Trombosi emorroidaria Studio del profilo emocoagulativo e riflessioni terapeutiche su 22 pazienti consecutivi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trombosi emorroidaria Studio del profilo emocoagulativo e riflessioni terapeutiche su 22 pazienti consecutivi"

Transcript

1 Trombosi emorroidaria Studio del profilo emocoagulativo e riflessioni terapeutiche su 22 pazienti consecutivi FABIO GAJ,ANTONELLO TRECCA a,marianna SUPPA b,massimo SPOSATO c,alessandro COPPOLA b, GAETANO DE PAOLA b,francesco AGUGLIA b Dipartimento di Chirurgia Generale e Trapianti d Organo, Università degli Studi La Sapienza, Istituto Paride Stefanini, Policlinico Umberto I, Roma a Unità di Endoscopia e Gastroenterologia Operative Fabio Di Giovambattista, UEGO FdG, Roma b Dipartimento Emergenza ed Accettazione Università degli Studi La Sapienza, Policlinico Umberto I, Roma c Servizio di Anestesia e Rianimazione, Ospedale San Giovanni, Roma Corrispondenza a: Dott. Fabio Gaj - Via Reno, Roma Riassunto La trombosi emorroidaria (TE) rappresenta una delle complicanze più frequenti della malattia emorroidaria e può presentarsi sia nel contesto di un singolo nodulo emorroidario esterno, sia come trombosi emorroidaria massiva (TEM). La TE risulta spesso invalidante per il paziente e per la sua risoluzione si rende spesso necessaria una terapia chirurgica in regime ambulatoriale. L eziopatogenesi della TE risulta completamente sconosciuta e pochi sono a oggi gli studi volti a indagarne le cause e le specifiche modalità di insorgenza. Per questo motivo gli Autori hanno effettuato uno studio clinico prospettico su 22 pazienti consecutivi affetti da TE volto a valutarne il profilo emocoagulativo e al fine di individuare specifici fattori alla base di questa patologia. Tutti i principali fattori della coagulazione analizzati (PT, APTT, fibrinogeno, AT III, XDP, eventuale positività al test lupus anticoagulans (LAC) e alla apcr) sono risultati negativi, a esclusione dei prodotti di degradazione della protrombina (F1 + F2) che hanno mostrato valori più alti rispetto alla popolazione di controllo (p < ). Il nostro studio sembrerebbe evidenziare come la TE non sia ascrivibile ad alcun fenomeno discrasico locale o sistemico, indicando l opportunità di un approccio chirurgico, come peraltro confermato dall analisi dei risultati della nostra casistica clinica. Parole chiave: trombosi emorroidaria, coagulopatia, frammenti F1 + F2 di protrombina Introduzione La trombosi emorroidaria (TE) rappresenta una delle complicanze più frequenti della malattia emorroidaria ed è dovuta alla formazione di più coaguli all interno dei noduli emorroidari 1.Essa si manifesta clinicamente con dolore intenso riferito dal paziente in corrispondenza del nodulo emorroidario sede del trombo, facilmente obiettivabile come una tumefazione dura e di colorito bluastro e saltuariamente con sanguinamento 2. La TE rappresenta quindi una condizione clinica piuttosto invalidante e nella maggior parte dei casi si risolve in modo definitivo con il trattamento chirurgico 3. Le anomalie della coagulazione che possono provocare una condizione di ipercoagulabilità, e quindi la trombosi, possono essere primitive o secondarie 4.Le prime sono generalmente ascrivibili ad altera- 219

2 Chirurgia Italiana vol. 58 n. 2 pp zioni congenite del sistema emostatico,quali il deficit di AT III,il deficit della proteina C, il deficit della proteina S, la disfibrinogenemia, la presenza di positività al LAC e la positività per la resistenza alla proteina C reattiva,mentre le seconde sono caratterizzate da alterazioni del sistema emostatico conseguenti a varie condizioni morbose, quali interventi chirurgici maggiori, malattie cardiovascolari, sepsi, neoplasie maligne e complicanze ostetriche. Le cause della TE risultano ancora oggi completamente sconosciute, e in particolare risulta oggetto di discussione se questa alterazione emocoagulativa sia assimilabile eziopatogeneticamente ad altri generi di trombosi dell organismo o se sia un evento di pertinenza esclusiva della regione anale. Gli Autori, in questo lavoro, hanno valutato il profilo ematochimico ed emocoagulativo relativo a un campione di 22 pazienti consecutivi affetti da TE, al fine di valutare se la positività agli indici potesse chiarire l eziopatogenesi di questa condizione clinica e l eventuale predisposizione trombofilica. Materiali e metodi Da gennaio a dicembre 2004,un campione di 22 pazienti consecutivi,di cui 14 di sesso maschile e 8 di sesso femminile,con età media di 39 anni (range: 15-89),afferenti al Pronto Soccorso del Policlinico Umberto I di Roma,ai Centri ambulatoriali dell Unità Sanitaria Internazionale di Roma,all Unità di Colonproctologia della Clinica Annunziatella di Roma e all ambulatorio dell Associazione Italiana Educazione Demografica di Roma,sono stati selezionati per il presente studio clinico.la diagnosi di TE veniva posta sulla base della visita e dell esame obiettivo. La visita consentiva di obiettivare la presenza del trombo emorroidario in tutti i pazienti,in assenza di ipertono sfinteriale.nessun caso di trombosi massiva è occorso alla nostra attenzione.tutti i pazienti riferivano intenso dolore anale che in 2 casi si associava a lieve rettorragia.tutti i pazienti in terapia anticoagulante o antiaggregante sono stati esclusi dallo studio.quindici Summary Hemorrhoidal thrombosis. A clinical and therapeutical study on 22 consecutive patients. F. Gaj, A. Trecca, M. Suppa, M. Sposato, A. Coppola, G. De Paola, F. Aguglia Hemorrhoidal thrombosis (HT) represents one of the most frequent complication of hemorrhoids. The two main modalities of clinical presentation are thrombosed of a single external pile or as massive thrombosis (MT), both representing an harmfull condition for the patient which can be usually treated with surgical intervention on an outptient basis. The etiopathogenesis of the disease is nowadays obscure and few investigated till now in the international literature. The Authors performed a prospective study on 22 patients with HT aimed at clarifying the ethiopathogenesis of the disease through the evaluation of the emocoagulative profile of these patients. All the main coagulopathy indexes such as apt, APTT, Fibrinogen, AT III, XDP, apcr and LAC resulted normal, while the products of prothrombin degradation (F1 + F2) showed higher values in respect of the control group (p < ). Our study seems to highlight that HT could not be considered a sistemic or local coagulopathy, so far surgical management of the disease remains the gold standard, as confirmed in our series. Key words: thrombosed hemorrhoids, coagulopathy, prothrombin fragment Chir Ital 2006; 58, 2: pazienti affetti da malattia emorroidaria non complicata e 18 pazienti con sintomatologia clinica relativa al tratto digestivo superiore (12 con pirosi retrosternale,5 con dispepsia e 1 con litiasi biliare) sono stati utilizzati come gruppo di controllo.i parametri clinici analizzati sono stati: età,eventuale stato gravidico, pregressi episodi clinici di TE,eventuali patologie sistemiche concomitanti (cardiopatia ischemica, ipertensione arteriosa,dislipidemie,obesità,diabete,varici arti inferiori).per la definizione della malattia emorroidaria e degli eventi acuti è stata utilizzata in tutti i casi la nuova classificazione della malattia,pate 2000 Sorrento 5 (Fig.1), proposta dagli Autori e validata dalle due principali società scientifiche coloproctologiche italiane.essa ha fornito per ogni singolo paziente uno specifico score di malattia (min 0-max 29). La determinazione del profilo emocoagulativo è stata realizzata in tutti i pazienti su campione di sangue periferico venoso.in tutti i casi sono state eseguite analisi di routine come emocromo,transaminasi,creatininemia, glicemia,elettroliti sierici,latticodeidrogenasi,creatinfosfochinasi e valutato l assetto coaugulativo attraverso gli indici PT,APTT,fibrinogeno,AT III,XDP,i prodotti di degradazione della protrombina (F1 + F2),inoltre è stata cercata un eventuale positività al test lupus anticoagulans (LAC) e la positività della apcr.il dosaggio di F1 + F2 è stato effettuato mediante metodica con kit Enzygost F1+F2, Behringwerke Marburg,Germany 6-8. Analisi statistica I risultati sono stati valutati con analisi statistica del t-test di Student e 220

3 Trombosi emorroidaria Sistema di classificazione P.A.T.E Sorrento Grado I II III IV Lat. Sn P Ant Post. Dx Circonf. Score item: min = 0 / max = 12 0 AO No eventi Acuti A 1 AE Edema P E 2 AT Trombosi P E Score item: min = 0 / max = 3 1 T-1 Ipotono sfinteriale T 0 T0 Normotono sfinteriale 2 T+1 Ipertono sfinteriale Score item: min = 0 / max = 2 E 0 E0 Assenza di noduli _ E1 Presenza di emorroidi 2 Laterale sn. 2 Anteriore 2 Posteriore dx Score item: min = 0 / max = 6 SINTOMI no sì talvolta PRURITO DOLORE BRUCIORE SANGUINAMENTO SPONTANEO SANGUINAMENTO DOPO DEFECAZ Score item: min = 0 / max = 6 SCORE TOTALE: min = 0 / max = 29 Fig. 1. Elaborazione dell indice di malattia (score) attraverso la classificazione Pate 2000 Sorrento. l analisi della varianza correlando i risultati con gruppo di controllo usando il programma MEDICAL in ambiente Windows. Risultati mini e 5 donne) erano presenti varici agli arti inferiori. Una TE pregressa era riferita nel 2.7% dei casi (3 uomini e 2 donne),in tutti i casi risoltasi mediante terapia medica. Una donna presentava anamnesi positiva per cardiopatia ischemica in terapia farmacologica. La classificazione PATE 2000 Sorrento, attraverso la definizione dello score di malattia, è risultata indispensabile per classificare tutti i pazienti affetti da trombosi,evento acuto della malattia che peraltro non risulta descritto nella vecchia Una sola donna delle 8 studiate riferiva uno stato di gravidanza (terzo mese). Il diabete mellito di tipo II era presente nel 18.1% dei casi (2 uomini e 2 donne) in trattamento con ipoglicemizzanti orali. Nel 50% dei nostri pazienti (6 uoclassificazione della malattia 9. Nei pazienti studiati non sono state registrate alterazioni del PTT, del PT, dell antitrombina III,del fibrinogno e degli XDP,così come tutti i soggetti sono risultati negativi alla determinazione del LAC, mentre la determinazione dei frammenti F1 + F2 di protrombina sono risultati più alti rispetto al gruppo di controllo (p < ) (Fig.2). Il 59% dei pazienti è stato sottoposto a terapia chirurgica, ovvero a trombectomia in regime ambulatoriale. Nessuna complicanza si è 221

4 Chirurgia Italiana vol. 58 n. 2 pp ,0 2,5 2,0 1,5 1,0 0,5 0,0 Fibrinopeptidi Controlli Fig. 2. Risultati relativi ai prodotti della degradazione della protrombina (F1 + F2) rispetto alla popolazione di controllo (p < ). riscontrata in questo gruppo di pazienti, solo un caso di recidiva comparso dopo 10 giorni e trattato con terapia medica. Gli altri sono stati sottoposti a terapia medica e in 3 casi,a causa della persistenza di intenso dolore anale, resistente alla terapia medica con antidolorifici, i pazienti sono stati inviati al trattamento chirurgico. La classificazione PATE 2000 Sorrento si è rivelata determinante in tutti i casi,poiché ha consentito di descrivere sia l acuzie di malattia, sia la presenza di noduli esterni al canale anale, parametri questi in grado di modificare significativamente lo score di malattia,peraltro ben correlatosi con l indicazione alla terapia chirurgica. 222 Discussione Numerose sono oggi le ipotesi eziopatogenetiche alla base della malattia emorroidaria.la predisposizione genetica, la lassità del tessuto di sostegno,l aumento di pressione all interno del canale anale e infine l apertura di shunt capillari artero-venosi con conseguente deficit ipossico a carico delle strutture di sostegno sono stati di volta in volta chiamati in causa nella patogenesi di questa malattia 10. Alcuni Autori negli ultimi anni riconducono la patogenesi delle emorroidi esclusivamente al prolasso o eccedenza mucosa del canale anale.la TE,conseguenza della formazione di coaguli all esterno del canale anale, rappresenta un evento clinico spesso indi- pendente dalla malattia emorroidaria stessa, risultando quindi di più difficile interpretazione eziopatogenetica 11.Per questo motivo fino a oggi non sono stati effettuati studi specifici volti a indagare le cause alla base di questo fenomeno discrasico del sistema coagulativo.in particolare se la TE rappresenti un evento primitivo o piuttosto sia una conseguenza di una patologia coagulativa di tipo sistemico. La nostra serie consecutiva di 22 pazienti affetti da TE non sembra indicare eventuali alterazioni dei parametri classici della coagulazione (PT, aptt, XDP,AT III) o presenza di LAC positività,ma evidenzia un attivazione della trombina,emersa dalla determinazione dei frammenti F1 + F2,e confrontata con il gruppo

5 Trombosi emorroidaria di controllo che è risultato normale. La nuova classificazione PATE 2000 Sorrento sembra inoltre confermare la sua validità nella definizione dei pazienti portatori di questo evento acuto della malattia 12.I risultati del nostro studio, sebbene riferiti a un campione piuttosto esiguo, indicherebbero che la patogenesi della TE non dipende da fattori discrasici locali o sistemici, confermando la terapia chirurgica come potenzialmente più efficace di quella medica nella gestione di questi pazienti 13,14. Greenspon 15 in uno studio di confronto fra terapia medica e chirurgica per la trombosi emorroidaria esterna, condotto su 231 pazienti consecutivi, conferma come la terapia chirurgica presenti un minor numero di recidive e una più rapida ripresa dell attività lavorativa da parte del paziente. Bach 16 riferisce gli ottimi risultati della terapia chirurgica,sottolineando l elevata compliance dei pazienti nei confronti dell intervento eseguito in anestesia locale e in regime ambulatoriale, in uno studio retrospettivo su 340 casi. La nostra serie, sebbene caratterizzata da un minor numero di casi, conferma gli ottimi risultati a distanza della trombectomia emorroidaria in anestesia locale e in regime ambulatoriale,anche alla luce dei risultati dello studio emocoagulativo che sembra escludere la possibilità di una correzione bioumorale di questo evento discrasico. I 3 casi di recidiva si sono presentati solo nei pazienti trattati con terapia medica, mentre la terapia chirurgica è risultata risolutiva in tutti i casi. Lo score di malattia evidenziato dalla classificazione PATE 2000 Sorrento, contemplando l analisi dei parametri relativi all acuzie di malattia e la descrizione dei noduli esterni al canale anale, sembra correlarsi significativamente con i quadri più gravi di malattia, proponendosi come valido ausilio clinico per la scelta della terapia (medica vs chirurgica). Bibliografia 1. Bohm C. Anorectal sindrome. Arch Dermatol Forsch 1972; 244: Gaj F, Trecca A, Scardamaglia F, Laudani G, Mazziotti F, Frammarino dei Malatesta ML, Carboni M. Malattia emorroidaria oggi ed analisi delle sue problematiche cliniche in gravidanza. Riv Gin Cons 1995;7: Ferguson JA, MacKeigan JM. Hemorrhoids, fistulae and fissures: office and hospital management. A critical review. Adv Surg 1978; 12: Faivre J, Boisseau M. Aetiopathogenesis of haemorrhoidal thrombosis. The contribution of electron microscopy Arch Fr Mal App Dig 1976; 65: Gaj F, Trecca A, Carboni M. Proposta di una nuova classificazione della malattia emorroidaria. Riv Ital Colonproctol 1995; 3: Takahashi H, Wada K, Satoh N. Evaluation of oral anticoagulation therapy by measuring plasma prothombin fragment 1+2. Blood Coagul Fibrinolysis 1993; 4: Teitel JM, Bauer KA, Lau HK, Rosenberg RD. Studies of prothrombin activation pathway utilizing radioimunoassay for F2/F1 +2 fragment and thrombin-antithrombin complex. Blood 1982; 59: Boneu B, Bes G, Pelzer H, Sie P, Boccalon H. D-dimers, thrombin antithrombin III complexes and prothrombin fragment 1+2: diagnostic value in clinical suspected deep vein thrombosis. Thromb Haemost 1991; 65: Gaj F, Trecca A, Serio A, Scardamaglia F, Carboni M. Improving the classification of hemorrhoids: results of an italian multicentric study on 1494 patients. Ambulatory Surgery 1999; 7: Denis J, Garrigues JM, Trochet JP, Gerentes I, Taccoen A. Rheological parameters in hemorrhoid pathology. Ann Gastroenterol Hepatol 1994; 30: Burkitt DP. Varicose veins, deep vein thrombosis, and haemorrhoids: epidemiology and suggested aetiology. Br Med J 1972; 3: Gaj F, Trecca A. PATE 2000 Sorrento: a modern, effective instrument for defining haemorrhoids. A multicentre observational study conducted in 930 symptomatic patients. Chir Ital 2004; 56: Gaj F, Trecca A. La trombectomia emorroidaria rappresenta la migliore opzione terapeutica anche per la donna in gravidanza? Riv Ital Colonproctologia 1994; 13: Mirzaev KR, Khakimov S. Surgical treatment of acute anorectal thrombosis. Klin Khir 1982; 2: Greenspon J, Williams SB, Young HA, Orkin BA. Thrombosed external hemorrhoids: outcome after conservative or surgical management. Dis Colon Rectum 2004; 47: Bach JJ, Stubinger SH, Bock JU. Excision of thrombosed external hemorrhoid under local anestesia: a retrospective evaluation of 340 patients. Dis Colon Rectum 2003; 46:

6 SOCIETÀ ITALIANA DI CHIRURGIA 108 CONGRESSO Roma ottobre 2006 Hotel Cavalieri Hilton Presidente Prof. Giuseppe Cucchiara

TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLE EMORROIDI

TRATTAMENTO NON CHIRURGICO DELLE EMORROIDI CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore R.D. Villani TRATTAMENTO N CHIRURGICO DELLE EMORROIDI (Iniezioni sclerosanti, legatura elastica) Si prega di leggere il foglio informativo e di compilare il questionario

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

Il trattamento laser HeLP delle emorroidi: indicazioni e note di tecnica. Dott. Alessandro MASTROMARINO

Il trattamento laser HeLP delle emorroidi: indicazioni e note di tecnica. Dott. Alessandro MASTROMARINO WORKSHOP IL LASER NELLE EMORROIDI E VARICI DEGLI ARTI INFERIORI. UNA SOLUZIONE MODERNA PER UN ANTICO PROBLEMA. Il trattamento laser HeLP delle emorroidi: indicazioni e note di tecnica Dott. Alessandro

Dettagli

Università degli Studi di Roma Sapienza Master di I livello In PAVIMENTO PELVICO E RIABILITAZIONE I Edizione

Università degli Studi di Roma Sapienza Master di I livello In PAVIMENTO PELVICO E RIABILITAZIONE I Edizione Università degli Studi di Roma Sapienza Master di I livello In PAVIMENTO PELVICO E RIABILITAZIONE I Edizione Direttore del Master: Prof. Fabio GAJ Comitato Scientifico: Dott.ssa Susanna Sodo, Dott.ssa

Dettagli

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015

ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 1 SURVEY: ATTIVITA RICERCA CENTRO STUDI S.I.C.O.A. DAL 2009 AL 2015 ISPIT è partito nel mese di OTTOBRE 2009 concluso nel mese di FEBBRAIO 2010. Sono stati reclutati 1585 PAZIENTI in 67 CENTRI ISPAF è

Dettagli

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria

Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Studi in Psichiatria Gestione e monitoraggio degli studi in Psichiatria Agenda 1 Assistenza psichiatrica in Italia 2 Strumenti di valutazione 3 Aspetti pratici 4 Conclusioni 1 Assistenza psichiatrica in

Dettagli

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015

L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere. Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 L Impegno di Novartis nella Medicina di Genere Delia Colombo Emanuela Zagni Gilberto Bellia Modena, 20 Marzo 2015 IMPEGNO NOVARTIS 2 CONSIDERAZIONI INIZIALI In Italia l impegno nella «terapia farmacologica

Dettagli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli

ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli 1. Introduzione ANGIOMA EPATICO Autori: Prof. A.L. Gaspari, Dott. G.S. Sica, Dott. E. Iaculli Mentre un tempo la valutazione chirurgica degli angiomi epatici era limitata agli interventi in urgenza per

Dettagli

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O.

Il supporto del chirurgo generale. Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Il supporto del chirurgo generale Giovanni Sgroi Direttore Dipartimento Scienze Chirurgiche U.O. Chirurgia Generale 2ª ed Oncologica A.O. Treviglio Rispettando il principio del trattamento guidato dai

Dettagli

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva?

Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Prof. Dr. med. Claudio Marone eoc Ospedale San Giovanni, Schweiz Studio SVATCH: L'autocontrollo della pressione arteriosa migliora la terapia antipertensiva? Keywords: ipertensione, automisurazione della

Dettagli

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi Le varici in gravidanza: gestione della paziente Le varici in gravidanza sono un evenienza tutt altro che rara. Possiamo ritenerle quasi la regola. Poiché oltre il 70% delle donne durante la gravidanza

Dettagli

TEST COAGULATIVI anno 2012

TEST COAGULATIVI anno 2012 17 novembre 2012 1 TEST COAGULATIVI anno 2012 200000 150000 100000 50000 0 savona pietra albenga cairo Presidio esami per DH esami per esterni esami urgenti per interni esami routine per interni INTERNI

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68

EPIDEMIOLOGIA CARDIOPATIA ISCHEMICA 1 CAUSA DI MORTE IN ITALIA 44% DI TUTTI I DECESSI ANNUI TOLGONO OGNI ANNO OLTRE 300.000 NEGLI UOMINI E 68 1 OBIETTIVI RICONOSCERE LE PRINCIPALI PATOLOGIE CARDIOCEREBRO VASCOLARI, CHE RICHIEDONO L ATTIVAZIONE DEL SISTEMA D EMERGENZA CON UN FOCUS PARTICOLARE SU ICTUS ED IMA IDENTIFICARE IL RUOLO DEL SOCCORRITORE

Dettagli

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro

Emicrania e trombofilie. C. Cavestro Emicrania e trombofilie C. Cavestro Perché porsi il problema L emicrania comporta un aumentato rischio di malattie vascolari, in particolare l emicrania con aura 2/3 degli emicranici sono donne, categoria

Dettagli

Disturbi della regione ano-rettale: sono argomenti imbarazzanti per i quali si tende ancora oggi al fai da te. Quando è giusto rivolgersi al medico?

Disturbi della regione ano-rettale: sono argomenti imbarazzanti per i quali si tende ancora oggi al fai da te. Quando è giusto rivolgersi al medico? FAQ COLONPROCTOLOGIA Disturbi della regione ano-rettale: sono argomenti imbarazzanti per i quali si tende ancora oggi al fai da te. Quando è giusto rivolgersi al medico? Sempre! Deve essere sempre formulata

Dettagli

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale

Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Test genetici e trombofilia nel setting della Medicina Generale Prof. Valerio De Stefano Dott. Antonio Oliverio Roma 12 aprile 2014 Dott. Antonio Oliverio MMG Roma 12 aprile 2014 screening indagine sanitaria

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI

CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE. USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI CONTROVERSIE IN TEMA DI MANAGEMENT DEL PAZIENTE CON MRGE USO ed ABUSO dei TEST DIAGNOSTICI G.Minoli Como 28 Aprile 2007 Appropriato uso di GASTROSCOPIA ph METRIA ACG Practice Guidelines: Esophageal Reflux

Dettagli

PROFILASSI DELLE VARICI DEGLI ARTI INFERIORI IN GRAVIDANZA

PROFILASSI DELLE VARICI DEGLI ARTI INFERIORI IN GRAVIDANZA Dott. MAURIZIO CAPPUCCINO Dott. KUNKL E. Dott. GALLICCHIO R. SPECIALISTA IN GHIRURGIA GENERALE UNIVERSITA STATALE DI MILANO SPECIALISTA IN CHIRURGIA PEDIATRICA UNIVERSITA STATALE DI MILANO SPECIALISTA

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza CENNI DI ANATOMIA Il sistema venoso Superficiale Profondo Perforanti DEFINIZIONE

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza

Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Pesaro, 20 Marzo 2015 Sindrome dell intestine irritabile (IBS): Ruolo del farmacista nell inquadramento del paziente ed opzioni terapeutiche di Sua competenza Dott. Andrea Lisotti UOC Gastroenterologia

Dettagli

Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti

Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti Chirurgia delle emorroidi e del prolasso rettale con metodica indolore Dott. Andrea Conti Le emorroidi sono delle strutture anatomiche che si hanno fin dalla nascita: sono dei cuscinetti artero-venosi

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

Appropriatezza nella EGDS Marco Orsello UOA Gastroenterologia AOU Novara Appropriatezza Misura di quanto una scelta o intervento diagnostico o terapeutico siano adeguati rispetto alle esigenze del paziente

Dettagli

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata

DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s: risposta compatibile con la medicina della complessità? Anna Micaela Ciarrapico Università di Roma Tor Vergata DRG s Metodo adeguato di valutazione, valorizzazione e gestione della complessità??

Dettagli

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O.

DISPEPSIA MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. MANIFESTAZIONI CLINICHE E PERCORSO DIAGNOSTICO DOTT. PAOLO MICHETTI DIRETTORE MEDICO S.C. GASTROENTEROLOGIA E.O. OSPEDALI GALLIERA DEFINIZIONE RIPIENEZZA POST-PRANDIALE PRANDIALE CORTEO SINTOMATOLOGICO

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79.

CURRICULUM VITAE. Maturita classica conseguita presso il Liceo Classico di Melito P.S. (RC) nell anno scolastico 1978/79. CURRICULUM VITAE Dottor SERRANO FRANCESCO nato a Melito P.S. (RC) il 09-04-1960 abitante a Siderno M. in via Fiume 64 RC Cell. 348-9041758. e mail: serranofrancesco çyahoo,it Dal 01.10.1999 a tutt oggi,

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

TROMBOFILIA definizione

TROMBOFILIA definizione 17 novembre 2012 1 TROMBOFILIA definizione 2 i difetti trombofilici non sono malattie 3 TROMBOFILIA 4 TROMBOFILIA EREDITARIA 5 TROMBOFILIA ACQUISITA 6 Negli ultimi anni si è osservata una maggior sensibilità

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità

IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità 1 Giornata Nazionale del Gruppo Donna IL PERCORSO DI AMD PER LA MEDICINA DI GENERE: dalle differenze di genere alle pari opportunità Olbia, 16 e 17 marzo 2012 Mercure Olbia Hermaea Il Gruppo Donna di AMD:

Dettagli

Valutazione del controllo della malattia da reflusso gastroesofageo in Medicina Generale attraverso l utilizzo del questionario GERD Impact scale

Valutazione del controllo della malattia da reflusso gastroesofageo in Medicina Generale attraverso l utilizzo del questionario GERD Impact scale Health Search Valutazione del controllo della malattia da reflusso gastroesofageo in Medicina Generale attraverso l utilizzo del questionario GERD Impact scale Enzo Ubaldi, Francesco Innocenti *, Iacopo

Dettagli

IDA DALOISO Data di nascita San Ferdinando di Puglia, 14/12/1964 Dirigente Medico 1 Liv.

IDA DALOISO Data di nascita San Ferdinando di Puglia, 14/12/1964 Dirigente Medico 1 Liv. Nome IDA DALOISO Data di nascita San Ferdinando di Puglia, 14/12/1964 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Dirigente Medico 1 Liv. ASL FOGGIA Num. tel. ufficio 0885-419411-402 Fax dell ufficio 0885-419402

Dettagli

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza DATI ANAGRAFICI Cognome: VEZZA Nome: EDWARD Localita e data di nascita: R.I. (U.S.A.), il 07/10/1962 Residenza e domicilio: Via Pigna Stufa Castello,

Dettagli

INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE

INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE Modulo di Diagnostica Vascolare Azienda Ospedaliera - Universitaria Arcispedale S. Anna CONA - FERRARA - INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE

Dettagli

Candidata: Leny Giuliana De Jesus Jurado Chipana. Relatore: Prof. Saverio Pompili

Candidata: Leny Giuliana De Jesus Jurado Chipana. Relatore: Prof. Saverio Pompili Sapienza Università di Roma Facoltà di Medicina e Odontoiatria Corso di Laurea A in Infermieristica Sede Policlinico Umberto I Roma Presidente: Prof. Alfredo Antonaci Candidata: Leny Giuliana De Jesus

Dettagli

STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease)

STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease) ABSTRACT STUDIO CO.ME.TA M.S.A.D. STUDIO CO.ME.TA. M.S.A.D. (Coprimed Trial Analysis Muscle-Skeletal Apparatus Disease) UTILIZZO DI UN DISPOSITIVO MEDICO COPRIMED-ARIA, COME COMPONENTE TERAPEUTICO NELTRATTAMENTO

Dettagli

Appropriatezza delle indicazioni alla colonscopia in una Unita di Endoscopia Digestiva con accesso diretto

Appropriatezza delle indicazioni alla colonscopia in una Unita di Endoscopia Digestiva con accesso diretto Appropriatezza delle indicazioni alla colonscopia in una Unita di Endoscopia Digestiva con accesso diretto Dr.D.Mazzucco SC Gastroenterologia P.O.Rivoli Aumento esponenziale delle richieste di colonscopie

Dettagli

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione

Diabete. Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina. Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Diabete Malattia metabolica cronica dipendente da una insufficiente produzione di insulina Ridotta disponibilità alterazione della normale azione Epidemiologia Popolazione mondiale affetta intorno al 5%

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND

N. 3/2014. La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND e-news Progetto MOND Update in BPCO N. 3/2014 La variabilità dei sintomi nella BPCO: importanza diagnostica e implicazioni terapeutiche A cura del Board del Progetto MOND La BPCO La broncopneumopatia cronica

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO

TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO Società Triveneta di Chirurgia Padova, 20 febbraio 2015 TRATTAMENTO CHIRURGICO DEL CARCINOMA ESOFAGEO NEL PAZIENTE CIRROTICO Valmasoni M., Pierobon E. S., De Pasqual C. A., Zanchettin G. Capovilla G.,

Dettagli

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde Fiumicino, 19 dicembre 2015 Parte terza Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde www.cos.it/mediter Trombosi venosa profonda Ricerca Dynamed: Deep vein Thrombosis (DVT) Tipi

Dettagli

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto

C A R D I O P A T I A I S C H E M I C A : R I D U R R E I L R I S C H I O. Riassunto Riassunto 1 Introduzione 1.1 Premessa 1.2 Spesa sanitaria e cardiopatia ischemica 1.3 Fattori di rischio coronarico come causa di cardiopatia ischemica 1.3.1 Prospettive future 1.3.2 Nutrizione e malattie

Dettagli

Dimitrios Kontothanassis

Dimitrios Kontothanassis INFORMAZIONI PERSONALI Dimitrios Kontothanassis Via Caldirolo 100, 44123, Ferrara, Italia 0532 757508 338 2464006 direttore@mediclinic.it www.kontothanassis.it Sesso Maschile Data di nascita 18/05/1970

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio

Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio Sincope inspiegata in Pronto Soccorso: stratificazione del rischio S. Liverani, L. Martano, G. Vettore, F. Tosato Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera di Padova Sincope: definizione Perdita di coscienza

Dettagli

Policlinico Umberto I

Policlinico Umberto I La Stroke Unit integrata nel DEA presso il Policlinico Umberto I di Roma Università La Sapienza Policlinico Umberto I DEA - UTN Stroke Unit Gruppo Romano per la Prevenzione e Cura delle Malattie Cerebro-

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Amministrazione Telefono dell Ufficio Fax dell Ufficio E-mail istituzionale DI CAMILLO MAURO msdicamillo@hotmail.com Nazionalità Italiana

Dettagli

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA

Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Osservatorio Epidemiologico Regionale GLI ACCIDENTI CEREBROVASCOLARI IN SARDEGNA Gli accidenti cerebrovascolari sono un rilevante problema di sanità pubblica nel mondo occidentale e meno nei paesi in via

Dettagli

CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI

CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI CURRICULUM VITAE ---- DOTT. STEFANO COLUCCI Il sottoscritto dr. Stefano Colucci, nato a Napoli il 20/02/1963, e residente in Fontana Liri (FR), V.le XXIX Maggio 26, dichiara il seguente curriculum vitae:

Dettagli

LUPUS CLINIC di Firenze

LUPUS CLINIC di Firenze LUPUS CLINIC di Firenze Ambulatorio Day Hospital/ambulatorio terapeutico/week Hospital Sede: Padiglione 13, Clinica medica, 3 piano, AOU Careggi, Largo G. A. Brambilla 3, Firenze Coordinatore infermieristico:

Dettagli

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.

TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A. TERAPIE BIOLOGICHE PER IL TRATTAMENTO DEL MORBO DI CROHN (CD). Studente: Di Savino Augusta Corso di Immunologia Molecolare A.A 2007/2008 LE TERAPIE BIOLOGICHE: possono avere una maggiore efficacia terapeutica;

Dettagli

TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI

TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI TRATTAMENTO MINI INVASIVO CON SCLEROMOUSSE DI VENE VARICOSE DEGLI ARTI INFERIORI Le varici sono dilatazioni a forma di sacco delle vene che spesso assumono andamento tortuoso. Queste rappresentano una

Dettagli

SUBLUSSAZIONE CONGENITA BILATERALE DELLA TM IN SOGGETTO CON SINDROME MASS: DESCRIZIONE DI UN CASO

SUBLUSSAZIONE CONGENITA BILATERALE DELLA TM IN SOGGETTO CON SINDROME MASS: DESCRIZIONE DI UN CASO Riv Chir Mano - Vol. 48 (1) 2011 SUBLUSSAZIONE CONGENITA BILATERALE DELLA TM IN SOGGETTO CON SINDROME MASS: DESCRIZIONE DI UN CASO Scuola di Specializzazione Clinica Ortopedica della Università di Perugia

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO

I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO I PRINCIPALI SINTOMI RIFERITI ALLE MALATTIE DELL APPARATO RESPIRATORIO Descrizione, definizione e richiami anatomici e fisiopatologici www.fisiokinesiterapia.biz Emoftoe o emottisi Si tratta dell emissione

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa

RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA. Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa RAPPORTO ANNUALE SINTETICO SULLA NATIMORTALITA Anno 2013 Area Sistemi di Governance Servizio Epidemiologia Clinica e Valutativa Trento Luglio 2014 A cura di Riccardo Pertile Mariangela Pedron Silvano Piffer

Dettagli

Diploma di Epatologia presso la British Post Graduate Medica Federation di Londra, UK

Diploma di Epatologia presso la British Post Graduate Medica Federation di Londra, UK Maurizio d Aquino Curriculum dell attività clinica organizzativa e scientifica 1978 Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Padova - Titolo

Dettagli

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO

GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E ALTRE FORME DI INTOLLERANZA AL GLUCOSIO DIPARTIMENTO DI MEDICINA DI LABORATORIO GUIDA PER LE PROVE FUNZIONALI E PER LA CLASSIFICAZIONE DEL DIABETE E CODICE: IOP.CPOsan.09 REV 6 del 06/07/10 Pag. 1 di 5 1. SCOPO E APPLICABILITA Scopo di questa

Dettagli

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato

Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Possibili benefici dell uso dell Ambulatory Glucose Profile (AGP) in paziente diabetico tipo 1 complicato Valeria Grancini, Emanuela Orsi Servizio di Diabetologia e Malattie Metaboliche, UO Endocrinologia

Dettagli

Inibitori acquisiti della coagulazione

Inibitori acquisiti della coagulazione Inibitori acquisiti della coagulazione Cristina Legnani UO Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli Policlinico S. Orsola Malpighi, Bologna Bologna, 19 Giugno 2010 Inibitori acquisiti

Dettagli

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale)

a. 10 b. 0 a. 1 b. 1 Base multiplo CFU 1 Specifica CFU _25_/ 25 (almeno 15 e fino a 25 ore per tirocinio e restante per _10_/ 25 studio individuale) Scuola di specializzazione in Oncologia Medica Denominazione (denominazione in inglese) Area Sotto-area (solo per l area dei servizi clinici) Classe Obiettivi formativi e descrizione (da indicare quelli

Dettagli

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC

INFORMAZIONI SULL INSERIMENTO DI PICC E MIDLINE COS E ILPICC REGIONE LAZIO AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE RIETI Via del Terminello 42 02100 RIETI Tel. 0746 2781 Codice Fiscale e Partita IVA 00821180577 UNITA OPERATIVA SEMPLICE DIPARTIMENTALE TERAPIA ANTALGICA Responsabile

Dettagli

ODONTOIATRIA PER DISABILI POLICLINICO DI MODENA

ODONTOIATRIA PER DISABILI POLICLINICO DI MODENA ODONTOIATRIA PER DISABILI POLICLINICO DI MODENA Dipartimento ad Attività Integrata Chirurgie Specialistiche Testa Collo Direttore Dott. L. Presutti Struttura Complessa di Odontoiatria e chirurgia Oro-maxillo

Dettagli

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL DOTT. GIUSEPPE F. BONAVITA. Il Dottor Bonavita Giuseppe Francesco è nato a Siderno (RC) il 15/settembre/1955.

CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL DOTT. GIUSEPPE F. BONAVITA. Il Dottor Bonavita Giuseppe Francesco è nato a Siderno (RC) il 15/settembre/1955. CURRICULUM FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL DOTT. GIUSEPPE F. BONAVITA Il Dottor Bonavita Giuseppe Francesco è nato a Siderno (RC) il 15/settembre/1955. Ha conseguito la Laurea in Medicina e Chirurgia presso

Dettagli

CURRICULUM VITAE FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL DOTT. RENATO CRESCENTI, nato a Messina il 01/07/1964

CURRICULUM VITAE FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL DOTT. RENATO CRESCENTI, nato a Messina il 01/07/1964 CURRICULUM VITAE FORMATIVO E PROFESSIONALE DEL DOTT. RENATO CRESCENTI, nato a Messina il 01/07/1964 INFORMAZIONI PERSONALI Nome: Crescenti Renato Data di nascita: 01/07/1964 Qualifica: Dirigente Medico

Dettagli

LA TERAPIA CON PLASMA-EXCHANGE NELLE POLINEUROPATIE DEMIELINIZZANTI

LA TERAPIA CON PLASMA-EXCHANGE NELLE POLINEUROPATIE DEMIELINIZZANTI Delegazione Regionale del Lazio LA TERAPIA CON PLASMA-EXCHANGE NELLE POLINEUROPATIE DEMIELINIZZANTI REFERENTI DEL PROGETTO Dr.ssa Simonetta Pupella, Dr.ssa Maria Gozzer - Sezione di Aferesi Terapeutica

Dettagli

SIEDP JOURNAL CLUB TIROIDE. Novembre 2011

SIEDP JOURNAL CLUB TIROIDE. Novembre 2011 SIEDP JOURNAL CLUB TIROIDE Novembre 2011 Positive Impact of Long-Term Antithyroid Drug Treatment on the Outcome of Children with Graves Disease: National Long-Term Cohort Study Legér et al. J Clin Endocrinol

Dettagli

Dott. Giuseppe Sorino Medico Chirurgo Specialista in Chirurgia Vascolare

Dott. Giuseppe Sorino Medico Chirurgo Specialista in Chirurgia Vascolare CURRICULUM VITAE Dott. Giuseppe Sorino Medico Chirurgo Specialista in Chirurgia Vascolare INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo SORINO Giuseppe Via Giannone 1 70016Noicattaro (Bari) Telefono 328.62.24.936

Dettagli

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario con il contributo educazionale di indice Indice 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Cos è l angioedema ereditario (AEE)? 4 Come si manifesta? 6 Come viene diagnosticato?

Dettagli

STENOSI DELLE CAROTIDI

STENOSI DELLE CAROTIDI STENOSI DELLE CAROTIDI Quali sono le principali arterie che portano sangue al cervello? Ogni persona ha due carotidi che decorrono nel collo uno a destra ed uno a sinistra; si possono apprezzare le loro

Dettagli

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO

MALATTIE DELL APPARATO URINARIO MALATTIE DELL APPARATO URINARIO Diuresi = quantità di urina emessa nelle 24ore (1500 ml) Sintomi e segni legati all apparato urinario: - Ematuria = sangue nelle urine - piuria = pus nelle urine - oliguria

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Sofia (Sophie) Testa E-mail s.testa@ospedale.cremona.it Nazionalità Italiana-francese Data di nascita Como, 26.10.1961 ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita

N cartella N ricovero Cognome Nome Data di nascita Io sottoscritto/a, DICHIARO di essere stato/a esaurientemente informato/a, dal Dr. riguardo all intervento di: In particolare, mi è stato spiegato che: La gastrostomia percutanea (PEG) è un dispositivo

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

SORDITA IMPROVVISE EZIOLOGIA

SORDITA IMPROVVISE EZIOLOGIA SORDITA IMPROVVISE Il termine sordità improvvisa indica una perdita uditiva ad insorgenza rapida e brusca, in un periodo non superiore alle 12 ore, a carico dell orecchio interno, uni- (85%) o bilaterale.

Dettagli

CALCOLOSI DELLA COLECISTI

CALCOLOSI DELLA COLECISTI UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PERUGIA CLINICA DI GASTROENTEROLOGIA ED EPATOLOGIA Direttore: Prof. Antonio Morelli GASTROENTEROLOGIA ed EPATOLOGIA: CALCOLOSI della COLECISTI e delle VIE BILIARI Dott. Danilo

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Federico LUSSANA. flussana@hpg23.it ESPERIENZA LAVORATIVA

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI. Federico LUSSANA. flussana@hpg23.it ESPERIENZA LAVORATIVA F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Federico LUSSANA E-mail flussana@hpg23.it Data di nascita 10-01-1973 ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da a) Dal 30 luglio 2012 ad oggi U.S.C.

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo

Si certifica che il/la sig/ra nato/a il è affetto/a da Diabete Mellito di Tipo Scheda informativa da compilarsi da parte dello specialista diabetologo DI STRUTTURA PUBBLICA O PRIVATA CONVENZIONATA ( con data non anteriore tre mesi ) Patenti di gruppo 1 Paziente diabetico Si certifica

Dettagli

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita

L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita Focus su... artrosi L artrosi è la patologia più comune nella seconda metà della vita 2 FACCIAMO UN PO DI CHIAREZZA Artrosi (o osteoartrosi) e artrite sono termini spesso considerati sinonimi, ma in realtà

Dettagli

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it

www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Stenosi polmonare www.ecocardiografiaveterinaria.it www.clinicaveterinariagransasso.it Arteria polmonare L arteria polmonare è il vaso sanguigno che porta il sangue dal ventricolo destro ai polmoni dove

Dettagli

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE CORTE DI GIUSTIZIA POPOLARE PER IL DIRITTO ALLA SALUTE III CONGRESSO NAZIONALE IL DIRITTO ALLA SALUTE: UN DIRITTO INALIENABILE CRITICITA A CONFRONTO COMMISSIONE TECNICA NAZIONALE DIPARTIMENTO OSTEOARTICOLARE

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001 EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA P.F. Tropeano Pronto soccorso e Medicina d Urgenza Azienda Ospedaliera S.M. degli Angeli Pordenone PORDENONE, 20 Aprile 2001

Dettagli

INTERVENTO CHIRURGICO PER IL TRATTAMENTO DI RAGADE ANALE

INTERVENTO CHIRURGICO PER IL TRATTAMENTO DI RAGADE ANALE CHIRURGIA PROCTOLOGICA Direttore Dr. R.D. Villani INTERVENTO CHIRURGICO PER IL TRATTAMENTO DI RAGADE ANALE Si prega di leggere il foglio informativo prima del colloquio con il medico! Gentile paziente,

Dettagli

Trattamento delle patologie venose degli arti inferiori.

Trattamento delle patologie venose degli arti inferiori. La pratica sportiva e gli aspetti preventivi e terapeutici delle acque termali Viterbo 29-30 giugno 2012 Trattamento delle patologie venose degli arti inferiori. Enrico Giuliani RISORSE TERMALI TERAPEUTICHE

Dettagli

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi

Stefano Burlizzi. Unità Operativa di Ginecologia Ospedale A. Perrino Brindisi Riv. It. Ost. Gin. - 2007 - Vol. 14 - Organizzazione di una Breast Unit: L esempio della Campania S. Burlizzi pag. 660 Organizzazione di una breast unit: l esempio della Campania Stefano Burlizzi Unità

Dettagli

L IMAGING DELLE VIE BILIARI. Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006

L IMAGING DELLE VIE BILIARI. Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006 L IMAGING DELLE VIE BILIARI Barbara Omazzi UO Gastroenterologia Azienda Ospedaliera G.Salvini Rho Corso aggiornamento MMG 11 Novembre 2006 Imaging vie biliari 1900 1970 : Rx,Laparotomia 1970 : PTC, ERCP

Dettagli

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA

DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA Convegno Nazionale Società Italiana di Chirurgia Ginecologica Endometriosi: patologia, clinica ed impatto sociale Sabato 8 Marzo 2014 - Bergamo ENDOMETRIOSI DOLORE PSICHE E QUALITA DI VITA A. Signorelli

Dettagli

La diverticolite: aspetti patogenetici, diagnosi e terapia

La diverticolite: aspetti patogenetici, diagnosi e terapia La diverticolite: aspetti patogenetici, diagnosi e terapia a cura di Renato Caviglia, MD, PhD Introduzione La diverticolite, complicanza frequente della diverticolosi (Fig. 1), è una condizione relativamente

Dettagli