SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO"

Transcript

1 SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA CITTADINO

2 IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA Premessa L impianto in oggetto è stato progettato con l obiettivo di garantire un adeguato controllo del territorio comunale basandosi sulla scelta, concordata con i responsabili dell Ufficio di Polizia Municipale, dei punti di controllo di maggior interesse. Il Comune di Maruggio con la vicina località turistica Campomarino, ha beneficiato di un finanziamento per la realizzazione del sistema di videosorveglianza cittadino il cui progetto è stato denominato Maruggio in safety e pertanto la complessità dell impianto, compatibilmente con le risorse finanziare disponibili, è risultata essere un compromesso tra qualità del sistema e degli apparati e scelta dei siti di controllo. Non essendoci preesistenti sistemi di videosorveglianza, a parte qualche apparato isolato ed ormai obsoleto o non funzionante, l impianto deve essere progettato ex-novo. Rete di connessione Di solito la scelta tecnica più ovvia, per interconnettere i siti di ripresa, è quella in fibra ottica essendo la più affidabile ed anche quella che permette una maggiore larghezza di banda che si traduce in una migliore qualità e fluidità delle immagini fornite dalle telecamere dislocate sul territorio. Non esistendo la possibilità di utilizzare tale sistema di comunicazione a causa degli alti costi di cablaggio, si è scelta la soluzione radio con tecnologia HIPERLAN (HIgh PErformance Radio LAN) che permette di collegare dispositivi dotati di porta ETHERNET (computer, telecamere, ecc.) in una rete IP virtuale con collegamenti a lunga distanza (decine di chilometri) come se fossero in rete locale. Apparati di ripresa Il progetto prevede l installazione di tre tipologie di telecamere: (FBG) Fisse o brandeggiabili ad alta definizione e corta focale (obiettivo grandangolare) per riprese in aree senza modifica dell inquadratura prestabilita. (PTZ) A focale variabile sempre ad alta definizione con possibilità di orientamento spaziale per riprese in aree con possibilità di modifica del punto di interesse da parte di un operatore nel centro di controllo del sistema. (FLT) Fisse ad altissima sensibilità e velocità di ripresa e focale lunga (teleobiettivo) per il riconoscimento delle targhe delle vetture transitanti per le principali vie di accesso al centro urbano. Tutte le telecamere dovranno essere di tipo IP (Internet Protocol), cioè totalmente digitali o trasformati in tali tramite opportuni encoder, ed essere in grado di collegarsi direttamente ad una rete informatica tramite presa di rete. Queste telecamere generano un segnale streaming video digitale già pronto per essere gestito attraverso computer. La gestione e la registrazione delle telecamere si effettuerà da PC con un apposito software in dotazione. Per limitare anche le complessità legate al cablaggio, ove possibile si utilizzeranno dispositivi che supportano la tecnologia PoE (Power of Ethernet) che permette di alimentare le apparecchiature utilizzando lo stesso cavo LAN che le collega alla rete dati Ethernet. Tale sistema è possibile solo se l apparato ha un limitato assorbimento di corrente, diversamente si useranno alimentatori dedicati.

3 Le telecamere fisse FBG saranno installate in modo stabile con riferimento al punto di ripresa prescelto. L orientamento iniziale sarà facilitato da un supporto a brandeggio che permetterà un agevole posizionamento. Si è scelto di utilizzare telecamere professionali ad alta definizione con una risoluzione minima di 720 punti a scansione progressiva che garantisce immagini più stabili rispetto a quella interlacciata. Il sensore da almeno 1,4 Megapixel, dovrà avere una sensibilità di almeno 0,5 lux e gestire automaticamente il guadagno nelle varie condizioni di luminosità ambientale. Pur essendo destinate a riprese fisse, l ottica dovrà essere a focale variabile per consentire una regolazione in fase di installazione per ottenere un ottimale angolo di ripresa. La velocità dell otturatore sarà regolabile automaticamente per consentire le riprese più nitide nelle varie condizioni di luminosità. Per consentire il trasferimento di immagini di qualità anche su reti con larghezza di banda limitata, la telecamera dovrà supportare il formato di compressione H.264 con un frame rate di almeno 30 fps alla risoluzione di 1280x720 punti. Le telecamere fisse, saranno installate in un involucro con grado di protezione IP66 per proteggerle sia dagli agenti atmosferici ma anche da eventuali atti vandalici. Poiché tali involucri sono dotati in genere di vetro anteriore, per evitare il formarsi di condensa davanti all obbiettivo, l involucro dovrà essere predisposto con un sistema di riscaldamento integrato. Nel caso di aree estese da sorvegliare rispetto al punto ripresa, si è scelto di utilizzare telecamere PTZ, che possono essere orientate dal centro di controllo tramite un apposito software. La regolazione prevede sia l orientamento rispetto al piano orizzontale (destra e sinistra: funzione Pan) che quella rispetto al piano verticale (su e giù: funzione Tilt). Con queste regolazioni, insieme alla funzione Zoom, è possibile inquadrare qualunque punto interessato nella zona di copertura. A livello prestazionale queste telecamere dovranno soddisfare le specifiche già indicate per quelle fisse riguardo alla risoluzione, la compressione H.264, ecc. Per quanto riguarda l involucro, le telecamere PTZ per esterni sono alloggiate in una custodia a cupola (Dome) che essendo in plexiglass non presenta problemi di condensa e non necessita di sistemi di riscaldamento integrato. Le telecamere per lettura targhe infine, devono avere caratteristiche specifiche per questo tipo di ripresa. Essendo destinate ovviamente all esterno, sono già predisposte in involucro stagno con grado di protezione elevato e non inferiore a IP66. La differenza sostanziale tra una telecamera ordinaria ed una per lettura targhe è legata alla presenza di un obbiettivo a lunghezza focale lunga (teleobbiettivo), con il quale si riesce ad inquadrare solo metà carreggiata e pertanto per sorvegliare una strada è necessario montare una coppia di queste apparecchiature affiancate. Altra differenza molto importante è la presenza di un sensore ad acquisizione di tipo Global Shutter con il quale l insieme dei pixel dell immagine vengono catturati istantaneamente, mentre con i sensori ordinari denominati Rolling Shutter i pixel vengono catturati in sequenza ed anche se ciò avviene abbastanza rapidamente, oggetti in movimento come le targhe delle vetture potrebbero non apparire nitidi. Sistemi di illuminazione Pur essendo le telecamere dotate di sensori a bassissima luminosità, per i punti di osservazione situati nelle zone periferiche, il progetto prevede la dotazione di un proiettore a LED ad attivazione automatica con lunghezza d onda di emissione nel campo dell infrarosso e che garantisca una adeguata illuminazione dell area per almeno metri. Questo riguarda ovviamente solo i siti in cui sono

4 presenti le telecamere fisse di contesto e non le PTZ che saranno invece installate in zone adeguatamente illuminate anche di notte. Molto importante è la posizione del proiettore quando sul palo di installazione oltre alla telecamera di contesto, esiste anche una coppia di telecamere per lettura targhe. Queste ultime infatti sono già dotate di un proprio illuminatore integrato che è in genere adattivo rispetto alle condizioni di luce presenti durante la ripresa. Per evitare che l illuminatore della telecamera di contesto disturbi le telecamere per la lettura targhe è opportuno montare gli apparati in modo diametralmente opposto come illustrato in figura. La presenza dell illuminatore montato anche ad una certa distanza dalla telecamera di contesto permette un ulteriore vantaggio. Infatti la luce all infrarosso, pur essendo invisibile all occhio umano, nei mesi estivi attrae inevitabilmente insetti e farfalle notturne, lasciando liberi così gli obiettivi delle telecamere da questi animali con indubbi vantaggi ai fini della nitidezza delle immagini. Punti di ripresa Con riferimento agli elaborati grafici allegati, sono stati individuati i siti indicati nella tabella seguente con le relative dotazioni di ripresa per un totale di 24 telecamere. UBICAZIONE FBG PTZ FLT A MUNICIPIO CENTRO DI CONTROLLO 2 B CIMITERO 1 2 C VIA ROMA 1 2 D VIA CROCIFISSO 2 E 1 PIAZZA SAN GIOVANNI 1 F PIAZZA DEL POPOLO 1 G SCUOLA ELEMENTARE 1 H SCUOLA MATERNA 1 I VIA PER MARE 3 L 1 STADIO COMUNALE 1 M VIA ARMANDO DIAZ 1 2 N TORRE DELLE MOLINE 1 N 1 VIA DANTE ALIGHIERI 2 TOTALE

5 A - Municipio La casa comunale è il sito in cui sarà ubicato il centro di controllo dove fluiranno tutti i dati di ripresa su un server di rete. Le telecamere saranno fissate alle pareti dell edificio ed inquadreranno l antistante Corso Vittorio Emanuele in entrambe le direzioni. Data la vicinanza al centro di controllo, queste saranno le uniche telecamere cablate direttamente attraverso cavo di rete. Essendo la via adeguatamente illuminata anche nelle ore notturne, non è prevista l installazione di un illuminatore. B Cimitero, C via Roma, M via Armando Diaz Questi punti di ripresa sono simili per apparati di installazione, cioè due telecamere lettura targhe orientate in uscita dal centro abitato, ed una telecamera di contesto con illuminatore orientata in entrata. Le postazione B controlla il transito di accesso al comune di Maruggio rispettivamente dalle s.p. 130 e 131 (Monacizzo e Torricella), la postazione C controlla quello dalla s.p. 136 (Manduria), mentre la postazione M controlla il traffico in transito sulla s.p. 122 litoranea verso Campomarino da San Pietro in Bevagna e viceversa. D via Crocifisso, H scuola materna, I via per Mare, N 1 via Dante Alighieri Queste postazioni sono dotate esclusivamente di telecamere di contesto (una in H, due in D ed N 1 e tre in I). Le strade in uscita da Maruggio verso Avetrana (D) e Campomarino (I), sono state ritenute più importanti a livello di controllo contestuale e non sono presenti dispositivi per la lettura delle targhe. La postazione di via Dante Alighieri (N 1 ) a Campomarino è particolarmente importante nei mesi estivi ed è, al contrario delle altre postazioni, mancante di illuminatore essendo la strada illuminata anche nelle ore notturne. In questa postazione la mancanza di dispositivi per la lettura targhe è giustificata in quanto le telecamere di contesto possono svolgere analoga funzione a causa del traffico veicolare presente nei mesi di interesse. E 1 - piazza San Giovanni, F - piazza del Popolo, G - scuola elementare, L 1 - stadio comunale, N - Torre delle Moline In queste postazioni, data la vastità dell area da controllare, saranno installate solo telecamere PTZ controllabili dal centro operativo. Connettività degli apparati HiperLAN è una tecnologia d accesso wireless a larga banda basata su standard ETSI con prestazioni simili al Wi-Fi per quanto riguarda la capacità di banda, ma nettamente superiori per quanto riguarda la copertura e la possibilità di realizzare reti cosiddette triple-play cioè capaci di integrare trasmissioni dati, voce e video. Questa tecnologia consente, a differenza del Wi-Fi, di raggiungere distanze superiori (fino a 20 Km) anche in presenza di ostacoli (NLoS). In Italia la legislazione vigente prevede per tali sistemi di trasmissione una potenza massima non superiore ad un Watt di potenza equivalente irradiata dall antenna isotropa (EiRP) che comunque è sufficiente per coprire distanze anche superiori a quelle citate pur di trovarsi in uno spazio libero da ostacoli. Grazie all OFDM (multiplexing a divisione di frequenza ortogonale), la connessione può sfruttare anche i cammini multipli generati da fenomeni di fading con un alta qualità di ricezione Il sistema di comunicazione HiperLAN è commercializzabile Italia liberamente in quanto utilizza il range di frequenze 5,470 5,725 GHz previsto dal Piano di Ripartizione delle Frequenze per applicazioni Radio Lan. In linea di principio la tecnologia HiperLAN consente di realizzare collegamenti Punto-Punto (PTP) e Punto-Multipunto (vedi figura).

6 Nella fattispecie la rete è stata strutturata in una configurazione a stella, dove i punti nodali coincidono anche con i punti di ripresa tranne nel caso della Torre Faro dello stadio comunale (punto L) che è l unica a non essere dotata di telecamere. Ai fini della verifica delle tratte radio, il territorio su cui sorgerà l impianto è essenzialmente pianeggiante. Tramite misurazioni con sistema GPS, per ogni punto di trasmissione e/o ricezione sono state rilevate le coordinate geografiche di latitudine e longitudine e quelle altimetriche in modo da poter scegliere adeguatamente i pali su cui montare i ponti radio. Negli elaborati grafici sono indicate le distanze e gli angoli di puntamento delle tratte relative, per agevolare l installatore nel montaggio ei ponti radio.

7 RILIEVO GPS LATITUDINE (gradi) LONGITUDINE (gradi) ELEVAZIONE (metri) A MUNICIPIO CENTRO DI CONTROLLO 40,323 17,570 27,49 B CIMITERO 40,324 17,564 29,13 C VIA ROMA 40,329 17,574 32,43 D VIA CROCIFISSO 40,323 17,575 27,16 E BIBLIOTECA 40,318 17,573 25,50 E 1 PIAZZA SAN GIOVANNI 40,318 17,573 25,23 F PIAZZA DEL POPOLO 40,322 17,572 27,29 G SCUOLA ELEMENTARE 40,318 17,571 30,64 H SCUOLA MATERNA 40,317 17,570 31,85 I VIA PER MARE 40,316 17,568 22,94 L TORRE FARO STADIO COMUNALE 40,314 17,571 17,70 L 1 STADIO COMUNALE 40,315 17,570 19,19 M VIA ARMANDO DIAZ 40,300 17,571 8,83 N TORRE DELLE MOLINE 40,299 17,564 6,69 N 1 VIA DANTE ALIGHIERI 40,299 17,564 8,23 Dalla tabella seguente, si evince come non vi siano apprezzabili dislivelli e pertanto la scelta del tipo di palo è stata vincolata solo dalla presenza di eventuali ostacoli lungo la tratta considerata. TRATTA DISTANZA (metri) DISLIVELLO (*) (metri) ANGOLO (gradi) ATTENUAZIONE DELLA TRATTA (db) ATTENUAZIONE TOTALE (db) POTENZA IN RICEZIONE (**) (dbm) GUADAGNO ANTENNA (db) N 1 - N 41,35-1,54-2,13 79,7 99,7-35,7 17 N - M 611,3 2,14 0,20 103,1 128,9-64,9 17 M - L 1586,5 8,87 0,32 111,4 139,3-75,3 17 I - L 323,5-5,24-0,93 97,6 122,0-58,0 17 L 1 L 146,2-1,49-0,58 90,7 113,4-49,4 17 H L 334,8-14,15-0,04 97,9 122,4-48,4 20 L G 415,5 12,94 1,78 99,8 124,7-60,7 17 G A 546,2-3,15-0,33 102,1 127,7-63,7 17 D E 214,9-1,66-0,44 94,0 117,6-53,6 17 E 1 E 21,2 0,27 0,73 73,9 92,4-28,4 17 E A 330,4 1,99 0,35 97,8 122,2-58,2 17 F A 151,8 0,20 0,08 91,0 113,8-49,8 17 C A 580,7-4,94-0,49 102,7 128,3-64,3 17 B A 535,2-1,64-0,18 102,0 127,5-63,5 17 (*) VALORI A TERRA (**) CALCOLATA CON UNA POTENZA IN TRASMISSIONE PARI A 30dBm

8 La tabella indica anche l attenuazione lungo la tratta e la potenza sul ricevitore in base al guadagno dell antenna prescelta per il ponte radio. Tale valore è stato determinato ipotizzando la massima potenza di trasmissione consentita dalle norme (30dBm = 1 W) e che comunque il sistema autoregolerà sulla base della qualità del collegamento; lo standard ETSI HiperLAN è in partica uguale a IEEE a ma con qualche limitazione addizionale obbligatoria come il TCP (Transmitter Power Control), cioè la capacità dell apparato Hiperlan di modificare istantaneamente la sua potenza di trasmissione in funzione di diversi fattori. In altre parole gli apparati usano solo la potenza necessaria a portare a buon fine la trasmissione. Quindi se i due apparati sono vicini tra loro, la potenza sarà di soli pochi mw, mentre se sono lontani, si può arrivare anche a 1W ovvero 30dBm +/- 3dB. Per il calcolo dell attenuazione lungo le tratte, si è fatto ricorso alla nota espressione: dove d è la distanza e è la lunghezza d onda, data dal rapporto tra la velocità di propagazione e la frequenza di trasmissione f. Dato che la frequenza di trasmissione è pari a 5,6 GHz (valore medio della banda HiperLAN), la relazione precedente può essere scritta: Se la lunghezza della tratta viene fornita in chilometri, si ottiene: che può essere semplificata, separando il termine costante da quello variabile: Si ottiene in definitiva: che fornisce direttamente il valore in decibel dell attenuazione nello spazio libero alla frequenza media di 5,6 GHz nota la distanza della tratta in chilometri.

9 L attenuazione totale è stata calcolata con un aumento del 25% sul valore teorico per tener conto di tutte le perdite dei collegamenti. Tale ipotesi è giustificata in quanto nessuna tratta presenta particolari criticità. I sistemi di trasmissione dei segnali tra le varie postazioni e la sala di controllo, sono stati dimensionati in base al numero dei canali video che devono attraversare le diverse tratte radio. Per ottenere immagini fluide è stata assegnata ad ogni tratta radio una banda non inferiore a 5 Mbps per ogni segnale video La tabella che segue riassume, quindi, il calcolo della banda necessaria per ciascuna tratta, calcolata sulla base della topologia della rete radio indicata nella figura precedente TRATTA DISPOSITIVI DI RIPRESA THROUGHPUT (Mbps) DATA RATE MAX (Mbps) N 1 - N N - M M - L I - L L 1 L H L L G (*) 2x300 G A (*) 2x300 D E E 1 E E A F A C A B A (*) RIPARTITA SU DUE PONTI RADIO La tabella mostra un apparente sovradimensionamento, in realtà ponti radio forniscono il massimo data rate solo con la minima attenuazione ed inoltre la maggiore capacità in relazione alle apparecchiature installate, permetterà in futuro integrare ed espandere il sistema in base a nuove esigenze senza aggravio di costi. Sicurezza e privacy Per gli impianti di videosorveglianza in ambito comunale, recentemente il Ministero degli Interni ha emanato un direttiva (Documento Tecnico) al quale i nuovi impianti devono adeguarsi. Tale direttiva si è resa necessaria in quanto in passato la scelta prestazionale dei sistemi di videosorveglianza era lasciata a libero arbitrio delle amministrazioni comunali e in taluni casi, l utilizzazione, talora impropria e non sempre funzionale di tali sistemi, ha generato diseconomie a causa di un inappropriato investimento di risorse pubbliche da parte degli Enti locali e da una non costante corrispondenza alle

10 effettive esigenze di sicurezza del territorio, con riguardo anche alla scelta delle soluzioni tecnologiche adottate. Scopo del Documento Tecnico è quello di definire le linee guida per consentire il trasferimento delle immagini rilevate da un generico impianto di videosorveglianza ad un sistema di storage per la memorizzazione delle stesse per motivi di sicurezza e vengono individuate le caratteristiche di riferimento per i nuovi impianti di videosorveglianza cittadina. Riportiamo le caratteristiche indicate nel Documento. Telecamere di contesto Le telecamere di contesto, fisse, dovranno essere tali da permettere una visione quanto più ampia dell area di ripresa. Le caratteristiche tecniche degli apparati di ripresa dovranno essere rispondenti alle caratteristiche minime di seguito descritte: telecamera IP nativa, aggiornabile via IP; ottica fissa intercambiabile o varifocal, da individuare in funzione delle esigenze operative con angolo di ripresa indicativo compreso tra 20 e 120 ; tecnologia del sistema di ripresa mediante sensore di tipo CMOS o CCD a colori; sensibilità del complesso di ripresa almeno 0,5 Lux in modalità colore (day) e almeno 0,05 Lux in modalità B/N (night) misurati a 50 IRE; risoluzione minima del sensore: full HD (1920xl080); caratteristiche minime del flusso video: 1.3 megapixel (1280xl024) e non inferiore 9 fps; modalità di funzionamento di tipo "day&night" con commutazione automatica; algoritmo di compressione dei flussi video: Motion JPEG, H264 e sue evoluzioni; algoritmo di trasporto dei flussi video: RTSP; Funzionalità di Activity Detector incorporate; Client NTP; n l ingresso d allarme a bordo camera; n l uscita; controllo del guadagno, white balance: automatici e regolabili via software; compensazione del controluce di tipo automatico; Possibilità di alloggiare software di analisi video direttamente sulla camera; alimentazione: in bassa tensione con valore non superiore ai 48 Vac, PoE classe 3); Allarme antimanomissione, al minimo è richiesta la gestione dei seguenti allarmi: - apertura custodia; - perdita del segnale video; - offuscamento telecamera; - modifica dell inquadratura (spostamento della telecamera) condizioni di esercizio: sarà cura della ditta individuare la tipologia di custodia per la singola telecamera in funzione delle condizioni climatiche minime e massime (temperatura, umidità) del luogo di installazione in modo che sia garantito il corretto funzionamento per tutto l arco dell anno e comunque in un intervallo non inferiore a (-10 ;+45 ) e umidità (20%;80%); grado di protezione della custodia: l apparato deve essere protetto dagli agenti atmosferici quali pioggia, salsedine, polveri tipiche del luogo di installazione garantendo così il livello massimo di funzionamento e comunque non inferiore a IP65, eccetto nei casi estremi in cui si richieda una tenuta stagna per cui il valore va esteso a IP66; Fornitura SDK per sviluppo terze parti.

11 Telecamere di osservazione Le telecamere dovranno essere brandeggiabili, dovranno assicurare la completa visione a 360 sul piano orizzontale, e 180 sul piano verticale e non dovranno consentire ad un osservatore esterno di individuare l area inquadrata. Le caratteristiche tecniche degli apparati di ripresa dovranno essere rispondenti alle caratteristiche minime di seguito descritte: telecamera IP nativa, aggiornabile via IP; telecamera a colori di tipo "DAY/NIGHT"; matrice attiva del sensore con numero di pixel non inferiore 704 x576 (4CIF); frame rate non inferiore a 15fps; sensibilità del complesso di ripresa almeno 0,5 Lux in modalità colore (day) e almeno 0,05 Lux in modalità B/N (night) misurati a 50 IRE; obiettivo autofocus con zoom (minimo 25X ottico con minimo F.l.8, auto iris); algoritmo di compressione dei flussi video: Motion JPEG, H264 e sue evoluzioni; algoritmo di trasporto dei flussi video: RTSP; brandeggio a velocità variabile orizzontale di tipo endless e verticale controllabile da remoto; PTZ meccanico; Funzionalità di Activity Detector incorporate; Client NTP; n 16 Posizioni angolari preselezionabili (Preset); n 8 Sequenze di Preset (Tour); n l ingressi d allarme a bordo camera; almeno n l uscita d allarme a bordo camera; n 8 Zone di esclusione (Privacy Mask). Pattugliamento automatico; alimentazione: in bassa tensione con valore non superiore ai 48 Vac, oppure PoE classe 3); condizioni di esercizio: sarà cura della ditta individuare la tipologia di custodia per la singola telecamera in funzione delle condizioni climatiche minime e massime (temperatura, umidità) del luogo di installazione in modo che sia garantito il corretto funzionamento per tutto l arco dell anno e comunque in un intervallo non inferiore a (-10 ;+45 ) e umidità (20%;80%); grado di protezione della custodia: l apparato deve essere protetto dagli agenti atmosferici quali pioggia, salsedine, polveri tipiche del luogo di installazione garantendo così il livello massimo di funzionamento e comunque non inferiore a IP65, eccetto nei casi estremi in cui si richieda una tenuta stagna per cui il valore va esteso a IP66; Fornitura SDK per sviluppo terze parti. Architettura di rete Il sistema di video sorveglianza si dovrà basare su un architettura di rete IP che permette la connessione tra gli apparati di campo e le sale apparati/sale controllo. In funzione dei mezzi trasmissivi da utilizzare (ad es. fibra ottica, apparati wireless) le scelte architetturali dovranno rispettare in ogni caso i requisiti di seguito riportati: Capacità di banda necessaria al trasferimento delle immagini in funzione delle caratteristiche delle telecamere e della topologia della rete di trasporto. Crittografia dei flussi video in accordo a quanto richiesto al paragrafo comma f) dal Provvedimento in Materia di Videosorveglianza del 08/04/10 del Garante per la Privacy (utilizzo di reti pubbliche e connessioni wireless); Affidabilità;

12 Eventuale ridondanza. Videoserver I videoserver devono essere in grado di acquisire, in contemporanea, tutti i flussi provenienti dalle telecamere, che vengono convogliati nel sistema rispettando i seguenti requisiti: Gestione camere di differenti produttori, piattaforma aperta. Live View fino a 30 o più FPS; Gestione dei flussi video con algoritmo di compressione MJPEG/MPEG4/H264; Funzionalità di NVR; Esportazione file archiviati con crittografia; Gestione PTZ Patrolling; Funzionalità di WEB Client; Funzionalità di Mobile Client; Gestione Mappe; Integrazione con video analisi; Controllo I/O ed eventi, Sistemi Operativi di ultima generazione (piattaforme a 64 bit); Supporto multi stream per camera; Video Motion Detection (VMD) integrato con gestione zone di esclusione; Supporto canali audio Full-Duplex; Preset Positions per camera; Gestione Preset su Evento; Preset Patrolling; Privacy masking; Ricerca automatica ed auto riconoscimento delle telecamere; Export e import di configurazioni; Gestione e esportazione di archivi storici contenenti tutte le informazioni relative agli eventi di stato del sistema e le operazioni compiute dagli addetti (file di log) Fornitura di SDK per sviluppo applicazioni di terze parti. I video server devono prevedere un alimentazione ridondata. Sistema di Registrazione Il sistema di registrazione e conservazione dei filmati, anche nell ottica delle finalità d impiego da parte dell Autorità Giudiziaria, deve consentire: l archiviazione schedulabile con Playback; la capacità di registrazione per singola camera con gestione del pre e post allarme; la memorizzazione delle immagini provenienti da tutte le telecamere al massimo framerate possibile; l archiviazione di flussi con algoritmo di compressione MJPEG/MPEG4/H264; la registrazione delle immagini deve avvenire in forma cifrata per garantirne la riservatezza e l integrità; l esportabilità (da locale o da remoto) dei filmati con corredo di specifico visualizzatore per la decifratura e verifica dell integrità degli stessi; la capacità di storage deve essere dimensionata per la registrazione contemporanea di tutte le telecamere al massimo frame rate consentito dalle stesse e/o dalla connettività, per un periodo di almeno 7 gg di 24h

13 Centrale operativa La centrale operativa è il luogo fisico, sicuro e non accessibile se non a personale autorizzato, dove è presente la postazione di monitoraggio per la gestione e registrazione delle immagini e dove sono centralizzate tutte le segnalazioni video e dati. Sarà ubicata presso locali a piano terra del Municipio e sarà suddivisa in due locali dei quali uno destinato al server per l archiviazione dei dati e l altro destinato al centro di controllo vero e proprio dove sarà possibile visionare la situazione in tempo reale. Il server dovrà essere in grado di memorizzare una notevole quantità di informazioni per un certo tempo in modo da permettere un analisi a posteriori dei filmati per un intervallo adeguato prima della loro cancellazione. Il Documento Tecnico succitato dispone che le immagini fornite dalle telecamere devono essere registrate con il massimo frame rate consentito per 24 ore al giorno per 7 giorni consecutivi prima di essere cancellate. Non è facile prevedere quanta memoria sia necessaria in quanto la codifica H.264 o MPEG 4 è di tipo compresso e la dimensione dei file di registrazione dipendono oltre che dalla risoluzione e dal frame rate, anche dalla complessità della scena. Immagini statiche, come le riprese notturne su strade periferiche, richiedono poca memoria; strade affollate o piazze con molti oggetti in movimento, occupano una maggiore quantità di memoria. Tuttavia si può ipotizzare che un video in formato H.264 abbia bisogno mediamente di circa 1,5 GB per ogni ora di registrazione, pertanto avremo in totale: Quindi il server dovrà essere dotato di hard disk per complessivi 6 TB oltre allo spazio necessario per il sistema operativo e per il software di gestione ai quali sarà dedicato apposito supporto di memorizzazione. Oltre al server di memorizzazione, nella sala di controllo sarà installato un personal computer per la visione ed il monitoraggio del sistema. Il computer, di ultima generazione, sarà dotato di scheda video ad alta risoluzione e doppia uscita VGA e/o HDMI per pilotare due monitor LCD da 32 minimo. I due monitor sono indispensabili dato l alto numero di filmati da visualizzare contemporaneamente. Software di gestione Caratteristiche generali Il software di gestione deve essere in grado di gestire tutte le telecamere installate e permettere anche un eventuale ampliamento almeno in misura doppia dell esistente. Fra le altre caratteristiche deve avere una architettura aperta per essere in grado di interfacciarsi con altri software specifici prodotti da terze parti. L interfaccia di amministrazione deve essere sufficientemente intuitiva e deve contenere routine che facilitano tutte le operazioni di configurazione senza richiedere personale altamente specializzato. Dal lato server, il software deve registrare segnali video e audio in half duplex, deve ricevere eventi tipo allarme e attivare azioni consequenziali e gestire gli accessi di tutti i client in base ai privilegi concessi. Dal lato client deve permettere agli operatori tutte le operazioni giornaliere da effettuare sul sistema di videosorveglianza, come la visualizzazione delle immagini in Live e delle registrazioni su monitor multipli. Deve infine implementare funzioni di client remoto per la gestione via Internet tramite PC remoto o sistemi mobili come smartphone o tablet.

14 Dettagli tecnici Soluzione single server su singolo sito: registrazione illimitata di immagini video da telecamere IP, encoder video IP e DVR selezionati con telecamere analogiche. Gestione delle registrazioni ottimizzata Compatibilità con le periferiche video Supporta tutte le 23 telecamere sul server in registrazione continua o attivate da movimento o evento. Network e storage ottimizzati: larghezza di banda ottimizzata, multi-streaming, e metodi di compressione MPEG4 e H.264 Compatibilità con gli standard ONVIF e PSIA. Built-in Video Motion Detection indipendente dal modello di telecamera. Joystick virtuale per le telecamere PTZ. Amministrazione Menù guidati per la configurazione di sistema Individuazione automatica dei dispositivi IP e ricerca veloce utilizzando metodi come Universal Plug and Play, broadcast e scansione IP Range. Privacy masking disponibile via software per tutte le telecamere Dual Streaming per le telecamere che supportano queste funzionalità Motion Detection Attivazione licenze semplificata Installazione ed aggiornamenti automatici Per le specifiche tecniche dettagliate si faccia riferimento al disciplinare descrittivo degli impianti.

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme.

Guida. Vista Live. Controllo. Riproduzione su 24 ore. Ricerca avanz. Le icone includono: Mod. uscita. Icona. Un sensore di allarme. Guida operatore del registratore TruVision Vista Live Sull immagine live dello schermo vengono visualizzati laa data e l ora corrente, il nome della telecamera e viene indicato se è in corso la registrazione.

Dettagli

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP

DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intel igente per control are i punti vendita: sorveglianza IP DOCUMENTO TECNICO Un sistema più intelligente per controllare i punti vendita: sorveglianza IP Guida descrittiva dei vantaggi dei sistemi di gestione e di sorveglianza IP per i responsabili dei punti vendita

Dettagli

Guida tecnica alla tecnologia video di rete.

Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Guida tecnica alla tecnologia video di rete. Tecnologie e fattori da valutare per sviluppare con successo applicazioni di sorveglianza E di monitoraggio remoto basate su IP. 2 Guida tecnica di Axis alla

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation

Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Caratteristiche raccomandate del Network in un progetto di Home Automation Uno degli aspetti progettuali più importanti di un sistema Control4 è la rete. Una rete mal progettata, in molti casi, si tradurrà

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Modello OSI e architettura TCP/IP

Modello OSI e architettura TCP/IP Modello OSI e architettura TCP/IP Differenza tra modello e architettura - Modello: è puramente teorico, definisce relazioni e caratteristiche dei livelli ma non i protocolli effettivi - Architettura: è

Dettagli

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd.

ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. ivms-4200 Client Software Manuale Utente Hangzhou Hikvision Digital Technology Co., Ltd. Manuale utente del Client software ivms-4200 Informazioni Le informazioni contenute in questo documento sono soggette

Dettagli

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS

TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS www.gmshopping.it TELECAMERA SUBACQUEA MINI DV RD31 DIVERS MANUALE UTENTE Questo documento è di proprietà di Ciro Fusco ( Cfu 2010 ) e protetto dalle leggi italiane sul diritto d autore (L. 633 del 22/04/1941

Dettagli

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas. www.pro.sony.

Caratteristiche. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4 e software di editing Vegas. www.pro.sony. Camcorder Full HD 3D/2D compatto con sensori CMOS Exmor R da 1/4" e software di editing Vegas Pro* Operazioni versatili per registrazioni Full HD 3D e 2D professionali HXR-NX3D1E è un camcorder professionale

Dettagli

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer:

Cos è un protocollo? Ciao. Ciao 2:00. <file> tempo. Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Cos è un protocollo? Un protocollo umano e un protocollo di reti di computer: Ciao Ciao Hai l ora? 2:00 tempo TCP connection request TCP connection reply. Get http://www.di.unito.it/index.htm Domanda:

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

Bus di sistema. Bus di sistema

Bus di sistema. Bus di sistema Bus di sistema Permette la comunicazione (scambio di dati) tra i diversi dispositivi che costituiscono il calcolatore E costituito da un insieme di fili metallici che danno luogo ad un collegamento aperto

Dettagli

Lezione 12: La visione robotica

Lezione 12: La visione robotica Robotica Robot Industriali e di Servizio Lezione 12: La visione robotica L'acquisizione dell'immagine L acquisizione dell immagine Sensori a tubo elettronico (Image-Orthicon, Plumbicon, Vidicon, ecc.)

Dettagli

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis

Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis Descrizione Generale Manuale tecnico Stazione Meteo Eolo Davis EOLO DAVIS rappresenta una soluzione wireless di stazione meteorologica, basata su sensoristica Davis Instruments, con possibilità di mettere

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule.

I db, cosa sono e come si usano. Vediamo di chiarire le formule. I db, cosa sono e come si usano. Il decibel è semplicemente una definizione; che la sua formulazione è arbitraria o, meglio, è definita per comodità e convenienza. La convenienza deriva dall osservazione

Dettagli

Access point wireless Cisco Small Business serie 500

Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Scheda tecnica Access point wireless Cisco Small Business serie 500 Connettività Wireless-N, prestazioni elevate, implementazione semplice e affidabilità di livello aziendale Caratteristiche principali

Dettagli

Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni

Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni Scheda tecnica Telecamere di rete AXIS Q1765-LE Telecamere ricche di funzionalità integrate, in formato bullet e pronte per l'utilizzo in ambienti esterni > Zoom 18x e messa a fuoco automatica > OptimizedIR

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno.

UPPLEVA. 5 anni di GARANZIA. Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. UPPLEVA Soluzioni integrate di mobili, smart TV e sistema audio. Tutto in uno. 5 anni di GARANZIA INCLUSA NEL PREZZO I televisori, i sistemi audio e gli occhiali 3D UPPLEVA sono garantiti 5 anni. Per saperne

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE

idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE idee per essere migliori SISTEMA ANTINTRUSIONE UN SISTEMA INTEGRATO COMUNICAZIONE VERSO L ESTERNO Istituti di vigilanza Invio allarmi con protocollo CONTACT ID Comunicatore PSTN Espansione GSM Telefono

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof.

Trasmissione Seriale e Parallela. Interfacce di Comunicazione. Esempio di Decodifica del Segnale. Ricezione e Decodifica. Prof. Interfacce di Comunicazione Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica I semestre 03/04 Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ 2 Trasmissione

Dettagli

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad

DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad DVR Icatch serie X11 e X11Z iwatchdvr applicazione per iphone /ipad Attraverso questo applicativo è possibile visualizzare tutti gli ingressi del DVR attraverso il cellulare. Per poter visionare le immagini

Dettagli

spessore m n elem. U.M. peso quantità / U.M. importo Operario qualificato h 5 24,72 123,6 Operario comune h 5 22,32 111,6

spessore m n elem. U.M. peso quantità / U.M. importo Operario qualificato h 5 24,72 123,6 Operario comune h 5 22,32 111,6 Analisi N 1-Speed Doe FullHD (1920x1080), zoo ottico 30x, 5 pollici installazione di tipo pendant da esterno IP66, sensore CMOS 1/2.8 Progressive Scan di tipo Day&Night con filtro IR eccanico, WDR digitale,

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA RAPIDA ALL INSTALLAZIONE Sommario DECODER CUBOVISION 1 TELECOMANDO 3 COLLEGAMENTO ALLA TV 4 COLLEGAMENTO A INTERNET 6 COLLEGAMENTO ANTENNA 8 COLLEGAMENTO ALLA RETE ELETTRICA 9 COLLEGAMENTO AUDIO

Dettagli

Dispositivi di comunicazione

Dispositivi di comunicazione Dispositivi di comunicazione Dati, messaggi, informazioni su vettori multipli: Telefono, GSM, Rete, Stampante. Le comunicazioni Axitel-X I dispositivi di comunicazione servono alla centrale per inviare

Dettagli

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com

DEFENDER HYBRID. Sistema antintrusione ibrido wireless e filare. fracarro.com DEFENDER HYBRID Sistema antintrusione ibrido wireless e filare Il sistema Un sistema completamente nuovo e flessibile Impianto filare o wireless? Da oggi Defender Hybrid Defender Hybrid rivoluziona il modo

Dettagli

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE

Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE Allegato 8 MISURE MINIME ED IDONEE SOMMARIO 1 POLITICHE DELLA SICUREZZA INFORMATICA...3 2 ORGANIZZAZIONE PER LA SICUREZZA...3 3 SICUREZZA DEL PERSONALE...3 4 SICUREZZA MATERIALE E AMBIENTALE...4 5 GESTIONE

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode

Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Aggiornamento del firmware per iphone con connettore Lightning compatibile con AppRadio Mode Istruzioni sull aggiornamento per i modelli di navigazione: AVIC-F40BT, AVIC-F940BT, AVIC-F840BT e AVIC-F8430BT

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro

Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Soluzioni multifunzionali, ideali per gestire ogni flusso di lavoro Sistemi digitali per l ufficio sempre più efficienti e facili da usare Ottenere massima efficienza ed elevata professionalità, pur mantenendo

Dettagli

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare.

Kit Domotici fai-da-te integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. Per una casa più comoda, cura e intelligente, con un solo clic. Kit Domotici faidate integrabili fra di loro, semplici da installare e da utilizzare. www.easydo.it videosorveglianza, controllo carichi

Dettagli

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1

Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Presentazione del prodotto Easy-TO versione 5.1 Easy-TO è il software professionale per il Tour Operator moderno. Progettato e distribuito in Italia e all estero da Travel Software srl (Milano), un partner

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi

Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi rapporti tecnici 2008 Misura dell esposizione ai campi elettromagnetici prodotti da sistemi Wi-Fi Giuseppe Anania Sezione provinciale Bologna Campi elettromagnetici INDICE 1. INTRODUZIONE...3 2. LO STANDARD

Dettagli

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese.

Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione per le piccole e medie imprese. Sistema di telecomunicazione Promelit ipecs MG. Descrizione del Sistema: L azienda di oggi deve saper anche essere estesa : non confinata in

Dettagli

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA

CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA CATTURARE LO SCHERMO INTERO O LA FINESTRA ATTIVA Supponiamo di voler eseguire una istantanea del nostro desktop, quella che in gergo si chiama Screenshot (da screen, schermo, e shot, scatto fotografico).

Dettagli

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete.

Dal punto di vista organizzativo sono possibili due soluzioni per il sistema di rete. Premessa. La traccia di questo anno integra richieste che possono essere ricondotte a due tipi di prove, informatica sistemi, senza lasciare spazio ad opzioni facoltative. Alcuni quesiti vanno oltre le

Dettagli

ACCENDIAMO IL RISPARMIO

ACCENDIAMO IL RISPARMIO ACCENDIAMO IL RISPARMIO PUBBLICA ILLUMINAZIONE PER LA SMART CITY Ing. Paolo Di Lecce Tesoriere AIDI Amministratore Delegato Reverberi Enetec srl LA MISSION DI REVERBERI Reverberi Enetec è una trentennale

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software.

Firewall. Generalità. Un firewall può essere sia un apparato hardware sia un programma software. Generalità Definizione Un firewall è un sistema che protegge i computer connessi in rete da attacchi intenzionali mirati a compromettere il funzionamento del sistema, alterare i dati ivi memorizzati, accedere

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO

Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO Il manuale dell utente può essere scaricato dal sito gopro.com/support GUIDA DI RIFERIMENTO RAPIDO / Benvenuto Quando si utilizza la videocamera GoPro nell ambito delle normali attività quotidiane, prestare

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone

Mod. 4: L architettura TCP/ IP Classe 5 I ITIS G. Ferraris a.s. 2011 / 2012 Marcianise (CE) Prof. M. Simone Paragrafo 1 Prerequisiti Definizione di applicazione server Essa è un servizio che è in esecuzione su un server 1 al fine di essere disponibile per tutti gli host che lo richiedono. Esempi sono: il servizio

Dettagli

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20

Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 www.pce-italia.it Istruzioni d uso Stazione Meteorologica PCE-FWS 20 1 Istruzioni d uso www.pce-italia.it Indice dei contenuti Titolo 1. Visione generale... 3 2. Contenuto della spedizione... 3 3. Informazione

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale

TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO. Sistema di controllo centrale IMMS 3.0 TURBINE MP ROTATOR STATICI VALVOLE PROGRAMMATORI SENSORI SISTEMI CENTRALIZZATI MICRO Sistema di controllo centrale Aprite la finestra sul vostro mondo Il software di monitoraggio e gestione dell

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN

Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Formazione VPN Introduzione alla VPN del progetto Sa.Sol Desk Sommario Premessa Definizione di VPN Rete Privata Virtuale VPN nel progetto Sa.Sol Desk Configurazione Esempi guidati Scenari futuri Premessa Tante Associazioni

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza?

Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Anche tu utilizzi lastre (X-Ray Film) in Chemiluminescenza? Con ALLIANCE Uvitec di Eppendorf Italia risparmi tempo e materiale di consumo, ottieni immagini quantificabili e ci guadagni anche in salute.

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE

Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE Energy Studio Manager Manuale Utente USO DEL SOFTWARE 1 ANALYSIS.EXE IL PROGRAMMA: Una volta aperto il programma e visualizzato uno strumento il programma apparirà come nell esempio seguente: Il programma

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente

Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Garmin Dash Cam 10/20 Manuale Utente Dicembre 2013 190-01711-31_0A Stampato a Taiwan Tutti i diritti riservati. Ai sensi delle norme sul copyright, non è consentito copiare integralmente o parzialmente

Dettagli

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web

CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web CWS32-H01 Soluzione Software Professionale per Monitoraggio & Telecontrollo Web Attenzione!! Rif. Rev. 2.2 www.cws32.it Questa presentazione non sostituisce il manuale operativo del prodotto, in quanto

Dettagli

Manuale dell utente di TruVision NVR 10

Manuale dell utente di TruVision NVR 10 Manuale dell utente di TruVision NVR 10 P/N 1072766C-EN REV 1.0 ISS 15OCT14 Copyright Marchi commerciali e brevetti Produttore Conformità alle norme FCC Canada Conformità ACMA Certificazione Direttive

Dettagli

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino

Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino TITOLO ESPERIENZA: Controllare un nastro trasportatore fischertechnik con Arduino PRODOTTI UTILIZZATI: OBIETTIVO: AUTORE: RINGRAZIAMENTI: Interfacciare e controllare un modello di nastro trasportatore

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

Telefono Sirio lassico

Telefono Sirio lassico GUIDA USO Telefono Sirio lassico 46755H Aprile 2013 3 Indice INTRODUZIONE...1 CARATTERISTICHE TECNICHE E FUNZIONALI...1 CONTENUTO DELLA CONFEZIONE...1 INSTALLAZIONE...2 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO...3

Dettagli

12.5 UDP (User Datagram Protocol)

12.5 UDP (User Datagram Protocol) CAPITOLO 12. SUITE DI PROTOCOLLI TCP/IP 88 12.5 UDP (User Datagram Protocol) L UDP (User Datagram Protocol) é uno dei due protocolli del livello di trasporto. Come l IP, é un protocollo inaffidabile, che

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

Le funzioni di una rete (parte 1)

Le funzioni di una rete (parte 1) Marco Listanti Le funzioni di una rete (parte 1) Copertura cellulare e funzioni i di base di una rete mobile Strategia cellulare Lo sviluppo delle comunicazioni mobili è stato per lungo tempo frenato da

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

Guida alle impostazioni generali

Guida alle impostazioni generali Istruzioni per l uso Guida alle impostazioni generali 1 2 3 4 5 6 7 8 9 Collegamento della macchina Impostazioni di sistema Impostazioni Copiatrice/Document server Impostazioni fax Impostazioni Stampante

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE...

GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... GUIDA ALLE RETI INDICE 1 BENVENUTI... 4 2 GLI ELEMENTI BASE PER LA CREAZIONE DI UNA RETE... 5 2.1 COMPONENTI BASE DELLA RETE... 5 2.2 TOPOLOGIA ETHERNET... 6 2.2.1 Tabella riassuntiva... 7 2.3 CLIENT E

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

Manuale d Uso. Ref: 04061

Manuale d Uso. Ref: 04061 Manuale d Uso Ref: 04061 1 Grazie per aver acquistato il lettore digitale ENERGY SISTEM INNGENIO 2000. Questo manuale fornisce istruzioni operative dettagliate e spiegazioni delle funzioni per godere al

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione

E-VISION Tempo. Timer luci a microprocessore. Manuale d uso e installazione E-VISION Tempo Timer luci a microprocessore Manuale d uso e installazione ELOS E-VISION - Tempo Controllo Luci Acquario a Microprocessore. 1. Semplice da programmare 2. Gestisce sia lampade a led sia lampade

Dettagli

Manuale del Binocolo con registrazione digitale DEV-30/50/50V

Manuale del Binocolo con registrazione digitale DEV-30/50/50V Fare clic Manuale del Binocolo con registrazione digitale DEV-30/50/50V 2013 Sony Corporation 4-464-705-82(1) Da leggere subito Uso di questo prodotto Non tenere il prodotto dai punti indicati di seguito.

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli