GSM on the Ship & Friends

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GSM on the Ship & Friends"

Transcript

1 NUOVI SERVIZI GSM on the Ship & Friends ELISA PATRIZI MASSIMILIANO PANELLA L articolo descrive il nuovo servizio TIM GSM on the Ship che permette di utilizzare il proprio telefonino anche in mare aperto, come ad esempio è stato realizzato sulle navi di Costa Crociere. Si espone inizialmente l architettura di rete e le principali innovazioni, quali lo specifico sistema radio base utilizzato, il processo di compressione della voce GSM e la trasmissione via satellite, evidenziando poi alcuni dettagli progettuali. Sono quindi illustrate le caratteristiche del servizio, con gli scenari di chiamata e la gestione del traffico dati, presentando i risultati finora ottenuti. L articolo si conclude con un nuovo scenario di servizio, l ecar, un particolare veicolo allestito per offrire rapidamente e ovunque un accesso GSM, GPRS e WiFi. 1 Introduzione 2. Il servizio GSM on the Ship Al secolo GSM on the ship, in arte GOS, è il nuovo servizio di TIM che consente di parlare con il proprio telefonino in mare aperto dalle navi e che, per ora, è disponibile sulla flotta di Costa Crociere con cui TIM ha sottoscritto un accordo a partire dal settembre Nell articolo si espongono l architettura ed i servizi di questa soluzione innovativa che permette ai crocieristi e all equipaggio, di utilizzare il proprio telefonino GSM per comunicare in mare aperto con qualsiasi numero di rete fissa e mobile, con semplicità e naturalezza. La sfida è quella di proporre un architettura che abiliti un servizio economicamente sostenibile, nonostante le difficoltà di copertura di un ambiente complesso come una nave da crociera e l impiego di un vettore oneroso per l interconnessione quale il satellite. La risposta della clientela non solo ha fugato le incertezze della vigilia, ma ha stimolato ulteriori soluzioni per scenari diversi per ribadire un vecchio, ma pur sempre valido slogan del radiomobile any time, any where. Nel novembre 2003 Costa Crociere e TIM hanno brindato insieme al varo della nave più grande della flotta, la Costa Fortuna, e al neonato GSM on the Ship, il nuovo servizio che permette di utilizzare il telefonino a spasso per i sette mari. Visto il successo dell iniziativa si sta procedendo all estensione del servizio a tutta la flotta Costa (attualmente composta da nove navi) e ci sono state molte dimostrazioni di interesse da parte di altri armatori. Il GOS è stato un progetto complesso trasversale alla TIM, nel quale la Rete TIM ha svolto un ruolo di rilievo. La sfida è stata particolarmente stimolante perché ha coinvolto numerose tematiche innovative quali: la copertura indoor di un ambiente nuovo e articolato come una nave da crociera; l utilizzo di collegamenti satellitari per l interconnessione verso la rete cellulare PLMN (Public Land Mobile Network) di TIM; la tariffazione del traffico originato dalle navi ad un costo diverso da quello a terra, ma molto 30 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 1 - Giugno 2004

2 minore rispetto a quello delle telefonate convenzionali tramite IMMARSAT 1. I servizi offerti dal GSM on the Ship sono quelli tipici di una rete GSM pubblica (traffico voce, SMS, servizi di rete intelligente,...) con l aggiunta sia di servizi corporate per l equipaggio, le cui chiamate transitano per un wireless PBX (Private Branch exchange) con accessi radio GSM, sia dei servizi dati GPRS (MMS, traffico web,...). I servizi GSM presenti a bordo della nave saranno accessibili agli utenti dotati di telefonini con SIM TIM e anche a tutti gli utenti di altri operatori mobili che hanno accordi di roaming con TIM. Dovendo circoscrivere l emissione radio all interno della nave, in modo da non sottrarre traffico agli operatori locali in prossimità dei porti né interferire con le loro reti radiomobili, si è sviluppato, con il supporto di Telecom Italia Lab, un sistema automatico che in base alla posizione della nave inibisce il servizio ai crocieristi (lasciandolo attivo solo per l equipaggio) e abbassa la potenza di uscita delle antenne quando la nave è entro le acque territoriali. Queste tematiche sono state affrontate con uno studio di sistema che ha portato alla realizzazione dell architettura descritta nella figura 1. Nell architettura classica di una rete GSM (vedi riquadro a pagina 33), le interfacce tra BTS (Base Station Transceiver) e (Base Station Controller) - interfaccia A bis - e tra e (Mobile Switching Center) - interfaccia A - sono realizzate, tipicamente, con collegamenti su cavo; nell architettura del GSM on the Ship dovendo remotizzare via satellite una parte di rete e dovendo fronteggiare dei costi molto alti sull affitto di banda su satellite, si è reso necessario un processo di compressione dell informazione da trasmettere (vedi riquadro a pagina 34) che ha imposto quindi la scelta dell interfaccia A (essendo attualmente l unica in grado di essere compressa). Vista la numerosità e la ricchezza dei profili di servizio da offrire, uno per tutti la funzione di wireless PBX per l equipaggio, la scelta sistemistica è caduta sulla realizzazione di una mini rete GSM. È stata scelta una piattaforma che racchiude (1) IMMARSAT è il sistema attualmente unimpiegato sulle navi per permettere le comunicazioni con la terra. Il sistema si basa su un gruppo di satelliti geostazionari. E1 Impianto di distribuzione NIB Eth Eth Eth Compressore Rete IP TIM NMS PC TIM-ONE NAVE 1 Pc Switch Modem NMC TIM FW OMC Server Eth Ethernet FW Firewall IP Internet Protocol Mobile Switching Center sistema completo BSS (Base Station Sub-System) e funzionalità di NSS (Network and Switching Sub- System) in un unico apparato delle dimensioni di un PC tower (figura 2) detto NIB (Network In a Box). Nel NIB [1] le differenti funzionalità BTS, e NSS sono realizzate su piastre dedicate limitando notevolmente lo spazio necessario. In particolare, oltre la parte BTS che permette di gestire fino a due portanti GSM con la possibilità di collegare altre due BTS esterne ciascuna con ulteriori tre portanti, è presente la parte di controllo e transconding e un database (Home Location Register) locale che permettono di distinguere tre categorie di utenti: utente pubblico: registrato solo sull pubblico, accede alla rete GSM ma non ai servizi locali; le chiamate transitano sulla rete GSM pubblica PLMN; utente privato: registrato solo nell del NIB, accede solo ai servizi locali; utente ibrido: registrato negli di NIB e PLMN, accede ai servizi locali e pubblici; le chiamate possono transitare sulla centrale telefonica locale PBX o sulla rete pubblica terrestre PSTN (Public Switched Telephone Network) o sulla PLMN. Agli utenti privati e ibridi è associato un numero breve per consentire la funzionalità di NSS quando due di questi (entrambi all interno dell area di OMC Client NAVE 9 Rete di supervisione TIM Eth 2 Mbit/s Eth NIB Network In a Box NMS Network Management System OMC Operation Management Center SDH Synchronous Digital Hierarchy FIGURA 1 L architettura di rete del progetto GSM on the Ship. SATELLITE FW Modem Compressore TELEPORTO E1 TIM Core Eth Modem Compressore E1 SDH TIM NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 1- Giugno

3 TRAU POWER FAN UNIT POWER TRX UNIT TRX UNIT Base Station Controller Home Location Register Mobile Switching Center TRAU Transcoding and Rate Adaptation Unit FIGURA 2 Il NIB (Network in a Box). copertura del NIB) si chiamano tra loro. Il numero breve può coincidere anche con il numero del derivato della centrale telefonica locale (PBX). Si può anche realizzare una rete privata per i soli utenti privati e ibridi attuando la funzionalità di accesso esclusivo : in tal modo si impedisce l accesso alle risorse radio del NIB agli utenti pubblici. Se all utente privato (o ibrido) è associato un numero breve uguale al suo derivato PBX, questi può essere raggiunto mediante un unico numero breve, sia sul terminale mobile, sia sul derivato PBX. Sul NIB si possono stabilire delle priorità nella modalità di ricerca dell utente: lo si prova a rintracciare prima sul derivato del PBX e, in caso di mancata risposta dopo un certo numero di squilli, si provvede a re-instradare la chiamata verso il terminale mobile cercandolo prima all interno dell area di copertura del NIB e poi nella PLMN. Infine il NIB permette di distinguere la sua copertura da quella pubblica mediante l invio di messaggi di Cell Broadcast personalizzabili e identificativi della cella radio che realizza. Oltre al NIB, l architettura a bordo nave prevede i dispositivi necessari alla diffusione del segnale a radiofrequenza, il collegamento satellitare con la centrale di TIM e il tool di Tilab per l attivazione/disattivazione automatica del servizio. Per la diffusione del segnale a radiofrequenza sulla nave è stato necessario un sistema di distribuzione misto fibra ottica/cavi RF. In particolare, il sistema prevede l utilizzo di hub locali posizionati vicino il NIB che trasportano su fibre ottiche il segnale GSM, evitando così le cospicue attenuazioni che avrebbero presentato i cavi coassiali, visto le distanze in gioco dell ordine di centinaia di metri; in prossimità delle antenne che realizzano la copertura sono posizionati poi degli hub remoti che effettuano la conversione da fibra ottica a cavo RF. Il sistema utilizzato permette di circoscrivere la copertura radio nell area della nave con un livello del segnale ricevuto di circa -75/-85 dbm realizzando, a seconda della grandezza della nave, una o due celle GSM. La consistenza dell impianto di distribuzione dipende fortemente dalla dimensione della nave; ad esempio, per la Costa Fortuna (la nave più grande della flotta) sono stati utilizzati 22 hub remoti e 7 hub locali, 72 antenne, circa 4000 metri di cavo RF e 5000 metri di fibra ottica, mentre per la Costa Tropicale (la più piccola fra le navi equipaggiate) sono stai utilizzati 11 hub remoti e 3 hub locali, 36 antenne, circa 1800 metri di cavo RF e 2100 metri di fibra ottica. Per quanto riguarda il sistema lato terra, il punto di raccolta del traffico (Teleporto) si trova al Fucino presso la Telespazio S.p.A. da dove è stato attivato un CDN (Circuito Diretto Numerico) per ogni nave verso l TIM sito nella Centrale Telecom di Roma Laurentina (CTRL). Il Teleporto è realizzato con un antenna parabolica di 28 metri di diametro che permette di collegare le 9 navi Costa in tecnologia FDMA/SCPC (Frequency Division Multiple Access/Single Channel Per Carrier), utilizzando un satellite Intelsat 907 a 332,5 Est, scelto in modo da far convergere la soluzione TIM con quella già installata sulla nave per le comunicazioni telefoniche via satellite dalle cabine e per quelle dati dagli internet cafè presenti a bordo. L utilizzo della banda C e di antenne così grandi si è reso necessario a causa della copertura molto più estesa dell area europea, dal momento che le navi effettuano la navigazione anche nei Mari del Nord, nei Caraibi e nell America del Sud (figura 3) [2]. Nella figura è evidenziata, a seconda del BER (Bit Error Ratio) e della percentuale di disponibilità del FIGURA 3 La copertura del satellite Intelsat NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 1- Giugno 2004

4 LA RETE GSM La struttura del sistema GSM (figura A) può essere suddivisa in tre entità di rete [3]: il BSS (Base Station Sub-System) è il sottosistema radio che rende possibile l accesso al servizio; il BSS comprende l insieme delle stazioni radio base o BTS (Base Station Transceiver) che fanno capo ad un controllore di stazioni o (Base Station Controller). La BTS invia tramite l antenna il segnale radio GSM che realizza la copertura della cella. Il ha funzioni di supervisione e controllo delle risorse radio, sia nella fase di instaurazione della chiamata, sia in quella di mantenimento; il è inoltre l interfaccia con la centrale di commutazione (Mobile Switching Center); l NSS (Network and Switching Sub-System) è il sottosistema che realizza il core della rete; l NSS è costituto dall e dai data base (Home Location Register) e VLR (Visitor Location Register). L fornisce le funzionalità necessarie per la commutazione telefonica, per il controllo e la gestione delle chiamate, per i servizi supplementari e la tassazione. L contiene tutte le informazioni relative ai clienti di cui ha competenza. Le informazioni possono essere sia di tipo permanente (ad BTS G MS VLR /VLR area esempio il numero telefonico, il profilo di servizio, ), sia di tipo temporaneo (ad esempio l indirizzo del VLR che ospita temporaneamente il cliente); l è interrogato quando è necessario individuare la posizione di un cliente. Il VLR permette all di gestire i clienti temporaneamente registrati nella sua zona di competenza. L interconnessione con le /VLR area G MS VLR BTS Base Station Controller Base Station Transceiver Gateway Mobile Switching Center Home Location Register Mobile Station Mobile Switching Center Visitor Location register FIGURA A L architettura della rete GSM. cella i/f A altre reti è realizzata da particolari che sono detti G (Gateway ); l OSS (Operation and Support Sub-System) è il sottosistema che realizza il centro gestionale di rete; l OSS genera statistiche e report per la supervisione degli impianti e consente di intervenire da remoto sui nodi di rete. i/f A bis area Altre reti /VLR area servizio, l area di copertura del satellite (i cerchi con epicentro sull Oceano). Nel nostro caso l area sarà quella delimitata dal secondo cerchio che assicura una disponibilità del 99,5 per cento e un BER migliore di Per un maggior dettaglio sui collegamenti satellitari si rimanda al riquadro a pagina 36. Per quanto concerne l antenna sulla nave, è stata utilizzata quella già presente a bordo normalmente di diametro intorno ai 2,4 metri e dotata di un preciso sistema servoassistito per il puntamento ottimale del satellite a seguito sia dei cambiamenti di rotta ma soprattutto delle oscillazioni della nave. Ai ricetrasmettitori già presenti si è NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 1- Giugno

5 LA COMPRESSIONE DELLA VOCE connessione e in tal caso per motivi di sincronizzazione viene riempito con una sequenza periodica denominata idle pattern, oppure può essere impegnato in connessione e in L impiego di tratte satellitari riveste da sempre notevole interesse per gli operatori di reti GSM soprattutto in virtù della flessibilità di attivazione rispetto ai tradizionali collegamenti in cavo o tramite ponte radio. Tuttavia l elevato costo della banda su satellite ne ha finora limitato l utilizzo alle applicazioni di breve periodo. La compressione della voce, riducendo la necessità di banda, apre nuovi scenari di mercato sia per gli operatori satellitari, sia per gli operatori GSM. Tale compressione è resa possibile dalle caratteristiche di intermittenza della fonia, quali la quasi alternanza tra parlare e ascoltare, le pause tra le parole e le pause tra le sillabe. In presenza di tali eventi l informazione da trasmettere è soltanto il rumore ambientale le cui caratteristiche possono essere rappresentate con un numero modesto di bit. Tale rumore, anche se all apparenza potrebbe essere eliminato, dà il senso di continuità della connessione e perciò viene detto comfort noise. In generale in un flusso digitale ciascun TS (Time Slot) può essere libero (idle), cioè non impegnato in SID SIlence Descriptor FIGURA B Il flusso digitale compresso. LAPD SID TS Link Access Protocol - channel D SIlence Descriptor Time Slot FIGURA A Il flusso digitale non compresso. tal caso può trasportare segnalazione, voce o pause della voce. Quanto detto è esposto in figura A [4]. La trasmissione è detta sincrona quando nel flusso digitale una connessione venga trasportata sempre dallo stesso TS assegnato all inizio. Un modo più efficiente di sfruttare la risorsa trasmissiva è di etichettare ciascun segmento voce con l indirizzo del mittente e del destinatario e trasmetterlo in un qualunque TS del flusso trasmissivo (trasmissione asincrona). Così facendo e intercalando t Time Slot trasmessi trama voce bit di controllo delle trame di idle e SID trame asincrone capacità non utilizzata t TSi Time Slot assegnati trame voce trame di idle e SID sulla voce trame LAPD canali in idle opportunamente i vari segmenti voce degli utenti attivi si avranno meno frammentazioni rispetto al caso sincrono e, di conseguenza, sarà sufficiente un vettore con un numero inferiore di TS, quindi una minore capacità trasmissiva. Ovviamente, a destinazione, il flusso va riordinato e questa operazione implica dei ritardi. Il rapporto di compressione deve non essere così elevato da inserire un ritardo intollerabile. Per quanto riguarda i segmenti di voce attiva, l effetto della compressione si nota nel passaggio dall area gialla frammentata di figura A a quella più continua di figura B. I dati rilevanti (bit di controllo, bit di allineamento e campo dati) delle trame SID (Silence Descriptor) che portano l informazione di descrizione del comfort noise, così come i dati rilevanti sulla segnalazione che vengono estratti dalle trame LAPD (Link Access Protocol Channel D), venendo trasmessi in modo asincrono, possono essere spalmati sul flusso andando a riempire i buchi lasciati dalla voce. In altre parole, sfruttando in modo ottimizzato la capacità trasmissiva non utilizzata. 34 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 1- Giugno 2004

6 affiancato quello per il servizio TIM con banda compresa fra 192 kbit/s e 384 kbit/s. Un punto cruciale è stato la gestione del ritardo nella trasmissione via satellite (circa 600 ms) molto superiore a quello delle reti terrestri che avrebbe comportato difficoltà nella gestione dei messaggi di segnalazione SS7 (Signaling System n 7). Per risolvere questo problema si è proceduto con l introduzione in della funzione chiamata PCR (Preventive Cyclic Retrasmission) che consiste nella ritrasmissione ciclica delle trame SS7 senza aspettare l attivazione del time out, come avviene normalmente nella trasmissione GSM terrestre. Infine, per inibire il servizio pubblico all interno delle acque territoriali, il tool TIM Cruise, sviluppato con Tilab, all ingresso della nave nei porti ne rileva la posizione con il GPS (Global Positioning System) posto sul ponte superiore e la confronta con le coordinate dei porti in cui l armatore può attraccare, verificando se la distanza fra la nave ed il porto risulti maggiore del limite delle acque territoriali (13 miglia nautiche). Se si rileva l ingresso nelle acque territoriali il tool: attiva la funzionalità di accesso esclusivo che consente ai soli dipendenti Costa di utilizzare il NIB, mentre i crocieristi sono vincolati ad utilizzare la rete degli operatori locali; riduce la potenza di uscita delle antenne dei ponti superiori per evitare interferenze con le reti GSM locali. All uscita dal porto vengono ripristinate le condizioni di funzionamento che consentono ai crocieristi la piena operatività, disattivando l accesso esclusivo e riportando alla potenza nominale le antenne dei ponti superiori. Nella figura 4 è riportata la vista di insieme dell applicativo TIM Cruise. L applicativo consiste in un interfaccia a finestre multiple che gestisce le comunicazioni tra il GPS e il PC e tra il PC e il NIB e le informazioni relative ai porti nei quali attivare le procedure automatiche (segnati con dei cerchi sulla mappa del luogo) [5]. La gestione del sistema, sia per l accesso radio che per la core network, è svolta dall OMC (Operational Management Center), basato su un architettura di tipo client-server. La banda per l invio dei dati di supervisione sul satellite è sempre di 64 kbit/s. La supervisione h24, sia degli apparati installati sulle navi che di quelli presenti presso il teleporto (figura 1), sarà effettuata presso l NMC (Network Management Center) di TIM mediante l integrazione dell OMC server nel sistema multivendor di supervisione allarmi. Sulla nave, il routing IP dei dati di supervisione, sia del NIB che dell impianto di distribuzione, i cui allarmi sono connessi agli allarmi esterni del NIB, viene effettuato dal compressore che instrada i pacchetti IP dall interfaccia satellitare seriale V.35H verso la porta Ethernet e viceversa. Il compressore, il PC e lo switch ethernet sono gestiti da remoto via protocollo standard di gestione di nodi di rete su rete IP: SNMP (Simple Network Management Protocol). Sul lato terra le interfacce Ethernet dei vari compressori sono concentrate tramite uno switch ethernet e instradate tramite un collegamento dedicato, via firewall, verso la rete di supervisione TIM. Nel sito NMC di TIM, i pacchetti IP di supervisione vengono trasportati fino al rack apparati che include OMC server e client. L interfaccia grafica dell OMC verrà remotizzata sui PC della rete TIM- ONE (rete che raccoglie tutti gli allarmi degli apparati di rete TIM) presenti presso l NMC. A breve sarà disponibile anche il servizio GPRS, che permetterà agli utenti di usufruire in mare aperto e con le stesse modalità dei servizi disponibili a terra, dei servizi di MMS, navigazione web, , Il progetto ecar FIGURA 4 L interfaccia grafica dell applicativo TIM Cruise. Il progetto ecar (easy Coverage All Road) è l applicazione su strada della stessa architettura di rete del GSM on the Ship; come di può vedere nella figura 5, tale progetto consiste nell allestimento di un pick-up con apparati di rete e sistemi d antenna che consentono la realizzazione di una cella GSM/GPRS e di un hot spot pubblico WiFi. NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 1- Giugno

7 LA TRASMISSIONE VIA SATELLITE L architettura di un sistema di trasmissione satellitare [6] si compone di due parti, denominate segmento spaziale e segmento terrestre. Il segmento spaziale è costituito dal satellite in orbita e dalla stazione di controllo a terra. Quest ultima è responsabile di tutte le operazioni necessarie per il controllo del satellite, come ad esempio il tracking, la telemetria e la guida del satellite. Il segmento terrestre è costituito da tutte le stazioni di terra generalmente connesse ai terminali di utenti finali tramite reti terrestri fisse. Essenzialmente si possono distinguere due casi: sistemi VSAT (Very Small Aperture Terminal), in cui le stazioni di terra sono generalmente di piccole dimensioni (antenne con diametro massimo di qualche metro) e adatte a supportare un traffico moderato; sistemi di tipo Teleporto, in cui le antenne hanno dimensioni molto più grandi (fino a 30 m) e sono adatte nel caso di trasporto di flussi aggregati di più stazioni mobili. L utilizzo di uno o dell altro sistema dipende da molteplici fattori quali, ad esempio, la frequenza e quindi il satellite utilizzato, la banda di trasmissione, la tecnica di accesso al satellite,... La traiettoria piana definita dal satellite nella sua rivoluzione intorno alla terra definisce l orbita del satellite che può essere di due tipi: ellittica o circolare. A seconda dell inclinazione dell orbita e della distanza del satellite dalla terra si avranno diverse tipologie di satelliti: LEO (Low Earth Orbit); GEO (GEOstationary orbital ring); HEO (Highly Elliptical Orbit). Per le applicazioni di interesse si sono sempre considerati i satelliti con orbita circolare con inclinazione nulla rispetto all equatore e posti ad una distanza di km (satelliti geostazionari). Il moto di rivoluzione del satellite avviene con periodo uguale al periodo di rotazione della terra e nella stessa direzione. In tal modo il satellite appare come un punto fisso nel cielo ed assicura un servizio continuo nell area di visibilità del satellite pari circa al 43 per cento della superficie terrestre. Fra le tecniche di accesso multiplo le più interessanti per le applicazioni in oggetto sono: la tecnica FDMA (Frequency Division Multiple Access) e quella TDMA (Time Division Multiple Access). Con la tecnica di accesso FDMA la banda disponibile è divisa in canali di larghezza opportuna ciascuno dei quali è assegnato a una portante a radiofrequenza. Il TDMA opera nel domino del tempo e, per ogni istante, solo una determinata stazione di terra accede a tutta la banda allocata con periodicità opportuna. Un collegamento dedicato SCPC (Single Channel Per Carrier) che metta a disposizione di una coppia di stazioni terrestri una capacità full time, risulta sicuramente non ottimizzato nei periodi in cui la trasmissione non avviene alla massima velocità possibile. Conviene quindi l SCPC per grandi direttrici di traffico con comportamento stazionario, mentre si preferisce il TDMA per un elevato numero di stazioni a basso traffico di tipo discontinuo. Gli scenari di utilizzo dell ecar sono diversi e possono essere legati o a improvvise esigenze di copertura o ad ampliamenti di capacità: emergenze civili, dimostrazioni, fiere, congressi, manifestazioni sportive,... Dal punto di vista dell architettura di rete, le differenze con il GSM on the Ship consistono nel segmento satellitare e nella presenza della parte necessaria per la trasmissione dati con accesso WiFi. Come segmento satellitare è stata utilizzata una piattaforma TDMA (Time Division Multiple Access) multi-carrier e multi-rate denominata Linkway, che opera attraverso i satelliti EUTEL- SAT per offrire un accesso a larga banda a migliaia di terminali. L utilizzo del Linkway nell applicazione specifica dell ecar offre due sostanziali vantaggi: da un lato la connettività con un singolo hop (non è necessario passare per un hub centrale) limita il ritardo ai circa 500 ms di una tratta satellitare, dall altro consente l utilizzo di antenne con ingombri minori (sistemi VSAT, Very Small Aperture Terminal). Oltre agli apparati di rete necessari per offrire il servizio GSM/GPRS, nell ecar sono stati aggiunti un AP (Access Point) e un router per consentire la trasmissione su satellite di dati IP. Pertanto, nell area di copertura WiFi dell ecar, è possibile offrire i servizi di web browsing e di accesso alla intranet aziendale. L ecar è stata allestita con tutti gli accorgimenti del caso: un sistema di stabilizzazione telecomandato, realizzato da 4 martinetti idraulici, che consente di mettere il veicolo in piano; un sistema di motorizzazione per il puntamento dell antenna satellitare da 120 cm; un palo telescopico pneumatico per elevare ad oltre 7 metri il sistema d antenna GSM; una coppia di antenne omnidirezionali in banda 2.4 GHz per consentire la copertura WiFi; un gruppo elettrogeno che consente di alimentare tutti gli apparati presenti a bordo; un condizionatore che garantisce l intervallo di operatività termica degli apparati. 36 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 1- Giugno 2004

8 ABBREVIAZIONI FIGURA 5 La ecar. 4. Conclusioni Il progetto GSM on the ship, materializza tangibilmente la consueta attenzione di TIM all innovazione tecnica e alla proposta di servizi attraenti per il cliente. Qualche numero: ogni giorno per ogni nave risultano registrati sul sistema circa utenti e si hanno 400 chiamate tra entranti e uscenti e più di SMS. L esperienza acquisita nei sette mari, facilita l estensione del paradigma ad ulteriori contesti (per esempio nella ecar) per fornire sempre più servizi attraverso accessi radio variegati confermando la Tim leader nella tecnologia e nei servizi. Gli autori desiderano ringraziare Paolo Semenzato di TIM per il prezioso aiuto fornito nella fase di impostazione e revisione del presente articolo. Si ringraziano inoltre i colleghi di TILab per il valido supporto tecnico fornito. AP Access Point BER Bit Error Ratio Base Station Controller BSS Base Station Sub-System BTS Base Station Transceiver CDN Circuito Diretto Numerico FDMA Frequency Division Multiple Access GEO GEOstationary orbital ring G Gateway Mobile Switching Center GPRS General Packet Radio Service GPS Global Positioning System GSM Global System for Mobile communications HEO Highly Elliptical Orbit Home Location Register IP Internet Protocol LAPD Link Access Protocol Channel D LEO Low Earth Orbit MS Mobile Station Mobile Switching Center MMS Multimedia Messaging Services NIB Network In a Box NMC Network Management Center NMS Network Management System NSS Network and Switching Sub-System OMC Operational Management Center OSS Operation and Support Sub-System PBX Private Branch exchange PCR Preventive Cyclic Retrasmission PLMN Public Land Mobile Network PSTN Public Switched Telephone Network RF Radio Frequency SCPC Single Channel Per Carrier SID SIlence Descriptor SDH Synchronous Digital Hierarchy SIM Subsciber Identity Module SMS Short Message Service SNMP Simple Network Management Protocol SS7 Signaling System n 7 TDMA Time Division Multiple Access TRAU Transcoding and Rate Adaptation Unit TS Time Slot VLR Visitor Location Register VSAT Very Small Aperture Terminal NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 1- Giugno

9 BIBLIOGRAFIA [1] Interwave: NIB Tecnical Description ver.6.5. Maggio [2] Sito internet: [3] Achler, A.: easy GSM. Scuola Superiore G. Reiss Romoli, estate 1997, capitolo 3. [4] Alcatel Space: Cellular Network Backhaul by Satellite 9763 E1 Compressor Technical Description. Ottobre [5] Squizzato, V.; Ubicini, M.: Software TIM Cruise Manuale d utente. Gennaio 2004 [6] Sacchi, C.: Comunicazioni Satellitari Corso d introduzione alla comunicazioni mobili. Elisa Patrizi ha conseguito la laurea con lode in Ingegneria Elettronica presso l Università degli studi di Tor Vergata di Roma. Dal 1996 al 2000 ha lavorato presso la Direzione Tecnica di Stream S.p.A (oggi SKY Italia) occupandosi della formulazione dei requisiti, della stesura delle specifiche e dell integrazione di piattaforme per i servizi televisivi digitali. Dopo una esperienza presso l Alenia Spazio, opera in TIM dal 2001 nell ambito della funzione Access Network. Qui segue le tecnologie Wireless Office e in particolare il progetto GSM on the Ship per quanto attiene alla progettazione e alla messa in esercizio dell intero sistema. È punto di competenza per la soluzione Wireless LAN TIM in ambito Corporate e in ambito pubblico. Massimiliano Panella si è laureato in Ingegneria Elettronica presso l Università dell Aquila nel Ha iniziato la sua attività collaborando con la Scuola G. Reiss Romoli di L Aquila (oggi Telecom Italia Learning Services), occupandosi di sincronizzazione delle reti SDH e sviluppando un software in linguaggio Java per scopi didattici. A partire dal 2000 opera in TIM nell ambito della funzione Access Network, dove cura lo sviluppo di elementi della rete di accesso radio definendo gli scenari d impiego, le specifiche tecniche e le caratteristiche di prodotto. Si occupa in particolare di soluzioni d antenna e stazioni radio base per le reti GSM e UMTS. A partire dal 2003 collabora nel progetto GSM over Satellite nel cui ambito ha partecipato alla realizzazione del servizio GSM on the Ship e ha coordinato la sperimentazione ecar. 38 NOTIZIARIO TECNICO TELECOM ITALIA Anno 13 n. 1- Giugno 2004

GSM: Global System for Mobile communications

GSM: Global System for Mobile communications GSM: Global System for Mobile communications Sommario Introduzione Architettura di rete Tecnologia radio Canali GSM Procedure Introduzione Introduzione GSM è il primo standard di comunicazione cellulare

Dettagli

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired???

Introduzione alle reti radiomobili. Meglio wireless o wired??? GSM - GPRS Introduzione alle reti radiomobili Wireless Vs Wired L unica differenza sembra consistere nel mezzo trasmissivo radio, eppure: Le particolari caratteristiche del mezzo trasmissivo hanno un grosso

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa

MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa Cosa è MPLS MPLS è una tecnologia ad alte prestazioni per l instradamento di pacchetti IP attraverso una rete condivisa L idea di base consiste nell associare a ciascun pacchetto un breve identificativo

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 2 Marzo 2005, ore 14.30 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette.

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A.

Mobile Messaging SMS. Copyright 2015 VOLA S.p.A. Mobile Messaging SMS Copyright 2015 VOLA S.p.A. INDICE Mobile Messaging SMS. 2 SMS e sistemi aziendali.. 2 Creare campagne di mobile marketing con i servizi Vola SMS.. 3 VOLASMS per inviare SMS da web..

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Dati GSM e GPRS: sistema e servizi

Dati GSM e GPRS: sistema e servizi Torino, novembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Dati GSM e GPRS: sistema e servizi Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Facoltà di Ingegneria

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE. Facoltà di Ingegneria UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI UDINE Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Tecnologie Industriali ad indirizzo Economico e Organizzativo Dipartimento di Ingegneria Elettrica Gestionale e

Dettagli

Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi

Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi 19 maggio 2015 Bergamo più europea con il nuovo Bergamo WiFi 62 punti d accesso in tutta la città, una copertura di quasi 1,3 milioni di metri quadrati, con una tecnologia all avanguardia e una potenza

Dettagli

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di

Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Questo documento è allegato al libro Elettrotecnica, Elettronica, Telecomunicazioni e Automazione di Trapa L., IBN Editore, a cui si può fare riferimento per maggiori approfondimenti. Altri argomenti correlati

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione

Elementi di rete che permettono lo scambio dei messaggi di segnalazione SEGNALAZIONE Segnalazione e sistemi di segnalazione Segnalazione Messaggi tra elementi di una rete a commutazione di circuito (apparecchi di utente e centrali o fra le varie centrali) che permettono la

Dettagli

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento

- Antivirus, Firewall e buone norme di comportamento Reti Di cosa parleremo? - Definizione di Rete e Concetti di Base - Tipologie di reti - Tecnologie Wireless - Internet e WWW - Connessioni casalinghe a Internet - Posta elettronica, FTP e Internet Browser

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione

ALLEGATO 1. Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione ALLEGATO 1 Prodotti/ Servizi presenti in Convenzione SOMMARIO 1 PRODOTTI E SERVIZI PRESENTI IN CONVENZIONE...3 1.1 SERVIZI TEMPORANEI DI RETE E COPERTURE AD HOC...3 1.1.1 Servizi di copertura temporanei...

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP

Inizializzazione degli Host. BOOTP e DHCP BOOTP e DHCP a.a. 2002/03 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea e Diploma in Informatica 1 Inizializzazione degli Host Un

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N.

ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. ALLEGATO 6 CAPITOLATO TECNICO SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE AI SENSI DELL ART. 26 LEGGE N. 488/1999 E DELL ART. 58 LEGGE N. 388/2000 LOTTO 1 Allegato 6 Capitolato Tecnico Lotto 1 pag. 1 di 100 INDICE 1 PREMESSA...

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS

Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Roma servizi per la mobilità Progetto I-BUS Progetto I-Bus Telecontrollo Bus Turistici e pagamento elettronico dei permessi Sintesi Roma Servizi per la mobilità ha messo a punto un sistema di controllo

Dettagli

Lezione n 1! Introduzione"

Lezione n 1! Introduzione Lezione n 1! Introduzione" Corso sui linguaggi del web" Fondamentali del web" Fondamentali di una gestione FTP" Nomenclatura di base del linguaggio del web" Come funziona la rete internet?" Connessione"

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico?

FAQ. 1 Quali sono le differenze con un accesso telefonico? FAQ 1. Quali sono le differenze con un accesso telefonico? 2. Quali sono le differenze con un collegamento DSL? 3. Funziona come un collegamento Satellitare? 4. Fastalp utilizza la tecnologia wifi (802.11)?

Dettagli

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia

Microsoft Innovation Center Roma. Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Microsoft Innovation Center Roma Pierluigi Del Nostro Stefano Paolozzi Maurizio Pizzonia Il MIC Roma Cos è Uno dei risultati dei protocolli di intesa tra il Ministero della Pubblica Amministrazione e l

Dettagli

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER

Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Informazione tecnica SUNNY CENTRAL COMMUNICATION CONTROLLER Contenuto Sunny Central Communication Controller è un componente integrale dell inverter centrale che stabilisce il collegamento tra l inverter

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi:

Routing (instradamento) in Internet. Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Routing (instradamento) in Internet Internet globalmente consiste di Sistemi Autonomi (AS) interconnessi: Stub AS: istituzione piccola Multihomed AS: grande istituzione (nessun ( transito Transit AS: provider

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente

Guida ai Servizi Voce per l Utente. Guida ai ai Servizi Voce per l Utente Guida ai Servizi Voce per l Utente Guida ai ai Servizi Voce per l Utente 1 Indice Introduzione... 3 1 Servizi Voce Base... 4 1.1 Gestione delle chiamate... 4 1.2 Gestione del Numero Fisso sul cellulare...

Dettagli

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione

L Impresa Estesa come motore dell Innovazione L Impresa Estesa come motore dell Innovazione VOIP e RFID Andrea Costa Responsabile Marketing Clienti Enterprise 0 1. Innovazione: un circolo virtuoso per l Impresa Profondità e latitudine (l azienda approfondisce

Dettagli

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015

Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Introduzione alle VLAN Autore: Roberto Bandiera 21 gennaio 2015 Definizione Mentre una LAN è una rete locale costituita da un certo numero di pc connessi ad uno switch, una VLAN è una LAN VIRTUALE (Virtual

Dettagli

Telecom Italia Dicembre 2013

Telecom Italia Dicembre 2013 RICARICABILE BUSINESS TIM : PROPOSIZIONE ESCLUSIVA PER MEPA Telecom Italia Dicembre 2013 Ricaricabile Business TIM La piattaforma ricaricabile business di Telecom Italia prevede un basket per singola linea.

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche

Pollicino Tracking F12 MANUALE UTENTE. 1. F12 Caratteristiche F12 MANUALE UTENTE 1. F12 Caratteristiche Progettato per sopravvivere in condizioni difficili, fornendo regolari ed accurate registrazioni di posizione sfruttando un GPS all avanguardia sulla rete cellulare,

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

Qual è il terminale giusto per voi? E tutto ciò di cui avete bisogno associato ad esso.

Qual è il terminale giusto per voi? E tutto ciò di cui avete bisogno associato ad esso. Qual è il terminale giusto per voi? E tutto ciò di cui avete bisogno associato ad esso. Terminali stazionari Avete un punto vendita fisso e volete svolgere la procedura di pagamento in modo semplice e

Dettagli

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e

Interfaccia Web per customizzare l interfaccia dei terminali e SIP - Session Initiation Protocol Il protocollo SIP (RFC 2543) è un protocollo di segnalazione e controllo in architettura peer-to-peer che opera al livello delle applicazioni e quindi sviluppato per stabilire

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Il modo più semplice ed economico per creare Hot Spot Wi-Fi per luoghi aperti al pubblico. Internet nel tuo locale? facile come non mai!

Il modo più semplice ed economico per creare Hot Spot Wi-Fi per luoghi aperti al pubblico. Internet nel tuo locale? facile come non mai! Il modo più semplice ed economico per creare Hot Spot Wi-Fi per luoghi aperti al pubblico Internet nel tuo locale? facile come non mai! Il Prodotto WiSpot è il nuovo prodotto a basso costo per l'allestimento

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

Noleggio Portatile Satellitare ISATPHONE PRO

Noleggio Portatile Satellitare ISATPHONE PRO Enhancing Your Satellite Connectivity anywhere with Universat Italia Services Noleggio Portatile Satellitare ISATPHONE PRO Universat fornisce un pratico ed economico servizio di noleggio di apparecchiature

Dettagli

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011

Sistemi Web-Based - Terminologia. Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 Sistemi Web-Based - Terminologia Progetto di Sistemi Web-Based Prof. Luigi Laura, Univ. Tor Vergata, a.a. 2010/2011 CLIENT: il client è il programma che richiede un servizio a un computer collegato in

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it)

SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) SubnetMask: come funzionano e come si calcolano le sottoreti (SpySystem.it) In una rete TCP/IP, se un computer (A) deve inoltrare una richiesta ad un altro computer (B) attraverso la rete locale, lo dovrà

Dettagli

Imola Prontuario di configurazioni di base

Imola Prontuario di configurazioni di base Imola Prontuario di configurazioni di base vers. 1.3 1.0 24/01/2011 MDG: Primo rilascio 1.1. 31/01/2011 VLL: Fix su peso rotte 1.2 07/02/2011 VLL: snmp, radius, banner 1.3 20/04/2011 VLL: Autenticazione

Dettagli

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della Delibera n. 154/12/CONS

Modello elettronico di cui all'art. 3, comma 1, lett. b) della Delibera n. 154/12/CONS cui si Tempo di rinnovo del credito percentile 95 del tempo di ricarica minuti 1,2 (Allegato 1 delibera Tempo di risposta dei di consultazione elenchi (Allegato 2 delibera (1) di consultazione elenchi

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI

STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI STRUMENTAZIONE INNOVATIVA E NUOVE METODOLOGIE PER LA VALUTAZIONE DELL ESPOSIZIONE A CAMPI ELETTROMAGNETICI Gaetano Licitra, Fabio Francia Italia - Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana

Dettagli

A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System

A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System A.R.I. Sezione di Reggio Emilia presenta: Introduzione al sistema A.P.R.S.* Automatic Position Reporting System *APRS è un marchio depositato da Bob Bruninga, WB4APR Copyright 2002-03 Alessandro Bondavalli

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC

GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC GUIDA RAPIDA emagister-agora Edizione BASIC Introduzione a emagister-agora Interfaccia di emagister-agora Configurazione dell offerta didattica Richieste d informazioni Gestione delle richieste d informazioni

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

Introduzione alle applicazioni di rete

Introduzione alle applicazioni di rete Introduzione alle applicazioni di rete Definizioni base Modelli client-server e peer-to-peer Socket API Scelta del tipo di servizio Indirizzamento dei processi Identificazione di un servizio Concorrenza

Dettagli

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente

Guida ai Servizi Voce per il Referente. Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente Guida ai Servizi Voce per il Referente 1 Sommario 1 Introduzione... 3 1.1 Accesso al Self Care Web di Rete Unica... 4 2 Servizi Aziendali... 6 2.1 Centralino - Numero

Dettagli

Provincia di Padova. Capitolato d'oneri SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE PER LA PROVINCIA DI PADOVA CIG 4642088433 SETTORE SISTEMI INFORMATIVI

Provincia di Padova. Capitolato d'oneri SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE PER LA PROVINCIA DI PADOVA CIG 4642088433 SETTORE SISTEMI INFORMATIVI SETTORE SISTEMI INFORMATIVI SERVIZI DI TELEFONIA MOBILE PER LA PROVINCIA DI PADOVA Capitolato d'oneri Indice generale 1. Premessa...4 2. Definizioni ed acronimi...4 3. Oggetto dell appalto...5 4. Servizi

Dettagli

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001

www.queen.it info@mbox.queen.it Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Listino Gennaio 2001 pag. 1 Gruppo Queen.it Listino Utente Finale Gennaio 2001 Profilo aziendale Chi è il Gruppo Queen.it Pag. 2 Listino connettività Listino Connettività RTC Pag. 3 Listino Connettività

Dettagli

Manuale Software. www.smsend.it

Manuale Software. www.smsend.it Manuale Software www.smsend.it 1 INTRODUZIONE 3 Multilanguage 4 PANNELLO DI CONTROLLO 5 Start page 6 Profilo 7 Ordini 8 Acquista Ricarica 9 Coupon AdWords 10 Pec e Domini 11 MESSAGGI 12 Invio singolo sms

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA

CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA CHIAVETTA INTERNET ONDA MT503HSA Manuale Utente www.ondacommunication.com CHIAVETTA INTERNET MT503HSA 7.2 MEGA UMTS/EDGE - HSDPA Manuale Utente Rev 1.0 33080, Roveredo in Piano (PN) Pagina 1 di 31 INDICE

Dettagli

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it

Sicurezza delle reti wireless. Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Sicurezza delle reti wireless Alberto Gianoli alberto.gianoli@fe.infn.it Concetti di base IEEE 802.11: famiglia di standard tra cui: 802.11a, b, g: physical e max data rate spec. 802.11e: QoS (traffic

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Web Conferencing and Collaboration tool

Web Conferencing and Collaboration tool Web Conferencing and Collaboration tool La piattaforma Meetecho Piattaforma di Web Conferencing e Collaborazione on line in tempo reale Caratteristiche generali Soluzione client-server progettata per essere

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO

SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO CLSMS SOFTWARE GESTIONE SMS DA INTERFACCE CL MANUALE D INSTALLAZIONE ED USO Sommario e introduzione CLSMS SOMMARIO INSTALLAZIONE E CONFIGURAZIONE... 3 Parametri di configurazione... 4 Attivazione Software...

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

ARP (Address Resolution Protocol)

ARP (Address Resolution Protocol) ARP (Address Resolution Protocol) Il routing Indirizzo IP della stazione mittente conosce: - il proprio indirizzo (IP e MAC) - la netmask (cioè la subnet) - l indirizzo IP del default gateway, il router

Dettagli

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement

BRM. Tutte le soluzioni. per la gestione delle informazioni aziendali. BusinessRelationshipManagement BRM BusinessRelationshipManagement Tutte le soluzioni per la gestione delle informazioni aziendali - Business Intelligence - Office Automation - Sistemi C.R.M. I benefici di BRM Garantisce la sicurezza

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows

Progettare network AirPort con Utility AirPort. Mac OS X v10.5 + Windows Progettare network AirPort con Utility AirPort Mac OS X v10.5 + Windows 1 Indice Capitolo 1 3 Introduzione a AirPort 5 Configurare un dispositivo wireless Apple per l accesso a Internet tramite Utility

Dettagli