Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema"

Transcript

1 La terapia anticoagulante

2 Tromboembolismo venoso (TEV) Le dimensioni del problema Importante causa di morbidità e mortalità in pazienti medici e chirurgici Meno del 50% dei pz con embolia polmonare (EP) sopravvive ad un anno dall evento Trombosi venosa profonda (TVP) insufficienza venosa da sindrome post-trombotica (SPT) in ~ il 30% dei pz entro 8 anni dall evento TVP ricorrente nel 30% dei casi nello stesso intervallo di tempo

3 Venous Thromboembolism (VTE) Hampton C. JAMA 2006;295:

4 Venous Thromboembolism (VTE) Approximately 25 % of untreated calf thrombi extend into the proximal veins, usually within a week after presentation. The risk of pulmonary embolism with proximalvein thrombosis is ~50%, and most fatal emboli probably arise from proximal thrombi. Tapson VF. N Engl J Med 2008;358:

5 Tromboembolismo venoso (TEV) La maggior parte dei decessi per EP avviene entro 30 dall evento acuto La SPT si sviluppa indipendentemente dal trattamento della TVP acuta La prevenzione primaria della TVP rappresenta lo strumento più razionale per ridurne la morbidità e la mortalità

6 Group-specific thromboprophylaxis Levels of risk DVT Risk Without Thromboprophylaxis Suggested Thromboprophylaxis Options Low Risk Minor Surgery in mobile patients Medical patients who are fully mobile <10 % No specific thromboprophylaxis Early and "aggressive" ambulation Moderate risk Most general, open gynecologic or urologic surgery patients Medical patients, bed rest or sick % LMWH (at recommended doses), LDUH bid or tid, fondaparinux Moderate VTE risk plus high bleeding risk Mechanical thromboprophylaxis High risk Hip or knee arthroplasty, HFS Major trauma, SCI % LMWH (at recommended doses), fondaparinux, oral vitamins K antagonist (INR 2-3) High VTE risk +high bleeding risk Geerts WH, et al. Chest 2008;133:381S 453S

7 Terapia della fase acuta

8 Antithrombotic strategies in symptomatic patients with VTE Unfractionated heparin + OAT + CES Low-molecular-weight heparins + OAT + CES Fondaparinux + OAT + CES Thrombolytics Thrombo-embolectomy Vena cava filters

9 Treatment of VTE Initial treatment 5 to 7 days LMWH, UFH or Fonda Long-term therapy > 3 months Vitamin K antagonist (INR )

10 Terapia anticoagulante diretta EPARINA Mucopolisaccaride solforato appartenente al gruppo dei GAG Azione anticoagulante in presenza di AT e/o cofattore eparinico II Legame con AT a livello di un pentasaccaride specifico -> complesso che inibisce i fattori IIa, IXa, Xa, XIa Interazione con cofattore eparinico II -> inibizione FIIa Vie di somministrazione: e.v./s.c. Monitoraggio: aptt ( volte il valore normale)

11 Eparina Heparin Antithrombin Thrombin

12 Eparina Effetti collaterali Complicanze emorragiche (antidoto: solfato di protamina) Piastrinopenia da eparina -> 5% dei casi, precoce, in genere lieve ed asintomatica tipo I; occasionalmente a 6-10 giorni, persistente dopo sospensione tx, immunomediata (Ab anti-pfiv), con trombosi arteriose potenzialmente fatali - tipo II Osteoporosi, da disturbi del metabolismo calcico

13 Terapia Approccio standard ENF U e.v. (bolo) infusione continua U/h (PTT ) Nomogramma di Raschke (1993) per infusione ev di ENF Dose iniziale 80 UI/Kg bolo, indi 18 UI/Kg/ora aptt <35 (ratio< 1.2) 80 UI/Kg bolo, indi aumentare di 4UI/Kg/ora aptt da 35 a 45 (ratio tra ) 40UI/Kg bolo, indi aumentare di 2UI/Kg/ora aptt da 46 a 70 (ratio ) nessuna variazione aptt tra 71 e 90 (ratio ) ridurre la velocità di infusione di 2 UI/Kg/ora aptt >90 ( ratio>3.0) stop infusione per 60 min, indi ridurre la velocità di 3 UI/Kg/ora

14 TEV: terapia standard Eparina non frazionata (ENF) e.v. a dosi aggiustate per 5-10 giorni in ospedale TAO per almeno 3 mesi Limiti ENF necessità di strategie alternative

15 Eparina a basso peso molecolare (EBPM) Molecole con P.M. < 18 disaccaridi, non in grado di complessarsi con la trombina -> inibizione esclusiva del FXa Nadroparina 90 U/Kg ogni 12 ore 180 U/Kg al di Enoxaparina 100 UI/Kg ogni 12 ore 150 UI/Kg al di Tinzaparina 175 U/Kg al di Dalteparina 200 U/Kg al di Reviparina 90 U/Kg ogni 12 ore Ardeparina 100 UI/Kg ogni 12 ore

16 EBPM Vantaggi rispetto a ENF Emivita più lunga Dose-risposta più prevedibile rischio di trombocitopenia da eparina 1 o 2 somministrazioni al dì a dose fissa non necessario monitoraggio PTT necessità di monitorizzare la conta piastrinica via di somministrazione s.c.

17 Confronto enoxaparina a domicilio vs ENF in ospedale per il trattamento a breve termine della TVP enoxaparina ENF RR P a domicilio in ospedale (n=247) (n=253) TVP 12 (4.9%) 15 (5.9%) EP 2 (0.8%) 2 (0.8%) TEV 13 (5.3%) 17 (6.7%) Emorr. magg. 5 (2.0%) 3 (1.2%) Mortalità 10 (4.0%) 16 (6.3%) Mod. da Levine et al. N Engl J Med 1996;334:677

18 Terapia della TVP nella fase post-acuta Obiettivi Prevenire l insorgenza di TVP/EP Ridurre la probabilità di insorgenza o la gravità della sindrome post-trombotica

19 Terapia anticoagulante indiretta ANTICOAGULANTI ORALI ANTAGONISTI DELLA VITAMINA K, INIBISCONO A LIVELLO EPATICO LA CARBOSSILAZIONE DEI RESIDUI DI ACIDO GLUTAMMICO NECESSARIA PER LA SINTESI DEI FATTORI II, VII, IX, X (Con lo stesso meccanismo interferiscono con le proteine C e S, antitrombotiche)

20 Terapia anticoagulante orale Monitoraggio con PT INR Interferenze farmacologiche: farmaci potenzianti (FANS, ASA, tiroxina, steroidi anabolizzanti, ipoglicemizzanti orali, ); farmaci riducenti (barbiturici, difenilidantoina, rifampicina, diuretici, contraccettivi orali, vitamina K, ) Controindicata in gravidanza (embriopatia) Effetti collaterali: accidenti emorragici (5-10%), necrosi cutanea (rara)

21 Anticoagulanti orali In Italia disponibili due molecole: Warfarin 5 mg Acenocumarolo 1-4 mg Caratteristiche farmacocinetiche diverse: Warfarin emivita più lunga Acenocumarolo mediamente più potente a parità di dose somministrata Entrambi somministrabili esclusivamente per os Da un punto di vista clinico, non dimostrate differenze tali da orientare la preferenza verso l uno o l altro dei due farmaci

22 Anticoagulanti orali Vantaggi Assunzione per os per periodi anche prolungati Basso costo del farmaco Basso costo del test di monitoraggio Svantaggi Intervallo di tempo per manifestare l effetto Intervallo di tempo per eliminare l effetto Rischio emorragico Diversa sensibilità individuale al farmaco

23 Anticoagulanti orali Variazioni individuali di affinità recettoriale Variazioni individuali di disponibilità vit. K Variazioni farmacocinetiche per condizioni fisiopatologiche (malattie epatiche, età avanzata, stati ipermetabolici) Variazioni farmacodinamiche per farmaci associati ( spiazzamento da proteine di trasporto, effetti su recettori o sul metabolismo del farmaco) Necessità di adattare individualmente la posologia

24 Eparina anticoagulazione immediata Antagonisti della vitamina K Piena efficacia terapeutica in 5 giorni (PT ) Interazioni alimentari e farmacologiche Variazioni individuali nel metabolismo del farmaco Variabilità nella risposta coagulativa TF-dipendente in pazienti con INR simili

25 TAO: modalità d uso Iniziare la terapia in 1 a o 2 a giornata del trattamento con eparina La posologia iniziale dovrebbe essere quella che si prevede per il mantenimento Aggiustamenti posologici: controllo PT- INR (ratio ) Dose di carico: inutile quanto pericolosa poiché induce uno stato temporaneo di ipercoagulabilità dovuto all emivita più breve delle proteine C e S rispetto ai fattori della coagulazione ( II,VII, IX, X) Mantenere il trattamento con eparina per 4-5 giorni, fino a che non si è ottenuto un INR nei limiti terapeutici per almeno 2 giorni consecutivi

26 Raccomandazioni Il trattamento anticoagulante orale deve provocare un allungamento del PT/INR per tutta la sua durata con INR target 2.5 range (grado 1A) Controindicati PT/INR range (grado 1A) PT/INR range (grado 1A) Nei pazienti trattati con dicumarolici sine die il rapporto rischio/beneficio deve essere rivalutato ad intervalli periodici (grado 1C) Si suggerisce una rivalutazione periodica con CUS o D-dimero per il monitoraggio della trombosi residua (grado 2C)

27 Schulman S. N Engl J Med 2003;349:675-83

28 Grade 1A recommendations for VKAs in No risk factors ACC/AHA/ESC guidelines ASA mg/day 1 moderate-risk factor ASA mg/day or warfarin (INR 2-3, target 2.5) 1 high-risk factor or > 1 moderate-risk factor Warfarin (INR 2-3, target 2.5)* High-risk factors -Previous stroke or TIA -Embolism -Mitral stenosis -Prosthetic heart valve Less-validated or lowerrisk factors -Female Sex -Age years -CAD -Thyrotoxicosis Moderate risk factors -Age 75 years -Hypertension -Heart failure -LVEF 35% -Diabetes mellitus *If mechanical valve, target INR >2.5 for prosthetic heart valve Fuster V, et al. Eur Heart J. 2006;27:

29 RACCOMANDAZIONI NELL ANZIANO Valutare, oltre al rischio trombotico, il rischio emorragico individuale Effettuare un più attento monitoraggio laboratoristico con l'inr Controllare i valori della pressione arteriosa Valutare le interferenze farmacologiche (es. FANS) Linee Guida SISET 2001

30 Controindicazioni assolute Controindicazioni alla TAO Gravidanza (1 trimestre ed ultime settimane) Emorragia maggiore (entro 1 mese) Condizioni a rischio di complicanze Malattie psichiatriche (alcolismo, pz non collaborante) Malattie cardiovascolari (ipertensione grave, endocardite, pericardite, insufficienza cardiaca grave) Malattie renali (insufficienza renale grave, biopsia renale recente) Malattie neurologiche (rec. accidente vasc. cerebr. non embolico, rece. Intervento o trauma SNC o occhio, aneurismi cerebrali) Malattie GI (ulcera peptica attiva, varici esofagee, ) Malattie epatiche (insufficienza epatica grave, malattie biliari, rec. biopsia) Malattie ematologiche (difetti dell emostasi, piastrinopenia/patia) Miscellanee (punture lombari, iniezioni arteriose <3 mesi) SPREAD 2005

31 Tromboprofilassi secondaria dopo TEV ruolo dell EBPM Dalteparina per 3-6 mesi (5000 UI s.c. x 2/die) almeno altrettanto ben tollerata ed efficace rispetto a ENF (10000 UI s.c. x 2/die) nella prevenzione del TEV ricorrente in 80 pz con TVP e controindicazioni alla TAO. 7 pz nel gruppo ENF vs 1 nel gruppo EBPM hanno presentato fratture vertebrali durante il trattamento (Monreal M, et al. Thromb Haemost 1994;71:7) Warfarin a dose aggiustata ed enoxaparina (4000 UI/die s.c.) per 3 mesi ugualmente efficaci nel prevenire recidive tromboemboliche in 187 pz con TVP sintomatica (Pini M, et al. Thromb Haemost 1994;72:191) EBPM rappresenta una valida alternativa alla TAO nella prevenzione secondaria del TEV a lungo termine

32 Monitoraggio della terapia anticoagulante orale Effetto anticoagulante in 2-7 giorni (se richiesto un effetto rapido, somministrazione concomitante di eparina per > 4 giorni e sospensione se INR in range terapeutico per 2 giorni) No dose di carico con 5 mg/die INR > 2 in 4-5 giorni Dosi iniziali <4-5 mg/die in pazienti sensibili al warfarin (anziani) e ad aumentato rischio di sanguinamento

33 Monitoraggio della terapia anticoagulante orale Monitoraggio INR 1 volta al giorno fino a raggiungimento e mantenimento per 2 giorni consecutivi del range terapeutico 2-3 volte a settimana per 1-2 settimane Monitoraggio meno frequente, in rapporto alla stabilità dei risultati Una volta ottenuto un INR stabile controllo ogni 4 settimane; se richiesti aggiustamenti della dose ripristinare una maggior frequenza dei controlli Sicurezza ed efficacia della TAO dipendono in maniera critica dal mantenimento dell INR nel range terapeutico

34 Self-testing Presenti sul mercato point-of-care (POC) monitors che misurano un tempo di coagulazione tromboplastina-mediato convertito in PT e INR da un microprocessore Alcuni (es. CoaguCheck, Coumatrak, protime monitor) presentano un elevata correlazione con test eseguiti in laboratori di riferimento 325 pz anziani in TAO avviata di recente randomizzati a trattamento convenzionale da un medico personale in base a test in laboratorio o da parte di un investigator centrale in base ai risultati del self-testing domiciliare a 6 mesi tasso di emorragie pari a 12% nell usual-care group vs 5.7% nel self-testing group Beyth RJ, et al. J Gen Intern Med 1997;12:66

35 Self-management Associato al self-testing, il self-management con l utilizzo di POC monitors può offrire una notevole autonomia a pazienti selezionati Early Self-Controlled Anticoagulation Study in Germany (ESCAT) In 305 pazienti in self-management l INR è risultato più frequentemente in range (78%) rispetto a 295 pazienti in monitoraggio tradizionale (61%), con un tasso di eventi avversi significativamente diverso (rispettivamente 2.9% vs 4.7% per paziente/anno di terapia, P=0.042) Kortke H, et al. Am Thorac Surg 2001;72:44

36 Algoritmi computerizzati per l aggiustamento della dose di warfarin In un trial randomizzato l aggiustamento della dose con 3 programmi computerizzati è stato confrontato con quello ambulatoriale da parte di uno staff medico specializzato Controllo simile in range , migliore con programmi computerizzati in range (Poller L, et al. J Clin Pathol 1993;46:299) In un altro studio randomizzato su 101 pz con valvole cardiache prostetiche, i risultati dei due metodi di dosaggio sono stati paragonabili nelle percentuali di soggetti mantenuti in range terapeutico, con necessità del 50% di aggiustamenti in meno nella gestione computerizzata (Ageno W, et al. Thromb Res 1998;91:237) In uno studio multicentrico randomizzato su 285 pz quest ultima si è rivelata più efficace nel mantenimento dell INR in range terapeutico

37

38 Indicazione INR Terapia TVP Terapia EP TAO: range terapeutico raccomandato Prevenzione embolia sistemica Valvole cardiache tissutali IMA (prevenzione embolia) Valvulopatia cardiaca FA Protesi valvolari meccaniche (alto rischio) Valvola meccanica a doppio disco aortica Mod. da Chest 2001

39 Problema della finestra terapeutica Adattato da Hylek EM, et al. New Engl J Med 1993;120:897

40 Esempi di complicanze emorragiche secondarie a TAO Porpora, petecchie, ematomi secondari ad eccessiva anticoagulazione Emorragia intracerebrale

41 Complicanze emorragiche secondarie a TAO fattori favorenti Anticoagulazione di intensità elevata Patologia sottostante Assunzione di ASA, FANS, farmaci attivi sulle piastrine, farmaci gastro-lesivi, inibenti la sintesi dei fattori vit. K- dipendenti Età > 65 anni Storia di stroke o emorragia GI Patologie concomitanti quali insufficienza renale o anemia Fattori con effetto addittivo

42 Complicanze non emorragiche della TAO Necrosi cutanea Si osserva dal 3 all 8 giorno di terapia Dovuta a trombosi massiva delle venule e dei capillari del tessuto adiposo sottocutaneo In alcuni casi associata a deficit di proteina C/S In pazienti che abbiano presentato tale complicanza ma che richiedono anticoagulazione cronica: avvio warfarin a basse dosi (2 mg/d) + eparina a dosi terapeutiche e aumento graduale della posologia in diverse settimane fino a raggiungimento del target (AHA/ACC Scientific Statement. Circulation 2003;107:1692; Broekmans AW, et al. Thromb Haemost 1983;49:244; Zauber NP, et al. Ann Intern Med 1986;104:659)

43 Gestione dei pazienti con elevati valori di INR Rischio di sanguinamento con INR > 4, in maniera più importante per valori > 5 Tre approcci possibili: Stop warfarin (abbassamento dell INR richiede diversi giorni) Somministrazione di vitamina K 1 Infusione di plasma fresco o concentrato protrombinico (risposta più rapida) Non esistono trials randomizzati di confronto fra le tre strategie con end points clinici giudizio clinico

44 Gestione dei pazienti con elevati valori di INR Somministrazione di vitamina K 1 : alte dosi (es. 10 mg) possono abbassare troppo l INR (range subterapeutico) o causare resistenza al warfarin per più di una settimana o provocare reazioni anafilattiche somministrazione e.v. risposta rapida ma rischio di anafilassi anche a bassi dosaggi somministrazione s.c. risposta non prevedibile e a volte ritardata somministrazione per os trattamento di scelta per effetti prevedibili e maggior sicurezza. Dosaggi di mg sufficienti con INR , 5 mg per INR >10.0 Se è necessario un abbassamento molto rapido dell INR 5-10 mg in infusione e.v. lenta (30 )

45 Gestione dei pazienti con elevati valori di INR American College of Chest Physicians (Chest 2001;119:22s) INR < 5.0 senza sanguinamento e non necessità di rapido abbassamento dei valori per interventi chirurgici abbassamento od omissione dose successiva e ripresa a dosaggi più bassi quando si raggiunge il range desiderato INR senza sanguinamento né fattori di rischio emorragico 1) omissione delle successive 1-2 dosi e ripresa a dosaggi più bassi quando si raggiunge il range terapeutico; 2) omissione dose successiva e somministrazione di vitamina K 1 (1-2.5 mg) per os (approccio preferibile in pz ad rischio di sanguinamento) Necessità di rapida correzione dell INR per interventi chirurgici urgenti o estrazioni dentarie vitamina K 1 (2-5 mg) per os; se INR rimane dopo 24 h ulteriori 1-2 mg

46 Gestione dei pazienti con elevati valori di INR American College of Chest Physicians (Chest 2001;119:22s) INR > 9.0 senza sanguinamento clinicamente significativo vitamina K 1 (3-5 mg) per os, con caduta dell INR in h (necessario stretto monitoraggio dell INR ed eventuale ulteriore somministrazione di vitamina K 1 ) Se necessaria rapida reversione dell anticoagulazione per emorragie maggiori o INR > 20 vitamina K 1 (10 mg) in infusione e.v. lenta con trasfusione di plasma fresco o concentrati del complesso protrombinico in rapporto al grado di urgenza. Possono essere necessarie dosi addizionali di vitamina K 1 ogni 12 ore Emorragie potenzialmente fatali o imponente sovradosaggio di warfarin concentrati del complesso protrombinico + vitamina K 1 (10 mg) in infusione e.v. lenta, da ripetere eventualmente in rapporto all INR. Alla ripresa della somministrazione di warfarin associare eparina fino alla reversione degli effetti della vitamina K

47 Gestione pre-operatoria dei pazienti anticoagulati In rapporto al rischio tromboembolico del paziente Nella maggior parte dei casi, il warfarin viene sospeso 4-5 giorni prima dell intervento per riportare l INR a valori normali (<1.2) al momento della procedura (2-3 giorni preoperatori non protetti; 2 giorni se si associa vitamina K mg per os 2 giorni prima). Può essere somministrata eparina (LMWH) nel preoperatorio per limitare il periodo di non protezione e la TAO può essere ripresa nel post-operatorio secondo giudizio clinico

48 Gestione pre-operatoria dei pazienti anticoagulati Pazienti a rischio moderato di TEV: eparina preoperatoria a dosi profilattiche (5000 U) o LMWH (3000 U) s.c, ogni 12 h, da ricominciare nel post-operatorio con il warfarin fino a raggiungimento del range terapeutico (4-5 giorni). Se alto rischio emorragico post-operatorio ripresa profilassi eparinica può essere ritardata di 24 h o più Pazienti ad alto rischio di TEV: dosi terapeutiche di eparina (15000 U ogni 12 h s.c.) o LMWH (100 U/kg ogni 12 h s.c.) da sospendere 24 h prima della procedura. Se mantenimento dell anticoagulazione è critico eparina 1300 U/h e.v. fino a 5 h prima. Ripresa eparina o LMWH a dosi profilattiche 12 h dopo l intervento con il warfarin Pazienti a basso rischio di TEV: riduzione dose warfarin 4-5 giorni prima per ottenere INR al momento dell intervento ripresa dose di mantenimento nel post-operatorio in associazione con eparina a dosi profilattiche Procedure dentarie: applicazione locale di acido tranexamico o ε- aminocaproico senza interruzione della TAO

49

50 Durata ottimale del trattamento Stabilita in funzione di 5 variabili: Primo episodio secondario a fattore di rischio transitorio Primo episodio in paziente neoplastico Primo episodio idiopatico Primo episodio associato a stato trombofilico genetico od acquisito (carenza anticoagulanti naturali, sindrome da anticorpi antifosfolipidi, iperomocisteinemia, elevati livelli di fattore VIII) o con persistenza di trombo residuo alla CUS TVP/EP ricorrente (2 o + episodi)

51 TVP secondarie 3 mesi

52 Extension of anticoagulant treatment beyond 3 to 6 months for VTE For 1,000 patient-years Death by PE recurrence 80 VTE recurrences Case-fatality rate 4 12% 3 10 deaths Death by major bleed bleeds Case-fatality rate 10% 2 6 deaths Douketis JD, et al. Ann Intern Med. 2007;147: Linkins LA, et al. Ann Intern Med. 2003;139:

53 Other Factors Associated with Late Recurrent VTE 1. Baseline features Proximal DVT location Obesity Symptomatic PE vs symptomatic DVT alone Male sex Thrombophilia 2. Post-baseline features Residual venous obstruction Persistent D-Dimer positivity Post-thrombotic manifestations Bleeding complications

54 Inherited Thrombophilia Defects of AT, protein C and S It is generally accepted, although not conclusively demonstrated, that carriers of AT, protein C and S exhibit a recurrence risk that is higher than control subjects (Prandoni et al, 1996; van den Belt et al, 1997)

55 Homozygous FVL and Risk of Recurrent VTE Systematic review of available studies Segal JB et al, JAMA 2009;301:

56 Heterozygous FVL and Risk of Recurrent VTE Systematic review of available studies Segal JB et al, JAMA 2009;301:

57 Heterozygous PTM and Risk of Recurrent VTE Systematic review of available studies Segal JB et al, JAMA 2009;301:

58 Schulman S. N Engl J Med 2003;349:675-83

59 Schulman S. N Engl J Med 2003;349:675-83

60 Anticoagulazione di intensità moderata (INR ) efficace quanto regimi più intensivi (INR ) ma associata a minore incidenza di sanguinamenti AHA/ACC Guide to Warfarin Therapy Trattamento prolungato in: TVP prossimale vs distale TVP recidiva vs primo episodio evidenza di trombofilia (natura del difetto) Durata TAO in TVP prossimale > 3 mesi Durata TAO in TVP prossimale senza causa reversibile o TVP ricorrente > 6 mesi

61 Trattamento della TVP e dell EP Durata TAO indefinita in: > 1 episodio di TVP prossimale idiopatica neoplasie TVP idiopatica e FV Leiden omozigote sindrome da anticorpi antifosfolipidi deficit ATIII, proteina C/S Raccomandazioni basate su trials clinici randomizzati che hanno dimostrato che la TAO previene efficacemente recidive di TVP (>90%), che il trattamento per 6 mesi è più efficace del trattamento per 6 settimane e che il trattamento per 2 anni è più efficace del trattamento per 3 mesi

62 D-Dimer Testing to Determine the Duration of Anticoagulant Therapy the PROLONG study the d-dimer assay is correlated with the individual risk of recurrence after a first episode of venous thromboembolism and may be useful in guiding the duration of anticoagulation Palareti G, et al. N Engl J Med 2006;355:1780-9

63 Which patients require extended secondary prophylaxis? Active (especially metastatic) cancer Chronic medical diseases requiring immobilization Multiple episodes of (idiopathic) VTE APLA syndrome First episode of life-threatening idiopathic PE Application of vena caval filter (whenever anticoagulation is not contraindicated)

64 What to do in the other patients categories? Patients with major transient risk factors should be given 3 months of anticoagulation (6 weeks in pts with isolated calf DVT). In patients with minor transient risk factors a longer duration can be individually considered In patients with idiopathic VTE (first episode), the decision as to prolong anticoagulation beyond the first months should be individually tailored and balanced against the hemorrhagic risks

65 In favor of prolonging anticoagulation Severity of the initial episode Combined thrombophilic abnormalities Suspected malignant disease Positive family history Residual vein thrombosis Lack of contraindications to long-term anticoagulation Patients preferences

66 Against prolonging anticoagulation Calf location Relative contraindications to anticoagulation Early vein recanalization D-Dimer negativity Patients preferences

67 Antitrombotico di scelta?

68 There Is a High Medical Need for Innovative Anticoagulants

69 An Ideal Anticoagulant Should Have

70 New anticoagulants ORAL PARENTERAL TTP889 X TF/VIIa IX TFPI (tifacogin) Rivaroxaban Apixaban LY YM150 DU-176b PRT Ximelagatran Dabigatran IXa VIIIa Va Xa II IIa AT APC (drotrecogin alfa) stm (ART-123) Fondaparinux Idraparinux DX-9065a Otamixaban Fibrinogen Fibrin Adapted from Weitz & Bates, J Thromb Haemost 2005

71 New Anticoagulants beyond Heparin and Warfarin Hirsh J, et al. Circulation 2007;116;

72 Warfarin vs New Oral Anticoagulants Drug Target Dosing Monitor. Half-life (h) Rivaroxaban Factor Xa Fixed, once daily Apixaban Factor Xa Fixed, twice daily Dabigatran etexilate Factor IIa (thrombin) Fixed, twice daily Interactions No 9 Potent CYP3A4 Inhibitors No 9-14 Potent CYP3A4 Inhibitors No Proton Pump inhibitors Indications VTE prevention and treatment, AF, ACS VTE prevention and treatment, AF, ACS VTE prevention and treatment, AF, ACS Warfarin Vitamin K epoxide reductase Variable, once daily Yes Multiple drugs, dietary vitamin K VTE prevention and treatment, stroke prevention in AF, ACS, secondary prevention after MI, mechanical heart valves

73 The clinical development program of new anticoagulants Drug VTE prevention (surgical) VTE prevention (medical) VTE treatment ACS/PCI AF Rivaroxaban Bayer RECORD1 RECORD2 RECORD3 RECORD4 MAGELLAN ODIXa-DVT EINSTEIN-DVT ATLAS ACS TIMI 51 ROCKET AF Apixaban (EXPANSE) Pfizer & BMS ADVANCE1 ADVANCE2 ADVANCE3 ADOPT ADVOCATE AMPLIFY APPRAISE ARISTOTLE AVERROES Dabigatran (REVOLUTION) Boehringer- Ingelheim REMODEL REMOBILIZE RENOVATE-I RENOVATE-II RE-COVER RE-COVER-II RE-MEDY RE-SONATE RE-DEEM RE-LY Otamixaban Sanofi-Aventis SEPIA-ACS1 TIMI 42 SEPIA-PCI

74

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Dott. Angelo Ghirarduzzi Responsabile SSD Angiologia Reggio Emilia Cona,, Ferrara 29.09.12

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma:

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: !"# Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: $ % &'( ')*! " # $% & % '!!!"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: "!"# Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego

Dettagli

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO TROMBOEMBOLISMO VENOSO 343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO tromboembolismo venoso Il Tromboembolismo Venoso (TEV) rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità ospedaliera, anche se la sua incidenza

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica?

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO) con complicanza emorragica gastrointestinale presenta aspetti problematici

Dettagli

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico PREMESSA La chirurgia dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali è un problema

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Area Valutazione del farmaco I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI nella fibrillazione atriale non valvolare L impiego delle terapie anticoagulanti è molto diffuso: dai dati

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA Periodico quadrimestrale - N. 59 - agosto 2005 - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/2/04 n.46) art. 1 comma 2 DCB Milano TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA I nfarto, Ictus, Embolia,

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO.

FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO. FISIOPATOLOGIA E DIAGNOSTICA DI LABORATORIO DEL SISTEMA COAGULATIVO E FIBRINOLITICO. La fisiopatologia del sistema coagulativo e fibrinolitico, in modo sempre più dettagliato, è stata caratterizzata e

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei Flora Peyvandi Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico,

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV

A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A.I.S.F. ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LO STUDIO DEL FEGATO TRATTAMENTO DELLA EPATITE DA HCV A cura della Commissione Terapia Antivirale dell Associazione Italiana per lo Studio del Fegato (A.I.S.F.) Finito

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

La Terapia con Bifosfonati

La Terapia con Bifosfonati Capire La Terapia con Bifosfonati International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (United States and Canada) 818-487-7455 FAX: 818-487-7454

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli