Il D-dimero nella pratica di laboratorio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il D-dimero nella pratica di laboratorio"

Transcript

1 Il D-dimero nella pratica di laboratorio Armando Tripodi Centro Angelo Bianchi Bonomi per l Emofilia e la Trombosi, Dipartimento di Medicina Interna, IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico e Università degli Studi di Milano, Milano ABSTRACT D-Dimer is a reliable and sensitive index of fibrin deposition and stabilization. As such, its presence in plasma should be indicative of thrombus formation. There are many conditions unrelated to thrombosis in which D-dimer concentrations are high, however, making its positive predictive value rather poor. Notwithstanding these limitations, D-dimer can be regarded as a most valuable laboratory tool to diagnose and manage a vast array of thrombosisrelated clinical conditions, including (a) diagnosis of venous thromboembolism (VTE), (b) identification of individuals at increased risk of first thrombotic event (both arterial and venous), (c) identification of individuals at increased risk of recurrent VTE, (d) establishment of the optimal duration of secondary prophylaxis after a first episode of VTE, (e) pregnancy monitoring, and (f) diagnosis/monitoring of disseminated intravascular coagulation (DIC). This article is aimed at reviewing the merits and pitfalls of these applications. From my analysis of the literature, I draw the following conclusions: (a) D-dimer, as measured by a sensitive test, can be safely used to exclude VTE in symptomatic outpatients, provided that it is used in combination with the pretest clinical probability; (b) high concentrations of D- dimer are associated with an increased risk of recurrent VTE; (c) patients who present with D-dimer above cut-off after stopping the regular course of oral anticoagulation benefit from extended prophylaxis; (d) finally, D-dimer can be used as a fibrin-related degradation marker for the diagnosis/management of patients with DIC. Il D-dimero è il prodotto specifico della degradazione del coagulo di fibrina e deriva dall azione combinata di tre enzimi: a) la trombina, che si genera dall attivazione della coagulazione e che converte il fibrinogeno in fibrina, b) il fattore XIII attivato che stabilizza il coagulo di fibrina mediante dei legami covalenti fra i monomeri di fibrina e c) la plasmina, l enzima finale della fibrinolisi, che degrada la fibrina stabilizzata (-3). Gli anticorpi monoclonali (MoAb) specifici per i neo-epitopi presenti sui frammenti generati dalla fibrina stabilizzata (il D- dimero) reagiscono con questo frammento, ma non con i frammenti generati dal fibrinogeno o dalla fibrina nonstabilizzata, assicurando, pertanto, al D-dimero una elevata specificità come parametro di fibrino-formazione e stabilizzazione (4). Negli ultimi anni sono stati sviluppati molti metodi per la misura del D-dimero, che si possono suddividere in tre grandi categorie: a) metodi ELISA, che sono quantitativi, dotati di alta sensibilità diagnostica, ma necessitano di tempi di esecuzione piuttosto lunghi, b) metodi immunochimici, che sfruttano particelle di lattice rivestite da MoAb diretti contro il D- dimero (5), che sono per lo più metodi manuali, il cui risultato si basa su una ispezione visiva e, pertanto, sono semiquantitativi e meno sensibili rispetto ai metodi ELISA (6), ma molto più rapidi, e c) metodi al lattice, come i precedenti ma automatizzabili, che sfruttano una lettura immunoturbidimetrica (7). Si tratta di metodi quantitativi, la cui sensibilità è pari (e in taluni casi superiore) a quella dei metodi ELISA, ma sono molto più rapidi e si possono eseguire su un comune coagulometro. In questi ultimi metodi, particelle di lattice rivestite con MoAb contro il D-dimero sono mescolate al campione di plasma da testare. In assenza di D-dimero, le particelle restano in sospensione come singole entità, dando origine a una elevata lettura turbidimetrica; viceversa, in presenza di D-dimero, le particelle di lattice agglutinano le une alle altre, la sospensione si chiarifica e questo si traduce in una riduzione della lettura turbidimetrica, che sarà proporzionale alla concentrazione del D-dimero nel campione in esame. Le concentrazione plasmatiche di D-dimero possono essere aumentate in tutte le condizioni cliniche elencate nella Tabella. La loro misura può essere di valido aiuto per la diagnosi e la gestione di molte condizioni trombotiche, quali la coagulazione intravascolare disseminata (CID), il tromboembolismo venoso (TEV), la cardiopatia ischemica, lo stroke e la terapia trombolitica. Però, come si vede dalla Tabella, elevati livelli di D-dimero si possono anche trovare in molte condizioni cliniche non trombotiche. Pertanto, l aumento della concentrazione plasmatica del D-dimero non è necessariamente indice di trombosi. Nonostante queste *Questo articolo è stato tradotto con il permesso dell American Association for Clinical Chemistry (AACC). AACC non è responsabile della correttezza della traduzione. Le opinioni presentate sono esclusivamente quelle degli Autori e non necessariamente quelle dell AACC o di Clinical Chemistry. Tradotto da Clin Chem 20;57: dallo stesso Autore su permesso dell Editore. Copyright originale 20 American Association for Clinical Chemistry, Inc. In caso di citazione dell articolo, riferirsi alla pubblicazione originale in Clinical Chemistry. biochimica clinica, 202, vol. 36, n. 3 96

2 Tabella Condizioni caratterizzate da aumentate concentrazioni di D-dimero Età avanzata Periodo neonatale Gravidanza Ospedalizzazione Disabilità Infezioni Tumori Chirurgia recente Traumi, ustioni Coagulazione intravascolare disseminata Tromboembolismo venoso Cardiopatia ischemica Ictus Arteriopatia periferica Aneurismi Insufficienza cardiaca congestizia Emolisi (anemia falciforme) Emorragie Sindrome acuta respiratoria Epatopatie e malattie renali Malattie infiammatorie intestinali Terapia trombolitica Dissezione aortica limitazioni, la misura del D-dimero è stata proposta nel corso degli anni come un parametro potenzialmente utile in numerose condizioni, quali: a) la diagnosi di TEV, b) l identificazione dei soggetti a rischio di eventi trombotici venosi o arteriosi, c) l identificazione di soggetti a rischio di recidiva di TEV, d) stabilire la durata ottimale della profilassi antitrombotica dopo un primo evento di TEV, e) il monitoraggio della gravidanza e f) diagnosi e monitoraggio della CID. In questo articolo saranno discussi gli aspetti principali e i limiti di queste applicazioni. DIAGNOSI DI TEV Poiché la diagnosi di trombosi venosa profonda (TVP), basata su criteri clinici, è piuttosto inaffidabile, l ultrasonografia per compressione (di seguito identificata come test per immagini) è diventata nel corso degli anni l esame diagnostico di scelta, soprattutto per le trombosi prossimali (8-0). Più recentemente, anche la misura del D-dimero si è caratterizzata come un utile strumento di laboratorio per la diagnosi del TEV e questo a ragione del suo elevato valore predittivo negativo, quando usata in combinazione con la probabilità clinica pre-test. La potenziale utilità del D-dimero è stata in un primo tempo proposta e studiata per l embolia polmonare (EP) da Bounameaux et al. (), i quali dimostrarono che i pazienti con EP avevano livelli di D- dimero significativamente aumentati rispetto a quelli senza EP (Figura ). Tuttavia, le concentrazioni di D- dimero nei pazienti con e senza EP erano in buona parte sovrapponibili e questo aveva indotto a concludere che la misura di questo parametro fosse di per se insufficiente per confermare la diagnosi di EP. Gli autori, però, ebbero un importante intuizione. Come si può notare dalla Figura, se i risultati sono interpretati in base a un valore di cut-off (nel caso specifico corrispondente a 500 µg/l), pochi pazienti con EP (nel caso specifico solo uno) avevano concentrazioni di D- dimero al di sotto di quel valore. Questo dato indusse a ipotizzare che la misura del D-dimero, sebbene non Figura Concentrazioni di D-dimero nel plasma di pazienti con e senza embolia polmonare. La linea orizzontale rappresenta il valore di cut-off. La figura è riprodotta da Bounameaux et al. () con il permesso dell editore. molto utile per confermare la diagnosi di EP, era al contrario molto utile per la sua esclusione (). Questa semplice osservazione, successivamente estesa con successo anche alla diagnosi di TVP (2), permise di formulare il nuovo concetto che vede l aumento del D- dimero nel plasma come un indice affidabile di deposizione di fibrina, poco specifico per la trombosi, ma con alto valore predittivo negativo. Come dire che, sebbene livelli elevati di D-dimero non consentano di confermare la diagnosi di TEV, livelli non aumentati, consentono di escluderla con ragionevole certezza. Livelli decisionali In considerazione di quanto discusso precedentemente, per l utilizzo del D-dimero bisogna considerare almeno due tipi di livello decisionale. Il primo è rappresentato dal limite superiore di riferimento, definito come il 95 percentile della distribuzione dei risultati ottenuti in un gruppo di soggetti sani. Tale livello decisionale è utilizzato per interpretare il D-dimero quando è impiegato nella diagnostica e monitoraggio biochimica clinica, 202, vol. 36, n. 3 97

3 CLINICAL CHEMISTRY HIGHLIGHTS della CID e condizioni cliniche affini. Il secondo livello decisionale viene stabilito mediante studi clinici eseguiti su pazienti con sospetto clinico di TEV, nei quali tale diagnosi è confermata o esclusa in maniera obbiettiva mediante diagnostica per immagini. I livelli di cut-off ottimali sono quelli che forniscono la migliore sensibilità diagnostica, ovvero un alto valore predittivo negativo, per il TEV (vedi Figura ). Solo questo secondo cut-off deve essere usato per escludere la diagnosi di TEV. Molto spesso i due livelli decisionali differiscono significativamente anche usando lo stesso metodo. Strategie diagnostiche Come precedentemente ricordato, esistono molte condizioni cliniche nelle quali le concentrazioni plasmatiche di D-dimero sono elevate, per meccanismi non ancora interamente chiariti, anche in assenza di trombosi (chirurgia recente, tumori, gravidanza, ospedalizzazione, ecc.). I livelli elevati associati a tali condizioni sono da considerarsi come falsi positivi relativamente alla trombosi. Al contrario, esistono condizioni nelle quali le concentrazioni di D-dimero sono inferiori al cut-off, nonostante ci sia una trombosi in atto. Questi falsi negativi si spiegano in vari modi: scarsa sensibilità del metodo di misura, inaccuratezza nella determinazione del cut-off, ipofibrinolisi, sintomi di TEV riconducibili a 7-4 giorni prima della misura e trattamento antitrombotico in atto al momento della misura. Tutto questo causa una relativamente bassa specificità diagnostica del D-dimero per il TEV e, nel tentativo di migliorarla, sono state proposte nel corso degli anni numerose strategie diagnostiche (3). Una di queste prevede la determinazione del D-dimero come unico criterio diagnostico e la conseguente esclusione del TEV se il suo valore è inferiore al cut-off. Secondo questa strategia, solo i pazienti con valore di D-dimero superiori al cut-off sono sospetti per TEV e, quindi, da studiare con test per immagini. Questa strategia è potenzialmente pericolosa, perché alcuni pazienti con TEV potrebbero essere non diagnosticati e, quindi, sarebbero esclusi dal trattamento antitrombotico. Un altra possibile strategia si basa sulla determinazione del D-dimero dopo un test per immagini che abbia dato esito negativo per TEV. Questo approccio è diretto al follow-up del paziente con possibile trombosi distale (polpaccio) isolata, non facilmente diagnosticabile con test per immagini, ma con D-dimero superiore al cutoff, che potrebbe evolvere a trombosi prossimale nei giorni successivi all osservazione. Sebbene questa strategia possa avere un suo razionale, richiede, tuttavia, un elevato numero di test per immagini ed è, pertanto, scarsamente remunerativa dal punto di vista del rapporto costo/beneficio. Una terza strategia si basa sulla determinazione del D-dimero in combinazione con la probabilità clinica pretest di TEV (3). La probabilità clinica di TEV è definita da un punteggio che include la presenza di segni clinici, fattori di rischio e sintomi di TVP o EP e diagnosi alternative (Tabella 2). Punteggi relativamente alti indicano un alta probabilità di TEV e viceversa. Questa strategia diagnostica è, al momento, la più usata per l esclusione di TVP ed EP nei centri per la trombosi; la Figura 2 ne illustra il funzionamento. L algoritmo diagnostico è applicato ai pazienti ambulatoriali, che Tabella 2 Punteggio relativo alla probabilità clinica pre-test di tromboembolismo venoso (TEV). Modificata da rif. 3. Trombosi venosa profonda Embolia polmonare (EP) Segni clinici o sintomi Punteggio a Segni clinici o sintomi Punteggio b Neoplasia Segni clinici e sintomi di trombosi venosa profonda 3 Paralisi o recente immobilizzazione (gesso) degli arti inferiori EP probabile o più probabile rispetto a una diagnosi alternativa 3 Allettamento (>3 giorni) o chirurgia maggiore recente Battito cardiaco >00 bpm,5 Dolorabilità lungo il decorso del sistema venoso profondo Precedente immobilizzazione o chirurgia (entro 4 settimane),5 Gonfiore dell arto Precedente trombosi venosa profonda o EP,5 Gonfiore del polpaccio Emottisi Edema improntabile (arto sintomatico) Neoplasia Circolo collaterale Precedente TEV Diagnosi alternative a Probabilità di trombosi venosa profonda: <, bassa; 2, moderata; >2, alta. b Probabilità di EP: <2, bassa; 2 6, moderata; >6, alta biochimica clinica, 202, vol. 36, n. 3

4 Diagnosis of venous thromboembolism (VTE) Combination of clinical probability and D-dimer Figura 2 Algoritmo per la diagnosi di tromboembolismo venoso mediante l uso del D-dimero combinato con la probabilità clinica pre-test. Questo algoritmo può essere applicato ai pazienti ambulatoriali con sintomi clinici di tromboembolismo venoso. presentino sintomi clinici di TVP, per i quali viene determinata la probabilità clinica e viene contestualmente misurato il D-dimero. Se il valore di D-dimero è inferiore al cut-off e la probabilità clinica pre-test è bassa, la TVP può essere esclusa con una affidabilità prossima al 00%. Se, al contrario, i livelli di D-dimero sono inferiori al cut-off, ma la probabilità clinica pre-test è alta, nessuna decisione può essere presa e il paziente deve necessariamente essere studiato con test per immagini. Infine, per valori di D-dimero superiori al cut-off sono necessari ulteriori accertamenti con test per immagini per confermare/escludere la TVP, indipendentemente dalla probabilità clinica pre-test. Un algoritmo simile, con probabilità clinica pre-test per EP (Tabella 2) può essere usato anche per questa condizione. La strategia diagnostica di cui sopra è stata valutata in studi prospettici, che ne hanno dimostrato un efficacia molto alta per l esclusione di TEV. In particolare, Van Belle et al. (4), studiando più di pazienti con sospetto TEV, hanno dimostrato come la combinazione di una bassa probabilità clinica pre-test con livelli di D-dimero inferiori al cut-off del metodo consenta di escludere con elevata certezza la diagnosi di TEV, avendo solo uno 0,5% di incidenza di TEV nei successivi 3 mesi. Le concentrazioni di D-dimero sono di solito aumentate nei pazienti neoplastici. Quindi, non è chiaro se in questi pazienti la misura del D-dimero sia efficace per la diagnosi di TEV. In generale, in questa condizione la sensibilità diagnostica è buona (5) e su questa base l esame potrebbe essere usato per escludere il TEV. Tuttavia, essendo la sua specificità assai ridotta, il suo uso potrebbe essere gravato da un numero elevato di test per immagini. Scelta del metodo Poiché esistono molti metodi per la misura del D- dimero, la scelta del metodo più appropriato è cruciale e Tabella 3 Considerazioni utili per la scelta del metodo per il D-dimero Cut-off determinato mediante studi clinici ad hoc Alta sensibilità diagnostica per il tromboembolismo venoso (alto valore predittivo negativo) Specificità diagnostica accettabile Facilità e rapidità di esecuzione (risultati disponibili entro 30 min) Buona riproducibilità a valori vicini al cut-off Risultati quantitativi richiede le seguenti considerazioni (Tabella 3). Innanzitutto, il metodo deve avere un valore di cut-off determinato mediante studi clinic ad hoc, seguiti da studi di validazione della sua efficacia. I metodi venduti nel mercato nord americano per l esclusione del TEV sono esaminati e approvati per l uso dalla US Food and Drug Administration. Ciò comporta l esame da parte di una apposita commissione dei risultati degli studi clinici, eseguiti mediante specifico protocollo. E importante notare come metodi diversi possano generare cut-off diversi. Pertanto, i cut-off non possono essere generalizzati, perché la standardizzazione fra metodi per il D-dimero non è ancora realizzata (6-8). La seconda considerazione riguarda la sensibilità diagnostica, che dovrebbe essere vicina al 00%. Anche se la specificità non è una caratteristica di fondamentale importanza, essa non deve essere molto bassa per evitare l esecuzione di troppi test per immagini. Altre considerazioni importanti per la scelta del metodo sono la sua semplicità e rapidità di esecuzione e la buona riproducibilità, specialmente a valori di D-dimero vicini al cut-off. Infine, il metodo deve produrre risultati quantitativi; alte concentrazioni di D-dimero sono state, infatti, associate con la gravità dell EP e sembrano buoni predittori di eventi avversi (9). Di Nisio et al. (20) hanno biochimica clinica, 202, vol. 36, n. 3 99

5 CLINICAL CHEMISTRY HIGHLIGHTS condotto un eccellente studio, nel quale hanno paragonato la sensibilità e specificità diagnostica nella diagnosi del TEV di diversi metodi per la misura del D- dimero. Lo studio ha dimostrato che i metodi in ELISA (su micro-piastra e in fluorescenza) e i metodi quantitativi basati sul lattice rivestito da MoAb anti-ddimero possiedono una migliore sensibilità se paragonati ai metodi al lattice semi-quantitativi, sia per la TVP sia per l EP. Messaggi principali La misura del D-dimero non dovrebbe essere usata come solo presidio diagnostico per escludere o confermare la diagnosi di TEV. Al contrario, il D-dimero, quando misurato con metodi sensibili e in combinazione con la probabilità clinica pre-test, consente di escludere con elevata certezza la diagnosi di TEV in pazienti ambulatoriali sintomatici. Tuttavia, è bene ricordare come la misura del D-dimero possa dare origine a falsi negativi (concentrazioni inferiori al cut-off in presenza di TEV) nelle seguenti condizioni (Tabella 4): a) pazienti con sintomi di TEV che risalgono a più di 4 giorni prima; il D-dimero in questi casi potrebbe essere negativo perché i trombi più vecchi e già organizzati sono più resistenti all azione digestiva della fibrinolisi endogena; b) pazienti con ipofibrinolisi; c) pazienti con sospetta TEV, che hanno già ricevuto una terapia antitrombotica con eparine e/o anticoagulanti orali; questi farmaci, a ragione del loro effetto, possono ridurre significativamente la produzione di D-dimero. Infine, la misura del D-dimero, in combinazione con la probabilità clinica pre-test, dovrebbe essere usata con cautela nei soggetti anziani, in quelli ospedalizzati e nei pazienti con TEV recidivanti (Tabella 4). In tutte queste condizioni, sebbene il D-dimero possa essere usato per escludere la diagnosi di TEV, la sua bassa specificità si traduce inevitabilmente nella necessità di eseguire un maggior numero di test per immagini. IDENTIFICAZIONE DI SOGGETTI AD AUMENTATO RISCHIO DI MALATTIA CORONARICA Numerosi studi prospettici hanno valutato la predittività di marcatori plasmatici emostatici per la malattia coronarica (per una rassegna sull argomento si veda il rif. 2). I risultati di tali studi indicano che il rischio relativo più alto è attribuibile a elevate concentrazioni di fibrinogeno (rischio relativo di,8), mentre il D-dimero si classifica in seconda posizione (rischio relativo di,7). Queste stime provengono, però, da studi di popolazione e non è affatto certo che gli stessi rischi relativi siano applicabili al singolo paziente. IDENTIFICAZIONE DI SOGGETTI AD AUMENTATO RISCHIO DI PRIMO EVENTO DI TEV L associazione fra elevate concentrazioni Tabella 4 Limiti nell uso del D-dimero per la diagnosi di tromboembolismo venoso (TEV ) Il D-dimero non può essere usato con sicurezza nelle seguenti situazioni: - pazienti con sintomi di TEV risalenti a più di 4 giorni dal momento della misura - pazienti con ipofibrinolisi - pazienti con sospetto TEV, che abbiano già iniziato la terapia con eparina e/o anticoagulanti orali Il D-dimero dovrebbe essere usato con cautela nelle seguenti situazioni: - pazienti con TEV recidivante - pazienti anziani - pazienti ospedalizzati plasmatiche di marcatori emostatici e il rischio di TEV è stata valutata da numerosi studi caso-controllo (per una rassegna sull argomento si veda il rif. 2). Il rischio relativo più alto è stato registrato per gli elevati livelli di fattore VIII ed è pari a 3,0. Il rischio relativo imputabile a elevate concentrazioni di D-dimero è anche più alto e ammonta a 3,8. Tuttavia, poiché questi rischi relativi sono stati stimati in studi caso-controllo, è possibile che studi prospettici, più idonei per tali stime, forniscano risultati diversi. Cushman et al. (22) hanno affrontato questo problema in due studi prospettici, nei quali hanno valutato la relazione fra elevati valori di D-dimero e rischio futuro di TEV in circa soggetti americani sani. Il D-dimero risultava fortemente correlato con il rischio futuro di TEV e tale rischio aumentava con l aumento della sua concentrazione misurata all arruolamento dei soggetti allo studio, tanto che quelli appartenenti all ultimo quintile della distribuzione dei valori avevano un rischio relativo, dopo correzione per altre variabili confondenti, 3,0 volte più alto rispetto a quelli del primo quintile della distribuzione, presi come riferimento. IDENTIFICAZIONE DI SOGGETTI AD AUMENTATO RISCHIO DI RECIDIVA PER TEV Palareti et al. (23) sono stati fra i primi a studiare il rischio di recidiva per TEV mediante uno studio prospettico su pazienti dopo un primo evento di TEV non provocata; i loro risultati hanno indicato come la misura del D-dimero, dopo la sospensione della terapia anticoagulante, abbia un alto valore predittivo negativo per il rischio di recidiva di TEV. La probabilità di recidiva durante il follow up era significativamente più alta nei pazienti che alla sospensione della terapia anticoagulante avevano un livello di D-dimero superiore al cut-off rispetto a quelli con D-dimero inferiore al cutoff. Il rischio relativo era 2,5, con intervallo di confidenza molto stretto. Verhovsek et al. (24) hanno condotto una rassegna sistematica di studi sul D-dimero come predittore di rischio di recidiva, dopo sospensione della terapia anticoagulante, nei pazienti con primo evento di TEV non provocato. La rassegna, che ha preso 200 biochimica clinica, 202, vol. 36, n. 3

6 in considerazione quasi 2000 pazienti con un follow up medio di due anni, ha dimostrato che il rischio annuo di recidiva era di 3,5% nei pazienti con D-dimero all arruolamento inferiore al cut-off, mentre tale rischio diventava del 9% per i pazienti che all arruolamento avevano concentrazioni di D-dimero superiori al cut-off. Queste osservazioni hanno spianato la strada a ulteriori studi volti a determinare l utilità clinica del D-dimero nello stabilire la durata ottimale della profilassi anticoagulante secondaria dopo un primo evento di TEV non provocato. E questa una decisione molto importante nel trattamento del paziente con TEV, che fino a tempi recenti è stata presa solo sulla base di criteri clinici. Palareti et al. (25) hanno ipotizzato che l uso del D-dimero potesse essere utile anche in questo contesto. Lo studio di questi autori ha preso in considerazione pazienti con un primo episodio di TEV non provocato, che avevano completato un ciclo regolare di profilassi secondaria per almeno tre mesi. I livelli di D-dimero erano misurati dopo un mese dalla sospensione del trattamento. I pazienti con livelli inferiori al cut-off sospendevano la terapia, mentre quelli con valori superiori al cut-off erano randomizzati a sospendere o a proseguire l anticoagulazione. Tutti i pazienti erano, quindi, seguiti per un periodo di 8 mesi per registrare eventuali recidive di TEV. L incidenza cumulativa di eventi è stata di eventi per 00 pazienti-anno nel gruppo di pazienti con D-dimero superiore al cut-off, che non assumeva anticoagulanti, e solo di 2 eventi per 00 pazienti-anno per quelli che avevano il D-dimero superiore al cut-off e avevano ripreso l anticoagulazione. La differenza era statisticamente significativa e corrispondeva a un rischio relativo di recidiva pari a 4,3, con intervallo di confidenza relativamente stretto. Messaggi importanti Concentrazioni elevate di D-dimero sono associate a un aumentato rischio di recidiva per TEV. Inoltre, i pazienti che, dopo la sospensione del loro ciclo di terapia anticoagulante, hanno valori di D-dimero superiori al cutoff si giovano di un estensione della profilassi antitrombotica. GRAVIDANZA E noto come la concentrazione del D-dimero sia aumentata nella donna gravida rispetto alla non gravida. Inoltre, la concentrazione del D-dimero aumenta progressivamente nei tre trimestri della gravidanza (26, 27). Nel puerperio tende a diminuire, pur mantenendosi a livelli piuttosto elevati fino a un mese dopo il parto (26, 27). Questi aumenti del D-dimero sono spiegabili con lo stato di ipercoagulabilità tipico della gravidanza e del puerperio. Messaggi importanti L implicazione pratica delle osservazioni di cui sopra è che il D-dimero non dovrebbe essere usato per escludere il TEV in corso di gravidanza e nel puerperio, a meno di conoscere i livelli di cut-off appropriati per queste condizioni. Tali cut-off sono, però, di difficile determinazione e quand anche lo fossero, mancherebbero gli elementi per stabilire la probabilità clinica pre-test nella donna gravida. In generale, si può dire che, seppur il D-dimero in gravidanza presenti una sensibilità diagnostica per l esclusione del TEV accettabile (28), a causa della sua relativamente bassa specificità, l esame non è efficace dal punto di vista dei costi, perché comporterebbe un elevato numero di test per immagini da eseguire a seguito della positività del D- dimero. Almeno teoricamente, il D-dimero potrebbe essere utile come parametro per predire le complicanze non-trombotiche della gravidanza, ma per questo utilizzo manca ancora l evidenza clinica da studi prospettici. DIAGNOSI E MONITORAGGIO DELLA CID La CID è una sindrome complessa, secondaria a numerose condizioni cliniche, che portano all attivazione massiva della coagulazione e della fibrinolisi e a conseguente coagulopatia da consumo (29). Sebbene il corretto approccio alla CID comporti un trattamento aggressivo della condizione clinica scatenante, il laboratorio può, per alcuni aspetti, avere un ruolo importante. Nel 200, un sottocomitato della International Society on Thrombosis and Haemostasis (ISTH) mise a punto i criteri clinici e di laboratorio per la CID basati su un sistema di punteggio (30). Il sistema ISTH richiede, come prima cosa, di rispondere al quesito se il paziente oggetto dell indagine è affetto o meno da una condizione clinica che può causare CID. In caso di risposta affermativa, si richiede l esecuzione delle seguenti indagini: conteggio delle piastrine, tempo di protrombina, dosaggio del fibrinogeno e dei prodotti di degradazione della fibrina (monomeri solubili della fibrina, prodotti di degradazione della fibrina o D- dimero). Sulla base di questi risultati viene poi calcolato un punteggio, sul quale i livelli dei prodotti di degradazione della fibrina incidono in maniera considerevole: se questi parametri sono moderatamene o fortemente elevati, il loro punteggio è infatti di 2 o 3; la piastrinopenia contribuisce al punteggio da 0 a 2, in base alla sua gravità; al tempo di protrombina viene assegnato un punteggio da 0 a 2 in base all entità del prolungamento del tempo oltre il limite superiore di riferimento; infine, il punteggio per il fibrinogeno varia da a 2 sulla base dell entità della riduzione della sua concentrazione plasmatica. Un punteggio totale di 5 o più è compatibile con una CID conclamata e gli esami di laboratorio e il relativo punteggio devono essere ripetuti giornalmente per monitorare l evoluzione della sindrome. Un punteggio totale <5 suggerisce (ma non conferma) una CID non conclamata e gli esami e il relativo punteggio devono essere ripetuti nei succesivi -2 giorni. Un altro sistema di punteggio, che differisce per alcuni aspetti da quello ISTH, è stato proposto dal Ministero della Salute giapponese (3). Gli esami di laboratorio proposti nei due sistemi sono essenzialmente gli stessi, biochimica clinica, 202, vol. 36, n. 3 20

7 CLINICAL CHEMISTRY HIGHLIGHTS ma nel sistema giapponese sono introdotti alcuni criteri clinici, quali la presenza di sanguinamento e il deficit di organo. Wada et al. (32) hanno paragonato il sistema giapponese a quello ISTH, valutando i risultati in più di 200 pazienti con sospetta CID. Un accordo fra i due sistemi era rilevato nel 67% dei casi (32). Messaggi principali Sebbene il criterio giapponese e quello ISTH non menzionino in maniera specifica la misurazione del D- dimero per la valutazione della CID, questo esame è universalmente usato come indicatore della degradazione della fibrina in questa condizione. Le ragioni di questo successo sono da ricercare nel fatto che il D-dimero, rispetto ad altri test (monomeri solubili e prodotti totali di degradazione della fibrina) è molto più semplice e veloce da eseguire. Tuttavia, è doveroso ricordare che il suo preciso ruolo nella diagnostica e nel monitoraggio della CID non è ancora del tutto chiarito e ulteriori ricerche sono necessarie per stabilire se esso può sostituire, in tutto o in parte, la misura degli altri prodotti di degradazione della fibrina nella valutazione di questa condizione clinica. ALTRI USI DEL D-DIMERO Sebbene elevate concentrazioni di D-dimero siano state riscontrate in pazienti con aneurisma aortico addominale, l evidenza che questa misura possa essere utile nella diagnosi e nel trattamento di questa condizione è tuttora dibattuta. Una recente metaanalisi conclude che il riscontro di elevate concentrazioni di D-dimero e fibrinogeno, che si rilevano in questi pazienti, potranno difficilmente sostituire le più costose procedure diagnostiche ultrasonografiche, come strumento diagnostico di primo livello (33). Forse questi esami di laboratorio potrebbero essere utili per valutare l evoluzione della condizione clinica dopo la diagnosi. NOTE CONCLUSIVE Il D-dimero è un indice sensibile e affidabile di deposizione di fibrina e della sua successiva stabilizzazione a opera del fattore XIII attivato. Come tale, e unitamente al fatto che esso possiede un emivita molto breve, elevate concentrazioni plasmatiche di questo marcatore possono rappresentare un indice di formazione di trombi. Tuttavia, esistono molte condizioni non-trombotiche nelle quali il D-dimero plasmatico è elevato e, di conseguenza, il suo valore predittivo positivo per la trombosi è alquanto scarso. Nonostante tali limitazioni, il D-dimero può essere, a buona ragione, considerato uno dei più importanti parametri coagulativi, il cui uso oculato può risultare di valido aiuto nella diagnosi e nella gestione di un ampio numero di patologie trombotiche. BIBLIOGRAFIA. Medved L, Nieuwenhuizen W. Molecular mechanisms of initiation of fibrinolysis by fibrin. Thromb Haemost 2003;89: Gaffney PJ. Distinction between fibrinogen and fibrin degradation products in plasma. Clin Chim Acta 975;65: Gaffney PJ. Fibrin degradation products: a review of structures found in vitro and in vivo. Ann N Y Acad Sci 200;936: Rylatt DB, Blake AS, Cottis LE, Massingham DA, et al. An immunoassay for human D dimer using monoclonal antibodies. Thromb Res 983;3: Greenberg CS, Devine DV, McCrae KM. Measurement of plasma fibrin D-dimer levels with the use of a monoclonal antibody coupled to latex beads. Am J Clin Pathol 987;87: Elms MJ, Bunce IH, Bundesen PG, et al. Rapid detection of cross-linked fibrin degradation products in plasma using monoclonal antibody-coated latex particles. Am J Clin Pathol 986;85: Froehling DA, Daniels PR, Swensen SJ, et al. Evaluation of a quantitative D-dimer latex immunoassay for acute pulmonary embolism diagnosed by computed tomographic angiography. Mayo Clin Proc 2007;82: Lensing AW, Prandoni P, Brandjes D, et al. Detection of deep-vein thrombosis by real-time B-mode ultrasonography. N Engl J Med 989;320: Cogo A, Lensing AW, Koopman MM, et al. Compression ultrasonography for diagnostic management of patients with clinically suspected deep vein thrombosis: prospective cohort study. Br Med J 998;36: Heijboer H, Büller HR, Lensing AW, et al. A comparison of real-time compression ultrasonography with impedance plethysmography for the diagnosis of deep-vein thrombosis in symptomatic outpatients. N Engl J Med 993;329: Bounameaux H, Cirafici P, de Moerloose P, et al. Measurement of D-dimer in plasma as diagnostic aid in suspected pulmonary embolism. Lancet 99;337: Wells PS, Anderson DR, Rodger M, et al. Evaluation of D- dimer in the diagnosis of suspected deep-vein thrombosis. N Engl J Med 2003;349: Wells PS. Integrated strategies for the diagnosis of venous thromboembolism. J Thromb Haemost 2007 (Suppl ): van Belle A, Büller HR, Huisman MV, et al. Effectiveness of managing suspected pulmonary embolism using an algorithm combining clinical probability, D-dimer testing, and computed tomography. JAMA 2006;295: King V, Vaze AA, Moskowitz CS, et al. D-dimer assay to exclude pulmonary embolism in high-risk oncologic population: correlation with CT pulmonary angiography in an urgent care setting. Radiology 2008;247: de Maat MP, Meijer P, Nieuwenhuizen W, et al. Performance of semiquantitative and quantitative D-dimer assays in the ECAT external quality assessment program. Semin Thromb Hemost 2000;26: Meijer P, Kluft C. The harmonization of quantitative test results of different D-dimer methods. Semin Vasc Med 2005;5: Tripodi A, Chantarangkul V. Performance of quantitative D-dimer methods: results of the Italian External Quality Assessment Scheme. J Thromb Haemost 2007;5: Galle C, Papazyan JP, Miron MJ, et al. Prediction of 202 biochimica clinica, 202, vol. 36, n. 3

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri

Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi per il dosaggio dei D-Dimeri Metodi immunologici ELISA classici ELISA modificati Agglutinazione su vetrino Turbidimetrici/nefelometri Su sangue in toto Fonti di variabilità tra metodi per il dosaggio

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta

DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta SINOPSI DELLE RACCOMANDAZIONI DETERMINAZIONE DEL D-DIMERO Indicazioni per la richiesta Contesti clinici in cui i è comproata eidenza dell utilità del dosaggio del D-dimero: 1) sospetto di trombosi enosa

Dettagli

LINEE GUIDA SULL'IMPIEGO CLINICO DEL D-DIMERO

LINEE GUIDA SULL'IMPIEGO CLINICO DEL D-DIMERO LINEE GUIDA SULL'IMPIEGO CLINICO DEL D-DIMERO Manuela Caizzi (1); E.Gianoli (2); Giorgio Paladini (1,2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. Dipartimento

Dettagli

INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE

INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE Modulo di Diagnostica Vascolare Azienda Ospedaliera - Universitaria Arcispedale S. Anna CONA - FERRARA - INQUADRAMENTO DEL PAZIENTE CON SOSPETTO DI TROMBOSI VENOSA: GESTIONE OSPEDALIERA O AMBULATORIALE

Dettagli

PROTOCOLLO TROMBOSI VENOSA PROFONDA

PROTOCOLLO TROMBOSI VENOSA PROFONDA STRUTTURA COMPLESSA MEDICINA E CHIRURGIA DI ACCETTAZIONE E URGENZA PROTOCOLLO TROMBOSI VENOSA PROFONDA Introduzione. Pagina 1 Il trattamento classico della Trombosi Venosa Profonda prossimale degli arti

Dettagli

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna

Pavia, Giugno 2012. Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna Pavia, Giugno 2012 Gualtiero Palareti U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Policlinico S. Orsola-Malpighi Bologna I principali problemi che vedo e il contributo delle ultime LG ACCP Diagnosi

Dettagli

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca

TVP: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Valter Camesasca TVP: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Valter Camesasca SOSPETTO di TVP EDEMA A RAPIDA INSORGENZA DOLORE IMPOTENZA FUNZIONALE Incidenza annua: 1-2 ogni 1000 abitanti DIAGNOSI TVP Score di Wells EcoColordoppler

Dettagli

Linee guida sull impiego clinico del D-Dimero. U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna b

Linee guida sull impiego clinico del D-Dimero. U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione, Policlinico S. Orsola-Malpighi, Bologna b Riv Med Lab - JLM, Vol. 5, N. 3, 2004 225 Comitato Italiano per la Standardizzazione dei Metodi Ematologici e di Laboratorio. CISMEL Linee guida sull impiego clinico del D-Dimero C. Legnani a, G. Palareti

Dettagli

Valutazione clinica del rischio tromboembolico

Valutazione clinica del rischio tromboembolico Valutazione clinica del rischio tromboembolico Caterina Trischitta Direttore UOC di Medicina Interna P.O. Gravina di Caltagirone ASP Catania Il tromboembolismo venoso (TEV) Definizione La malattia tromboembolica

Dettagli

D-Dimero: revisione basata sulle evidenze e nuove applicazioni

D-Dimero: revisione basata sulle evidenze e nuove applicazioni 108 D-Dimero: revisione basata sulle evidenze e nuove applicazioni G. Palareti, C. Legnani U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione Marino Golinelli, Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna

Dettagli

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde

Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde Fiumicino, 19 dicembre 2015 Parte terza Trombofilia, trombosi venose superficiali e trombosi venose profonde www.cos.it/mediter Trombosi venosa profonda Ricerca Dynamed: Deep vein Thrombosis (DVT) Tipi

Dettagli

TEST COAGULATIVI anno 2012

TEST COAGULATIVI anno 2012 17 novembre 2012 1 TEST COAGULATIVI anno 2012 200000 150000 100000 50000 0 savona pietra albenga cairo Presidio esami per DH esami per esterni esami urgenti per interni esami routine per interni INTERNI

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA DI FERRARA ARCISPEDALE S.ANNA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA SEZIONE DI EMATOLOGIA Centro per lo Studio dell Emostasi e della Trombosi Direttore Prof. Gian Luigi Scapoli

Dettagli

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix

Studio di Ecografia muscolo-tendinea Ecocolor-doppler - Ecocardio Suub Tuum Praesidium Nos Confugimus Sancta Dei Genetrix Dirigente Medicina Interna Specialista in Reumatologia Viale Luigi Einaudi 6 93016 Riesi (Cl) Tel. 0934/922009 Cell. 331/2515580. - www.reumatologiadebilio.de LA SINDROME DA ANTICORPI ANTIFOSFOLIPIDI La

Dettagli

Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda. Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano

Gestione del paziente post-trombosi venosa profonda. Anna Maria Cerbone, Antonella Tufano NPT NUOVE PROSPETTIVE IN TERAPIA Comitato Scientifico: Aulisa L, Bizzi B, Caione P, Calisti A, Chiozza ML, Cittadini A, Ferrara P, Formica MM, Ottaviano S, Pignataro L, Pitzus F, Pretolani E, Riccardi

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER

MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER MALATTIE EMORRAGICHE E TROMBOEMBOLICHE: FORMAZIONE PRATICA E I SISET TRAINING CENTER LA SITUAZIONE ATTUALE IN ITALIA La formazione specialistica nell ambito delle malattie emorragiche e tromboemboliche

Dettagli

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini

CASO CLINICO EMBOLIA POLMONARE. Dr. Ermanno Angelini CASO CLINICO Dr. Ermanno Angelini ANAMNESI PZ. ANNI 78,SESSO FEMMINILE. FUMATRICE(20 SIGARETTE AL GIORNO). IPERTESA (ENALAPRIL 20mg/die). NO INTERVENTI CHIRURGICI. VITA SEDENTARIA PER MOLTE ORE DEL GIORNO.

Dettagli

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

LINEE GUIDA SULL IMPIEGO CLINICO DEL D-DIMERO

LINEE GUIDA SULL IMPIEGO CLINICO DEL D-DIMERO Documenti CISMEL LINEE GUIDA SULL IMPIEGO CLINICO DEL D-DIMERO Cristina Legnani, Gualtiero Palareti, **Domenico Prisco, per il Sottocomitato Emostasi del CISMEL**. U.O. di Angiologia e Malattie della Coagulazione,

Dettagli

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico

Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Risk Management del paziente a rischio tromboembolico Dr. Luciano DI Mauro ANGIOLOGIA A.S.P. 3 Catania Corso di formazione ECM Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della relativa scheda di

Dettagli

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania

Carmelita Scalisi - Maurizio Catania ASP-CT Corso di Formazione Aziendale Prevenzione del tromboembolismo venoso e utilizzo della scheda di valutazione: integrazione Ospedale-Territorio INDAGINI DI LABORATORIO NEL RISCHIO TROMBOEMBOLICO Carmelita

Dettagli

IL PERCORSO DIAGNOSTICO DELL EMBOLIA POLMONARE - Come sollevare il sospetto clinico di embolia polmonare -

IL PERCORSO DIAGNOSTICO DELL EMBOLIA POLMONARE - Come sollevare il sospetto clinico di embolia polmonare - Dipartimento Misto di Specialità Mediche e Chirurgiche (Dir.: Prof. A. Albertazzi) IL PERCORSO DIAGNOSTICO DELL EMBOLIA POLMONARE - Come sollevare il sospetto clinico di embolia polmonare - Prof. Stefano

Dettagli

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA

TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA Divisione di Ostetricia e Ginecologia Ospedale V. Cervello Palermo Direttore Dott. Desiderio Gueli Alletti TROMBOFILIA E RISCHIO TROMBOEMBOLICO IN GRAVIDANZA I Corso di Aggiornamento su Trombofilia e Complicanze

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

L esclusione della trombosi venosa profonda in Pronto Soccorso: l esperienza di Udine

L esclusione della trombosi venosa profonda in Pronto Soccorso: l esperienza di Udine emergency care journal organizzazione e formazione L esclusione della trombosi venosa profonda in Pronto Soccorso: l esperienza di Udine Barbara Mariotti, Enrico Barboni, Sebastiano Lizzio, Ciro Paolillo,

Dettagli

Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione. Anna Paola Cellai

Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione. Anna Paola Cellai Analisi delle Risposte della VEQ in Coagulazione Anna Paola Cellai 29.10.2014 Centro di Riferimento Sicurezza di Qualità Valutazione esterna di qualità V.E.Q. Coagulazione 2013 Laboratori partecipanti:

Dettagli

Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare

Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare ARTICOLO ORIGINALE Prevenzione delle recidive di tromboembolismo venoso dopo un primo episodio di embolia polmonare M. Campanini Medicina Interna II e d Urgenza, Azienda Ospedaliera Maggiore della Carità,

Dettagli

Dimensioni del problema

Dimensioni del problema SIMPOSIO La stipsi severa: attualità terapeutiche Dimensioni del problema Stefano Tardivo Dipartimento di Sanità Pubblica e Medicina di Comunità Università degli Studi di Verona FC (FUNCTIONAL CONSTIPATION)

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base.

Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base. Determinazione dei livelli di lattato eseguiti su arteria ombelicale alla nascita: correlazione con l equilibrio acido-base. Frusca, T., Soregaroli, M., Lojacono A., Enterri, L., Platto, C., Bianchi U.A.

Dettagli

Le metodiche di laboratorio del dosaggio del D-dimero plasmatico nella diagnosi di esclusione di embolia polmonare nel paziente anziano

Le metodiche di laboratorio del dosaggio del D-dimero plasmatico nella diagnosi di esclusione di embolia polmonare nel paziente anziano G Gerontol 2008;56:617-622 Società Italiana di Gerontologia e Geriatria Articolo di aggiornamento Review Le metodiche di laboratorio del dosaggio del D-dimero plasmatico nella diagnosi di esclusione di

Dettagli

Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche

Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche Incidenza e patogenesi delle complicanze tromboemboliche Alessandro Inno Ospedale Sacro Cuore don Calabria Negrar - Verona Trombosi e cancro Armand Trousseau (1801-1867) Patogenesi Donnellan et al, Curr

Dettagli

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale

Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale Budget Impact Analysis (Parte teorica) Claudio Jommi Professore Associato di Economia Aziendale, Università Piemonte Orientale pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali

Dettagli

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Furio Colivicchi Dipartimento Cardiovascolare ACO S.Filippo Neri Roma Dicumarolici e Prevenzione dello Stroke nella FA non valvolare Per oltre 60 anni gli

Dettagli

A proposito di scintigrafia polmonare nella diagnosi di embolia polmonare

A proposito di scintigrafia polmonare nella diagnosi di embolia polmonare A proposito di scintigrafia polmonare nella diagnosi di embolia polmonare Giuseppe Favretto, a nome della Commissione ANMCO-SIC per le Linee Guida per Profilassi, Diagnosi e Terapia della Tromboembolia

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

Documento PTR n. 170 relativo a:

Documento PTR n. 170 relativo a: Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n. 170 relativo a: COMPLESSO PROTROMBINICO UMANO A 4 FATTORI E SCHEDA

Dettagli

POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA. dott. Enrico Bernardi

POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA. dott. Enrico Bernardi APPROCCIO ALL EMBOLIA POLMONARE IN GRAVIDANZA CON INSTABILITÀ EMODINAMICA dott. Enrico Bernardi Sommario Ipotesi Diagnosi Terapia Epidemiologia Il TEV (TVP+EP) rappresenta la prima causa di morte materna

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg).

Pradaxa è un medicinale contenente il principio attivo dabigatran etexilato. È disponibile in capsule (75, 110 e 150 mg). EMA/47517/2015 EMEA/H/C/000829 Riassunto destinato al pubblico dabigatran etexilato Questo è il riassunto della relazione pubblica europea di valutazione (EPAR) per. Illustra il modo in cui il comitato

Dettagli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli I NUOVI FARMACI ANTICOAGULANTI Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli Verbania NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI FIBRILLAZIONE

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I TA E INFORMAZIONI PERSONALI Nome ROBERTO CASTELLI AZIENDA OSPEDALIERA L SACCO POLO UNIVERSITARIO Telefono 02/39041 Fax E-mail Castelli.roberto@hsacco.it

Dettagli

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA

SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA SCREENING PER LA PREVENZIONE DEL TUMORE DELLA MAMMELLA Controversie sullo screening mammografico: pro e contro Edda Simoncini Breast Unit A.O.Spedali Civili Brescia Spedali Civili di Brescia Azienda Ospedaliera

Dettagli

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69

Pre e post intervento fino 3 gg 1.900 UI = 0.2 ml 2.850 UI = 0,3 ml 3.800 UI = 0,4 ml < 50 50-69 -ALLEGATO 1 Eparine a Basso Peso Molecolare: prodotti in distribuzione e prodotti sostituiti. PROFILASSI TVP IN CHIRURGIA: dosi equipotenti da scheda tecnica Dalteparina PRODOTTO FORNITO SOLO QUANDO NON

Dettagli

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università dell Insubria Varese ACCP 2012 Treatment of VTE 2012 Real-life treatment

Dettagli

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio

Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera per la popolazione anziana residente nel Lazio Anno 2005 Regione Lazio Indicatori di qualità dell assistenza ospedaliera

Dettagli

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc

CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc CARDIOPATIA ISCHEMICA ACUTA La coronaro-angio-tc PATRIZIA NOUSSAN Servizio di Cardiologia e UTIC GIACOMO PAOLO VAUDANO Servizio di Neuroradiologia-Radiologia d Urgenza OSP. SAN GIOVANNI BOSCO ASL TORINO

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA

CMACE 2011/RCOG 2007. Prevenzione del TEV in gravidanza e rapporti con gli stati trombofilici IL PUNTO DI VISTA DELL INTERNISTA Il tromboembolismo venoso colpisce tra le 5 e le 12 donne ogni 10,000 gravidanze Durante la gravidanza il rischio di sviluppare eventi trombotici è6 volte maggiore rispetto alla popolazione femminile in

Dettagli

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE

RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE RACCOMANDAZIONI PER LA RICERCA DELLE ALTERAZIONI TROMBOFILICHE INTRODUZIONE Questo documento nasce dall esigenza di dotare i Colleghi Medici Ospedalieri, e in una fase successiva anche quelli del Territorio,

Dettagli

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO GESTIONE DEI FARMACI ANTIAGGREGANTI E ANTICOAGULANTI IN SPECIFICI CONTESTI CLINICI Rimini 15 marzo 2011 Dipartimento Malattie Cardiovascolari U.O. Medicina Interna - Angiologia ICTUS CEREBRALE E RISCHIO

Dettagli

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001

EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA. PORDENONE, 20 Aprile 2001 EPIDEMIOLOGIA, PATOGENESI E FATTORI DI RISCHIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA P.F. Tropeano Pronto soccorso e Medicina d Urgenza Azienda Ospedaliera S.M. degli Angeli Pordenone PORDENONE, 20 Aprile 2001

Dettagli

Palliative Care in Older Patients

Palliative Care in Older Patients Palliative Care in Older Patients Perchèla cura palliativa degli anziani sta diventando una prioritàsanitaria mondiale? 1) Population Ageing Chi cura chi Proiezioni in % 2) Polipatologie croniche Cause

Dettagli

Trombosi venosa profonda: il sospetto diagnostico

Trombosi venosa profonda: il sospetto diagnostico dossier 4 TVP: il sospetto diagnostico n. Gennaio-Febbraio 2004 www.dialogosuifarmaci.it Trombosi venosa profonda: il sospetto diagnostico La trombosi venosa profonda (TVP) degli arti inferiori è una patologia

Dettagli

LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA: stato dell arte LA GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA

LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA: stato dell arte LA GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA LA MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA: stato dell arte LA GESTIONE INTEGRATA OSPEDALE-TERRITORIO DELLA TROMBOSI VENOSA PROFONDA Pietro F. Tropeano Ambulatorio di Emostasi e Trombosi, Dipartimento di Medicina

Dettagli

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013

LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 LINEE DI RICERCA SOSTENUTE DAL 5xMILLE 2013 I Ricercatori del Centro di Genomica e Bioinformatica Traslazionale stanno lavorando a linee di ricerca legate a 1. Sclerosi Multipla 2. Tumore della Prostata

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

Gli scores nel tromboembolismo venoso

Gli scores nel tromboembolismo venoso Gli scores nel tromboembolismo venoso Fulvio Pomero 1, Attilio Allione 2, Christian Bracco 1, Virna Olocco 1, Luigi Maria Fenoglio 1 1 Dipartimento di Medicina Interna, Ospedale S. Croce e Carle, Cuneo,

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa

To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa To screen or not to screen: la tac spirale per il tumore del polmone pubblicata sulla stampa Cinzia Colombo Laboratorio di ricerca sul coinvolgimento dei cittadini in sanità Istituto di Ricerche Farmacologiche

Dettagli

Linee guida in ecocardiografia

Linee guida in ecocardiografia Linee guida in ecocardiografia Maria Cuonzo Cardiologia Utic Ospedale M. Sarcone Terlizzi Poche metodologie hanno subito una applicazione così vasta ed una diffusione cosi capillare nella pratica clinica

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA

DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA DOVREMMO USARE IL PSA PER LO SCREENING DEI TUMORI DELLA PROSTATA? P. Vineis, G. Casetta* Servizio di Epidemiologia dei Tumori *Clinica Urologica 1, Università di Torino IL PROBLEMA Attività sistematiche

Dettagli

IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO. martin@policlinico.mi.it

IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO. martin@policlinico.mi.it F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome e Cognome Indirizzo IDA MARIANNA MARTINELLI VIA CARLO RAVIZZA, 1 20149 MILANO Telefono +39 02 48195432 Fax

Dettagli

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum

La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Camposampiero 6 Marzo -- 2015 La Terapia Farmacologica della Depressione Antepartum Prof. Cesario Bellantuono Ambulatorio Specialistico DEGRA Disturbi Affettivi in Gravidanza e Puerperio Ancona -Rimini

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione FONDAZIONE INTERNAZIONALE MENARINI XL Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: 40 anni dopo: i test di laboratorio e loro utilità clinica nello studio dell

Dettagli

Progresso e tecnologia per la prevenzione dell ictus e la gestione dell ipertensione

Progresso e tecnologia per la prevenzione dell ictus e la gestione dell ipertensione Progresso e tecnologia per la prevenzione dell ictus e la gestione dell ipertensione La 3 a generazione di Microlife Qualità totale Grande innovazione Estrema semplificazione Protocollo BHS: A/A Pazienti

Dettagli

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza

Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza Curriculum Formativo e Professionale Dr. Edward Vezza DATI ANAGRAFICI Cognome: VEZZA Nome: EDWARD Localita e data di nascita: R.I. (U.S.A.), il 07/10/1962 Residenza e domicilio: Via Pigna Stufa Castello,

Dettagli

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43

Scritto da Giovanni Creton Domenica 27 Febbraio 2011 17:32 - Ultimo aggiornamento Domenica 27 Marzo 2011 19:43 E evidente che lo screening per un tumore può diagnosticare la malattia molto precocemente, ma nel caso del tumore alla prostata il ricorso al test del PSA può creare dati incerti e rischi sanitari in

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC

I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC G Ital Nefrol 2011; 28 (6): 642-647 MASTER IN EPIDEMIOLOGIA CLINICA I TEST DIAGNOSTICI E L ANALISI DELLA CURVA ROC Graziella D Arrigo, Fabio Provenzano, Claudia Torino, Carmine Zoccali, Giovanni Tripepi

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Uso di farmaci antipsicotici e rischio di embolia polmonare: uno studio caso-controllo innestato

Uso di farmaci antipsicotici e rischio di embolia polmonare: uno studio caso-controllo innestato XXXVIII Congresso dell Associazione Italiana di Epidemiologia Uso di farmaci antipsicotici e rischio di embolia polmonare: uno studio caso-controllo innestato Valentino Conti, Mauro Venegoni, Alfredo Cocci,

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO INTERSOCIETARIO SULLE TROMBOSI VENOSE DISTALI ISOLATE

GRUPPO DI LAVORO INTERSOCIETARIO SULLE TROMBOSI VENOSE DISTALI ISOLATE GRUPPO DI LAVORO INTERSOCIETARIO SULLE TROMBOSI VENOSE DISTALI ISOLATE (SOCIETA SCIENTIFICHE SIAPAV, SIDV-GIUV, CIF) STUDIO COLLABORATIVO SU: EFFICACIA E SICUREZZA DI UN PROTOCOLLO DI TRATTAMENTO DELLA

Dettagli

M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA

M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA M. BEATRICE MUSUMECI UTIC CARDIOLOGIA AZIENDA OSPEDALIERA SANT ANDREA UNIVERSITA DI ROMA SAPIENZA 15-20 milioni/anno di accessi in PS per dolore toracico 2-4% Dimissione impropria o mancato riconoscimento

Dettagli

NSCLC - stadio iiib/iv

NSCLC - stadio iiib/iv I TUMORI POLMONARI linee guida per la pratica clinica NSCLC - stadio iiib/iv quale trattamento per i pazienti anziani con malattia avanzata? Il carcinoma polmonare è un tumore frequente nell età avanzata.

Dettagli

Terapia Trasfusionale

Terapia Trasfusionale Percorso Didattico S.I.M.U.T.I.V Ordine dei medici veterinari della provincia di Ravenna Ravenna, 15 settembre 2014 Pronto Soccorso Terapia Trasfusionale Dott. Paolo Gaglio Ospedale Veterinario Gregorio

Dettagli

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico

LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE. indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico LA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE indicazioni, durata, stratificazione del rischio trombotico Piera Maria Ferrini Medicina Interna ad indirizzo Angiologico e Coagulativo Centro Emostasi Parma 18/3/2014 AGENDA

Dettagli

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione

Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione XL Corso di aggiornamento Alterazioni congenite ed acquisite della coagulazione Focus su: 40 anni dopo: i test di laboratorio e loro utilità clinica nello studio dell emostasi e trombosi Promosso da PROGRAMMA

Dettagli

La malattia tromboembolica venosa Approccio multidisciplinare

La malattia tromboembolica venosa Approccio multidisciplinare 1 La malattia tromboembolica venosa Approccio multidisciplinare A cura di Pietro F. Tropeano Presentazione Prof. Antonio Girolami PUBBLICAZIONI MEDICO SCIENTIFICHE 2 La malattia tromboembolica venosa Approccio

Dettagli

L emostasi in scena. Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1. N. Ciavarella M. Petronelli Bari

L emostasi in scena. Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1. N. Ciavarella M. Petronelli Bari L emostasi in scena Generalità sull emostasi UNITA DIDATTICA N 1 N. Ciavarella M. Petronelli Bari 1 La disfida di Barletta 13 febbraio 1503 2 La coagulazione come la disfida di Barletta Fattore XI Fattore

Dettagli

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE

FOLLOW-UP DEL TUMORE POLMONARE Linee Guida ITT Istituto Toscano Tumori ORDINE DEI MEDICI CHIRURGHI e degli ODONTOIATRI della PROVINCIA di AREZZO 3 gennaio 2007 Ivano Archinucci UO di Pneumologia ASL 8 STADI DEL CARCINOMA POMONARE STADIO

Dettagli

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Dott.ssa Antonella Cocorocchio CPSI UOC PS-BO AO S. Giovanni Addolorata Roma Coordinatore Area Nursing Simeu Lazio Definizione Il care

Dettagli

APPROPRIATEZZA della EGDS

APPROPRIATEZZA della EGDS APPROPRIATEZZA della EGDS Dr. P. Montalto U.O.C. Gastroenterologia OSPEDALE SAN JACOPO. GASTROENTEROLOGIA NELL ANZIANO Pisa, 28 settembre 2013 Totale: 60.626.442 abitanti ³65 anni: 12.301.537 abitanti

Dettagli

di follow-up sono stati inviati, un anno dopo, alle donne che avevano partecipato al sondaggio basale. Le informazioni richieste alle partecipanti

di follow-up sono stati inviati, un anno dopo, alle donne che avevano partecipato al sondaggio basale. Le informazioni richieste alle partecipanti OSTEOPOROSI E FRATTURE DA FRAGILITÁ : FATTORI PREDITTIVI DEL TRATTAMENTO FARMACOLOGICO Recentemente, sulla rivista Journal of the American Geriatrics Society sono stati pubblicati i risultati di uno studio

Dettagli

Analisi costo-utilità (CUA)

Analisi costo-utilità (CUA) Analisi costo-utilità (CUA) ASPETTI FONDAMENTALI La CUA nasce per ovviare ai limiti della CEA, per analizzare i risultati dei possibili interventi di salute prendendo come riferimento la qualità in termini

Dettagli

Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo

Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo Contro fibrillazione atriale, ictus e Tromboembolismo venoso (TEV), in Italia arriva edoxaban, il nuovo anticoagulante orale Il 52 % dei pazienti

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche

Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico. Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Un test di espressione genica per predire l aggressività del carcinoma prostatico Il test Prolaris può orientare le decisioni mediche e chirurgiche Che cos è Prolaris? Una misura molecolare diretta della

Dettagli

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi

Le varici in gravidanza: gestione della paziente. Andrea Badalassi Le varici in gravidanza: gestione della paziente Le varici in gravidanza sono un evenienza tutt altro che rara. Possiamo ritenerle quasi la regola. Poiché oltre il 70% delle donne durante la gravidanza

Dettagli

LA TERAPIA MEDICA NELL ENDOMETRIOSI: QUANDO E PERCHE

LA TERAPIA MEDICA NELL ENDOMETRIOSI: QUANDO E PERCHE LA TERAPIA MEDICA NELL ENDOMETRIOSI: QUANDO E PERCHE CARLO BERTULESSI SS Ginecologia Oncologica Clinica Ostetrica e Ginecologica M. Melloni Università di Milano Bergamo, 7 marzo 2014 TERAPIA MEDICA NELL

Dettagli

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Equivalenza degli antiaggreganti nelle SCA? STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Lo studio PCI-CURE Lancet 2001; 358: 427

Dettagli

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria

Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Angelo Maurizio Clerici U.O.C. Neurologia Direttore Prof. Giorgio Bono Ospedale di Circolo e Fondazione Macchi Università degli Studi dell Insubria Disease Oriented-Therapy (if available) Primarily life-prolongation

Dettagli

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza

LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA. Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza LE TROMBOSI VENOSE SUPERFICIALI: DIAGNOSI E TERAPIA Dott. Cristian Benatti UO Chirurgia Vascolare, Ospedale San Gerardo, Monza CENNI DI ANATOMIA Il sistema venoso Superficiale Profondo Perforanti DEFINIZIONE

Dettagli

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE

MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI EMOSTASI = PROCESSO ATTIVO DI COAGULAZIONE DEL SANGUE PER IL CONTROLLO DELLE EMORRAGIE MALATTIE DELL EMOSTASI COINVOLGONO ENDOTELIO PIASTRINE FATTORI DELLACOAGULAZIONE Piccin Nuova

Dettagli

Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM)

Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM) Commissione per il Buon Uso del Farmaco INDICAZIONI ALL USO APPROPRIATO DELLE EPARINE A BASSO PESO MOLECOLARE (EBPM) Le EBPM e il Fondaparinux sono stati approvati inizialmente per la prevenzione del

Dettagli