Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto"

Transcript

1 La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione dei processi biologici I fenomeni di trasporto, e la loro interazione con i processi di trasformazione (reazioni biochimiche), influenzano e determinano il funzionamento normale o patologico delle cellule, dei tessuti e degli organi Le cellule, i tessuti e gli organi per poter funzionare correttamente devono essere in grado di controllare accuratamente e velocemente la concentrazione e la localizzazione dei nutrienti e dei regolatori le cellule sono in grado di controllare le caratteristiche chimico-fisiche dell ambiente intra- ed extra-cellulare tramite la regolazione del trasporto delle molecole nel citoplasma e attraverso la membrane cellulari livelli ulteriori di organizzazione, quali ad esempio diverse dimensioni delle cellule o diverse densità di capillari nei vari tessuti, sono in parte motivate dalla velocità di tasporto delle molecole l organizzazione sistemica dei vari organi (polmoni, cuore, fegato, reni) permette poi uno scambio molto veloce delle molecole tra il sangue ed i tessuti Alterazioni dei processi di trasporto sono associate ad un numero notevole di disfunzioni e malattie quali l arterioscelori, il cancro o le patologie renali

2 Applicazioni dei fenomeni di trasporto ai sistemi biologici: trasporto di molecole (soluti, elettroliti, ossigeno) attraverso le membrane cellulari trasporto di macromolecole nei tessuti trasporto di molecole con interazione biochimica (riconoscimento recettoriale, antigene-anticorpo, ossigeno nei mitocondri, flusso sanguigno) processi di adesione e signaling cellulare (tissue engineering) farmacocinetica, drug delivery, gene therapy progettazione di ausili extracorporei e organi bioartificiali (macchine cuorepolmone, dializzatori, pancreas, fegato) progettazione di biosensori (immobilizzazione di enzimi o sonde biochimiche su supporti solidi) separazione e purificazione di popolazioni cellulari... Lo studio dei fenomeni di trasporto è definito come lo studio dei processi che governano il trasferimento di materia, energia e quantità di moto (momentum) in ambito biologico, per materia si intendono sia molecole (solventi, soluti) sia cellule in sospensione e/o tessuti benchè i trasporti di materia, energia e quantità di moto siano modellabili con formulazioni molto simili tra loro, le tre quantità differiscono in quanto massa ed energia sono quantità scalari, mentre la quantità di moto è una grandezza vettoriale Nonostante siano caratterizzati da notevoli peculiarità, i fenomeni di trasporto nei sistemi biologici vengono studiati alla luce delle formulazioni matematiche derivate per sistemi non-biologici Bird, R, Stewart, W, and Lightfoot, W, Transport Phenomena. 1960, New York: John Wiley and Sons

3 In generale, esiste un analogia tra trasporto di materia, energia e quantità di moto data dalla relazione Flusso Gradiente di quantità della quantità trasportata trasportata il segno meno deriva dal fatto che il gradiente è normalmente opposto al verso della quantità trasportata Quantità trasportata Flusso Gradiente Coefficiente di proporzionalità Materia Flusso di materia Concentrazione Coefficiente di diffusione Energia Energia Temperatura Conducibilità termica Quantità di moto Forza tangenziale Velocità Viscosità Quantità Coefficiente di diffusione Concentrazione molare Densità Permeabilità Flusso di materia Flusso molare Velocità Portata volumetrica Sforzo tangenziale Quantità di moto Pressione Velocità tangenziale Viscosità Viscosità cinematica Permeabilità di Darcy Simbolo D ij c ρ P j J v F (o Q) τ M P γ x µ υ κ Unità di misura (SI) m 2 s -1 mole m -3 kg m -3 m s -1 kg m -2 s -1 mole m -2 s -1 m s -1 m 3 s -1 N m -2 (Pa) kg m s -1 N m -2 (Pa) s -1 kg m -1 s -1 m 2 s -1 m 2

4 In generale, si hanno due meccanismi fondamentali di trasporto trasporto per diffusione trasporto con un flusso convettivo netto La diffusione è rappresentata dal movimento casuale delle molecole indotto da trasferimenti energetici a seguito di eventi di scattering (urti) tra le molecole stesse Il moto convettivo avviene a seguito di un flusso netto di fluido indotto da un campo di forze Diffusione quando un fluido si trova all'equilibrio termodinamico si potrebbe pensare che le molecole che lo compongono siano essenzialmente ferme o che comunque vibrino attorno alla loro posizione di equilibrio per effetto della temperatura se però si osserva il moto di un tale fluido, ad esempio mettendo in sospensione delle particelle colorate molto leggere ed osservandone il movimento, si nota che queste sono tutt'altro che a riposo ciascuna particella segue un moto assolutamente disordinato (random walk o moto browniano) indotto dalle collisioni che la particella in questione subisce da parte delle molecole del fluido in cui è immersa Il trasporto per diffusione avviene nei gas, nelle soluzioni, attarverso le membrane e negli spazi interstiziali dei tessuti La velocità di diffusione dipende dipende dalle caratteristiche chimico-fisiche della molecola, del mezzo (viscosità o resistenza al flusso) e dalla temperatura

5 Diffusione il risultato macroscopico del moto molecolare (casuale) è che la molecola che diffonde si muove da una regione a concentrazione maggiore verso una regione dove la concentrazione è più bassa la differenza spaziale di concentrazione è denominata gradiente (forza motrice) la quantità netta di molecole che attarversano una superficie unitaria in una data direzione nell unità di tempo è detta flusso il flusso è proporzionale al gradiente di concentrazione (1 a legge di Fick ) Diffusione macroscopicamente la diffusione è caratterizzata dal coefficiente di diffusione binario D AB, dove A rappresenta il soluto e B il solvente il coefficiente di diffusione è il fattore di proporzionalità tra flusso e gradiente di concentrazione è funzione dalle variabili termodinamiche (temperatura e pressione) ed il suo valore dipende dalle caratteristiche chimico-fisiche del soluto e del solvente Tipologia di molecola Gas in gas Gas in liquidi Molecole piccole in liquidi Proteine in liquidi Proteine in tessuti Lipidi in membrane lipidiche Proteine in membrane lipidiche Coefficiente di diffusione (cm 2 s -1 )

6 Diffusione data la relativa ininfluenza delle forze intermolecolari, il coefficiente di diffusione assume i valori massimi per i gas nei gas, mentre nei liquidi la diffusione è volte più lenta nei gas, una molecola può percorrere una distanza notevole prima di collidere con una molecola di solvente al contrario, nei liquidi, una molecola di soluto ha una probabilità più elevata di incontrare una molecola di solvente dopo aver percorso una distanza molto minore rispetto alle sue dimensioni le molecole nei liquidi si muovono più difficilmente nelle membrane, la diffusione viene ulteriormente ridotta rispetto ai liquidi a causa dell aumento delle forze intermolecolari la diffusione delle proteine nelle membrane è addirittura più lenta della diffusione dei lipidi e ciò a seguito delle interazioni che si vengono ad instaurare tra catene proteiche e citoscheletro e tra proteine e proteine di membrana La diffusione in strutture complesse come membrane e tessuti dipende dai processi di diffusione nella fase liquida e dalla struttura della membrana o del tessuto (ostacoli creati dalla matrice) Diffusione Einstein determinò che il coefficiente di diffusione di un soluto che si muove di moto casuale in uno spazio bidimensionale è funzione della distanza media compiuta dalla molecola (legge di Stokes-Einstein) 2 x + D AB 4t y 2 si nota che il tempo impiegato per la diffusione aumenta con il quadrato della distanza di diffusione la diffusione è un processo rapido ed efficiente solo per piccole distanze cellula tipica: raggio=10 µm D AB (proteina nel citoplasma)= tempo di diffusione dalla membrana al centro della cellula= /10-7 /4=2.5 s tempo di diffusione attraverso un tessuto= ~1000 s

7 Flusso convettivo un meccanismo che consente di movimentare molecole e cellule superando i limiti imposti dal processo di diffusione liquidi e gas possono essere movimentati dall applicazione di un campo di forze su una superficie sforzi normali alla superficie: gravità, pressione sforzi tangenziali alla superficie: attrito i soluti vengono quindi trasportati assieme al flusso netto del solvente contemporaneamente però i soluti diffondono nel solvente se il trasporto convettivo del solvente è lento rispetto alla diffusione, il soluto si muove per sola diffusione viceversa, il soluto viene trasportato grazie al trasporto convettivo del fluido solvente La viscosità del fluido (µ) è una misura della resitenza opposta dal fluido al movimento più viscoso è il fluido, maggiore sarà la forza da applciare per indurre il movimento la viscosità di un fluido puro è una funzione di temperatura e pressione Flusso convettivo i gas hanno valori di viscosità molto bassi dei liquidi dove la presenza di forze intermolecolari aumenta sia viscosità che densità la viscosità dei liquidi varia di alcuni ordine di grandezza anche in base alla loro composizione la viscosità di miscele complesse (sangue, soluzioni polimeriche) dipende non solo da temperatura e pressione, ma anche dal gradiente di velocità (fluidi non newtoniani) La densità (ρ) è una misura dell organizzazione molecolare La viscosità cinematica (ν) è una misura dell efficienza di trasferimento della quantità di moto (una sorta di coefficiente di trasferimento della quantità di moto nel fluido) µ ν = ρ

8 Viscosità µ (g cm -1 s -1 ) Densità ρ (g cm -3 ) Viscosità cinematica ν (cm 2 s -1 ) Gas Liquidi Acqua Glicerolo Sangue Interpretazione molecolare per effetto di un movimento (forza), il fluido acquista una certa quantità di moto: questo fluido a sua volta conferisce una parte della sua quantità di moto agli strati adiacenti di fluido, consentendo a quest ultimo di rimanere in movimento la quantità di moto si trasmette (con un flusso viscoso) attraverso il fluido perpendicolarmente alla direzione di movimento e proporzionalmente al gradiente di velocità fluidi newtoniani Flusso convettivo una volta rimossa la forza applicata ad un fluido in movimento intercorre un certo lasso di tempo prima che fluido di fermi completamente la variazione della velocità dipende da un bilancio tra le forze viscose e quelle inerziali le forze viscose, proporzionali alla viscosità, tendono a rallentare (accellerare) il fluido le forze d inerzia (attrito), proprozionali alla massa (densità), tendono a mantenere il fluido in movimento il rapporto tra le forze d inerzia e quelle viscose è noto come numero di Reynolds Re 2 forze d'inerzia ρv L ρvl = = forze viscose µ v L µ = 2 dove L è una lunghezza caratteristica (es.: il diametro di una sezione circolare) e v una velocità caratteristica (es.: la velocità media del fluido)

9 Flusso convettivo una pecularità del flusso convettivo è che le caratteristiche del moto variano al variare del numero di Reynolds, ovvero per valori diversi di velocità, dimensione caratteristica e viscosità cinematica (µ/ρ) per bassi valori del numero di Reynolds, il moto è laminare con linee di flusso rettilinee (moto laminare senza increspature) quando le forze d inerzia cominciano a diventare preponderanti, il moto laminare inizia a presentare delle increspature per Re»1, il moto diventa turbolento il regime di moto turbolento caratterizza i flussi nelle arterie e nei polmoni nei tessuti biologici, costituiti oltre che da acqua anche da una matrice di proteine e proteoglicani (matrice extracellulalre), il moto dei fluidi è assimilabile al moto attarverso un mezzo poroso la velocità volumetrica media del fluido che attraversa il tessuto è proporzionale alla perdita di carico (legge di Darcy) il coefficiente proporzionalità (coefficiente di permeabilità di Darcy) rappresenta la conducibilità del mezzo poroso e dipende dalla microstruttura del mezzo Diffusione e flusso convettivo nei sistemi biologici, le dimensioni variano di alcuni ordini di grandezza Proteine ed acidi nucleici Organelli Cellule Capillari Organi Corpo Dimensione (m) non è quindi pensabile che un unico meccansmo di trasporto sia in grado di funzionare a qualsiasi livello biologico per distanze brevi, la diffusione è efficace, ma man mano che la distanza da coprire aumenta, il tempo necessario per la diffusione di una molecola diventa troppo elevato (quadrato della distanza) il flusso convettivo rimpiazza quindi il trasporto per diffusione qualora quest ultimo si riveli troppo lento o la distanza da coprire troppo elevata

10 Diffusione e flusso convettivo l importanza relativa di diffusione e flusso convettivo può essere valutata attraverso il numero di Peclet, che rappresenta il rapporto tra trasporto di massa per flusso convettivo e per diffusione 2 trasporto di materia per flusso convettivo L v Pe = = = trasporto di materia per diffusione D L vl AB D AB dove L è una lunghezza caratteristica (es.: il diametro di una sezione circolare) e v la velocità media del fluido Pe«1, la diffusione è più veloce del moto convettivo Pe»1, il moto convettivo è il sistema di trasporto prevalente per un dato intervallo dimensionale e per una data velocità, la diffusione è prevalente per il trasporto di molecole piccole (es.: ossigeno), mentre il moto convettivo viene utilizzato per la movimentazione di macromolecole o cellule all interno delle cellule (dimensioni tipiche~10 µm), le molecole diffondono molto rapidamente in virtù di gradienti di concentrazione mantenuti dalle reazioni biochimiche. Quindi il trasporto di ossigeno ai mitocondri o le reazioni delle proteine di membrana sono processi diffusion-limited Diffusione e flusso convettivo Ossigeno Molecola PM D (cm2 s-1 ) Tempo di diffusione 500 s Pe=vL/D AB 0.50 Glucosio s 5.0 Fab (frammento anticorpo umano) min 11.1 Anticorpo min 16.7 Virus Particella Diametro 100 nm D (cm2 s-1 ) Tempo di diffusione 55.6 h 200 Pe=vL/D AB Batterio 1 µm h 2000 Cellula eucariote 10 µm h assumendo: L=1 mm t=l 2 /D AB L/v = 16.7 min (1000 s) per tutte le molecole e le particelle qualora v = 1 µm/s

11 Diffusione e flusso convettivo un metodo alternativo per valutare l importanza relativa di diffusione e flusso convettivo è confrontare i tempi dei due processi t d =L 2 /D AB e t c =L/v in un grafico log-log la distanza alla quale i due processi sono equivalenti è proporzionale al coefficiente di diffusione per le proteine (range di D AB del grafico), la diffusione è efficace per distanze minori o uguali alle dimensioni di una cellula (10 µm=0.001 cm) molecole più piccole come CO 2, ossigeno, glucosio, urea, possono diffondere efficaciemente anche fino a 100 µm, ovvero fino a circa la distanza normalmente esistente tra i capillari nei tessuti Trasporto nelle cellule l organizzazione cellulare dipende in parte dalla necessità di regolare il trasporto di molecole tra la cellula ed il mezzo extracellulare e tra il citoplasma ed i vari organelli molte delle sostanze fondamentali per la cellula non passano facilmente attraverso la membrana cellulare e possono entrare nella cellula solo in virtù di proteine trasportatrici. Di fatto, il doppio strato lipidico delle membrane è caratterizzato da una bassa permeabilità a molte molecole molecole idrofobiche (O 2, N 2, CO 2 ), piccole molecole organiche e l acqua esibiscono un elevata permeabilità ioni e soluti polari sono virtualmente impermeabili ed il loro trasporto avviene grazie alla presenza di proteine transmembraniche che fungono da trasportatori (carriers) o da veri e propri canali (pompe ioniche) la compatimentalizzazione e la presenza di organelli permette inoltre alla cellula di ottenere concentrazioni elevate di specie reattive lì dove la reazione deve avvenire la localizzazione delle sostanze reattive viene ottenuta proprio regolando il trasporto attarverso le membrane degli organelli o immobilizzando le specie reattive sulla superficie di una membrana

12 Trasporto nelle cellule diffusione attraverso il doppio strato lipido e trasporto mediato da carriers hanno caratteristiche diverse la velocità di diffusione (per unità di area) è proporzionale all concentrazione la velocità del trasporto mediato da carriers (facilitato o attivo) non è linearmente dipendente dalla concentrazione. A concentrazioni elevate, la velocità di trasporto diventa del tutto indipendente dalla concentrazione il processo è noto come saturazione, ovvero i siti del carrier vengono tutti occupati non appena si rendono disponibili

13 Trasporto transcellulare lo scambio di molecole tra i tessuti, ed al loro interno, è finemente regolato soprattutto grazie alle cellule epiteliali ed endoteliali le cellule epiteliali sono presenti sulla superficie di praticamente tutti i tessuti, inclusi stomaco, intestino, polmoni, fegato, reni e ghiandole i processi di trasporto avvengo soprattutto utilizzando proteine trasportatrici delle membrane cellulari e, da cellula a cellula, attraverso una rete di giunzioni che consentono lo scambio tra una cellula e l altra trasporto di nutrienti (glucosio e amminoacidi) dal lume intestinale al flusso sanguigno (simporto sodio-glucosio accoppiato ad una pompa sodio-potassio) le giunzioni hanno la funzione di creare delle barriere impermeabili al trasporto tra le cellule (tight junctions), dei canali (gap junctions) o dei sistemi di connessione tra le cellule e la matrice extracellulare (anchoring junctions) le cellule endoteliali ricoprono tutti i vasi sanguigni ed i tessuti del sistema linfatico e regolano il trasporto con processi analoghi a quelli delle cellule epiteliali le giunzioni tra le cellule endoteliali permettono il trasporto di molecole con dimensioni fino ai 2 nm, ma la loro permeabilità può venire alterata da sostanze come i vasodilatatori Cellule epiteliali: trasporto di glucosio dal lume intestinale al flusso sanguigno

14 Trasporto transcellulare spesso una molecola trasportata passa attraverso lo strato epiteliale o endoteliale e quindi diffonde attraverso il tessuto. In tal caso, è utile quantificare il contributo relativo dello strato epiteliale/endoteliale alla resistenza alla diffusione il numero di Biot è un gruppo adimensionale che misura la resistenza relativa offerta da ciascuno dei due processi di trasporto trasporto di materia attraverso lo strato cellulare kml Bi = = trasporto di materia attraverso il tessuto D eff dove k m è la permeabilità dello strato epiteliale/endoteliale se Bi»1, il trasporto nel tessuto rappresenta lo step limitante se Bi«1, la membrana cellulare esercita la maggior resitenza al trasporto si ricordi che la permeabilità k m (o P) è definita come k m =KD AB /L (con K coefficiente di partizione) e che il flusso attraverso la membrana è dato da J=-k m (c 2 -c 1 ) Sistemi fisiologici di trasporto gli organi sono costituiti da tessuti raggruppati ed organizzati in modo tale da compiere una funzione specifica organi diversi che svolgono una funzione coordinata, sono a loro volta organizzati in apparati (gastro-intestinale, respiratorio, riproduttivo) una funzione fondamentale di organi e apparati è il trasporto di molecole fondamentali per la crescita, il nutrimento, il trasferimento di segnali, la ricostruzione la funzione di trasporto dei sistemi fisiologici può essere regolata sia a livello locale sia a livello sistemico rilascio di molecole-segnale che agiscono sulle stesse cellule che le hanno prodotte molecole ad emivita breve rilasciate da un tipo di cellula/tessuto per agire su un altra cellula in un altro luogo i vasodilatatori vengono rilasciati dall endotelio (ad es.: in seguito a variazioni del flusso sanguigno) per agire poi sulle cellule del muscolo binding tra cellule di tipo diverso cellule del sistema immunitario trasmissione sinaptica e sistema endocrino rilascio di neurotrasmettitori e ormoni

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I A.A. 2015-16

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I A.A. 2015-16 Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I A.A. 2015-16 BIOFISICA DELLE MEMBRANE Negli organismi pluricellulari, a parte i tessuti tegumentari e gli epiteli assorbenti

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I BIOFISICA DELLE MEMBRANE BIOFISICA DELLE MEMBRANE Le funzioni biologiche di tutti gli organismi viventi si svolgono mediante

Dettagli

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido

Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido Il mantenimento dell omeostasi cellulare dipende dai sistemi che permettono lo scambio di molecole tra citoplasma e liquido extracellulare e dalla loro regolazione. Membrana cellulare Ogni cellula presenta

Dettagli

Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana.

Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana. Membrana cellulare Proteine inserite nella membrana cellulare: Integrali (transmembrana), si estendono attraverso l intera membrana. Classificate in famiglie a seconda del numero di segmenti transmembrana.

Dettagli

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA

LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA CELLULA ED I TRASPORTI ATTRAVERSO LA MEMBRANA PLASMATICA LA FUNZIONE E IL PROCESSO La funzione di un sistema o evento fisiologico è il perché il sistema esiste. Il processo indica la modalità attraverso

Dettagli

2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi

2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi 2. Fisiologia Cellulare Diffusione, Trasporto, Osmosi Prof. Carlo Capelli Fisiologia Laurea in Scienze delle attività motorie e sportive Università di Verona Obiettivi Diffusione semplice e mediata da

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

Bioingegneria Elettronica I

Bioingegneria Elettronica I Bioingegneria Elettronica I Cenni alla fisiologia delle cellule e dei sistemi biologici A. Bonfiglio La cellula struttura generale La cellula Struttura generale della cellula Composizione dei liquidi intracellulare

Dettagli

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare.

TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Membrana citoplasmatica èsedediscambiodi materia, energia e informazione con l ambiente esterno TRASPORTO: qualunque tipo di passaggio di sostanze attraverso la membrana cellulare. Scaricato da www.sunhope.it

Dettagli

La membrana cellulare racchiude il protoplasma, la sostanza vivente che costituisce la cellula, e lo separa dall ambiente esterno, extracellulare.

La membrana cellulare racchiude il protoplasma, la sostanza vivente che costituisce la cellula, e lo separa dall ambiente esterno, extracellulare. Membrana Plasmatica La membrana cellulare racchiude il protoplasma, la sostanza vivente che costituisce la cellula, e lo separa dall ambiente esterno, extracellulare. La sua funzione principale è quella

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I

Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I I TRASPORTI ATTRAVERSO MEMBRANE BIOLOGICHE Movimenti di piccoli soluti attraverso le membrane 2 categorie generali Trasporto

Dettagli

TRASPORTI MASSIVI E DIFFUSIVI DI SOSTANZE LEGATI ALL APPARATO CARDIOCIRCOLATORIO Un approccio interdisciplinare basato sul modello spinta-corrente-resistenza (corso BIC e corso 1+1+1) Christian Rivera

Dettagli

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari

Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale NEUROFISIOLOGIA capitolo 1 Cellule nervose capitolo 2 Recettori cellulari Cellule: morfologia ed organizzazione funzionale Membrana plasmatica: struttura e funzione Reticolo endoplasmatico Citoscheletro Proteine di membrana Proteine di membrana e segnali Strutture di contatto

Dettagli

CAPITOLO 5 IDRAULICA

CAPITOLO 5 IDRAULICA CAPITOLO 5 IDRAULICA Cap. 5 1 FLUIDODINAMICA STUDIA I FLUIDI, IL LORO EQUILIBRIO E IL LORO MOVIMENTO FLUIDO CORPO MATERIALE CHE, A CAUSA DELLA ELEVATA MOBILITA' DELLE PARTICELLE CHE LO COMPONGONO, PUO'

Dettagli

Decantazione. Ne= f(re);

Decantazione. Ne= f(re); TUTTI I «PROCESSI» DELLE INDUSTRIE ALIMENTARI SONO SUDDIVISIBILI IN «OPERAZIONI UNITARIE» DETTE OPERAZIONI RAPPRESENTANO I MATTONI E POSSONO ESSERE VALUTATE INDIPENDENTEMENTE DAL PROCESSO IN CUI SONO INSERITE

Dettagli

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1

Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Meccanismi di trasporto attivo e passivo 1 Il trasporto di sostanze attraverso la membrana cellulare può avvenire con la partecipazione attiva della membrana: in questo caso si parla di trasporto attivo

Dettagli

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico 2014-2015. Programma svolto. Docente: Silvana Venditti

Istituto di Istruzione Superiore L. da Vinci Civitanova Marche. Anno scolastico 2014-2015. Programma svolto. Docente: Silvana Venditti Anno scolastico 2014-2015 Programma svolto Docente: Silvana Venditti Disciplina: Scienze Naturali Classe : IV sez. E - Indirizzo Linguistico ARTICOLAZIONE DEI CONTENUTI E DEGLI OBIETTIVI SECONDO UNITA

Dettagli

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia

Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione. Foronomia Idrostatica Correnti a pelo libero (o a superficie libera) Correnti in pressione Foronomia In idrostatica era lecito trascurare l attrito interno o viscosità e i risultati ottenuti valevano sia per i liquidi

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale

Il trasporto di materia. Principi di Ingegneria Chimica Ambientale Il trasporto di materia Principi di Ingegneria Chimica Ambientale 1 Considerazioni preliminari Il nostro studio sarà limitato a: miscele binarie miscele diluite (ossia in cui la frazione molare di uno

Dettagli

IL CIRCOLO SISTEMICO

IL CIRCOLO SISTEMICO IL CIRCOLO SISTEMICO Trasporto rapido delle sostanze (convezione) Adattamento del trasporto delle sostanze FUNZIONE DEL SISTEMA CIRCOLATORIO Omeostasi Comunicazione chimica Sistema cardiovascolare Schema

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore 1 Temperatura e Calore Stati di Aggregazione Temperatura Scale Termometriche Dilatazione Termica Il Calore L Equilibrio Termico La Propagazione del Calore I Passaggi di Stato 2 Gli

Dettagli

BIOFISICA DELLE MEMBRANE

BIOFISICA DELLE MEMBRANE Corso di Laurea Magistrale in Medicina e Chirurgia Biofisica e Fisiologia I A.A. 2016-17 BIOFISICA DELLE MEMBRANE Prof. Clara Iannuzzi Dipartimento di Biochimica, Biofisica e Patologia Generale clara.iannuzzi@unina2.it

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale

Capitolo 1. Dimagrimento e calo ponderale Introduzione Numerosi anni di esperienza nel settore Fitness come Personal Trainer mi hanno consentito di assistere ai meravigliosi e strabilianti mutamenti fisici di centinaia di persone; le loro manifestazioni

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli

Potenziale di membrana: Differenza di potenziale elettrico a cavallo della membrana cellulare dovuta ad una diversa distribuzione ionica ai due lati

Potenziale di membrana: Differenza di potenziale elettrico a cavallo della membrana cellulare dovuta ad una diversa distribuzione ionica ai due lati Potenziale di membrana: Differenza di potenziale elettrico a cavallo della membrana cellulare dovuta ad una diversa distribuzione ionica ai due lati della membrana. Il potenziale di membrana (negativo

Dettagli

Helena Curtis N. Sue Barnes

Helena Curtis N. Sue Barnes Helena Curtis N. Sue Barnes LA RESPIRAZIONE CELLULARE INDICE Demolizione del glucosio Glicolisi Fermentazione lattica Fermentazione alcolica Respirazione cellulare Ciclo di Krebs Catena di trasporto degli

Dettagli

La pompa Na + /Glucosio: simporto

La pompa Na + /Glucosio: simporto MFN0366-A1 (I. Perroteau) - trasportatori e canali La pompa Na + /Glucosio: simporto Il trasportatore oscilla fra due stati alternativi (A e B); nello stato A la proteina è aperta nello spazio extracellulare,

Dettagli

La fisica di Feynmann Termodinamica

La fisica di Feynmann Termodinamica La fisica di Feynmann Termodinamica 3.1 TEORIA CINETICA Teoria cinetica dei gas Pressione Lavoro per comprimere un gas Compressione adiabatica Compressione della radiazione Temperatura Energia cinetica

Dettagli

Funzioni della membrana plasmatica

Funzioni della membrana plasmatica TRASPORTO M.P. -Omeostasi cellulare Funzioni della membrana plasmatica Mantenimento della conc. intracell. di ioni e molecole entro valori corretti Scambi interno - esterno Non c è consumo E Consumo E

Dettagli

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA

TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA TERZA LEZIONE (4 ore): INTERAZIONE MAGNETICA Evidenza dell interazione magnetica; sorgenti delle azioni magnetiche; forze tra poli magnetici, il campo magnetico Forza magnetica su una carica in moto; particella

Dettagli

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché

LA FORZA. Il movimento: dal come al perché LA FORZA Concetto di forza Principi della Dinamica: 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso, densità pag.1

Dettagli

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum

Valitutti, Taddei, Kreuzer, Massey, Sadava, Hills, Heller, Berenbaum Dal carbonio agli OGM VERSO L UNIVERSITÀ Le domande sono tratte dalle prove di ammissione emesse annualmente dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca (MIUR) e le soluzioni sono evidenziate

Dettagli

Applied Nutritional Medicine

Applied Nutritional Medicine Glossario del corso di Medicina Nutrizionale Acidi Grassi: sono delle molecole a catena lunga che formano la quasi totalità dei lipidi complessi e dei grassi sia animali e vegetali. Se non attaccati ad

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULA ED AMBIENTE FGE AA.2015-16

COMUNICAZIONE TRA CELLULA ED AMBIENTE FGE AA.2015-16 COMUNICAZIONE TRA CELLULA ED AMBIENTE FGE AA.2015-16 OMEOSTASI Fisiologia Umana La fisiologia è la scienza che studia i meccanismi di funzionamento degli organismi viventi. E una scienza integrata che

Dettagli

Metabolismo: Introduzione

Metabolismo: Introduzione Metabolismo: Introduzione METABOLISMO Insieme delle reazioni chimiche coordinate e integrate che hanno luogo in tutte le cellule C A T A B O L I S M O Ossidazioni esoergoniche Alimenti: Carboidrati Lipidi

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA

POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA 1 POLITECNICO DI MILANO CORSO DI LAUREA ON LINE IN INGEGNERIA INFORMATICA ESAME DI FISICA Per ogni punto del programma d esame vengono qui di seguito indicate le pagine corrispondenti nel testo G. Tonzig,

Dettagli

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei

Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Distribuzione e composizione dei liquidi corporei Cavità principali del corpo umano Dee Unglaub Silverthorn, Fisiologia umana 2010 Pearson Italia S.p.A Organizzazione generale dell organismo: un visione

Dettagli

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi

LO STATO GASSOSO. Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi LO STATO GASSOSO Proprietà fisiche dei gas Leggi dei gas Legge dei gas ideali Teoria cinetico-molecolare dei gas Solubilità dei gas nei liquidi STATO GASSOSO Un sistema gassoso è costituito da molecole

Dettagli

La classificazione dei lipidi

La classificazione dei lipidi La classificazione dei lipidi Concetti chiave Le proprietà fisiche di un acido grasso sono determinate dalla sua lunghezza e dal suo grado di saturazione. I triacilgliceroli e i glicerofosfolipidi contengono

Dettagli

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas

Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Cenni di Teoria Cinetica dei Gas Introduzione La termodinamica descrive i sistemi termodinamici tramite i parametri di stato (p, T,...) Sufficiente per le applicazioni: impostazione e progettazione di

Dettagli

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione

AUTODIFFUSIONE Autodiffusione DIFFUSIONE ATOMICA La diffusione è un processo importante che influenza il comportamento di un materiale alle alte temperature (creep, trattamenti termici superficiali, tempra chimica del vetro, ricristallizzazione,

Dettagli

METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO

METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO METODICHE NEL LABORATORIO CHIMICO-CLINICO SPETTROFOTOMETRIA DI ASSORBIMENTO TURBIDIMETRIA/NEFELOMETRIA FLUORIMETRIA SPETTROFOTOMETRIA DI ASSORBIMENTO ATOMICO FOTOMETRIA DI EMISSIONE A FIAMMA RIFLETTANZA

Dettagli

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare

Farmacodinamica II. Mariapia Vairetti. Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Farmacodinamica II Mariapia Vairetti Dipartimento di Medicina Interna e Terapia Sezione di Farmacologia e Tossicologia Cellulare e Molecolare Processo di riconoscimento fra farmaco e recettore TIPI DI

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche

Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Universita degli Studi di Milano Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche Tecnologia e Legislazione Farmaceutiche II - 9 CFU Biofarmaceutica - 2 Prof. Andrea Gazzaniga ASSORBIMENTO

Dettagli

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta)

Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) Cromatografia Dal greco chroma : colore, graphein : scrivere 1903 Mikhail Twsett (pigmenti vegetali su carta) E il termine generico che indica una serie di tecniche di separazione di molecole simili in

Dettagli

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1

Struttura e funzioni della cellula. Corso di Biofisica, Università di Cagliari 1 Struttura e funzioni della cellula 1 Riferimenti Books and others Biological Physics (updated 1 st ed.), Philip Nelson, Chap. 2 Physical Biology of the Cell, Phillips et al., Chap. 2 Movies Exercise 2

Dettagli

PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE

PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE PROTEINE E TRASPORTO TRANSMEMBRANALE Il glucoso ed il galattoso, gli aminoacidi e gli ioni utilizzano apposite proteine per attraversare la MP. L'H 2 O può attraversare con difficoltà lo strato lipidico

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

Corrente Elettrica. dq dt

Corrente Elettrica. dq dt Corrente Elettrica Finora abbiamo considerato le cariche elettriche fisse: Elettrostatica Consideriamole adesso in movimento! La carica in moto forma una corrente elettrica. L intensità di corrente è uguale

Dettagli

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1 B ds Legge di Faraday E x x x x x x x x x x E B x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x B 1 x x x x x x x x x x E x x x x x x x x x x E Schema Generale Elettrostatica moto di una carica q in un campo

Dettagli

Programmazione modulare 2015-16

Programmazione modulare 2015-16 Programmazione modulare 2015-16 ndirizzo: BEO Disciplina: FS lasse: Prime 1 1B 1 1G Ore settimanali previste: 3 (2 ore eoria - 1 ora Laboratorio) OPEEZE itolo odulo POLO Ore previste per modulo Periodo

Dettagli

Le membrane. Struttura e funzione

Le membrane. Struttura e funzione Le membrane Struttura e funzione Le membrane fungono da barriere selettive La membrana plasmatica è importante per molte funzioni Il doppio strato lipidico Molecole anfipatiche FOSFOLIPIDI STEROLI GLICOLIPIDI

Dettagli

Rapporto Pressione/Volume

Rapporto Pressione/Volume Flusso Ematico: Q = ΔP/R Distribuzione GC a riposo Rapporto Pressione/Volume Il sistema circolatorio è costituito da vasi con proprietà elastiche diverse (vedi arterie vs arteriole) Caratteristiche di

Dettagli

Temperatura e Calore

Temperatura e Calore Temperatura e Calore La materia è un sistema fisico a molti corpi Gran numero di molecole (N A =6,02 10 23 ) interagenti tra loro Descrizione mediante grandezze macroscopiche (valori medi su un gran numero

Dettagli

L isolamento termico dei vetrocamera con gas

L isolamento termico dei vetrocamera con gas L isolamento termico dei vetrocamera con gas Considerazioni controintuitive sull isolamento termico dei vetrocamera con gas Autori Antonio Daneo, Alberto D Este Stazione Sperimentale del Vetro, Murano

Dettagli

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE PRINCIPI DI TRASMISSIONE DEL CALORE La trasmissione del calore può avvenire attraverso tre meccanismi: - Conduzione; - Convezione; - Irraggiamento; Nella conduzione la trasmissione del calore è riconducibile

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule

unità C2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule unità 2. Le trasformazioni energetiche nelle cellule Il trasporto nelle cellule avviene senza consumo di energia con consumo di energia trasporto passivo trasporto attivo attraverso il doppio strato fosfolipidico

Dettagli

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE

Corso di Componenti e Impianti Termotecnici LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE LE RETI DI DISTRIBUZIONE PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE 1 PERDITE DI CARICO LOCALIZZATE Sono le perdite di carico (o di pressione) che un fluido, in moto attraverso un condotto, subisce a causa delle resistenze

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

I segnali elettrici generati nei neuroni sono modificazioni del potenziale di riposo determinate dall apertura o chiusura di canali ionici:

I segnali elettrici generati nei neuroni sono modificazioni del potenziale di riposo determinate dall apertura o chiusura di canali ionici: I segnali elettrici generati nei neuroni sono modificazioni del potenziale di riposo determinate dall apertura o chiusura di canali ionici: Potenziali graduati (risposte passive): modulabili in ampiezza,

Dettagli

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione

Sistema di filtrazione abbinato ad una pompa del vuoto. Sistema semplice per la filtrazione Filtrazione: definizioni La FILTRAZIONE è un comune metodo di separazione basato sul seguente principio: le particelle più piccole di una determinata dimensione passano attraverso i pori di un filtro,

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s.

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE. Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO. a.s. ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ISTITUTO TECNICO ECONOMICO STATALE Roberto Valturio RELAZIONE FINALE E PROGRAMMA SVOLTO a.s. 2O13-2014 Materia : Chimica e Biologia Classe : II sez. B Rimini,05/06/2014

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

Q t CORRENTI ELETTRICHE

Q t CORRENTI ELETTRICHE CORRENTI ELETTRICHE La corrente elettrica è un flusso di particelle cariche. L intensità di una corrente è definita come la quantità di carica netta che attraversa nell unità di tempo una superficie: I

Dettagli

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse:

RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI. Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: RIVELAZIONE DELLE RADIAZIONI IONIZZANTI Nelle tecniche di rivelazione delle radiazioni ionizzanti le grandezze da rivelare possono essere diverse: -Fluenza di particelle -Fluenza di energia -Informazioni

Dettagli

Attivitá e cinetica enzimatica

Attivitá e cinetica enzimatica Attivitá e cinetica enzimatica PAS : Classe di insegnamento A60 Biologia e scienze A.A. 2013/2014 09/05/2014 Cinetica Enzimatica La cinetica enzimatica è misurata come velocità di conversione del substrato

Dettagli

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it

Biosensori Sensori Chimici. nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Biosensori Sensori Chimici nicola.carbonaro@centropiaggio.unipi.it Principali applicazioni dei Sensori chimici Ruolo fondamentale degli ioni nella maggior parte dei processi biologici Sensori elettrochimici

Dettagli

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA

ENZIMI CINETICA ENZIMATICA ENZIMI PERCHE UNA REAZIONE AVVENGA, SI DEVONO SODDISFARE TRE CONDIZIONI I SUBSTRATI DEVONO ENTRARE IN COLLISIONE LA COLLISIONE DEVE AVVENIRE CON ORIENTAMENTO CORRETTO I REAGENTI DEVONO AVERE ENERGIA SUFFICIENTE

Dettagli

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1

I FENOMENI TERMICI. I fenomeni termici Fisica Medica Lauree triennali nelle Professioni Sanitarie. P.Montagna ott-07. pag.1 I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano pag.1

Dettagli

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un

quale agisce una forza e viceversa. situazioni. applicate a due corpi che interagiscono. Determinare la forza centripeta di un CLASSE Seconda DISCIPLINA Fisica ORE SETTIMANALI 3 TIPO DI PROVA PER GIUDIZIO SOSPESO Test a risposta multipla MODULO U.D Conoscenze Abilità Competenze Enunciato del primo principio della Calcolare l accelerazione

Dettagli

ELEMENTI DI IDROSTATICA IDROSTATICA L'idrostatica (anche detta fluidostatica) è una branca della meccanica dei fluidi che studiailiquidi liquidiin instato statodi diquiete quiete. Grandezze caratteristiche

Dettagli

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita.

Elettroforesi. Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. Elettroforesi Elettroforesi: processo per cui molecole cariche si separano in un campo elettrico a causa della loro diversa mobilita. A qualunque ph diverso dal pi le proteine hanno una carica netta quindi,

Dettagli

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ]

Idrogeologia. Velocità media v (m/s): nel moto permanente è inversamente proporzionale alla superficie della sezione. V = Q [m 3 /s] / A [m 2 ] Idrogeologia Oltre alle proprietà indici del terreno che servono a classificarlo e che costituiscono le basi per utilizzare con facilità l esperienza raccolta nei vari problemi geotecnici, è necessario

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro

Temperatura. V(t) = Vo (1+at) Strumento di misura: termometro I FENOMENI TERMICI Temperatura Calore Trasformazioni termodinamiche Gas perfetti Temperatura assoluta Gas reali Principi della Termodinamica Trasmissione del calore Termoregolazione del corpo umano Temperatura

Dettagli

Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane. www.fisiokinesiterapia.biz

Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane. www.fisiokinesiterapia.biz Il trasporto di membrana e le proprietà elettriche delle membrane www.fisiokinesiterapia.biz Membrana cellulare barriera al passaggio della maggior parte delle molecole polari Permette alla cellula di

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

Concetto di forza. 1) Principio d inerzia

Concetto di forza. 1) Principio d inerzia LA FORZA Concetto di forza Pi Principi ii dll della Dinamica: i 1) Principio d inerzia 2) F=ma 3) Principio di azione e reazione Forza gravitazionale i e forza peso Accelerazione di gravità Massa, peso,

Dettagli

La corrente e le leggi di Ohm

La corrente e le leggi di Ohm La corrente e le leggi di Ohm Elettroni di conduzione La conduzione elettrica, che definiremo successivamente, consiste nel passaggio di cariche elettriche da un punto ad un altro di un corpo conduttore.

Dettagli

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb)

1) FIBRE ROSSE A CONTRAZIONE LENTA (Tipo I) 2) FIBRE BIANCHE INTERMEDIE (Tipo IIa) 3) FIBRE BIANCHE A CONTRAZIONE RAPIDA (Tipo IIb) LE FIBRE MUSCOLARI La fibra muscolare è considerata l' unità funzionale del muscolo scheletrico o, più semplicemente, una delle tante cellule che lo compongono. Ogni muscolo è infatti formato da un certo

Dettagli

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013

Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Prova Scritta Completa-Fisica 9 CFU Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Novembre 2013 Quesito 1 Due cubi A e B costruiti con lo stesso legno vengono trascinati sullo stesso pavimento.

Dettagli

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Parte I Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton 3.1-3.2-3.3 forze e principio d inerzia Abbiamo finora studiato come un corpo cambia traiettoria

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali

Leggi dei gas. PV = n RT SISTEMI DI PARTICELLE NON INTERAGENTI. perché le forze tra le molecole sono differenti. Gas perfetti o gas ideali Perché nelle stesse condizioni di temperatura e pressione sostanze differenti possono trovarsi in stati di aggregazione differenti? perché le forze tra le molecole sono differenti Da che cosa hanno origine

Dettagli

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze.

I L I P I D I. Lipidi complessi: fosfolipidi e glicolipidi; sono formati da CHO e altre sostanze. I L I P I D I ASPETTI GENERALI I Lipidi o grassi sono la riserva energetica del nostro organismo; nel corpo umano costituiscono mediamente il 17% del peso corporeo dove formano il tessuto adiposo. In generale

Dettagli

PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità

PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità PRECIPITAZIONE FRAZIONATA DI PROTEINE Obiettivo: separare proteine sfruttando differenze di solubilità SOLUBILITA DELLE PROTEINE ph FORZA IONICA SOLVENTI POLIMERI ORGANICI TEMPERATURA Effetto del ph Precipitazione

Dettagli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli

Legami chimici. Covalente. Legami deboli Legami chimici Covalente Legami deboli Legame fosfodiesterico Legami deboli Legami idrogeno Interazioni idrofobiche Attrazioni di Van der Waals Legami ionici Studio delle macromolecole Lipidi

Dettagli

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA

OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA OMEOSTASI DELLA TEMPERATURA CORPOREA Ruolo fisiologico del calcio Omeostasi del calcio ASSORBIMENTO INTESTINALE DEL CALCIO OMEOSTASI GLICEMICA Il livello normale di glicemia? 90 mg/100 ml Pancreas

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007

CORRENTE ELETTRICA Corso di Fisica per la Facoltà di Farmacia, Università G. D Annunzio, Cosimo Del Gratta 2007 CORRENTE ELETTRICA INTRODUZIONE Dopo lo studio dell elettrostatica, nella quale abbiamo descritto distribuzioni e sistemi di cariche elettriche in quiete, passiamo allo studio di fenomeni nei quali le

Dettagli

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE

PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio Termodinamica I FENOMENI TERMICI Temperatura

Dettagli

VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI

VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI VIE DI INTRODUZIONE ED ASSORBIMENTO DEI FARMACI I farmaci possono essere introdotti nell organismo per via enterale e per via parenterale.. Con la somministrazione enterale (enteron = intestino), il farmaco

Dettagli

BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007

BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007 Biologia generale Massolo Alessandro massolo@unifi.it; Tel. 347-9403330 BIOLOGIA GENERALE 22-24 ottobre 2007 Facoltà di Psicologia Tecniche di Psicologia Generale e Sperimentale Alessandro Massolo Dip.

Dettagli

Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti

Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Test di autovalutazione Corso di Laurea in Tossicologia dell ambiente e degli alimenti Quesito 1 Un punto materiale di massa 5 kg si muove di moto circolare uniforme con velocità tangenziale 1 m/s. Quanto

Dettagli

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25

Indice generale 1 INTRODUZIONE, CINEMATICA IN DUE O TRE DIMENSIONI; VETTORI 71 DINAMICA: LE LEGGI DI NEWTON 115 MOTO: CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE 25 Indice generale PREFAZIONE ALLO STUDENTE TAVOLA DEI COLORI x xiv xvi 1 INTRODUZIONE, MISURE, STIME 1 1 1 La natura della scienza 2 1 2 Modelli, teorie e leggi 3 1 3 Misure ed errori; cifre significative

Dettagli