FACOLTÀ DI INGEGNERIA DI COMO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FACOLTÀ DI INGEGNERIA DI COMO"

Transcript

1 POLITECNICO DI MILANO FACOLTÀ DI INGEGNERIA DI COMO Diploma Universitario in Ingegneria Informatica e Automatica Tesi di Diploma: LOCALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE Tutor Universitario: Prof. Giorgio Guariso Tutor Aziendale: Sig.a Floriana Beretta Autori: Matteo PEDRAZZANI matr Gianluca SCIOCCO matr Anno Accademico

2 Sommario SOMMARIO PREFAZIONE 1 PARTE Gli incendi boschivi Il fattore predisponente Le cause degli incendi boschivi Programmazione alla lotta degli incendi boschivi Gli impianti di monitoraggio 7 2 Aspetti generali del progetto Trattazione della tesi Analisi dei problemi Ambiente di sviluppo Layers di mappa Parametri richiesti dal programma per l apertura mappe Caratteristiche tecniche della telecamera utilizzata Funzionamento del sistema Prestazioni del sistema 26 PARTE Calcolo dell area visualizzata Considerazioni generali Identificazione delle coordinate di posizionamento Processo di disegno linee Direzione dell asse orizzontale della telecamera Lunghezza delle linee Definizione del numero di linee Algoritmo di tracciamento linee Processo per il calcolo di visibilità Identificazione degli shape intersecanti le linee Calcolo della distanza e ordinamento degli shape Verifica di visibilità Processo di catalogazione degli shape 45 I

3 Sommario 3.5 Processo di calcolo dell area totale coperta Caso con singola telecamera Caso con più telecamere Processo di eliminazione delle telecamere Caso con singola telecamera Caso con più telecamere Processo di colorazione Eventi AFTER e BEFORE TrackingLayer Colorazione degli shape 57 PARTE Funzionalità offerte dal programma Interfaccia grafica Gestione dei layers Caricamento multiplo Gestione di visibilità dei layers Gestione dell ordinamento dei layers Gestione grafica del Map Control Funzione di identificazione degli shape Setting delle caratteristiche della telecamera Funzione di visualizzazione dati Stampa e salvataggio dati Funzione di stampa dati Funzione di salvataggio dati Conclusioni Bibliografia 83 7 Ringraziamenti 85 II

4 Prefazione Prefazione Questo lavoro descrive l attività di progettazione e sviluppo che ha permesso la realizzazione di un applicativo per la simulazione di operazioni di monitoraggio su un qualsiasi territorio, al fine di effettuare il rilevamento degli incendi boschivi. Il contenuto della relazione spazia dall analisi del problema alla descrizione dell interfaccia del programma e del suo algoritmo di applicazione. Per quanto riguarda la forma in cui la tesi è svolta, si possono distinguere tre livelli di comprensione. Un primo livello consiste nella semplice esposizione del problema e delle soluzioni adottate, descritte attraverso una simulazione, supportata dalla grafica, del funzionamento dell applicativo sviluppato. È questa la Parte 1. La Parte 2 della relazione entra maggiormente nel dettaglio, andando a descrivere l algoritmo su cui l applicativo sviluppato si basa. Infine nella Parte 3 della relazione si procede alla descrizione delle funzionalità proprie del programma, offerte all utente per una più agevole consultazione. Il lavoro si conclude poi con alcune considerazioni generali su pregi e difetti del programma realizzato e con alcuni suggerimenti su possibili migliorie applicabili all algoritmo in esame. Matteo Pedrazzani Gianluca Sciocco 1

5 PARTE 1 Caratteristiche generali del progetto 2

6 Gli incendi boschivi 1 Gli incendi boschivi 1.1 Il fattore predisponente Negli ultimi anni il problema degli incendi boschivi ha assunto dimensioni a dir poco drammatiche, tanto da destare un grido di preoccupato allarme a tutti i livelli. Nel decennio passato in Italia si sono perduti, per questa causa, più di 500 mila ettari di bosco; nè l'azione di rimboschimento e di ricostituzione boschiva sono riusciti a rimediare alle recenti devastazioni. Ogni anno, quasi a scadenze prestabilite, si ripete questo gravissimo problema, con ingentissimi danni, sia di tipo economico, sia di tipo ecologico, e solo l'azione di prevenzione e di spegnimento fa si che lo stesso, possa essere contenuto e limitato. É bene ricordare che la gravità del fenomeno investe il bosco in tutte le sue molteplici funzioni, procurando danni diretti ed indiretti. I primi, facilmente valutabili, sono rappresentati dal valore della massa legnosa; i secondi, più difficilmente stimabili, sono connessi alle funzioni "senza prezzo", quali : la difesa idrogeologica, la produzione d'ossigeno, la conservazione naturalistica, il richiamo turistico, le possibilità di lavoro per numerose categorie. L'incendio del bosco è un processo rapidissimo di decomposizione, che avviene solo in presenza del combustibile, qual è il materiale vegetale, dell'ossigeno e di una piccola quantità di calore ad alto potenziale, che determina lo sviluppo a catena del processo stesso. Lo scoppio di un incendio ha quindi una causa scatenante, la scintilla, ed una situazione che predispone questo fenomeno, rappresentata dall'aridità più o meno accentuata del suolo e della vegetazione. É fuori di dubbio che il fattore climatico e l'andamento stagionale abbiano una notevole influenza nel creare le condizioni favorevoli allo sviluppo ed alla propagazione degli 3

7 Gli incendi boschivi incendi boschivi, e nel caso di fulmini, anche nel determinarli direttamente, circostanza questa, però non molto frequente. Di notevole importanza è il grado di umidità della vegetazione, in particolar modo di quella erbacea del sottobosco, che varia direttamente con l'andamento stagionale. Gli incendi dei boschi, pur seguendo l'andamento climatico, non si manifestano uniformemente sul territorio: ci sono delle zone dove questo pericolo è maggiore che in altre, come l'esperienza ed i fatti, annualmente, confermano. Si vuol affermare che, a parità di condizioni climatiche e di coefficiente d'aridità, vi sono altre diverse situazioni che favoriscono lo sviluppo degli incendi nei boschi, quali: l'afflusso turistico, l'abbandono rurale delle campagne, l'attività di particolari pratiche agronomiche e pastorizie, le vendette, le speculazioni. Così, a seconda dell'ubicazione propria del bosco e del suo rapporto specifico con le situazioni accennate, si hanno delle zone più esposte al pericolo e al rischio d'incendio, rispetto ad altre, dove i fattori sociali ed umani, sono meno incidenti. Generalmente, la causa determinante l'incendio dei boschi è di origine umana, eccezion fatta per i casi dovuti ai fulmini. L'autocombustione, sovente citata a sproposito, è da ritenersi una giustificazione quanto mai semplicistica ed erronea, in quanto, nei nostri climi, non si verifica che in casi del tutto eccezionali e al più limitata ai soli fienili o discariche. Le condizioni che influenzano sia l'inizio che la prima propagazione dell'incendio, sono principalmente rappresentate: dalla quantità d'acqua che si trova nei tessuti delle piante, che può variare dal 2 al 200% nei tessuti morti, in dipendenza delle condizioni atmosferiche ed in particolar modo dell'umidità relativa dell'aria; dal vento, che oltre a favorire l'afflusso dell'ossigeno, quale comburente, determina l'avanzamento della linea del fuoco, provoca il preriscaldamento del materiale legnoso e quindi nuovi punti d'inizio e di continuazione del fuoco stesso; 4

