Profilassi e terapia domiciliare del TEV nel paziente medico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Profilassi e terapia domiciliare del TEV nel paziente medico"

Transcript

1 Bastia, 23 Febbraio 2008 Profilas e terapia domiciliare del TEV nel paziente medico Melina Verso Sezione di Medicina Interna e Cardiovascolare- Stroke Unit Univertà di Perugia

2 Key Points Profilas del TEV nel paziente medico In quali pazienti dovrebbe essere conderata la profilas domiciliare del TEV? Quali sono i farmaci e le do raccomandate per la profilas? Quale è la durata ottimale della profilas del TEV nel paziente medico? Dopo la dimisone la profilas va continuata? Trattamento del TEV nel paziente medico

3 Key Points Profilas del TEV nel paziente medico In quali pazienti dovrebbe essere conderata la profilas domiciliare del TEV? Quali sono i farmaci e le do raccomandate per la profilas? Quale è la durata ottimale della profilas del TEV nel paziente medico? Dopo la dimisone la profilas va continuata? Trattamento del TEV nel paziente medico

4 Introduzione Although VTE is most often condered to be associated with recent surgery or trauma, 50 to 70% of symptomatic thromboembolic events and 70% to 80% of fatal PEs occur in nonsurgical patients. From the perspective of the general population, hospitalization for an acute medical illness is independently associated with about an eightfold increased relative risk for VTE and accounts for almost one-quarter of all VTE events. [Geerts08]

5 VTE in medical patients:need for a prophylaxis Patients hospitalized for medical reasons or for general surgery share the same level of VTE risk Moderate risk 15-20% Patient Group DVT Prevalence, % Medical patients General surgery Major gynecologic s Major urologic surgery Neurosurgery Stroke Hip or knee arthroplasty, hip fracture surgery Major trauma Spinal cord injury Critical care patients 10-80

6 Studi nella profilas del paziente medico Study/Year Patients (mean age, yr) DVT screening Control Intervention Experimental Control DVT Experimental Gallus 1973 CHF nr FUT X 11 d No prophylaxis LDUH tid 7/15 (46.7) 1/11 (9.1) Belch 1981 CHF, pneumonia FUT up to 14 d No prophylaxis LDUH tid 13/50 (26.0) 2/50 (4.0) Cade 1982 Medical patients + 2nd risk factor FUT X 4-10 d Placebo LDUH bid 7/67 (10.4) 1/64 (1.6) Dahan,1986 Age >65 yr FUT X 10 d Placebo Enoxaparin, 60 mg daily 12/131 (9.2) 4/132 (3.0) Samama 1999 MEDENOX Age >40 yr + 2nd risk factor Venography or DUS day 6-14 Placebo Enoxaparin, 20 mg daily Enoxaparin, 40 mg daily 43/288 (14.9) 43/287 (15.0) 16/291 (5.5) Leizorovicz 2004 PREVENT Age > 40 yr + acutely ill medical patients DUS day 21 Placebo Dalteparin, 5,000 U daily 73/1473 (5.0) 42/1518 (2.8) Cohen 2006 ARTEMIS Acutely ill pts + age >60 yr Venography day 6-15 Placebo Fondaparinux, 2.5 mg daily 34/323 (10.5) 18/321 (5.6)

7 Criteri di Incluone MEDENOX 1999 età 40 anni, ricovero 6 giorni e SCC (NYHA III/IV) mal. resp. acute mal. infettive, articolari acute e IBD + 1 FdR predefinito* PREVENT 2004 età 40 anni, ricovero 6 giorni e SCC (NYHA III/IV) insuff. resp. acuta mal. infettive, articolari acute e IBD + 1 FdR predefinito* ARTEMIS 2003 età 60 anni, ricovero 4 giorni e SCC (NYHA III/IV) mal. respir. acute e croniche mal. infettive o infiammatorie acute - Non ulteriori FdR * età> 75 anni, neoplaa, storia di TEV, obetà, vene varicose, terapia estro-progestinica,,insuff. venosa cronica, insuff. respiratoria cronica

8 End-points di Efficacia/Sicurezza MEDENOX 1999 PREVENT 2004 ARTEMIS 2003 Efficacia - DVT venografica distale & prosmale + TEV ntomatico + EP fatale Efficacia -DVTultrasonografica prosmale + TEV ntomatico + EP fatale Efficacia - DVT venografica distale & prosmale + TEV ntomatico + EP fatale Sicurezza Sicurezza Sicurezza - sanguinam. maggiori - sanguinam. maggiori - sanguinam. maggiori - Morte a 90 g - Morte a 90 g - Morte a 30 g

9 Studi di profilas in Pazienti Medici MEDENOX PREVENT ARTEMIS Enox. Placebo Daltep. Placebo Fond. Placebo TEV nt + TVP prox a 14-21g 2.1% 6.6% 2.6% 5.0% 1.5% 3.4% EP fatale a 14-21g 0% 0% 0% 0.1% 0% 1.5% Sanguin maggiori 1.7% 1.1% 0.5% 0.2% 0.2% 0.2% mile 50% RR in termini di rischio trombotico rischio basso di EP fatale durante profilas rischio basso di sanguinam. clinicamente rilevanti con LMWHs & Fondaparinux

10 Tromboprofilas in Medicina Interna: una meta-anali Sette trials, 15,095 pazienti UFH o LMWH versus controllo DVT RR=0.44 [ ] P <0.001 PE RR=0.48 [ ] P <0.001 Bleeding RR=1.87 [ ] P = n.s. Death RR=0.95 [ ] P = n.s Heparins better Control better Mismetti P et al. Thromb Haemost 2000;83:14 19

11 Studi di Confronto fra UFH ed EBPM nella profilas del paziente medico Study/Year Patients (mean age, yr) DVT screening LDUH Intervention LMWH LDUH DVT LMWH Bergmann 1996 Bedridden, age > 65 yr FUT X 10 d 5,000 U bid Enoxaparin, 20 mg daily 10/216 (4.6) 10/207 (4.8) Harenberg 1996 Bedridden, age yr + 2nd risk factor Proximal DUS day ,000 U tid Nadroparin, 3,400 AXa U daily 4/780 (0.5) 6/810 (0.7) Lechler 1996 Immobile > 7 d + 2nd risk factor DUS day 7 5,000 U tid Enoxaparin, 40 mg daily 6/377 (1.6) 1/393 (0.3) Kleber 2003 Severe respiratory disease or CHF Venography if D-dimer or fibrin monomer potive days ,000 U tid Enoxaparin, 40 mg daily 22/212 (10.4) 20/239 (8.4)

12 Tromboprofilas in Medicina Interna: LMWH vs UFH Nove trials, 4,669 pazienti LMWH versus UFH DVT P=NS PE P=NS Bleeding RR=0.48 [ ] P=0.049 Death P=NS LMWH better UFH better Mismetti P et al. Thromb Haemost 2000;83:14 19

13 Efficacia della profilas antitrombotica per sottogruppi Placebo Enoxaparina 40 mg Pazienti RRR* Scompenso cardiaco % Insufficienza respiratoria % Patologia infettiva % Infezione + insuff. respiratoria % Patologia reumatica % *RRR: enoxaparina (40 mg) Incidenza di TEV (%) versus placebo; P<0.02 Alikhan R et al. Blood Coagul Fibrinolys 2003;14:341 6

14 I pazienti medici a più elevato rischio di TEV I pazienti con insufficienza cardiaca congestizia Il rischio di TEV aumenta col decrescere della FE EF < 20% oppure % CI 9.6, Howell MD et al. J Clin Epidemiol 2001

15 I pazienti medici a più elevato rischio di TEV:il rischio cresce con l età Placebo Enoxaparina 20 mg Enoxaparina 40 mg N. Pazienti Gruppi per età Numero di eventi/numero totale (%) 40 a 49 0/5 0/7 0/10 50 a 59 1/25 (4.0) 0/20 0/22 60 a 69 3/47 (6.4) 7/68 (10.3) 6/69 (8.7) 70 a 79 20/110 (18.2) 18/117 (15.4) 8/105 (7.6) > 80 19/101 (18.8) 18/75 (24.0) 2/85 (2.3) Risultato della flebografia a 14 giorni MEDENOX Internal report 1999

16 Prevention of Venous Thromboembolism: The Eighth ACCP Conference on Antithrombotic and Thrombolytic Therapy William H. Geerts, MD, FCCP; David Bergqvist, MD, PhD; Graham F. Pineo, MD; Michael R. Lassen, MD; John A. Heit, MD; Charles M. Samama, MD, PhD; and Clifford W. Colwell, MD 2008 CHEST 2008

17 ACCP Recommendations 2008: Medical Conditions Raccomandazione di grado 1 A: (LMWH, LDUH, or fondaparinux) Scompenso cardiaco (NYHA III-IV) Patologia respiratoria acuta Immobilizzazione con Cancro Pregresso tromboembolismo venoso Sep Patologia infiammatoria intestinale Patologia neurologica acuta 2008 In presenza di controindicazione alla profilas farmacologica: GCS or IPC [Grade 1C].

18 ACCP Recommendations 2008: Cancer Patients For cancer patients undergoing surgical procedures, we recommend routine thromboprophylaxis that is appropriate for the type of surgery [Grade 1A]. Refer to the recommendations in the relevant surgical subsections. For cancer patients who are bedridden with an acute medical illness, we recommend routine prophylaxis as for other high-risk medical patients [Grade 1A]. Refer to the recommendations in the section dealing with medical patients.

19 ACCP Recommendations 2008: Cancer Patients For cancer patients with indwelling central venous catheters, we recommend that clinicians not use either LMWH [Grade 1B] or fixed-dose warfarin [Grade 1B] prophylaxis to try to prevent catheter-related thrombos. For cancer patients receiving chemotherapy or hormonal therapy, we recommend against the routine use of thromboprophylaxis for the primary prevention of VTE [Grade 1C]. For cancer patients, we recommend against the routine use of primary thromboprophylaxis to try to improve survival [Grade 1B].

20 Risk factors for VTE in medical patients BASIC CLINICAL CONDITIONS CHF (NYHA class III or IV) Acute respiratory disease Acute infectious disease Stroke Advanced malignancy Rheumatic disease (eg acute arthritis) Inflammatory bowel disease ADDITIONAL RISK FACTORS Previous VTE Older age (>40yr, especially > 75yr) Recent trauma or surgery Obety (BMI >30) Pares of the leg Varicose veins Estrogen therapy

21 Key Points Profilas del TEV nel paziente medico In quali pazienti dovrebbe essere conderata la profilas domiciliare del TEV? Quali sono i farmaci e le do raccomandate per la profilas? Quale è la durata ottimale della profilas del TEV nel paziente medico? Dopo la dimisone la profilas va continuata? Trattamento del TEV nel paziente medico

22 Farmaci approvati per la profilas del TEV in ITALIA EBPM/ pentasaccaride Profilas Trattamento Trattamento TVP SCA Profilas Chirurgia/ Ortopedia Medico TVP EP Gravidanza Cardiologia Emodiali Enoxaparina (CLEXANE) Dalteparina (FRAGMIN) Indicaz. non registrata* Bemiparina (IVOR) no No no Nadroparina (SELEPARINA) no no Tinzaparina no Indicaz. non registrata no Reviparina (CLIVARINA) no no Solo prev dopo PTCA Fondaparinux (ARIXTRA) no no no * Al momento non indicazione, anche se studio PREVENT Dati AIFA

23 Profilas del TEV nei pazienti medici: quale farmaco e quale dose? Farmaco Eparina non frazionata Enoxaparina Dalteparina Fondaparinux x 3 o x 2, Sottocute 40 mg /die, (20 mg/die non efficace) Sottocute /die, Sottocute 2.5 mg /die, Sottocute Dose

24 Key Points Profilas del TEV nel paziente medico In quali pazienti dovrebbe essere conderata la profilas domiciliare del TEV? Quali sono i farmaci e le do raccomandate per la profilas? Quale è la durata ottimale della profilas del TEV nel paziente medico? Dopo la dimisone la profilas va continuata? Trattamento del TEV nel paziente medico

25 Durata ottimale della profilas nel paziente medico La profilas antitrombotica va effettuata per un periodo complesvo di 6-14 giorni. Continuare la profilas antitrombotica a domicilio se il paziente viene dimesso dall ospedale prima del completamento del suddetto periodo!

26 Problemi aperti: la durata ottimale della profilas nel Da MEDENOX paziente medico a EXCLAIM Da MEDENOX ad EXCLAIM Lo studio EXCLAIM è stato disegnato per valutare efficacia e tollerabilità di una profilas protratta dopo la dimisone dall ospedale nei pazienti internistici ospedalizzati per patologia acuta.

27 Età 40 anni Allettamento ( ( 3 giorni) Patologia medica acuta Studio EXCLAIM: Criteri di incluone dei pazienti scompenso cardiaco, classe NYHA III/IV insufficienza respiratoria acuta altre condizioni mediche acute, inclu: ictus ischemico post-acuto infezione acuta in assenza di shock settico neoplaa in fase attiva Mobilità Livello 1 (pazienti totalmente allettati o sedentari) oppure Mobilità Livello 2 (livello 1 con posbilità di raggiungere il bagno) + Età > 75 anni o Storia pregressa di TEV o Diagno di neoplaa Hull RD, et al. J Thromb Thrombolys. 2006; 22:31-38.

28 Studio EXCLAIM: disegno dello studio Periodo di trattamento Follow-up Enoxaparina sc qd 40 mg R Enoxaparina sc qd 40 mg Placebo 22 giorni 10±4 4 giorni 28±4 4 giorni Fino a 180±10 10 giorni Screening Trattamento in aperto Trattamento in doppio cieco Follow-up Arruolamento Randomizzazione Fine trattamento Hull A et al. J Thromb Haemost 2006;22:31-38

29 Studio EXCLAIM: risultati di efficacia Incidenza (%) p=0,0011 4,9 2,8 RRR = 44% p=0,0319 3,7 2,5 RRR = 34% p=0,0044 Placebo Enoxaparina NNT: 48 NNH: ,1 RRR = 73% 0,3 0 Eventi tromboembolici veno TVP prosmale TEV ntomatica La riduzione di TEV osservata a 38 giorni è perdurata dopo 90 giorni NNT: numero di pazienti da trattare per evitare un evento NNH: numero di pazienti da trattare perchè verifichi un evento Hull RD, et al. ISTH 2007 Abstract OC 397

30 Studio EXCLAIM: risultati di tollerabilità 6 5 p=0,007 5,7 p=0,024 5,2 Placebo Enoxaparina Incidenza (%) ,8 p=0,019 3, ,15 Emorragie totali Emorragie maggiori Emorragie minori 0,6 Hull RD, et al. ISTH 2007 Abstract OC 397

31 Studio EXCLAIM: grado di mobilità e TEV Placebo Enoxaparina Livello 1 0 fattori di rischio 3.0% 2.1% Livello 1 1 fattori di rischio 6.8% 2.7% Livello 2 0 fattori di rischio 2.0% 1.9% Livello 2 1 fattori di rischio 5.6% 3.5% Yusen RD et al, Blood 2007 abs

32 Studio EXCLAIM: patologie e TEV Patologia Placebo Enoxa OR (95% CI) Stroke 8.3% 2.1% 0.24 ( ) SCC 4.7% 3.1% 0.64 ( ) Insuff. Resp. 3.7% 2.2% 0.60 ( ) Infezioni acute 5.3% 3.6% 0.66 ( ) Tapson VF et al Blood 2007 abs

33 Key Points Profilas del TEV nel paziente medico In quali pazienti dovrebbe essere conderata la profilas domiciliare del TEV? Quali sono i farmaci e le do raccomandate per la profilas? Quale è la durata ottimale della profilas del TEV nel paziente medico? Dopo la dimisone la profilas va continuata? Trattamento del TEV nel paziente medico

34 Treatment timeline of VTE 5-7 days UFH or LMWH Monitor UFH APTT ( x control) 4-5 day overlap Warfarin Monitor INR ( ) Monitor INR Maintain at start 3-6 months

35 Oral anticoagulants in cancer patients Warfarin therapy is complicated difficult to mantain tight therapeutic control (anorexia, vomiting, drug interactions) frequent interruption for thrombocytopenia and procedures venous access difficult increased risk of recurrence and bleeding

36 Long-term anticoagulation with LMWH Effective in warfarin restance Does not require monitoring Once daily SQ injection Potentially less bleeding

37 CLOT study Study degn: randomized, open-label, multicenter study Study population: active cancer patients with newly diagnosed, symptomatic DVT or PE Dalteparin 200 UI/Kg/die x 5-7 days Warfarin (INR 2.5) x 6 months R Dalteparin 200 UI/Kg/die x 1 month Dalteparin 150 UI/Kg/die x 5 months (Lee A. & Levine M., NEJM 2003)

38 CLOT study: efficacy results Kaplan-Meier Estimates (Lee A & Levine M, NEJM 2003)

39 Concluoni Si può concludere che la profilas del TEV con LMWH, LDUH or fondaparinux riduce il rischio di TVP antomatica di almeno il 50% (rispetto a nessuna profilas) in un ampia varietà di pazienti medici. La durata ottimale della profilas al momento è compresa fra un minimo di 6 ad un masmo di 14 giorni. Non è ancora definito se un prolungamento della profilas fino a 28 giorni a efficace e curo. La terapia degli eventi tromboembolici è sufficientemente standardizzata. Estono alcune evidenze che nel paziente con cancro potrebbe essere preferibile una terapia a lungo termine con LMWH.

40 Caso Clinico RA, paziente di sesso maschile, 78 anni, ex forte fumatore (circa 40 garette/die fino a 10 anni fa ), obeso (165 cm x 112 Kg: BMI 41) modico bevitore (?) PATOLOGIE BPCO DIABETE MELLITO TIPO 2 (ultima HbA1c:8.9), complicato da RETINOPATIA E POLINEUROPATIA IPERTENSIONE ARTERIOSA CARDIOPATIA ISCHEMICA CRONICA IN LABILE COMPENSO DAL 2004 (episodio, con ricovero, di scompenso congestizio) DIVERTICOLOSI DEL SIGMA POLIARTROSI GLAUCOMA BILATERALE STEATOSI EPATICA INSONNIA VARICI ARTI INFERIORI TERAPIA CONTINUATIVA DIFFUMAL 24 LUVION 100 TRIATEC 5 FUROSEMIDE 25 mg SPIRIVA ALIFLUS DISKUS 50/500 CARDIOASPIRIN EUIPNOS 20 LANSOPRAZOLO 15 NOVORAPID FLEXP. LEVEMIR FLUIFORT BUSTINE OSSIGENO GASSOSO 2 lit/min al bisogno (sporadicamente)

41 Caso clinico In data 04/01/2008 marcata riacutizzazione di BPCO con febbre, dispnea, incremento della tosse con espettorato di tipo muco-purulento. Al torace rantoli grossolani su tutti i campi Terapia con Levofloxacina 500 1/die per 10 giorni e, succesvamente, Ceftriaxone 1gr/die per altri 6 giorni, importante ricorso all Osgeno Per circa giorni tra letto e poltrona PROFILASSI del TEV?

42 Caso Clinico-2 paz di 23 anni APR: Obetà 115 Kg in terapia con: estroprogestinici (levonorgestrel/etinilestradiolo) da circa 6 me per polimenorrea APP: trauma accidentale alla caviglia destra ca 7 gg prima con conseguente applicazione di tutore gessato. RX caviglia: distacco osseo dell estremo distale del malleolo esterno. Immobilizzazione per 30 giorni. PROFILASSI del TEV?

43 paz di 55 anni Caso Clinico-3 APR: cr duttale infiltrante mammario 1994: mastectomia radicale dx dal 1994-al 1999 terapia con tamoxifene nov 1999: riscontro di metasta epatiche CHT 1 linea:6 cicli con antraciclina e taxolo remisone completa febb. 2002: ripresa di malattia: met. epatiche e polmonari CHT di 2 linea- non remisone sett. 2002: CHT di 3 linea; inserisce Port (tipo BARDPORT) giugno 2003: progresone a livello polmonare docetaxel+ capecitabina Da 15 giorni febbre con tosse produttiva: Rx addensamento polmonare basale destro. Inizia levofloxacina. PROFILASSI del TEV?

44 FINE PRESENTAZIONE

45 Farmaci approvati per la profilas del TEV in ITALIA EBPM/ pentasaccaride Profilas Trattamento Trattamento TVP SCA Profilas Chirurgia/ Ortopedia Medico TVP EP Gravidanza Cardiologia Emodiali Enoxaparina (CLEXANE) Dalteparina (FRAGMIN) Indicaz. non registrata* Bemiparina (IVOR) no No no Nadroparina (SELEPARINA) no no Tinzaparina no Indicaz. non registrata no Reviparina & (CLIVARINA) no no Solo prev dopo PTCA Fondaparinux (ARIXTRA) no no no * Al momento non indicazione, anche se studio PREVENT & indicazione arteriosa generica Dati AIFA

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO TROMBOEMBOLISMO VENOSO 343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO tromboembolismo venoso Il Tromboembolismo Venoso (TEV) rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità ospedaliera, anche se la sua incidenza

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Dott. Angelo Ghirarduzzi Responsabile SSD Angiologia Reggio Emilia Cona,, Ferrara 29.09.12

Dettagli

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico PREMESSA La chirurgia dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali è un problema

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma:

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: !"# Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: $ % &'( ')*! " # $% & % '!!!"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: "!"# Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità

BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza. Istituto Superiore di Sanità BANCA BIOLOGICA ISS: proposta di utilizzo per le stime di prevalenza Simona Giampaoli, Anna Rita Ciccaglione Istituto Superiore di Sanità Prevalenza e carico dell infezione cronica da virus dell epatite

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

Lo scompenso cardiaco nel Veneto

Lo scompenso cardiaco nel Veneto Lo scompenso cardiaco nel Veneto A cura del Coordinamento del SER Febbraio 2010 Questo rapporto è stato redatto dal Coordinamento del Sistema Epidemiologico Regionale Hanno contribuito alla sua stesura

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Area Valutazione del farmaco I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI nella fibrillazione atriale non valvolare L impiego delle terapie anticoagulanti è molto diffuso: dai dati

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli.

Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. Università degli Studi di Verona Il PatentDuctusArteriosuse il trattamento di legatura chirurgica come fattori di rischio di outcome sfavorevoli. M.Ventola, M.Magnani, L.Pecoraro, B.Ficial, E. Bonafiglia,

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario

Requisiti di Qualità per la Medicina Interna Sezione B4 Requisiti relativi alla gestione della CAP (polmonite acquisita in comunità) Sommario pag. 1 di 16 Sommario Premessa... 2 Percorso diagnostico... 3 Esame clinico all ingresso in Reparto... 3 Indagini da eseguire... 3 Monitoraggio nel corso del ricovero... 5 Trattamento... 6 Trattamento

Dettagli

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI)

Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Quello che dovete sapere sulle INTERSTIZIOPATIE POLMONARI (MALATTIE INTERSTIZIALI POLMONARI) Cosa sono le malattie interstiziali polmonari? Le malattie interstiziali polmonari sono dette anche interstiziopatie

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v

Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Guida per l uso corretto di mascherine chirurgiche e respiratori per ridurre la trasmissione del nuovo virus influenzale AH1N1v Agg Agosto 2009 Questo documento si propone di fornire indicazioni sull uso

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti

S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico T.erritorio di Ra.venna LP3. Giuliano Silvi, Cristina Raineri, Valeria Frassineti Direzione Gen. Sanità e Politiche Sociali Servizio Sanità Pubblica Dipartimento di Sanità Pubblica - Ravenna Provincia di Ravenna Comune di Ravenna S.In.A.T.Ra. S.orveglianza In.quinamento A.tmosferico

Dettagli

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010

giac Volume 13 Numero 2 Giugno 2010 Linee guida AIAC 2010 per la gestione e il trattamento della FIBRILLAZIONE ATRIALE Antonio Raviele (Chairman) 1 Marcello Disertori (Chairman) 2 Paolo Alboni 3 Emanuele Bertaglia 4 Gianluca Botto 5 Michele

Dettagli

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org

SCHEDE INFORMATIVE SUI POLMONI www.european-lung-foundation.org Lo scopo di questa scheda informativa è illustrare alle persone affette da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e ai loro amici e familiari il modo migliore per poter vivere una vita normale con

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI

Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI Straumann Emdogain PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI CONSERVAZIONE DEL DENTE CON STRAUMANN EMDOGAIN Dal 5 al 15 % della popolazione soffre di gravi forme di parodontite, che possono portare alla caduta dei

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze

GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze GIMBE Gruppo Italiano per la Medicina Basata sulle Evidenze Evidence-Based Medicine Italian Group Workshop Evidence-based Medicine Le opportunità di un linguaggio comune Como, 9-11 maggio 2003 Sezione

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

Edema maculare diabetico e trattamento laser

Edema maculare diabetico e trattamento laser Edema maculare diabetico e trattamento laser Diabetic macular edema and laser treatment Del Re A, Frattolillo A Centro Oculistico Del Re - Salerno Dr. Annibale Del Re e Dr. A. Frattolillo 18 RIASSUNTO

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration

CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA. AGREE Collaboration APPRAISAL OF GUIDELINES for RESEARCH & EVALUATION (AGREE) CHECKLIST PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITA DI LINEE-GUIDA PER LA PRATICA CLINICA AGREE Collaboration Settembre 2001 Versione italiana Tradotta

Dettagli