare che si separano

Dettagli

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE

1.1 Apparato circolatorio 1.1.1 CUORE 1.1 Apparato circolatorio L apparato cardiocircolatorio è assimilabile ad un circuito idraulico, in cui la pompa è il cuore, arterie e vene sono le condutture ed il liquido circolante è il sangue. La circolazione

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI:

OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: OPUSCOLO INFORMATIVO A CURA DI: Dott. Riccardo Cappato Presidente ANA-Aritmie Prof. Francesco Furlanello Coordinatore Nazionale Attività Formativa ANA-Aritmie Silvia Siminelli Segretario Generale ANA-Aritmie

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 1. DENOMINAZIONE DEL MEDICINALE Tenecteplase Boehringer Ingelheim Pharma KG 6.000 unità Polvere e solvente per soluzione iniettabile 2. COMPOSIZIONE

Dettagli

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA

PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA PATOLOGIE MEDICHE in EMERGENZA COSA SONO, COME SI RICONOSCONO, COME SI OPERA Patologia Ischemica (Infarto) Cuore (infarto) Cervello (Ictus) Scompenso Cardiaco Difficoltà Respiratorie Shock Che cosa sono,

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini

Alcune considerazioni Sul diabete. Anna Carla Babini Alcune considerazioni Sul diabete Anna Carla Babini Quali argomenti Assolutamente pratici Criteri diagnostici metformina come utilizzarla insulina basale? QUALE VOI VORRETE HbA1c 6,5% il cut-point diagnostico

Dettagli

Scegli il tuo cammino e mettici il cuore. Perché se lo fai con il cuore sei arrivato ancora prima di partire.

Scegli il tuo cammino e mettici il cuore. Perché se lo fai con il cuore sei arrivato ancora prima di partire. Scegli il tuo cammino e mettici il cuore. Perché se lo fai con il cuore sei arrivato ancora prima di partire. Il cuore : è un muscolo grande all'incirca come il pugno della propria mano. pesa circa 500

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROCEDURE CHIRURGICHE Pag 1 di 11 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 3 2. PERSONALE INTERESSATO... 3 3. PAROLE CHIAVE... 3 4. PROCEDURA OPERATIVA... 3 4.1 PREMESSA... 3 4.2 PROFILASSI MECCANICA... 4 4.2.1 Controindicazioni

Dettagli

La terapia anticoagulante orale

La terapia anticoagulante orale La terapia anticoagulante orale Manuale per il Paziente Divisione di Ematologia Centro per lo Studio delle Malattie Emorragiche e Trombotiche ULSS 6 Vicenza Si ringrazia l Associazione Veneta per l Emofilia

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative

GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI. del Dolore e Cure Palliative GUIDA RAPIDA ALL USO DEGLI ANALGESICI SSD Terapia del Dolore e Cure Palliative USO DEGLI ANALGESICI Scegliere e e via somministrazione s o più semplice Seguire la scala degli analgesici dell OMS Somministrare

Dettagli

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore

PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA. Lega Friulana per il Cuore Lega Friulana per il Cuore PREVENZIONE DELL ENDOCARDITE ENDOCARDITE BATTERICA Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

TROMBOFILIA definizione

TROMBOFILIA definizione 17 novembre 2012 1 TROMBOFILIA definizione 2 i difetti trombofilici non sono malattie 3 TROMBOFILIA 4 TROMBOFILIA EREDITARIA 5 TROMBOFILIA ACQUISITA 6 Negli ultimi anni si è osservata una maggior sensibilità

Dettagli

INTERVENTI PREVENTIVI INTERVENTI CURATIVI

INTERVENTI PREVENTIVI INTERVENTI CURATIVI INTERVENTI PREVENTIVI ICV Ischemia Cerebro Vascolare ICM Insufficienza Celiaco Mesenterica IR Insufficienza Renale INTERVENTI CURATIVI OAI Ostruzione Aorto-iliaca OFP Ostruzione Femoro-Poplitea INSUFFICIENZA

Dettagli

ISCHEMIA ACUTA DEGLI ARTI INFERIORI

ISCHEMIA ACUTA DEGLI ARTI INFERIORI ISCHEMIA ACUTA DEGLI ARTI INFERIORI È la condizione in cui la domanda di ossigeno non viene soddisfatta per l improvissa riduzione del flusso ematico arterioso. Le cause possono essere: embolie trombosi

Dettagli

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente

I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente I consigli per invecchiare bene: la dieta mediterranea, l attività fisica, la cura del nostro cuore, l esercizio della nostra mente Dott.ssa Silvia Navarin Scuola di Specializzazione Medicina d Emergenza-Urgenza

Dettagli

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco.

Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Le PROTEINE sono i biopolimeri maggiormente presenti all interno delle cellule, dal momento che costituiscono dal 40 al 70% del peso a secco. Svolgono funzioni biologiche di fondamentale importanza e possono

Dettagli

Il rischio cardioembolico

Il rischio cardioembolico L ICTUS CEREBRALE: Alcuni aspetti di diagnosi e terapia Cardiologica Il rischio cardioembolico Cattedra di Cardiologia, Clinica Cardiologica Università degli Studi dell Insubria, Ospedale di Circolo e

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg).

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg). EMA/47517/2015 EMEA/H/C/000829 Riassunto destinato al pubblico dabigatran etexilato Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato

Dettagli

L apparato cardiocircolatorio

L apparato cardiocircolatorio L apparato cardiocircolatorio L apparato cardio-circolatorio E costituito da tre strutture diverse: Il cuore I vasi sanguigni Il sangue Il cuore Funziona come una pompa premente (ventricoli) e aspirante

Dettagli

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO

APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO CROCE ROSSA ITALIANA GRUPPO DI TRENTO APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO V.d.S. I.P. Franco Onere CORSO PER ASPIRANTI VOLONTARI DEL SOCCORSO Il sistema circolatorio è preposto alla circolazione del sangue ed

Dettagli

Quali sono le malattie reumatiche più importanti?

Quali sono le malattie reumatiche più importanti? Quali sono le malattie reumatiche più importanti? L ARTROSI, una patologia legata alla degenerazione delle cartilagini e del tessuto osseo nelle articolazioni, è la malattia reumatica più frequente. Il

Dettagli

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto

Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto DIPARTIMENTO CUORE Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Salerno Appunti di Cardiochirurgia Direttore: Prof. Giuseppe Di Benedetto Card iochiru rgia Dipartimento Cuore ANATOMIA DELLE

Dettagli

Quando i sintomi vengono interpretati

Quando i sintomi vengono interpretati Quando i sintomi vengono interpretati Ricordo quando il mio Professore di Semeiotica Medica parlandoci delle cause che determinano la fibrillazione atriale disse: rammentate che la fibrillazione atriale

Dettagli

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico

hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico hs-crp ed MPO: Punto di vista del Clinico IL LABORATORIO NELLE URGENZE ED EMERGENZE Roma, 2-3 Ottobre 2009 Riccardo Morgagni Cardiologia Università Tor Vergata Roma Contesto clinico Sindromi Coronariche

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione Anna Maria Marata Area Valutazione del Farmaco ASSR Regione Emilia Romagna 9 Dicembre 2013 October

Dettagli

Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale

Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale 2º Conferenza nazionale sulle cure domiciliari Uso dei nuovi farmaci anticoagulanti orali nel trattamento domiciliare della Fibrillazione Atriale Relatore: Dott.ssa Luana Azara Scuola di Specializzazione

Dettagli

DIABETE diabete tipo 1 (DM1)

DIABETE diabete tipo 1 (DM1) DIABETE In questo ambito le attività di ricerca attualmente in corso nel Dipartimento sono finalizzate allo studio dei meccanismi eziopatogenetici alla base della malattia diabetica che rappresenta sempre

Dettagli

della Valvola Mitrale

della Valvola Mitrale Informazioni sul Rigurgito Mitralico e sulla Terapia con Clip della Valvola Mitrale Supporto al medico per le informazioni al paziente. Informazioni sul Rigurgito Mitralico Il rigurgito mitralico - o RM

Dettagli

ricerca clinica clinical research

ricerca clinica clinical research ricerca clinica clinical research Fabrizio Carini* Vito Saggese* Giambattista Gatti* Giovanni Lomartire* ** Gianluca Porcaro* Massimiliano Ciaravino* ** *Università degli Studi di Milano-Bicocca, Corso

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale

Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Artica Una nuova innovativa macchina per la crioterapia ambulatoriale Cos è la Crioterapia La crioterapia, o terapia del freddo, è una metodologia terapeutica conosciuta da moltissimo tempo. Essa utilizza

Dettagli

La sincope: Modalità di codifica

La sincope: Modalità di codifica GIAC Volume 6 Numero 3 Settembre 2003 NOTE DI ECONOMIA SANITARIA La sincope: Modalità di codifica a cura di AIAC e Medtronic G Ital Aritmol Cardiostim 2003;3:152-157 S econdo il recente accordo Stato-Regioni,

Dettagli

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA

CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA CONFRONTO SCHEDE TECNICHE INIBITORI DI POMPA Documento approvato nella seduta della Commissione PTR del 18.04.07 assorbimento L assorbimento di alcuni farmaci può La ridotta acidità intragastrica Alterazioni

Dettagli

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk

Cardiomiopatia Ipertrofica. www.anestesia.tk Cardiomiopatia Ipertrofica Malattia miocardica primitiva Geneticamente determinata Ampio spettro di presentazione morfologica, fisiopatologica, i i molecolare l Prevalenza 1/500 della popolazione generale

Dettagli

Introduzione. Introduzione 7

Introduzione. Introduzione 7 Introduzione In Italia angina e infarto uccidono più uomini di qualsiasi altra malattia e le donne ne sono colpite sei volte più del tumore al seno. Alla base di queste patologie c è una malattia delle

Dettagli

Aspetti generali del diabete mellito

Aspetti generali del diabete mellito Il diabete mellito Aspetti generali del diabete mellito Il diabete è una patologia caratterizzata da un innalzamento del glucosio ematico a digiuno, dovuto a una carenza relativa o assoluta di insulina.

Dettagli

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne?

FAQ LE DOMANDE PIÙ FREQUENTI. Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Il rischio di andare incontro a infarto è uguale per uomini e donne? Cosa s intende per malattie cardiovascolari? Le malattie cardiovascolari sono tutte quelle patologie che colpiscono il cuore e/o i vasi sanguigni. In caso di malattia si verifica una lesione in uno o più

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)?

CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? CHE COS È LA BRONCOPNEUMOPATIA CRONICA OSTRUTTIVA (BPCO)? La Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva (BPCO) è un quadro nosologico caratterizzato dalla progressiva limitazione del flusso aereo che non è completamente

Dettagli