Progettazione Reti IP. Corso Progetto di Impianti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Progettazione Reti IP. Corso Progetto di Impianti"

Transcript

1 Progettazione Reti IP Corso

2 Rete Pubblica IP Driver della progettazione della rete pubblica IP Piano di sviluppo elaborato sulla base dei programmi commerciali definiti dalle forze di Vendita; Stato di avanzamento di tali programmi; Requisiti di servizio formulati dal Marketing: specifiche, copertura, target di clientela, modalita di tariffazione, SLA, tempistica; Monitoraggio effettuato sul traffico smaltito dalla rete in esercizio; Evoluzioni architetturali e/o tecnologiche; Progetti/Gare Cliente di impatto significativo sulle risorse disponibili 2

3 Rete Pubblica IP Il problema del dimensionamento (1/2) Valutare l adeguato impiego di risorse in campo tali da garantire lo smaltimento del traffico offerto in ingresso pesato con un opportuno rapporto di concentrazione statistica da applicare al trasporto sul backbone. Nodo/POP/Rete Rete di accesso BB Traffico in ingresso Traffico sul BB aggregazione concentrazione 3

4 Rete Pubblica IP Il problema del dimensionamento (2/2) 1) - Stima del profilo di traffico offerto; 2) - Overhead di protocollo; 3) - Capacita dei nodi, giunzioni e schede (prestazioni di apparato); 4

5 Rete Pubblica IP 1) - Stima del profilo di traffico offerto Si deduce fondamentalmente sulla base dell ampiezza del bacino di clientela da servire (numero utenti) e dall analisi del profilo di servizio da offrire (ad es. in termini di banda di trasporto garantita e di picco ). Il valore aggregato delle velocita di trasferimento garantite (analisi statica) consente di definire la capacita trasmissiva in accesso. 5

6 2) - Overhead di protocollo (1/2) Rete Pubblica IP Le velocita di trasferimento dati in una interfaccia devono sempre essere valutate tenendo in conto il valore del livello di protocollo su cui ci si pone. Se ad esempio si vuole valutare la capacità di trasferimento da assicurare sulla connessione Router B.B. in corrispondenza della offerta di traffico T b/s calcolata in ingresso, lato porta di accesso ATM, è necessario tenere conto del overhead. A tale riguardo, ad es., in termini di bit il livello ATM può presentare un eccesso di banda di circa 13% o 44% a fronte rispettivamente di un pacchetto IP di 1064 Bytes o di 60 Bytes. IP Packet Convergence layer SAR-PDU ATM Overhead ATM 6

7 2) - Overhead di protocollo (2/2) Rete Pubblica IP Centrale T.I. Centrale T.I. Cliente GW SDH Router Nodo ATM DSLAM SDH ATM TCP/IP 7

8 Rete Pubblica IP 3) - Capacita dei nodi, giunzioni e schede (prestazioni di apparato) I servizi supportati sono caratterizzati anche dal carico elaborativo che le prestazioni offerte (Qualita differenziata, Liste di Accesso, Traffic Shaping, Rate Limiting, etc.) determinano sugli apparati di rete. Questo fattore contribuisce, insieme ai vincoli tecnologici intrinseci, alla definizione di limiti prestazionali da considerare nell impiego degli impianti in campo. La valutazione di tali limiti deriva anche dalla stima del traffico realmente generato in accesso: analisi dinamica. Tale tipo di analisi viene anche utilizzata per il dimensionamento delle risorse Trasmissive ed Elaborative del BackBone. 8

9 Esempio 1: Connessioni Gateway IP/ATM per l accesso ai servizi della rete pubblica IP Nodo IP 155 Mbps. 34 Mbps Rete Pubblica IP Nodo ATM I collegamenti interposti tra nodi ATM e router di accesso sono a 34 Mbps o 155 Mbps e sono governati dal protocollo ATM. Su di essi vengono pertanto configurati i VC dei clienti aggregati dalla rete ATM e terminati sui router IP. Il consumo di banda da considerare a tutti gli effetti è quindi in termini statici, a prescindere da quello che sarà il traffico reale sviluppato su detti VC. VC Su ciascun collegamento di gateway e possibile configurare un numero di VC tale che la somma dei valori di banda statica garantita (MCR) per ciascuno dei VC non ecceda il valore nominale di banda del collegamento. La definizione del n. di VC configurabili deve comunque tenere conto anche di due limitazioni: 1) - il numero max di VC supportabili da ciascuna porta di Gateway; 2) - il numero max di connessioni logiche (VCC) che il router nel suo complesso può gestire (es. alcune centinaia) 9

10 Rete Pubblica IP Esempio 2: Circuiti di uplink tra POP GateWay e BackBone della rete IP (1/2) Backbone Switch Nodo di accesso IP Gateway Fast Ethernet (100 Mbps) Nodo ATM 10

11 Rete Pubblica IP Esempio 2: Circuiti di uplink tra POP GateWay e BackBone della rete IP (2/2) Il traffico di ingresso al B.B. è di tipo IP. Pertanto il traffico equivalente indotto dai VC, di cui all esempio 1, deve essere dapprima epurato del overhead ATM ; quindi il risultato viene tipicamente ridotto in funzione del trend reale del traffico (analisi dinamica). Il valore risultante viene poi dato in carico ai link verso il B.B.. A questo punto il dimensionamento dei detti link viene fatto tenendo conto di quanto segue: La connessione di uplink verso il Backbone (Fast Ethernet a 100 Mbps Gigabit Ethernet a 1000 Mbps) è tipicamente duplicata; i link lavorano a bilanciamento di carico. Normalmete i link sono dimensionati in modo che ciascuno sia in grado di assorbire l intero traffico del link con cui condivide il bilanciamento di carico. I link sono monitorati sistematicamente. Quando il traffico dinamico rilevato raggiunge la soglia del 50% della capacita trasmissiva si avviano gli ampliamenti di rete con l aggiunta di ulteriori circuiti. 11

12 Rete Pubblica IP Il router Cisco 7513 Capacita di switching pari a 2 Gbps full duplex; 2 alimentatori a -48 vdc; Processore RSP8 (RISC 250 Mhz 256 MB RAM) ridondato; 22 slot disponibili per l inserimento delle schede di interfaccia LAN/WAN: PA-A3-E3 (ATM 34 Mbps) singola porta; PA-A3-OC3SMI (ATM 155 Mbps) singola porta; GEIP (Gigabit Ethernet 1 Gbps) singola porta; PA-FE-FX (Fast Ethernet ottica 100 Mbps) singola porta; PA-MC-2E1/120 (PRI ISDN) doppia porta. 12

13 Rete Pubblica IP Lo switch Catalyst 6509 Matrice di commutazione scalabile da 32 a 256 Gbps; duplicabile; 9 slot per alloggiamento schede; Supervisor Engine in grado di trattare 30 Mpps, con 512 MB di RAM, ridondata; Doppio alimentatore da -48 vdc Schede di linea supportate: WS porte Fast Ethernet ottiche; WS porte Fast Ethernet elettriche WS porte Gigabit Ethernet; 13

14 Esercitazione Esercitazione Dimensionamento di router di accesso alla rete IP, raggiungibile tramite rete ATM Router Switch Backbone IP Router Nodo ATM Gateway Accesso Rete IP Rete ATM 14

15 Esercitazione Approccio al progetto di un PoP di accesso alla rete IP (gateway ATM IP) Caratterizzare i Clienti costruendone il profilo di servizio Individuare i requisiti di rete ( Topologia, tecnologia degli apparati ) derivanti dai livelli di servizio desiderati (in termini di affidabilità, ritardo, disponibilità..) Individuare le configurazioni di impianto mediante : - Analisi statica - Interessa soprattutto le risorse di accesso (porte di router) che devono essere dimensionate in relazione al valore di banda garantita (statica) ai Clienti (lato ATM), di valore di banda concentrata sul collegamento con il Backbone IP, di Fan-Out. - Analisi dinamica - Si basa sul traffico effettivamente generato in rete (analizzato mediante strumenti di monitoraggio) ed ha lo scopo di definire i limiti prestazionali degli apparati (router, switch) utilizzati e di dimensionare correttamente i collegamenti con il BackBone IP. 15

16 Esercitazione Panoramica dei Servizi disponibili Navigazione in Internet ( , Browsing ) Videoconference E-Learning VoD (Video on Demand) Video Streaming VoIP (Voice over IP) Video Sorveglianza Data Storage VPN Banda Necessaria Indirizzi IP Parametri di Rete Si compone di: 1 Flusso Video 1 Flusso Audio 1 Flusso Dati Video Dati Audio 16

17 Esercitazione Composizione del Profilo di Servizio Si vuole garantire la possibilità di svolgere simultaneamente 2 sessioni di videoconferenza ed 1 flusso di video Streaming, bisogna allora garantire banda sufficiente per consentire lo scambio di tutti i dati necessari (flussi video, audio e dati). Rimane la possibilità di effettuare traffico di Navigazione ( , browsing.) senza garanzie di banda (Best Effort) Dati Video Audio Videoconferenza Dati Video Audio Videoconferenza Dati Video Dati Audio Video Streaming Navigazione 17

18 Disponibilità (A) Ogni elemento di rete è caratterizzato da un proprio parametro di disponibilità (ovvero il complementare della probabilità di fuori servizio) ; valgono i seguenti principi: La disponibilità di due elementi in serie è pari al prodotto delle le disponibilità dei singoli elementi: A (X e Y): A (X) * A (Y) La disponibilità di due elementi in parallelo è pari a 1 A = Π (1 Ai) Disponibilità (A) = MTTF MTTF+MTTR MTTF=Mean Time To Failure MTTR= Mean Time To Repair 18

19 Esercitazione Topologia e disponibilità del PoP gateway ATM-IP X Nodi di Transito (BackBone) X Indisponibilità! GE GE X Switch L2 X Indisponibilità! FE FE FE X Router di Accesso Indisponibilità! 19

20 Esercitazione Configurazione di impianto - Limiti di hardware e di elaborazione Gli apparati di Rete sono caratterizzati da due limiti di scalabilità: 1. Limite di espandibilità dell apparato in termini di banda statica garantita e conseguenti schede istallabili (limite statico); 2. Limite di capacità elaborativa dipendente dal numero di pacchetti / sec effettivamente trattabili (limite dinamico) Case Study: Gateway Rete ATM / ReteIP Cliente Rete di accesso (ATM) Router di accesso Rete IP Backbone IP Celle ATM / Banda preassegnata Pacchetti IP / Best Effort 20

21 Analisi statica (1/2) Schede disponibili: Processore ATM 155 Mbit/s Fast Ethernet Esercitazione Backbone IP Aggregazione Dimensionamento statico sulla base della banda complessivamente garantita alla Clientela ATM 155 Rete di accesso (ATM) Process. Fast Eth. Concentrazione Dimensionamento sulla base di parametri di concentrazione da applicare alla banda garantita in accesso (derivanti dal monitoraggio) 21

22 L aumentare dei Clienti può comportare la necessità di inserire nuove schede. La crescita di schede ATM, e quindi della banda configurata in accesso, comporterà anche l adeguamento dei link che rilegano l apparato al BackBone ATM 155 Rete di accesso (ATM) Esercitazione Analisi statica (2/2) - Limite di fan - out Process. Backbone IP SATURAZIONE DEGLI SLOT! Fast Eth. L equipaggiamento potrà essere potenziato fino all esaurimento degli Slot disponibili (limite di Fan -Out). Per ulteriori sviluppi bisognerà affiancare nuovi apparati 22

23 Analisi dinamica (1/2) Le schede Processore rappresentano l intelligenza dell apparato e gestiscono tutti i processi, dal Forwarding dei pacchetti alla gestione delle tabelle di routing. Come tutti i processori, hanno un limite massimo di funzionamento (tipicamente individuato nel NUMERO MAX di PACCHETTI GESTIBILI) Esercitazione Backbone IP Fast Eth. Process. ATM 155 Rete di accesso (ATM) 23

24 Esercitazione Analisi dinamica (2/2) - Limite di CPU 100% CPU Backbone IP N Clienti ATM 155 Rete di accesso (ATM) Process. SATURAZIONE della CPU! Fast Eth. Pur avendo ancora slot disponibili la crescita dei Clienti ha portato alla saturazione della CPU dell apparato 24

25 Dimensionamento risorse logiche: indirizzi IP 1 Classe C (/24) = 256 indirizzi IP La tecnica IP 1 Classe B (/16) = 256 Classi C = indirizzi IP 32 bit Network (N) Host (H) 8 bit 8 bit 8 bit 8 bit 25

26 Dati comuni Esercitazione Reti Dati IP ATM

27 Specifiche generiche: Throughput IP max sulle porte Fast Ethernet pari all 90% del valore nominale Dimensione Celle ATM 53 Bytes di cui 5 bytes di Overhead Overhead derivante dalle Funzionalità di SAR (Segmentation & reassembling) IP/ATM pari al 7% Fattore di concentrazione applicabile sui router di accesso (ovvero Traffico proveniente dai Clienti / Traffico verso il BackBone) = 5 Il traffico che il router di accesso genera verso il Backbone viene instradato su coppie di Porte (Fast Eth., Gigabit Eth. ) funzionanti a bilanciamento di carico e l una Back-up dell altra (ovvero in caso di fault di uno dei due link, l altro deve poter supportare tutto il traffico) Il dimensionamento delle porte ATM presenti sui router di accesso viene fatto in base all MCR (banda ATM garantita) dei collegamenti Cliente Il dimensionamento delle porte per rilegare i router di accesso verso il Backbone viene fatto in base all MCR pesato con il fattore di concentrazione Il dimensionamento del router (limite della capacità elaborativa) viene fatto sulla base del traffico dinamico generato in media dalla Clientela. 27

28 Servizi di Base E- Learning: Flusso video: necessita di una banda garantita pari a 160 Kbit/s Flusso audio: necessita di una banda garantita pari a 24 Kbit/s Flusso dati: necessita di una banda garantita pari a 56 Kbit/s La dimensione media dei pacchetti IP generati è di 450 Bytes Videoconference: Flusso video: necessita di una banda garantita pari a 280 Kbit/s Flusso audio: necessita di una banda garantita pari a 24 Kbit/s Flusso dati: necessita di una banda garantita pari a 6 Kbit/s La dimensione media dei pacchetti IP generati è di 500 Bytes Video on Demand (VoD): Flusso del Codec utilizzato: necessita di una banda garantita pari a 2600 Kbit/s La dimensione media dei pacchetti IP generati è di 400 bytes 28

29 Servizi di Base Data Storage: Flusso dati: necessita di una banda garantita pari a 56 Kbit/s La dimensione media dei pacchetti IP generati è di 1500 Bytes Video sorveglianza: Flusso video: necessita di una banda garantita pari a 64 Kbit/s Flusso dati: necessita di una banda garantita pari a 16 Kbit/s La dimensione media dei pacchetti IP generati è di 350 Bytes Video Streaming: Flusso del Codec utilizzato: necessita di una banda garantita pari a 2600 Kbit/s La dimensione media dei pacchetti IP generati è di 400 bytes Voice Over IP (VoIP): Flusso complessivo audio/segnalazione: necessita di una banda garantita pari a 64 Kbit/s La dimensione media dei pacchetti IP generati è di 80 bytes 29

30 Le seguenti due slides sono applicabili ai gruppi dall 1 al 17 30

31 Specifiche degli apparati : Switch Cisco Catalyst 6509 con 7 slot disponibili per l istallazione delle seguenti tipologie di schede: 16 porte Gigabit Ethernet 24 porte Fast Ethernet Il processore dell apparato è in grado di gestire fino a 22 Mpps (mil. Di pacchetti al secondo). Router Cisco 7513 con 22 slot disponibili per l istallazione delle seguenti tipologie di schede: 1 porta ATM 155 Mb/s 1 porta Fast Ethernet Il processore dell apparato è in grado di gestire fino a pps. Router Cisco con 10 slot disponibili per l istallazione delle seguenti tipologie di schede: 8 porte POS 155 Mb/s 1 porta POS 2,5 Gb/s 3 porte Gigabit Ethernet Il processore dell apparato è in grado di gestire fino a 28 Mpps. 31

32 Layout degli apparati (per la soluzione dell esercizio 3 Dimensionamento PoP): Switch ATM Cisco MGX 8850 equipaggiato con 96 porte 155 Mb (distribuite su 6 schede distinte) per l interconnessione ai router di accesso Cisco 7513 e 8 porte 622 Mb (distribuite su 2 schede) per l interconnessione al Backbone ATM; Switch Cisco Catalyst 6509 equipaggiato con 32 porte Gigabit Ethernet (distribuite su due schede) e 48 porte Fast Ethernet (distribuite su due schede ); Router Cisco 7513 equipaggiato con 3 porte ATM 155 Mb utilizzate per l attestazione delle connessioni dei Clienti e due porte Fast Ethernet utilizzate per il rilegamento verso il BackBone; Router Cisco equipaggiato con 2 schede 1 porta POS 2,5 Gb/s e 2 schede 3 porte Gigabit Ethernet Si consideri la configurazione degli apparati invariante se non diversamente specificato 32

33 Le seguenti due slides sono applicabili ai gruppi dall 18 al 34 33

34 Specifiche degli apparati : Switch Cisco Catalyst 6509 con 7 slot disponibili per l istallazione delle seguenti tipologie di schede: 16 porte Gigabit Ethernet 24 porte Fast Ethernet Il processore dell apparato è in grado di gestire fino a 22 Mpps (mil. Di pacchetti al secondo). Router Cisco con 8 slot disponibili per l istallazione delle seguenti tipologie di schede: 4 porte ATM 155 Mb/s 1 porta Gigabit Ethernet Il processore dell apparato è in grado di gestire fino a 2,6 Mpps. Router Cisco con 14 slot disponibili per l istallazione delle seguenti tipologie di schede: 8 porte POS 155 Mb/s 1 porta POS 2,5 Gb/s 3 porte Gigabit Ethernet Il processore dell apparato è in grado di gestire fino a 28 Mpps. 34

35 Layout degli apparati (per la soluzione dell esercizio 3 Dimensionamento PoP): Switch ATM Cisco MGX 8850 equipaggiato con 96 porte 155 Mb (distribuite su 6 schede distinte) per l interconnessione ai router di accesso Cisco 7513 e 8 porte 622 Mb (distribuite su 2 schede) per l interconnessione al Backbone ATM; Switch Cisco Catalyst 6509 equipaggiato con 32 porte Gigabit Ethernet (distribuite su due schede) e 48 porte Fast Ethernet (distribuite su due schede ); Router Cisco equipaggiato con 1 scheda 4 porte ATM 155 Mb utilizzate per l attestazione delle connessioni dei Clienti e due porte Gigabit Ethernet utilizzate per il rilegamento verso il BackBone; Router Cisco equipaggiato con 2 schede 1 porta POS 2,5 Gb/s e 2 schede 3 porte Gigabit Ethernet 35

36 Regole per lo svolgimento degli esercizi Giustificare tutte le risposte mediante brevi commenti, riportando anche i passaggi significativi alla determinazione del risultato; Approssimare tutti i risultati alla seconda cifra decimale; NON inserire slides aggiuntive, utilizzare gli appositi riquadri per rispondere alle singole domande; Utilizzare come font Arial di dimensione minima 8. 36

37 Gruppo 1 - Esercitazione Reti Dati IP ATM

38 Es. 1: Profili di Servizio pippo Classic: I Clienti che sottoscrivo tale profilo di servizio vogliono sostanzialmente realizzare traffico dati (navigazione, , FTP ). BANDA GARANTITA: 128 Kbit/s NUMERO INDIRIZZI IP: 8 DIMENSIONE MEDIA PACCHETTI IP: 1500 Bytes TRAFFICO DINAMICO: pari al 20% della banda garantita a) Determinare la banda minima da garantire, quella massima (di picco) e la dimensione media dei pacchetti per i seguenti profili di Servizio: pippo Conference: Tale profilo di servizio deve garantire la possibilità di realizzare simultaneamente un minimo di 3 sessioni di Videoconferenza ed un massimo (qualora vi siano risorse disponibili in rete) di 5. BANDA GARANTITA(PICCO): NUMERO INDIRIZZI IP: 8 DIMENSIONE MEDIA PACCHETTI IP: TRAFFICO DINAMICO: pari al 20% della banda garantita 38

39 pippo TV: Tale profilo di servizio deve garantire la possibilità di realizzare simultaneamente un minimo di una sessione di Video Streaming ed una di VoD ed un massimo (qualora vi siano risorse disponibili in rete) di 2 sessioni sia di Video Streaming che di VoD. BANDA GARANTITA(PICCO): NUMERO INDIRIZZI IP: 4 DIMENSIONE MEDIA PACCHETTI IP: TRAFFICO DINAMICO: pari al 20% della banda garantita 39

40 Es. 2: Dimensionamento del Router a) Supponendo che sul router Cisco 7513 sia configurato il 58% di Clienti con profilo di servizio pippo Classic, il 34% di Clienti con profilo di servizio pippo Conference e l 8% di Clienti con profilo di servizio pippo TV, determinare la banda IP media da garantire in accesso per ogni connessione (in Mbit/s). 40

41 b) Determinare il n max di collegamenti che il router può raccogliere avendo a disposizione solamente due collegamenti verso il Backbone (si utilizzi la banda media precedentemente determinata) 41

42 c) Determinare il n di schede ATM 155 Mb necessarie a gestire i collegamenti precedentemente determinati 42

43 d) Determinare il numero di Classi C che è necessario assegnare al router per gestire i Clienti determinati ai punti precedenti 43

44 Es. 3: Dimensionamento del PoP Nodi di Transito BB Cisco Switch L2 Catalyst 6509 Router di Accesso Disponibilità (D) dei collegamenti= 0,98 Disponibilità (D) dei Cisco 12012= 0,997 Disponibilità (D) dei Catalyst 6509= 0,995 Disponibilità (D) dei Cisco 7513= 0,99 I valori di disponibilità si riferiscono al singolo apparato/collegamento 44

45 a) Determinare la Disponibilità per la parte di rete che va dal router di accesso a quello di Backbone (si veda slide precedente); calcolare tale parametro per un Cliente che richiede un secondo link di Back-up attestato su un router di accesso distinto (doppio collegamento in parallelo). 45

46 b) Considerando la topologia del PoP illustrata precedentemente ed il layout degli apparati riportato nella slide precedente come invarianti, determinare il numero massimo di Router di accesso Installabili nel PoP ed il conseguente numero di Clienti pippo Conference configurabili 46

47 c) Supponendo di avere a disposizione spazi in centrale per 20 apparati complessivi (compresi gli switch ATM di Gateway), fornire il numero di Clienti pippo TV configurabili 47

48 d) Definire il numero di Classi B necessarie per gestire tutti i Clienti calcolati al punto precedente 48

49 Es. 4: Analisi di Rete PoP1 PoP4 PoP2 PoP3 a) Completare la figura sopra riportata realizzando una topologia di rete a Centro Stella (con centro sul PoP1) e garantendo la ridondanza di percorso per ogni router di accesso ed in ogni segmento di rete. 49

Aspetti critici rete LAN e WAN per i Tier-2. R.Gomezel

Aspetti critici rete LAN e WAN per i Tier-2. R.Gomezel Aspetti critici rete LAN e WAN per i Tier-2 R.Gomezel Modello rete FARM SAN Rack_farm Rack_farm NAS STK Tape Library Caratteristiche collegamenti Usare switch a 48 porte per ogni rack + numero uplink Porte

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Esempi di Router commerciali. Panoramica sull offerta commerciale di apparati Cisco

Esempi di Router commerciali. Panoramica sull offerta commerciale di apparati Cisco Esempi di Router commerciali Panoramica sull offerta commerciale di apparati Cisco Famiglia High-end Famiglie 12000: router di backbone 7600 / 7300: router mid-range (enterprise) 10000 / 10700: router

Dettagli

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente. Servizio di accesso ad internet in FIBRA OTTICA - Informazioni Tecniche Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Dettagli

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet

Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Le tecnologie ed i componenti di Ethernet Hub, Bridge, Switch Ethernet Tecnologia LAN dominante: Economica:

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet (II parte)

Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Evoluzione della rete Ethernet (II parte) Argomenti della lezione Richiami sul funzionamento della rete Ethernet Fast Ethernet Gigabit Ethernet Implicazioni sul cablaggio 10Gb Ethernet 10 Gigabit Ethernet:

Dettagli

Università degli Studi della Basilicata

Università degli Studi della Basilicata Università degli Studi della Basilicata SERVIZIO DI ASSISTENZA MANUTENTIVA DEI SISTEMI COSTITUENTI LA RETE DATI DI ATENEO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Allegato Tecnico 2 1 Descrizione generale della

Dettagli

Giuseppe MARULLO, Antonio CAMPA, Antonio TOMMASI, Marco FERRI Ufficio Gestione Dorsale di Ateneo dorsale@unisalento.it

Giuseppe MARULLO, Antonio CAMPA, Antonio TOMMASI, Marco FERRI Ufficio Gestione Dorsale di Ateneo dorsale@unisalento.it La virtualizzazione delle risorse di rete e dei sistemi di sicurezza: l implementazione di router e firewall virtuali sul bordo di una rete dati di accesso al GARR Giuseppe MARULLO, Antonio CAMPA, Antonio

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s

Bit Rate = 8.000 * 8 = 64 kbit/s Voice over IP e Telephony over IP architetture, protocolli e quality of service B Codifica segnale nelle reti POTS Richiami sulle reti di TLC Convertitore A/D 10110000000000011111101001101101 Segnale analogico

Dettagli

Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb

Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di

Dettagli

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella

Capitolo 1 - parte 2. Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Capitolo 1 - parte 2 Corso Reti ed Applicazioni Mauro Campanella Modello a strati 5 4 applicazione trasporto Il modello che useremo prevede 5 strati che svolgono servizi per gli altri strati attraverso

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale

Tiscali HDSL FULL. Offerta commerciale Tiscali HDSL FULL Offerta commerciale 09123 Cagliari pagina - 1 di 1- INDICE 1 LA RETE DI TISCALI S.P.A... 3 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO TISCALI HDSL... 4 2.1 I VANTAGGI... 4 2.2 CARATTERISTICHE STANDARD

Dettagli

AGENZIA NAZIONALE VALUTAZIONE SISTEMA UNIVERSITARIO Progetto Esecutivo

AGENZIA NAZIONALE VALUTAZIONE SISTEMA UNIVERSITARIO Progetto Esecutivo REDATTO: (Autore) VERIFICATO/ APPROVATO: B-PS/C.CSD B-PS/C.CSD Giovanni D Alicandro Alessandra De Pace (Proprietario) LISTA DI DISTRIBUZIONE: DESCRIZIONE ALLEGATI: Amministrazione richiedente, Consip Nell

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 4

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 4 RETI INTERNET MULTIMEDIALI Esercitazione 4 1 ESERCIZI RIEPILOGATIVI 2 Esercizio 1 Token Bucket + Leaky Bucket Un Token Bucket con capacità del buffer dei token pari a q TB,MAX =500 kb, rate di picco p

Dettagli

App Android Client 1

App Android Client 1 App Android Client 1 Agenda Oggetto della presentazione Perchè GEG presenta questo prodotto? Come viene implementato ed integrato? Come può essere utilizzato il concetto di TetraFlex Broadband? Requisiti

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX

CARATTERISTICHE DELLE CRYPTO BOX Secure Stream PANORAMICA Il sistema Secure Stream è costituito da due appliance (Crypto BOX) in grado di stabilire tra loro un collegamento sicuro. Le Crypto BOX sono dei veri e propri router in grado

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34

Connettività Domenica 19 Dicembre 2010 17:32 - Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Novembre 2014 19:34 La Suite di servizi Origine.net può essere erogata su reti di telecomunicazioni in tecnolgia Wired e/o Wireless. In base alle esigenze del cliente ed alla disponibilità di risorse tecnologiche, Origine.net

Dettagli

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR.

1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. 1 Descrizione del sistema satellitare D-STAR. Il sistema satellitare D-STAR è una rete di terminali VSAT (Very Small Aperture Terminal) con topologia a stella, al centro della quale è presente un HUB satellitare

Dettagli

Ripetitori, bridge, switch, router

Ripetitori, bridge, switch, router Ripetitori, bridge, switch, router Vittorio Maniezzo Università di Bologna Vittorio Maniezzo Università di Bologna 04 Segmentazioni - 1/31 Limiti delle LAN Distanze massime tra stazioni Limitano la portata

Dettagli

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4

DA SA Type Data (IP, ARP, etc.) Padding FCS 6 6 2 0-1500 0-46 4 Esercizio Data la rete in figura, si assuma che i terminali T1-T12 e T13-T24 siano connessi tramite collegamenti di tipo UTP a due switch Fast Ethernet. Si assuma che le tabelle ARP di tutti i dispositivi

Dettagli

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Wireless Mesh a banda larga. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Wireless Mesh a banda larga Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless multihop

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 Classe 5^ PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI SISTEMI Indirizzo: Informatica Progetto Abacus Anno scolastico 2013-2014 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE DI LAVORO I primi elementi sulle reti e i mezzi di

Dettagli

MobiMESH. Presentazione tecnico-commerciale. Ing. Stefano Napoli Product Manager

MobiMESH. Presentazione tecnico-commerciale. Ing. Stefano Napoli Product Manager MobiMESH Presentazione tecnico-commerciale Ing. Stefano Napoli Product Manager Un paradigma di networking Architettura di rete MobiMESH Rete Cablata: integrata nel routing Backbone: infrastruttura wireless

Dettagli

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer.

Conoscere la terminologia di base attraverso la presentazione delle principali componenti hardware di un computer. Classe 3^ Istituto Istruzione Superiore di Baronissi ind. tecnico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI Sistemi e Reti Articolazione: Informatica Anno scolastico 2012-2013 MODULI CONTENUTI OBIETTIVI METODOLOGIE

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità

Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità Descrizione del servizio Requisiti minimi di accessibilità Descrizione del servizio SkyMeeting TM è un servizio di videocomunicazione interattiva web-based che consente di comunicare ed interagire in tempo

Dettagli

Offerta SUPERStreaming

Offerta SUPERStreaming (allegato B) Offerta SUPERStreaming - Introduzione Unitedcom ha la missione di soddisfare le esigenze di business delle aziende, migliorandone le performance grazie a servizi innovativi di gestione delle

Dettagli

VueTel Italia. The new global voice and data carrier

VueTel Italia. The new global voice and data carrier VueTel Italia. The new global voice and data carrier Africa and Mediterranean area are now more connected to the rest of the world SERVIZI DI TELECOMUNICAZIONE WHOLESALE voce dati internet A wholesale

Dettagli

Reti di calcolatori: Introduzione

Reti di calcolatori: Introduzione Reti di calcolatori: Introduzione Vittorio Maniezzo Università di Bologna Reti di computer e Internet Rete: sistema di collegamento di più computer mediante una singola tecnologia di trasmissione Internet:

Dettagli

Evoluzione della rete Ethernet

Evoluzione della rete Ethernet Evoluzione della rete Ethernet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e

Dettagli

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33

Indice. Capitolo 1 Introduzione 1. Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5. Capitolo 3 Ethernet ad alta velocità 33 .ind g/p.vii-xii 26-06-2002 12:18 Pagina VII Indice Capitolo 1 Introduzione 1 Capitolo 2 Le reti Ethernet e IEEE 802.3 5 2.1 Il progetto IEEE 802 6 2.2 Protocolli di livello MAC 7 2.3 Indirizzi 8 2.4 Ethernet

Dettagli

Simulazione seconda prova Sistemi e reti Marzo 2016

Simulazione seconda prova Sistemi e reti Marzo 2016 Ipotesi progettuali Studio medico situato in un appartamento senza reti pre-esistenti con possibilità di cablaggio a muro in canalina. Le dimensioni in gioco possono far prevedere cavi non troppo lunghi

Dettagli

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato

Reti Locali. Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti Locali Lezione tenuta presso l Istituto I.I.S.S. Egidio Lanoce Maglie, 26 Ottobre 2011 Prof Antonio Cazzato Reti di Calcolatori una rete di calcolatori è costituita da due o più calcolatori autonomi

Dettagli

La classificazione delle reti

La classificazione delle reti La classificazione delle reti Introduzione Con il termine rete si intende un sistema che permette la condivisione di informazioni e risorse (sia hardware che software) tra diversi calcolatori. Il sistema

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 5 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 5 Giovedì 19-03-2015 1 Intensità del traffico e perdita dei pacchetti La componente

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

HUB, Switch, Bridge e Router. Domini di Collisione

HUB, Switch, Bridge e Router. Domini di Collisione L'hardware delle reti LAN HUB, Switch, Bridge e Router Domini di Collisione T. Motta Hardware di rete L hardware di rete fondamentale comprende: Hub Repeater Switch Bridge Router Gateway Firewall Modem

Dettagli

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili

Perché le reti di calcolatori. Terminologia e classificazione delle reti. Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Perché le reti di calcolatori Reti aziendali Reti domestiche Reti Mobili Terminologia e classificazione delle reti Tecnologia di trasmissione Scala della rete 2 Diffusione della tecnologia digitale Distribuzione,

Dettagli

Reti di Trasporto. Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08. Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70

Reti di Trasporto. Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08. Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70 Reti di Trasporto Integrazioni al Blocco 3 AA2007/08 1 Aggiungere le slide seguenti dopo la slide 70 2 Reti dati per le aziende 2) 10.0.2.x 3) 10.0.3.x 4) 10.0.4.x 1) 10.0.1.x 5) 10.0.5.x 8) 10.0.8.x 6)

Dettagli

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto)

C) supponendo che la scuola voglia collegarsi in modo sicuro con una sede remota, valutare le possibili soluzioni (non risolto) PROGETTO DI UNA SEMPLICE RETE Testo In una scuola media si vuole realizzare un laboratorio informatico con 12 stazioni di lavoro. Per tale scopo si decide di creare un unica rete locale che colleghi fra

Dettagli

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1

Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato. Traccia n 1 Simulazione prova scritta di sistemi Abacus per l Esame di Stato Traccia n 1 La condivisione delle informazioni e lo sviluppo delle risorse informatiche tramite cui esse possono venire memorizzate e scambiate

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Aze, e ale Mere@, a4e@- Zna@@ Pag. 2/3 No 115652/04 Sessione ordinaria 2004 Seconda prova scritta 19624.2.1/1 Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca YABC - ESAME DI STATO DI ISTITUTO

Dettagli

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1

Introduzione. Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete. Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio 2-1 Introduzione Stack protocollare Gerarchia di protocolli Servizi e primitive di servizio Livello applicativo Principi delle applicazioni di rete 2-1 Pila di protocolli Internet Software applicazione: di

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Parte II Lezione 1 Giovedì 5-03-2015 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI E INTERNET un

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER SERVIZI A BANDA LARGA DI COLLEGAMENTO VPN TRA LE SEDI ED ACCESSO AD INTERNET

CAPITOLATO TECNICO PER SERVIZI A BANDA LARGA DI COLLEGAMENTO VPN TRA LE SEDI ED ACCESSO AD INTERNET Presidenza del Consiglio dei Ministri UFFICIO NAZIONALE PER IL SERVIZIO CIVILE CAPITOLATO TECNICO PER SERVIZI A BANDA LARGA DI COLLEGAMENTO VPN TRA LE SEDI ED ACCESSO AD INTERNET INDICE PREMESSA...3 ARCHITETTURA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA

PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016. Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA PROGRAMMAZIONE MODULARE 2015-2016 Disciplina: SISTEMI E RETI Classe: QUINTA A INF SERALE Indirizzo: INFORMATICA Docenti: Gualdi (teoria), Travaglioni (laboratorio) Ore settimanali previste: 2 TEORIA +

Dettagli

Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione. Allegato A CAPITOLATO TECNICO. 1 di 23

Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione. Allegato A CAPITOLATO TECNICO. 1 di 23 Centro Nazionale per l informatica nella Pubblica Amministrazione Allegato A CAPITOLATO TECNICO 1 di 23 INDICE PREMESSA... 4 RIFERIMENTI... 4 1. Servizi di Trasporto Always On Flat Accessi Asimmetrici

Dettagli

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI

Architettura di un sistema informatico 1 CONCETTI GENERALI Architettura di un sistema informatico Realizzata dal Dott. Dino Feragalli 1 CONCETTI GENERALI 1.1 Obiettivi Il seguente progetto vuole descrivere l amministrazione dell ITC (Information Tecnology end

Dettagli

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP

Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria. Applicazioni Internet B. Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6. Riassunto: reti IP Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Applicazioni Internet B Paolo Salvaneschi A1_1 V1.6 Riassunto: reti IP Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli studenti, per studio personale

Dettagli

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008

Reti di computer. Agostino Lorenzi - Reti di computer - 2008 Reti di computer Telematica : termine che evidenzia l integrazione tra tecnologie informatiche e tecnologie delle comunicazioni. Rete (network) : insieme di sistemi per l elaborazione delle informazioni

Dettagli

ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI TABELLE REQUISITI MINIMI

ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI TABELLE REQUISITI MINIMI ALLEGATO T2 AL CAPITOLATO D ONERI - TABELLE REQUITI MINIMI TABELLE REQUITI MINIMI REQUITI APPARATI TIPO A REQUITI GENERALI Apparato Modulare con backplane passivo, con CHASS montabile su rack standard

Dettagli

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network

Prof.ssa Sara Michelangeli. Computer network Prof.ssa Sara Michelangeli Computer network Possiamo definire rete di computer (Computer network) un sistema in cui siano presenti due o più elaboratori elettronici ed i mezzi per connetterli e che consenta

Dettagli

Vianova SIP Trunk (Specifica Tecnica rev. 00 del 18-03-2015)

Vianova SIP Trunk (Specifica Tecnica rev. 00 del 18-03-2015) Vianova (Specifica Tecnica rev. 00 del 18-03-2015) Generalità Scopo di questo documento è di fornire i requisiti e una serie di raccomandazioni per il collegamento in tra gli apparati Vianova, forniti

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 4 Giovedì 13-03-2014 1 Ritardi e perdite nelle reti a commutazione

Dettagli

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico

LE RETI E INTERNET. Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 1 Definizione della rete Internet dal punto di vista fisico LE RETI E INTERNET 2 Parla dei commutatori di pacchetto o packet switch. LE RETI E INTERNET 3 Parla dei dispositivi fisici

Dettagli

Dispense corso Laboratorio di Internet

Dispense corso Laboratorio di Internet Universitá di Roma Sapienza Dipartimento di Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Dispense corso Laboratorio di Internet Luca Chiaraviglio E-mail: {luca.chiaraviglio}@diet.uniroma1.it 3 marzo

Dettagli

Service e Switch Recovery

Service e Switch Recovery Service e Switch Recovery Marcello Maggiora Antonio Lantieri Politecnico di Torino Agenda L infrastruttura di rete del Politecnico di Torino Aree di sviluppo: Performance, Mobilità e Reliability Alta affidabilità

Dettagli

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat.

158.110.1.3 158.110.1.2 SWITCH. 100 Mb/s (UTP cat. 5E) 158.110.1.1 158.110.3.3 158.110.3.2. 10 Mb/s SWITCH. (UTP cat. 5E) 100 Mb/s. (UTP cat. Università degli Studi di Udine Insegnamento: Reti di Calcolatori I Docente: Pier Luca Montessoro DOMANDE DI RIEPILOGO SU: - Livello network 1. Si deve suddividere la rete 173.19.0.0 in 510 subnet. Qual

Dettagli

Programmi Applicativi

Programmi Applicativi Programmi Applicativi Giovanni Malnati Politecnico di Torino 1999 Applicativi H.323/T.120 Vari livelli di implementazione dello standard In generale, esiste compatibilità tra i diversi prodotti, ma non

Dettagli

Nuovi modi per comunicare. Risparmiando.

Nuovi modi per comunicare. Risparmiando. Nuovi modi per comunicare. Risparmiando. Relatori: Fiorenzo Ottorini, CEO Attua S.r.l. Alessio Pennasilico, CSO Alba S.a.s. Verona, mercoledì 16 novembre 2005 VoIP Voice over xdsl Gateway GSM Fiorenzo

Dettagli

Il routing nelle reti IP

Il routing nelle reti IP Il routing nelle reti IP A.A. 005/006 Walter Cerroni IP: instradamento dei datagrammi Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati i router formano una struttura interconnessa e cooperante: i datagrammi

Dettagli

Net Ride, un offerta scalabile e completa per collegamenti ad Internet tramite linee dedicate, e varie opzioni di tipologia di connettività

Net Ride, un offerta scalabile e completa per collegamenti ad Internet tramite linee dedicate, e varie opzioni di tipologia di connettività Net Ride, un offerta scalabile e completa per collegamenti ad Internet tramite linee dedicate, e varie opzioni di tipologia di connettività Net Ride collegamenti internet tramite linee dedicate affidabili,

Dettagli

User. Belluno. Group. Soluzioni Linux per il VoIP. Soluzioni Linux per il Voip. Linux. Davide Dalla Rosa e Massimo De Nadal. Belluno, 27 novembre 2004

User. Belluno. Group. Soluzioni Linux per il VoIP. Soluzioni Linux per il Voip. Linux. Davide Dalla Rosa e Massimo De Nadal. Belluno, 27 novembre 2004 Soluzioni per il Voip ak_71@libero.it - maxx@digital-system.it, 27 novembre 2004, 27 novembre 2004 , 27 novembre 2004 Soluzioni per il Voip VoIP: Voice Over IP Tecnologia che permette la comunicazione

Dettagli

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale

La telematica. Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica. Segnale analogico / digitale Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Lettere e Filosofia La telematica Informatica per le discipline umanistiche Note sulla telematica Marco Lazzari A.A. 2005-2006 Telematica: telecomunicazioni

Dettagli

Monitoring di GARR-X. Giovanni Cesaroni - GARR

Monitoring di GARR-X. Giovanni Cesaroni - GARR Monitoring di GARR-X - GARR Contenuti Il controllo della rete oggi e domani OSS Operation Support System Requisiti OSS Requisiti Nodi Management plan Architettura di GINS Nuovi servizi 2 Il controllo della

Dettagli

Programmazione in Rete

Programmazione in Rete Programmazione in Rete a.a. 2005/2006 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/prog-rete/prog-rete0506.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì ore 10-12 Sommario della

Dettagli

Verifica scritta di Sistemi e Reti Classe 5Di 26.11.2015

Verifica scritta di Sistemi e Reti Classe 5Di 26.11.2015 Verifica scritta di Sistemi e Reti Classe 5Di 26.11.2015 Una azienda specializzata nella fornitura di servizi Internet quali hosting, housing, email, file server, in pratica un ISP (Internet Service Provider)

Dettagli

I servizi Metro Ethernet

I servizi Metro Ethernet I servizi Metro Ethernet Attualmente i servizi Metro Ethernet stanno guadagnando una fetta di mercato sempre più considerevole, grazie ai loro attraenti benefits quali la facilità di utilizzo, economicità

Dettagli

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti

Reti di calcolatori. Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Condivisione di risorse e comunicazione con gli altri utenti Reti di calcolatori Anni 70: calcolatori di grandi dimensioni, modello time-sharing, centri di calcolo Anni 80: reti di

Dettagli

ARCHITETTURA DEI ROUTER IP

ARCHITETTURA DEI ROUTER IP ARCHITETTURA DEI ROUTER IP Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia INTRODUZIONE La natura distribuita e scalabile della rete

Dettagli

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2006/07 - Blocco 5. Programma del corso

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2006/07 - Blocco 5. Programma del corso Reti di Trasporto Ing. Stefano Salsano AA2006/07 - Blocco 5 1 Programma del corso Rete di accesso e rete di trasporto Tecniche di multiplazione, PCM, PDH SDH Evoluzione tecnologie per reti per dati ATM

Dettagli

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it

Cenni sulle principali tecnologie di rete. IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Cenni sulle principali tecnologie di rete IZ3MEZ Francesco Canova www.iz3mez.it francesco@iz3mez.it Oltre la LAN Perché uscire? connessione di più edifici geograficamente lontani della stessa società connessione

Dettagli

RUPA - xdsl su IP. Canone mensile. Traffico a Mbyte. UT Accesso. Tariffazione

RUPA - xdsl su IP. Canone mensile. Traffico a Mbyte. UT Accesso. Tariffazione xdsl su IP RUPA - xdsl su IP PROFILI ADSL BASE Servizio Tecnologia Down Up Media BMG Down BMG Up BMG Media Tariffazione UT Traffico a Mbyte CPE Down Up media moduli 10 k (calcolati sulla BMG media RUPA)

Dettagli

Scheda Informativa. Verizon Internet Colocation

Scheda Informativa. Verizon Internet Colocation Scheda Informativa Verizon Internet Colocation Verizon Internet Colocation 1.1 Informazioni generali sul Servizio Verizon Internet Colocation è un servizio progettato per le aziende che utilizzano applicazioni

Dettagli

Soluzioni di replicabilità dei servizi legacy su rete NGN FTTH

Soluzioni di replicabilità dei servizi legacy su rete NGN FTTH GRUPPO TELECOM ITALIA Soluzioni di replicabilità dei servizi legacy su rete NGN FTTH Giovanni Picciano Wireline Access Engineering Total Replacement NGN e migrazione dei servizi legacy Nel caso di Total

Dettagli

Lo scenario: la definizione di Internet

Lo scenario: la definizione di Internet 1 Lo scenario: la definizione di Internet INTERNET E UN INSIEME DI RETI DI COMPUTER INTERCONNESSE TRA LORO SIA FISICAMENTE (LINEE DI COMUNICAZIONE) SIA LOGICAMENTE (PROTOCOLLI DI COMUNICAZIONE SPECIALIZZATI)

Dettagli

Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4

Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4 Quesiti-verifica2-08-con-soluzioni-v1.doc Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4 1 Si consideri il segmento di rete ATM mostrato in figura in cui i nodi A, B, E e F sono commutatori

Dettagli

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA

b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA b.dataline INTERCONNETTI LE SEDI DELLA TUA AZIENDA DESCRIZIONE DEL SERVIZIO CARATTERISTICHE TECNICHE 2015 PAGINA 2 DI 10 DATA PRIVATE NETWORK INTRODUZIONE GENERALE Brennercom Data Private Network costituisce

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 2

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 2 RETI INTERNET MULTIMEDIALI Esercitazione 2 1 VOIP 2 Esercizio 1 Dimensionamento Si consideri un sistema VoIP che operi con codifica G.729 a r=8 kbit/s. L'intervallo di pacchettizzazione è fissato a T=20ms.

Dettagli

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1

NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 NETWORKING: SEMINARIO DI STUDIO 1 Obiettivi: 1. Fornire una panoramica sulle reti di calcolatori, tecnologie, potenzialità, limiti, servizi, internet. 2. Fornire una panoramica sulle capacità di base per

Dettagli

Networking e Reti IP Multiservizio

Networking e Reti IP Multiservizio Networking e Reti IP Multiservizio Modulo 2: Introduzione alle reti per dati IEEE802.3 (Ethernet) Gabriele Di Stefano: gabriele@ing.univaq.it Argomenti già trattati: Lezioni: Concetti fondamentali Entità

Dettagli

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete

Anno Accademico 2013-2014. Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale. Introduzione ( parte II) Topologie di rete INFORMATICA e COMUNICAZIONE DIGITALE Anno Accademico 2013-2014 Lucidi del corso di Reti di Calcolatori e Comunicazione Digitale Introduzione ( parte II) Prof. Sebastiano Pizzutilo Dipartimento di Informatica

Dettagli

Scopi e classificazioni

Scopi e classificazioni Reti di calcolatori Scopi e classificazioni Samuel Rota Bulò DAIS Università Ca Foscari di Venezia Classificazione reti R1.1 Reti Nozione di rete, molto diffusa in diversi contesti Ogni rete corrisponde

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris MPLS Multi-Protocol Label Switching Introduzione MPLS: Multi Protocol Label

Dettagli

Soluzioni & Tecnologie di Ferrari Gabriele & C

Soluzioni & Tecnologie di Ferrari Gabriele & C I nostri prodotti e servizi consistono nella progettazione, realizzazione e manutenzione di sistemi di comunicazione e supervisione in ambito civile (alberghi, ospedali) e industriale. Nostro obiettivo

Dettagli

Introduzione a Internet

Introduzione a Internet Contenuti Architettura di Internet Principi di interconnessione e trasmissione World Wide Web Posta elettronica Motori di ricerca Tecnologie delle reti di calcolatori Servizi Internet (come funzionano

Dettagli

Intranet: progettazione e capacity planning

Intranet: progettazione e capacity planning Intranet: progettazione e capacity planning 19/0 /05/0 G.Serazzi a.a. 2004/05 Impianti Informatici CSIntra - 1 indice intranet per una redazione giornalistica architettura, principali componenti e funzioni

Dettagli

Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91

Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91 Corso di Reti di Calcolatori Docente Prof. Francesco Corato Anno Accademico 2004/05 Progetto di cablaggio strutturato di Enrico Saviano, 834/91 1 2 Requisiti Il committente del progetto di cablaggio è

Dettagli

8 Interconnessione delle reti

8 Interconnessione delle reti 26/04/2005 10:32:54 AM 2 RETI E PROBLEMATICHE DI RETE 8 Interconnessione delle reti Perché collegare LAN e WAN tra loro? Traffico elevato: il numero di utenti è troppo elevato Si vogliono utilizzare le

Dettagli