POLICY RECOMMENDATIONS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "POLICY RECOMMENDATIONS"

Transcript

1 Come si può evitare una crisi di ictus? Relazione del gruppo di lavoro: Prevenzione dell ictus in pazienti affetti da fibrillazione atriale Prof. Dott. Paulus Kirchhof Primario, Reparto di Cardiologia e Angiologia, Clinica universitaria di Münster; Professore Associato di Medicina, Westfälische Wilhelms-Universität Münster, Germania Dott. Adamos Adamou Ex membro del Parlamento Europeo; Ex co-presidente del Gruppo dei Parlamentari Europei del Cuore (MEP Heart Group), Cipro Eve Knight Direttore Generale, AntiCoagulation Europe Prof. Gregory YH Lip Primario di cardiologia e Professore di Medicina cardiovascolare, Centro di Scienze cardiovascolari dell Università di Birmingham, City Hospital, Birmingham, UK Prof. Bo Norrving Professore di Neurologia, Università di Lund, Svezia; Presidente dell Organizzazione Mondiale sull Ictus (World Stroke Organization) Prof. Gérard de Pouvourville Titolare della cattedra di Economia Sanitaria, ESSEC Business School, Parigi, Francia Dott. Thomas Ulmer Membro del Parlamento Europeo, Germania POLICY RECOMMENDATIONS A

2 Come si può evitare una crisi di ictus? Relazione del gruppo di lavoro: Prevenzione dell ictus in pazienti affetti da fibrillazione atriale Le raccomandazioni riportate in questo documento sono supportate dalle organizzazioni di seguito elencate. Document endorsed by EHRA, a Registered Branch of the ESC Scientific document endorsed by For PatientsByPatients

3 ISBN Oxford PharmaGenesis Ltd 2009 La pubblicazione di queste raccomandazioni è stata resa possibile grazie al sostegno finanziario di Bayer. I pareri espressi nella presente pubblicazione non corrispondono necessariamente a quelli dell editore o dello sponsor. Tutti i diritti riservati. Ad eccezione di quanto consentito dalle leggi in vigore in materia di copyright, nessuna parte della presente pubblicazione può essere riprodotta, archiviata in un sistema di raccolta informazioni o trasmessa in una qualsiasi forma o con un qualsiasi mezzo di tipo elettrico, meccanico, di fotocopiatura, registrazione o altro senza previo assenso scritto del titolare del copyright. L incarico di eseguire un qualsiasi atto non autorizzato in relazione alla presente pubblicazione può portare ad azioni legali di natura civile o penale.

4 Autori Autori Gruppo di stesura Prof. Dott. Paulus Kirchhof Primario, Reparto di Cardiologia e Angiologia, Clinica universitaria di Münster; Professore Associato di Medicina, Westfälische Wilhelms- Universität Münster, Germania Dott. Adamos Adamou Ex membro del Parlamento Europeo; Ex co-presidente del Gruppo dei Parlamentari Europei del Cuore (MEP Heart Group), Cipro Eve Knight Direttore Generale, AntiCoagulation Europe Prof. Gregory YH Lip Primario di cardiologia e Professore di Medicina cardiovascolare, Centro di Scienze cardiovascolari dell Università di Birmingham, City Hospital, Birmingham, UK Prof. Bo Norrving Professore di Neurologia, Università di Lund, Svezia; Presidente dell Organizzazione Mondiale sull Ictus (World Stroke Organization) Prof. Gérard de Pouvourville Titolare della cattedra di Economia Sanitaria, ESSEC Business School, Parigi, Francia Dott. Thomas Ulmer Membro del Parlamento Europeo, Germania Gruppo di lavoro Dott.ssa Felicita Andreotti Professore abilitato, Dipartimento di Medicina cardiovascolare della Facoltà di Medicina dell Università Cattolica di Roma, Italia; Gruppo di lavoro dell ESC sulla trombosi Prof. John Camm Professore di Cardiologia clinica, titolare della cattedra di Cardiologia e Preside della Divisione di Scienze cardiache e vascolari, St George s University, Londra, UK Prof. László Csiba Professore, Dipartimento di Neurologia, Università di Debrecen, Ungheria Prof. Antoni Dávalos Direttore del Dipartimento di Neuroscienze, Hospital Universitari Germans Trias i Pujol, Barcellona; Professore Associato di Neurologia, Universitat Autònoma de Barcelona, Spagna Prof. Dott. Werner Hacke Professore e Preside, Dipartimento di Neurologia, Università di Heidelberg, Germania; Presidente dell Organizzazione Europea sull Ictus (European Stroke Organisation) 1

5 Prof. Dott. Karl Heinz-Ladwig Psicologo clinico e Professore di Medicina psicosomatica, Istituto di Epidemiologia, Helmholtz Zentrum München, Centro di Ricerca tedesco sulla Salute Ambientale, Neuherberg, Germania Prof. Michael G Hennerici Professore e titolare della cattedra di Neurologia, Dipartimento di Neurologia, Università di Heidelberg, Universitätsklinikum Mannheim, Germania; Presidente della Conferenza Europea sull Ictus (European Stroke Conference) Prof. Richard Hobbs Professore e Preside di Scienze cliniche di assistenza primaria, Università di Birmingham, UK; Presidente dell European Primary Care Cardiovascular Society Dott. Torsten Hoppe-Tichy Farmacista capo, Dipartimento di Farmacia, Clinica universitaria di Heidelberg, Germania; Membro dell ADKA (Associazione Tedesca dei Farmacisti Ospedalieri) Prof. Antoine Leenhardt Professore di Cardiologia, Université de Paris 7; Preside del Dipartimento di Cardiologia, Ospedale Lariboisière, Parigi, Francia Dott.ssa Maddalena Lettino Medico di ruolo, Dipartimento di Cardiologia CCU, Ospedale San Matteo, Pavia, Italia; Presidente del Gruppo di lavoro italiano su Aterosclerosi, Trombosi e Biologia Vascolare (ATBV) Trudie Lobban MBE Fondatore e Amministratore fiduciario, Arrhythmia Alliance; Fondatore e Amministratore delegato, Atrial Fibrillation Association Rod Mitchell Sostenitore dei diritti dei pazienti, membro del direttivo, Piattaforma Europea per le Associazioni di pazienti, Scienza e Industria e la European Genetics Alliance Network; ex membro del direttivo per l International Alliance of Patients Organizations Dott. C Ian Ragan Consigliere delegato, Consiglio Europeo sul Cervello Mellanie True Hills Direttore Generale, StopAfib.org Prof. Panos Vardas Professore, Dipartimento di Cardiologia, Clinica universitaria di Heraklion, Creta; Presidente della European Heart Rhythm Association Dott. Xavier Viñolas Direttore, Unità aritmie, Ospedale Sant Pau, Barcellona, Spagna Ringraziamenti Alla stesura e alla cura della presente relazione ha partecipato Oxford PharmaGenesis Ltd. La pubblicazione di queste raccomandazioni è stata resa possibile grazie al sostegno finanziario di Bayer Schering Pharma AG. 2

6 Opinioni a supporto Opinioni a supporto Le organizzazioni e i singoli elencati di seguito hanno dato parere favorevole in merito alle raccomandazioni contenute nella presente. Organizzazioni ADKA (Associazione Tedesca dei Farmacisti Ospedalieri) AntiCoagulation Europe (ACE) Arrhythmia Alliance (A-A) Atrial Fibrillation Association (AFA) Gruppo di lavoro dell ESC sulla trombosi Associazione Europea dei Farmacisti Ospedalieri (EAHP) Consiglio Europeo sul Cervello (EBC) European Heart Rhythm Association (EHRA) European Primary Care Cardiovascular Society (EPCCS) Conferenza Europea sull Ictus Organizzazione Europea sull Ictus (ESO) Rete tedesca delle competenze sulla fibrillazione atriale (AFNET) Consiglio Internazionale degli infermieri (ICN) Gruppo di lavoro italiano su Aterosclerosi, Trombosi e Biologia Vascolare (ATBV) Sociedad Española de Neurologia (Società Spagnola di Neurologia) StopAfib.org Organizzazione Mondiale sull Ictus (WSO) Contributi individuali Jaime Masjuan Coordinatore nazionale del Gruppo di studio sulle malattie cerebrovascolari della Sociedad Española de Neurologia (Società Spagnola di Neurologia) 3

7 Indice Indice Prefazione 7 Riepilogo del progetto 9 Esortazione ad agire 11 L ictus: una causa rilevante di un cattivo stato di salute e di morte 17 La fibrillazione atriale: uno dei principali fattori di rischio per l ictus 21 Scoprire la fibrillazione atriale e stratificare il rischio di ictus 25 Caratteristiche dell ictus in pazienti affetti da fibrillazione atriale 29 I costi dell ictus nella fibrillazione atriale sono elevati per i singoli e la società 31 Prevenzione dell ictus in pazienti affetti da fibrillazione atriale 34 Linee guida per la prevenzione dell ictus in pazienti affetti 42 da fibrillazione atriale Problematiche attuali relative alla prevenzione dell ictus in pazienti 48 affetti da fibrillazione atriale Nuovi sviluppi nella prevenzione dell ictus in pazienti affetti 56 da fibrillazione atriale Bibliografia 61 Appendice 1 71 Appendice 2 73 Glossario 74 Abbreviazioni 75 Collegamenti alle organizzazioni che hanno espresso opinioni a supporto 77 5

8 Prefazione Prefazione L ictus rappresenta una calamità che colpisce ca. 2 milioni di europei ogni anno. In molti casi la prima e unica manifestazione dell ictus è la morte. Sopravvivere a un ictus può rivelarsi persino peggio della morte stessa: chi ne è stato colpito si trova ad affrontare un futuro incerto e una vita che potrebbe essere gravemente pregiudicata dall invalidità. Anche gli oneri finanziari associati all ictus sono impressionanti. Attualmente si calcola che questo evento patologico costi all economia dell Unione Europea (UE) ca. 38 miliardi di Euro l anno. È stato stabilito che questo costo aumenterà spiccatamente in quanto si preventiva che il numero di soggetti che ne saranno colpiti raddoppierà entro il La prevenzione di molti di questi decessi, danni e costi è possibile se si compiono semplici azioni fin d ora. Se non lo faremo, ci troveremo davanti a una epidemia di ictus in Europa. Le raccomandazioni contenute in questa relazione spiegano chiaramente le azioni da intraprendere per i pazienti che soffrono dell aritmia cardiaca nota come fibrillazione atriale (FA). Tale condizione provoca un aumento quintuplo del rischio di ictus ed è responsabile del 15-20% di tutti gli ictus tromboembolici. È importante notare che i pazienti affetti da FA hanno maggiori probabilità rispetto a chi non presenta tale aritmia di avere un ictus grave e, se ciò avviene, questi hanno una probabilità di morire entro un anno del 50%. Inoltre, la presenza di FA aumenta il rischio di rimanere invalidi in seguito a un ictus di quasi il 50%. Poiché si stima che la FA interessi oltre 6 milioni di persone nella sola Europa, le dimensioni del problema sono inequivocabili. In qualità di medico che ha sempre operato nell ambito dell assistenza primaria per tutta la sua carriera, sono ben consapevole del fatto che, sebbene si tratti di una condizione molto comune, spesso la FA non viene riconosciuta. Queste raccomandazioni si propongono di spiegare i motivi della scarsa comprensione di questa malattia complessa, che spesso viene sottodiagnosticata e sottotrattata, in genere con un attenzione insufficiente a un efficace prevenzione dell ictus. L obiettivo di questa relazione è di aiutare i pazienti, i responsabili delle politiche, i professionisti del settore medico-sanitario e il pubblico in generale a capire che una migliore conoscenza e gestione della FA e una migliore prevenzione dell ictus sono possibili. Per di più, tutto ciò è necessario, se vogliamo ridurre i danni provocati da tali condizioni. Ma ciò non avverrà se non prendiamo provvedimenti fin d ora. Come possiamo dare il nostro aiuto? Nonostante le prestazioni di assistenza sanitaria restino responsabilità dei governi nazionali, la cooperazione a livello europeo ha un enorme potenzialità di portare benefici sia ai singoli sia ai servizi sanitari nel complesso. Abbiamo notato in altre aree della medicina che l UE è un veicolo molto efficace per la diffusione delle migliori pratiche, conoscenze ed educazione: ne sono un esempio il cancro, la malattia di Alzheimer e il trapianto di organi. Questa relazione rappresenta il primo passo nel migliorare la consapevolezza che siano necessari maggiori investimenti per prevenire l ictus, in particolare nei pazienti affetti da FA. Cosa importante, contiene una chiara esortazione ad agire sulla quale desidero attirare la vostra attenzione. L attuazione di queste raccomandazioni a livello europeo e nazionale sarà fondamentale. Il compito implica il raggruppamento dei vari singoli fattori dello sviluppo delle politiche, del miglioramento della consapevolezza, delle attività di ricerca ed educative e una loro successiva e chiara focalizzazione sul miglioramento della gestione della FA e sul garantire un efficace prevenzione degli ictus. Allora l UE disporrà di una strategia chiara per contribuire al coordinamento delle iniziative nazionali e alle prestazioni di riferimento. I nostri sforzi a Bruxelles contribuiranno a garantire che le risorse vengano investite con giudizio in modo da poter fornire prestazioni medico-sanitarie migliori a questi pazienti. In qualità di medico e di politico, credo fermamente che soltanto grazie ad azioni coordinate di tutti i partecipanti, siano essi 7

9 europei e nazionali, si riuscirà a evitare il maggior numero di casi di ictus e a raggiungere enormi miglioramenti della qualità di vita. È per me un privilegio, in qualità di Membro del Parlamento Europeo, partecipare attivamente a una iniziativa che contribuirà a mettere ai primi posti dell agenda europea questa importante questione. Cercherò di definire questi cambiamenti in una mozione con il sostegno dei miei colleghi parlamentari e attendo con ansia il vostro contributo nel condurre questa importante iniziativa. Dott. Thomas Ulmer, Membro del Parlamento Europeo, Germania Dicembre

10 Riepilogo del progetto Riepilogo del progetto L ictus è il disturbo cardiovascolare più comune dopo le cardiopatie, che affligge ca. 9,6 milioni di persone in Europa e provoca la morte di approssimativamente 5,7 milioni di persone all anno nel mondo. 1 Per molti pazienti sopravvivere a un ictus può rivelarsi qualcosa di peggiore della morte da esso provocata, a causa dello stato di invalidità successivo all episodio e anche perché la paura di morire è molto spesso presente nei loro pensieri. Le conseguenze dell ictus possono rovinare non solo la qualità della vita dei pazienti, 2 ma anche quella delle loro famiglie e di chi presta loro assistenza. 3 Inoltre, l onere economico rappresentato dall ictus è esorbitante, poiché costituisce il 2-3% della spesa sanitaria totale nell Unione Europea (UE). 4 Nel 2000 i nuovi casi di ictus nell UE sono stati valutati in 1,1 milioni (circa la metà dei nuovi casi di cancro 5 ), e si prevede che questo numero raggiungerà 1,5 milioni all anno entro il 2025 in quanto la proporzione di anziani nella popolazione è in aumento. 6 Si tratta di un epidemia che si sta già diffondendo, e dobbiamo agire se vogliamo evitare una crisi. La fibrillazione atriale (FA) è l aritmia cardiaca più comune e si calcola che in Europa le persone che presentano tale condizione siano 6 milioni. 7 I soggetti con FA hanno un rischio quintuplo di avere un ictus in confronto alla popolazione comune. 8 La FA costituisce un grande fattore di rischio indipendente per l ictus ed è responsabile di 1 ictus ischemico su 5 (ictus provocati da un coagulo di sangue che ostruisce un vaso sanguigno del cervello). 9 Per di più, la FA non diagnosticata in precedenza è una causa verosimile di molti casi di ictus di origine ignota (i cosiddetti ictus criptogenetici ), e l ictus può essere la prima manifestazione di FA. Il rischio di ictus nei pazienti con FA aumenta con l età e con l aggiungersi di altri fattori di rischio (per es. pressione alta, ictus pregresso e diabete). 10 Inoltre, gli ictus collegati a FA sono più gravi, provocano invalidità più gravi e hanno un esito peggiore rispetto agli ictus che colpiscono i pazienti senza FA; sono associati a una probabilità di morte entro un anno del 50%. 9 È da tenere ben presente che il peso dell ictus collegato a FA diventerà più marcato nei prossimi anni poiché il numero di persone colpite da FA aumenterà di circa due volte e mezzo entro il 2050, 11,12 a causa dell invecchiamento della popolazione e al miglioramento della sopravvivenza in seguito a condizioni che predispongono alla FA (come l infarto cardiaco). 13 I pazienti affetti da FA rappresentano pertanto una vasta popolazione ad alto rischio di ictus e, in particolare, di ictus grave. Questi pazienti costituiscono un importante popolazione target per ridurre l onere complessivo dell ictus, identificato dalla Carta Europea per la Salute del Cuore (European Heart Health Charter) e dalla politica dell UE come necessità chiave in Europa. 14 Per prevenire l ictus collegato alla FA, l ideale sarebbe prevenire o far regredire la FA stessa. Le tecniche attuali possono soltanto prevenire la L ictus è il disturbo cardiovascolare più comune dopo le cardiopatie, e provoca la morte di ca. 5,7 milioni di persone nel mondo ogni anno Circa 6 milioni di persone in Europa soffrono di FA Il rischio di ictus è quintuplo nei pazienti affetti da FA Gli ictus che colpiscono le persone con FA sono più gravi, provocano un invalidità più seria e hanno esiti peggiori rispetto a quelli che interessano soggetti che non soffrono di FA 9

11 Evitare gli episodi di ictus È possibile prevenire l ictus collegato alla FA, ma le terapie attuali offrono risultati insufficienti La diagnosi precoce e il miglioramento del trattamento della FA possono contribuire alla prevenzione dell ictus FA in alcuni pazienti. Per tale ragione vi è una chiara necessità di migliorare la diagnosi e la terapia della FA in Europa. La terapia anticoagulante riduce il rischio di ictus nei pazienti con FA. Quando viene usata in modo adeguato e monitorata correttamente, ha un efficacia elevata, facendo diminuire il rischio di ictus di circa due terzi. 15 Nonostante l esistenza di linee guida per il suo uso e gestione, tale terapia è però utilizzata sia meno del dovuto che impropriamente nella pratica clinica, in prevalenza per l esistenza di notevoli aspetti negativi associati agli antagonisti della vitamina K, come il warfarin, 19,20 e all aspirina La prevenzione dell ictus nei pazienti affetti da FA richiede pertanto una migliore erogazione delle terapie esistenti, nuove strategie per capire e gestire la FA e terapie migliori per prevenire l ictus. Per giunta, i sintomi della FA possono essere vaghi e aspecifici, quindi spesso non viene scoperta in tempo per somministrare un trattamento che potrebbe prevenire un ictus. 25,26 Di conseguenza, molti ictus che sarebbe possibile prevenire avvengono ogni anno, portando a migliaia di morti precoci e un onere devastante sulle spalle degli individui, delle famiglie e della società in termini di costi relativi all assistenza medica e sociale e di perdita di ore di lavoro e gettito fiscale. Pertanto c è urgente necessità di un azione coordinata in tutta l UE per raggiungere una diagnosi precoce e una migliore gestione della FA e per ridurre il rischio di ictus nei pazienti affetti da questa aritmia cardiaca. Questa azione deve comprendere: l adozione da parte di ogni Stato Membro di iniziative educative e di consapevolezza di portata europea per migliorare la diagnosi precoce della FA; un uso più efficace degli interventi per la gestione della FA e la prevenzione dell ictus in pazienti con FA; una somministrazione equa e adeguata della terapia ai pazienti affetti da FA; una maggiore aderenza alle raccomandazioni delle linee guida per la gestione della FA; una ricerca permanente sulle cause, la prevenzione e la gestione della FA. 10

12 Esortazione ad agire Esortazione ad agire Gli autori di questa relazione e tutte quelle persone e associazioni che esprimono parere favorevole in merito a queste raccomandazioni, chiedono che l Unione Europea (UE) agisca per garantire una migliore diagnosi e gestione della fibrillazione atriale (FA) e misure di prevenzione più efficaci per prevenire l ictus collegato a FA in tutti gli Stati Membri. Grazie a ciò saremo in grado di ridurre gli imponenti oneri sociali ed economici posti da una condizione ampiamente prevenibile: l ictus collegato alla FA. L Europa ha bisogno di una politica chiara sulla prevenzione dell ictus in pazienti affetti da fibrillazione atriale I disturbi cardiovascolari sono, a livello globale, la principale causa di morte. 1 Si è calcolato che l onere finanziario per i servizi sanitari dell UE posto da questo gruppo di malattie nell anno 2006 sia stato appena inferiore a 110 miliardi di Euro. Questo dato rappresenta un costo di 223,00 a persona all anno: circa il 10% della spesa sanitaria totale nell UE. 14 I disturbi di natura cardiovascolare più diffusi sono le cardiopatie coronariche e l ictus. La FA, il tipo di aritmia cardiaca più comune, è una delle cause principali dell ictus, in particolare di casi di ictus grave che provoca invalidità. La maggior parte di tali episodi di ictus sono prevenibili. Pertanto, la diagnosi precoce, il trattamento della FA e una più efficace prevenzione dell ictus collegato a FA contribuirebbero al raggiungimento degli obiettivi definiti dalla Carta Europea per la Salute del Cuore (European Heart Health Charter): si tratta di un iniziativa congiunta della European Health Network e della Società Europea di Cardiologia per ridurre in maniera consistente l onere rappresentato dalle malattie cardiovascolari. 14 Nei casi in cui viene usata correttamente, la terapia antitrombotica ha mostrato una riduzione del rischio di ictus in pazienti affetti da FA di oltre il 60% Tuttavia, alcuni dei farmaci che contribuiscono a prevenire coaguli indesiderati, come il warfarin, sono sottoutilizzati nella pratica clinica o utilizzati in modo subottimale. Le ragioni di quanto sopra sono svariate e comprendono la complessità della corretta gestione di questa terapia e la convinzione diffusa secondo la quale i rischi posti dalla terapia potrebbero superarne i vantaggi Per giunta, spesso la FA non è diagnosticata finché il paziente non ha il primo episodio di ictus. Ciò aumenta l entità del problema, indicando che molti casi di ictus che sarebbe possibile prevenire avvengono ogni anno a causa di una diagnosi ritardata di FA nonché del sottoutilizzo della terapia anticoagulante. Ne consegue un impatto devastante sullo stato di salute e il benessere dell individuo e un maggiore onere per la società in termini di risorse assistenziali mediche e sociali, nonché la perdita di ore di lavoro e di gettito fiscale. Nel 2007 la Commissione Europea ha adottato una nuova strategia sanitaria, Insieme per la salute: un approccio strategico per l UE La FA è una delle cause principali di ictus grave e invalidante Molti casi di ictus che sarebbe possibile prevenire sopraggiungono a causa di una diagnosi ritardata di FA e del sottoutilizzo delle terapie anticoagulanti 11

13 Sollecitiamo il Parlamento Europeo e la Commissione Europea a condurre iniziative politiche per migliorare la diagnosi precoce e la gestione della FA e per prevenire l ictus in pazienti colpiti da questa condizione Uno dei temi strategici di questo Libro Bianco è il Promuovere la buona salute in un Europa che invecchia. Per stare al passo con questo più importante obiettivo, la gestione della FA e la prevenzione dell ictus in pazienti affetti da FA avrà una rilevanza sempre maggiore nei prossimi decenni con l invecchiare della popolazione. In quanto componente della più ampia iniziativa per la prevenzione dell ictus e dei disturbi cardiovascolari in Europa, vi è un evidente necessità di: un azione coordinata a livello dell UE, e potenzialmente oltre; una politica UE che esiga - una diagnosi adeguata della FA prima che sopraggiunga il primo ictus; - una gestione appropriata ed efficace della FA; - una prevenzione efficace dell ictus nei pazienti che hanno già sviluppato la FA; - una ricerca continua sulle cause della FA. Tale dichiarazione sarebbe in linea con le priorità principali dell UE in materia di salute: cioè concentrarsi sui fattori determinanti per la salute (per es. obesità, ipertensione) e la prevenzione delle malattie. 14 Raccomandazioni principali 1. Creare e migliorare la consapevolezza fra i governi nazionali e il pubblico in generale dell impatto della FA e dell ictus ad essa collegato Una volta che l individuo ha sviluppato la FA, il suo rischio di ictus ischemico (provocato da un coagulo di sangue nel cervello) è almeno quintuplo in confronto a quello di individui in cui questa condizione patologica non è presente. 8,31 Visto il gran numero di abitanti dell UE che convivono con la FA, 7 l impatto umano ed economico di questa aritmia cardiaca e dell ictus ad essa collegato è smisurato: il solo costo medico medio dell ictus per paziente affetto da FA è stato calcolato in ca , Nei pazienti affetti da FA è possibile prevenire l ictus. All interno dell UE vi è un bisogno critico di una maggiore consapevolezza fra i governi nazionali e la popolazione in generale in merito all impatto economico e sociale dell ictus collegati alla FA, nonché di una migliore comprensione della FA e delle sue cause e di miglioramenti delle strategie per la diagnosi e la gestione della FA. Sollecitiamo il Parlamento Europeo e la Commissione Europea Raccomandazioni principali Migliorare la consapevolezza dell impatto della FA e dell ictus ad essa collegato. Sviluppare strategie coordinate per la diagnosi precoce della FA. Migliorare l educazione dei pazienti in merito alla FA. Incoraggiare nuovi approcci alla gestione della FA e alla prevenzione dell ictus ad essa collegato. Migliorare la consapevolezza dei medici in merito alla gestione della FA. Promuovere un equo accesso ai servizi e alle informazioni per i pazienti in tutta l UE. Sostenere l aderenza alle linee guida per la gestione della FA. Facilitare gli scambi delle migliori pratiche cliniche fra gli Stati Membri. Incrementare la ricerca sulle cause, la prevenzione e la gestione della FA. 12

14 Esortazione ad agire a condurre iniziative politiche in tutta Europa per promuovere la conoscenza, la diagnosi precoce e una migliore gestione della FA e per prevenire l ictus in pazienti colpiti da questa condizione. 2. Sviluppare strategie coordinate per la diagnosi precoce e adeguata della FA La FA viene spesso scoperta solo dopo un ictus perché molti pazienti non sono consapevoli di avere un disturbo cardiaco. Tuttavia, una procedura semplice ed economica come la rilevazione di routine della frequenza cardiaca e il monitoraggio elettrocardiografico possono avere un ruolo decisivo nel contribuire al miglioramento della diagnosi della FA nei pazienti a rischio. La maggiore consapevolezza dei suoi segni iniziali e di quelli di altre condizioni comunemente osservate nei pazienti affetti da FA possono migliorare la diagnosi della FA nei pazienti asintomatici. Può anche essere prudente procedere all accertamento opportunistico della FA in scenari di assistenza primaria, in particolare fra i pazienti che presentano altri fattori di rischio per l ictus. Fra i fattori che determinano la collocazione di un paziente con FA nella fascia di rischio più alta troviamo: insufficienza cardiaca congestizia, ipertensione, età superiore a 75 anni, diabete e ictus pregresso. Le campagne per una maggior consapevolezza della rilevanza di un battito irregolare quale segno di FA e dell importanza di rilevare un ritmo cardiaco anomalo, consentirebbero di iniziare tempestivamente la terapia per la FA e contribuirebbero a ridurre il bisogno di un trattamento di prevenzione specifico per l ictus. 3. Migliorare l educazione dei pazienti e di chi presta assistenza in merito alla FA e alla sua diagnosi Una comprensione insufficiente della FA e dei farmaci prescritti per prevenire l ictus collegato alla FA rappresenta spesso un ostacolo al mantenimento della terapia anticoagulante all interno dell intervallo di efficacia. C è un bisogno urgente di fornire al pubblico migliori informazioni sul rischio di ictus collegato a FA e sulla metodologia per la sua prevenzione. Inoltre, gli sviluppi in campo farmaceutico e tecnologico - come i nuovi farmaci anticoagulanti e le tecniche di monitoraggio eseguito dal paziente per i medicinali esistenti - possono agevolare in futuro la dispensazione di un trattamento appropriato per proteggere i pazienti con FA dall ictus. Una migliore educazione dei pazienti è necessaria per rendere tali innovazioni largamente conosciute e potrebbe avere un ruolo significativo nel migliorare l aderenza alla terapia. Ci appelliamo alla UE affinché finanzi, guidi e incoraggi la partecipazione a queste iniziative educative per innalzare la consapevolezza della FA. Inoltre, la collaborazione a livello paneuropeo fra le attuali associazioni di pazienti nonché la possibile creazione di una piattaforma europea comune per i pazienti affetti da FA - per lo scambio e la divulgazione delle informazioni sulla FA, la sua diagnosi e gestione, e sulla prevenzione dell ictus - a collazionare e confrontare i dati provenienti da diversi Paesi d Europa. Un iniziativa di questo tipo, sotto la guida della Commissione Europea, renderebbe possibile l identificazione della miglior pratica per gestire con successo la FA in Europa, portando alla definizione di punti di riferimento per la gestione che stimolerebbero il miglioramento in altri Paesi. 4. Incoraggiare lo sviluppo e l impiego di nuovi approcci alla gestione della FA e alla prevenzione dell ictus ad essa collegato Idealmente, minimizzare i fattori di rischio quali ipertensione, alterazioni Sosteniamo una campagna per la rilevazione di routine della frequenza cardiaca in tutti gli Stati Membri, onde promuovere una miglior diagnosi precoce della FA Ci appelliamo alla UE affinché conduca iniziative educative per migliorare la comprensione che il paziente ha in merito alla FA Ci appelliamo agli Stati Membri affinché sollecitino un impiego più efficace del trattamento anticoagulante nei pazienti con FA 13

15 Auspichiamo uno sforzo coordinato da parte dell UE per iniziare un adeguata educazione dei medici e strategie di consapevolezza, sostenute da risorse adeguate Ci appelliamo all UE affinché promuova il pari accesso a tutti i servizi diagnostici, di trattamento e monitoraggio per la FA, sostenuto da una chiara informazione Ci appelliamo alla UE, tramite gli Stati Membri, affinché migliori la consapevolezza delle linee guida esistenti per la gestione della FA strutturali del cuore e diabete farà diminuire in primo luogo la probabilità che la FA si sviluppi. Tuttavia, alcuni fattori che contribuiscono alla comparsa della FA, come i fattori genetici e il naturale processo di invecchiamento, non sono modificabili, pertanto non sarà possibile eliminare del tutto la FA. 33 Quindi, altre importanti aree di attenzione sono la diagnosi precoce della FA - prima che sopraggiunga il primo ictus - e la gestione dei segni e sintomi di questa condizione. L impiego efficace della terapia anticoagulante è fondamentale nella maggior parte dei pazienti che hanno già sviluppato FA, onde prevenire complicanze (come l ictus) che derivino da un coagulo di sangue in circolo. Il farmaco anticoagulante ideale deve essere efficace, avere un profilo di sicurezza favorevole in un ampia varietà di pazienti, compresi gli anziani, presentare un rischio ridotto di interazioni con gli alimenti e altri farmaci e avere un regime posologico semplice, che non preveda un monitoraggio di routine o aggiustamenti della dose. Un agente simile potrebbe finalmente aumentare l adesione alla terapia e, potenzialmente, migliorare gli esiti in pazienti con FA. 5. Migliorare la consapevolezza dei medici coinvolti nella gestione della FA I medici potrebbero essere così preoccupati dei rischi della terapia anticoagulante da sottovalutarne i benefici della riduzione del rischio di ictus Migliorare la consapevolezza del rischio sostanzialmente maggiore di ictus nei pazienti affetti da FA rispetto a quelli che non soffrono di questa condizione è quindi importante. L educazione del medico è necessaria per agevolare il riconoscimento della FA non diagnosticata ( silente ) prima che si manifestino complicanze. Il medico deve anche raggiungere la piena comprensione delle opzioni di gestione dei pazienti con FA e riconoscere che, quando viene attuata in modo corretto, conformemente alle linee guida, i vantaggi della terapia superano normalmente i rischi. Auspichiamo uno sforzo coordinato da parte dell UE per migliorare l educazione dei medici e strategie di consapevolezza, sostenute da risorse adeguate. 6. Promuovere l equità di accesso alla terapia, ai servizi di monitoraggio e alle informazioni per tutti i pazienti nell UE Tutti i pazienti all interno dell UE godono del diritto fondamentale al pari accesso a trattamenti medici di qualità per tutte le loro necessità di carattere sanitario, indipendentemente dal Paese di residenza, dal loro stato o reddito. Si devono consolidare gli sforzi per garantire che tutti i pazienti abbiano pari e tempestivo accesso alle procedure diagnostiche per l identificazione della FA, alla terapia adeguata per gestire l aritmia e le condizioni cliniche soggiacenti, alla terapia anticoagulante per la prevenzione dell ictus nonché a migliori informazioni sulla FA e le sue conseguenze. Sono necessarie risorse per garantire una comunicazione chiara e adeguata con i pazienti, in modo che questi diventino partner nella determinazione della loro assistenza e abbiano voce a Bruxelles e in tutta l UE. 7. Sostenere vigorosamente l aderenza alle linee guida per la gestione dei pazienti affetti da FA Esistono diverse linee guida per la gestione della FA. Le loro raccomandazioni coincidono ampiamente, ma il grado con cui vengono attuate in modo corretto varia notevolmente fra i Paesi e persino all interno di questi ultimi. È 14

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti

Tavola 1 Incidenti stradali, morti e feriti PRINCIPALI EVIDENZE DELL INCIDENTALITÀ STRADALE IN ITALIA I numeri dell incidentalità stradale italiana Nel 2011, in Italia si sono registrati 205.638 incidenti stradali, che hanno causato 3.860 morti

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O

INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O INFORMAZIONI PER IL PAZIENTE CHE DEVE SOTTOPORSI A: SCINTIGRAFIA MIOCARDICA DA SFORZO O CON STRESS FARMACOLOGICO Per la diagnosi e il trattamento delle seguenti patologie è indicato effettuare una scintigrafia

Dettagli

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu

Lista di controllo per la perdita di coscienza. Soffre di episodi inspiegati di. www.stars-italia.eu Collaboriamo con i pazienti, le famiglie e i professionisti sanitari per offrire assistenza e informazioni sulla sincope e sulle convulsioni anossiche riflesse Soffre di episodi inspiegati di Lista di

Dettagli

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità

CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA. Malattia maternità decesso (assegno) invalidità COMMISSIONE AMMINISTRATIVA PER LA SICUREZZA SOCIALE DEI LAVORATORI MIGRANTI E 104 CH (1) CERTIFICATO RIGUARDANTE L AGGREGAZIONE DEI PERIODI DI ASSICURAZIONE, OCCUPAZIONE O RESIDENZA Malattia maternità

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute

La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute La Carta di Ottawa per la Promozione della Salute The Ottawa Charter for Health Promotion 1 Conferenza Internazionale sulla promozione della salute 17-21 novembre 1986 Ottawa, Ontario, Canada La 1 Conferenza

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA

Prot. n. 505 Verona, 11/02/2015 LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA LA FONDAZIONE ARENA DI VERONA procede alla raccolta di domande al fine di effettuare selezioni per eventuali assunzioni con contratto subordinato, a tempo determinato, relativamente al Festival Areniano

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI

LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI LE PMI RIMANGONO LOCALI MA DIVENTANO INTERNAZIONALI OPUSCOLO Opportunità di ricerca transnazionale Vi interessa la ricerca europea? Research*eu è il mensile della direzione generale della Ricerca per essere

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO

DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO DENUNCIARE I CASI DI ESCLUSIONE SOCIALE DEGLI IMMIGRATI SENZA PERMESSO DI SOGGIORNO L Autopresentazione dell organizzazione e il Modello di report sono stati sviluppati da PICUM con il sostegno di due

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO

AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO AALBORG+10 ISPIRARE IL FUTURO LA NOSTRA VISIONE COMUNE Noi, governi locali europei, sostenitori della Campagna delle Città Europee Sostenibili, riuniti alla conferenza di Aalborg+10, confermiamo la nostra

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO

HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO HYPERMAP IPERTENSIONE E DANNO D'ORGANO: DALLE LINEE GUIDA ALLA GESTIONE CLINICA DEL PAZIENTE IPERTESO Generalità (per informazioni specifiche sui singoli corsi (date, sedi,) consultare il sito del provider

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI.

I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. I NUOVI SERVIZI SEPA: BONIFICI E ADDEBITI DIRETTI. BancoPosta www.bancoposta.it numero gratuito: 800 00 33 22 COME CAMBIANO INCASSI E PAGAMENTI CON LA SEPA PER I TITOLARI DI CONTI CORRENTI BANCOPOSTA DEDICATI

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014

FOGLIO INFORMATIVO 150 BONIFICI ITALIA ED ESTERO (import/export) Aggiornamento al 03 novembre 2014 INFORMAZIONI SU CREDIVENETO Denominazione e forma giuridica CREDITO COOPERATIVO INTERPROVINCIALE VENETO Società Cooperativa Società Cooperativa per Azioni a Resp. Limitata Sede Legale e amministrativa:

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato

Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato Fonti normative Il principale testo normativo che disciplina il regime fiscale degli interessi sui Titoli di Stato è il decreto legislativo 1 aprile

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28

I QUADERNI DI EURYDICE N. 28 Ministero d e l l i s t r u z i o n e, d e l l università e della r i c e r c a (MIUR) Di r e z i o n e Ge n e r a l e p e r g l i Affari In t e r n a z i o n a l i INDIRE Un i t à It a l i a n a d i Eu

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO

scolastici europei dellõ istruzione in Europa2012 Sistemi scolastici europei 2012 Sistemi di valutazione ALCUNI PAESI A CONFRONTO n n u u m e r r o m o n o g r a nf i u c m o e r o m Sistemi scolastici europei Sistemi 2012 Sistemi di valutazione scolastici europei Sistemi sc dellõ istruzione in Europa2012 ALCUNI PAESI A CONFRONTO

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa

Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa 03 NOV 2014 Artoni Europe: ampliata la copertura geografica del servizio di import/export in Europa Da oggi Artoni Europe, servizio internazionale di Artoni Trasporti, raggiunge ben 32 paesi Europei con

Dettagli

Nuove tecnologie per l inclusione

Nuove tecnologie per l inclusione Nuove tecnologie per l inclusione Sviluppi e opportunità per i paesi europei EUROPEAN AGENCY for S p e c ia l N e e d s a n d I n c lus i ve Ed u cati o n NUOVE TECNOLOGIE PER L INCLUSIONE Sviluppi e

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa

Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa www.unil.ch/share Risultati dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa Cosa accadrà in futuro? Il passo successivo dell inchiesta sugli ultracinquantenni in Europa sarà completare la base dati già

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI

GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI GUIDA ALLA RELAZIONE CON I FORNITORI Indice 1 Introduzione 2 2 Come ERA collabora con i fornitori 3 Se siete il fornitore attualmente utilizzato dal cliente Se siete dei fornitori potenziali Se vi aggiudicate

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4

TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 TENDENZE DEMOGRAFICHE E TRASFORMAZIONI SOCIALI NUOVE SFIDE PER IL SISTEMA DI WELFARE CAPITOLO 4 4 4. Tendenze demografiche e trasformazioni sociali: nuove sfide per il sistema di welfare QUADRO D INSIEME

Dettagli

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna

Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Migrazioni dall Africa: scenari per il futuro Alessio Menonna Il modello Attraverso un modello che valorizza un insieme di dati relativi ai tassi di attività e alla popolazione prevista nel prossimo ventennio

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale

Disposizioni UE sulla sicurezza sociale Aggiornamento 2010 Disposizioni UE sulla sicurezza sociale I diritti di coloro che si spostano nell Unione europea ANNI di coordinamento UE in materia di sicurezza sociale Commissione europea Disposizioni

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE

GUIDA PER L UTENTE. Direttiva 2005/36/CE. Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE GUIDA PER L UTENTE Direttiva 2005/36/CE Tutto quello che vorreste sapere sul riconoscimento delle qualifiche professionali 66 DOMANDE 66 RISPOSTE Il presente documento è stato elaborato a fini informativi.

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione

Gruppo Roche. Policy sull Occupazione Gruppo Roche Policy sull Occupazione 2 I Principi Aziendali di Roche esprimono la nostra convinzione che il successo del Gruppo dipenda dal talento e dai risultati di persone coscienziose e impegnate nel

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.»

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Seite 1 Benvenute e benvenuti Seite 2 Due organizzazioni, un tema Seite 3 Seite 4 Ordine del giorno - Rilevanza a livello sociale - Campagna

Dettagli