46 CONGRESSO NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DI BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA (S.I.Bio.C.)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "46 CONGRESSO NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DI BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA (S.I.Bio.C.)"

Transcript

1 46 CONGRESSO NAZIONALE SOCIETÀ ITALIANA DI BIOCHIMICA CLINICA E BIOLOGIA MOLECOLARE CLINICA (S.I.Bio.C.) Roma, Hotel Marriott Ottobre 2014

2 Sessione congiunta S.I.Bio.C. S.I.C. Fibrillazione Atriale Moderatori: Marcello Ciaccio (Palermo) Maria Penco (L Aquila) Sala Tiziano

3 Università degli studi di Palermo Scuola di Medicina Dipartimento Biomedico di Medicina Interna e Specialistica (DIBIMIS) Sezione di Malattie Cardio-Respiratorie e Endocrino-Metaboliche Master di Malattie Vascolari - Master di Ecocardiografia Centro per la Diagnosi Precoce di Aterosclerosi Preclinica e Pluridistrettuale e per la Prevenzione Secondaria delle Malattie Cardiovascolari Università di Palermo U.O.C. di Cardiologia - Centro di Riferimento Regionale per la Diagnosi e Cura dello Scompenso Cardiaco A.O.U. Policlinico P. Giaccone di Palermo Direttore : Prof. Salvatore Novo I Nuovi Farmaci Anticoagulanti Orali Salvatore NOVO

4 ATRIAL FIBRILLATION Atrial fibrillation (AF) is an abnormal heart rhythm characterized by rapid and disorganized activation (fibrillation) of the atria with an irregular ventricular response

5 PREVALENZA IN BASE ALL ETÀ

6 PREVALENCE OF AFIB IN THE U.S. IS EXPECTED TO INCREASE UPWARDS OF 5.3 MILLION BY 2050 From ATRIA Study Go AS et al. JAMA 2001; 285:

7 AFIB: A COMMON BUT SERIOUS ARRYTHMIA AFib increases the risk of stroke 5-fold 1 particularly in the elderly, similarly for paroxysmal, persistent and permanent AFib 2 Strokes associated with AFib are usually more severe than those from other causes, conferring an increased risk of morbidity, mortality and poor functional outcome 1 1. Savelieva et al. Ann Med 2007; 39: Hart R et al. JACC 2000; 35: 183-7

8 ANTICOAGULATION IN AFIB AND STROKE S RISK REDUCTION Warfarin Better Control Better AFASAK SPAF BAATAF CAFA SPINAF EAFT Aggregate 100% 50% 0-50% -100% Hart R, et al. Ann Intern Med 1999; 131: 492-8

9 VALUTAZIONE RISCHIO TROMBOTICO ED EMORRAGICO RISCHIO TROMBOTICO CHA2DS2-VASC RISCHIO EMORRAGICO HAS-BLED

10 ALCUNI LIMITI DEGLI ANTAGONISTI DELLA VITAMINA K Lento inizio d azione Lenta regressione dell effetto (lunga durata d azione, lunga emivita) Stretto range terapeutico Multiple interazioni con alimenti e farmaci Necessità di monitoraggio per il mantenimento del range terapeutico Difficoltà di gestione peri-procedurale in caso di chirurgia Compromissione qualità di vita dei pazienti Carico di lavoro ed impegno economico del follow-up medico Sottoutilizzo della terapia per timore di effetti avversi o per la complessità di gestione Phillips KW et al, Thromb Haemost 2010; 103: 34-9 Fuster V et al, Eur Heart J 2006; 27:

11 WARFARIN FOR AFIB Limitations Lead to Inadequate Treatment Adequacy of Anticoagulation in Patients with AFib in Primary Care Practice INR above target No warfarin INR in target range Subtherapeutic INR Samsa GP, et al. Arch Intern Med 2000;160:

12 NEW PHARMACOLOGICAL Other antiplatelet drugs ( ACTIVE ) - Clopidogrel + ASA Synthetic pentasaccharide ( AMADEUS ) - Idraparinux Oral direct thrombin inhibitor - ( SPORTIF ) - Ximelagatran ( RELY ) - Dabigatran Oral factor Xa antagonist Rivaroxaban (ROCKET AF) Apixaban (ARISTOTLE ( AVERROES and Edoxaban (ENGAGE) PERSPECTIVES Harenberg J. New Anticoagulants in AF. Semin Thromb Hemost 2009; 35:

13 Cumulative Hazard Rates Cumulative Hazard Rates Lancet 2006; 367: Stroke, Non-CNS Systemic Embolism, MI & Vascular Death Major Bleeding RR = 1.45 P = Clopidogrel+ASA Clopidogrel+ASA 5.64 %/year RR = 1.06 P = %/year 2.2 %/year 3.93 %/year OAC OAC Clopidogrel+ASA Clopidogrel+ASA Years Years Early Termination of ACTIVE W due to evidence of superiority of oral anticoagulation

14 ATRIAL FIBRILLATION PHASE 3 STUDIES TIMELINES Dabigatran RELY Published 2009 Rivaroxaban ROCKET AF Published August 2011 Edoxaban ENGAGE AF TIMI 48 Published AVERROES Published February 2011 ARISTOTLE Published August 2011 Apixaban

15

16

17

18

19 Drug-drug interactions and pharmacokinetics of NOACs Absorption and metabolism of NOACs 15

20 ABSORPTION AND METABOLISM OF NOAC Dabigatran Apixaban Edoxaban Rivaroxaban Bioavailability 3-7% 50% 62% 66% (w/o food) ~100% with food Prodrug yes no no no Clearance: non-renal/renal of adsorbed dose if normal renal function 20%/80% 73%/27% 50%/50% 65%/35% Liver metabolism: CYP3A4 no yes (elimination; minor CYP3A4) minimal (<4% of elimination) yes (elimination) Absorption with food no effect no effect 6-22% more +39% Intake with food? no no Absorption with H2B/PPI plasma level -12 to -30% no official recommendation yet mandatory no effect no effect no effect Asian ethnicity plasma level +25% no effect no effect no effect GI tolerability dyspepsia 5-10% no problem no problem no problem Elimination half-life 12-17h 12h 9-11h 5-9h (young)/11-13h (elderly) 16

21 NOACS IN RENAL DYSFUNCTION PRACTICAL RECOMMENDATIONS FOR DOSING IN CHRONIC KIDNEY DISEASE

22 INTERAZIONI FARMACOLOGICHE Heidelbuchel H et al, Europace 2013; 15:

23 INTERAZIONI FARMACOLOGICHE Heidelbuchel H et al, Europace 2013; 15:

24 INTERAZIONI FARMACOLOGICHE Heidelbuchel H et al, Europace 2013; 15:

25 INTERAZIONI CON ALTRE VARIABILI Heidelbuchel H et al, Europace 2013; 15:

26

27 WHEN TO STOP NOACS BEFORE A PLANNED SURGICAL INTERVENTION Dabigatran Apixaban Edoxaban Rivaroxaban No important bleeding risk and/or local haemostasis possible: perform at trough level (i.e. 12h or 24h after last intake) Low Low Low High High risk Low risk High risk High risk risk risk risk risk CrCl 80 ml/min 24h 48h 24h 48h no data no data yet yet 24h 48h CrCl no data no data 36h 72h 24h 48h ml/min yet yet 24h 48h CrCl no data no data 48h 96h 24h 48h ml/min yet yet 24h 48h CrCl ml/min CrCl <15 ml/min Last intake of drug before elective surgical intervention A not indicate d not indicated 36h 48h no data yet no official indication for use no data yet 36h 48h 40

