Gli impianti di videosorveglianza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gli impianti di videosorveglianza"

Transcript

1 Adalberto Biasiotti Gli impianti di videosorveglianza Pianificazione, operatività, manutenzione e privacy IV Edizione 1

2 Indice generale INDICE GENERALE Presentazione della IV edizione Premessa CAPITOLO 1 Obiettivi e sorgenti luminose Perché trattare le lenti Come viene realizzato il trattamento delle ottiche La direttiva RoHS Antiriflesso: è il trattamento più importante La pulizia delle lenti Le specifiche geometriche dell ottica Gli obiettivi speciali La determinazione del campo ripreso Una rapida panoramica sulle sorgenti luminose Tutto quello che bisogna sapere sui LED In conclusione CAPITOLO 2 Sensori e telecamere Una veloce panoramica Sensori di ieri e di oggi Da CCD a CMOS

3 Indice generale 2.3 Alcune caratteristiche delle telecamere La risoluzione Il rapporto segnale-disturbo L illuminazione minima La resa dei colori La messa a fuoco automatica L otturatore elettronico La protezione delle telecamere La protezione delle custodie di apparati elettrici La specifica del grado di protezione di custodie (codice IP) Protezione dall introduzione di oggetti estranei Protezione dall introduzione di liquidi Lettere addizionali La Classificazione NEMA La protezione dei cablaggi Le telecamere speciali Le telecamere PTZ Cosa sono le mini dome e mini speed dome Telecamere a trecentosessanta gradi Telecamere con LED incorporati Telecamere a megapixel: se le conosci, le usi! Le telecamere ad alta sensibilità Le telecamere all infrarosso Le telecamere con flash memory Le telecamere prossime venture Infine: nuovi sensori e nuovi problemi

4 Indice generale CAPITOLO 3 Le reti videodigitali Internet elementare Le telecamere IP La evoluzione delle architetture video IP Rapporto di compressione e risoluzione L housing del web server Cominciamo a parlare di traffico Parliamo adesso di PoE L ottimizzazione del traffico in rete La latenza dell immagine Dalla rete al suo supporto Il buon vecchio doppino telefonico La fibra ottica è regina Non dimentichiamo internet CAPITOLO 4 Tecnologie senza fili: aspetti tecnici, operativi e gestionali Le leggi della fisica La portata Il rateo e la portata di trasmissione Le modalità di utilizzo dello spettro elettromagnetico Spread spectrum FOS - Free Space Optics Sistemi di collegamento a microonde Il budget energetico

5 Indice generale L architettura di rete La sicurezza della trasmissione Le tipologie di sistemi senza fili Ricetrasmissione convenzionale PLC - Power Line Carrier GSM, GPRS ed UMTS GPRS EDGE - Enhanced Data rate for GSM Evolution UMTS Cos è Wi-Fi Wi - Max La tecnologia ZigBee UWB - Ultra Wide Band Gli accordi a livello normativo Come operare in ambienti ad alto rischio elettromagnetico Un esempio di applicazione combinata: DAS a New York CAPITOLO 5 Il manuale della sicurezza delle reti senza fili La sicurezza delle reti senza fili Il manuale della sicurezza La definizione delle politiche di sicurezza L uso degli applicativi Crittografia ed autentica Le politiche di sicurezza Il coinvolgimento dell alta direzione La sensibilizzazione e la formazione dei dipendenti

6 Indice generale Il controllo della rete Le misure correttive L aggiornamento costante Infine CAPITOLO 6 Pianificazione ed allestimento di un impianto di videosorveglianza La scelta dell area e degli obiettivi primari Il rapporto tra l area da osservare ed il bersaglio sotto esame Il livello di riconoscimento La sala controllo: dove, una, due? Il rapporto costo-beneficio La valutazione dei costi e le procedure di appalto L allestimento di una sala di videosorveglianza: alcuni aspetti critici Le problematiche di sicurezza e controllo dell accesso Biometria e controllo dell accesso Gli allestimenti impiantistici di supporto Un cenno sui monitor I monitor del futuro I video wall Quante telecamere e quanti monitori I turni di osservazione La sedia, questa sconosciuta Dal simulacro fisico agli applicativi di simulazione Illuminazione tradizionale e non

7 Indice generale L illuminazione circadiana Altri apparati Infine, attenti alle normative di sicurezza La normativa UNI 11068: Centrali di telesorveglianza - Caratteristiche procedurali, strutturali, di controllo CAPITOLO 7 Le normative tecniche applicabili alla videosorveglianza Gli enti normativi Il contrassegno delle normative Il panorama normativo specifico per sistemi di videosorveglianza - serie Dall Italia al mondo Chi è ONVIF PSIA PSIA e ONVIF all opera HDcctv Alliance - High Definition closed circuit television Alliance CAPITOLO 8 La valutazione oggettiva dei sistemi di videosorveglianza ed il metodo rotakin I bersagli standardizzati elettronici I bersagli ottici I metodi soggettivi ed il bersaglio rotakin Il protocollo di prova Parliamo ancora di privacy

8 Indice generale CAPITOLO 9 L addetto alla sala operativa TVCC: profilo psicofisico e processo di selezione Alcune domande critiche Il processo di selezione Un caso pratico Compiti e responsabilità dell addetto alla sala operativa Il processo di selezione La scelta esterna L esperienza britannica È possibile predire comportamenti anomali? CAPITOLO 10 L analisi intelligente del contenuto del segnale video VCA: un acronimo oggi familiare La storia Le principali architetture oggi disponibili Come funzionano questi applicativi Attribuzione di punteggi tecnici Le principali funzionalità I fattori che creano il metadato L acquisto di un VCA Video Content Analysis: attese, delusioni ed esperienze i-lids: la valutazione oggettiva e comparata

9 Indice generale CAPITOLO 11 Una traccia analitica delle attività di manutenzione Impostare un contratto di manutenzione Guasto e avaria Un esempio di tabella di interventi di manutenzione per impianti di videosorveglianza Prescrizioni aggiuntive CAPITOLO 12 La videoregistrazione: tecniche, durata, protezione, certificazione e cancellazione dei supporti Una breve introduzione L architettura tecnologica Tecniche ed algoritmi di compressione La compressione del segnale video MPEG ed H Vediamo meglio H Come e dove archiviare Archiviazione accentrata e distribuita La cancellazione dei supporti magnetici Arriva la norma europea! La tabella con i livelli di frammentazione CAPITOLO 13 Il valore probatorio delle immagini digitali Alcuni aspetti connessi all acquisizione di immagini digitali

10 Indice generale 13.2 La catena della custodia Come garantire e proteggere una videoregistrazione La filigrana elettronica Videoregistrazioni ed evidenza criminologica Esempi di modulistica Procedura di estrazione e consegna di immagini videoregistrate Traccia di verbale di riversamento La manipolazione delle immagini digitali Conclusioni CAPITOLO 14 Videosorveglianza e privacy Il provvedimento del 29 novembre Il provvedimento generale sulla videosorveglianza del 29 aprile L atto programmatico ed il regolamento operativo Il diritto di accesso Inquadrare sempre e tutto? I settori specifici La comunicazione a soggetti terzi Il conflitto potenziale tra statuto dei lavoratori ed esigenze di tutela dei lavoratori e dei beni dell azienda Una sentenza della Cassazione cambia le carte in tavola Ma non è finita! Il problema del videocitofono

11 Indice generale 14.7 Il problema specifico dell accesso ai centri storici Guardare e non ascoltare (forse)! Privacy e security Un analisi commentata del provvedimento 8 aprile Finalmente giungono le regole per il condominio Il mistero del DPS scomparso Il futuro prossimo venturo Il regolamento europeo sulla protezione dei dati personali CAPITOLO 15 Sintesi di alcune sentenze e provvedimenti afferenti alla videosorveglianza Violazioni, illeciti e tutele Il campo ripreso Il conflitto fra lo statuto dei lavoratori e l impianto di videosorveglianza I primi provvedimenti: privacy a Capri Raccolta differenziata e bilanciamento di interessi Ancora sul campo ripreso dagli impianti di videosorveglianza Videosorveglianza in mare: le telecamere su zone protette devono rispettare la privacy Webcam in spiaggia Ancora problemi con il condominio! Dal condominio al supermercato Dal supermercato ad un porto turistico Infine

12 Indice generale APPENDICE ALLEGATO 1 Un glossario per telecamere e reti ALLEGATO 2 Raccolta di sentenze e provvedimenti in tema di videosorveglianza ALLEGATO 3 Ministero degli Interni - Sistemi di videosorveglianza - Definizione di linee guida in materia

13 Presentazione della IV edizione PRESENTAZIONE DELLA IV EDIZIONE A poco meno di 3 anni dalla pubblicazione della terza edizione del volume, dedicato agli impianti di videosorveglianza, mi vedo costretto a pubblicare una revisione, che recepisce le evoluzioni tecniche e legislative che hanno coinvolto il mondo degli impianti di videosorveglianza. Il mercato di questi impianti, pure in uno scenario economico complessivamente assai contenuto, continua a registrare un incremento significativo in tutte le parti del mondo. In particolare, Asia e Pacifico rappresentano due aree di sviluppo oltremodo accelerato e tale da compensare ampiamente il rallentamento e, in qualche limitato caso, la riduzione dei volumi dell area americana ed europea. Gli sviluppi tecnologici sono oltremodo significativi, e vanno dal sempre più diffuso utilizzo di illuminatori a stato solido, alla riduzione di prezzo ed alla conquista di elevate quote di mercato delle telecamere ad alta definizione. Le reti digitali sono ormai gli obbligate ad abbandonare il protocollo IPv4, per insufficienza di indirizzi, e l utilizzo di protocolli IPv6 rappresenta un obbligo di capitolato, che pochi progettisti possono permettersi di non imporre. Sul piano legislativo e normativo, nel giro di un paio d anni in Italia ed in Europa abbiamo assistito a significative evoluzioni, che richiedono in pratica la riscrittura dell intero capitolo dedicato alla protezione dei dati personali. Il fatto che l Europa abbia ormai deciso di trasformare la direttiva comunitaria sulla protezione dei dati personali in un regolamento, con il conseguente obbligo di uniforme adozione da tutti i paesi della unione, porterà ad una rivisitazione completa degli adempimenti oggi correnti in Italia, con l introduzione di nuove regole e l apparizione di nuovi personaggi, come ad esempio il Data Protection Officer - DPO. Nel mettere a punto questo intervento di revisione, ho deciso di eliminare alcuni documenti, che erano di fresca pubblicazione del 2010, ma che oggi rappresentano una dotazione standardizzata per chiunque abbia a che fare con impianti di videosorveglianza. 15

14 Presentazione della IV edizione Ancora una volta, prego i lettori di inviarmi le loro osservazioni su questo testo, acciocché possa esaminarle ed eventualmente recepirle in future revisioni. Adalberto Biasiotti 16

15 Premessa PREMESSA Il mio primo libro, dedicato ai sistemi di ripresa televisiva in circuito chiuso, è stato pubblicato nel Il mio secondo volume, dedicato agli stessi temi, è stato pubblicato nell anno Quando, alla fine del 2009, l editore mi ha chiesto di porre mano ad un aggiornamento dell edizione del 2000, ho ritenuto di poter mettere alle stampe il volume aggiornato, nel giro di poco più di un mese di lavoro. Evidentemente la memoria dei contenuti del volume, pubblicato nell anno 2000, mi ha tradito, così come mi aveva tradito la percezione che ebbi delle esigenze di aggiornamento di questo volume. Il volume nasce con parecchi mesi di ritardo, rispetto alle richieste dell editore, in quanto mi sono reso conto che non dovevo approntare un aggiornamento di un testo esistente, ma dovevo affrontare la scrittura di un nuovo volume. In pratica, come di quanto scrissi nel 1985 poco è rimasto nell edizione dell anno 2000, ancora meno forse è rimasto di quanto scritto nell edizione del 2000, in questa nuova edizione. Tanto per dare un idea di quanto è cambiato il mondo della videosorveglianza nell arco di ventenni, basta citare la diffusione accelerata di sistemi di videosorveglianza con sensori a stato solido, l introduzione ormai sempre più allargata di sistemi di analisi intelligente del segnale video, le reti digitali ed i sistemi di archiviazione delle immagini a stato solido. In alcuni casi ci troviamo davanti a tecnologie affatto nuove, in altri casi ci troviamo davanti a tecnologie che potevano essere innovative nel 2000, ed oggi sono di uso corrente. I tempi di migrazione dai laboratori di ricerca avanzata ad impianti di uso corrente sono sempre più ridotti ed ecco la ragione per la quale si deve forse fin da adesso pensare al fatto che una nuova edizione di questo volume non dovrebbe comparire a così grande distanza dalle precedenti. Si pensi ad esempio al tema della privacy, che nell anno 2000 era stato appena abbozzato dal primo intervento dell autorità Garante per la pro- 17

16 Premessa tezione dei dati personali. Oggi la privacy è un aspetto fondamentale nella progettazione e gestione di impianti di videosorveglianza e nessuno si permetterebbe di mettere in second ordine questo aspetto fondamentale. Il recente provvedimento di Garante in data 8 aprile 2010 ne è la prova. Anche la progettazione delle sale operative ha fatto passi da gigante ed oggi l attenzione prestata alla realizzazione della sala operativa è ben maggiore di quella che veniva prestata anche solo un decennio fa. Mi auguro che i lettori troveranno in questo volume uno strumento di lavoro sufficientemente aggiornato e tale da consentire loro di progettare, installare, tenere in esercizio sistemi di videosorveglianza sempre più efficienti, efficaci ed in grado di dare un contributo determinante alla sicurezza della società in cui viviamo. Adalberto Biasiotti 18

17 CAPITOLO 6 PIANIFICAZIONE ED ALLESTIMENTO DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA Mi auguro che i lettori non rimangano stupiti dall affermazione che segue: - ho purtroppo rilevato che un gran numero di responsabili di grandi enti, anche pubblici, che debbono assumere decisioni in merito all opportunità di installare un sistema di videosorveglianza, non hanno le idee chiare sulla pianificazione di questa scelta critica. Essa può avere riflessi oltremodo positivi, se impostata correttamente, ma potrebbe suscitare numerose perplessità nei cittadini ed in generale nei soggetti ripresi, se le motivazioni alla base della decisione non sono state correttamente inquadrate. È questa la ragione per la quale ritengo appropriato illustrare, passo dietro passo, quali debbono essere le azioni che possono permettere di pianificare correttamente questa scelta e giungere ad una decisione, pienamente motivata sul piano dei contenuti e della forma. Il fatto che questi impianti siano spesse assai costosi non fa altro che rendere ancora più necessario il seguire un corretto percorso nella scelta, per essere in grado di illustrare e di giustificare, in ogni momento, a controllori, azionisti e cittadini il percorso decisionale seguito. Se inoltre questo percorso segue uno schema formalmente corretto, diventa anche più facile, in prosieguo di tempo, aggiornare le valutazioni e renderle sempre più coerenti con gli obiettivi indicati. 245

18 6.1 La scelta dell area e degli obiettivi primari È evidente che il primo passo è rappresentato dalla individuazione dell area, nella quale si vuole introdurre questo sistema di controllo del territorio e di riduzione dell allarme sociale. L area può essere un intero centro commerciale, oppure un parcheggio all aperto, oppure una stazione ferroviaria o metropolitana, oppure ancora uno stadio od un intero centro pedonale cittadino, come ad esempio avviene assai di frequente nei paesi anglosassoni. Occorre disporre di una pianta a larga scala della zona, il modo da poter delimitare con chiarezza la zona da riprendere, o meglio ancora la zona nella quale si devono applicare le modalità di controllo a distanza, che sono tipiche di un sistema di videosorveglianza. Con ogni probabilità, l area non sarà una sola, ma potrebbero essere più di una e per ognuna di esse occorre avere disposizione questo strumento topografico aggiornato, meglio se con l indicazione di tutti i fattori afferenti alla visibilità, od alla eventuale sua mancanza, per la presenza di particolari ostacoli. Praticamente di conserva con la scelta dell area, devono esser individuati gli obiettivi, che l installazione di questo impianto si pone di raggiungere. Gli obiettivi primari possono esser i più vari. Ecco gli obiettivi individuati dal Comune di Portici, che ha tempo addietro hanno attivato un avanzato impianto di videosorveglianza: Con il servizio di videosorveglianza, connesso al sistema di pannelli di messaggio variabile, il Comune, nel pieno rispetto della normativa vigente e della riservatezza dei cittadini, intende monitorare le zone nevralgiche dei traffico cittadino ed i punti di maggiore concentrazione abitativa, al fine di: a) dotarsi di uno strumento attivo di protezione civile, per la individuazione e la gestione delle aree e dei punti strategici a fronte di emergenze; b) identificare, in tempo reale, luoghi e ragioni di ingorghi per consentire il pronto intervento della polizia municipale e, ai fini dei piano di emergenza comunale, gli itinerari di afflusso e deflusso di colonne di aiuto o evacuazione dei cittadini; c) comunicare agli utenti della strada le vie di maggiore intensità di traffico, i tempi di attesa dei servizi pubblici e quanto altro utile all informazione sulla viabilità; 246

19 d) rilevare dati anonimi per lo studio e l analisi dei flussi di traffico e la predisposizione dei piani comunali; e) rilevare infrazioni al codice della strada; f) rilevare situazioni di pericolo per la sicurezza pubblica, consentendo l'intervento degli operatori; g) con il telecontrollo ambientale il Comune intende dotarsi degli strumenti atti a rilevare i livelli di inquinamento atmosferico, per la predisposizione, l adozione ed il controllo dei relativi provvedimenti, ed assumere dati utili al servizio di protezione civile. Per contro, un centro commerciale potrebbe porre solo gli obiettivi da tenere sotto controllo il flusso dei clienti ed il traffico veicolare nel parcheggio, oltre all evidente funzione antitaccheggio, se le telecamere coprono anche l interno del complesso. Infine, si deve anche indicare la fascia oraria e le condizioni climatiche (nebbia?), in cui tali obiettivi debbono esser perseguiti, per invocare, se del caso, il coinvolgimento di specialisti d illuminotecnica od orientare i progettisti verso soluzioni tecnologicamente avanzate di ripresa notturna. Come si vedrà in seguito, la chiara definizione degli obiettivi è precondizione a tutte le future fasi progettuali, di cui la seguente è decisamente critica. 6.2 Il rapporto tra l area da osservare ed il bersaglio sotto esame È questa una fase di estrema criticità, perché anche se è evidente che tutti vorrebbero, per ragioni di costo, usare una sola telecamera per osservare un parcheggio di 500 vetture, è evidente che con questa soluzione si spenderebbe poco, ma non si otterrebbe alcun risultato pratico. In particolare, il bersaglio da osservare rappresenta l aspetto più critico dell intero processo decisionale, perché ben altra cosa è imporre di esaminare le fattezze di un individuo sospetto, oppure leggere un numero di targa, oppure osservare un gruppo di facinorosi, che si stanno dirigendo verso una recinzione per scavalcarla. L estensione dell area da osservare e la precisa individuazione del tipo 247

20 di bersaglio che deve essere individuato rappresentano due fattori, che devono essere correttamente inquadrati, nel momento in cui diventa fondamentale decidere qual è l obiettivo in base al quale si decide di installare questo impianto. Se l obiettivo è quello di tenere sotto controllo il flusso del traffico in un critico incrocio cittadino, probabilmente non vi è alcun bisogno di leggere le targhe, mentre rilevare una infrazione stradale, come quella commessa da un veicolo non autorizzato che entra nel centro storico, la individuazione della targa, e magari anche il colore e tipo della vettura, è un aspetto fondamentale di progetto. Nel primo caso bisogna utilizzare una telecamera con un grande angolo, che copre dall alto l intero incrocio critico e deve offrire all osservatore un campo di ripresa, che non può e deve entrare in dettagli specifici circa le autovetture coinvolte, e deve piuttosto offrire indicazioni sul flusso veicolare direttamente coinvolto nell eventuale blocco del traffico. Per contro, se la telecamera deve inquadrare, a fini di repressione di una violazione del traffico, un autoveicolo che sta occupando la corsia di destra della via di penetrazione nel centro storico, il campo deve essere quanto mai ristretto, al limite di solo tre o quattro metri di larghezza, e la prospettiva di inquadramento deve essere tale da permettere di catturare con nitidezza la targa della vettura e eventuali ulteriori elementi di riscontro, come ad esempio il colore ed il modello della vettura stessa. Se questa aspetti non vengono focalizzati sin dalla prima fase del progetto, è evidente che il tecnico che dovrà poi realizzare la progettazione esecutiva dell impianto si troverà in gravi difficoltà e potrebbe effettuare errori grossolani nel valutare il numero delle telecamere, la loro posizione e l ottica appropriata. 6.3 Il livello di riconoscimento Una fase immediatamente successiva a quella di inquadramento generale, sopra illustrata, riguarda l accurata definizione del livello di identificazione al quale si vuole ricondurre il bersaglio, prima individuato, che può essere un malvivente che sta scassinando una vettura, un gruppo di vetture che bloccano un incrocio, oppure ancora la targa di una vettura. Perché questo bersaglio venga identificato al livello voluto, occorre tener 248

21 presente che esiste una scala di dimensioni che il bersaglio occupa sul monitor della sala di controllo, che determina i cinque livelli di successivo miglior inquadramento del soggetto, che vanno dal puro e semplice monitoraggio di insieme, alla identificazione di uno specifico individuo. A questo proposito, ricordiamo che è stato messo a punto un sistema di classificazione di queste cinque categorie, facendo riferimento ad un bersaglio standardizzato, chiamato Rotakin (vedi per dettagli il capitolo 8 a pag. 329). La tabella 6.1 dà una chiara idea dell altezza che deve occupare questo bersaglio in percentuale dell altezza dello schermo di un monitore, perché si possano verificare i cinque casi sopradescritti. Tab. 6.1 Altezza percentuale Meno di 5% R Non meno di 5% R Non meno di 10% R Non meno di 50% R Non meno di 120% R Qualità della individuazione non rilevabile l eventuale intruso o fatto anomalo probabilmente non viene rilevato Monitoraggio e controllo Si percepisce la presenza di un elemento estraneo nella immagine, senza ulteriori indicazioni Rilevazione Si percepisce la presenza di un intruso od un bersaglio Riconoscimento Si percepisce la presenza di un intruso e si può anche effettuarne una descrizione approssimata (corporatura, sesso, abbigliamento, direzione del movimento ecc.) Identificazione Si può descrivere accuratamente l intruso o, se si tratta di soggetto noto all osservatore, di riconoscerlo Le modalità di osservazione e rilievo delle attività oggetto di sorveglianza Solo una persona che vive in mezzo agli alieni può immaginare che un addetto al controllo dei monitori di una sala operativa possa davvero tenere sotto osservazione costante le immagini presentate dai monitori. Questa affermazione è vera per un solo monitore ed è esponenzialmente più vera, quando l operatore si trova a dover fronteggiare qualche dozzina di monitori, scenograficamente disposti sulla parete antistante il banco di comando. 249

22 È bene chiarire subito che le suggestive fotografie, che spesso vengono pubblicate sui giornali, che mostrano appunto la situazione appena esposta, servono solo a colpire l immaginazione collettiva, ma è evidente che banchi di comando di tal tipo non possono essere ragionevolmente gestiti neppure da tre o quattro operatori. Il campo focale nitido di un occhio umano, alla distanza di circa 40 cm, non supera i cm di diametro ed è proprio questa la ragione un cui le fotografie dei fotografi professionisti vengano sempre realizzate nel formato standard di cm 24x30; è questo il formato ottimale per l osservazione di una fotografia, o di una qualunque altra immagine, tenuta a circa cm di distanza dagli occhi. Se il monitor viene posto più vicino, l occhio può mettere a fuoco con nitidezza solo una porzione delle immagini, mentre se viene posto più lontano l occhio cattura due o tre monitori contemporaneamente. Il cervello non arriva a tenere sotto contemporaneo controllo due o tre eventi separati, che vengono simultaneamente convogliati dall occhio al cervello. A questo punto si pone il problema, purtroppo sovente trascurato, di determinare quali sono le modalità grazie alle quali il fenomeno anomalo, per l individuazione del quale è stato installato l impianto di videosorveglianza, può essere portato all attenzione dell operatore. In qualche caso si utilizzano dei circuiti elettronici, chiamati di motion detection, che possono attivare i monitori od un allarme acustico, nel momento in cui nell area sotto controllo si verifica una variazione di luminosità. È questa una tipica installazione che permette di tenere sotto controllo una porta di emergenza od un ingresso carraio, dal quale normalmente nessuno dovrebbe passare. In altri casi si può installare un rivelatore volumetrico, che svolge una funzione non diversa da quella appena illustrata, magari con qualche costo e complessità aggiuntivi. In altri casi l operatore può essere indirizzato ad uno specifico monitor da una segnalazione via radio, proveniente da una pattuglia sul campo. È classico il caso della segnalazione via radio proveniente da un addetto ad un parcheggio pubblico, che segnala l allontanamento di una vettura che ha causato un danneggiamento ad un altra vettura parcheggiata. In altri casi è l esperienza dell operatore che lo induce a tenere sotto controllo, ad esempio, un gruppo di tifosi che egli riconosce come possibili portatori di turbamento. 250

23 Anche il fatto che in determinate ore del giorno possa esservi un rischio più elevato che si verifichino situazioni anomale può costituire una guida per l esperto operatore. Ad esempio, se la telecamera tiene sotto controllo l ingresso di un teatro, è evidente che poco prima dell apertura delle porte, se già vi è un certo assembramento di spettatori, sarà cura dell operatore tenere sotto attento controllo l immagine di questa particolare telecamera. Si tratta di un aspetto estremamente delicato, in cui la esperienza nell operatore deve integrarsi con tutta una serie di segnalazioni provenienti dal campo. Tempo di reazione dell operatore e registrazione delle immagini Come si vede, è di estrema importanza non solo definire quali sono i fattori oggettivi che possono richiamare l attenzione dell operatore, ma occorre anche definire un altro aspetto fondamentale, legato al tempo di reazione dell operatore stesso. Ecco perché una fase critica della pianificazione riguarda non solo la indicazione degli eventi, che debbono far attivare in modo specifico l attenzione dell operatore in sala controllo, ma anche l indicazione delle modalità di reazione nel comportamento dell operatore, con particolare riferimento al tempo di reazione. Un diretto corollario di questa procedura è evidentemente la messa a punto di un protocollo di reazione da parte dell operatore, ad esempio allertando le pattuglie di pronto intervento o attivando qualsiasi altro ente specificamente coinvolto nella gestione e correzione dell evento anomalo da lui osservato. Proprio per sopperire alle numerose difficoltà sopra illustrate, in fase di pianificazione degli impianti di videosorveglianza si può anche ipotizzare di effettuare una videoregistrazione continua di tutte le immagini, che provengono da tutte le telecamere. La soluzione per la verità non è perfetta, in quanto se pure è utile avere una documentazione di un evento anomalo, cui l operatore non abbia prestato la dovuta attenzione, è pur vero che se questo evento anomalo avesse richiesto un immediata reazione dell operatore e questa reazione non si fosse verificata, rimarrebbe soltanto un documento che dimostra da quale porta della stalla i buoi sono scappati. 251

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA TVCC Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA)

IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA) IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA) Principali Norme di riferimento CEI EN 50132 Impianti di allarme - Impianti di sorveglianza CCTV da utilizzare nelle applicazioni

Dettagli

Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali

Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali Telecamere analogiche e/o digitali, dai sensori ai pixel, le nozioni fondamentali Mini-guida ai principi fondamentali di funzionamento delle telecamere, utili per chi deve valutare i prodotti e fare la

Dettagli

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti

DANCOM s.r.l. Soluzioni Video Intelligenti Pagina 1 di 7 Soluzioni Video Intelligenti Le soluzioni video intelligenti aggiungono ai sistemi di videosorveglianza la caratteristica di essere attivi, cioè la capacità di elaborare le immagini in tempo-reale

Dettagli

Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio

Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio CBCom Sistemi Integrati di Videosorveglianza HD over WLAN Analisi e necessita della sicurezza e del controllo del territorio Le esigenze dei cittadini e delle aziende soprattutto nei Comuni al di sotto

Dettagli

Cablaggio e progettazione tutte le novità

Cablaggio e progettazione tutte le novità Cablaggio e progettazione tutte le novità di Adalberto Biasiotti Nell'impiantistica di sicurezza il cablaggio gioca spesso un ruolo significativo. Oggi sono disponibili numerose alternative, con pregi

Dettagli

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita 1 IL SISTEMA CTP DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO Premessa

Dettagli

SISTEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI

SISTEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI SISTEMI DI PROTEZIONE PERIMETRALE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI SISTEMI DI PROTEZIONI PERIMETRALI La scelta della tipologia di sistema per la protezione perimetrale dell area d interesse può essere affidata

Dettagli

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System)

SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Sistema 3D-MBS 1 SISTEMA 3D-MBS (Three Dimensional Multi Band System) Il 3D-Multi Band System è un sistema integrato per la gestione della sicurezza

Dettagli

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza.

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. Promelit DiMavision Video OverIP DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. DiMavision. Il sofware per gestire il sistema di videosorveglianza in modo facile, efficace, distribuito

Dettagli

INNOVATION CASE. Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale

INNOVATION CASE. Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale Sistema di controllo del traffico in una galleria autostradale INNOVARE: COSA? L IDEA Ovunque nel mondo si assiste ad un aumento della densità del traffico veicolare. Il fenomeno porta con sé un enorme

Dettagli

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Rilevamento interrato, su recinzione, su muri e su tubazioni Distanza fino a 50 km e punto

Dettagli

Ticino Security. Sicuri di essere al sicuro.

Ticino Security. Sicuri di essere al sicuro. Ticino Security. Sicuri di essere al sicuro. Protezione attiva della vostra serenità. Dormire sonni tranquilli è un diritto di tutti. Vivere la propria casa senza la paura che qualcuno possa entrarvi,

Dettagli

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza...

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... PIRAMID SERIE XL Passive InfraRed And Microwave Intruder Detector L unico rivelatore di movimento progettato e realizzato per

Dettagli

CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONTROLLO DEL TERRITORIO PROGETTO Nuvolento VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione Tecnica di gara Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:... 4 Architettura generale:... 4 Localizzazione:...

Dettagli

Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili.

Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili. Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili. Tutto ciò che vi aspettate da una telecamera termica oltre alle normali funzionalità offerte da Axis. Proteggete

Dettagli

MULTICAM. Free solution. Software lettura Targhe

MULTICAM. Free solution. Software lettura Targhe Free solution Software lettura Targhe MULTICAM Nato come soluzione di videosorveglianza per singole postazioni, MULTICAM nell ambito della lettura targhe svolge una duplice funzione: da un lato opera come

Dettagli

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia

COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia COMUNE DI ORZINUOVI Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 76 del 04.11.2005 Inviato al Garante per la protezione

Dettagli

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE

INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE INTEGRAZIONE ED ESPANSIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE DI CASTELLAMMARE DI STABIA TITOLO ELABORATO: MODULO VIDEOSORVEGLIANZA MOBILE INDICE 1. PREMESSA 4 2. TELECAMERE 4 3. UNITA' DI STORAGE

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA

COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO DI VIDEO SORVEGLIANZA Testo approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 08/02/2010 Regolamento di Videosorveglianza Capo Primo Principi Generali art. 1 finalità e definizioni

Dettagli

Comune di Pesaro REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA

Comune di Pesaro REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA Comune di Pesaro REGOLAMENTO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 50 del 30/03/2009 1 Art. 1 Finalità e definizioni 1. Il presente Regolamento garantisce

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà, in ogni caso, corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

SOLUZIONI DI SICUREZZA INTEGRATA

SOLUZIONI DI SICUREZZA INTEGRATA Quando un idea creativa genera progresso, allora si parla di innovazione. Se l innovazione si traduce in un agire concreto capace di portare dei risultati tangibili, allora siamo nel raggio dell, oggetto

Dettagli

È l ora della videosorveglianza basata su FPGA

È l ora della videosorveglianza basata su FPGA È l ora della videosorveglianza basata su FPGA Kambiz Khalilian, Strategic marketing manager Lattice Semiconductor Le preoccupazioni crescenti per la sicurezza hanno costretto i governi e le istituzioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

Sistemi di Video Sorveglianza

Sistemi di Video Sorveglianza Sistemi di Video Sorveglianza WEB Based Technology Il sistema di video-sorveglianza è basato su un sistema di visualizzazione-registrazione costituito da un Camera Server e da una o più telecamere Digitali

Dettagli

10 argomenti a favore dell over IP

10 argomenti a favore dell over IP Quello che i fornitori di telecamere analogiche non dicono 10 argomenti a favore dell over IP Le telecamere di rete non sono certo una novità, infatti il primo modello è stato lanciato nel 1996. Nei primi

Dettagli

Soluzione per il riconoscimento automatico delle targhe

Soluzione per il riconoscimento automatico delle targhe Soluzione per il riconoscimento automatico delle targhe COME NASCE LA SOLUZIONE L evoluzione tecnologica, l esperienza nell identifi cazione delle migliori soluzioni e l esigenza sempre più forte di potenziare

Dettagli

TSecNet. Tecnology Security Networking. Soluzioni per la security

TSecNet. Tecnology Security Networking. Soluzioni per la security TSecNet Tecnology Security Networking Soluzioni per la security www.tsecnet.com info@tsecnet.com Definizioni Security Gestione della sicurezza e protezione delle aree sensibili ed a rischio. Tipicamente

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA IP

VIDEOSORVEGLIANZA IP OTTIMIZZAZIONE DELLE RISORSE DI RETE VIDEOSORVEGLIANZA IP Ing. Stefano Enea R&D manager Advanced Innovations stefano@ad-in.net L incontro fra due mondi La videosorveglianza IP sottende un incontro di competenze:

Dettagli

8.3. Sistemi di comunicazione e allerta

8.3. Sistemi di comunicazione e allerta 8.3. Sistemi di comunicazione e allerta È importante che l operatore sia in grado di comunicare con l utente e che tale comunicazione possa avere luogo in entrambe le direzioni: dall operatore verso l

Dettagli

I SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PER LA PROTEZIONE DEI BENI CULTURALI

I SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PER LA PROTEZIONE DEI BENI CULTURALI I SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PER LA PROTEZIONE DEI BENI CULTURALI Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza - DICMMPM Università degli Studi di Roma La Sapienza Via Eudossiana, 18-00184 Roma tel. 0644585626,

Dettagli

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA CITTA DI ALBISOLA SUPERIORE Provincia di SAVONA COMUNE DI ALBISOLA SUPERIORE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 6 del 25/3/2013

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI SOVERE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI SOVERE COMUNE DI SOVERE PROVINCIA DI BERGAMO Codice Fiscale 00347880163 Via Marconi, 6, 24060, Sovere (BG) Telefono n. 035 981107 - Fax n. 035 981762 info@comune.sovere.bg.it www.comune.sovere.bg.it REGOLAMENTO

Dettagli

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053

Guida Tecnica. Obiettivi. Application Note n 008. Tel. +39 0421/241241 Fax +39 0421/241053 Guida Tecnica Obiettivi - 1 - Cos è un Obiettivo Un obiettivo è un insieme di una o più lenti che rifrangono la luce sull elemento sensibile, permettendo di focalizzare l immagine da riprendere sul sensore

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA. Via Ghisleri, 24/A 26100 CREMONA Tel. +39 0372 22511 Fax +39 0372 537864 italsinergie@fastpiu.it

VIDEOSORVEGLIANZA. Via Ghisleri, 24/A 26100 CREMONA Tel. +39 0372 22511 Fax +39 0372 537864 italsinergie@fastpiu.it VIDEOSORVEGLIANZA VIDEOSORVEGLIANZA: SPECIFICHE TECNICHE Telecamera bullet per esterno / interno a colori night & day, obbiettivo varifocal 2.8:12 mm, 42 led ad infrarossi, 1/3 Sony CCD S-HAD, 600 linee

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA Settore Polizia Municipale REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 44 del 30/07/2007 Modificato

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà in ogni caso corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

SISTEMA DI TELEVIGILANZA MEDIANTE TELECAMERE. Sistema SAFECAM

SISTEMA DI TELEVIGILANZA MEDIANTE TELECAMERE. Sistema SAFECAM SISTEMA DI TELEVIGILANZA MEDIANTE TELECAMERE Sistema SAFECAM Il sistema per video sorveglianza SafeCam consente di effettuare il controllo e la video registrazione, in remoto, costantemente ed in tempo

Dettagli

Telecamere termiche di rete Axis Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili

Telecamere termiche di rete Axis Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili Telecamere termiche di rete Axis Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili Tutto ciò che vi aspettate da una telecamera termica, tranne il prezzo. oltre alle normali funzionalità offerte

Dettagli

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA

CITTA di PONTIDA. REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA CITTA di PONTIDA REGOLAMENTO per la DISCIPLINA della VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 43 del 22.12.2008 Esecutivo dal CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e

Dettagli

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Premessa Le telecamere MOBOTIX non hanno a bordo un software in grado di effettuare la lettura dei caratteri della targa (OCR Optical Character Recognition) ma possono

Dettagli

Chiavette USB a prova di attacchi

Chiavette USB a prova di attacchi Chiavette USB a prova di attacchi Adalberto Biasiotti Il punto sui dispositivi di archiviazione portatili che si stanno sempre più diffondendo nelle aziende, ma che possono presentare non pochi problemi

Dettagli

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SAN VENDEMIANO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 in data 26

Dettagli

SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PROTEZIONE PERIMETRALE

SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA PROTEZIONE PERIMETRALE Pag.1 Le tipologie impiantistiche in cui Elettro Light è in grado di garantire un eccellente know-how e altissimi livelli di performance possono essere sintetizzate come segue: SISTEMI INTEGRATI DI SICUREZZA

Dettagli

COMUNE D I CALASCIBETTA

COMUNE D I CALASCIBETTA COMUNE D I CALASCIBETTA PROVINCIA DI ENNA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI CALASCIBETTA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 20 del 29/07/2013 INDICE CAPO

Dettagli

LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL

LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL Documento tecnico Autore: Giuseppe Storniolo Sommario LA VIDEOSORVEGLIANZA MEGAPIXEL 3 GENERALITÀ 3 CARATTERISTICHE TECNICHE RIASSUNTIVE DEL SISTEMA 4 LE TELECAMERE 5 IL

Dettagli

La Motion Detection negli impianti di Videosorveglianza

La Motion Detection negli impianti di Videosorveglianza La Motion Detection negli impianti di Videosorveglianza Ing. Davide Gazzotti Responsabile Marketing IVS, SAIET Telecomunicazioni SpA La rilevazione del movimento (in inglese motion detection) è una funzione

Dettagli

Ingegneria dei sistemi di sicurezza. La Tua Security, il nostro progetto.

Ingegneria dei sistemi di sicurezza. La Tua Security, il nostro progetto. Ingegneria dei sistemi di sicurezza La Tua Security, il nostro progetto. La nostra è una società di ingegneria specializzata nella soluzione dei problemi della Security per aziende e privati. Personale

Dettagli

COMUNE DI VICOPISANO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI VICOPISANO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI VICOPISANO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N.35 DEL 13/05/2008 - IN VIGORE DAL 10.6.2008 MODIFICATO CON ATTO CONSILIARE

Dettagli

Proteggete il personale, i clienti e i valori della banca dai bancomat alle camere blindate

Proteggete il personale, i clienti e i valori della banca dai bancomat alle camere blindate Proteggete il personale, i clienti e i valori della banca dai bancomat alle camere blindate Videosorveglianza affidabile grazie a soluzioni con tecnologia video di rete all avanguardia Sistemi affidabili

Dettagli

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009.

Approvato con delibera di Consiglio comunale n.75 del 5 ottobre 2009. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI ACQUISITI MEDIANTE L IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA ATTIVATO NEL TERRITORIO URBANO DEL COMUNE DI MACERATA Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 37 del 29 novembre 2005 1 CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 OGGETTO 1. Il presente

Dettagli

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE POLIZIA LOCALE REGOLAMENTO DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento

Dettagli

IL QUAD: VISIONE D INSIEME DELLE TELECAMERE PANNELLO DI CONTROLLO

IL QUAD: VISIONE D INSIEME DELLE TELECAMERE PANNELLO DI CONTROLLO N@Video è un software progettato per l utilizzo in rete e ottimizza il rapporto tra risorse hardware e prestazioni. è un sistema aperto, modulare, ampliabile, aggiornabile e rende semplice la creazione

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO. per l utilizzo dell impianto di videosorveglianza nel Comune di Azzano San Paolo

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO. per l utilizzo dell impianto di videosorveglianza nel Comune di Azzano San Paolo COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO per l utilizzo dell impianto di videosorveglianza nel Comune di Azzano San Paolo Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 36 del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C.

REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C. REGOLAMENTO PER IL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI EFFETTUATO MEDIANTE L ATTIVAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA. (Delib. G.C. n 442/2001) PRINCIPI GENERALI Art. 1 Finalità e definizioni 1. Il presente

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SPRESIANO (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE - Delibera C.C. n 10 del 30.03.2012: Regolamento per la disciplina della Videosorveglianza

Dettagli

COLONNINA SOS BEGHELLI PER RICHIESTA DI SOCCORSO

COLONNINA SOS BEGHELLI PER RICHIESTA DI SOCCORSO COLONNINA SOS BEGHELLI PER RICHIESTA DI SOCCORSO DESCRIZIONE GENERALE...2 MODELLI...3 AUTOALIMENTATA...3 (ART. SOS-EXT-626AT)...3 ALIMENTATA DA UNA SORGENTE ESTERNA A 220V~ SEMPRE PRESENTE O INTERMITTENTE...3

Dettagli

CITTA' DI AVERSA Provincia di Caserta

CITTA' DI AVERSA Provincia di Caserta CITTA' DI AVERSA Provincia di Caserta REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 57 del 21/12/2005) 1 Art. 1 Oggetto

Dettagli

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza

Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs 14 Agosto 1996 n 493) Segnaletica di Sicurezza e Norme Generali di Comportamento in Caso di Emergenza S.P.P via R. Cozzi 53 Edificio U5 1 Segnaletica di SICUREZZA (D.Lgs

Dettagli

COMUNE DI SPINO D ADDA

COMUNE DI SPINO D ADDA COMUNE DI SPINO D ADDA PROVINCIA DI CREMONA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 4 del 14/01/2005 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA

Dettagli

ACCORDO QUADRO. tra. premesso che

ACCORDO QUADRO. tra. premesso che ACCORDO QUADRO Il giorno 1 /2/2011, in Milano Intesa Sanpaolo S.p.A. (anche in qualità di Capogruppo) le Organizzazioni Sindacali tra e premesso che L art. 4 della Legge 20 maggio 1970 n. 300 prevede che

Dettagli

Premio Domotica ed Energie Rinnovabili 2012 Modena 13 Novembre 2012 MUSEO CASA ENZO FERRARI MODENA

Premio Domotica ed Energie Rinnovabili 2012 Modena 13 Novembre 2012 MUSEO CASA ENZO FERRARI MODENA MUSEO CASA ENZO FERRARI MODENA Impianti ed apparecchiature sono integrati attraverso il sistema di supervisione Termoregolazione Impianti elettrici di potenza Illuminazione Monitoraggio dei consumi Rivelazione

Dettagli

Un unica soluzione per Enti differenti

Un unica soluzione per Enti differenti Un unica soluzione per Enti differenti La soluzione innovativa per il riconoscimento delle targhe automobilistiche e l analisi dei flussi di traffico nelle Smart Cities Cos è Traffic Scanner è una soluzione

Dettagli

Importanti precauzioni di sicurezza da leggere prima di procedere alla configurazione 1. In caso di domande 10

Importanti precauzioni di sicurezza da leggere prima di procedere alla configurazione 1. In caso di domande 10 Importanti precauzioni di sicurezza da leggere prima di procedere alla configurazione 1 Congratulazioni per l acquisto dell Impianto di controllo neonati wireless 2.4GHz. Prima di utilizzare il vostro

Dettagli

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto.

Infrastrutture di supporto degli insediamenti produttivi dell area consortile ASI di Taranto. INDICE INDICE...1 1. DESCRIZIONE DELL INTERVENTO...2 2. CARATTERISTICHE TECNICHE...6 2.1 Apparati video...6 2.2 Apparati di videoregistrazione...6 2.3 Apparati di rete wireless...7 2.4 Sistema di centralizzazione

Dettagli

CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA/CENTRI DI MONITORAGGIO E RICEZIONE ALLARMI

CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA/CENTRI DI MONITORAGGIO E RICEZIONE ALLARMI TABELLA 2 CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI ORGANIZZAZIONE: SITO DELLA CENTRALE DATA DELL AUDIT TIPO DI AUDIT VERIFICA VALUTATIVA FASE 2 VERIFICA SORVEGLIANZA 1 VERIFICA SORVEGLIANZA

Dettagli

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza.

Promelit DiMavision. Video OverIP. DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. Promelit DiMavision Video OverIP DiMavision. L intelligenza al servizio della videosorveglianza. DiMavision. Il sofware per gestire il sistema di videosorveglianza in modo facile, efficace, distribuito

Dettagli

COMUNE DI EMPOLI. Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI EMPOLI. Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI EMPOLI Provincia di Firenze REGOLAMENTO COMUNALE SULLA VIDEOSORVEGLIANZA (approvato con deliberazione del CC n.. del /../2015, in vigore dal /../2015) Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi

Dettagli

onlinesecurity sicurezza la piattaforma della sicurezza www.onlinesecurity.it Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza

onlinesecurity sicurezza la piattaforma della sicurezza www.onlinesecurity.it Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza onlinesecurity la piattaforma della sicurezza 2010 Release 2.0 Designed for Security Per i privati, le aziende ed i Provider Sicurezza le migliori tecnologie per la massima sicurezza www.onlinesecurity.it

Dettagli

Evoluzione dei Sistemi TVCC nel Settore Bancario

Evoluzione dei Sistemi TVCC nel Settore Bancario voluzione dei Sistemi TVCC nel Settore Bancario Burini Claudio RTM lettronica S.r.l. rticolazione dell intervento Interoperabilità dei sistemi TVCC con le reti informatiche: - L evoluzione del settore

Dettagli

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI SERDIANA PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina l esercizio del sistema di videosorveglianza

Dettagli

VECTIS HX NVS quando la precisione conta davvero

VECTIS HX NVS quando la precisione conta davvero VECTIS HX NVS quando la precisione conta davvero Software di videosorveglianza di rete ad alte prestazioni con funzionalità Full HD. www.ssp-cctv.com Answers for infrastructure. Un nuovo software video

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE CAPO PRIMO: PRINCIPI GENERALI Art. 1 OGGETTO ED AMBITO DI APPLICAZIONE 1. Il presente Regolamento detta le norme per l installazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE Comune di TORTORETO Provincia di TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 83 in data 17/12/2008

Dettagli

Regolamento comunale per la videosorveglianza

Regolamento comunale per la videosorveglianza COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Regolamento comunale per la videosorveglianza (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 20 maggio 2010) - 1 - SOMMARIO CAPO PRIMO: PRINCIPI GENERALI

Dettagli

Banche. Competence in Video Security

Banche. Competence in Video Security Competence in Video Security Banche Gli istituti finanziari sono esposti costantemente a rischi e pericoli. Frodi agli sportelli automatici, atti vandalici, rapine a mano armata ed effrazioni fanno purtroppo

Dettagli

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1)

ELABORATO TECNICO AL CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO ALLEGATO 1) COMUNE DI MIRA Provincia di Venezia Via Livorno, 4-30034 Mira (Ve) - Tel. 041/56.28.362 - Fax 041/42.47.77 Indirizzo Internet: www.comune.mira.ve.it - PEC: comune.mira.ve@pecveneto.it Settore Servizi al

Dettagli

L analisi video Gli algoritmi più diffusi e interessanti

L analisi video Gli algoritmi più diffusi e interessanti L analisi video Gli algoritmi più diffusi e interessanti Serie vol. 0805/2010 Cos e l analisi Video? Con il termine Analisi Video si intende genericamente la capacità di un sistema di controllo video (detto

Dettagli

COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli)

COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it Regolamento

Dettagli

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI AGLIANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE (approvato con delibera di C.C. 44 del 30 ottobre 2007 ) INDICE CAPO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto

Dettagli

Centrale Operativa LIS: tele-gestione impianti

Centrale Operativa LIS: tele-gestione impianti Centrale Operativa LIS: tele-gestione impianti Il servizio di tele-gestione prevede il collegamento del sistema di sicurezza alla Centrale Operativa "LIS" attiva 24 ore su 24 per l'intero anno. La Centrale

Dettagli

Indice. Apparati 12 Programmazione su Zelio Soft 2. Appendice Immagini 13. Bibliografia 16. Sitografia 16

Indice. Apparati 12 Programmazione su Zelio Soft 2. Appendice Immagini 13. Bibliografia 16. Sitografia 16 Istituto Industriale Statale Enrico Mattei NASCITA DI UNA NUOVA MONTAGNA RUSSA Tesi di Maturità di Riccardo Rocca Indirizzo: elettrotecnica Anno Scolastico 2014/2015 1 Indice 1. I Sistemi di Controllo

Dettagli

COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE PIANO DI MANUTENZIONE

COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE PIANO DI MANUTENZIONE COMUNE di MONTEVECCHIA (Lc) LAVORI DI AMPLIAMENTO DELL IMPIANTO TVCC E REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA DI RICONOSCIMENTO TARGHE PIANO DI MANUTENZIONE 15 giugno 2015 Pagina 1 di 8 1) OGGETTO DEL PIANO DI MANUTENZIONE

Dettagli

Comunicato Stampa. Canon al CCTV & IP Security Forum

Comunicato Stampa. Canon al CCTV & IP Security Forum Comunicato Stampa Canon al CCTV & IP Security Forum Canon sarà presente al CCTV & IP Security Forum 2010 che si svolgerà al centro congressi di Assago Milanofiori (MI) il 26 maggio prossimo CCTV & IP Security

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE

SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA URBANA CAPITOLATO SPECIALE 1/11 1. Oggetto del presente capitolato Il, intende dotare l Area cimiteriale comunale, compresa tra via Rimembranza ad Ovest, via della Centuriazione

Dettagli

Blu Sky. Security System

Blu Sky. Security System Blu Sky Security System blu sky Chi siamo Blu Sky sviluppa e vende sistemi esclusivi per la visione e per i processi di immagine, realizza inoltre strumenti per il real time video e lo streaming. Elemento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni Art. 3 - Finalità Art. 4 - Trattamento dei dati personali CAPO I PRINCIPI GENERALI CAPO II OBBLIGHI PER

Dettagli

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Panoramica sulle tecniche di progettazione

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Panoramica sulle tecniche di progettazione Analisi e valutazione Per la progettazione di un impianto d'allarme è di fondamentale importanza l'individuazione delle aree più sensibili e dei punti di più facile accesso all'interno dell'ambiente. Un

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE...2 1 Scelta dell ottica...4. 2 Altezza della telecamera...5. 3 Distanza laterale della telecamera dal centro targa...

INDICE. INTRODUZIONE...2 1 Scelta dell ottica...4. 2 Altezza della telecamera...5. 3 Distanza laterale della telecamera dal centro targa... INDICE INTRODUZIONE...2 1 Scelta dell ottica...4 2 Altezza della telecamera...5 3 Distanza laterale della telecamera dal centro targa...6 4 Puntamento dell illuminatore IR...7 5 Installazione...8 6 Parametri

Dettagli

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010]

[approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE [approvato con deliberazione di C.C. n.142 del 21.12.2010] INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Oggetto Art. 2 - Definizioni

Dettagli

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI MOTTA VISCONTI (Prov. di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 48 del 07/10/2014 Revisioni Note SOMMARIO Art.

Dettagli

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello SEMINARIO TECNICO Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14 Ing. Sergio Sanfratello Scopo e campo di applicazione La presente Norma descrive

Dettagli

LA NORMATIVA SUL RICAMBIO DELL ARIA NELLE SALE FUMATORI

LA NORMATIVA SUL RICAMBIO DELL ARIA NELLE SALE FUMATORI LA NORMATIVA SUL RICAMBIO DELL ARIA NELLE SALE FUMATORI La normativa sul ricambio dell aria nei locali fumatori Disposizioni normative ed esempio di applicazione Introduzione La legge n 3 del 16 gennaio

Dettagli

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI SINNAI PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 21 data 14 Luglio 2010

Dettagli

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI RENATE Provincia di Monza e Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E LA TENUTA DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n. 50 del 25/11/2009 versione 3 03/11/2009 REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE

Dettagli

Specifiche tecniche del servizio inebula Guardian

Specifiche tecniche del servizio inebula Guardian Specifiche tecniche del servizio inebula Guardian Specifiche del servizio e dei componenti HW Il servizio inebula Guardian fornisce una soluzione di sicurezza estremamente evoluta grazie all adozione di

Dettagli

HDTV LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE

HDTV LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE HDTV LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE S HDTV: LA TELEVISIONE AD ALTA DEFINIZIONE In questo articolo cercheremo di spiegare il concetto di HDTV. Prima di tutto, daremo un occhiata alla tecnologia della

Dettagli