Pianificazione e progetto di reti geografiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pianificazione e progetto di reti geografiche"

Transcript

1 Pianificazione e progetto di reti geografiche 9 Tecnologie della sicurezza 1

2 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 2

3 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 3

4 Leggi e normative di riferimento Storia Nel 1968 viene emanata la legge 186 che stabilisce il principio della regola dell'arte. La norma CEI viene considerata come regola d'arte. Con la legge 46/90, per la prima volta in Italia è stato regolamentato il settore con l'introduzione di una nuova figura del professionista Il D.M. 37/08 sostituisce la legge 46/90 4

5 Leggi e normative di riferimento Legge 1 marzo 1968, n. 186 (G.U , n. 77) Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazione e impianti elettrici ed elettronici. Art. 1 - Tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati e costruiti a regola d'arte. Art. 2 - I materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici realizzati secondo le norme del Comitato Elettrotecnico Italiano si considerano costruiti a regola d'arte. 5

6 Leggi e normative di riferimento Dalla legge 46/90 al D.M. 37/08 Il nuovo D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 è in vigore dal 27 marzo 2008 Sostituisce la legge 46/90 Viene ampliato il campo di applicazione a tutti gli edifici, indipendentemente dalla destinazione d uso Per gli impianti antintrusione non ci sono differenze sostanziali Si rimanda a testo del Decreto per maggiori dettagli Decreto legge del 25 giugno 2008, n. 112 sopprime l Art. 13 del D.M. 37/08 (riguardante la dichiarazione di conformità o rispondenza degli impianti) successivamente convertito in legge n. 133 del 21 agosto 2008 (G.U.192) Gli impianti antintrusione sono soggetti all applicazione del D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 (Art. 1, lettera b) Impianti a regola d arte Rispetto delle norme tecniche UNI (Ente Italiano di Unificazione) e CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) 6

7 Leggi e normative di riferimento Norme CEI La conformità alle norme CEI viene comunemente considerata come la regola d arte (http://www.ceiuni.it, ) CEI 79-2: Norme particolari per le apparecchiature I, II, III livello - Maggiore è il livello, maggiore è la prestazione. Ad esempio per i contenitori: I livello: protezione antiapertura II livello: protezione antiapertura + antirimozione III livello: protezione antiapertura + antirimozione + antiperforazione CEI 79-3: Norme particolari per gli impianti I, II, III livello - Maggiore è il livello, maggiore è la prestazione. Il livello di un impianto viene calcolato in considerazione di vari fattori tra cui: Tipologie di protezione Quantità di locali protetti Livello CEI 79-2 dei componenti utilizzati 7

8 Leggi e normative di riferimento Norma antintrusione serie EN e CEI 79/2-3 Siamo in fase di transizione Una volta approvate dovranno essere recepite Alcune differenze: Norme di prodotto (CEI) e norme di sistema e di prodotto (EN) 4 gradi di sicurezza invece di 3 8

9 Leggi e normative di riferimento Norma antintrusione serie EN Parte 1 Prescrizioni generali di un sistema antintrusione Parte 2-2 Requisiti per rivelatori Infrarossi passivi Parte 2-3 Requisiti per rivelatori Microonda Parte 2-4 Requisiti per rivelatori DT PIR-MW Parte 2-5 Requisiti per rivelatori DT PIR-Ultrasuoni Parte 2-6 Requisiti per contatti magnetici Parte 2-7 Rivelatori rottura vetro Parte 3 Centrali antintrusione Parte 4 Avvisatori acustici Parte 5 Connessione radio Parte 6 Alimentatori Parte 7 Guida applicativa (CEI 79/3) Parte 8 Antirapina a nebbia (security fog device) 9

10 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 10

11 Leggi e normative di riferimento Videosorveglianza e privacy Principio di liceità Necessità di attenersi alle norme che disciplinano la materia in campo civile, penale ed amministrativo. Principio di necessità Corretto rapporto tra le finalità da raggiungere e lo strumento utilizzato. Modalità di raccolta e cancellazione delle immagini. Principio di proporzionalità Rapporto tra gli scopi perseguiti e impiego di telecamere. Sono insufficienti altri sistemi di controllo? Principio di finalità Pertinenza dell utilizzo delle immagini. I dati raccolti non devono essere eccedenti rispetto alla finalità. 11

12 Leggi e normative di riferimento Il decalogo del Garante (29 novembre 2000) 1. individuare le finalità della sorveglianza e la compatibilità della stessa con le norme di settore vigenti 2. rispettare i principi di correttezza e liceità del trattamento 3. effettuare, se dovuta, la notificazione al Garante 4. fornire agli interessati una chiara e completa informativa 5. non violare il divieto di controllo a distanza dei dipendenti sancito nello statuto dei lavoratori 12

13 Leggi e normative di riferimento Il decalogo del Garante (29 novembre 2000) 6. registrare le sole immagini indispensabili per perseguire lo scopo dichiarato, evitando, per quanto possibile, immagini dettagliate o ingrandite 7. individuare il periodo massimo di conservazione delle immagini 8. nominare i soggetti responsabili ed incaricati del trattamento 9. non utilizzare i dati raccolti per altri scopi 10. per le telecamere situate agli accessi dei centri storici, o delle zone a traffico limitato, rispettare le disposizioni contenute nel D.P.R. 250/

14 Leggi e normative di riferimento altre leggi correlate Codice Penale: Interferenze illecite nella vita privata (art. 615 bis C.P.) Legge n. 300/1970 (Statuto dei lavoratori) art. 4 Testo Unico (D.Lgs. 196 del ) Codice in materia di protezione dei dati personali Diritto di accesso ai dati acquisiti mediante impianti di videosorveglianza ( ) Videosorveglianza Raccolta di impronte digitali associate ad immagini per l accesso in banca ( ) Installazione di alcune telecamere in luogo pubblico (Comune di Milano) Videosorveglianza in banca ripresi solo i piedi. Precisazioni del Garante ( ) 14

15 Leggi e normative di riferimento altre leggi correlate Provvedimento generale sulla videosorveglianza del 29 aprile 2004 Decreto Legge n.11 del 23 Febbraio 2009 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24 febbraio 2009) ora Legge 23 Aprile 2009, n.38, relativa alle "Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori introduce una sostanziale novità, contenuta nell'art. 6, punti 7 e 8 Enti pubblici possono far installare sistemi video ad alta tecnologia e mantenere le registrazioni per 7 giorni Valgono tutte le restrizioni del Garante in materia 15

16 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 16

17 Leggi e normative di riferimento Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Cavi elettrici per sistemi di sicurezza (CEI 46-7) Prove sui cavi elettrici sottoposti al fuoco Parte 1: Prova di non propagazione della fiamma sul singolo cavo verticale (CEI 20-35) Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 Vca e 1500 Vcc (CEI 64-8) Impianti antieffrazione, antintrusione, antifurto. Norme particolari per le apparecchiature (N.B. per TVCC vedere Append. A e B) (CEI 79-2) Impianti antieffrazione, antintrusione, antifurto. Norme particolari per impianti antieffrazione e antintrusione (per TVCC vedere Cap. 6 requisiti-, 8 collaudo-, 9 manutenzione) ( CEI 79-3-V1) 17

18 Leggi e normative di riferimento Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Telecamere B/N (rit. 2005) (CEI EN ) Monitor B/N (rit. 2005) (CEI EN ) Sistemi di trasmissione video (in rev.) (CEI EN ) Guide di applicazione (CEI EN ) Centralizzazione delle informazioni di sicurezza Requisiti di sistema (CEI 79-11) 18

19 Leggi e normative di riferimento EN :2009 CCTV System requirements Fa parte delle EN ed è composta da: Parte 1: System requirements Parte 5: Video transmission Parte 7: Application guideline Prevede 4 classi ambientali e gradi di sicurezza 19

20 Leggi e normative di riferimento EN :2009 CCTV System requirements 20

21 Leggi e normative di riferimento EN :2009 CCTV System requirements I 4 GRADI DI SICUREZZA riguardano tra l altro: Archiviazione Backup Log di sistema Controllo delle interconnesioni Manomissione Livelli di accesso Le 4 CLASSI AMBIENTALI: Classe 1: Interni (da +5 a +40 C) Classe 2: Interni a temperatura non controllata (da -10 a +40 C) Classe 3: Esterno con apparecchiatura non direttamente esposta (da -25 a +50 C) Classe 4: Esterno (da -25 a +60 C) 21

22 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 22

23 Leggi e normative di riferimento Obbligo installazione sistema rilevazione incendi Attività soggetta alla richiesta di CPI DPR n.37 Impianto soggetto al DM37 gennaio08 Insediamento sottoposto a DM o DL In forma volontaria Locali pubblico spettacolo DL Scuole... Oltre 100 presenti DM Edifici pregevoli... DM n.569 Alberghi... oltre 25 posti letto DM Strutture sanitarie... DM Edifici destinati ad uffici... DM

24 Leggi e normative di riferimento Progetto di un sistema rilevazione incendi insediamento soggetto alla richiesta di CPI Impianto soggetto al DM37 gennaio08 Rinnovo CPI Insediamento sottoposto a DM o DL In forma volontaria Iscrizione legge 818 Professionista iscritto ad albo prof. =/+ di 10 rivelatori - di 10 rivelatori rinnovo Diploma con qualifica coerente laurea progetto Responsabile tecnico installatore 24

25 Leggi e normative di riferimento Le norme UNI9795, EN54-xx e TS54-14 UNI9795 EN 54 - xx prodotti EN54-xx CPD Specifiche di progetto TS(EN)

26 Leggi e normative di riferimento La normativa europea EN54 EN 54-2:1997/A1:2006 EN 54-2:1997/A1: EN 54-2:1997/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 2: Control and indicating equipment 01/01/ /08/2009 EN 54-3:2001/A1:2002 EN 54-3:2001/A2:2006 EN 54-3:2001/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 3: Fire alarm devices - Sounders EN 54-3:2001/A2: EN 54-3:2001/A2:2006 Fire detection and fire alarm systems - Part 3: Fire alarm devices - Sounders 01/04/ /06/ /03/ /06/2009 EN 54-4:1997/A2:2006 EN 54-5:2000/A1:2002 EN 54-7:2000/A1:2002 EN 54-7:2000/A2:2006 EN 54-10:2002/A1:2005 EN 54-11:2001/A1:2005 EN 54-4:1997/A2: EN 54-4:1997/A2:2006 Fire detection and fire alarm systems - Part 4: Power supply equipment EN 54-5:2000/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 5: Heat detectors - Point detectors EN 54-7:2000/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 7: Smoke detectors - Point detectors using scattered light, transmitted light or ionization EN 54-7:2000/A2: EN 54-7:2000/A2:2006 Fire detection and fire alarm systems - Part 7: Smoke detectors - Point detectors using scattered light, transmitted light or ionization EN 54-10:2002/A1: EN 54-10:2002/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 10: Flame detectors - Point detectors EN 54-11:2001/A1: EN 54-11:2001/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 11: Manual call points 01/06/ /08/ /04/ /06/ /04/ /06/ /05/ /08/ /09/ /09/ /09/ /09/

27 Leggi e normative di riferimento La normativa europea EN54 EN 54-12:2002 EN 54-12: Fire detection and fire alarm systems - Part 12: Smoke detectors - Line detectors - Line detectors using an optical beam EN 54-16:2008 EN 54-16: Fire detection and fire alarm systems - Part 16: Voice alarm control and indicating equipment EN 54-17:2005 EN 54-17: Fire detection and fire alarm systems - Part 17: Short-circuit isolators EN 54- EN 54-17:2005/AC: EN 54-17:2005/AC: :2005/AC:200 Fire detection and fire alarm systems - Part 17: Shortcircuit 7 isolators EN 54-18:2005 EN 54-18: Fire detection and fire alarm systems - EN 54-18:2005/AC:200 7 Part 18: Input/output devices EN 54-18:2005/AC: EN 54-18:2005/AC: Fire detection and fire alarm systems - Part 18: Input/output devices EN 54-20:2006 EN 54-20: Fire detection and fire alarm systems - Part 20: Aspirating smoke detectors EN 54-21:2006 EN 54-21: Fire detection and fire alarm systems - Part 21: Alarm transmission and fault warning routing equipment EN 54-24:2008 EN 54-24: Fire detection and fire alarm systems - Part 24: Components of voice alarm systems - Loudspeakers EN 54-25:2008 EN 54-25: Fire detection and fire alarm systems - Part 25: C omponents using radio links 01/10/ /12/ /01/ /04/ /10/ /12/ /01/ /01/ /10/ /12/ /01/ /01/ /04/ /07/ /03/ /06/ /01/ /04/ /01/ /04/

28 Leggi e normative di riferimento La manutenzione: norma UNI11224 La norma UNI11224 definisce il controllo iniziale e la manutenzione nei sistemi di rivelazione incendi Scopo della norma è descrivere le procedure per il controllo iniziale, quello periodico e la manutenzione dei sistemi di rivelazione automatica. In particolare : Fasi e periodicità Documentazione Condizioni ambientali di prova Strumentazione e documentazione Metodologia di controllo Registrazione delle prove 28

29 Leggi e normative di riferimento UNI fasi e periodicità Tempistiche da rispettare (obbligatorie attualmente secondo DM 10 marzo 1998 punto 6.4 allegati VI): fase periodicità circostanza controllo iniziale occasionale prima della consegna di un nuovo sistema o nella presa in carico di un sistema in manutenzione sorveglianza almeno ogni 30 giorni secondo il piano di manutenzione programmata del responsabile di sistema controllo periodico almeno ogni 6 mesi secondo il piano di manutenzione programmata del responsabile di sistema manutenzione ordinaria occasionale secondo esigenza per riparazione di lieve entità manutenzione straordinaria occasionale secondo esigenza per riparazioni di particolare importanza revisione sistema almeno ogni 10 anni secondo indicazioni normative e legislative in funzione delle apparecchiature impiegate o delle istruzioni dei costruttori delle apparecchiature 29

30 Leggi e normative di riferimento UNI documentazione Documentazione da produrre: fase controllo iniziale sorveglianza controllo periodico manutenzione ordinaria manutenzione straordinaria revisione sistema documenti da produrre e riportare nel registro rapporti di prova e liste di riscontro e controllo funzionale come minimo secondo quanto indicato nell'appendice A semplice registrazione conforme al piano di manutenzione programmata dal responsabile del sistema registrazione delle attività e dei controlli su formato stabilito dal responsabile del sistema registrazione del documento di intervento sottoscritto dal personale tecnico qualificato incaricato della manutenzione registrazione del documento di intervento sottoscritto dal personale tecnico qualificato incaricato della manutenzione rapporti di prova e liste di riscontro e controllo funzionale conformi come minimo a quanto indicato nell'appendice A 30

31 Leggi e normative di riferimento UNI condizioni ambientali di prova Vengono definite le condizioni operative ambientali di prova riferite alle varie situazioni funzionali quali: A - Condizioni durante la fase di controllo iniziale B - Condizioni durante la fase di sorveglianza C - Condizione durante il controllo periodico, la manutenzione e la fase di revisione D - Condizioni di sicurezza durante operazioni in aree pericolose In particolare per A e C assicurarsi che tutte le persone raggiunte da segnalazioni di allarme siano state preventivamente informate dello stato di prova del sistema Per D prima di operare sulle apparecchiature verificare che non sussistano condizioni di pericolo 31

32 Leggi e normative di riferimento UNI strumentazione e documentazione Vengono definiti gli strumenti da utilizzare per la verifica dei parametri funzionali siano essi di tipo e metrologia adeguati alle prove da effettuare (un multimetro, un oscilloscopio o analizzatore, un fonometro ecc.) che predisposti dal produttore per specifiche esigenze (p.e. programmi software per centrali) 32

33 Leggi e normative di riferimento UNI strumentazione e documentazione Per strumentazione si intende anche definire strumenti atti alla verifica funzionale dei dispositivi, ad esempio: bombolette di fumo artificiale per la prova dei rivelatori di fumo filtri di oscuramento per la prova di rivelatori lineari di fumo dispositivi termici o piezoeletrici per la prova dei rivelatori termici speciali utensili per la prova di allarme dei rivelatori manuali Apparecchiature di simulazione per dispositivi attuatori dei sistemi di estinzione per gli altri sistemi, una metodologia di prova indicata dal produttore o dall installatore secondo le indicazioni del progettista 33

34 Leggi e normative di riferimento UNI strumentazione e documentazione Viene definita la modulistica di supporto necessaria alle verifiche funzionali, per esempio: manualistica (schemi e manuali) relativa alla centrale e alle apparecchiature installate disegni e documentazione di progetto norme di riferimento applicabili procedure di prova definite dai produttori 34

35 Leggi e normative di riferimento UNI metodologia di controllo iniziale La procedura per il controllo preliminare corrisponde alla verifica visiva sul sistema effettuata da personale qualificato da svolgere prima di passare alla fase esecutiva delle prove E una verifica obbligatoria in conformità alle norme UNI9795 e CEI64-8 Vengono richiesti : L accertamento di rispondenza del sistema al progetto esecutivo Il controllo visivo dei collegamenti elettrici e meccanici compresa l apertura delle cassette di giunzione e l ispezione dei punti nascosti I collegamenti di messa a terra 35

36 Leggi e normative di riferimento UNI metodologia di controllo iniziale La procedura per il controllo funzionale corrisponde alla verifica funzionale del sistema obbligatoria sia nella fase di controllo iniziale che periodica (parziale) Quanto indicato nella noma non entra nel dettaglio specifico ma vuole fornire solo delle indicazioni per uniformare le prove essenziali che devono essere effettuate In particolare viene indicato che: Il controllo iniziale deve prevedere una verifica funzionale di tutti i rivelatori, contatti, pulsanti e azionamenti del sistema La verifica della compatibilità delle logiche richieste dal cliente rispetto ai documenti di progetto La verifica dell efficacia dei comandi su ogni dispositivo interessato (alimentazioni, ventilazione, ecc.) La verifica che gli effetti delle prove non producano situazioni di pericolo Porre in sicurezza le apparecchiature di comando verso sistemi di spegnimento 36

37 Leggi e normative di riferimento UNI registrazione delle prove Le prove ed i controlli devono essere formalizzati mediante la compilazione di appropriati documenti Esempi di liste di controllo indicate in appendice A (controllo iniziale, consegna impianto o controllo iniziale presa in manutenzione) o B (Controllo periodico, manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria) È prevista la sottoscrizione dei documenti come minimo da : il tecnico che ha effettuato le prove persona delegata dal datore di lavoro 37

38 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 38

39 Protezioni perimetrali esterne 39

40 Barriere a raggi infrarossi attivi Una barriera si compone di una coppia di TX e RX L interruzione dei raggi provoca l allarme Montaggio in colonna Portate da 50, 100, 200 metri Attenzione alla nebbia! 40

41 Barriere a microonde Oggetti che attraversano il campo RF vengono rilevati Tipica forma a sigaro Incrocio per eliminare zone d ombra Portate da 50, 100, 200 metri Attenzione a cosa c è intorno! 41

42 Protezione per reti metalliche Principio di funzionamento: cavo microfonico Rileva tentativi di taglio e scavalcamento Facile da installare Non è sensibile agli eventi atmosferici, grazie all analisi a doppio canale Ideale per recinzioni alte 42

43 Protezioni perimetrali Contatti magnetici Barrierine ad infrarosso interno/esterno Sensori a fune per tapparelle 43

44 Sensori di rottura vetro Sensori piezoelettrici Sensori audio Sensori a doppia tecnologia Sensori inerziali La scelta della tecnologia dipende dal tipo di vetro 44

45 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 45

46 Rivelatori volumetrici: tecnologie per la rivelazione INFRAROSSO PASSIVO Un elemento piroelettrico passivo riceve la radiazione infrarossa dall ambiente MICROONDA Sfrutta il principio del radar, trasmette un segnale ad alta frequenza e analizza il segnale riflesso dall ambiente 46

47 Rivelatori ad infrarosso passivo Tipologie: Lente di Fresnel A specchio 47

48 Rivelatori ad IR passivo - Tecnologia specchio Pro Costo di produzione Semplicità di costruzione Dimensioni del rivelatore Contro Rivelazione non costante nel tempo Rivelazione non uniforme 48

49 Rivelatori ad IR passivo - Tecnologia specchio Pro Rivelazione costante nel tempo Rivelazione uniforme Diverse coperture con un unico sensore Contro Costo di produzione Elevato know how di produzione Dimensioni del rivelatore 49

50 Tende integrali a focale continua Lo specchio è sagomato in modo mettere sempre a fuoco l intruso a qualunque distanza Il 100% dell intruso viene visto indipendentemente dalla distanza dal sensore La dimensione della tenda è costante a qualsiasi distanza entro la portata del sensore 50

51 Rivelatori a microonde Sfruttano l effetto Doppler Esistono tre diverse tecnologie per generare il segnale: Cavità Antenna planare Doppie antenne contrapposte 51

52 Rivelatori a microonde Cavità Antenna planare Doppie antenne contrapposte Pro Segnale stabile Portata Frequenza elevata Pro Consumi Costi di produzione Pro Consumi Qualità del segnale Potenza irradiata molto contenuta Contro Consumi Elevati costi di produzione Durata Contro Rilevazione non uniforme (effetto sigaretta) Portata Contro Costi di produzione 52

53 Bande di frequenza Lo spettro delle microonde è definito solitamente nell'intervallo di frequenza compreso tra 1 GHz e 1000 GHz La tabella elenca la suddivisione in bande secondo la Radio Society of Great Britain (RSGB) Banda Frequenza GHz L 1 2 S 2-4 C 4-8 X 8 12 K u K K a

54 La rivelazione a microonde ad effetto doppler Un sensore a microonda convenzionale utilizza l effetto Doppler per rilevare il movimento nell area di protezione 54

55 La tecnologia a microonde Range Controlled Radar La tecnologia RCR misura la distanza tra il sensore e gli oggetti in movimento Questo sensore funziona come un sonar, trasmette un impulso verso l ambiente e ne analizza il segnale riflesso lungo lo stesso percorso Oggetti che si trovano fuori dall area protetta vengono ignorati Il sensore riconosce gli oggetti calcolandone la distanza 55

56 Rivelatori a doppia tecnologia Uniscono le due tecnologie: infrarossi passivi e microonde Facendo lavorare insieme due tecnologie riducono sensibilmente i falsi allarmi 56

57 Copertura di un sensore a raggi Le aree di rivelazione corrispondono alle aree di Fresnel VICINO LONTANO Molto sensibile Poco sensibile 57

58 Sensore convenzionale Non è possibile ridurre la portata altrimenti i raggi vicini al sensore non raggiungerebbero il pavimento. 58

59 Protezioni perimetrali esterne Ostacoli temporanei possono oscurare completamente alcuni raggi 59

60 Sensore convenzionale SALE TODAY Un cartello può oscurare i raggi I sensori tradizionali non sono adatti per l installazione in ambienti soggetti a variazioni nelle disposizione degli arredi. 60

61 Il concetto della tenda integrale La tenda è continua, non ci sono spot VICINO LONTANO Rivelazione costante per tutta la portata 61

62 La copertura a tenda integrale Il sensore vede interamente l intruso, indipendentemente dalla distanza 62

63 La copertura a tenda integrale Ostacoli temporanei oscurano solo parzialmente. 63

64 La copertura a tenda integrale SALE TODAY Un cartello oscura solo parzialmente il campo Rilevazione ottimale in qualsiasi ambiente! 64

65 La compensazione di temperatura Un rivelatore convenzionale regola la sua sensibilità in base alla temperatura ambientale, per cercare di mantenere una temperatura differenziale di circa 2 C 65

66 La compensazione di temperatura Al crescere della temperatura, il rivelatore aumenta la sua sensibilità in base alla temperatura del sensore, non quella a livello del pavimento dove deve avvenire la rivelazione. La temperatura differenziale può scendere fino a 0.5 C CONCLUSIONE: Il rivelatore diventa eccessivamente sensibile, bastano piccole variazioni di temperatura, per generare facilmente falsi allarmi 66

67 La compensazione di temperatura Grazie alla raffinata ottica a specchio unita al concetto delle tende integrali a focale continua, i rivelatori GE vedono sempre la figura completa dell intruso. Non è quindi necessario alcun circuito di compensazione della temperatura. CONCLUSIONE: rivelazione stabile in ogni condizione. 67

68 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 68

69 Funzionamento di un sensore microfonico Test Canale di Integraz. oscillatore per test VVT interno Libero Test Accelero - metro Canale di conteggio Uscita d allarme tamper Sabotaggio Sabotaggio Libero Canale di esplosione 6 5 Relè d allarme Relè d allarme Elaborazione del segnale 4 3 Test point LED remoto Sensibilità Alimentaz Vcc + 69

70 Sensore microfonico - Canale d integrazione Rileverà tutti i tipi di apparecchiature rotanti e termiche Non rileverà rumori di fondo Cinque livelli di sensibilità Ritornerà gradualmente a livello base Frequenza = 6-20 khz Ampiezza Accelerazione = >0,1 m/s² Tempo = max 40 sec Livello d allarme Durata segnale 70

71 Sensore microfonico - Canale di conteggio Rileverà tutti i tipi di apparecchiature rotanti e termiche Rileva tutti gli attacchi da attrezzi meccanici quali: martelli, martinetti idraulici,ecc. Attiverà un allarme dopo 5 impulsi Tempo di reset 3 minuti Sensibilità pre impostata di fabbrica Frequenza = 1-20 khz Accelerazione = >10 m/s² Tempo = 5 reali impulsi Ampiezza Allarme Durata segnale 71

72 Sensore microfonico - Canale esplosione Rileva tutte le esplosioni Attiva un allarme dopo un limite pre impostato Sensibilità 100 volte più bassa di un sensore d impatto Frequenza = 1-20 khz Ampiezza Accelerazione = > 400 m/s² Tempo = 20 Milli sec Livello d allarme Durata segnale 72

73 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 73

74 Telecamera standard E il formato più classico delle telecamere Necessita di staffa di montaggio o di custodia Necessita di un obiettivo Tuttavia fornisce prestazioni e qualità di immagini superiori alle telecamere compatte, soprattutto in ambienti esterni 74

75 Telecamera compatta (bullet) Tutto in uno economico e pratico da installare Telecamera, obiettivo e custodia in un contenitore sigillato Generalmente hanno anche un illuminatore IR integrato Le prestazioni, soprattutto la sensibilità alla luce, però sono inferiori a quelle delle telecamere classiche 75

76 Telecamere bianco e a compatta (minidome) Un altro tutto in uno economico e pratico da installare Telecamera, obiettivo e custodia in un contenitore a forma di cupola Esteticamente attraenti, la loro struttura le rende impossibili da disorientare Le prestazioni, soprattutto la sensibilità alla luce, però sono inferiori a quelle delle telecamere classiche 76

77 Videoregistratori digitali Sono preposti alla registrazione delle immagini riprese dalle telecamere Registrano su hard disk Trasmettono sulla rete dati le immagini dal vivo e registrate Controllano il brandeggio delle telecamere PTZ Eseguono analisi dei flussi video 77

78 Matrici video Utilizzate per sistemi di grandi dimensioni Capacità fino a molte decine di telecamere e monitor Sistema compatto (1 operatore) o multiplo (più di 1) Associazione di qualunque sequenza o immagine fissa a qualunque monitor Capacità di controllare le telecamere PTZ Attivazione automatica di azioni programmate in funzione di eventi d allarme Controllo del sistema da postazioni multiple Programmi temporizzati 78

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n

v in v out x c1 (t) Molt. di N.L. H(f) n Comunicazioni elettriche A - Prof. Giulio Colavolpe Compito n. 3 3.1 Lo schema di Fig. 1 è un modulatore FM (a banda larga). L oscillatore che genera la portante per il modulatore FM e per la conversione

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE

D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE D-CAM 500 SENSORE PIROELETTRICO CON TELECAMERA AUDIO INTEGRATA MANUALE DI INSTALLAZIONE 1 MORSETTIERA INTERNA Qui di seguito è riportato lo schema della morsettiera interna: Morsettiera J1 12 V + - N.C.

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni

Salute e Sicurezza sul luogo di lavoro Valori limite di Rumore e Vibrazioni Valori limite di Rumore e Vibrazioni Le Norme UE Protezione sul Lavoro entrano nel diritto tedesco Crescita del livello di Sicurezza e di tutela della Salute sul luogo di lavoro Le Norme relative alla

Dettagli

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE.

LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA PIÙ COMPLETA, INNOVATIVA ED EFFICIENTE. LA TUA CENTRALE D ALLARME. LA NOSTRA FILOSOFIA Leader nel settore dei sistemi di sicurezza e domotica, dal 1978 offre soluzioni tecnologiche all avanguardia.

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower

Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Informazione Tecnica Derating termico per Sunny Boy e Sunny Tripower Mediante il derating termico l inverter riduce la propria potenza per proteggere i propri componenti dal surriscaldamento. Il presente

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche

Corso di Progettazione di Impianti Elettrici. Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Corso di Progettazione di Impianti Elettrici Documentazione per la Progettazione Norme Tecniche Norme Tecniche e Norme di Legge La progettazione di un opera ha come scopo la definizione delle caratteristiche

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art.

DESCRIZIONE. Elettrodi per rilevazione acqua. Dimensioni contenitore ca.: 71 (L) x 71 (H) x 30 (P) mm. (Da abbinare a modulo sonda art. 1009/001 1009/002D 1009/002S 1009/005D 1009/005S Frontale piatto da 25 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale destro da 40 mm per serratura e maniglia Personal Lock Frontale sinistro da 40

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE

RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE RELAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE Fattori di impatto ambientale Un sistema fotovoltaico non crea un impatto ambientale importante, visto che tale tecnologia è utilizzata per il risparmio energetico. I fattori

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire

Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire Data inizio : 2014-01-01 Prezzo per partecipante : 400 EUR Località : Da definire DATE, ORARI E SEDI Il corso sarà attivato al raggiungimento del numero minimo di partecipanti con date, orari e sedi DA

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

sistema per il controllo accessi

sistema per il controllo accessi Distributed by GUIDA ALLA SCELTA E ALLA PROGETTAZIONE sistema per il controllo accessi lo specialista globale delle infrastrutture elettriche e digitali dell edificio SISTEMA CONTROLLO ACCESSI Indice Introduzione

Dettagli

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto.

Altoparlante da soffitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Massima compattezza, maggior impatto. 2 Altoparlante da soitto LC4 ad ampio angolo Compatto, dalla qualità e copertura senza uguali Ampio angolo di apertura per

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08).

VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). VERBALE DELLA RIUNIONE PERIODICA DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DAI RISCHI (ai sensi dell'art. 35 del D.Lgs 81/08). Il giorno del mese di dell'anno duemila il sottoscritto titolare/legale rappresentante della

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

Brushless. Brushless

Brushless. Brushless Motori Motori in in corrente corrente continua continua Brushless Brushless 69 Guida alla scelta di motori a corrente continua Brushless Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)! 0,6,7 30 W 5,5 max.

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2)

MICROSPIA GSM PROFESSIONALE. 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) MANUALE UTENTE FT607M /FT607M2 MICROSPIA GSM PROFESSIONALE 1 MICROFONO (cod. FT607M) 2 MICROFONI (cod. FT607M2) FT607M /FT607M2 MANUALE UTENTE INDICE 1. Informazioni importanti.......................................4

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni.

PRESENTA. DOCUMENTAZIONE DI PREVISIONE DI IMPATTO ACUSTICO, ai sensi dell art. 8, c. 4 della legge n.447/95 e successive integrazioni. Al Sig.Sindaco del Comune di di... e pc. All'ARPA, Servizio Territoriale Distretto di.. Il sottoscritto nato a.il./.. /19. e residente a.in (Via, Piazza).n in qualità di titolare/legale rappresentante

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni

Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni PANORAMICA Sistemi di climatizzazione ad acqua per interni Flessibilità, regolazione su richiesta ed efficienza energetica con i sistemi di climatizzazione ad acqua per interni di Swegon www.swegon.com

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco

domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m Ogni goccia conta! domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m - contatori sopraintonaco domaqua m ista rappresenta l'alternativa economica per molte possibilità applicative. Essendo un contatore

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli