Settore Farmaceutico Regione Campania. Margherita De Florio Angela Loreto Crescenzo Ilardi Francesco Fiorentino. Aziende Sanitarie Locali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settore Farmaceutico Regione Campania. Margherita De Florio Angela Loreto Crescenzo Ilardi Francesco Fiorentino. Aziende Sanitarie Locali"

Transcript

1

2 CIRFF Lorenzo Giovanni Mantovani, Simona Cammarota, Anna Citarella, Simona de Portu, Enrica Menditto, Sabato Montella, Giovanni Stefanini, Ettore Novellino Settore Farmaceutico Regione Campania Margherita De Florio Angela Loreto Crescenzo Ilardi Francesco Fiorentino Aziende Sanitarie Locali Teresa D Agostino, Ivana Lieto Avellino 1 Giuseppina Berardino, Luca Reppucci Avellino 2 Federico Russo, Cinzia Scarano Benevento Delia Di Monaco, Michele Tari Caserta 1 Anna Maria Tamburrino Caserta 2 Gaetana La Bella Napoli 1 Maria Teresa Cotroneo, Francesca Romagnuolo Napoli 2 Mariano Fusco, Agrippino Graziano Napoli 3 Eduardo Nava, Rita Castaldo Napoli 4 Eleonora Sacrestano, Adriano Vercellone Napoli 5 Vincenzo Del Pizzo Salerno 1 Carla Sabatella, Sergio Esposito Salerno 2 Maria Rosaria Cillo Salerno 3

3 INTRODUZIONE 5 Capitolo 1. Metodi Dati utilizzati Controllo qualità Dati demografici Misure di spesa e consumo 9 Capitolo 2. Il consumo farmaceutico in Campania nel La variabilità della prescrizione farmaceutica SSN per sesso e fasce d età 12 Capitolo 3. I consumi per categoria terapeutica 41 Capitolo 4. Analisi delle principali categorie terapeutiche Farmaci per l apparato gastrointestinale e metabolismo A02 - Antiacidi e antiulcera A10 - Antidiabetici Sangue e organi emopoietici B01 - Antitrombotici B02 - Antiemorragici Farmaci per l apparato cardiovascolare C01 - Terapia cardiaca C02 - Antipertensivi C03 - Diuretici C07 - Betabloccanti C08 - Calcioantagonisti C09 - Sostanze che agiscono sul sistema renina-angiotensina C10 - Ipolipemizzanti Antimicrobici per uso sistemico J01- Antibatterici per uso sistemico Farmaci antineoplastici e immunomodulatori L02 - Terapia endocrina L04 - Immunomodulatori Farmaci per il sistema muscolo-scheletrico M01 - Antinfiammatori M05 - Farmaci per il trattamento delle malattie delle ossa Farmaci per il sistema nervoso N03 - Antiepilettici N05 - Psicolettici N06- Psicoanalettici Farmaci per l apparato respiratorio R03 - Antiasmatici 142 Capitolo 5. Medicinali a brevetto scaduto 146 CONCLUSIONI 161

4 4 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA

5 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Introduzione Questo secondo Rapporto sull uso dei farmaci in Regione Campania nell anno 2005, si presenta più completo e ricco di approfondimenti rispetto al precedente in quanto raccoglie i dati provenienti da tutte le 13 ASL della Regione Campania, permettendo di avere un quadro completo dell utilizzo dei farmaci nella popolazione generale costituendo la base per interventi di promozione dell appropriatezza prescrittiva. Si tratta di un attività oramai consolidata che viene effettuata in collaborazione tra il Settore Farmaceutico dell Assessorato alla Sanità della Regione Campania e il Centro Interdipartimentale di Ricerca in Farmacoeconomia e Farmacoutilizzazione (C.I.R.F.F.) della Facoltà di Farmacia dell Università Federico II di Napoli. Obiettivo specifico del Rapporto è quello di descrivere il quadro della prescrizione farmaceutica territoriale in Campania in termini di quantità di farmaci prescritti, spesa e prevalenza d uso, e di fornire a tutti gli operatori del settore sanitario un valido strumento di lettura dei dati di prescrizione, utile a promuovere un appropriato utilizzo dei farmaci. Il Rapporto è suddiviso in quattro sezioni principali. La prima è dedicata alla presentazione della qualità dei dati di prescrizione farmaceutica registrati dalle ricette, dei metodi e degli indicatori utilizzati nelle analisi. La seconda descrive, in termini di spesa, quantità prescritte e caratteristiche degli utilizzatori, le caratteristiche della prescrizione in Campania oltre che un analisi farmacoepidemiologica dettagliata per singola ASL. La terza sezione presenta un dettagliato approfondimento per le categorie terapeutiche di maggiore rilevanza clinica fino ad arrivare nel dettaglio delle singole molecole. Tra gli indicatori di prescrizione utilizzati è stato inserito, per ciascuna categoria terapeutica, l andamento del consumo regionale (DDD/1000 ab. die) stratificato per sesso e fascia di età. Tale indicatore, nel caso di farmaci che prevedono un utilizzo cronico, permette di stimare l esposizione a farmaci di una popolazione e di conseguenza la prevalenza d uso. Le analisi per categoria terapeutica possono, inoltre, fornire possibili chiavi di lettura legate all appropriatezza d uso sia in funzione delle caratteristiche di età e sesso degli utilizzatori, sia in funzione della durata di terapia attesa in base ai dati di prescrizione. La quarta sezione infine, descrive l utilizzo di farmaci equivalenti. 5

6 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA 1. METODI Nota metodologica Nel redigere il Rapporto Regionale, vengono compiute sistematicamente delle operazioni di aggiornamento delle informazioni registrate nel datawarehouse CIRFF che possono comportare delle lievi differenze nei valori (di spesa, di consumo, di esposizione) pubblicati nel precedente rapporto. Queste operazioni di aggiornamento possono derivare dalla definizione di nuove DDD da parte dell OMS, dalla precisazione di dati precedentemente non disponibili, come dati di popolazione aggiornati, o da controlli effettuati sulla base di nuovi flussi di dati. 1.1 Dati utilizzati La banca dati analizzata è generata a partire dai dati di prescrizione farmaceutica territoriale a carico del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) delle 13 ASL campane. Tali dati provengono dalla lettura mensile delle ricette spedite in farmacia relative all anno Per il calcolo delle variazioni percentuali rispetto all anno precedente sono stati utilizzati i dati forniti da IMS Health, società internazionale che si occupa di indagini di mercato. Sono oggetto di rilevazione tutti i farmaci erogati dalle farmacie, sia private che pubbliche, che dispensano ai residenti della Regione Campania, su presentazione di ricetta medica, nei limiti delle prestazioni erogabili dal SSN. Sono pertanto esclusi dal flusso i dati relativi ai farmaci di classe C, nonché i farmaci di classe A acquistati direttamente dai cittadini. 1.2 Controllo di qualità Nella Tabella 1 è riportata per ogni ASL la quota di ricette, validate secondo il processo di controllo seguente: a) controllo formale del tracciato (verifica del formato, lunghezza e schema di codifica dei campi) b) controllo del codice del farmaco e dell importo lordo (incrocio tra la banca dati delle prescrizioni generata e la banca dati dei farmaci fornita da Farmadati) c) controllo formale del codice fiscale d) scarti dei record inconsistenti (a fronte delle verifiche precedenti) e) inserimento dei campi calcolati ( es. importo lordo corretto, DDD) f) arricchimento dei record con attributi che identificano la bontà del singolo campo cui si riferiscono g) eliminazione dei record duplicati In una quota di ricette il codice fiscale dell assistibile e/o il codice del farmaco è assente o non coerente. Di conseguenza, la sottostima complessiva presente in tutte le analisi risulta pari a ~3,5%. 6

7 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Tabella 1. Controllo di qualità dei dati ASL N ricette (A) Linkage database Codice farmaco (B) Linkage database Codice Fiscale (C) % B/A % C/B* AVELLINO ,4 96,4 AVELLINO ,6 97,7 BENEVENTO ,9 95,9 CASERTA ,9 96,1 CASERTA ,5 96,8 NAPOLI ,3 98,6 NAPOLI ,0 99,1 NAPOLI ,0 80,2 NAPOLI ,3 98,3 NAPOLI ,4 97,2 SALERNO ,7 98,0 SALERNO ,8 98,0 SALERNO ,4 97,9 CAMPANIA ,5 96,5 * Percentuale di ricette utilizzate nelle analisi 7

8 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA 1.3 Dati demografici I dati demografici, utilizzati per i denominatori di spesa e consumo, provengono dal sito internet dell ISTAT. Sono stati utilizzati i valori aggiornati al 1 gennaio E stato indispensabile pesare le popolazioni, in modo da minimizzare le differenze presenti in termini di distribuzione di età e sesso. A tale scopo è stato utilizzato il sistema di pesi predisposto dal Dipartimento della programmazione del Ministero della Salute per la ripartizione della quota capitaria del Fondo Sanitario Nazionale (Tabella 2). Fasce di età Maschi Femmine >74 Peso Per il calcolo della popolazione pesata si è proceduto come segue: a) la popolazione di ciascuna ASL è stata raggruppata in classi di età; b) il numero di individui di ciascuna classe è stato moltiplicato per il peso corrispondente; c) la somma dei valori così ottenuti è stata proporzionalmente riportata alla popolazione campana. I dati demografici sono stati, infine, normalizzati (popolazione aggiustata pesata) in base alla percentuale di ricette validate per ASL (Tabella 3). Tabella 3. Popolazione residente al 1 gennaio dati ISTAT AGGIUSTATA* ASL RESIDENTE AGGIUSTATA PESATA Avellino Avellino Benevento Caserta Caserta Napoli Napoli Napoli Napoli Napoli Salerno Salerno Salerno Campania popolazione aggiustata in base alla % di ricette validate * popolazione usata come denominatore 8

9 RAPPORTO REGIONALE - ANNO Misure di spesa e consumo Le analisi sono state condotte in termini di quantità dei farmaci prescritti, spesa lorda SSN. I farmaci sono stati raggruppati in base al sistema di classificazione internazionale ATC (Anatomica Terapeutica Chimica). I volumi di prescrizione sono stati misurati in termini di DDD (Defined Daily Dose o dose definita giornaliera), che rappresenta la dose media di un farmaco assunta giornalmente da un paziente adulto, con riferimento all indicazione terapeutica principale del farmaco stesso. Si tratta dunque di una unità standard e non della dose raccomandata o assunta dal paziente. Le analisi sono state eseguite utilizzando i seguenti indicatori: Indicatori di spesa Spesa lorda SSN: si intende la spesa per l assistenza farmaceutica convezionata, calcolata utilizzando il prezzo al pubblico (IVA compresa) ridotto della quota di compartecipazione del cittadino e al lordo dello sconto alle farmacie praticato dall SSN. Spesa lorda pro capite: totale della spesa farmaceutica suddiviso per il totale di assistibili. Rappresenta un valore grezzo, non standardizzato per età e sesso degli assistibili. Spesa lorda pro capite pesata: totale della spesa farmaceutica suddiviso per il totale di assistibili pesati. Consente di confrontare la spesa riferita a popolazioni di assistibili di diversa composizione per età e sesso. Indicatori farmacoepidemiologici DDD/1000/abitanti/die: Misura standardizzata del consumo di farmaci sul territorio, corrispondente al numero medio di dosi di farmaco consumate giornalmente da mille abitanti. L utilizzo della DDD/1000 abitanti/die consente sia confronti all interno dei vari gruppi terapeutici sia confronti fra realtà territoriali diverse e confronti temporali. Nel caso in cui il farmaco abbia un indicazione principale o venga utilizzato per periodi prolungati ed abbia intervalli di dosi terapeutiche non troppo ampi, tale indicatore può essere utilizzato per stimare l esposizione a farmaci di una popolazione (prevalenza d uso). 9

10 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA 2. Il consumo farmaceutico in Campania nel 2005 Nel 2005 la spesa farmaceutica territoriale a carico dell SSN in Campania è stata ~ 1,2 miliardi di euro (pari a 223 euro per assistibile), con una riduzione rispetto all anno precedente di ~1,7%. In Tabella 4 sono riportati i principali indicatori di spesa e consumo suddivisi per ASL relativi alla prescrizione farmaceutica SSN. Analizzando il dato di spesa lorda pro capite pesata per singola ASL, si osserva un range che va da 179 euro per l ASL Avellino1 a 254 euro per la Napoli1. Rispetto al 2004, si evidenzia un incremento di spesa nella Napoli4 (+3,2% ), nella Caserta2 (+4,9%), Benevento (+0,6), Napoli 2 (+1,7); nella provincia di Salerno, invece, si registra il massimo decremento (~-5%). Per quanto riguarda il dato di consumo farmaceutico, espresso in DDD/1000 abitanti/die pesate, risulta che in Campania nel corso del 2005 vengono dispensate a carico del SSN quotidianamente circa 769 dosi di farmaco ogni 1000 abitanti; Napoli1 con un valore pari a 852 DDD/1000 abitanti/die si colloca al primo posto in termini di quantità dispensate. Come è evidenziato in Tabella 4, per tutte le ASL si registra un incremento in consumo farmaceutico rispetto all anno precedente. La variabilità tra ASL per spesa e DDD è rappresentata come scostamento percentuale dal valore medio regionale in Figura 1. 10

11 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Tabella 4. Consumo farmaceutico SSN nel 2005 ASL lorda Spesa (euro) Ricette Confezioni pro capite pro capite pesata Δ % 4/05 Ν pro capite Ν pro capite DDD/ 1000 ab.die Avellino ,6 179,1-2, , , ,2 Avellino ,6 217,6-0, , , ,2 Benevento ,5 209,3 0, , , ,7 Caserta ,2 197,4-1, , , ,9 Caserta ,3 220,1 4, , , ,3 Napoli ,1 253,9-3, , , ,1 Napoli ,6 221,5 1, , , ,7 Napoli ,0 222,8-2, , , ,1 Napoli ,0 214,0 3, , , ,6 Napoli ,9 239,2-3, , , ,7 Salerno ,0 227,2-5, , , ,5 Salerno ,5 216,6-6, , , ,2 Salerno ,3 183,0-4, , , ,4 Campania ,8 222,8-1, , , ,8 Ν Δ % 04/05 Figura 1. Scostamento delle DDD/1000 abitante/die e spesa lorda pro capite (su popolazione pesata) dal valore medio regionale 11

12 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA 2.1 La variabilità della prescrizione farmaceutica SSN per età e sesso L età risulta il principale fattore predittivo nell uso di farmaci. La popolazione assistibile di età compresa tra i 45 e 64 anni assorbe da sola circa un terzo della spesa e consumo farmaceutico totale; gli assistiti ultrasessantacinquenni nel complesso incidono per il 50% circa sulla prescrizione farmaceutica totale (Tabella 5). La Figura 2 evidenzia l andamento della spesa e dosi dispensate per età e sesso. La curva presenta un andamento crescente con l aumentare dell età; il picco si raggiunge nella fascia compresa tra i 65 e 74 anni. Tale fenomeno non sorprende in quanto l uso concomitante di più farmaci è più frequente in questa fascia di età, dato il rischio più elevato di insorgenza di polipatologie. E interessante notare però che negli ultraottantacinquenni il consumo farmaceutico diminuisce. Per quanto concerne eventuali differenze attribuibili al sesso, a parità di età, si evidenzia che le donne di età inferiore ai 50 anni consumano una maggiore quantità di farmaci rispetto agli uomini (277 vs 183 DDD/1000 abitanti/die), il consumo e la spesa diviene, invece, superiore per il sesso maschile nelle fasce di età più anziane. Tabella 5. Distribuzione per età della prescrizione farmaceutica regionale SSN. Fascia di età spesa lorda pro capite % % cumulata DDD/1000 abitanti/die % % cumulata ,0 2, ,2 1, ,1 5, ,6 2, ,2 22, ,3 16, ,6 54, ,9 49, ,1 78, ,4 75, ,1 96, ,1 95, ,9 100, ,4 100,0 12

13 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Figura 2. Andamento delle DDD/1000 abitanti/die e spesa lorda pro capite per sesso e fascia di età Nelle Tabelle 6-31 sono riportati per singola ASL, il dato di spesa e consumo suddiviso per fascia di età e sesso. Accanto a tali valori è mostrato il rapporto tra le prevalenza d uso maschi/femmine e l incidenza percentuale di ciascuna fascia di età rispettivamente sul totale della spesa e DDD. 13

14 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA Tabella 6. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Avellino 1 ASL Avellino 1 Classe di età Sesso Popolazione (%) Spesa lorda (euro) Spesa lorda pro capite (euro) % sul totale Totale M 2, ,0 0,7 F 2, ,1 0,6 TOT 4, ,1 1,2 M 5, ,0 1,6 F 5, ,1 1,3 TOT 10, ,7 2,9 M 20, ,8 6,7 F 19, ,9 7,2 TOT 40, ,3 13,9 M 11, ,5 12,7 F 11, ,2 12,4 TOT 22, ,9 25,1 M 5, ,2 13,1 F 6, ,3 12,9 TOT 11, ,6 25,9 M 3, ,5 11,9 F 5, ,2 12,8 TOT 9, ,8 24,7 M 0, ,1 2,7 F 1, ,9 3,6 TOT 2, ,3 6,3 M 48, ,2 49,3 F 51, ,0 50,7 TOT 100, ,6 100,0 14

15 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Tabella 7. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Avellino 2 ASL Avellino 2 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda (euro) Spesa lorda pro capite (euro) % sul totale M 2, ,5 1,0 F 2, ,2 0,8 TOT 4, ,0 1,8 M 5, ,5 2,2 F 5, ,5 1,2 TOT 11, ,5 3,4 M 22, ,8 8,8 F 21, ,3 7,6 TOT 44, ,6 16,3 M 11, ,3 15,2 F 11, ,5 14,3 TOT 23, ,8 29,5 M 4, ,3 12,0 F 5, ,1 12,4 TOT 9, ,0 24,3 M 2, ,2 8,8 F 3, ,0 11,1 TOT 6, ,7 19,9 M 0, ,8 1,7 F 1, ,5 3,1 TOT 1, ,3 4,7 M 49, ,5 49,6 F 51, ,8 50,4 TOT 100, ,6 100,0 15

16 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA Tabella 8. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Benevento 1 ASL Benevento 1 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda (euro) Spesa lorda pro capite (euro) % sul totale M 2, ,6 0,7 F 2, ,3 0,5 TOT 4, ,1 1,2 M 5, ,4 1,1 F 5, ,2 0,9 TOT 10, ,4 2,0 M 20, ,1 6,6 F 20, ,3 7,7 TOT 41, ,7 14,2 M 11, ,5 13,6 F 11, ,3 14,0 TOT 22, ,9 27,6 M 4, ,6 12,4 F 5, ,4 13,3 TOT 10, ,9 25,7 M 3, ,1 10,3 F 4, ,6 13,1 TOT 7, ,9 23,3 M 0, ,8 2,3 F 1, ,6 3,5 TOT 2, ,4 5,8 M 48, ,9 47,0 F 51, ,7 53,0 TOT 100, ,5 100,0 16

17 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Tabella 9. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Caserta 1 ASL Caserta 1 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda (euro) Spesa lorda pro capite (euro) % sul totale M 2, ,4 1,1 F 2, ,2 0,9 TOT 5, ,4 1,9 M 6, ,8 2,7 F 6, ,7 1,3 TOT 6, ,7 4,0 M 22, ,7 9,6 F 22, ,6 7,7 TOT 6, ,1 17,3 M 11, ,5 15,6 F 11, ,2 15,7 TOT 6, ,7 31,2 M 3, ,0 11,1 F 4, ,5 12,3 TOT 6, ,7 23,5 M 2, ,8 8,3 F 3, ,8 10,2 TOT 6, ,1 18,5 M 0, ,4 1,4 F 0, ,3 2,2 TOT 6, ,3 3,6 M 48, ,6 49,7 F 51, ,0 50,3 TOT 100, ,2 100,0 17

18 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA Tabella 10. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Caserta 2 ASL Caserta 2 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda ( ) Spesa lorda pro capite ( ) % sul totale M 3, ,8 1,2 F 3, ,7 1,0 TOT 6, ,4 2,1 M 6, ,9 2,6 F 6, ,7 1,2 TOT 12, ,4 3,9 M 22, ,8 9,1 F 23, ,6 9,2 TOT 45, ,2 18,3 M 10, ,4 16,5 F 11, ,5 16,8 TOT 21, ,4 33,3 M 3, ,9 10,8 F 4, ,6 12,4 TOT 7, ,3 23,3 M 1, ,9 7,1 F 2, ,6 9,1 TOT 4, ,2 16,2 M 0, ,9 1,1 F 0, ,5 1,8 TOT 0, ,6 3,0 M 48, ,3 48,4 F 51, ,3 51,6 TOT 100, ,3 100,0 18

19 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Tabella 11. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Napoli 1 ASL Napoli 1 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda ( ) Spesa lorda pro capite ( ) % sul totale M 2, ,0 0,9 F 2, ,8 0,7 TOT 5, ,5 1,6 M 5, ,9 1,9 F 5, ,8 1,0 TOT 11, ,4 3,0 M 21, ,1 10,7 F 21, ,0 7,6 TOT 43, ,4 18,2 M 11, ,1 15,8 F 12, ,0 15,8 TOT 24, ,8 31,7 M 3, ,1 10,9 F 5, ,9 12,8 TOT 8, ,9 23,8 M 2, ,0 10,5 F 3, ,9 7,5 TOT 6, ,1 18,0 M 0, ,0 1,3 F 1, ,3 2,6 TOT 1, ,3 3,8 M 47, ,6 52,0 F 52, ,8 48,0 TOT 100, ,1 100,0 19

20 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA Tabella 12. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Napoli 2 ASL Napoli 2 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda ( ) Spesa lorda pro capite ( ) % sul totale M 3, ,4 1,5 F 3, ,8 1,2 TOT 6, ,3 2,6 M 7, ,5 1,9 F 6, ,2 1,6 TOT 13, ,4 3,5 M 23, ,4 8,5 F 23, ,0 9,6 TOT 47, ,3 18,1 M 10, ,0 17,2 F 11, ,8 17,7 TOT 22, ,9 34,9 M 2, ,7 10,9 F 3, ,8 11,9 TOT 6, ,2 22,8 M 1, ,6 6,4 F 2, ,1 8,5 TOT 3, ,2 15,0 M 0, ,1 1,1 F 0, ,2 2,0 TOT 0, ,0 3,1 M 49, ,8 47,4 F 50, ,3 52,6 TOT 100, ,6 100,0 20

21 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Tabella 13. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Napoli3 ASL Napoli 3 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda ( ) Spesa lorda pro capite ( ) % sul totale M 3, ,2 1,7 F 3, ,9 1,3 TOT 6, ,2 3,0 M 7, ,0 1,9 F 6, ,2 1,6 TOT 14, ,7 3,5 M 23, ,5 9,1 F 23, ,8 10,7 TOT 47, ,6 19,8 M 10, ,3 17,2 F 10, ,3 18,6 TOT 21, ,9 35,8 M 2, ,9 10,3 F 3, ,8 11,8 TOT 6, ,7 22,2 M 1, ,8 5,3 F 2, ,4 7,7 TOT 3, ,4 13,1 M 0, ,5 0,9 F 0, ,7 1,6 TOT 0, ,9 2,5 M 49, ,4 46,5 F 50, ,4 53,5 TOT 100, ,0 100,0 21

22 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA Tabella 14. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Napoli4 ASL Napoli 4 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda ( ) Spesa lorda pro capite ( ) % sul totale M 3, ,4 1,6 F 3, ,2 1,3 TOT 6, ,4 2,9 M 6, ,6 1,9 F 6, ,6 1,6 TOT 13, ,2 3,5 M 23, ,7 9,3 F 23, ,7 9,5 TOT 47, ,2 18,9 M 10, ,2 16,5 F 11, ,5 17,1 TOT 21, ,9 33,5 M 3, ,8 10,9 F 3, ,9 12,4 TOT 6, ,6 23,3 M 1, ,3 6,3 F 2, ,1 8,8 TOT 3, ,2 15,1 M 0, ,0 0,9 F 0, ,4 1,8 TOT 0, ,0 2,8 M 49, ,7 47,4 F 51, ,0 52,6 TOT 100, ,0 100,0 22

23 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Tabella 15. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Napoli5 ASL Napoli 5 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda ( ) Spesa lorda pro capite ( ) % sul totale M 3, ,5 1,3 F 2, ,6 1,1 TOT 5, ,2 2,4 M 6, ,0 1,9 F 6, ,0 1,6 TOT 12, ,1 3,5 M 21, ,4 8,4 F 21, ,8 8,5 TOT 43, ,6 16,8 M 11, ,6 15,7 F 12, ,4 16,4 TOT 23, ,3 32,1 M 3, ,3 11,6 F 4, ,7 12,4 TOT 8, ,6 24,0 M 2, ,0 7,9 F 3, ,0 9,5 TOT 5, ,2 17,4 M 0, ,3 1,4 F 0, ,5 2,4 TOT 1, ,6 3,7 M 48, ,6 48,1 F 51, ,2 51,9 TOT 100, ,9 100,0 23

24 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA Tabella 16. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Salerno 1 ASL Salerno 1 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda ( ) Spesa lorda pro capite ( ) % sul totale M 2, ,2 1,1 F 2, ,0 0,9 TOT 5, ,7 2,0 M 6, ,7 1,6 F 5, ,5 1,3 TOT 12, ,3 2,9 M 22, ,7 8,0 F 22, ,9 9,0 TOT 44, ,3 17,0 M 11, ,3 15,4 F 11, ,7 15,9 TOT 22, ,5 31,3 M 3, ,7 11,8 F 4, ,9 12,9 TOT 8, ,5 24,7 M 1, ,4 8,2 F 3, ,8 10,2 TOT 5, ,5 18,4 M 0, ,2 1,4 F 0, ,1 2,3 TOT 1, ,3 3,7 M 48, ,1 47,4 F 51, ,6 52,6 TOT 100, ,0 100,0 24

25 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Tabella 17. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Salerno 2 ASL Salerno 2 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda ( ) Spesa lorda pro capite ( ) % sul totale M 2, ,1 0,8 F 2, ,3 0,6 TOT 4, ,8 1,4 M 5, ,4 1,2 F 5, ,6 1,0 TOT 11, ,1 2,2 M 21, ,1 7,1 F 21, ,1 8,4 TOT 43, ,1 15,6 M 11, ,7 15,1 F 12, ,1 15,1 TOT 23, ,3 30,2 M 4, ,9 12,3 F 5, ,8 13,2 TOT 9, ,9 25,5 M 2, ,3 9,3 F 3, ,1 11,4 TOT 6, ,4 20,7 M 0, ,2 1,7 F 1, ,7 2,8 TOT 1, ,7 4,5 M 48, ,2 47,5 F 51, ,5 52,5 TOT 100, ,5 100,0 25

26 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA Tabella 18. Distribuzione per età e sesso della spesa lorda- ASL Salerno 3 ASL Salerno 3 Classe di età Totale Sesso Popolazione (%) Spesa lorda ( ) Spesa lorda pro capite ( ) % sul totale M 2, ,7 0,7 F 2, ,8 0,5 TOT 4, ,4 1,2 M 5, ,4 1,1 F 5, ,5 0,8 TOT 10, ,1 1,9 M 20, ,8 6,5 F 20, ,8 7,1 TOT 40, ,8 13,6 M 11, ,5 13,9 F 11, ,4 14,1 TOT 23, ,9 27,9 M 5, ,8 13,1 F 5, ,9 13,5 TOT 11, ,7 26,5 M 3, ,4 10,8 F 4, ,6 12,6 TOT 8, ,1 23,3 M 0, ,2 2,1 F 1, ,8 3,4 TOT 2, ,1 5,5 M 48, ,3 48,1 F 51, ,1 51,9 TOT 100, ,3 100,0 26

27 RAPPORTO REGIONALE - ANNO 2005 Tabella 19. Distribuzione per età e sesso delle DDD/1000 abitanti die - ASL Avellino 1 ASL Avellino 1 Classe di età Sesso Popolazione (%) DDD/1000 abitanti die % sul totale M:F Totale M 2, ,7 F 2, ,6 M+F 4, ,2 M 5,3 71 1,6 F 5,0 98 1,3 M+F 10,3 84 2,9 M 20, ,7 F 19, ,2 M+F 40, ,9 M 11, ,7 F 11, ,4 M+F 22, ,1 M 5, ,1 F 6, ,9 M+F 11, ,9 M 3, ,9 F 5, ,8 M+F 9, ,7 M 0, ,7 F 1, ,6 M+F 2, ,3 M 48, ,3 F 51, ,7 M+F 100, ,0 1,09 1,06 0,83 0,92 0,99 1,04 1,13 0,90 27

28 L USO DEI FARMACI IN CAMPANIA Tabella 20. Distribuzione per età e sesso delle DDD/1000 abitanti die ASL Avellino 2 ASL Avellino 2 Classe di età Sesso Popolazione (%) DDD/1000 abitanti die % sul totale M:F Totale M 2, ,5 F 2, ,4 M+F 4, ,0 M 5, ,8 F 5,4 95 0,7 M+F 11, ,5 M 22, ,0 F 21, ,0 M+F 44, ,9 M 11, ,6 F 11, ,6 M+F 23, ,2 M 4, ,6 F 5, ,0 M+F 9, ,7 M 2, ,0 F 3, ,3 M+F 6, ,3 M 0, ,7 F 1, ,7 M+F 1, ,4 M 49, ,3 F 51, ,7 M+F 100, ,0 1,08 1,06 0,84 0,92 0,99 1,01 0,98 0,89 28

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp.

Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti. Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Remo Piroli Paolo Maria Rodelli Ettore Brianti Appropriatezza prescrittiva e Riduzione della Variabilità intra/interncp. Fontanellato San Secondo Nel 2009 nei Nuclei di Cure Primarie (NCP) di Fontanellato

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale

Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Aggiornamenti in Medicina Generale Modena, 20 02 2010 Il dosaggio dei farmaci nell insufficienza renale Dott. Giulio Malmusi - Nefrologo www.malmusi.it Parliamo di: Come la funzione dei reni influenza

Dettagli

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0

Tracciato Import-Export CareStudio 2.0 Il seguente documento definisce i contenuti ed il formato delle informazioni importabili ed esportabili del sistema. Per ciascuna tipologia di informazione è previsto un file di testo codificato secondo

Dettagli

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene

MOMENT 200 mg compresse rivestite Ibuprofene PRIMA DELL USO LEGGETE CON ATTENZIONE TUTTE LE INFORMAZIONI CONTENUTE NEL FOGLIO ILLUSTRATIVO Questo è un medicinale di AUTOMEDICAZIONE che può essere usato per curare disturbi lievi e transitori facilmente

Dettagli

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina

Next MMG Semplicità per il mondo della medicina 2014 Next MMG Semplicità per il mondo della medicina Documento che illustra le principali caratteristiche di Next MMG EvoluS Srl Corso Unione Sovietica 612/15B 10135 Torino tel: 011.1966 5793/4 info@evolu-s.it

Dettagli

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste

I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste I redditi 2011 dichiarati dai cittadini di Trieste N.B. Tutti i dati presentati in questo studio sono stati elaborati dall ufficio statistica del Comune (dott.ssa Antonella Primi) per esigenze di conoscenza

Dettagli

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco

Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Ministero della Salute Agenzia Italiana del Farmaco Linee guida per la classificazione e conduzione degli studi osservazionali sui farmaci IL DIRETTORE GENERALE VISTO il Decreto del Ministero della Salute

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza

Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza POpolazione Sieropositiva ITaliana Abitudini e stili di vita del paziente a rischio di scarsa aderenza Survey realizzata da In collaborazione con Con il supporto non condizionato di 2 METODOLOGIA Progetto

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna

Farmaci anticoagulanti. Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Farmaci anticoagulanti Dott. Antonello Di Paolo Divisione di Farmacologia e Chemioterapia Dipartimento di Medicina Interna Emostasi Emostasi Adesione e attivazione delle piastrine Formazione della fibrina

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO

ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Università di Padova Facoltà di Ingegneria TESI DI LAUREA ANALISI DELLE LINEE GUIDA IHE PER LA REALIZZAZIONE DI UN SERVIZIO DI TELEMONITORAGGIO DI PAZIENTI AFFETTI DA SCOMPENSO CARDIACO Laureanda: Valentina

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI. Seduta del 20 dicembre 2001 (rep.atti n. 1358 del 20 dicembre 2001) CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 20 dicembre 2001 OGGETTO: Accordo tra il Ministro della salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano, sugli

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta

Consumo medio giornaliero di sodio e potassio nella popolazione italiana adulta PROGRAMMA MINISAL Sottoprogetto ISS www.menosalepiusalute.it MINISAL-GIRCSI BUONE PRATICHE SULL'ALIMENTAZIONE: VALUTAZIONE DEL CONTENUTO DI SODIO, POTASSIO E IODIO NELLA DIETA DEGLI ITALIANI Consumo medio

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI

1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA DI 75 ANNI PER SE SSO E CAUSE PRINCIPALI Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento della sanità e della socialità Ufficio del medico cantonale Servizio di promozione e di valutazione sanitaria 1.4.11 ANNI POTENZIALI DI VITA PERSI (APVP) PRIMA

Dettagli

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse

La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse La ricerca di nuovi farmaci e mirata alla malattie più diffuse Due ingredienti affinchè si inizi la ricerca: 1. Il bigogno terapeutico 2. Il numero dei pazienti o popolazione Quando la malattia è rara

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI)

Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI) Regione Piemonte Azienda Sanitaria Locale CN2 Guida pratica alla prescrizione e all uso dei farmaci inibitori della pompa protonica (PPI) CFI (Commissione farmaceutica interna) ASL CN2 Alba - Bra Elaborato

Dettagli

Un anno di Open AIFA

Un anno di Open AIFA Il dialogo con i pazienti. Bilancio dell Agenzia Un anno di Open AIFA Un anno di Open AIFA. 85 colloqui, 250 persone incontrate, oltre un centinaio tra documenti e dossier presentati e consultati in undici

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci

L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci L'utilizzo OFF LABEL dei farmaci L'impiego di un medicinale al di fuori delle condizioni previste dalla scheda tecnica, il cosiddetto uso off label, è divenuto un tema ricorrente nel dibattito scientifico

Dettagli

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI

ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione Direttore Dr. Agostino Dossena Crema, lì 06/03/2013 ANESTESIA NEUROASSIALE, ANTICOAGULANTI ED ANTIAGGREGANTI Il presente documento contiene le indicazioni principali

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

nell anziano in politerapia

nell anziano in politerapia Interazione tra farmaci nell anziano in politerapia beneficio rischio La realtà clinica di tutti i giorni comporta curare pazienti anziani, i affetti da pluripatologie spesso croniche che necessitano della

Dettagli

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3

Dipendente pubblico tempo indeterminato - Settore Sanità - Tecnico Sanitario di Radiologia Medica Cat. D - R 3 Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DI LECCE GIOVANNI Indirizzo Via Lancisi, 137 61121 PESARO (PU) - ITALIA - Telefono Casa: 0721201445 cell. 3396173661 E-mail giangidile@libero.it Cittadinanza

Dettagli

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti

MOVIMENTI DELLA POPOLAZIONE RESIDENTE - ANNO 2013 Totale residenti COMUNE DI FAENZA SETTORE SVILUPPO ECONOMICO E POLITICHE EUROPEE Servizio Aziende comunali, Servizi pubblici e Statistica Popolazione residente a Faenza anno 2013 Edizione 1/ST/st/03.01.2014 Supera: nessuno

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT

Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Percorso formativo ECM/ANCoM all interno del progetto IMPACT Fabrizio Muscas Firenze, 1 Luglio 2011 ANCoM chi rappresenta? 8 Consorzi regionali 98 Cooperative di MMG 5000 Medici di Medicina Generale (MMG)

Dettagli

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina

Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina Formazione a distanza nell Educazione Continua in Medicina UN ESPERIENZA Dott.ssa Stefania Bracci Datré S.r.l via di Vorno 9A/4 Guamo (Lucca) s.bracci@datre.it Sommario In questo contributo presentiamo

Dettagli

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative)

VADEMECUM SUL DOLORE. La Legge 38/2010. Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge. (terapia del dolore e cure palliative) VADEMECUM SUL DOLORE La Legge 38/2010 (terapia del dolore e cure palliative) Perché NON SOFFRIRE È UN DIRITTO sancito dalla Legge con il patrocinio istituzionale del MINISTERO della SALUTE La guida è stata

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari

Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari LA PROGRAMMAZIONE REGIONALE IN TEMA DI CURE DOMICILIARI E ANALISI DEL DECRETO COMMISSARIALE N. 1/2013 Il sistema di classificazione per profili finalizzati all appropriatezza delle Cure Domiciliari Annalisa

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015

DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO. Valido dal 1 Gennaio 2015 DISCIPLINARE ATTUATIVO TARIFFARIO Valido dal 1 Gennaio 2015 SOMMARIO 1 Premessa... 3 2 Descrizione della Nuova Struttura Tariffaria...4 2.1 Classe Tariffaria URBANO NAPOLI... 6 2.2 Classe Tariffaria URBANO

Dettagli

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE

D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Pag. 51 D.A.I. NEUROSCIENZE CLINICHE, ANESTESIOLOGIA E FARMACOUTILIZZAZIONE Responsabile: Prof. Lucio SANTORO Sedi: Edifici 17 16-11G - 20 Direzione 4645 Segreteria 2788 Fax 2657 Portineria 2355 U.O.C.

Dettagli

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE

GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE 2013 GRUPPO DI LAVORO VALUTAZIONE CARDIOVASCOLARE IDENTIFICAZIONE DI PAZIENTI AD ALTO RISCHIO DI CARDIOTOSSICITA RADIOINDOTTA (RIHD) A cura di: Monica Anselmino (coordinatrice) Alessandro Bonzano Mario

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. Dr.ssa La Seta Concetta. Direttore U.O.C. di Farmacia C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dr.ssa La Seta Concetta INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome Data di nascita Luogo di nascita Nazionalità Indirizzo Telefono La Seta Concetta 10 Febbraio 1963 Palermo Italiana

Dettagli

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione

Il lavoro. 4.1 L attività e l inattività della popolazione Capitolo 4 L analisi del territorio nella programmazione degli interventi di sviluppo agricolo capitolo 4 Il lavoro Gli indicatori presentati in questo capitolo riguardano la condizione di occupazione.

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti

Anno 2014. Anno 2014 Individuati nel sub obiettivo. Anno 2015. Individuati nel sub obiettivo. Anno 2014 Numero operatori della Struttura partecipanti A.S.L. TO4 Piano della performance ed obiettivi - S.C. Affari Generali Direttore: Dott.ssa Carla CIAMPORCERO FOR Sviluppare le attività di formazione su appropriatez prescrittiva farmaci e prestazioni

Dettagli

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2

ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Le Infezioni nosocomiali nella realtà degli Ospedali liguri: un up to date con il contributo di casistiche personali ESPERIENZE DEL C.I.O. NELLA ASL 2 Dott.. G. CALCAGNO Responsabile S.S. Prevenzione rischio

Dettagli

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto?

Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? Dai rapporti temporanei all occupazione stabile: un percorso sempre più incerto? di Anna de Angelini La maggior flessibilità in entrata introdotta dalla normativa sui rapporti di lavoro a partire seconda

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta

UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta UNI-A.T.E.Ne.O. Ivana Torretta Anno Accademico 10/ 11 MEDICINA GENERALE, BIOLOGIA, SANITA 1. La salute delle ossa: come mantenerla, come recuperarla 2. Esami (quasi) normali ma mi dicono che son malato:

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Prevalenza e incidenza delle complicanze del diabete: studio DAI Flavia Lombardo (a), Stefania Spila Alegiani (a), Marina Maggini (a), Roberto Raschetti (a), Angelo Avogaro

Dettagli

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati?

Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Cosa sappiamo sui costi dell assistenza sanitaria agli immigrati? Patrizia Carletti, Osservatorio sulle Diseguaglianze nella Salute / ARS Marche Giovanna Valentina De Giacomi, Ares 118 Lazio Norma Barbini,

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Sviluppi del Sistema Informativo

Sviluppi del Sistema Informativo Sviluppi del Sistema Informativo Lorenzo Gubian R.Le Settore Sistema Informatico SSR Sezione Controlli Governo e Personale SSR Direzione Generale Area Sanità e Sociale Problemi aperti A livello Ministeriale

Dettagli

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014

Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE. v. 1.6. 16 giugno 2014 Allegato 5. Documento tecnico di progetto ECM REGIONALE v. 1.6 16 giugno 2014 Indice Indice...2 1. Introduzione...3 1.1 Il debito informativo del Co.Ge.A.P.S....3 1.2 Il debito informativo regionale...3

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE

LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: DISPOSIZIONI PER GARANTIRE L ACCESSO ALLE CURE PALLIATIVE E ALLA TERAPIA DEL DOLORE SOMMARIO pag.4 Sintesi della normativa pag.6 LEGGE 15 Marzo 2010 n. 38: disposizioni per

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals

Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals Analisi statistica di dati biomedici Analysis of biologicalsignals II Parte Verifica delle ipotesi (a) Agostino Accardo (accardo@units.it) Master in Ingegneria Clinica LM in Neuroscienze 2013-2014 e segg.

Dettagli

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO

I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Università degli studi di Modena e Reggio Emilia I TUMORI COLORETTALI GIOVANILI ( 40 ANNI) IN 25 ANNI DI UN REGISTRO SPECIALIZZATO Domati F., Maffei S., Kaleci S., Di Gregorio C., Pedroni M., Roncucci

Dettagli

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida

Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida 5 ottobre 2013 Il trattamento farmacologico nell anziano e Linee guida Simeone Liguori U.S.C. Cure Palliative Terapia del Dolore Az. Ospedaliera Papa Giovanni XXIII Il numero degli anziani sta crescendo

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale.

Migliorare la gestione del paziente con BPCO in Medicina Generale. Progetto di audit clinico. Migliorare la gestione del paziente con BPCO in. Razionale. Numerose esperienze hanno dimostrato che la gestione del paziente con BPCO è subottimale. La diagnosi spesso non è

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto

Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Capitolo 2 - Teoria della manutenzione: classificazione ABC e analisi di Pareto Il presente capitolo continua nell esposizione di alcune basi teoriche della manutenzione. In particolare si tratteranno

Dettagli

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE

STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE STATISTICA INFERENZIALE PER VARIABILI QUALITATIVE La presentazione dei dati per molte ricerche mediche fa comunemente riferimento a frequenze, assolute o percentuali. Osservazioni cliniche conducono sovente

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

Di seguito sono mostrati alcuni esempi della prova scritta riguardante il I Parziale.

Di seguito sono mostrati alcuni esempi della prova scritta riguardante il I Parziale. L esame di Chimica Farmaceutica e Tossicologica I, a.a. 2014-2015, consiste in una prova scritta ed una orale. La prova scritta viene effettuata nei giorni, luoghi ed orari che sono presenti on-line (sito

Dettagli

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari

Gli indicatori socio-sanitari. sanitari Gli indicatori socio-sanitari sanitari 1 1 INDICATORI SOCIO-SANITARI Misurare: EFFICACIA (rispetto degli obiettivi prefissati) EFFICIENZA (rispetto delle azioni e risorse impegnate) del sistema ospedaliero

Dettagli