XIII Congresso Regionale. IX Congresso Regionale. FADOI Toscana Firenze Hilton Florence Metropole Ottobre 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XIII Congresso Regionale. IX Congresso Regionale. FADOI Toscana Firenze Hilton Florence Metropole 24-25 Ottobre 2014"

Transcript

1 SOCIETA' SCIENTIFICA DI MEDICINA INTERNA FEDERAZIONE DELLE ASSOCIAZIONI DEI DIRIGENTI OSPEDALIERI INTERNISTI TOSCANA Arezzo Firenze Grosseto LivornoLucca XIII Congresso Regionale FADOI Toscana Firenze Hilton Florence Metropole Ottobre 2014 IX Congresso Regionale ANÍMO Toscana Firenze Hilton Florence Metropole 24 Ottobre 2014 Massa-Carrara Pistoia PisaPrato Siena

2 ELENCO ABSTRACT MEDICI Redatto da Simone Meini Congresso Regionale FADOI Toscana Firenze Ottobre A CASE OF ACUTE FORM OF SARCOIDOSIS, THE LOFGREN SYNDROME. Antonielli E. Crociani A. Vannucchi V. Ciervo D. Mannoni A. Fedeli L. Fintoni T. Para O. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze 2 A CASE OF ACUTE HAEMORRHAGIC ALVEOLITIS CAUSED BY INTRAVESICAL BACILLUS CALMETTE-GUÉRIN INSTILLATION. Antonielli E. Vannucchi V. Crociani A. Ciervo D. Degl'Innocenti G. Turchi V. Mancini A. Para O. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi, Firenze 3 A CASE OF DEADLY ACUTE LIVER FAILURE DUE TO DEATH CAP. Antonielli E. Crociani A. Vannucchi V. Ciervo D. Degl'Innocenti G. Fedeli L. Fintoni T. Para O. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze 4 A CASE REPORT OF ACQUIRED HEMOPHILIA A Manetti S. Cappelli F. Rosi C. Stanganini S. Santoro E. AUSL8 Arezzo Bibbiena 5 A DANGEROUS POLYARTHRITIS Vannucchi V. Ciervo D. Degl'Innocenti G. Antonielli E. Crociani A. Rocchi F. Fintoni T. Fedeli L. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze 6 A DILEMMA IN DIAGNOSIS: PRIMARY HEPATIC LYMPHOMA Degl'Innocenti G. Ciervo D. Vannucchi V. Crociani A. Rocchi F. Bacci F. Biagioni M.C. Para O. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze

3 7 A RARE CAUSE OF HYPERCALCEMIA IN A YOUNG WOMAN: THE PRIMARY LYMPHOMA OF THE BONE. Para O. Crociani A. Antonielli E. Panigada G. Fintoni T. Fedeli L. Biagioni MC. Manni M. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze 8 A STRANGE CASE OF ANCA-ASSOCIATED VASCULITIS: CAN MYCOBACTERIAL INFECTION DELAY THE DIAGNOSIS? Ciervo D. Antonielli E. Vannucchi V. Crociani A. Casati C. Mancini A. Innocenti R. Para O. Degl'Innocenti G. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze 9 ACCURACY OF NURSE-PERFORMED LUNG ULTRASOUND IN PATIENTS WITH DYSPNEA: A SINGLE-CENTRE PROSPECTIVE OBSERVATIONAL STUDY Masi L. Cresci A. Basile V. Sabatini S. Cei M. Bianchi L. Mazzi V. Mumoli N UO Medicina 1 - Ospedale di Livorno 10 ACUTE INTERMITTENT PORPHYRIA Basile V. Brondi B. Cresci A. Mumoli N UO Medicina 1 - Ospedale Livorno 11 AUDIT CLINICO COME STRUMENTO EFFICACE NEL MIGLIORAMENTO DELLA DIMISSIONE DEL PAZIENTE DIABETICO DALLE UO DI MEDICINA INTERNA Montagnani A. in rappresentanza del Gruppo DDIMA U.O. Medicina Interna, Ospedale Misericordia USL 9 Grosseto 12 CARCINOSI PERITONEALE: UNA SORPRESA DIAGNOSTICA ALLA BIOPSIA PERITONEALE Burberi L. Casati C. Fabbri M. Mannini D. Corradi F. Morettini A. Medicina interna OACA 1 Firenze 13 CARDIAC COMPLICATIONS IN PATIENTS HOSPITALIZED FOR COMMUNITY ACQUIRED PNEUMONIA IN A INTERNAL MEDICINE WARD. Vannucchi V. Ricci E. Silverii MV. Ciervo D. Antonielli E. Degl'Innocenti G. Crociani A. Para O. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze 14 CASO NEUROLOGICO DI PERTINENZA INTERNISTICA Rossi F. Montagnani A. Galassi L. Randisi P. Lenzi A. Verdiani V. UO Medicina Interna Ospedale Misericordia USL 9 Grosseto

4 15 CLASSIFICAZIONE E SIGNIFICATO PROGNOSTICO DELL IPERGLICEMIA NEL PAZIENTE RICOVERATO: RISULTATI DI UNO STUDIO PROSPETTICO OSSERVAZIONALE CONDOTTO IN TRE UNITA DI MEDICINA INTERNA DELLA A.O.U. CAREGGI. Bazzini C. Casati C. Fabbri A. Crociani A. Pieralli F. Corradi F. Pignone A. Morettini A. Nozzoli C. A.O.U. Careggi Firenze 16 COLITE MICROSCOPICA: UN CASO DI DIARREA IATROGENA Seghieri M. Lodato M. Taddei M. Scuola di Specializzazione Medicina Interna. Pisa 17 CYTOMEGALOVIRUS PANCREATITIS: A RARE MANIFESTATION IN IMMUNOSUPPRESSED PATIENT WITH NEW DIAGNOSIS OF SYSTEMIC SCLEROSIS. Ciervo D. Vannucchi V. Antonielli E. Bacci F. Rocchi F. Degl'Innocenti G. Mancini A. Baroncelli S. Pieralli F. Nozzoli C Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze 18 DELIRIUM COME MARKER PRECOCE DI INTOSSICAZIONE DIGITALICA NEL GRANDE ANZIANO UN CASO CLINICO Boncinelli M. Pozzi C. Barghini E. Ambrosio ML. Gabbani L. Geriatria per la Complessità Assistenziale AOU Careggi Firenze 19 DIFFERENZE DI GENERE E RISCHIO CARDIOVASCOLARE Straniti M. Teghini L. Giovannetti R. Raimondi L. Pierotello R. Pugliese N. Panigada G. ASL3 Ospedale di Pescia 20 EFFECTS OF ENDOGENOUS SEX HORMONES IN MEN WITH DEEP VEIN THROMBOSIS Mazzi V. Masi L. Cei M. Mumoli N Ospedale Civile - UO Medicina 1 Livorno 21 ELEVATI VALORI DI CA72-4: DAL CASO CLINICO A REVIEW DELLA LETTERATURA Fabbri M. Casati C. Torrigiani A. Di Marzi G. Burberi L. Corradi F. Morettini A. Medicina Interna Firenze

5 22 FOURNIER S SYNDROME: A RARE COMPLICATION OF OFFICE BASED HEMORROIDAL PROCEDURE Crociani A. Antonielli E. Vannucchi V. Ciervo D. Degl'innocenti G. Mancini A. Luise F. Sammicheli L. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze 23 IL DELIRIO NEL PAZIENTE CRITICO: PREVENZIONE, DIAGNOSI E TRATTAMENTO. Tanzi M.T. Cammelli R. Marini F. Sarti A. ASF Firenze 24 IL PERCORSO GESTIONALE DELLA PANCREATITE ACUTA NELL OSPEDALE DEL 3 MILLENNIO TRA INTENSITÀ DI CURA E ORGANIZZAZIONE DELLA RETE TERRITORIALE: SPUNTI DI RIFLESSIONE DA UN CASO CLINICO. Chiti I. Squillante R. Giovannetti R. Pantone C. Pierotello R. Pugliese N. Panigada G. ASL 3 Ospedale Pescia 25 IL SETTING ALTA COMPLESSITA AD EMPOLI: UNA REALTA INTERMEDIA TRA UNA SUBINTENSIVA E UNA DEGENZA ORDINARIA MA COMUNQUE UNA RISORSA PER L OSPEDALE. Chiarugi L. Manzi S. Lavecchia R. Dacomo D. Cinotti S. Lombardo G. U.O.C. Medicina Interna Empoli Setting Alta Complessità Empoli 26 IL TRATTAMENTO CON COLECALCIFEROLO È IN GRADO DI INIBIRE IL SISTEMA RENINA ANGIOTENSINA E MIGLIORARE LA FUNZIONE ENDOTELIALE IN PAZIENTE AFFETTI DA IPERTENSIONE ESSENZIALE ED IPOVITAMINOSI D Carrara D. Bruno R. M. Ghiadoni L. Gervasi F. Duranti E. Bacca A. Barzacchi M. Taddei S. Bernini G. Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università di Pisa 27 IMPIEGO DELLA "MINI TROMBOLISI" NEL TRATTAMENTO DELL'EMBOLIA POLMONARE A RISCHIO INTERMEDIO Fabiani P. Anelli S. Bassi P. Caniggia D. Iurato A. Montorzi G. Querci F. Villani G. Ospedale di Portoferraio (LI) 28 INAPPROPRIATEZZA PRESCRITTIVA DI PPI IN MEDICINA: REVISIONE DELLA LETTERATURA E DATI PERSONALI Straniti M. Teghini L., Giovannetti R., Raimondi L. Pierotello R., Pugliese N., Panigada G. ASL3, ospedale di Pescia

6 29 INFEZIONE DA C. DIFFICILE CON RETTORRAGIA E MARCATA LEUCOCITOSI: DESCRIZIONE DI UN CASO CLINICO Vazzana N. Beltrame C. Taccetti G. Scarti L. Fortini A. SOC Medicina Interna, Ospedale S. Giovanni di Dio, Azienda Sanitaria Firenze 30 LA SORVEGLIANZA E IL CONTROLLO DEI MICRORGANISMI MULTIFARMACO RESISTENTI NELL'AZIENDA SANITARIA DI FIRENZE. Faraone A. Bartoli D. Brugnoli S. Picca F. Serpietri L. Vazzana N. Fortini A. SOC Medicina Interna, Ospedale S. Giovanni di Dio, Azienda Sanitaria Firenze 31 MI HA CHIAMATO SOLO ORA!!! Bertoni M. Giani A. Calabrese E. Siclari O. Di Natale M.E. U.O. Medicina Interna II. ASL 4 di Prato 32 MOSCHOWITZ STRIKES BACK Crociani A. Antonielli E. Vannucchi V. Ciervo D. Degl'innocenti G. Baroncelli S. Para O. Bacci F. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze 33 NAO NEL PAZIENTE NEOPLASTICO? UN CASO CLINICO Lamanna D. de Palma A. Palma E. Cati G. Mazzi A. Quattrucci L. Alessandri M. UO Medicina Interna PO Massa Marittima 34 NEW ORAL ANTICOAGULANTS VERSUS WARFARIN FOR THE PREVENTION OF PERIPHERAL SYSTEMIC EMBOLISM IN ATRIAL FIBRILLATION: SYSTEMATIC REVIEW AND META-ANALYSIS Mumoli N. Mazzi V. Masi L. Sabatini S. Basile V. Cei M UO Medicina 1 - Ospedale di Livorno 35 OUTCOMES A LUNGO TERMINE DEL PAZIENTE CON ISCHEMIA CRITICA DEGLI ARTI INFERIORI: ILOPROST MIGLIORA LA SOPRAVVIVENZA E IL TASSO DI AMPUTAZIONE Meini S1. Melillo E2. Laureano R1. Panigada G3. 1 SOC Medicina Interna OSMA Firenze 2 UO Angiologia Università degli studi di Pisa 3 SOC Medicina Interna Ospedale di Pescia

7 36 PERCEZIONE E CONOSCENZA DEL PROBLEMA IPERTENSIONE ARTERIOSA Turchi G1 Faetti L1. Vagli E1. Mercantini F1. Burello E2. 1 Università degli studi di Siena 2 Università degli studi di Napoli 37 PERICARDIAL EFFUSION AND ANTILAMIN ANTINUCLEAR ANTIBODIES: AN UNUSUAL ASSOCIATION Mazzi V. Mumoli N. Mandolesi M.C. Occhipinti G. Cei M. Presidio Ospedaliero di Livorno 38 POLMONITE GRAVE ACQUISITA IN COMUNITÀ: OUTCOME ED INDICATORI PROGNOSTICI NEL PAZIENTE SOTTOPOSTO A VENTILAZIONE NON INVASIVA VERSUS TERAPIA CONVENZIONALE. Para O. Manni M. Mancini A. Pieralli F. Vannucchi V. Ciervo D. Crociani A. Degl'innocenti G. Antonielli E. Nozzoli C. Medicina Interna e D'Urgenza AOU Careggi Firenze 39 SIAMO SICURI DI CONOSCERE TUTTE LE CAUSE DI ANEMIA EMOLITICA? UN CASO NON COMUNE DI INFEZIONE DA CMV Chiti I. Alessandrì A., Checchi M., Squillante R. Raimondi L., Birindelli A, Pugliese N., Panigada G ASL 3 Ospedale Pescia 40 SINDROME DI GUILLAN-BARRÈ E RABDOMIOLISI: UNA CURIOSA ASSOCIAZIONE Seghieri M. Lodato M. Taddei M. Scuola di Specializzazione Medicina Interna Università di Pisa 41 STATINS DO NOT INCREASE BLEEDING RISK DURING VITAMIN K ANTAGONISTS TREATMENT FOR VENOUS THROMBOEMBOLISM: A RETROSPECTIVE COHORT STUDY Sabatini S. Riva N. Di Minno MND. Pomero F. Mumoli N. Ageno W. Dentali F UO Medicina 1 - Ospedale di Livorno 42 SUCCESSFUL TREATMENT OF A KLEBSIELLA PNEUMONIAE CARBAPENEMASE- PRODUCING SEPSIS WITH A DOUBLE-CARBAPENEM REGIMEN IN A VERY OLD MAN Mazzi V. Pardelli R. Mumoli N. Cei M. Presidio Ospedaliero di Livorno

8 43 UN CASO CLINICO COMPLESSO CARATTERIZZATO DA ESTESE E PROFONDE ULCERE CUTANEE LOCALIZZATE LI ARTI INFERIORI. Degl'innocenti D. 1^ U.O. Medicina Ospedale Prato 44 UN CASO DI COAGULAZIONE INTRAVASCOLARE DISSEMINATA ASSOCIATA ALL'USO DI SORAFENIB IN UNA DONNA AFFETTA DA EPATOCARCINOMA MULTIFOCALE IN CIRROSI EPATICA HCV CORRELATA. Lorenzini G. Spolveri S. Ospedale del Mugello Borgo San Lorenzo 45 UN CASO DI EMOFILIA ACQUISITA A COME MANIFESTAZIONE DI GVHD CRONICA IN UN PAZIENTE SOTTOPOSTO A TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMATOPOIETICHE CORDONALI TRATTATO CON RITUXIMAB. Bazzini C. Angarano R. Donnini I. Nozzoli C. Linari S. Crociani A. Rocchi F. Bacci F. Pieralli F. Guidi S. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze 46 UN CASO DI EMOFILIA ACQUISITA A IN UN PAZIENTE CON ARTRITE REUMATOIDE IN TRATTAMENTO CON ADALIMUMAB. Bazzini C. Galassi L. Agostino G. Lenzi A. Randisi P. Vagheggini F. Verdiani V. U.O. Medicina Interna, Ospedale Della Misericordia Grosseto 47 UN CASO DI LEISHMANIOSI VISCERALE. Tavernese G. Fortini A. Colasanti L. Fabbroni A. Contri S. Bribani A. SOS Medicina - Ospedale Serristori Figline V.no 48 UN CASO DI NEUROLUE ESORDITO CON DISTURBI PSICHICI. Lavecchia R.mChiarugi L. Schipani E. Lombardo G. U.O.C. Medicina Generale A.S.L. 11 Empoli 49 UN CASO DI PORPORA TROMBOTICA TROMBOCITOPENICA INDOTTA DA TICLOPIDINA Vazzana N. Taccetti G. Beltrame C. Scarti C. Calacoci L. Di Pietro G. Fortini A. SOC Medicina Interna, Ospedale S. Giovanni di Dio, Azienda Sanitaria Firenze 50 UN CASO PARTICOLARE DI GRAVE NEUTROPENIA. Chiarugi L1. Filippelli M1. Lavecchia R1. Tedici M2 Bartalucci P3. Lombardo G1. 1 U.O.C. Medicina Interna A.S.L U.O.C. Farmacotossicodipendenza A.S.L.11 3 U.O.C. Pronto Soccorso A.S.L.11

9 51 UN'IPOGLICEMIA COMPLICATA de Palma A. Lamanna D. Quattrucci L. Palma E. Cati G. Mazzi A. Alessandri M. UO Medicina Interna PO Massa Marittima 52 UNA CAUSA INUSUALE DI COMA : INFARTO TALAMICO BILATERALE Baruffi M.C. Nenci G. Amati R. Rosso A. Fortini A. SOC Medicina Interna, Ospedale S. Giovanni di Dio, Azienda Sanitaria Firenze 53 UNA DIFFICILE DIAGNOSI DI IPERTENSIONE ARTERIOSA. Fabiani P. Anelli S. Bassi P. Caniggia D. De Napoli V. Iurato A. Montorzi G. Querci F. Villani G. Ospedale di Portoferraio (LI) 54 UNA MIOSITE TUTTA DA INDAGARE. Cappelli F. Manetti S. Pascarella L. Rosi C. Stanganini S. Lombardini F. Santoro E. UOC Medicina Ospedale Casentino. Bibbiena 55 UNA SPADA DI DAMOCLE DEI NOSTRI GIORNI: LA REINTRODUZIONE DELLA TERAPIA ANTICOAGULANTE NEI PAZIENTI CON EMORRAGIA CEREBRALE SPONTANEA Chiti I. Bassu R. Raimondi L. Squillante R. Lucchesi I. Pugliese N. Panigada G. ASL3, Ospedale di Pescia 56 UNA STRANA DISFAGIA. Bazzini C. Romagnoli A.M. Scarpignato E. Rossi F. Panichi O. Camarda M. Verdiani V. U.O. Medicina Interna, Ospedale Della Misericordia Grosseto 57 UNO STRANO DOLORE DA ANALGESICO. Di Stasi V. Ferracane S. Casati C. Fabbri M. Cosentino E. Mannini D. Morettini A. Corradi F. Medicina Interna OACA 1 AOU Careggi Firenze 58 THE REVOLVING DOOR SYNDROME IN INTERNAL MEDICINE: A STUDY ON SUBJECTS DISCHARGED FROM ALL INTERNAL MEDICINE DEPARTMENTS OF TUSCANY WITH DIAGNOSIS OF HEART FAILURE AND PNEUMONIA. Tellini M. Petrioli A. Forni S. Fruttuoso S. Bernardini M. Morettini A. Medicina Interna OACA 1 AOU Careggi Firenze

10 1 A CASE OF ACUTE FORM OF SARCOIDOSIS, THE LOFGREN SYNDROME. Antonielli E. Crociani A. Vannucchi V. Ciervo D. Mannoni A. Fedeli L. Fintoni T. Para O. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze A 49 years old men was admitted to our hospital for fever associated with hands, wrists and ankles joints arthralgia present for about 15 days. He had no respiratory symptoms. On physical examination showed mild swelling and tenderness in both ankle, tender red bumps was noted over bilateral lower limbs. Body weight loss around 7 kg was noted in the last month. Laboratory studies included a complete blood count, plasma levels of creatinine, nitrogen, electrolytes, calcium, liver enzyme, tumor markers were within normal limits. Serum angiotensin converting enzyme and chitotriosidasis were within the normal range. He was negative for rheumatoid factor, anti-cyclic citrullinated peptide and antinuclear antibodies. A chest radiograph showed bilateral hilar mass lesion. A chest TC scan revealed bilateral hilar and multiple mediastinal lymphadenopathy. On abdomen TC scan spleen is enlarged. A bronchoscopy with endobronchial transbronchial needle aspirate (TBNA) of the hilar lymph nodes was performed with sampling for bacterial culture and cytology resulting negative. A fluorodeoxyglucose-positron emission tomography showed hypermatabolic lesions at the upper lung lobe, at the level of paratracheal, mediastinal and hilar lymphnodes. An excisional lymphonode biopsy was performed and the results of histology demonstrated a non caseating granuloma wich suggested a diagnosis of Lofgren s Syndrome. Oral administration of prednisolone was initiated and symptoms gradually subsided. Sarcoidosis is a chronic multisystem inflammatory granulomatous disease with unknown etiology characterized by the presence of non caseating granulomas in affected organs. Lofgren s syndrome is a benigne, acute, self limiting form of sarcoidosis characterized by the association of erythema nodosum or polyarthralgia or polyarthritis and bilateral hilar lymphadenopathy. Sarcoidosis can be difficult to diagnose because the disease produces few signs and symptoms in early stage and when they occur, they can mimic those of other diorders, expecially lymphoproliferative disorders. Serum ACE levels as a diagnostic test is limited (sensitivity 60%, specificity 70%). In literature is reported higher sensitivity (88%) and specificity (92%)of chitotriosidase as a marker of active sarcoidosis, although in our case the results were not significant. The chest radiographic findings has various diagnostic reliability (accuracy of 98% in stage I, 89% in stage II, low in other stage). Chest TC scan has very high sensitivity, but low specificity for detecting sarcoidosis. In conclusion, a biopsy with histopatological exam is essential to confirm a diagnosis of Lofgren syndrome and rule out other causes of bilateral hilar lumphadenopathy.

11 2 A CASE OF ACUTE HAEMORRHAGIC ALVEOLITIS CAUSED BY INTRAVESICAL BACILLUS CALMETTE-GUÉRIN INSTILLATION. Antonielli E. Vannucchi V. Crociani A. Ciervo D. Degl'Innocenti G. Turchi V. Mancini A. Para O. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi, Firenze We report a case of a 80-year-old man who presented to our emergency department for high fever (39 C), hematuria and dyspnea four hours after intravesical administration of Calmette-Guérin bacille (BCG) for a superficial bladder cancer. The patient already underwent two cycles of instillation. He developed hypoxemic respiratory failure with diffuse alveolitis at chest CT scan. Leukocyte count was 5.06 X 10^9/L, liver function test revealed aspartate aminotransferase 189U/L (15-37 U/L) and alanine aminotransferase 113 U/L (30-65 U/L). Search for Legionella and pneumococcal urinary antigen and sputum staining for Mycobacterium Tubercolosis were negative. A bronchoscopy revealed diffuse alveolar hemorrhage. The analysis of the bronchoalveolar lavage (BAL) fluid was negative for Mycobacterial species, pneumocystis jirovecii, and other bacterial and viral infection. The nasopharingeal swab for H1N1 was negative as well as results of galactomannan in serum and BAL. Empiric antibiotic treatment was started with no benefits. There was a rapid and significant clinical and radiological improvement with pulsed bolus of steroids and i.v. Immunoglobulins. A control of the computed tomography of the chest revealed multiple ground-glass opacities on both lung fields. Search for autoantibodies (i.e. ANCA, GBM) turned negative as well as BAL cytology. We supposed that a diagnosis of hypersensitivity interstitial pneumonitis with hemorrhagic alveolitis was the most fitting with the clinical picture. In literature there are few reports on hypersensitivity pneumonitis (HP) following intravesical instillation of BCG and none with hemorrhagic alveolitis. HP is explained by a hypersensitivity phenomenon following, usually, traumatic instillation of BCG. Hypersensitivity pneumonitis (HP) is a rare immunologically mediated lung disease caused by repeated exposition of organic antigens and should be considered in patients with acute respiratory symptoms with onset soon after immunotherapy with BCG.

12 3 A CASE OF DEADLY ACUTE LIVER FAILURE DUE TO DEATH CAP. Antonielli E. Crociani A. Vannucchi V. Ciervo D. Degl'Innocenti G. Fedeli L. Fintoni T. Para O. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze On august 8th a 74-year-old female was admitted to the emergency room with nausea, vomiting, and diarrhea. She reported ingesting non commercially sold mushrooms with other members of the same family, at a common Sunday lunch nearly 96 hours earlier. No other member reported GE symptoms. Her past medical history was relevant only for hypertension. She lived alone and she did not consume alcohol, and she did not use any medication. On admission vital signs were normal, her physical examination was unremarkable except for dehydration. Arterial blood gas analysis was normal. There were laboratory signs of hepatitis. After starting fuid replacement she was admitted to our Internal Medicine Unit. On the next morning hepatitis B surface antigen, hepatitis B core antibody, immunoglobulin M, and antihepatitis C antibody were found to be nonreactive. A hepatitis B virus DNA analysis was performed using the polymerase chain reaction and was negative. After carefully reviewing her history appeared evident that, on Sunday dinner, she alone ate mushrooms deemed to be amanita cesarea ( Cesar s mushroom ), but advised with caution from the mushroom picker to throw it away. On the second day amanituria turned positive. Along with lab signs of worsening hepatic failure, she developed hypotension and confusion. The regional referral center for liver transplantation was consulted, but unfortunately for her advanced age, despite a good performance status previous to admission and the low index of comorbidity, the patient was deemed unsuitable for the procedure. She was then transferred to Intensive Care Unit where she was intubated and supported in vital functions, as well as started venousvenous hemofiltration with MARS filters and plasma exchange. After 7 days of hospital admission she died. Mushroom poisoning is a relatively rare cause of acute liver failure. Amanita phalloides (death cap) is the most common and fatal cause of mushroom poisoning. Many illustrious deaths in the history are attributed to this mushroom commonly named death cap. One of the most popular is the death (or assassination?) of the Holy Roman Emperor Charles VI; as stated by the french illuminist Voltaire as dish of mushrooms changed the destiny of Europe." Death cap, that can be confused with Cesar s mushrooms, contains amanitins, which are powerful hepatotoxins that inhibit RNA polymerase II in liver. This process is characterized by an asymptomatic incubation period followed by the gastrointestinal and hepatotoxic phases which rapidly progress to multiorgan failure and eventually death in most cases. One option of effective treatment is plasmafiltration with dedicated filters (i.e. Molecular Adsorbents Recirculating System MARS). It is a procedure that offers some advantage when started soon after toxic mushrooms ingestion in order to avoid or as a bridge to liver transplantation. This case is relevant since it points out two special aspects of acute liver failure due to Amanita phalloides ingestion. One is the needing of a repeated careful history taking; the second one is the needing of a basic medical culture on edible mushroom micology.

13 4 A CASE REPORT OF ACQUIRED HEMOPHILIA A Manetti S. Cappelli F. Rosi C. Stanganini S. Santoro E. AUSL8 Arezzo Bibbiena Background: acquired hemophilia A (AHA) is a rare autoimmune disorder, caused by circulating auto-antibodies against factor VIII (FVIII), that results in inhibition of FVIII coagulant activity. The incidence is approximately 1 per million/year and related mortality rate is more than 20%. In 50% of cases it happens in patients with medical conditions such as postpartum, autoimmune disorders, underlying hematologic or solid cancers, infections, vaccination and use of medications. Two primary goals are: emergency management with bleeding control and inhibitor elimination, as long term therapy. Case Report: we admitted a 58 years old woman, with history of multiple sclerosis, with severe anemia caused by multiple hematomas and bruising after minor trauma; about 6 months before, she had needed hospitalization in other hospital for severe abdomen hemorrhage during heparin prophylaxis, requiring embolization of her right internal iliac artery. In the Emergency Department her blood tests revealed hemoglobin of 6,4 g/dl and prolongation of PTT (56 sec). After 3 packed red blood cell replacement and plasma infusion, hemoglobin value was 9.0 g/dl and there wasn t any improvement in PTT (58 sec). The history of new-onset bleeding diathesis with PTT prolongation, without correction with plasma replacement and history of autoimmune disease put clinical suspicion of acquired hemophilia. Laboratory tests confirmed low FVIII levels (1,2%) and presence of antibodies against factor VIII (FVIII) with low titer (3,5 U/mL Bethesda). Clinical picture showed stability therefore it was not necessary to use specific haemostatic agents such as bypassing agents (recombinant factor VIIa and activated prothrombin complex concentrates), usually useful for patient with high titer of inhibitors, or administration of FVIII concentrates, usually required for patients with low titer of inhibitors, to control bleeding. After consultation of the main Center of Tuscany (Careggi Hospital), we started prednisone therapy 1 mg/kg/die and we observed a progressive reduction of PTT and after a week PPT was normalized (33 sec), FVIII was 15,9% and inhibitors titer decreased to 1,7 U/mL. Conclusion: acquired hemophilia A is an uncommon cause of bleeding diathesis but prompt diagnosis is necessary to treat specifically life-threatening bleeding and to begin immunosuppressive therapy to eradicate FVIII inhibitors.

14 5 A DANGEROUS POLYARTHRITIS Vannucchi V. Ciervo D. Degl'Innocenti G. Antonielli E. Crociani A. Rocchi F. Fintoni T. Fedeli L. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze Venous thromboembolism represents a complication of systemic inflammatory diseases. Acute rheumatic disease (ARF) is a severe and sometimes overlooked disease involving heart, joints, skin and central nervous system. We report a rare case of pulmonary embolism in a patient with ARF. A 45 year-old italian man was admitted in our ward for sudden onset dyspnea, fever and painful migrant polyarthritis, involving hands, wrists and knees joints. He referred recurrent pharingitis over the last 2 months treated with extendedspectrum antibiotic therapy. On examination he was tachypnoic with bibasilar crackles and severe hypoxic-hypocapnic respiratory failure; joints of wrists and knees appeared swelling and warmth with a severe limitation of motion. A CTscan revealed a sub-massive pulmonary embolism. An anticoagulant treatment was started. Considering the severe joint involvment an extended blood test panel was performed revealing elevated levels of C-reactive protein and erythrocyte sedimentation rate associated with high-titer of antistreptolysin-o antibodies and cryoglobulines. Throat culture was negative for streptococcal infection. Lupus anticoagulant (LA) was positive but antiphospholipid antibodies were negative as well as the research for congenital thrombophilic mutations. The echocardiogram exam excluded a cardiac involvement, showing a normal left ventricular systolic function and absence of valvular defects. According with Jones criteria a diagnosis of ARF was performed and an appropriate antibiotic therapy was started with a rapid improvement of polyarthritis. Pulmonary embolism represents a rare complication associated with ARF. Systemic flogosis, cryoglobulines and LA positivity seem to be the major risk factors in this case.

15 6 A DILEMMA IN DIAGNOSIS: PRIMARY HEPATIC LYMPHOMA Degl'Innocenti G. Ciervo D. Vannucchi V. Crociani A. Rocchi F. Bacci F. Biagioni M.C. Para O. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze Primary hepatic lymphoma (PHL) is an extremely rare malignancy, accounting for less than 0.4% of extranodal non- Hodgking lymphomas and 0.016% of all non-hodgking lymphomas. The majority of PHL case originate from B cells while T-cell lymphoma is less common. The etiology of PHL is unknown and although the liver contains lymphoid tissue, host factors seem to make the liver a poor environment for the development of malignant lymphoma. We report a case of a 70-year old woman with a history of previous (5 years ago) latero-cervical lymphoma with negative follow-up. 1 month before admission she had taken nimesulide for several days for low back pain. Ten days later she was admitted to the emergency room for jaundice: abdomen Doppler ultrasound and abdomen computed tomography (CT) resulted negatives and liver damage was attributed to drugs (nimesulide); so she was discharged. For the persistent of icterus and further increase of bilirubin levels (predominantly direct share) she was admitted to our department. She had also increased level of cholestasis indices and serology for human immunodeficiency (HIV), Hepatitis C (HCV), and hepatitis B (HBV), Ebstein Barr virus (EBV) and Citomegalo-virus (CMV) resulted negatives. Tumor markers and autoantibodies specific for the liver and bile ducts resulted negatives. A supplemental colangio-mri showed mild enlargement of the main bile duct. It was performed hepatic biopsy that resulted positive for hepatic lymphoma originate from B cells and, after haematologist evaluation, she began chemotherapy.

16 7 A RARE CAUSE OF HYPERCALCEMIA IN A YOUNG WOMAN: THE PRIMARY LYMPHOMA OF THE BONE. Para O. Crociani A. Antonielli E. Panigada G. Fintoni T. Fedeli L. Biagioni MC. Manni M. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze Clinical case: a 26 years-old woman presented to our department to persistence by about 15 days of nausea, vomiting, epigastric discomfort and high fever. The patient had not relevant clinical history in the past. She had family history of primary hyperparathyroidism (mother affected by parathyroid adenoma). For about a month she referred lumbar pain in the absence of radiological changes treated with NSAIDs with little benefit. At admission to our department high values of serum calcium (14.5 mg / dl) with normal serum parathormone level were found in blood. An abdominal echography showed obstructive hydro-ureteralnephrosis. The physical examination didn t show hepato-splenomegaly or lymphadenopathy. A chest-abdominal CT scan showed diffuse osteolytic lesions in the spine, pelvis and femur. On blood tests microcytic anemia, ferritin values within the limits and high values of vitamin B12 were present. Absence of M component in serum or urine, protein electrophoresis, immunofixation, Bence-Jones proteinuria and free light chains value excluded a multiple mieloma. In view of the family history of parathyroid adenoma with hyperparathyroidism, we performed neck ultrasonography and parathyroid 99mTc-MIBI planar scintigraphy that resulted normal. The curve of PHT has however showed a trend within the physiological limits. Urinary electrolytes (calcium, magnesium, sodium, potassium) were normal. We found mild vitamin-d deficiency. Autoantibody were negative. Mammography and breast ultrasound didn t show pathological findings. Tumor biomarkers and immunophenotype examination were normal. A total-body PET revealed the presence of diffuse bone lesions with different degrees of metabolic activity in absence of extra-osseous sites of uptake. In the suspicion of Paget s disease were also assayed urinary pyridinoline that found within limits. Vertebral biopsy was unrevealing. During hospitalization hypercalcemia was resistant to medical treatment with marked neurological symptoms. In consideration of the persistent hyporigenerative microcytic anaemia in the absence of active bleeding (EGS negative, absence of macroscopic bleeding) we performed bone marrow biopsy that showed large B-cell lymphoma indicative of primary lymphoma of the bone (CD45 +, CD20 +, CD10 + weak, CD3-, CD5-, Tdt-, CD30-, ALK1-, CD56-). Serology for CMV, EBV, HIV and hepatitis viruses were negative. The patient was therefore transferred to the Hematology Department where she began chemotherapy (CHOP), which is currently in progress. Discussion: Primary lymphoma of the bone (PLB) primarily arising from the medullary cavity is an extremely rare entity, with only retrospective studies and sporadic cases reported in the literature. The cause of PLB is not well-known now, however, viral infection, immunodeficiency, organ transplantation, Paget s disease of the bone and inherited factors have been identified as possible causes in the process; although this has only been found in retrospective studies. The majority of PLB patients are >45 years of age and there is a slight male preponderance, with a male to female ratio of 1.2:1.8. Involvement of any region of the skeleton is possible, however, a trend exists in favor of the long bones with persistent bone marrow PLB has an improved prognosis compared with other bone malignant tumors, such as osteosarcoma or secondary lymphoma of the bone. A younger age has also been identified as an independent predictor of survival. PLB is a distinct clinicopathological entity with a relatively homogeneous morphology and clinical behavior, and is usually of B-cell type. PET-CT is of great importance in evaluating CR, and patients with PLB treated with combined modality therapy have been found to exhibit a superior outcome compared with those treated by single modality therapy.

17 8 A STRANGE CASE OF ANCA-ASSOCIATED VASCULITIS: CAN MYCOBACTERIAL INFECTION DELAY THE DIAGNOSIS? Ciervo D. Antonielli E. Vannucchi V. Crociani A. Casati C. Mancini A. Innocenti R. Para O. Degl'Innocenti G. Pieralli F. Nozzoli C. Medicina Interna e d'urgenza AOU Careggi Firenze According to Chapel Hill Consensus Conference, microscopic polyangiitis (MPA) is defined as a systemic, necrotizing, non granulomatous vasculitis with few or no immune deposits, affecting small vessels. It is an autoimmune disease in which antineutrophil cytoplasmic antibodies (ANCA) play an important pathogenetic role presenting in 95% of patient: 70% are directed against MPO and 30% against PR3. This kind of vasculitis affects renal and pulmonary small vessels even if other organs can be involved such as gastrointestinal tract and Central nervosu system. Recent studies showed P-ANCA positivity also in non vasculitic disease such as chronic infections especially in Mycobacterial ones. We present the case of E.M.P, a 53 years old peruvian woman, admitted to our general ward for frontal headache associated with vomit without neurogical difects. A CT brain scan showed frontal cerebral bleeding with subaracnoideal hemorrhage so we performed an angiografphic study that was negative for cerebral vascular malformations. Laboratory testing showed acute oliguric renale failure with serum creatinine 4,2 mg/dl (vs 1.7 mg/dl two months before), nefritic urinary deposit and non nefrosic proteinuria (2.132 mg/24h). In her past clinical history, patient referred a renal BK infection succesfully treated with left nefrectomy and antimicrobial therapy. So we performed microbiological test (colture, genic amplification for BK and Quantiferon) that were negative per BK infection and thoracic-abdominal CT that was negative for pulmonary or renal tubercolosis relapse. Because of the renal function rapid deterioration (Serum creatinine 5.65 mg/dl) we performed an ultrasound exam, negative for urinary obstruction and laboratory tests that showed ANCA positivity (MPO 431 UI/mmL). Renal biopsy was not possibile because of patient s clinical condition. An ANCA-associated vasculitis was susptected so we started specific therapy with plasmapheresis, high dose steroids and rituximab with gradual renale function improvement. Recent studies showed the P-ANCA positivity also in non vasculitis disease such infections especially in Mycobacterial ones. In patients affected by TB: above 52,4% had P-ANCA positivity; of theese 47,6% showed anti-mpo and 28,6% anti-pr3. The low specificity of P-ANCA autoantibodies in that contenxt suggests that treatment decision should be focused non only on the result of ANCA test but also on the clinical features and over all on hystological biopsy which is the gold standard for an appropriate diagnosis.

18 9 ACCURACY OF NURSE-PERFORMED LUNG ULTRASOUND IN PATIENTS WITH DYSPNEA: A SINGLE-CENTRE PROSPECTIVE OBSERVATIONAL STUDY Masi L. Cresci A. Basile V. Sabatini S. Cei M. Bianchi L. Mazzi V. Mumoli N UO Medicina 1 - Ospedale di Livorno Several studies have recently shown that lung ultrasound (LUS) hold a reliable and easy evaluation of pulmonary congestion by assessment of B-lines; the aim of this study was to assess the diagnostic accuracy of nurse-performed LUS in the differential diagnosis of dyspnea. We prospectively evaluated all consecutive inpatients referred for dyspnea from April 2014 to September All patients underwent LUS, first by trained nurses and then by physicians expert in chest ultrasonography, with every group blinded with respect to each other. Interobserver agreement and accuracy of nurse-performed LUS were calculated, considering the physician's final diagnosis as the reference test. 175 nurse-performed LUS were included in the study. Nurse-performed LUS demonstrated sensitivity of 93.7% (95% CI ) and specificity of 98.7% (CI ), a positive predictive value of 99.2% (CI ) and a negative predictive value of 97.3% ( ). Correlation with the physician was good (r = 0.89). This preliminary report demonstrates that nurse-performed LUS achieved similar accuracy to physician-performed LUS. This approach could resolve some shortage problems in geographical areas or in times of economical constraints, where the availability of a trained physician is limited. Moreover, it should therefore be considered for routine use as part of the nurse triage in the emergency department for patients admitted with respiratory symptoms. Prospective studies with greater patient numbers would be valuable.

19 10 ACUTE INTERMITTENT PORPHYRIA Basile V. Brondi B. Cresci A. Mumoli N UO Medicina 1 - Ospedale Livorno Introduction: Acute intermittent porphyria (AIP) is a hereditary disorder resulting from a partial deficiency of the heme biosynthetic pathway. Since biochemical measurements of patients and their healthy relatives overlap, the diagnosis of AIP may remain undetermined at the symptom-free phase. During an acute attack, which includes various neurovisceral symptoms, measurement of urinary porphobilinogen is a method of choice to confirm diagnosis. Clinical case: A 75-year-old woman with recent urinary infection presented with recurrent acute abdominal pain, vomiting, weakness and confusion. She also had orthostatic hypotension and bradycardia. Her medical and family history was unremarkable and she taking no medication. Physical examination showed no abnormalities except for moderate quadriparesis and abnormal behaviour with hallucinations. When a urinary catheter was placed, dark and reddish urine was drained and urinalysis showed no hematuria or pyuria. A diagnosis of AIP was confirmed by increased urinary excretion of porphobilinogen. She was treated with hematin and an adequate calorie intake and symptoms resolved in 2 days. Comments: AIC is a rare autosomal dominant metabolic disorder of the heme synthesis due to deficiency of porphobilinogen deaminase enzyme; it show low penetrance and thus might not appear in every generation. Clinical manifestations vary and consist of abdominal pain, peripheral neuropathy, orthostatic hypotension and mental disturbances and a high index of clinical suspicion is important to avoid delayed diagnosis. Drugs, alcohol, fasting, stress and infection are the most common precipitants of the acute attack.

20 11 AUDIT CLINICO COME STRUMENTO EFFICACE NEL MIGLIORAMENTO DELLA DIMISSIONE DEL PAZIENTE DIABETICO DALLE UO DI MEDICINA INTERNA Montagnani A. in rappresentanza del Gruppo DDIMA U.O. Medicina Interna, Ospedale Misericordia USL 9 Grosseto Il paziente diabetico rappresenta una significativa percentuale dei pazienti dimessi dalle Medicine Interne Ospedaliere ed il miglioramento della qualità delle cure offerte è un campo di sfida quotidiano. Lo scopo del presente studio è stato quello di condurre un Audit Clinico al fine di evidenziare le potenzialità di miglioramento ed implementare gli strumenti al fine di ottenere un progresso nella qualità assistenziale dei pazienti diabetici. L Audit Clinico è stato strutturato in 5 fasi: 1. Preparazione (selezione dei topic, definizione clinica delle domande, selezione dell evidenze, ecc ); 2. Definizione dei criteri, indicatori e standards; 3. Raccolta retrospettiva dei dati; 4. Analisi dei dati, identificazione dei maggiori discostamenti dagli standards; 5. Implementazione delle misure correttive; 6 raccolta dei dati post-implementazione. E stato condotto uno studio multicentrico, che ha coinvolto 20 Unità Operative di Medicina Interna nella I fase e 13 nella II fase, da almeno 10 Regioni Italiane. La documentazione clinica è stata raccolta retrospettivamente ottenendo informazioni da 1332 e 1052 dimissioni di pazienti diabetici, rispettivamente nella I e II fase del progetto. Risultati I fase vs II fase: Indicatore 1 (Ind1): N pazienti che ricevono informazioni sul controllo glicemico/pazienti dimessi (41,59 % vs 69,49 %; + 27,90 %) Indicatore 2 (Ind2): N Pazienti che ricevono istruzioni sul trattamento dell ipoglicemia/ pazienti dimessi (32,37 % vs 72,34 %; +39,97 %) Indicatore 3 (Ind3): N Pazienti che ricevono istruzioni sulle modalità di somministrazione sottocutanea dell insulina/ pazienti dimessi (60,42 % vs 80,50 %; +20,08 %) Indicatore 4 (Ind4): N Pazienti che ricevono uno schema o almeno consigli alimentari/pazienti dimessi (24,77 % vs 70,82 %; +46,04 %) Indicatore 5 (Ind5): N Pazienti con iperglicemia nota o nuova a cui viene dato un appuntamento ambulatoriale in lettera di dimissione/pazienti dimessi (60,66% vs 84,89%; +24,23%) Indicatore 6 (Ind6): N Pazienti con HbA1c riportata in lettera di dimissione/ pazienti dimessi (40,62 % vs 73,00 %; +32,39 %). L Audit Clinico, dopo aver consentito l identificazione delle carenze dei comportamenti clinici nella dimissione dei pazienti diabetici dalle UO di Medicina Interna italiane, ha permesso di ottenere i miglioramenti potenziali identificati dall elaborazione sistematica delle LG internazionali e nazionali. Al fine di stabilizzare questi significativi progressi dovrà seguire una continua azione di controllo e feedback standardizzando quei comportamenti che determinano una maggiore qualità di cura del paziente diabetico dimesso dall ospedale.

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

I linfomi non-hodgkin

I linfomi non-hodgkin LINFOMA NON HODGKIN I linfomi non-hodgkin (LNH) sono un eterogeneo gruppo di malattie neoplastiche che tendono a riprodurre le caratteristiche morfologiche e immunofenotipiche di una o più tappe dei processi

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not?

I was not you were not he was not she was not it was not we were not you were not they were not. Was I not? Were you not? Was she not? Il passato Grammar File 12 Past simple Il past simple inglese corrisponde al passato prossimo, al passato remoto e, in alcuni casi, all imperfetto italiano. Con l eccezione del verbo be, la forma del past

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Come si prepara una presentazione

Come si prepara una presentazione Analisi Critica della Letteratura Scientifica 1 Come si prepara una presentazione Perché? 2 Esperienza: Si vedono spesso presentazioni di scarsa qualità Evidenza: Un lavoro ottimo, presentato in modo pessimo,

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta

La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta La valutazione degli indicatori di processo e di outcome Francesco Dotta U.O. Diabetologia, Policlinico Le Scotte Università di Siena GLI INDICATORI: DEFINIZIONE L indicatore è un informazione, quantitativa

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara

DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO SECONDARIO. Paola Franceschetti. Università degli Studi di Ferrara PATOLOGIE ENDOCRINE E CHIRURGIA: INNOVAZIONI TECNOLOGICHE E TRATTAMENTI MINI-INVASIVI TIROIDE, PARATIROIDI, PANCREAS E SURRENI Ferrara, 7 dicembre 2012 Hotel Duchessa Isabella DEFICIT DI VITAMINA D E IPERAPARATIROIDISMO

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE

GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE GLI INDICATORI COME STRUMENTO PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA ASSISTENZIALE D r. C a r l o D e s c o v i c h U.O.C. Governo Clinico Staff Direzione Aziendale AUSL Bologna Bologna 26 Maggio 2010 INDICATORE

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino

GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino GLICEMIA VENOSA, GLICEMIA CAPILLARE, GLICEMIA INTERSTIZIALE: DOV'È LA VERITÀ? Giorgio Grassi AOU S. Giovanni Battista di Torino Accuratezza Accuratezza Analitica: Quanto il risultato del metodo di dosaggio

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica?

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO) con complicanza emorragica gastrointestinale presenta aspetti problematici

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life

PRESENT SIMPLE. Indicativo Presente = Presente Abituale. Tom s everyday life PRESENT SIMPLE Indicativo Presente = Presente Abituale Prerequisiti: - Pronomi personali soggetto e complemento - Aggettivi possessivi - Esprimere l ora - Presente indicativo dei verbi essere ed avere

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE

Mario Sbriccoli, Ercole Sori. Alberto Grohmann, Giacomina Nenci, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELLA REPUBBLICA DI SAN MARINO CENTRO SAMMARINESE copertina univ. 21 11-04-2005 16:30 Pagina 1 A State and its history in the volumes 1-20 (1993-1999) of the San Marino Center for Historical Studies The San Marino Centre for Historical Studies came into

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam.

INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 DHCP Dynamic Host Configuration Protocol Fausto Marcantoni fausto.marcantoni@unicam. Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 2014/2015 Capitolo 4 Dynamic Host Configuration Protocol fausto.marcantoni@unicam.it Prima di iniziare... Gli indirizzi IP privati possono essere

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma.

ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna Per ncdna si intende il DNA intronico, intergenico e altre zone non codificanti del genoma. ncdna è caratteristico degli eucarioti: Sequenze codificanti 1.5% del genoma umano Introni in media 95-97%

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C

T H O R A F L Y. Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems. Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C T H O R A F L Y Sistemi di drenaggio toracico Thoracic drainage systems Catalogo 2009 - Catalogue 2009 GRUPPO C GROUP C SOMMARIO GRUPPO C (SUMMARY C GROUP) 1/C II SISTEMI DI DRENAGGIO TORACICO COMPLETI

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli