Struttura del sistema GSM

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Struttura del sistema GSM"

Transcript

1 Struttura del sistema GSM Seconda Parte 1

2 Colloquio tra MSC, BSC, BTS MS 2

3 BSC (struttura hardware) 3

4 BSC (implementazioni pratiche) 4

5 NSS Necessità di un MSC Numeri telefonici (MSISDN) Instradamento e gestione mobilità Necessità di un VLR Avere informazioni in locale Necessità di un HLR Dati statici e dinamici Necessità dell AuC (triplette) 5

6 MSC/VLR Funzioni di commutazione per instaurare, mantenere e chiudere le chiamate Memorizzare le informazioni delle MS È una centrale di commutazione Collegamenti PCM con altri elementi di rete Collegamento alla rete fissa 6

7 MSC/VLR (II) Collegamento con altre reti Funzione di gateway Mobile Station Roaming Number (MSRN) Interworking Connection & Mobility Management Colloquio con BSS Colloquio con MS 7

8 MSC (hardware e software) 8

9 Connection Management Originating Call: : accesso alla rete da parte di MS MS chiede un accesso BTS inoltra a MSC. MSC chiede al VLR autenticazione Dopo la cifratura, setup della chiamata Richiesta alla BSC di un canale di traffico Instradamento della chiamnata verso altro MSC/VLR 9

10 Connection Management (II) Terminating Call: : Accesso a MS da parte della rete Tramite MSRN la chiamata è giunta allo MSC/VLR Si controlla sul VLR se la MS è raggiungibile, e quindi fatto il paging La BTS inoltra la risposta tramite BSC, quindi autenticazione e cifratura Viene richiesta una connessione alla BSC La MS aziona la suoneria e, alla risposta, avverte della connessione 10

11 Connection Management (III) Gateway: : accesso alla rete mobile da altre reti 11

12 Mobility Management (MM) Procedure collegate alla connessione Procedure scollegate Location updating Periodic Registration and implicit detach IMSI attach Procedure comuni Autenticazione, TMSI reallocation Identificazione, IMSI detach 12

13 BSSMAP - DTAP - MAP Permette il controllo delle BSS Serve per la gestione delle risorse radio Si distingue dal DTAP per Campo protocol discriminator Il MAP interviene nel location updating nell handover tra celle di MSC/VLR diversi nella chiamata da altra rete (PSTN/ISDN) 13

14 HLR Dati utente Dati statici Dati dinamici HLR e VLR number Compiti: Gestione della localizzazione Invio delle informazioni di routing (MSRN) Servizi supplementari 14

15 HLR (II) Gestione password Memorizzazione e fornitura ai VLR delle triplette Gestione dei dati utente Standalone,, collegato all AuC AuC: un database su RAM un database su disco DBMS, RDBMS, MAP 15

16 Autenticazione Proteggere la rete contro utilizzi falsi Proteggere gli utenti da frodi I parametri in gioco sono K i (128 bit) RAND (128 bit) Algoritmo A3 Algoritmo A8 16

17 Cifratura Proteggere contro intercettazioni Utilizza l algoritmo l A8 per generare K c e A5 per utilizzarlo Le triplette sono continuamente cambiate, a meno di problemi di connessione CKSN per assicurarsi che si usi la stessa K c 17

18 AuC Genera i parametri necessari per l autenticazione e la cifratura Funzioni: deve mantenere IMSI e K i (eventualmente criptate) deve generare e fornire all HLR 5 triplette alla volta 18

19 Dati utente contenuti nei registri Dati per l identificazionel IMSI MSISDN (utenti mono- o multi-numero) TMSI (solo VLR) Categoria della MS Dati per l autenticazione l e la cifratura RAND, SRES, K c (tripletta) 19

20 Dati utente contenuti nell HLR (II) Dati per il roaming MSRN (VLR) LAI (VLR) VLR number (HLR) HLR number (VLR) Subscription restriction Regional Subscription Information Dati correlati coi servizi base 20

21 Dati utente contenuti nell HLR (III) Dati correlati con i servizi supplementari Trasferimento di chiamata Sbarramento di chiamate Password di attivazione Segreteria telefonica IMSI detached flag (VLR) Dati ODB (Operator Determined Barring), per chiamate entranti/uscenti/in ambo i sensi 21

22 OSS Struttura gerarchica di gestione (Telecommunication Management Network) Visione globale Sorveglianza remota Raccolta automatica di informazioni GUI 22

23 TMN 3 livelli Network element level Element management Level Network Management Level GSM Management Centre GSM Support Centre Personal Centre for SIM 23

24 OMC Funzione di Gestione di guasti e manutenzione di rete Gestione di configurazione di elementi Gestione delle prestazioni Gestione della sicurezza di rete Dati per tassazione Dati di accounting 24

GSM - parte III. Argomenti della lezione. EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare

GSM - parte III. Argomenti della lezione. EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare Argomenti della lezione GSM - parte III EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare Architettura del GSM Registro di È una base dati il cui uso è a discrezione dell operatore Contiene l identificativo e le caratteristiche

Dettagli

Quando un TM è spento l IMSI è registrato presso il VLR come detach; se viene acceso si scandiscono le frequenze alla ricerca della portante C0 per:

Quando un TM è spento l IMSI è registrato presso il VLR come detach; se viene acceso si scandiscono le frequenze alla ricerca della portante C0 per: Procedure Le procedure in GSM sono:. registrazione all accesione;. roaming e location update;. chiamate;. handover;. procedure di spegnimento (detach). Registrazione Quando un TM è spento l IMSI è registrato

Dettagli

Reti Avanzate: Reti cellulari

Reti Avanzate: Reti cellulari Reti Avanzate: Reti cellulari Un primo passo verso la comunicazione anywhere anytime Dott.ssa Chiara Petrioli Si ringraziano per il materiale fornito, da cui sono state tratte molte di queste slide il

Dettagli

Reti cellulari GSM Reti Avanzate, a.a. 2012/2013

Reti cellulari GSM Reti Avanzate, a.a. 2012/2013 Reti cellulari GSM Reti Avanzate, a.a. 2012/2013 Un. of Rome La Sapienza Chiara Petrioli Department of Computer Science University of Rome Sapienza Italy 3.5 Procedure Reti Radiomobili Procedure si veda

Dettagli

2 Architettura logica

2 Architettura logica 2 Architettura logica Come accennato precedentemente, il GPRS è stato progettato in modo da riutilizzare il più possibile gli elementi delle reti GSM esistenti; in particolare, per le chiamate vocali o

Dettagli

ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM

ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM BTS BSC R -MSC A -MSC HLR MS RIL 3 - CC RIL 3 - MM MAP / D DTAP RIL 3-RR RSM BSSMAP MAP / E distribution MTP 3 MTP 3 MTP 3 LAPDm LAPD MTP 2 MTP 2 MTP 2 Radio IF 64 kbit/s

Dettagli

GPRS: General Packet Radio Service

GPRS: General Packet Radio Service GPRS: General Packet Radio Service Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Procedure Introduzione Introduzione Internet: trasmissione dati rappresenta una grossa parte del traffico

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Il GSM Architettura generale

Il GSM Architettura generale Il GSM Architettura generale Marco Listanti 1 Indice 2 Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Le reti cellulari geografiche: il GSM Architettura generale Servizi portanti

Dettagli

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete GSM Global System for Mobile communications Architettura di rete Architettura GSM (1/2) MS SIM MS: Mobile Station SIM: Subscriber Identity Module ME: Mobile Equipment BSS OMC OSS NMC NSS OSS: Operation

Dettagli

Definizione di un MIB SNMP per l'accesso ad informazioni di allarme prodotti dalla rete GSM

Definizione di un MIB SNMP per l'accesso ad informazioni di allarme prodotti dalla rete GSM Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Reti Definizione di un MIB SNMP per l'accesso ad informazioni di allarme prodotti dalla rete GSM Agazio Gregorace gregora@cli.di.unipi.it Daniele

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone. 8 GSM parte 2

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone. 8 GSM parte 2 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone 8 GSM parte 2 Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 7.4 Segnalazione Reti Radiomobili

Dettagli

Principi Generali delle Reti Cellulari

Principi Generali delle Reti Cellulari Principi Generali delle Reti Cellulari Introduzione Cenni evolutivi Mercato Fondamenti Renato Lo Cigno www.dit.unitn.it/locigno/didattica/wn/...copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

Principi Generali delle Reti Cellulari

Principi Generali delle Reti Cellulari Principi Generali delle Reti Cellulari Introduzione Cenni evolutivi Mercato Fondamenti Renato Lo Cigno www.dit.unitn.it/locigno/didattica/wn/ ...Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

Sistemi di Comunicazione Wireless

Sistemi di Comunicazione Wireless Università degli Studi di Siena Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Sistemi di Comunicazione Wireless Autore Andrea Abrardo Anno Accademico 2003/2004 Indice 1 La rete GSM

Dettagli

GSM Global System for Mobile communications

GSM Global System for Mobile communications GSM Global System for Mobile communications Un po di storia (1) 1982 La CEPT (Conférence Européenne des Administrations des Postes et des Télécommunications) forma il Groupe Spéciale Mobile (GSM) per la

Dettagli

Sistemi di telecomunicazione - prof. Favalli - anno 1999/2000-1 semestre 1 IL MODELLO SS7

Sistemi di telecomunicazione - prof. Favalli - anno 1999/2000-1 semestre 1 IL MODELLO SS7 Sistemi di telecomunicazione - prof. Favalli - anno 1999/2000-1 semestre 1 IL MODELLO SS7 Come è stato visto quando si parlava del sistema telefonico, questo modello è nato con soltanto 3 livelli, corrispondenti

Dettagli

CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE

CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE Si inizializza ogni volta che cambia il canale radio, ed è necessario per mantenere una elevata efficienza spettrale ed evitare la sovrapposizione di burst in slot temporali

Dettagli

Reti e Protocolli Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16

Reti e Protocolli Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Reti e Protocolli Prof. Maurizio Naldi A.A. 2015/16 Gestire l informazione creare, acquisire IN elaborare archiviare comunicare PROCESS presentare, attuare OUT tradizionalmente l enfasi è stata su mentre

Dettagli

Reti radiomobili cellulari. GSM

Reti radiomobili cellulari. GSM Novembre 2004 Reti e sistemi telematici Reti radiomobili cellulari. GSM Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB GSM - 1 1

Dettagli

Sistemi di Telecomunicazione

Sistemi di Telecomunicazione Sistemi di Telecomunicazione Parte 13: GSM Universita Politecnica delle Marche A.A. 2013-2014 A.A. 2013-2014 Sistemi di Telecomunicazione 1/51 Struttura di una generica rete radiomobile Una rete radiomobile

Dettagli

TELECOMUNICATION MANAGER 2005/2007 AZIENDA OSPITANTE TELECOM ITALIA PROGETTAZIONE DI UN DATABASE PER TUNING

TELECOMUNICATION MANAGER 2005/2007 AZIENDA OSPITANTE TELECOM ITALIA PROGETTAZIONE DI UN DATABASE PER TUNING TELECOMUNICATION MANAGER 2005/2007 AZIENDA OSPITANTE TELECOM ITALIA PROGETTAZIONE DI UN DATABASE PER TUNING Tesi di fine corso di: Coniglio Salvatore Tutor del corso: Tutor aziendale: D Aloisi Cristian

Dettagli

Sistemi di Comunicazione Wireless

Sistemi di Comunicazione Wireless Università degli Studi di Siena Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Sistemi di Comunicazione Wireless Autore Enrico Cardinali, Andrea Abrardo Anno Accademico 2003/2004 Indice

Dettagli

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof.

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof. Università di Genova Facoltà di Ingegneria 3. Reti Radio-mobili Cellulari 3.3 GPRS-EDGE Prof. Raffaele Bolla Architetture e Protocolli per Reti Wireless dist La trasmissione dati su reti radio mobili cellulari

Dettagli

Stream Ciphers. Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno

Stream Ciphers. Alfredo De Santis. Marzo 2015. Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno Stream Ciphers Alfredo De Santis Dipartimento di Informatica ed Applicazioni Università di Salerno ads@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/ads Marzo 2015 Cifrari simmetrici I cifrari simmetrici

Dettagli

SISTEMI RADIOMOBILE. Storia dei sistemi di prima generazione

SISTEMI RADIOMOBILE. Storia dei sistemi di prima generazione SISTEMI RADIOMOBILE SISTEMI RADIOMOBILI 1 Storia dei sistemi di prima generazione Advanced Mobile Phone Service (AMPS) sistema sperimentale a Chicago nel 1978 prima forma commerciale in Giappone nel 1979

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone 9 GPRS

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone 9 GPRS Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone 9 GPRS GPRS (General( Packet Radio Service) Accesso a INTERNET always ON Il GPRS è un servizio dati a

Dettagli

Reti Radiomobili. Fiandrino Claudio. Anno accademico 2009/2010. 22 agosto 2010

Reti Radiomobili. Fiandrino Claudio. Anno accademico 2009/2010. 22 agosto 2010 Reti Radiomobili Anno accademico 2009/2010 Fiandrino Claudio 22 agosto 2010 II Indice I Teoria 5 1 Concetti base 7 2 Reti cellulari 13 3 GSM 19 3.1 Architettura di rete........................ 19 3.2 Canali

Dettagli

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Luca D Antonio Roma, 7/12/2006 0 Sistemi radiomobili Connettono utenti mobili ad utenti mobili e/o fissi utilizzando la risorsa radio, indipendentemente dalla posizione

Dettagli

Capitolo 2. Il sistema DECT

Capitolo 2. Il sistema DECT Capitolo 2 Il sistema DECT 2.1 Introduzione In un panorama nel quale il concetto di wireless è applicato ad ogni attività sia della vita quotidiana che dell ambiente produttivo in genere, la tecnologia

Dettagli

Corso di RETI DI COMUNICAZIONE E INTERNET Modulo 1

Corso di RETI DI COMUNICAZIONE E INTERNET Modulo 1 Politecnico di Milano Sede di Cremona A.A. 2013/14 Corso di RETI DI COMUNICAZIONE E INTERNET Modulo 1 Martino De Marco email: martino.demarco@polimi.it skype: martino.demarco Parte 4 FONDAMENTI DI TELEFONIA

Dettagli

Capitolo 6: sommario. Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access

Capitolo 6: sommario. Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access 6: Wireless and Mobile 6-1 Capitolo 6: sommario Comunicazioni Wireless Caratteristiche canali Wireless, CDMA IEEE 802.11 wireless LANs ( wi-fi ) Cellular Internet Access architettura standard (es. GSM)

Dettagli

Sistemi di connessione wireless

Sistemi di connessione wireless Capitolo 2 Sistemi di connessione wireless 2.1 Il sistema GSM Il Global System for Mobile Communication (GSM) è indubbiamente il sistema radio digitale per telefonia mobile che ha riscontrato il maggior

Dettagli

4. FONDAMENTI DI TELEFONIA FISSA E MOBILE. 4.1 Reti fisse analogiche e digitali 4.2 Reti radiomobili

4. FONDAMENTI DI TELEFONIA FISSA E MOBILE. 4.1 Reti fisse analogiche e digitali 4.2 Reti radiomobili Politecnico di Milano Sede di Cremona A.A. 2010/11 Corso di RETI DI COMUNICAZIONE E INTERNET Modulo 1 Martino De Marco (demarco@cremona.polimi.it, demarco@ictc.it) Parte 4 FONDAMENTI DI TELEFONIA FISSA

Dettagli

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA Dispensa del Corso

Dettagli

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de

ACCESSNET -T IP NMS. Network Management System. www.hytera.de ACCESSNET -T IP NMS Network System Con il sistema di gestione della rete (NMS) è possibile controllare e gestire l infrastruttura e diversi servizi di una rete ACCESSNET -T IP. NMS è un sistema distribuito

Dettagli

MISURE DI QUALITÀ DEL SERVIZIO NELLA RETE UMTS

MISURE DI QUALITÀ DEL SERVIZIO NELLA RETE UMTS ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica MISURE DI QUALITÀ DEL SERVIZIO NELLA RETE UMTS Tesi di Laurea di: DAVIDE STAGNI Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Network per la comunicazione efficace con la popolazione per emergenze di Protezione Civile

Network per la comunicazione efficace con la popolazione per emergenze di Protezione Civile ÉUPOLIS LOMBARDIA I STITUTO S UPERIORE PER LA R ICERCA, LA S TATISTICA E LA F ORMAZIONE Network per la comunicazione efficace con la popolazione per emergenze di Protezione Civile Azione 2 - Studio di

Dettagli

Università degli Studi di Trento Facoltà di Ingegneria dell Informazione e dell Organizzazione

Università degli Studi di Trento Facoltà di Ingegneria dell Informazione e dell Organizzazione Università degli Studi di Trento Facoltà di Ingegneria dell Informazione e dell Organizzazione 5HOD]LRQHVXOODVLFXUH]]DQHLVLVWHPL8076 Corso di Sistemi Operativi e Sicurezza Anno Accademico 2002/2003 Docente:

Dettagli

Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico

Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico Le tecnologie per la connettività radio in ambito geografico 1 Molteplici requisiti Uniformità di copertura radio Servizio di connettività offerto in zone a differente richiesta di traffico e ad utenti

Dettagli

ITIS B. CASTELLI - Telecom Italia

ITIS B. CASTELLI - Telecom Italia ITIS B. CASTELLI - Telecom Italia VIII Edizione - 2016 Terzo modulo: La Telefonia Mobile. Rete d accesso e commutazione Agenda: Premesse : cosa significa comunicare 1^ Parte: accesso radio. Scenari delle

Dettagli

Il Sistema GSM. http://www.hacklab.tk Pagina 1 irc.azzurra.org:6667 #hacklab INDICE:

Il Sistema GSM. http://www.hacklab.tk Pagina 1 irc.azzurra.org:6667 #hacklab INDICE: Il Sistema GSM INDICE: 1 - Il sistema GSM 1.1 - Struttura fisica del sistema 1.2 - alcuni fra i termini tecnici piu' ricorrenti 2 - DATI TECNICI 2.1 - Esistono canali di traffico (TCH) 2.2 - Esistono canali

Dettagli

5 Architettura protocollare

5 Architettura protocollare 5 Architettura protocollare L architettura protocollare del GPRS è basata sul principio della stratificazione dei protocolli, in accordo col modello ISO/OSI; lo standard GPRS distingue due tipi di piani

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications. Marco Moretti Università di Pisa

GSM: Global System for Mobile communications. Marco Moretti Università di Pisa GSM: Global System for Mobile communications Marco Moretti Università di Pisa Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard

Dettagli

RETE TELEFONIA MOBILE - NOZIONI

RETE TELEFONIA MOBILE - NOZIONI RETE TELEFONIA MOBILE - NOZIONI Per la comunicazione fra stazioni radio base il GSM utilizza la tecnologia TDMA (acronimo di Time Division Multiple Access) basata su una coppia di canali radio in duplex,

Dettagli

Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente

Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente Ing. Francesco Chiti chiti@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Introduzione

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Quarta Lezione Le reti Mobili

Quarta Lezione Le reti Mobili Le reti Mobili Università aperta 13 feb 13 Quarta Lezione Le reti Mobili Federico Marcheselli 1 Argomenti del Corso: sistemi di comunicazione: schema a blocchi schema a blocchi di una corretta comunicazione

Dettagli

Tratto dal Testo Ettore Panella - Giuseppe Spalierno Corso di Telecomunicazioni 2 Edizioni Cupido TELEFONIA CELLULARE

Tratto dal Testo Ettore Panella - Giuseppe Spalierno Corso di Telecomunicazioni 2 Edizioni Cupido TELEFONIA CELLULARE Telefonia cellulare 1 Tratto dal Testo Ettore Panella - Giuseppe Spalierno Corso di Telecomunicazioni 2 Edizioni Cupido TELEFONIA CELLULARE 1. Generalità Si indicano con il nome di telefonia cellulare

Dettagli

Fabio Burroni. Università degli Studi di Siena burronif@unisi.it

Fabio Burroni. Università degli Studi di Siena burronif@unisi.it Fabio Burroni Università degli Studi di Siena burronif@unisi.it Sistemi e Tecnologie di Rete La Sicurezza delle Reti La presentazione è scaricabile da http://www.ltt.dii.unisi.it/benelli.htm La Sicurezza

Dettagli

LA MIGRAZIONE DAI SISTEMI CELLULARI 2G AI SISTEMI 3G

LA MIGRAZIONE DAI SISTEMI CELLULARI 2G AI SISTEMI 3G LA MIGRAZIONE DAI SISTEMI CELLULARI 2G AI SISTEMI 3G C. Carciofi Fondazione Ugo Bordoni Via Celestini 1 - Villa Griffone Pontecchio Marconi Bologna tel: 051 846854 fax: 051 845758 ccarciofi@deis.unibo.it

Dettagli

Sicurezza nel GSM e Smart Card. A cura di Marco Canu Marco Cascianelli Luca de Angelis Emanuele Garuglieri Paola Ranaldi

Sicurezza nel GSM e Smart Card. A cura di Marco Canu Marco Cascianelli Luca de Angelis Emanuele Garuglieri Paola Ranaldi Sicurezza nel GSM e Smart Card A cura di Marco Canu Marco Cascianelli Luca de Angelis Emanuele Garuglieri Paola Ranaldi Storia e panoramica sull architettura GSM A cura di Marco Cascianelli Cronologia

Dettagli

Sicurezza nelle Reti Wireless GSM e UMTS

Sicurezza nelle Reti Wireless GSM e UMTS Sicurezza nelle Reti Wireless GSM e UMTS Autenticazione (e sicurezza) nelle reti wireless Diverse peculiarità delle reti wireless che richiedono particolare attenzione agli aspetti di sicurezza Il mezzo

Dettagli

Direttive tecniche e amministrative per i fornitori di servizi di telecomunicazione

Direttive tecniche e amministrative per i fornitori di servizi di telecomunicazione Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Centro servizi informatici CSI-DFGP Servizio Sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (SCPT) Call Center Information

Dettagli

Sistemi wireless. Propagazione. Denominazione Sigla Frequenza "f" ULF ultra low frequency. ELF extremely low frequency VLF very low frequency

Sistemi wireless. Propagazione. Denominazione Sigla Frequenza f ULF ultra low frequency. ELF extremely low frequency VLF very low frequency Sistemi wireless Propagazione Denominazione Sigla Frequenza "f" frequenze ultra basse frequenze estremamente basse frequenze bassissime frequenze basse (onde lunghe) medie frequenze (onde medie) alte frequenze

Dettagli

Tracciamento e localizzazione per il mercato consumer: elementi costitutivi e prospettive

Tracciamento e localizzazione per il mercato consumer: elementi costitutivi e prospettive Tracciamento e localizzazione per il mercato consumer: elementi costitutivi e prospettive BAMES Group Vimercate Technology Park Ottobre 2008 Struttura Societaria Bartolini After Market Electronics Services

Dettagli

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali

Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Sicurezza a livello IP: IPsec e le reti private virtuali Davide Cerri Sommario L esigenza di proteggere l informazione che viene trasmessa in rete porta all utilizzo di diversi protocolli crittografici.

Dettagli

Università degli Studi di Pisa Esame di Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Rete. MIB SNMP per il controllo della stato di Celle

Università degli Studi di Pisa Esame di Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Rete. MIB SNMP per il controllo della stato di Celle Università degli Studi di Pisa Esame di Sistemi di Elaborazione dell Informazione: Gestione di Rete. MIB SNMP per il controllo della stato di Celle GSM. Anno Accademico 01/02 Nunziato Romano 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Reti cellulari GSM Reti Avanzate, a.a. 2012/2013

Reti cellulari GSM Reti Avanzate, a.a. 2012/2013 eti cellulari GSM eti Avanzate, a.a. 20122013 Un. of ome La Sapienza hiara Petrioli Department of omputer Science University of ome Sapienza Italy Network Switching Subsystem (NSS) Si tratta del sottosistema

Dettagli

Per creare un archivio criptato, basta cliccare sul pulsante

Per creare un archivio criptato, basta cliccare sul pulsante GlobalTrust I-Vault Secure Personal Data Management permette di gestire dati personali (come password, contatti e numeri di carte di credito) in modo sicuro attraverso la creazione guidata di archivi criptati

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet

Laboratorio di Informatica. Le reti telematiche e Internet Le reti telematiche e Internet Lezione 6 1 Insieme di cavi, protocolli, apparati di rete che collegano tra loro computer distinti i cavi trasportano fisicamente le informazioni opportunamente codificate

Dettagli

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONE PROGRAMMA AA 2005-2006

SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONE PROGRAMMA AA 2005-2006 SISTEMI DI TELECOMUNICAZIONE PROGRAMMA AA 2005-2006 Elementi di teoria della stima e della decisione. Modulazione ASK, QAM, PSK, MSK: schemi e funzionamento Tecniche di trasmissione numerica DS-CDMA e

Dettagli

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard

Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Punti fondamentali sulla tecnologia del sistema ABScard Architettura ABSCARD Pagina 1 di 13 INDICE GENERALE 1 Architettura...3 1.1 Introduzione...3 1.1.1 Sicurezza...4 1.1.2 Gestione...5 1.1.3 ABScard

Dettagli

Servizio HLR Lookup (Release 1.1.0)

Servizio HLR Lookup (Release 1.1.0) 1. Introduzione 1.1. Sommario Con il presente documento illustriamo il funzionamento del Servizio di HLR Lookup (o Network Query) 1.2. Scopo Le informazioni riportate sono di supporto a tutti coloro (terze

Dettagli

Evoluzione della Core Network UMTS a Circuito

Evoluzione della Core Network UMTS a Circuito STANDARD Evoluzione della Core Network UMTS a Circuito PAOLO BELLONI DANIELE CECCARELLI MAURIZIO DE GREGORIO L articolo si propone di trattare l evoluzione delle funzionalità della core network UMTS nel

Dettagli

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa.

Ogni stazione base viene collegata via cavo ad altri nodi della rete fissa. Reti cellulari La rete cellulare è una rete per cui la copertura geografica è realizzata con una tassellazione a celle: porzioni di area geografica che unite ricoprono perfettamente una zona. La prerogativa

Dettagli

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo

1.1 - Crittografia sulla infrastruttura trasmissiva tra le stazioni remote Rilheva il centro di telecontrollo SISTEMA DI TELECONTROLLO RILHEVA GPRS (CARATTERISTICHE DEL VETTORE GPRS E SICUREZZE ADOTTATE) Abstract: Sicurezza del Sistema di Telecontrollo Rilheva Xeo4 ha progettato e sviluppato il sistema di telecontrollo

Dettagli

SOLUZIONE VoIP SCHEDA TECNICA. Linea di soluzioni integrate per le aziende

SOLUZIONE VoIP SCHEDA TECNICA. Linea di soluzioni integrate per le aziende SOLUZIONE VoIP Linea di soluzioni integrate per le aziende SCHEDA TECNICA I punti cardine della soluzione AstBox sono sintetizzabili in: Least Cost Routing Lo scopo è la riduzione dei costi delle telefonate

Dettagli

Unlicensed Mobile. Access. Infrastruttura e Sicurezza. Guido Bolognesi guido@kill-9.it

Unlicensed Mobile. Access. Infrastruttura e Sicurezza. Guido Bolognesi guido@kill-9.it Unlicensed Mobile Infrastruttura e Sicurezza Access Guido Bolognesi guido@kill-9.it 1 Cosa è?...e soprattutto, cosa me ne faccio? utilizza infrastrutture esistenti (Wi-Fi, Bluetooth) per migliorare il

Dettagli

Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione

Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Scienza e Tecnica dell Informazione e della Comunicazione Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Dettagli

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE )

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) ALLEGATO 4 PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) INTERCONNESSIONE TRA IL CED INTERFORZE E GLI OPERATORI DI TELEFONIA PER LA FORNITURA

Dettagli

La VPN con il FRITZ!Box Parte I. La VPN con il FRITZ!Box Parte I

La VPN con il FRITZ!Box Parte I. La VPN con il FRITZ!Box Parte I La VPN con il FRITZ!Box Parte I 1 Descrizione Ogni utente di Internet può scambiare dati ed informazioni con qualunque altro utente della rete. I dati scambiati viaggiano nella nuvola attraverso una serie

Dettagli

Realizzazione di hotspot wireless per l Università degli Studi di Milano

Realizzazione di hotspot wireless per l Università degli Studi di Milano Realizzazione di hotspot wireless per l Università degli Studi di Milano Marcello Meroni, Michele de Varda, DIVISIONE TELECOMUNICAZIONI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Workshop GARR-X, 3 Aprile 2008 Agenda

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

RETI CELLULARI. La copertura cellulare. Copyright. Definizioni. La copertura cellulare teorica. La copertura cellulare teorica

RETI CELLULARI. La copertura cellulare. Copyright. Definizioni. La copertura cellulare teorica. La copertura cellulare teorica Copyright RETI CELLULARI Principi generali (T.S. Rappaport, Wireless Communications: Principles and Practice, Prentice Hall, 1996) Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons NoDerivs-NonCommercial.

Dettagli

CORSO EDA Informatica di base. Sicurezza, protezione, aspetti legali

CORSO EDA Informatica di base. Sicurezza, protezione, aspetti legali CORSO EDA Informatica di base Sicurezza, protezione, aspetti legali Rischi informatici Le principali fonti di rischio di perdita/danneggiamento dati informatici sono: - rischi legati all ambiente: rappresentano

Dettagli

www.alegem.weebly.com SISTEMI GSM E UMTS

www.alegem.weebly.com SISTEMI GSM E UMTS SISTEMI GSM E UMTS In questo capitolo andremo a studiare i sistemi attualmente utilizzati nell ambito della telefonia mobile: il GSM e il più innovativo UMTS, analizzando, brevemente, anche il sistema

Dettagli

Nuovi modi per comunicare. Risparmiando.

Nuovi modi per comunicare. Risparmiando. Nuovi modi per comunicare. Risparmiando. Relatori: Fiorenzo Ottorini, CEO Attua S.r.l. Alessio Pennasilico, CSO Alba S.a.s. Verona, mercoledì 16 novembre 2005 VoIP Voice over xdsl Gateway GSM Fiorenzo

Dettagli

Sicurezza dei processi interni e dei servizi ai clienti in un azienda always on

Sicurezza dei processi interni e dei servizi ai clienti in un azienda always on giugno 05 1 Prevenzione Italia: Roma 17 giugno Sicurezza dei processi interni e dei servizi ai clienti in un azienda always on Sommario Cos è la sicurezza delle informazioni? Perché è necessaria una metodologia?

Dettagli

gli smartphone come digital evidence

gli smartphone come digital evidence Dalla computer forensics alla mobile forensics: gli smartphone come digital evidence Security Summit 14 Marzo 2013 Marco Scarito Cosa vedremo Definizione di Digital Forensics e Digital Evidence Identificazione

Dettagli

La storia. dist. Lezione 3.4, v. 1.0. Architetture e Protocolli Wireless -N. O. Lezione 3.4, v. 1.0. Architetture e Protocolli Wireless -N. O.

La storia. dist. Lezione 3.4, v. 1.0. Architetture e Protocolli Wireless -N. O. Lezione 3.4, v. 1.0. Architetture e Protocolli Wireless -N. O. Università di Genova Facoltà di Ingegneria 3. Reti Radio-mobili Cellulari 3.4 UMTS Prof. Raffaele olla Architetture e Protocolli per Reti Wireless dist La storia Nel 1985 viene fondato il primo gruppo

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI TELEFONIA SU RETE MOBILE

EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI TELEFONIA SU RETE MOBILE 52 Usa il tuo smartphone per visualizzare approfondimenti multimediali EVOLUZIONE DEI SERVIZI DI TELEFONIA SU RETE MOBILE Fabio Mazzoli, Roberto Procopio, Alberto Zaccagnini 53 Le reti mobili evolveranno

Dettagli

Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di comunicazione elettronica mobili e personali CoopVoce forniti da Coop Italia

Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di comunicazione elettronica mobili e personali CoopVoce forniti da Coop Italia Relazione sugli indicatori di qualità dei servizi di comunicazione elettronica mobili e personali CoopVoce forniti da Coop Italia ANNO Il presente documento illustra gli indicatori di qualità dei servizi

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

La gestione di rete OSI

La gestione di rete OSI Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni La gestione di rete OSI pecos,giada@lenst.det.unifi.it 1 Cosa e come gestire? I servizi Workstation Gestore di rete Workstation Server Router 2 1.1 Cosa

Dettagli

Femtocell per sistemi cellulari di nuova generazione

Femtocell per sistemi cellulari di nuova generazione Femtocell per sistemi cellulari di nuova generazione Sommario 1 Reti femtocell... 3 1.1 Introduzione... 3 1.2 Introduzione alle reti cellulari... 4 1.2.1 Copertura a celle... 6 1.2.2 Gestione della mobilità...

Dettagli

Introduzione. Sommario: Obiettivo:

Introduzione. Sommario: Obiettivo: Introduzione Obiettivo: Introduzione alle reti di telecomunicazioni approccio: descrittivo uso di Internet come esempio Sommario: Introduzione Cos è Internet Cos è un protocollo? network edge network core

Dettagli

Sistemi per Telecomunicazioni

Sistemi per Telecomunicazioni Sistemi per Telecomunicazioni QSD Sistemi s.r.l. 20060 Pessano con Bornago (MI), Via Isonzo 6/bis Tel 02.9504773 Email: info@qsdsistemi.it - www.qsdsistemi.it CONSULENZA NELLE TLC Dal 2004 QSD Sistemi

Dettagli

La VPN con il FRITZ!Box Parte I. La VPN con il FRITZ!Box Parte I

La VPN con il FRITZ!Box Parte I. La VPN con il FRITZ!Box Parte I La VPN con il FRITZ!Box Parte I 1 Introduzione In questa mini-guida illustreremo come realizzare un collegamento tramite VPN(Virtual Private Network) tra due FRITZ!Box, in modo da mettere in comunicazioni

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX

SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX S2 NETBOX SISTEMA COMPLETO PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA INTEGRATA IN UN BOX L inizio di una rivoluzione Nasce una rivoluzione nella mondo della sicurezza fisica: il controllo remoto e integrato delle

Dettagli

1. IL QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E REGOLAMENTARE

1. IL QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E REGOLAMENTARE 1. IL QUADRO DI RIFERIMENTO NORMATIVO E REGOLAMENTARE 1.1. Il quadro di riferimento normativo 1. Il quadro di riferimento normativo della presente analisi è costituito principalmente dalle seguenti direttive

Dettagli

Operatori Mobili Virtuali Convergenti: trend tecnologici e opportunità di business.

Operatori Mobili Virtuali Convergenti: trend tecnologici e opportunità di business. INTERNAZIONALE Operatori Mobili Virtuali Convergenti: trend tecnologici e opportunità di business. GIANPIO DI MARIO Una delle molteplici sfaccettature della convergenza tra reti di telecomunicazione mobili

Dettagli

Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità

Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità Descrizione del servizio SkyMeeting TM è un servizio di videocomunicazione interattiva web-based che consente di comunicare ed interagire in tempo

Dettagli

Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager

Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager A.Mazza Sirti s.p.a. 1 R3: Tecnologia Il motore del sistema è la migliore tecnologia disponibile

Dettagli