CAPITOLATO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI SISTEMI MULTIMEDIALI.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI SISTEMI MULTIMEDIALI."

Transcript

1 CAPITOLATO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI SISTEMI MULTIMEDIALI. SISTEMI MULTIMEDIALI Articolo 1 - Specifiche tecniche per la fornitura dei sistemi audiovisivi multimediali della sala conferenze nel parco La Mandria Premessa e scopo di questo documento Dettagli sulla tipologia dei sistemi... 2 IMPIANTI ELETTRICI Articolo 2 - OPERE ELETTRICHE OGGETTO DELL APPALTO Error! Hyperlink reference not valid. Articolo 4 - PRESCRIZIONI PARTICOLARI Error! Hyperlink reference not valid Verifiche iniziali sui nuovi impianti Error! Hyperlink reference not valid Garanzia degli Impianti Error! Hyperlink reference not valid. Articolo 6 - DESCRIZIONE DELLE OPERE DA REALIZZARE Error! Hyperlink reference not valid Dati riguardanti l alimentazione elettrica Error! Hyperlink reference not valid Protezione contro i contatti indiretti Error! Hyperlink reference not valid Dati e calcoli relativi all'illuminazione Error! Hyperlink reference not valid. Articolo 8 - CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI E DEI RELATIVI COMPONENTI Error! Hyperlink reference not valid Condutture di alimentazione delle varie utenze Error! Hyperlink reference not valid Illuminazione di sicurezza Error! Hyperlink reference not valid. 8.6 Predisposizioni per impianti multimediali Error! Hyperlink reference not valid.

2 Articolo 1 - Specifiche tecniche per la fornitura dei sistemi audiovisivi multimediali della sala conferenze nel parco La Mandria. 1.1 Premessa e scopo Di seguito vengono illustrate le specifiche tecniche per la fornitura dei sistemi audiovisivi multimediali della Sala degli Scudieri. 1.2 Dettagli sulla tipologia dei sistemi Generalità Tutti i materiali ed i componenti forniti dovranno almeno corrispondere a quanto prescritto dalle seguenti specifiche tecniche; dovranno essere delle migliori qualità e dovranno risultare di perfetta lavorazione. In particolare all'aggiudicatario sarà richiesto, in sede di offerta, di presentare la copia dei certificati dei materiali da installare e, ad ultimazione lavori, di presentare apposita certificazione di corretto montaggio, secondo le indicazioni e prescrizioni del C.F. Tutti i materiali, i componenti e le forniture dovranno risultare rispondenti alle norme emanate dai vari organi, enti ed associazioni che ne abbiano titolo, in vigore al momento dell'aggiudicazione della fornitura o che siano emanate prima dell'ultimazione della fornitura stessa.

3 Impianto di videoproiezione e sorgenti video L impianto di videoproiezione sarà composto da: Videoproiettore LCD avente le seguenti caratteristiche: Luminosità 3500 ANSI lumens Risoluzione XGA Telecomando con sistema di puntamento laser Ingresso video composito Ingresso S-video Ingresso Y/R-Y/B-Y, Ingresso Y/PB/PR Ingresso RGB Supporto segnali DTV nei formati: 480/60i,575/50i,540/60p,480/60p,575/50p,720/60p,720/50p, 1080/60i, and 1080/50i Zoom digitale 4x Uscita audio Stereo Connessione Ethernet per controllo remoto via rete locale Modalità di configurazione e regolazione di tutti i parametri a schermo Il videoproiettore dovrà essere fornito con supporto a soffitto che dovrà poter essere ancorato ad una delle catene di contenimento che attraversano la sala. Schermo Microforato aventi le seguenti caratteristiche: Dimensioni 400x300 cm Motorizzato con telecomando. Ancorabile a parete con telaio fisso, il telaio dovrà consentire l esposizione di una gigantografia a schermo raccolto. Lavagna elettronica digitale avente le seguenti caratteristiche: Telecamera CCD ad alta risoluzione (almeno 1077x788) Area di ripresa A4 210x297mm Uscita video PAL Uscita analogica RGB (XGA-75Hz) Piano retroilluminato per lastre radiografiche o lucidi Telecomando Personal Computer avente le seguenti caratteristiche: Sistema operativo Microsoft Windows XP Professional Processore Intel Pentium 4 800MHz FSB (minimo) Interfaccia di rete Gigabit Ethernet

4 Porta PS/2 per tastiera e mouse Porta seriale 9-Pin Porta Parallela 15-Pin 4 porte USB (minimo) Porta VGA Ingressi ed uscite audio HUB Ethernet avente le seguenti caratteristiche: 16 Porte RJ45 di cui 1 Crossover 10/100 Mbit autosense Proiettore per diapositive avente le seguenti caratteristiche: Autofocus Timer Modalità di funzionamento Economy selezionabile Possibilità di sostituzione del caricatore anche a proiettore spento Formato diapositive 24x36 mm Possibilità di caricamento sia orizzontale che verticale della diapositiva. Matrice Audio/Video 8x8 avente le seguenti caratteristiche: Ingressi BNC Loop configurabile Loop richiamabile via RS232 Uscita preview fissa Audio Stereo Uscita audio di monitoria Altoparlante incorporato

5 Due monitor 9 onda/preview aventi ognuno le seguenti caratteristiche: Schermo 9 a colori Ingresso video composito Ingresso video Y/C Formato del segnale di ingresso accettato NTSC e PAL Rapporto orizzontale/verticale selezionabile 4:3 / 16:9 Montaggio rack 19 standard EIA Impianto di videoregistrazione L impianto di videoregistrazione deve essere in grado di videoregistrare gli eventi in corso all interno della sala su supporto digitale ed eventualmente anche su supporto S-VHS. L impianto di videoregistrazione sarà composto da: Videoregistratore DVD avente le seguenti caratteristiche: Supporti accettati in riproduzione: DVD-Video/DVD-R/DVD-RW/CD/SVCD/VCD/CD- R/CD-RW Supporti accettati in registrazione: DVD-RW/DVD-R, DVD-RW Capacità di registrazione di almeno 360 minuti Formato di registrazione PAL e NTSC Capacità di editing delle informazioni dell evento su disco (come ad esempio impostazione del nome del disco, del titolo dell evento e finalizing della registrazione) Almeno un (1) ingresso SCART Almeno due (2) ingressi RCA (audio/video) Almeno due (2) ingressi S-video Almeno una (1) uscita SCART Almeno una (1) uscita RGB Almeno una (1) uscita RCA (audio/video) Almeno una (1) uscita S-video Una (1) uscita Ottica Digitale Telecomando Sintonizzatore

6 Videoregistratore S-VHS avente le seguenti caratteristiche Formato nastro VHS/S-VHS Audio Stereo Commutazione automatica SP/LP Formato di registrazione S-VHS ET per registrazioni di lunga durata Testine di registrazione/riproduzione 4 Testine di cancellazione 2 Sistema VPS-PDC Due telecamere motorizzate aventi ognuna le seguenti caratteristiche: Segnale video PAL Sensore di acquisizione CCD Pixles effettivi 752 orizzontali x 582 verticali Zoom: ottico 10x, misto (ottico/digitale) 40x Angolo orizzontale lenti da 6.6 a 65 gradi Distanza minima oggetti inquadrati in modalità panorama 100mm Distanza minima oggetti inquadrati in modalità teleobbiettivo 600mm Esposimetro automatico Bilanciamento del bianco automatico Effetti grafici digitali: fermoimmagine, immagine speculare Rapporto Segnale/Rumore oltre i 50dB Brandeggio orizzontale ±100 gradi Velocità massima spostamento orizzontale 300 gradi/secondo Brandeggio verticale ±25 gradi Velocità massima spostamento verticale 125 gradi/secondo Uscita video VBS, Y/C Telecomando Predisposizione alla video conferenza su linea ISDN / ADSL

7 Impianto microfonico L impianto microfonico deve prevedere la presenza di sei postazioni per conferenze di cui una master in grado di prendere il controllo della discussione togliendo la parola alle restanti 5 postazioni slave. Deve inoltre anche essere prevista la presenza di due microfoni radio per interventi dalla platea. L intero impianto microfonico deve essere connesso all impianto di diffusione sonora e deve poter essere utilizzato in concorrenza con le sorgenti audio descritte più avanti in questo stesso documento. Dovrà altresì essere possibile l aggiunta, in futuro, di ulteriori microfoni con funzionalità slave e di ulteriori microfoni a radiofrequenza. L impianto microfonico dovrà pertanto essere composto dai seguenti dispositivi. Base microfonica master Cinque basi microfoniche slave Due Radiomicrofoni Impianto di diffusione sonora L impianto di diffusione sonora dovrà raccogliere i segnali audio delle diverse sorgenti convogliandoli verso un finale di potenza che verrà connesso ad 8 casse acustiche disposte lungo il perimetro della sala. Deve essere possibile la diffusione sonora delle seguenti sorgenti audio: Videoregistratore DVD Videoregistratore S-VHS Impianto microfonico Registratore a cassetta L impianto di diffusione sonora deve altresì essere in grado di registrare su nastro audio ciò che viene diffuso all interno della sala. A questo proposito deve essere previsto un registratore a cassetta. L impianto di diffusione sonora dovrà pertanto essere composto dai seguenti elementi: Mixer audio aventi le seguenti caratteristiche: 6 canali di ingresso mic/line 4 canali di ingresso Stereo 1 canale di uscita per monitor Ingresso ed uscita separati per registrazione Dispositivo immune a disturbi RF Equalizzatore Grafico avente le seguenti caratteristiche: 31 bande stereo 30 filtri con ±15db nominali dispositivo immune a disturbi RF

8 Finale di potenza avente le seguenti caratteristiche: Potenza 200 W Impedenza 4 Ohm Rackmount Sistema di ventilazione forzata embedded 8 casse acustiche aventi ognuna le seguenti caratteristiche: Risposta in frequenza da 90Hz a 16KHz ±3db Potenza 120 Watt continui Impedenza 8 Ohm nominali Materiale del mobile resistente alle intemperie Equalizzazione attiva Registratore a Cassetta avente le seguenti caratteristiche: Doppia piastra di registrazione Sistema Dolby B/C Autoreverse in riproduzione e registrazione Registrazione sincronizzata

9 Interconnessione e alloggiamento dei dispositivi I collegamenti dovranno essere effettuati con cavi audio, video e dati che, pur nella complessità della struttura, dovranno seguire i percorsi individuati per le linee elettriche, in canalizzazioni separate, con la precauzione che queste ultime non dovranno correre adiacenti alle linee dedicate ai segnali. I cavi necessari all interconnessione dei dispositivi dovranno essere della migliore qualità disponibile sul mercato e dovranno essere privilegiate le connessioni con il miglior rendimento, ad esempio: qualora si possibile interconnettere due dispositivi sfruttando due diverse coppie ingresso/uscita, dovrà essere scelta la coppia che garantisce il miglior rendimento dal punto di vista della qualità del segnale. In relazione all alloggiamento dei dispositivi, è necessario prevedere un armadio Rack che contenga i seguenti dispositivi: Equalizzatore Grafico Finale di Potenza Registratore a Cassetta Videoregistratore DVD Videoregistratore S-VHS Entrambi i video monitor Eventuali centraline di controllo del sistema microfonico Lo stesso armadio deve poter essere utilizzato come piano d appoggio per il mixer audio e dovrà altresì essere equipaggiato con un sufficiente numero di prese elettriche e supporti passacavi. La distribuzione elettrica all interno dell armadio deve essere protetta da fusibile facilmente accessibile. Per i dettagli sulla ubicazione dei dispositivi vedere comunque le planimetrie allegate.

10 Articolo 2 - OPERE ELETTRICHE OGGETTO DELL APPALTO. La presente parte del capitolato speciale riporta esclusivamente le specifiche tecniche riguardanti le modifiche degli impianti elettrici della Sala degli Scudieri situata all interno del Parco della Mandria - Venaria (TO), i quali, oltre ad essere dettagliatamente descritti nel seguito, sono riportati nelle tavole grafiche elencate nella sezione specifica del presente capitolato. In merito agli elaborati grafici, si precisa che: le planimetrie riguardanti le opere elettriche hanno lo scopo di indicare la disposizione dei vari componenti elettrici; esse pertanto non riportano tutti i particolari edili, per i quali è necessario riferirsi agli appositi elaborati; le lunghezze delle linee riportate sugli schemi sono orientative perché finalizzate alla valutazione delle cadute di tensione e delle correnti presunte di corto circuito; esse pertanto non sono una base per la compilazione del computo metrico. In sintesi le opere elettriche da realizzare sono: a) Le modifiche al quadro elettrico di distribuzione esistente dal quale è attualmente alimentata la sala in oggetto; b) Fornitura in opera della nuova linea di distribuzione che dal quadro elettrico sopra citato alimenti il quadro di distribuzione all interno dei locali in oggetto; c) Il nuovo quadro elettrico di distribuzione all interno dei locali in oggetto; d) I nuovi impianti elettrici di illuminazione e forza motrice alimentati a valle del nuovo quadro di distribuzione della sala come dettagliatamente descritto in seguito; e) La realizzazione degli impianti elettrici a servizio degli impianti multimediali f) La rimozione degli impianti da dismettere; i materiali obsoleti dovranno essere smaltiti a cura e spese dell'installatore, mentre quelli recuperabili (a giudizio del Committente) saranno depositati nei locali indicati dalla stessa. Tutte le suddette opere dovranno essere realizzate a perfetta regola d'arte, consegnate completamente ultimate in ogni loro parte ed idonee all'uso cui sono destinate, senza eccezione alcuna. Va segnalato, inoltre, che i lavori in oggetto dovranno essere eseguiti rispettando la continuità di esercizio dell attività svolta negli altri fabbricati della committenza; qualora fossero necessarie brevi interruzioni di alcuni servizi elettrici, queste dovranno essere concordate preventivamente con il Committente. Si precisa, inoltre, che sono incluse nelle opere elettriche le assistenze edili necessarie per la formazione di fori e di tracce per il passaggio e l incasso di tubazioni nelle pareti e le piccole opere murarie per il fissaggio di staffe, tubazioni e telai di supporto cavi.

11 Articolo 3 - QUALITA' E PROVENIENZA DEI MATERIALI Tutti i materiali ed i componenti forniti dovranno corrispondere alle prescrizioni di legge ed a quelle del presente capitolato speciale, dovranno essere delle migliori qualità e, nelle rispettive loro specie, dovranno risultare di perfetta lavorazione. L'Appaltatore potrà procurarsi i materiali occorrenti dove riterrà opportuno e conveniente, purché, a giudizio insindacabile del Committente, questi siano riconosciuti di buona qualità e rispondenti ai requisiti designati per natura, idoneità, durabilità ed applicazione. Per semplificare la ricerca dei materiali, ed individuarne velocemente la tipologia, sugli elaborati di progetto sono riportati modelli e marche dei principali componenti da fornire. A tale proposito si rammenta che tutti i componenti elettrici a cui si applica la direttiva bassa tensione dovranno essere provvisti di marcatura CE, obbligatoria dal 1/1/97. Si sottolinea inoltre che sono preferiti dal Committente i materiali provvisti di un marchio di laboratorio terzo (ad esempio IMQ). Il Committente ha la facoltà di rifiutare in qualunque momento i materiali e le forniture che non abbiano i requisiti prescritti, o comunque necessari, che abbiano subito deperimenti dopo l'introduzione nel cantiere o che per qualsiasi causa non risultassero conformi alla condizioni contrattuali. In tale evenienza l'impresa dovrà provvedere alla immediata rimozione dal cantiere dei materiali non accettati ed alla pronta sostituzione, a proprie spese, con altri idonei. Salvo eventuali successive prescrizioni speciali, tutti i materiali dovranno essere procurati dall'appaltatore, il quale non avrà diritto ad accampare pretese o sollevare eccezioni qualora durante l'esecuzione dell'appalto i materiali non fossero più rispondenti ai requisiti prescritti per causa dipendente dai Fornitori. Non appena aggiudicato il lavoro, l'impresa dovrà immediatamente provvedere a predisporre la campionatura dei materiali e dei componenti. A questo scopo per ogni materiale o componente che si intende utilizzare dovrà essere predisposto un campione numerato (o una documentazione tecnica fornita dalla Ditta Costruttrice, purché risulti chiaramente identificato il componente proposto), completo delle indicazioni necessarie per identificare il Costruttore ed il modello. Per ogni materiale o componente proposto ed approvato dalla D.L. dovrà essere compilata un'apposita scheda (da conservare in un apposito registro). In ogni caso il Committente si riserva la facoltà di richiedere la sostituzione di qualsiasi componente con altro ritenuto più idoneo per gli utilizzi richiesti, a proprio insindacabile giudizio, senza che per questo l'appaltatore possa richiedere ulteriori indennizzi economici. In particolare, l'impresa non potrà sollevare richieste di variazioni che risultino motivate da considerazioni economiche, o da termini di consegna, in quanto contro tali oneri l'appaltatore deve essersi premunito all'atto della formulazione dell'offerta.

12 Articolo 4 - PRESCRIZIONI PARTICOLARI 4.1 Progetto Esecutivo. Nel presente disciplinare e negli elaborati grafici allegati sono riportati i dati di progetto ed esercizio degli impianti; l'impresa Esecutrice, utilizzando tali elementi, dovrà sviluppare il progetto esecutivo con riferimento ai vincoli esistenti nell area di lavoro. Il progetto fornito deve intendersi pertanto come guida generale e rappresenta la minima prestazione che deve essere garantita; l'impresa Esecutrice rimarrà completamente responsabile degli impianti realizzati e del loro funzionamento e dovrà eseguire tutti i calcoli per il dimensionamento costruttivo degli impianti e dei quadri in funzione delle caratteristiche dei componenti che intende fornire. Pertanto alcuni dati dimensionali riportati sui disegni sono da considerarsi indicativi perché riferiti ad un costruttore tipo e dovranno essere rivalutati, in sede di progettazione esecutiva, secondo le caratteristiche delle apparecchiature prescelte. Rimangono pertanto a totale carico dell'appaltatore i seguenti oneri: - le eventuali operazioni di rilievo; - la redazione del progetto esecutivo, costituito da schemi e planimetrie in scala non inferiore a quelle di progetto, con l'indicazione precisa di modelli, marche e tipo dei componenti proposti (due copie per ogni tavola); in particolare gli schemi saranno completi di tutta la documentazione necessaria per dimostrare il rispetto delle prestazioni richieste (livelli di selettività, potere di interruzione, etc.); - l esecuzione di lavori nel rispetto dei vincoli ambientali e storici che gli spazi in oggetto presentano (locali inseriti in edificio vincolato ai sensi della vigente normativa). Il progetto esecutivo dovrà essere consegnato prima dell'inizio dei lavori; è riservata al Committente la necessaria approvazione di tale progetto nonchè la scelta dei componenti nell'ambito delle alternative proposte. In sede di stesura del progetto esecutivo, è specificatamente richiesto che l'impresa Esecutrice si assuma anche l'onere del coordinamento con le altre Imprese incaricate della realizzazione delle opere edili e meccaniche.

13 4.2 - Verifiche iniziali sugli impianti modificati. Dopo la posa dei cavi BT, prima del collegamento degli apparecchi utilizzatori, è opportuno eseguire la misura della resistenza di isolamento. Al termine dei lavori dovranno essere effettuate, inoltre, le altre verifiche richieste dalla norma CEI 64-8, parte 6; un valido riferimento in merito è costituito dalla guida CEI In particolare le principali verifiche da eseguire sono: la misura della resistenza di terra del dispersore, le prove di continuità dei conduttori equipotenziali (EQ e EQS) e di protezione (PE), le prove di funzionamento dei dispositivi differenziali eseguite con correnti di guasto pari alle rispettive I dn, le prove di funzionamento.

14 4.3 - Documentazione da predisporre a cura dell'impresa aggiudicataria. L'impresa è tenuta a: eseguire i disegni degli impianti aggiornati al termine dei lavori per tener conto delle eventuali modifiche apportate in corso d'opera e indicare marca modello e tipo dei componenti installati; gli elaborati grafici dovranno essere prodotti su carta (in scala non inferiore a quella di progetto), in duplice copia, e su supporto informatico; consegnare il verbale delle verifiche iniziali eseguite sull impianto elettrico secondo le prescrizioni delle norme CEI 64-8, parte 6, e CEI 64-14; consegnare il programma di manutenzione riguardante le principali apparecchiature fornite, compresi i libretti con le istruzioni d'uso; rilasciare la dichiarazione di conformità degli impianti fonia dati secondo l art. 3, comma 3, del decreto 23/5/92, n.314; rilasciare la dichiarazione di conformità degli impianti realizzati nel pieno rispetto della regola d'arte, completa degli allegati obbligatori, redatta con le modalità specificate dalla Legge 46/90 e dal Regolamento di attuazione (D.P.R. 06/12/91, n. 447), secondo l'apposito modello ministeriale di cui al D.M. 20/02/92; consegnare idonee documentazioni, opportunamente integrate da copie della suddetta dichiarazione di conformità, in modo che il committente possa inviarle all ISPESL ed all ASL (o ARPA), territorialmente competenti, per segnalare (DPR 462/2001): 1. l avvenuta omologazione dell impianto di terra. 2. la messa in esercizio degli impianti in luoghi con pericolo di esplosione (in attesa di omologazione da parte dell ASL (o ARPA) Garanzia Degli Impianti. La garanzia degli impianti è fissata entro 12 mesi dalla data d'accettazione a seguito di verifica di collaudo. Si intende per garanzia degli impianti, entro il termine precisato, l'obbligo che incombe alla Ditta appaltatrice di riparare tempestivamente, a sue spese, comprese quelle di verifica, tutti i guasti e le imperfezioni che si dovessero manifestare negli impianti per effetto della non buona qualità dei materiali o per difetto di montaggio o installazione

15 Articolo 5 - DESTINAZIONE D USO DEI FABBRICATI E NORME DI RIFERIMENTO. Nei locali in oggetto non vi sono locali con destinazioni d uso particolari anche se nello sviluppo del progetto si è fatto riferimento, per similitudine, agli ambienti a maggior rischio in caso di incendio per l elevato affollamento. Per la progettazione e l esecuzione degli impianti elettrici in oggetto valgono, pertanto, le norme seguenti: - CEI (II ed.), per la posa della linea in cavo interrato; - CEI 64-8 (IV ed.) con particolare riferimento a: la sezione 751 dato che gli ambienti si considerano a maggior rischio in caso di incendio per le difficoltà di sfollamento, la sezione 752 essendo i locali assimilabili a quelli di pubblico spettacolo (sede camerale), il capitolo 61 per le verifiche; - la tabella CEI UNEL 35024/1 per la determinazione della portata dei cavi per posa in aria; - la tabella CEI UNEL per la determinazione della portata dei cavi per posa interrata; - la norma UNI 10380, e la variante A1, per i requisiti illuminotecnici dei vari ambienti; - la norma UNI EN 1838 per i requisiti dell illuminazione di sicurezza; - la norma UNI 9795 per i requisiti del sistema di rivelazione incendio. Per la realizzazione degli impianti in oggetto costituiscono un valido riferimento molte altre norme di legge e/o tecniche; le principali di esse sono: DPR 27/4/55, n.547 Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro ; legge 1/3/68, n.186 Disposizioni concernenti la produzione di materiali, apparecchiature, macchinari, installazioni e impianti elettrici ed elettronici ; legge 5/3/90, n.46 Norme per la sicurezza degli impianti ed il successivo regolamento di attuazione DPR 6/12/91, n.447; D. Lgs. 19/9/94, n.626 Attuazione delle direttive... omissis; D.M. 19/8/96 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione omissis di pubblico spettacolo ; guide CEI e CEI per l esecuzione dell impianto di terra; guida CEI per gli impianti nei locali di pubblico spettacolo; guida CEI per l esecuzione delle verifiche. Le norme di riferimento dei principali componenti sono invece richiamate nelle specifiche tecniche esposte nel seguito.

16 Articolo 6 - DESCRIZIONE DELLE OPERE DA REALIZZARE. Modifica ed ampliamento dell impianto elettrico della sala L edificio in esame è già dotato di un impianto di illuminazione e prese il quale sarà da ampliare a causa del rifacimento di alcuni locali. Più precisamente sono previste le seguenti opere. a) Modifica al quadro generale dell edificio. Per consentire l ampliamento dell impianto esistente è prevista la sostituzione del dispositivo di protezione che attualmente alimenta la sala con un altro più idoneo alla nuova funzione. E prevista inoltre, a valle del suddetto interruttore, l attestazione della nuova linea che andrà ad alimentare il nuovo quadro di distribuzione della Sala degli Scudieri. Per maggiori dettagli si rimanda agli elaborati grafici allegati. b) Rifacimento impianti elettrici della Sala degli Scudieri. Il rifacimento avrà origine dal nuovo quadro elettrico della sala (QSC) il quale sarà da costruire nuovamente secondo le indicazioni riportate nello schema della tav.e02. Da tale quadro, in particolare, sono previste le nuove linee che andranno ad alimentare le nuove utenze elettriche in campo. Quest ultimo sarà ubicato nei pressi dell ingresso della sala e verrà utilizzato per l alimentazione di tutte le utenze della sala: illuminazione, prese di corrente, tende motorizzate e tutte le altre utenze elettriche riguardanti gli impianti multimediali. I nuovi circuiti elettrici per le due sale saranno costituiti da cavi multipolari, tipo FG7OR - 0,6/1 kv (non propaganti l incendio ed a bassa emissione di fumi e gas), da sviluppare entro la rete di canali metallici dove presenti al di sotto del pavimento galleggiante. Nei tratti di percorsi esterni alla rete di canali, i circuiti terminali saranno costituiti da cavi unipolari, tipo N07V-K (non propaganti l incendio), da sviluppare entro tubazioni in PVC autoestinguente da predisporre al di sotto del pavimento galleggiante e sotto traccia utilizzando le tubazioni esistenti dove risultino adeguate; dove tali tubazioni non dovessero risultare adeguate l impresa dovrà provvedere all ampliamento delle stesse. Per maggiori dettagli si vedano i particolari riportati nei disegni allegati. Nella sala bisognerà provvedere all installazione di nuovi apparecchi di illuminazione ordinaria e di sicurezza come nel seguito descritti. A tutte le prese di corrente attualmente esistenti dovranno essere sostituiti frutti, supporti e placche utilizzando una serie che dovrà essere definita con la committenza in fase esecutiva. Le prese di corrente da installare nei locali saranno del tipo adatto ad uso civile e quelle da porre nelle sale saranno singolarmente protette contro le sovracorrenti. Per quanto riguarda le tende motorizzate sono da installare, dove indicato negli elaborati grafici allegati, gruppi di pulsanti per consentire il comando a zone delle tende. Impianto di terra.

