Documento sulla standardizzazione della diagnosi e trattamento della tromboembolia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Documento sulla standardizzazione della diagnosi e trattamento della tromboembolia"

Transcript

1 Task Force Documento sulla standardizzazione della diagnosi e trattamento della tromboembolia polmonare(tep) Coordinatore: Massimo Pistolesi (Firenze) Esperto: Antonio Palla (Pisa) Segretario: Federico Lavorini (Firenze) Componenti della Task Force: Vitantonio Di Bello (Pisa), Maria Luisa De Rimini (Napoli), Letizia Marconi (Pisa), Gualtiero Palareti(Bologna), Raffaele Pesavento (Padova), Domenico Prisco (Firenze), Massimo Santini (Pisa), Nicola Sverzellati (Parma)

2 Incidenza Italia Francia G. B. USA nuovi casi/anno nuovi casi/anno nuovi casi/anno nuovi casi/anno

3 Urgenze per sospetta EP EP confermate EP non confermate (6 mesi)

4 Distribuzione di frequenza di gravità della malattia embolica in 690 pazienti consecutivi con diagnosi di EP ,22 = 51,2% PAZIENTI (n ) SEGMENTI NON PERFUSI (n )

5 Frequenza di embolia polmonare al momento dell autopsia,non riconosciuta in vita Modan (71) 62 % Coon (76) 84 % Deganuto (80) 81 % Morpurgo (80) 80 % Goldhaber (82) 70 % Passarino (82) 91 % Rubinstein (88) 68 % Sperry (90) 65 % Morpurgo (95) 89 % Roulson (05) 60% Totale 77 %

6 Criteri di utilità sintomi fattori predisponenti segni RX segni ECG segni EGA segni di laboratorio dispnea improvvisa, dolore toracico immobilizzazione prolungata APD, diaframma I Tneg V1-V2, R in avr PaO2 std < 80 mmhg D-dimero in pazienti esterni

7

8 Gas Exchange Abnormalities in PE Hypoxemia; Increased alveolar-arterial O 2 tension gradient; Hypocapnia; Respiratory alkalosis.

9 Hypoxia and hypocapnia in PE are present in the acute phase and may persist, according to the degree of recovery, for months Wilson JE et al J Clin Invest Several mechanisms (VA/Q inequality, shunt, diffusion limitatation, low mixed PvaO 2 ) have been implicated, and they vary according to the severity of PE, degree of recovery, presence of previous cardiopulmonary conditions and/or complications. Pistolesi M et al l Eur Respir Mon 2004 Historically, PE has been characterised by VA/Q mismatching in the affected lung zones and by an increase in wasted ventilation, i. e. dead space. DeNardo GL et al N Engl J Med s 1970.

10 "Regional ischemia results in airway constriction in the same region. which helps to achieve matching of VA/Q " "The decrease in wasted ventilation (ventilation to unperfused and poorly perfused lung) helps the patient but hinders the physician in the diagnosis " Comroe JH Circulation 1966.

11 Develpment of lung units with high VA/Q ratio is accompanied by redistribution of ventilation away from these units; thus, reduced or absent VA is present in the embolised regions. Putative mechanisms: - Bronchoconstriction mediate by hypocapnia (acute phase); - Atelectasis related to alterated surfactant production; - Obstruction and pulmonary infarction secondary to insufficient blood flow. Shunt, diffusion limitation and true alveolar dead space occur in some patients but are generally insignificant

12 "Redistribution of ventilation and blood flow is characterised by development of separate lung units with high VA/Q ratio and lung units with low VA/Q ratio (Bimodal distribution)" Giuntini C Q J Nucl Med 2001.

13 BEFORE AFTER Ventilation ( ) and Pulmonary blood flow ( ) Log Ventilation-Perfusion ratio (MIGET) The bimodal shape of VA and Q distributions observed in the acute phase nearly vanished after heparin treatment Santolicandro AM et al Am J Respir Crit Care Med 1995.

14 PE + PE - PaO 2 (mmhg) 65±13 68±18 p<0.02 (40-101) (35-129) PaCO 2 (mmhg) 32±4 34±5 p< (20-42) (21-49) PaO 2 st (mmhg) 53±16 59±18 p<0.01 (22-80) (28-99) However, 75% of patients in whom PE was excluded had PaO 2 <75 mmhg and PaCO 2 <36 mmhg

15 Geneva prediction rule Recent surgery 2 Arch Intern Med 2001 Previous PE or DVT 2 Older age 2 Hypocapnia 2 Hypoxemia 2 Tachycardia PE absent PE present Platelike atelectasis 2 Hemidiaphragm elevation % Low 4 Intermediate 5 to % low intermediate 81% high High 9 single center study (n=986), only outpatients

16 With various combinations of Pa mmhg, PaC mmhg, and P(A-a) mmhg, PE could not be excluded in more than 30% of patients with no prior cardiopulmonary disease,. and in more than 14% of patients with prior cardiopulmonary disease. Evaluation of blood gas levels may contribute to the formulation of a clinical suspicion, but are of insufficient discriminant value to permit exclusion of the diagnosis of PE.

17 None of the ABG data or prediction rules had sufficient negative predictive value, specificity, or likelihood ratios to be useful in the management of patients with suspected PE.

18 Evaluation of gas exchange parameters may allow the assessment of functional recovery of patients, thus giving additional information about the effect of therapy.

19 The enlargement of the right descending pulmonary artery and the Westermark sign were significantly associated with a higher degree of gas exchange impairment and with a more severe embolization.

20 Sensitivity Specificity PPV NPV PETCO2 < PETCO2 < Wells score >4

21 Gas exchange following PE is influenced by numerous factors, often with contrasting effects, so that arterial blood gas abnormalities are non-specific and insensitive to the extent of embolization. Arterial. blood gas abnormalities have virtually no predictive value in patients with suspected PE. Serial measurements of arterial blood gases may be of value in monitoring the resolution of PE in response to anticoagulant therapy.

22 2006

23 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Sospetto diagnostico Probabilità clinica D-dimero Sviluppo di strategie diagnostiche appropriate e personalizzate Studio circolazione polmonare Angiografia CT Scintigrafia Studio circolazione venosa Ultrasuonografia Venografia CT

24

25

26 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Sospetto diagnostico Frequenza autoptica di EP non diagnosticata in vita Modan (71) 62 % Coon (76) 84 % Deganuto (80) 81 % Morpurgo (80) 80 % Goldhaber (82) 70 % Passarino (82) 91 % Rubinstein (88) 68 % Sperry (90) 65 % Morpurgo (95) 89 % Media generale 77 %

27 Key messages 1. LaTEPdeveesseresempresospettataognivoltacheunpaziente lamenti dispnea improvvisa, dolore toracico o deliquio non altrimenti spiegabili. 2. In ogni paziente deve essere sempre quantificato il sospetto di TEP mediante score clinici validati 3. Un valore di D-dimero normale associato a probabilità clinica medio-bassa esclude la TEP; in caso di elevata probabilità clinica il dosaggio del D-dimero non è utile. 4. Nei pazienti con probabilità clinica di TEP elevata è necessario sempre confermare od escludere la malattia per mezzo di tecniche di immagine polmonare(q scan, angiotc) 5. In caso di discordanza tra probabilità clinica ed imaging (TC o Q scan) è necessario eseguire ulteriori indagini

28 Key message 1 La TEP è diagnosticata o sospettata in vita soltanto nel 20-30% dei pazienti nei quali è stata dimostrata all esame autoptico; Le difficoltà nel diagnosticare la TEP risiedono sia nell aspecificità dei sintomi(dispnea improvvisa, dolore toracico o deliquio), sia nell estrema variabilità di presentazione clinica della malattia. L embolia può manifestarsi in condizioni di quasi completo benessere fino alla sincope e alla morte improvvisa. Questo riflette probabilmente l ampio spettro di gravità della malattia in termini di letto vascolare polmonare interessato dal processo di embolizzazione.

29 Key message 2

30 Comparison between PISA and WELLS scoring systems Male sex 0.81 Age Age DVT (ever) 0.69 Dyspnea (sudden-onset) 1.29 Chest pain 0.64 Hemoptysis 0.89 ECG signs (RV strain) 1.53 Focal oligemia 3.86 Amputation (hilar artery) 3.92 Consolidation (infarct) 3.55

31 Comparison between PISA and WELLS scoring systems Male sex 0.81 Age Age DVT (ever) 0.69 Dyspnea (sudden-onset) 1.29 Chest pain 0.64 Hemoptysis 0.89 ECG signs (RV strain) 1.53 Focal oligemia 3.86 Amputation (hilar artery) 3.92 Consolidation (infarct) 3.55

32 Comparison between PISA and WELLS scoring systems Male sex 0.81 Age Age DVT (ever) 0.69 Dyspnea (sudden-onset) 1.29 Chest pain 0.64 Hemoptysis 0.89 ECG signs (RV strain) 1.53 Focal oligemia 3.86 Amputation (hilar artery) 3.92 Consolidation (infarct) 3.55

33 Comparison between PISA and WELLS scoring systems Male sex 0.81 Age Age DVT (ever) 0.69 Dyspnea (sudden-onset) 1.29 Chest pain 0.64 Hemoptysis 0.89 ECG signs (RV strain) 1.53 Focal oligemia 3.86 Amputation (hilar artery) 3.92 Consolidation (infarct) 3.55

34 Embolia polmonare Probabilità clinica PE present PE absent number of patients low intermediate Wells high n=1239 mostly outpatients 0 low intermediate Geneva high n=986 only outpatients 0 low intermediate Pisa high n=750 mostly inpatients

35 Embolia polmonare Probabilità clinica JAMA 1936 S1 About 50% of patients with proven acute PE have ECG findings of acute cor pulmonale. PISA-PEDAmJRespirCritCareMed1999 Q3 T3

36 Embolia polmonare Radiografia del torace Westermark s sign (1938) Hampton s sign (1940) Fleischner s sign (1962) At least one of these findings was identified in 75% of 202 patients with proven PE and in only 1% of 298 patients with PE excluded at angiography PISA-PED Am J Respir Crit Care Med 1999

37 Embolia polmonare Radiografia del torace

38 Embolia polmonare Radiografia del torace

39 Embolia polmonare Radiografia del torace

40 Embolia polmonare Radiografia del torace

41 Embolia polmonare Radiografia del torace

42 Embolia polmonare Radiografia del torace

43 Embolia polmonare Radiografia del torace

44 Embolia polmonare Probabilità clinica Review 2008

45 Embolia polmonare D-dimero Sospetto diagnostico Probabilità clinica D-dimero

46 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Sospetto diagnostico Probabilità clinica D-dimero Sviluppo di strategie diagnostiche appropriate e personalizzate Studio circolazione polmonare Angiografia CT Scintigrafia Studio circolazione venosa Ultrasuonografia Venografia CT

47 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Stein PD et al. 2007

48 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Stein PD etal. Controversiesin diagnosisofpulmonaryembolism. Clin Appl Thromb Hemost 2011

49 Embolia polmonare Angiografia CT

50 Embolia polmonare Angiografia CT

51 Embolia polmonare Angiografia CT

52 Embolia polmonare Angiografia CT

53 Embolia polmonare Angiografia CT

54 Embolia polmonare Angiografia CT multidetector CT angiography has fullfilled the conditions to replace pulmonary angiography as the reference standard for diagnosis of acute pulmonary embolism

55 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Stein PD et al. 2007

56 Embolia polmonare Strategie diagnostiche

57 Embolia polmonare Strategie diagnostiche

58 Embolia polmonare Strategie diagnostiche

59 Embolia polmonare Scintigrafia da perfusione Sensitivity and Specificity of Perfusion ScintigraphyCombined with Chest Radiography for Acute Pulmonary Embolism in PIOPED II HD Sostman, M Miniati, A Gottschalk, F Matta, PD Stein, M Pistolesi

60 Embolia polmonare Scintigrafia da perfusione Predictive Values of Perfusion Scan Compared with CT angiography (n=889) Test PPV NPV Not diagnostic PISA-PED (Q scan) CT angiography 85% 96% 0% 86% 95% 6%

61 Key message 3 I risultati del dosaggio del D-dimero sono influenzati dalla metodica utilizzata; i cut-offs spesso differiscono fra i vari ospedali e tra le varie tipologie di pazienti Il dosaggio di D-dimero deve essere effettuato mediante una metodica formalmente validata per questa diagnostica.

62 Key message 4 Per l ampia diffusione, pronta disponibilità ed elevata accuratezza diagnostica, la TC multidetettore è la tecnica di riferimento per la conferma/esclusione della malattia. La scintigrafia polmonare da perfusione (Q scan) rappresenta una metodica altrettanto valida per la conferma/esclusione della malattia. L esame dovrebbe essere sempre refertato come: Q scan +, Q scan -, Q scan non diagnostico. Inpresenza ditc positiva pertep si consiglia dieseguireqscanentro ore per ottenere un valutazione riproducibile di sede ed estensione dei deficit perfusori da utilizzare nel follow-up. La TC non è raccomandata nel follow-up. L ecocardiogramma rappresenta l esame diagnostico di prima scelta nei pazienti con condizioni emodinamiche instabili. Inoltre, riveste un ruolo importante per la valutazione prognostica e l impostazione delle decisioni terapeutiche.

63 Angio TC Ridurre l esposizione alle radiazioni: Sistemi di controllo automatico di modulazione della dose Ridurre il kilovoltaggio ( Kv) ed il mezzo di contrasto (60-80 ml) Scansione limitata (arco aortico-base cuore) soprattutto nei pazienti giovani Estendere (dopo 2 minuti) la scansione agli arti inferiori e/o addome solo in casi selezionati (es. sospetta embolia neoplastica, trombosi iliaca isolata )

64 Pazienti con allergia e/o insufficienza renale Se eco negativa, allergia o insuff renale lieve o moderata: angio-tc previa preparazione, basso kvp (es.70 ml) con poco mezzo di contrasto Se eco negativa, allergia o insuff renale severa: scintigrafia perfusionale Remy-Jardin M et al, Radiology 2007

65 Probabilità clinica e TC In pazienti con prob. clinica bassa-intermedia: vpn TC 96%-89% vpp TC 58%-92% In pazienti con prob. clinica alta: vpn TC 60% vpp TC 96% Stein PD et al, NEJM 2006

66 Fattori prognostici TC Score estensione dei difetti di riempimento embolici (maggiore o minore del 50%) Alterazioni cardiache devono essere segnalate: Rapporto VD/VS > 1 Inversione del setto interventricolare Allargamento dell atrio destro Reflusso del mdc nelle vene sovraepatiche Dilatazione marcata di vena cava (sup o inf) e seno coronarico

67 Embolia polmonare Strategie diagnostiche 21) Sostman et al. Journal of Nuclear Medicine 2008

68 Respirology(2012) 17, Inclusion criteria: resting mean pulmonary artery pressure greater than 25 mm Hg in the setting of normal or reduced cardiac output and a normal capillary wedge pressure; confirmation of the extent of CTEPH by examination of specimens excised during PEA

69 Respirology (2012) 17,

70 Q Scan No mdc (I.Ren., Allergie) Riproducibilità Ripetibilità Follow-up Quantizzazione Dosimetria bassa SPECT SPECT/CT

71 Embolia polmonare Scintigrafia da perfusione

72 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Stein PD et al. 2007

73 Embolia polmonare Review Stein PD et al. Strategie diagnostiche 2008

74 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Am J Roentgenol A 2008 CONCLUSION. We believe that the 10% PE positivity rate represents overuse of CTA as a screening rather than diagnostic test. This practice equates with ineffective resource utilization, increased health care costs, and unnecessary radiation and contrast exposure.

75 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Condizioni che possono costituire controindicazioni relative od assolute all impiego dell angiografia CT gravidanza giovane età, specialmente nel sesso femminile allergia ai mezzi di contrasto insufficienza renale

76 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Low/Intermediate clinical probability D-dimer < 500µg D-dimer > 500µg PE ruled out Venous US positive treatment positive negative Perfusion scan CTA, MRI, Serial venous US, Echocardiography negative PE + <10% PE- PE ruled out

77 Embolia polmonare Strategie diagnostiche High clinical probability Venous US positive negative positive treatment Perfusion scan PE + PE- <2% CTA, MRI, Serial venous US, Echocardiography PE ruled out negative

78 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Stein PD et al. Controversies in diagnosis of pulmonary embolism. Clin Appl Thromb Hemost 2011

79 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Stein PD et al. Controversies in diagnosis of pulmonary embolism. Clin Appl Thromb Hemost 2011

80 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Stein PD et al. Controversies in diagnosis of pulmonary embolism. Clin Appl Thromb Hemost 2011

81 Embolia polmonare Strategie diagnostiche Stein PD et al. Controversies in diagnosis of pulmonary embolism. Clin Appl Thromb Hemost 2011

82 Profilassi: key messages Profilassi primaria è profilassi del tromboembolismo venoso (TEV) Profilassi secondaria è connessa con il problema della terapia edellasuadurata La gestione della profilassi del TEV deve avvalersi di protocolli scritti e condivisi a livello del singolo ospedale eventualmente adattando alla realtà locale linee guida o raccomandazioni di Società scientifiche Il tipo di profilassi deve essere individualizzato valutando contemporaneamente il rischio tromboembolico relativo alla condizione e quello emorragico di base e indotto dai farmaci antitrombotici

83 Profilassi: criticità Restano da definire metodi validati per stabilire il rischio trombo embolico e quello emorragico nel singolo paziente La durata della profilassi ottimale in pazienti in cui persistano a lungo condizioni a rischio non è ben definita Le linee guida per la profilassi dovrebbero essere non solo elaborate e diffuse ma anche implementate Le corrette modalità di profilassi antitromboembolica nei pazienti non ricoverati restano da definire

84 Follow-up Obiettivi: individuazione di pazienti con ipertensione polmonare post-tep; valutazione sospensione terapia anticoagulante Follow-up da effettuare dopo 6 mesi ed al momento della valutazione per la sospensione del trattamento. Comprensivo di: -visita; - gas ematici; -Qscan; - Ecodoppler venoso - Ecocardiogramma

85 FOLLOW-UP 1 mese Visita EGA SPP 6 mesi Visita EGA SPP EDV Ecocardiografia 1 anno Visita EGA SPP EDV se TVP residua Ecocardiografia se alterata Valutazione stato trombofilico Valutazione sospensioneproseguimento TAO Annualmente Visita SPP se alterata EDV se TVP residua Ecocardiografia se alterata

86 Problemi con EBPM Indicazioni terapeutiche differenti Dosi diverse a secondo del prodotto Prodotti diversi disponibili negli ospedali Incerta la necessità di monitoraggio in specifiche condizioni cliniche (pediatria, gravidanza, obesità) Difficilmente disponibile il test anti-xa Non completamente neutralizzabile

87 Durata prevenzione secondaria 3 mesi se: - TEV secondaria a fattore transitorio Almeno 3 mesi ma da valutare se a tempo indefinito: - TEV idiopatiche (non provocate)

88

89 Fasi della terapia della TEP non emodinamica Iniziale 5/7 g EBPM Fondap. ENF (AVK, NAO) Lungo termine 3 m AVK NAO (EBPM) Prevenzione secondaria Indefinita? AVK NAO

90 Immediata anticoagulazione QUANDO Appena fatta la diagnosi di TEP Anche in attesa di diagnosi se alta probabilità clinica Dopo aver escluso controindicazioni assolute agli anticoagulanti

91 Farmaci anticoagulanti ad azione immediata QUALI EBPM (1 scelta) Fondaparinux Nuovi Anticoagulanti Orali (NAO) ENF se: IR (< 30ml clearence creatinina) previste prossime manovre invasive o chir. possibile trombolisi

92 Terapia iniziale della TEP EBPM s.c., 100 UI / kg / 12 ore oppure: Fondaparinux 7,5 mg s.c./24 ore (peso Kg) per almeno 5 giorni In alternativa (paziente da monitorare, ins. renale) ENF e.v (bolo 5000 UI seguito da infusione continua per mantenere APTT ) Sospendere ENF o EBPM dopo non meno di 5 gg ed almeno 2 gg con INR > 2.0 (range terapeutico = )

93 Terapia iniziale della TEP Come paziente ambulatoriale, se possibile (Grado 1C) o da ricoverato, se necessario (Grado 1A) In caso di EBPM si sconsiglia il monitoraggio routinario mediante determinazione del livello di anti-xa (Grado 1A)

94 Problemi con l uso di LMWH Indicazioni legali diverse Dosi diverse a secondo del prodotto Prodotti diversi disponibili negli ospedali (e variabili) Incerta la necessità di monitoraggio in specifiche condizioni cliniche (pediatria, gravidanza, obesità, ecc) Difficilmente disponibile il test anti-xa Non completamente neutralizzabile Possibile HIT

95 Durata della prevenzione secondaria 3 mesi se: - TEV secondaria a fattore transitorio Almeno 3 mesi ma da valutare se a tempo indefinito: - TEV idiopatiche (non provocate)

96 Nuove terapie

97 Strategic targets : Xa et IIa

98 New Anticoagulants ORAL TTP889 FIXai FIXab Rivaroxaban Apixaban Edoxaban Razaxaban Betrixaban YM 150 / LY DU176B / PRT Ximelagatran Dabigatran TGN 255 Odiparcil (via GAGs) Flovagatran (p) X Fibrinogen TF/VIIa IX IXa VIIIa AT Va Xa II IIa Fibrin PARENTERAL TFPI (tifacogin) NAPc2 VIIai APC (drotrecogin alfa) stm (ART-123) Idrabiotaparinux DX-9065a Otamixaban SSR SSR AVE 5026 Org Flovagatran Pegmusirudin Peg Hirudin Desiruidin

99 The Big Four Dabigatran Pradaxa Boehringer Approved in Europe : Orthopedic surgery Approved in Usa : AF Approval in European market: Exp. Spring 2012 AF 2013VTE Rivaroxaban Xarelto Bayer Schering Approved in Europe: Orthopedic surgery Pending app in USA: AF maybe Orthop surg Approving in Europe: Spring 2012 AF 2013 VTE Apixaban Eliquis BMS-Pfizer Approved in Europe: Orthopedic surgery Submitted in USA: Orthopedic surgery VTE studies (Amplify/Amplify ext) stop recruitment: end 2011; publication 2012 approval VTE 2014? Edoxaban Daichi Sankyo VTE study (Hokusai) stop recruitment: early 2012 approval?

100 Clinical pharmacology of apixaban, Mechanism of action Absolute availability Route of administration rivaroxaban and dabigatran Apixaban 1 Rivaroxaban 2 Dabigatran 3 Direct factor Xa inhibitor Direct Factor Xa inhibitor Direct thrombin inhibitor ~50% % 6.5% Oral Oral Oral Pro-drug No No Yes Food effect No No No Renal clearance ~27% ~33 % 85% Mean half-life (t 1/2 ) ~12 h 7 11 h h (patients) T max 3-4 h 2 4 h h 1. Apixaban SmPC Rivaroxaban SmPC Dabigatran SmPC 2011 No head-to-head comparisons between apixaban, rivaroxaban and dabigatran have been performed in a randomised clinical trial setting. The information in this table is based on the SmPCs for apixaban, rivaroxaban and dabigatran. Please refer to the SmPCs for further information.

101 Embolia Polm Dabigatran Rivaroxaban Idrobiotaparinux Terapia Immediata No Si No Efficacia Non inferiore Sfiora super(tvp) Non inferiore Sicurezza Superiore HR0.71 Non inferiore (TVP) Superiore HR 0.67 Emorragie magg. Non Inferiore - v.sotto composito? Emorragie NMRil Superiore HR Superiore HR 0.70 Effetti collater +++ Dispepsia - - Altri effetti > Eventi CV acuti - No

102 Embolia Polm Dabigatran Rivaroxaban Idrobiotaparinux Studio Extension Si Si No Efficacia Sup HR 0.08/Non Infer HR1.44 Sicurezza (emorr.) inferiore HR 2.9 Non Infer. HR 0.71 Emorragie magg. Sfiora Superiorità HR 0.52 Superiore HR Non inferiore 0,7% vs 0% Emorragie NMRil - Inferiore 5,4% vs 1,2% Effetti collater IMA Si (in uno dei 2 st)

103 Nuovi anticoagulanti - PROS efficaci nella prevenzione del TEV in chirurgia ortopedica, nella terapia della TVP ( EP), nella fibrillazione atriale Nella terapia del TEV rivaroxaban/apixaban/edoxaban sostituiscono completamente la terapia classica. Minore o uguale rischio emorragico Soprattutto con dabigatran e idrobiotaparinux Rivaroxaban: eccesso di sanguinamento (Magellan) Apixaban: eccesso di sanguinamento (Appraise 2) Nessun monitoraggio Disponibilità di dosaggi testati per anziani e IRC moderata Dabigatran ( per gli altri prob. non necessarie)

104 Nuovi anticoagulanti orali - CONS Relativ. Pochi dati sulla tossicità epatica per molti escrezione renale Possibili sorprese dalla farmacovigilanza: studi limitati a 6-12 mesi max Mancano dati sulla sicurezza /efficacia nelle popolazioni speciali: Grandi geronti, oncologici, obesi, chirurgici, valvolari, bridging ecc Compliance/sottostima sintomi da eccesso di sicurezza del paziente Gravidanza (tossicità riproduttiva negli animali) non dotati di antidoto ( cmq dializzabili) (Novoseven? Compl. Protr? In corso studi preliminari) manca un test di attività per l emergenza e durante emorragia NB: idrobiotaparinux ha l antidoto (avidina)

105 Riflessioni I costi andranno valutati da rigorose analisi farmacoeconomiche ma senza demonizzazioni strumentali e dovranno anche tenere conto dei costi del monitoraggio della terapia attuale e della qualità di vita dei pazienti. Il problema della demedicalizzazione della terapia anticoagulante esiste certamente ma non deve essere sovrastimato eccessivamente

106 Riflessioni Rivoluzione relativamente lenta? Cfr ACCP 2012 Evitare scelte sbagliate che rallentino lo loro introduzione nella pratica clinica Gli anticoagulanti tradizionali resteranno nel prontuario ancora per molti anni I pazienti che traggono il massimo beneficio dalla terapia classica non dovrebbero sospenderla per i nuovi farmaci?

107 International, multicenter study aimed at assessing the efficacy and safety of TNK versus placebo in patients with acute pulmonary embolism, normal blood pressure and right ventricle overload

108 TNK o placebo singolo bolo mg sec P.C. UHF: 80UI/KG +18UI/Kg/h LMWH dopo 48 ore

109 RE-COVER TM Trial Design Singledummy period Warfarin placebo Double-dummy period (1274 pts) Dabigatran etexilate 150 mg bid Objective confirmation of VTE 72 h Warfarin Initial parenteral therapy Warfarin placebo Dabigatran etexilate placebo bid Warfarin (INR ) (1265 pts) 30 days follow up E R E= enrolment R= randomization Until INR 2.0 at two consecutive measurements (8-11 days) 6 months End of treatment NEJM Dec 2009

110 Cumulative Risk of Recurrent Venous Thromboembolism or Related Death during 6 Months of Treatment among Patients Randomly Assigned to Dabigatran or Warfarin. Dabigatran: 2.4% Warfarin: 2.1% HR 1.10 ( ), p<0.001 for non-inferiority criteria Schulman S et al. N Engl J Med 2009;361:

111 Cumulative Risks of a First Event of Major Bleeding and of Any Bleeding among Patients Randomly Assigned to Dabigatran or Warfarin. Dabigatran: 16.9% Warfarin: 21.9% HR 0.71( ) Dabigatran: 1.6% Warfarin: 1.9% HR 0.82( ) Schulman S et al. N Engl J Med 2009;361:

112 Significant reduction in major / clinically relevant bleeds HR 0.63 (95% CI: ) Percentage 9,0 8,0 7,0 6,0 5,0 4,0 3,0 2,0 1,0 0,0 5.6% p=0.002 for superiority 37% RRR 8.8% Dabigatran etexilate 150 mg bid Warfarin 71 / / 1266

113 RELY

114 PE accounts for 30% of the study population Mean age 55 yo, 95% white, >90% with CrCl >50 Only ~5% of patients have cancer First dose of dabigatran was only given after median of 9 days after parenteral anticoagulation, giving rise to the question of the effectiveness of dabigatran monotherapy in acute setting Dabigatran group has more dyspepsia(2.9% vs 0.6%) and discontinuation of drugs (9% vs 6.8%) Schulman S et al. N Engl J Med 2009;361:

115 RE-SONATE Trial [O-MO-037] DABIGATRAN VERSUS PLACEBO FOR EXTENDED MAINTENANCE THERAPY OF VENOUS THROMBOEMBOLISM the RE-SONATE Study Group METHODS Patients with VTE who had completed 6-18 months of anticoagulant therapy were randomized, using a double-blind design, to treatment with dabigatran 150 mg twice daily or with placebo for an additional period of 6 months. Patients with a clear indication for continued anticoagulation were not eligible. The primary efficacy outcome was the frequency of recurrent symptomatic VTE and related deaths at the end of the planned treatment period. The principal safety outcome was time to the first major bleeding. Additional outcomes included clinically relevant bleeding events, deaths and cardiovascular events. Modified - ISTH 2011 Kyoto

116 RE-SONATE Trial ISTH 2011 Kyoto Recurrent VTE occurred in 3 (0.4%) of 681 patients treated with dabigatran and 37 (5.6%) of 662 patients treated with placebo (hazard ratio [HR] 0.08; 95% confidence interval [CI], 0.02 to 0.25; P<0.0001). There were 2 patients with major bleeds (0.39%), both gastrointestinal, requiring transfusion, on treatment with dabigatran. None occurred in patients receiving placebo (95% CI, 0.04 to 1.05; P=0.5). Clinically relevant bleeding occurred in 36 patients (5.3%) on treatment with dabigatran and in 12 patients (1.8%) on placebo (HR 2.9; 95% CI, 1.5 to 5.6; P=0.001). Cardiovascular events were observed in 3 patients (0.4%) on treatment with dabigatran and in 2 patients (0.3%) on placebo. In the safety on-treatment analysis, there were no deaths in the dabigatran group and 1 unexplained death in the placebo group and there were 30 severe adverse events in each of the two treatment groups. CONCLUSIONS Extended treatment with dabigatran was associated with a 92% relative risk reduction for recurrent VTE and a low risk for major bleeding.

117 RE-MEDY TRIAL [O-TH-033] DABIGATRAN OR WARFARIN FOR EXTENDED MAINTENANCE THERAPY OF VENOUS THROMBOEMBOLISM Sam Schulman et al. METHODS Patients with VTE who had initially received 3 to 12 months of anticoagulant therapy were randomized, using a double-blind design, to treatment with dabigatran 150 mg twice daily or with warfarin (to maintain an international normalized ratio of 2.0 to 3.0) for an additional period of 6 to 36 months. The primary efficacy outcome was the frequency of recurrent symptomatic VTE and related deaths at the end of the planned treatment period. Safety outcomes were bleeding events, acute coronary syndromes and other adverse events. Modified - ISTH 2011 Kyoto

118 RE-MEDY TRIAL RESULTS Recurrent VTE occurred in 26 (1.8%) of 1430 patients treated with dabigatran and 18 (1.3%) of 1426 patients treated with warfarin (hazard ratio [HR] 1.44; 95% confidence interval [CI], 0.78 to 2.64; P=0.03 for the pre-specified non-inferiority margin). There were 13 major bleeds (0.9%) in patients on treatment with dabigatran and 25 (1.8%) in patients on treatment with warfarin (HR 0.52; 95% CI, 0.27 to 1.01). Any bleeding occurred in 277 patients (19%) on treatment with dabigatran and in 373 patients (26%) on warfarin (HR 0.71; 95% CI, 0.61 to 0.83). Acute coronary syndromes were observed in 13 patients (0.9%) on treatment with dabigatran and in 3 patients (0.2%) on warfarin (P=0.02). There were 17 deaths in the dabigatran group and 19 deaths in the warfarin group; other adverse events were also similar with the two treatments. CONCLUSIONS Dabigatran was as effective as warfarin in the extended treatment of VTE. Dabigatran was associated with a reduced risk for bleeding but an increased incidence of acute coronary events. Modified - ISTH 2011 Kyoto

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali

Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Trattamento e prevenzione delle recidive nei pazienti con trombosi venosa profonda: i nuovi anticoagulanti orali Dott. Angelo Ghirarduzzi Responsabile SSD Angiologia Reggio Emilia Cona,, Ferrara 29.09.12

Dettagli

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione? Società Medico Chirurgica di Ferrara FIBRILLAZIONE ATRIALE E TROMBOSI VENOSA PROFONDA ASPETTI FISIOPATOLOGICI, CLINICI E TERAPEUTICI Emergenze emorragiche in corso di terapia anticoagulante: quale gestione?

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica

U.O.C. di Chirurgia Endoscopica Congresso Nazionale Palermo 28/30 Ottobre 2010 Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Chirurgia generale e specialistica U.O.C. di Chirurgia

Dettagli

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA

PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA PROTOCOLLO DI STUDIO MEDIANTE TEST ALLA FLECAINIDE NELLA SINDROME DI BRUGADA 2 La SINDROME DI BRUGADA è una malattia generalmente ereditaria, a trasmissione autosomica dominante, che coinvolge esclusivamente

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3

Nelle pagine successive... Raccomandazioni regionali per l utilizzo 2-3 Agenzia Sanitaria e Sociale Regionale - Area Valutazione del farmaco I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI nella fibrillazione atriale non valvolare L impiego delle terapie anticoagulanti è molto diffuso: dai dati

Dettagli

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare

Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Comparazione dello stress dei caregiver di pazienti affetti da Malattia di Alzheimer o Demenza Vascolare Grazia D Onofrio 1, Daniele Sancarlo 1, Francesco Paris 1, Leandro Cascavilla 1, Giulia Paroni 1,

Dettagli

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA

LA TERAPIA DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA LA TERAPIA EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEI PAZIENTI CON NEOPLASIA MALIGNA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2 Sinossi delle raccomandazioni 3 3. Pazienti con neoplasie solide e TEV (TVP, EP) 6 3.1 Eparine e

Dettagli

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI

LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI Rel. 01/2009 13-02-2009 13:30 Pagina 1 LA CORONAROGRAFIA DOPO TROMBOLISI. FACCIAMO IL PUNTO DOPO GLI STUDI ASSENT E TRANSFER AMI F. Orso, B. Del Taglia *, A.P. Maggioni* Dipartimento di Area Critica Medico

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano

Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Gig_7-419-477 CN 11-01-2002 17:01 Pagina 419 GIORN GERONTOL 2000; 48: 419-433 LINEE GUIDA Linee Guida di terapia antitrombotica nel paziente anziano Antithrombotic strategies in the elderly A.M. CERBONE,

Dettagli

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO

343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO TROMBOEMBOLISMO VENOSO 343 TROMBOEMBOLISMO VENOSO tromboembolismo venoso Il Tromboembolismo Venoso (TEV) rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità ospedaliera, anche se la sua incidenza

Dettagli

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES

Mod. VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES VALVOLE DI SFIORO E SICUREZZA RELIEF VALVES AND SAFETY DEVICES Mod VS/AM 65 1 2 VS/AM 65 STANDARD VS/AM 65 CON RACCORDI VS/AM 65

Dettagli

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana

Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione. Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana Oncologici: Iniziative e sostenibilità della Regione Valeria Fadda Unità di HTA di ESTAV centro, Regione Toscana 2.760.000.000 Euro 14.4% della spesa farmaceutica 32.8% della spesa farmaceutica ospedaliera

Dettagli

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati

Terapia a lungo termine con i bisfosfonati Raffaella Michieli 1, Antonella Toselli 2 1 Responsabile Area Salute Donna SIMG; 2 Area Osteomioarticolare SIMG Focus on Terapia a lungo termine con i bisfosfonati L osteoporosi è un difetto sistemico

Dettagli

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I)

ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ANALISI DELLA SOPRAVVIVENZA: IL MODELLO DI COX (parte I) ESEMPIO 1 (continua): La costruzione del modello di Cox viene effettuata tramite un unico comando. Poiché il modello contiene una covariata categoriale

Dettagli

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process)

Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) Data Alignment and (Geo)Referencing (sometimes Registration process) All data aquired from a scan position are refered to an intrinsic reference system (even if more than one scan has been performed) Data

Dettagli

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013

ATTUALITÀ IN TERAPIA Nalmefene Le Nuove Entità Terapeutiche del 2013 N Nuum meerroo 11 22001144 IIN NFFO OR RM MA AZ ZIIO ON NEE IIN ND DIIP PEEN ND DEEN NTTEE EE A AG GG GIIO OR RN NA AM MEEN NTTO O SSA AN NIITTA AR RIIO O EDITORIALE. Missing, proprio missing FORUM CLINICO

Dettagli

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare?

NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? NE e Disfagia:Terapia farmacologica per os, come fare? Marica Carughi Servizio Farmaceutico Nutrizionale A.O Sant Anna Como Milano, 21 maggio 2014 WHAT EVIDENCE SAYS? LINEE GUIDA: SI Making the best

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate

STUDI DI FASE III. Sperimentazioni Cliniche Controllate STUDI DI FASE III Sperimentazioni Cliniche Controllate (Controlled Clinical Trials, Randomized C.T.s ) SCOPO: Valutazione dell efficacia del trattamento sperimentale EFFICACIA: Miglioramento della prognosi

Dettagli

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO

Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO Lo Spallanzani (2007) 21: 5-10 C. Beggi e Al. Editoriale VALUTAZIONE PER L E.C.M.: ANALISI DEI QUESTIONARI DI GRADIMENTO IL GRADIMENTO DEI DISCENTI, INDICATORE DI SODDISFAZIONE DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM

Ministero della Salute Direzione Generale della Ricerca Scientifica e Tecnologica Bando Giovani Ricercatori - 2007 FULL PROJECT FORM ALLEGATO 2 FULL PROJECT FORM FORM 1 FORM 1 General information about the project PROJECT SCIENTIFIC COORDINATOR TITLE OF THE PROJECT (max 90 characters) TOTAL BUDGET OF THE PROJECT FUNDING REQUIRED TO

Dettagli

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo

TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo TEA vs STENT : il parere del neurochirurgo Pasquale Caiazzo U.O. di Neurochirurgia Ospedale S. Maria di Loreto Nuovo ASL Napoli 1 Direttore: dr. M. de Bellis XLIX Congresso Nazionale SNO Palermo 13 16

Dettagli

Zeroshell come client OpenVPN

Zeroshell come client OpenVPN Zeroshell come client OpenVPN (di un server OpenVpn Linux) Le funzionalità di stabilire connessioni VPN di Zeroshell vede come scenario solito Zeroshell sia come client sia come server e per scelta architetturale,

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma:

Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: !"# Approvato da: DDCG Data 24/11/2010 Firma: Emesso da: Data 24/11/2010 Firma: $ % &'( ')*! " # $% & % '!!!"# $$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$$ Gruppo di lavoro: "!"# Firma Dr. Carmelo Guccione Dr. Diego

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica?

Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? Che fare se il paziente scoagulato ha una complicanza emorragica? La gestione dei pazienti in terapia anticoagulante orale (TAO) con complicanza emorragica gastrointestinale presenta aspetti problematici

Dettagli

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso

Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso doc.4.12-06/03 Gi-Gi Art. 859 - User's Guide Istruzioni d'uso A belaying plate that can be used in many different conditions Una piastrina d'assicurazione che può essere utilizzata in condizioni diverse.

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM

MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Under the Patronage of Comune di Portofino Regione Liguria 1ST INTERNATIONAL OPERA SINGING COMPETITION OF PORTOFINO from 27th to 31st July 2015 MODULO DI ISCRIZIONE - ENROLMENT FORM Direzione artistica

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Principali prove meccaniche su materiali polimerici

Principali prove meccaniche su materiali polimerici modulo: Proprietà viscoelastiche e proprietà meccaniche dei polimeri Principali prove meccaniche su materiali polimerici R. Pantani Scheda tecnica di un materiale polimerico Standard per prove meccaniche

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE

group HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE edizione/edition 04-2010 HIGH CURRENT MULTIPLEX NODE DESCRIZIONE GENERALE GENERAL DESCRIPTION L'unità di controllo COBO è una centralina elettronica Multiplex Slave ; la sua

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014

Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti FADOI 2014 Come scrivere un case report - Linee guida per gli internisti Un case report è una dettagliata narrazione di sintomi, segni, diagnosi, trattamento e follow up di uno o più pazienti. Sebbene nell era della

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE

NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE NEUROSCIENZE EEDUCAZIONE AUDIZIONE PRESSO UFFICIO DI PRESIDENZA 7ª COMMISSIONE (Istruzione) SULL'AFFARE ASSEGNATO DISABILITÀ NELLA SCUOLA E CONTINUITÀ DIDATTICA DEGLI INSEGNANTI DI SOSTEGNO (ATTO N. 304)

Dettagli

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA

SCREENING DI TROMBOFILIA E INDICAZIONI ALLA PROFILASSI FARMACOLOGICA IN GRAVIDANZA SREENING I TROMBOFILIA E INIAZIONI ALLA PROFILASSI FARMAOLOGIA IN GRAVIANZA 1. Introduzione ed obiettivi 3 2. Sinossi delle raccomandazioni 4 3. Screening di trombofilia in gravidanza 9 3.1 Test da includere

Dettagli

Il Form C cartaceo ed elettronico

Il Form C cartaceo ed elettronico Il Form C cartaceo ed elettronico Giusy Lo Grasso Roma, 9 luglio 2012 Reporting DURANTE IL PROGETTO VENGONO RICHIESTI PERIODIC REPORT entro 60 giorni dalla fine del periodo indicato all Art 4 del GA DELIVERABLES

Dettagli

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana

Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Guida ai Parametri di negoziazione dei mercati regolamentati organizzati e gestiti da Borsa Italiana Versione 04 1/28 INTRODUZIONE La Guida ai Parametri contiene la disciplina relativa ai limiti di variazione

Dettagli

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011]

e-spare Parts User Manual Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] Peg Perego Service Site Peg Perego [Dicembre 2011] 2 Esegui il login: ecco la nuova Home page per il portale servizi. Log in: welcome to the new Peg Perego Service site. Scegli il servizio selezionando

Dettagli

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve

Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Efficacia dei probio-ci nelle mala1e diges-ve Le aree di incertezza nelle Cure Primarie: Quali sono le evidenze di efficacia dei probio-ci nelle patologie del tra9o gastrointes-nale? Edoardo Benede*o 1907

Dettagli

2. Cos è una buona pratica

2. Cos è una buona pratica 2. Cos è una buona pratica Molteplici e differenti sono le accezioni di buona pratica che è possibile ritrovare in letteratura o ricavare da esperienze di osservatori nazionali e internazionali. L eterogeneità

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Il test valuta la capacità di pensare?

Il test valuta la capacità di pensare? Il test valuta la capacità di pensare? Per favore compili il seguente questionario senza farsi aiutare da altri. Cognome e Nome Data di Nascita / / Quanti anni scolastici ha frequentato? Maschio Femmina

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO

LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO EMORRAGICO O CON EMORRAGIA IN ATTO Dipartimento Clinico Assistenziale Oncologico Unità Operativa di Ematologia Centro Trapianto di Cellule Staminali Direttore Prof. Attilio Olivieri Versione del 18-2-2008 LINEE GUIDA SULLA GESTIONE DEL

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA

COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA COMINCIAMO A SENTIRCI UNA FAMIGLIA IL PRIMO GIORNO CON LA FAMIGLIA OSPITANTE FIRST DAY WITH THE HOST FAMILY Questa serie di domande, a cui gli studenti risponderanno insieme alle loro famiglie, vuole aiutare

Dettagli

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com

LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO. CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com LA VIOLENZA NEI LUOGHI DI LAVORO CLAUDIO CORTESI cld.cortesi@gmail.com VIOLENZE NEI LUOGHI DI LAVORO: COSA SONO? any action, incident or behaviour, that departs from reasonable conduct in which a person

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com

WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR. T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com WWW.TINYLOC.COM CUSTOMER SERVICE T. (+34) 937 907 971 F. (+34) 937 571 329 sales@tinyloc.com GPS/ RADIOTRACKING DOG COLLAR MANUALE DI ISTRUZIONI ACCENSIONE / SPEGNERE DEL TAG HOUND Finder GPS Il TAG HOUND

Dettagli

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove?

L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? L ospedale a misura di paziente: perché innovare, come innovare e, soprattutto, per arrivare dove? Anna Prenestini SDA Bocconi Area Public Policy and Management 09 ottobre 2012 1 Un futuro da scrivere

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico

Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico Linee guida per la gestione dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali che devono sottoporsi ad intervento chirurgico PREMESSA La chirurgia dei pazienti in terapia con anticoagulanti orali è un problema

Dettagli

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07.

Istruzione N. Versione. Ultima. modifica. Funzione. Data 18/12/2009. Firma. Approvato da: ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING IMBALLO. service 07. Istruzione N 62 Data creazione 18/ 12/2009 Versione N 00 Ultima modifica TIPO ISTRUZIONE ASSEMBLAGGIO COLLAUDO TRAINING MODIFICA TEST FUNZIONALE RIPARAZIONE/SOSTITUZIONE IMBALLO TITOLO DELL ISTRUZIONE

Dettagli

Informazioni per i pazienti e le famiglie

Informazioni per i pazienti e le famiglie Che cos è l MRSA? (What is MRSA? Italian) Reparto Prevenzione e controllo delle infezioni UHN Informazioni per i pazienti e le famiglie Patient Education Improving Health Through Education L MRSA è un

Dettagli

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi

Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Aggiornamenti CIO Rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi Istruzioni per gli Autori Informazioni generali Aggiornamenti CIO è la rivista ufficiale del Club Italiano Osteosintesi e pubblica articoli

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE

APPLICATION FORM 1. YOUR MOTIVATION/ LA TUA MOTIVAZIONE APPLICATION FORM Thank you for your interest in our project. We would like to understand better your motivation in taking part in this specific project. So please, read carefully the form, answer the questions

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari

Narrare i gruppi. Rivista semestrale pubblicata on-line dal 2006 Indirizzo web: www.narrareigruppi.it - Direttore responsabile: Giuseppe Licari Narrare i gruppi Etnografia dell interazione quotidiana Prospettive cliniche e sociali ISSN: 2281-8960 Narrare i gruppi. Etnografia dell'interazione quotidiana. Prospettive cliniche e sociali è una Rivista

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion»

La richiesta di materiale biologico da struttura a struttura: «second opinion» A.O. S.Antonio Abate, Gallarate Segreteria Scientifica dr. Filippo Crivelli U.O. di Anatomia Patologica Corso di Aggiornamento per Tecnici di Laboratorio di Anatomia Patologica AGGIORNAMENTI 2011 I edizione:

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

Quando Studiare il DAT

Quando Studiare il DAT Quando Studiare il A.Piccardo, E.O. Ospedali Galliera F. Nobili Università di Genova 123 I-FP-CIT (SCAN ) Pre-sinaptico FP- CIT Post-sinaptico Non interazione tra farmaci dopaminergici e imaging In presenza

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome MONTU DOMENICO Data di nascita 26-03-1956 Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale DIRETTORE SISP AMBITO FOSSANO-SALUZZO SAVIGLIANO Numero telefonico ufficio

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico

Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Cosa dovrebbero sapere i genitori sulla sicurezza delle radiazioni per uso medico Gli esami radiologici consentono ai medici di effettuare la diagnosi e decidere il corretto iter terapeutico dei loro pazienti.

Dettagli

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza

Conduzione di uno Studio: GCP e Farmacovigilanza Irene Corradino Clinical Operations Unit Fondato nel 1998 con sede a Milano Studi clinici di fase I-II in oncologia, soprattutto in Italia, Svizzera, Spagna ARO = Academic Research Organization Sponsor/CRO

Dettagli

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze

Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Misurazione e monitoraggio della complessità assistenziale Monitoraggio dei livelli ottimali di staffing Strumenti disponibili e tendenze Filippo Festini Università di Firenze, Dipartimento di Pediatria,

Dettagli

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls

Sistemi di gestione dei dati e dei processi aziendali. Information Technology General Controls Information Technology General Controls Indice degli argomenti Introduzione agli ITGC ITGC e altre componenti del COSO Framework Sviluppo e manutenzione degli applicativi Gestione operativa delle infrastrutture

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT

Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT Giovedì 26 febbraio 2015 CONGRESSO NAZIONALE STAT 9.00-11.00 I SESSIONE L essenziale di... in Anestesia Presidente: A. De Monte Udine Moderatori: F.E. Agrò Roma, Y. Leykin Pordenone 9.00 La gestione delle

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.

Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx. Qual è l errore più comune tra i Trader sul Forex e come possiamo evitarlo? David Rodriguez, Quantitative Strategist drodriguez@dailyfx.com Avvertenza di Rischio: Il Margin Trading su forex e/o CFD comporta

Dettagli

Rilascio dei Permessi Volo

Rilascio dei Permessi Volo R E P U B L I C O F S A N M A R I N O C I V I L A V I A T I O N A U T H O R I T Y SAN MARINO CIVIL AVIATION REGULATION Rilascio dei Permessi Volo SM-CAR PART 5 Approvazione: Ing. Marco Conti official of

Dettagli

Informazioni su questo libro

Informazioni su questo libro Informazioni su questo libro Si tratta della copia digitale di un libro che per generazioni è stato conservata negli scaffali di una biblioteca prima di essere digitalizzato da Google nell ambito del progetto

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

Le linee guida evidence based

Le linee guida evidence based Le linee guida evidence based Linee guida: definizione Raccomandazioni di comportamento clinico, prodotte attraverso un processo sistematico, allo scopo di assistere medici e pazienti nel decidere quali

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Valutazione delle tecnologie emergenti

Valutazione delle tecnologie emergenti Dott Tom Jefferson Consulente Sez. Innovazione, Sperimentazione e Sviluppo Valutazione delle tecnologie emergenti Dispositivi Impiantabili: revisioni legislative" - Roma, 7 novembre 2013 L Agenzia Ente

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza

La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza La profilassi con vitamina K: un approccio basato sull evidenza Fiammengo P., Coscia A., De Donno V., Tulisso S., Maula S., Bianco M., Dall Aglio M., Farinasso D., Alessi D., Foco L., Costa L. Mentre la

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale

Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale Guida alla Terapia Anticoagulante Orale per Medici di Medicina Generale FCSA - SIMG componenti della task-force FCSA Guido Finazzi Responsabile del Centro Emostasi e Trombosi Divisione di Ematologia Ospedali

Dettagli