Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto"

Transcript

1 La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione dei processi biologici I fenomeni di trasporto, e la loro interazione con i processi di trasformazione (reazioni biochimiche), influenzano e determinano il funzionamento normale o patologico delle cellule, dei tessuti e degli organi Le cellule, i tessuti e gli organi per poter funzionare correttamente devono essere in grado di controllare accuratamente e velocemente la concentrazione e la localizzazione dei nutrienti e dei regolatori le cellule sono in grado di controllare le caratteristiche chimico-fisiche dell ambiente intra- ed extra-cellulare tramite la regolazione del trasporto delle molecole nel citoplasma e attraverso la membrane cellulari livelli ulteriori di organizzazione, quali ad esempio diverse dimensioni delle cellule o diverse densità di capillari nei vari tessuti, sono in parte motivate dalla velocità di tasporto delle molecole l organizzazione sistemica dei vari organi (polmoni, cuore, fegato, reni) permette poi uno scambio molto veloce delle molecole tra il sangue ed i tessuti Alterazioni dei processi di trasporto sono associate ad un numero notevole di disfunzioni e malattie quali l arterioscelori, il cancro o le patologie renali

2 Applicazioni dei fenomeni di trasporto ai sistemi biologici: trasporto di molecole (soluti, elettroliti, ossigeno) attraverso le membrane cellulari trasporto di macromolecole nei tessuti trasporto di molecole con interazione biochimica (riconoscimento recettoriale, antigene-anticorpo, ossigeno nei mitocondri, flusso sanguigno) processi di adesione e signaling cellulare (tissue engineering) farmacocinetica, drug delivery, gene therapy progettazione di ausili extracorporei e organi bioartificiali (macchine cuorepolmone, dializzatori, pancreas, fegato) progettazione di biosensori (immobilizzazione di enzimi o sonde biochimiche su supporti solidi) separazione e purificazione di popolazioni cellulari... Lo studio dei fenomeni di trasporto è definito come lo studio dei processi che governano il trasferimento di materia, energia e quantità di moto (momentum) in ambito biologico, per materia si intendono sia molecole (solventi, soluti) sia cellule in sospensione e/o tessuti benchè i trasporti di materia, energia e quantità di moto siano modellabili con formulazioni molto simili tra loro, le tre quantità differiscono in quanto massa ed energia sono quantità scalari, mentre la quantità di moto è una grandezza vettoriale Nonostante siano caratterizzati da notevoli peculiarità, i fenomeni di trasporto nei sistemi biologici vengono studiati alla luce delle formulazioni matematiche derivate per sistemi non-biologici Bird, R, Stewart, W, and Lightfoot, W, Transport Phenomena. 1960, New York: John Wiley and Sons

3 In generale, esiste un analogia tra trasporto di materia, energia e quantità di moto data dalla relazione Flusso Gradiente di quantità della quantità trasportata trasportata il segno meno deriva dal fatto che il gradiente è normalmente opposto al verso della quantità trasportata Quantità trasportata Flusso Gradiente Coefficiente di proporzionalità Materia Flusso di materia Concentrazione Coefficiente di diffusione Energia Energia Temperatura Conducibilità termica Quantità di moto Forza tangenziale Velocità Viscosità Quantità Coefficiente di diffusione Concentrazione molare Densità Permeabilità Flusso di materia Flusso molare Velocità Portata volumetrica Sforzo tangenziale Quantità di moto Pressione Velocità tangenziale Viscosità Viscosità cinematica Permeabilità di Darcy Simbolo D ij c ρ P j J v F (o Q) τ M P γ x µ υ κ Unità di misura (SI) m 2 s -1 mole m -3 kg m -3 m s -1 kg m -2 s -1 mole m -2 s -1 m s -1 m 3 s -1 N m -2 (Pa) kg m s -1 N m -2 (Pa) s -1 kg m -1 s -1 m 2 s -1 m 2

4 In generale, si hanno due meccanismi fondamentali di trasporto trasporto per diffusione trasporto con un flusso convettivo netto La diffusione è rappresentata dal movimento casuale delle molecole indotto da trasferimenti energetici a seguito di eventi di scattering (urti) tra le molecole stesse Il moto convettivo avviene a seguito di un flusso netto di fluido indotto da un campo di forze Diffusione quando un fluido si trova all'equilibrio termodinamico si potrebbe pensare che le molecole che lo compongono siano essenzialmente ferme o che comunque vibrino attorno alla loro posizione di equilibrio per effetto della temperatura se però si osserva il moto di un tale fluido, ad esempio mettendo in sospensione delle particelle colorate molto leggere ed osservandone il movimento, si nota che queste sono tutt'altro che a riposo ciascuna particella segue un moto assolutamente disordinato (random walk o moto browniano) indotto dalle collisioni che la particella in questione subisce da parte delle molecole del fluido in cui è immersa Il trasporto per diffusione avviene nei gas, nelle soluzioni, attarverso le membrane e negli spazi interstiziali dei tessuti La velocità di diffusione dipende dipende dalle caratteristiche chimico-fisiche della molecola, del mezzo (viscosità o resistenza al flusso) e dalla temperatura

5 Diffusione il risultato macroscopico del moto molecolare (casuale) è che la molecola che diffonde si muove da una regione a concentrazione maggiore verso una regione dove la concentrazione è più bassa la differenza spaziale di concentrazione è denominata gradiente (forza motrice) la quantità netta di molecole che attarversano una superficie unitaria in una data direzione nell unità di tempo è detta flusso il flusso è proporzionale al gradiente di concentrazione (1 a legge di Fick ) Diffusione macroscopicamente la diffusione è caratterizzata dal coefficiente di diffusione binario D AB, dove A rappresenta il soluto e B il solvente il coefficiente di diffusione è il fattore di proporzionalità tra flusso e gradiente di concentrazione è funzione dalle variabili termodinamiche (temperatura e pressione) ed il suo valore dipende dalle caratteristiche chimico-fisiche del soluto e del solvente Tipologia di molecola Gas in gas Gas in liquidi Molecole piccole in liquidi Proteine in liquidi Proteine in tessuti Lipidi in membrane lipidiche Proteine in membrane lipidiche Coefficiente di diffusione (cm 2 s -1 )

6 Diffusione data la relativa ininfluenza delle forze intermolecolari, il coefficiente di diffusione assume i valori massimi per i gas nei gas, mentre nei liquidi la diffusione è volte più lenta nei gas, una molecola può percorrere una distanza notevole prima di collidere con una molecola di solvente al contrario, nei liquidi, una molecola di soluto ha una probabilità più elevata di incontrare una molecola di solvente dopo aver percorso una distanza molto minore rispetto alle sue dimensioni le molecole nei liquidi si muovono più difficilmente nelle membrane, la diffusione viene ulteriormente ridotta rispetto ai liquidi a causa dell aumento delle forze intermolecolari la diffusione delle proteine nelle membrane è addirittura più lenta della diffusione dei lipidi e ciò a seguito delle interazioni che si vengono ad instaurare tra catene proteiche e citoscheletro e tra proteine e proteine di membrana La diffusione in strutture complesse come membrane e tessuti dipende dai processi di diffusione nella fase liquida e dalla struttura della membrana o del tessuto (ostacoli creati dalla matrice) Diffusione Einstein determinò che il coefficiente di diffusione di un soluto che si muove di moto casuale in uno spazio bidimensionale è funzione della distanza media compiuta dalla molecola (legge di Stokes-Einstein) 2 x + D AB 4t y 2 si nota che il tempo impiegato per la diffusione aumenta con il quadrato della distanza di diffusione la diffusione è un processo rapido ed efficiente solo per piccole distanze cellula tipica: raggio=10 µm D AB (proteina nel citoplasma)= tempo di diffusione dalla membrana al centro della cellula= /10-7 /4=2.5 s tempo di diffusione attraverso un tessuto= ~1000 s

7 Flusso convettivo un meccanismo che consente di movimentare molecole e cellule superando i limiti imposti dal processo di diffusione liquidi e gas possono essere movimentati dall applicazione di un campo di forze su una superficie sforzi normali alla superficie: gravità, pressione sforzi tangenziali alla superficie: attrito i soluti vengono quindi trasportati assieme al flusso netto del solvente contemporaneamente però i soluti diffondono nel solvente se il trasporto convettivo del solvente è lento rispetto alla diffusione, il soluto si muove per sola diffusione viceversa, il soluto viene trasportato grazie al trasporto convettivo del fluido solvente La viscosità del fluido (µ) è una misura della resitenza opposta dal fluido al movimento più viscoso è il fluido, maggiore sarà la forza da applciare per indurre il movimento la viscosità di un fluido puro è una funzione di temperatura e pressione Flusso convettivo i gas hanno valori di viscosità molto bassi dei liquidi dove la presenza di forze intermolecolari aumenta sia viscosità che densità la viscosità dei liquidi varia di alcuni ordine di grandezza anche in base alla loro composizione la viscosità di miscele complesse (sangue, soluzioni polimeriche) dipende non solo da temperatura e pressione, ma anche dal gradiente di velocità (fluidi non newtoniani) La densità (ρ) è una misura dell organizzazione molecolare La viscosità cinematica (ν) è una misura dell efficienza di trasferimento della quantità di moto (una sorta di coefficiente di trasferimento della quantità di moto nel fluido) µ ν = ρ

8 Viscosità µ (g cm -1 s -1 ) Densità ρ (g cm -3 ) Viscosità cinematica ν (cm 2 s -1 ) Gas Liquidi Acqua Glicerolo Sangue Interpretazione molecolare per effetto di un movimento (forza), il fluido acquista una certa quantità di moto: questo fluido a sua volta conferisce una parte della sua quantità di moto agli strati adiacenti di fluido, consentendo a quest ultimo di rimanere in movimento la quantità di moto si trasmette (con un flusso viscoso) attraverso il fluido perpendicolarmente alla direzione di movimento e proporzionalmente al gradiente di velocità fluidi newtoniani Flusso convettivo una volta rimossa la forza applicata ad un fluido in movimento intercorre un certo lasso di tempo prima che fluido di fermi completamente la variazione della velocità dipende da un bilancio tra le forze viscose e quelle inerziali le forze viscose, proporzionali alla viscosità, tendono a rallentare (accellerare) il fluido le forze d inerzia (attrito), proprozionali alla massa (densità), tendono a mantenere il fluido in movimento il rapporto tra le forze d inerzia e quelle viscose è noto come numero di Reynolds Re 2 forze d'inerzia ρv L ρvl = = forze viscose µ v L µ = 2 dove L è una lunghezza caratteristica (es.: il diametro di una sezione circolare) e v una velocità caratteristica (es.: la velocità media del fluido)

9 Flusso convettivo una pecularità del flusso convettivo è che le caratteristiche del moto variano al variare del numero di Reynolds, ovvero per valori diversi di velocità, dimensione caratteristica e viscosità cinematica (µ/ρ) per bassi valori del numero di Reynolds, il moto è laminare con linee di flusso rettilinee (moto laminare senza increspature) quando le forze d inerzia cominciano a diventare preponderanti, il moto laminare inizia a presentare delle increspature per Re»1, il moto diventa turbolento il regime di moto turbolento caratterizza i flussi nelle arterie e nei polmoni nei tessuti biologici, costituiti oltre che da acqua anche da una matrice di proteine e proteoglicani (matrice extracellulalre), il moto dei fluidi è assimilabile al moto attarverso un mezzo poroso la velocità volumetrica media del fluido che attraversa il tessuto è proporzionale alla perdita di carico (legge di Darcy) il coefficiente proporzionalità (coefficiente di permeabilità di Darcy) rappresenta la conducibilità del mezzo poroso e dipende dalla microstruttura del mezzo Diffusione e flusso convettivo nei sistemi biologici, le dimensioni variano di alcuni ordini di grandezza Proteine ed acidi nucleici Organelli Cellule Capillari Organi Corpo Dimensione (m) non è quindi pensabile che un unico meccansmo di trasporto sia in grado di funzionare a qualsiasi livello biologico per distanze brevi, la diffusione è efficace, ma man mano che la distanza da coprire aumenta, il tempo necessario per la diffusione di una molecola diventa troppo elevato (quadrato della distanza) il flusso convettivo rimpiazza quindi il trasporto per diffusione qualora quest ultimo si riveli troppo lento o la distanza da coprire troppo elevata

10 Diffusione e flusso convettivo l importanza relativa di diffusione e flusso convettivo può essere valutata attraverso il numero di Peclet, che rappresenta il rapporto tra trasporto di massa per flusso convettivo e per diffusione 2 trasporto di materia per flusso convettivo L v Pe = = = trasporto di materia per diffusione D L vl AB D AB dove L è una lunghezza caratteristica (es.: il diametro di una sezione circolare) e v la velocità media del fluido Pe«1, la diffusione è più veloce del moto convettivo Pe»1, il moto convettivo è il sistema di trasporto prevalente per un dato intervallo dimensionale e per una data velocità, la diffusione è prevalente per il trasporto di molecole piccole (es.: ossigeno), mentre il moto convettivo viene utilizzato per la movimentazione di macromolecole o cellule all interno delle cellule (dimensioni tipiche~10 µm), le molecole diffondono molto rapidamente in virtù di gradienti di concentrazione mantenuti dalle reazioni biochimiche. Quindi il trasporto di ossigeno ai mitocondri o le reazioni delle proteine di membrana sono processi diffusion-limited Diffusione e flusso convettivo Ossigeno Molecola PM D (cm2 s-1 ) Tempo di diffusione 500 s Pe=vL/D AB 0.50 Glucosio s 5.0 Fab (frammento anticorpo umano) min 11.1 Anticorpo min 16.7 Virus Particella Diametro 100 nm D (cm2 s-1 ) Tempo di diffusione 55.6 h 200 Pe=vL/D AB Batterio 1 µm h 2000 Cellula eucariote 10 µm h assumendo: L=1 mm t=l 2 /D AB L/v = 16.7 min (1000 s) per tutte le molecole e le particelle qualora v = 1 µm/s

11 Diffusione e flusso convettivo un metodo alternativo per valutare l importanza relativa di diffusione e flusso convettivo è confrontare i tempi dei due processi t d =L 2 /D AB e t c =L/v in un grafico log-log la distanza alla quale i due processi sono equivalenti è proporzionale al coefficiente di diffusione per le proteine (range di D AB del grafico), la diffusione è efficace per distanze minori o uguali alle dimensioni di una cellula (10 µm=0.001 cm) molecole più piccole come CO 2, ossigeno, glucosio, urea, possono diffondere efficaciemente anche fino a 100 µm, ovvero fino a circa la distanza normalmente esistente tra i capillari nei tessuti Trasporto nelle cellule l organizzazione cellulare dipende in parte dalla necessità di regolare il trasporto di molecole tra la cellula ed il mezzo extracellulare e tra il citoplasma ed i vari organelli molte delle sostanze fondamentali per la cellula non passano facilmente attraverso la membrana cellulare e possono entrare nella cellula solo in virtù di proteine trasportatrici. Di fatto, il doppio strato lipidico delle membrane è caratterizzato da una bassa permeabilità a molte molecole molecole idrofobiche (O 2, N 2, CO 2 ), piccole molecole organiche e l acqua esibiscono un elevata permeabilità ioni e soluti polari sono virtualmente impermeabili ed il loro trasporto avviene grazie alla presenza di proteine transmembraniche che fungono da trasportatori (carriers) o da veri e propri canali (pompe ioniche) la compatimentalizzazione e la presenza di organelli permette inoltre alla cellula di ottenere concentrazioni elevate di specie reattive lì dove la reazione deve avvenire la localizzazione delle sostanze reattive viene ottenuta proprio regolando il trasporto attarverso le membrane degli organelli o immobilizzando le specie reattive sulla superficie di una membrana

12 Trasporto nelle cellule diffusione attraverso il doppio strato lipido e trasporto mediato da carriers hanno caratteristiche diverse la velocità di diffusione (per unità di area) è proporzionale all concentrazione la velocità del trasporto mediato da carriers (facilitato o attivo) non è linearmente dipendente dalla concentrazione. A concentrazioni elevate, la velocità di trasporto diventa del tutto indipendente dalla concentrazione il processo è noto come saturazione, ovvero i siti del carrier vengono tutti occupati non appena si rendono disponibili

13 Trasporto transcellulare lo scambio di molecole tra i tessuti, ed al loro interno, è finemente regolato soprattutto grazie alle cellule epiteliali ed endoteliali le cellule epiteliali sono presenti sulla superficie di praticamente tutti i tessuti, inclusi stomaco, intestino, polmoni, fegato, reni e ghiandole i processi di trasporto avvengo soprattutto utilizzando proteine trasportatrici delle membrane cellulari e, da cellula a cellula, attraverso una rete di giunzioni che consentono lo scambio tra una cellula e l altra trasporto di nutrienti (glucosio e amminoacidi) dal lume intestinale al flusso sanguigno (simporto sodio-glucosio accoppiato ad una pompa sodio-potassio) le giunzioni hanno la funzione di creare delle barriere impermeabili al trasporto tra le cellule (tight junctions), dei canali (gap junctions) o dei sistemi di connessione tra le cellule e la matrice extracellulare (anchoring junctions) le cellule endoteliali ricoprono tutti i vasi sanguigni ed i tessuti del sistema linfatico e regolano il trasporto con processi analoghi a quelli delle cellule epiteliali le giunzioni tra le cellule endoteliali permettono il trasporto di molecole con dimensioni fino ai 2 nm, ma la loro permeabilità può venire alterata da sostanze come i vasodilatatori Cellule epiteliali: trasporto di glucosio dal lume intestinale al flusso sanguigno

14 Trasporto transcellulare spesso una molecola trasportata passa attraverso lo strato epiteliale o endoteliale e quindi diffonde attraverso il tessuto. In tal caso, è utile quantificare il contributo relativo dello strato epiteliale/endoteliale alla resistenza alla diffusione il numero di Biot è un gruppo adimensionale che misura la resistenza relativa offerta da ciascuno dei due processi di trasporto trasporto di materia attraverso lo strato cellulare kml Bi = = trasporto di materia attraverso il tessuto D eff dove k m è la permeabilità dello strato epiteliale/endoteliale se Bi»1, il trasporto nel tessuto rappresenta lo step limitante se Bi«1, la membrana cellulare esercita la maggior resitenza al trasporto si ricordi che la permeabilità k m (o P) è definita come k m =KD AB /L (con K coefficiente di partizione) e che il flusso attraverso la membrana è dato da J=-k m (c 2 -c 1 ) Sistemi fisiologici di trasporto gli organi sono costituiti da tessuti raggruppati ed organizzati in modo tale da compiere una funzione specifica organi diversi che svolgono una funzione coordinata, sono a loro volta organizzati in apparati (gastro-intestinale, respiratorio, riproduttivo) una funzione fondamentale di organi e apparati è il trasporto di molecole fondamentali per la crescita, il nutrimento, il trasferimento di segnali, la ricostruzione la funzione di trasporto dei sistemi fisiologici può essere regolata sia a livello locale sia a livello sistemico rilascio di molecole-segnale che agiscono sulle stesse cellule che le hanno prodotte molecole ad emivita breve rilasciate da un tipo di cellula/tessuto per agire su un altra cellula in un altro luogo i vasodilatatori vengono rilasciati dall endotelio (ad es.: in seguito a variazioni del flusso sanguigno) per agire poi sulle cellule del muscolo binding tra cellule di tipo diverso cellule del sistema immunitario trasmissione sinaptica e sistema endocrino rilascio di neurotrasmettitori e ormoni

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE

12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12. LO SCAMBIO TERMICO PER CONVEZIONE 12.1 Introduzione Una seconda modalità di trasmissione del calore, detta convezione termica, ha luogo quando almeno uno dei due corpi che si scambiano calore è un

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la

INFIAMMAZIONE. L infiammazione è strettamente connessa con i processi riparativi! l agente di malattia e pone le basi per la INFIAMMAZIONE Risposta protettiva che ha lo scopo di eliminare sia la causa iniziale del danno cellulare (es. microbi, tossine etc), sia i detriti cellulari e le cellule necrotiche che compaiono a seguito

Dettagli

Gli scambi tra cellula ed ambiente

Gli scambi tra cellula ed ambiente Gli scambi tra cellula ed ambiente Equilibrio osmotico Squilibrio chimico Squilibrio elettrico Equilibrio dinamico Lo scopo dell omeostasi è mantenere l equilibrio dinamico dei compartimenti corporei.

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto

Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto Capitolo 2 Dinamica dei corpi deformabili. Conservazione della quantità di moto 2.1 Forze Le forze che agiscono su un elemento B n del corpo B sono essenzialmente di due tipi: a) forze di massa che agiscono

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico

Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Messaggero del segnale cellulare. Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Monossido d azoto NO (Nitric Oxide) Ruolo biologico: Messaggero del segnale cellulare Molecola regolatoria nel sistema cardiovascolare Molecola regolatoria nel sistema nervoso centrale e periferico Componente

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Precorsi 2014. Fisica. parte 1

Precorsi 2014. Fisica. parte 1 Precorsi 2014 Fisica parte 1 Programma ministeriale per il test Grandezze fisiche Una grandezza fisica è una caratteristica misurabile di un entità fisica. Sono grandezze fisiche: velocità, energia di

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali:

Gli enzimi. L azione degli enzimi è caratterizzata da alcune proprietà fondamentali: Gli enzimi Nel metabolismo energetico le cellule producono notevoli quantità di CO 2 che deve essere eliminata con l apparato respiratorio. Il trasferimento della CO 2 dalle cellule al sangue e da esso

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Seconda Legge DINAMICA: F = ma

Seconda Legge DINAMICA: F = ma Seconda Legge DINAMICA: F = ma (Le grandezze vettoriali sono indicate in grassetto e anche in arancione) Fisica con Elementi di Matematica 1 Unità di misura: Massa m si misura in kg, Accelerazione a si

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

esercitata dalle particelle del fluido sulla superficie Δ A. Definiamo (tramite una misura di forza) la pressione (grandezza scalare), come:

esercitata dalle particelle del fluido sulla superficie Δ A. Definiamo (tramite una misura di forza) la pressione (grandezza scalare), come: IL MOTO DEI FLUIDI Un fluido può essere pensato come costituito da un numero molto grande di molecole ( N 0 3 mol / cm 3 ) interagenti tra loro mediante forze di natura elettrica. La descrizione del moto

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica

Gli enzimi. Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica Gli enzimi Proprietà generali Classificazione e nomenclatura Catalisi enzimatica En-zima εν ζυμη nel lievito Enzima termine generico per definire un catalizzatore biologico Tranne che diversamente indicato,

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it

Fisica delle Particelle: esperimenti. Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Fisica delle Particelle: esperimenti Fabio Bossi (LNF-INFN) fabio.bossi@lnf.infn.it Il processo scientifico di conoscenza Esperimento Osservazione quantitativa di fenomeni riguardanti alcune particelle

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA

TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA TECNICHE DI BASE PER LA SEPARAZIONE DEI COMPONENTI DI UNA MISCELA CENTRIFUGAZIONE La centrifugazione è un processo che permette di separare una fase solida immiscibile da una fase liquida o due liquidi

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga

FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO. Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga FARMACOLOGIA DEL SISTEMA NERVOSO AUTONOMO SIMPATICO Il sistema ortosimpatico media le risposte della reazione di lotta e fuga Le basi anatomiche del sistema nervoso autonomo Reazioni connesse alla digestione

Dettagli

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI

MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI MODALITA DI VALUTAZIONE DELLA DOSE EFFICACE PER I LAVORATORI ESPOSTI Premessa La presente relazione fornisce i criteri e le modalità mediante i quali verranno valutate le dosi efficaci per lavoratori dipendenti,

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

CROMATOGRAFIA SU COLONNA

CROMATOGRAFIA SU COLONNA 1 CROMATOGRAFIA SU COLONNA La cromatografia è una tecnica di migrazione differenziata che permette la separazione dei costituenti di una miscela di sostanze affini. La cromatografia può essere di tipo

Dettagli

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura

Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Elettronica I Grandezze elettriche e unità di misura Valentino Liberali Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università di Milano, 26013 Crema e-mail: liberali@dti.unimi.it http://www.dti.unimi.it/

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda

Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Studio sperimentale della propagazione di un onda meccanica in una corda Figura 1: Foto dell apparato sperimentale. 1 Premessa 1.1 Velocità delle onde trasversali in una corda E esperienza comune che quando

Dettagli

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia

LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia LEZIONE 5 Interazione Particelle Cariche-Materia Particelle alfa Le particelle alfa interagiscono intensamente con la materia attraverso collisioni/interazioni che producono lungo la traccia una elevata

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli