I nuovi anticoagulanti orali. Dr. Giuseppe Cambié SIMT A.O. della Provincia di Lodi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I nuovi anticoagulanti orali. Dr. Giuseppe Cambié SIMT A.O. della Provincia di Lodi"

Transcript

1 I nuovi anticoagulanti orali Dr. Giuseppe Cambié SIMT A.O. della Provincia di Lodi

2 Strategia antitrombotica nella FA non valvolare paz - Anno 2012 Nessuna terapia Altra profilassi antitrombotica AVK Di Pasquale et al., International Journal of Cardiology, doi: /j.ijcard

3 Aderenza al trattamento anticoagulante nella pratica clinica in Italia Range INR Pazienti già trattati con AVK media mediana (p25 - p75) INR < 2 No 33.4% 28.8% (15.4% %) INR < 2 Si 25.3% 20.0% (7.7% %) INR No 47.9% 50.0% (33.3% %) INR Si 56.3% 58.3% (42.5% %) INR > 3 No 16.9% 13.3% (0.0% %) INR > 3 Si 17.9% 14.3% (4.0% %) SIMT Lodi Pazienti totali = 67.8 % Pazienti in FA persistente = 69.2 % Degli Esposti et al., Farmeconomia e percorsi 2011; 12(1): 63-69

4 AVK - Ristretta finestra terapeutica 20 Finestra terapeutica Odds ratio Ictus Sanguinamento Sanguinamento intracranico International normalized ratio (INR) 8 AVK = antagonista della vitamina K; American College of Cardiology Foundation/American Heart Association/Heart Rhythm Society focused update guidelines: Fuster V et al. Circulation 2011;123:e ; Wann LS et al. Circulation 2011;123: & Circulation 2011;123:

5 Limiti della terapia con AVK Risposta imprevedibile Numerose interazioni con il cibo Finestra terapeutica ristretta (range INR 2,0 3,0) Numerose interazioni con i farmaci Monitoraggio routinario della coagulazione Farmaco-resistenza Frequenti aggiustamenti di dose Azione a lenta insorgenza/cessazione Ansell J, et al. Chest 2008;133;160S-198S. Umer Ushman MH, et al. J Interv Card Electrophysiol 2008;22: Nutescu EA, et al. Cardiol Clin 2008;26:

6 Nuovi anticoagulanti orali Requisiti auspicabili Efficacia pari almeno a quella del warfarin Risposta (farmacodinamica) prevedibile Ampia finestra terapeutica Bassa incidenza e gravità di effetti avversi Dose fissa orale Nessuna necessità di monitoraggio periodico dell'anticoagulazione Basso potenziale di interazioni alimentari o farmacologiche Rapida insorgenza d azione e breve emivita Lip GY et al. EHJ Suppl. 2005;7:E21 25

7 Nuovi anicoagulanti orali Dabigatran Rivaroxaban Apixaban Indicazioni Prevenzione di episodi tromboembolici nella chirurgia protesica dell'anca o del ginocchio. Prevenzione di episodi tromboembolici nella chirurgia protesica dell'anca o del ginocchio. Prevenzione della TEV nella chirurgia protesica dell'anca o del ginocchio Prevenzione ictus e embolia sistemica in FA non valvolare con uno o più fattori di rischio* Prevenzione ictus e embolia sistemica in FA non valvolare con uno o più fattori di rischio* Prevenzione ictus e embolia sistemica in FA non valvolare con uno o più fattori di rischio* Trattamento della TVP e dell EP e prevenzione delle recidive Trattamento TVP e EP e prevenzione delle recidive Controindicazioni Emorragia in atto, rischio di sanguinamento maggiore, trattamento con anticoagulanti e alcuni altri farmaci, epatopatie con impatto sulla sopravvivenza, gravidanza e allattamento, insufficienza renale (CrCl <30) Emorragia in atto, rischio di sanguinamento maggiore, trattamento con anticoagulanti, epatopatie con rischio emorragico significativo, gravidanza e allattamento Emorragia in atto, rischio di sanguinamento maggiore, trattamento con anticoagulanti, epatopatie con rischio emorragico significativo Raccoman dazioni Non raccomandato: alcune associazioni farmacologiche Non raccomandato: insufficienza renale (CrCl <15) Non raccomandato: gravidanza e allattamento, insufficienza renale (CrCl <15)

8 Criteri di inclusione nei trial clinici Fibrillazione atriale all ECG insorta entro 6 mesi e almeno una delle seguenti condizioni: Precedente ictus, attacco ischemico transitorio o embolia sistemica (ES) Frazione di eiezione del ventricolo sinistro < 40 % Insufficienza cardiaca sintomatica, Classe 2 della classificazione della New York Heart Association (NYHA) Età 75 anni Età 65 anni associata con una delle seguenti condizioni: diabete mellito, coronaropatia o ipertensione.

9 Criteri di esclusione Severa valvulopatia cardiaca Stroke grave negli ultimi 6 mesi Condizioni di aumentato rischio emorragico Creatinina clearance <30 ml/min Malattia epatica attiva Gravidanza

10 Outcome The primary study outcome: stroke or systemic embolism. Other outcomes were myocardial infarction, pulmonary embolism, transient ischemic attack, hospitalization, death. The primary safety outcome: major hemorrhage. The primary net clinical benefit outcome: the composite of stroke, systemic embolism, pulmonary embolism, myocardial infarction, death, major hemorrhage.

11 Complicanze emorragiche maggiori Major bleeding was defined as bleeding associated with a reduction in hemoglobin of at least 20 g/l or leading to a transfusion of at least 2 units of blood or RBC or symptomatic bleeding into a critical area or organ. Major bleeds were classified as life-threatening if they met any of the following criteria: fatal, symptomatic, intracranial, hemoglobin reduction 50 g/l, transfusion 4 U, associated with hypotension requiring intravenous inotropic agents or necessitating surgical intervention.

12 Rely - Dabigatran Open label, blinded, noninferiority trial 18,113 patients (12091 Dabigatran; 6022 Warfarin) blinded fashion, fixed doses of dabigatran 110 mg or 150 mg twice daily or, unblinded, adjusted-dose warfarin The mean CHADS2 score was 2.1

13 Rely - Dabigatran Stroke or Systemic Embolism

14 Rely-able - Dabigatran Stroke or systemic embolism Major bleeding

15 Rocket - Rivaroxaban Non inferiority, Double-blind trial Nonvalvular atrial fibrillation who were at increased risk for stroke 14,264 patients (7131 rivaroxaban; 7133 warfarin) rivaroxaban (at a daily dose of 20 mg) or doseadjusted warfarin. The mean CHADS2 score was 3.5

16 Rocket - Rivaroxaban Stroke or Systemic Embolism

17 Aristotle - Apixaban randomized, double-blind trial, atrial fibrillation and at least one additional risk factor for stroke 18,201 patients (9120 apixaban; 9181 warfarin) apixaban (at a dose of 5 mg twice daily) with warfarin (target international normalized ratio, 2.0 to 3.0) The mean CHADS2 score was 2.1

18 Aristotle - Apixaban Stroke or Systemic Embolism

19 Aristotle - Apixaban Major Bleeding

20 Clinical trials * Studio Einstein 2014

21 Clinical trials

22 Meta-analysis of three clinical trials with factor Xa inhibitors versus warfarin Data on major bleeding Nunes 2014

23 Major efficacy and safety outcomes in the atrial fibrillation studies Schulman 2014

24 Studi clinici per TEV Criteri di inclusione acute, symptomatic, objectively confirmed proximal Deep Vein Thrombosis or Pulmonary Embolism

25 Studi clinici per TEV Outcome The primary outcome was incidence of recurrent symptomatic, objectively confirmed venous thromboembolism and related deaths The principal safety outcome was major or clinically relevant nonmajor bleeding

26 Einstein DVT - Rivaroxaban randomized, open-label, event-driven, noninferiority trial proximal DVT, without symptomatic PE 3449 patients (1731 rivaroxaban; 1718 standard therapy) rivaroxaban (15 mg twice daily for 3 weeks, followed by 20 mg once daily) with standard therapy with enoxaparin followed by an adjusted-dose vitamin K antagonist 3, 6, or 12 months.

27 Einstein DVT Rivaroxaban Recurrent venous thromboembolism

28 Einstein DVT Rivaroxaban Major or clinically relevant nonmajor bleeding

29 Einstein PE Rivaroxaban Recurrent venous thromboembolism

30 Einstein PE - Rivaroxaban Clinically Significant Bleeding Major Bleeding HR 0.49; (95% CI, ); P 0.003

31 Recover - Dabigatran randomized, double-blind, noninferiority trial acute venous thromboembolism (proximal DVT or PE) 2539 patients (1274 dabigatran; 1265 standard therapy) dabigatran, 150 mg twice daily vs warfarin Follow up: 6 months

32 Recover - Dabigatran Recurrent Venous Thromboembolism or Related Death

33 Recover - Dabigatran Major Bleeding and Any Bleeding HR 0.71 (95% CI, 0.59 to 0.85; P<0.001)

34 Remedy, Resonate - Dabigatran RecurrentVenousThromboembolism or RelatedDeath AnyBleeding HR 0.71; (95% CI, ) ; P<0.001

35 Amplify - Apixaban randomized, double-blind study proximal deep-vein thrombosis or pulmonary embolism 5395 patients (2691 apixaban; 2704 standard therapy) apixaban (at a dose of 10 mg twice daily for 7 days, followed by 5 mg twice daily for 6 months) with conventional therapy (subcutaneous enoxaparin, followed by warfarin)

36 Amplify Apixaban Recurrent venous thromboembolism or VTE related death

37 Amplify - Apixaban Major bleeding HR 0.31; (95% CI, ); P<0.001

38 Efficacy and Bleeding Outcomes in DVT Outcomes (% per year) Dabigatran (Recover) Rivaroxaban (Einstein) Apixaban (Amplify) Warfarin Dabigatran 150 Heparin warfarin Rivaroxaban 15 Rivaroxaban 20 Heparin warfarin Apixaban 10 Apixaban 5 (n = 1265) (n = 1274) (n = 1718) (n = 1731) (n = 2704) (n = 2691) (HR, 95%CI, P value) (HR, 95%CI, P value) (HR, 95%CI, P value) venous thromboembolism or related death Symptomatic deep-vein thrombosis Symptomatic nonfatal pulmonary embolism Death related to venous thromboembolism (1.10; ;P for non inferiority <0.001) Major bleeding event (0.82; ; P = 0.38) Major or clinically relevant nonmajor bleeding event (0.68; ;P for non inferiority <0.001) (0.84; ;P for non inferiority <0.001) (0.63; ;P = 0.002) (0.65; ;P 0.21) (0.97; ;P 0.77) (0.31; ;P<0.001) (0.44; ;P<0.001)

39 Nuovi anticoagulanti orali Caratteristiche generali Profilo farmacocinetico prevedibile e costante 1,2,3 Rapida insorgenza d azione e breve emivita 3,4 Nessuna necessità di monitoraggio 4 Ridotta variabilità farmacocintica inter individuale Basso potenziale di interazioni alimentari o farmacologiche 1,5,6 1. Pradaxa: SmPC, 2009; 2. Stangier J et al. Clin Pharmacokinet 2008;28:47 59; 3. Stangier J Clin Pharmacokinet 2008;47:285 95; 4. Stangier J et al. Br J Pharmacol 2007;64: ; 5. Blech S et al. Drug Metab Dispos 2008;36:386 99; 6. Stangier J et al. J Clin Pharmacol 2005;45:555 63

40 Dabigatran etexilate Farmacodinamica e farmacocinetica Profarmaco orale, convertito a dabigatran DTI reversibile Inibisce la trombina sia libera, sia legata a fibrina Biodisponibilità: 6.5% Legame alle proteine plasmatiche 35% Picco plasmatico entro 2 ore (in volontari sani) Emivita: 7 9 ore nei giovani; negli anziani Escrezione renale: ~85% DTI = direct thrombin inhibitor Pradaxa : SmPC, 2011; Connolly SJ et al. N Engl J Med 2009;361:

41 Rivaroxaban Farmacodinamica e farmacocinetica Farmaco orale inibitore diretto del fattore Xa, selettivo e reversibile Inibisce il fatt. Xa libero, legato a fibrina e nel comlesso protrombinasi Biodisponibilità: 80% (66-100% senza/con cibo) Legame alle proteine plasmatiche 92-95% Picco plasmatico tra 2 e 4 ore Emivita: 5 9 ore nei giovani; negli anziani Escrezione renale: ~66%

42 Apixaban Farmacodinamica e farmacocinetica Farmaco orale inibitore diretto del fattore Xa Inibisce il fatt. Xa libero, legato a fibrina e nel comlesso protrombinasi Biodisponibilità: 50-66% Legame alle proteine plasmatiche 87% Picco plasmatico tra 1 e 3 ore Emivita: 8-15 ore Escrezione renale: ~25%

43 Confronto tra NOA 50% 62%

44 Target dei Nuovi Anticoagulanti Orali VII Tissue factor/viia Vitamin K antagonist: Tecarfarin (Ph II completed) 2 X IX Direct Factor Xa inhibitors: Apixaban (Ph III completed) 5,6 Rivaroxaban (Ph III completed) 7 Edoxaban (Ph III ongoing) 8 Betrixaban (Ph II completed) 9 II Fibrinogen VIIIa Va Xa IXa AT Thrombin Fibrin Indirect Factor Xa inhibitors: Idraparinux (Ph III terminated) 3 SSR (withdrawn 2009) 4 Direct thrombin inhibitors: Dabigatran etexilate (Ph III completed) 10 Ximelagatran (withdrawn 2006) 11,12 AZD0837 (Ph II completed) 13 AT= antithrombin; Ph = Phase 1. Adapted from Turpie AG. Eur Heart J 2008;29:155 65; 2. Ellis DJ et al. Circulation 2009;120: ; 3. Bousser MG et al. Lancet 2008;371:315 21; 4. NCT ; available at accessed March 2012; 5. Connolly SJ et al. N Engl J Med 2011;364:806 17; 6. Granger CB et al. N Engl J Med 2011;365:981 92; 7. Patel MR et al. N Engl J Med 2011;365:883 91; 8. NCT ; available at accessed March 2012; 9. NCT ; available at accessed March 2012; 10. Connolly SJ et al. N Engl J Med 2009;361: ; 11. Olsson SB et al. Lancet 2003;362:1691 8; 12. Albers GW et al. JAMA 2005;293:690 8; 13. Lip GY et al. Eur Heart J 2009;30:

45 Il ruolo della trombina e del fattore X

46 Protrombinasi e protrombina

47 Inibitori della trombina Dabigatran

48 Inibitori del fattore Xa AT FXa Eparina Basso Peso Molecolare EBPM Eparina non frazionata AT FII AT FXa Pentasaccaride Inibitori diretti AT FXa FXa

49 Do new oral anticoagulants require laboratory monitoring? The clinician point of view Meyer Michel Samama, Céline Guinet, Lena Le Flem Thrombosis Research 130 (2012) S88 S89 There is no need for routine monitoring but in certain emergency situations it may be advisable to assess coagulation status It is essential that patient's education and regular contacts between the patient and the prescriber should not be neglected in order to increase the benefit/risk ratio of these new promising treatments.

50 Fattori correlati a rischio di sanguinamento Fattori farmacocinetici e farmacodinamici Fattori che aumentano i livelli plasmatici di inibitore Età anni Maggiori: Insufficienza renale moderata o severa (CrCl o <30 ml/min) Co-trattamento con inibitori della P-glicoproteina o CYP3A4 Minori: Basso peso corporeo (<50-60kg) Interazioni farmacodinamiche Patologie/ procedure con particolare rischio emorragico Aspirina FANS Clopidogrel SSRIs or SNRIs Altri farmaci che possono compromettere l emostasi Disturbi della coagulazione congeniti o acquisiti Trombocitopenia e disturbi della funzionalità delle piastrine Recente biopsia o trauma maggiore Endocardite batterica Esofagite, gastrite o reflusso gastro-esofageo

51 Dose di Dabigatran e rischio di sanguinamento Recommended dose Dose can be considered Patient has risk factors for stroke Estimated CrCl Risk factors include: Previous stroke, transient ischaemic attack, or systemic embolism Left ventricular ejection fraction 40 Symptomatic heart failure NYHA class 2 Age 75 years Age 65 years and with one of the following: diabetes mellitus, coronary artery disease, or hypertension <30 ml/min ml/min >50 ml/min High bleeding risk Age <75 years Age years Age >80 years Contraindicated in the EU (<75 mg BID dose in USA if CrCL ml/min) High bleeding risk 110 mg BID 150 mg BID 150 mg BID 110 mg BID 150 mg BID 110 mg BID Renal function must be assessed in all patients prior to initiating dabigatran therapy BID = twice daily; CrCl = creatinine clearance; NYHA = New York Heart Association Adapted from: Huisman M et al. Thromb Haemost doi: /th

52 Dose di Rivaroxaban e rischio di sanguinamento

53 Dose di Apixaban e rischio di sanguinamento

54 European Heart Rhythm Association Practical Guide Hein Heidbuchel et al. Europace (2013) 15, The quantitative assessment of the drug exposure and the anticoagulant effect may be needed in emergency situations, such as a serious bleeding and thrombotic events, need for urgent surgery, or in special clinical situations such as patients who present with renal or hepatic insufficiency, in case of potential drug drug interactions or of suspected overdosing.

55 Quando è utile testare Reazioni avverse (trombosi, emorragie) Necessità di correzione (emorragia grave) Chirurgia e procedure invasive Possibili interazioni farmacologiche Sospetto sovradosaggio Insufficienza renale Insufficienza epatica Età > 75 Basso peso corporeo (<60 Kg) Controllo della compliance

56 Misurazione dell effetto anticoagulante dei NOA Dabigatran Apixaban Edoxaban Rivaroxaban Plasma peak 2 h after ingestion 1 4 h post ingestion 1 2 h after ingestion 2 4 h after ingestion Plasma trough h after h after h after ingestion h after ingestion ingestion ingestion PT cannot be used cannot be used prolonged but no known relation with bleeding risk prolonged: may indicate excess bleeding risk but local calibration required INR cannot be used cannot be used cannot be used cannot be used aptt dtt at trough >2x ULN suggests excess bleeding risk At trough >200 ng/ml 65 s: excess bleeding risk Anti-FXa assays n/a quantitative; no data on threshold values for bleeding or thrombosis Ecarin clotting time at trough >2-3x ULN: excess bleeding risk cannot be used prolonged but no known relation with bleeding risk cannot be used cannot be used cannot be used cannot be used quantitative; no data on threshold values for bleeding or thrombosis quantitative; no data on threshold values for bleeding or thrombosis no data yet no data yet not affected INR = international normalized ratio; ULN = upper level of normal Heidbuchel H et al. Europace 2013;15:625 51

57 aptt

58 TT Thrombin Fibrinogen

59 PT Thromboplastin Calcium Tissue Factor VIIa

60 Test per il monitoraggio dei NOA Dabigatran Rivaroxaban Anti-factor Xa assay is the test to determine the anticoagulant effect of direct Xa inhibitors

61 Correlazione tra concentrazione plasmatica di dabigatran ed effetto anticoagulante misurato con differenti test ECT (ratio) a Multiple dose y = x r 2 = Dabigatran plasma concentration (ng/ml) PT (INR) b Multiple dose y = x r 2 = Dabigatran plasma concentration (ng/ml) TT (sec) c Multiple dose y = x r 2 = aptt (ratio) d Multiple dose y = x 1/2 r 2 = Dabigatran plasma concentration (ng/ml) Dabigatran plasma concentration (ng/ml) van Ryn J et al. Thromb Haemost 2010;103:

62 Correlazione tra concentrazione plasmatica di rivaroxaban o apixaban ed effetto anticoagulante misurato con differenti test

63 Correlazione tra concentrazione plasmatica di dabigatran ed effetto anticoagulante misurato con differenti test 200 Geometric mean (n=6) 200 mg dabigatran etexilate (single dose) 20 Dabigatran plasma concentration (ng/ml) * 150 mg dabigatran etexilate BID (steady state) * * Dabigatran plasma conc. Dabigatran plasma conc. INR aptt ratio ECT ratio TT ratio INR and aptt, ECT (ratio) TT (ratio) Time (hours) Stangier J et al. Br J Clin Pharmacol 2007;64: , modificato

64 Sovradosaggio NOA Se l assunzione è recente (entro 1-2 ore): carbone vegetale attivato per ridurre l assorbimento (dose standard: g/kg diluito in acqua) Valutare i test di coagulazione In assenza di sanguinamento, semplice monitoraggio clinico Heidbuchel H et al. Europace 2013;15:625 51

65 Strategie di reversione dell effetto anticoagulante dei NOA Pazienti con emorragia Emorragia lieve Posticipare la successiva somministrazione o interrompere il trattamento Emorragia moderata o severa Trattamento sintomatico Compressione meccanica Emostasi chirurgica Reintegrazione dei liquidi e supporto emodinamico Trasfusione di emoderivati Assunzione orale di carbone*(se dabigatran etexilato è stato assunto <2h prima) Emodialisi Emorragia grave con pericolo di vita Considerare rfvlla o PCC* Filtrazione su carbone* Sono in via di sviluppo antidoti specifici per dabigatran e per gli inibitori del Xa *Raccomandazione basata solo su dati non clinici, non c è esperienza su volontari o pazienti. PCC = concentrato di complessi di protrombina (non-attivata o attivata ); rfviia = Fattore VII attivato ricombinante van Ryn J et al. Thromb Haemost 2010; 103:

66 Antidoto per dabigatran La reversione dell effetto anticoagulante è importante in caso di: Emorragia maggiore Procedure invasive urgenti Sovradosaggio Anticorpi monoclonali (Fab) neutralizzanti per dabigatran: Progettati per alta efficacia neutralizzante e bassa immunogenicità Testati su plasma umano in vitro, su ratti ex vivo (dtt) e su 145 volontari sani (trial clinico randomizzato, controllato, in doppio cieco) van Ryn et al. ACC 2011; abstract Glund AHA 2013, oral presentation 17765

67 Antidoto per inibitori del fattore Xa Per reversione dell effetto anticoagulante Andexanet alfa (Portola): fattore X ricombinante modificato, a funzione decoy che sequestra specificamente gli inibitori diretti e indiretti Appena concluso il primo trial di fase 3 (randomizzato, controllato, in doppio cieco) su 33 volontari, per sicurezza ed efficacia dopo assunzione di apixaban. In corso trial per rivaroxaban, edoxaban, betrixaban ed enoxaparina. Nei trial di fase 2 su più di 100 volontari: immediata reversione, buona tollerablità, nessun evento trombotico, nessuna immunizzazione anti-x o anti-xa. American Heart Association 2014 Scientific Sessions

68 Metabolismo ed escrezione dei NOA Heidbuchel H et al. Europace 2013;15:625 51

69 Dabigatran: substrato di P-gp Dabigatran etexilate P-glycoprotein Efflux transporter Dabigatran etexilate Dabigatran Serum esterases Dabigatran absolute bioavailability = ~5-7.5% Dabigatran etexilate absorption Dabigatran etexilate Intestinal lumen Gut wall Bloodstream

70 Dabigatran: effetto degli inibitori di P-gp Dabigatran etexilate P-glycoprotein Inhibitors X Dabigatran etexilate Dabigatran Serum esterases Dabigatran absolute bioavailability > 7 % X = Dabigatran etexilate absorption Dabigatran etexilate Blockade of P-gp by e.g. Quinidine, Amiodarone, Erythromycin, Verapamil Intestinal lumen Gut wall Bloodstream

71 Dabigatran: effetto degli induttori di P-gp P-glycoprotein Inducers Dabigatran Serum esterases Dabigatran absolute bioavailability <5 % Dabigatran etexilate Dabigatran etexilate = Dabigatran etexilate absorption Dabigatran etexilate Induction of P-gp by e.g. Rifampicin, Carbamazepine, Phenytoin Intestinal lumen Gut wall Bloodstream

72 NOA e interazioni farmacologiche Dabigatran, come Apixaban (Rivaroxaban solo a livello renale) sono substrati del trasportatore d efflusso glicoproteina di permeabilità P-glicoproteina 1 (P-gp) proteina di resistenza multifarmaco 1 (MDR1) ATP-binding cassette sotto-famiglia B membro 1 (ABCB1) e sono quindi possibili interazioni con farmaci che influenzano la P-gp Dabigatran non interagisce con il sistema del citocromo P450. Apixaban solo in piccola parte. Pertanto, non sono previste importanti interazioni farmacologiche correlate. Eisert WG et al. Arterioscler Thromb Vasc Biol 2010;30:

73 Farmaci che influenzano la P-gp Dabigatran, Apixaban, Rivaroxaban Rivaroxaban, Apixaban P-gp CYP3A4 inhibitors inducers substrate inhibitors inducers substrate Dronedarone Desametasone Digossina Verapamil Efavirenz Atorvastatina Amiodarone Rifampicina Atorvastatina Antifungini azolici Nevirapina Midazolam Verapamil Carbamazepina Eritromicina Rifampicina Chinidina Fenitoina Telitromicina Rifabutina Antifungini azolici Fenobarbital Antimalarici Rifapentina Antimalarici Erba S. Giovanni Ciclosporina Carbamazepina Ciclosporina Fenotiazine Fenitoina Fenotiazine Tioxanteni Fenobarbital Tioxanteni Nefazodone Erba S. Giovanni Alcool Eucaliptolo

74 Interazioni farmacologiche dei NOA Tre livelli di allarme devono guidare la pratica clinica: Rosso farmaci controindicati / associazione non raccomandata Arancio modificare la dose del NOA, anche per un singolo farmaco interferente Dabigatran: da 150 mg a 110 mg BID Rivaroxaban: da 20 mg a 15 mg QD Apixaban: da 5 mg a 2.5 mg BID Giallo consigliabile ridurre la dose del NOA solo se si associano due farmaci interferenti No data in assenza di evidenze i NOA non sono raccomandati BID = twice daily; QD = once daily Heidbuchel H et al. Europace 2013;15:625 51

75 Interazioni: effetto sui livelli plasmatici di NOA (I) Dabigatran Apixaban Edoxaban Rivaroxaban Atorvastatin P-gp/ CYP3A4 +18% no data yet no effect no effect Digoxin P-gp no effect no data yet no effect no effect Verapamil P-gp/ wk CYP3A % (reduce dose) minor effect + 53% (SR) (reduce dose 50%) minor effect Diltiazem P-gp/ wk CYP3A4 no effect +40% No data minor effect Quinidine P-gp +50% minor effect +80% (reduce dose 50%) +50% Amiodarone P-gp % minor effect no effect minor effect Dronedarone P-gp/CYP3A % no data yet +85% (reduce dose 50%) no data yet Ketoconazole; itraconazole; voriconazole; posaconazole P-gp and BCRP/ CYP3A % +100% no data yet up to +160% Red = contraindicated; Orange = adapt dose; Yellow = consider dose reduction if two concomitant yellow interactions present Heidbuchel H et al. Europace 2013;15:625 51

76 Interazioni: effetto sui livelli plasmatici di NOA (II) Interaction Dabigatran Apixaban Edoxaban Rivaroxaban Fluconazole CYP3A4 no data no data no data +42% Cyclosporin; tacrolimus Clarithromycin; erythromycin P-gp no data no data no data +50% P-gp/ CYP3A % no data no data % HIV protease inhibitors Rifampicin; St John s wort; carbamezepine; phenytoin; phenobarbital P-gp and BCRP/ CYP3A4 P-gp and BCRP/ CYP3A4/CYP2J2 no data strong increase no data up to +153% -66% -54% -35% up to -50% Antacids GI absorption % no data no effect no effect Red = contraindicated; Orange = adapt dose; Yellow = consider dose reduction if two concomitant yellow interactions present Heidbuchel H et al. Europace 2013;15:625 51

77 Interazioni: effetto sui livelli plasmatici di NOA (III) Dabigatran Apixaban Edoxaban Rivaroxaban Aged 80 years Increased plasma level no data Aged 75 years Increased plasma level no data Weight 60 kg Increased plasma level Renal function Increased plasma level Other increased bleeding risk Pharmacodynamic interactions antiplatelet drugs, NSAIDs Systemic steroid therapy Other anticoagulants Recent surgery on critical organ (brain, eye) Thrombocytopenia (e.g. chemotherapy) HAS-BLED 3 Red = contraindicated; Orange = adapt dose; Yellow = consider dose reduction if two concomitant yellow interactions present Heidbuchel H et al. Europace 2013;15:625 51

78

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Area Valutazione del farmaco I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI nella fibrillazione atriale non valvolare L impiego delle terapie anticoagulanti è molto diffuso: dai dati

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Dott. Angelo Ghirarduzzi Responsabile SSD Angiologia Reggio Emilia Cona,, Ferrara 29.09.12

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica?

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO) con complicanza emorragica gastrointestinale presenta aspetti problematici

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Farmaci ipolipemizzanti: metabolismo ed interazioni clinicamente rilevanti

Farmaci ipolipemizzanti: metabolismo ed interazioni clinicamente rilevanti 27 Farmaci ipolipemizzanti: metabolismo ed interazioni clinicamente rilevanti ALBERTO CORSINI, STEFANO BELLOSTA Dipartimento di Scienze Farmacologiche, Università degli Studi di Milano Negli ultimi anni

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma:

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: !"# Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: $ % &'( ')*! " # $% & % '!!!"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: "!"# Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico PREMESSA La chirurgia dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali è un problema

Dettagli

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO TROMBOEMBOLISMO VENOSO 343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO tromboembolismo venoso Il Tromboembolismo Venoso (TEV) rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità ospedaliera, anche se la sua incidenza

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!!

Fase Preanalitica. Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! Fase Preanalitica Errori di laboratori: scambio di provetta!!!! PROVETTE CON ANTICOAGULANTE SODIO CITRATO DA 0,4 E 0,5 ML. Emostasi Serie

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969. Staff - STRUTTURA COMPLESSA DI CARDIOLOGIA INFORMAZIONI PERSONALI Nome GARBELLINI MARIA Data di nascita 31/03/1969 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA OSPEDALIERA VALTELLINA E VALCHIAVENNA

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE

LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE LE PROTEINE VITAMINA K DIPENDENTI: UN LINK ULTERIORE TRA OSSO E PARETE VASALE Dott.ssa M.Pasquali VITAMINA K K1 fillochinone K2 menachinone (Carl Peter) Henrik Dam (1895-1976) Glutammato Proteina noncarbossilata

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria?

DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? 2. Che cosa si intende con i termini immunità, risposta immune e risposta immunitaria? DOMANDE E RISPOSTE 1. Che cos è un vaccino? Un vaccino è un prodotto la cui somministrazione è in grado di indurre una risposta immunitaria specifica contro un determinato microrganismo (virus, batterio

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

FATTORI DELLA COAGULAZIONE

FATTORI DELLA COAGULAZIONE FATTORI DELLA COAGULAZIONE I Fattori della Coagulazione sono un insieme eterogeneo di molecole che prende parte alla cascata coagulativa, in quella che viene chiamata FASE COAGULATIVA del processo emostatico.

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO

ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO ALLEGATO I RIASSUNTO DELLE CARATTERISTICHE DEL PRODOTTO 1 Medicinale sottoposto a monitoraggio addizionale. Ciò permetterà la rapida identificazione di nuove informazioni sulla sicurezza. Agli operatori

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010

XIV Riunione AIRTUM Sabaudia 21-23 Aprile 2010 CORRELAZIONE TRA PATOLOGIA CARDIOVASCOLARE E TRATTAMENTO RADIANTE POSTOPERATORIO DOPO CHIRURGIA CONSERVATIVA NELLE NEOPLASIE MAMMARIE IN STADIO INIZIALE ANTONELLA FONTANA U. O. C. di Radioterapia Ospedale

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Un pacemaker per ogni cuore

Un pacemaker per ogni cuore ABC dell ECG: Elettrocardiografia pratica Verona 13 maggio 2006 Un pacemaker per ogni cuore Eraldo Occhetta NOVARA Ogni cuore ha il suo pacemaker Nodo A-V Branche sx e dx Sistema di conduzione ed ECG di

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

LA DONAZIONE DI SANGUE

LA DONAZIONE DI SANGUE CHE COSA è La donazione di sangue consiste nel prelievo di un determinato volume di sangue da un soggetto sano, chiamato donatore, al fine di trasfonderlo in un soggetto che ha bisogno di sangue o di uno

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA

TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA Periodico quadrimestrale - N. 59 - agosto 2005 - Spedizione in abbonamento postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/2/04 n.46) art. 1 comma 2 DCB Milano TROMBOSI: SI PREVIENE E SI CURA I nfarto, Ictus, Embolia,

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei

MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei MALATTIE RARE DELLA COAGULAZIONE: CIO CHE NON SI SA. Aspetti sociali e progetti europei Flora Peyvandi Centro Emofilia e Trombosi Angelo Bianchi Bonomi, Fondazione IRCCS Ospedale Maggiore Policlinico,

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato

Sistema per Acuti. Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato Sistema per Acuti Ci-Ca La via per una sicura anticoagulazione con citrato La terapia Ci-Ca Citrato Dialisato Ci-Ca Calcio Modulo Ci-Ca Il sistema Ci-Ca con gestione integrata del citrato e calcio: La

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL

MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL MANAGEMENT DELL'ASTINENZA DA DROGHE E ALCOL Kosten Th., O'Connor P.: Management of drug and alcohol with drawal, The New England Journal of Medicine, 348: 1786-95, 2003 Tenendo conto della prevalenza dei

Dettagli

Storia di Rischio emorragico Chirurgia o procedura a rischio

Storia di Rischio emorragico Chirurgia o procedura a rischio Rischio tromboembolico alto basso Storia di Rischio emorragico alto basso Chirurgia o procedura a rischio alto basso URGENZA ELEZIONE Problemi di coagulazione in pazienti ricoverati SCELTA SCELTA TRA TRA

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia

Camminiamo insieme. Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia Camminiamo insieme Gli ematologi ai pazienti con trombocitemia 1 A cura di: Prof. Valerio De Stefano Professore Ordinario Istituto di Ematologia Università Cattolica di Roma - Policlinico Agostino Gemelli

Dettagli