8 Gli incendi boschivi dalla quantità, dimensioni, disposizioni dei materiali combustibili, i quali, se sottili e non pressati, offrono maggiore superficie esterna all'ossigeno comburente; Le condizioni favorevoli per l'inizio dell'incendio nel bosco, si verificano, più frequentemente, in presenza di copertura morta disseccata, con soprassuoli giovani. Le differenti condizioni meteorologiche: regime pluviometrico, dominanza dei venti, unitamente alle diverse tipologie forestali, al loro governo e trattamento, influenzano la frequenza stagionale degli incendi. 1.2 Le cause degli incendi boschivi II fuoco mostra nelle foreste e nei boschi, ed in numerose località del mondo, una presenza ricorrente anno dopo anno, con un'intensità devastatrice in continua ascesa. Oggi non vi è paesaggio naturale e vegetale che non sia stato modellato più o meno intensamente dal fuoco. II clima e l'andamento stagionale giocano un ruolo fondamentale nel predisporre una situazione di favore allo scoppio dell'incendio, per cui, periodi di non pioggia e di alte temperature, determinano condizioni di estrema pericolosità e quando in luglio ed agosto ad altitudini comprese sino ai 700 m.s.l.m. la vegetazione erbacea è secca, il potenziale combustibile aumenta considerevolmente; viceversa, in pieno rigoglio vegetativo, l'innesco del fuoco è difficile. Non vi è dubbio che la causa prima degli incendi boschivi vada ricercata essenzialmente nell'alto grado di depauperamento e di forte spopolamento delle zone dell'alta collina e della montagna. Un simile evento ha determinato nel tempo l'abbandono di tutte quelle pratiche agronomiche e selvicolturali che di contro in passato venivano effettuate nelle campagne e nei boschi, con il risultato di rendere il bosco meno soggetto nei confronti del fuoco. I diradamenti, le ripuliture, il pascolo disciplinato, eventuali colture ed in alcuni casi 5

9 Gli incendi boschivi anche il fuoco controllato, facevano sì che il sottobosco non fornisse esca e nel contempo, la presenza attiva dell'agricoltore e del pastore era garanzia e sicurezza per un rapido intervento anche qualora l'incendio scoppiasse. Così, anche quando gli agricoltori, involontariamente potevano essere causa dell'incendio, essi stessi provvedevano a spegnerlo direttamente; ciò era possibile grazie alla cospicua presenza demografica nelle zone di campagna, oggi di contro, fortemente diminuita ed invecchiata. La situazione è ora cambiata, tanto che le operazioni selvicolturali tradizionali sono molto trascurate; e pratiche agronomiche e pastorali, nelle quali si fa uso anche del fuoco, oggi assumono, per i boschi limitrofi ai campi ed ai pascoli, un pericolo costante, poiché l'esodo da tali zone, in particolare quello giovanile, è stato massiccio. Ma, se questa è la ragione prima di certi tipi d'incendio, non diverse sono le considerazioni da fare per quanto concerne l'incendio boschivo determinato dalla presenza di altri potenziali utenti. Anche tali casi riguardano l'uso del territorio, così carente di strutture e di servizi atti ad assicurarne il mantenimento, dal punto di vista fisico ed economico, in funzione dell'uso e non dell'abuso più intenso. Una correlazione interessante è quella degli incendi boschivi con la circolazione veicolare. Infatti, si vede che ad un progressivo aumento degli autoveicoli circolanti e dello sviluppo viario, aumentano in progressione gli incendi boschivi. E dal rilevamento dei punti d'innesco del fuoco si evidenzia come moltissimi incendi abbiano inizio dal bordo di strade ed autostrade. 1.3 Programmazione alla lotta agli incendi boschivi La dislocazione dei mezzi terrestri ed aerei per la migliore difesa del boschi dal fuoco viene fatta in funzione della differente vulnerabilità delle aree boschive. Nelle cartine che seguono sono riportate le superfici ricoperte da boschi e le zone a 6

10 Gli incendi boschivi rischio d'incendio valutate diversamente a seconda del periodo estivo o di fine inverno. Tale ultima diversificazione è particolarmente importante perché si è visto ed analizzato come esistano due situazioni di particolare propensione al fuoco, in relazione ai fattori climatici. Tale rappresentazione cartografica è particolarmente utile per la dislocazione dei velivoli utilizzati nella lotta al fuoco. 1.4 Gli impianti di monitoraggio L'emergenza incendi verificatasi negli ultimi anni ha posto la necessità di adottare specifiche misure di salvaguardia degli ambienti naturali dal fuoco. Gli impianti di monitoraggio fanno parte di provvedimenti di carattere preventivo e di potenziamento dei sistemi di allarme e difesa, che costituiscono il proseguimento di una strategia di miglioramento dell'efficienza delle strutture preposte alla prevenzione e lotta degli incendi boschivi. Gli impianti di teleavvistamento realizzati dallo Stato, dalle Regioni o dalle Amministrazioni locali, sono in continuo sviluppo. 7

11 Gli incendi boschivi Dal 1986 è in funzione presso il Centro Operativo Antincendi Boschivo di Sabaudia un impianto di telecontrollo forestale operante nel Parco Nazionale del Circeo. Si tratta di un sistema ottico articolato in postazioni periferiche e in una sala operativa di comando e controllo che garantisce un servizio continuo nelle 24 ore. Dal 1989 è in funzione nell'isola di Caprera un sistema automatico di telerilevameto dei focolai di incendio operante nell'infrarosso e nel visibile, denominato B.S.D.S. I sistemi organici di monitoraggio elettronico sono concepiti per essere utilizzati in una rete telematica modulare e gerarchica, che partendo dai punti periferici di avvistamento (PPA) e passando per i Centri Operativi Locali e Provinciali (COL e COP), arriva fino ai Centri di Controllo Regionale (COR), in cui è prevista l interfaccia del sistema con la Protezione Civile. I punti di avvistamento comprendono un sensore all'infrarosso, una unità di telerilevamento, una stazione automatica per la rilevazione dei dati meteorologici, apparecchiature hardware e software per lo scambio delle informazioni con i Centri Operativi Locali ed un sistema di controllo e diagnostica. Il lavoro svolto in questo progetto si colloca proprio in quest ottica. Esso è frutto della collaborazione esistente tra il centro ricerche Alessandro Volta ed il Politecnico di Como. Inoltre, il sistema informativo che consente la gestione centralizzata di tutti i dispositivi di rilevamento degli incendi è stato tratto dal lavoro svolto da Marcello Viganò, ed illustrato nella tesina intitolata: Monitoraggio degli incendi boschivi da postazione remota attraverso connessioni geografiche basate su IP. 8

12 Aspetti generali del progetto 2 Aspetti generali del progetto 2.1 Trattazione della tesi Come conseguenza delle considerazioni e delle analisi effettuate nel capitolo precedente, è evidente che gli strumenti più adatti ed efficaci per contrastare il fenomeno degli incendi siano la prevenzione ed una più accurata sorveglianza delle zone boschive a maggior pericolo. Infatti, soltanto attraverso un rilevamento tempestivo degli incendi, o di possibili focolai, si è in grado di garantire un rapido intervento degli organi preposti allo spegnimento. Da queste considerazioni nasce l idea di un monitoraggio delle zone boschive a bassa densità demografica, attraverso un insieme di telecamere a circuito chiuso, posizionate lungo il territorio in esame in punti di osservazione strategici. Partendo dal presupposto che esista già un sistema di tipo informativo preposto alla gestione centralizzata di tali telecamere, lo scopo principale del progetto consiste nel fornire all utente uno strumento informatico che permetta di effettuare una simulazione, sulla mappa di un territorio, del posizionamento dei dispositivi utili alla telesorveglianza della zona. Tale strumento permette all utente di verificare la percentuale di area visibile del territorio, in modo da poter stabilire la miglior dislocazione del sistema. Il programma sviluppato, oltre a fornire le funzionalità sopra descritte, dev essere in grado di offrire all utente una serie di dati utili, quali: l area del territorio sotto osservazione, la percentuale di area coperta dalle telecamere ed un indice di qualità che fornisce un indicazione dell efficienza del monitoraggio. Tramite l archiviazione dei valori rilevati nel corso di precedenti simulazioni, l utente ha la possibilità di fare un raffronto tra i dati, in modo da poter scegliere il miglior posizionamento possibile dei dispositivi di monitoraggio; cioè, quello che offre il migliore rapporto tra area coperta e numero di telecamere. In conclusione quindi, lo scopo principale dell applicativo sviluppato, è quello di fornire 9

13 Aspetti generali del progetto ai responsabili della sorveglianza del territorio, uno strumento informatico che eviti ilgravoso compito di dover effettuare fisicamente le prove necessarie per poter stabilire il miglior posizionamento del sistema di telerilevamento. 2.2 Analisi dei problemi La realizzazione del progetto di monitoraggio ha comportato l analisi di una serie di problematiche, emerse nel corso dello sviluppo del progetto stesso. Le tecniche utilizzate per la risoluzione di tutte queste problematiche vanno a comporre le diverse parti dell algoritmo sviluppato in questo progetto. Questi sono stati i principali problemi affrontati: 1 Definizione della struttura della mappa territoriale in esame, affinché in essa siano contenuti tutti i dati necessari per il corretto svolgimento dell'algoritmo; 2 Determinazione e visualizzazione dell area vista da ogni singola telecamera; 3 Identificazione dell area totale di territorio localizzata evitando di sommare più volte le stesse zone visualizzate dalle telecamere, precedentemente inserite nella mappa; 4 Definizione e calcolo di un indice di qualità che permetta all utente di definire il grado di ottimizzazione del posizionamento del sistema di telerilevamento; Ognuno di questi punti verrà illustrato in maniera più dettagliata nel prosieguo dell esposizione dell applicativo realizzato. 2.3 Ambiente di sviluppo Il progetto è stato sviluppato in un ambiente Windows NT 4.0 con l ausilio del programma Microsoft Visual Basic 6.0 in combinazione con l utilizzo della libreria MapObjects TM 1.1, una collezione di funzioni GIS (Geographic Information System) 10

14 Aspetti generali del progetto messe a punto dalla ESRI (Environmental System Research Institute) e consistente in un OLE Control (Object Linking and Embedding) ed un insieme di più di trenta oggetti OLE programmabili. Le funzioni di tipo GIS sono un insieme di strumenti informatici creati e concepiti per la gestione, l analisi e lo studio di eventi e fenomeni che caratterizzano un territorio geografico. Il GIS consente il collegamento delle entità grafiche che compongono la cartografia, con le corrispondenti informazioni presenti in archivio. Queste ultime diventano di fatto attributi di tali entità grafiche, in modo tale che, dall'archivio territoriale, possano essere ricavate informazioni sulla localizzazione dei dati. Quindi, mediante la correlazione sopraccitata, le funzioni GIS sono in grado di aiutare l operatore a pianificare, a distinguere e ad evidenziare una parte di comprensorio che, in base alle sue caratteristiche morfologiche o agli oggetti ad esso connessi, si differenzia da un'altra parte simile ma non uguale. Con un sistema GIS è possibile sia interrogare la mappa per conoscere gli attributi degli oggetti individuati, sia effettuare l'operazione opposta; interrogare, cioè, il database rispetto ai campi e visualizzare di conseguenza dove si trovano gli oggetti territoriali che corrispondono alla ricerca effettuata. Gli sviluppatori possono utilizzare la libreria MapObjects nel loro usuale ambiente di sviluppo per creare semplici applicazioni GIS o per aggiungere particolari funzionalità ad applicazioni già esistenti. L'architettura di integrazione software oggi più diffusa e supportata prende il nome di OLE controls. Gli OLE controls sono essenzialmente dei comandi personalizzati che possono essere utilizzati per aggiungere, in modo molto semplice, funzionalità anche complesse e specifiche all interno di una qualsiasi applicazione per Windows; tale applicazione risulterà essere, quindi, un contenitore di tipo OLE. Esempi di contenitori OLE sono: Microsoft Visual Basic, Delphi, Microsoft Access, Microsoft Visual C++ e molti altri. L OLE Control contenuto nella libreria MapObjects prende il nome di Map Control. 11

15 Aspetti generali del progetto Quest ultimo inserisce direttamente, in molti ambienti standard di sviluppo, tutte le funzioni necessarie a manipolare le mappe per mezzo delle "proprietà" e dei "metodi" che controllano la loro apparenza, il loro comportamento e le interazioni con gli altri oggetti. 2.4 Layers di mappa I dati geografici presi in considerazione dal programma in esame sono descritti e organizzati attraverso diversi strati chiamati layers ciascuno dei quali rappresenta una singola tematica, rispetto alla quale una certa regione spaziale viene descritta (es. viabilità, mappa delle altitudini, confini particellari, mappa degli usi del suolo). In questo modo, l utente può lavorare selettivamente con una classe specifica di caratteristiche. Si potrebbe per esempio esporre un immagine presa da un satellite nella quale strade e fiumi vengono rappresentati in layers differenti. Esistono due forme base di layers denominate rispettivamente raster e vettoriale. I 12

16 Aspetti generali del progetto layers di tipo raster (ImageLayer) descrivono una certa regione spaziale suddividendola in celle (pixel) organizzate in matrici, aventi un certo orientamento geografico e una origine in un punto di coordinate definite. La dimensione del lato della cella è variabile secondo le esigenze del tema da rappresentare. A ciascuna cella è associata un informazione numerica o alfanumerica (attributo), che definisce la modalità o il valore assunto nella cella dal tema territoriale rappresentato. I piani descrittivi di tipo raster sono adatti per definire variabili territoriali che mutano in modo continuo (altitudine, pendenza, piovosità, provvigione), ma è spesso utile ridurre alla rappresentazione in formato raster (rasterizzazione) anche variabili territoriali che cambiano in modo discreto nella regione spaziale considerata (es: tipo di proprietà, viabilità ecc.). Ciò consente di attuare analisi e classificazioni di una cella (e quindi dell intero territorio), in funzione dei valori che assumono i diversi temi attraverso i quali la cella è stata descritta nei rispettivi layers raster. I layers vettoriali (MapLayer) sono invece utili per descrivere distinti oggetti presenti nel territorio (questi elementi possono essere punti, linee o superfici). Nel formato vettoriale, ogni oggetto viene descritto da una serie di coppie di coordinate per ognuno dei punti cospicui, che concorrono a configurarne con sufficiente dettaglio la forma. Nella rappresentazione grafica dell oggetto, questi punti vengono congiunti con una spezzata. 2.5 Parametri richiesti dal programma per l apertura mappe Il programma in esame è stato realizzato per supportare due tipi diversi di file: file shape e file image. Per un esecuzione corretta dell algoritmo di visibilità, è comunque necessario l utilizzo di un file shape con rappresentazione di tipo poligonale e con struttura a griglia, in quanto, solo quest ultima configurazione consente di avere tutte le informazioni necessarie per il calcolo dell area visualizzata da ogni telecamera posizionata sulla mappa. Ogni mappa di tipo shape è formata dalla combinazione di tre file, diversi tra loro: 13

17 Aspetti generali del progetto Il file principale con estensione shp, contenente la geometria degli shape; Il file di indirizzamento, con estensione shx, nel quale un indice sequenziale associa il database al file contenente la geometria degli shape; Il file Dbase, con estensione dbf, contenente la tabella con i dati relativi ad ogni shape; Esistono tre tipi diversi di rappresentazione della morfologia del territorio descritti dagli shape e sono: Rappresentazione puntiforme, nella quale i punti sono associati ad un record del Dbase della mappa, contenente semplicemente la posizione espressa mediante coordinate cartesiane X e Y; Rappresentazione lineare, nella quale queste ultime consistono in singole o multiple polilinee che possono essere connesse tra loro, ove una polilinea è un insieme di vertici ordinati. Ogni arco risulta essere associato ad uno dei record contenuti nel Dbase della mappa; Rappresentazione poligonale, contenente uno o più anelli, dove un anello è una linea chiusa che non si interseca con se stessa. L ordinamento direzionale di tali anelli determina quali di questi ultimi sono considerati aree interne di un poligono. Ogni poligono è associato ad un record del Dbase della mappa; 14

18 Aspetti generali del progetto Le dimensioni dei poligoni costituenti la mappa, possono essere variate, ma ciò può influire sulle prestazioni dell algoritmo stesso; infatti, esiste una relazione inversamente proporzionale tra la precisione dell algoritmo e la sua velocità di esecuzione. Più il poligono è di dimensioni ridotte e più il tempo di esecuzione del programma aumenterà. Nel caso in esame, si è provveduto a convertire la mappa delle Alpi Lepontine in una griglia di poligoni aventi lato di lunghezza 100 metri, ottenendo come risultato un ragionevole compromesso tra precisione e velocità di esecuzione. 2.6 Caratteristiche tecniche della telecamera utilizzata Nello sviluppo del progetto, si è supposto di utilizzare telecamere del tipo EVI-D31 sviluppato dalla Robosoft Service Robotics; questi dispositivi presentano, come caratteristiche principali, un alta velocità di movimento e un ampia panoramica di visione. Caratteristiche tecniche più specifiche di questa telecamera sono qui di seguito riportate: Sensore d immagine : 1/3"IT color CCD; Pixels effentivi : 752(H) x 585(V); Risoluzione oriz. : > 450 linee TV; Risoluzione vert. : > 400 linee TV; Video S/N : > 48 db; Lente : 12 x Zoom f=5.4 to 64.8mm F ; Angolo di visione oriz. : ± 48.8 (wide) to ± 4.3 (tele); 15

19 Aspetti generali del progetto Angolo di visione vert. : ± 37.6 (wide) to ± 3.3 (tele); Aggiustamento focus : autofocus; focus manuale; Range di illuminazione : 7 lux to lux; White Balance : TTL Autotracciamento; fixed 3200K, 5600K ; one push; Otturatore elettronico : CCD; autotturatore; chiusura da 1/60 sec. A 1/10.000sec.; Panoramica/inclinamento elettrico : assemblamento su camera; Angolo di panoramica (pan) : ±100 (1760 step ; /step); Velocità di panoramica : max 79.4 /sec; min 2.8 /sec; Angolo di inclinazione (tilt) : ± 25 (660 steps; /step); Velocità di inclinazione : max 50 /sec; min 2.1 /sec; Funzioni speciali incluse : Autotracking programmabile; Pan/tilt (AT); Rilevatore movimento programmabile; (MD); Display time/date; Video Outputs : Y: VS1.0Vp-p sync negative; C: Burst 0.300Vp-p; VBS: 1.0Vp-p composite; Controllo collegamento seriale : RS-232C, 9600 BPS, 8 bits, no parità, lunghezza massima del cavo 15 metri; Controllo infrarossi remoto : ± 60, max distanza orizz. 7m.; ±30, max distanza verticale 7m.; Backup di memoria : 3 mesi, dopo 8-10 ore il tempo di caricamento; Potenza Rechiesta : DC da 12 a 14V, 1A; Potenza assorbita : 8.4 W nominali; Temperatura di lavoro : 0 to + 40 C; MTBF : ore; 16

20 Aspetti generali del progetto Dimensioni (Larg.x Alt. x Pro.) : 141.8x108.9x163.4 mm; Peso : 1200 grammi; Accessori si supporto : adattatore per AC, comando remoto infrarossi; cavo AV; 2.7 Funzionamento del sistema Per meglio rendere l idea delle potenzialità del software sviluppato, verrà ora presentato qui di seguito un esempio concreto di funzionamento del programma, attraverso una simulazione, in cui si procederà all inserimento di una telecamera nella mappa territoriale delle Alpi Lepontine. È da notare che se la mappa in esame non presenta le caratteristiche richieste dall applicativo ed elencate nel paragrafo 2.5 di questa esposizione, i comandi ed i pulsanti presenti sull interfaccia non saranno azionabili da parte dell utente; sicuramente ciò costituisce un fattore rilevante che vincola l'utente nell utilizzo del programma stesso. All avvio del sistema, viene visualizzata a video una finestra denominata Start, attraverso la quale l utente ha la possibilità o di uscire subito dall applicativo premendo il pulsante Exit, o di entrare effettivamente nel programma premendo il pulsante Start. Figura 2.1 Finestra di Start 17

21 Aspetti generali del progetto Il programma si presenterà inizialmente con l interfaccia mostrata nella figura sottostante: Figura 2.2 Finestra di Interfaccia Il caricamento delle mappe avviene grazie alla pressione del pulsante denominato Map Layers che comporta la visualizzazione, nell angolo in basso a destra, della finestra denominata Map Contents. È a questa finestra, infatti, che viene affidato il compito della gestione dei layers visualizzati nell interfaccia del sistema, come tra l altro verrà esaminato più in dettaglio nel paragrafo 4.2 di questa esposizione. 18

22 Aspetti generali del progetto Figura 2.3 Visualizzazione della finestra Map Contents Premendo il comando Add file, comparirà una finestra di dialogo chiamata Select file for new layer ; grazie a questa, l'utente ha la possibilità di ricercare e selezionare la mappa che comparirà a video. Figura 2.4 Finestra di caricamento dei Layers 19

23 Aspetti generali del progetto Da notare che i file selezionabili da questa finestra saranno solo quelli con estensione shp, per quanto concerne le mappe territoriali, e quelli con estensione bmp e/o tif per quanto riguarda il caricamento di immagini. Figura 2.5 Mappa delle Alpi Lepontine Sulla mappa visualizzata è possibile effettuare operazioni quali Zoom, Zoom In, Zoom Out, Pan e Initialize, sia grazie ai rispettivi comandi presenti sulla barra dei menu e sulla barra dei comandi dell interfaccia, sia grazie al menu di scelta rapida visualizzabile con la pressione del tasto destro del mouse. Figura 2.6 Menu di scelta rapida 20

24 Aspetti generali del progetto L utente ha, anche, la possibilità di individuare quali sono le caratteristiche, contenute nel Dbase associato al file shape, per ogni singolo elemento costituente la griglia di mappa. Selezionando il pulsante denominato Identify e cliccando su una zona della mappa, si accede alla finestra Identify resoults nella quale vengono mostrate le seguenti informazioni: altezza, area, perimetro ed identificativo della porzione di territorio selezionato dal puntatore del mouse. Figura 2.7 Visualizzazione della finestra Identify resoults Cliccando sul pulsante denominato Camera Characteristics è possibile inoltre andare ad influire direttamente sulle caratteristiche della telecamera, prima che questa sia inserita nel territorio; queste caratteristiche sono: 21

GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO

GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO Ministero dell Ambiente e della tutela del territorio e del mare GUIDA ALL USO DEL VISUALIZZATORE CARTOGRAFICO Stato del documento Redatto Approvato Funzione Team di progetto Geoportale nazionale Responsabile

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Ingegneria Corso di Telerilevamento e Sistemi Informativi Territoriali prof. ing. Nicola Crocetto dott. ing. Giuseppe Domenico Santagata GIS Un GIS (Geographic

Dettagli

Tutorial gvsig. Versione 1.1

Tutorial gvsig. Versione 1.1 Tutorial gvsig Versione 1.1 24/10/2007 Tutorial gvsig - Versione 1.1 www.gvsig.org Testo e screenshot a cura di R3 GIS Srl Via Johann Kravogl 2 39012 Merano (BZ) Italia Tel. +39 0473 494949 Fax +39 0473

Dettagli

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto. Manuale Utente. SITI Viewer GIS. ABACO S.r.l.

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto. Manuale Utente. SITI Viewer GIS. ABACO S.r.l. Progetto SITI Catasto Manuale Utente SITI Viewer GIS ABACO S.r.l. ABACO S.r.l. C.so Umberto, 43 46100 Mantova (Italy) Tel +39 376 222181 Fax +39 376 222182 www.abacogroup.com e-mail : info@abacogroup.com

Dettagli

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza

Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza Lezione 6 Introduzione a Microsoft Excel Parte Terza I grafici in Excel... 1 Creazione di grafici con i dati di un foglio di lavoro... 1 Ricerca del tipo di grafico più adatto... 3 Modifica del grafico...

Dettagli

ICE. Introduzione 2. Importazioni definizioni temi 3. Importa file Shape 4. Gestione tabelle 5. Modifica la struttura di una tabella 7

ICE. Introduzione 2. Importazioni definizioni temi 3. Importa file Shape 4. Gestione tabelle 5. Modifica la struttura di una tabella 7 Prodotto da ICE Introduzione 2 Importazioni definizioni temi 3 Importa file Shape 4 Gestione tabelle 5 Modifica la struttura di una tabella 7 Gestione temi 9 Gestione entità grafiche 12 Crea entità 12

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO PER IL RILIEVO DELLE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE, DELL ARREDO STRADALE E DELLO STATO DI AMMALORAMENTO DELLA VIABILITA COMUNALE.

SISTEMA INTEGRATO PER IL RILIEVO DELLE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE, DELL ARREDO STRADALE E DELLO STATO DI AMMALORAMENTO DELLA VIABILITA COMUNALE. SISTEMA INTEGRATO PER IL RILIEVO DELLE CARATTERISTICHE GEOMETRICHE, DELL ARREDO STRADALE E DELLO STATO DI AMMALORAMENTO DELLA VIABILITA COMUNALE. 5 febbraio 2010 1 Esigenze del cliente Per la gestione

Dettagli

MANUALE D ISTRUZIONI

MANUALE D ISTRUZIONI Pagina 1 di 16 MANUALE D ISTRUZIONI Pagina 2 di 16 INTRODUZIONE ARCEXPLORER 3 PULSANTI PER GESTIRE UN PROGETTO (estensione.axl) 4 PULSANTI PER SPOSTARSI IN UNA MAPPA 5 COME CARICARE UN LAYER 6 IDENTIFICAZIONE

Dettagli

MArine Coastal Information SysTEm

MArine Coastal Information SysTEm GUIDA ALL UTILIZZO DELL INTERFACCIA CARTOGRAFICA Il MArine Coastal Information SysTEm è un sistema informativo integrato che permette di gestire dati ambientali interdisciplinari (fisici, chimici e biologici)

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Sistema WEB-GIS

Dettagli

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico

ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE. Servizio INT Sistema Informativo Geografico ISTAT bt.viewer: Basi Territoriali MANUALE UTENTE Servizio INT Sistema Informativo Geografico INDICE Utilizzare il bt.viewer Navigare nella mappa Confrontare foto aeree Tematismi Tematismi: applicare la

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI IN GEO- LOGIA

SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI IN GEO- LOGIA MARIA TERESA MELIS SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI IN GEO- LOGIA titimelis@unica.it ANNO ACCADEMICO 2013/ 2014 LEZIONE 3 INTRODUZIONE AL SW ARCGIS Corso di Sistemi Informativi Geografici in Geologia a cura

Dettagli

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo

I tracciati sono contorni che potete trasformare in selezioni o a cui potete applicare un riempimento o una traccia di colore. tracciato temporaneo Disegnare Il disegno (1) Quando si disegna in Adobe Photoshop si creano forme vettoriali e tracciati. Per disegnare potete usare gli strumenti: Forma Penna Penna a mano libera Le opzioni per ogni strumento

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 B. MANUALE DI UTILIZZO DEL GRIGLIATORE Il pre processore Grigliatore è composto da tre macro

Dettagli

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile!

IRRIMET. Manuale d Uso. Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click. Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Previsioni meteo e gestione dell irrigazione in un click IRRIMET Gestire l irrigazione non è mai stato così facile! Il primo sistema che fornisce in tempo reale mappe dell irrigazione e previsioni meteo

Dettagli

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto 1.4. Manuale Utente. ABACO S.r.l.

SITI Viewer GIS. Progetto SITI Catasto 1.4. Manuale Utente. ABACO S.r.l. Progetto SITI Catasto 1.4 Manuale Utente SITI Viewer GIS ABACO S.r.l. ABACO S.r.l. C.so Umberto, 43 46100 Mantova (Italy) Tel +39 376 222181 Fax +39 376 222182 www.abacogroup.com e-mail : info@abacogroup.com

Dettagli

CIPCAMPTIWL_V2,CIPCAM720PTIWL,CIPCAM720OD,CIPCAM 720ODWDR,CIPDCAM720OD

CIPCAMPTIWL_V2,CIPCAM720PTIWL,CIPCAM720OD,CIPCAM 720ODWDR,CIPDCAM720OD Cam Viewer1 (Android/iOS) Manuale dell'utente CIPCAMPTIWL_V2,CIPCAM720PTIWL,CIPCAM720OD,CIPCAM 720ODWDR,CIPDCAM720OD V1.0 Informativa Se il manuale dell'utente non vi ha aiutato a risolvere il problema,

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

Manuale Utente per le aziende

Manuale Utente per le aziende Pilotaggio dell'irrigazione a Scala Aziendale e Consortile Assistito da Satellite-IRRISAT PSR Campania 2007/2013 MISURA 124 Manuale Utente per le aziende www.irrisat.it progetto realizzato con il co-finanziamento

Dettagli

Sistema Informativo Geografico:

Sistema Informativo Geografico: Sistemi Informativi Geografici Sistema Informativo Geografico: È un sistema informativo che tratta informazioni spaziali georeferenziate, ne consente la gestione e l'analisi. Informazioni spaziali: dati

Dettagli

WGDESIGNER Manuale Utente

WGDESIGNER Manuale Utente WGDESIGNER Manuale Utente Pagina 1 SOMMARIO 1 Introduzione... 3 1.1 Requisiti hardware e software... 3 2 Configurazione... 3 3 Installazione... 4 3.1 Da Webgate Setup Manager... 4 3.2 Da pacchetto autoestraente...

Dettagli

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1

MICROSOFT ACCESS. Fabrizio Barani 1 MICROSOFT ACCESS Premessa ACCESS è un programma di gestione di banche dati, consente la creazione e modifica dei contenitori di informazioni di un database (tabelle), l inserimento di dati anche mediante

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.

ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog. Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi. ArcGIS 10 strumenti di editing e ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 14/11/2012 digitalizzare una immagine gestione dell'archivio

Dettagli

WEBGIS 1.0. Guida per l utente

WEBGIS 1.0. Guida per l utente WEBGIS 1.0 Guida per l utente SOMMARIO 1 INTRODUZIONE...3 2 FUNZIONALITA...4 2.1 Strumenti WebGIS... 4 2.1.1 Mappa... 5 2.1.2 Inquadramento mappa... 6 2.1.3 Toolbar... 7 2.1.4 Scala... 9 2.1.5 Legenda...

Dettagli

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO

CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO INDICE CAPITOLO 4. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 1 1. LA GRIGLIA DEL VALORE ECONOMICO... 3 1.1 METODOLOGIA DI ANALISI... 3 1.2 LE COMPONENTI DELLA GRIGLIA

Dettagli

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna

Geoportale web gis. Provincia Regionale di Enna Geoportale web gis Provincia Regionale di Enna Guida alla consultazione del geoportale della Provincia Regionale di Enna Introduzione Cos è il Geoportale: Il Geoportale della Provincia di Enna ha la finalità

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Esercitazioni Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

O SINGOLI ELEMENTI INTERESSATI DAL BANDO PSR BIODIVERSITÀ

O SINGOLI ELEMENTI INTERESSATI DAL BANDO PSR BIODIVERSITÀ MODALITÀ DI UTILIZZO DELL APPLICAZIONE DI LOCALIZZAZIONE DELLE AREE O SINGOLI ELEMENTI INTERESSATI DAL BANDO PSR BIODIVERSITÀ SOMMARIO Modalità di utilizzo dell applicazione di localizzazione delle aree

Dettagli

Database Modulo 2. Le operazioni di base

Database Modulo 2. Le operazioni di base Database Modulo 2 Le operazioni di base L architettura concettuale dei dati ha lo scopo di astrarre dal mondo reale ciò che in questo è concettuale, cioè statico. 2 In altri termini gli oggetti del mondo

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave

Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave Manuale Utente Ver. Pro WebGIS Informcity Bim Piave 1 ACCESSIBILITA AL SISTEMA 3 2 VISUALIZZAZIONE ED ATTIVAZIONE DEI LIVELLI CARTOGRAFICI 4 2.1 Visualizzazione del singolo livello cartografico 4 2.2 Accensione/spegnimento

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Massimo Mazzanti Unità 10 - Selezione di oggetti in base a criteri spaziali Informazioni generali: Prerequisiti Obiettivi

Dettagli

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale

Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale Progetto di aggiornamento delle informazioni di uso del suolo del Sistema Informativo Agricolo Nazionale 1 Refresh eleggibilità Introduzione Il Progetto Refresh eleggibilità Definizione di appezzamento

Dettagli

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE

MICROSOFT WORD INTRODUZIONE 1 MICROSOFT WORD INTRODUZIONE Word è il programma più diffuso per elaborazione di testi, il cui scopo fondamentale è assistere l utente nelle operazioni di digitazione, revisione e formattazione di testi.

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

IL PERICOLO CHE COSA È? COME ESTINGUERLO?

IL PERICOLO CHE COSA È? COME ESTINGUERLO? CHE COSA È? Un incendio boschivo può essere definito " un fuoco che tende ad espandersi su aree boscate, cespugliate oppure su terreni coltivati o incolti e pascoli limitrofi a dette aree". Perché un incendio

Dettagli

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali

L analisi spaziale. Indici statistici geospaziali L analisi spaziale Uno degli scopi principali dei GIS e quello di offrire strumenti concettuali e metodologici per studiare analiticamente le relazioni nello spazio L analisi spaziale ha come obbiettivo

Dettagli

Teleview MANUALE D USO DEL SOFTWARE CARTOGRAFICO TELEVIEW IN AMBIENTE OPENGIADA. aggiornato alla versione del 16 aprile 2007

Teleview MANUALE D USO DEL SOFTWARE CARTOGRAFICO TELEVIEW IN AMBIENTE OPENGIADA. aggiornato alla versione del 16 aprile 2007 Teleview aggiornato alla versione del 16 aprile 2007 MANUALE D USO DEL SOFTWARE CARTOGRAFICO TELEVIEW IN AMBIENTE OPENGIADA Pagina 1 Sommario 1. Descrizione generale... 3 2. Installazione... 4 3. Tipi

Dettagli

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi CAPITOLO 1 Iniziare Obiettivi Richiamare i comandi di AutoCAD tramite menu, menu di schermo, digitalizzatore, riga di comando o barre degli strumenti Comprendere il funzionamento delle finestre di dialogo

Dettagli

Software AutoCAD Map 3D - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali

Software AutoCAD Map 3D - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali Software AutoCAD Map 3D - Lezione 1 Caricare, visualizzare e consultare dati vettoriali 0) Premessa Come abbiamo accennato nella Lezione 0, AutoCAD Map 3D nasce sulla base del noto software AutoCAD, per

Dettagli

ANVCO WEB GIS in HTML5

ANVCO WEB GIS in HTML5 Pag. 1 a 32 ANVCO WEB GIS in HTML5 GUIDA ALL UTILIZZO Versione Luglio 2014 Pag. 2 a 32 SOMMARIO Avviamento del visore... 4 Link... 4 Desktop, Tablet e Smartphone... 4 Modalità Light per Tablet... 4 Accesso...

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

Software centralizzazione per DVR

Software centralizzazione per DVR Software centralizzazione per DVR Manuale installazione ed uso 2 INTRODUZIONE Il PSS (Pro Surveillance System) è un software per PC utilizzato per gestire DVR e/o telecamere serie VKD. Tramite esso è possibile

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE...2 1 Scelta dell ottica...4. 2 Altezza della telecamera...5. 3 Distanza laterale della telecamera dal centro targa...

INDICE. INTRODUZIONE...2 1 Scelta dell ottica...4. 2 Altezza della telecamera...5. 3 Distanza laterale della telecamera dal centro targa... INDICE INTRODUZIONE...2 1 Scelta dell ottica...4 2 Altezza della telecamera...5 3 Distanza laterale della telecamera dal centro targa...6 4 Puntamento dell illuminatore IR...7 5 Installazione...8 6 Parametri

Dettagli

CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA

CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA INDICE CAPITOLO 5. ANALISI DELLA RESILIENZA... 1 1. ANALISI DELLA RESILIENZA... 3 1.1 INTRODUZIONE... 3 1.2 COMANDI/DISTACCAMENTI DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL

Dettagli

Registratore Temperature

Registratore Temperature Manuale d Istruzioni Registratore Temperature Modello TH10 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Registratore di Temperature. Questo registratore misura e memorizza fino a 32,000 letture

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

PLATEVIEW ZOOM. Modello con interfaccia Ethernet - IP GUIDA RAPIDA ALL UTILIZZO

PLATEVIEW ZOOM. Modello con interfaccia Ethernet - IP GUIDA RAPIDA ALL UTILIZZO PLATEVIEW ZOOM Modello con interfaccia Ethernet - IP GUIDA RAPIDA ALL UTILIZZO Contenuto Prima di procedere all installazione del dispositivo, verificare che il contenuto della confezione sia tutto presente

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it

Crotone, maggio 2005. Windows. Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Crotone, maggio 2005 Windows Ing. Luigi Labonia E-mail luigi.lab@libero.it Sistema Operativo Le funzioni software di base che permettono al computer di funzionare formano il sistema operativo. Esso consente

Dettagli

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini

1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini 1.3a: La Codifica Digitale delle Immagini Bibliografia Curtin, 4.7 e 4.9 (vecchie edizioni) Curtin, 3.7 e 3.9 (nuova edizione) CR pag. 14-18 Questi lucidi La codifica delle immagini: Pixel Un immagine

Dettagli

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente

GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente GidasADM (Calcolo e monitoraggio della diffusione degli odori) Manuale utente Aggiornamento 20/05/2013 Cod. SWUM_01029_it Sommario 1. Introduzione... 3 1.1. Il modello di calcolo applicato... 3 2. Requisiti

Dettagli

DAY/NIGHT SONY CAMERA MODULE 36X PAL

DAY/NIGHT SONY CAMERA MODULE 36X PAL Corpo in acciaio inox Aisi316L Unità Pan/Tilt con ricevitore integrato Rotazione continua IP66 Velocità variabile da 0.01 fino a 200 /s Configurazione attraverso on screen display Multiprotocollo DAY/NIGHT

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

SOFTWARE DI GESTIONE PSS

SOFTWARE DI GESTIONE PSS Rev. 1.0 SOFTWARE DI GESTIONE PSS Prima di utilizzare questo dispositivo, si prega di leggere attentamente questo manuale e di conservarlo per future consultazioni. Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta S.

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DEL SISTEMA GV-LPR IN STRADA

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DEL SISTEMA GV-LPR IN STRADA GUIDA ALL INSTALLAZIONE DEL SISTEMA GV-LPR IN STRADA 1. Scopo: lo scopo di questa guida è di fornire alcune indicazioni e suggerimenti sia per l installazione del sistema di controllo basato su PC sia

Dettagli

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25)

ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) ver 3.1.4 VERSIONE BASE VERSIONE AVANZATA MANUALE UTENTE (01/10/2006 12.25) Sommario 1 DESCRIZIONE... 2 1.1 LIMITI VERSIONE DIMOSTRATIVA... 2 1.2 INSTALLAZIONE... 2 1.2.1 Installazione completa...2 1.2.2

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO AutoCAD (prodotto dall'autodesk) è, senza dubbio, il programma più diffuso nel campo del disegno tecnico assistito

Dettagli

Dott. L. Conti Dipartimento di ingegneria agraria e forestale

Dott. L. Conti Dipartimento di ingegneria agraria e forestale Analisi e pianificazione del Territorio Corso di Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie agrarie Curriculum Agroingegneria Dott. L. Conti Dipartimento di ingegneria agraria e forestale CARTOGRAFIA GPS

Dettagli

ABACO XX XX XXX XX. SITI Agri. SITIClient VITE. Manuale Utente. Versione 1.1

ABACO XX XX XXX XX. SITI Agri. SITIClient VITE. Manuale Utente. Versione 1.1 ABACO XX XX XXX XX SITI Agri SITIClient VITE Manuale Utente Versione 1.1 Identificazione File Titolo Tipo Manuale SITIClient VITE.doc SITIClient VITE Manuale Utente Manuale Utente Visibilità Riservato

Dettagli

Gestione del database Gidas

Gestione del database Gidas Gestione del database Gidas Manuale utente Aggiornamento 20/06/2013 Cod. SWUM_00535_it Sommario 1. Introduzione... 3 2. Requisiti e creazione del Database Gidas... 3 2.1.1. SQL Server... 3 2.1.2. Requisiti

Dettagli

Registratore Dati Umidità / Temperatura

Registratore Dati Umidità / Temperatura Manuale d Istruzioni Registratore Dati Umidità / Temperatura Modello RHT10 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Registratore di Dati di Umidità Relativa e Temperatura. Questo Registratore

Dettagli

Analisi Grafica Manuale d uso

Analisi Grafica Manuale d uso Analisi Grafica Manuale d uso S.r.l. P.zza L. da Vinci, 7 20133 Milano tel: +39 2 2367490 e-mail: info@maind.it web: www.maind.it 1 Sommario 1. Introduzione... 3 1.1. Uso del programma... 3 1.2. Il menù

Dettagli

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale Risorse Agricole, Naturali, Forestali e Montagna Servizio Territorio Montano e Manutenzioni Manuale dell Utente Luca Bincoletto Ottobre 2006 INDICE

Dettagli

idaq TM Manuale Utente

idaq TM Manuale Utente idaq TM Manuale Utente Settembre 2010 TOOLS for SMART MINDS Manuale Utente idaq 2 Sommario Introduzione... 5 Organizzazione di questo manuale... 5 Convenzioni... Errore. Il segnalibro non è definito. Installazione...

Dettagli

AREA VASTA SUD EST-TOSCANA

AREA VASTA SUD EST-TOSCANA PROCEDURA RISTRETTA PER LA REALIZZAZIONE DI UN SISTEMA TECNOLOGICO PER LA GESTIONE DELLE CENTRALI OPERATIVE 118 NELL AMBITO DELLE AZIENDE SANITARIE DELL AREA VASTA SUD EST Manuale Operatore Modulo Cartografico

Dettagli

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0

SISTEMA DI ALLARME. Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 SISTEMA DI ALLARME Sistema automatico di monitoraggio per il rilevamento delle perdite N 1.0 i s o p l u s IPS-DIGITAL-CU IPS-DIGITAL-NiCr IPS-DIGITAL-Software IPS-DIGITAL-Mobil IPS-DIGITAL isoplus Support

Dettagli

IL GIS Ing. Cristina Vittucci

IL GIS Ing. Cristina Vittucci Università degli studi di Roma Tor Vergata Corso di Telerilevamento e Cartografia Anno accademico 2012/2013 IL GIS Ing. Cristina Vittucci 13 06-2013 GEOGRAPHICAL INFORMATION SYSTEM (GIS) SISTEMA Insieme

Dettagli

SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA REALIZZATA PRESSO LA SEZIONE DI CATANIA DELL INGV

SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA REALIZZATA PRESSO LA SEZIONE DI CATANIA DELL INGV SISTEMA DI VIDEOCONFERENZA REALIZZATA PRESSO LA SEZIONE DI CATANIA DELL INGV Emilio Biale, Massimiliano Cascone, Salvatore Mangiagli, Emilio Pecora INGV Sezione di Catania Piazza Roma, 2, 95123 Catania,

Dettagli

ArcGIS - ArcView ArcCatalog

ArcGIS - ArcView ArcCatalog ArcGIS - ArcView ArcCatalog Marco Negretti Politecnico di Milano Polo Regionale di Como e-mail: marco.negretti@polimi.it http://geomatica.como.polimi.it 12/11/08 - v 3.0 ArcCatalog ArcCatalog: strumento

Dettagli

Utilizzo dei servizi WFS della Regione Autonoma della Sardegna

Utilizzo dei servizi WFS della Regione Autonoma della Sardegna Utilizzo dei servizi WFS della Regione Autonoma della Sardegna Sistema Informativo Territoriale Regionale (SITR-IDT) Titolo Creatore Utilizzo del servizio WFS della Regione Sardegna SITR Data 02/09/09

Dettagli

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file

ECDL Modulo 2. Contenuto del modulo. Uso del computer e gestione dei file ECDL Modulo 2 Uso del computer e gestione dei file Contenuto del modulo Per iniziare Il desktop Organizzare i file Semplice editing Gestione della stampa Esercitazioni 1 Per iniziare (1) Per iniziare a

Dettagli

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton

FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton FUNZIONALITÀ DI REPORTISTICA DEL PROGRAMMA Gestione Negozi Benetton SOMMARIO CENNI GENERALI... 3 STAMPA ORDINI... 18 STAMPA PACKING LIST... 21 STAMPA SCONTRINI... 24 STAMPA ARTICOLI VENDUTI... 30 STAMPA

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file

Uso del computer e gestione dei file Uso del computer e gestione dei file Sommario Uso del computer e gestione dei file... 3 Sistema Operativo Windows... 3 Avvio di Windows... 3 Desktop... 3 Il mouse... 4 Spostare le icone... 4 Barra delle

Dettagli

MAESTRO-PV Specifiche tecniche per sistema telecontrollo, gestione e invio allarmi per impianti fotovoltaici

MAESTRO-PV Specifiche tecniche per sistema telecontrollo, gestione e invio allarmi per impianti fotovoltaici SPECIFICHE TECNICHE MAESTRO-PV Specifiche tecniche per sistema telecontrollo, gestione e invio allarmi per impianti fotovoltaici RSPV05I1 rev.01 0909 (Descrizione) Il sistema di telegestione telecontrollo

Dettagli

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView

Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Università Iuav di Venezia - CIRCE / dp Corso di addestramento all'uso di ESRI ArcView Francesco Contò Unità 7 - Impaginazione di una carta tematica per la stampa (layout di stampa) Informazioni generali:

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

Esplora gli argomenti della guida. Requisiti di sistema. Menu laterale - Area Temi. Temi. Legenda. Requisiti di sistema

Esplora gli argomenti della guida. Requisiti di sistema. Menu laterale - Area Temi. Temi. Legenda. Requisiti di sistema Esplora gli argomenti della guida Requisiti di sistema Menu laterale Menu Strumenti principali Menu altri Strumenti Temi Legenda Aggiungere / rimuovere temi Temi per editing Temi per snap Esporta/Carica

Dettagli

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso

GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services. Manuale d'uso GREASE Gis Rich Internet Application Enterprise and Services Manuale d'uso Indice generale Visualizzatore GREASE...1 Toolbar...3 FUNZIONI DI BASE...3 Annulla selezione...4 Aggiornamento...4 Stampa...4

Dettagli

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps

SMS-GPS MANAGER. Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps SOFTWARE PER LA GESTIONE DEI TELECONTROLLI SMS-GPS MANAGER Software per la gestione remota ed automatizzata dei telecontrolli gsm con e senza gps Rev.1009 Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. DESCRIZIONE

Dettagli

Quarta lezione: Aggiungere le proprie informazioni

Quarta lezione: Aggiungere le proprie informazioni Quarta lezione: Aggiungere le proprie informazioni Punti, linee, poligoni; cos'è un GPS, come si usa, come si caricano i dati Aggiungere le proprie informazioni: punti, linee, poligoni Fino ad ora abbiamo

Dettagli

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita

IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita IL SISTEMA DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO IN C.T.P. Maggio 2002 Direzione Pianificazione e Ricerca Area Controllo di Gestione, Nuove Tecnologie e Qualita 1 IL SISTEMA CTP DI VIDEO SORVEGLIANZA A BORDO Premessa

Dettagli

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015]

Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Manuale d uso Manutenzione impianti termici Ver. 1.0.6 [05/01/2015] Realizzato e distribuito da LeggeraSoft Sommario Panoramica... 2 Menù principale... 2 Link Licenza... 3 Link Dati del tecnico... 3 Link

Dettagli

Geographic Information Systems 2000 s.n.c. I Sistemi Informativi Territoriali

Geographic Information Systems 2000 s.n.c. I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi territoriali Cosa sono i SIT? I SIT, ovvero Sistemi Informativi Territoriali, acronimo italiano di GIS (Geographic Information Systems), sono degli

Dettagli

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3

SOMMARIO IL SISTEMA OPERATIVO WINDOWS... 1 LE FINESTRE... 3 Corso per iill conseguiimento delllla ECDL ((Paatteenttee Eurropeeaa dii Guiidaa deell Computteerr)) Modullo 2 Geessttiionee ffiillee ee ccaarrtteellllee Diisspenssa diidattttiica A curra dell ssiig..

Dettagli

TiAxoluteNighterAndWhiceStation

TiAxoluteNighterAndWhiceStation 09/09-01 PC Manuale d uso TiAxoluteNighterAndWhiceStation Software di configurazione Video Station 349320-349321 3 INDICE 1. Requisiti Hardware e Software 4 2. Installazione 4 3. Concetti fondamentali

Dettagli

Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati

Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati Triangulated Irregular Network Le superfici e i modelli di elevazione digitale in genere possono essere rappresentati mediante le strutture raster Difetto delle strutture dati raster classiche: sono a

Dettagli

2-CAMPI ELETTROMAGNETICI A BASSA FREQUENZA.

2-CAMPI ELETTROMAGNETICI A BASSA FREQUENZA. 2-CAMPI ELETTROMAGNETICI A BASSA FREQUENZA. 2.1. descrizione dei programmi EFC-400 e MappeELF utilizzati per campi a bassa frequenza e dell algoritmo che ne sta alla base. Quando si parla di campi elettrici

Dettagli

Nuove funzionalità SEE Electrical V5

Nuove funzionalità SEE Electrical V5 Nuove funzionalità SEE Electrical V5 Le informazioni contenute nel presente manuale sono soggette a modifiche senza preavviso. Se non specificato diversamente, ogni riferimento a società, nomi, dati, ed

Dettagli

Città di Desenzano del Garda CARTOGRAFIA ON LINE MANUALE D USO

Città di Desenzano del Garda CARTOGRAFIA ON LINE MANUALE D USO Città di Desenzano del Garda CARTOGRAFIA ON LINE MANUALE D USO Introduzione Dall indirizzo internet http://cartoglobo.imteam.it/desenzano/ si accede liberamente ad un servizio di consultazione on line

Dettagli

List Suite 2.0. Sviluppo Software Il Telefono Sas 10/06/2010

List Suite 2.0. Sviluppo Software Il Telefono Sas 10/06/2010 2010 List Suite 2.0 Sviluppo Software Il Telefono Sas 10/06/2010 List Suite 2.0 List Suite 2.0 è un tool software in grado di archiviare, analizzare e monitorare il traffico telefonico, effettuato e ricevuto

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan

Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Informazioni Tecniche riguardo a PhoToPlan Le seguenti pagine forniranno una visione dettagliata dei possibili utilizzi di PhoToPlan Q1 Cosa significa Fotoraddrizzamento? Q2 Come si effettua un fotoraddrizzamento?

Dettagli