SncNereIlfE'Nro E TELECOMUNICAZIONT Dr RFr (MTSTRAL)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SncNereIlfE'Nro E TELECOMUNICAZIONT Dr RFr (MTSTRAL)"

Transcript

1 DIREZIONI' TECNICA - DNSSO - PATC lni RFI DIREZIONE PRODUZIONE - INGENERIA DI MANUTENZÍONE DIREZIONE PRODUZTONE _ DIAGNOSTCA FOCLÌO 1di codi6ca, RFI TC PATC SR AV 02 R08 LINEE AVIAC SISTEMA DI COMANDO/CONTROLLO DELI-A MARCIA DEI TRENI ERTMS/ETCS 12 SPECIFICA DEI REQUISITI FUNZIONALI DELU. PIAT-IAFORMA PER IL MONITORAGGIO INTEGRATO DEI SISTEMI DI SncNereIlfE'Nro E TELECOMUNICAZIONT Dr RFr SU VALUTAZIONE AUTOMATICA DEI LOG (MTSTRAL) Data Elaborazione/ Esamc 16/07 / 12 Emìssione pet rrwg-dt"- n tcmine di le ge "RLTI FERR()\'I-\RIa ITILIÀN-\" si d*rà l, pópdeù di guesto dglmmto chc ron può cssere copiato, riprcdoto o coúmicrto scnra esplcila aùtoìizz.zi'úe

2 2 di 87 INDICE 1. PARTE I - INTRODUZIONE Premessa Scopo e Campo d applicazione Glossario Definizioni acronimi ed abbreviazioni Riferimenti documentali PARTE II - IL SISTEMA DI SEGNALAMENTO ERTMS/ETCS Descrizione generale del Sistema di Segnalamento Definizione del sistema ERTMS/ETCS Sottosistema di Terra Sottosistema di Bordo Rete GSM-R PARTE III - ARCHITETTURA DEL SISTEMA DI MONITORAGGIO Descrizione dei blocchi funzionali Il Sottosistema di acquisizione Il Sottosistema di decodifica Il Sottosistema di elaborazione e post-processing Il Sottosisistema automatico di valutazione e interpretazione degli eventi PARTE IV REQUISITI FUNZIONALI DEL SISTEMA DI ACQUISIZIONE Individuazione delle interfacce da monitorare Interfaccia RBC(CFM)-MSC Interfaccia MSC-BSC (interfaccia A) Interfacce CORE rete GSM-R Interfaccia BSC-BTS (interfaccia Abis) Interfaccia BSC-SGSN (interfaccia Gb) Interfaccia RBC-IXL Interfaccia RBC-RBC Interfaccia IXL-IXL (interfaccia PVS) Interfaccia EVC(CFM)-MT Interfaccia EVC-JRU/DIS Interfaccia EVC-DMI Interfaccia EVC-BTM Interfaccia EVC-LdV Tipologia delle informazioni da acquisire sulle interfacce monitorate Messaggi radio - Livello applicativo (Log ERTMS/ETCS di terra e di bordo) Messaggi (frame) HDLC - Layer 2 (Log Euroradio di terra e di bordo) Primitive di servizio ISDN (Log ISDN) Relazioni RBC-IXL - Livello applicativo (Log trame RBC-IXL) Messaggi RBC-RBC Livello applicativo (Log Handover RBC) Relazioni IXL-IXL Livello applicativo (Log PVS) Messaggi EVC-JRU/DIS... 35

3 3 di PARTE V REQUISITI FUNZIONALI DEL SISTEMA DI DECODIFICA Decodifica delle informazioni del Sottosistema di Segnalamento di Terra e di Bordo Decodifica traffico dati RBC-MSC e generazione dei file di log Decodifica traffico dati RBC-RBC e generazione dei file di log Decodifica traffico dati RBC-IXL e generazione dei file di log Decodifica traffico dati IXL-IXL e generazione dei file di log Decodifica traffico dati EVC-MT e generazione dei file di log Decodifica delle informazioni del Sottosistema GSM-R Decodifica traffico MSC-HLR Decodifica traffico MSC-MSC Decodifica traffico MSC-BSC Decodifica traffico BSC-BTS Decodifica traffico BSC-SGSN PARTE VI REQUISITI FUNZIONALI DEL SISTEMA DI ELABORAZIONE E DI POST-PROCESSING Gestione dati di input Importazione dati rete GSM-R Importazione dati da Piano Schematico ERTMS Importazione dati di configurazione e di attrezzaggio Importazione dati provenienti dal Sottosistema di Terra Importazione dati provenienti dal Sottosistema di Bordo Sincronizzazione oraria dati di input Importazione dati dal Portale Diagnostico di RFI Elaborazione dati Elaborazione Dati ETCS Elaborazione Dati di impianto Elaborazione Dati di esercizio Elaborazione Indicatori di Performance (KPI) rete GSM-R Gestione dati di output PARTE VII REQUISITI FUNZIONALI DEL SISTEMA AUTOMATICO DI VALUTAZIONE E INTERPRETAZIONE DEGLI EVENTI Pre-requisiti del sistema Valutazione automatica conformità funzionale PARTE VIII REQUISITI HW E SW DELLA PIATTAFORMA INTEGRATA Requisiti dei Sottosistemi di acquisizione e decodifica Configurazione delle sonde di monitoraggio Non intrusività Scalabilità Ridondanze Diagnostica Aggiornamento SW-FW Requisiti del Sottosistema di elaborazione... 64

4 4 di Ridondanze Aggiornamento SW-FW Requisiti del Sottosistema di archiviazione dati Scalabilità Ridondanze Diagnostica Requisiti del sistema di alimentazione Diagnostica PARTE IX REQUISITI INTERFACCIA UTENTE Gestione Accesso al sistema Gestione degli utenti Abilitazione funzionalità di amministratore Abilitazione funzionalità di Supervisore Impostazioni di visualizzazione Filtri di ricerca Visualizzazione dello stato di funzionamento della rete Reporting Elaborazioni trend e statistiche Replay delle corse treno Elaborazioni grafici Gestione stampe Allarmistica e diagnostica Configurazione soglie di allarme... 87

5 5 di PARTE I - INTRODUZIONE 1.1. Premessa Questo documento descrive i requisiti della piattaforma di Monitoraggio Integrato delle informazioni trasportate dall infrastruttura del Sistema di Segnalamento e Telecomunicazioni interoperabile europeo ERTMS/ETCS applicato sulle linee di RFI e basato sulla valutazione Automatica dei file di Log, di seguito indicata come MISTRAL. Il sistema di monitoraggio deve essere in grado di acquisire e decodificare le informazioni che transitano rispettivamente nelle comunicazioni tra i Sottosistemi di Distanziamento Treni, Gestione della Via, Sottosistema di Bordo e Telecomunicazioni. In questa prima fase si focalizzerà l attenzione sul solo sistema Alta Velocità-Alta Capacità (AV/AC) e successivamente questo progetto attraverso la sua scalabilità ed espansione dovrà permettere di avere a disposizione le informazioni di diagnostica anche relativamente alla rete storica Scopo e Campo d applicazione RFI ha adottato, il sistema ERTMS/ETCS (European Rail Traffic Management System/European Train Control System) di Livello 2, sulle linee AV/AC, per assicurare interoperabilità sulla rete europea e garantire la circolazione in sicurezza. Lo standard ERTMS/ETCS, definisce le modalità di scambio delle informazioni di segnalamento tra gli impianti a terra e le apparecchiature di bordo dei treni. Il sistema di comunicazione adottato sulle linee AV/AC, è costituito principalmente da due sottosistemi: la rete GSM-R la rete TLC-LD (Lunga Distanza) basata su tecnologia SDH Nell ottica di assicurare i servizi di circolazione, ed il mantenimento in efficienza dell infrastruttura, RFI ha l esigenza di dotarsi di sistemi che permettano di analizzare e diagnosticare possibili criticità

6 6 di 87 o anomalie su più componenti possibili, costituenti l infrastruttura stessa, in maniera indipendente rispetto agli strumenti dei fornitori. Il sistema MISTRAL, in particolare, è chiamato a svolgere, nell ambito delle linee nazionali AV/AC, le funzioni di decodifica, monitoraggio, elaborazione archiviazione delle informazioni trasportate dall infrastruttura del nuovo Sistema di radiosegnalamento ERTMS/ETCS, a scopo diagnostico e manutentivo, con l obiettivo di supportare gli operatori preposti a tali attività. La piattaforma MISTRAL deve realizzare un Registrazione Cronologica Eventi (RCE), come da Specifica Generale del Sistema di Segnalamento AV [R1] (v. par. 3.11); per poter garantire l indipendenza, e conseguentemente la validità legale dei dati, questi è necessario siano forniti da imprese distinte da quelle fornitrici dei sistemi monitorati. La presente specifica è applicabile su tutte le tratte nazionali della Linea AV/AC italiana: Tratta AV/AC Torino-Milano (in esercizio Commerciale); Tratta AV/AC Milano-Bologna (in esercizio Commerciale); Tratta AV/AC Bologna-Firenze (in esercizio Commerciale); Tratta AV/AC Roma-Napoli (in esercizio Commerciale) Glossario A Abis Interfaccia tra MSC e BSC. Interfaccia tra la BTS e BSC. Generalmente portata da un DS-1, ES-1, o E1 circuito TDM. Utilizza sottocanali TDM per il traffico (TCH), il protocollo LAPD BTS per la supervisione e delle telecomunicazioni di segnalazione, e porta sincronizzazione dal BSC al BTS e MS. ACC Sistema elettronico di controllo e gestione di tutti gli enti di stazione che permettono la circolazione con i massimi requisiti di sicurezza dei convogli ferroviari all'interno di una stazione.

7 7 di 87 BSC BSIC BSSGP BTS BLOCCO CANALE B CFM CONFIGURAZIONE DISPONIBILITÀ EUROPEAN RAILWAY TRAFFIC MANAGEMENT SYSTEM (ERTMS) Elemento di controllo di un gruppo di BTS in un livello di gerarchia intermedio tra le BTS e l'msc per la gestione dell'handover e del roaminggestione di tutti i parametri di configurazione della rete e dei suoi allarmi. Interfaccia tra MSC e BTS. Implementa lo stack dei protocolli di livello 3 dello standard GSM tra cui la gestione del setup della chiamata e di tutte le procedure di riallocazione ad esse legate tra cui gli handover. Gestisce e alloc le risorse aria (canali radio) e terrestri (canali su cavo). Raccoglie i dati relativi alle performance della rete. Codice di identificazione univoco di una stazione radiobase Protocollo che fornisce informazioni relativa alla qualità del servizio ed il routing. Stazione radio base :indica il sottosistema di ricetrasmissione di un segnale radio dotato di antenna ricetrasmittente che serve i terminali mobili di utente coprendo una determinata area geografica detta cella radio Metodo che consente di realizzare la separazione tra treni suddividendo la linea in sezioni. In ciascuna sezione non può essere presente più di un treno. Canale dati delle linee ISDN. Ogni connessione ISDN possiede due canali B in cui transitano i dati a velocità pari a 64 Kbit/sec e un canale D da 16 Kbit/sec utilizzato per la segnalazione e il controllo. Modulo di comunicazione che implementa i servizi relativi ai livelli di Trasporto (Layer 4), Rete (Layer 3) e Data Link (Layer 2) dello stack protocollare OSI nelle le reti fisse e radio mobili GSM a commutazione di circuito. Corretta integrazione tra HW e SW che consente al modulo di svolgere la funzione attesa. Capacità di un dispositivo di mantenere inalterate nel tempo le funzioni e i requisiti richiesti nelle condizioni di funzionamento previste. L ERTMS è un sistema costituito da tutti i dispositivi di bordo e di terra necessari per supervisionare e controllare, in tempo reale, la marcia del treno nel rispetto delle condizioni del traffico in funzione dell appropriato livello di applicazione.

8 8 di 87 END OF AUTHORITY ETCS EURORADIO EVC Gb GIS GPRS GSM-R HANDOVER Punto fino al quale al treno è concesso di muoversi e dove la velocità permessa è uguale zero. Sistema di gestione, controllo e protezione del traffico ferroviario e relativo segnalamento a bordo, progettato allo scopo di sostituire i molteplici e tra loro incompatibili sistemi di circolazione e sicurezza delle varie Ferrovie Europee allo scopo di garantire l'interoperabilità dei treni soprattutto sulle nuove reti ferroviarie europee ad Alta velocità. Protocollo impiegato dal sistema ERTMS/ETCS per la trasmissione in sicurezza dei dati attraverso la rete radiomobile GSM-R Computer Vitale di Bordo Interfaccia tra BSC e SGSN (Core Network GPRS) Sistema per la gestione di dati su mappe Sistema cellulare per il trasferimento dati a commutazione di pacchetto GSM-Railway standard internazionale di telefonia mobile per le comunicazioni ferroviarie. Usato principalmente per le comunicazioni fra treni e centri di controllo, è una parte dell'ertms (European Rail Traffic Management System). Procedura per cui un terminale mobile cambia il canale (timeslot) che sta utilizzando durante una comunicazione, mantenendo attiva la comunicazione stessa. Puo essere intracell o tra celle adiacenti. HDLC Protocollo di rete del livello data link (layer 2) HLR IMSI IP Database che contiene i dati identificativi degli utenti GSM Numerazione univoca memorizzata nella SIM associata a tutti gli utenti di telefonia mobile Protocollo di rete appartenente alla suite di protocolli Internet TCP/IP su cui è basato il funzionamento della rete Internet

9 9 di 87 ISDN LA LAC LINGUAGGIO (ERTMS/ETCS) LIVELLO 2 MAP MODALITÀ FULL SUPERVISION MODALITÀ ON SIGHT MODALITÀ STAFF RESPONSIBLE MOVEMENT AUTHORITY MSC MT Rete digitale che dà supporto a molti servizi di voce e dati. La definizione tecnica dell'isdn, che investe diverse componenti delle reti, risale alle raccomandazioni ITU-T della serie I del 1984 e comprende numerose altre pubblicazioni dello stesso ITU-T e dell'etsi (European Telecommunications Standard Institute) fatte negli anni successivi. Set di Stazioni Radio Base che condividono un medesimo BSC Codice identificativo di una area di localizzazione Regole di composizione dei messaggi che consentono la trasmissione e l interpretazione dei dati contenuti. Un livello ERTMS/ETCS che utilizza la radio per inviare un autorizzazione al movimento al treno e che usa sistemi/dispositivi convenzionali per avere informazioni sulla presenza di un treno in linea. Protocollo della suite SS7 Modalità ERTMS/ETCS che consente la protezione completa nei confronti dei limiti di velocità e di spazio. Modalità ERTMS/ETCS che dà al Personale di Condotta (PdC) completa responsabilità per il controllo del treno. Il sistema limita la velocità poiché il treno può entrare in una sezione di binario che potrebbe essere occupata. Modalità ERTMS/ETCS che consente al Personale di Condotta (PdC) di avere la piena responsabilità del movimento del treno in un'area attrezzata ERTMS. È impostato un limite massimo di velocità. Permesso concesso ad un treno di marciare fino ad una specifica posizione tenendo in considerazione i limiti dovuti alle infrastrutture. Elemento della rete di telefonia mobile GSM che interfaccia il controller della stessa con i Base Station Controller (BSC) con finalità di commutazione da e verso le altre reti di telecomunicazioni fisse quali rete telefonica (PSTN Public Switching Telephone Network) e rete dati (PDN Public Data Network) Mobile terminal terminale mobile

10 10 di 87 PUNTO DI RIFERIMENTO RADIO BLOCK CENTRE REC RIDONDANZA SCCP SEGNALE VIRTUALE DI PROTEZIONE SDCCH SEZIONE SGSN SMS Punto informativo utilizzato per l aggiornamento della posizione del treno e per correggere errori di odometria. Un sistema sicuro centralizzato che opera insieme ai sistemi interlocking per svolgere le funzioni di distanziamento. Riceve dal treno informazioni di localizzazione e restituisce le autorizzazioni al movimento via radio. (Railway Emergency Call) - Chiamata di emergenza ferroviaria REC è una chiamata di gruppo riservata alle urgenze. Ha una priorità maggiore rispetto alle altre chiamate VGCS Il metodo di utilizzare uno o più elementi addizionali, normalmente identici, per raggiungere e mantenere la disponibilità richiesta nel caso in cui uno o più elementi si trovino in condizioni di guasto. Protocollo di routing Segnale virtuale principale posto idealmente a protezione di una zona scambi. Immettente in stazione. Canale di controllo dedicato GSM Una parte della autorizzazione al movimento corrispondente ad uno o più circuiti di binario. Componente principale della rete GPRS che gestisce tutti i pacchetti all interno della stessa Servizio di invio brevi messaggi di testo su rete GSM SNDCP Parte del protocollo di specifiche GPRS layer 3 TCAP TCH TRANSMISSIONE TERRA-TRENO TRASMISSIONE TRENO-TERRA TRX Protocollo della suite SS7 Canale di traffico La trasmissione di messaggi da dispositivi fissi (vicino o no al binario) al treno. Sono trasmissioni terra-treno quelle da RBC e da balise. Trasmissione di messaggi dal treno verso dispositivi di terra (vicini o non vicini al binario). Unità di ricezione e trasmissione.

11 11 di 87 VALIDAZIONE VBS VGCS V.110 Conferma, in seguito a verifica, che un particolare requisito da utilizzare per un determinato processo è stato rispettato. Servizio di trasmissione voce in broadcast VBS è una chiamata di gruppo broadcast: è simile ad una chiamata VGCS, ma solo chi inizia la chiamata può parlare. Questa funzionalità è tipicamente usata per diramare avvisi. Chiamata di gruppo La funzionalità VGCS consente ad un gran numero di utenti di partecipare alla stessa telefonata, dove però si parla uno alla volta. Si tratta di una funzione simile a quella offerta dal Push-to-talk in modalità PMR (Private Mobile Radio). Il vantaggio principale rispetto alle chiamate conferenza è l'efficienza spettrale: durante una chiamata VGCS solo il parlante dispone di una coppia di canali (per ricezione e trasmissione) a lui dedicata, mentre tutti gli altri utenti ascoltano attraverso un unico canale in ricezione (nelle chiamate conferenza ogni utente dispone di una coppia di canali). Protocollo dati per reti ISDN che permette di gestire piu' di un flusso dati sullo stesso canale B

12 12 di Definizioni acronimi ed abbreviazioni ACC AIS ATC AV/AC BSIC BSC BSS BSSGP BTS BTM CdB CENELEC CFM DCO DIS DM DOTE EoA ERTMS ETCS EVC FFFIS Apparato Centrale Computerizzato Alarm Indication Signal Automatic Train Control Alta Velocità/Alta Capacità Base Station Identity Code Base Station Controller Base Station System Base Statino Sistem GPRS Protocol Base Transceiver Station Balise Transmission Module Circuito di binario Comité Européen de Normalisation Electrotechnique Communication Fuctional Module Dirigente Centrale Operativo Driver Information System Dirigente Movimento Dirigente Operativo Trazione Elettrica End of Movement Authority European Rail Traffic Management System European Train Control System European Vital Computer Form Fit Functional Interface Specification

13 13 di 87 FIS GdV GIS GPRS GSM-R HDLC HLR HMI IMSI IP ISDN ISO ITU IXL JRU LA LAC LAPB LdV LOS LOF MA MAP Functional Interface Specification Gestione della Via Geographic Information System General Packet Radio Service Global System Mobile Railways High level Data Link Layer Control Home Location Register Human Machine Interface International Mobile Subscriber Identity Internet protocol Integrated Services Digital Network International Organisation for Standardisation International Telecommunication Union Interlocking Juridical Recorder Unit Location Area Location Area Code Link Access Procedure - Balanced Logica di Veicolo Loss Of Signal Loss of Frame Movement Authority Mobile Application Part

14 14 di 87 MSC MT NIA NMS MSC NVC NVP OMC-R OMC-S OSI PC PCS PdC PI PK PdR PdS PJ PM PP PT PVB PVS Mobile Switching Centre Mobile Terminal Network Interface Adapter Network Management System Mobile-service Switching Centre Nucleo Vitale Centrale Nucleo Vitale Periferico Operation Maintenance Controller rete BSS GSM-R Operation Maintenance Controller rete NSS GSM-R Open System Interconnection Posto di Comunicazione Posto Centrale Satellite Personale di Condotta Punto Informativo Progressiva Kilometrica Posto di Rilevamento (Boccole calde) Posto di Servizio Posto di Interconnessione Posto di Manovra o di Movimento Posto Periferico Posto Tecnologico Posto Verifica Boccole Protocollo Vitale Standard

15 15 di 87 QL RAI RBC RCE REC RTB SCC SCCP SDCCH SG SGSN SMS SNDCP SS AV SSB SST TCAP TCH TLC-LD VBS VGCS Quadro Luminoso Remote Alarm Indication Radio Block Centre Registratore Cronologico Eventi Railway Emergency Call Rilevamento Temperatura Boccole Sistema di Comando e Controllo Signaling Connection Control Part Stand Alone Dedicated Control Channel Sistema di Gestione Serving GPRS Support Node Short Message Service Sub Network Dependent Convergence Protocol Sistema di Segnalamento Alta Velocità Sottosistema di Bordo Sottosistema di Terra Transaction Capabilities Application Part Traffic Channel Telecomunicazione - Lunga Distanza Voice Broadcast Service Voice Group Call Service

16 16 di Riferimenti documentali Titolo Codifica Vers. Data [R1] Linea AV/AC Milano-Firenze - Specifica Generale del Sistema di Segnalamento AV RFI TC PATC SR AV 01 DD0 B 15/03/07 [R2] Protocollo Vitale Standard (PVS) RFI DTC DNS SS RT IS D 15/05/11 [R3] Protocollo Vitale Orizzontale RFI RFI DTC DNS SS SR IS A 15/05/11 [R4] Analisi di sicurezza Relazioni all interfaccia SST-SST ai fini del ChangeOver [R5] Schema V424 Linea AV/AC Milano - Firenze. Condizioni Logiche d interfaccia dell ACC-M verso RBC [R6] Schema di riferimento per lo sviluppo delle logiche ACC - Variante al V401 REG e V401 SAV ed.06/04 [R7] Appendici agli schemi V401 e V402 - Edizione provvisoria [R8] Specifica dei requisiti funzionali per Handover di RBC senza comunicazione all interfaccia RBC-RBC RFI TC CSC RR RA A 02/05/12 RFI DTC DNS SS IM SP IS A 03/06/08 RFI/DTC/DNS.SS.IM/009/041 09/03/07 RE/ST.IE.COA/009/470 04/05/98 RFI TC PATC SR AV 02 R07 B 29/02/12 [R9] ERTMS/ETCS Class 1 - SRS Subset d 11/04/08 [R10] FIS for the RBC/RBC Handover Subset [R11] Euroradio FIS Subset /10/06 [R12] GSM-R Interfaces Class 1 Requirements [R13] ERTMS/ETCS Class 1 Safe Communication Interface [R14] FFFIS Juridical Recorder-Downloading tool [R15] UIC - EIRENE European Integrated Railway Radio Enhanced Network FRS [R16] UIC - EIRENE European Integrated Railway Radio Enhanced Network SRS [R17] CENELEC - Safety Related Communication in Open Transmission Systems Subset /10/05 Subset /05/07 Subset /04/09 P0028D /02/12 P0028D /02/12 EN

17 17 di 87 [R18] Tratta Roma-Napoli - FFFIS RBC-IXL Application Layer [R19] Tratta Torino-Milano - FFFIS RBC-IXL Application Layer [R20] Tratta Milano-Bologna - FFFIS SDT-IXL Application Layer [R21] Tratta Bologna-Firenze - SRS Volume 2 - FFFIS SDT-GDV Application Layer A10400CI1SPIT0000A61 A20129CF21RIS0000A03 A10160BE11RIS0000A10 A10211CFSP1IS0000R08 E B C F [R22] Tratta Bologna-Firenze - Specifica dei Requisiti di Sistema / Volume 2 Sottosistema Distanziamento Treni (SDT) [R23] ISDN; Primary rate user-network interface; Layer 1 specification and test principles [R24] ISDN; User-network interface layer 3; Specification for basic call control [R25] Integrated Services Digital Network (ISDN); User-network interface data link layer specification; Application of CCITT Recommendations Q.920/I.440 and Q.921/I.441 [R26] Phisical and electrical characteristics of hierarchical digital interfaces. Recommendation G.703 [R27] Interface between Data Terminal Equipment (DTE) and Data Circuit-terminating Equipment (DCE) for terminals operating in the packet mode and connected to public data networks by dedicated circuit [R28] Information Technology OSI - Protocol for providing the OSI connection-mode transport service Rs_T_A B 14/05/10 ETS ETS ETS ITU-T G ITU-T X ITU-T X [R29] Network-independent basic transport service for telematic services ITU-T T [R30] HDLC procedures; Frame structure ISO/IEC [R31] HDLC procedures; Elements of Procedures ISO/IEC [R32] HDLC procedures; Classes of Procedures ISO/IEC

18 18 di 87 [R33] Description of the X.25 LAPBcompatible DTE data link procedure [R34] FSFB/2 PC Software Requirements Specification [R35] Registratore Cronologico di Eventi (RCE) 24 o 48 Ingressi ISO/IEC X302SXXSW /09/05 RFI TCSSTB ST IS C 08/10/04 [R36] Radio Transmission FFFIS for EuroRadio A 11 T /09/03 [R37] Profibus Standard EN [R38] Electronic Railway Equipment - Train Communication Network - Part 3-1: MVB - Multipurpose Vehicle Bus [R39] General Packet Radio Service (GPRS) 3GPP TS IEC /06/12 [R40] FIS for the Man-Machine Interface SUBSET /03/00 [R41] SRS AV Sottosistema di bordo Allegato 14 Dati TRU RFI TC PATC SR AV 03 M77 A 20/09/07 [R42] Interface 'K' Specification SUBSET /10/05 [R43] Specifica dei requisiti funzionali per il Registratore Cronologico di Eventi di Condotta su supporto informatico RFI DTC CSI SR OR B 11/02/08 [R44] Sistema Informativo Di Condotta (DIS) /05/08 [R45] Specifica dei Requisiti di Sistema SCMT - Definizione dei port MVB per il traffico dati di STB [R46] Intra Domain of Radio Acces Network (RAN) nodes to multiple Core Network (CN) nodes RFI TC.PATC SR CM 03 M01 B 15/10/07 3GPP TS /2010 [R47] SRS ERTMS Vol.1 RFI DI TC PATC SR AV 01 D02 B 21/03/02 [R48] SRS ERTMS Vol.3 RFI RFI TC.PATC SR AV 03 M72 B [R49] SRS SCMT Vol.1 RFI RFI TC.PATC SR IS 13 D21 A01 [R50] SRS SCMT Vol.3 RFI RFI TC.PATC SR CM 03 M 67

19 19 di PARTE II - IL SISTEMA DI SEGNALAMENTO ERTMS/ETCS 2.1. Descrizione generale del Sistema di Segnalamento Il sistema di Segnalamento è costituito da un insieme di moduli funzionali che, in relazione tra loro e con altri sistemi esterni, governano le funzioni di apparato e di distanziamento treni. Nel seguito della trattazione verranno utilizzate le seguenti definizioni: MODULO funzionale: è un insieme di azioni che concorrono a rispettare la missione data. MISSIONE: è l'obiettivo del modulo funzionale. DISPOSITIVO funzionale: è il soggetto elementare che esegue l'azione o il controllo (può essere un dispositivo fisico, logico, regolamentare, ). FUNZIONE: è la singola azione svolta dal modulo funzionale. Altri sistemi (alimentazioni, infrastruttura, ) Sistemi di controllo centralizzato della Circolazione A - Sistema di segnalamento (comando e controllo della marcia dei treni) D - Sottosistema di gestione del distanziamento C - Sottosistema di gestione delle comunicazioni B - Sottosistema di gestione della via Figura 1 - Sistema di segnalamento ERTMS

20 20 di 87 MODULI funzionali: A. Sottosistema di Distanziamento Treni (comando e controllo della marcia dei treni) Missione: è il sistema che nel suo complesso ha il compito di consentire la marcia dei treni in sicurezza. B. Sottosistema di Gestione della Via Missione: è il sottosistema che ha il compito di comandare e controllare gli enti in linea e nei posti di servizio in modo da assicurare la disponibilità via. Funzioni di: gestione dei comandi da operatore gestione della visualizzazione comando di dispositivi controllo di dispositivi bloccamento e liberazione di dispositivi o di stati di processo superamento di condizioni degradate diagnostica e gestione della manutenzione relazione con altri sottosistemi registrazione cronologica degli eventi Dispositivi funzionali gestiti manovra/controllo deviatoi segnalamento rilevamento della libertà/occupazione dei circuiti di binario rilevamento della temperatura delle boccole interfaccia operatore registratore cronologico di eventi C. Sottosistema di Gestione delle Comunicazioni Missione: realizza le comunicazioni tra i vari sottosistemi. D. Sottosistema di Gestione del Distanziamento e della Protezione della marcia del treno

21 21 di 87 Missione: è il sottosistema che ha il compito di garantire la separazione tra i treni nel rispetto delle limitazioni imposte dall'infrastruttura e dal materiale rotabile. Funzioni di: generazione delle informazioni di distanziamento generazione delle informazioni relative alle caratteristiche dell infrastruttura gestione dei rallentamenti gestione dei comandi da operatore visualizzazione del processo superamento di condizioni degradate diagnostica e gestione della manutenzione train location emergenza controllo della marcia del treno registrazione cronologica degli eventi relazione con altri sottosistemi Dispositivi funzionali: riferimenti di spazio per la localizzazione del treno interfaccia operatore rilevamento presenza rotabili piattaforma odometrica registratore cronologico di eventi interfaccia treno

22 22 di Definizione del sistema ERTMS/ETCS ERTMS/ETCS Livello 2 è un sistema di controllo automatico della marcia dei treni, basato sullo scambio di messaggi tra terra e treno e viceversa, attraverso la rete GSM-R dedicata al sistema AV. Il supporto continuo del GSM-R è utilizzato per le informazioni di controllo e protezione, mentre un supporto discontinuo, rappresentato dalle boe Eurobalise, è dedicato alla funzione di localizzazione del treno ed alla trasmissione di eventuali informazioni aggiuntive relative a punti caratteristici della linea Sottosistema di Terra Il SST genera le informazioni necessarie alla marcia del treno e le trasmette, in sicurezza, sotto forma di Autorizzazioni al Movimento (MA), al treno stesso. La logica di attribuzione delle MA (con funzione di Blocco) è realizzata tramite le informazioni acquisite in sicurezza dagli impianti di terra del sistema di gestione della via, relative alla libertà della via (circuiti di binario, orientamento del senso di marcia, disponibilità degli itinerari nei Posti di Servizio, ecc.) ed ai controlli provenienti da sistemi diversi (RTB, ecc.) in riferimento a determinati punti della linea individuati da apparecchiature Eurobalise. Il Sottosistema di Terra che gestisce le funzioni di blocco centralizzato, è definito come Radio Block Centre (RBC). Oltre alla gestione delle MA, il RBC elabora e fornisce ai treni tutti i dati necessari alla loro marcia in sicurezza: profili statici di velocità, pendenze, rallentamenti, ecc.. Il RBC controlla individualmente ogni singolo treno circolante nella sua giurisdizione, attraverso l identificativo ERTMS/ETCS del Sottosistema di Bordo installato sulla motrice (cabina) di testa del treno. Il RBC gestisce il passaggio di un treno dalla sua giurisdizione a quella di un altro RBC, cui è collegato per lo scambio di informazioni necessarie alla circolazione del treno nella zona di confine Sottosistema di Bordo ERTMS/ETCS Livello 2 fornisce, con l apparecchiatura del SSB, un controllo continuo della velocità del treno ed una protezione contro il superamento dei limiti delle Autorizzazioni al Movimento, sulla base dei seguenti principi: lettura, da parte del treno, delle boe (Eurobalise) poste lungo linea e successivo invio della propria posizione al RBC; trasmissione da parte del RBC, al treno, delle MA in relazione alla posizione del treno rispetto alle suddette boe;

Direzione Tecnica Codifica: RFI TC PATC SR AV 02 R06 00

Direzione Tecnica Codifica: RFI TC PATC SR AV 02 R06 00 2 di 83 INDICE 1 INTRODUZIONE...5 1.1 OGGETTO E SCOPO DEL DOCUMENTO...5 1.2 CAMPO DI APPLICAZIONE...5 1.3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...5 1.4 NORME DI RIFERIMENTO...6 1.5 TERMINOLOGIA, ABBREVIAZIONI E ACRONIMI...7

Dettagli

TRASPORTI FERROVIARI PARTE B

TRASPORTI FERROVIARI PARTE B Facoltà di Ingegneria - Università di Pisa Anno Accademico: 2010/11 CORSO DI TECNICA ED ECONOMIA DEI TRASPORTI Docente: Marino Lupi TRASPORTI FERROVIARI PARTE B 1 IL SEGNALAMENTO EUROPEO ERTMS/ETCS All

Dettagli

2 Architettura logica

2 Architettura logica 2 Architettura logica Come accennato precedentemente, il GPRS è stato progettato in modo da riutilizzare il più possibile gli elementi delle reti GSM esistenti; in particolare, per le chiamate vocali o

Dettagli

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA

FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA FERROVIA TRENTO MALÈ MARILLEVA L'ESPERIENZA DI UNA FERROVIA LOCALE NELL'IMPLEMENTAZIONE DI SISTEMI INNOVATIVI DI SEGNALAMENTO FERROVIARIO (ACC-M, ATP E CENTRALIZZAZIONE PL DI LINEA) Roma, 2 ottobre 2015

Dettagli

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma

L ambiente mobile. Ing. Gianfranco Pontevolpe. Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Programma L ambiente mobile Ing. Gianfranco Pontevolpe Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Programma I sistemi cellulari Lo standard GSM I problemi di sicurezza del GSM Lo standard

Dettagli

ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM

ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM ARCHITETTURA PROTOCOLLARE GSM BTS BSC R -MSC A -MSC HLR MS RIL 3 - CC RIL 3 - MM MAP / D DTAP RIL 3-RR RSM BSSMAP MAP / E distribution MTP 3 MTP 3 MTP 3 LAPDm LAPD MTP 2 MTP 2 MTP 2 Radio IF 64 kbit/s

Dettagli

Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2

Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2 Descrizione del Ciclo di Vita del ERTMS/ETCS Livello 2 Questo documento descrive nei punti salienti il processo seguito nel rispetto di normative, disposizioni e procedure di attuazione per il ERTMS/ETCS

Dettagli

NUOVE TECNOLOGIE PER IL COMANDO/ CONTROLLO E SEGNALAMENTO FERROVIARIO

NUOVE TECNOLOGIE PER IL COMANDO/ CONTROLLO E SEGNALAMENTO FERROVIARIO NUOVE TECNOLOGIE PER IL COMANDO/ CONTROLLO E SEGNALAMENTO FERROVIARIO Tor Vergata, 30 maggio 2007 Enzo Marzilli Direzione Tecnica Direzione Norme, Standard, Sviluppo e Omologazione Contenuti della presentazione:

Dettagli

GPRS: General Packet Radio Service

GPRS: General Packet Radio Service GPRS: General Packet Radio Service Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Procedure Introduzione Introduzione Internet: trasmissione dati rappresenta una grossa parte del traffico

Dettagli

Piano di Valutazione Funzionale Applicazione Generica Prima Applicazione Specifica del SST/SDT ERTMS/ETCS L2

Piano di Valutazione Funzionale Applicazione Generica Prima Applicazione Specifica del SST/SDT ERTMS/ETCS L2 2 di 36 INDICE 1 PREMESSA...4 2 SCOPO DEL DOCUMENTO...4 3 DOCUMENTI DI RIFERIMENTO...6 3.1 NORMATIVE LEGGI E DISPOSIZIONI/ CIRCOLARI FS DI RIFERIMENTO E RIFERIMENTI CONTRATTUALI...6 3.2 DOCUMENTI CORRELATI

Dettagli

Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente

Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione dei servizi nelle reti di TLC: dalla Rete di Segnalazione alla Rete Intelligente Ing. Francesco Chiti chiti@lenst.det.unifi.it 1 Sommario 1. Introduzione

Dettagli

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI

ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI 2di 19 ELENCO DELLE REVISIONI PRECEDENTI Rev Data Motivo della revisione 3di 19 INDICE 1 Generalità... 4 1.1 Scopo del documento... 4 1.2 Contesto applicativo... 4 1.3 Convenzioni adottate... 4 1.4 Riferimenti...

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless

Dispensa del Corso Comunicazioni Wireless UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA Dispensa del Corso

Dettagli

5 Architettura protocollare

5 Architettura protocollare 5 Architettura protocollare L architettura protocollare del GPRS è basata sul principio della stratificazione dei protocolli, in accordo col modello ISO/OSI; lo standard GPRS distingue due tipi di piani

Dettagli

ALLEGATO. Ai sensi dell articolo 5, paragrafo 3, della direttiva 96/48/CE, la presente STI:

ALLEGATO. Ai sensi dell articolo 5, paragrafo 3, della direttiva 96/48/CE, la presente STI: ALLEGATO 1. INTRODUZIONE 1.1. Campo di applicazione tecnico La presente STI riguarda il sottosistema controllo-comando e segnalamento e parte del sottosistema manutenzione del sistema ferroviario transeuropeo

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone 9 GPRS

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone 9 GPRS Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone 9 GPRS GPRS (General( Packet Radio Service) Accesso a INTERNET always ON Il GPRS è un servizio dati a

Dettagli

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma

RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma RFI RETE FERROVIARIA ITALIANA Piazza della Croce Rossa, 1 00161 Roma DIREZIONE COMUNICAZIONE DI MERCATO Telefono 06.44104402 Fax 06.44103726 www.rfi.it dircomu@rfi.it Stampa GRAFICA ROMANA srl - ROMA 12/2004-3.000

Dettagli

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI

INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI PARTE 1 INTRODUZIONE A RETI E PROTOCOLLI Parte 1 Modulo 1: Introduzione alle reti Perché le reti tra computer? Collegamenti remoti a mainframe (< anni 70) Informatica distribuita vs informatica monolitica

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

INDICE GENERALE SEZIONE A GENERALITA... 5

INDICE GENERALE SEZIONE A GENERALITA... 5 2 di 93 INDICE GENERALE SEZIONE A GENERALITA... 5 1 INTRODUZIONE... 5 1.1 SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE... 5 1.2 STRUTTURA DEL DOCUMENTO... 6 1.3 GLOSSARIO...7 1.3.1 Termini... 7 1.3.2 Abbreviazioni...

Dettagli

Il GSM Architettura generale

Il GSM Architettura generale Il GSM Architettura generale Marco Listanti 1 Indice 2 Le reti cellulari Architettura di una rete cellulare Coperture cellulari Le reti cellulari geografiche: il GSM Architettura generale Servizi portanti

Dettagli

ADEGUAMENTO AV/AC DELLA LINEA DD FIRENZE - ROMA

ADEGUAMENTO AV/AC DELLA LINEA DD FIRENZE - ROMA Sezione Emilia Romagna ADEGUAMENTO AV/AC DELLA LINEA DD FIRENZE - ROMA Bologna, 16 Ottobre 2014 Premessa e obiettivi Studio di Fattibilità Piano di adeguamento a standard AV/AC OBIETTIVI Miglioramento

Dettagli

Centro Servizi e Sala Controllo

Centro Servizi e Sala Controllo Progetto SNIFF (Sensor Network Infrastructure For Factors) INFRASTRUTTURA DI SENSORI PER IL RILEVAMENTO DI INQUINANTI NELL ARIA PON RC1 [PON01_02422] Settore Ambiente e Sicurezza Comune di Crotone 1 Napoli,

Dettagli

e-pod banca dati documentale RFI - download effettuato da 933896 il 21/09/2012 14.11.39 - stato di vigenza: IN VIGORE - livello di riservatezza USO

e-pod banca dati documentale RFI - download effettuato da 933896 il 21/09/2012 14.11.39 - stato di vigenza: IN VIGORE - livello di riservatezza USO 2 di 16 INDICE 1 GENERALITA... 3 2 SCOPO DEL DOCUMENTO... 3 3 RIFERIMENTI DOCUMENTALI E NORMATIVI... 3 4 DESCRIZIONE DEL SISTEMA DI ALIMENTAZIONE ATTUALE DEGLI APPARATI TT 5 5 REQUISITI GENERALI DI RFI

Dettagli

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof.

3.3 - GPRS-EDGE. Architetture e Protocolli per Reti Wireless - R. Bolla 1. Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Prof. Università di Genova Facoltà di Ingegneria 3. Reti Radio-mobili Cellulari 3.3 GPRS-EDGE Prof. Raffaele Bolla Architetture e Protocolli per Reti Wireless dist La trasmissione dati su reti radio mobili cellulari

Dettagli

IL PORTALE MULTIFUNZIONE La tecnologia ferroviaria al servizio della sicurezza in Galleria

IL PORTALE MULTIFUNZIONE La tecnologia ferroviaria al servizio della sicurezza in Galleria IL PORTALE MULTIFUNZIONE La tecnologia ferroviaria al servizio della sicurezza in Galleria Tor Vergata, 30 maggio 2007 Francesco Favo RFI Direzione Tecnica - CESIFER Quadro Normativo Normative nazionali

Dettagli

Storia delle versioni

Storia delle versioni 2 di 110 Storia delle versioni Rev. Note A B Prima emissione Correzioni ortografiche.modifiche ai titoli dei parr. 7.1.6.4 e 7.1.6.5 (previsti più radar); inseriti par. 7.1.3.6, 7.2.18, Tabella 1 e Tabella

Dettagli

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete

GSM Global System for Mobile communications. Architettura di rete GSM Global System for Mobile communications Architettura di rete Architettura GSM (1/2) MS SIM MS: Mobile Station SIM: Subscriber Identity Module ME: Mobile Equipment BSS OMC OSS NMC NSS OSS: Operation

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie. Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana

Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie. Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana Corso di organizzazione e sicurezza dell esercizio delle reti ferroviarie Il sistema di segnalamento sulla rete ferroviaria italiana Il sistema di segnalamento Che cosa è? Il sistema di segnalamento è

Dettagli

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS

Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Una panoramica su GSM, GPRS, EDGE e UMTS Luca D Antonio Roma, 7/12/2006 0 Sistemi radiomobili Connettono utenti mobili ad utenti mobili e/o fissi utilizzando la risorsa radio, indipendentemente dalla posizione

Dettagli

ACCESSNET -T CAMPUS DESCRIZIONE DEL PRODOTTO

ACCESSNET -T CAMPUS DESCRIZIONE DEL PRODOTTO DESCRIZIONE DEL PRODOTTO ACCESSNET -T CAMPUS INDICE INDICE...i 1. INTRODUZIONE...1 2. PANORAMICA DELLE FUNZIONI...2 3. APPLICATIVO GESTIONALE...3 3.1 Il dispatcher...4 3.2 Configurazione del CAMPUS...7

Dettagli

La tecnica proporzionale

La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale Regolatori di pressione La tecnica proporzionale La tecnica proporzionale Controllo direzione e flusso La tecnica proporzionale

Dettagli

Università Tor Vergata Centro Congressi e Rappresentanza Villa Mondragone. Nuove tecnologie per la sicurezza e l'alta velocità ferroviaria

Università Tor Vergata Centro Congressi e Rappresentanza Villa Mondragone. Nuove tecnologie per la sicurezza e l'alta velocità ferroviaria Università Tor Vergata Centro Congressi e Rappresentanza Villa Mondragone Nuove tecnologie per la sicurezza e l'alta velocità ferroviaria Evoluzione tecnologica degli impianti di segnalamento: ACC concentrato

Dettagli

ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT

ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT 1di 19 ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT (*) Verifica Tecnica: Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Tecnica Autorizzazione A 15 03 2001 (*) A.5 18 09 2001 2di 19

Dettagli

GSM - parte III. Argomenti della lezione. EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare

GSM - parte III. Argomenti della lezione. EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare Argomenti della lezione GSM - parte III EIR, AuC, OMC Aree Pila protocollare Architettura del GSM Registro di È una base dati il cui uso è a discrezione dell operatore Contiene l identificativo e le caratteristiche

Dettagli

Struttura del sistema GSM

Struttura del sistema GSM Struttura del sistema GSM Seconda Parte 1 Colloquio tra MSC, BSC, BTS MS 2 BSC (struttura hardware) 3 BSC (implementazioni pratiche) 4 NSS Necessità di un MSC Numeri telefonici (MSISDN) Instradamento e

Dettagli

Storia delle versioni

Storia delle versioni 2 di 125 Rev. Storia delle versioni Note A B C D Prima emissione Correzioni ortografiche.modifiche ai titoli dei parr. 7.1.6.4 e 7.1.6.5 (previsti più radar); inseriti par. 7.1.3.6, 7.2.18, Tabella 1 e

Dettagli

Firenze, 09/06/2014 DECISIONE 2012/88/UE. Novità e proposte di modifica

Firenze, 09/06/2014 DECISIONE 2012/88/UE. Novità e proposte di modifica Firenze, 09/06/2014 DECISIONE 2012/88/UE Novità e proposte di modifica DECISIONE 2012/88/UE (STI CCS) Specifica tecnica di interoperabilità per i sottosistemi controllo-comando e segnalamento del sistema

Dettagli

ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT

ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SISTEMA SCMT Allegato al documento ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI ASPETTI RAMS DEL SCMT SCMT Codifica: DI TC PATC ST CM 01 G05 A01 FOGLIO 1 di 7 ALLEGATO AL DOCUMENTO ANALISI DEI FATTORI CHE INFLUENZANO GLI

Dettagli

TECNOLOGIE PER TUTTI

TECNOLOGIE PER TUTTI TECNOLOGIE PER TUTTI Il guidatore di un auto... IL GUIDATORE DI AUTOMOBILE In automobile il guidatore sceglie dove andare, a che velocità, come mantenere la distanza di sicurezza con le altre macchine

Dettagli

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 1. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 1 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Precisazione Noi ci occuperemo solo della trasmissione di informazione in formato digitale. Un segnale analogico è basato su una variazione

Dettagli

CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE

CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE CONTROLLO DELL' ANTICIPO TEMPORALE Si inizializza ogni volta che cambia il canale radio, ed è necessario per mantenere una elevata efficienza spettrale ed evitare la sovrapposizione di burst in slot temporali

Dettagli

Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT)

Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT) Ordinanza sulla sorveglianza della corrispondenza postale e del traffico delle telecomunicazioni (OSCPT) Modifica del 2012 Il Consiglio federale svizzero ordina: I L ordinanza del 31 ottobre 2001 1 sulla

Dettagli

A Palazzo Madama la sicurezza è di casa

A Palazzo Madama la sicurezza è di casa A Palazzo Madama la sicurezza è di casa di Giovanni Contardi, Responsabile Security & Safety del Senato della Repubblica e Fabio Garzia, Docente di Sistemi di Sicurezza Anticrimine nel corso di laurea

Dettagli

Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa. Application Monitoring Broadband Report Analysis

Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa. Application Monitoring Broadband Report Analysis Tecniche e Strategie per misurare e migliorare le performance del servizio di telefonia fissa Application Monitoring Broadband Report Analysis Le necessità tipiche del servizio di telefonia Maggiore sicurezza

Dettagli

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone

Politecnico di Milano. Facoltà di Ingegneria dell Informazione. Reti Radiomobili. Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione Reti Radiomobili Prof. Antonio Capone Politecnico di Milano Facoltà di Ingegneria dell Informazione 1 - Introduzione al corso Reti Radiomobili

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Regole tecniche per l adozione di sistemi di bigliettazione elettronica interoperabili nel territorio nazionale, in attuazione dell art. 8, comma 1, del decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito,

Dettagli

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30

Protocolli di rete. Vittorio Maniezzo Università di Bologna. Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 2/30 Protocolli di rete Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 02 Protocolli - 1/30 Strati di protocolli (Protocol Layers) Le reti sono complesse Molti elementi: host

Dettagli

SSB Diagnostica Remota (SSB-DR)

SSB Diagnostica Remota (SSB-DR) SSB Diagnostica Remota (SSB-DR) Specifica dei Requisiti Funzionali e Non Funzionale A termini di legge Ansaldo Segnalamento Ferroviario s.p.a. ed Alstom si riservano la proprietà di questo documento che

Dettagli

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima

Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011. Paola Zamperlin. Internet. Parte prima Laboratorio di Informatica Corso di laurea in Lingue e Studi interculturali. AA 2010-2011 Paola Zamperlin Internet. Parte prima 1 Definizioni-1 Una rete di calcolatori è costituita da computer e altri

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP

I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Gli Standards I modelli di riferimento ISO OSI e TCP-IP Dipartimento ICT Istituto e Liceo tecnico statale di Chiavari 2004 prof. Roberto Bisceglia ISO: International Standards Organization. ANSI: American

Dettagli

Una Tassonomia delle Reti

Una Tassonomia delle Reti Una Tassonomia delle Reti La tabella riporta una classificazione dei vari tipi di rete, in funzione dell ambito operativo e delle distanze coperte. AMBITO DISTANZA RETE COPERTA Edificio 100 m Reti Locali

Dettagli

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo

Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Torna al programma Distribuzione elettrica e generazione distribuita: automazione e controllo Tecnologie e sistemi di comunicazione per il controllo di generatori distribuiti e reti L. Capetta Definizione

Dettagli

Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager

Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager Rete R3 TETRA Architettura e Caratteristiche Alberto Mazza a.mazza@sirti.it Business Development Manager A.Mazza Sirti s.p.a. 1 R3: Tecnologia Il motore del sistema è la migliore tecnologia disponibile

Dettagli

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP

Panasonic. KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Panasonic PIT-BC-PBX Panasonic KX-TDA Hybrid IP -PBX Systems Informazioni di base per connessioni Voice Over IP Centrali Telefoniche KX-TDA 15/30/100/200 Informazione Tecnica N 021 Panasonic Italia S.p.A.

Dettagli

TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM

TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM TITOLO: SISTEMA DÌ CONTROLLO DOMOTICO GESTITO DA GSM Il progetto è stato ideato come un sistema per il controllo automatico di vari processi effettuati in ambito domestico e il loro controllo a distanza.

Dettagli

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client

Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL ADSL2+ Browser Un browser Client Un client Glossario ADSL Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL2+ Asymmetric Digital Subscriber Line ADSL è una tecnica di trasmissione dati che permette l accesso a Internet fino a 8 Mbps in downstream ed 1 Mbps

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 1 Reti di Calcolatori MODELLI ISO/OSI e TCP/IP D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 2 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

Specifica dei Requisiti di Sistema Sottosistema di Terra SSC

Specifica dei Requisiti di Sistema Sottosistema di Terra SSC 1 di 6 Specifica dei Requisiti di Sistema Sottosistema di Terra SSC Rev. Data Descrizione Redazione Verifica Autorizzazione A 23/02/06 Prima Emissione G.Gallo F.Senesi E.Marzilli 2 di 6 Indice 1 Introduzione...3

Dettagli

CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA

CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA Pag. 1 di 11 CRITERI DI CONNESSIONE AL SISTEMA DI CONTROLLO DI TERNA Pag. 2 di 11 INDICE 1 Scopo... 3 2 Campo di applicazione... 3 3 Documenti di riferimento... 3 4 Premessa... 3 5 Descrizione del Sistema

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE E. MAJORANA SOMMA VESUVIANA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Telecomunicazioni Telecomunicazioni Classe V D Classe V D INSEGNANTI Prof.

Dettagli

Il segnalamento ferroviario dalla nascita fino all ERTMS

Il segnalamento ferroviario dalla nascita fino all ERTMS Il segnalamento ferroviario dalla nascita fino all ERTMS Maurizio Palumbo Novembre 2013 railwaysignalling.eu, Italy maur.palumbo@railwaysignalling.eu SOMMARIO Il segnalamento ferroviario può essere definito

Dettagli

Rete di accesso. Reti di accesso

Rete di accesso. Reti di accesso Rete di accesso Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Reti di accesso Per arrivare all utenza residenziale ( ultimo miglio ), l

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 04/05 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 1

Dettagli

SPECIFICHE INTERFACCE DI RETE

SPECIFICHE INTERFACCE DI RETE SPECIFICHE INTERFACCE DI RETE INDICE SCOPO... 2 SCENARIO DI RIFERIMENTO... 2 DETTAGLIO INTERFACCE... 3 COLLEGAMENTO DATI... 3 TELEFONICHE... 4 POTS...4 ISDN BRI...4 ISND PRI...5 DECT GAP/CAP...5 SCOPO

Dettagli

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet

Reti standard. Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Reti standard Si trattano i modelli di rete su cui è basata Internet Rete globale Internet è una rete globale di calcolatori Le connessioni fisiche (link) sono fatte in vari modi: Connessioni elettriche

Dettagli

Hardware & Software Development

Hardware & Software Development Hardware & Software Development MISSION Realizzare prodotti ad alta innovazione tecnologica e fornire servizi con elevati standard qualitativi 3 AZIENDA ATTIVITÀ Prodotti 4 6 8 10 5 AZIENDA ISER Tech

Dettagli

Architettura Hardware di un Router

Architettura Hardware di un Router - Laboratorio di Servizi di Telecomunicazione Architettura Hardware di un Router Slide tratte da Cisco Press CCNA Instructor s Manual ed elaborate dall Ing. Francesco Immè Wide Area Network (WAN) Le principali

Dettagli

Fondamenti di reti WAN

Fondamenti di reti WAN Indice generale Fondamenti di reti WAN...... Definizione:... Fondamenti di reti WAN Il termine Public Switched Telephone Network (PSTN) è riferito al servizio offerto dalla ditta telefonica per connettere

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione

Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione Centro nazionale per l informatica nella pubblica amministrazione SERVIZIO DI REALIZZAZIONE DELLA RETE INTERNAZIONALE DELLE P.A. Allegato H DEFINIZIONI E ACRONIMI 1 Note di carattere generale Il documento

Dettagli

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet

Indirizzi Internet e. I livelli di trasporto delle informazioni. Comunicazione e naming in Internet Indirizzi Internet e Protocolli I livelli di trasporto delle informazioni Comunicazione e naming in Internet Tre nuovi standard Sistema di indirizzamento delle risorse (URL) Linguaggio HTML Protocollo

Dettagli

Il candidato svolga, a sua scelta, una delle due tracce proposte.

Il candidato svolga, a sua scelta, una delle due tracce proposte. M86 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Sessione ordinaria 004 Seconda prova scritta CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: ELETTRONICA E TELECOMUNICAZIONI Tema di: TELECOMUNICAZIONI (Testo valevole

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Reti locali LAN (Local Area Networks)

Reti locali LAN (Local Area Networks) Reti locali LAN (Local Area Networks) Una LAN è un sistema di comunicazione che permette ad apparecchiature indipendenti di comunicare tra di loro, entro un'area delimitata, utilizzando un canale fisico

Dettagli

SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A

SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A S.p.A. SISTEMA DI SUPERVISIONE, TELECONTROLLO E AUTOMAZIONE DELLE RETI DI ACQUEDOTTO GESTITE DA ACAOP S.p.A Ing. Daniele Sturla Acaop S.p.A Stradella (PV) S.p.A. ACAOP S.p.A. (Azienda Consorziale Acquedotti

Dettagli

Le Reti (gli approfondimenti a lezione)

Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Le Reti (gli approfondimenti a lezione) Per migliorare la produttività gli utenti collegano i computer tra di loro formando delle reti al fine di condividere risorse hardware e software. 1 Una rete di

Dettagli

1.2 Software applicativo per PC Windows

1.2 Software applicativo per PC Windows 211 1.2 Software applicativo per PC Windows Caratteristiche principali di Saia Visi.Plus Integrazione ottimale e personalizzabile per Saia PG5 e Saia PCD, utilizzato con successo in tutto il mondo a partire

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! Il Machine Controller piattaforma integrata di Controllo, Motion, Robotica, Visione e Sicurezza su bus EtherCAT Omron Electronics spa Ing. Marco Filippis Product Manager Servo,

Dettagli

PROCEDURA DIREZIONE TECNICA. FOGLIO 1 di Il

PROCEDURA DIREZIONE TECNICA. FOGLIO 1 di Il I. ~~~I'~ RF I DIREZIONE TECNICA PROCEDURA ICodifica: RFI TC.P A TC FOGLIO PR CM 02 D68 BI 1 di Il 2 di 11 I.1 Scopo... 3 I.2 Campo di Applicazione... 3 I.3 Riferimenti... 4 I.4 Definizione e acronimi...

Dettagli

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software.

Reti locati e reti globali. Tecnologie: Reti e Protocolli. Topologia reti. Server e client di rete. Server hardware e server software. Reti locati e reti globali Tecnologie: Reti e Protocolli Reti locali (LAN, Local Area Networks) Nodi su aree limitate (ufficio, piano, dipartimento) Reti globali (reti metropolitane, reti geografiche,

Dettagli

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete

Finalità delle Reti di calcolatori. Le Reti Informatiche. Una definizione di Rete di calcolatori. Schema di una Rete Finalità delle Reti di calcolatori Le Reti Informatiche Un calcolatore isolato, anche se multiutente ha a disposizione solo le risorse locali potrà elaborare unicamente i dati dei propri utenti 2 / 44

Dettagli

SOMMARIO 1 SCOPO DEL DOCUMENTO...6 2 ARCHITETTURA...8 3 REQUISITI DI ARCHITETTURA...10. 3.1 Odometria...10. 3.3 Antenna per boe...10 3.4 STM...

SOMMARIO 1 SCOPO DEL DOCUMENTO...6 2 ARCHITETTURA...8 3 REQUISITI DI ARCHITETTURA...10. 3.1 Odometria...10. 3.3 Antenna per boe...10 3.4 STM... 2 di 36 SOMMARIO 1 SCOPO DEL DOCUMENTO...6 2 ARCHITETTURA...8 3 REQUISITI DI ARCHITETTURA...10 3.1 Odometria...10 3.2 Interfaccia con personale di condotta...10 3.3 Antenna per boe...10 3.4 STM...11 3.5

Dettagli

SISTEMA MX 650. Applicazioni Sistema Multiplex Flessibile. Il contenuto della presentazione è confidenziale PRI_12_REV.1.

SISTEMA MX 650. Applicazioni Sistema Multiplex Flessibile. Il contenuto della presentazione è confidenziale PRI_12_REV.1. SISTEMA Applicazioni Sistema Multiplex Flessibile PRI_12_REV.1.2 OTTOBRE 2008 Referenze Omologato da ISCTI in data 8-05-2005 Qualificato da: Snam Progetti e Snam Rete Gas nel 2007 Utilizzato in rete da:

Dettagli

Omologazione Alta Velocità

Omologazione Alta Velocità Omologazione Alta Velocità Omologazione del treno ETR 500 PLT Verifica delle condizioni di progetto della sovrastruttura binario per l esercizio a 300 km/h nelle nuove linee AV/AC I risultati I Record

Dettagli

SPECIFICA TECNICA N. 763 13 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni fisse

SPECIFICA TECNICA N. 763 13 relativa alle. Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni fisse SPECIFICA TECNICA N. 763 13 relativa alle Caratteristiche tecniche dell interconnessione tra reti di telecomunicazioni fisse servizio Call Diversion ad utenti ISDN Versione 1 (ottobre 98) ST 763-13 versione

Dettagli

H3R. Videoregistrazione Digitale. Principali caratteristiche. Video Management Software GAMS

H3R. Videoregistrazione Digitale. Principali caratteristiche. Video Management Software GAMS è il software di centralizzazione immagini dedicato alla gestione di sistemi di videosorveglianza basati su apparati GAMS analogici e IP, che offre straordinarie potenzialità sia su reti cablate che wireless

Dettagli

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE )

PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) ALLEGATO 4 PROGETTO SISTEMA DI GESTIONE UNIFICATA DELLE CHIAMATE DI EMERGENZA - NUMERO UNICO DELLE EMERGENZE ( NUE ) INTERCONNESSIONE TRA IL CED INTERFORZE E GLI OPERATORI DI TELEFONIA PER LA FORNITURA

Dettagli

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34 La Suite di servizi Origine.net può essere erogata su reti di telecomunicazioni in tecnolgia Wired e/o Wireless. In base alle esigenze del cliente ed alla disponibilità di risorse tecnologiche, Origine.net

Dettagli

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare

Tecnologie Radio Cellulari. Reti Cellulari. Forma e Dimensione delle Celle. Organizzazione di una Rete Cellulare I semestre 04/05 Tecnologie Radio Cellulari Reti Cellulari Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

Quando un TM è spento l IMSI è registrato presso il VLR come detach; se viene acceso si scandiscono le frequenze alla ricerca della portante C0 per:

Quando un TM è spento l IMSI è registrato presso il VLR come detach; se viene acceso si scandiscono le frequenze alla ricerca della portante C0 per: Procedure Le procedure in GSM sono:. registrazione all accesione;. roaming e location update;. chiamate;. handover;. procedure di spegnimento (detach). Registrazione Quando un TM è spento l IMSI è registrato

Dettagli