17 L impianto di terra da distribuire nella sala in oggetto dovrà essere derivato dall attuale impianto di terra del fabbricato in oggetto; sarà a cura dell impresa provvedere la misura della resistenza del sistema in oggetto per dimostrare l effettivo coordinamento con le protezioni utilizazate. Impianti speciali. Sono da prevedere tutte le assistenze, le predisposizioni, ed i collegamenti atte a rendere funzionanti gli impianti multimediali dettagliatamente descritti nell articolo 1 del presente capitolato

18 Articolo 7 - CARATTERISTICHE TECNICHE DELL IMPIANTO E CALCOLI Dati riguardanti l alimentazione elettrica. L'alimentazione elettrica dei locali in oggetto, sarà effettuata da fornitore di servizio esterno direttamente in bassa tensione mediante linea con tensione nominale 230/400 V 50 Hz. Ai fini della messa a terra, ognuno dei suddetti sistemi elettrici sarà di tipo TT, i conduttori di neutro saranno collegati all impianto di terra del distributore (in cabine), mentre le masse appartenenti all impianto elettrico saranno collegate al rispettivo impianto di terra. 7.2 Esame dei carichi elettrici. I carichi elettrici previsti sono: 1 kva circa per l illuminazione, 1 kva circa per gli impianti multimediali; 15 kva per carichi con alimentazione tramite prese a spina e le tende motorizzate (valore stimato). Per totale di 17 kva, corrispondenti a circa 25 A. E da notare che per tutti i carichi sopra citati si è tenuto conto cautelativamente di un fattore di utilizzazione / contemporaneità pari a uno.

19 7.3 - Protezione contro i contatti indiretti. Il metodo principale di protezione contro i contatti indiretti si basa sull interruzione automatica dell alimentazione del circuito in cui si verifica il guasto verso terra (CEI 64-8/4, art ) quando la tensione di contatto presunta supera 50 V in c.a. (negli ambienti ordinari). Dato che il sistema elettrico del fabbricato in oggetto si configura come sistema TT, la protezione contro i contatti indiretti di ogni impianto si attuerà con l adozione di un proprio impianto di terra con i prescritti collegamenti equipotenziali e l installazione di interruttori differenziali con I dn : - 1 A ritardato di 310 ms, per ogni interruttore generale da posizionare sul quadro esistente dal quale si alimentano i locali in oggetto; - 0,03 A istantaneo per l illuminazione, per le prese a spina, tende motorizzate e utenze multimediali. Per assicurare l apertura del circuito guasto anche in caso di correnti pulsanti verso terra, tutti i dispositivi differenziali sono previsti in classe A. Per il dimensionamento del dispersore del fabbricato con propria fornitura di energia, la formula di riferimento risulta: R T! 50 V / 1 A = 50!, essendo il sistema TT. I dispersori in questione sono esistenti e costituiti da: elementi artificiali (corde e profilati interrati); ferri di armatura delle fondazioni (ove esistenti). Nel caso che il dispersore dovesse risultare di resistenza verso terra superiore a 50!, si dovrà procedere alla riduzione della I dn sul rispettivo dispositivo generale, in modo da rispettare la prescrizione normativa.

20 7.4 - Protezione contro i contatti diretti. La protezione contro i contatti diretti prevista per l impianto in oggetto è di tipo totale; essa sarà realizzata mediante: isolamento (asportabile solo mediante distruzione) per le condutture in genere, e segregazione entro involucri per le parti attive non isolate; detti involucri avranno grado di protezione almeno: IP4X, per le superfici orizzontali superiori a portata di mano, e IP2X per le altre superfici. In particolare, le parti attive entro gli involucri avranno grado di protezione IP20 per la maggior parte dei componenti e saranno accessibili solo togliendo parti di involucri con l uso (almeno) di attrezzi. Per i circuiti terminali relativi a prese a spina e illuminazione, una protezione aggiuntiva contro i contatti diretti sarà fornita, inoltre, dai dispositivi differenziali con I dn = 30 ma Dati e calcoli relativi all'illuminazione. La determinazione del numero di apparecchi dovrà essere effettuata imponendo gli illuminamenti medi in esercizio nelle zone in cui è richiesto il compito visivo (norma UNI e successiva variante A1): Nei calcoli si sono assunti i seguenti coefficienti di riflessione negli ambienti al chiuso: 70 % per il soffitto (colore chiaro), 30 % per le pareti (superfici laterali con tinte chiare e parzialmente vetrate), 10 % per il pavimento. Per tener conto dell'impolveramento degli apparecchi e dell'invecchiamento delle lampade si è considerato un fattore di manutenzione M = 0,8 (interventi manutentivi ogni mesi). In conformità alla norma UNI 10380, nei calcoli si sono prescelte lampade fluorescenti con le seguenti caratteristiche: tonalità di colore 4000 K (I), gruppo di resa del colore (R a ): 1B (80 < R a < 90).

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali

ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali ALPHA MED Quadri per applicazioni medicali /2 Introduzione /5 Norme di riferimento e interruttori magnetotermici /6 Trasformatore d isolamento e di sicurezza / Controllore d isolamento e pannelli di controllo

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO

Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra. Sistemi elettrici e messa a terra -- Programma LEONARDO Sistemi elettrici secondo la tensione ed il loro modo di collegamento a terra Classificazione dei sistemi in categorie secondo la loro tensione nominale In relazione alla loro tensione nominale i sistemi

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili

L impianto elettrico nei piccoli cantieri edili Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia AZIENDE PER I SERVIZI SANITARI DIPARTIMENTI DI PREVENZIONE Servizi Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Ufficio Operativo dd. 29/09/2011 L impianto elettrico

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI

SEGNI GRAFICI PER SCHEMI Corrente e Tensioni Corrente continua Trasformatore a due avvolgimenti con schermo trasformatore di isolamento CEI 14-6 Trasformatore di sicurezza CEI 14-6 Polarità positiva e negativa Convertitori di

Dettagli

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE.

AUDIOSCOPE Mod. 2813-E - Guida all'uso. Rel. 1.0 DESCRIZIONE GENERALE. 1 DESCRIZIONE GENERALE. DESCRIZIONE GENERALE. L'analizzatore di spettro Mod. 2813-E consente la visualizzazione, in ampiezza e frequenza, di segnali musicali di frequenza compresa tra 20Hz. e 20KHz. in

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9

Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Protezione degli apparecchi utilizzatori Acti 9 Interruttori per protezione motore P5M 68 Ausiliari per interruttore P5M 70 Sezionatori-fusibili STI 7 Limitatori di sovratensione di Tipo PRF Master 7 Limitatori

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni

P od o u d z u io i n o e n e d e d l e l l a l a c o c r o ren e t n e e a l a t l er e na n t a a alternatori. gruppi elettrogeni Produzione della corrente alternata La generazione di corrente alternata viene ottenuta con macchine elettriche dette alternatori. Per piccole potenze si usano i gruppi elettrogeni. Nelle centrali elettriche

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione

Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Dicembre 2006 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione 1SDC007103G0902 Gli interruttori ABB nei quadri di bassa tensione Indice Introduzione... 2 1 Il riscaldamento nei quadri elettrici 1.1 Generalità...

Dettagli

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE

unità D I M E N S I O N I I M P O R T I DESIGNAZIONE DEI LAVORI di Quantità misura par.ug. lung. larg. H/peso unitario TOTALE pag. 1 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 RIMOZIONE DI ARMATURA STRADALE P001 ESISTENTE Prezzo per rimozione a qualsiasi altezza di armatura stradale esistente, completa di accessori elettrici e lampada, previo

Dettagli

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino

Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici. Gulisano Antonino Sicurezza nella progettazione e nella realizzazione degli impianti elettrici Infortuni Ogni giorno si verificano quasi quattro (4) infortuni mortali sul lavoro. Di questi uno (1) avviene per cause elettriche.

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura

Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Interruttori di sicurezza ad azionatore separato con sblocco a serratura Diagramma di selezione VF KEYF VF KEYF1 VF KEYF2 VF KEYF3 VF KEYF7 VF KEYF AZIONATORI UNITA DI CONTATTO 1 2 21 22 2NO+1NC FD FP

Dettagli

Progettazione di impianti elettrici industriali. Prof. E. Cardelli

Progettazione di impianti elettrici industriali. Prof. E. Cardelli Progettazione di impianti elettrici industriali Prof. E. Cardelli 1 CAVI ELETTRICI Definizioni: con la denominazione di cavo elettrico si intende indicare un conduttore uniformemente isolato oppure un

Dettagli

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT

Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT Nuova Norma CEI 64-8 7 a Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori in BT 1 Nuova Norma CEI 64-8 - 7 a Edizione 2012 La nuova edizione (settima) della norma CEI 64-8 contiene piccoli aggiustamenti ed

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO

RELAZIONE SUL CALCOLO ESEGUITO Pag. 1 Pag. Sommario Descrizione sommaria dell impianto al fine della sua identificazione... 4 Distribuzione topografica impianto elettrico... 4 Dati di progetto... 5 Descrizione e destinazione d uso degli

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio

Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Un approccio flessibile per la gestione audio 2 Soluzioni per la comunicazione al pubblico Plena Il vostro sistema per la comunicazione al pubblico di facile

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31

Serie 12 - Interruttore orario 16 A. Caratteristiche SERIE 12 12.01 12.11 12.31 Serie - nterruttore orario 16 A SERE Caratteristiche.01.11.31 nterruttore orario elettromeccanico - Giornaliero * - Settimanale ** Tipo.01-1 contatto in scambio 16 A larghezza 35.8 mm Tipo.11-1 contatto

Dettagli

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici

La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici La potenza della natura, il controllo della tecnologia Dall esperienza ABB, OVR PV: protezione dalle sovratensioni in impianti fotovoltaici Fatti per il sole, minacciati dalle scariche atmosferiche L importanza

Dettagli

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO

LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI. Disposizioni per l esecuzione di lavori in tensione -- Programma LEONARDO LAVORI DI MANUTENZIONE SU IMPIANTI ELETTRICI Lavori di manutenzione su impianti elettrici Manutenzione Atto, effetto, insieme delle operazioni volte allo scopo di mantenere efficiente ed in buono stato,

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico

CATALOGO 2010 MAS. Nuovi quadri ad uso medico CATALOGO 2010 MAS Nuovi quadri ad uso medico INDICE NUOVI QUADRI PER LOCALI AD USO MEDICO 2 TUTTI I VANTAGGI DELLA GAMMA MAS 4 NUOVI SORVEGLIATORI E PANNELLI RIPETITORI 6 CATALOGO 8 INFORMAZIONI TECNICHE

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64

Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 Le telecamere Installate verranno connesse ad Unità di elaborazione multiplexer per la gestione e la verifica di gruppi omogenei di 4-8-16-32-48-64 telecamere. I sistemi di acquisizione ed archiviazione

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT

Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Sensore di temperatura ambiente TEMPSENSOR-AMBIENT Istruzioni per l'installazione TempsensorAmb-IIT110610 98-0042610 Versione 1.0 IT SMA Solar Technology AG Indice Indice 1 Avvertenze su queste istruzioni.....................

Dettagli

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta

MASTERSOUND 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended. Congratulazioni per la Vostra scelta MASTERSOUND 300 300 B S. E. Amplificatore integrato in classe A Single ended Congratulazioni per la Vostra scelta Il modello 300 B S.E. che Voi avete scelto è un amplificatore integrato stereo in pura

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa

Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Sistemi di citofonia e videocitofonia Posti interni Zenith Posti esterni Musa Indice Sistemi di citofonia e videocitofonia - Tecnologia e qualità... - Installazione più facile e rapida... 4 - I sistemi

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

Elettrificatori per recinti

Elettrificatori per recinti Elettrificatori per recinti 721 Cod. R315527 Elettri catore multifunzione PASTORELLO SUPER PRO 10.000 Articolo professionale, dotato di rotoregolatore a 3 posizioni per 3 diverse elettroscariche. Può funzionare

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE

Scatole da incasso. Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Scatole da incasso Scatole da incasso per pareti in muratura - CARATTERISTICHE TECNICHE Principali caratteristiche tecnopolimero ad alta resistenza e indeformabilità temperatura durante l installazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE

LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Pag. 1 di 20 LAMPADE A VAPORI DI MERCURIO AD ALTA PRESSIONE Funzione Responsabile Supporto Tecnico Descrizione delle revisioni 0: Prima emissione FI 00 SU 0002 0 1: Revisione Generale IN 01 SU 0002 1 2:

Dettagli

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione

ESEMPI APPLICATIVI. esempi di progettazione ed installazione lighting management ESEMPI APPLICATIVI esempi di progettazione ed installazione 2 INDICE LIGHTING MANAGEMENT ESEMPI APPLICATIVI 04 L offerta di BTICINO 05 ORGANIZZAZIONE DELLA GUIDA CONTROLLO LOCALE -

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto!

Legga attentamente questo manuale prima di utilizzare o installare il prodotto! MANUALE GENERALE Gentile cliente, benvenuto nella famiglia NewTec e grazie per la fiducia dimostrata con l acquisto di questi altoparlanti. Optando per un sistema audio di altissimo design ha dimostrato

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche

Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Condizioni economiche e modalità di erogazione del servizio di connessione ed altre prestazioni specifiche Distribuzione Energia Elettrica Sommario 1. Ambito di applicazione... 4 2. Nuove connessioni e

Dettagli

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione

Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart. Livelli Soglie Pressione Misura di livello Microondo guidate Descrizione del prodotto VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Livelli Soglie Pressione 2 VEGAFLEX 61 4 20 ma/hart Indice Indice 1 Descrizione dell'apparecchio...4 1.1 Struttura...

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

GENERALITA Le misure di sicurezza e le cautele da adottarsi per la prevenzione contro il rischio elettrico sono prescritte dal D.P.R. 27 aprile 1955, n. 547 titolo VII. Di seguito si riportano le principali

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici

riguardante: AMBIENTE -Inquinamento da radiazioni -Radiofrequenze e campi magnetici Decreto Ministeriale del 18/05/1999 Norme armonizzate in materia di compatibilita' elettromagnetica. Doc. 499H18MG.900 di Origine Nazionale emanato/a da : Ministro per l'industria, il Commercio e l'artigianato

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV)

IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) IMPIANTO FOTOVOLTAICO DELLA POTENZA DI 540kWp DA REALIZZARSI A RESANA (TV) Individuazione del sito di installazione Il sito individuato per la realizzazione dell Impianto Fotovoltaico si trova nel Comune

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/...

G722/... G723/... G723H/... G724/... G725/... F80/MC F80/MCB F80/MMR F80/SG F80/SGB F7FA0AP-0W0 F9H0AP-0W0 = Led indicazione di guasto per cortocircuito = Led Indicazione di guast o verso terra = Pulsante interfaccia utente = Indicazione sezionamento

Dettagli

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA

U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA U.D.: LABORATORIO ELETTRICITA 1 ATTREZZI MATERIALI 2 Tavoletta compensato Misure: 30cmx20-30 cm spellafili punteruolo cacciavite Nastro isolante Metro da falegname e matita Lampadine da 4,5V o 1,5V pinza

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO

PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO AREA VIABILITÀ Servizio Esercizio Viabilità www.provincia.torino.it INTERVENTI DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA E STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI, ELETTROMECCANICI, TECNOLOGICI E DI ILLUMINAZIONE DI

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO

CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO CAPITOLO X PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA E PROTEZIONE DELLE PERSONE CONTRO IL RISCHIO ELETTRICO 1. Elementi di elettrofisiologia I fenomeni elettrici inerenti il corpo umano e l analisi degli effetti

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO

RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO RISCHI DI NATURA ELETTRICA NEGLI AMBIENTI LAVORO INDICE 1. Premessa 2. Infortuni da elettrocuzione 3. Pericolosità della corrente elettrica 4. Pericolosità della differenza di potenziale 5. Indicazione

Dettagli

TECNOLOGIA LCD e CRT:

TECNOLOGIA LCD e CRT: TECNOLOGIA LCD e CRT: Domande più Frequenti FAQ_Screen Technology_ita.doc Page 1 / 6 MARPOSS, il logo Marposs ed i nomi dei prodotti Marposs indicati o rappresentati in questa pubblicazione sono marchi

Dettagli

VAV-EasySet per VARYCONTROL

VAV-EasySet per VARYCONTROL 5/3.6/I/3 per VARYCONTROL Per la sanificazione di regolatori di portata TROX Italia S.p.A. Telefono 2-98 29 741 Telefax 2-98 29 74 6 Via Piemonte 23 C e-mail trox@trox.it 298 San Giuliano Milanese (MI)

Dettagli

rischio elettrico generale

rischio elettrico generale rischio elettrico generale In Italia si verificano mediamente 5 infortuni elettrici mortali ogni settimana (per folgorazione), un primato europeo fortunatamente in lenta ma continua diminuizione. I luoghi

Dettagli

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte.

Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il centralino contemporaneo Da ABB consigli e soluzioni per trasformare la regola dell arte in un opera d arte. Il montante L autostrada che porta al centralino Il montante È la conduttura che collega

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli