L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE IN TAO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE IN TAO"

Transcript

1 L EDUCAZIONE DEL PAZIENTE IN TAO PERCHE QUESTO TEMA : La nostra ricerca prende spunto da un progetto del distretto di Fiemme e Fassa che affida al MMG la gestione del paziente in TAO, ponendo particolare attenzione all aspetto educativo del paziente IMPORTANZA IN MG Per una buona conduzione del trattamento è necessario coinvolgere il paziente in maniera attiva stimolandolo a conoscere le finalità generali della terapia con farmaci anticoagulanti, il loro meccanismo d azione e i rischi connessi con tale terapia. Il paziente ben informato presenta generalmente una migliore compliance con riduzione dei possibili rischi e/o insuccessi terapeutici UNA BUONA EDUCAZIONE Ricerca in letteratura di modelli educativi e riconoscimento delle nozioni considerate fondamentali; realizzazione di un test di verifica del grado di conoscenza e partecipazione alla terapia da parte del paziente; evidenze scientifiche disponibili.

2 TAO terapia sempre più prescritta PRESUPPOSTI: aumento del numero di anziani in TAO (7% in Inghilterra) notevole incidenza di effetti collaterali tra cui soprattutto rischio emorragico (complicazioni emorragiche in 7 pz su 100 in TAO per anno, specialmente durante i primi 3 mesi di trattamento) 1 precedenti studi hanno indagato una possibile relazione tra corretta educazione e mantenimento del range terapeutico mediante monitoraggio con INR 2,3 concludendo che UN INSUFFICIENTE EDUCAZIONE DEL PZ TAO : A. correla con un cattivo controllo dell anticoagulazione. B. è il maggior fattore predittivo di rischio emorragico nei pz anziani 4 1. Wysowski DK, Nourjah P, Swartz L, Bleeding complications with warfarin use: a prevalent adverse effect resulting in regulatory action. Arch Intern Med Jul 9;167(13): Khan TI, Kamali F, Kesteven P, Avery P, Wynne H.The value of education and self-monitoring in the management of warfarin therapy in older patients with unstable control of anticoagulation. Br J Haematol Aug;126(4): Palareti G, Legnani C, Guazzaloca G, Lelia V, Cosmi B, Lunghi B, Marchetti G, Poli D, Pengo V; ad hoc Study Group of the Italian Federation of Anticoagulation Clinics* Risks factors for highly unstable response to oral anticoagulation: a case-control study. Br J Haematol Apr;129(1): Kagansky N, Knobler H, Rimon E, Ozer Z, Levy S.Safety of anticoagulation therapy in well-informed older patients. Arch Intern Med Oct 11;164(18):

3 STUDI SELEZIONATI SULL ARGOMENTO : 1. Pernod G, Labarère J, Yver J, Satger B, Allenet B, Berremili T, Fontaine M, Franco G, Bosson JL. EDUC'AVK: reduction of oral anticoagulant-related adverse events after patient education: a prospective multicenter open randomized study. J Gen Intern Med Sep;23(9): Epub 2008 Jun 20.Department of Vascular Medicine, CHU Grenoble, Grenoble, France. 2. Wofford JL, Wells MD, Singh S, Best strategies for patient education about anticoagulation with warfarin: a systematic review. BMC Health Serv Res Feb 14;8:40. Department of Internal Medicine, Wake Forest University School of Medicine, Winston- Salem, North Carolina, USA.

4 Reduction of oral anticoagulant-related adverse events after patient education: a prospective multicenter open randomized study OBIETTIVO DELLO STUDIO : valutare l effetto di un programma educativo rivolto ai pazienti in TAO, in termini di riduzione delle complicazioni emorragiche o delle recidive trombotiche DISEGNO DELLO STUDIO : studio randomizzato, prospettico, multicentrico (ospedali, cliniche e medico di famiglia). PAZIENTI E METODI : 302 pz (46 % f, 54% m), comparabili per caratteristiche cliniche, > 18 aa con diagnosi di TVP o EP in TAO; criteri di esclusione: condizioni psico-sociali incompatibili con il processo educativo o il follow-up. 1. Gruppo sperimentale : riceve una specifica e studiata educazione in merito alla TAO 2. Gruppo di controllo : riceve una standard care a discrezione del curante/ospedale GESTIONE DEI PZ : management della terapia secondo linee guida comuni e controlli medici regolari( blinded i medici ospedalieri, non blinded i medici di famiglia) OUTCOME : osservare quanti episodi di emorragia o di eventi tromboembolici si verificano nei 2 gruppi durante i primi 3 mesi di terapia.

5 STILE EDUCATIVO : sessioni di didattica uno ad uno della durata di circa min condotti da un infermiera addestrata o da un medico. Utilizzo di disegni esplicativi e di un libretto informativo da lasciare al paziente. TEMI : definizione di obiettivi educativi adattabili a seconda del livello cognitivo del pz e delle sue aspettative : spiegazioni circa la sua diagnosi, obiettivi della TAO, possibili rischi del trattamento, dieta, cosa fare in situazioni particolari; indagine sugli stili di vita dei pz e loro comrensione della TAO VERIFICA dopo 90 giorni : condotta da infermiere blinded con interviste telefoniche a tutti i partecipanti allo studio volte ad indagare : 1. se si sono verificati episodi di sanguinamento o ricorrenza di eventi tromboembolici in questo periodo 2. questionario di verifica comprensione della TAO con 18 domande (conta delle risposte corrette da 0 a 20 pt) INR GUIDANCE e RECORD BOOKLET : il paziente deve annotare i risultati dell INR e interpretare il risultato, POI a seconda del colore comportarsi in base alle indicazioni che trova. L obiettivo è quello di rendere il paziente un partecipante attivo e responsabile nei confronti della sua terapia

6 INR GUIDANCE PAZIENTE ATTIVO ed INFORMATO

7 RISULTATI : 15 eventi emorragici 3 nel gruppo sperimentale (1 maggiore e 2 minori) = 1,9 % 12 (1 maggiore e 11 minori) nel gruppo di controllo = 8,5% (stat. signif. P=0,01) 7 eventi trombotici 2 nel gruppo sperimentale = 1,2 % 5 ( di cui 2 EP) nel gruppo di controllo = 3,5% (non stat. signif. ) Sommando i due criteri si ottiene che la riduzione del rischio cumulativo di eventi avversi ( emorragia, CONCLUSIONI: trombosi ) è statisticamente inferiore ( P < 0,01) nei pazienti che hanno ricevuto un attenta educazione alla TAO rispetto al gruppo di controllo. I risultati erano simili indipendentemente dall età dei pz (dati simili tra < 65 aa e > 65 aa) e non influenzati dal livello socio-culturale del pz o da chi lo ha seguito (ospedale o MMG). La media del punteggio di risposte corrette ai questionari è piu elevata nel gruppo sperimentale ( punteggio medio13,9 ) rispetto al controllo (punteggio medio 12, 4) con P = 0,08 quindi non statist signif, imputabile secondo gli autori a probabili difetti nel questionario o nella sua conduzione. Il punteggio era comunque migliore nei pz con livello socioculturale più altro e nei pz più giovani Un programma educativo efficace e ben condotto riduce la frequenza degli eventi avversi nei pazienti in TAO.

8 2. Best strategies for patient education about anticoagulation with warfarin: a systematic review Pubblicato nel 2008 : ricerca in letteratura medica (fino a marzo 2007) degli articoli che permettano di identificare la migliori strategia educativa utilizzando i termini anticoagulation AND patient education (rifatto la stessa ricerca niente di nuovo negli ultimi 2 anni, solo 2 articoli in francese) sono stati trovati 32 articoli utili che sono stati analizzati. OBIETTIVI : 1. IDENTIFICARE LE STRATEGIE PUBBLICATE IN LETTERATURA CIRCA L EDUCAZIONE DEI PZ IN TAO (durata, tempistica, disegno dello studio, personale coinvolto, requisiti fondamentali, contenuti ecc..) 2. IDENTIFICARE LE PUBBLICAZIONI RIGUARDANTI LO SVILUPPO DI UNO STRUMENTO DI VERIFICA DELLE CONOSCENZE DEI PZ IN TAO (setting dello studio, numero e tipo di domande, metodo di somministrazione, criteri di valutazione) Criteri di esclusione: pop pediatrica, programmi educativi non ben descritti, selftesting da parte dei pz

9 TABELLA RIASSUNTIVA STRATEGIE EDUCATIVE

10 TABELLA RIASSUNTIVA dei CONTENUTI EDUCATIVI

11 TABELLA RIASSUNTIVA VERIFICA COMPENSIONE TAO

12 RISULTATI : Programmi educativi : molti ma carenti nei dettagli, difficile confrontare i vari articoli; riassumendo condotti da infermiere, farmacisti, medici, educatori; tempistica da 1 a 10 sessioni; gruppi di paziente da 1 a 11; Verifica delle conoscenze del pz in TAO : grande variabilità nella quantità di persone testate nei vari studi, diverso numero di domande (da 4 a 28), spessissimo multiple-choice, a volte condotte al telefono. CONCLUSIONI : nonostante la comprovata importanza di una corretta educazione dei pz in TAO la migliore strategia educativa rimane ancora da determinare, sono necessari studi condotti su un ampia popolazione e nuove idee e sforzi diretti in questa direzione. Sono presenti in letteratura un ampia varietà di strategie, contenuti e modalità di verifica dei pz. E importante utilizzare degli strumenti educativi standardizzati per fornire i contenuti in maniera più efficace ed utilizzare questionari di verifica validati per migliorare la qualità della terapia anticoagulante. Speriamo che questa review sia utile per sforzi futuri.

13 LA NOSTRA PROPOSTA EDUCATIVA Dott.ssa Elena Fachinat, Dott. Claudio Zorzi LIBRETTO INFORMATIVO creato sul target dei nostri pazienti QUESTIONARIO DI VERIFICA SOMMINISTRATO BREVE RIFLESSIONE SUI RISULTATI OTTENUTI

14 Abbiamo creato un LIBRETTO INFORMATVO che riassume gli aspetti fondamentali della TAO e si pone come obiettivo quello di riuscire a comunicarli nella maniera più semplice e quindi immediatamente comprensiva per il paziente. Gli argomenti contenuti sono suddivisi in 6 capitoletti che vengono illustrati al paziente durante uno o più colloqui informativi. Il paziente tiene con sé il libretto (viene incollato nell ultima pagina del quadernino di monitoraggio INR e dosaggio warfarin) per rileggere alcuni punti qualora emergano dei dubbi durante il trattamento e lo riporta in occasione delle successive visite di monitoraggio della TAO, riprendendo insieme con il medico gli aspetti che risultato ancora poco chiari. A distanza di circa 3 mesi dalla fine dei colloqui di informazione con il paziente abbiamo somministrato un QUESTIONARIO DI VERIFICA che si rifà ai 6 capitoletti trattati nel libretto informativo. Le domande presenti del questionario sono stare rivolte al paziente a voce da parte del medico che ha poi attribuito un punteggio in base alla risposta verbale data dal paziente.

15 1. MOTIVO IL PAZIENTE IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE PROBLEMA: Per questo c è la possibilità che si formino dei grumi di sangue (trombi) che staccandosi possono provocare chiusura dei vasi del sangue ed ostacoli alla circolazione che possono essere molto pericolosi Quindi è necessario MANTENERE IL SANGUE FLUIDO per evitare la formazione di questi grumi. 2. FARMACO e MODALITA NOME : DURATA TERAPIA : 1 volta al giorno, ore 16:00, meglio se a stomaco vuoto Se dimentica la compressa : prenderla entro la mezzanotte dello stesso giorno, ALTRIMENTI CONSULTARE IL MEDICO 3. CONTROLLO INR e MONITORAGGIO per stabilire il dosaggio giusto del farmaco bisogna fare un esame del sangue chiamato INR che serve a misurare il tempo che impiega il sangue a coagulare. All inizio questo controllo si farà più spesso poi ogni, segnare l esito sull apposito libretto. PAG 1

16 VALORI ottimali compresi tra Se < 2 (più basso di 2) vuol dire che il farmaco è poco efficace e quindi il medico provvederà a prescrivere una dose maggiore Se > 4 (più alto di 4) c è rischio di emorragia 4. PROBLEMI piccole emorragie : gengive, naso, lividi anche per piccole botte in caso di piccole ferite prendere un pacchetto di garze ed esercitare una forte pressione sulla zona per circa 5 minuti se il sanguinamento continua (ferite, traumi, naso )recarsi in pronto soccorso se si vede sangue nelle urine, nelle feci o nel catarro rivolgersi al proprio medico o in pronto soccorso ANTIDOTO = VITAMINA K che serve per far coagulare il sangue e quindi fermare l emorragia 5. STILE DI VITA VITAMINA K : bisogna quindi stare attenti a non mangiare cibi ricchi di vitamina K poiché essendo l antidoto fa funzionare meno il farmaco

17 ALIMENTI Si può mangiare di tutto ma in maniera varia ed equilibrata ATTENZIONE!!! mangiare al massimo una volta in settimana ed in piccole quantità verdure a foglia verde quali: SPINACI, BROCCOLI, CAVOLI, CAVOLINI, CRESCIONE, CIME DI RAPA, LATTUGA, PREZZEMOLO, ERBA CIPOLLINA EVITARE: ALCOOL, carne di fegato, olio di soia, the verde, ginseng, iperico (per altri prodotti erboristici consultare prima il medico) 6. FARMACI ED INTERVENTI MEDICI Possono interferire con il funzionamento di questo farmaco, quindi prima di prendere farmaci nuovi chiedere sempre al medico!!! ( NO : ASPIRINA!!!) se DOLORE o FEBBRE : paracetamolo Se DIARREA: rivolgersi al medico DENTISTA Avvertire sempre il dentista che si sta prendendo questo farmaco; se sono previsti interventi sui denti parlarne con il proprio medico che deciderà come modificare la terapia. INTERVENTI CHIRURGICI Rivolgersi prima al proprio medico che deciderà come modificare la terapia

18 COLLOQUIO DI VERIFICA TAO PZ 1. MOTIVO ( conoscenza della loro patologia ) Per questo c è la possibilità che si formino dei grumi di sangue (trombi) che staccandosi possono provocare chiusura dei vasi del sangue ed ostacoli alla circolazione che possono essere molto pericolosi Quindi è necessario MANTENERE IL SANGUE FLUIDO per evitare la formazione di questi grumi. 2. FARMACO e MODALITA (orario e cosa fa se dimentica di prenderlo, capita?) Se dimentica la compressa : prenderla entro la mezzanotte dello stesso giorno altrimenti consultare il medico! 3. CONTROLLO INR e MONITORAGGIO ( conoscenza dei VALORI ottimali di INR, cosa può succedere se non è in range) per stabilire il dosaggio giusto del farmaco bisogna fare un esame del sangue chiamato INR che serve a misurare il tempo che impiega il sangue a coagulare. Segnare l esito sull apposito libretto. Se < 2 (più basso di 2) vuol dire che il farmaco è poco efficace e quindi il medico provvedera a prescrivere una dose maggiore Se > 4 (più alto di 4) c è rischio di emorragia 4. PROBLEMI (conoscenza di eventuali problemi legati al farmaco: emorragie cosa fare) piccole emorragie : gengive, naso, lividi anche per piccole botte in caso di piccole ferite prendere un pacchetto di garze ed esercitare una forte pressione sulla zona se il sanguinamento continua (ferite, traumi, naso, gengive )recarsi in pronto soccorso se si vede sangue nelle urine, nelle feci o nel catarro rivolgersi al proprio medico o in pronto soccorso ANTIDOTO = VITAMINA K che serve per far coagulare il sangue e quindi fermare l emorragia 5. STILE DI VITA (vit k e alimenti, cosa non posso mangiare?) VITAMINA K : bisogna quindi stare attenti a non mangiare cibi ricchi di vitamina K poiché essendo l antidoto fa funzionare meno il farmaco ALIMENTI : Si può mangiare di tutto ma in maniera varia ed equilibrata ATTENZIONE!!! mangiare al massimo una volta in settimana ed in piccole quantità verdure a foglia verde quali: SPINACI, BROCCOLI, CAVOLI, CAVOLINI, CRESCIONE, CIME DI RAPA, LATTUGA, PREZZEMOLO, ERBA CIPOLLINA EVITARE: ALCOOL, carne di fegato, olio di soia, the verde, ginseng, iperico (per altri prodotti erboristici consultare prima il medico) 6. FARMACI (cosa faccio se devo prendere un nuovo farmaco o interv chirurgico o dentista?) Possono interferire con il funzionamento di questo farmaco, quindi prima di prendere farmaci nuovi chiedere sempre al medico!!! ( NO : ASPIRINA!!!) Se DOLORE o FEBBRE : Efferalgan (paracetamolo); se DIARREA: rivolgersi al medico Avvertire sempre il dentista che si sta prendendo questo farmaco e se sono previsti interventi sui denti parlarne con il proprio medico che deciderà come modificare la terapia.interventi CHIRURGICI: rivolgersi prima al proprio medico che deciderà come modificare la terapia PUNTEGGIO

19 Criteri di valutazione: - Risposta corretta e completa 1 punto - Risposta parzialmente corretta o corretta ma non completa 1/2 punto - Assenza di risposta o risposta non corretta 0 punti Il punteggio massimo è rappresentato da 6/6 (ovvero 1 punto per ognuno dei sei capitoletti ). Risultati dei questionari: PUNTEGGIO ALTO (6/6 e 5/6) : 8 pazienti 3 pz 5/6) (di cui 5 pz hanno totalizzato 6/6 e PUNTEGGIO INTERMEDIO (4/6 e 3/6) : 4 pazienti 4/6 e 3 pz 3/6) (di cui 1 pz ha totalizzato PUNTEGGIO BASSO (1/6) : 4 pazienti DETTEGLIO RISPOSTE AI SINGOLI QUESITI.

20 Interpretazione risultati dei questionari di verifica e successive riflessioni : Caratteristiche dei pazienti : Il numero totale dei pazienti in TAO aggiornato a novembre 2009 è di 16 pazienti di cui 13 in terapia con Coumadin e 3 in terapia con Sintrom, così suddivisi per patologia: 12 presentano un problema di fibrillazione atriale, 2 sono portatori di valvole cardiache meccaniche e 2 sono in TAO in seguito al riscontro di TVP. Di questi 16 pazienti 8 sono in terapia cronica da più di 7 anni, 2 da circa 3-4 anni e 6 hanno invece cominciato la terapia più recentemente ( da 1 anno a qualche mese) Per quanto riguarda l età i pazienti possono essere suddivisi in due gruppi: 1. giovani costituito da 5 pazienti con età media di 50,2 anni 2. anziani costituito da 11 pazienti con età media di 82,90 anni. I 5 pazienti del gruppo giovane hanno totalizzato tutti un punteggio alto. Tra gli anziani abbiamo 3 pazienti con un punteggio alto ( una donna di 81 anni, un uomo di 77 e uno di 86), 4 con punteggio medio (un uomo di 76 anni, uno di 79, uno di 86 e una donna di 89 anni) e 4 con un punteggio molto basso ( due uomini di 85 anni, uno di 88 e una donna di 88 anni). Da questi dati emerge come l età dei pazienti sia sicuramente uno degli aspetti fondamentali che influiscono su una buona gestione della TAO

21 Abbiamo notato che nonostante una educazione mirata spesso alcuni concetti risultano difficili da comprendere o comunque alcuni di questi pazienti preferiscono delegare completamente al medico tutto ciò che concerne la terapia e quindi probabilmente non prestano neppure la dovuta attenzione durante le spiegazioni. Abbiamo inoltre capito che nei pazienti più anziani risulta importante presentare pochi concetti (semplici) per volta, per limitare il più possibile di generare confusione. Alcuni tra i pazienti più anziani presentano difficoltà di memoria per quanto riguarda la gestione della loro terapia cronica ed in particolare la complessità della TAO (dose non fissa, problemi correlati ecc..) aumenta la loro confusione. In questi pazienti è sicuramente molto importante fornire tutte le informazioni anche a chi si occupa di loro (eventuali figli, badanti ).

22 Conclusioni e prospettive future Sarà interessante andare a verificare nei colloqui successivi se ci saranno dei miglioramenti ( il momento stesso della verifica rappresenta per il paziente un ulteriore possibilità di avere informazioni e chiarimenti ) nei pazienti che hanno totalizzato un punteggio medio - basso. Abbiamo in programma di ripetere lo stesso questionario di verifica a distanza di 9 mesi dell inizio del progetto di educazione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (quindi verso primavera 2010) e riportare eventuali cambiamenti, osservazioni, problemi persistenti ecc Tramite l utilizzo del programma informatico di gestione della TAO vorremmo inoltre provare a verificare anche noi se esiste una qualche correlazione tra un migliore controllo dell INR (quindi valori all interno del range terapeutico) e punteggio ottenuto, il quale dovrebbe riflettere il grado di conoscenza e comprensione della propria terapia Il fine di questo lavoro è quello di migliorare il progetto educativo della TAO, prendendo suggerimenti dalle esperienze presenti in letteratura e dalle relative evidenze di efficacia, per permetterci di gestire in maniera sempre più consapevole ed anche serena una terapia impegnativa e articolata, ma salvavita, quale la TAO.

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico Rischio Emorragico 6 5 4 3 2 1 International Normalized Ratio farma memo scritto è meglio! Rischio Trombotico Campagne regionali per la sicurezza del paziente: La prevenzione degli errori di terapia Un

Dettagli

OPUSCOLO INFORMATIVO: LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO)

OPUSCOLO INFORMATIVO: LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO) Questa persona sta assumendo una terapia anticoagulante orale (TAO) Nome e cognome.. Nome del farmaco Indicazioni del trattamento.. Range terapeutico INR. Trattamento iniziato il. Durata del trattamento...

Dettagli

CONSIGLI PER LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

CONSIGLI PER LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE CONSIGLI PER LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE Sig/Sig.ra data di nascita Motivo della terapia anticoagulante: PERCHÈ IL MEDICO LE HA PRESCRITTO GLI ANTICOAGULANTI ORALI (Coumadin o Sintrom).

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE OSPEDALE A. AJELLO DI MAZARA DEL VALLO SERVIZIO DI PATOLOGIA CLINICA F.C.S.A. N 72 LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE MANUALE PER IL PAZIENTE A cura di Dr. Rosa Rubino Dr. Carla Lombardo P.O. Mazara del Vallo

Dettagli

La gestione della terapia anticoagulante orale.

La gestione della terapia anticoagulante orale. La gestione della terapia anticoagulante orale. Competenze Infermieristiche Coagulazione del sangue meccanismo fisiologico di protezione che ha il compito di limitare e arrestare l emorragia EMOSTASI Coagulazione

Dettagli

MANAGEMENT DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE

MANAGEMENT DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE MANAGEMENT DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE La gestione infermieristica del paziente in terapia anticoagulante orale IP Roveda Tiziana LA GESTIONE INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

Dettagli

Informazioni ai pazienti in cura con farmaci anticoagulanti

Informazioni ai pazienti in cura con farmaci anticoagulanti Informazioni ai pazienti in cura con farmaci anticoagulanti I farmaci anticoagulanti orali (in Italia si usano le compresse di Coumadin o di Sintrom ) servono per diminuire la coagulazione del sangue,

Dettagli

USO CORRETTO DELLA TERAPIA CON ANTICOAGULANTI ORALI:

USO CORRETTO DELLA TERAPIA CON ANTICOAGULANTI ORALI: Da questo numero di Medicina e Sanità iniziamo a pubblicare, analogamente ad altre riviste mediche, dellepagine di educazione sanitaria rivolta ai pazienti, che possono essere staccate, fotocopiate o esposte

Dettagli

Assumo la TAO: cosa devo sapere?

Assumo la TAO: cosa devo sapere? Assumo la TAO: cosa devo sapere? Milano, 15 novembre 2014 Maddalena Loredana Zighetti Servizio Trasfusionale Azienda Ospedaliera San Paolo Polo Universitario Trombosi Problema importante, complesso e diffusissimo

Dettagli

LA TUA GUIDA PER LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO)

LA TUA GUIDA PER LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO) LA TUA GUIDA PER LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO) Realizzato da: Personale Infermieristico Distretti Socio Sanitari Medici di Medicina Generale Personale medico e Infermieristico U.O. Cardiologia

Dettagli

T rapia Orale An coagulante Informazioni per il Paziente

T rapia Orale An coagulante Informazioni per il Paziente Terapia Orale An coagulante - 1 - Informazioni per il Paziente Indice Pag. Indice 1. Anticoagulanti orali Cosa sono gli anticoagulanti orali Come agiscono 2. Come si misura la loro efficacia 3. Dosaggi

Dettagli

Guida alla terapia anticoagulante orale

Guida alla terapia anticoagulante orale Servizio Sanitario Nazionale Regione Marche Azienda Ospedaliera Ospedali Riuniti Marche Nord Presidio Ospedaliero Santa Croce Viale Veneto, 2-61032 Fano PRONTO SOCCORSO E MEDICINA D URGENZA Direttore Dr.

Dettagli

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute

ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO. Ministero della Salute ESSERE AIUTA IL PRONTO SOCCORSO Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza ESSERE AIUTA

Dettagli

L educazione al paziente anticoagulato tra presente e futuro Patrizia Paladin

L educazione al paziente anticoagulato tra presente e futuro Patrizia Paladin L educazione al paziente anticoagulato tra presente e futuro Patrizia Paladin Attività Diurna Area Medica ULSS 9 - Treviso Mestre, 25 Ottobre 2013 Informare vs Educare INFORMARE processo passivo incentrato

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Accordo di collaborazione tra il Ministero della Salute e l Agenas Campagna informativa Il corretto uso dei servizi di emergenza-urgenza Contenuti informativi Pagina 1 di 9 L accesso all informazione favorisce

Dettagli

F.C.S.A. VADEMECUM F.C.S.A. FEDER-A.I.P.A. FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE PAZIENTI ANTICOAGULATI

F.C.S.A. VADEMECUM F.C.S.A. FEDER-A.I.P.A. FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE PAZIENTI ANTICOAGULATI F.C.S.A. FEDER-A.I.P.A. FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI ITALIANE PAZIENTI ANTICOAGULATI F.C.S.A. FEDERAZIONE CENTRI SORVEGLIANZA ANTICOAGULATI VADEMECUM PER IL PAZIENTE IN TRATTAMENTO CON ANTICOAGULANTI

Dettagli

RISPOSTE ALLE DOMANDE DEI PAZIENTI IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE

RISPOSTE ALLE DOMANDE DEI PAZIENTI IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE CENTRO 186, VERONA Referente: Dr. Roberto Facchinetti. Presso: Laboratorio Analisi Chimico-Cliniche ed Ematologiche Ospedale Civile Maggiore Azienda Ospedaliera di Verona Direttore f. f.: Dr.ssa Maria

Dettagli

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Dott.ssa Antonella Cocorocchio CPSI UOC PS-BO AO S. Giovanni Addolorata Roma Coordinatore Area Nursing Simeu Lazio Definizione Il care

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute 118 - SCHEDA N.1 CHE COS È IL NUMERO 1-1-8 1-1-8 è il numero telefonico, unico su tutto il territorio nazionale, di riferimento per tutti i casi di richiesta di soccorso sanitario in una situazione di

Dettagli

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese.

La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. La gestione del paziente in Terapia con NOAC: la realtà organizzativa dell ASL4 Chiavarese. Dr. Gianluigi Devoto Direttore Laboratorio Analisi ASL 4 Chiavarese Introduzione Con l introduzione nella pratica

Dettagli

LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITROMBOTICA

LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITROMBOTICA LA GESTIONE DELLA TERAPIA ANTITROMBOTICA Il software per la gestione della terapia antitrombotica L utilizzo di nuove terapie farmacologiche come i DOA (Direct Oral Anticoagulant) e i farmaci antiaggreganti

Dettagli

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg).

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg). EMA/47517/2015 EMEA/H/C/000829 Riassunto destinato al pubblico dabigatran etexilato Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato

Dettagli

La terapia anticoagulante orale

La terapia anticoagulante orale La terapia anticoagulante orale Manuale per il Paziente Divisione di Ematologia Centro per lo Studio delle Malattie Emorragiche e Trombotiche ULSS 6 Vicenza Si ringrazia l Associazione Veneta per l Emofilia

Dettagli

STRUMENTI DI SOSTENIBILITA : L ESEMPIO DEL DISEASE MANAGEMENT OPTIMIZATION NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE NAPOLI, 2.10.2015

STRUMENTI DI SOSTENIBILITA : L ESEMPIO DEL DISEASE MANAGEMENT OPTIMIZATION NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE NAPOLI, 2.10.2015 STRUMENTI DI SOSTENIBILITA : L ESEMPIO DEL DISEASE MANAGEMENT OPTIMIZATION NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE NAPOLI, 2.10.2015 Il Disease Management Optimization PDTA della Regione Veneto Relatore: Lamberto

Dettagli

Scusi, mi permette una domanda?

Scusi, mi permette una domanda? CENTRO 186 VERONA Referente: Dr. Roberto Facchinetti. Presso: Laboratorio Analisi do. Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata Verona Direttore f. f.: Prof. Gian Cesare Guidi Scusi, mi permette una

Dettagli

Informazioni ai pazienti per esame del retto e dell ano con un trattamento locale delle emorroidi (proctoscopia)

Informazioni ai pazienti per esame del retto e dell ano con un trattamento locale delle emorroidi (proctoscopia) - 1 - Informazioni ai pazienti per esame del retto e dell ano con Etichetta Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo

Dettagli

Bocca e Cuore ooklets

Bocca e Cuore ooklets Bocca e Cuore ooklets Una guida per i pazienti Booklets Per aiutare a migliorare qualità e sicurezza delle cure pubblichiamo una collana di guide ( ) con lo scopo di fornire ai pazienti ed ai loro famigliari

Dettagli

LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL

LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche Dott. V. Barbieri - Direttore LITOTRISSIA EXTRACORPOREA ESWL Day Surgery Dott. Verter Barbieri - Responsabile Medico Fiorenza Costi - Coordinatore Infermieristico

Dettagli

- RIASSUNTO DELLA TESI -

- RIASSUNTO DELLA TESI - PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI 3 Corso triennale di Formazione Specifica in Medicina Generale Triennio 2007-2010 - RIASSUNTO DELLA TESI - DOTT.SSA

Dettagli

15/02/2013. Désirée Merlini -Il trapianto di organi tra passato e futuro- Monza 10.11.2012

15/02/2013. Désirée Merlini -Il trapianto di organi tra passato e futuro- Monza 10.11.2012 Soggetto attivo nell opera di sensibilizzazione alla DONAZIONE Désirée Merlini -Il trapianto di organi tra passato e Il privilegiato rapporto tra MMG e assistito rende facilmente comprensibile perché sia

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Verso il PDTA della fibrillazione atriale

Verso il PDTA della fibrillazione atriale Verso il PDTA della fibrillazione atriale Stato dell arte della gestione della TAO nelle 21 Aziende del Veneto Dr.ssa Lucia Dalla Torre Cure Primarie Ulss7 Stratificazione della popolazione secondo il

Dettagli

Software di supporto alla presa in carico integrata

Software di supporto alla presa in carico integrata Software di supporto alla presa in carico integrata 1 Il CCM in Toscana Il CCM in Toscana Il CCM in Toscana L ambulatorio Pro-Attivo Il CCM in Toscana altre figure coinvolte nella presa in carico integrata

Dettagli

La prevenzione dell ictus nel paziente con fibrillazione atriale

La prevenzione dell ictus nel paziente con fibrillazione atriale http://www.aslromaa.it/auslrma/ farmaanotizie Periodico mensile di informazione della ASL ROMA A su argomenti di farmacoepidemiologia/farmacoeconomia/farmacovigilanza Marzo 2012 anno 3 n 3 La prevenzione

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione Anna Maria Marata Area Valutazione del Farmaco ASSR Regione Emilia Romagna 9 Dicembre 2013 October

Dettagli

Andrea Pizzini. Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti

Andrea Pizzini. Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti Andrea Pizzini Farmaci equivalenti: la qualità accessibile a tutti Le informazioni presenti in questa monografia hanno rilevante utilità informativa, divulgativa e culturale ma non possono in alcun modo

Dettagli

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona

Antonella Moretti Clinica Reumatologica Università Politecnica delle Marche - Ancona 1 Educare vuol dire ex-ducere = uscire fuori La patient education è un percorso complesso ed articolato, finalizzato all acquisizione da parte del paziente delle conoscenze necessarie per affrontare adeguatamente

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

La comunicazione. Ministero della Salute

La comunicazione. Ministero della Salute Presentazione del Manuale Gestione del Rischio Clinico e sicurezza delle Cure negli Ambulatori dei MMG e PdF Roma, 16 marzo 2010 Auditorium Lungotevere Ripa, 1 La comunicazione Laura Reali, Michele Gangemi

Dettagli

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi

IO NE PARLO. DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi AR IO NE PARLO DIARIO DELLA TERAPIA per annotare i farmaci e i progressi Ti aiuta a tenere sotto controllo la tua artrite reumatoide e a trarre il massimo beneficio dalla terapia Visita www.arioneparlo.it

Dettagli

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere

Studi clinici. tutto quello che bisogna sapere Studi clinici tutto quello che bisogna sapere Prefazione Questo opuscolo intende fornire ai pazienti, ai loro familiari e a tutti coloro che se ne prendono cura, gli elementi fondamentali per comprendere

Dettagli

LINEE GUIDA NUTRIZIONALI CONDIVISE IN AMBITO MEDICO. Il Paziente in terapia con Anti-coagulante e Consigli dietetici

LINEE GUIDA NUTRIZIONALI CONDIVISE IN AMBITO MEDICO. Il Paziente in terapia con Anti-coagulante e Consigli dietetici LINEE GUIDA NUTRIZIONALI CONDIVISE IN AMBITO MEDICO Il Paziente in terapia con Anti-coagulante e Consigli dietetici ANTICOAGULANTE? Un anticoagulante è un composto capace di rallentare o interrompere il

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE: GUIDA PRATICA PER IL PAZIENTE ED I FAMILIARI

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE: GUIDA PRATICA PER IL PAZIENTE ED I FAMILIARI LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE: GUIDA PRATICA PER IL PAZIENTE ED I FAMILIARI PRESENTAZIONE Questa guida è rivolta a tutte le persone che seguono una Terapia con farmaci Anticoagulanti Orali (TAO). COSA

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA)

Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo dei protagonisti (TAVOLA ROTONDA) Il ruolo del Medico Prof. F. Tremolada Già Direttore Dipartimento di Medicina ULSS16 e UOC Medicina, Ospedale S. Antonio, Padova L esperienza della Medicina Ospedale

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

Scompenso cardiaco cronico: Come gestire la terapia medica

Scompenso cardiaco cronico: Come gestire la terapia medica Scompenso cardiaco cronico: Come gestire la terapia medica Scompenso cardiaco cronico: Come gestire la terapia medica I Obiettivo La regolare assunzione dei farmaci prescritti per aiutare il tuo cuore

Dettagli

Informazioni ai pazienti per endosonografia inferiore (sonografia interna attraverso l ano)

Informazioni ai pazienti per endosonografia inferiore (sonografia interna attraverso l ano) - 1 - Informazioni ai pazienti per endosonografia inferiore (sonografia interna attraverso l ano) Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente

Dettagli

La Terapia Anticoagulante

La Terapia Anticoagulante La Terapia Anticoagulante La terapia anticoagulante orale (TAO) è una terapie salvavita in Italia per oltre 650.000 persone. Viene usata dai portatori di valvole cardiache, e da coloro che vengono colpiti

Dettagli

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana

COSA È E COME SI USA Lingua Italiana L ABC dell insulina COSA È E COME SI USA Lilly Perché devo fare l insulina? Nella maggior parte dei casi il Diabete tipo 2 si cura con i farmaci antidiabetici orali, oltre che con la dieta e l esercizio

Dettagli

Azienda Sanitaria Locale n 12. Polo Oncologico di Biella

Azienda Sanitaria Locale n 12. Polo Oncologico di Biella Azienda Sanitaria Locale n 12 Polo Oncologico di Biella Via Caraccio, 5 13900 Biella Tel. 015.350.3705 / Fax 015.350.3785 biella@poloncologico.it www.biella.poloncologico.it Progetto MOBIDIC (Medici Oncologi

Dettagli

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL.

SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. SEI INTERESSATO A PARTECIPARE A STUDI CLINICI FINALIZZATI ALLO SVILUPPO DI NUOVI FARMACI IN SARDEGNA? DIVENTA VOLONTARIO CON FASE 1 SRL. CHE COS È FASE 1 SRL? Fase 1 è una società a responsabilità limitata

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CARLO POMA Dipartimento di Medicina di Laboratorio Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Primario: Dott. Massimo Franchini Il Centro TAO di Mantova

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice

IDROSSIZINA. Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M. Molteni, M. Pozzi, S. Radice a cura di: IRCCS E. MEDEA LA NOSTRA FAMIGLIA (Direttore sanitario Dott. M. Molteni) UO FARMACOLOGIA CLINICA AO L. SACCO (Direttore Prof. E. Clementi) Redazione scientifica: S. Bertella. E. Clementi, M.

Dettagli

9 N O V E M B R E 2 0 1 5 SIC - Via Po, 24 - ROMA

9 N O V E M B R E 2 0 1 5 SIC - Via Po, 24 - ROMA 9 N O V E M B R E 2 0 1 5 SIC - Via Po, 24 - ROMA RAZ IONAL E La fibrillazione atriale (FA) nelle sue varie forme (parossistica, persistente, permanente, permanente di lunga durata) si associa ad un significativo

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI A. ASPETTI ANAGRAFICI A 1 - U.O. coinvolte: Ser.D Bassano e Ser.D Asiago A 2 -Ambito di appartenenza: (selezionare) A 3 - Responsabile Buona Prassi: Sanitario

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO 08

PROTOCOLLO OPERATIVO 08 PAG.1 DI 10 Rev. Data Redatto ed Elaborato Approvato Firma Dr.Giancarlo Casolo Direttore U.O.C. Cardiologia e Responsabile TAO 0 20/06/2011 Dr. Francesco Vivaldi Responsabile centro TAO Dr.Roberto Diodati

Dettagli

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale

Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di Assistenza Individuale Il distretto sociosanitario: esperienze a confronto Bari, 27 28 ottobre 2011 Gli strumenti e le procedure del Chronic Care Model per la valutazione del caso e la redazione e il monitoraggio del Piano di

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG

STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG STRUMENTIDI MENTAL HEALTH LITERACY NELLA PRATICA CLINICA DEL MMG Marco Musella Italian Health Literacy Project (HLP-IT) DAOSan - Master Universitario di II Livello In Direzione delle Aziende e delle Organizzazioni

Dettagli

APPROCCIO DEL PAZIENTE ALLA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (T. A. O.)

APPROCCIO DEL PAZIENTE ALLA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (T. A. O.) OSPEDALE A. AJELLO DI MAZARA DEL VALLO SERVIZIO DI PATOLOGIA CLINICA F.C.S.A. N 72 APPROCCIO DEL PAZIENTE ALLA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (T. A. O.) RELATORE D.SSA Carla Lombardo Referente sorveglianza

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

per esame del retto e dell ano con un trattamento locale delle emorroidi (proctoscopia)

per esame del retto e dell ano con un trattamento locale delle emorroidi (proctoscopia) PD Dr. med. Emanuel Burri, Leitender Arzt Foglio informativo per esame del retto e dell ano con un trattamento locale delle emorroidi (proctoscopia) Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente,

Dettagli

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - ULSS 18 Rovigo del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA

Protocollo Versione 3 del 26/05/2009 Versione 3.1 - ULSS 18 Rovigo del 18/10/2010 STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA STUDIO ACIDO FOLICO SCHEDA INFORMATIVA Gentile signora, il nostro Centro partecipa a un progetto di ricerca che si propone di confrontare il beneficio dell assunzione di dosaggi diversi di acido folico,

Dettagli

Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia

Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia Il ruolo dell Infermiere nella Sanità d Iniziativa. L Esperienza dell Infermiere di famiglia Granucci Lucia Infermiera di famiglia UO Infermieristica Territoriale Resp. Svaldo sensi UF Cure Primarie Piana

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker

Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Nuovi Anticoagulanti orali (NACO) 12.12.2013 Hans Stricker Problemi con ACO tipo AVK Vantaggi dei nuovi ACO Nuovi anticoagulanti orali Dabigatran (Pradaxa ) Rivaroxaban (Xarelto ) Apixaban (Eliquis ) Nuovi

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Furio Colivicchi Dipartimento Cardiovascolare ACO S.Filippo Neri Roma Dicumarolici e Prevenzione dello Stroke nella FA non valvolare Per oltre 60 anni gli

Dettagli

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire.

PERCHE FARE FORMAZIONE sull accompagnamento al morire. UNA PROPOSTA FORMATIVA: il parere del geriatra Evelina Bianchi * LA FORMAZIONE Ho consultato la Treccani, enciclopedia della lingua italiana, alla voce formazione: deriva dal latino formatio, -onis e indica

Dettagli

Atrial Fibrillation Study - Italy Study conducted by Opinion Health

Atrial Fibrillation Study - Italy Study conducted by Opinion Health Atrial Fibrillation Study - Italy Study conducted by Opinion Health Obiettivi Valutare il livello di awareness della FA e dei sintomi Comprendere l impatto della FA e del trattamento sulla qualità di vita

Dettagli

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI

EVENTI AVVERSI ED INTERAZIONE TRA FARMACI Organizzatore: J&B S.R.L. Unipersonale Indirizzo: VIA PIEMONTE 12 Città: 87036 RENDE (CS) Telefono: 0984/837852 Fax: 0984/830987 Referente: Dott. DANIELE PERRELLI - WEB - www.jbprof.com info@jbprof.com

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA

REGIONE MARCHE Giunta Regionale SERVIZIO SALUTE P.F. SANITA PUBBLICA Progetto relativo alla linea del PNP Prevenzione del Rischio Cardiovascolare Referente: Dr. Alberto Deales Obiettivi iniziali del progetto : Il progetto rappresentava uno studio pilota finalizzato a valutare

Dettagli

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo

Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Un efficace controllo del diabete richiede che l andamento dei livelli degli zuccheri nel sangue (glicemia) siano strettamente seguiti nel tempo Il monitoraggio Il principale strumento per monitorare l

Dettagli

Informazioni ai pazienti per esame con capsula endoscopica

Informazioni ai pazienti per esame con capsula endoscopica - 1 - Informazioni ai pazienti per esame con capsula endoscopica Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA

APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA APPLICAZIONE DELLA FARMACOLOGIA ALLA PRATICA INFERMIERISTICA Evoluzione delle responsabilità dell infermiere a proposito dei farmaci Applicazione della farmacologia alla Cura del paziente Applicazione

Dettagli

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo

Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati. Dott.ssa D. Piccolo Cause del cattivo controllo glicemico negli ospedalizzati Dott.ssa D. Piccolo Come mai il cattivo controllo glicemico è tanto frequente tra i pazienti ospedalizzati? Le informazioni disponibili sul grado

Dettagli

per una buona salute Claudio Andreoli

per una buona salute Claudio Andreoli Alimentazione e stili di vita per una buona salute Claudio Andreoli «Uno stile di vita non corretto può aumentare il rischio di tumori o di malattie cardiache?» UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facolta

Dettagli

Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo

Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo Contro fibrillazione atriale, ictus e Tromboembolismo venoso (TEV), in Italia arriva edoxaban, il nuovo anticoagulante orale Il 52 % dei pazienti

Dettagli

Organizzazione e costi per l attuale gestione dell anticoagulazione

Organizzazione e costi per l attuale gestione dell anticoagulazione ANMDO 2011 - Bologna 9.6.2011 Organizzazione e costi per l attuale gestione dell anticoagulazione Federico Spandonaro 1 / 19 Sintesi Technology Assessment Clinico Esperienze di riorganizzazione rispetto

Dettagli

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2

LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 LABORATORIO PERMANENTE di NARRAZIONE AUTOBIOGRAFICA NEFROLOGIA E DIALISI PERITONEALE OSPEDALE SAN PAOLO SAVONA ASL2 La narrazione autobiografica come progetto di cura nei pazienti uremici cronici L idea

Dettagli

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010

Azienda USL 6 di LIVORNO Progetto Chronic care model Flow chart scompenso cardiaco Versione 2.1 del 29.3.2010 INIZIO a) Richiesta visita per sintomatologia o b) Controlli clinici a seguito di altra patologia INIZIO Individua tipologia dei pazienti Realizza elenco di pazienti con sintomi di SC e alterazioni strutturali

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

Risultati del questionario salute-ambiente in zona Lame a Bologna dicembre2009

Risultati del questionario salute-ambiente in zona Lame a Bologna dicembre2009 Risultati del questionario salute-ambiente in zona Lame a Bologna dicembre29 A cura del Comitato Scientifico del Circolo Che Guevara PRC-Navile Con il sostegno del Comitato Salute Pubblica zona Obiettivi

Dettagli

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario

Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Obiettivo Primario Titolo, oggetto e obiettivo del Progetto: Studio clinico randomizzato, con gruppo di controllo, sull Agopuntura Tradizionale Cinese come Terapia di Supporto in pazienti sottoposti a trattamento Chemioterapico

Dettagli

Quando e come informare i genitori

Quando e come informare i genitori Quando e come informare i genitori Obiettivi dell informazione Aumentare le conoscenze Modificare le false convinzioni Rispondere alle domande poste Aumentare la capacità di gestione autonoma delle diverse

Dettagli

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A.

Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA. Responsabile Dott. A. Regione Veneto ULSS N 9 - Treviso 1 Dipartimento di Medicina SERVIZIO DI DIETETICA E NUTRIZIONE CLINICA Responsabile Dott. A. Paccagnella Una breve premessa Se sfogliamo un giornale femminile, viaggiamo

Dettagli

Comunicazione e compliance. Stefano De Riu

Comunicazione e compliance. Stefano De Riu Comunicazione e compliance Stefano De Riu Mercurio (Hermes) La compliance (adherence) del paziente Livello (o percentuale) di coincidenza tra il comportamento del paziente (stile di vita e assunzione

Dettagli

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services

Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and outpatient services Barbara Bini Phd Student, Laboratorio di Management e Sanità, Istituto di Management, scuola Superiore Sant Anna Comparing health related quality of life for severe chronic heart failure in home care and

Dettagli

DI SPONTINA DANIELA DOTT. IN INFERMIERISTICA. PAROLE CHIAVE Azienda, utente-paziente, percorso assistenziale

DI SPONTINA DANIELA DOTT. IN INFERMIERISTICA. PAROLE CHIAVE Azienda, utente-paziente, percorso assistenziale 23 DI SPONTINA DANIELA DOTT. IN INFERMIERISTICA IL PERCORSO ASSISTENZIALE DEL PAZIENTE IN TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE (TAO) ESTRATTO DA TESI DI LAUREA ABSTRACT Nella ricerca è stata esplorata la fattibilità

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it

36100 Vicenza Via Capparozzo, 10 Tel. 0444 219200 Fax 0444 506301 www.villaberica.it IL RICOVERO IN CASA DI CURA DIECI SUGGERIMENTI PER UNA MAGGIOR SICUREZZA DELLA CURA tratte ed adattate da: Guida per i cittadini è la mia salute e io ci sono e Guida per i familiari prendersi cura insieme

Dettagli

V GIORNATA MONDIALE BPCO

V GIORNATA MONDIALE BPCO V GIORNATA MONDIALE BPCO DR.SSA MARIELLA MARTINI Direttore Generale Azienda Sanitaria Locale Reggio Emilia 1 Provincia di Reggio Emilia 486.961 Abitanti Azienda USL di Reggio Emilia 6 Distretti 3776 Dipendenti

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA NELLA REGIONE LAZIO ORA CHE SONO TUTOR,. DOVE SONO? CHE FACCIO?

L ORGANIZZAZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA NELLA REGIONE LAZIO ORA CHE SONO TUTOR,. DOVE SONO? CHE FACCIO? L ORGANIZZAZIONE DEL CORSO DI FORMAZIONE SPECIFICA NELLA REGIONE LAZIO ORA CHE SONO TUTOR,. DOVE SONO? CHE FACCIO? ORGANIZZAZIONE La Formazione specifica in Medicina Generale prende le mosse dalla direttiva

Dettagli

Nella ricerca, il benessere per l umanità

Nella ricerca, il benessere per l umanità Nella ricerca, il benessere per l umanità Sei interessato a partecipare a studi clinici finalizzati allo sviluppo di nuovi farmaci in Sardegna? Diventa volontario con Fase 1 srl. Che cos è Fase 1 srl?

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli