Pianificazione e progetto di reti geografiche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pianificazione e progetto di reti geografiche"

Transcript

1 Pianificazione e progetto di reti geografiche 9 Tecnologie della sicurezza 1

2 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 2

3 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 3

4 Leggi e normative di riferimento Storia Nel 1968 viene emanata la legge 186 che stabilisce il principio della regola dell'arte. La norma CEI viene considerata come regola d'arte. Con la legge 46/90, per la prima volta in Italia è stato regolamentato il settore con l'introduzione di una nuova figura del professionista Il D.M. 37/08 sostituisce la legge 46/90 4

5 Leggi e normative di riferimento Legge 1 marzo 1968, n. 186 (G.U , n. 77) Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazione e impianti elettrici ed elettronici. Art. 1 - Tutti i materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici devono essere realizzati e costruiti a regola d'arte. Art. 2 - I materiali, le apparecchiature, i macchinari, le installazioni e gli impianti elettrici ed elettronici realizzati secondo le norme del Comitato Elettrotecnico Italiano si considerano costruiti a regola d'arte. 5

6 Leggi e normative di riferimento Dalla legge 46/90 al D.M. 37/08 Il nuovo D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 è in vigore dal 27 marzo 2008 Sostituisce la legge 46/90 Viene ampliato il campo di applicazione a tutti gli edifici, indipendentemente dalla destinazione d uso Per gli impianti antintrusione non ci sono differenze sostanziali Si rimanda a testo del Decreto per maggiori dettagli Decreto legge del 25 giugno 2008, n. 112 sopprime l Art. 13 del D.M. 37/08 (riguardante la dichiarazione di conformità o rispondenza degli impianti) successivamente convertito in legge n. 133 del 21 agosto 2008 (G.U.192) Gli impianti antintrusione sono soggetti all applicazione del D.M. 22 gennaio 2008, n. 37 (Art. 1, lettera b) Impianti a regola d arte Rispetto delle norme tecniche UNI (Ente Italiano di Unificazione) e CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) 6

7 Leggi e normative di riferimento Norme CEI La conformità alle norme CEI viene comunemente considerata come la regola d arte (http://www.ceiuni.it, ) CEI 79-2: Norme particolari per le apparecchiature I, II, III livello - Maggiore è il livello, maggiore è la prestazione. Ad esempio per i contenitori: I livello: protezione antiapertura II livello: protezione antiapertura + antirimozione III livello: protezione antiapertura + antirimozione + antiperforazione CEI 79-3: Norme particolari per gli impianti I, II, III livello - Maggiore è il livello, maggiore è la prestazione. Il livello di un impianto viene calcolato in considerazione di vari fattori tra cui: Tipologie di protezione Quantità di locali protetti Livello CEI 79-2 dei componenti utilizzati 7

8 Leggi e normative di riferimento Norma antintrusione serie EN e CEI 79/2-3 Siamo in fase di transizione Una volta approvate dovranno essere recepite Alcune differenze: Norme di prodotto (CEI) e norme di sistema e di prodotto (EN) 4 gradi di sicurezza invece di 3 8

9 Leggi e normative di riferimento Norma antintrusione serie EN Parte 1 Prescrizioni generali di un sistema antintrusione Parte 2-2 Requisiti per rivelatori Infrarossi passivi Parte 2-3 Requisiti per rivelatori Microonda Parte 2-4 Requisiti per rivelatori DT PIR-MW Parte 2-5 Requisiti per rivelatori DT PIR-Ultrasuoni Parte 2-6 Requisiti per contatti magnetici Parte 2-7 Rivelatori rottura vetro Parte 3 Centrali antintrusione Parte 4 Avvisatori acustici Parte 5 Connessione radio Parte 6 Alimentatori Parte 7 Guida applicativa (CEI 79/3) Parte 8 Antirapina a nebbia (security fog device) 9

10 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 10

11 Leggi e normative di riferimento Videosorveglianza e privacy Principio di liceità Necessità di attenersi alle norme che disciplinano la materia in campo civile, penale ed amministrativo. Principio di necessità Corretto rapporto tra le finalità da raggiungere e lo strumento utilizzato. Modalità di raccolta e cancellazione delle immagini. Principio di proporzionalità Rapporto tra gli scopi perseguiti e impiego di telecamere. Sono insufficienti altri sistemi di controllo? Principio di finalità Pertinenza dell utilizzo delle immagini. I dati raccolti non devono essere eccedenti rispetto alla finalità. 11

12 Leggi e normative di riferimento Il decalogo del Garante (29 novembre 2000) 1. individuare le finalità della sorveglianza e la compatibilità della stessa con le norme di settore vigenti 2. rispettare i principi di correttezza e liceità del trattamento 3. effettuare, se dovuta, la notificazione al Garante 4. fornire agli interessati una chiara e completa informativa 5. non violare il divieto di controllo a distanza dei dipendenti sancito nello statuto dei lavoratori 12

13 Leggi e normative di riferimento Il decalogo del Garante (29 novembre 2000) 6. registrare le sole immagini indispensabili per perseguire lo scopo dichiarato, evitando, per quanto possibile, immagini dettagliate o ingrandite 7. individuare il periodo massimo di conservazione delle immagini 8. nominare i soggetti responsabili ed incaricati del trattamento 9. non utilizzare i dati raccolti per altri scopi 10. per le telecamere situate agli accessi dei centri storici, o delle zone a traffico limitato, rispettare le disposizioni contenute nel D.P.R. 250/

14 Leggi e normative di riferimento altre leggi correlate Codice Penale: Interferenze illecite nella vita privata (art. 615 bis C.P.) Legge n. 300/1970 (Statuto dei lavoratori) art. 4 Testo Unico (D.Lgs. 196 del ) Codice in materia di protezione dei dati personali Diritto di accesso ai dati acquisiti mediante impianti di videosorveglianza ( ) Videosorveglianza Raccolta di impronte digitali associate ad immagini per l accesso in banca ( ) Installazione di alcune telecamere in luogo pubblico (Comune di Milano) Videosorveglianza in banca ripresi solo i piedi. Precisazioni del Garante ( ) 14

15 Leggi e normative di riferimento altre leggi correlate Provvedimento generale sulla videosorveglianza del 29 aprile 2004 Decreto Legge n.11 del 23 Febbraio 2009 (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 45 del 24 febbraio 2009) ora Legge 23 Aprile 2009, n.38, relativa alle "Misure urgenti in materia di sicurezza pubblica e di contrasto alla violenza sessuale, nonché in tema di atti persecutori introduce una sostanziale novità, contenuta nell'art. 6, punti 7 e 8 Enti pubblici possono far installare sistemi video ad alta tecnologia e mantenere le registrazioni per 7 giorni Valgono tutte le restrizioni del Garante in materia 15

16 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 16

17 Leggi e normative di riferimento Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Cavi elettrici per sistemi di sicurezza (CEI 46-7) Prove sui cavi elettrici sottoposti al fuoco Parte 1: Prova di non propagazione della fiamma sul singolo cavo verticale (CEI 20-35) Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 Vca e 1500 Vcc (CEI 64-8) Impianti antieffrazione, antintrusione, antifurto. Norme particolari per le apparecchiature (N.B. per TVCC vedere Append. A e B) (CEI 79-2) Impianti antieffrazione, antintrusione, antifurto. Norme particolari per impianti antieffrazione e antintrusione (per TVCC vedere Cap. 6 requisiti-, 8 collaudo-, 9 manutenzione) ( CEI 79-3-V1) 17

18 Leggi e normative di riferimento Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Telecamere B/N (rit. 2005) (CEI EN ) Monitor B/N (rit. 2005) (CEI EN ) Sistemi di trasmissione video (in rev.) (CEI EN ) Guide di applicazione (CEI EN ) Centralizzazione delle informazioni di sicurezza Requisiti di sistema (CEI 79-11) 18

19 Leggi e normative di riferimento EN :2009 CCTV System requirements Fa parte delle EN ed è composta da: Parte 1: System requirements Parte 5: Video transmission Parte 7: Application guideline Prevede 4 classi ambientali e gradi di sicurezza 19

20 Leggi e normative di riferimento EN :2009 CCTV System requirements 20

21 Leggi e normative di riferimento EN :2009 CCTV System requirements I 4 GRADI DI SICUREZZA riguardano tra l altro: Archiviazione Backup Log di sistema Controllo delle interconnesioni Manomissione Livelli di accesso Le 4 CLASSI AMBIENTALI: Classe 1: Interni (da +5 a +40 C) Classe 2: Interni a temperatura non controllata (da -10 a +40 C) Classe 3: Esterno con apparecchiatura non direttamente esposta (da -25 a +50 C) Classe 4: Esterno (da -25 a +60 C) 21

22 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 22

23 Leggi e normative di riferimento Obbligo installazione sistema rilevazione incendi Attività soggetta alla richiesta di CPI DPR n.37 Impianto soggetto al DM37 gennaio08 Insediamento sottoposto a DM o DL In forma volontaria Locali pubblico spettacolo DL Scuole... Oltre 100 presenti DM Edifici pregevoli... DM n.569 Alberghi... oltre 25 posti letto DM Strutture sanitarie... DM Edifici destinati ad uffici... DM

24 Leggi e normative di riferimento Progetto di un sistema rilevazione incendi insediamento soggetto alla richiesta di CPI Impianto soggetto al DM37 gennaio08 Rinnovo CPI Insediamento sottoposto a DM o DL In forma volontaria Iscrizione legge 818 Professionista iscritto ad albo prof. =/+ di 10 rivelatori - di 10 rivelatori rinnovo Diploma con qualifica coerente laurea progetto Responsabile tecnico installatore 24

25 Leggi e normative di riferimento Le norme UNI9795, EN54-xx e TS54-14 UNI9795 EN 54 - xx prodotti EN54-xx CPD Specifiche di progetto TS(EN)

26 Leggi e normative di riferimento La normativa europea EN54 EN 54-2:1997/A1:2006 EN 54-2:1997/A1: EN 54-2:1997/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 2: Control and indicating equipment 01/01/ /08/2009 EN 54-3:2001/A1:2002 EN 54-3:2001/A2:2006 EN 54-3:2001/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 3: Fire alarm devices - Sounders EN 54-3:2001/A2: EN 54-3:2001/A2:2006 Fire detection and fire alarm systems - Part 3: Fire alarm devices - Sounders 01/04/ /06/ /03/ /06/2009 EN 54-4:1997/A2:2006 EN 54-5:2000/A1:2002 EN 54-7:2000/A1:2002 EN 54-7:2000/A2:2006 EN 54-10:2002/A1:2005 EN 54-11:2001/A1:2005 EN 54-4:1997/A2: EN 54-4:1997/A2:2006 Fire detection and fire alarm systems - Part 4: Power supply equipment EN 54-5:2000/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 5: Heat detectors - Point detectors EN 54-7:2000/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 7: Smoke detectors - Point detectors using scattered light, transmitted light or ionization EN 54-7:2000/A2: EN 54-7:2000/A2:2006 Fire detection and fire alarm systems - Part 7: Smoke detectors - Point detectors using scattered light, transmitted light or ionization EN 54-10:2002/A1: EN 54-10:2002/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 10: Flame detectors - Point detectors EN 54-11:2001/A1: EN 54-11:2001/A1: Fire detection and fire alarm systems - Part 11: Manual call points 01/06/ /08/ /04/ /06/ /04/ /06/ /05/ /08/ /09/ /09/ /09/ /09/

27 Leggi e normative di riferimento La normativa europea EN54 EN 54-12:2002 EN 54-12: Fire detection and fire alarm systems - Part 12: Smoke detectors - Line detectors - Line detectors using an optical beam EN 54-16:2008 EN 54-16: Fire detection and fire alarm systems - Part 16: Voice alarm control and indicating equipment EN 54-17:2005 EN 54-17: Fire detection and fire alarm systems - Part 17: Short-circuit isolators EN 54- EN 54-17:2005/AC: EN 54-17:2005/AC: :2005/AC:200 Fire detection and fire alarm systems - Part 17: Shortcircuit 7 isolators EN 54-18:2005 EN 54-18: Fire detection and fire alarm systems - EN 54-18:2005/AC:200 7 Part 18: Input/output devices EN 54-18:2005/AC: EN 54-18:2005/AC: Fire detection and fire alarm systems - Part 18: Input/output devices EN 54-20:2006 EN 54-20: Fire detection and fire alarm systems - Part 20: Aspirating smoke detectors EN 54-21:2006 EN 54-21: Fire detection and fire alarm systems - Part 21: Alarm transmission and fault warning routing equipment EN 54-24:2008 EN 54-24: Fire detection and fire alarm systems - Part 24: Components of voice alarm systems - Loudspeakers EN 54-25:2008 EN 54-25: Fire detection and fire alarm systems - Part 25: C omponents using radio links 01/10/ /12/ /01/ /04/ /10/ /12/ /01/ /01/ /10/ /12/ /01/ /01/ /04/ /07/ /03/ /06/ /01/ /04/ /01/ /04/

28 Leggi e normative di riferimento La manutenzione: norma UNI11224 La norma UNI11224 definisce il controllo iniziale e la manutenzione nei sistemi di rivelazione incendi Scopo della norma è descrivere le procedure per il controllo iniziale, quello periodico e la manutenzione dei sistemi di rivelazione automatica. In particolare : Fasi e periodicità Documentazione Condizioni ambientali di prova Strumentazione e documentazione Metodologia di controllo Registrazione delle prove 28

29 Leggi e normative di riferimento UNI fasi e periodicità Tempistiche da rispettare (obbligatorie attualmente secondo DM 10 marzo 1998 punto 6.4 allegati VI): fase periodicità circostanza controllo iniziale occasionale prima della consegna di un nuovo sistema o nella presa in carico di un sistema in manutenzione sorveglianza almeno ogni 30 giorni secondo il piano di manutenzione programmata del responsabile di sistema controllo periodico almeno ogni 6 mesi secondo il piano di manutenzione programmata del responsabile di sistema manutenzione ordinaria occasionale secondo esigenza per riparazione di lieve entità manutenzione straordinaria occasionale secondo esigenza per riparazioni di particolare importanza revisione sistema almeno ogni 10 anni secondo indicazioni normative e legislative in funzione delle apparecchiature impiegate o delle istruzioni dei costruttori delle apparecchiature 29

30 Leggi e normative di riferimento UNI documentazione Documentazione da produrre: fase controllo iniziale sorveglianza controllo periodico manutenzione ordinaria manutenzione straordinaria revisione sistema documenti da produrre e riportare nel registro rapporti di prova e liste di riscontro e controllo funzionale come minimo secondo quanto indicato nell'appendice A semplice registrazione conforme al piano di manutenzione programmata dal responsabile del sistema registrazione delle attività e dei controlli su formato stabilito dal responsabile del sistema registrazione del documento di intervento sottoscritto dal personale tecnico qualificato incaricato della manutenzione registrazione del documento di intervento sottoscritto dal personale tecnico qualificato incaricato della manutenzione rapporti di prova e liste di riscontro e controllo funzionale conformi come minimo a quanto indicato nell'appendice A 30

31 Leggi e normative di riferimento UNI condizioni ambientali di prova Vengono definite le condizioni operative ambientali di prova riferite alle varie situazioni funzionali quali: A - Condizioni durante la fase di controllo iniziale B - Condizioni durante la fase di sorveglianza C - Condizione durante il controllo periodico, la manutenzione e la fase di revisione D - Condizioni di sicurezza durante operazioni in aree pericolose In particolare per A e C assicurarsi che tutte le persone raggiunte da segnalazioni di allarme siano state preventivamente informate dello stato di prova del sistema Per D prima di operare sulle apparecchiature verificare che non sussistano condizioni di pericolo 31

32 Leggi e normative di riferimento UNI strumentazione e documentazione Vengono definiti gli strumenti da utilizzare per la verifica dei parametri funzionali siano essi di tipo e metrologia adeguati alle prove da effettuare (un multimetro, un oscilloscopio o analizzatore, un fonometro ecc.) che predisposti dal produttore per specifiche esigenze (p.e. programmi software per centrali) 32

33 Leggi e normative di riferimento UNI strumentazione e documentazione Per strumentazione si intende anche definire strumenti atti alla verifica funzionale dei dispositivi, ad esempio: bombolette di fumo artificiale per la prova dei rivelatori di fumo filtri di oscuramento per la prova di rivelatori lineari di fumo dispositivi termici o piezoeletrici per la prova dei rivelatori termici speciali utensili per la prova di allarme dei rivelatori manuali Apparecchiature di simulazione per dispositivi attuatori dei sistemi di estinzione per gli altri sistemi, una metodologia di prova indicata dal produttore o dall installatore secondo le indicazioni del progettista 33

34 Leggi e normative di riferimento UNI strumentazione e documentazione Viene definita la modulistica di supporto necessaria alle verifiche funzionali, per esempio: manualistica (schemi e manuali) relativa alla centrale e alle apparecchiature installate disegni e documentazione di progetto norme di riferimento applicabili procedure di prova definite dai produttori 34

35 Leggi e normative di riferimento UNI metodologia di controllo iniziale La procedura per il controllo preliminare corrisponde alla verifica visiva sul sistema effettuata da personale qualificato da svolgere prima di passare alla fase esecutiva delle prove E una verifica obbligatoria in conformità alle norme UNI9795 e CEI64-8 Vengono richiesti : L accertamento di rispondenza del sistema al progetto esecutivo Il controllo visivo dei collegamenti elettrici e meccanici compresa l apertura delle cassette di giunzione e l ispezione dei punti nascosti I collegamenti di messa a terra 35

36 Leggi e normative di riferimento UNI metodologia di controllo iniziale La procedura per il controllo funzionale corrisponde alla verifica funzionale del sistema obbligatoria sia nella fase di controllo iniziale che periodica (parziale) Quanto indicato nella noma non entra nel dettaglio specifico ma vuole fornire solo delle indicazioni per uniformare le prove essenziali che devono essere effettuate In particolare viene indicato che: Il controllo iniziale deve prevedere una verifica funzionale di tutti i rivelatori, contatti, pulsanti e azionamenti del sistema La verifica della compatibilità delle logiche richieste dal cliente rispetto ai documenti di progetto La verifica dell efficacia dei comandi su ogni dispositivo interessato (alimentazioni, ventilazione, ecc.) La verifica che gli effetti delle prove non producano situazioni di pericolo Porre in sicurezza le apparecchiature di comando verso sistemi di spegnimento 36

37 Leggi e normative di riferimento UNI registrazione delle prove Le prove ed i controlli devono essere formalizzati mediante la compilazione di appropriati documenti Esempi di liste di controllo indicate in appendice A (controllo iniziale, consegna impianto o controllo iniziale presa in manutenzione) o B (Controllo periodico, manutenzione ordinaria, manutenzione straordinaria) È prevista la sottoscrizione dei documenti come minimo da : il tecnico che ha effettuato le prove persona delegata dal datore di lavoro 37

38 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 38

39 Protezioni perimetrali esterne 39

40 Barriere a raggi infrarossi attivi Una barriera si compone di una coppia di TX e RX L interruzione dei raggi provoca l allarme Montaggio in colonna Portate da 50, 100, 200 metri Attenzione alla nebbia! 40

41 Barriere a microonde Oggetti che attraversano il campo RF vengono rilevati Tipica forma a sigaro Incrocio per eliminare zone d ombra Portate da 50, 100, 200 metri Attenzione a cosa c è intorno! 41

42 Protezione per reti metalliche Principio di funzionamento: cavo microfonico Rileva tentativi di taglio e scavalcamento Facile da installare Non è sensibile agli eventi atmosferici, grazie all analisi a doppio canale Ideale per recinzioni alte 42

43 Protezioni perimetrali Contatti magnetici Barrierine ad infrarosso interno/esterno Sensori a fune per tapparelle 43

44 Sensori di rottura vetro Sensori piezoelettrici Sensori audio Sensori a doppia tecnologia Sensori inerziali La scelta della tecnologia dipende dal tipo di vetro 44

45 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 45

46 Rivelatori volumetrici: tecnologie per la rivelazione INFRAROSSO PASSIVO Un elemento piroelettrico passivo riceve la radiazione infrarossa dall ambiente MICROONDA Sfrutta il principio del radar, trasmette un segnale ad alta frequenza e analizza il segnale riflesso dall ambiente 46

47 Rivelatori ad infrarosso passivo Tipologie: Lente di Fresnel A specchio 47

48 Rivelatori ad IR passivo - Tecnologia specchio Pro Costo di produzione Semplicità di costruzione Dimensioni del rivelatore Contro Rivelazione non costante nel tempo Rivelazione non uniforme 48

49 Rivelatori ad IR passivo - Tecnologia specchio Pro Rivelazione costante nel tempo Rivelazione uniforme Diverse coperture con un unico sensore Contro Costo di produzione Elevato know how di produzione Dimensioni del rivelatore 49

50 Tende integrali a focale continua Lo specchio è sagomato in modo mettere sempre a fuoco l intruso a qualunque distanza Il 100% dell intruso viene visto indipendentemente dalla distanza dal sensore La dimensione della tenda è costante a qualsiasi distanza entro la portata del sensore 50

51 Rivelatori a microonde Sfruttano l effetto Doppler Esistono tre diverse tecnologie per generare il segnale: Cavità Antenna planare Doppie antenne contrapposte 51

52 Rivelatori a microonde Cavità Antenna planare Doppie antenne contrapposte Pro Segnale stabile Portata Frequenza elevata Pro Consumi Costi di produzione Pro Consumi Qualità del segnale Potenza irradiata molto contenuta Contro Consumi Elevati costi di produzione Durata Contro Rilevazione non uniforme (effetto sigaretta) Portata Contro Costi di produzione 52

53 Bande di frequenza Lo spettro delle microonde è definito solitamente nell'intervallo di frequenza compreso tra 1 GHz e 1000 GHz La tabella elenca la suddivisione in bande secondo la Radio Society of Great Britain (RSGB) Banda Frequenza GHz L 1 2 S 2-4 C 4-8 X 8 12 K u K K a

54 La rivelazione a microonde ad effetto doppler Un sensore a microonda convenzionale utilizza l effetto Doppler per rilevare il movimento nell area di protezione 54

55 La tecnologia a microonde Range Controlled Radar La tecnologia RCR misura la distanza tra il sensore e gli oggetti in movimento Questo sensore funziona come un sonar, trasmette un impulso verso l ambiente e ne analizza il segnale riflesso lungo lo stesso percorso Oggetti che si trovano fuori dall area protetta vengono ignorati Il sensore riconosce gli oggetti calcolandone la distanza 55

56 Rivelatori a doppia tecnologia Uniscono le due tecnologie: infrarossi passivi e microonde Facendo lavorare insieme due tecnologie riducono sensibilmente i falsi allarmi 56

57 Copertura di un sensore a raggi Le aree di rivelazione corrispondono alle aree di Fresnel VICINO LONTANO Molto sensibile Poco sensibile 57

58 Sensore convenzionale Non è possibile ridurre la portata altrimenti i raggi vicini al sensore non raggiungerebbero il pavimento. 58

59 Protezioni perimetrali esterne Ostacoli temporanei possono oscurare completamente alcuni raggi 59

60 Sensore convenzionale SALE TODAY Un cartello può oscurare i raggi I sensori tradizionali non sono adatti per l installazione in ambienti soggetti a variazioni nelle disposizione degli arredi. 60

61 Il concetto della tenda integrale La tenda è continua, non ci sono spot VICINO LONTANO Rivelazione costante per tutta la portata 61

62 La copertura a tenda integrale Il sensore vede interamente l intruso, indipendentemente dalla distanza 62

63 La copertura a tenda integrale Ostacoli temporanei oscurano solo parzialmente. 63

64 La copertura a tenda integrale SALE TODAY Un cartello oscura solo parzialmente il campo Rilevazione ottimale in qualsiasi ambiente! 64

65 La compensazione di temperatura Un rivelatore convenzionale regola la sua sensibilità in base alla temperatura ambientale, per cercare di mantenere una temperatura differenziale di circa 2 C 65

66 La compensazione di temperatura Al crescere della temperatura, il rivelatore aumenta la sua sensibilità in base alla temperatura del sensore, non quella a livello del pavimento dove deve avvenire la rivelazione. La temperatura differenziale può scendere fino a 0.5 C CONCLUSIONE: Il rivelatore diventa eccessivamente sensibile, bastano piccole variazioni di temperatura, per generare facilmente falsi allarmi 66

67 La compensazione di temperatura Grazie alla raffinata ottica a specchio unita al concetto delle tende integrali a focale continua, i rivelatori GE vedono sempre la figura completa dell intruso. Non è quindi necessario alcun circuito di compensazione della temperatura. CONCLUSIONE: rivelazione stabile in ogni condizione. 67

68 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 68

69 Funzionamento di un sensore microfonico Test Canale di Integraz. oscillatore per test VVT interno Libero Test Accelero - metro Canale di conteggio Uscita d allarme tamper Sabotaggio Sabotaggio Libero Canale di esplosione 6 5 Relè d allarme Relè d allarme Elaborazione del segnale 4 3 Test point LED remoto Sensibilità Alimentaz Vcc + 69

70 Sensore microfonico - Canale d integrazione Rileverà tutti i tipi di apparecchiature rotanti e termiche Non rileverà rumori di fondo Cinque livelli di sensibilità Ritornerà gradualmente a livello base Frequenza = 6-20 khz Ampiezza Accelerazione = >0,1 m/s² Tempo = max 40 sec Livello d allarme Durata segnale 70

71 Sensore microfonico - Canale di conteggio Rileverà tutti i tipi di apparecchiature rotanti e termiche Rileva tutti gli attacchi da attrezzi meccanici quali: martelli, martinetti idraulici,ecc. Attiverà un allarme dopo 5 impulsi Tempo di reset 3 minuti Sensibilità pre impostata di fabbrica Frequenza = 1-20 khz Accelerazione = >10 m/s² Tempo = 5 reali impulsi Ampiezza Allarme Durata segnale 71

72 Sensore microfonico - Canale esplosione Rileva tutte le esplosioni Attiva un allarme dopo un limite pre impostato Sensibilità 100 volte più bassa di un sensore d impatto Frequenza = 1-20 khz Ampiezza Accelerazione = > 400 m/s² Tempo = 20 Milli sec Livello d allarme Durata segnale 72

73 Indice Leggi e normative di riferimento Sistemi antintrusione Sistemi di videosorveglianza Norme CEI per gli impianti di videosorveglianza Sistemi di Rilevazione Fumi Tecnologie dei sistemi di sicurezza Protezioni perimetrali Rilevatori volumetrici Sensori microfonici Videosorveglianza Rilevazione fumi 73

74 Telecamera standard E il formato più classico delle telecamere Necessita di staffa di montaggio o di custodia Necessita di un obiettivo Tuttavia fornisce prestazioni e qualità di immagini superiori alle telecamere compatte, soprattutto in ambienti esterni 74

75 Telecamera compatta (bullet) Tutto in uno economico e pratico da installare Telecamera, obiettivo e custodia in un contenitore sigillato Generalmente hanno anche un illuminatore IR integrato Le prestazioni, soprattutto la sensibilità alla luce, però sono inferiori a quelle delle telecamere classiche 75

76 Telecamere bianco e a compatta (minidome) Un altro tutto in uno economico e pratico da installare Telecamera, obiettivo e custodia in un contenitore a forma di cupola Esteticamente attraenti, la loro struttura le rende impossibili da disorientare Le prestazioni, soprattutto la sensibilità alla luce, però sono inferiori a quelle delle telecamere classiche 76

77 Videoregistratori digitali Sono preposti alla registrazione delle immagini riprese dalle telecamere Registrano su hard disk Trasmettono sulla rete dati le immagini dal vivo e registrate Controllano il brandeggio delle telecamere PTZ Eseguono analisi dei flussi video 77

78 Matrici video Utilizzate per sistemi di grandi dimensioni Capacità fino a molte decine di telecamere e monitor Sistema compatto (1 operatore) o multiplo (più di 1) Associazione di qualunque sequenza o immagine fissa a qualunque monitor Capacità di controllare le telecamere PTZ Attivazione automatica di azioni programmate in funzione di eventi d allarme Controllo del sistema da postazioni multiple Programmi temporizzati 78

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello

SEMINARIO TECNICO. Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14. Ing. Sergio Sanfratello SEMINARIO TECNICO Sistemi fissi di rivelazione automatica. La nuova normativa UNI9795. Il suo presente e futuro e TS EN54-14 Ing. Sergio Sanfratello Scopo e campo di applicazione La presente Norma descrive

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI

CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Milano, Gennaio 2012 NORMA UNI 11224 GIUGNO 2011 CONTROLLO INIZIALE E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI RIVELAZIONE INCENDI Gà la norma UNI 9795/2010 Sistemi fissi automatici di rivelazione, di segnalazione

Dettagli

prodotti tecnologie Argus Security, sistemi wireless certificati a livello europeo

prodotti tecnologie Argus Security, sistemi wireless certificati a livello europeo 21ProdTecnolArgus04_11:. 8-04-2011 11:23 Pagina 129 prodotti tecnologie & Argus Security, sistemi wireless certificati a livello europeo Precise norme oggi consentono l uso dei sistemi wireless negli impianti

Dettagli

Riflessioni sulle manutenzioni norma UNI 11224

Riflessioni sulle manutenzioni norma UNI 11224 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI DI SEMINARIO ANTINCENDIO: NUOVE NORME E SISTEMI Riflessioni sulle manutenzioni norma UNI 11224 Marco Suardi Centro di formazione

Dettagli

Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi

Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi NORMA ITALIANA Controllo iniziale e manutenzione dei sistemi di rivelazione incendi UNI 11224 MARZO 2007 Initial verification and maintenance of automatic fire detection and fire alarm systems La norma

Dettagli

Il Sistema Sagittarius è un avanzato sistema di rivelazione incendio via radio comprendente una gamma completa di dispositivi.

Il Sistema Sagittarius è un avanzato sistema di rivelazione incendio via radio comprendente una gamma completa di dispositivi. Sistema Radio Sagittarius Descrizione Generale Il Sistema Sagittarius è un avanzato sistema di rivelazione incendio via radio comprendente una gamma completa di dispositivi. Il sistema Sagittarius permette

Dettagli

A cura di Noemi Baschera. Con il Contributo di

A cura di Noemi Baschera. Con il Contributo di A cura di Noemi Baschera Con il Contributo di Cosa Sono? A Cosa Servono? Sistemi Audio Inseriti nei Sistemi di Sicurezza Utilizzati per Gestire una Rapida ed Ordinata Mobilitazione degli Occupanti di Aree

Dettagli

UNI 9795-2013 COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI. Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli

UNI 9795-2013 COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI. Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 Le normative nei sistemi di rivelazione incendi Progettazione secondo la norma

Dettagli

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO

PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO Ing. Pietro Marco SIMONI Via Roncari, 39/A 21023 BESOZZO (VA) Tel/fax 0332-970793 PROGETTO DI IMPIANTO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E DI SEGNALAZIONE ALLARME INCENDIO RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA (ai sensi

Dettagli

Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio -

Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio - Seminario tecnico Rivelazione Incendio - Seminario Tecnico - Rivelazione incendio - 18 Novembre 2014 1 Seminario Criteri di scelta tecnico dei Rivelazione rilevatori Incendio - Spunto di riflessione nella

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84

IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO. Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDIO Ing. PAOLO MAURIZI Corso 818/84 GENERALITA E OBIETTIVI Misure di protezione incendi Protezione di tipo attivo Salvaguardia della incolumità delle persone (attraverso un

Dettagli

UNI 9795 GENNAIO 2010

UNI 9795 GENNAIO 2010 UNI 9795 GENNAIO 2010 1) SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE 2) RIFERIMENTI NORMATIVI 3) TERMINI E DEFINIZIONI 4) CARATTERISTICHE DEI SISTEMI 5) PROGETTAZIONE E INSTALLAZIONE SISTEMI AUTOMATICI 6) PROGETTAZIONE

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE ED ALLARME INCENDIO

IMPIANTI DI RIVELAZIONE ED ALLARME INCENDIO Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento IMPIANTI DI RIVELAZIONE ED ALLARME INCENDIO Docente n.marotta@ing.unipi.it Esigenza 2 Rilevazione

Dettagli

Sistemi Rilevazione Incendio

Sistemi Rilevazione Incendio stemi Rilevazione Incendio stemi antincendio convenzionali - pag. 32 stemi antincendio analogici indirizzati - pag. 36 Organi di segnalazione - pag. 41 Rilevatore termico lineare - pag. 43 stemi ad aspirazione

Dettagli

La nuova Norma CEI 79-3:2012

La nuova Norma CEI 79-3:2012 La nuova Norma CEI 79-3:2012 A cura di MATTEO SASSANELLI Vice-presidente AIPS e membro del CT CEI 79 Verona, 22 giugno 2012 Seminario di aggiornamento Assemblea dei Soci AIPS Strutture normative Internazionali

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE

IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE LA RIVELAZIONE INCENDIO IN RELAZIONE ALLE AREE DA PROTEGGERE Lo scopo che si prefigge la rivelazione automatica degli

Dettagli

Linea antincendio wireless Dispositivi via radio per la rivelazione incendio

Linea antincendio wireless Dispositivi via radio per la rivelazione incendio Linea antincendio wireless Dispositivi via radio per la rivelazione incendio elmospa.com Global security solutions Rivelazione incendio via radio C on la nuova linea di dispositivi wireless, EL.MO. offre

Dettagli

Progettare impianti di rivelazione incendi

Progettare impianti di rivelazione incendi Progettare impianti di rivelazione incendi 1 Agenda Criteri di scelta dei rilevatori in base all ambiente Tecnologie disponibili La norma UNI9795 Quesiti e dibattito 2 Criteri di scelta dei rilevatori

Dettagli

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o.

Codice Descrizione u.m. Prezzo %m.d'o. L.12 IMPIANTI ANTIFURTO E ANTINTRUSIONE L.12.10 RILEVATORI PER INTERNO VIA CAVO L.12.10.10 Rivelatore infrarosso passivo miniaturizzato, fornito e posto in opera, in materiale plastico, con led di controllo

Dettagli

Sistemi convenzionali

Sistemi convenzionali Centrali Serie Firedex Semplicità di installazione e di utilizzo Versioni da 2, 4 e 8 zone Funzione walk test per il collaudo del sistema Relè allarme/guasto programmabili EN54-2 EN54-4 I sistemi convenzionali

Dettagli

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010

SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SEMINARIO ANTINCENDIO La progettazione di un impianto di rivelazione incendi in base alle norme EN 54 e UNI 9795-2010 Aggiornamenti sulla normativa e casi pratici

Dettagli

CEI 79-3: 2012. Struttura della norma e confronto con 50131-7. (Novembre 2012)

CEI 79-3: 2012. Struttura della norma e confronto con 50131-7. (Novembre 2012) CEI 79-3: 2012 Struttura della norma e confronto con 50131-7 (Novembre 2012) Documenti in vigore «CEI 79-3:1998 - Impianti antieffrazione, antiintrusione, antifurto e antiaggressione» a seguito della pubblicazione

Dettagli

Corso di aggiornamento Sulla domotica

Corso di aggiornamento Sulla domotica Corso di aggiornamento Sulla domotica 2) SENSORI marcello.ferri@tiscalinet.it GLI ARGOMENTI DI OGGI Commenti sulla lezione precedente Panoramica su Sensori, Rivelatori e Attuatori Caratteristiche generali

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA TVCC Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI DI RIVELAZIONE INCENDI Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza

Dettagli

IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA)

IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA) IMPIANTI DI SORVEGLIANZA TVCC PER APPLICAZIONI DI SICUREZZA (VIDEOSORVEGLIANZA) Principali Norme di riferimento CEI EN 50132 Impianti di allarme - Impianti di sorveglianza CCTV da utilizzare nelle applicazioni

Dettagli

Sensore a tenda da esterno e interno

Sensore a tenda da esterno e interno Sensore a tenda da esterno e interno ONE rappresenta la nuova gamma di sensori da esterno dedicata ad installazioni civili di piccola, media e grande dimensione. L esperienza decennale di AVS, nell ambito

Dettagli

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza...

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... PIRAMID SERIE XL Passive InfraRed And Microwave Intruder Detector L unico rivelatore di movimento progettato e realizzato per

Dettagli

Ing. Lorenzo Rossi 1

Ing. Lorenzo Rossi 1 Ing. Lorenzo Rossi 1 Un impianto di rilevazione incendio ha la funzione di rilevare precocemente l innesco di un incendio per permettere alla squadra di emergenza o ai vigili del fuoco di intervenire in

Dettagli

DL 2101ALA. DL 2101ALW Alimentatore Monofase da parete DL 2101ALF. Alimentatore Monofase. Alimentatore Monofase

DL 2101ALA. DL 2101ALW Alimentatore Monofase da parete DL 2101ALF. Alimentatore Monofase. Alimentatore Monofase DL 2101ALA Alimentatore Monofase Uscita: tensione di rete monofase su boccole di sicurezza. Protezione con interruttore magnetotermico bipolare. Alimentazione monofase di rete con lampada spia di presenza

Dettagli

Rivelatore d'incendio automatico serie 420 Rivelazione intelligente. Protezione di altissimo livello.

Rivelatore d'incendio automatico serie 420 Rivelazione intelligente. Protezione di altissimo livello. Precisione imbattibile con tecnologia a doppio raggio Rivelatore d'incendio automatico serie 420 Rivelazione intelligente. Protezione di altissimo livello. 2 Rivelatore d'incendio automatico serie 420

Dettagli

Serie 20 ANTINTRUSIONE. GW 20 483 Rivelatore di fumo via radio compatibile con le centrali GW 20 470 e GW 20 471. Manuale d Uso

Serie 20 ANTINTRUSIONE. GW 20 483 Rivelatore di fumo via radio compatibile con le centrali GW 20 470 e GW 20 471. Manuale d Uso Serie 20 Manuale d Uso ANTINTRUSIONE GW 20 483 Rivelatore di fumo via radio compatibile con le centrali GW 20 470 e GW 20 471 AVVERTENZE PER L INSTALLATORE: Attenersi scrupolosamente alle norme operanti

Dettagli

Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop)

Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop) Impianti di rilevazione incendio indirizzati ad anello (loop) In questi impianti la linea bifilare che parte dalla centrale di controllo non termina con la resistenza di fine linea, ma si richiude sulla

Dettagli

LA NUOVA NORMA UNI 9795

LA NUOVA NORMA UNI 9795 Le modifiche Le novità Inserimento di nuovi riferimenti normativi Inserimento della UNI 7546-16 per segnalazione dei pulsanti (cartelli indicatori) Inserimento ISO 6790 per simbologia da utilizzare nei

Dettagli

INSTALLAZIONI ELETTRICHE CIVILI

INSTALLAZIONI ELETTRICHE CIVILI indice ALIMENTATORE MONOFASE ALIMENTATORE MONOFASE ALIMENTATORI DL 2101ALA DL 2101ALF MODULI INTERRUTTORI E COMMUTATORI DL 2101T02RM INVERTITORE DL 2101T04 INVERTITORE E DEVIATORI A DUE VIE DL 2101T04RM

Dettagli

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo

La nuova UNI 9795 Lancenigo di Villorba (TV), 13 ottobre 2010. per realizzare un Impianto secondo La Norma Tecnica impiantistica UNI 9795: 2010 per realizzare un Impianto secondo la Regola dell Arte M. Damoli 1 Norma UNI 9795 NORMA ITALIANA Gennaio 2010 TITOLO: Sistemi Fissi Automatici di Rivelazione

Dettagli

alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ

alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ La conformità del prodotto alla norma tecnica Giorgio Belussi - IMQ SICUREZZA 2010 Fieramilano Milano, 18 novembre 2010 Workshop A.I.PRO.S. La certificazione dei Sistemi di Sicurezza Certificazione di

Dettagli

Installare senza inibizioni

Installare senza inibizioni Installare senza inibizioni Caratteristiche Comuni Tecnologia XD Logica a tripla rilevazione La rilevazione della presenza umana è basata sull analisi avanzata della sequenza di attivazione del sensore

Dettagli

CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI (EN 54)

CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI (EN 54) CENTRALI DI RIVELAZIONE INCENDIO CONVENZIONALI (EN 54) BEN J408-2 Centrale segnalazione incendio a 2 linee bilanciate ed escludibili. Possibilità di collegare fino a 21 dispositivi ad ogni zona: rivelatori

Dettagli

Impianti di allarme intrusione: aspetti applicativi e impostazione del calcolo dei livelli di prestazione

Impianti di allarme intrusione: aspetti applicativi e impostazione del calcolo dei livelli di prestazione Impianti di allarme intrusione: aspetti applicativi e impostazione del calcolo dei livelli di prestazione A.I.PRO.S - Legalità tecnica e normativa per impianti di sicurezza Security Exhibition Vicenza

Dettagli

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE

>SISTEMA WIRELESS STAND ALONE >SISTEMA WIRELESS STAND ALONE 126 SISTEMI DI SPEGNIMENTO AI TRU SIONE FI CEN DIO >128 UNITÀ CENTRALE >129 >130 RILEVATORI >132 ATTUATORI CENTRI ASSISTENZA TECNICA ORGANIZZAZIONE COMMERCIALE COMUNICATORI

Dettagli

Sensore a infrarossi con trasmissione radio

Sensore a infrarossi con trasmissione radio Sensore a infrarossi con trasmissione radio SIR 2008 Il sensore da interno SIR 2008 è un dispositivo per applicazioni move detection con collegamento wireless tra centrale e sensore. Esso integra un rivelatore

Dettagli

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI

UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI franco zecchini (iosolo35) UNI 9795 ED.2013 - RIVELAZIONE FUMI 17 February 2015 In questo articolo tratterò un tema molto importante e tante volte preso, da parte di progettisti ed installatori un po sottogamba,

Dettagli

Sensori d urto inerziali GS710 - GS 711 Manuale d installazione

Sensori d urto inerziali GS710 - GS 711 Manuale d installazione Sensori d urto inerziali GS710 - GS 711 Manuale d installazione Generalità I sensori inerziali della serie 700 sono dispositivi di piacevole design disponibili in contenitori in ABS bianco (GS710,GS711)

Dettagli

SICUREZZA FRACARRO. Soluzioni per la protezione degli impianti fotovoltaici

SICUREZZA FRACARRO. Soluzioni per la protezione degli impianti fotovoltaici SICUREZZA FRACARRO Soluzioni per la protezione degli impianti fotovoltaici 1 Nell ambito dei Sistemi di Sicurezza, da oltre 25 anni Fracarro offre una gamma completa di soluzioni per la protezione di persone

Dettagli

Impianti di rilevamento fumi (Norme di installazione)

Impianti di rilevamento fumi (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti e indiretti: La protezione contro i contatti diretti ed indiretti degli apparecchi elettrici ed elettronici presenti nell impianto e dei rispettivi

Dettagli

Ticino Security. Sicuri di essere al sicuro.

Ticino Security. Sicuri di essere al sicuro. Ticino Security. Sicuri di essere al sicuro. Protezione attiva della vostra serenità. Dormire sonni tranquilli è un diritto di tutti. Vivere la propria casa senza la paura che qualcuno possa entrarvi,

Dettagli

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di

UNI EN 54 11 Sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio Parte 11: Punti di CONVEGNO ZENITAL FORUM ANTINCENDIO 2011 Milano, 26 ottobre 2011 Ing. Maurizio D Addato Si riportano le principali: Norme EN54 PUBBLICATE ED ARMONIZZATE UNI EN 54 1 Sistemi di rivelazione e di segnalazione

Dettagli

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Andrea Natale Roma, 16 giugno 2010 0 Il contesto normativo internazionale CEI (Italia) UNI (Italia) CENELEC

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO

Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO Protezione dal fuoco semplice ed affidabile con i Sistemi di RILEVAZIONE INCENDIO La norma UNI 9795 regola i criteri per la realizzazione di impianti fissi automatici di rilevazione e segnalazione di incendio

Dettagli

TSecNet. Tecnology Security Networking. Soluzioni per la security

TSecNet. Tecnology Security Networking. Soluzioni per la security TSecNet Tecnology Security Networking Soluzioni per la security www.tsecnet.com info@tsecnet.com Definizioni Security Gestione della sicurezza e protezione delle aree sensibili ed a rischio. Tipicamente

Dettagli

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari

Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari Oltre la norma: applicazioni di rivelazione incendi che si avvalgono di tecnologie complementari FORUM di PREVENZIONE INCENDI - Milano, 19 ottobre 2010 - Andrea Natale 0 Il contesto normativo internazionale

Dettagli

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE

Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE Facoltà di Ingegneria Master in Sicurezza e Protezione Modulo DISPOSITIVI DI SICUREZZA E RIVELAZIONE IMPIANTI ANTINTRUSIONE Docente Fabio Garzia Ingegneria della Sicurezza w3.uniroma1.it/sicurezza w3.uniroma1.it/garzia

Dettagli

PTX-MS12TE (cod. PTXMS12T) PTX-MS12FE (cod. PTXMS12F) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI A DOPPIO FASCIO PER ESTERNO

PTX-MS12TE (cod. PTXMS12T) PTX-MS12FE (cod. PTXMS12F) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI A DOPPIO FASCIO PER ESTERNO PTX-MS12TE (cod. PTXMS12T) PTX-MS12FE (cod. PTXMS12F) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI A DOPPIO FASCIO PER ESTERNO MANUALE DI INSTALLAZIE Vi ringraziamo per aver scelto di acquistare questo rivelatore

Dettagli

Descrizione generale del prodotto

Descrizione generale del prodotto Descrizione generale del prodotto Tipologia : sistema antincendio filare Descrizione generale: I nuovi rilevatori lineari di fumo sono particolarmente idonei a soddisfare le applicazioni nel campo delle

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO ANTINTRUSIONE PROGETTO DEFINITIVO C O M U N E D I GUAMAGGIORE

RELAZIONE IMPIANTO ANTINTRUSIONE PROGETTO DEFINITIVO C O M U N E D I GUAMAGGIORE C O M U N E D I GUAMAGGIORE (Provincia di Cagliari) Via IV Novembre - 09040 Guamaggiore (CA) Tel. 070/985904 - Fax 070/985979 PROGETTO DEFINITIVO LAVORI DI: VALORIZZAZIONE DELLA REGGIA NURAGICA DI BARRU

Dettagli

Sensore infrarosso da incasso mod. IR8000 e IR8000B MANUALE TECNICO

Sensore infrarosso da incasso mod. IR8000 e IR8000B MANUALE TECNICO Sensore infrarosso da incasso mod. IR8000 e IR8000B MANUALE TECNICO AVVERTENZE PER L INSTALLATORE: Attenersi scrupolosamente alle normative vigenti sulla realizzazione di impianti elettrici e sistemi di

Dettagli

Antifurto CATALOGO. La sicurezza da professionisti AF04C. edizione 02/2004

Antifurto CATALOGO. La sicurezza da professionisti AF04C. edizione 02/2004 Antifurto La sicurezza da professionisti edizione 02/2004 CATALOGO AF04C MY HOME la sicurezza da professionisti Il nuovo antifurto BTicino è completo e professionale in tutte le sue funzioni: controllo,

Dettagli

DaiGate R I C E V I T O R E I N T E R F A C C I A R A D I O P E R S I S T E M I F I L A R I

DaiGate R I C E V I T O R E I N T E R F A C C I A R A D I O P E R S I S T E M I F I L A R I R I C E V I T O R E I N T E R F A C C I A R A D I O P E R S I S T E M I F I L A R I Versione 1 - In vigore da APRILE 2010 RICEVITORE INTERFACCIA RADIO PER SISTEMI FILARI comandare comandare Tastiere di

Dettagli

01 - CENTRALI ANTINCENDIO

01 - CENTRALI ANTINCENDIO 01 - CENTRALI ANTINCENDIO CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE 2 LOOP Centrale antincendio a microprocessore 2 zone non espandibile. Uscite programmabili: 2 uscite supervisionate per sirene, 2 uscite relè

Dettagli

Advanced security per una migliore qualità della vita

Advanced security per una migliore qualità della vita Advisor Advanced Safety Security Certainty Advanced security per una migliore qualità della vita Sicurezza e stile di vita Un sistema di sicurezza che offre più che sicurezza Ai giorni nostri, i sistemi

Dettagli

Per la vostra sicurezza, guardate al futuro

Per la vostra sicurezza, guardate al futuro Per la vostra sicurezza, guardate al futuro Un mondo tutto nuovo da HESA Tecnologia superiore in casa e nella v Come funziona il sistema di sicurezza NetworX La centrale NetworX utilizza una serie di rivelatori

Dettagli

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Riferimenti normativi

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Riferimenti normativi La NORMA CEI 79-3 per gli impianti di allarme e antintrusione I sistemi di sicurezza permettono la rilevazione e la segnalazione di situazioni anomale che potrebbero mettere a rischio la sicurezza di cose

Dettagli

CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA/CENTRI DI MONITORAGGIO E RICEZIONE ALLARMI

CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI DI TELESORVEGLIANZA/CENTRI DI MONITORAGGIO E RICEZIONE ALLARMI TABELLA 2 CHECK LIST CERTIFICAZIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE, CENTRALI ORGANIZZAZIONE: SITO DELLA CENTRALE DATA DELL AUDIT TIPO DI AUDIT VERIFICA VALUTATIVA FASE 2 VERIFICA SORVEGLIANZA 1 VERIFICA SORVEGLIANZA

Dettagli

Rilevatori lineari. Tecnica progettuale e di installazione ovvero La pratica della teoria

Rilevatori lineari. Tecnica progettuale e di installazione ovvero La pratica della teoria Rilevatori lineari Tecnica progettuale e di installazione ovvero La pratica della teoria Cosa prescrive la norma UNI 9795 Sistemi fissi automatici di rilevazione e di segnalazione allarme d incendio Progettazione,

Dettagli

PROMOZIONE D ALTRI MONDI 249, 00. 379, 00 754,00 Prezzo listino Prezzo netto installatore 349, 00 ANTINTRUSIONE ANTINTRUSIONE

PROMOZIONE D ALTRI MONDI 249, 00. 379, 00 754,00 Prezzo listino Prezzo netto installatore 349, 00 ANTINTRUSIONE ANTINTRUSIONE PROMOZIONE D ALTRI MONDI LA SICUREZZA PLANETARIA È PROROGATA FINO AL 15 DICEMBRE 2015. ANTINTRUSIONE VIDEOSORVEGLIANZA ANTINCENDIO PXKIT01 con PROXINET8 - IR COD. 64470070 Kit antintrusione filare composto

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano

COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano COMUNE DI BUSSERO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 30.11.2004 REGOLAMENTO PER

Dettagli

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati

Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Sistema di rilevamento integrato a lungo raggio Rilevamento a fibre ottiche e rete di comunicazione integrati Rilevamento interrato, su recinzione, su muri e su tubazioni Distanza fino a 50 km e punto

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà in ogni caso corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari

Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari Sistemi di Rivelazione Incendio Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari Fireray 50/100RV rivelatori di fumo lineari Area di monitoraggio estesa Trasmettitore, ricevitore e unità di valutazione integrati

Dettagli

Le novità della Norma CEI 64-8

Le novità della Norma CEI 64-8 Le novità della Norma CEI 64-8 Giuseppe Bosisio Comitato Elettrotecnico Italiano 1 Le novità della Norma CEI 64-8 -COME CAMBIA - Parte 1- Oggetto, scopo e principi - fondamentali - Parte 2 Definizioni

Dettagli

Non esiste bene più prezioso della serenità

Non esiste bene più prezioso della serenità SICUREZZA Non esiste bene più prezioso della serenità Acmei Sud S.p.A. innovazione nella distribuzione e commercializzazione di prodotti elettrici ed illuminotecnici. Presente da quaranta anni, oggi soddisfa

Dettagli

TIPOLOGIA PAGINA AUTOMAZIONE

TIPOLOGIA PAGINA AUTOMAZIONE TIPOLOGIA AUTOMAZIONE Presa intelligente GSM Sensori automazione porte CONTROLLO ACCESSI Controllo accessi Controllo accessi con memoria eventi ANTINTRUSIONE Centrali via cavo Ricevitori e periferiche

Dettagli

8.3. Sistemi di comunicazione e allerta

8.3. Sistemi di comunicazione e allerta 8.3. Sistemi di comunicazione e allerta È importante che l operatore sia in grado di comunicare con l utente e che tale comunicazione possa avere luogo in entrambe le direzioni: dall operatore verso l

Dettagli

i NOSTRI NUMERI VERDE Indirizzi e-mail: accademia@beghelli.it progetti@beghelli.it renato.frongillo@beghelli.it cell. 348 7130449

i NOSTRI NUMERI VERDE Indirizzi e-mail: accademia@beghelli.it progetti@beghelli.it renato.frongillo@beghelli.it cell. 348 7130449 i NOSTRI NUMERI VERDE Indirizzi e-mail: accademia@beghelli.it progetti@beghelli.it renato.frongillo@beghelli.it cell. 348 7130449 Catalogo STELLA POLARE LED Illuminazione/Emergenza ILLUMINAZIONE DI EMERGENZA

Dettagli

Rivelatori di movimento

Rivelatori di movimento Rivelatori di movimento We listened to you La tecnologia più avanzata, rende la scelta semplice Sia che si scelgano rivelatori ad Infrarossi Passivi (PIR), a Doppia tecnologia oppure a tecnologia Vettoriale,

Dettagli

1. FACILE FORMATI ANTI-INTRUSIONE VIDEOSORVEGLIANZA

1. FACILE FORMATI ANTI-INTRUSIONE VIDEOSORVEGLIANZA 1. FACILE FORMATI Facile si può trovare in tre diversi formati, a seconda delle diverse metrature che può coprire. FACILE SMALL: Centrale FACILE con GPRS integrato. Alloggiata in contenitore in ABS. Ideale

Dettagli

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona

Ministero dell Interno Dipartimento Vigili del Fuoco Soccorso Pubblico e Difesa Civile Comando Provinciale di Savona PROROGA APPLICAZIONE D.P.R. 151/11: D.L. 21 giugno 2013, n. 69. Disposizioni urgenti per il rilancio dell'economia. Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 giugno 2013, n. 144, S.O. Art. 38 Disposizioni in materia

Dettagli

RIVELATORE PER ESTERNI A DOPPIA TECNOLOGIA

RIVELATORE PER ESTERNI A DOPPIA TECNOLOGIA RIVELATORE PER ESTERNI A DOPPIA TECNOLOGIA RIVELATORE PER ESTERNI A DOPPIA TECNOLOGIA Duplex, il nuovo rivelatore a doppia tecnologia rappresenta la soluzione ideale per la protezione degli ambienti esterni,

Dettagli

BTicino s.p.a. Via Messina, 38 20154 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 199.145.145 www.bticino.it info.civ@bticino.it

BTicino s.p.a. Via Messina, 38 20154 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 199.145.145 www.bticino.it info.civ@bticino.it BTicino s.p.a. Via Messina, 8 054 Milano - Italia Call Center Servizio Clienti 99.45.45 www.bticino.it info.civ@bticino.it 6/0- SC PART. T54B Sistema antifurto Manuale di impiego INDICE IMPIANTO ANTIFURTO

Dettagli

L interruttore LED è su ON? Impostare su ON (vedi sezione 8.3) ------ Correggere i collegamenti. Chiamare assistenza tecnica

L interruttore LED è su ON? Impostare su ON (vedi sezione 8.3) ------ Correggere i collegamenti. Chiamare assistenza tecnica 10. CARATTERISTICHE E DIMENONI MODELLO Metodo di rilevazione Copertura Zone di rilevazione Sensibilità Velocità rilevabile Tensione Alimentazione Corrente assorbita Tempo allarme Uscite a relè Antiapertura

Dettagli

CENTRALE DI RIVELAZIONE "1" (EDIFICIO "B", PIASTRA)

CENTRALE DI RIVELAZIONE 1 (EDIFICIO B, PIASTRA) SISTEMA DI SUPERVISIONE ED APPARATI DI REGOLAZIONE - CARTA PUNTI RIVELAZIONE INCENDI DESCRIZIONE DI AI DO AO SERIALE LOTTO CENTRALE DI RIVELAZIONE "1" (EDIFICIO "B", PIASTRA) SALA CONFERENZE (LOOP 1) 2

Dettagli

BW052 BW104 BW154 BW204 BW254 Barriere wireless a raggi infrarossi per porte e finestre (0,5 1 1,5 2 2,5 m)

BW052 BW104 BW154 BW204 BW254 Barriere wireless a raggi infrarossi per porte e finestre (0,5 1 1,5 2 2,5 m) PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it BW052 BW104 BW154 BW204 BW254 Barriere

Dettagli

Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili.

Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili. Telecamere termiche di rete Axis. Rilevamento di alta qualità in ambienti oscuri e difficili. Tutto ciò che vi aspettate da una telecamera termica oltre alle normali funzionalità offerte da Axis. Proteggete

Dettagli

perimeter protection systems SERIE A03 SPC e SPR Nota Informativa SERIE A03, SPC, SPR - edizione Dicembre 2012 - v. 1.0.2

perimeter protection systems SERIE A03 SPC e SPR Nota Informativa SERIE A03, SPC, SPR - edizione Dicembre 2012 - v. 1.0.2 perimeter protection systems SERIE A03 SPC e SPR rivelatori d impatto per protezioni perimetrali interne Nota Informativa SERIE A03, SPC, SPR - edizione Dicembre 2012 - v. 1.0.2 Le protezioni perimetrali

Dettagli

CONTROLLO DEL TERRITORIO

CONTROLLO DEL TERRITORIO PROGETTO Nuvolento VIDEOSORVEGLIANZA e CONTROLLO DEL TERRITORIO Sicurezza Urbana Relazione Tecnica di gara Indice Introduzione:... 3 Analisi delle esigenze:... 4 Architettura generale:... 4 Localizzazione:...

Dettagli

Perimetrale Invisibile Interrato

Perimetrale Invisibile Interrato Perimetrale Invisibile Interrato Caratteristiche principali Il GPS, Ground Perimeter System, è la risposta ideale a qualsiasi esigenza di protezioni perimetrali esterne. Viene installato completamente

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIDEO SORVEGLIANZA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIDEO SORVEGLIANZA COMUNE DI BOVEZZO Provincia di Brescia POLIZIA LOCALE via Vitt. Veneto, 15 Tel. 030.2111222 Fax 030.2111254 Allegato alla delibera Consiglio Comunale n. 66 del 18/12/2006 f..to Dott. Elio Marletta REGOLAMENTO

Dettagli

Specifiche caratteristiche richieste

Specifiche caratteristiche richieste Specifiche caratteristiche richieste TERMINI DI CONSEGNA L immobile dovrà essere consegnato entro il 1/12/2013. Il canone di locazione verrà, in ogni caso, corrisposto a far data dal primo giorno del mese

Dettagli

Documento: Doc. M-413.1-B100-ITA. Edizione: 12/2004 Rev. : A.1. Rilevatore lineare di fumo B100. Manuale di installazione

Documento: Doc. M-413.1-B100-ITA. Edizione: 12/2004 Rev. : A.1. Rilevatore lineare di fumo B100. Manuale di installazione Documento: Doc. M-413.1-B100-ITA Edizione: 12/2004 Rev. : A.1 Rilevatore lineare di fumo Manuale di installazione B100 INDICE CARATTERISTICHE TECNICHE 1 1 - CABLAGGIO TRA TX, RX ED INTERFACCIA 1 2 - CONNESSIONI

Dettagli

IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS

IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS IMPIANTI DI RIVELAZIONE GAS ESEMPI DI INSTALLAZIONE Il presente documento è stato redatto con l obiettivo di fornire delle informazioni che possano aiutare l utente a comprendere le problematiche relative

Dettagli

PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO

PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO PERCHE SCEGLIERE QUESTO PRODOTTO CENTRALE ANTINCENDIO CONVENZIONALE CRS8 Pannello sinottico La centrale antincendio mod. CRS8, controllata a microprocessore, è stata progettata per alimentare e gestire

Dettagli

SBT SBT F T H E Q U A L I T Y O F...

SBT SBT F T H E Q U A L I T Y O F... SBT SBT F Barriere all infrarosso attivo a doppio raggio per protezioni perimetrali interne o esterne. Nella versione F, a frequenza selezionabile per installazioni multiple su colonna.» Barriera all infrarosso

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza COMUNE DI ESCOLCA PROVINCIA DI CAGLIARI via Dante n 2-08030 Escolca (CA) Tel.0782-808303 Fax 0782-808516 Partita I.V.A. 00814010914 Codice Fiscale 81000170910 Regolamento per l utilizzo degli impianti

Dettagli

GUARD, Centralina 2 Zone Rivelazione, 1 Zona Spegnimento

GUARD, Centralina 2 Zone Rivelazione, 1 Zona Spegnimento GUARD, Centralina 2 Zone Rivelazione, 1 Zona Spegnimento 701 Convenzionale a 2 Zone non espandibile, in grado di comandare un canale di spegnimento a gas (optional 701_1). Ciascuna linea permette il collegamento

Dettagli

Guida rapida alla selezione Periferiche LSN per sistemi di rivelazione incendio

Guida rapida alla selezione Periferiche LSN per sistemi di rivelazione incendio Local SecurityNetwork Cablaggio semplice di autoconfigurazione (modalità di apprendimento automatico) Programmazione di tutte le configurazioni del dispositivo dalla centrale Struttura di rete flessibile

Dettagli