Formato del documento informatico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Formato del documento informatico"

Transcript

1 CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Formato del documento informatico SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica Work supported by the European Community under the Information Society Technologies (IST) program of the 7th FP for RTD SILVIO SALZA - Università di Roma project La APARSEN, Sapienza ref. Formato del documento informatico SILVIO SALZA - Università di Roma La Sapienza 1

2 LICENZA DI DIRITTO D AUTORE Questo materiale è rilasciato sotto licenza Creative Commons CC BY-NC-ND Questa licenza implica che: È possibile copiare e distribuire liberamente questo materiale, a patto che non vengano apportate modifiche e che vengano mantenute le indicazioni di chi è l'autore dell'opera. Ciò è però consentito esclusivamente quando avvenga per scopi non commerciali. Non è consentito di distribuire opere derivate, cioè contenenti qualsivoglia modifica rispetto al materiale originale. Per maggiori dettagli si rimanda direttamente alla licenza: Riassunto della licenza: Licenza completa: SILVIO SALZA - Università di Roma La Sapienza 2

3 Formati aperti e formati proprietari Esistono due diverse tipologie di formati: Formati proprietari: sono quelli riconducibili a produttori che ne conservano i diritti e non ne rendono pubbliche le specifiche Formati aperti: sono quelli di cui è liberamente disponibile la documentazione completa delle specifiche, possibilmente sotto forma di standard internazionale emessi da organismi riconosciuti N.B. L apertura del formato di un documento informatico ne rende sempre possibile la decodifica, anche in assenza di prodotti che la eseguano automaticamente, quindi è un requisito essenziale per garantirne la conservazione 3

4 Formati aperti e CAD CAD - Art. 68 Per formato dei dati di tipo aperto [si intende] un formato dati reso pubblico e documentato esaustivamente e neutro rispetto agli strumenti tecnologici necessari per al fruizione dei dati stessi. DigitPA istruisce ed aggiorna, con periodicità almeno annuale, un repertorio dei formati aperti utilizzabili nelle pubbliche amministrazioni e delle modalità di trasferimento dei formati. Il CAD fa riferimento ai formati aperti nell ambito di una serie di raccomandazioni per garantire l interoperabilità, economicità ed efficienza. Maggiori dettagli sono contenuti nelle Regole Tecniche (All. 2 alle regole tecniche sulla conservazione (GU 12/3/2014 supp. Ordinario n. 20). 4

5 Criteri di scelta dei formati Apertura: è l elemento essenziale, perché svincola la leggibilità del formato dalla disponibilità di specifiche applicazioni Completezza delle specifiche: è indirettamente garantita dall autorevolezza dell organismo internazionale di standardizzazione che definisce e pubblica le specifiche (ISO, IEC, ITU-T, etc.) Semplicità: ne semplifica l interpretazione e la decodifica e rafforza le garanzie di leggibilità nel tempo Diffusione: influisce sulla probabilità che esso venga supportato nel tempo 5

6 Organismi di standardizzazione ISO (International Standard Organization): raccoglie rappresentanti di numerose organizzazioni nazionali (membro per l Italia UNI) IEC (International Electrotechnical Commission): pubblica standard nel settore elettronico-informatico (membro per l Italia CEI) ITU-T (International Telecommunication Union): massimo ente di standardizzazione nel settore delle telecomunicazioni ANSI (American National Standard Institute): organizzazione privata nonprofit operante negli USA ECMA (European Computer Manufacturer Association) divenuta poi Ecma International, cui sono associate tutte le maggiori società del settore 6

7 Usabilità dei formati Non devono essere trascurati gli aspetti di usabilità, anche se questi portano all uso di formati ed applicazioni proprietarie Elemento essenziale per l accettazione da parte dell utente finale, e quindi per il successo delle politiche di diffusione del documento informatico Es. PDF/A (ISO ) è un formato aperto che offre le migliori garanzie, ma non si può pretendere che gli utenti lo utilizzino nella fase di formazione Forzare l uso di formati poco usabili spinge gli utenti ad eludere le regole e può diventare controproducente Per conciliare le diverse esigenze, si può liberalizzare l uso dei formati nella fase di formazione, ponendo però limiti chiari per le fasi di gestione e conservazione 7

8 Formato del file system File system: organizzazione secondo cui le singole unità di registrazione (file) sono organizzate e vengono accedute sul supporto di memorizzazione La conoscenza delle specifiche del file system è indispensabile per la lettura del supporto di memorizzazione e l estrazione dei file in esso contenuti Si ripropone anche a questo livello il dualismo tra sistemi aperti e sistemi proprietari È un altro elemento indispensabile per la conservazione Il problema è quello di garantire l interoperabilità a distanza di tempo In diversi casi i file system usati sui dischi magnetici sono proprietari 8

9 File system proprietari Un esempio abbastanza diffuso di file system proprietario è quello usato dai dispositivi EMC 2 Centera Questo sistema ha peraltro grandi vantaggi in termini di affidabilità e di protezione dell integrità La lettura dei dati rende necessaria l intermediazione di un firmware proprietario del quale i dettagli non sono noti Considerando una prospettiva temporale molto lunga, il supporto ai dispositivi potrebbe venire a mancare ed i dati potrebbero divenire inaccessibili Non è fantascienza: cose di questo tipo sono storicamente già successe, anche a grandi organizzazioni (NASA, BBC..) e preziosi dati sono andati irrimediabilmente perduti 9

10 Rischio di perdita dei dati: un paio di esempi La NASA ha lasciato, per oltre un decennio, molti nastri magnetici del Viking Mars landing (1976) senza elaborarli. Quando ha cercato di farlo i nastri erano ormai illeggibili Il Domesday Project della BBC (1986), un survey della nazione a 900 anni di distanza dallo storico Domesday Book. L informazione del Domesday Book (creata nel medioevo) è tuttora accessibile. I dischi del Domesday Project stanno diventando illeggibili. Problemi: piattaforma Hw/Sw proprietaria disponibilità di drive per la lettura dei dischi ottici Salvataggio tramite emulazione della vecchia piattaforma Ora stanno migrando tutto in formati aperti 10

11 File system aperti: ISO Ecma 119 Definisce un file system per i CD-ROM e per i DVD È indipendente dal sistema operativo (Unix, Windows, Mac OS, ) Pone vincoli sul set di caratteri e sui nomi di file Standard dei CD-ROM a livello fisico ISO/IEC 10149, Ecma 130 Struttura nidificata delle directory Un CD registrato in questo formato può essere letto da qualsiasi drive su qualsiasi sistema: ciò assicura la completa portabilità delle informazioni N.B. Per altri versi i CD e i DVD sono del tutto sconsigliabili come supporto di conservazione: invecchiando c è una forte probabilità che diventino illegibili 11

12 Standard ISO/IEC (1995) Evoluzione di ISO 9660 pensata soprattutto per i DVD e HDVD e blue-ray Una sua realizzazione è costituita da UDF (Universal Disk Format) standard della OSTA (Optical Storage Technology Association) Utilizzato anche per i DVD video Revisioni successive dello standard prevedono anche il supporto di scritture incrementali, ma se ne sconsiglia l uso per motivi di affidabilità. Chiudere il DVD subito 12

13 Identificazione del formato È di cruciale importanza che al documento, soprattutto in fase di archiviazione e conservazione, siano associate tutte le informazioni necessarie per la identificazione del formato Queste devono comprendere: Indicazione non ambigua del formato Specifica di eventuali opzioni Riferimento allo standard (per formati insoliti) Queste informazioni devono essere contenute nei metadati del documento o della collezione di cui fa parte Per formato di larghissima diffusione le regole tecniche del CAD prevedono che l estensione del file possa essere sufficiente In alcuni casi il tipo di formato è codificato nel magic number, nei primi byte del file binario (es. 0xffd8 per Jpeg) 13

14 Tipologie di formato Le Regole tecniche considerano diverse tipologie di formato: Testi/documenti (DOCX, DOC, HTML, PDF, PPT, PPTX...) Fogli di calcolo (XLSX, XLS,...) Immagini e disegni (GIF, JPG, BMP, TIF, EPS, SVG,...) Suoni (MP3, WAV,...) Video (MPG, MPEG, AVI, WMV,...) Eseguibili (EXE,...) Archiviazione e Compressione (ZIP, RAR,...) Formati (EML, SMTP/MIME, ) N.B. La lista non è esaustiva, e non si tratta di formati consigliati. Alcuni sono addirittura sconsigliati 14

15 Formati per testi e documenti Limitandoci ai formati per la memorizzazione di testi e documenti possiamo fare ulteriori distinzioni: Formati elementari: per la memorizzazione di dati in forma elementare, senza informazioni aggiuntive inerenti la loro modalità di visualizzazione, le relazioni con altri dati, ecc. Formati per documenti complessi: utilizzati dai correnti prodotti di produzione e gestione documentale; consentono la memorizzazione di informazioni complesse ed eterogenee quali: informazioni di formattazione, metadati, collegamenti con altri documenti, ecc Formati particolari: ottenibili attraverso la trasformazione di un file per finalità di compressione o di sicurezza 15

16 File di testo e codifica dei caratteri Un testo può essere registrato come semplice sequenza di caratteri e di spazi, senza alcuna informazione sui caratteri tipografici e la formattazione In ambiente Windows file di testo sono caratterizzati dall estensione txt Un documento di testo non contiene (in linea di principio) elementi che dipendono dal software con cui è stato prodotto È il formato più semplice, che offre le migliori garanzie di leggibilità N.B. È comunque essenziale conoscere lo schema usato per la codifica dei caratteri: senza di questo l informazione binaria non può essere interpretata 16

17 Codifica dei caratteri: il codice ASCII In un sistema di elaborazione un carattere è memorizzato con uno o più byte (gruppi di 8 bit) tramite una apposita codifica Gli 8 bit del byte hanno 256 possibili configurazioni (di 0 e 1), con un byte è quindi possibile codificare un alfabeto di 256 caratteri Il sistema di codifica tuttora più diffuso è il codice ASCII (American Standard Code for Information Interchange) Basato sull alfabeto inglese (niente accenti) è inadeguato per altre lingue Codice a 7 bit (US ASCII) con 128 codifiche (8 bit col primo a 0) Escape sequences: per caratteri speciali È ancora lo standard per le non formatatte 17

18 Il codice ASCII 18

19 Estensione del codice ASCII Nella codifica ASCII il primo bit è sempre a 0 Sfruttando anche questo bit le codifiche raddoppiano, e passano da 128 a 256 L estensione è stata fatto con lo standard ISO-IEC 8859, ma non in modo univoco Convivono nello standard 15 diversi schemi di codifica (estensioni nazionali) Impossibile usarle tutte simultaneamente: la confusione nasce quando un carattere è interpretato in codice diverso da quello nel quale era stato scritto Problema tipico: caratteri strani nelle e nelle pagine web 19

20 ISO-IEC 8859 ASCII ha 95 codifiche stampabili e 33 codifiche non stampabili, cioè caratteri di controllo (tipo: a capo, pagina nuova etc.) ISO-IEC 8859 aggiunge altri 96 caratteri stampabili ISO-IEC Latin-1 West European copre in linea di principio tutte le lingue dell Europa occidentale Mancano però alcuni caratteri di comune interesse (es. ) ed altri di interesse nazionale (es. Œ œ per il francese) È stata introdotta ISO-IEC che ne aggiunge alcuni ma ne toglie altri. 20

21 ISO-IEC 8859: la Torre di Babele I primi 12 caratteri nelle 15 diverse codifiche di ISO/IEC

22 Codice Unicode Soluzione: usare più byte per codificare ciascun carattere Codice Unicode prevede l uso di più byte E in realtà un enorme dizionario di caratteri Il dizionario assegna a ciascun simbolo che si vuole rappresentare un code point (cioè un numero) distinto Ci sono code point nella versione iniziale, poi estesi a (ma non bastano mai!). Lo standard è gestito da un comitato internazionale che deve mediare tra esigenze molto diverse e conflittuali Per Unicode si usano diversi schemi di codifica, con diversi numeri di bit per la codifica elementare (il più diffuso è UTF8) 22

23 Unicode: assegnazione delle codifiche Complessivamente code points da assegnare Gli alfabeti latini richiedono in tutto 336 code points: Ulteriori 112 code points necessari per accenti e simboli diacritici Tutto ok per gli altri alfabeti fonetici: greco, cirillico, ebraico, etc.: bastano poche centinaia di codifiche Il problema nasce dagli gli alfabeti non fonetici che rappresentano con simboli non i suoni ma le parole Per esempio in cinese c è un simbolo (ideogramma) per indicare il cavallo, e magari uno diverso per il cavallo zoppo Il problema si verifica per molte lingue asiatiche ideogrammi cinesi sillabe coreane kanji giapponesi 23

24 UTF-8 Unicode prevede diversi schemi di codifica che assegnano a ciascun code point una codifica costituita da uno o più byte UTF- 8 (UCS Tranformation Format) dove UCS sta per Universal Character Set e 8 indica il numero minimo di bit per codifica Codifica ciascun carattere un numero di byte variabile da 1 a 4 Tutti i caratteri ASCII sono codificati con un solo byte Due byte sono necessari per caratteri latini accentati, greci, cirillici, ebraici, arabi, ecc Da tre a quattro byte per gli altri caratteri Particolarmente efficiente per le lingue occidentali perché la grande maggioranza dei caratteri sono codificati con solo byte Costituisce insieme a ISO-IEC lo standard di riferimento 24

25 OOXML (Open Office XML) Microsoft Office fino alla versione Office 2003 è stato basato su formati proprietari e non pubblici A partire dalla versione Office 2007 si passa al un novo formato OOXML con specifiche pubbliche Formato basato su XML per documenti elettronici d ufficio: spreadsheets, presentazioni, documenti di word processing Diviene nel 2008 standard ISO/IEC 29500, poi evolve in ISO/IEC :2012 Specifiche aperte e diritti resi disponibili sotto la forma Reasonable and Non Discriminatory Licensing Documenti molto compatti costituiti da package in formato ZIP che contengono una molteplicità di file Contiene un infinità di metadati ed informazioni accessorie (ad es. il processo di revisione) 25

26 ODF (Open Document Format) Deriva dal formato di OpenOffice una suite open source molto importante con discreti livelli di compatibilità con altri prodotti commerciali Nasce come standard OASIS (Organization for the Advancement of Structured Information Standards) Dal 2006 è diventato standard ISO/IEC Oltre che da OpenOffice è supportato anche da LibreOffice, Lotus Notes (IBM Notes), ed anche da Microsoft Office Formato basato su XML per documenti elettronici d ufficio: spreadsheet, presentazioni, documenti di word processing Come OOXML prevede al suo interno una compressione ZIP Supportato da numerose società ed organizzazioni La compatibilità con MS Office costituisce tuttora un problema

27 PDF (Portable Document Format) Formato fondamentale per l interscambio e l archiviazione dei documenti Introdotto da Adobe nel 1993 nella versione 1.1 ed attualmente giunto alla versione 1.7 Diventa nel 2008 standard ISO :2008 Nasce, con un occhio la web, sulla scia del PostScript, il più diffuso linguaggio per stampanti Concepito per rappresentare documenti complessi in modo indipendente dalle caratteristiche dell ambiente di elaborazione, soprattutto per la diffusione via web Un file PDF contiene, tra l altro, un ricco corredo di metadati Specifiche pubblicate sul sito di Adobe a partire dalla versione 1.3. Nessuna royalty: qualsiasi soggetto può realizzare applicazioni che generano e visualizzano documenti PDF 27

28 Struttura dei documenti PDF header: informazioni sulla versione body: contiene tutta l informazione sugli oggetti che costituiscono il documento: testo, fonti, immagini, bookmark, etc. xref table: contiene riferimenti e puntatori a tutti gli oggetti trailer: contiene puntatori alla xref table ed agli oggetti principali Un file PDF è un documento intelligente, cioè contiene tutti i metadati al suo interno 28

29 Struttura incrementale dei documenti PDF Un documento PDF può essere modificato in fasi successive Il file ha una struttura incrementale, Viene mantienuta nota di tutta la storia Importante per documenti con più versioni che deve essere possibile ricostruire Diverse versioni di uno stesso documento possono essere sottoscritte con firma digitale indipendentemente 29

30 Varianti del formato PDF Formato di grande ricchezza e complessità: la specifica della versione 1.7 si estende per oltre 1000 pagine Diverse varianti del formato PDF che, a seconda del contesto e dell obiettivo del documento, limitano alcune opzioni: PDF/X per la stampa di immagini relative ad arti grafiche PDF/A per l archiviazione nel lungo periodo PDF/E per lo scambio di immagini di tipo tecnico PDF/UA per l accessibilità Sia PDF/X che PDF/A sono stati standardizzati prima del PDF In PDF è possibile creare gestire anche moduli (form): Compilabili anche con applicazioni gratuite (es. Adobe Reader) Contenuto del modulo estraibile come file XML e gestibile in workflow automatizzati 30

31 Timeline del PDF 31

32 Il formato PDF/A Versione limitata del PDF, basata sulla versione 1.4, pensata per la conservazione di lungo termine Standard concepito con la finalità di consentire la corretta riproduzione dei documenti a grande distanza di tempo Definiti criteri cui devono conformarsi i prodotti che leggono file PDF/A Soddisfa tutti i criteri di apertura, semplicità e diffusione PDF/A-1 standard ISO :2005 PDF/A-1 standard ISO :2011 PDF/A-3 standard ISO :2012 Obiettivi del PDF/A: Indipendenza dai dispositivi e dai sistemi I documenti sono completamente autocontenuti Tutta la documentazione è inclusa nel file 32

33 Prescrizioni e restrizioni del PDF/A Tutti gli elementi per la corretta interpretazione del documento devono essere in esso contenuti, in particolare le fonti Un insieme minimo di metadati è reso obbligatorio (titolo, autore, date, etc.) Devono essere assenti tutti gli elementi non adatti alla conservazione di lungo termine Il documento non può contenere: riferimenti esterni di alcun tipo alcun tipo di cifratura codice eseguibile (macro, javascript, etc.) informazioni di tipo multimediale (audio e video) 33

34 Livelli di conformità del PDF/A Lo standard definisce diversi livelli di conformità PDF/A-1-b: garantisce la corretta riproduzione e il corretto aspetto visuale del documento PDF/A-1-a: oltre ai requisiti del livello b si rivolge anche alla struttura logica del documento (tagged PDF) per garantirne la ricerca e l accesso ordinato Le versioni successive (PDF/A-2 e PDF/A-3) si allineano con PDF 1.7 e consentono firma digitale e altro. Sono entrambe compatibili all indietro File PDF/A possono essere generati con diversi prodotti, distribuiti da Adobe e da vari concorrenti. Tali applicazioni consentono (o dovrebbero consentire) anche di verificare la conformità di un file con i diversi livelli previsti dallo standard 34

35 HTML e XML HTML (Hyper Text Mark-Up Language): linguaggio di marcatura di testi introdotto dal consorzio W3C per la descrizione delle pagine web XML (extensible Markup Language): evoluzione di HTML per la rappresentazione di dati strutturati XML permette di strutturare insiemi di dati complessi, tramite strutture nidificate, ed di associare a ciascun elemento la sua descrizione File così strutturati e commentati sono auto contenuti e auto documentati L uso di formati basati su XML per archiviazione di lungo periodo richiede la conformità anche con ulteriori standard che fissino la struttura di tutte le informazioni relative al documento 35

36 XML: esempio 36

37 Formati per libri elettronici: EPUB EPUB è un formato aperto per libri elettronici sviluppato da International Digital Publishing Forum (IDPF) Sostituisce Open ebook (OeB), dell Open E-book Forum Introdotto come standard nel 2007, poi aggiornato alla versione 3 nel 2011 Formato basato su XHTML (HTML + XML) Caratteristiche principali: Formato re-flowable riformatta ed ottimizza il flusso di testo in base al dispositivo di visualizzazione Metadati interni Possibilità di incorporare font Utilizza fogli di stile CSS Supporta sia grafica raster che vettoriale Supporto DRM (Digital Rigths Management) 37

38 Formati per libri elettronici: MOBI, AZW e KF8 MOBI è un formato per libri elettronici sviluppato Mobipocket Deriva anche lui Open ebook (OeB), dell Open E-book Forum Formato re-flowable riformatta ed ottimizza il flusso di testo in base al dispositivo di visualizzazione Supportatoi da vari dispositivi tra cui il Kindle di Amazon Amazon ha il suo formato proprietario AZW, con caratteristiche pressoché identiche a MOBI Recentemente Amazon ha annunciato il nuovo formato KF8 (Kindle Format 8) con migliore supporto per grafica scalabile Disponibili numerosi strumenti open-source per la redazione di libri elettronici e per la conversione tra i vari formati, inclusi PDF e DjVu 38

39 Formati per immagini e disegni Formati raster (o bitmap) Immagine è rappresentata come matrice di punti (pixel) All immagine è associata una risoluzione (punti/pollice) Se ingrandita l immagine sgrana Formati vettoriali L immagine rappresentata come insieme di elementi geometrici: linee, punti archi etc. In restituzione l immagine viene disegnata Se ingrandita l immagine resta nitida In un immagine raster per rappresentare ciascun pixel viene usato un numero variabile di bit, da 1 a 64, ottenendo diversi livelli di dettaglio del colore (profondità di colore) 39

40 Formati compressi Alcuni formati per immagini (e per video e suoni) sfruttano speciali tecniche di compressione che riducono la dimensione del file Fattori di compressione dell ordine delle decine Compressione lossless: non c è perdita di informazione e l oggetto originale può essere restituito Compressione lossy: la riduzione del file viene ottenuta a scapito della qualità La compressione non altera la risoluzione, ma agisce sul dettaglio dei toni e dei colori Tipici formati compressi: Immagini: TIFF, JPG, JPEG2000, DjVu Filmati: MP4, DVX Suoni: MP3, FLAC, APE 40

41 Immagini raster: GIF e BMP GIF (Graphics Interchange Format) Formato raster, in origine proprietario Compressione lossless Diffusissimo su web Tavolozza di 256 colori (1 byte per pixel) scelti tra 16 milioni di colori Disponibile anche versione animata Magic number: GIF89a ( ) o GIF86a BMP Formato raster usato da Microsoft, proprietario ma con definizione esauriente Nessuna compressione Pixel rappresentati con 1, 4, 8, 16 o 32 bit Possibile specificare tavolozze 41

42 Immagini raster: PNG PNG (Portable Network Graphics) Formato raster, pensato originariamente per il web Standard ISO/IEC 15948:2004 Compressione lossless Rappresentazione ricca e flessibile dei colori (anche 48 bit) Magic number: e 47 0d 0a 1a 0a Vantaggi della compressione lossless: Immagine JPG: ben visibili gli artefatti da compressione Immagine PNG: se ingrandita sgrana sui pixel 42

43 Immagini raster: TIFF TIFF (Tagged Image File Format) è un formato proprietario (Adobe), ma con specifiche pubbliche Formato contenitore per immagini e grafica Molto diffuso e supportato da moltissime applicazioni Supporta vari tipi di compressione sia lossless che lossy La compressione LZW, però coperta da brevetti: attenzione! Per la rappresentazione di documenti bisogna spesso si usa la compressione CCIT Group IV 2D (usata anche dai fax), lossless per bianco e nero Una pagina A4 a 300 dpi compressa occupa circa 50 KB Usare, ma con criterio nella scelta delle opzioni 43

44 Immagini raster: JPEG JPEG (Joint Photographic Experts Group) poi ISO Formato molto diffuso, con compressione lossy, cioè con perdita di qualità (legata al fattore di compressione) Permette rapporti di compressione fino a 1:20 con perdita di qualità appena percettibile Compressione non indicata per caratteri e disegni È il formato più diffuso sul Web Molte applicazioni di fatto usano una sua versione semplificata JFIF (JPEG File Interchange Format) Estensioni.jpg,.jpeg,.jfif,.jif Disponibile anche una versione JPEG-LS che usa una compressione lossless, cioè senza perdita Formato standard Exif per i metadati dell immagine 44

45 JPEG: perdita di qualità e dimensione del file 45

46 Immagini raster: JPEG 2000 Estensione del JPEG, sviluppata molto recentemente Standard ISO/IEC IS (estensione.jp2) Ulteriore release ISO/IEC IS (estensione.jpx) Compressione molto sofisticata, sia lossless che lossy Decompressione sensibilmente più lenta di JPEG Qualità nettamente superiore a JPEG agli alti rapporti di compressione (0.25 bit/pixel in grayscale) Formato molto interessante, ma ancora non completamente diffuso (non è supportato da diversi browser) Formato molto resistente alla corruzione del file: a differenza di JPEG l immagine degrada in modo progressivo ed uniforme 46

47 Metadati EXIF Molti formati per immagini (JPEG, TIFF etc.) prevedono metadati interni Formato dei metadati EXIF (Exchangeable image file format) Introdotto da JEIDA (Japan Electronic Industries Development Association) Insieme di metadati piuttosto vasto: Data ora di scatto, digitalizzazione e modifica Dati di esposizione (tempo, diaframma, metodo, flash ) Dati di messa a fuoco (distanza, metodo) Dati della fotocamera e dell obiettivo, focale utilizzata Dati di georeferenziazione Autore e Copiright 47

48 Metadati EXIF: esempio 1 48

49 Metadati EXIF: esempio 2 (iphone) 49

50 Il formato DjVu DjVu (Déjà Vu) formato per documenti scannerizzati, contenenti combinazione di testo, disegni e immagini Tratta i diversi oggetti in modo diverso File molto compatti: proposto come alternativa al PDF Può contenere uno strato di testo in OCR Formato aperto ma coperto da brevetti Disponibili versioni open source e plugin per tutte le principali piattaforme Scelto da Internet Archive fra i formati per il suo Million Book Project Formato particolarmente promettente per la conservazione di copie digitali di libri e di altri testi stampati 50

51 ZIP Originariamente progettato da Phil Katz per il tool di archiviazione PKZIP Permette una compressione lossless (senza perdita) di file ed intere directory Attualmente usato da moltissime applicazioni Supporto per ZIP è incluso nelle ultime versioni di Windows, Linux e Mac OSX Supporta anche un semplice tipo di cifratura basato su password: inaffidabile e inopportuno Specifiche del formato pubblicate dalla società PKWHARE Un processo di standardizzazione ISO è in corso Formato molto diffuso e pubblico, ma non ancora standard 51

52 Varianti crittografiche dei formati Molti software che usano i formati fin qui esaminati consentono anche di produrre versioni protette attraverso cifratura dei dati In certi contesti a cifratura può essere utile, ma comporta il problema della gestione delle chiavi In un contesto di archiviazione, l eventuale perdita della chiave rende potenzialmente illeggibile il documento La cifratura è da evitarsi assolutamente per documenti destinati all archiviazione ed alla conservazione. La protezione, se necessaria, deve essere assicurata limitando l accesso al documento a livello fisico Secondo alcuni, ma a torto, anche la firma digitale, che implica una forma di cifratura, dovrebbe essere preclusa 52

53 Formato PKCS #7 Public Key Cryptographic Message Syntax # 7 È uno standard crittografico definito dalla RFC 2315 Formato di imbustamento usato per i documenti firmati digitalmente Racchiude in uno stesso file sia il documento (in qualunque formato), sia le informazioni relative alla firma elettronica Indicato come formato idoneo per i file firmati digitalmente dalla circolare AIPA n. 24 del 19 giugno

Allegato 2 FORMATI BOZZA

Allegato 2 FORMATI BOZZA Allegato 2 FORMATI Pagina 1 di 14 Indice 1 INTRODUZIONE... 3 2 I FORMATI... 3 2.1 Identificazione... 3 2.2 Le tipologie di formato... 3 2.3 Formati Immagini... 4 2.3.1 Raster... 4 2.3.2 Vettoriale... 4

Dettagli

La produzione di documenti informatici: requisiti dei formati elettronici. Università degli Studi di Macerata

La produzione di documenti informatici: requisiti dei formati elettronici. Università degli Studi di Macerata La produzione di documenti informatici: requisiti dei formati elettronici. Macerata, 8.5.2009 Stefano Allegrezza Università degli Studi di Macerata Agenda Alcuni concetti introduttivi I requisiti desiderabili

Dettagli

FORMATI. Indice 12-3-2014. Supplemento ordinario n. 20 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 59 ALLEGATO 2

FORMATI. Indice 12-3-2014. Supplemento ordinario n. 20 alla GAZZETTA UFFICIALE Serie generale - n. 59 ALLEGATO 2 ALLEGATO 2 FORMATI Indice 1 2 3 4 5 INTRODUZIONE IFORMATI 2.1 Identificazione 2.2 Le tipologie di formato 2.3 Formati Immagini 2.3.1 Raster 2.3.2 Vettoriale 2.4 Altri Formati 2.5 Le caratteristiche generali

Dettagli

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio. Allegato K Formati Informatici

Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio. Allegato K Formati Informatici Manuale di Gestione del Protocollo Informatico, dei documenti e dell archivio Allegato K Formati Informatici Premessa In generale tutti i formati che rispondono alle seguenti caratteristiche possono essere

Dettagli

Allegato 2 FORMATI BOZZA

Allegato 2 FORMATI BOZZA Allegato 2 FORMATI Pagina 1 di 15 Indice 1 INTRODUZIONE... 3 1.1 FINALITÀ... 3 1.2 I FORMATI... 3 1.2.1 Le Specifiche... 3 1.2.2 Identificazione... 3 1.2.3 Le tipologie di formato... 4 1.2.4 Formati Immagini...

Dettagli

COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE Provincia di Imperia

COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE Provincia di Imperia COMUNE DI SAN BARTOLOMEO AL MARE Provincia di Imperia ALLEGATO 4 AL MANUALE DI GESTIONE DEL PROTOCOLLO INFORMATICO, DEI FLUSSI DOCUMENTALI E DEGLI ARCHIVI I FORMATI DEI DOCUMENTI (Estratto dell'allegato

Dettagli

Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Istruzioni operative Formati elettronici dei documenti

Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Istruzioni operative Formati elettronici dei documenti Manuale di Gestione Documentale (art. 5 DPCM 3/12/2013) Istruzioni operative Formati elettronici dei documenti Cod. MANGEDOC Rev. 1.0 Data: 05-10-2015 Sommario: Questo allegato descrive i criteri che indirizzano

Dettagli

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni

Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni 2009-200 Ingegneria Aerospaziale Prof. A. Palomba - Elementi di Informatica (E-Z) 3 Rappresentazione caratteri Rappresentazioni immagini Rappresentazione suoni Lez. 3 Calcolatore e Informazione Tutti i

Dettagli

Il trattamento dei dati

Il trattamento dei dati Il trattamento dei dati Stefano Brocchi stefano.brocchi@unifi.it Stefano Brocchi Il trattamento dei dati 1 / 61 L informazione Dare una definizione di informazione può risultare non banale L informazione

Dettagli

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14

Componenti multimediali per il Web. Modulo 14 Componenti multimediali per il Web Modulo 14 Obiettivi Valutare e usare strumenti di utilità e produzione grafica anche animata per inserire e modificare componenti multimediali (immagini, immagini animate,

Dettagli

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica

Il modello OAIS SILVIO SALZA. Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Il modello OAIS SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l Informatica salza@dis.uniroma1.it

Dettagli

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI

LA CODIFICA DELLE IMMAGINI LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in termini numerici.

Dettagli

Come si misura la memoria di un calcolatore?

Come si misura la memoria di un calcolatore? Come si misura la memoria di un calcolatore? Definizione Il byte è definito come unità di misura di memoria. I multipli del byte sono: KiloByte (KB) - 1 KB = 2 10 byte = 1024 byte MegaByte (MB) - 1 MB

Dettagli

PEC - Posta Elettronica Certificata

PEC - Posta Elettronica Certificata CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE PEC - Posta Elettronica Certificata SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per l

Dettagli

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 6.1 Rappresentazione digitale dell informazione

Informatica Generale (Prof. Luca A. Ludovico) Presentazione 6.1 Rappresentazione digitale dell informazione Rappresentazione digitale dell informazione Introduzione Nelle scorse lezioni, abbiamo mostrato come sia possibile utilizzare stringhe di bit per rappresentare i numeri interi e frazionari, con o senza

Dettagli

II BIT: In..formati sui file

II BIT: In..formati sui file II BIT: In..formati sui file 10 Giugno 2015 Ma quanto liberi? 10 Giugno 2015 1 / 46 Argomenti 1 Introduzione 2 Formati proprietari, aperti o liberi? 3 I file 4 Immagini, musica e video 5 Compatibilità

Dettagli

I formati dei file immagine

I formati dei file immagine I formati dei file immagine Le immagini vettoriali Le immagini vettoriali sono caratterizzate da linee e curve definite da entità matematiche chiamate vettori I vettori sono segmenti definti da un punto

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica CdLS in Odontoiatria e Protesi Dentarie Corso di Informatica Prof. Crescenzio Gallo crescenzio.gallo@unifg.it Compressione delle immagini 2 Tecniche di compressione Esistono tecniche di compressione per

Dettagli

Dal foglio di carta alla multimedialità

Dal foglio di carta alla multimedialità Dal foglio di carta alla multimedialità Multimediale Che utilizza più mezzi di comunicazione. Nell'ambito delle tecnologie educative significa utilizzare più mezzi didattici integrati. IPERTESTO E IPERMEDIA

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica Cosa abbiamo visto : Rappresentazione binaria Codifica dei numeri (interi positivi, interi con segno, razionali.) Cosa vedremo oggi: Codifica dei caratteri,codifica delle immagini,compressione

Dettagli

Immagini vettoriali Immagini bitmap (o raster) Le immagini vettoriali .cdr.swf .svg .ai.dfx .eps.pdf .psd

Immagini vettoriali Immagini bitmap (o raster) Le immagini vettoriali .cdr.swf .svg .ai.dfx .eps.pdf .psd Esistono due tipi di immagini digitali: Immagini vettoriali, rappresentate come funzioni vettoriali che descrivono curve e poligoni Immagini bitmap, (o raster) rappresentate sul supporto digitale come

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Elementi di Informatica. I documenti digitali

Elementi di Informatica. I documenti digitali Elementi di Informatica I documenti digitali Obiettivo della lezione I documenti digitali Formati dei documenti digitali Applicazioni per elaborare documenti Editor di testi Gestore di foglio elettronico

Dettagli

VARI TIPI DI FILE I FORMATI DI FILE E LA COMPRESSIONE

VARI TIPI DI FILE I FORMATI DI FILE E LA COMPRESSIONE I FORMATI DI FILE E LA COMPRESSIONE I formati dei file di grafica si differenziano per come rappresentano i dati dell immagine (pixel o vettori), per la tecnica di compressione e per le funzioni di Photoshop

Dettagli

Attila d Elia. Amministratore di AOO. Gestore Sistema Informativo. Referente provinciale per la Firma Digitale

Attila d Elia. Amministratore di AOO. Gestore Sistema Informativo. Referente provinciale per la Firma Digitale Per consentire una facile diffusione dei riferimenti tecnici che permettono di presentare Docfa con allegati, si inviano di seguito le informazioni estratte da Sister e da Wikipedia che consentono un approfondimento

Dettagli

Gestione dei file. Lezione 4

Gestione dei file. Lezione 4 Gestione dei file Lezione 4 Le operazioni sulle cartelle Le cartelle possono essere gestite direttamente degli utenti sfruttando gli strumenti messi a disposizione dal file system Alcune applicazioni generano

Dettagli

Lez.8 - Multimedia. Prof. Giovanni Mettivier

Lez.8 - Multimedia. Prof. Giovanni Mettivier Lez.8 - Multimedia Prof. Giovanni Mettivier Dott. Giovanni Mettivier, PhD Dipartimento Scienze Fisiche Università di Napoli Federico II Compl. Univ. Monte S.Angelo Via Cintia, I-80126, Napoli mettivier@na.infn.it

Dettagli

corso di photoshop full immersion

corso di photoshop full immersion I S T I T U T O PALMISANO corso di photoshop full immersion Basic BITMAP La grafica bitmap, o grafica raster (in inglese bitmap graphics, raster graphics), è una tecnica utilizzata in computer grafica

Dettagli

Il quadro normativo e gli standard nazionali sulla conservazione digitale

Il quadro normativo e gli standard nazionali sulla conservazione digitale CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Il quadro normativo e gli standard nazionali sulla conservazione digitale MARIA GUERCIO Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio

Dettagli

Rappresentazione delle informazioni

Rappresentazione delle informazioni Testo di rif.to: [Congiu] - 1.2 (pg. 17 22) -1.h Rappresentazione delle informazioni Testi Immagini Suoni Video Testi: : lo standard ASCII 1 American Standard Code for Information Interchange 7 bit, 2

Dettagli

Programmazione per il Web

Programmazione per il Web Programmazione per il Web a.a. 2006/2007 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-web/prog-web0607.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Questa dispensa

Dettagli

Formati e file grafici. Il formato raw. Problemi con il formato raw. File grafici: esigenza di un formato

Formati e file grafici. Il formato raw. Problemi con il formato raw. File grafici: esigenza di un formato Formati e file grafici Il formato raw Memorizzare un immagine su disco per archiviazione per invio ad un altro utente Come si registrano i dati? Quale formato utilizzare? GIF, JPEG, ecc. Ciascun formato

Dettagli

Suite OpenOffice. Introduzione a

Suite OpenOffice. Introduzione a Suite OpenOffice Introduzione a Cosa è OpenOffice.org? OpenOffice.org è una suite per ufficio composta da: elaboratore di testi foglio di calcolo creatore di presentazioni gestore di basi di dati Writer

Dettagli

Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Www.OpenOffice.org

Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Www.OpenOffice.org Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Www.OpenOffice.org Introduzione a OpenOffice.org Mauro Barattin e Massimo Masson, 24 marzo 2011 Cos'è OpenOffice.org Insieme

Dettagli

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina

Corso base GNU/Linux 2014. Latina Linux Group. Sito web: www.llg.it. Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso base GNU/Linux 2014 Latina Linux Group Sito web: www.llg.it Mailing list:http://lists.linux.it/listinfo/latina Corso Base 2014 Lezione 2 10/04/2014 1 / 19 Obiettivi di questo incontro Conoscere l'importanza

Dettagli

CORSO PDF E FOTOGRAFIA DIGITALE. 1 INCONTRO 5 Febbraio 2009 15 Ottobre 2009

CORSO PDF E FOTOGRAFIA DIGITALE. 1 INCONTRO 5 Febbraio 2009 15 Ottobre 2009 CORSO PDF E FOTOGRAFIA DIGITALE 1 INCONTRO 5 Febbraio 2009 15 Ottobre 2009 I formati ? Che stiate scrivendo un articolo, modificando un'immagine, costruendo una pagina web, ascoltando un brano musicale

Dettagli

Codifica dell informazione

Codifica dell informazione Codifica dell informazione Il calcolatore memorizza ed elabora vari tipi di informazioni Numeri, testi, immagini, suoni Occorre rappresentare tale informazione in formato facilmente manipolabile dall elaboratore

Dettagli

Rappresentazione delle Immagini

Rappresentazione delle Immagini Rappresentazione delle Immagini Metodi di rappresentazione Raster: Informazione grafica rappresentata come matrice di pixel Vettoriale: Informazione grafica rappresentata da relazioni matematiche (funzioni

Dettagli

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica Laurea Magistrale in Informatica Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Programma Progettazione Gli standard tecnici Ciclo di vita delle risorse digitali Trattamento

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Codifica dell informazione (parte 4) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente:

Dettagli

Il formato PDF/A: Archiviazione digitale documentale

Il formato PDF/A: Archiviazione digitale documentale E-Mission - Sez. italiana PDF/A Comp. Center Il formato PDF/A: Archiviazione digitale documentale Il PDF/A, il formato digitale per l archiviazione digitale sostitutiva Il PDF/A Competence Center e la

Dettagli

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali

gestione e modifica di immagini fotografiche digitali gestione e modifica di immagini fotografiche digitali i formati grafici immagini raster e vettoriali La rappresentazione delle immagini in formato elettronico può essere attuata in due modi: raster (detta

Dettagli

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB)

Megabyte (MB) = 1024KB 1 milione di Byte (e.g. un immagine di 30MB) Gigabyte (GB) = 1024MB 1 miliardo di Byte (e.g. un hard disk da 80GB) Unità di misura per l informatica Un bit (b) rappresenta una cifra binaria. E l unità minima di informazione. Un Byte (B) è costituito da 8 bit. Permette di codificare 256 entità di informazione distinte

Dettagli

ALLEGATO AL MANUALE DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI CLASSI DOCUMENTALI

ALLEGATO AL MANUALE DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI CLASSI DOCUMENTALI ALLEGATO AL MANUALE DEL SERVIZIO DI CONSERVAZIONE DEI DOCUMENTI INFORMATICI CLASSI DOCUMENTALI Pag.2 di 10 Indice 1. Introduzione... 2. oggetto di conservazione... 3. Formati dei file inviabili in conservazione

Dettagli

Condivisione e lavoro collaborativo con Google Drive. Ing. Maria Grazia Celentano

Condivisione e lavoro collaborativo con Google Drive. Ing. Maria Grazia Celentano Condivisione e lavoro collaborativo con Google Drive Ing. Maria Grazia Celentano Google Drive C erano una volta i floppy disk, poi venne l epoca di CD e DVD, affiancati da hard disk esterni sempre più

Dettagli

3. LA RISOLUZIONE Misura della risoluzione Modifica della risoluzione

3. LA RISOLUZIONE Misura della risoluzione Modifica della risoluzione 3. LA RISOLUZIONE La risoluzione di un immagine indica il grado di qualità di un immagine. Generalmente si usa questo termine parlando di immagini digitali, ma anche una qualunque fotografia classica ha

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Scienze dell'educazione, 2014-15 Lorenzo Bettini http://www.di.unito.it/~bettini Informazioni generali Ricevimento studenti su appuntamento Dipartimento di

Dettagli

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI

IMMAGINE BITMAP E VETTORIALI BITMAP VETTORIALE VETTORIALE BITMAP IMMAGINE BITMAP è una immagine costituita da una matrice di Pixel. PIXEL (picture element) indica ciascuno degli elementi puntiformi che compongono la rappresentazione

Dettagli

FILE: ESTENSIONI o Formati. Augusto Grossi

FILE: ESTENSIONI o Formati. Augusto Grossi FILE: ESTENSIONI o Formati Augusto Grossi File: estensioni Tutti i file sono distinguibili tra loro, oltre che dal nome e dall icona, anche dal formato (o estensione), indicato sempre dopo il nome del

Dettagli

PROFILI OPERATIVI PER I PROFESSIONISTI CHE ACCEDONO AI SERVIZI ON LINE DEL COMUNE DI FIRENZE

PROFILI OPERATIVI PER I PROFESSIONISTI CHE ACCEDONO AI SERVIZI ON LINE DEL COMUNE DI FIRENZE PROFILI OPERATIVI PER I PROFESSIONISTI CHE ACCEDONO AI SERVIZI ON LINE DEL COMUNE DI FIRENZE Comune di Pag. 1 di 8 INDICE 1. AGGIORNAMENTI. 2 2. PROFILI OPERATIVI...3 1. AGGIORNAMENTI DATA EDIZIONE MODIFICA

Dettagli

Le immagini digitali. formati, caratteristiche e uso. Testo e foto di Mario Ceppi

Le immagini digitali. formati, caratteristiche e uso. Testo e foto di Mario Ceppi Le immagini digitali formati, caratteristiche e uso Testo e foto di Mario Ceppi GIF Ideale per la rappresentazione di immagini sul Web come gif animate, pulsanti e intestazioni, non è invece adatto alle

Dettagli

Proposta tirocinio Aziendale

Proposta tirocinio Aziendale Proposta tirocinio Aziendale ST&T s.r.l. a socio unico. Smart Training & Smart Technologies Intende promuovere anche in accordo con iniziative promosse con docenti del Politecnico di Torino due iniziative

Dettagli

GUIDA OPERATIVA SUI FORMATI DEGLI ALLEGATI ALLE PRATICHE ON-LINE

GUIDA OPERATIVA SUI FORMATI DEGLI ALLEGATI ALLE PRATICHE ON-LINE GUIDA OPERATIVA SUI FORMATI DEGLI ALLEGATI ALLE PRATICHE ON-LINE Comune di Pag. 1 di 5 INDICE 1. AGGIORNAMENTI..2 2. INDICAZIONI OPERATIVE PER ALLEGARE I DOCUMENTI ALLA PRATICA 3 ON-LINE 1. AGGIORNAMENTI

Dettagli

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria

Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica. Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti e nuovi scenari della formazione universitaria Università e territorio alla prova della modernizzazione tecnologica Strumenti

Dettagli

Opendoc DLS Digital Library System

Opendoc DLS Digital Library System Opendoc DLS Digital Library System Opendoc DLS - Digital Library System Chi siamo Opendoc Srl è una società milanese nata a seguito di un'importante esperienza per il Ministero per i Beni e le Attività

Dettagli

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano

Immagini digitali Appunti per la classe 3 R a cura del prof. ing. Mario Catalano Immagini digitali LA CODIFICA DELLE IMMAGINI Anche le immagini possono essere memorizzate in forma numerica (digitale) suddividendole in milioni di punti, per ognuno dei quali si definisce il colore in

Dettagli

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni

Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Numerazione binaria e rappresentazione delle informazioni Info Sito del corso: http://home.dei.polimi.it/amigoni/informaticab.html Nicola Basilico, nicola.basilico@gmail.com Problema Abbiamo informazioni

Dettagli

Immagini Digitali Immagini digitali

Immagini Digitali Immagini digitali Immagini digitali Processi e metodi per la codifica e il trattamento dei formati raster e vettoriali Immagini raster Fondamenti Le immagini raster, chiamate anche pittoriche o bitmap, sono immagini in

Dettagli

MANUALE PROCEDURE DI FORMAZIONE, TRASMISSIONE, COPIA, DUPLICAZIONE, RIPRODUZIONE E VALIDAZIONE TEMPORALE DEI DOCUMENTI INFORMATICI

MANUALE PROCEDURE DI FORMAZIONE, TRASMISSIONE, COPIA, DUPLICAZIONE, RIPRODUZIONE E VALIDAZIONE TEMPORALE DEI DOCUMENTI INFORMATICI Liceo Scientifico ad opzione IGCSE Via S. Colomba, 52 BENEVENTO 0824.362718 0824.360947- mail:bnps010006@istruzione.it sito: www.liceorummo.gov.it pec: bnps010006@pec.istruzione.it CF:80002060624 MANUALE

Dettagli

P03_S50AT01_Manuale Fax2Mail Rev 02 del 11/04/2013. Manuale Fax2Mail-Guida all uso

P03_S50AT01_Manuale Fax2Mail Rev 02 del 11/04/2013. Manuale Fax2Mail-Guida all uso -Guida all uso PREMESSA La soluzione Fax2Mail di TWT è un servizio che permette di inviare e ricevere fax via email, attraverso l associazione di un indirizzo di posta elettronica e un numero di fax. Esistono

Dettagli

Politecnico di Milano. Corsi di Informatica Grafica. Prof. Manuel Roveri Dipartimento di Elettronica e Informazione roveri@elet.polimi.

Politecnico di Milano. Corsi di Informatica Grafica. Prof. Manuel Roveri Dipartimento di Elettronica e Informazione roveri@elet.polimi. Rappresentazione dell informazione Corsi di Informatica Grafica Prof. Manuel Roveri Dipartimento di Elettronica e Informazione roveri@elet.polimi.it Indice Rappresentazione dell informazione Numeri Caratteri

Dettagli

Rappresentazione binaria dei numeri negativi

Rappresentazione binaria dei numeri negativi Introduzione all Informatica 1 Conversione decimale binario (continuazione) La conversione di un numero decimale (es. 112) in binario si effettua tramite l algoritmo della divisione, dividendo successivamente

Dettagli

INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI DIGITALI

INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI DIGITALI TPO PROGETTAZIONE UD 19 Fotoritocco 1 PARTE 1 INTRODUZIONE AL TRATTAMENTO DELLE IMMAGINI DIGITALI A.F. 2011/2012 1 L AVVENTO DEL DIGITAL IMAGING La sfera dell Imaging include processi di produzione e riproduzione

Dettagli

Manuale Fax2Mail Guida all uso. Operativo

Manuale Fax2Mail Guida all uso. Operativo Guida all uso Operativo PREMESSA La soluzione Fax2Mail di TWT è un servizio che permette di inviare e ricevere fax via email, attraverso l associazione di un indirizzo di posta elettronica e un numero

Dettagli

Elementi di Informatica

Elementi di Informatica Università degli Studi di Catania FACOLTA DI MEDICINA E CHIRURGIA Elementi di Informatica Anno accademico: 2008/2009 Docente: angelo.nicolosi@unict.it Le immagini digitali scansione di fotografie esistenti

Dettagli

Analizziamo gli strumenti della multimedialità

Analizziamo gli strumenti della multimedialità Analizziamo gli strumenti della multimedialità In questa lezione impareremo... a riconoscere gli strumenti per la multimedialità quali sono i diversi formati per video, audio e immagini LEZIONE 4 Gli strumenti

Dettagli

Primi Passi con GNU/Linux

Primi Passi con GNU/Linux Primi Passi con GNU/Linux Relatore: P pex email: pipex08@gmail.com Feb-2010 Pre-Installazione Funzionerà tutto? lista del proprio Hardware ricerca della "compatibilità" sotto Linux Utilizzare una Live

Dettagli

Firma digitale e marcatura temporale

Firma digitale e marcatura temporale CENTRO DI ECCELLENZA ITALIANO SULLA CONSERVAZIONE DIGITALE Firma digitale e marcatura temporale SILVIO SALZA Università degli Studi di Roma La Sapienza CINI- Consorzio Interuniversitario Nazionale per

Dettagli

La codifica delle Immagini. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni

La codifica delle Immagini. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni La codifica delle Immagini Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132Sesto San Giovanni Lettere e numeri non costituiscono le uniche informazioni utilizzate dagli elaboratori, infatti

Dettagli

Formati di file aperti e standard ISO 1 per documenti informatici

Formati di file aperti e standard ISO 1 per documenti informatici MERCATI E TENDENZE Formati di file aperti e standard ISO 1 per documenti informatici Saverio Rubini 2 Comunicazione, documenti di testo e Word Nella comunicazione scritta, Microsoft Word è lo strumento

Dettagli

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini 1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini Bibliografia Curtin, 4.7 e 4.9 (vecchie edizioni) Curtin, 3.7 e 3.9 (nuova edizione) CR pag. 14-18 Questi lucidi La codifica delle immagini: Pixel Un immagine

Dettagli

L archiviazione delle immagini - I metadati

L archiviazione delle immagini - I metadati L archiviazione delle immagini - I metadati Tornati dai nostri viaggi e lavorate a dovere le fotografie con il nostro software preferito, si pone la fatidica questione: e ora cosa ne faccio di queste immagini?

Dettagli

C M A P M IONAM A E M NT N O

C M A P M IONAM A E M NT N O IMMAGINE DIGITALE Nelle immagini digitali, il contenuto fotografico (radiometria) viene registrato sotto forma di numeri. Si giunge a tale rappresentazione (RASTER) suddividendo l immagine fotografica

Dettagli

Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale

Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Sistemi di numerazione: binario, ottale ed esadecimale Codifica binaria dell Informazione Bit Byte Kilobyte Megabyte Gigabyte 0/1 (si/no) 00010010 (8 bit) 2 10 = 1024 byte 2 20 ~ 1.000.000 byte 2 30 ~

Dettagli

interscambio di documenti

interscambio di documenti interscambio di documenti GLI ARCHIVI INFORMATICI: PROBLEMATICHE DI INTEGRITA' NEL TEMPO Fondazione dell'ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano Commissione per l'ingegneria dell'informazione

Dettagli

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati

Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Rappresentazione e Memorizzazione dei Dati Giuseppe Nicosia CdL in Matematica (Laurea Triennale) Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Università di Catania Bit e loro Memorizzazione Definizioni Algoritmo: una

Dettagli

Accessibilità digitale

Accessibilità digitale Accessibilità digitale Guido Gelatti guido.gelatti@itiscastelli.it Brixia Generazione Digitale - 6 Dicembre 2013 The power of the Web is in its universality Tim Berners-Lee afferma che il web "deve consentire

Dettagli

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI

LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE G. M. ANGIOJ GRAFICA E COMUNICAZIONE LA RAPPRESENTAZIONE DELLE INFORMAZIONI Prof. G. Ciaschetti DATI E INFORMAZIONI Sappiamo che il computer è una macchina stupida, capace

Dettagli

Creare ebook con Ms Word e Calibre

Creare ebook con Ms Word e Calibre Creare ebook con Ms Word e Calibre Isis Keynes 12 19 marzo 2013 Alessandra Peroni - Simonetta Bralia ebook - Primo incontro Cos e un book MS Word mezzo per creare un ebook Il modello ModelloEbook.dotx

Dettagli

Il calcolatore: presupposti e teorie

Il calcolatore: presupposti e teorie Il calcolatore: presupposti e teorie Il digitale I primi calcolatori La struttura del computer Linguaggio binario: la convergenza al digitale La numerazione binaria è alla base della trasmissione usata

Dettagli

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari

Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Grafica Online Luca Panella Innovatek scrl - Bari Sommario Scenario Web Nozioni di grafica on-line Principali programmi di grafica web Realizzazione di banner e layout per il web 2 Risorse online Sito

Dettagli

Italo Vignoli. come le pubbliche amministrazioni possono migrare a Libre Office e allo standard ODF

Italo Vignoli. come le pubbliche amministrazioni possono migrare a Libre Office e allo standard ODF Italo Vignoli come le pubbliche amministrazioni possono migrare a Libre Office e allo standard ODF Testo dell Art. 68 del CAD 1. Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti

Dettagli

Corso di Progettazione di sistemi multimediali

Corso di Progettazione di sistemi multimediali Corso di Progettazione di sistemi multimediali prof. Pierluigi Feliciati a.a.2011/12 Modulo 5 editoria digitale e ebooks editoria elettronica e cultura del libro l editoria elettronica non è solo web o

Dettagli

Dematerializzare i processi documentali: scelte tecnologiche e impatto organizzativo

Dematerializzare i processi documentali: scelte tecnologiche e impatto organizzativo Dematerializzare i processi documentali: scelte tecnologiche e impatto organizzativo 22 maggio 2007 Andrea Valle Business Development Director Adobe Systems La Dematerializzazione in sintesi Documenti

Dettagli

Elaborazione di immagini digitali

Elaborazione di immagini digitali 1 Elaborazione di immagini digitali 1. Definizione di immagine digitale Un'immagine digitale è un insieme ordinato di pixel (PICture ELement) ottenuti, in alternativa: dalla scansione di un'immagine analogica

Dettagli

Elaborazione testi: immagini

Elaborazione testi: immagini by Studio Elfra sas Gestione Immagini Aggiornato a Aprile 2009 Informatica di base 1 Elaborazione testi: immagini Il testo di un documento di Word può essere integrato con immagini di vario tipo: 2 1 Elaborazione

Dettagli

Codifica delle Informazioni

Codifica delle Informazioni Codifica delle Informazioni Luca Bortolussi Dipartimento di Matematica e Informatica Università degli studi di Trieste Panoramica Le informazioni gestite dai sistemi di elaborazione devono essere codificate

Dettagli

I FORMATI DI SALVATAGGIO

I FORMATI DI SALVATAGGIO GLI ARCHIVI INFORMATICI: PROBLEMATICHE DI INTEGRITA' NEL TEMPO Fondazione dell'ordine degli Ingegneri della Provincia di Milano Commissione per l'ingegneria dell'informazione Ing. Gianluca Sironi I FORMATI

Dettagli

BOZZA Pagina 1 di 11

BOZZA Pagina 1 di 11 26 luglio 2013 Schema di D.P.C.M. gg mm 2011 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi 3 e 5- bis, 23-ter, comma 4, 43, commi 1 e 3, 44, 44 bis e 71, comma

Dettagli

Editoria Digitale. Schema didattico di riferimento 1

Editoria Digitale. Schema didattico di riferimento 1 Editoria Digitale Schema didattico di riferimento 1 1. Che cos è un documento digitale? 1. Cos è un documento digitale 2. Qual è la natura del libro digitale 3. Quali sono le differenze tra l editoria

Dettagli

Gestire bene l archivio Metadati: il modo facile per gestire il nostro archivio

Gestire bene l archivio Metadati: il modo facile per gestire il nostro archivio SOFTWARE Gestire bene l archivio Metadati: il modo facile per gestire il nostro archivio Le immagini che popolano i nostri hard-disk sono sempre di più. Come fare a ritrovare quella che ci serve? L unica

Dettagli

Corso di Informatica - Concetti di base - Raffaele Grande - 2005 1. Computer. Sistema di elaborazione delle informazioni. programmabile.

Corso di Informatica - Concetti di base - Raffaele Grande - 2005 1. Computer. Sistema di elaborazione delle informazioni. programmabile. Informatica Telematica Da Informazione automatica Studia le macchine ele procedure per il trattamento automatico delle informazioni Da Telecomunicazioni + Informatica Studia l impiego delle tecnologie

Dettagli

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS

CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS CMS MUSEO&WEB Tutorial sulle immagini digitali, la loro elaborazione per il web, il caricamento nell archivio media del CMS Maria Teresa Natale (OTEBAC) 12 aprile 2010 Introduzione Argomenti: terminologia

Dettagli

Grafica Bitmap e Grafica Vettoriale

Grafica Bitmap e Grafica Vettoriale ITCG CATTANEO CON LICEO DALL'AGLIO- via Matilde di Canossa, 3 - Castelnovo ne Monti (RE) Sezione ITI - Corso di Fisica - prof. Massimo Manvilli Grafica Bitmap e Grafica Vettoriale Grafica vettoriale :

Dettagli