28 WHEN TO RESTART NOACS AFTER A PLANNED SURGICAL INTERVENTION Procedures with immediate and complete haemostasis: Resume 6 8 h after surgery Atraumatic spinal/epidural anethesia Clean lumbar puncture Procedures associated with immobilization: Procedures with post-operative risk of bleeding: Initiate reduced venous or intermediate dose of LMWH 6 8 h after surgery if haemostasis achieved. Restart NOACs 48 72h after surgery upon complete haemostasis Thromboprophylaxis (e.g. with LMWH) can be initiated 6-8 h after surgery 41

29 WHAT TO DO IF THERE IS A (SUSPECTED) OVERDOSE WITHOUT BLEEDING, OR A CLOTTING TEST IS INDICATING A RISK OF BLEEDING Acute recent ingestion of overdose: activated charcoal to reduce absorption (standard dosing scheme for adults of 30 to 50 g). Consider coagulation tests to assess possible bleeding risk. In absence of bleeding, wait-and see approach. 33

30 POSSIBLE MEASURES TO TAKE IN CASE OF BLEEDING Van Ryn et al Am J Med 2012;125:

31 SWITCHING BETWEEN ANTICOAGULANT REGIMENS VKA to NOAC Parenteral anticoagulant to NOAC: Intravenous unfractioned heparin (UFH) Low molecular weight heparin (LMWH) NOAC to VKA NOAC to parenteral anticoagulant NOAC to NOAC Aspirin or clodiprogel to NOAC INR <2.0: immediate INR : immediate or next day INR >2.5: use INR and VKA half-life to estimate time to INR <2.5 Start once UFH discontinued (t½=2h). May be longer in patients with renal impairment Start when next dose would have been given Administer concomitantly until INR in appropriate range Measure INR just before next intake of NOAC Re-test 24h after last dose of NOAC Monitor INR in first month until stable values ( ) achieved Initiate when next dose of NOAC is due Initiate when next dose is due except where higher plasma concentrations expected (e.g. renal impairment) Switch immediately, unless combination therapy needed 22

32

33 EHRA NOACs Card

34

35 CHECKLIST IN FOLLW-UP OF AF PTS ON NOACS Compliance Interval Each visit Comments Inspect remaining medication Stress importance of compliance Inform about compliance aids Thrombo-embolism Each visit Cerebral, systemic and pulmonary circulation Bleeding Side effects Co-medications Blood sampling Each visit Each visit Each visit Yearly 6-monthly 3-monthly on indication Nuisance bleeding prevention possible? Bleeding with risk or impact on QoL prevention possible? Need to revise dose? Continuation? Temporary cessation with bridging? Change of anticoagulant drug? Prescription or over-the counter drugs? Even temporary use can be risky Haemoglobin, renal, liver function Renal function if CrCl ml/min or if on dabigatran and aged >75 years or fragile If CrCl ml/min If intercurring condition may impact renal or hepatic function. 8

36 ..SEBBENE NON VI SIA UNO STUDIO TESTA-TESTA TRA I NOAC VI SONO ALCUNE CARATTERISTICHE DIFFERENZIALI CHE POSSONO ESSERE UTILI AD ORIENTARE LA SCELTA NEL SINGOLO PAZIENTE

37 CONCLUSIONI DAI TRIAL.. TUTTI i nuovi anticoagulanti orali nella FA hanno dimostrato non inferiorità di efficacia -in due casi superiorità -rispetto al warfarin TUTTI i nuovi anticoagulanti orali nella FA hanno dimostrato non inferiorità di sicurezza sui sanguinamenti maggiori ma superiorità - rispetto al warfarin

38 CONCLUSIONI DAI TRIAL.. TUTTI i NAO si associano ad un incidenza di emorragie maggiori pericolose per la vita inferiore al warfarin e ad un rischio inferiore di emorragie intracraniche rispetto al warfarin Vi è una maggiore incidenza di emorragie GI con dabigatran TUTTI i NAO si associano ad una riduzione simile e sovrapponibile della mortalità

39 CONCLUSIONI..DALLA REAL LIFE I risultati in termini di efficacia (non inferiore) e l incidenza di sanguinamenti maggiori sono concordanti nei registri con i risultati dei trial Nei registri con dabigatran non viene confermato l aumento dell incidenza di infarto del miocardio segnalato nel RE-LY L aumento di emorragie gastrointestinali con dabigatran viene ridimensionato rispetto ai trial a confronto con il warfarin Probabile bias da ipersegnalazione di eventi emorragici trattandosi di nuovi farmaci immessi sul mercato (effetto Weber)

40 THANK YOU FOR YOUR ATTENTION Describe the past, understand the present, predict the future: this is the task of medicine Ippocrate b. C.

41 How to deal with dosing errors Missed dose: BID: take missed dose up to 6 h after scheduled intake. If not possible skip dose and take next scheduled dose. QD: take missed dose up to 12 h after scheduled intake. If not possible skip dose and take next scheduled dose. Double dose: BID: skip next planned dose and restart BID after 24 h. QD: continue normal regimen. Uncertainty about intake: BID: continue normal regimen. QD: take another dose then continue normal regimen. Overdose: Hospitalization advised. 25

42

43

44

45

46 RELY-ABLE : conclusioni Nel corso di 2,3 anni di trattamento con Dabigatran successivo allo studio RE-LY (follow-up totale medio di 4,3 anni), il rischio di ictus e sanguinamenti maggiori si è confermato essere basso Non ci sono stati nuovi eventi relativi alla sicurezza rilevati durante il periodo di follow up esteso di 2,3 anni a seguito dello studio RE-LY I risultati dello studio RELY-ABLE confermano quelli ottenuti nello studio RE-LY Circulation 2013; 16; 128:

47

48 Larsen et al., JACC 2013; 61, 22:2264-7

49 Larsen et al., JACC 2013; 61, 22:2264-

50

51 Larsen et al., JACC 2013; 61, 22:2264-

52 Larsen et al., JACC 2013; 61, 22:2264-

53 N Engl J Med 2009; 361:

54 RELY STUDY DESIGN Atrial fibrillation with 1 risk factor Absence of contraindications R Warfarin 1 mg, 3 mg, 5 mg (INR ) N=6000 Dabigatran etexilate 110 mg bid N=6000 Dabigatran etexilate 150 mg bid N=6000 Primary objective: To establish the non-inferiority of dabigatran etexilate versus warfarin. Minimum 1 year follow-up, maximum of 3 years and mean of 2 years of follow-up

55 Cumulative hazard rates TIME TO FIRST STROKE RR 0.91 (95% CI: ) p<0.001 (NI) p=0.34 (Sup) RRR 9% Warfarin Dabigatran etexilate 110 mg Dabigatran etexilate 150 mg RRR 34% RR 0.66 (95% CI: p<0.001 (NI) p<0.001 (Sup) Years RR, relative risk; CI, confidence interval; NI, non-inferior; Sup, superior

56 Number of events HEMORRHAGIC STROKE RR 0.31 (95% CI: ) p<0.001 (sup) RRR 69% RR 0.26 (95% CI: ) p<0.001 (sup) RRR 74% % % 0.10 % D110 mg BID D150 mg BID Warfarin 6,015 6,076 6,022

57 % per year MAJOR BLEEDING RATES RR 0.80 (95% CI: ) p=0.003 (sup) RRR 20% RR 0.93 (95% CI: ) p=0.31 (sup) 322 / 6, / 6, / 6,022

58 ATRIAL FIBRILLATION PHASE 3 STUDY TIMELINES Dabigatran RE-LY Published 2009 Rivaroxaban ROCKET AF Published August 2011 Edoxaban ENGAGE AF TIMI 48 Published AVERROES Published February 2011 ARISTOTLE Published August 2011 Apixaban

59 N Engl J Med August 10, 2011

60 ROCKET-AF STUDY DESIGN Atrial Fibrillation Risk Factors CHF Hypertension At least 2 or Age 75 3 required* Diabetes OR Stroke, TIA or Systemic embolus Rivaroxaban 20 mg daily 15 mg for Cr Cl ml/min Randomize Double Blind / Double Dummy (n ~ 14,000) Warfarin INR target ( inclusive) Monthly Monitoring Adherence to standard of care guidelines Primary Endpoint: Stroke or non-cns Systemic Embolism * Enrollment of patients without prior Stroke, TIA or systemic embolism and only 2 factors capped at 10%

61 Cumulative event rate (%) PRIMARY EFFICACY OUTCOME STROKE AND NON-CNS EMBOLISM Event Rate Rivaroxaban Warfarin Warfarin RRR 21% Rivaroxaban HR (95% CI): 0.79 (0.66, 0.96) P-value Non-Inferiority: < Days from Randomization No. at risk: Rivaroxaban Warfarin Event Rates are per 100 patient-years Based on Protocol Compliant on Treatment Population

62 RIVAROXABAN VERSUS WARFARIN (ROCKET-AF) Efficacy Outcomes Stroke/Systemic Embolism Hemorrhagic Stroke Myocardial Infarction Safety Outcomes ICH Major Bleeding Rivaroxiban better Warfarin better

63 ATRIAL FIBRILLATION PHASE 3 STUDY TIMELINES Dabigatran RE-LY Published 2009 Rivaroxaban ROCKET AF Published August 2011 Edoxaban ENGAGE AF TIMI 48 Published AVERROES Published February 2011 ARISTOTLE Published August 2011 Apixaban

64 Randomization APIXABAN PHASE 3 CLINICAL TRIAL VS ASPIRIN TO PREVENT STROKE OR EMBOLISM IN AF PTS Patient characteristics Aged 50 years Atrial fibrillation 1 additional risk factor for stroke AVERROES N= years Apixaban 2.5 mg bid or 5 mg bid Not suitable for vitamin K antagonist Aspirin mg qd Primary outcome measures: Time to composite outcome of stroke or systemic embolism Time to major bleeding N Engl J Med 2011; 364:

65 AVERROES - PRIMARY EFFICACY OUTCOME The trial was stopped early after a predefined interim analysis revelaleted a clinically important reduction in stroke and systemic embolism with apixaban N Engl J Med 2011; 364:

66 ATRIAL FIBRILLATION PHASE 3 STUDY TIMELINES Dabigatran RE-LY Published 2009 Rivaroxaban ROCKET AF Published August 2011 Edoxaban ENGAGE AF TIMI 48 Published AVERROES Published February 2011 ARISTOTLE Published August 2011 Apixaban

67 N Engl J Med August 28, 2011

68 ATRIAL FIBRILLATION WITH AT LEAST ONE ADDITIONAL RISK FACTOR FOR STROKE Inclusion risk factors Age 75 years Prior stroke, TIA or SE HF or LVEF 40% Diabetes mellitus Hypertension Randomize double blind, double dummy (n = 18,206) Exclusion Mechanical prosthetic valve Severe renal insufficiency Need for aspirin plus thienopyridine Apixaban 5 mg oral twice daily (2.5 mg BID in selected patients) Warfarin (target INR 2-3) Warfarin/warfarin placebo adjusted by INR/sham INR based on encrypted point-of-care testing device ARISTOTLE Primary outcome: stroke or systemic embolism Hierarchical testing: non-inferiority for primary outcome, superiority for primary outcome, major bleeding, death

69 ARISTOTLE Main Trial Results Stroke or systemic embolism HR 0.79 (95% CI, ); P (superiority)=0.011 ISTH major bleeding HR 0.69 (95% CI, ); P<0.001 RRR 21% 21% RRR RRR 31% 31% RRR Apixaban 212 patients, 1.27% per year Warfarin 265 patients, 1.60% per year HR 0.79 (95% CI, ); P=0.011 Median TTR 66% N Engl J Med August 28, 2011 Apixaban 327 patients, 2.13% per year Warfarin 462 patients, 3.09% per year HR 0.69 (95% CI, ); P<0.001

70 ATRIAL FIBRILLATION PHASE 3 STUDY TIMELINES Dabigatran RE-LY Published 2009 Rivaroxaban ROCKET AF Published August 2011 Edoxaban ENGAGE AF TIMI 48 Publishes AVERROES Published February 2011 ARISTOTLE Published August 2011 Apixaban

71 N Engl J Med. 2013; 28; 369:

72

73 Need for structured follow-up All NOACs are anticoagulants and hence can cause serious bleeding. All NOACs have some drug-drug interactions (DDIs). AF population is a fragile patient population. Patients should return for ongoing review according to a predetermined schedule. Follow-up can be undertaken by specialist or GP with experience in the field and/or appropriate secondary care physicians. Nurse co-ordinated AF clinics may be used Berti et al, Eur Heart J,

74 Factors Favouring Warfarin over NOACs Prosthetic heart valve/rheumatic valve Severe renal failure Well controlled warfarin (good stable INR/high TTR/no bleeding) When INR monitoring preferred/need to titrate dose Extremes of weight/age Poor compliance anticipated Unable to pay for NOAC Drug interactions Anticipated need for antidote Anticipated increased plasma levels (older age, low body weight, renal dysfunction)

75

76 PRACTICAL START-UP AND FOLLOW- UP SCHEME FOR PATIENTS ON NOACS Risk/benefit analysis: is a NOAC indicated? When choosing a NOAC, consider co-medications taken by patient. Consider co-medications such as PPI to reduce risk for gastro-intestinal bleeding. Carry information card: generic card could serve for all NOACs. Need to educate patient on importance of strict adherence to regimen discontinuation is dangerous. 4

77 Fibrillazione atriale: rischio embolico Recommendation Class Level Antithrombotic therapy to prevent thromboembolism is recommended for all patients with AF, except in those at low risk (lone AF, aged <65 years, or with contraindications). I A Eur Heart J 2010;31:

78 FUNZIONE RENALE E NAO Tutti i NAO presentano un certo grado di escrezione renale, a differenza di warfarin che è completamente metabolizzato a livello epatico. È indispensabile eseguire la determinazione della funzione renale, utilizzando la CrCl secondo la formula di Cockcroft- Gault, prima di iniziare la terapia, ed anche durante la terapia se si sospettano possibili riduzioni del filtrato glomerulare. I NAO sono controindicati nei pazienti con insufficienza renale severa, ed è sconsigliata la loro somministrazione dalle linee guida europee nei pazienti con CrCl <30 ml/min. G Ital Cardiol 2013; 14:

79 Action to be taken in case of DDIs Three levels of alert: Red contraindicated/not recommended for use Orange adapt NOAC dose dabigatran: 150 mg to 110 mg BID rivaroxaban: 20 mg to 15 mg QD apixaban: 5 mg to 2.5 mg BID Yellow consider dose reduction if two concomitant yellow interactions Where no data available, NOACs not recommended yet 18

80 NOACS: PATIENT INSTRUCTIONS Indication (stroke prevention) Potential side effects Bleeding (minor/major/fatal/ich) dyspepsia with dabigatran Adherence (and risks of nonadherence/discontinuation) Importance of taking every day on time (patients missing 1-2 consecutive doses will be subtherapeutic)

81 ..SEBBENE NON VI SIA UNO STUDIO TESTA- TESTA TRA I NOAC VI SONO ALCUNE CARATTERISTICHE DIFFERENZIALI CHE POSSONO ESSERE UTILI AD ORIENTARE LA SCELTA NEL SINGOLO PAZIENTE Dabigatran etexilato: la maggiore riduzione osservata per l ictus ischemico al dosaggio più alto Rivaroxaban: monosomministrazione giornaliera, unico farmaco tra i NOAC con tutte le indicazioni, dalla prevenzione al trattamento del tromboembolismo venoso in tutte le sue fasi, nella FA, ora anche nelle sindromi coronariche acute (EMA) Apixaban: migliore benificio clinico netto, con riduzione dell ictus per tutte le cause, del sanguinamento, e della mortalità Endoxaban: monosomministrazione, riduzione della mortalità vascolare, flessibilità di aggiustamento del dosaggio.

82 Suggested structured follow-up 7

Aspetti Organizzativi Locali. Dr.ssa Marica Prando Dirigente medico Cardiologia II - Novara

Aspetti Organizzativi Locali. Dr.ssa Marica Prando Dirigente medico Cardiologia II - Novara Aspetti Organizzativi Locali Dr.ssa Marica Prando Dirigente medico Cardiologia II - Novara L introduzione dei NAO con un buon profilo rischio/beneficio ha dato inizio ad una nuova era della terapia anticoagulante.

Dettagli

Farmaci anticoagulanti

Farmaci anticoagulanti Farmaci anticoagulanti vecchi e nuovi Direct oral anticoagulant drugs Direct selective inhibitors of Factor Xa Rivaroxaban Apixaban Edoxaban Betrixaban Direct selective inhibitors of Factor IIa Dabigatran

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up

Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up Nuovi Anticoagulanti per la Fibrillazione Atriale Dalla Prescrizione al Follow-up Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller, 1 06081 -

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali (NAO). Cosa cambia? t.lenzi imola

I nuovi anticoagulanti orali (NAO). Cosa cambia? t.lenzi imola I nuovi anticoagulanti orali (NAO). Cosa cambia? t.lenzi imola Limiti della terapia con antagonisti della Vitamina K Risposta non prevedibile Finestra di trattamento stretta (INR range 2-3) Monitoraggio

Dettagli

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti

Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Piani terapeutici e dosaggi: la prescrizione dei nuovi farmaci anticoagulanti Nicoletta Riva Centro di Ricerca Malattie Tromboemboliche e Terapie Antitrombotiche Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale,

Dettagli

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali

Documento ANMCO su prevenzione del. anticoagulanti orali Documento ANMCO su prevenzione del tromboembolismo nella FA e ruolo dei nuovi anticoagulanti orali Paolo Colonna, MD FESC FANMCO Cardiology Hospital, Policlinico of Bari 1. Fisiopatologia del tromboembolismo

Dettagli

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici

Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Nuovi anticoagulanti a confronto: i risultati dei trials clinici Walter Ageno Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale Università dell Insubria Varese ACCP 2012 Treatment of VTE 2012 Real-life treatment

Dettagli

Terapia anticoagulante orale: vecchi e nuovi farmaci a confronto nei grandi trial

Terapia anticoagulante orale: vecchi e nuovi farmaci a confronto nei grandi trial FIBRILLAZIONE ATRIALE ED ICTUS CARDIOEMBOLICO PROSPETTIVE TERAPEUTICHE E SOSTENIBILITÀ ECONOMICA Martedì, 26 novembre 2013 ore 8.30 14.00 CAMERA DEI DEPUTATI Palazzo Marini Sala delle Colonne Via Poli,

Dettagli

CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014

CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014 CAPRI CARDIOVASCULAR CONFERENCE Capri, march 28 29, 2014 Rivaroxaban nella fibrillazione atriale e oltre RIVAROXABAN, DALLE EVIDENZE SCIENTIFICHE ALL IMPIEGO PRATICO NELLA FA Pasquale Perrone Filardi Università

Dettagli

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci

MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci MALATTIA TROMBOEMBOLICA VENOSA 2014 : NUOVI FARMACI = NUOVI PERCORSI? Rino Migliacci Choice of Initial Anticoagulant Regimen in Patients With Proximal DVT In patients with acute DVT of the leg, we

Dettagli

I NUOVI ANTICOAGULANTI NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE

I NUOVI ANTICOAGULANTI NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE I NUOVI ANTICOAGULANTI NELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE Simposio SIGG SICGe Unmet needs nel cardiopatico anziano: FA e scompenso 57 Congresso Nazionale SIGG Milano, 23 Novembre 2012 Giuseppe Di Pasquale Direttore

Dettagli

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K

Daniela Poli. La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Daniela Poli La gestione del paziente anziano con i farmaci anti Vitamina K Atrial fibrillation occurred in 1 2% of the general population. Over 6 million Europeans suffer from this arrhythmia, and its

Dettagli

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante

Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Attuale Gestione della Terapia Anticoagulante Furio Colivicchi Dipartimento Cardiovascolare ACO S.Filippo Neri Roma Dicumarolici e Prevenzione dello Stroke nella FA non valvolare Per oltre 60 anni gli

Dettagli

INIBITORI DIRETTI DELLA TROMBINA: UNA RIVOLUZIONE TERAPEUTICA?

INIBITORI DIRETTI DELLA TROMBINA: UNA RIVOLUZIONE TERAPEUTICA? Progressi diagnostico-terapeutici nella fibrillazione atriale INIBITORI DIRETTI DELLA TROMBINA: UNA RIVOLUZIONE TERAPEUTICA? P.M. Mannucci Direzione Scientifica, IRCCS Fondazione Cà Granda Ospedale Maggiore

Dettagli

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti

Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Commenti sull esercizio pilota UKNeqas Dabigatran supplementary exercise April 2012 Aggiornamenti sui Nuovi Anticoagulanti Meeting scientifico Giovanni Introcaso Servizio di Medicina di laboratorio Centro

Dettagli

Dagli studi clinici al real life

Dagli studi clinici al real life UNIVERSITA DEGLI STUDI DEL PIEMONTE ORIENTALE A. AVOGADRO OSPEDALE MAGGIORE DELLA CARITA NOVARA Dagli studi clinici al real life Dott.G.Francalacci Divisione Clinicizzata di Cardiologia Novara, 15/01/2015

Dettagli

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali

Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Cardiopatia ischemica e fibrillazione atriale: Antiaggreganti e anticoagulanti orali Francesco Di Pede Dipartimento Cardiologico ULSS 10 Portogruaro-San Donà di Piave CIRCA IL 20% DEI PAZIENTI IN FIBRILLAZIONE

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE CARLO POMA Dipartimento di Medicina di Laboratorio Struttura complessa di Immunoematologia e Medicina Trasfusionale Primario: Dott. Massimo Franchini Il Centro TAO di Mantova

Dettagli

Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare. dr. Moreno Marri

Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare. dr. Moreno Marri Il loro ruolo terapeutico nella FA Indicazioni per la prescrizione Cosa è necessario sapere e ricordare Dr. Moreno Marri 05/07/13 Fibrillazione atriale e ictus La FA è associata a un aumento di 5 volte

Dettagli

Nuove terapie cardiovascolari anticoagulanti. dr. Giuseppe Marazzi IRCCS San Raffaele - Roma

Nuove terapie cardiovascolari anticoagulanti. dr. Giuseppe Marazzi IRCCS San Raffaele - Roma Nuove terapie cardiovascolari anticoagulanti dr. Giuseppe Marazzi IRCCS San Raffaele - Roma LE ATTUALI INDICAZIONI CARDIACHE ALLA TERAPIA ANTICOAGULANTE ORALE La terapia è indicata per il trattamento e

Dettagli

Il paziente anziano. Niccolò Marchionni. SOD Cardiologia e Medicina Geriatrica, Università di Firenze e AOU Careggi

Il paziente anziano. Niccolò Marchionni. SOD Cardiologia e Medicina Geriatrica, Università di Firenze e AOU Careggi Sessione interattiva La scelta del NAO nella pratica clinica: "l'approccio per paziente" Il paziente anziano Niccolò Marchionni SOD Cardiologia e Medicina Geriatrica, Università di Firenze e AOU Careggi

Dettagli

Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV

Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV Come affrontare una rivascolarizzazione percutanea elettiva in paziente in terapia con NOAC per FANV Antonietta Ledda Cardiologia P.O. Cervello - Palermo 2 ottobre 2015 Tavola Rotonda NAO E CARDIOPATIA

Dettagli

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO

ICTUS CEREBRALE E RISCHIO EMORRAGICO GESTIONE DEI FARMACI ANTIAGGREGANTI E ANTICOAGULANTI IN SPECIFICI CONTESTI CLINICI Rimini 15 marzo 2011 Dipartimento Malattie Cardiovascolari U.O. Medicina Interna - Angiologia ICTUS CEREBRALE E RISCHIO

Dettagli

LA GESTIONE DEL PAZIENTE ANZIANO CON I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI

LA GESTIONE DEL PAZIENTE ANZIANO CON I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI LA GESTIONE DEL PAZIENTE ANZIANO CON I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI Focus on: La fibrillazione atriale ed i possibili cambiamenti nelle cure domiciliari indotti dall uso dei NAO 11 Congresso Nazionale CARD

Dettagli

HEART AND BRAIN SOUTH TYROL MEETING CARDIOVERSIONE ED ARITMOLOGIA INTERVENTISTICA: RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI. Massimiliano Maines

HEART AND BRAIN SOUTH TYROL MEETING CARDIOVERSIONE ED ARITMOLOGIA INTERVENTISTICA: RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI. Massimiliano Maines HEART AND BRAIN SOUTH TYROL MEETING CARDIOVERSIONE ED ARITMOLOGIA INTERVENTISTICA: RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI Massimiliano Maines Park Hotel Laurin - Bolzano, 14 novembre 2014 Nuovi anticoagulanti

Dettagli

33,5 milioni di persone affette da FA nel 2010

33,5 milioni di persone affette da FA nel 2010 TAVOLA ROTONDA La terapia con i Nuovi Anticoagulanti Orali: La gestione «sul campo» di una classe di farmaci innovativi I Prescrittori: Il Cardiologo Massimo Milli Cardiologia SMN Azienda Sanitaria di

Dettagli

Limiti e benefici dei NAO nel binomio cardiopatia ischemica e FANV. Maddalena Lettino Humanitas Research Hospital, Rozzano (MI)

Limiti e benefici dei NAO nel binomio cardiopatia ischemica e FANV. Maddalena Lettino Humanitas Research Hospital, Rozzano (MI) Limiti e benefici dei NAO nel binomio cardiopatia ischemica e FANV Maddalena Lettino Humanitas Research Hospital, Rozzano (MI) Disclosure Speaker fee: Astra Zeneca, BMS, Boehringer, Eli Lilly, Daichii

Dettagli

Dilemmi nell utilizzo dei DOA

Dilemmi nell utilizzo dei DOA Dilemmi nell utilizzo dei DOA Televoto e discussione interattiva Dott. Stefano Bardari Ospedale Civile Gorizia Azienda per l Assistenza Sanitaria n.2 Bassa Friulana-Isontina Dott. Massimo Zecchin Ospedale

Dettagli

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio

L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio L ambulatorio di sorveglianza delle terapie anticoagulanti come modello di integrazione tra clinica e laboratorio Dott. Tommaso Gristina UOS di Ematologia UOC di Patologia Clinica Direttore Dott.ssa S.

Dettagli

La terapia anticoagulante fra warfarin e nuovi anticoagulanti orali cosa fare?

La terapia anticoagulante fra warfarin e nuovi anticoagulanti orali cosa fare? Stefano Savonitto S.C. Cardiologia La terapia anticoagulante fra warfarin e nuovi anticoagulanti orali cosa fare? Estimates of numbers and prevalence of patients on VKA in Italy 2005 2008 N pts 702,052

Dettagli

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato

Statement. Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Confermato in più occasioni il profilo di efficacia e sicurezza di dabigatran etexilato Il British Medical Journal pubblica un articolo non equilibrato riguardante dabigatran Ingelheim, Germany, 23 luglio

Dettagli

1 Congresso Nazionale. Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova

1 Congresso Nazionale. Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova 1 Congresso Nazionale Vittorio Pengo Clinica Cardiologica Università di Padova Anticoagulants John W. Eikelboom, Circulation. 2010;121:1523 1532. Advantages using New Anticoagulants Rapid onset of action

Dettagli

Impariamo a conoscere i NAO analizzando i dati del mondo reale

Impariamo a conoscere i NAO analizzando i dati del mondo reale Impariamo a conoscere i NAO analizzando i dati del mondo reale Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller, 1 06081 -Assisi PG E-mail: verdec@tin.it

Dettagli

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come?

Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? Emorragia da farmaci anticoagulanti: reversal quando e come? R. Albisinni UOC Medicina Infettivologica e dei Trapianti Ospedale Monaldi Seconda Università di Napoli Introduzione La terapia anticoagulante

Dettagli

Fibrillazione Atriale e Rischio Cardioembolico --------------------- Terapia Anticoagulante Orale

Fibrillazione Atriale e Rischio Cardioembolico --------------------- Terapia Anticoagulante Orale Fibrillazione Atriale e Rischio Cardioembolico --------------------- Terapia Anticoagulante Orale prevalenza di FA (%) La prevalenza della FA aumenta con l età 9 8 7 9,0% 6 5 4 3 2 1 0 0,95% Popolazione

Dettagli

I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI MECCANISMO D AZIONE E FARMACOLOGIA

I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI MECCANISMO D AZIONE E FARMACOLOGIA I NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI MECCANISMO D AZIONE E FARMACOLOGIA SOPHIE TESTA CENTRO EMOSTASI E TROMBOSI LABORATORIO ANALISI CHIMICO-CLINICHE E MICROBIOLOGICHE Istituti Ospitalieri di Cremona FARMACI ANTICOAGULANTI

Dettagli

La gestione del rischio emorragico in paziente in terapia con NAO per FANV. Alessandro Carbonaro, MD

La gestione del rischio emorragico in paziente in terapia con NAO per FANV. Alessandro Carbonaro, MD La gestione del rischio emorragico in paziente in terapia con NAO per FANV Alessandro Carbonaro, MD Divisione di Cardiologia, Policlinico-Ferrarotto Catania Oral new anticoagulants - NAO Characteristics

Dettagli

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione

I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione I nuovi anticoagulanti orali nella fibrillazione atriale non valvolare: le linee guida per la prescrizione Anna Maria Marata Area Valutazione del Farmaco ASSR Regione Emilia Romagna 9 Dicembre 2013 October

Dettagli

SCHEDA FARMACO ELIQUIS 2,5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM CONFEZIONE DA 10, 20 E 60 CPR

SCHEDA FARMACO ELIQUIS 2,5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM CONFEZIONE DA 10, 20 E 60 CPR Principio attivo (nome commerciale) Forma farmaceutica e dosaggio, posologia, prezzo, regime di rimborsabilità, ditta Apixaban (Eliquis) SCHEDA FARMACO ELIQUIS 2,5 MG COMPRESSE RIVESTITE CON FILM CONFEZIONE

Dettagli

La pratica clinica extraospedaliera

La pratica clinica extraospedaliera La pratica clinica extraospedaliera Focus sui problemi aperti nella gestione territoriale del rischio TEV 1. Pazienti medici 2. Pazienti oncologici medici 3. Quale durata della profilassi nei pazienti

Dettagli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli

Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli I NUOVI FARMACI ANTICOAGULANTI Oltre alla fibrillazione atriale: SCA, embolia polmonare e HIT (argatroban) Federico Nardi SOC Cardiologia Ospedale Castelli Verbania NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI FIBRILLAZIONE

Dettagli

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne

sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne sembra una Anche qui sembra questione di sesso: Aspirina e donne The Women s Health Study Razionale per l uso di bassi dosaggi di aspirina nella prevenzione primaria Nella prevenzione secondaria delle

Dettagli

Appropriatezza prescrittiva degli anticoagulanti orali. G. Triolo. UOC di Medicina Interna P.O. Villa Sofia

Appropriatezza prescrittiva degli anticoagulanti orali. G. Triolo. UOC di Medicina Interna P.O. Villa Sofia Appropriatezza prescrittiva degli anticoagulanti orali G. Triolo UOC di Medicina Interna P.O. Villa Sofia Presentazione Trial Clinici e Linee Guida Stroke ischemico e FANV TEV Sindrome coronarica acuta

Dettagli

Sfruttiamo appieno tutte le potenzialità della nuova TAO nel paziente geriatrico? Condivisione dei risultati della Survey SIGG Niccolò Marchionni

Sfruttiamo appieno tutte le potenzialità della nuova TAO nel paziente geriatrico? Condivisione dei risultati della Survey SIGG Niccolò Marchionni Sfruttiamo appieno tutte le potenzialità della nuova TAO nel paziente geriatrico? Condivisione dei risultati della Survey SIGG Niccolò Marchionni Università di Firenze Azienda Ospedaliero-Universitaria

Dettagli

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante

La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante La gestione perioperatoria della terapia anticoagulante - antaggregante Con particolare riferimento all impianto di CIEDs Guido Rossetti S.C. Cardiologia A.S.O. S.Croce e Carle - Cuneo CHEST 2012 Raccomandazioni

Dettagli

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare

Dr. Simone Burocchi. Proge8o Formazione Avanzata in Cardiologia nel Web 2014 Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Scuola di Specializzazione in Mala/e dell Apparato Cardiovascolare Dire8ore Prof. Massimo Volpe Facoltà di Medicina e Psicologia, Università di Roma Sapienza Anno Accademico 2013-2014 Dr. Simone Burocchi

Dettagli

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO

Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Il Care Management infermieristico del paziente in terapia con NAO Dott.ssa Antonella Cocorocchio CPSI UOC PS-BO AO S. Giovanni Addolorata Roma Coordinatore Area Nursing Simeu Lazio Definizione Il care

Dettagli

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo

Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Le statine nell anziano. Quando usarle? Carlo M. Barbagallo Dipartimento di Medicina Interna e Specialistica (DI.BI.MI.S.) Università degli Studi di Palermo Popolazione Italiana 1950-2020: Giovani ed Anziani

Dettagli

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale

Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale Maggio 25 Dubbi, certezze e prospettive in tema di terapia anticoagulante orale L impiego degli anticoagulanti orali nei pazienti con cardiopatia ischemica Dott. Paolo Bellotti Savona Razionale alla base

Dettagli

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE

RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO E NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali Commissione Regionale del Farmaco (D.G.R. 1540/2006, 2129/2010 e 490/2011) Documento PTR n.189 relativo a RIVAROXABAN NEL TRATTAMENTO DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO

Dettagli

L incidenza della funzione renale nella progressione della malattia aterosclerotica

L incidenza della funzione renale nella progressione della malattia aterosclerotica PROGETTO NAZIONALE - FORMAZIONE ATTIVA CFC 2015 «Dalla macrosimulazione alla clinica» Perugia, 22/24 maggio 2015 L incidenza della funzione renale nella progressione della malattia aterosclerotica Agostino

Dettagli

La fibrillazione atriale in rosa

La fibrillazione atriale in rosa La fibrillazione atriale in rosa E proprio vero che le donne rischiano l ictus più degli uomini? Paolo Verdecchia, F.A.C.C., F.E.S.C., F.A.H.A. Hospital of Assisi Department of Medicine Via Valentin Müller,

Dettagli

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI)

Equivalenza degli antiaggreganti. STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Equivalenza degli antiaggreganti nelle SCA? STEMI: cosa scegliere dal domicilio al Cath Lab? Maddalena Lettino IRCCS Istituto Clinico Humanitas, Rozzano (MI) Lo studio PCI-CURE Lancet 2001; 358: 427

Dettagli

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico

Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Nuovi anticoagulanti orali: Indicazioni ed uso clinico Dr.ssa Elena Barban Dipartimento Medicina Interna VICENZA Farmaco anticoagulante ideale Somministrazione orale e buona biodisponibilità Azione rapida

Dettagli

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone

Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs. Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone Disposizioni regionali per l utilizzo dei farmaci NOAcs Dott. Fulvio Ferrante Coordinatore Area Farmaceutica Dipartimentale AUSL Frosinone LINEE DI INDIRIZZO SUL RUOLO DEI NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI (NAO)

Dettagli

IL NODULO ALLA MAMMELLA

IL NODULO ALLA MAMMELLA IL NODULO ALLA MAMMELLA SCUOLA REGIONALE DI FORMAZIONE SPECIFICA IN MEDICINA GENERALE 18.04.2012 Giancarlo Bisagni Dipartimento di Oncologia SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA AZIENDA OSPEDALIERA

Dettagli

Fa ore IXa Fa ore VIIIa

Fa ore IXa Fa ore VIIIa Obj102 Vi proponiamo questo articolo, pubblicato su CHEST, che è piuttosto inquietante. Non abbiamo le competenze per giudicarlo e lo stesso autore avvisa che è un opinione, non un articolo scientifico

Dettagli

Tabella 1. Giorni di sospensione richiesti per la chirurgia elettiva. Funzione renale (CrCL ml/min)

Tabella 1. Giorni di sospensione richiesti per la chirurgia elettiva. Funzione renale (CrCL ml/min) Indicazioni operative per la terapia con NAO Integrazione del documento regionale Linee Guida di indirizzo per l impiego dei NAO nella Regione Veneto di cui al Decreto n. 75 del 25 luglio 2013 Follow-up

Dettagli

NUOVI STUDI E PROSPETTIVE FUTURE: QUALI NOVITA ALL ORIZZONTE

NUOVI STUDI E PROSPETTIVE FUTURE: QUALI NOVITA ALL ORIZZONTE NUOVI STUDI E PROSPETTIVE FUTURE: QUALI NOVITA ALL ORIZZONTE C. Mazzone,, Azienda per l Assistenza Sanitaria n 1, Ospedale Maggiore, II Congresso Giuliano-Isontino-Bassa Friulana ANTICOAGULANTI ORALI DIRETTI

Dettagli

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ]

Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Report dei gruppi di lavoro >> [ Mieloma multiplo ] Relatore: M.T. PETRUCCI 27-28 ottobre 2008 Borgo S. Luigi Monteriggioni (Siena) Mieloma multiplo - Copyright FSE 1 Gruppo di lavoro 2 [ Mieloma multiplo]

Dettagli

5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico

5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico 5 Congresso Nazionale Federazione Italiana Tecnici di Laboratorio Biomedico Innovazione e Formazione nella Medicina di Laboratorio Sala Magna Complesso Monumentale dello Steri Palermo 2-4 Dicembre 2014

Dettagli

CON FIBRILLAZIONE ATRIALE

CON FIBRILLAZIONE ATRIALE LA GESTIONE DEL PAZIENTE CON FIBRILLAZIONE ATRIALE Convegno Associazione G. Dossetti Le Malattie Cardiovascolari : dalla Fase Acuta alla Prevenzione, l Accesso alle Terapie nell Era del Risanamento Economico

Dettagli

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi

S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare. Referente dr. Alessandro Filippi S.I.M.G. Società Italiana di Medicina Generale Area Cardiovascolare Referente dr. Alessandro Filippi Nuovi Anticoagulanti orali per la prevenzione di ictus ed embolia sistemica nella fibrillazione atriale

Dettagli

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari?

Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Quali farmaci antidolorifici utilizzare nell anziano con malattie cardiovascolari? Stefano Maria Zuccaro 12 GIUGNO 2015 18 marzo 2014 Cascata dell acido arachidonico CASCATA DELL ACIDO ARACHDONICO Il mismatch

Dettagli

NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI: STUDI CLINICI E QUESTIONI PRATICHE

NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI: STUDI CLINICI E QUESTIONI PRATICHE NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI: STUDI CLINICI E QUESTIONI PRATICHE TECLA MARCHESE Geriatria e Malattie metaboliche - Clinical Co-Investigator Diabetologia ASLTO5 ANTONIO FERRERO SC Cardiologia ASLTO5 - CdL

Dettagli

Terapia Anticoagulante

Terapia Anticoagulante Terapia Anticoagulante Terapia Trombosi arteriose Sindrome coronarica acuta Arteriopatie periferiche Altri distretti Embolia polmonare Trombosi venose profonde Profilassi Cardioembolismo Protesi valvolari

Dettagli

L utilizzo dei database amministrativi nelle attività di Horizon Scanning

L utilizzo dei database amministrativi nelle attività di Horizon Scanning L utilizzo dei database amministrativi nelle attività di Horizon Scanning Luca Demattè, Elisa Rossi, Elisa Cinconze Verona, 25 Ottobre 2014 1 Sommario 1. Health Technology Assessment e Real World Evidence

Dettagli

AIFA CONCEPT PAPER 26/09/2012

AIFA CONCEPT PAPER 26/09/2012 1 26/09/2012 2 AIFA CONCEPT PAPER 3 4 I nuovi anticoagulanti orali nella prevenzione di ictus e tromboembolismo sistemico in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare. Preparazione del Draft 10.08.2012

Dettagli

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza

Michele Bombelli Clinica Medica. Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza 21 marzo IV Sessione: Rischio Cardiovascolare e infezione da HIV Michele Bombelli Clinica Medica Università degli Studi Milano Bicocca Ospedale S.Gerardo, Monza Le nuove linee guida ACC/AHA sul trattamento

Dettagli

PERCHE I NAO. Dr. Botoni Marco Ottobre 2015

PERCHE I NAO. Dr. Botoni Marco Ottobre 2015 PERCHE I NAO Dr. Botoni Marco Ottobre 2015 FA e mortalità La FA è associata a un rischio aumentato di Ø mortalità per eventi ischemici cerebrovascolari Ø eventi cardiovascolari Ø scompenso cardiaco Studio

Dettagli

La terapia antitrombotica

La terapia antitrombotica 10 Marco La terapia antitrombotica Stramba-Badiale INTRODUZIONE Sebbene il riconoscimento dei fattori di rischio e l introduzione di misure preventive abbiano ridotto significativamente la mortalità dovuta

Dettagli

Prevenzione delle tromboembolie e utilizzazione dei nuovi farmaci Anticoagulanti.

Prevenzione delle tromboembolie e utilizzazione dei nuovi farmaci Anticoagulanti. SOUTH TYROL MEETING HEART AND BRAIN Seconda Edizione Prevenzione delle tromboembolie e utilizzazione dei nuovi farmaci Anticoagulanti. Dr. Alessio Coser S.C. Cardiologia Ospedale S. Chiara Trento SOUTH

Dettagli

LA RIDUZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE ATTRAVERSO UNA TERAPIA IPOLIPEMIZZANTE INTENSIVA

LA RIDUZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE ATTRAVERSO UNA TERAPIA IPOLIPEMIZZANTE INTENSIVA LA RIDUZIONE DEL RISCHIO CARDIOVASCOLARE ATTRAVERSO UNA TERAPIA IPOLIPEMIZZANTE INTENSIVA Enzo Manzato Servizio scientifico offerto alla classe medica da MSD Italia S.r.l 05-13-VYT-2011-IT-5484-SS Linee

Dettagli

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano

I lipidi nella alimentazione del bambino. Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano I lipidi nella alimentazione del bambino Carlo Agostoni Clinica Pediatrica, Ospedale San Paolo Università degli Studi di Milano ! I lipidi del latte materno: composizione e significato - acidi grassi -

Dettagli

Porta alla lisi successiva del coagulo

Porta alla lisi successiva del coagulo Nuovi anticoagulanti orali Mauro Miselli Il processo emostatico Risposta dell organismo ad una offesa interruzione di continuità dell endotelio Uno dei più efficaci meccanismi di auto- regolazione dell

Dettagli

Nuovi Anticoagulanti Orali

Nuovi Anticoagulanti Orali Nuovi Anticoagulanti Orali DABIGATRAN RIVAROXABAN APIXABAN (PRADAXA) (XARELTO) (EQUILIS) Meccanismo d azione Inibitore diretto Inibitore diretto Inibitore diretto F II (trombina) F Xa F Xa Via di somministrazione

Dettagli

CHI scoagulare? QUANDO scoagulare? I N.A.O. cambiano qualcosa? Dott. Favaro Andrea, Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Treviso anfavaro@ulss.tv.

CHI scoagulare? QUANDO scoagulare? I N.A.O. cambiano qualcosa? Dott. Favaro Andrea, Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Treviso anfavaro@ulss.tv. CHI scoagulare? QUANDO scoagulare? I N.A.O. cambiano qualcosa? Dott. Favaro Andrea, Pronto Soccorso e Medicina d Urgenza Treviso anfavaro@ulss.tv.it CHI (perché) scoagulare? + 5 volte rischio di stroke

Dettagli

Sindromi Coronariche Acute

Sindromi Coronariche Acute L importanza dei target e dell aderenza terapeutica Sindromi Coronariche Acute STEMI/NSTEMI alla luce delle nuove linee-guida Gian Piero Perna Dipartimento Scienze Cardiologiche Mediche e Chirurgiche Presidio

Dettagli

L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile

L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile L altra faccia della luna: la medicina declinata al femminile Malattia coronarica e donna: differenze di genere Garbagnate M.se 13 marzo 2010 Maddalena Lettino Fondazione IRCCS Policlinico S. Matteo, Pavia

Dettagli

Il ruolo dei nuovi NAO nella prevenzione del rischio stroke nelle donne. Grazia Panigada. Pistoia 21 marzo 15

Il ruolo dei nuovi NAO nella prevenzione del rischio stroke nelle donne. Grazia Panigada. Pistoia 21 marzo 15 Il ruolo dei nuovi NAO nella prevenzione del rischio stroke nelle donne Grazia Panigada Pistoia 21 marzo 15 Agenda Differenze di genere in: Fibrillazione atriale Rischio trombotico/emorragico NAO: vantaggi

Dettagli

Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA)

Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA) Documento informativo: un dispositivo medicoper la chiusura dell auricola atriale sinistra (LAA) Informazioni sul dispositivo medico La fibrillazione atriale (FA) in sé non è una patologia potenzialmente

Dettagli

Appunti di appropriatezza prescrittiva

Appunti di appropriatezza prescrittiva S.C. Farmaceutica Territoriale Appunti di appropriatezza prescrittiva Focus su: Nuovi Anticoagulanti Orali La fibrillazione atriale è la più comune causa di aritmia cardiaca cronica e predispone, i pazienti

Dettagli

Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica

Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica ACUTE KIDNEY INJURY (AKI): attualità e controversie Roma, 19 Maggio 2011 Il danno renale acuto nel paziente con nefropa1a cronica Giovanni Gambaro UOC Nefrologia e Dialisi Complesso Integrato Columbus-

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO E DEI CENTRI TROMBOSI NELLA GESTIONE E NEL GOVERNO CLINICO DELLE NUOVE TERAPIE ANTITROMBOTICHE

IL RUOLO DEL LABORATORIO E DEI CENTRI TROMBOSI NELLA GESTIONE E NEL GOVERNO CLINICO DELLE NUOVE TERAPIE ANTITROMBOTICHE IL RUOLO DEL LABORATORIO E DEI CENTRI TROMBOSI NELLA GESTIONE E NEL GOVERNO CLINICO DELLE NUOVE TERAPIE ANTITROMBOTICHE Sophie Testa Centro Emostasi e Trombosi Laboratorio Analisi Chimico Cliniche e Microbiologiche

Dettagli

Le regole attuali e future

Le regole attuali e future Pavia 13 Giugno 2014 Le regole attuali e future Gualtiero Palareti Professore di Malattie Cardiovascolari Università di Bologna Le indicazioni Pradaxa Indicazioni Ufficiali Prevenzione dell ictus e dell

Dettagli

NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI IN ATTESA DELLE DECISIONI DELL AIFA

NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI IN ATTESA DELLE DECISIONI DELL AIFA NUOVI ANTICOAGULANTI ORALI IN ATTESA DELLE DECISIONI DELL AIFA La lunga e contorta strada che porta alla definitiva introduzione dei nuovi anticoagulanti orali (NAO) nel nostro sistema sanitario nazionale

Dettagli

Nuove prospettive nelle terapie anticoagulanti

Nuove prospettive nelle terapie anticoagulanti Seminari del Venerdì Nuovi aspetti di clinica geriatrica Brescia, 22 Novembre 2013 Nuove prospettive nelle terapie anticoagulanti Angela Cassinadri Unità di Cure Subacute Dipartimento Medicina e Geriatria

Dettagli

Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti

Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti Gestione infermieristica dei pazienti trattati con i nuovi antiaggreganti e anticoagulanti Cinzia Delpiano S.C. Cardiologia Savigliano - ASL CN 1 L INFERMIERE: CHI E E DI COSA SI OCCUPA ALL INFERMIERE

Dettagli

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda

La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda La gestione dell urgenza cardiologica: il punto di vista del medico d urgenza Ivo Casagranda Key points: 1 Funzioni e organizzazione del PS 2 Position paper ANMCO SIMEU 3 Real world It is one thing to

Dettagli

Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida

Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida Management delle sindromi coronariche acute: i nuovi standard terapeutici nelle Linee Guida Ciro Indolfi, MD, FACC, FESC Division of Cardiology Magna Graecia University Catanzaro Centro di Riferimento

Dettagli

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag.

Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) Claudio Jommi @ Università del Piemonte Orientale, Economia e Regolazione del Farmaco pag. Budget Impact Analysis (claudio.jommi@pharm.unipmn.it) pag. 1 Confronto tra CEA e BIA La CEA stima i costi e l efficacia incrementali lifetime di una nuova terapia, rispetto ai trattamenti attualmente

Dettagli

Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo

Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo Arriva edoxaban il nuovo anticoagulante Daiichi Sankyo Contro fibrillazione atriale, ictus e Tromboembolismo venoso (TEV), in Italia arriva edoxaban, il nuovo anticoagulante orale Il 52 % dei pazienti

Dettagli

Linee guida ESC 2014 sulla fibrillazione atriale

Linee guida ESC 2014 sulla fibrillazione atriale Linee guida ESC 2014 sulla fibrillazione atriale Giovanni Vincenzo Gaudio Presidente Nazionale La fibrillazione atriale (FA) è l aritmia più comune nella popolazione, con una incidenza oscillante tra l

Dettagli

CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali

CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali CUORE, RENI E TROMBOSI: UN RAPPORTO A TRE La svolta dei nuovi anticoagulanti orali H. Matisse - La danza BARI, 6 MARZO 2015 Sala Convegni Ospedale San Paolo Razionale Scientifico Numerosi farmaci utilizzati

Dettagli

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0

Reportistica per la medicina generale. Rel. 2.0 Reportistica per la medicina generale Rel. 2.0 NEWS integrazione del report di spesa e consumi con indicatori di cura: A) politerapie concomitanti; B) terapia del dolore C) interazioni tra coppie di farmaci

Dettagli

Metanalisi a rete o network metaanalysis, un nuovo strumento di analisi delle evidenze. Esempi di applicazione

Metanalisi a rete o network metaanalysis, un nuovo strumento di analisi delle evidenze. Esempi di applicazione 8 Valeria Fadda, Dario Maratea, Doriana Passaro, Sabrina Trippoli Laboratorio SIFO di Farmacoeconomia valeria.fadda@hotmail.it Metanalisi a rete o network metaanalysis, un nuovo strumento di analisi delle

Dettagli

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement

Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement ITALIAN Newborn Upfront Payment & Newborn Supplement Female 1: Ormai manca poco al parto e devo pensare alla mia situazione economica. Ho sentito dire che il governo non sovvenziona più il Baby Bonus.

Dettagli

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici

CONGRESSO NAZIONALE. PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici CONGRESSO NAZIONALE 6-8 maggio Como- Hotel Palace PRONTO SOCCORSO e NUOVE FUNZIONI : innovazioni e vincoli economici TRAUMA CRANICO LIEVE E NUOVI E VECCHI ANTICOAGULANTI QUALI STRATEGIE? Dott. Lerza Roberto

Dettagli

Statine nella cardiopatia ischemica in monoterapia: perchè?

Statine nella cardiopatia ischemica in monoterapia: perchè? Santa Margherita Ligure 2 a Giornata Cardiologica del Tigullio 12 Febbraio, 212 Statine nella cardiopatia ischemica in monoterapia: perchè? Diego Ardissino La medicina delle evidenze scientifiche Medicina

Dettagli